Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Tu quoque, Pupi, fili mi

triade

Bolingbroke: «Siamo soddisfatissimi di De Boer. Ha accettato l’incarico all’ultimo momento ed è una situazione difficile. Siamo con lui al 100%. Durante la sosta natalizia, potrà lavorare per la prima volta con la squadra per dieci giorni consecutivi. Ha solo bisogno di tempo».

Ausilio: «Non abbiamo contattato nessun allenatore. Sfido chiunque ad affermare di essere stato contattato. Sono loro a proporsi ma la panchina dell’Inter è di De Boer. La sua idea di calcio sarà vincente».

Yang Yang: «Nel calcio ci sono alti e bassi, ci sono difficoltà sul campo ma la squadra c’è, i dirigenti anche, il tecnico pure. Lavoriamo tutti duramente per tornare al vertice».

Era il 28 ottobre. Non del 1975, ma del 2016. Cinque giorni fa giorni fa, insomma. Escono dal cda l’amministratore delegato, il direttore sportivo e un consigliere di amministrazione e ai giornalisti dichiarano questo. Sembra la risposta definitiva a un certo – il solito – clima mediatico attorno alle nostre vicende: ecco, i giornali, le tv, i siti web da giorni dicono certe cose e questa invece è la nostra verità.

E così quattro giorni dopo, il martedì, ci resti male, ci resti di merda. Romanticamente, pensi che certe pantomime appartegano ad altre squadre di altre latitudini. E invece no. Erano le dichiarazioni dei tuoi dirigenti, che quattro giorni dopo averle pronunciate fanno l’esatto contrario. E fanno proprio la cosa che gli altri, quelli cattivi, i nostri nemici, scrivevano da settimane.

Quindi, svaporata la delusione, la domanda è: come sarebbero andate le cose lo sapevano tutti tranne noi, noi tifosotti che ci fidiamo delle versioni ufficiali, delle smentite palesi e di quelle sottintese? E allora, quelle che noi (al netto delle prese per il culo, su cui comunque non reagiva mai nessuno) catalogavamo come prostituzioni intellettuali e macchinazioni della stampa prezzolata non erano, in realtà, il risultato di ordinarie dinamiche di giornalismo sportivo (io so una cosa, è vera o quantomento verosimile e quindi la scrivo)? E non c’era invece delle prostituzione intellettuale (Josè, non rivoltarti nella branda) proprio nel cuore della nostra società? Se per giorni e giorni nessuno dà credito alle tue blande smentite e parla di destino già segnato per De Boer, non è che per caso le notizie arrivano da fonti fin troppo bene informate? Che faccia di bronzo (o che grado di inconsapevolezza) ci vuole a dichiarare certe cose il 28 ottobre e fare l’opposto quatro giorni dopo? Da quanto tempo era deciso che De Boer sarebbe stato rimosso?

Salutiamo un allenatore, ci affidiamo ad interim a un altro e nel giro di qualche giorno nomineremo quello titolare. Di fatto, risolviamo il contratto con De Boer senza avere il nome del sostituto, una cosa un po’ ridicola per una società che vorrebbe darsi un certo tono (differenza di vedute, si dice, tra proprietà e dirigenti italiani: apperò). A quattro mesi dall’inizio della stagione comunque sia avremo il quarto allenatore, stabilendo un record alla Bob Beamon (nel senso che sarà battuto tra qualche decennio) che provocherà a Zamparini una specie di invidia del pene. Ma, esattamente, tutto questo, per colpa di chi?

Il quadro dei risultati, inutile sottolinearlo, è ampiamente compatibile con un esonero (o risoluzione del contratto che sia). Undicesimo posto in campionato, 5 sconfitte in 11 partite, differenza reti negativa, 10 punti in meno dell’anno scorso: un disastro. In Europa League è anche peggio: tre match orripilanti, finiti con due sconfitte e una vittoria di culo con un tiro in porta, destino appeso a un filo che giovedì potrebbe spezzarsi (andiamo, in questa situazione, a giocare in Inghilterra la partita più difficile).

Quindi non ci sarebbe nemmeno troppo da discutere se non fosse che attorno – attorno alla squadra e attorno soprattutto a De Boer – abbiamo assistito a un patetico teatrino, che potrebbe essere riassunto in un manualetto del tipo “Come non si gestisce una squadra di calcio” o “Lo sfacelo dell’Inter spiegato a mia figlia“. Perchè non c’è niente di peggio che sentirsi al centro delle attenzioni malate e fraudolente di certa stampa e poi scoprire, un martedì mattina, che non era poi tutto così falso. Anzi, era praticamente, con un sacco di particolari che coincidevano in maniera fin troppo sospetta.

I numeri purtroppo inchiodano De Boer, al di là nei nostri eroici e un po’ ciechi tentativi di difenderlo e forse anche al di là delle aperture sulla pazienza che qualsiasi interista di buona volontà gli aveva offerto in tempi ampiamente non sospetti (tipo dopo Chievo-Inter o Inter-Palermo). Ma il resto?

Forse vale la pena ripercorrere, a un livello complessivo, i quattro mesi di questa stagione. Un mese buttato subito nel cesso a traccheggiare con Mancini quando era chiaro che non si poteva andare avanti; la scelta – intrigante fin che vuoi, ma molto rischiosa – di un allenatore marziano, completamente a digiuno di Italia a due settimane dall’inizio del campionato; l’estenuante trattativa estiva con il capitano e la sua moglie-manager; l’imbarazzante presentazione hollywoodiana di un calciatore che poi gioca 21 minuti; la faccenda del libro di Icardi, grottesca dall’inizio alla fine; e infine, su tutto, il sistematico e progressivo abbandono a se stesso di De Boer, lasciato drammaticamente solo nell’ultimo mese manco avesse la scabbia.

E’ chiaro che, a un certo punto della stagione e di fronte a risultati palesemente fallimentari, l’unica cosa che puoi fare – è così dalla notte dei tempi del calcio – è cacciare l’allenatore. Ma se ci fosse una giustizia, in quanti oggi dovrebbero rassegnare le dimissioni all’Inter?

Cominciamo dalla proprietà. Nel percorso da Thohir fino a Suning, l’Inter – non dimentichiamolo -ha potuto salvarsi il culo nel bel mezzo di una drammatica crisi finanziaria ed ha avviato il rilancio con i cinesi, che hanno già aperto i cordoni della borsa e promettono un grande futuro. Questo è il lato bello della medaglia. C’erano i numeri da sistemare, un management da snellire e rinnovare, un piano industriale da inventare, e fin qui… Però, è ovvio, l’Inter non è solo un mero dato contabile. L’Inter è una squadra di calcio e la gestione sportiva non è un aspetto secondario. Sì, certo, avere il padrone in Cina e il presidente in Indonesia è una discreta rottura di coglioni. Ma ci sono un po’ di cosette che non toccano direttamente a loro. E non è che qui in Italia, tra Milano e Appiano, i quadri siano proprio sguarniti.

Le caselle sembrerebbero tutte coperte e i nomi sono tutt’altro che di secondo piano. Eppure, è proprio la gestione sportiva dell’Inter – nonostante la pletora di pompose qualifiche in inglese – a dimostrarsi un fallimento. L’agghiacciante filotto di Zanetti in diretta tv mezz’ora prima di una partita (in una sola mossa la delegittimazione del capitano e la contestuale elezione della curva a unico censore su una questione – il libro di Icardi – su cui la società stessa aveva brillato per totale assenza, per poi perdere una partita in casa) è il momento-simbolo di questi quattro mesi: navigare a vista e navigare male.

Ma quello è un momento, il momento-Zanetti. C’è invece un perverso progetto a lungo termine a segnare fin qui la nostra stagione ed è il trattamento riservato a De Boer. Il trattamento quotidiano, intendo. Quel lasciar aumentare la distanza tra allenatore e squadra giorno dopo giorno. Fino ad arrivare a comportamenti plateali come quelli di Genova – mani non date, vaffanculo latenti – che non potevano non sfociare in questo malinconico epilogo, perché con il combinato De Boer solo/squadra che se ne approfitta non si poteva più percorrere nemmeno un metro in più.

E’ la triade Zanetti-Ausilio-Gardini che forse bisognerebbe esonerare. E non si mette qui in discussione la competenza e nemmeno il sentimento. Ma la capacità di gestire una situazione, di essere punto di riferimento, di completare un ingranaggio, di remare nell’unica vera direzione possibile (che è la nostra, quella degli interisti, casa pseudo-Triade) questo sì, è più che in discussione.

E’ il nostro buco nero, il vero, clamoroso fallimento di questi quattro mesi, molto più di quello personale di De Boer che, al netto delle colpe personali, ne appare piuttosto la diretta conseguenza. Non basta essere bandiere e dire quattro banalità in favore di telecamera, per poi fare la voce grossa nel momento più sbagliato e con le premesse più imbarazzanti. Zanetti dirigente è una grande delusione, perché nei momenti in cui dovrebbe essere valore aggiunto invece non incide, o sbaglia, o sparisce. E’ una bandiera autoreferenziale e così, in questa veste, serve a poco o nulla.

Da dove escono gli spifferi? Chi racconta tutto quello che accade nello spogliatoio? Chi lascia ai giocatori – uno ad ogni partita – lo spazio per rilasciare dichiarazioni in cui mettono in discussione tecnicamente il proprio allenatore? Chi dipinge De Boer come un mentecatto che non riesce a farsi capire e va avanti a furia di idee balzane? Chi ci può togliere il sospetto che la dirigenza italiana lavori, in una sorta di vacatio di poteri (chi decide? a chi telefoniamo?), lavori soprattutto per legittimare i propri poteri a costo di regolare qualche conto in corso d’opera e di tagliare veri o presunti rami secchi, tipo quello di un allenatore problematico e scelto da un presidente che se ne sta per andare via?

Non diciamo allora che siamo nella merda perché abbiamo un padrone cinese e un presidente indonesiano, che comandano per telefono e si alzano alle 4 del mattino per vedere la partita in tv. E’ un problema, va bene, ma se a Milano funzionasse tutto come un orologio ne potremmo parlare quasi in termini folkloristici. Diciamo piuttosto che è la dirigenza italiana, o comunque di stanza in Italia, il vero problema della società. Gente che il venerdì dice una cosa e il martedì fa l’esatto contrario. Gente di cui non sai più se poterti fidare. Gente – lo dice, oggettivamente, il rendimento – che forse non ci meritiamo, una zavorra nel percorso che dovrebbe (sospiro) riportarci nell’Olimpo.

E noi qui, sballottati nel vento, sempre a fare trenta e mai trentuno. Oggi in teoria avresti la squadra, ma non hai (più) l’allenatore e non hai una dirigenza affidabile. Cioè, diciamolo: non è vita.

share on facebook share on twitter

1.099 commenti

  1. Primo.
    E, ovviamente, condivido tutto.

  2. Eh già, Sssanetti si sta dimostrando proprio per quello che era anche (caratterialmente) da giocatore: un tetìna.
    Professionista esemplare, fisico spaziale e coltivato egregiamente, ha dato tanto e tanto ha ricevuto ma non è mai stato un leader. Non a caso le sue migliori stagioni, sotto tutti i profili, sono state le 2 con Mou, a 36 e 37 anni.
    Di fianco a lui Ausilio, ex portaborse di Branca e promosso sul campo. Degli altri non dico nulla perché nulla so, sembrano però poco “esperti” di cose di campo. E di media.
    Dopo la cazzata Mancini dovevano fare una cosa, una sola: difendere a spada tratta da tutti e contro tutti FdB. Beh, abbiamo visto…

    Vorrei far sommessamente notare però che dall’altra parte del Naviglio (si va bene con alcuni, consueti, arbitraggi da ufficio inchieste, con vittorie di un culo inenarrabile, e via di seguito), con una situazione societaria che rasenta il nulla (non si sa un cazzo di niente) (e qui la solita stampa di regime è parecchio brava direi), AD azzerati, DT e DS inesistenti, giocatori… va bé lasciamo perdere… sono dove sono.

    Mah.

    • Però i cuginastri hanno più punti di noi ed un allenatore che è riuscito ad isolare la squadra dalla situazione societaria.

    • Ancora a lamentarsi?????
      pensi di essere uno che ne capisce trovando tutti i modi per parlare male dei dirigenti, dei giocatori, dell’allenatore,delle mogli, dei figli…… DI TUTTO.
      Grazie a quelli come te demolitori di professione ma incapaci di costruire anche la loro vita, l’inter va sempre peggio: VATTENE AL MILAN!!!!!

      ——
      nerazzurriTRAVEL – http://bit.ly/nerazzurriTRAVEL

  3. Ovviamente anch’io condivido tutto, perché è l’analisi (lucida) di questi primi mesi che dovevano essere la rinascita dopo un periodo cupo di incertezze, vendite e rivendite e confusione generale.
    Non vorrei dire che l’avevo detto (perché lo temevo) in tempi non sospetti ma l’ho detto.
    Noi siamo qui a discutere del rendimento e della qualità della difesa mentre i pipponi veri stanno a corso Vittorio Emanuele.
    Mi verrebbe anche voglia di dire che Tohir non mi è mai piaciuto perché ha i classici modi da orientale, formali e cortesi, ma non sai mai cosa gli passa per la testa e sta per combinare, così come anche i cinesi mi hanno lasciato dei dubbi di varia natura, specie quando si sono presentati spiegando che si sono lanciati nel business del calcio perché è uno sport che “vanta tantissimi appassionati e Suning cerca sempre gruppi di potenziali consumatori in base alle possibilità offerte dal mercato”: beh, non è che pensassi che Suning aveva comprato l’Inter per mecenatismo, ma questo linguaggio così schiettamente commerciale faceva sembrare i colori nerazzurri come il marchio di un cementificio e di un’azienda produttrice di wurstel.
    In altre parole di calcio non ne capiscono una mazza ma sono certi che il brand gli può portare soldi e aprire mercati nuovi.
    Sarà ineccepibile ma è meno rassicurante questo del goffo Fozza Inda del patron anche se più comprensibile.
    Il punto è che se i cinesi vanno in Etiopia a costruire un intero nuovo mercato, con infrastrutture e tutto (cosa che effettivamente hanno fatto), non è che prendono l’ultimo capobastone che governava la piantagione di caffè, gli mettono un doppiopetto e lo mandano a dirigere la nuova azienda.
    Qui hanno fatto così, con tutto il rispetto per chi è ora nella dirigenza, e la cosa sembra strana: non riesco a non sospettare che sia uno dei pasticci di Tohir (altro che – ormai è chiaro – ne capisce di calcio quanto noi ne capiamo di gestione di multinazionali all’estero.
    Ora che si fa?
    Già è dura dover incontrare al bar la mattina il gobbo di turno che appena entri già ha lo sguardo di chi pregusta l’ennesima presa per il culo (e vantare il successo di San Siro sulla merdaccia non migliora le cose, anche perché, diciamocelo, ha ragione lui a ridere se facciamo ridere) ma pare ridicolo anche pensare che, dopo aver fatto le scarpe nel modo più bieco ad un onesto allenatore bisognerebbe porre riparo facendo fuori mezza dirigenza.
    E poi chi lo deve fare?
    Quelli che, senza nemmeno riuscire a pronunciare il nome di una squadra fatto di 5 lettere, parlando dell’acquisto della società vagheggiano aperture di lucrosi mercati?
    Mi vengono già in mente scenari di tifosotti in fila per comprare nella nuova mediworld cinese un frigo dipinto a strisce nerazzurre.

    C’è un tizio che incontro ogni tanto che, alla mia domanda “Come va?” mi risponde invariabilmente “Eeehhh… Si stava meglio quando si stava peggio!”
    Ero arrivato ad evitarlo per non sentire più la detestata frase ma forse ha ragione lui.

  4. Este
    ieri hai scritto una cosa a mio parere giustissima tra i due(Pioli e Mandorlini) secondo te perchè tra i due la scelta cadrà su Pioli almeno secondo i ben informati e non su chi verrebbe quasi strisciando come Mandorlini ? Per lo stesso motivo per cui Zenga Moratti non se lo filò mai neanche di striscio dopo essersi ampiamente dichiarato onorato della panchina ? A questo punto rimango ancor di più convinto che ‘sta cacciata sia opera della longa manus che tuttora gestisce per mano di Suning tutto e che non ha mai voluto Interisti in panchina, di tutto tranne che roba fatta in casa. Chi sa mai perchè…

  5. Fatevi tutti un esame di coscienza e chiedete scusa a Mancini.
    E’ stato l’unico ad avere capito con chi aveva a che fare (gente ricca ma digiuna di calcio) .
    Da qui la pretesa (giustissima) di decidere gli acquisti e programma sportivo.
    Forza Inter, e adesso avanti con un altro mediocre. ciao
    p.s. adesso che sfizio c’è a rompere i coglioni a Pioli ? vuoi mettere il gusto che ti dava Mancini.

    • il 2 novembre è il giorno perfetto per certi discorsi

    • Ha deciso gli acquisti. Lui decide sempre gli acquisti. Come Shaqiri e Podolsky, che però ha ritenuto non da Inter dopo 2 mesi, mettendoli in panchina, per poi cacciarli pochi mesi dopo. Come tutte le figurine che ha chiesto, ora (Jovetic? Kondo?) e in passato (Cesar). Mi dispiace, c’è poco da chiedere scusa al Mancio: si innamora di un calciatore, lo vuole a tutti i costi e poi lo abbandona perchè non si rende conto che non va bene in un contesto.
      Io sono certo che se (se mio nonno…blablabla) fosse arrivato Yaya Tourè e il Mancio fosse rimasto, Yaya avrebbe giocato da titolare le prime 10 partite per poi essere lasciato in panca.

    • Basta droga ! E se non vuoi cambiare almeno cambia pusher…anche se mi mi sa tu abbia lo stesso che ha mm

    • infatti sei solo uno che rompe le palle
      VATTENE AL MILAN

      ——
      nerazzurriTRAVEL – http://bit.ly/nerazzurriTRAVEL

  6. … io jastema’ vurria lu juornu ca t’amje.. io te voglio bene assaje ma tu non piense a me … (cit)

  7. quella del 98_99 era la rosa più ricca di talenti: Simoni fu silurato perché alla Real prima in Champions gioco’ come se fosse il Pisa, le altre partite le fece solo per avere il tempo tecnico di trovare il sostituto_ Si prese Lucescu, che è un gran conoscitore di calcio, ed andò peggio fino alla farsa del ritorno di Hodgson eppoi Castellini_
    Risultato: distruzione dell’Inter_
    Quest’anno percorso inverso, dall’allenatore internazionale agli artigiani locali_
    Ma il punto di contatto è un altro: là si attendeva il profeta Lippi (e dopo le nauseanti vicende dello scudetto ladrato !) qua il profeta Simeone_
    Sbagliare è umano, persrverare diabolico_

    • Finalmente qualcuno che IMPARA dalle esperienze precedenti

      purtroppo sono in pochi come te ed i risultati sono che i tifosi dell’inter adesso contestano l’allenatore, adesso, il bomber, adesso la dirigenza, adesso il presidente, adesso quello adesso quell’altro……. bambini viziati che si lamentano sempre

      ——
      nerazzurriTRAVEL – http://bit.ly/nerazzurriTRAVEL

  8. non ricordo un cambio di allenatore che abbia portato benefici all’Inter,se escludiamo il calcio nel culo a gasperson che ci siamo scrollati di dosso come un purosangue che disarciona il burino

    io sono schifato dai dirigenti ma non dimentico che certe situazioni sono anzitutto responsabilità dei calciatori che non fanno il loro lavoro

    l’auspicio è quello di un uomo forte della proprietà che faccia tabula rasa delle vecchie gestioni,giocatori ribelli compresi

    nell’attesa di pioli o qualche altro fallito,forza Vecchi

  9. Ma sì, infatti… forza Vecchi!

    Magari indovina due partite e finisce che ci teniamo lui…

    Trovo che il “casting” in corso sia piuttosto vergognoso…

    FdB è stato esonerato senza che fosse pronto un sostituto…

    Ora cinesi prima di decidere vogliono valutare con moooolta calma…

    Il cupa figura di Kia aleggia nei corridoi di Corso Emanuele…

    Dilettanti allo sbaraglio

  10. Io ho letto che ci sarebbe anche Hiddink. Ora, posto che le cosiddette p.i. in questa vicenda hanno tinte più nerazzurre che bianco-rosso-nere, mandare via DeBoer per prendere il suo sosia di 20 anni più vecchio non mi sembra una grande idea.

    Ma ripeto, per ora sono solo voci.

  11. Visto che il buonumore regna sovrano, vi consiglio questa conciliante lettura
    http://www.ilmalpensante.com/2016/11/01/perche-non-scrivero-piu-inter/#comment-2979987134

  12. Ora ne ho la certezza, l’inter -DEVE- andare male…

  13. Sì, forza Vecchi, ma non vorrei si cadesse nel solito errore dell’allenatore della primavera visto come il jolly pescato dal mazzo.

    Cioè, nessuno più di me vorrebbe tanto assistere a questo miracolo di Natale di ritrovarci la soluzione in casa, ma i precedenti di Verdelli e Stramaccioni dovrebbero farci riflettere un attimo che forse sto film l’abbiamo già visto.

    Ovviamente la società è riuscita a fare la cosa peggiore possibile, in barba a qualsiasi legge dei grandi numeri e ingarrarne una ogni centomila, sia pure per caso.
    Macché.

    Cioè, ammettiamo che con Vecchi si centrino due belle vittorie, ben giocate, con risultati secchi, magari anche segnando gol in scioltezza.
    Che si fa? Te lo tieni basandoti sul risultato di due partite, di cui una col Crotone?
    O lo cambi lo stesso?

    Nel primo caso stai facendo un salto nel buio, basandoti fondamentalmente sul nulla.
    Nel secondo caso, il fantasma di Vecchi aleggerebbe sul nuovo allenatore per tutto il resto della stagione.

    Ad ogni pareggio/vittoria salterebbero su gli inguaribili romantici a dire “ma date la squadra a Vecchi! Ma l’avete visto, ha fatto meglio lui di questo qua blablablabla”.

    Insomma, sono riusciti a incasinare le cose ancora di più di quanto già lo fossero.
    E guardate che credevo non fosse possibile.

    Io inizio ad esserne affascinato.

  14. Io faccio fatica a capire come si possa cominciare un progetto, abortirlo prima ancora di vederne compiuta la prima fase e ricominciare con un nuovo (nuovo????) progetto ma solo dopo (.dopo!!!) aver affrontato la partita da dentro fuori del torneo che mi sembra essere l’unico obiettivo ancora alla nostra portata, almeno sulla carta, con un allenatore che in realtà è un tappabuchi! Può darsi che io non capisca un chiodo ma ora avrei bisogno davvero di quello che ha preso Battiato quando vedeva gesuiti euclidei vestiti come dei bonzi etc etc….

  15. Intervincit

    io adoro Zenga e Mandorlini, perché mi sono sempre sembrati interisti a tutto tondo che, se allenassero l’Inter ci metterebbero l’anima.

    Però, detto con sincerità, come allenatori non mi hanno mai strabiliato, soprattutto il primo.
    A questo si aggiunga che, forse, l’allenatore tifoso non è un bene, a prescindere, mancherebbe quel giusto distacco che serve per il ruolo e per prendere le decisioni in maniera lucida.

    Insomma, non ho mai creduto che l’allenatore sia solo un motivatore.

