Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Vi prego, restate così

interjuve2

Noi – noi interisti dico – lo sappiamo bene che quello della pazza Inter non è solo uno stereotipo calcistico, e nemmeno uno slogan molto comodo per la Gazza (due parole di cinque lettere, manna dal cielo per grafico e titolista). Del resto, come non tirarlo fuori (lo stereotipo) se nel giro di tre giorni passi dalla Madre delle Partite di Merda a un’Inter-Juve giocata come Iddio comanda, anzi, forse di più, giocata andando oltre le indicazioni di Nostro Signore e tenendo in scacco dall’inizio alla fine una squadra che, nei pronostici di qualsiasi persona sana di mente, avrebbe potuto ragionevolmente massacrarci. Giusto perchè tra l’Hapoel Beer Sheva e la Juventus c’è una differenza di 70 anni luce e tra le due partite sono trascorse meno di 70 ore.

Io non so cosa sia successo in queste 70 ore.

Potrei raccontare come sono trascorse le mie, a leggere pagelle e commenti di Inter-Hapoel, a farmi domande sul nostro futuro, a scartabellare le varie ipotesi sul nuovo allenatore – perchè su Frank De Boer si era già scatenato l’inferno (panettone? fine vendemmia? dopodomani sera?) e la sarabanda dei nomi del toto-sostituto. E, ovvio, a sospirare guardando il soffitto, come Pepe Carvalho, pensando a una stagione già così densa di avvenimenti, di emozioni contraddittorie, di stravolgimenti. In una parola (anzi due): già finita.

E invece.

E invece appiccio la tivù alle ore 18 della domenica e vedo una squadra che se la gioca dal primo secondo e che continuerà fino al 95mo minuto, senza tregua, pressando, correndo, mordendo. E siccome l’altra squadra era la Juve tutto questo vale doppio, o forse triplo. Quando l’Inter passa in svantaggio (quinta volta su cinque partite), non c’è delusione, non c’è depressione: no, sale immediato il retrogusto della beffa perchè non è il gol annunciato delle altre partite, macchè. Non è uno svantaggio da rassegnazione: è l’incazzatura dello svantaggio, è la più immeritata delle sfighe e non può finire così.

Non finisce così, infatti.

Non finisce così perchè l’Inter, coralmente, ci ha regalato un partitone clamoroso. E scendendo nel particolare, perchè Mauro Icardi ha fatto il match della vita, tra gol e assist, tra finezze e sportellate, segnando e menando, facendo cioè – tutto in una notte – quello che gli chiedono da sempre (e speriamo che si sia accorto di quanto è bello fare tutto questo per noi); perchè Banega è davvero un signor giocatore, Joao Mario è qualcosa che non avevamo, eccetera eccetera eccetera.

Per tornare pazza, cara Inter, c’è sempre tempo. E comunque è inutile raccomandarsi troppo, lo dice la Storia (almeno fino a quella di giovedì scorso). Ma dallo stadio elettrizzato come non succedeva da mo’ – e che era uno stadio da record assoluto di incasso – si alza unanime e poco sommessa una richiesta: al netto delle future cazzate, come sarebbe bello se da qui – da qui in alto – non si tornasse indietro.

share on facebook share on twitter

137 commenti

  1. primoooo

  2. va bene così, secondo dietro all’ Inter mi sta bene!

  3. Un terzo del tuo dovere, “capitano”.

  4. Articolo brillante… Come sempre

  5. Oggi pomeriggio a San Siro è stato un delirio di una bellezza rara.

    Molto contento per FDB, penso sia stata un po’ la sua vittoria. L’Inter ha giocato e molti scambi erano proprio frutto di un lavoro in settimana, e si vedeva.
    La sensazione è che Frank abbia molto coraggio, nell’insistere con Santon, nell’inserire un ragazzino in una partita del genere.
    Bravo. Clap Clap.

    La notizia più bella della giornata si chiama Joao Mario:
    pur restando convinto che ci serva un giocatore abile nel lancio preciso dalle retrovie, forse il regista basso che cerchiamo può essere lui
    (più portatore di palla che lanciatore), ha movimenti diversi da Banega, può stare in quel ruolo, anche se si vede che non è quello naturale.

    Il problema è che una rondine non fa primavera, perciò godiamoci una partita in cui abbiamo giocato con degli schemi apprezzabili e con qualità e piedi buoni, dominando la partita, ma speriamo che possano giocare così anche con le squadre provinciali, corte e contratte.

    I gobbi, vabbè, sono i soliti arroganti, solo che stavolta l’hanno pagata, vivaddio.
    Lasciare in panchina Higuain come se fossimo un Crotone qualsiasi…

  6. Scoperto il dilemma di Banega.
    Come immaginavo la prima ammonizione era per proteste per la “simulazione” (moviola dixit) di tal Iscariota Pjanic su un non intervento di Melo che riesce a creare danni pure quando si limira a trasformare ossigeno in anidride carbonica.
    Ergo Cutwind è il solito stronzo e la terra continua pacifica a girare intorno al sole.

  7. anni fa Allegri al Cagliari perse le prime 4, forse 5 poi dopo un pareggio col Milan evitò la ghigliottina imminente e si prese salvezza , Milan, Juve.

    FdB ha rischiato di tornare subito nelle basse terre..chissà che il botto di oggi gli porti buono come fu col gobbo sopra, anzi meglio, xche con l’Inter

    AMALA, pazzi maledetti

  8. Aggiungo che Banega stasera pareva Sneijder dei tempi belli.
    Ottima impressione, ma si sapeva che il piede c’era.

    Oh, a proposito, volevo ringraziare quel troll dell’altra sera che aveva detto che si sarebbero fermati al settimo gol.

    Grazie per esservi fermati addirittura 6 gol prima.

  9. 4231, 433 o 451?
    mi è sembrato più un 4 1 2 3,
    con medel frangiflutti, e banega e joao con licenza di attaccare (ma anche difendere, all’olandese): che Frank abbia inventato un nuovo modulo?

  10. Bella Sect , post scritto per i nerazzurri.

    L’unica cosa che vorrei ricordare, pur in un momento di festa come questo è che sono cambiati se non sbaglio 7 giocatori da mercoledì.
    No, è che sembra , a leggere vari articoli interviste , che stasera giocavano gli stessi del “fattaccio” e invece come già ricordato da qualcuno in settimana il bravo Boskov diceva “prima metto quelli che sanno giocare a calcio e poi arrivo a 11.
    L’Inter ha un 11 di tutto rispetto con qualche ruolo scoperto, ma poi Ina panca e tribuna non ha tanta qualità. Vanno fatte scelte.

    Ultima ultima è poi a nanna.
    Tanto per giocare a scassare i maroni:
    Io al posto di Melo avrei messo Kondo.
    Ma vabbeh…

  11. Io, proprio per quel che ha detto bene Settore, sto ancora tentando di riprendermi dallo shock.
    Per questo rimando in commenti a data da destinarsi.
    Dico solo che quello che per me era un oggetto misterioso, ovvero Joao Mario, si conferma essere un signor giocatore con tecnica notevolissima (vale 40 milioni? non lo so e non me ne frega..). Dico anche che Icardi che si danna l’anima, corre, segna, mena e passa la palla (bene) non può essere sempre la soluzione dei problemi ma aiuta, cazzo se aiuta! Di Banega sapevamo tutti ma che spettacolo!
    Tutto questo al netto dell’avversario, ché vedere la Juve uscire con la faccia mogia dallo stadio e Bonucci incazzato scansare le interviste va fuori dall’ambito sportivo ma offre sempre una certa soddisfazione.
    Vado a togliere la bandiera dalla naftalina.

  12. Io ve l’avevo detto che già mercoledì in coppa gli juventini si cacavano sotto.

    E con gli israeliani abbiamo fatto pretattica, mi pare chiaro 🙂

    E andiamo!
    Sono felice per FDB!

  13. Spero solo che non sia la solita partitona contro la gobba per poi ritornare nell’anonimato e nella mediocrità.

    Ma io credo in FDB, nella sua professionalità e idea di calcio.
    Vediamo di non rompergli i coglioni per favore stavolta, eh?!

  14. A gennaio due ottimi esterni di fascia e il campionato vediamo se lo rivincono i gobbi…

  15. Sono d’accordo, stasera il gol l’abbiamo preso per colpa di D’Ambrosio e Santon.
    A questa squadra mancano almeno un esterno e un centrocampista basso coi piedi buoni che inizi l’azione.
    Ma con JM il problema è meno stringente, rispetto al passato, secondo me.

    Poi vanno recuperati assolutamente Kondo e Brozo (ad esempio contro l’Empoli Banega non ci sarà).
    E in attacco con Gabygol abbiamo una alternativa in più.

    La cosa importante, a questo punto, sarà la mentalità e l’approccio alle partite, su cui dovrà lavorare molto l’allenatore.

    Ma oggi abbiamo visto che si può fare!
    Questa, aldilà della vittoria importantissima, è la grande lezione di stasera.

    • Tolti ‘sti due NON DA INTER e sostituiti degnamente già si può respirare e non soffrire da cani (una volta, adesso non più coccolati come sono) durante le partite uno lo suggerisco io,uno svizzerotto che gioca nella squadra più schifosa del mondo e gli toglieremmo anche un ottimo calciatore.Del suo passato infame che ce frega,chiudiamo un occhio anzi due.

  16. Intatto vediamo Ansaldi.
    E se funziona già abbiamo risolto il 50% del problema terzini.
    (anche Murillo, parlando di centrali, non è che mi faccia impazzire).
    Poi a gennaio si vedrà.

    Ma non è solo un problema di interpreti ma di mentalità e approccio alle gare nel complesso.
    È qui che bisogna fare un notevole salto di qualità: trovare cioè le giuste motivazioni non solo contro la juve, cosa facile tutto sommato, ma anche contro il Chievo o l’Empoli.

  17. Insomma,
    mi tocca fare i complimenti all’Inter.
    Gran partita la Vostra, intensa, tutti compatti e, alla faccia della preparazione sbagliata, correvate più di noi.
    Nella Juve peraltro l’unico schema inventato da Allegri (palla a Dybala e poi vediamo) non funziona, soprattutto se Dybala la palla la riceve al limite della ns. area.
    Anche le tanto provate triangolazioni Kedira – Tagliavento – Mandzukic ieri non hanno portato frutti.
    Comunque sia, devo ammettere che la partita non l’ha persa la Juve, ma l’ha vinta l’Inter, quindi a Voi i complimenti, e a noi (speriamo) un buon bagno di umiltà (umiltè, come direbbe Sacchi)

    • Non ci credo, non puoi essere un rubentino.
      E’ vero, che così poche righe non possono indicarti come una mosca bianca (ci vogliono molte più prove, soprattutto in materia calciopoli), però potrebbe essere un buon inizio.
      Io ritengo che siate tutti uguali, voi rubentini, ma hai visto mai…

  18. E una bella espulsione di Banega in omaggio, tanto per ricordarsi dove siamo

  19. il miglior commento in assoluto è di un “goombade”, che ha così sintetizzato:

    Dritto nel culo. ZHANG!

  20. Grande iuve,
    bandiera del made in italy,
    che nell’11 iniziale
    schiera meno italiani rispetto alla legione straniera Interista.

    Chissà se qualche giornalistone se n’è accorto…

  21. praticamente Medel viene trattato come Pogba agli europei,divieto di iniziative personali e obbligo di scarico immediato al primo buono nei paraggi,mi sembra realistico fargli fare solo la fase che gli riesce meglio

    di certo anche per la difesa poter partire da Joao Mario o Banega è un’iniezione di tranquillità non indifferente,si perdono meno palloni,meno lanci lunghi e c’è il tempo di pensare anche per conto dì Murillo che certo non brilla sotto questo aspetto

    di impressioni restano quelle di un abbozzo di organizzazione a centrocampo e soprattutto di una squadra composta di gente disposta ad aiutarsi vicendevolmente,cosa per niente scontata dalle nostre parti

  22. Mi sono dato i pizzicotti ieri per quello che ho visto. Da una squadra che mi facea temere per la b ad una che ha messo sotto la favorita alla vittoria finale ( e penso che non mancherà l’appuntamento). Spero che come scritto da molti sia un gradino da cui partire e non l’ultimo gradino della scala, in una parola continuità.
    Per Borerto: figurati se lo fanno notare, lo notano solamente se lo fa l’Inter gli altri sono giustificati. Per Intercivit. lo svizzero farebbe comodo ma con i ns colori finirebbe il 50% di partite. Le altre doppia ammonizione come avrebbe meritato ieri. Ma indossa una tuta protettiva contro i cartellini dell’arbitro.
    Lancio una piccola provocazione. Il portierone nazionale ieri non mi è sembrato in gran forma sui due gol subiti. Bene così.
    Speriamo di continuare in questo modo. Piaciuto molto FdB che nell’intervista post partita si preoccupa della prossima gara. Atteggiamento giusto che spero sia anche nella testa dei giocatori.

  23. Per quanto riguarda i terzini direi di aspettare Ansaldi, magari il 50% dei problemi sono già risolti e non lo sappiamo…

    Il regista basso? Ieri impostavano a turno Banega, Medel e J.Mario, direi che va più che bene così, nel rispetto del calcio totale “Nederland style”…

    Senza voler polemizzare con nessuno, ancora una volta Icardi è stato mostruoso! Gol, assist e sportellate a go-go con i difensori gobbi, usciti malconci…

    #Gabbiadinirestidov’è

  24. il pressing alto visto ieri, coordinato e con tanti uomini come non si vedeva da un pezzo, lascia ben sperare…. in alcune fasi sembrava che giocassimo in 12 o 13 (cosa che di solito capita a loro e non grazie al pressing alto).
    Il punto è che serve questa concentrazione sempre, non abbiamo fenomeni tali da poterci permettere di snobbare il Chievo o l’Empoli di turno… ieri la motivazione ha fatto la differenza.
    Allegri memore di vittorie a S.Siro in infradito, ha ben pensato di lasciare Higuain in panca trasmettendo troppa sicurezza ai suoi… è la dimostrazione che anche i gobbi se abbassano la tensione diventano vulnerabili.

    Ora però non bisogna passare dal suicidio di massa ad illusioni tricolori… anche lo scorso anno abbiamo tirato fuori dal cilindro un paio di partitoni, ma se subito dopo vai a perdere punti con l’Empoli non serve a nulla…

    E’ la vittoria di FdB e di Icardi, che ripeto, giocasse sempre così nessuno si sognerebbe mai di dirgli un cazzo.

  25. Un cross di esterno così non lo vedevo da un fiorentina INTER di qualche anno fa, quando Maicon la crossò di esterno per la testolina lucida di Cambiasso.
    Quindi Icardi ha i fondamentali?

  26. Ok, ma attenti che ora tocca l’Empoli, puo’ succedere di tutto.
    Comunque mi soVviene solo un commento alla Cetto Laqualunque: INT ‘O CULO!!

  27. Icardi sta rispondendo con i fatti a chi, come me, in estate ne chiedeva la cessione a gran voce.
    Contra factum (4 goal e un assist in 4 partite) non valet argomentum.

    Speriamo non sia un fuoco di paglia.

    Lasciamo a loro la supponenza del turnover, gli striscioni “fozzainda” prontamente ammainati, le SIM svizzere, i bimbi portati in curva a insultare gli avversari al posto di preparare le coreografie, le maglie “il vero triplete” in magazzino, la reputazione retrocessa, le Champions vinte sul sangue dei morti o con il sangue geneticamente modificato.
    NOI NON SIAMO QUELLA ROBA LÀ.

    “Ci sono giorni in cui essere interista è facile, altri in cui è doveroso e giorni in cui esserlo è un onore”.

    In alto i cuori, fratelli di fede, e sempre Juvemelda.

  28. Ah gli esterni bassi, e dove li ritrovi Sourbier e Krol ?
    Ecco, Frank mi rimanda al calcio orange di JC14: il calcio totale, tutti che fanno tutto, a cominciare dal portiere che mai prima osava giocare con i piedi_ Sebbene il nostro Handa debba assolutamente migliorare_
    Di pedine fisse, considerando anche il periodo in cui Cruyff allenava il Barca di Romario, con Guardiola in mezzo al campo, c’erano, sicuro, i due centrali di difesa e il tridente davanti_ Gli altri? Due terzini che spingevano molto e tre centrocampisti _
    Si è sempre definito un
    un 433, ma era piuttosto un 2_5_3..

    come gli omini del calciobalilla!

    Questo è lo schema olandese, quello del calciobalilla!

    • Sullo schema olandese del calciobalilla avrei da discutere, e molto. per qualche anno non c’era nessuno tranne loro, ma avevano un certo Cruyff che, per me, non e’ molto meno di Maradona e certo superiore a Platini.
      Lasciamo stare per favore, oppure rivediamoci le partite di quelli, che hanno allibito tutto il mondo per un decennio….pur non vincendo molto,in proporzione,ma divertendo assai.
      Handa alle volte fa incazzare, vorrei che, almeno, accennasse un tuffetto anche quando la battezza fuori.
      Ribadisco, con 2 terzini all’altezza ed un secondo portiere da serie A, ce la giochiamo.
      Aspettando Ansaldi e concedendo al faccione simpatico -dopo ieri- FDB, un gran coraggio.
      amiamola

  29. Ieri sono andato a letto frastornato e ancora non capivo se fosse successo realmente. Ora che anche Settore me lo conferma posso finalmente tranquillizzarmi e godere per aver abbattuto la Vecchia Baldracca.
    Meno male che almeno oggi nessuno si sogna di scrivere che rischiamo la B o che siamo tra le 3 peggiori del campionato!
    Comunque sia, ieri per la prima volta in campionato l’inter ha GIOCATO. Io non sono riuscito bene a capire con che modulo (a volte avviava l’azione JM, altre Banega, qualche volta addirittura Medel…un paio di volte ho visto Eder e Candreva uno accanto all’altro…) ma questo penso dipenda dall’idea olandese di calcio di FdB.
    Su Icardi nulla da dire: per me era un fenomeno prima, quando non partecipava alla manovra (echissenestrafrega) e segnava a rotella, ora che addirittura si muove, mena e crossa continuo a pensare quello che pensavo prima. E’ un fenomeno, a diavolo Wanda, il contratto, i selfie, i jeans al matrimonio e tutto il resto.
    Come dicevo qualche giorno fa, la squadra ha un senso se a centrocampo ci sono almeno 2 persone che sanno giocare a pallone: ora che abbiamo JM e Banega dovremmo riuscire a vedere un pò di gioco. Se poi avessimo anche 2 terzini (aspettiamo Ansaldi e, vista la pochezza del resto, magari diamo qualche chance a Miangue – purché poi non lo si cominci a insultare dopo due passaggi sbagliati) magari potrebbe uscire qualcosa di buono.
    Una provocazione – ma neanche tanto -: ieri quando ho visto Perisic in panca mi sono un pò rabbuiato, poi però ho pensato che fosse l’UNICO giocatore in panchina che potesse dare una scossa. Allora, mi domando: non è che lasciare una delle due frecce (o chissà, un domani in certe partite Banega) in panca non serva come asso nella manica se ci fosse bisogno di una scossa? calando tutti gli assi in campo, se non riuscissimo a scardinare il fortino di decente ci rimarrebbe solo Eder (pls non parlatemi di jojo)
    Ciò detto, non esaltiamoci troppo: in 3 giorni abbiamo perso malamente contro una squadra di un campionato di minore e vinto contro una squadra che ci è superiore, e non di poco.
    Sulla continuità non ci spererei troppo, in fin dei conti è sempre la Pazza Inter, quindi già per Empoli la vedo dura, però questa è una vittoria che da morale e da cui partire. Con l’auspicio che molti di noi non cadano nel trappolone della stampa (tipo auspici sull’esonero di FdB o, all’opposto, idee scudetto, etc.), abbiamo un pò di ossigeno da lasciare i ragazzi e il mister per organizzarsi e lavorare serenamente.
    Juvemmerda.
    Amala
    Bam Bam