  16. E i giornali chissà perché scrivono che lo spogliatoio premerebbe per la soluzione Pioli, che strano… Se accontentano Ausilio e soci arriva Pioli. Se accontentano Kia arriva Hiddink. Tutto molto chiaro. Meglio l’italiano a questo punto; se il problema di FdB è stato anche la scarsa conoscenza del campionato italiano, la poca flessibilità e ancor meno leadership nel gruppo, fatemi capire cosa dovrebbe cambiare in questo senso se in panca mettiamo (anzi, mettono, che ‘sta roba non è la mia Inter) il nonno dell’allenatore appena esonerato.

  17. Fantastico! Perfetto dalla A alla Z.

    Ora la ciliegina perfetta da posizionare in punta a questa torta di merda sarebbe ingaggiare PioliMandorliniGuidolin come traghettatore inseguendo il sogno (delirio) Simeone, per scoprire 3 giorni dopo di un suo pre-accordo con il Real a 10 milioni a stagione…

    Non mi sono mai vergognato così tanto dell’inter come in questi mesi, stiamo sverniciando alla grande il periodo 1999-2001 …in quegli anni avevamo almeno qualche idolo indiscusso a vestire LA maglia, oggi manco quello.
    Chi dovrebbe essere il beniamino delle folle? Icardi?? Lasciamo perdere dai…

  18. se Vecchi vincesse due gare di fila etc etc,.
    ma perché. vi parrebbe poca cosa?
    magari le vincesse..

  19. ma poi a parte tutto ma siamo sicuri di questo Simeone quanto farebbe bene con noi???
    o forse vogliamo solo vedere Burgos che prende nel culo i giocatori che non corrono??

  20. mi son dimenticato “a calci”

  21. ingaggiare un allenatore (qualsiasi) il 10 di agosto e poi esonerarlo il 31 ottobre è da psicopatici. o incompetenti totali, fate voi.
    de boer era uno dei pochissimi allenatori in italia con un’idea di calcio vera e non è stato appoggiato mai, e dico mai, neanche per un minuto dalla nostra dirigenza (se non nell’imbrazzante uscita della scorsa settimana) che vede nel nullismo di Zanetti la perfetta sintesi di ciò che siamo oggi.
    E’ stato permesso al precedente allenatore di infarcire questa rosa di 6mila terzini inutili, di gentaglia come felipe melo o kondobgia o eder, e non si è dato tempo a de boer neanche di arrivare a gennaio per fare, per la prima volta, un po’ di mercato funzionale al suo gioco.
    poi dite che ci pigliano per il culo…neanche il milan più scarso degli ultimi decenni si presta a tali pagliacciate.

  22. intanto Zanetti con il suo ambiguo nullismo cade in piedi:per DB si sono esposti BB e Ausilio venerdì scorso, non certo lui_ Ergo è lui che ha potere decisionale insieme a Suning_

    • il non prendere mai una posizione vera è sempre stato un cavallo di battaglia di pupi, insieme alla gran sgroppata

  23. La lentezza decisionale è una delle cause principali dei fallimenti.

    L’abbiamo visto con la gestione del caso Mancini, l’abbiamo visto con la “tutela” a FdB, lo stiamo vedendo ora con la scelta del nuovo mister.

    Individuare nella triade italiana la causa di tutti i mali, da ingiustificati alibi:
    -ai cinesi (che non capiscono che devono metterci polso e gestione diretta), –
    -a thoihr (che con FdB ha lanciato il sasso e nascosto la mano)
    -e a MM (che vuole fare il frocio col culo degli altri).
    Questa triade è la vera causa dei nostri mali e l’indecisionismo di queste settimane ne è la diretta manifestazione; questo al di là del fatto che JZ sia scivolato pesantemente sul caso Icardi, che Gardini nessuno sa che minchia faccia, e che Ausilio stia sui coglioni ai più.

    Per il resto, quando ancora oggi leggo che dovremmo scuse a Mancini mi sale il sangue alla testa; ma ho promesso che faccio il bravo quindi vado oltre.

    Chiunque sarà il prossimo allenatore (anche se forse ci servirebbe più una maestra d’asilo) dovrà comunque far i conti con i problemi che ieri ha elencato Ronald:
    -fattori politici interni alla società: nessuno avrà pieno appoggio, nessuno sarà mai espressione unanime dei voleri societari
    -rosa larga e poco affiatata, con individualismo che prevale su collettivismo e spirito di gruppo
    -squadra senza intensità: d’altro canto han passato l’estate come se fossero al grest estivo, con tanto di animatore in perenne scazzo

    Che poi, in realtà, quando l’allenatore trova la giusta alchimia con lo spogliatoio, tutti questi problemi vengono nascosti sotto il tappeto e sul rettangolo verde si riesce a rendere, indipendentemente da tutto. Qui sta l’unico vero di De Boer, ma come discutevo con Alois e altri giorni fa, la sensazione -e pure netta- è che in realtà la colpa sia più dei giocatori che dell’allenatore, visto e considerato che è da Gasperini in poi questa è una never ending story.

    Per farla breve, se dividiamo l’inter in 4 ambiti (proprietà, società, staff tecnico, rosa) vediamo che va aggiustato tutto, non basta dare la colpa al solo allenatore, nè ai soli giocatori, nè ai soli dirigenti, nè tanto meno alla sola proprietà.

    La soluzione? Da che mondo è mondo, non partirà mai dal mezzo, ma dal basso (bottom up) o dall’alto (top down).

    Quindi la vera svolta deve arrivare:
    -dal campo (bottom up, i calciatori iniziano a fare i seri)
    e/o
    -dall’assetto proprietario (top down, rimuovono le cause che penalizzano i nostri processi decisionali)

    Le soluzioni dal mezzo, ossia cambio staff tecnico e/o dirigenziale, stanti i nostri problemi, possono al massimo mettere una temporanea pezza (ma anche peggiorare le cose, il nuovo non è sempre meglio) ma non rinnoveranno mai strutturalmente l’inter, e a noi è il rinnovo strutturale che occorre, perchè nell’era dei cinesi siamo ancora strapieni di lasciti delle due precedenti gestioni.

    • Ti straquoto, Wolf. Ed è tutt’altro che la prima volta. Mi intendo poco di Economia & Finanza, ancor meno di management (al livello più alto) ed ancora più meno (!) di calcio (per questo non scrivo quasi mai, e preferisco limitarmi a leggere e cercare di imparare/capire).
      Ma spessissimo, nei tuoi commenti, vedo ben esposte certe mie idee e sensazioni; e questo, ovviamente, mi fa un pò di bene all’autostima. Ed anche quando non mi sento “rappresentato”, non mi trovo mai in disaccordo; semmai, trovo un pò di luce.
      Spero di ritrovarti nel “nostro” gruppo FB per poterti chiedere l’amicizia anche lì; ormai è tempo da tempo.
      Non scrivo – per comprensibili ragioni – il nome del gruppo (chi sa, sa) nè il mio (il mio nome di battesimo lo si può scoprire dal nick), ma non dovrebbe essere troppo difficile ritrovarci.
      Ciao a tutti e Coraggio Inter (evitiamo di parlare della nostra “forza” in questo periodo).

    • Caro Publio Elio, ti ringrazio per la stima, davvero lusinghiera, ma è mal riposta; nel senso che credo di aver imparato qualcosina in questi anni di studio e lavoro, ma sono comunque ancora un pivellino nel mondo economico!
      ogni tanto provo a fare un poco di chiarezza su aspetti extra calcio che stanno fortemente condizionando la nostra squadra. Mi sento quasi in dovere di farlo perchè sono aspetti che so capire ed individuare in quanto molto più comuni di quel che pensiamo, ma probabilmente poi sbaglio qualcosa nel condividerli perchè generalmente sortisco l’effetto opposto di creare solo nuove polemiche,

      su facebook comunque sia non sono attivo un pezzo, ma se vuoi chiedermi qualcosa qui non farti problemi, nel mio piccolo proverò ad aiutarti se potrò

  24. Wolf dice cose giuste e aggiungerei anche che, considerato ciò che si è visto ossia gente fuori rosa dopo una settimana e sceneggiate alla Eder, va fatta una bonifica profonda dello spogliatoio. questa squadra rischia di diventare il parcheggio e oasi dei mezzi giocatori

  25. Stavolta mi sono trovato d’accordo con Sacchi… ( orrore per me ) quando per far passare il concetto che la dirigenza ( società ) dell’Inter è mediocre ha fatto questo esempio …… Esce il libro del tuo capitano e nessuno dico nessuno se lo è letto!!!!!! E lo dici pure … Ma scherziamo …. Questi vanno controllati sempre e gli devi stare con il fiato sul collo……… Devono avere le scarpe sporche d’erba …..

  26. Ok, l’Inter è un casino ma non è tanto questo che mi preoccupa, non me lo ha detto il dottore di seguire, tra i tanti sport, il calcio e tra le innumerevoli squadre, l’Inter.
    Quello che mi preoccupa è l’inattendibilità di quello che vedi e che senti.
    E’ la stessa sensazione che provo quando combatto sul fronte Berardi.
    Secondo le p.i. Berardi era già della Juve, addirittura qualcuno (giornalista del Giornale) gli pagherebbe anche lo stipendio.
    Tutto l’entourage del calciatore (Squinzi, Carnevali, il suo procuratore Seghdoni) si affanna a ribadire che il calciatore è del Sassuolo e sceglierà liberamente se andare o restare.
    Berardi lo puoi incrociare in tangenziale, se vuoi, all’uscita dell’allenamente ; tua figlia è amica della sua ragazza, conosci gente all’interno della società, sei molto vicino, ma non riesci a capire chi stia dicendo la verità.
    Purtroppo se il venerdì dici una cosa (puntiamo su De Boer) e il lunedì ne fai un altra, non vieni sanzionato, non esiste il reato di falso comunicato, e allora se una cosa detta può non essere vera, tutte le cose dette possono non essere vere.
    Che futuro ci aspetta?
    Quello di metterci davanti alla tv (o allo stadio) come quei fedeli che credono ciecamente in una religione, senza porsi nessun problema, tanto con la logica e la razionalità non ne verresti a capo.
    Quindi come sostiene Elio : …e poi non rompermi i coglioni, per me c’è solo l’Inter.

  27. Facendo fuori la dirigenza, per l’appunto, la soluzione arriverebbe dall’alto.
    Alla fine è la proprietà che decide, e la proprietà è ben definita.

    Tagliandoli fuori tutti, automaticamente si risolvono anche le criticità elencate da Wolf.
    i cinesi mostrerebbero polso e gestione diretta (scegliendo loro)
    Thohir capirebbe di essere un presidente di paglia e che ormai si aspetta solo che si faccia da parte (o che rimanga col suo bel 30% senza mettere becco, se non in termini finanziari)
    MM vedrebbe le porte chiuse, appunto, da una dirigenza che sceglie ed opera con la propria testa, senza delegare.

    La nuova dirigenza, qualunque essa possa essere, dubito fortemente che possa fare peggio.
    La mia mente non riesce a concepire come si possa fare peggio di così, onestamente.

    Ma anche se fosse, comunque sarebbe il segnale che Suning ha preso davvero in mano le redini della situazione.

    Sui giocatori, ribadisco, a me pare strano che tutti gli ammutinati e i viziati ce li prendiamo noi.
    E, ancora di più, che inizino a comportarsi così solo all’Inter.
    Professionisti fino ad un minuto prima di aver firmato il contratto con la nostra squadra e poi professionisti dal minuto seguente alla cessione.

    Non lo so, lo vedo improbabile.
    Può succedere una volta, due, tre… Ma non a decine di giocatori nel giro di 6 anni.

    I calciatori sono dei 20enni coi soldi a palate e le squadre pagano della gente per gestire anche le criticità che questo comporta.
    Se non riescono a farlo, perché pagarli, visto che, a differenza dei giocatori, non hanno nè fisico, nè talento?

    Perfettamente d’accordo sulla questione che l’attendismo nel prendere decisioni è causa di disastri.

    E infatti vanno mandati a casa con la massima urgenza.

    • Ti rispondo solo sui calciatori, perchè sugli altri argomenti ti ho già spiegato le ragioni per cui non voglio più ripetermi (il commento precedente era il risposta al post di settore)

      Io non penso che gli ammutinati e i viziati ce li buschiamo tutti noi; penso semplicemente che i calciatori siano piccole aziende con fatturati milionari e con dietro agenti avvocati procuratori (insomma, un mini management a tutti gli effetti).

      In assenza di figure deterrenti in società, o quanto meno di una forte alchimia con l’allenatore (come fu con leonardo, ad esesmpio, su cui pure condivido con te: non è un vero allenatore), questi ti seguono solo finchè l’interesse di gruppo coincide col proprio, ma non ci pensano un secondo ad anteporre il proprio nel momento in cui non convergesse più con quello collettivo.

      Che Frank avesse al suo interno un fronte di scontenti è agli atti, l’ha detto lui stesso in conferenza stampa.

      Visto che in questo periodo prendi spesso a riferimento il Milan, hai un esempio lampante: stanno facendo risultati opposti a un anno fa, pur non avendo acquisito nessuno (i neo arrivi stan tutti in panca), e questo perchè gente come Mexes, Boateng, Boateng, Menez etc è stata accompagnata alla porta. Lo spogliatoio si è liberato di mele marce, montella ha trovato la giusta alchimia e ha in pugno il gruppo nonostante sia lasciato completamente a sè da dirigenza e proprietà (che ad oggi, al milan, non esistono direttamente).
      Questo per dire che, di polvere ne hanno anche più di noi (in termini di incertezza e assenza societaria), ma grazie all’affiatamento del gruppo con il suo mister questa rimane nascosta sotto al tappeto.

      Che poi i nostri giochino scazzati non son congetture ma è lì in tutta evidenza; passi con il Doria (tutti i loro cc ed attaccanti avevano saltato il turno del mercoledì) dove ci può stare una differenza di gamba, ma partite come quelle con l’atalanta non hanno altra giustificazione. La sola preparazione atletica blanda, dopo due mesi, non può giustificare un’atalanta che ti scherza su tutti i piani, suvvia

  28. chiedere scusa a Mancini non è il caso, certo,
    ma sul riconoscere che aveva fiutato tutto avete poco da ridire.

    Zenga e/o Mandorlini, ma come pure Berti o Bergomi ecc. ecc.
    non sono dell’Inter di Moratti. Non li considera.

  29. A questo punto urge un traduttore per i cinesi che recapiti il messaggio della maggior di noi tifosotti, ovvero:
    Ausilio/Zanetti/Gardini: fuori dalla palle.
    E.T: fuori dalle palle.
    Moratti: fuori dalla palle.

    Avete preso l’INTER; ora gestitela voi, decidete, magari sbagliate….ma fatelo urgentemente.

    • francamente io non ho la più pallida idea di cosa Suning abbia preso a fare l’Inter e quali siano le loro intenzioni in termini manageriali…a me sembra tutto terribilmente confuso e approssimativo

  30. copio incollo, mi ripeto. pazienza.

    “nella storia del campionato italiano è comunque sorprendente come, nonostante i ripetuti cicli di smarrimento totale, di psicodrammi gestionali, di impoverimento tecnico ecc. ecc., la nostra Inter sia al secondo posto come numero di scudi vinti e al secondo posto in Italia come numero di coppe dei campioni vinte.
    dimenticando le merde per gli scudi, e il milan per le ciempions, l’unico sollievo è vedere come si sbattono e si illudono ogni anno le rome, i napoli, le lazio, le fiorentine e via dicendo…
    con un inquadramento societario solido, di alto livello e nel segno della continuità, probabilmente INTER e la merda potrebbe essere come real e barcellona in spagna a dividersi gli scudi.
    e invece…”

    non ne usciamo.

  31. MM ha avuto parte attiva, attivissima per arrivare a Suning; non so con quanto peso specifico, ma di sicuro fa parte anche di questa Inter targata Suning_

    • il che non è una grandissima notizia…

    • Simeone e Bielsa, gli allenatori “da sogno” per la panchina come da ultimissime news, sono i due allenatori preferiti da Zanetti_ Scrivi Zanetti, leggi MM_
      Moratti é l’Inter, io non posso sbertucciarlo, non rinnego l’Inter= certo l’esperienza dovrebbe insegnare..

  32. Dopo Mancini avevano una lista di allenatori (LA STESSA DI ADESSO ) : non ci hanno capito un cazzo allora,quindi non c’è,ahimè,motivo di ritenere che ora prendano una decisione quantomeno sensata. Più che un vuoto dirigenziale è una palese lotta di potere.Dopo Mao…La banda dei quattro … non vi dice niente?

  33. Propendo di più per la tesi complottista. Che sia in atto una guerra intestina per decidere chi comanderà l’Inter in Italia. Temo sia in atto una precisa volontà di cambiare tutto perché niente cambi. Giocando allo sfascio. La cosa peggiore che possa capitare è scoprire che i tuoi nemici avevano ragione su ciò che sei. Temo di star scoprendo che siamo meno differenti da come pensavamo.

  34. A me sembra, invece, che i cinesi stiano iniziando a prendere le redini della società, così si spiega che venerdì arriverà uno dei loro pezzi grossi e così interpreto che, prima di ogni decisione sull’ allenatore, vuole conoscere Pioli o chi per lui.
    Finora aveva deciso thoir anche per i cinesi ed abbiamo visto i casini che ha combinato.
    Se decideranno per un uomo forte che decida in Italia per conto della proprietà, tutto inizierà a delinearsi in maniera più chiara, almeno spero.
    Se non ci sarà questo passaggio è impensabile che facciano tabula rasa della dirigenza locale (triade e affini).
    Però, scusate, ci vuole coerenza anche da parte nostra (di tifosi) perché i tanti che ne hanno chiesta per l’ allenatore, a costo anche di stare in fondo alla classifica, adesso sono impazienti per i ruoli di vertice …

  35. Visto che son cinesi…se la storia insegna come sempre qualcosa…speriamo che finisca con una bella ripulita…basta che l’Inter resti sempre e comunque dove merita di stare!!!
    Forza Vecchi per adesso.

  36. Riallacciandomi al discorso sulla “lotta interna” alla società, è normale che Zanetti difenda la sua posizione (immagino anche ben retribuita) e chi lo ha messo lì … il che non è una grande notizia per l’ Inter

  37. ma cosa vogliamo da Zanetti?
    quello è e quello rimane
    una bravissima persona, un grande faticatore, ma persona senza carisma, uno yesman, senza grande acume

    in ogni caso non è l’unico.
    quanti ex giocatori sono diventati dei dirigenti competenti?

    In ogni caso
    come detto da Flavio Mucci
    c’è solo l’inter

    anche se questa volta è l’inter che ti rompe i coglioni

  38. Ah solo un appello a tutti, possiamo usare una parola alternativa a triade?

    Che ne so, triangolo, triumvirato, mostro tricefalo, manage a trois, trivela, chiamatela come volete, ma abbbbasta triade di giraudiana memoria!!

  39. due cose da fare subito =
    eliminare di nominare la “triade”, che come noto appartiene alla storia di altri, ed i calzettoni gialli _

  40. C’è un precedente in cui siamo andati a giocare una trasferta di coppa allenati da un vice allenatore di cui non ricordo il nome.Doveva essere la stagione 2003 o 2004. A dire il vero non ricordo neanche che coppa fosse nè quale partita, ricordo solo il risultato: 3 a 0 per gli altri!!!

  41. Beh ma magari ai cinesi fa piacere se ci riferiamo alla triade…

  42. direi Verdelli contro la Lokomotiv Mosca….

  43. Mazzarri ha avuto un anno e mezzo, prendendo in mano la squadra all’inizio dell’estate. Ci ha regalato un quinto posto, tante figure anonime, un mercato di rincalzi, un gioco da schifo.
    Il Mancini 2.0, che io non rimpiango, è intervenuto a novembre (come chi prenderà il posto di FdB) e ci ha fatto arrivare ottavi. Poi si è fatto tutta la preparazione estiva, ci ha fatto godere (come risultati) per metà campionato, si è arenato ed è arrivato quarto.
    Morale della favola: un anno e un terzo WM, un anno e due terzi il Mancio. Gioco pessimo in entrambi i casi, risultati altalenanti e, mi si consenta, non troppo diversi (quinto uno, quarto l’altro).
    Ora abbiamo lasciato andare FdB dopo 2 mesi (e la vittoria sui gobbi): ha le sue colpe, ma in 2 mesi non penso ci si potesse attendere molto di più.
    Acclarato che l’errore è stato a monte, ovvero sostituire un tecnico a pochi giorni dall’inizio del campionato (cosa che metterebbe in crisi chiunque) con un allenatore nuovo per l’Italia e che avrebbe voluto meno muscoli e più gioco, la mia domanda ora è: prendiamo un traghettatore? buttiamo al cesso la stagione dopo 2 mesi? o cerchiamo un profilo di alto livello (ammesso che accetti questa Inter e che sia davvero di livello alto) e la proviamo a salvare? e se poi sbaglia anche questo? gli diamo le scusanti di essere subentrato in corsa?
    E’ un garbuglio inestricabile. Qualsiasi scelta sarà sbagliata.
    In questa situazione non c’è una certezza che sia una.
    Anzi una sì: giuvemmerda. Ma solo questa

  44. Ma infatti, al netto dei problemi generali, che certamente ci sono, il caso specifico di questa stagione è il cambio tecnico al 10 di agosto, e per questo fatto il principale colpevole rimane Mancini.

    La squadra era stata costruita per lui negli ultimi due anni e mezzo, i giocatori li conosceva come pure l’ambiente e tutto il resto. Ha passato lo scorso anno a dire che aveva bisogno di tempo, che le altre giocavano assieme da anni, e per cui quest’anno, in cui le scuse stavano a zero, ha preferito farsi da parte.

    Paura di fallire e capricci per venirne fuori hanno determinato il resto.

    Chiaro che si poteva e doveva intervenire prima, dandogli una bella pedata al culo; d’altro canto su questo specifico caso non mi sento di biasimare una proprietà straniera che, appena insediata, non vuole scacciare il mister italiano presente nonchè gradito alla piazza per i suoi trascorsi. E di fatti ha cercato di accontentarlo, anche in richieste assurde come l’inserimento di un primo allenatore in qualità di vice allenatore.

    L’unico auspicio è che abbiano imparato la lezione per gli anni a venire, perchè nell’immediato chiunque arrivi dovrà fronteggiare uno spogliatoio spaccato, e dovrà farlo da solo.

  45. a stagione in corso, oggi, l’unico allenatore di respiro internazionale con cui avviare in progetto pluriennale è Bielsa: la pazza Inter al loco Bielsa !!… con esiti imprevedibili, nel bene e nel male

    • Acanfora, io sinceramente in un ambiente che è già sufficientemente loco di suo per caratteristiche genetiche preferirei un normalizzatore…prendere Bielsa è qualcosa che potrebbe farmi rivalutare il Q.I. delle Cassandre che profetizzano la lotta per non retrocedere

    • Bielsa ha dato il due di picche alla Lazio perchè al 5 di LUGLIO non c’erano ancora i giocatori chiesti da lui, figuriamoci se viene a novembre in pieno caos.

  46. Ma se DeBoer è saltato anche perché non conosceva l’ ambiente calcistico italiano, che c’è ne facciamo di Bielsa, totalmente imprevedibile e quindi rischioso?
    oppure di altri nomi stranieri tipo Marcellino (chi?) o Hiddink (bravo ma ormai …) o di quel pippone sopravvalutato di Villas Boas.
    Qui ci vuole uno che sa come funziona tutto il calcio italiano, dai rapporti con il club alla stampa, ai tifosi.
    Però non citiamo Zenga, per carità, con tutto il bene che gli vorrò sempre, mi pare che i suoi risultati da allenatore parlino chiaro.