  30. avevo chiesto la prestazione in stile Inter-Juve 3-0 ed è arrivata.
    Pur patendo le solite distrazioni difensive i nostri hanno dato tutto quello che avevano e alla fine giustamente sono stati premiati con i 3 punti.
    Ora bisogna assolutamente dare continuità a questa partita, giocando allo stesso modo con qualunque avversario.
    La mancata convocazione di Brozovic è segno che se non corri e non sudi non c’e’ posto per nessuno in questa Inter.

  31. Dopo una partita del genere, in uno stadio del genere (a proposito, come ti invidio di esserci stato @este) il rischio di un down psicofisico è alto. Vediamo l’approccio con l’Empoli, vediamo se Frankie riesce a tenerli sulla corda. Tra l’altro, complimenti all’olandese che ha già cominciato ad esprimersi parzialmente in italiano davanti alle telecamere, e al suo 4141 di ieri sera con le distanze tra i reparti perfette. JM e Banega (anima della squadra) sono già insostituibili. Ora però si pone il “problema” Kondo: giustamente FDB non si è preoccupato di accomodare in panca il ragazzo, e mi sa che per caratteristiche tecniche proprio lo veda (Medel sostituito da Melo). Considerato che non è nemmeno in lista Uefa, il top player del futuro (copyright Mancio) mi sa che il campo lo vedrà poco…

    • Io scommetto che kondo mercoledì farà il fenomeno.
      Per favore, vendiamo Brozo, che sembra stia scassando…la panca.

  32. Un tempo a scuola al ragazzino che andava male l’insegnante diceva: “Sei bravo, ma non ti impegni!”. Poi intervenivano i genitori e il ragazzino con le buone o le cattive veniva costretto ad impegnarsi e superava brillantemente gli esami. A volte però la colpa dello scarso rendimento era anche, o soprattutto, del l’insegnante, incapace di suscitare l’interesse e la partecipazione del ragazzino. Fuor di metafora, un allenatore che si rispetti non può mettere in campo a distanza di tre giorni una squadra di serie B con i cattivi che non s’impegnano e una di serie A con i bravi che si impegnano e in grado di giocarsi lo scudetto, anche per rispetto di noi tifosi e soprattutto del prestigio della nostra squadra a livello internazionale. Non so di chi sia la responsabilità di certe scelte, se della società , dell’allenatore o dell’iniziativa dei giocatori. Però sarebbe più corretto e rispettoso di noi tifosi, quando si mette in campo la squadra di serie B, e destinata alle brutte figure che sappiamo, ci avvertissero: eviteremmo di andare allo stadio o cambieremmo canale senza incazzarsi e smadonnare.

    • però non è che uno mette la squadra B sapendo di perdere, come minimo spera di sfangarla, tutto ‘sto giro per attaccare l’allenatore oggi lo comprendo anche meno del solito

    • Non credo che l’indicazione a quello più tecnico messo con gli israeliani (Brozo) sia stata: pascola scazzato, mi raccomando. JM e Kondo in Uefa non li può utilizzare; non c’erano quindi molte alternative alla formazione vista. Gli altri (Ranocchia e friends) non è che non ci hanno messo carattere, proprio ne difettano.

  33. @Gus
    vada per il 4141

    e se Frank fosse bravissimo? a pescara l’ha risolta con i cambi all_in /424; ieri l’ha preparata e vinta col 4141

  34. Sì, l’unica nota stonata di ieri sera è kondo. Non tanto il mancato ingresso in campo a rimpiazzare medel, che tanto era già l’80esimo e potevano anche esserci motivazioni tecniche (una su tutte, melo è un mediano che sa impostare, poi tutti conosciamo i limiti e ci sta sul cazzo, va bene, però in un centrocampo che gli fornisce lo scarico facile con i JM e i Banega, Melo si muove sicuramente meglio di kondo, che invece preferisce partire palla al piede).

    No, il vero messaggio negativo arriva dal fatto che il cenone serale -cui hanno partecipato tutti i giocatori, staff tecnico, dirigenti, proprietari, e vecchie glorie (60 persone a tavola)- è stato disertato da Brozovic e da Kondogbia.

    Ecco, qualche nota stonata dobbiamo sempre portarcela dietro.

    In ogni caso, parlando di campo, spero che Ansaldi sia pronto, e credo non costi nulla dare una possibilità al ragazzino. Ieri ha gestito alla grande la zolla, fermando anche dybala come un vecchio marpione della difesa. In mezzo al campo Banega e Joao Mario hanno letteralmente rivoluzionato l’impostazione del reparto. Uno grandissimo a verticalizzare, l’altro eccellente nell’appoggio della manovra, entrambi ti coprono i 40 metri centrali, ed entrambi ti fanno entrambi le fasi.

    Davanti aspetto solo che si sblocchino candreva ed eder, che la potenza di fuoco non manca. Specialmente se a finalizzare hai un top mondiale. E poi si vedrà gabigol, dovesse rivelarsi davvero quello che ci si attende, beh, questa squadra inizia a essere tanta roba.

    Se mi danno un terzino e un difensore a gennaio, e se poi magari a giugno mi aggiustano i panchinari, beh, direi che la ricostruzione, tanto agognata per mezzo decennio e oltre, sarà compiuta.

    Oh, siamo a un pelo di figa dal tornare grandi, vediamo di non buttare tutto nel secchio sul più bello. Tifosi in primis.

    PS, ricambio con piacere il saluto al Gianni

    • Ciao Wolf, l’assenza di Kondogbia alla cena spero abbia una valida giustificazione. Da uno come Brozovic non mi aspetto niente, dal francese mi aspetto si dimostri all’altezza dell’investimento e non che faccia l’attricetta offesa. Sono d’accordo con te, si tenga la barra dritta e con le due prossime sessioni di mercato l’Inter ribalta le gerarchie. Perlomeno in Italia.

    • Salute.
      Lo spero assai che abbia una giustificazione, e che non sia una ripicca. Perchè se si attende il posto assicurato, allora marchiamo malissimo.

      Al di là di questioni legate al rendimento, fin qui molto basso, ci sono aspetti anche strettamente tattici. Banega e JM danno ordine con palleggio e possesso, avendo poi le qualità per andare verticali quando gli avversari cercano di interrompere il tuo possesso palla lasciando spazi scoperti. Uno come kondogbia, che ha invece nelle corde la progressione palla al piede, diventa più difficile da collocare e coordinare con gli altri, che sono evidentemente più necessari di lui.

      Il francese deve lavorare tantissimo su sè stesso, gli occorre una miglior coordinazione, una maggiore capacità di dialogare con i compagni di reparto, e decisamente più presenza nella fase offensiva. Ha fisico e tecnica per saltare anche uno o due uomini, se li usa al posto giusto e nel momento giusto può creare superiorità numerica e favorire gli inserimenti dei centrocampisti, gli smarcamenti degli attaccanti, le sovrapposizioni di esterni, l’appoggio del trequartista, e, dio volesse, anche la conclusione dal limite.

      Ma finchè FDB non vede niente di ciò, almeno in allenamento, è bene che stai fuori a riflettere e lavorare.

  35. La storia dei panchinari per me invece è emblematica (e lo dico da una sponda dove si rimpiange sacramentando il mancato impiego dall’inizio di Higuain).

    I panchinari li devi far giocare eccome, soprattutto all’inizio della stagione. Perchè con tutti gli impegni che ci sono non puoi permetterti di perdere per strada i cinque/sei elementi destinati a giocare meno. Sono loro che, se si fanno trovare pronti, ti evitano di perdere punti quando un paio di titolari sono infortunati o squalificati, oppure quando hai bisogno di cambi in corsa particolarmente efficaci.

    Se De Boer, come sembra, ha trovato la quadra, adesso è fondamentale tenere dentro al progetto proprio gente come Brozovic e Kondogbia (per noi, per esempio, vale la stessa cosa con Mandzukic). Perchè se un panchinaro smette di sentirsi parte della squadra non sarà pronto quando ci sarà bisogno, oppure tirerà indietro negli allenamenti e nel peggior caso romperà gli equilibri nello spogliatoio.
    Mourinho, che per me non è un fenomeno nella tattica (rumore di tuoni e fulmini, maremoto e uragani) invece nel coinvolgimento dei giocatori è veramente un maestro.