  47. in questo paese dove chiunque ha sempre una spiegazione pronta ed una soluzione ai vari problemi che ci affliggono da anni, rimango sorpreso da come si possa essere indulgenti e tolleranti verso chi per noi non ha fatto quasi un cazzo, se non accettare l’onore e l’onere della nostra panchina, mentre si è drastici nel giudicare chi è con noi da anni e lo si condanna solo per un presunto errore commesso a fronte di tutto quello che ha fatto, significato e rappresentato per noi e per l’Inter in quasi vent’anni di onorata carriera, quasi che fosse sua la colpa se l’allenatore non è stato in grado di farsi seguire dai giocatori.

    le critiche che ha ricevuto per avere delegittimato un povero megalomane che ha scritto le sue memorie a 23 anni difendendo al contrario i tifosi, sia pure della curva nord, facendo un errore di valutazione imperdonabile di fronte ai veri tifosi che magari non vanno nemmeno allo stadio o nemmeno vedono le partite, ma che sul web rivendicano il diritto di dire che ci sono tifosi e tifosi, e come scrive il malpensante, quelli della nord non lo sono, perchè rappresentano solo loro stessi e sono una minima parte del tifo, che però va allo stadio, rispetto ai milioni di tifosi dell’Inter sparsi per il mondo che San Siro non sanno nemmeno cos’è o l’hanno visto solo alla tele o in cartolina e che non hanno mai fatto sentire a Zanetti, Capitano dell’Inter per 15 anni, il loro tifo spassionato e non legato ai risultati, alle partite vinte, pareggiate o perse.

    tipo spassionato… chissà cosa cazzo è?

    per cui io trovo più che normale dissociarsi da un povero pirla, argentino e capitano come lui, in quanto i tifosi, chiunque essi siano, sono il bene più prezioso che una società possa avere e non c’è niente più importante di loro, perchè senza di essi anche l’Inter, che è l’unica cosa che conta, non conterebbe un cazzo.

    detto la mia su Zanetti riprendo i miei cavalli da battaglia:

    se a Wolf va il sangue alla testa perchè uno ha scritto che al Mancio andrebbero delle scuse è un problema suo, ma la realtà dei fatti sta a dimostrare che via lui sono venuti fuori tanti di quei casini che solo una Cassandra in forma poteva pronosticare, considerando le aspettative generali dopo l’avvento del Suning all’Inter.

    nonostante quello che ognuno abbia il diritto di dire o di pensarla sul Mancio e sui come ed i perchè si sia arrivati alla separazione consensuale, ma anche no, nessuno può dire che lui non sia un profondo conoscitore di vicende calcistiche essendoci dentro da più di 35 anni e quindi, a meno che si voglia considerarlo uno sprovveduto che però con il calcio ci ha fatto i milioni, credere che ne sappia più lui da solo che di tutti noi messi insieme e di tutta la dirigenza attuale, non è millantare una stupidaggine ma è la verità.

    riproporre il suo nome non serve a niente allo stato attuale delle cose, ma ridire con forza che la prima cazzata sia stata quella di non avergli dato, o meglio ridata la fiducia per darla invece a dei procuratori/maneggioni/affaristi della specie che abbiamo dovuto subire per anni e che dopo calciopoli pareva ce ne fossimo liberati, ma invece ce li siamo tirati in casa, è solo per manifestare, e non rivendicare, la mia delusione, e quindi, per dirla come ho letto poco sopra, saremmo stati meglio con uno che ci sembrava ci facesse stare peggio.

    la seconda cazzata è stata non vendere uno che voleva andarsene per guadagnare di più, uno che come capitano è un vero insulto a quelli che lo sono stati per davvero e che, secondo me, è uno dei principali motivi per cui abbiamo uno spogliatoio spaccato, perchè non è nemmeno un leader ne un esempio da seguire per gli altri, ma tutt’altro.

  48. Non so se qualcuno di voi giochi a scacchi…

    L’Inter di oggi sembra una di quelle partite infinite dove, dopo ore di mosse e contromosse, ti ritrovi ad un punto in cui non sai più che mossa fare. Quel punto di stallo in cui, qualsiasi mossa tu faccia, quasi sicuramente farai una puttanata…

    Moratti e Thohir hanno scelto il Mancini 2.0

    Thohir ha scelto FdB…

    I cinesi ci hanno messo la grana, tanta grana, lasciando ad altri la gestione tecnica…

    Visti i risultati, ovvio che ora vogliano decidere loro

  49. Io penso che Messi, la prima volta che ha ricevuto un pallone tra i piedi, non abbia provato a fare numeri funambolici. E se ci ha provato, mi fa piacere pensare che sia incespicato sul pallone.
    Pupi, cui va la mia più grande stima umana e professionale, in questo momento è come un bambino col suo primo pallone: deve imparare come si fa questo mestiere. Per esempio, deve imparare a non lanciare anatemi prima di una partita, specie se sono strali che vanno contro un calciatore che deve entrare in campo. Semplicemente perchè sono controproducenti e si ritorcono contro la tua squadra, il tuo datore di lavoro.
    Imparerà, all’Inter abbiamo dato tempo di imparare a Branca, a Dodo, figuriamoci se non diamo tempo a Pupi.
    Per il resto, concordo con Corso solamente per una piccola parte del suo intervento: continuare a parlare di un allenatore fuori dai giochi (ma, a maggior ragione, di un ns giocatore – forse il più rappresentativo, se non il migliore -per gettargli fango addosso) è del tutto inutile in questo momento

  50. Non sono per niente d’accordo con Wolf su Mancini: era l’ unico che capiva di calcio all’ Inter ed i fatti attuali mi sembra siano eloquenti.
    Forse è proprio questo il motivo per cui Thoir, con Bolingbroke e l’iraniano, lo ha fatto fuori, in fondo un dipendente che reclama potere decisionale sulla squadra che deve allenare, quando mai?
    Abbiamo visto la competenza e l’ interesse di questa gente, mercanti interessati ai loro affari altro che il calcio.
    Però, pur di sparare nel mucchio, diamo sempre a lui la colpa, dalla preparazione ai risultati fino ad oggi.
    Ed è strano che se ne sia andato per farci un dispetto proprio adesso che c’è una proprietà che spende e poteva fare uno squadrone, forse perché i motivi sono più seri di mere vicende tecniche?

    • A parte il fatto che se ha tutte le sue valide ragione, non ha che da dirle.

      Questa uscita di scena è stata il massimo della mancanza di riguardo verso una tifoseria che gli voleva bene, oltre al supportarlo (chiedere a mazzarri).

      E lo è stata sia per i tempi, che per i modi. Scazzi quotidiani a beneficio di telecamera, giornalisti amici che ci mettono il carico (letto zazzaroni oggi?), rapporti con la squadra azzerati, mai uno straccio di spiegazione, e corda tirata fino a ferragosto pur di gonfiarsi il portafogli (perchè facile dei mercanti agli imprenditori, mentre i dipendenti sono sempre dei poveri vessati stacanovisti, n’è vero?).

      Il giorno prima della risoluzione, pensa un po’, stava negoziando il rinnovo contrattuale direttamente con i cinesi, talmente volevano farlo fuori.

      Mi rendo conto che non serve a nulla tornare sull’argomento, ma se addirittura si pretendono delle scuse…

      E comunque non serve a nulla ma il nesso causale c’è: a quest’ora in panchina doveva esserci lui a raccogliere frutti (e relative responsabilità) del suo lavoro; il contropiede con cui ci ha colto lo pagheremo fino a giugno, salvo improbabili miracoli.

  51. voi la chiamate sticazzi league, io penso che specie i cinesi ci tengano e molto: può essere che cambiando mister ritengano di avere più probabilità di fare risultato col Southampton_
    Se perdiamo siamo fuori_
    Chi ci crede?

  52. @ Wolf

    ma infatti, per chiuderla qui su Mancini, lui negoziava con i cinesi e l’indonesiano, che allora aveva credito con la proprietà, lo ha fatto fuori.
    Poi, anch’io sono inca…to per questa situazione perché penso che quest’anno poteva essere un buon anno per noi.

  53. De Boer ha pagato con l’esonero i capricci di Mancini e il suo comportamento inqualificabile.
    Probabilmente ha creduto che quest’estate si fosse stati comunque sul pezzo, come ha fatto lui fino a ieri mattina.

    Personalmente ritengo si sia comportato più da interista lui in questi due mesi, che Mancini in tutti gli anni che ha allenato l’Inter.

    Poi ovviamente non lo è, interista, e probabilmente rimarremo solo un brutto ricordo, ma se penso a quello che è lo stile e l’habitus dell’uomo da Inter,
    ecco, lui l’ha incarnato in pieno, tra l’altro in una situazione non facile.

    In un altro momento, in un altra situazione e, soprattutto, supportato da un’altra dirigenza, aveva tutti i crismi per diventare un uomo simbolo del mondo nerazzurro.
    Ma vabbè, è andata così.

    Se poi qualcuno spera che ci si dimentichi che in tutto questo casino l’innesco si chiama Mancini e che se siamo in questa situazione la colpa è sua,
    dando la responsabilità a chi viene dopo

    beh, spiacente, ma non è così.

    • Totò ti direbbe: ma ci faccia un piacere, e io quoterei…

    • Este,ma quante volte l’ho scritto che di un uomo di merda non bisogna fidarsi e tu e gli altri a darmi torto dicendomi che ero una vedova di Mazzarri…se non fosse per la cara Inter direi, ben vi sta boccaloni ingenui.(con simpatia ovviamente)

  54. http://www.fcinternews.it/in-primo-piano/leonardo-io-dopo-de-boer-mi-fa-piacere-ma-non-sono-il-profilo-ideale-all-inter-serve-una-riorganizzazione-230342

    direi che con questo il discorso Moratti spinge, che ho letto da Intervincit, si possa chiudere tranquillamente.

    per il resto condivido tutto quanto.

    • se ti basta un’intervista di un ex, gigi simoni (e tanti altri) giusto oggi ha detto il contrario.

      Certo, parla di sensazioni sue, ma che sono maturate dai dialoghi avuti di recente con MM.

      Se poi ti piace credere alle favole, chi sono io per dirti che babbo natale non esiste

  55. Il triplete ( Dio lo abbia in gloria) è stato oltre che fonte di felicità e di orgoglio, una specie di condono tombale.
    Chi si ricorda i lunghi anni nei quali Zanetti si presentava alle telecamere, mesto , con la sua voce un pò in falsetto evidenziato dall’inflessione dello spagnolo del sudamerica : “Ci dispiace per i tifosi…”
    Poteva essere una sconfitta in campionato, una uscita da una coppa, non necessariamente un 5 Maggio, ma tante , troppe volte.
    Per gli interisti del nostro gruppo era diventato una specie di tormentone, una bonaria presa per il …
    Dobbiamo tanto a Zanetti, quantomeno per avere tenuto una direzione rettilena, in anni nei quali non si sapeva dove si stesse andando.
    Un poco come oggi, ma allora lui sapeva fare il suo mestiere ( e lo ringraziamo in quanto avrebbe potuto vincere ben altro in altre squadre), ma oggi non so se sia all’altezza del ruolo o se è soltanto una foglia di fico di ben altre responsabilità.

    • Abbiamo tanta rabbia e ora sono tutte finali, dopo la sgroppata di 60 metri conclusa col cross al difensore….

  56. Mancini voleva fiducia e giocatori scelti da lui: riscontrato che non aveva né l”una né gli altri, ha fatto la pantomina estiva per andarsene_ La società ha scelto di cambiarlo, laddove volendo poteva tenerlo: per giunta era sotto contratto_ Questo è solo un rimbalzo di responsabilità: Mancini ha le sue finché è stato in carica, per il dopoMancini le responsabilità sono degli altri_
    La preparazione atletica, infine, anche laddove sia stata sbilenca si può correggere: e tante partite non le abbiamo perse per quello_ Con la juve o con il Toro, per dire, nessuno l”ha tirata in ballo_
    Abbiamo un manicomio al presente, lasciamo stare quello del passato_

  57. scusa Wolf

    con chi parli?

    con me?

    se si a quali favole ti riferisci, perchè per lo più le favole le leggo su qui e non sono io quello che se le inventa, io guardo ai fatti senza interpretarli troppo, tipo quella che mi state propinando adesso, dove c’è uno che non ha combinato un tubo, pur con tutte le attenuanti, che mi viene descritto come il miglior allenatore e come la miglior persona di questo mondo, e questo sulla base di neanche due mesi in cui è riuscito a stabilire il record di sconfitte tra partite di campionato e di coppa e solo perchè non ha detto niente contro, sarebbe da elogiare e da rimpiangere?

    se lui ha fatto al fine di cappuccetto rosso, non è detto che i lupi cattivi siamo noi.

    magari è lui che non vale un cazzo, e su questo abbiamo più di una prova, del tipo le sconfitte in serie con squadre che avremmo dovuto battere facilmente, il suo atteggiamento risoluto che non ha portato a niente se non quello di crearsi dei nemici tra i giocatori da subito, come se non avesse avuto bisogno di nessuno di loro per farsi accettare su due piedi, le sue formazioni farlocche in Europa Legue, le sostituzioni ad minchiam di Eder migliore in campo fino a quel momento e l’unico voglioso di fare bella figura a Genova e di Banega e di Perisic, la difesa a tre alla prima partita, senza sapere quasi un cazzo della squadra.

    a suo favore cosa ci sarebbe?

    i media contro? ma se dopo la gobba hanno scritto tutti che finalmente avevamo un allenatore che ci faceva giocare bene.

    la società lontana?

    e chi ne ha mai avuta una vicina, anche Moratti è sempre stato criticato per quello, di non avere mai difeso l’Inter, e di conseguenza anche i suoi allenatori, dai media che ci hanno sempre massacrati e c’è voluto solo il Mancio per andare a difenderci alla tele, aprendo la strada anche al Mou, se no chi cazzo ha mai detto bà a quella gente lì? nessuno, tranne quelli che adesso sono meno Interisti di un povero olandese bistrattato da tutti.

    oh, poteva anche difendersi anche in olandese se voleva, invece di incassare tutto come un pungibal…

    • mah, non ho capito tutto sto pippardone. io ti avevo scritto solo e soltanto in merito alla tua affermazione per cui MM è ormai totalmente estraneo ai processi decisionali dell’inda. tu avevi citato le parole di leonardo, io per replicarti ho richiamato quelle di simoni

      cosa c’entri la difesa a 3 o la lite con eder lo sai solo tu

  58. A me non sembra che nessuno stia dicendo che FdB sia il miglior allenatore sulla faccia della terra. Si dice solo che ha preso in mano una squadra nevrotica che non conosceva, piena di giocatori che non conosceva, in un campionato che non conosceva, e che quindi perlamiserialadra qualche attenuante ce l’avrà avuta.
    Si sta anche dicendo che è stato impallinato quotidianamente e nessuno l’ha mai difeso.
    Si è anche detto che sì vabbè, qualche giocatore gli si è rivoltato contro.
    In particolare:
    – Brozovic che era scazzato perchè forse voleva andare via e quindi quando ha giocato ha camminato;
    – Kondogbia che è stato sostituito dopo neanche 30 minuti perchè è una pippa che gioca da pippa
    – Eder, che si permette di andarsene arrabbiato dopo che ha segnato 2 goal in un campionato
    Su Gabigol non so che dire: magari il prossimo allenatore lo lancia nella mischia e ci fa vincere lo scudetto. Oppure, lo lancia nella mischia, lui non ci capirà una mazza, farà 4 partite, inizieremo a insultarlo e lo venderemo l’anno prossimo a 15 milioni al Real. Dove ovviamente diventerà un fenomeno.
    Non rigiriamoci la frittata come più ci conviene: FdB non sarà stato un fenomeno ma non era un brocco e se le cose non sono andate non ne ha certo tutte (ma neanche la maggioranza) le colpe

  59. Zanetti dirigente è una grande delusione

    Umanamente 10 e lode, persona meravigliosa
    ma credo che sia caratterialmente incapace di prendere una posizione autonoma, netta e chiara.
    Forse era così anche nello spogliatoio.

    Quanto ci manca un leader, non maximo, anche minimo.

    E la prossima volta che sento Tronchetti Provera che parla di come si dirige l’Inter spero vengano i marziani e seloportinovia.

  60. Sul fatto che Moratti non abbia più potere decisionale non ho intenzione di intavolare una discussione in quanto non potrei mai provare concretamente se sia vero o meno,sono solo delle mie riflessioni trascritte su un blog. Certo mi sembrerebbe strano che Suning chieda a Thohir cosa succede o qualche dettaglio tecnico,come non credo lo chieda al signor nessuno Ausilio,probabilmente al figlioccio di Moratti l’ex capitano Zanetti, ma sarebbe come ascoltare una registrazione del suo papà putativo. Molto più semplice che Suning sia andato alla fonte e lui ha combinato il solito casino con il suo giochetto preferito,il mangia allenatori.Il film che abbiamo già visto e rivisto.

  61. Wolf,

    è che ne ho approfittato per metterci dentro anche quello che avevo letto nei commenti precedenti al tuo, io ho letto solo quella di Leonardo che smentisce le illazioni su Moratti che lo avrebbe voluto come allenatore spiegando per filo e per segno cosa veramente serva oggi all’Inter, e cioè non un allenatore mandato allo sbaraglio ma una società seria che sappia quello che vuole, e non che se lo debba far dire da figure che fanno solo i loro interessi.

    io ho l’abitudine di dire gatto solo se ce l’ho nel sacco, come diceva il Trap, per cui non mi entusiasmo facilmente se arriva un allenatore nuovo che mi fa giocare bene la squadra ma perde, ne mi entusiasmo se uno dei nuovi arrivati, oppure tutti, mi fanno un paio di belle partite, perchè poi ne devono fare ancora una quarantina ed ho tutto il tempo di giudicarli e quindi aspetto ad unirmi al coro per elogiarli.

    come non ho l’abitudine di dire che uno è un brocco dopo un paio di partite ne di criticare uno solo perchè non mi è simpatico, perchè non è la simpatia quella che mi aspetto da un calciatore o da un allenatore e quindi non giudico il suo operato a pelle ma per quello che vedo e onestamente in questo DB non ci ho visto un gran che a livello tecnico, perchè se per fare giocare bene una squadra bisogna rischiare di prenderne quattro o cinque ogni partita, non mi sembra una gran filosofia di gioco, preferisco quella del Trap del primo non prenderle, anche se meno spettacolare ma più redditizia.

    mi spiace per lui ma mi spiace di più per noi e per l’Inter, ma non mi vergogno se abbiamo una dirigenza un pò cazzona, sono altri i motivi per cui ci potremmo vergognare, ma finora, da che esiste l’Inter, non ce hanno dato mai nemmeno uno e spero che continuino, anche se quel Kia del cazzo lì non mi fa presagire niente di buono.

  62. ma la partita di domani interessa solo a me? sarà una bolgia con ritmo indiavolato: che faranno i nostri? Non abbiamo nessuna possibilità?

    • Acanfora

      ho visto le quote, l’Inter la danno a più di 5/1 e il pareggio quasi a 4/1.

      non ci crede nessuno…

      o solo tu

    • penso finirà come Lokomotiv Mosca – Inter di qualche anno fa, con il traghettatore Corrado Verdelli in panchina dopo l’esonero di Cuper

    • Nessuna. Poi, si sa, il calcio è strano. Ma dove possano recuperare orgoglio, spirito di gruppo, motivazioni non è dato sapere. Oltre al fatto che si riparla di Ranocchia, e che il nostro centrocampo l’è quel che l’è.

    • Ascolta, nessuno (io, perlomeno) ne parla perchè la paura folle di un’imbarcata tipo derby 6-0 ce l’abbiamo (io cel’ho).
      Non ricordo se l’ho già detto, ma non ricordo (bis) di aver mai sofferto e patito tanto per la MIA squadra.
      Mi fa paura.
      Poi sto male (beh, un po’ esagero, sia chiaro) la notte tra domenica e lunedì.
      Mi incazzo di brutto il lunedì.
      Vado in totale paturnia il martedì.
      Il mercoledì (da qualche anno, ormai…) comincio a calmarmi.
      Random, qualche giovedì mi ri-monta l’angoscia – prima – e la sofferenza/patimento poi.
      Poi c’è solo il venerdì per avvicinarsi al sabatocheprecedeladomanica.
      E ricomincia il giro.

      Chevvedevodì?

      FORZA INTER.
      Sempre, e comunque.

    • Ah, ho scordato di dire che – ovviamente e rabbrividendo – domani sera guarderò.

      FORZA INTER

      (sic transit intellighenzia mea. Accetto correzioni sul latinorum, NON sul fatto che guarderò. Adoro il trash).

  63. No, scusate, non ho capito:

    gli ha proposto 2 volte il rinnovo, poi è sparito.

    Sparito dove? In una buca? Nell’iperspazio? Non è che, a spanne eh, era in Indonesia?
    E poi, solo per regolarmi, quante volte, di prassi, si propone un rinnovo? 10-15, quante?

    Ah, quindi non voleva Erkin, Ansaldi e Banega.
    Ossia due parametri zero, di cui uno nel giro della Nazionale argentina e vincitore dell’Europa League.

    Ma anche fosse: Banega è stato preso che ancora il campionato doveva finire, Erkin e Ansaldi sono stati presi prima del ritiro.

    Come mai è andato via quasi due mesi dopo?

    Ritorniamo alla scusa dello scazzo con Kia.
    Meglio, vah

  64. Leggo un sacco di stupidate quando si tenta di giustificare l’insuccesso di FDB, contro il quale non ho niente di personale ma semplicemente faccio delle constatazioni.
    Mi dispiace rovinarvi la cena ma devo citare nuovamente Mancini.
    Quando il Mancio a quasi 37 anni, aveva deciso di fare l’allenatore ed un giorno andare ad allenare in Inghilterra, dove lui pensava di accrescere il suo bagaglio tecnico. Cosa ha fatto? è andato a giocare in una squadretta inglese (quella allenata oggi da Ranieri) non certo per vincere qualcosa ma per conoscere da vicino il calcio inglese ma soprattutto imparare la lingua inglese, per essere poi pronto ad una eventuale chiamata, senza fare la figura del pesce fuor d’acqua.
    Cosi pensa un GRANDE in qualsiasi campo lavori. Così ragiona una persona che vuole stare sempre tra i primi.
    Torniamo a FDB. Sono due anni che l’indonesiano ne parla sotto voce (e non tanto). Una persona intelligente cosa avrebbe fatto? Come minimo avrebbe dovuto pensare vuoi vedere che questi con tanti allenatori in Italia vengono a prendere proprio me. Forse è bene che cominci ad imparare un po’ di italiano, forse è il caso che mi documenti sulle caratteristiche che hanno i giocatori dell’Inter e via di questo passo.
    Questo signore non ha fatto niente di tutto questo, dimostrando di non essere un grande professionista.
    Quindi per favore basta giustificazioni . Un grande avrebbe risposto grazie, datemi il tempo che mi documenti e impari la vostra lingua, ne riparliamo l’anno prossimo.
    Ultima osservazione, chiunque segue un po’ il calcio, oggi, conosce la differenza che passa tra il Barcellona e il Real Madrid oppure Bayer o la Juve o le migliori squadre inglesi.
    Qualsiasi appassionato di calcio conosce le caratteristiche dei giocatori di tutte le grandi società e l’Inter fa parte di queste. Solo FDB non conosceva i giocatori dell’Inter aveva bisogno di tempo. Ma per piacere.
    Allora Lippi, con questa logica, i primi risultati in Cina li avrà fra’ tre o quattro
    anni.
    Pertanto, trovate altre scuse per giustificarlo perché quelle fino ad ora escogitate
    non sono efficaci.
    forza Inter e sempre grande Mancio, buona notte

    • Ti faccio presente che la lingua più parlata dei giocatori titolari dell inter non è l’italiano ma lo spagnolo e fdb lo,parla benissimo, come,parla benissimo l’inglese.che poi sia importante sapere l’italiano altrimenti Costacurta si annoia a seguirlo durante le interviste sinceramente non mi sembra così importante. In una societa in cui la
      Proprietà di italiano sa solo dire fozza inda e i giocatori italiani sono solo 4 in rosa la lingua autoctona credo sia l’ultimo dei problemi.

  65. (thadave, quando puoi – meglio presto – aggiorna l’ora che adesso siamo nel solare, non nel legale.
    Grazie.
    Che se no corso46 e wolf e este litigano anche su questo.
    E questo – come si capisce peraltro da questa mia – è uno spazio dedicato a piangere, ridere e dire cazzate.
    Non si può usarlo per dimostrare chi ce l’ha più lungo.)

    • caro grigio47,

      quasi mio coetaneo e perciò saggio al contrario mio che nonostante l’età non so dove stia di casa la saggezza, non crederai davvero che io mi incazzi sul serio quando battibecco con quelli del blog, è solo un modo per dire la mia su quello che si è appena visto (la partita) oppure su quello che si sta discutendo oramai da sempre, vale a dire l’Inter in generale e di chi ne fa o ne ha fatto parte.

      ognuno ha il suo modo di interloquire con gli altri, ci sono quelli come te che assistono ai battibecchi e fanno le loro osservazioni, oppure le fanno fregandosene di quello che dicono gli altri facendone delle proprie una tantum e gli sta bene così, ed anche a me perchè come te ce ne sono altri che la buttano lì en passant come Bandini, Vittorio e molti altri che più di due righe non fanno senza entrare in polemica con nessuno e a volte riescono a dire più loro in due righe che quelli come me che si perdono in discussioni infinite, ma non per dimostrare chi ce l’ha più lungo o più duro, ma solo per passatempo e per approfondire determinati argomenti arricchendo con notizie nuove le querelle infinite, per dare modo agli altri che le leggono, se interessati, ad essere meglio informati sentendo più campane, in modo da potere formulare un giudizio sulle persone in discussione più completo.

      dato che ogni giorno ne esce una nuova, sia che venga da qui o dai media, ritornare su argomenti già discussi cento volte non è per il piacere di litigare, ma perchè penso che una determinata notizia o osservazione di uno del blog, possa far pendere la bilancia dalla parte mia, per quello la cito o la quoto.

      di tutto questo immagino te ne freghi meno di zero, avendo intendimenti diversi su come stare su un blog, ma il fatto di essere quasi coetanei non presuppone che si debba pensarla allo stesso modo.

      preciso che se ti ho risposto non è per amore della polemica ne per litigare anche con te, ci mancherebbe anche questa, ma dal momento che mi hai citato la trovo una forma di cortesia nei tuoi confronti, sennò sembrerebbe che di quello che hai scritto non me ne frega un tubo, il che non è vero, io leggo tutto e tutti con il medesimo piacere, non faccio girare rotelline nemmeno quando, leggendo il nick, so che uno mi insulterà.

  66. Cioè, vediamo se ho capito:
    un professionista serio allena una squadra (l’Ajax nella fattispecie), ma deve imparare la lingua della prossima squadra che, senza essere manco stato contattato (si tratta solo di elogi), dovrebbe, ma forse anche no, andare ad allenare?

    Molto professionale, sì, sì.
    Alleni una squadra ma pensi alla prossima.
    Non fa una piega.

    Dai, su, questa le batte tutte.

  67. Dai lasciamo stare Zazzaroni, non vale neanche la pena commentarlo….altrimenti vale tutto……noi facciamo ridere sia chiaro ma certi pseudogiornalisti non vanno considerati a prescindere…..

  68. @grigio 08.57 cioè 07.57 vere

    stai benissimo, niente di che, semplici sintomi da interismo acuto: il problema è la cura_ Basterebbero 3 vittoria di fila: magari per ottembre 4014..

  69. con gli zombies ci voleva il paletto di frassino o la pallottola d’argento?

    non mi ricordo più

    • la pallottola d’argento è per i lupi mannari.

      il paletto di frassino è per i vampiri.

      per gli zombi non saprei, però so quello che ci vorrebbe per certi pirla…

  70. Ho detto un’altra cosa. Un professionista serio e ambizioso quando sente il suo nome che gira per l’ Europa calcistica o si aggiorna oppure contento di allenare nel suo paesello se ne stia lì. Ringrazi il notaio e rifiuti l’offerta. Così il pacco resta agli olandesi.
    Buona notte

  71. la colpa della crisi e’ di Moggi e degli arbitri venduti! Non dimentichiamolo mai!

  72. Se in fabbrica, in ufficio o in qualsiasi altro ambito lavorativo i subalterni non si attengono alle disposizioni produttive dei capi reparto, capi ufficio et similia, vengono semplicemente redarguiti ed indirizzati sulla “retta via” (condivisa o meno) pena l’allontanamento dal proprio posto di lavoro e spostamento ad altre mansioni.
    E’ mai possibile che nel calcio (è storia antica, ormai) a pagare il prezzo più alto sia sempre e soltanto l’allenatore, quando è palese che quelli in campo sono una massa di indecenti giocatori strapagati e straviziati?
    Ricordo solo io che Mourinho esiliò in tribuna Balotelli o rispedì a casa Adriano per comportamenti non debitamente consoni ad uno che si ritiene professionista?
    Ribadisco, mi spiace troppo per De Boer ma mi dispiace di più vedere quei pirla sgambettare sul prato indossando una maglia di cui non sono degni.
    Comunque forza Inter e forza Vecchi, spaccagli la schiena a ‘sti pirloni.

    • Si è possibile, e penso che tu lo sappia benissimo. Il motivo è che i normali lavoratori dipendenti devono portare a casa uno stipendio per mantenere se stessi e la propria famiglia, e “l’allontanamento” come lo chiami tu è un dramma personale e famigliare da evitare ad ogni costo…. invece i calciatori dell’Inter hanno redditi a 6 zeri e patrimoni personali che superano facilmente i 20 milioni di euro, e se li “attacchi al muro” mettendo un capoufficio nello spogliatoio (come molti vorrebbero) questi se ne sbattono perché hanno già risolto da tempo i problemi economici e le legittime ambizioni di notorietà, e i loro agenti ci mettono 30 minuti a trovare una controparte disposta ad offrire un nuovo lauto compenso per le loro prestazioni sportive. Le leve per ottenere il massimo delle performances dai calciatori professionisti sono altre e non certo le “urla nello spogliatoio”. Mourinho metteva anche fuori squadra in certi casi estremi, ma sapeva soprattutto parlare ai giocatori.

  73. Quindi immagino che Mancini, quando è andato al Galatasaray sapesse già il turco.
    Che non si sa mai.

  74. Tra l’altro, quando Mancini subentrò a Mazzarri, non è che fece molto meglio di De Boer in quello scorcio di campionato.
    E lui era riuscito anche a fare mercato, cosa che FDB non ha potuto fare.

    Se ci si fosse basato solo su quello, senza pensare all’attenuante che la squadra veniva dal medioevo di Mazzarri, Mancini, dati alla mano, avrebbe dovuto essere esonerato senza se e senza ma.

    • mettiamo come dici te che le colpe siano tutte di Mancini, cosa hai risolto?
      domani non ci presentiamo nemmeno in campo?

    • come per l’appunto avrebbe dovuto, chè una dirigenza professionale previdente si sarebbe accorta subito della piaga bibilica che s’era tirata in casa

  75. No, però può essere utile tenere presente di chi sono le responsabilità, onde evitare di dare la colpa a De Boer, poi a Vecchi, poi a chi verrà.

    E così magari ci evitiamo le stronzate, tipo l’esonero o il triplo allenatore in una settimana.
    Sarebbe bastato tenere presente perché DB ha incontrato certe difficoltà, ci vuol mica un paragonata.

    Certo, se poi diamo anche corda, per non dire di doverci addirittura scusare (!!!), nei confronti chi ci ha messo in questa situazione e a coloro che hanno permesso che succedesse, la vedo molto difficile uscirne.

  76. Viste le amnesie ricorrenti, e non parlo di Mancini, all’Inter un paragnosta ci starebbe bene! Tanto per dire: hai visto quel paragnosta del nostro presidente..?

  77. ma immaginate come avremmo vissuto meglio se l’inter non avesse ingaggiato mancini ?
    certo di che avremmo parlato… mah

  78. società : se non trova posto al milan maldini, che è una delle figure più straordinarie degli ultimi 30 anni del nostro calcio, evidentemente significa che le figurine non contano una mazza; nedved alla juve fa scena, antognoni è stato allontanato a più riprese dalla fiorentina, bruno conti alla roma era contorno; povero zanetti è stato quasi costretto (da moratti) ad incarnare una figura per cui non è tagliato, qui ci vuole un delinquente, spregiudicato o pregiudicato, non un signorino; moggi aveva appoggi nelle televisioni, si circondava di loschi figuri che gli facevano domande con la risposta già pronta, per non parlare dei quotidiani; all’inter dell’ultimo decennio comandavano cambiasso e samuel che erano troppo intelligenti per mostrarlo ed allora mandavano avanti zanetti, ma ora non è roba sua;
    proprietà : mi sa che voi consideriate un pò troppo folkloristici i cinesi, io non credo siano quelli che sfilano dentro il dragone durante il carnevale o che siano quelli che appendono le lanterne rosse fuori ai negozi; secondo me se si rompono un altro pò i maroni vengono qui e fanno tremare i muri, per noi l’inter è passione, per loro sono soldi;
    squadra : non ricordo quale accompagnatore disse che i calciatori lasciati soli non sarebbero capaci di trovare la fila da fare in aeroporto, figuriamoci un biglietto aereo, si tratta per la maggior parte di gentaglia dotata di un’ignoranza grassa (si dice che vieri ripetesse ossessivamente, in qualunque momento della giornata, alzando le spalle : “mporta figa !!”, che credo voglia dire “chi se ne frega”, anche in assenza di qualunque domanda o sollecitazione al dialogo) e la parte restante restante sarebbe capace di cambiare squadra, tifosi, obiettivi e stadio in cambio di qualche euro.
    la parte migliore del calcio siamo noi, noi che non cambiamo squadra da tifare per tutta una vita, che siamo capaci di piegare alla nostra passione mogli e figli, che organizziamo i turni di lavoro incastrandoli con le folli leggi orarie del calcio, che organizziamo le ferie estive facendole corrispondere ai primi impegni della “nuova” rosa, noi che stiamo alle 00,14 di mercoledì notte a scrivere e leggere questo fantastico libro di appunti amorosi che è questo blog…insomma un pò di autoreferenzialità non guasta !

  79. le piaghe bibliche qualcuno le ha nel cervello.

    la squadra che Mancini ha avuto da Mazzarri aveva nelle sue file difensori come Jonathan, Dodò, Campagnaro, Vidic, Ranocchia e JJ, come centrocampisti Hernanes, Kuzmanovic , Kovacic e Guarin e come attaccanti Osvaldo e Palacio.

    di tutti questi DB si è ritrovato Ranocchia solo perchè la Samp ci ha risposto no grazie, tenetevelo pure voi, e Palacio perchè per darlo via bisognava regalarlo, però, si è lamentato lo stesso per via che in rosa erano in troppi e non sapeva chi fare giocare a centro campo tra Brozovic, Medel, J.Mario, Banega Gnoukuri e Kondogbia e quindi, per togliersi il pensiero, ne ha eliminati due in un colpo solo, così non doveva più scervellarsi, mentre in difesa poteva mettere Miranda e Murillo, e in attacco Perisic e Candreva oltre ad Icardi, che aveva anche il Mancio ma che non ho messo tra gli scarsoni anche se ci sarebbe potuto stare, visto che è capace di segnare gol che chiunque altro al suo posto metterebbe dentro anche con il culo.

    se qualcuno non ci vede nessuna differenza è solo perchè ha davvero le piaghe bibliche nel cervello. oppure parla solo per partito preso, giusto per dare contro a Mancini, in tutti e due i casi, fa solo pena.

  80. Ah, ma se aveva una squadra tanto più forte, come mai se n’è andato per gli acquisti?

    (questo per dire la cifra delle ipotesi che vengono avanzate, pur di difendere l’indifendibile)

  81. io mi stavo riferendo alla squadra che si sono trovati tra le mani lui e DB, era questo il paragone tra i due, e non ci piove che quella di quest’anno è molto più forte di quella che il Mancio ha ereditato da Mazzarri.

    per cui non svicoliamo come al solito.

  82. Ma svicolare cosa?
    A me sembra di essere stato molto preciso:

    se la squadra è migliore di quella che ha ereditato da Mazzarri (e lì ha accettato), perché si è lamentato degli acquisti?

    Ma che ci vuole a dire che come era colpa di Mazzarri l’anno che è subentrato lui, stavolta è colpa sua e non di De Boer?

    Sennò si fanno due pesi e due misure.

    • io ho dato la colpa a DB?

      mi sa che siamo fuori strada, io ho sempre detto che quello che sta succedendo non è colpa di Mancini, ma non è che per esclusione allora la colpa è di DB, sono due cose diverse.

  83. tipo 25 acquisti per bocciarne 20,col picco del fantastico mercato della remuntada invernale 2015

    più che l’ingaggio gli pagavamo il pizzo

    • più che da un Interista certi commenti sembrano venire da una checca di mezza età isterica (ricorda qualcosa?) e inacidita che se la prende con il mondo Inter(o) perchè non se la fila più nessuno.

      fosse solo il Mancio quello preso di mira si potrebbe anche chiudere un occhio e sopportarla, ma essendo lui l’ultimo di una lunga serie ininterrotta partendo da Leonardo, Gasperini, Ranieri, Stramaccioni e Mazzarri, a cui si possono aggiungere l’ex Presidente Moratti e i suoi collaboratori, bravi dal 2006 al 2010 e interdetti da lì in poi, significa che la mezza checca ha raggiunto un punto di non ritorno e potrà solo peggiorare.

      da notare che l’unico che ha difeso è stato Benitez, quello che prendendosi la squadra che aveva appena vinto il triplete è riuscito nella bella impresa di disfarla in un paio di mesi.

      che acume…

  84. Este, ma si può sapere cosa ti ha fatto Mancini da avercela sempre e comunque con lui ?
    Avrà sicuramente le sue responsabilità, ma qui si va molto oltre e questa ossessiva ricerca di un solo colpevole non aiuta noi tifosi né a rasserenarci né ad essere più ottimisti.
    Se oggi siamo a questo punto, con il rischio di una stagione già mezza fallita, non è certo per Mancini, ma per una dirigenza manovrata da un presidente incompetente, aiutato da una cricca di affaristi, che ad agosto (!) ha deciso di cambiare allenatore affidandosi ad un tecnico non adatto, per le tempistiche, al nostro campionato.
    A ciò aggiungiamo la disorganizzazione societaria che abbiamo ridetto tante volte e che lo stesso Thoir non ha assolutamente risolto per l’ ambito sportivo e la frittata è servita.
    Io continuo a dire che Mancini era l’unico a capire di calcio in questa società e questo, beninteso, non è tanto un merito suo quanto un’ enorme lacuna di una società che vorrebbe essere tra le prime dieci al mondo.

  85. Tornando al casting di corso Vittorio Emanuele…

    Tra il nonno di FdB (Hiddink) e l’inadeguato Pioli, prende quota la candidatura dello spagnolo Marcelino Garcia Toral, caldeggiato da Kia Joorocomecazzosi chiamachian…

    Marcelino è stato esonerato ad inizio stagione dal Villareal, dopo la clamorosa rissa scaturita nello spogliatoio, per aver osato togliere la fascia di capitano a tale Musacchio…

    Icardi tremerà… dovrà assoldare i 100 teppisti delle pampas? 🙂

  86. Hiddink per sei mesi…. o facciamo boom o baratro.. ma nel baratro ci siamo già… Almeno vedremo se ste merde sanno giocare al calcio

  87. Scherzi a parte… Marcelino fa il 4-4-2 o il 4-4-1-1…

    Squadra compatta e probabile utilizzo di Banega più vicino a Icardi…

    Ma non so se abbia mai allenato fuori dalla Spagna

    • Già.
      Ma avrà studiato l’italiano?
      O gli basta lo spagnolo, viste le provenienze dei bimbi?
      E con gli slavi come la mette? Che quanto a permalosità non sono secondi a nessuno, mi sa.

      (cazzeggio in attesa della serata)

      (ah, Corso: sai perchè sembro più tranquillo di te? Perchè leggo le tue che – spesso – sono anche un po’ mie e mi dico “ma no, dai, così non si può…” e allora faccio il terzo esterno. Si capisce, spero)

  88. Scusate: anche voi non riuscite ad accedere al sito ufficiale dell’Inter?
    Hanno così vergogna da autocancellarsi o è il mio PC che non li regge?

    • Come non detto. Adesso va (anche se per quello che dice potrebbe farne a meno. Colpa mia che ci guardo comunque)

  89. Ma come sarebbe a dire ‘che mi ha fatto’?
    L’abbiamo detto mille volte, e non ce ne sarebbe dovuto essere bisogno:

    t’ha mollato a 10 giorni dal campionato per capricci che non si è mai neanche degnato di spiegare ai tifosi.
    Ed ora, non solo abbiamo dovuto far fronte a mille problemi

    (lasciamo perdere che li abbiamo fronteggiati nel modo peggiore possibile, ma certi problemi ce li ha dati lui, col suo comportamento e le sue tempistiche, mica io)

    ma, cosa a suo modo ancora più grave, continuiamo a bruciare allenatori che, magari, senza le criticità conseguenti agli isterismi estivi, potevano far partire dei progetti seri, professionali, veri.

    E, non contento, ha anche preteso una buonuscita che pochi mesi prima aveva assicurato di non volere.

  90. Grande confusione sotto il sole ed aria depressa per non dir di peggio nel blog col corredo di polemiche sempre più astiose. C’è perfino chi si augura un salutare bagno purificatore nelle onde dalla B e chi propone la messa al rogo di figure carismatiche come Zanetti e Moratti, che meriterebbero la santificazione solo per non aver rotto definitivamente i rapporti con una pazza società a cui tanto hanno dato. Anche Sector, che sempre apprezzo per la vena ironica che sempre percorre i suoi post, nella pur esatta narrazione delle confuse vicende di cui siamo stati spettatori, mi sembra mostri in quest’ultimo lungo post, la tendenza a drammatizzare troppo la vicenda, con un tono lontano dalle sue corde migliori.
    A mio parere, nell’attuale situazione, sarebbe necessario
    un briciolo di realismo e, perché no?, di ottimismo, ricordando che il calcio è un gioco e che il cambio di allenatore fa parte del gioco, un modo un po’ traumatico ma a volte necessario per risolvere situazioni diventate insostenibili, meno dannoso , perché tocca solo il portafoglio, di certe rotture tra coppie in cui volano piatti e improperi. Io mi sono stufato di assistere da mesi a partite indecenti della mia squadra, costretto più di una volta a cambiar canale a metà partita per evitare di lanciare il telecomando contro il televisore e siccome non posso cambiare squadra, né comprarmela per punire dirigenza e calciatori per la sofferenza che mi procurano, faccio voti che almeno cambino l’allenatore, sognando di trovarne almeno uno alla Montella che riporti un minimo d’ordine all’interno della squadra e un minimo di tranquillità e di piacere alle mie serate domenicali. Chiedo troppo? Capisco che molti tifosi vadano a nozze quando si verificano queste situazioni, foriere di polemiche a non finire in cui possano mettere in mostra le loro capacità dialettiche. A me il calcio interessa soprattutto per quei novanta minuti, che sanno darmi emozioni uniche e se questo non si realizza non ha più senso il calcio, molto meglio un buon libro o un buon film. Sono considerazioni banali ma di buon senso che credo molti condivideranno.
    Quanto all’ottimismo, sono curioso di vedere come Vecchi metterà in campo la squadra e siccome lo ritengo allenatore assai prudente, ben inserito nell’ambiente e soprattutto rispettoso della tradizione difensivistica della nostra squadra, credo che saprà trovare nella misura del possibile e con i giocatori a sua disposizione speriamo più responsabili, le giuste distanze tra i reparti e quell’equilibrio a centrocampo che l’olandese solo in rare occasioni ha saputo trovare. Infine ricordiamoci che gli allenatori passano ma l’Inter resta e il cambio di allenatore non è qualcosa di cui vergognarsi ma rientra nelle possibilità previste per rinforzare e non per indebolire la nostra squadra, che è l’unica cosa che dovrebbe starci a cuore.

  91. continuate a litigare per mancini-de boer-mazzarri, ecc. quando il problema è a monte
    con la struttura attuale nessun allenatore riuscirà a fare bene, alle prime difficoltà emergerà nuovamente tutto il marcio
    spiace dirlo ma per me l’era di zanetti-ausilio-moratti-tronchetti-thohir dovrebbe finire subito
    preferisco uno come kia uomo solo al comando che fa le sue scelte per conto di suning e si contorna di uomini fidati e non le 3-4 fazioni presenti attualmente

    • io no, perchè quelli come il Kia assomigliano troppo a quelli della triade e per arrivare a ottenere certi risultati sono capaci di tutto e non vorrei fare la stessa fine della gobba, azzerando in un colpo solo tutto quello che ci differenzia da loro.

      poi che ci sia questa lotta interna è tutto da dimostrare in quanto non so a chi giovi, perchè avere fatto fuori apposta DB non ha reso un bel servizio a nessuno e la figura di merda l’hanno fatta tutti, compresi i presunti killer.

      c’è solo un gran casino dovuto ai due passaggi di proprietà in breve tempo, con dei ruoli non ancora ben definiti in quanto certi dirigenti sono in scadenza contrattuale e quelli del Suning vorrebbero vederci chiaro prima di confermare o a non rinnovare certi contratti.

    • @corso
      ma perchè, tu conosci kia personalmente? sai che è il diavolo in persona come lo dipingi?

      Oppure ogni scusa è buona per dargli contro visto che lo reputi l’artefice della prematura dipartita del mesciato?

      Sul fatto che la cacciata di DB non abbia giovato a MM, beh, ammiro il tuo candore, ma è del tutto chiaro che thohir (e relativi sottoposti) ne esca da cioccolataio. L’estabilishement morattiano ora ha tutte le sue ragioni di dire “dovevate dare retta a me, quindi la prossima volta date retta a me”. In questi mesi sono volati spifferi come non era mai successo negli ultimi anni, ma come era frequente in passato: certi canali non si chiudono. Gli attacchi mediatici questa volta erano ben coordinati, così come le continue interviste da marciapiede all’insegna dello scetticismo, per non parlare della sua diretta emanazione, JZ, che dal coro di conferme all’allenatore si è tenuto ben distante, e che non ha mai speso una parola di elogio nemmeno agli inizi o dopo la vittoria con i gobbi

      Addetti ai lavori, fra cui ex interisti come simoni e ferri, hanno spiegato chiaramente la situazione, ma senza fare troppe dietrologie, lo stesso dirigente di Suning, Yang Yang, ha confermato la forte presenza di MM nei processi decisionali interni. E prima che innesti un metodo boffo pure contro Yang Yang, sappi che nel dir ciò non intendeva che Mm si intromette, intendeva dire che i suoi “servigi consulenziali” sono richiesti da Suning stessa.

      Se a questo sommi il fatto che il presidente in carica è in realtà thohir, e che DB è stato una scelta di quest’ultimo, basta fare 2+2 per trarre le relative conclusioni.

      Ma non ti agitare, non voglio mettere in croce Moratti; penso che fra lui e l’indonesiano sia proprio l’indonesiano a doversi fare da parte, per un semplice motivo: il suo apporto positivo in termini economici e finanziari non occorre più, perchè c’è già Suning che può adempiervi e anche meglio, mentre l’apporto di una figura ben inserita nel calcio milanese, italiano ed europeo, è essenziale.