    • è vero ma è anche il tempo delle scelte, su kondogbia (ma anche Melo) il tentativo va fatto, bisognerebbe sapere come siano i rapporti con brozovic ma a questo punto non so se ne valga la pena

  36. Tutti bravi , tutti belli (anche i terzini , via, accogliamo anche loro alla festa), ma io sottolinierei la qualità.
    Come gia detto, prima si mettono in campo quelli che sanno giocare poi si arriva a 11.
    E nell’Inter ci sono quelli che sanno giocare.
    Un esempio : Perisic.
    Ok ok, ha fatto il gol , lo hanno visto tutti, ma qualcuno ha notato che ha preso di testa, tutti, dico TUTTI, i rinvii di Handanovic ?

    • lo faceva anche l’anno scorso… i rinvii di Handanovic sono sempre stati su di lui, infatti per me la sorpresa non è stato Perisic, ma il colpo di testa di Icardi che ha sovrastato Mandzukic…

    • ottima osservazione , anche io ieri ero esterrefatto da questo aspetto, Icardi se ne prende uno a partita è tanto , ieri Perisic come hai ben detto li ha presi TUTTI

  37. Guardando i gobbi nelle prime giornate, credo che stiano soffrendo tantissimo l’assenza di Marchisio… a centrocampo si sono senza dubbio indeboliti.
    Pogbà anche se a tratti molto fumoso, faceva dello strapotere fisico e degli inserimenti la sua forza… e cosa non trascurabile, segnava gol pesanti.

    Ora se perdessero anche Khedira (cosa non così improbabile dato che è la prima volta che infila 4 partite consecutive in un anno di rube), scenderebbero ulteriormente di livello…
    Benatia si è infortunato mentre Killerini inizia a mostrare il fianco in modo evidente dal punto di vista fisico. Lo stesso Bonucci a campo aperto si è fatto rimontare 5-6 metri da Icardi sulla corsa…

    Rimangono molto forti, ma non potrà andargli bene in eterno, prima o poi un infortunio o un calo di qualche uomo chiave dovranno pur pagarlo…

    • No, la bjuventus soffre il fatto di avere una difesa debole. In modo particolare nell’1vs1 so fanno fallo o sono saltati.
      Dai tempi di Conte hanno schierato 5 centrocampisti, di cui due sono terzini, per proteggere la difesa.
      Adesso che hanno più qualità a centrocampo, ma comunque non hanno gioco, e in più meno difesa, la coperta diventa corta.
      Il loro problema si somma all’assenza totale di gioco: hanno basato tutto sulla resistenza fisica, da metà del secondo tempo gli altri schiattavano e loro in campo lungo potevano fare scorribande individuali.
      Adesso questo giochino non viene, e chi si scopre sono loro

  38. La scorciatoia Juve per la Champios (prendere giocatori affermati dai top team) può rivelarsi un boomerang.
    Primo perchè trattasi di calciatori in fase calante, spesso con problemi fisici (perchè squadre non sprovvedute come Bayern, Barcellona etc, se ne priverebbero?) secondo perchè una squadra ha bisogno di tempo o di una particolare alchimia per eccellere.
    Evidentemente il nostro triplete continua a fare loro danni instillando questa frenesia.

  39. La forza delle Rube poggia su quel roccioso e amalgamato pacchetto arretrato…

    Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini… che sia arrivato il momento di fare i conti con l’anagrafe?

    Non dimentichiamo che hanno disputato anche un Europeo molto dispendioso…

    In mezzo gli manca Marchisio e il mancato arrivo di Witsel non ha tamponato la cessione di Pogba…

    Restano favoriti, ma la nostra grande vittoria di ieri apre interessanti interrogativi e alimenta speranze per gli inseguitori…

    Forza Interrrrr… avanti Frank!

    • ma per favore: sono gli stessi che venivano ridicolizzati dal costarica ai mondiali 2 anni fa….la loro forza era la diga a centrocampo

  40. nel dopo triplete abbiamo macinato vari allenatori e quello che ha fatto meglio e’ stato l’unico “non allenatore” ma bravo come manager,carismatico,mediatico.

    non ho le competenze tecniche necessarie per giudicare ma non ho mai avuto dubbi su fdb da un punto di vista tecnico ma per tenere testa all’inter non basta essere un buon allenatore

    in sostanza dico che per avere continuità e’ fondamentale una societa organizzata, che protegga l’ambiente ed il mister e che tenga costantemente alta la concentrazione, poi, solo poi sono determinanti i giocatori e gli allenatori, perche’ i mal di pancia, gli scazzi ci sono sempre stati e sempre ci saranno in tutte le squadre del mondo ma le societa’ brave riescono a sistemarle, questa e’ la chiave perche altrimenti devi sperare nel mourinho di anni fa, quello al massimo della sua “tonicità”, che fa tutto da solo

    questa e’ la chiave per tornare grandi

    tornando all’aspetto tecnico ieri al netto di ansaldi abbiamo schierato la migliore difesa possibile che oggettivamente non ha ricambi nella parte centrale, questa ad oggi e’ la più grande preoccupazione

    • @mare in tempesta “dico che per avere continuità e’ fondamentale una societa organizzata”
      Vero. Mi aspetto molto dai cinesi in questo senso. ET credo resti fino a fine stagione (io spero che Zhang metta uno dei suoi); vediamo il nuovo AD che rimpiazzera’ a breve Bolingbroke (spero italiano, credibilmente interista e con capacità di gestire la comunicazione). Zanetti continui a stare dentro lo spogliatoio.

  41. Allegri ragazzi!!
    Pestare la merda porta fortuna.

  42. mareintempesta

    concordo sulla società.
    Anche qui ci vorrà pazienza perché è tutta nuova, e dunque il tempo necessita per forza di cose.
    Poi, all’inizio hai dato la risposta alla fine: se c’è la società puoi anche permetterti ricambi non proprio all’altezza, perché a quel punto anche il meno bravo può contare su un ambiente e su un meccanismo che funzionano.
    E quindi dare il meglio di sé.

  43. Ve lo dico io cosa è cambiato, anche se in pochi sembra se lo ricordino. Giovedì in campo non c’era né Icardi, né J. Mario, né Miranda, né Perisic. Bandega per un tempo soltanto. In compenso c’era Ranocchia.

    Ecco qual è la differenza

  44. l’unica nota positiva, anche se negativa, è che perlomeno non si stanno rompendo le balle a DB perchè ha messo in castigo Brozovic e non ha impiegato il Kondo al posto di Melo, se non altro si sta cercando una ragione logica e non che abbiamo un allenatore che si scazza con i giocatori solo per il gusto di farlo.

  45. Giovedì nello stesso stadio una figura di merda e ieri non solo una vittoria ma una partita giocata con intensità e convinzione nelle proprie possibilità contro la Juve.. IMPOSSIBILE CAPIRCI QUALCOSA… Bohhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

  46. Socrate

    te l’ha spiegato bene Rossana!
    E dire che sei un filosofo 😉

  47. Penso che FDB abbia corso il rischio Melo ( chiunque sano di mente non lo avrebbe messo in quelle circostanze, vedi rigore per la Lazio…e già l’aveva fatta grossa, vista la consueta precisione di Pianic) per ragioni di spogliatoio, perchè penso che abbia più peso costui, che non uno spaurito Kondogbia.
    Di Brozovich non parlo nemmeno, probabilmente partirà a gennaio.
    Ribadisco che misurero’ l’abilità di FDB per come risolverà il caso Kondogbia.

    • Concordo.
      A me il ragazzo non sembra una chiavica: magari non è da n-milamiloni, ma ogni tanto la sua porca figura mi è parso che potrebbe farla.
      Usato al posto giusto, ovvio: il problema di FdB mi sa che sia proprio quello, non solo il suo peso spogliatoistico.
      Vedremo.

  48. Io anche e soprattutto se riuscirà a dare un gioco e un’impronta precisa all’Inter.
    Ma sono fiducioso, basta che non gli rompiamo il cazzo anche noi, che già lo stanno facendo p.i. e giornalai in quantità industriale!

  49. MEA CULPA, MEA CULPA, MAXIMA MEA CULPA.
    Ero tra quelli che questa estate avrei ceduto Icardi a cifre anche sensibilmente inferiori a quelle che sono circolate; l’Icardi di ieri, invece, è stato straordinario, non solo ha segnato come fa in tutti i casi puntualmente, ma ha corso come un dannato, ha lottato su ogni palla e fatto a sportellate con Bonucci & co, davvero mostruoso.
    Faccio pubblica ammenda.
    Due parole le vorrei spendere poi per Banega, che è stato assolutamente superlativo, come gran parte della squadra.
    Insomma una splendida serata.
    Se è un sogno, non svegliatemi …

  50. Ieri tante cose belle. Ma per me Icardi che abbatte chiellini è stata la cosa migliore.

    Sul discorso panchina, è vero che le riserve non sono all’altezza dei titolari ma è anche vero che si spera non si ripeta più quanto visto in sticazzilig.
    Quella è una partita che ha perso per primo il Mister affidandosi ad un turnover esagerato e scriteriato (specialmente in questa fase).