      La vicenda DB, effettivamente, può segnare un’importante svolta in questa direzione, anche se la morte del papà di thohir (sincere condoglianze) inevitabilmente congela momentaneamente la cosa.

  92. Il punto avvilente non e’ stato tanto esonerare Frank, quanto averlo fatto dopo una conferenza “urbi et orbi” in cui lo si confermava, “perche’ la societa’ non si ferma ai risultati, ma guarda il comportamento della squadra, l’idea di gioco ecc. ecc.”_ Nessuno impediva ai nostri gran capi di dire, anzi di ribadire, visto che era quello il refrain fino a venerdi’ scorso, che so, “DB ha la nostra fiducia ma come tutti e’ legato ai risultati”= quantomeno non si coprivano di ridicolo.
    Alla luce degli avvenimenti successivi e’ proprio Zanetti quello che cade in piedi.
    Ma tant’e’; adesso si e’ voltata pagina, con sollievo dei giocatori, da quel che si legge.
    Vediamo se Vecchi o chi per lui riuscira’ a meglio assemblarli ed a creare una squadra che si muova insieme ed in cui i nostrio si aiutino vicendevolmente, senza giocare per se’.
    Ricordo che anche il precampionato di Mancini e’ stato disastroso, con scoppole prese da tutti, talchè e’ il caso di farsi domande, oltre che sulla preparazione atletica o bravura/sciagura dei vari mister, sulla consistenza e valore dei nostri giocatori che di top, per ora, hanno dimostrato di avere solo lo stipendio.

  93. Per una volta voglio scrivere qualcosa di personale che riguarda me e l’Inter. Forse non dirà niente a nessuno, per cui potete tranquillamente saltare al prossimo post, non mi offendo. E scusatemi sin da adesso se avrete perso tempo a leggermi.

    Oggi è il mio compleanno e da quando ero piccolo questa data e l’amore incondizionato per questi coloro sono andati di pari passo. Negli anni 70 ero bambino e non so per quale motivo, ma forse perché il calendario del campionato era compilato “cum grano salis”, quasi sempre nel giorno del mio compleanno c’era o Inter- Juve o Inter- Milan , ed era derby in famiglia con mio fratello . Oppure era il turno delle coppe. Ed erano dispiaceri ed epiche vittorie. E mi rivedo lì bambinetto, con la radiolina attaccata ad un orecchio, piena di fruscio e cattiva ricezione della modulazione d’ampiezza delle trasmissioni radio (la FM doveva ancora arrivare), e con l’altro orecchio appoggiato al frigo della cucina , ad immaginare Mazzola, Facchetti, il mio idolo Boninsegna, correre e lottare per quei colori a 500 km da casa mia. E ad un mio compleanno mio zio, tenace juventino, mi regalò il completo col numero 9 : maglia, pantaloncini calzettoni, scarpini e sacco nerazzurro. Non ricordo più cosa mi abbiano regalato alla Comunione, alla Cresima, al matrimonio, di tutti i regali della mia vita ricordo solo quello: il completo dell’ Inter dello zio gobbo.- Erano i tempi in cui i ragazzini giocavano ancora nelle piazzette, ed ad ogni occasione , sia col caldo che col freddo, io scendevo davanti la chiesa con quella maglia n. 9 a maniche lunghe e pantaloncini. Sì io dovevo essere l’Inter, non importava se il giorno prima avevamo perso: c’era una maglia, una fede da difendere, e io lo facevo. Poggiavo gli occhiali dietro un pilastro della chiesa e immediatamente ero già Bonimba, stessi capelli lunghi e lisci, e col mio amico Pierluigi , emulo di Corso, con tanto di calzettoni scesi sulle caviglie, eravamo il centravanti e l’ala sinistra. I miei compleanni sono come l’Inter : poteva essere il giorno del paradiso oppure dell’ inferno. E’ stato il ritorno di Inter- Borussia (dopo la partita della lattina) con la qualificazione, 4 anni fa è stata la deflorazione dello Stadium, oggi non lo so. Ma sarà per sempre la mia Inter, l’Inferno e il Paradiso.

    • La radiolina gracchiante… Quelli sono anche i miei ricordi domenicali e infrasettimanali.
      E oggi quando vedo i miei figli incavolarsi perché non possono vedere la Roma o la Lazio (e sì, m’è toccata ‘sta storia) su Sky Sport 1 mi sale un nervoso…

  94. bellissima Gibson_
    un tuffo nei ricordi: le mie giornate di infanzia sono state del tutto simili alle tue_

  95. Prima di mettere questo post ho fatto una ricerca con F3 per vedere se qualcuno lo aveva già scrito : Materazzi.
    Lo so, lo so , è politicamente scorrettissimo, e lontanissimo da qualsiasi tipo di soluzione, ma la soddisfazione di appendere al muro qualcuno nello spogliatoio sarebbe troppo grande.

    • questi capiscono solo il portafogli_ mettiamo 1milione di euro di multa per comportamento irrispettoso o insubordinato (tipo la mancata stretta di mano all’allenatore, o la sfanculata classica contro ogni indicazione loro impartita), poi vedi come rigano dritto.

  96. Tanti auguri e… un po’ di invidia. Nel giorno del mio compleanno, il 25/1 (o immediatamente limitrofi) ricordo solamente gran legate, generalmente contro le piccole. Tuttavia, c’è una partita che ovviamente non ha dato soddisfazione nel risultato, ma che ha segnato un evento epico, scolpito nella pietra: il gol da centrocampo di Recoba, in empoli-inter 1-1 (97/98). Un regalo che ricorderò come la tua divisa nerazzurra dello zio gobbo

    • ero allo stadio, mi accorsi del tiro quando la palla era già a metà percorso
      partita oscena, forse ronaldo non toccò un pallone

  97. Tanti Auguri, Gibson,
    gli zii gobbi sono avanti una spanna rispetto agli altri…

  98. Auguri e complimenti a Gibson per il bellissimo post. Finalmente una boccata di aria fresca in un blog che tra ripicche e rinfacci si fa di giorno in giorno sempre meno gradevole da frequentare. Auguri insieme anche al nostro blog.

  99. “e’ il caso di farsi domande, oltre che sulla preparazione atletica o bravura/sciagura dei vari mister, sulla consistenza e valore dei nostri giocatori che di top, per ora, hanno dimostrato di avere solo lo stipendio”. Direi di ripartire proprio da questa affermazione di Acanfora……….di sopravvalutati nella nostra squadra ce ne sono troppi, troppi davvero; a cominciare dal capitano che guadagna 5 milioni di euro annui e non è in grado di saltare un avversario con una finta oppure di fare uno stop decente….per finire al portiere random. Cominciamo a liberarci di questi pseudo-campioni e di tutti gli altri mediocri anche volenterosi che vestono la casacca nerazzurra…e naturalmente di chi questi fenomeni ce li ha portati oppure continua a difenderli……..Auguri gibson3….i tuoi ricordi sono comuni a molti di noi credo….

  100. Visto che siamo in vena di amarcord, e di questi tempi viene voglia di rifugiarsi nei ricordi, sul link trovate un sito che vende alcune delle nostre maglie storiche…
    http://www.retrofootballclub.com/en/ricerca?keyword=Inter

  101. Bella li Gibson , auguri e grazie per la ventata di Interismo, di quello che piace a me. Ma che emozione era mettersi la maglietta dell’Inter e scendere in cortile o andare al prato? Ci si sentiva più alti di 20 cm e l’odore del campo era inebriante.
    Che nostalgia!

  102. Beh, qualche anno dopo ma hai svegliato diversi ricordi anche in me.

    Auguroni Gibson

  103. speriamo che Gibson, a cui faccio gli auguri, possa allungare la serie dei bei ricordi questa sera.

  104. @Gus
    grazie dell’ottimo link_
    La mia preferita è quella 1971_72 , ma con il collo a V, come il mio avatar-/Mazzola: perché non la rifanno? perché, why, pecche, piccheeeeeeeee?

  105. Acanfora, è una iniziativa cominciata oggi, quindi è probabile che amplieranno la gamma.

    Merchandising che probabilmente genererà anche ritorni interessanti

    http://www.calcioefinanza.it/2016/11/03/inter-copa-maglie-retro/

    • allora ci sono anche belle notizie!
      ottime iniziative_
      specifico, che non s’è capito: perché la maglia dell’Inter, quella da gara/ufficiale, non la rifanno come quelle della nostra infanzia?
      l’ultima maglia da Inter “classica”è quella del 2010…!!!

  106. Uno dei miei ricordi indelebili con la radiolina gracchiante, risale al 27 Aprile 80…

    Grande sofferenza e finalmente esultanza al gol di Mozzini all’88 che ci diede il 2-2 contro la Roma e matematica conquista del 12°…

    Sì perché l’Inter di norma, anche quando vince, deve far soffrire…

    Era l’anno del sergente di ferro Bersellini, Beccalossi, Spillo Altobelli che fece una tripletta in un Inter-RuBe 4-0…

    Poi non vedevo l’ora che iniziasse 90° minuto con Paolo Valenti…

    Tanti auguri a gibson3

    • Quella è la prima formazione che, bambino, mandavo a memoria prina di addormentarmi..

    • All’Inter Juve 4-0 con tripletta di Spillo ero di servizio in caserma. Ramazzavo i pavimenti dello spaccio e ad ogni gol di Spillo correvo con lo scopettone in mano a mo di bandiera per tutto lo spaccio.
      Quanti ricordi la mia Inter. Come fare capire queste cose ad un manager uscito da Oxford?

    • inter merde 4 a 0. ero in curva!
      inter bilan 2 a 0 doppietta beccalossi. idem come sopra

  107. Wolf,

    se fosse vero il ragionamento che fai non capisco perchè Moratti non abbia insistito per tenere il Mancio con quelli del Suning visto che è stato lui a richiamarlo.

    il fatto di avere screditato Thoir quale vantaggio gli ha portato, consulente dei cinesi lo era anche prima, sono loro che glielo hanno chiesto e gli hanno anche offerto la carica di Presidente Onorario, se non ricordo male, prima ancora che venisse fuori tutto sto casino, per cui che scopo aveva Moratti di accreditarsi una fiducia che aveva già?

    però sei tu l’esperto di queste manovre sottobosco e quindi non insisto.

    riguardo al Kia cosa vuoi che dica su di lui se non quello che ho letto da quelli che ci hanno fatto il suo curriculum, non crederai che i miei dubbi su di lui nascano perchè può avere avuto una parte attiva per mandare via il Mancio?

    sai cosa me ne frega adesso, non è di lui che mi preoccupo, ma dell’ l’Inter.

    ha le mani in pasta un pò dappertutto, è un procuratore che però è anche consulente di una parte a cui vende o propone i suoi giocatori e allenatori, direi che qui si va oltre ad un semplice conflitto di interessi e si entra in un campo minato in cui non vorrei che ci entrasse anche l’Inter, perchè quando gli interessi economici prevalgono su quelli sportivi si fa presto a indirizzare i secondi in un certo modo per guadagnarci sopra.

    • Continui a non rispondermi.

      Dipingi kia come un mascalzone: ti riferisci a episodi specifici del passato o parli per luoghi comuni?

  108. Giusta riflessione, Corso, condivido.
    Auguri a Gibson, condivido ricordi simili.

  109. Kia ha messo su una agenzia cha ha nel portafoglio vari giocatori; idem Raiola e Mendez (o come si chiama: quello di Mou per capirci); modello Moggi sr e jr, ma nel rispetto della legalità_
    La controindicazione è che se eleggi Kia a consigliere principe, tocca comprare i giocatori (e allenatori?) della sua agenzia, benché molti sembrino bravi tipo Joao Mario_

  110. I personaggi come Kia di fatto, nel calcio moderno, esautorano di funzione (e margini di guadagno?) i DS in diverse operazioni. Ho la sensazione che questo sia parte in causa nelle lotte di potere intestine alla nostra società.

  111. Grazie a tutti per gli auguri, fratelli nerazzuri.

    Vi ringrazio di cuore sapendo che per tanti di noi, chi 10 anni prima, chi 10 dopo, chi anche 20 , e anche per quelli che verranno, la nostra Inter sarà sempre la stessa: ci fa incazzare e venire il mal di fegato, ma sarà sempre il suo abbraccio fatale a stringerci il cuore.

  112. Wolf

    come sarebbe che non ti ho risposto? ti ho detto che quello che so l’ho letto da chi gli ha fatto il curriculum, e sono in tanti, per cui basta cliccare Kia Inter e viene fuori una spatafiata infinita di notizie che al confronto i miei papiri sono bigliettini d’auguri.

    non sto li a pensare se quelli che scrivono sono attendibili o no, decidi tu, io ho espresso solo dei dubbi, non ho mai detto che sia un delinquente, l’unica cosa che ho scritto di pesante è di averlo paragonato alla triade, ma senza certezze.

  113. A proposito di amarcord, me ne tornano in mente alcuni da vero malato di calcio…

    La meravigliosa Tv Koper Capodistria che negli anni 70/80, il sabato pomeriggio trasmetteva l’anticipo del campionato Jugoslavo di calcio…

    Si tenga conto che a quei tempi, vedere un’intera partita di calcio in diretta Tv era una rarità…

    Con lei ho imparato tutti i nomi delle città e delle squadre jugoslave: Stella Rossa (Crvena Zvezda), Partizan, Rijeka di Fiume ecc…

    E come mi incazzavo quando non si vedeva bene o il segnale era disturbato…

    Ricordo anche la Tv Svizzera Italiana, con il campionato svizzero di calcio che in genere veniva trasmesso al sabato sera…

    E per alcuni anni TMC (Telemontecarlo) si mise a trasmettere in esclusiva la finale della coppa d’inghilterra…

    Una vera manna per un ragazzino di 10/12 anni

    • quoto koper, mi piaceva la voce austera del telecronista, ic!

    • Che ricordi che risvegliate!
      5 Maggio 1973, Gita scolastica dell’ultimo anno dell’ITI.
      Dopo essere stati il giorno precedente a Capodistria in visita agli studi della TV ed esserci seduti sulla poltrona dello speaker del telegiornale, siamo a Lubiana, Nel nostro Hotel trasmettono la finale di FA Cup (Sunderland 1-Leeds 0) e vi alloggiano anche i cestisti di Cuba e URSS che giocano un triangolare con la fortissima Jugoslavia.
      Io e un mio compagno per scendere chiamiamo l’ascensore e appena arriva al piano ci fiondiamo dentro e ci ritroviamo ai quattro angoli quattro marcantoni russi che erano costretti a tenere la testa inclinata in avanti perchè toccavano il soffitto e quindi noi ci siamo venuti a trovare pigiati al centro con questi quattro lampioni che ci guardavano dall’alto e ridevano.
      Appena l’ascensore si e fermato, siamo schizzati fuori ; era solo il primo piano e per raggiungere la hall abbiamo sceso le scale a piedi.
      Mi resta sempre il dubbio di essere stato in ascensore con Sergey Belov, ma non lo saprò mai.

      p.s. Colonna sonora di quel viaggio : Mina che canta la versione italiana di “You’ve got a friend” di James Taylor

    • Koper Capodistria, che mi hai ricordato!!!
      con le telecronache di un certo Bruno Petrali …
      sembra passata

  114. Sotto con i Saints. Al solito, la voglia di vedere l’ennesima partita dell’Inter riprende la meglio. Curioso di vedere, se è vero quello che scrivono, un bel 4411 con Banega alle spalle di Icardi. Facile facile. Son sicuro che Banega non starà lì ad aspettare palloni, ma vediamolo svincolato da ogni compito difensivo e vediamo cosa ne viene fuori. Centrocampo super ignorante, forse Ranocchia al centro della difesa: in teoria finiamo rasi al suolo. In teoria.

  115. tra i precedenti nefasti in Inghilterra ricordo anche un Norwich _ Inter 0-1 (bergkamp su rigore)

  116. In effetti, leggendo la formazione, tecnicamente siamo spacciati…

    A meno che l’esonero di FdB non faccia scattare una reazione e decidano di mettere in campo quella garra e super-attributi visti raramente quest’anno…

  117. Questa fa ridere

    http://www.fcinternews.it/focus/repubblica-contatti-suning-con-cannavaro-il-pallone-d-oro-dice-no-230410

    oppure piangere, nel caso fosse vera.

    Qualcuno ha un buon streaming per vedere i ragazzi di Vecchi stasera?

  118. Cannavaro allenatore?

    Roba da far rivoltare nella tomba il Cipe.

  119. E si riprende il cammino.
    Chi lo ha già fatto e chi lo farà, ma è sempre stato così.

    Onore a FdB, che è stato catapultato in un campo di minarda e ad ogni passo pestava una mina o una merda. Alle mine, comunque, sarebbe sopravvissuto.

    Nessuno è più grande dell’Inter.
    Ricordi nerazzurri bellissimi (auguri Gibson) in ognuno di noi.

    E si riprende a tifare.
    Vai Vecchi, in bocca al lupo per ‘stasera che sei senz’altro il più interista della compagnia

  120. beh il cambio di allenatore in corsa porta sempre bene all’Inter
    nel ’71 Invernizzi vinse lo scudetto…

  121. Off topic davvero off.
    Ieri sera sono andato a teatro a vedere Le Olimpiadi del 46 di Federico Buffa.
    So che non ve ne fregherà niente di cosa ho fatto ieri sera, ma lo spettacolo è meraviglioso, Buffa è un incantatore di serpenti.
    Forza Inter.
    Giuvemmerda.

  122. ma il nostro jessie owens biabiany è almeno in panca?

  123. Mi spiace spegnere gli ottimismi ma visto che i calciatori sono sempre quelli, anzi peggio con gnoukouri ranocchia dambrosio……, stasera purtroppo siamo fuori.

    Per me con de boer giocavamo un buon calcio, con almeno 20 potenziali occasioni da gol a partita, decine di palloni messi in area con qualità, e una nullità come centravanti a vanificare tutto, a parte qualche gol (e ci mancherebbe non segnasse manco quelli visto che staziona in area per 95 minuti). Peraltro non ha veramente nessun senso una squadra che, se Icardi non gioca supponiamo per infortunio o squalifica o scelta tecnica o scelta disciplinare – deve completamente cambiare il modulo perché ha solo seconde punte come alternativa…. questa si chiama programmazione ridicola e De Boer non ha colpe e probabilmente avrebbe posto rimedio a gennaio con un numero 9 alternativo.

    D’ora in poi si torna agli standard Mazzarriani e Manciniani, due occasioni a partita e preghiamo di non prendere gol, altrimenti è finita.

    Visto che il paracarro è intoccabile, l’unica salvezza è il 4-4-2 mettendo a fianco di Icardi o Palacio o Gabigol, e chiedere gli esterni molto più sacrificio in copertura. Non credo che Vecchi ci arriverà.

  124. Scusate, ci sono novità da quella specie di talent show che sarebbe la scelta del nostro allenatore?

    • Este stasera lo nominano su xfactor: lo scelgono Arisa e A.Soler…….che forse magari fanno meglio degli attuali pseudodirigenti. Quanto a Cannavaro la reputo una provocazione delle P.I….

  125. hai la partita della tua vita e te la giochi rilanciando il difensore più scarso della storia?
    che cazzo abbiamo mai fatto per dover sopportare tutto ciò!
    rassegnato.

    • Non è possibile, è una pippa e un paracarro. Mica sarà lui quello che si è girato in un fazzoletto…

  126. Pure il rigore parato da handanovic…troppa grazia

  127. Così ci piace. Un po’ di gazzarra che fa bene al gruppo e Handa che torna a parare i rigori. Magicamente spariti i fraseggi ad iniziare l’azione da dietro, si può ricominciare a sparacchiare lanci lunghi. Per ora discreta attitudine alla corsa e al sacrificio e buona gara difensiva.

  128. Il rigore era farlocco, Candreva comunque stupido ha rischiato di lasciarci in 10.

  129. Ma daiiiii!

    Che coglioni!

  130. da quanti anni ci lamentiamo di quello scarsone giapponese?

  131. Fuori anche dall’Europa
    8 sconfitte

    Se non battiamo il Crotone inizia il dramma vero

  132. 2-1 regalato e poi zero reazione, zero capacità di costruire calcio, zero azioni da gol. Amen. Banega inutile.

  133. ed ora

    tutte finali*

    *nel senso di ultima partita per l’allenatore…

  134. Icardi, Ranocchia e Nagatomo:
    tre gol a casa degli inglesi!

  135. deve ancora finire la prima settimana di novembre ed è gia finita la nostra stagione.
    depressione

  136. Niente da fare… Siamo rassegnati alla sconfitta.

    Le cappelle del reparto difensivo di questa squadra sono inenarrabili.

    Tristezza assoluta.

  137. Non so come stia messo fisicamente Jovetic ma urge recuperare alla causa gente che sa giocare al pallone oltre ad andare sul fondo e buttarla in mezzo. Di Gabriel Barbosa poi forse qualcuno dovrà spiegarci se è un essere umano o un’animazione per gli spot Pirelli. 442 senza fronzoli e via pedalare.

  138. Candreva e Perisic? A che servono?

  139. Cos’era stavolta? Fronda a Vecchi?

    Un bel rasoio d’Occam e viene fuori l’unica motivazione possibile:
    condizione atletica inesistente.

    Più che il gps dovremmo controllare i dati dell’ecoscandaglio.
    Prego Iddio che non alleni mai più.

    E, già che ci siamo, a proposito di rasoi: tagliamo via la zavorra.

    Mandiamo a casa la dirigenza.

  140. Tutto come previsto, anche il patetico tentativo di Vecchi di ingraziarsi i cinesi e gli scontenti riabilitando le nullità nagatomo, biabany, ranocchia, dambrosio. Domenica con Vecchi ancora in panca e kondogbia sicuro titolare, ormai sono talmente prevedibili che danno la nausea. Se vinciamo domenica con il crotone si riparlerà certamente di terzo posto possibile, anche su questo blog.

  141. Se al 3 di Novembre non sei ancora in forma e non hai gamba (Banega, Perisic, Candreva) non è per la preparazione è perché te ne fotti. A Ranocchia avrebbe dovuto fischiare un rigore contro ogni calcio d’angolo, sono davvero finite le parole per lui. Come ha già detto qualcuno prima della partita ti giochi la partita della vita con Ranocchia e Gnoukouri, bravo Vecchi .
    Detto questo, mai ci fu anno meno adatto per le coppe europee, credetemi che è molto ma moooolto meglio così, io eviterei pure la partecipazione in coppa Italia, qua ne abbiamo di troppo con una partita a settimana.

  142. Onore a FDB, colui che mi aveva illuso che la mia squadra potesse finalmente giocare a calcio.
    Via Frank, in quel modo poi, ora si torna nell’anonimato. E io non ho più voglia di seguire quei pagliacci. Da stasera la mia passione per questa squadra è forse definitivamente passata in modalità OFF.

    • Idem. Non l’ho vista apposta. Sinceramente ho paura che questo sarà l’anno buono. ancora qualche risultato negativo e i nostri Prodi cominceranno a dare mandato al proprio procuratore di cercare un’altra squadra. e allora sarà la fine.

  143. Dai che 7/8 partite di qui alla fine in qualche modo le vinciamo per salvarci……comunque complimenti ai nostri fenomeni…….Este la preparazione non c’ entra molto se Nagatomo fa quelle cose……ridicoli sopravvalutati……e dire che il paracarro/paraculo aveva fatto gol ed il portiere random aveva preso il rigore…….vi rendete conto: ancora in campo D’Ambrosio, Nagatomo…etc ma dove vogliamo andare…..