    Ma se FdB riuscisse (anzi, sarò ottimista e dico: quando FdB riuscirà) a dare con continuità un gioco alla squadra, con ciascuno che sa quali siano i suoi compiti, a quel punto anche avere un paio di rincalzi in campo non sarà mortale quanto può esserlo ora.

    Perchè ok, la Rana non avrà le palle e D’Amborsio sarà scarso …ma è anche giusto ricordare che questi è qualche anno che fanno qualcosa che non è giocare a calcio.

  51. Icardi (non da quest’anno) è il miglior centravanti in Italia dopo Higuain, che ha comunque i suoi 6 anni di più. Per segnare non serve nè tecnica nè movimento nè simpatia, altrimenti Pippo Inzaghi avrebbe svernato al Pavia anzichè cantare deceeeeeeeempiooooons ogni anno.
    Venderlo, a qualsiasi cifra, sarebbe stata una follia.
    Banega a 0 è un colpo da maestro.
    D’Ambrosio, Santon, Nagatomo, Erkin, Melo e simili sono state pirlate.
    Kondo io lo aspetto perchè è costato una vagonata di soldi e non è accettabile fare minusvalenza monstre dopo un anno, neanche dopo 2. Ma se/quando prima o poi lo venderanno non mi strapperò i capelli (a meno che ciò non avvenga con contestuale rinnovo di Melo)

  52. Ora la testa va subito ad Empoli, dove sarà fondamentale non staccare la spina e andare belli cazzuti…

    Banega sarà squalificato… inoltre ieri a fine partita, metà squadra giocava con i crampi… soprattutto Medel e Santon, ma pure Eder è uscito stremato…

    FDB sarà costretto a fare turnover, con le seconde linee che non danno le dovute garanzie… (grana Brozovic compresa)…

    Questo è il nostro vero limite attuale

  53. Benissimo così ! Grandi, finalmente l’orgoglio e l’impegno per quella maglia è uscito fuori. (magari farli uscire per quella della Sprite è più difficile!).
    Ieri sera dopo aver mandato l’ sms perculante al carissimo amico gobbo, egli mi rispondeva : ora vedete di fare altrettanto con l’ Empoli. Verissimo ! Spero sia chiaro a tutti i nostri giocatori, che chi rema contro va messo ai margini, senza esclusione. Per quel che mi riguarda la “Pratica Brozovic” è un esempio che apprezzo tantissimo per come è stata gestita.
    Per i nostri terzini, unico limite che sembrerebbe rimanere, quoto Wolf Tail ( che saluto) : vediamo Ansaldi e insistiamo sul giovane acquisto, ieri il taglio su Dybala è stato da manuale. Amala

  54. Anch’io ero uno di quelli che voleva dare via Icardi.
    Lo ammetto, senza problema alcuno.

    Ma il discorso su Icardi non era tanto tecnico quanto caratteriale, diciamo.
    Che sia uno che segna non ci sono dubbi, i dubbi sono sulla sua testa, semmai.
    Voglio dire, io mi pentirò del tutto solo quando farà il fenomeno non solo contro la juve, che in fondo è semplice in quanto a motivazioni, ma anche contro l’Empoli e in tutte le altre partite.
    Milito segnava sempre e mica solo al milan o al Bayern!
    Ecco per diventare veramente grande ora deve fare questo.
    Allora, se ci smentirà del tutto, io sarei anche felice di venire qua col capo cosparso di cenere.
    E ne sarei pure felice!

    • Ma non si tratta di dispensare torti o ragioni: Icardi non è Facchetti e non è Zanetti, non lo sarà mai, non è nel suo DNA.
      Ma è un attaccante che fa il suo mestiere dannatamente bene, quand’è arrivato all’inter aveva 20 anni e oggi continua a segnare in media un goal ogni due partite. A 23 anni. Quindi anche Icardi segna sempre, così come Milito…ora, non li voglio paragonare per carità di Dio, però ecco, diciamo che il centravanti titolare che abbiamo noi forse non ce lo invidiano 5-6 squadre al mondo. A me non piace tutto il circo che crea o comunque che si è creato intorno a lui, però prima di dare via uno così proverei a dare via gli altri 10…
      Anyway, finché dura godiamocelo e abbracciamoci forte che la Juve è stata abbattuta

  55. Ragazzi, altro che sbornia: raramente ho letto tante cose sensate (o che almeno a me sembrano tali).
    Icardi: io non l’avrei venduto, ma i capitani sono un’altra cosa. Forse lui lo diventerà e io lo spero. Poche storie: non abbiamo e non ci sono in giro alternative; vediamolo al lavoro, è l’unica prova che si può fare. Il grosso ostacolo, per me, anche ripensando all’estate passata, è la Wandissima. Se madame si mette un po’ tranquilla le cose possono solo migliorare. Che poi mi dispiace anche tirare in ballo il solito e trito luogo comune di chi porta i calzoni in casa; però parliamo anche di chi porta i (tanti) soldi a casa… Maurito: sveglia!

  56. Scusa internazionalista, ma i gol contro palermo e pescara chi li ha fatti? Io?
    I 20 gol a stagione mica delle ultime due stagioni mica li ha fatti tutti contro la juventus, che non mi risulta di aver vinto 10 a 0 ogni partita contro di loro.

    Icardi segna sempre, con grandi, medie e piccole (per ora manca solo il milan, praticamente). Il vero problema è un altro, è che è il figlio di un’epoca in cui si prendevano solo giovani promesse e queste giovani promesse deludevano. Ti è rimasto quel retaggio lì, e le sue uscite estive non hanno certo aiutato, mi rendo conto.

    Ricambio i gentili saluti di gibson, e aggiungo,

    per corso,

    che dire che “l’unica cosa positiva di ieri sera” riguardi i tuoi astrusi ragionamenti su mancini, beh, forse ci fa intendere il tifo per la squadra in maniera diversa. Dopo Moratti, ora Mancini. Ma tu tifi i singoli personaggi o la squadra? Che ormai siamo al punto di bollare come “invidioso” quello da cui hai preso il nick solo per una sua dichiarazione su un argomento che, per altro, era ben evidente a tutti.
    Shaquiri “Mancini, dopo un mese, non mi ha più rivolto la parola”
    Kovacic “Bei ricordi dell’inter, tranne mancini, non hai mai cercato un rapporto, non mi ha quasi mai parlato”
    Icardi “Quest’estate abbiamo lavorato male”
    E mettiamoci pure il suo fido amico, zazzaroni “uno dei motivi per cui ha mollato è l’arrivo di banega. mi disse, ‘mi han preso banega’, ma non seppe spiegarmi il perchè”
    Mario Corso, dipendente della società inter per altro, che aggiunge “mancini aveva azzerato i rapporti con lo spogliatoio”, non fa altro certificare qualcosa di ampiamente intuibile.
    Sei l’unico al mondo che ancora ha il coraggio di negarlo.

    • l’unica cosa positiva era circoscritta ai Brozovic e ai Kondogbia che sono in rotta di collisione con DB a cui nessuno ha imputato la colpa di non essere riuscito ad integrarli nella squadra che ha in mente, almeno per il momento.

      non era certo riferita alla partita, che di positivo ci ha dato anche troppo, tanto da farci sognare cose che solo giovedi sera sembravano irreali.

      riguardo a Moratti e a Mancini trovo difficile sfanculare su due piedi persone che hanno contribuito a darmi tanta gioia e soddisfazione in passato, per cui cerco di essere equilibrato nei giudizi sommari che li liquidano come incapaci, menefreghisti ed approfittatori del tifo altrui, invece di pensare che a volte le persone possono non riuscire a fare quello che avevano in mente per difficoltà oggettive che prima non hanno avuto.

      per cui io mi limito a giudicare per quello che vedo che questi due hanno fatto, non mi interessano le voci del fratello scemo o di quello in barca a sorseggiare martini dry alla nostra faccia, come non mi frega un tubo se a dire certe cose CONTRO le dice un mio idolo di gioventù, perchè se fosse vero e se davvero ancora lavora per l’Inter, le doveva dire al momento opportuno e non dopo che Mancini è stato licenziato, perchè dirlo adesso non serve più a niente mentre prima avrebbero potuto metterci rimedio i dirigenti dell’Inter che sono pagati anche per quello, vale a dire mediare gli scazzi che qualsiasi allenatore al mondo ha con i suoi giocatori, in quanto le partite si giocano in undici e nella rosa se ne hanno quasi una trentina, ed hai voglia che tutti vadano d’amore e d’accordo come nel mulino bianco.

      ma se si vuole approfondire diciamo Osvaldo e Lijalic, basta solo la parola…

  57. se vogliamo il mix giovani/esperienza attuato dalla juventus è l’unico possibile adesso, per nostra fortuna se qua in italia prendono il trequartista della terza e il capocannoniere della seconda e nessuno dice bah, in Europa gli toccano gli scarti, per quanto di lusso, così ti becchi Khedira e Dani Alves, brav i per carità ma con acciacchi e magari anche poca voglia, questo vuol dire che comunque a mio avviso non generano quel giro di soldi che li farebbe entrare nel circuito grosso davvero

  58. Wolf

    no no, hai ragione, solo che, ripeto, è il personaggio che non tollero forse per una questione generazionale e/o culturale.
    E sì, l’estate passata non ha aiutato.
    Tutto qua.
    Poi che segna, come dicevo anch’io, non c’è dubbio (non è un’opinione, ci sono i numeri a certificarlo), ma per un centravanti moderno, e per di più capitano dell’Inter (!), serve un salto di qualità, non solo tecnico ma, ribadisco, anche di personalità.
    Ieri c’è stato, e mi auguro solo che continui così, al di là dei gol, voglio dire.
    Non so se sono riuscito a spiegarmi meglio.

    Su Mancini che è una checca isterica e umorale non ci sono dubbi.
    Era così anche alla sua prima Inter.
    E lo dico io che ero un suo estimatore.
    Non acritico, ovviamente.
    In più ci sono, oramai, troppe testimonianze che confermano la sua isteria e quel suo modo di sentirsi sempre accerchiato e superiore agli altri che gli fa perdere il senso della realtà.
    Difatti la sua Inter era diventata quella cosa informe che abbiamo visto l’anno scorso.
    E in parte anche in avvio di quest’anno, ahimè.

  59. Ammettere di avere un preconcetto, ancorchè giustificabile, ti rende onore, Internaz.

    Su Mancini credo si sia detto tutto, c’è solo il nostro corsone che non vuole farsene una ragione ma va bene così.

    Su Frank, dipinto dalla stampa nostrana come l’ultimo degli stronzi, vorrei solo dire una cosa. Lui viene fuori dalla più grande università del calcio moderno, e non parlo dell’Ajax.

    Parlo del Barcellona che fu di Robson, Cruyff, e Van Gaal. Da lì sono venuti fuori, per citarne alcuni:
    -mourinho
    -guardiola
    -luis enrique
    -pochettino
    -de boer

    Dopodichè è andato a fare il corso di specializzazione all’Arena di Amsterdam, dove il vero calcio viene insegnato fin dalla tenera età e dove si è costruita una filosofia calcistica che nel mondo trova eguali solamente in barcellona (appunto) e man. united

    Insomma, non so dove andrà a parare, ma -salvo scivoloni veramente pazzeschi- a uno così darei almeno due anni di carta bianca.

  60. Sì Gus, è stato bello esserci. Anche perché, ovviamente, non erano molti quelli che si aspettavano una partita del genere.
    Per dire, dopo il gol di Lichtsteiner, non c’era delusione, come a dire: “doveva succedere, ma siamo contenti di quello visto nel complesso”.

    Poi però c’è stato il pareggio e lì abbiamo sentito un po’ tutti il profumo della vittoria.

    Ma poi, caro Gus, vuoi mettere il gusto di cantare a squarciagola “io non rubo il campionato ed in serie B non son mai stato” rivolto e col braccio teso verso la curva gobba?

    Comunque…
    mercoledì scopriremo se possiamo parlare di svolta o se è stata solo la particolarità della partita a farci giocare così.
    Anche perché poi, io eviterei voli pindarici: Allegri è solito fare ste partenze-chiavica, quest’anno sembrava essersela risparmiata

    a quanto pare, esempio lampante l’esimio sassuolo, s’erano solo scansati gli altri.
    Poi l’arroganza di lasciare fuori Higuain ha fatto il resto.
    Ciò non toglie l’ottima prestazione, eh, ci mancherebbe e soprattutto l’impianto di gioco come non se ne vedevano da anni.
    Non è stata una vittoria di “cuore” o di “rabbia”, ma di “gioco”, e questo è un buon segnale.

    Piccola considerazione su Icardi:
    io sono convinto che lui tenga all’Inter più di quanto gli interisti tengano a lui.
    Ed infatti è il prodotto più fulgido delle chiacchiere dei giornali.

    Noi consideriamo un bad boy un ragazzo che, a 23 anni, è sposato con una figlia, non ricordo episodi di risse o sbronze o minchiate alle 4 del mattino, di allenamenti saltati.
    C’ha sta fissa di twittare e spesso smarrona un po’, ma fate un sondaggio tra i ventitreenni e ditemi chi di essi non lo fa.
    Poi, vabbè, l’orologio di lusso o la Lamborghini…

    cioè, ditemi quale calciatore gira in Panda.

  61. A napoli si è pure liquefatto il sangue di San Gennaro….quanti miracoli.

    • Considerato che il Buddismo è una religione, direi che è una bestemmia bella e buona.
      Sempre i soliti, rispetto per il prossimo, un cazzo:

      niente di nuovo.

  62. :-)))))))))
    http://oi68.tinypic.com/sglstx.jpg
    guardate la faccia di buffon

    • Beh, grazie Stephan8, mi mancava proprio. Oggi è veramente una bella giornata, e tra poco vado anche a sentire gli Who. A volte la vita mette in mostra il suo volto migliore (peccato che non accada molto spesso).

  63. Icardi ha dato una dimostrazione di cosa sia giocare con impegno e professionalità a differenza di tante altre volte che ha giocato pensando all’aumento, a sua moglie e a quanti figli è intenzionato a fare con lei di propri.

    personalmente me ne sono sempre strabattuto gli zebedei delle sue bravate extra calcistiche perchè a me interessa che un giocatore in campo faccia il suo dovere e poi fuori può fare quello che vuole, sia che sia un campione o l’ultimo degli scarsi, meno ovviamente quando vengono a battere cassa dopo avere appena firmato un nuovo contratto senza avere fatto un cazzo di niente per meritarselo.

    avesse giocato, non dico tanto, ma almeno una dozzina di partite al livello di ieri pomeriggio l’anno scorso sarei stato il primo ad appoggiarlo nella richiesta, anche perchè molto probabilmente, quelle dodici partite avrebbero significato forse anche primo, ma di sicuro secondo o terzo posto, invece del quarto tirato per i capelli con il suo misero contributo in relazione alle sue potenzialità.

    per cui non mi cospargo il capo di cenere perchè la prestazione di ieri sera conferma che avevamo ragione ad incazzarci con lui, come conferma che il gioco nasce e si sviluppa se in campo c’è gente come Banega e J.Mario che sanno giocare a calcio e sanno come si tratta un pallone con i piedi e con la testa, e l’anno scorso non c’erano, perchè se ci fossero stati e Icardi avesse giocato così, non ci saremmo arenati nel girone di ritorno e certe partite perse in maniera assurda le avremmo vinte senza fatica.

    considerando che a centro campo avevamo uno come Brozovic che giocava ad intermittenza, Melo che se giocava faceva solo danni, Kondogbia che non ne ha quasi mai azzeccata una tutta per intero alternando buone giocate a ciofeghe spaventose e con Medel che doveva correre a destra e a sinistra per supplire alle loro cazzate, andando, alla fine, talmente in debito d’ossigeno da non capire nemmeno più da che parte doveva andare.

    per cui io per adesso aspetto di vederlo all’opera con l’Empoli, poi con il Bologna e via via in tutte le partite che disputerà nel corso del campionato ed in Europa, alla fine, se darà seguito a quella di ieri, significherà che ha completato il suo percorso di crescita e che è davvero un campione e quella di ieri non è stata un fuoco di paglia.

  64. @john
    who are you è la mia preferita

    @wolf
    sicuro che Mancio non gradisse Banega? mi suona incoerente con il suo modo di vedere il calcio_

    @corso
    già a Pescara Icardi ha giocato come mai gli avevo visto fare prima: che fosse capace di giocare la partita mostruosa fatta contro la juve,sinceramente, non lo credevo_ Anzi temo che restera’ un “unicum”; ma già se rende il 70% di ieri mi sta bene_

  65. Eder: la societa ed il presidente ci sono stati vicini e questo e importante per la squadra

    Torno su quello che dicevamo prima, dopo giovedi si sono mossi tutto i vertici aziendali, hanno mostrato compattezza intorno al mister rilasciando in molti attestati di stima verso fdb, presenza e decisione come nello sbattere fuori il pirla di turno…ecco questo andrebbe fatto sempre, non solo prima dei gobbi.

    Intanto comunque un super grazie perché una vittoria cosi sicura nella padronanza del campo, contro quei porci, non la ricordavo da anni.

    è stata inaspettata, quindi ancora piu bella, come solo l’inter sa fare.

  66. ciao sono nuovo nel blog, da 55 anni tifoso interista anzi no prima antorubentino poi tifoso interista, ciao AMALA SEMPRE.

  67. Pur di non farci i complimenti della meritata vittoria se ne
    stanno inventando di tutti i colori addirittura di essere stati avvantaggiati dal fatto che Tavecchio per ben due partite compresa quella di ieri si e’ seduto fra i ns. dirigenti cinesi esultando ai ns. due gol, vergognosi e squallidi cioe’ da agnelli/ovini.

  68. Comunque, ner farve li complimenti per la bella vittoria de ieri, quello che più risalta all’occhi so’ ddu’ cose.

    La prima è che ora ciavete ‘n allenatore ner vero senso della parola.
    E questo lo dimostra er semplice fatto che ogni vorta che cambia ‘n giocatore, quello che je subbentra è decisivo ‘n positivo.

    Anzi, dirò de ppiù: come titolava er passato post de Settore, Debbur è stato bravo pure a leva’ tutti(e n’ha levati tre ‘n un colpo…) meno colui che j’ha risolto la partita a Pescara.

    E la conferma indiretta che Debbur è uno bbono che ce capisce sta pure ner fatto che la stampa avversaria l’ha subbito messo sotto tiro pe’ crea’ ‘n porverone mediatico che je tajasse le gambe senza daje er tempo de aggi’ positivamente. Cercando così de sfrutta’ l’incompetenza der popolo bue che muggisce senza sosta, oramai, a quarsiasi ora der giorno attraverzo li cosiddetti ‘sòscial nèttuorks’.