  144. Ma anche sta storia che se ne “fottono”.
    Dai, non sta in piedi.

    Se ne fottono solo i nostri? Cos’è, una congiura?

    Se al 3 novembre non corrono è esattamente per la preparazione. Ma che cacchio, non è che seguiamo il calcio da ieri, eh. Si sa che influisce per tutta la stagione.

    Secondo voi perché tante squadre si rifiutavano di fare l’intertoto? Per evitare di dover rovinare la preparazione.

    Poi, vabbè, se dobbiamo difendere l’indifendibile, e facciamolo.
    Le responsabilità sono pre-ci-se.

    Ma ste scuse non reggono e il resto è vedovanza.
    E mi preme ricordare che il 2 novembre è stato ieri.

    • Non so a chi ti riferisci ma se rispondevi a me di vedovanza per Mancini hai proprio sbagliato canale. Quello che è successo in estate l’abbiamo visto e discusso mille volte , ma non è che se salti o fai male due settimane di preparazione sei paralitico tutto l’anno, che se fosse così allora chi si prende uno stiramento in estate tanto vale che rientra un anno dopo. Ma dai , sono 60 gg che si allenano a pieno ritmo (ammesso che prima non abbiano fatto un cazzo) , c’è stata un azione, ricordo pure il minuto era il 19 dove Candreva ha avuto la più comoda palla da contropiede sulla sua corsa, sulla fascia come ne ha avute 1000 nella sua carriera, ha fatto 3 mt e si è fermato. Perisic non supera qualcuno in velocità e va a crossare dal fondo da 6 mesi, Banega è venuto qua in vacanza , gioca da fermo come farebbe Beccalossi oggi a 60 anni.
      No , a questi livelli non vi credo, e poi ci sono state partite in cui alla fine correvano più di altri (parlo della.squadra in generale) ma quei 3 entrano in campo con gli occhi da triglie altro che da tigre.
      Cmq mandare via FdB è stato un grave errore, probabilmente stava cominciando a mettere fuori quelli giusti.

  145. siamo come il Manchester utd, anche Mou avra’ sbagliato preparazione..
    gli inglesi non erano niente di che, ci siamo fatti schiacciare e i gol li abbiamo fatti noi.. la cosa piu’ negativa e’ la totale apatia del secondo tempo, assenza di voglia di reagire..
    l’impegno ce l’hanno messo le vecchie zavorre, gli altri manco quello= salvo Gnoukuri-
    Il portiere e’ stato bravo ma anche stasera non usciva mai, o lo faceva male con respinte di pugno quando era comoda la presa: oggi che ha parato pure un rigore confermo che lo cambierei-
    A gennaio compriamo difensori affidabili e pensiamo a salvarci.

  146. Frank ci ha illuso?!
    Con 7 sconfitte e 3 vittorie a cinque minuti dalla fine che se no eravamo in piena zona retrocessione??

    Vabbè
    Vale tutto

  147. A ogni cross Ranocchia si perdeva regolarmente il capitano e poi se lo abbracciava trascinandolo a terra, avrà commesso almeno 5 falli da rigore…. ma nessuno gli spiega che devi stare davanti DAVANTI all’uomo, tenendo il contatto, ma DAVANTI!!!! concetti da Eccellenza, forse da 1a categoria…. e il bello è che oggi ha giocato una delle sue migliori partite ma l’altro è sembrato lo stesso van basten

  148. meno male che indossavano quei colori da pagliaccio e non il nerazzurro-
    EdyReya vieni a salvarci

  149. Ma infatti, Javier, quando uno si infortuna, prima di rientrare aspetta prima di entrare in condizione.

    Ti sei mai chiesto come mai quelli che vengono da un infortunio lavorano “a parte”? C’hanno la peste?

    Solo che ad uno gliela puoi posticipare la preparazione, perché lo sostituisci.
    A tutti, giocando ogni 3 giorni, è impossibile.
    La preparazione atletica è una cosa, l’allenamento per la partita un altro. Voglio dire, non stiamo parlando di niente di nuovo, eh.

    Non corrono perché atleticamente sono a terra, ecco tutto.
    Ecco perché Candreva fa 3 metri e si ferma, ecco perché Perisic non riesce a dare lo scatto.

    Guarda caso sono quelli di fascia, che si basano sulla corsa.

    Cos’è più probabile, che un lavoro che viene fatto apposta in estate abbia compromesso tutto (chiediti perché nella pausa invernale si fa il richiamo di preparazione)

    o che i calciatori firmano all’Inter apposta apposta per non giocare più a calcio, perdere la Nazionale e farsi fischiare.

    Ma vi pare una cosa che sta in piedi?

    • Ti dico la mia su cos’è probabile:
      Candreva ha firmato l’ultimo contratto importante della sua carriera, non andrà da nessun altra parte , non arriverà al prossimo mondiale, è venuto a svernare.
      Perisic vuole andare via, ha chiesto un adeguamento dopo aver giocato bene 5-6 partite nel campionato scorso, ma secondo me con tutto sto casino in società si sta cagano sotto per la carriera e vuole andare via.
      Banega era uno svincolato, quelli svincolati sono ad alto rischio perché o sono scarsi o sono mercenari o sono dei deboli succubi dei procuratori.

      Eh lo so, a me veder perdere l’Inter come fosse l’Avellino in coppa fa girare le balle.

  150. A questo punto, visto che vale tutto io butterei in un 442 Barbosa vicino a Icardi per 5 o 6 partite e vediamo che succede, tanto cosa può capitare di peggio? Non posso credere che lo voleva mezzo mondo e faccia cagare pure lui, ecchecazzo.

  151. Capita di peggio che ti bruci anche Gabigol.
    Ha 19 anni, in un momento del genere non c’è la necessaria serenità per farlo crescere.

    Sai i mugugni appena sbaglia un paio di appoggi?

  152. Ma neanche stasera parla la dirigenza?

    Ma volete andare a casa, o no?

  153. Una ultima cosa……con Fdb almeno gente del calibro di D’Ambrosio e Nagatomo si era persa dai radar:stasera ce li ritroviamo in campo….chi dobbiamo ringraziare?…..In particolare Nagatomo dicono sia molto amico di un nostro dirigente…….come diceva quello”…pensare male è sbagliato….ma spesso ci si azzecca…..”

  154. https://ilneroelazzurro.com/2016/11/04/seppuku/

    Ecco, questo post spiega quello che intendo sul problema di preparazione
    (non per niente, ma sennò sembra che le cose me le sogno io)

    • Cristiano Carriero!!!!!!
      Scusa Este non immaginavo che le tue tesi fossero avallate da personaggi di questo calibro. Mi scanso umilmente di lato e aspetto qualche altra perla di verità magari da Esticazzi in persona. Volesse il cielo!

    • Boh, è il blog dove collabora anche settore, francamente non conosco l’autore.

      Dove voglio arrivare è che evidentemente certe cose non me le sono sognate, oppure siamo in due.

      È semplicemente un parere come un altro di un interista, mica chissà che.
      Però evidentemente certe cose non le ho viste solo io, questo mi premeva sottolineare.

      Poi, vabbè, se non vanno bene manco più i blog degli interisti e allora siamo all’accerchiamento vero e proprio.
      I calciatori giocano contro
      i giornalisti parlano contro
      i blog dei tifosi si schierano contro
      gli allenatori allenano contro
      i procuratori vogliono farli andare via

      tutto per non dire che la società non esiste
      e che Mancini ci ha compromesso la stagione col suo comportamento.

      Ormai gli sciachimisti ci spicciano casa.

  155. io mi chiedo se un allenatore arrivato dieci giorni prima dell’inizio del campionato, dopo tre o quattro giorni che allena la squadra non sia in grado di capire che questa è fisicamente a terra e quindi, prima che ci vada di mezzo lui, lo dica apertamente ai suoi dirigenti e anche alla stampa.

    ma ammettiamo che volontariamente non dica niente, cos’è li fa giocare con il suo sistema di gioco che prevede il pressing alto e corsa dal primo al novantesimo minuto oppure gli dice di stare un pò più coperti, di non spendere energie inutilmente e rimanda la sua filosofia di gioco per tempi migliori e per adesso si accontenta di quello che i giocatori gli possono dare e niente altro che quello?

    no, perchè se vedi che non stanno in piedi, oltre ad essere scemo a non dirlo a nessuno sei anche pirla a farli correre come dei matti se la tenuta loro è di 40 minuti invece che di 90°.

    la realtà è che questa fregnaccia ce la sta vendendo uno solo, perchè la preparazione atletica esula dai compiti dell’allenatore che può essere scazzato fin che si vuole, ma questa la fanno fare i suoi collaboratori, se mai, non avrebbe fatto bene quella tecnica, quella sugli schemi da applicare, quella di come posizionarsi in campo e di trovare a quelli nuovi il loro posto in squadra, ma essendo che se ne è andato ed è subentrato un altro, direi che è stato meglio così, ammesso che l’abbia fatta alla cazzo di cane, così quello nuovo non doveva sradicare niente dal cervello dei giocatori per metterci i suoi insegnamenti.

    capisco che è la solita menata, ma come si fa ad essere così illogici e nello stesso tempo volere farci credere che è tutto logico e conseguenziale, per cui, se ci va bene, ma bene bene, dovremo aspettare la sosta invernale per il richiamo, sperando che nel frattempo stiano almeno in piedi il tempo per la foto.

  156. Certo, è molto più probabile che sono tutti scarsi, che gli allenatori non ci capiscono niente, nessuno

    che fanno le fronde, che non corrono apposta
    che quando hanno deciso di fare i calciatori proprio si dicevano “non vedo l’ora di andare all’Inter così divento una pippa e cazzeggio per il campo”.

    Ha più senso, è molto più plausibile.
    Sì sì.

  157. no, semplicemente non sono quei fenomeni che speravamo che fossero, Banega ha fatto una paio di partite belle e poi è sparito, J.Mario lo stesso, uno non lo abbiamo ancora visto, Candreva probabilmente starà pagando gli Europei, come forse anche J.Mario e Banega, Perisic lo stesso, gli altri sappiamo tutti cosa valgono e valevano, per cui erano questi che avrebbero dovuto farci fare il salto di qualità, ma lo hanno fatto fare solo con la gobba, ed è un bel mistero cosa sia successo in quella partita, oppure in quelle dopo, perchè nessuno si aspettava che vincessimo visto le prime partite schifose, come nessuno si aspettava che saremmo ritornati a fare schifo.

    certo dare la colpa al Mancio si fa prima e non c’è nessun mistero da svelare.

  158. al posto di dire si, si, perchè non rispondi alla domanda sul perchè DB abbia fatto giocare la squadra come aveva in mente di fare pur vedendo che fisicamente non stava in piedi?

  159. Perché tanto non serve a niente.
    É stato detto mille volte.

    Facciamo milleuno? E sia.

    A parte il fatto che alla prima contro il Chievo s’era coperto con la difesa, ma poi, se la condizione atletica non c’è, puoi giocare come cacchio ti pare, i risultati saranno sempre questi

    ci puoi mettere De Boer, Vecchi, Mourinho, Brian Clough, cambia poco.

    Sulla base di questo, evidentemente ha ritenuto di cercare di far viaggiare la palla il più possibile, evitando di farsi schiacciare, ma se non hai gamba serve a poco.

    Non esiste un modulo in cui non serva correre.

    Vogliamo scendere ancora più alle basi del calcio, raccontandoci che la palla si può toccare solo di piedi e lo scopo del gioco e mettere la palla nella porta avversaria,

    o può bastare, pur di difendere l’indifendibile?

  160. sinceramente non mi hai detto un cazzo, ma adesso vado a letto, perchè è una discussione inutile.

  161. Colui o coloro che hanno rinnovato il contratto a Nagatomo (che poi ci caga il cazzo e rifiuta fior di squadre, quando il suo target è il Cesena, con tutto il rispetto per il Cesena) vanno destituiti in quanto inadatti e incapaci al ruolo.

  162. Estecambiasso: “tutto per non dire che la società non esiste
    e che Mancini ci ha compromesso la stagione col suo comportamento.”

    Ammazza Este, mi sa che la sindrome da accerchiamento ce l’hai tu, pensi che chiunque parli lo faccia per scagionare Mancini e la società. Le stronzate della.società sono palesi e OLTRE il limite del dilettantismo, Mancini si è comportato da stronzo e opportunista (sulla risoluzione) specialmente nei tempi che sono stati a dir poco grotteschi, non degni di professionismo, non degni di una squadra col blasone dell’Inter. Cambiare allenatore 10gg prima che cominci il campionato è un assurdità talmente grande che da sola merita un epurazione di massa di dirigenti oltre che la gogna per un allenatore che ha giocato a stare sull’orlo del precipizio per tutta l’estate fregandosene delle conseguenze di un atteggiamento così destabilizzante.
    Detto questo, in una società di serie A di alto rango e possibilità economiche mi rifiuto di pensare che i giocatori “non hanno fatto la preparazione”, lo trovo matematicamente impossibile per via dei 100 personaggi, medici, preparatori, macchinari, tabelle preparate come tutti gli altri anni etc etc. Si può dire che non l’abbiano fatta bene con la giusta gara e il massimo dell’impegno per sortire il massimo del risultato , ma se così fosse (ed è cosi) allora la responsabilità va ripartita anche ai giocatori, sono giovani si, ma sono mica ritardati mentali, per quei 4 soldi che prendono avrebbero dovuto fare ciò che gli spettava a prescindere e che diamine.
    Poi la preparazione che io sappia ha lo scopo di farti avere una resa media il più alto possibile nel periodo lungo (tanto è vero che di solito le grande squadre “carburano dopo un pò”) non è che un atleta di 20-30 anni che non la fa al 100% si ritrova paralitico per TUTTO il campionato. Qua di colpe ce n’è a bizzeffe per tuti, e non me la sento assolutamente di assolvere i giocatori dalle loro colpe.

  163. Vecchi aveva solo il piano A, sgretolatosi con il numero giapponese_ Mi ha deluso anche lui, la gara della vita e non ha provato niente di nuovo per cambiare l’inerzia _ Io avrei arretrato Perisic terzino e tolto japan dopo l”autogol, visibilmente scioccato_

    • Vecchi ha fatto una cazzata enorme a fare giocare Ranocchia e Gnoukouri, il primo oltre ai danni fatti e l’immancabile gol concesso avrebbe potuto causare con un altro arbitro una Caporetto di rigori, semplicemente imbarazzante. Il secondo ha giocato con evidente paura ed indecisione negli interventi per tutta la partita (compreso nell’azione del gol) doveva giocare domenica contro il Crotone no nella bolgia di ieri, e comunque non fino all’88esimo.

  164. No ma scusa Este, è da mesi che leggo le tue tesi sulle colpe di mancini. Allora adesso secondo me continuare a insistere su sta cosa sarebbe un pò esagerato. Non è possibile che uno che scrive e argomenta come sai fare tu sia cieco di fronte ai macroscopici errori della società e all’evidente fuggi fuggi dalle responsabilità che gli stessi giocatori (molti almeno) stanno mettendo in atto dall’inizio del campionato. Ma non hai visto che errori da dilettanti abbiamo commesso e che capacità di reazione abbiamo dimostrato ultimamente? Una cosa imbarazzante, io le ho viste tutte e dico che l’olandese almeno ci ha provato a rimediare ma temo che la squadra sia imbottita di persone incompetenti e squallide.
    Va bene, sei incazzato con Mancini, ma mi piacerebbe anche sentire idee su come se ne esce e su quali sarebbero le scelte più giuste in un momento come questo. Così tanto per aprire da soli un o spiraglio di speranza che non farebbe male……

  165. Solito gol di Icardi (segna solo lui)…

    Soliti miracoli di Handanovic…

    Solite puttanate dietro a rovinare tutto…

    Ormai è così da anni, certamente anche ieri non si è perso per colpa di Vecchi…

    Non so se a Novembre si possa ancora parlare di preparazione farlocca, su questo dovrebbe esprimersi un esperto, ma nella ripresa c’è stato il solito calo fisico…

    Ora con il Crotone servono assolutamente 3 punti altrimenti si mette veramente male…

    A gennaio mi aspetto almeno 2/3 innesti in difesa…

    Intanto il casting continua

  166. Questi lunghissimi ultimi 5 anni hanno evidenziato oltre al caos societario un incopentenza tecnica a più strati ( ds,allenatore) che viene certificata ogni qualvolta il 23 scende in campo e questo succede ormai da troppo tempo senza che ci sia qualcuno ad impedirlo.

  167. per Natale niente vacanze più gradoni e ripetute con Zeman, poi vediamo se la differenza non si vede.
    La mancanza di “gamba” a mio parere c’e’. Ogni giocatore sembra abbia un’autonomia limitata. Banega per esempio è partito a mille (facendomi pensare male dopo aver passeggiato a Genova e i ripetuti vaffa alla panca con De Boer) ma poi come solito dopo poco si è fermato, sparendo.
    Spesso si è detto che De Boer cercava un possesso di palla infinito e magari anche poco costruttivo, ma come si suol dire “la palla non suda” e sono gli avversari a dovergli correre dietro, gestione del pallone e controllo della partita per quando era possibile era la strada avendo anche buoni palleggiatori, quando è stato possibile.
    Ieri si è scelta una formazione coperta con il recupero di Medel e Gnoukouri al suo fianco, la scelta più ovvia mi viene da dire giocando anche pensando un minimo a domenica sul dispendio delle energie.
    Ranocchia sui calci piazzati è stato incredibile, ogni volta ha provocato un rigore, eil pittoresco arbitro ha assegnato solo quello che non c’era… diciamo che se dovessi avere consigli per gli acquisti quel Virgil van Dijk (dall’inglese sarebbe tipo van cazzo???) non è proprio male male.
    Nagatomo ho capito che non vi sta simpatico e sull’autogoal aveva una posizione del corpo errata, però ha anche avuto una dose di sfiga su un cross slisciato e palla carambolata… sinceramente non mi sembra abbia giocato cosi male rispetto ad altri.
    E in attacco quando bene o male sulle fasce ci arrivi ma dentro l’area c’e’ solo il centravanti fai ben poco, e questa cosa è se non mancanza di gamba dei centrocampisti o degli esterni a trovarsi pronti a ricevere?

    Allenatori adatti??? Di Francesco, ma spero non ci pensino mai che magari bruciamo un altro buon mister…
    In mancanza Pioli sarebbe il profilo adatto, gioca un bel calcio, però è abituato a giocare in velocità lo vedo simile a De Boer come caratteristiche e modo di intendere il calcio, staremo a vedere.

  168. Ancora una figura di merda; purtroppo ci stiamo abituando alla mediocrità e questo è veramente triste. Almeno una volta esisteva la pazza Inter; quella che pure in periodo di estrema negatività riusciva a tirar fuori il colpo a sorpresa, la partita che no ti aspettavi, il ribaltone incredibile a partita in corso. Ma esisteva per il semplice motivo che annoverava in rosa dei giocatori creativi, quelli che per tutta la stagione avresti preso a calci nel culo ma che poi improvvisamente sfoderavano il colpo a sorpresa, la magia inaspettata; insomma degli artisti del calcio, estremamente discontinui ma in grado ogni tanto di dare il colpo ad effetto. Ora non più; ora una accozzaglia di giocatori quasi tutti mediocri che sai già all’inizio, prima di partire, che tanto alla fine il nulla prevarrà; prima ci renderemo conto di questo prima si uscirà dalla mediocrità; perchè davvero se si continua a cercare il colpevole altrove non si finisce più. Ma che ci frega; anche ieri sera Ranocchia a fine partita ha detto che “domenica il Crotone dovrà avere paura….” Ma fammi il piacere Andrea….ed insieme a te pure D’Ambrosio, Nagatomo, Murillo, Candreva, Medel, Santon, Ansaldi, Banega, Handanovic, Icardi, Miranda..restituite la maglietta della Grande Inter; non siete in grado suvvia…….

  169. Scusate ma voi pensate che Vecchi sia arrivato lì per fare altro che non fosse farsi dire da Ausilio e Zanetti in che modo la squadra gradirebbe giocare? E questo ha fatto. Proteggere la difesa in modo che Miranda e soci non si sentissero obbligati a rischiare figuracce giocando la palla o ingaggiando perennemente 1 contro 1 presi d’infilata. Tenere gli esterni più bassi un un 442, rinunciare al pressing alto e far fare a Banega il cazzo che gli passa per la testa. E tra l’altro gli stava pure dicendo bene. Poi dopo il gol preso sono riaffiorati tutti i limiti mentali del gruppo che si è afflosciato, scazzato e rassegnato al proprio destino di perdenti. La preparazione atletica di Mancini è un alibi che non usava FdB, che ne avrebbe avuto ben donde, che non usa la società e nemmeno i giocatori. Non vedo perché dovremmo usarlo noi.

  170. Perche’ se vedi che non fanno più due passaggi di fila, gente che scappa anzichè proporsi, nessuno che si propone per farsi dare il pallone e nessuno che quando le poche volte che succede fa il contromovimento per liberare gli spazi, se sui cross non vai dentro l’area a cercare di chiudere l’azione, le cose sono due: o tutti sono giocatori di merda, oppure non riescono a fare le cose basilari che un normodotato giocatore di calcio dovrebbe avere nel suo Dna.
    Con tutto l’astio che possiamo avere contro di loro, credo che la nostra rosa sia formata da giocatori normodotati, anzi con molti di questi anche con qualità superiori.
    FdB non ha mai usato questo alibi semplicemente perchè dopo avere accettato una squadra a 10 giorni dall’inizio del campionato sapeva anche lui sarebbe stato difficile, infatti aveva esordito dicendo che ci sarebbero voluti 4 mesi per vedere una sua idea di Inter.

  171. Penso che a Vecchi sia stato chiesto almeno di salvare la faccia e di evitare brutte imbarcate…

    Da questo punto di vista direi missione compiuta, tanto ormai all’EL non ci credeva più nessuno…

    Pensate davvero che un Pioli, un Guidolin, o un Marcellino riescano a rimettere in piedi la baracca??

    Boh… forse, tanto vale proseguire con Mister Vecchi

  172. forse era un’abituale hashtag su twitter, sicuramente è stato usato 1000 volte contro le squadre che affrontavano la j**e, ora buffon usa lo stesso medesimo termine e doce: in Italia le squadre si scansano.
    qualcuno titolerà “vergogna!”?
    non credo

  173. De Boer non andava bene, Vecchi non lo vogliono, adesso un mesetto di Pioli, poi a marzo Zenga-Hodgson e a giugno parte il progetto Simeone: durata del progetto 18 mesi.
    Le colpe? la società, i tifosi, Moratti, i giocatori, Benitez e Mazzarri.

  174. Pioli, Guidolin, Marcelino….ahahahahah…………..è la sola cosa che mi vien da dire.
    A mio avviso forse e dico forse il solo che possa riportare una situazione di normalità almeno fino a fine anno -dove per normalità intendo farci arrivare ad un onesto 9/10/11 posto mantenendo a distanza le paludi della classifica- è HiddinK; non perchè sia un fenomeno, chiaro; per il semplice motivo che è abituato a spalare merda (lo scorso anno al Chelsea lo fece discretamente) e nella nostra squadra di merda da spalare (sia in società che in squadra) ce ne è veramente tanta….