    La seconda cosa che vie’ fori da ‘sti otto giorni, poi, è che, ar contrario de quello che tutti(o quasi) penzano, si ciavete uno che se po’ avvicina’ alla definizzione de foriclasse, quello è Icardi.
    E senza arcun dubbio.

    Ma qui entramo ner campo da competenza carcistica(questa sconosciuta…) e è mejo che lassamo sta’.

  69. Delle bravate extracalcistiche ok, anch’io me ne sono sempre fregato, ma qua si tratta del capitano dell’Inter.
    Una squadra, cioè, che ha avuto sempre grandissimi capitani!
    Grandissimi non solo per le qualità tecniche, badate bene, ma soprattutto per i valori morali e sportivi che incarnavano.
    Tutta gente che parlava pochissimo, ma che quando decideva di farlo lo faceva dentro lo spogliatoio, non coram populo.
    E senza mogli!

    Non vi devo fare l’elenco, no?
    Li avete chiaramente nella memoria.

    Comunque sì, se Icardi prosegue su questa strada (anche da capitano) ci siamo, e io mi taccio.

    • sarei anche d’accordo se non fosse che l’ultimo che abbiamo avuto per me è stato anche l’ultimo di quel calcio dove le bandiere contavano ancora qualche cosa, dove certi valori professionali e l’attaccamento ai colori contavano più dei soldi e dove il calcio era una passione per qualche Presidente che poteva spendere e non ancora un businnes di multinazionali estere a cui più che dell’Inter interessa il suo brand per farsi pubblicità.

      quindi Icardi che rappresenta l’Inter, per questi affaristi del calcio, è la scelta giusta.

  70. cmq Miangue deve giocare, De Boer l’ha già lanciato si spera lo faccia del tutto.

  71. ovviamente mi riferivo a Zanetti e non a Ranocchia…

  72. John Graham Mellor.

    Torno or ora anch’io dal concerto dei The Who.
    Tanta roba.

    Due grandi spettacoli in 2 giorni.
    Ieri l’Inter, oggi i Who.

    Da incorniciare.

  73. Il discorso sarebbe lungo e complesso.
    All’epoca, anche gli Agnelli e i Berlusconi avevano i loro begli interessi nel calcio.
    Ma anche i Della Valle, gli Zamparini, ecc. ecc.
    Forse i Moratti no, ma non ne sarei così sicuro, al netto della passione di famiglia.

    Oggi i cinesi e compagnia non sono altro che la versione 2.0 di quello che c’era prima.
    Allora su scala nazionale, adesso su scala mondiale.
    E’ la globalizzazione che conosciamo ormai benissimo e che fa del calcio, oggi, lo strumento primo per arrivare alle grandi masse e dunque ai grandi profitti.
    Ma come, più o meno, è sempre stato, fondamentalmente.

    Ma forse hai ragione: oggi un capitano deve essere uno coi tatuaggi, scrivere su twitter e avere la moglie manager.

  74. Ma, davvero, quali sarebbero queste “bravate extracalcistiche”?

  75. este

    ma tu dove hai passato l’estate quest’anno?
    In Papuasia?

    Comunque tranquillo.
    Se continua così a Icardi gli perdono persino quello scrimo sui capelli impomatati
    🙂

  76. sfasciare macchine nel tempo libero non è esattamente come richiedere aumenti contrattuali per quanto a cazzo siano

    ecco,dal punto di vista professionale non ci sono appunti che mi sento di muovergli per quanto ne posso sapere,quanto al rendimento “ne doveva giocare di più così” a uniche viene da una stagione con 24 gol e dopo da 16 però con la zavorra del Mezzo Marinaio a farsi i cazzi suoi in panchina,beh,mi sembrano avvitamenti e carpiature per continuare a sostenere una posizione che non può conciliare il rendimento in campo cogli scazzi fuori,visto che evidentemente non lo influenzano e a me interessa solo quello

    cosa deve fare di più,mettersi una scopa in culo e ramazzarvi la stanza?(cit)

    poi si potrebbe discutere sull’avergli lasciato la fascia,ma sopravvalutiamo il potere della società se pensiamo sia possibile una cosa del genere senza rischiare di subirne ritorsioni,appunto,sul campo

    p.s. e se siete romantici ci sono sempre le telenovelas

    • poi si potrebbe discutere sull’avergli lasciato la fascia,ma sopravvalutiamo il potere della società se pensiamo sia possibile una cosa del genere senza rischiare di subirne ritorsioni,appunto,sul campo

      tagnin

      appunto, quello che dici non mi pare una bella cosa, al netto del romanticismo.
      Ma io non sono un romantico, non nel senso delle telenovelas alla Wanda Nara e affiliati vari.

  77. Scusami Internazionalista ma su questa cosa Este ha ragione da vendere.
    Chiedere un aumento non è certo una “bravata”.
    C’è chi lo chiede sfruttando gli amici nei media e chi sfruttando i direttori sportivi delle altre società. La Wanda lo ha fatto sfruttando il mezzo su cui il suo assistito ha più visibilità.
    Se vogliamo a tutti i costi trovare il pelo nell’uovo, vale il discorso di opportunità nel fare tanto clamore quando sei anche il capitano e la tua squadra stà già affrontando le difficoltà di gestire un allenatore che rema contro.
    Ma se ci pensi, la grossa liquidità che aveva a disposizione il Napoli era un’occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire.

    Tornando al calcio giocato, mi preoccupa l’assenza di Banega.
    In questo momento siamo ancora alla ricerca dei nostri equilibri e non sappiamo neanche se abbiamo imboccato il tunnel verso l’uscita dal nostro medioevo calcistico.
    Dover fare a meno di una pedina così importante mi spaventa un po’ perchè per accellerare il processo di guarigione è importante tenere il morale alto.
    Quindi ogni scivolone pesa doppio o triplo.
    Oltretutto con Brozo in versione cagacazzo mi toccherà di vedere ancora Medel e Kondo (perchè gioca lui non Melo, vero?) insieme.
    E sinceramente mi sento triste solo a pensarci.

  78. Per me l’unico errore è cercare a tutti i costi di valutare Icardi attraverso una lente di ingrandimento di nome Zanetti. Non sono paragonabili, come dice Corso uno era l’ultimo esponente del periodo delle bandiere e dell’attaccamento alla maglia, l’altro è un ragazzino baciato dal Dio del Pallone, pieno di tatuaggi, con una moglie che non è una marchesa e che si scatta selfie anche dopo aver raccolto la cacca di Coco. Ma siccome io non sono un prete e siccome non devo essere io a pagarlo, non me ne importa un fico secco di quante volte gli vogliano ritoccare lo stipendio nè di quanto sia tamarra la sua lamborghini, nè di tutto il resto.
    Mi interessa solo che questo giovanotto di 23 anni ha segnato 16 goal in un campionato in cui gli dava palla Medel (no dico Medel) e l’anno prima ne ha fatti 24 (capocannoniere) e quest’anno sta continuando a segnare con continuità oltre che a sfornare partite incredibili.
    Ecco, a me stava benissimo anche l’Icardi dell’anno scorso e di due anni fa, che girava in campo scazzato ma poi riceveva una palla e la buttava dentro. Figuriamoci ora che addirittura fa a sportellate con Bonucci e simili e crossa di esterno. L’attaccante deve attaccare e segnare, il resto è contorno.
    Poi vabbè se volete paragonarlo a Messi, Maradona, Ronaldo quello vero ma anche quello finto, Milito…siete fuori strada

  79. @Este e Acanfora: tantissima roba (musicale e calcistica).
    E comunque, almeno per un po’: The kids are alright (cit.).

    • Andate a cagher va’…San Siro, gli Who…adesso raccontateci che domani uscite in coppia con le wags di Ronaldo e Pelle’.

  80. Il balletto estivo sul rinnovo, la mediaticita’ scelta (da sua moglie, da entrambi..) sono state indegne di un capitano. Dell’Inter a maggior ragione. Anche in tempi di social, globalizzazione, mercificazione dell’aria che respiri etc etc. Più che legittimo battere cassa, con stile please. Per il resto, c’è ne fossero di campioni che invece di tirare tardi imbriacandosi per locali si accollano figli propri e altrui e, risulta, non marcando mai visita ad un allenamento. Pietra sopra sull’estate, per quanto mi riguarda, e lunga vita al capitano.

  81. Come ė baba o riley dal vivo?????????

  82. Comunque Sector mo’ scrive post dall’altra parte e manco si degna di copincollarli di qua. Che roba…

  83. Un paio di considerazioni.
    La prima è su Icardi, sul quale mi ripeto, ma che integro: è il centravanti dell’Inter, e come tale lo adoro quando segna e mi fa incazzare quando sbaglia, come ovvio. Quando poi come domenica trascina la squadra, lotta, spende tutto quello che ha, ecco, allora si merita anche la strisciolina gialla che per motivi diversi gli cinge il braccio. Perchè è così che un Capitano si comporta, in campo. D’accordo anche con chi dice che non fa cazzate comuni a tanti altri calciatori, tipo nottate in discoteca, mignotte a iosa, ecc.
    Lui una wacca se l’è sposata, e gli basta, ma sono fatti suoi. Uno così, il contratto, lo avrebbe avuto anche se avesse avuto un francescano come agente, non serve una jena assetata di sangue, che per ottenere quanto sopra rischia di smerdare uno spogliatoio. Questo aspetto, forse demodè, mi impedisce di considerarlo un Capitano. Ma su quanto fa in campo non ho riserve.