  175. i nostri hanno anche limiti caratteriali, di personalità: quando le cose vanno male di solito c’è un leader, e se va bene anche di più, che si prende il carico, sprona i compagni e se è pure bravo fa anche gol_ L’ultimo che abbiamo avuto è stato Cuchu, fischiato anche lui da quei geni della curva_ Oggi non c’è nessuno_

  176. A questo punto, in questa situazione, potremmo metterci anche dionnipotente in panchina che non caverebbe un ragno dal buco.
    Abbiamo deciso di mandare via un allenatore (non condivido, ma ci sta), perché non puoi mandare via 25 giocatori (Icardi, cit.). Vero. Però li puoi mandare in tribuna, o a spalare la merda con cui hanno coperto chi ha provato a farli giocare da uomini e non da conigli. Tipo il revolucionario Eder (Eder!!!!!!). Il signorino da un goal ogni 6,5 milioni che si permette di non dare la mano a un Signore con la S maiuscola, che tra l’altro aveva avuto (credo) l’imperdonabile colpa di avergli dato l’opportunità di smuoversi dalla panchina e dalla mediocrità.

    Non è un caso se in squadra, oggi, abbiamo un po’ di giocatori che furono nel Cesena retrocesso a fine stagione nel 2011. Speriamo di non fare la stessa fine. So che è una bestemmia, ma ormai con la masnada di gentaglia che abbiamo tra campo e società mi aspetto di tutto. Anche l’irrealtà.

  177. Cambiasso è stato un grande, ma anche lui ha avuto qualche caduta di stile, soprattutto ricordo in quel di Novara…
    Calcisticamente giocatore immenso, nonostante non fosse un fulmine di guerra era dotato di un’intelligenza calcistica fuori dal comune, e anche oggi vista la nostra pochezza in mediana potrebbe dire la sua da noi.

  178. La stagione dell’Inter certifica una cosa. Che, nonostante gli insulti sessisti e volgari degli interioti, a capire qualcosa son solo le donne. La tanta vituperata Wanda, intendo.
    Che se uno è un giocatore di un qualche talento e belle speranze è meglio giocare ben pagati in Champion col Napoli che naufragare nell’Inter più di merda della sua storia.
    Maurito, la prossima volta dai retta alla moglie tua, che ne capisce.

    • Ecco; cosi siamo contenti tutti……………….per me il male dell’Inter comincia proprio dalle sceneggiate estive di Wanda e DeLa; quella roba deve andare via dall’Inter, altro che capitano….

  179. dopo le dichiarazioni di Buffon possiamo anche chiudere la seria A. amen

  180. Jamesscott
    novembre 4, 2016 a 12:29 am
    Frank ci ha illuso?!
    Con 7 sconfitte e 3 vittorie a cinque minuti dalla fine che se no eravamo in piena zona retrocessione??
    Vabbè
    Vale tutto

    Visto che ti riferivi (quando parli di “illusione”) al mio commento di qualche minuto prima, beh, se tu preferisci assistere alle partite della tua squadra con questa idea (cit. il Malpensante, che quoto sempre, a prescindere!!) nella testa:

    “…finalmente è stato tolto il grande problema, il grande scandalo Frank De Boer, rimossa la difesa alta, il pressing asfissiante, il controllo della palla… insomma, eliminato ogni possibile sogno di squadra moderna, si ritorna alla più classica tradizione operaia dell’Italia di Coverciano: tutti dietro e, se riesce, ripartiamo”

    (anche solo a fare il copia-incolla mi vengono i conati di vomito all’idea…)

    Beh sappi che io invece dopo 5-6 anni avevo iniziato a intravedere la luce grazie a FDB.
    Ho visto per quasi due mesi la mia squadra giocare un buon calcio PROPOSITIVO (attenzione, non ho detto “bel calcio” volutamente ma “buon calcio” visto che la bellezza è soggettiva…) e di conseguenza questo atteggiamento in campo, una volta sistemati gli equilibri, non può che risultare vincente, essendo messo in pratica da un undici titolare che secondo me è sulla carta buono (sulla carta, neh, perchè anche loro se giocano alla cazzo e remano contro l’allenatore diventano battibili anche da squadre qualunque di serie b), oltre ovviamente a qualche buon innesto nel mercato di gennaio.

    Lo sanno tutti quelli che seguono un briciolo di calcio che per poter attuare un gioco del genere è assolutamente indispensabile poter lavorare con serenità e tempo a disposizione, cosa che ahimè non è avvenuta. Per le colpe, giassài, chiedi prima alla dirigenza, poi ai giocatori che hanno iniziato a non seguire il mister.

    Senza voler fare la punta al cazzo, guardati il video de il Malpensante (ri-cito) del 30 ottobre “errori vs gollonzi” e anche altri video di tattica, e forse capirai che con qualche attenzione difensiva in più e anche, diciamocelo, una buona dose di sfiga in meno, tutte le sconfitte che mi rimarcavi potevano tranquillamente essere vittorie o quantomeno pareggini.

    E, rincaro la dose, al posto di Icardi ma con un attaccante alla Milito (sospiro…dove sei Principe…) che segna e fa segnare e sa fare i movimenti giusti e chi più ne ha più ne metta, con tutte le occasioni da gol create in ogni partita dal gioco ben manovrato della squadra, ci scommetterei gli zebedei che noi avremmo, non esagero 8-10 punti in più e il suddetto attaccante degno di questo nome con 12-15 gol fin’ora realizzati in campionato. E tutto al netto di alcune cappellate di squadra e, perchè no, di mister, che ci possono stare.

    Vabbè mi sono dilungato…

    Cmq non voglio più perdere tempo per questa squadra, né farmi venire il voltastomaco.

    A chi è contento di tornare a “gustarsi” il gran calcio di chi scende in campo cagandosi sotto e aspettando l’avversario nella propria area sperando in Dio a ogni azione, beh, contenti voi, io proprio no.

  181. Mancini per noi ci ha sempre messo la faccia, pretendere che ci mettesse anche il culo mi pare un pò troppo.

    perchè qui non si sta discutendo se è bravo o scarso come allenatore, si sta affermando che è un disonesto approfittatore e che per negligenza e poca professionalità non ha fatto fare la preparazione atletica alla squadra perchè scazzato con la società e che ha tirato per le lunghe la risoluzione contrattuale solo per portarsi a casa due milioni, invece di andarsene a mani vuote.

    e queste sono due stronzate che non stanno in piedi, perchè come è stato detto fino allo sfinimento la preparazione atletica la fanno fare i suoi collaboratori e ci sono tabelle personali di ogni giocatore dove ogni giorno vengono annotate tutte le variazioni che lo riguardano, poi fanno test sui macchinari, guardano se è in peso forma o no e allora lo rimettono sotto di nuovo, insomma fanno un sacco di cose prima di fargli incominciare gli allenamenti sulla palla o le partitelle, per evitare traumi o stiramenti vari che senza preparazione atletica è molto più facile che saltino fuori.

    con Benitez venne fuori un casino sullo stesso argomento dove questi accusava lo staff precedente del Mou, quando invece fu lui a sbagliare tutto con la preparazione atletica e gli allenamenti tanto che all’inizio ci furono più infortunati che giocatori abili per giocare.

    quest’anno non mi sembra che ci sia stata la stessa moria delle vacche come nel 2010, di infortunati gravi o moribondi non ne ho visti, la solita percentuale che capita in ogni squadra dove su quasi trenta giocatori se ne infortunano un paio per i motivi più disparati, non necessariamente per la preparazione atletica non fatta adeguatamente.

    la seconda questione sul perchè ed i percome si sia arrivati al divorzio non la sa nessuno, ma arrivare a dire certe cattiverie solo perchè uno ha deciso di rinunciare per motivi che nessuno sa è veramente meschino, basandosi solo su una affermazione dove diceva che se non lo volevano più si sarebbe tirato da parte.

    difatti lo ha fatto, non ha mai detto che si sarebbe tirato da parte e avrebbe rinunciato al suo compenso, perchè non stiamo mica parlando di bruscolini, stiamo parlando di milioncini di euro.

    doveva farlo subito! ma se fino all’ultimo hanno tentato, ambo le parti, di trovare una soluzione.

    fino a pochi giorni prima della risoluzione anche Thoir affermava che con il Mancio c’erano state sì delle discussioni, ma che lui era e sarebbe rimasto il nostro allenatore, per cui è evidente che entrambi abbiano fatto di tutto per proseguire, ma evidentemente non è stato possibile, ma questo non c’entra niente con la scarsa professionalità o il menefreghismo nei confronti dell’Inter, sono semplicemente degli accordi contrattuali che non sono sfociati in un accordo che accontentasse entrambe le parti.

    succede, è successo con Icardi e lo hanno accontentato, mentre al Mancio, alla fine, hanno risposto picche, non si sa se Thoir o quelli del Suning imbeccati dal Kia, fatto sta che siamo rimasti senza allenatore sul più bello.

    ricordiamoci che lui aveva un contratto che scadeva nel 2017, per cui, volente o nolente, lo avrebbe dovuto rispettare o se no dare le dimissioni senza beccarsi un euro, se sono arrivati a dargliene due pur che si levasse dai coglioni, significa che quelli che non volevano proseguire erano loro e non lui.

  182. Ho sentito dire Cambiasso.
    Beh, penso che Cambiasso ( del quale ho visto un intervista nello speciale sull’Europa League di Sky, e quindi è vivo, ma non lotta insieme a noi) col senno di poi , sarebbe stato il capitano ideale per traghettare l’Inter del dopo triplete (o del dopo Zanetti?).
    E qui mi sorge un grande dubbio, che mi sorse ( si dice sorse?) all’indomani della fine della grande Inter diAngelo Moratti.
    A me è sempre sembrato che i senatori della vecchia Inter fossero i primi a non voler rivedere una Inter uguale alla loro.
    Lo so, è paradossale, ma a volte il narcisismo fa più danni dell’incapacità.
    Un accusa a qualcuno di cui non dico il nome, ma che riveste una carica dirigenziale?.
    Possiamo parlare di gelosia?

  183. Scusate mi sono perso qualcosa, cosa ha detto il portiere biscazziere?

    Per il resto, parlare di condizione atletica all’indomani di una partita con una squadra di premier, ha poco senso.

    Ahimè era il peggior avversario possibile ed immaginabile per questa squadra.

    In Inghilterra si corre il triplo per attitudine, indipendentemente da allenatori e quant’altro.

    Un piccolo ma simbolico esempio: ottengono una punizione verso il fallo laterale a 3 minuti dalla fine, in vantaggio di un solo gol. Cosa fanno? Iniziano a stendersi, rotolarsi per crampi, perdere tempo a battere prima e poi a giochicchiare sulla bandierina? Sarebbe legittimo, perdi il tempo e tiri un po’ il fiato, tutta roba che ci sta all’88 di un turno del giovedì. Ma loro non fanno niente di tutto ciò, battono rapidi e giù a correre e a giocare, come se stessero perdendo.

    Più in generale, mai mezza perdita di tempo, sempre dritti a prendere la palla, rimetterla in gioco, e correre come lepri.

    In Italia questa cultura manca ovunque, in Inghilterra è invece diffusa, è lo standard.

    Questa differenza di gamba la troverai sempre fra qualunque inglese e qualunque italiana (stranamente, però, il discorso salta con le nazionali).

    La colpa non è perderla sul piano atletico, ma non vincerla sul piano tecnico, in cui squadre come il so’on non hanno mai speso più di 10 milioni per acquistare un giocatore sul mercato.

    Ma lì purtroppo si vanno ad innestare tutte le incongruenze dell’inter odierna.

  184. Beh, pensavo proprio si fosse finalmente esaurito il tempo di commuoversi per Mancini.
    Ma evidentemente mi sbagliavo.
    E sì che ne avremmo di cose per le quali affliggerci, senza avvilirci per le ubbie di ciuffo d’argento e batterci il petto se lo abbiamo fatto andare via incazzato, povero lui, …

    Appunto per il futuro:
    nel caso in cui tra 10 o 15 anni si dovesse ripresentare l’ipotesi, io lo dico subito: un Mancini-3 proprio non lo voglio (contrariamente al proverbio del 2 senza 3).

  185. il portierone sembra che abbia detto ai compagni:

    sveglia, in Italia si scansano in Europa no.

    aggiungendo poi come cieligina:

    le uniche due in Italia che non si sono scansate ci hanno battuto

    detto che mi sembra addirittura esagerato ma solo gente in malafede non poteve accorgersi di certe farse tipo sassuolo,samp di quest’anno e udinese etc….alla faccia dei complottisti Interisti

  186. io riprenderei Mancini o DeBoer che hanno il vantaggio di conoscere già il disastro che siamo_ all’Inter vale tutto, non scandalizzarebbe nessuno

  187. Bene; a questo punto mi sembra doveroso far sentire la voce anche di un compaesano di Mancini; qui a Jesi siamo in un piccolo paesino e la gente mormora………gli interisti poi sono tantissimi e non tutti schierati con l’ex allenatore vi giuro. Siccome però oramai siamo a novembre e tiriamo in ballo ancora Mancini direi che le fonti locali (che ne sanno di più di Zazzaroni e compagnia vi assicuro) ci dicono che:
    – Mancini non voleva andarsene dall’Inter, anzi; più volte ha cercato di mettersi in contatto con la nuova proprietà che comunque ha sempre deciso di non farsi trovare. Comunque fino alla fine di luglio Mancini era convinto che sarebbe rimasto alla guida dell’Inter anche il prossimo anno
    – Mancini è sicuramente molto pieno di sè ma è un grande lavoratore ed una persona intelligente. Chiaramente quando lavora vuole essere pagato e non rinucia nemmeno ad un euro di quanto pattuito contrattualmente.
    – Fosse stato per Mancini, Icardi da un bel pezzo avrebbe fatto le valige; nella sua testa c’erano Gabbiadini e Milik…..
    – Mancini non poteva opporsi alla tournè americana, ma si è rassegnato definitivamente quando ha chiesto di annullare l’inutile trasferta inglese (quella del 6 a 1) ma non gli è stato concesso; lui avrebbe voluto avere la squadra tutta insieme per una settimana a Riscone di Brunico. Non dimentichiamo che c’era gente che non si era allenata non perchè non volesse Mancini, ma perchè in diversi venivano da Europei/Coppa America etc etc. In quella settimana avrebbe dovuto esserci un richiamo di preaparazione a ranghi quasi completi.
    – Mancini sbaglia come tutti (ed all’Inter in tanti hanno sbagliato e stanno sbagliando) ed errori ne ha fatti ( tipo prendere Melo per forza oppure volere Candreva ed altri… ). Ci mancherebbe; ma di qui a dire che lui sia il primo ed unico colpevole della sciagurata stagione è veramente esagerato.
    – Infine, chi ha scelto di far ritornare Mancini all’Inter doveva sapere benissimo che avrebbe preso un leader; una figura abituata a comandare e, molto spesso, a metterci la faccia.

    Ps: detto tutto quanto sopra quando hanno esonerato Mancini sono stato il primo a fare il tifo per FDB perchè non sono una vedova manciniana; tifo l’Inter e basta e quindi penso che chiunque nuovo arrivi in una situazione del genere vada supportato e non centrifugato come purtroppo siamo abituati a fare. Anche a me sarebbe piaciuta l’idea di un calcio “dominante” anche se resto convinto che con i calciatori attuali ciò non sia possibile.

  188. che palle con sto Mancini.
    premesso che sono un grande estimatore del Mancio 1 e alla stessa identica maniera del Mancio 2 fino a Maggio 2016, ma da Giugno 2016 in avanti il Mancio si e’ autoesonerato, avrà avuto pure qualche sua ragione, ma aveva comunque oggettivamente in mano una squadra superiore a quella dello scorso anno dove ci aveva portato al quarto posto e magari quest’anno avremmo fatto pure meglio, ma questa estate aveva scassato talmente la guallera che se fossi stato al posto dei cinesi l’avrei preso a calci nel culo per poi esonerarlo.

  189. E’ vero, il Mancio ci ha sempre messo la faccia e in questa situazione avrebbe fatto da comodo parafulmine…

    Anche se la preparazione è stata fatta male e la squadra giocava di merda, con lui in panca probabilmente non saremmo stati così giù…

    Il mio parere è che sia stato lui a decidere di lasciare l’Inter a 10 giorni dall’inizio del campionato, sostanzialmente perché gli è stato tolto potere decisionale…

    Trovo inaccettabile che abbia tenuto in scacco società, squadra, tifosi per oltre un mese, con uno stucchevole tira-molla per poi lasciarci nella merda mandando a fanculo l’intera stagione prima del via…

    Putroppo quel potere decisionale tolto al Mancio, è andato poi disperso nei meandri del nuovo labirintico organigramma aziendale italo-cinese-indonesiano in cui non si sa più chi debba fare cosa…

    Cmq sia stiamo sprofondando nella melma e continuare a rimestare il paiolo non risolve nulla

  190. Scusate…ma ancora stiamo a parlare di Mancini?
    siamo a novembre, abbiamo avuto un altro allenatore da agosto e lo abbiamo mandato via. In campionato stiamo andando male, prendendo la paga con squadre non paragonabili alla nostra; in uefa stiamo andando malissimo e siamo ormai fuori o quasi. Non sappiamo chi allenerà l’inter nelle prossime partite.
    Ancora stiamo a ringhiare tra di noi per cercare di chi sono le colpe?
    E se provassimo a smettere di vivere nel passato e ad iniziare a guardare al futuro?

  191. Fabio
    Sono d’accordo con te sul piano teorico
    Ma la realtà ci dice che con FDB l’illusione è rimasta tale e che la realtà è fatta solo di macerie

    Se avessimo avuto milito..
    Si certo ma se non l’hai giochi tenendo presente con chi hai

    C’è una bella differenza tra la realtà e le illusioni che coltiviamo

    • Sì ma la realtà è che io (e tanti altri) avevo visto un gioco degno di questo nome che non vedevo da tempo immemore. Con tutte le varie cose da sistemare, ma la base di BUON CALCIO c’era e si vedeva. Rivedersi la partita con la Juve se si è smemorati e tante altre partite, anche se parzialmente e, ripeto, con le pecche da aggiustare.

      Su icardi…non è colpa di FDB se il nostro attaccante non ne approfitta della mole di gioco che la squadra crea. L’anno scorso poteva avere più o meno ragione Icardi a lamentarsi delle poche palle giocabili, visto il non gioco con il precedente mister.
      Quest’anno avrebbe dovuto baciare il culo a FDB per come faceva giocare la squadra che lo metteva più e più volte in grado di segnare. Poi oh, se lui aspetta che gli arrivino i palloni giocabili solo sui suoi piedi e perdipiù in mezzo a due/tre difensori avversari…allora capisci che il nostro cantravanti è abbastanza limitato!

      Nessuno dei dirigenti italiani o pseudo tali (capito Zanetti?) gli consiglia, anzi lo obbliga a studiarsi i movimenti del nostro tanto amato Principe???

      Come sarebbe diversa la situazione ora………………………

  192. io sarei anche d’accordo di guardare avanti ma dovremmo farlo tutti, se no devo per forza guardare indietro anch’io, perchè certe osservazioni significano solo che siamo buoni tutti a fare i froci con il culo degli altri, e dato che il culo era quello del Mancio, come ho detto prima, un conto è metterci la faccia come ha sempre fatto, un conto è metterci il culo e poi magari vederselo anche preso a calci.

  193. Sono frastornato, al punto da temere ogni partita, anche il Crotone_
    In questo momento qualsiasi Pioli affogherebbe nella lavatrice Inter: un santone alla Hiddink sarebbe meglio_
    Ci sono alcuni spunti tecnici, in questo momento, che non vanno ignorati=
    1) dobbiamo tornare a giocare a due punte, poi mettiamo gli altri, perche’ cosi’ come stiamo giocando puo’ segnare solo il 9;
    2) le ali Candreva e Perisic stanno facendo solo danni, oggi e dico oggi, li panchinerei entrambi;
    3) idem Banega, giocatore di classe superiore, ma che nel contesto attuale non serve;
    4) Ergo, per esclusione, giocherei a rombo cosi’, rimescolando le carte:
    Handa
    Ansaldi, Miranda, Murillo, il giovane Miangue
    Brozovic, Medel, Kondogbia
    Joao Mario
    Gabi (Eder o Jovetic), Icardi

    • Penso anch’io che Pioli sarebbe l’ennesima vittima sacrificale in questo marasma, e forse Hiddink avrebbe più carisma specifico ed è più abituato ad entrare in spogliatoi “pesanti”. Quanto a Perisic e Candreva, sembrano aver staccato mentalmente e Banega comincia a farmi girare le balle. Uno così funziona solo inserito in un ingranaggio collaudato, altrimenti non è né carne né pesce.

    • salgono le probabilita’ che venga Hiddink=
      1) e’ della scuderia Kia
      2) ci fidiamo di te, a maggior ragione di chi ha anche una “u”
      in piu’ !

  194. allora passiamo ad altro e parliamo del bel gioco…

    se il bel gioco presuppone che per avere tante occasioni da gol ne devi concedere altrettante ai tuoi avversari, credo che siamo un pochino lontani da quello che ci vorrebbe per vincere le partite, perchè basta che noi non si concretizzi, per svariati motivi, le occasioni che creiamo, mentre gli avversari ne capitalizzano di più di quelle che meriterebbero, ecco che si può perdere anche con le più scarse del pianeta, oppure si può vincere, se a capitalizzare siamo noi, con quella che sta dominando il campionato da cinque anni.

    esiste una cosa chiamata tattica, dove gli allenatori italiani sono maestri, basta applicarla con quelli che usano solo uno schema a testa basta e li ciuli come ridere.

    altro che condizione atletica, Banega ha fatto fare certe ripartenze che nemmeno Hamilton in F. 1.

  195. Parliamo di campo….se ieri sera al posto di Banega ci fosse stato Joao Mario avremmo vinto la partita.

  196. E poi alla fine per dirla tutta, Icardi vale quanto Bacca e Pavoletti e – dopo quanto si è verificato in estate- per me potrebbe valere anche quanto il Fenomeno ma lo maderei fuori a calci in culo….sto stronzo…

  197. Comunque, la Juve ha già mosso guerra alla gazzetta per la storia delle dichiarazioni di Buffon.

    Quando si dice, tutelare la propria società, ecco, più o meno intendo questo.
    Mai una volta che i nostri dirigenti prendano appunti. Mai.
    Troppo impegnati a fare le audizioni per il nuovo tecnico.

    Ciao, tu ti chiami?
    Guus Hiddink.
    Ah, ciao Guus e cosa ci canti di bello?

    Eh, non ti rimane tempo per difendere la tua società, me ne rendo conto.

    Su Mancini, ribadisco che il giochino “scurdammoce o passat” e facciamo il culo all’allenatore di turno, facendo finta che quest’estate non sia successo niente, beh, con me non attacca.

    Se le responsabilità verranno da quanto è stato combinato a luglio e ad agosto, non butterò la croce sul malcapitato di turno che avrà solo avuto la dabbenaggine di non rifiutare la panchina dell’Inter, o quel che ne resta, per evitare di bruciarsi.

    In barba a qualsiasi assurdità su Vecchi che doveva giocarsi la partita della vita a due giorni dall’esonero più ridicolo che io ricordi.

  198. Ecco un altro modo per comportarsi da Società con la S maiuscola:

    Yaya Tourè:
    ” “Vorrei scusarmi a nome mio e di coloro che mi rappresentano – ha scritto l’ivoriano via social – per le incomprensioni del passato con lo staff manageriale e le persone che lavorano nel club. Nutro solo rispetto per il Manchester City e voglio il meglio per la squadra. Sono immensamente orgoglioso di aver avuto un ruolo importante nella storia del club e voglio aiutarlo ad avere nuovi successi. Vivo per giocare a calcio e divertire i tifosi. A tal proposito, ringrazio i fan per i messaggi in questo periodo difficile: significano molto per me e la mia famiglia”.
    Dopo lo sfogo del centrocampista a settembre e le successive parole del procuratore, Guardiola disse che se Touré non avesse chiesto scusa, non avrebbe più giocato nel City, “almeno fino a quando ci sarò io”.