    Secondo aspetto: la preparazione fisica. Ho scritto dopo Pescara che nel finale di partita avevo visto correre più i nostri degli avversari, e qualche firma del blog non è stata d’accordo. Ho visto solo io domenica l’Inter correre il doppio delle strisce pedonali? E, se l’avete visto anche voi, come ce lo spieghiamo?

    Forza eterna squadra nostra.

  84. Wolf
    l’hanno fatta per penultima. Boato.
    Ancora più energica, se possibile.

    Come anche Bargain, dal vivo, è ancora più bella.
    Ma anche The Acid Queen, Pinball Wizard, I’m One.

    Hanno fatto quasi tutto il meglio.
    Storico.

  85. Ernesto’o sul discorso preparazione ti dico la mia.
    La prima cosa è che una o due partite a bomba sarebbe possibile farle pur all’interno di una preparazione approssimativa. Il problema è dare continuità.

    Il secondo aspetto è che, dalla cacciata di mancini ad oggi, è passato del tempo.
    Immagino che dal 9 di agosto, giorno dell’insediamento, il buon FdB si sia messo a lavorare anche su questo aspetto.
    Dopo più di un mese è anche auspicabile che le cose comincino a migliorare.
    Fermo restando che vediamo comunque giocatori come Perisic o Candreva o Kondo che ancora non hanno i 90 minuti. O vediamo i Medel uscire con i crampi al 75° della quarta di campionato.

    Altra considerazione: visto che in pratica eravamo in ritardo di un mese (il ritiro è iniziato ai primi di luglio), è probabile che si sia fatto qualcosa per riuscire ad accellerare le cose e recuperare un po’ di terreno. Tutto stà a vedere se lo pagheremo con un decadimento delle prestazioni anticipato.

    Ultima considerazione: il confronto relativo con i ladri rischia di essere fuorviante perchè loro probabilmente, puntando alla coppona, avranno optato per una preparazione che gli dia qualcosa di più nella seconda parte della stagione. E quindi potrebbero pagarlo con una minore brillantezza oggi.

    • Dimenticavo, quando si dice che mancini non ha fatto la preparazione nessuno (almeno credo) pensa che per un mese si siano guardati negli occhi passandosi ogni tanto la palla medica giusto per giustificare il fatto di essersi portati il cambio. Si intende solo che il lavoro è stato svolto male e senza la dovuta intensità. Ma questo non significa che non sia servito proprio a niente.

  86. Sono d’accordo con Bierre.
    Anch’io credo che si sia fatto qualcosa per accelerare la condizione fisica
    (mi sa che si chiama scarico, ma non sono un tecnico, quindi mi taccio)

    e che potremmo pagarlo più in là.

    Ma credo che, fosse così, sia stata una scelta comunque giusta, intanto ti metti in carreggiata, imposti gioco e schemi, alzi il morale e poi magari, dovesse esserci un calo, comunque sei in carreggiata.

    Ad ogni modo spero che il calo non ci sia, ma in ogni caso per allora potremmo già avere un sistema di gioco che faccia viaggiare più la palla che gli uomini.

  87. Qualcuno si ricorda all’indomani di Inter-Palermo, le previsioni funeste, e la speranza di fare addirittura 4 punti nelle prossime due partite (pescara-Juventus).
    Bene, ne abbiamo fatti 6.
    Com’è imprevedibile la vita.

  88. Il discorso preparazione, a questo punto dell’anno, non c’entra niente.

    Che sia stata fatta bene, o male, in questo momento (5 giornate fra coppa e campionato, più partite nazionali) le gambe girano a tutti. Se la preparazione è stata fatta male, poi, lo vedremo innanzitutto con gli infortuni (tanti infortuni muscolari sono un’importante spia luminosa), ed in seguito ce ne accorgeremo in primavera, quando gli altri avranno ancora la necessaria benzina per spingere fino al traguardo, mentre noi eventualmente saremo in riserva.

    Parlare di preparazione in questo momento, dunque, credo sia una spreco di tempo. Ciò che va veramente ricomposto, secondo me, non sono le gambe, ma le teste.

    Il fatto che l’armatore abbia tagliato i rapporti con i giocatori ha dato il là ad uno scollamento dello spogliatoio e ha legittimato i calciatori ad agire da individualisti che considerano solo il proprio tornaconto, alla luce del sole e senza la minima discrezione, senza curarsi delle possibile turbative che ne sarebbero scaturite (vedi Icardi, ma anche Brozovic e Handanovic).

    Il vero lavoro, oltre all’aspetto tecnico, va fatto qui. Non dico che si debbano forzare delle amicizie, ma almeno trasmettere un’unità di intenti che faccia sentire tutti sulla stessa barca, che li predisponga a farsi il mazzo non solo per la propria giocata ma anche per aiutare il compagno di reparto, etc.

    PS, Bravo Este, mi fa piacere che ti sei beccato questi due giorni spettacolari. Mi sa che almeno per un mese il sorriso non te lo cava più via nessuno.

  89. @ Gus: in effetti dovevo uscire con le wags, poi mi ha invitato Anne Hataway e ho dovuto scaricarle ; – )
    Baba Riley dal vivo emozionante, a Won’t get fooled again stavo per piangere, ma anche la parte iniziale più mod veramente da paura. Mia figlia (13 anni e ascoltatrice di robaccia tipo Skrillex) e io (49) completamente esaltati. Momenti bellissimi.

    • Quindi quando Pete Townshend ha detto “quando ho composto questa canzone non esisteva nessuno di voi” aveva ragione…

      :)))

  90. Ah sì, prima che mi si innervosisca il Corso per troppe accuse al suo vate; a Mancini vanno comunque riconosciuti due importanti meriti:
    – se l’inter si è ridata una parvenza di prestigio, attirando giocatori più importanti del rocchi di turno, molto meriti vanno dato allo jesino. Non solo perchè telefonava direttamente ai possibili obbiettivi, ma anche in ragione del suo profilo internazionale e vincente
    – se Mauro Icardi ha intrapreso un percorso di crescita tecnica e soprattutto tattica, anche qui, molti meriti sono di Mancini. Ha lavorato tanto su Maurito (e forse solo su di lui) e sotto la sua gestione si è trasformato da centravanti statico ad attaccante più moderno che porta il pressing già al portiere (perchè, checche se ne dica, lo fa già da parecchio tempo), Mi auguro che FdB gli insegni adesso a giocare di più anche con i compagni, a mettersi di più al loro servizio, perchè ora ha compagni di reparto per cui vale la pena sacrificarsi ogni tanto (e infatti abbiamo già raccolto i primi frutti ieri l’altro).

    Per il resto, la gestione manciniana bis è stata una sciagura, sebbene neanche lontanamente paragonabile a quella disgrazia chiamata mazzarri, che in 15 mesi stava definitivamente mediocrizzando una piazza gloriosa con oltre cent’anni di storia.

  91. Wolf, non è proprio così.
    Se inizi più tardi la preparazione, a parità, quando gli altri cominciano a muoversi con una certa disinvoltura tu sei ancora imballato dai carichi di lavoro. E le tue gambe girano comunque meno.

    • Certo, ma questo poteva valere fino a prima della sosta nazionale. Adesso, dopo 7 partite ufficiali, e almeno 40 passati con il proprio allenatore, non sta più in piedi.

      Poi ripeto, se veramente è stato fatto un lavoro blando in estate, la pagheremo comunque, ma più avanti, e magari perdendo tutta una serie di pezzi per strada per infortunio muscolare (tipico quando i carichi eccedono la resistenza che il muscolo per sostenere -e dunque il muscolo è preparato male-).

      Detto ciò, non ho alcuna competenza medica, ma solo l’esperienza di tanti anni di sport. Beh, se poi parliamo di cartilagini del ginocchio, lì, ahimè, sono direttamente un luminare, per quanto ne ho patito e ancora oggi, quando cambia la stagione, ne patisco (e guarda un po’, la stagione sta cambiando…)

  92. Va bene va bene, W Icardi.
    Se gioca come domenica e porta con onore la fascia per me non ci sono problemi.
    Quello che fa a casa sua sono affari suoi.
    E gli auguro sinceramente tutto il meglio, che poi significa il meglio per l’Inter e anche per noi.
    Chiusa qua.

    Mi permetto però di ricordarvi quali erano i vostri commenti e i vostri umori sul nostro capitano circa un mesetto fa.

  93. le bbbènd che metà è morta e i sopravvissuti c’hanno l’artrite

  94. Mancini, che da allenatore segue la preparazione atletica come me stando a casa mia, deve avere detto ai suoi collaboratori che era incazzato come una biscia con la dirigenza interista e quindi gli ha detto di fare una preparazione ad intermittenza, così hanno corso come dei matti con il Pescara che stranamente, non facendo la Champion, dovrebbe essere preparato solo per il campionato e quindi correre almeno quanto noi, sono andati al rallentatore con gli israeliani e hanno fatto la partita della vita con la gobba che invece ha la Champion da fare e quindi è partita con il freno a mano, noi invece che abbiamo solo il campionato, la coppa Italia e l’Europa League invece dovevamo andare a mille da subito con il Chievo…

    devo aspettarmi altre cazzate o tiriamo per DB tutti insieme lasciando perdere chi ormai è fuori dai giochi?

  95. tu lo sai meglio di tutti, di “scarligate” ne hai già fatte fin troppe, non vorrei ricordartele, ma se insisti…