  199. @Fabio,
    in linea teorica sono d’accordo con te sul gioco, però i giocatori sono questi ed è inutile fare discorsi con i “se” o con i “ma”.
    Credo che FdB sia stato troppo integralista (si può dire?) perché non conoscendo bene né la rosa né le avversarie, dopo le prime allarmanti imbarcate, avrebbe dovuto essere più prudente riadattando il suo modulo di gioco.
    In fondo è quello di cui si è lamentata la squadra.
    E questo doveva farlo fin dalla partita col Pescara, dove ricordiamoci che abbiamo rischiato anche il 2-0 che sarebbe stato definitivo, invece lui ha proseguito per la sua strada chiudendosi in un isolamento che gli è stato fatale.
    In tal modo, probabilmente, avrebbe portato a casa ben altri risultati che avrebbero tranquillizzato ambiente e squadra e gli avrebbero consentito di gestire al meglio questo “passaggio” ad un nuovo tipo di gioco, ripeto, sicuramente più piacevole.
    Ed ha pagato anche l’incapacità di gestire con equilibrio uno spogliatoio affollato e disomogeneo.

  200. Scusate ma l’Inter oggi passa decisamente in secondo piano perchè continuare a fare finta di niente diventa insopportabile.
    personalmente non avevo certo bisogno delle dichiarazioni di Buffon, anche il piu’ ingenuo degli ingenui intuiva che ad es. in Juventus Sassuolo e in Juventus Sampdoria si e’ andati oltre ogni pudore.
    Però fortunatamente le verità prima o poi vengono a galla, queste parole di Buffon rimarranno alla storia, ma se la figc pensa di poter avere ancora un minimo di credibilità dovrebbe aprire un inchiesta, convocare i dirigenti del Sassuolo e della Sampdoria e chiedere:
    come mai la partita precedente e in quella successiva alla Juve avete schierato i titolari mentre con i gobbi mezza squadra ?

    il tutto con lo scopo di cercare di evitare in futuro ulteriori prese per il culo…no perchè ti compri il migliore giocatore della squadra che ti e’ arrivata seconda, ti compri uno dei migliori giocatori di quella che ti arriva seconda, in più giochi contro avversari che non schierano i loro migliori…non so fate voi.

  201. dopo seconda,terza

  202. nota a margine dell’assemblea di venerdì scorso: i piccoli azionisti hanno chiesto conto delle orribili maglie ufficiali, con formale richiesta di avere per il futuro sempre richiami neroazzurri, anche per la terza maglia_
    Grazie, piccoli azionisti_

  203. Basta. Io mollo. Sarà da vigliacchi ma io mollo. Non ne ho più di star dietro a questo circo di pagliacci. Lentamente sto scendendo da qualsiasi carro e voglio tornare coi piedi per terra. Scendo dal carro dei vincitori e dei perdenti, dei sognatori e dei complottisti, delle vedove e dei Simeoniani. Basta. Salterò dall’ultimo gradino dopo la finale col Real Crotone e mi guarderò attorno cercando angoli di aria pulita in cui riossigenarmi. Il tempo dell’AMALA è bello che andato. Cosa c’è ancora da amare? Sopratutto, chi dovremmo amare? Antijuventino fino alla fine, questo sì, ma interista a tutti i costi no. Questa roba qua non è la mia Inter.

  204. Qui, fin quando avremo due teste (forse tre), non andremo da nessuna parte e si reitereranno gli stessi errori.

    La faccenda poi delle “audizioni” degli allenatori, come se fossimo a XFactor, è semplicemente ridicola.

    Sui nomi degli stessi io direi questo: Italiano ok, ma se è un profilo alla Gasperini, abbiamo visto, non funziona. E questo sarebbe il caso di Pioli: uno bravo e che conosce il nostro campionato ma che non mi sembra in possesso di grande carisma per gestire la “polveriera” Inter.

    Hiddink, invece ce l’avrebbe, perché allenatore esperto e di livello internazionale, ma siamo a un FDB in versione più esperta.
    E anche per lui ambiente lingua serie A ecc. sarebbero un problema nell’immediato.
    E dunque tanto valeva tenersi FDB!

    Qualunque sia la scelta avremo sempre una coperta corta perché gli allenatori non si cambiano in questo modo ne’ si prendono così.

    Comunque vada, spero, a questo punto, che chi venga riesca a raddrizzare la stagione e ci porti al riparo in un porto sicuro.
    Che non sarà niente di eccezionale ma che dovrà farci ripartire e con l’auspicio che il prossimo anno ci sia una sola società e una sola testa!

  205. Mareintempesta, tu sai che sono il difensore civico del Sassuolo.
    In forza di questo ruolo spezzo una mezza lancia per il Sassuolo.
    Ieri sera il Sassuolo si è presentato in campo con , tolti i portieri, 15 giocatori,due dei quali Adjapong e Franchini (il primo ha giocato tutta la partita, il secondo entrato negli ultimi ,fatali,minuti) della primavera per i restanti 10 posti.
    Ieri sera era la 18° partita dalla fine di luglio, un mezzo campionato.
    In infermeria ci sono tra i più noti, Berardi (dalla partita col Pescara 2° di campionato) Missiroli, fermo da quasi un anno , dopo fugace comparsa proprio contro la Juventus nel secondo tempo, Magnanelli, Duncan Cannavaro…Sensi … Mazzitelli …
    Ciò non toglie il mio personale incazzo al vedere giocare a Torino Antei e non Cannavaro, proprio a marcare colui che quest’ultimo aveva portato a fare i tuffi.
    Per il resto la squadra era quella che poi è scesa in campo in altre diverse situazioni.
    Chiaro che se lo marchi ai 5 metri Higuain ti fa 2 gol in 10 minuti.
    Io penso invece e l’ho già scritto che più che gli uomini, conti la predisposizione mentale di chi va a Torino, come a considerarla una partita da perdere, una tassa da pagare e sotto con la prossima di campionato.

  206. http://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Juventus/04-11-2016/buffon-alza-la-voce-juventus-comunicato-170717752626.shtml

    Giusto per far capire come funziona in una, aimè mi brucia il culo dirlo, socioetà seria…….
    oh sempre ladri sono ma almeno duri e uniti verso la meta…
    Duole dirlo ma sotto questo aspetto c’è da imparare..

    • Non so se qualcuno si ricorda ma l’Agnello ebbe da dire anche con Topolino che uscì una volta con una storiella nella quale si citava, testuale, la “Rubentus”.

  207. Dimenticavo : io voto Hiddink, quantomeno perchè ne ha viste un pò di tutti i colori, dopo di che passerei agli esorcisti.

    • Anche perché voglio vedere Vialli e Bergomi che gli ridono in grugno….credo che non sia un tipo che si faccia tanto mettere i piedi in testa.

  208. Quello che non vorrei più rivedere è un’Inter come quella di Mazzarri o di Mancini.
    Su questo non ho dubbi.
    Con FDB avevo ricominciato a vedere le partite.
    Con tutti i difetti e i limiti del caso (molti dei quali non addebitabili all’allenatore).

  209. Flavio hai rispotto esattamente come il mio migliore amico tifosissimo samp dicendomi che l’ attegiamento e le scelte tecniche delle samp contro i gobbi gli avevano dato fastidio.
    ma potrei ricordare un luca toni volutamente fuori in un recente juve verona etc…
    tutto ciò come dite infastidisce e non poco

  210. Mi sembra di capire che la logica consigli Hiddink; il nome mi sembra accettato da tutti noi tifosi (in qualche caso con legittime riserve sul fatto che possa essere simile nel gioco a Fdb anche se in realtà non è proprio cosi’ in quanto predilige essere un pochino più prudente…) per cui alla fine i fenomeni che dirigono la società opteranno per Pioli o Marcelino……..

  211. Ne ho letti diversi, in giro per i blog o su twitter, di commenti di persone che dichiarano di non riconoscersi più in quest’Inter, che vogliono smettere di seguirla, di scriverne, che si professano disamorati etc etc. Direi che anche i risultati relativi al marketing stanno cominciando a dare frutti… Anyway, a parte il sarcasmo. Ieri pomeriggio guardavo il mio bambinetto che sgambettava alla scuola calcio tutto orgoglioso con la sua maglietta nerazzurra (la stessa regalatami da mio padre nel 78! Vecchia stoffaccia resistente) in mezzo a qualche maglia granata ed alle troppe bianconere. Eccolo, il futuro dell’Inter, i bambini. Cosa gliene frega a loro di ET, di MM, di Kia… Correre dietro un pallone con una maglietta meravigliosa. In una storia lunga più di un secolo, passerà anche questa nottata.

  212. Premetto che l’Inter potrebbe essere allenata da belzebù in persona ed io faccio il tifo ugualmente ma qui ci vorrebbe il mago merlino. resto convinto da inizio campionato, salvo la breve parentesi giuve, che dobbiamo puntare ai 40 punti. Poi possiamo tirare le righe e fare le addizioni.
    Un mix di mancata condizione, mancanza di voglia di scazzamento che non avevo mai visto. Se sei giù di condizione almeno cerchi di ovviare con la furbizia e l’esperienza (che a molti non dovrebbe mancare) ed invece manca proprio la voglia, lo spirito un minimo di amor-proprio. E’ palpabile la paura di giocare e così anche le cose semplici diventano montagne. Sono avvilito ed invidio chi nonostante tutto vede il bicchiere mezzo pieno.
    Il resto è stato esposto un po’ da tutti quanti.

  213. Flavio Mucci, ma a forza di rompere le palle e raccontare fregnacce ci credono….Come con Calciopoli, ormai a detta di tutti, tranne gli interisti e qualche amante del calcio vero, solo una messinscena per far vincere l’Inter. Se nella società cominciamo a mettere 3 o 4 regole fondamentali (1- non si parla male dell’inter, 2- non si parla male di chi è dentro l’inter, 3- chi si inventa frottole viene sistematicamente sbugiardato ecc….) e si rispettano a priori, chi arriva qua si sentirà anche un pò tutelato. Non come ora in balia di qualunque cazzaro che non sa come riempirsi la bocca…

  214. capisco la veemenza del cazziatone ma Buffon è stato piuttosto lucido, pensiamo un attimo a una cosa: la Samp che viene dal solito derby molto britannico, gioca mercoledì contro la juventus e domenica c’ha l’Inter: quale sarebbe la scelta migliore per venirne fuori con 6 punti su 9?

    ovvio, mi riposo coi goBbi e ci provo con l’Inter, peraltro riuscendoci

    ed era pure uno scontro diretto

    sob

  215. nonsolomerda

    apprendo ora da un convegno sulla tutela dei minori (bullismo e cyberbullismo) che c’è una società di calcio, prima e per ora unica, che ha stanziato una barca di soldi per campagne di informazione e sensibilizzazione nelle scuole contro questi problemi_
    Si chiama Inter, e la relatrice ha pubblicamente nominato e ringraziato tale Javier Zanetti_

  216. capisco ma non mi risulta che il Granada o il Las Palmas facciano le stesse cose contro il Barcellona o il Mainz ed il Friburgo contro il Bayern

    possiamo per cortesia dire ormai con certezza che i Gobbi sono una nostra(Italia) bruttissima anomalia senza girarci tanto intorno ?

  217. No, il problema vero è che in Italia, l’anomalia siamo noi, non i Gobbi.
    La nostra cultura calcistica (e non solo) è sta roba qua.

    Già sono forti loro, l’arbitro non fischia mai niente a favore, magari ti riduci anche in 10 e ti tocca scontarla nelle partite a seguire quando devi far punti sul serio.
    Per non parlare del fatto che magari qualcuno ci rimette un osso (ve lo ricordate Bergessio?)

    Chi cacchio gliela fa fare al Sassuolo di turno di giocarsela davvero?

  218. ultimo post di giornata poi la smetto in quanto partita persa, non mi riferisco a nessuno di voi sia chiaro, ma al sistema mediatico nostrano

    sul sito della gazzetta sono stati eliminati tutti e dico tutti i commenti relativi ai tre articoli della vicenda Buffon.

  219. Buffon si è limitato a evidenziare l’effetto, guardandosi bene dall’analizzare la causa, che sicuramente lui e tutti i giocatori bianconeri di sempre attribuiscono alla forza del “nome” della storia dello stadio e cagate del genere. È un po la storia di sempre della sudditanza psicologica. Non faranno mai ammissioni perché sono i primi a crederci (i giocatori… i dirigenti e chi si sporca le mani in lega ovviamente lo sa benissimo) .
    Mi piacerebbe di più vedere delle levate di scudi in nostro soccorso da societa e tifosi quando massacrano la nostra squadra . quello sarebbe utile invece di stare al loro gioco noi come tifosi ed inveire solo sulla base del risultato e la società in un dignitoso silenzio.
    Guarda come si sono affrettati sti maiali a fare subito il comunicato. Prendete nota del giornalista e leggete i suoi prossimi articoli (se ce ne saranno).
    Ed io che quando mi incazzo per queste cose devo pure passare per complottista, per paranoico, rimbrottato anche dai gentili juventini frequentatori del blog, come se questi aspetti psicologici non condizionassero veramente gli ambienti sia in positivo che in negativo. Ve lo doveva dire Buffon….

    • In effetti che gli altri si scansano contro i ladri dal 2011 in poi lo dice da tempo solo un terzo della tifoseria interista (e io appartengo a quel terzo). Purtroppo, il resto dei tifosi, settore, nerazzurri o no, sono da sempre accondiscendenti verso questa situazione e la accettano come normale, tanto i piu forti sono loro.

      Qualche anno fa, qui qualcuno aveva fatto notare un gol a Bergamo con azione impostata da un incerto Chiellini che incredulo palla al piede si faceva 60 metri di campo senza che nessun atalantino gli si avvicinasse. Ma ovviamente chi lo faceva notare era un complottista.

      Oppure nessuno parla più di una cosa da niente, della juventus che si autoproduce le immagini ufficiali, magari mettendo le righe del fuorigioco storte. Siccome l’aveva fatto notare Galliani, quasi tutti gli astuti nerazzurri hanno subito preso le difese dei gobbi… e hanno deriso il geometra che – guarda caso – da quel momento in poi ha smesso di contare qualcosa nel calcio italiano.

  220. Dal 2013 ad oggi in serie a abbiamo disputato 125 partite: in sole 24 di queste (19%) abbiamo vinto con più di un gol di scarto……questo dato da solo dà il valore della nostra squadra in questi anni bui…..sto impazzendo come Sconcerti…..scusatemi….

  221. “In quanto al verbo “scansarsi” che ha generato molte reazioni, era usato esclusivamente per fare riferimento alla scarsa convinzione di vittoria da parte di altre squadre quando queste affrontano la Juve, a causa di una superiorità dei bianconeri che spesso viene inconsciamente riconosciuta dagli avversari”.

    Leggi cosa scrivono per rivoltare la loro cacca.

  222. Comunque questa storia dei colloqui di lavoro con gli allenatori mi fa schiantare. Il curriculum l’avranno spedito o lo consegnano a mano? Gli faranno test attitudinali? Si esprimeranno in inglese? Qualche domanda sulla storia dell’Inter la infileranno?

    • A pensarci bene l’unica cosa veramente bella e interista che ricordo negli ultimi 5 anni è il comunicato sulla reputazione retrocessa in serie B. Valeva più di uno scudetto, ma è stato un caso isolato.

  223. Dopo tanti legittimi scazzi, cerco di divertirmi con qualche appunto tattico;
    Premetto che non sono un tecnico ma solo un appassionato , però le partite cerco di vederle con occhio critico (certo la cacarella prima delle partite dell’Inter non manca mai…);
    Penso che : al momento 2 esterni così larghi non li reggiamo; se perisic quanto meno spesso detta il passaggio, Candreva vuole la palla tra i piedi, corre pochino e la fase difensiva riesce garantirà per 1 tempo si è no; e comunque quando perdono palla , e succede spesso ad entrambi, gli esterni bassi vanno in confusione (sono poco sicuri – esempio Santon, o inadeguati , esempio D’Ambrosio, o poco propensi alla fase difensiva, esempio anzaldi, o tutti e 3 i difetti insieme, vedi nagatomo), quindi fuori Candreva e perisic e dentro brozo a dx (scazzato, indolente, ma più attento al contenimento); in mezzo Medel (mi sembra impossibile dirlo ma sembra insostituibile ), kondo (non ne conosco la motivazione, ma mi ispira fiducia, del tipo che prima o poi lo vedo sgroppare tipo cavallo pazzo, alla berti), e Joao , l’unico vero centrocampista europeo in rosa, a sx; fuori banega (che ha nell’incostanza la sua più straordinaria caratteristica ); e dentro barbosa (Gabigol al momento mi sembra un soprannome un filino eccessivo) : è uno scolastico 4-4-2 ma al momento forse potrebbe dare piu’ certezze.

  224. Posso chiedere a settore di fare un nuovo post su qualsiasi argomento anche non calcistico.In questo momento quella foto con quei soggetti è la peggior presa per il c*** per un tifoso interista.Ringrazio anticipatamente.

  225. Per esempio, visto che la gazzetta è in guerra aperta con la juventus a botte di comunicati e controcomunicati, noi dovremmo avere il coraggio di premiare questa rivoluzione e – se veramente i tifosi interisti sono milioni – domani e solo domani dovrebbero fiondarsi in edicola e fare il tutto esaurito. Sarebbe un messaggio importante visto che da qualche mese la famiglia Agnelli è uscita da capitale di RCS e tutto questo avviene non per caso. Intanto il povero giornalista GB Olivero (che credo sia comunque gobbo) che già aveva ricevuto pesanti minacce nel 2010 per un articolo su Krasic, dovrà presto ordinare una macchina nuova perché prevedo che la sua sarà presto sfasciata, come avvenne a beppe bergomi per qualche commento poco lusinghiero sul gioco dei ladri.

  226. Grande dimostrazione d’amore del pitbull per la sua squadra= domenica sara’ allo stadio a tifarla dalla tribuna, poiche’ squalificato-

    Si tratta dell’Universidad Católica del Cile.

  227. “Live da Milano p.zza San Babila..Fuori Guidolin. Restano in due: è Pioli vs Marcelino..!” Fantastico, a questo punto voglio Manuel Agnelli tra i selezionatori che, al momento della firma, canta al nuovo mister “Non è per sempre”

  228. Pioli Marcellino per ora sono in pareggio. I cinesi vanno a cena, si riprende domattina con la materia a piacere.

  229. Ma che c’entra Marcellino con libter

  230. Ma chi è Marcellino?

    • Uno della scuderia di Kia, il quale fa chiaramente i suoi interessi. Non posso credere che i cinesi siano così sprovveduti da lasciare carta bianca a questo procuratore. Per me c’è dell’altro.

  231. finalmente abbiamo capito chi ci guida

    https://kia.co.nz/

  232. E vi metto anche questo, così avete due articoli sullo stesso argomento ma due opinioni opposte. Giusto per avere un po’ di alternanza.

    http://www.calciomercato.com/news/l-equivoco-di-buffon-e-la-sudditanza-psicologica-verso-la-juve-16110

  233. Mah.
    Abbiamo rotto le scatole all’olandese perché non conosceva il calcio italiano e adesso prendiamo un altro straniero?

    A sto punto, con la classifica che abbiamo e con la stagione abbastanza compromessa, non sarebbe meglio Pioli?!

  234. Nella situazione in cui siamo, si tratta solo di vedere quanta voglia abbia il prossimo allenatore di bruciarsi.
    Siamo in mano ad una proprietà che non conosce questo sport e che ha tempi biblici per fare qualsiasi cosa, e nel calcio, lo sappiamo tutti, non ce lo si può permettere.

    Una dirigenza che non ne ha fatta una giusta da giugno ad oggi e che ha mandato al macello il povero Vecchi, a cui abbiamo avuto anche il coraggio di muovere delle critiche, quando dovremmo esprimergli piena solidarietà per essere stato costretto a fare da parafulmine a gente che dovrebbe essere a casa da un pezzo.

    Gli hanno dato in mano una squadra fuori condizione, facendogli giocare una partita da dentro o fuori in Europa League, per giunta fuori casa contro una squadra inglese

    e domenica dovrà affrontare una partita apparentemente facile ma in cui ha solo da perdere, ma con una squadra in difficoltà: se vince era pur sempre il Crotone, se perde o pareggia, chevelodicoafare.
    Insomma è stato sacrificato sull’altare come un agnello, per coprire errori marchiani.

    Non sono degni del nostro blasone, della nostra storia e del nostro essere.
    Andate via.

  235. Sapete che vi dico: se arriva sto Marcelino forse è segno che Suning sta iniziando a muoversi davvero con la propria testa (da quello che leggo non è vero che faccia parte dei controllati da Kia)…..e forse significa che i fenomeni dirigenti che abbiamo in questo momento hanno davvero fatto il loro tempo……….vedremo………….per quanto riguarda Pioli è stato allontanato dalla Lazio perché non riusciva a gestire quello spogliatoio un po ‘ in confusione. ……immaginatevi all’ Inter come potrebbe trovarsi………

  236. Sta di fatto che i tre “italiani” (quelli che vorresti mandare a casa) spingono per Pioli che a mio avviso sarebbe la scelta migliore per il momento topico che stiamo attraversando, mentre gli altri (i cinesi) sono tentati da Kia per Marcellino.

    Perlomeno questo sembra dalle notizie che arrivano.

    Tieni conto, e finisco, che i cinesi non si possono mandare a casa.

  237. Ma sì, tanto cambia poco.
    Il casino è a monte, ed è stato combinato ad agosto.

    La sensazione è che abbiano nasato l’odore di bruciato e non ci voglia venire nessuno.

  238. Mah, Zanetti lo terrei anche, perché comunque all’Inter, da giocatore, ha dato tanto.
    E riconosco che è un neofita del ruolo.

    Quelli che devono andar via sono quelli che, in linea teorica, avrebbero dovuto tenerlo per mano e fargli progredire nel ruolo

    e invece, toh, guarda che casino.

  239. Zanetti però è Moratti quindi se vogliamo dare un taglio con il passato forse deve andarsene, oppure essere relegato ad un ruolo simbolico e non certo decisionale a meno che non crediamo che ora decida Ausilio…….

  240. Ho l’impressione che i cinesi sono bravi a copiare ma nel calcio sono veramente incapaci. Non trovano un allenatore in una settimana e non trovano un dirigente che sia decente. La vedo grigia tendente al nero

  241. Da qualche parte ho letto una intervista a Candreva che diceva di avere litigato con Pioli alla lazio.
    Ricordo male?

  242. povera Gazza, appena cerca di esercitare il diritto di stampa la voce del padrone la richiama nei ranghi: solidarietà ai giornalisti, che tengono famiglia anche loro!

    Il progetto del nostro Kia è portarci Hiddink, Marcelino seconda scelta_ Kia c’ha visto bene: tra giocatori,allenatori, manager, il porto di mare Inter moltiplichera’ il suo già ricco patrimonio_

  243. Marcelino?!
    Se si pronuncia “marseli-gno” allora stiamo finalmente iniziando a dare continuitá ai progetti.
    Pronti per un altro triplete.

  244. Ma secondo me in realtà sto Marcellino è Gianni Morandi……guardatelo bene…..

  245. Candreva alla Lazio voleva la fascia e Pioli invece la diede a Biglia. Niente di drammatico. Il fatto che Pioli non abbia ancora firmato è la dimostrazione che i cinesi non hanno nessuna intenzione di affidarsi al terzetto italiano e al momento vogliono capire di persona a chi affidare la squadra. Kia è il loro riferimento principale. Quest’ultimo, come tutti, fa i propri interessi e rifilare bidoni non gli torna certo utile. Ma sono d’accordo con chi dice che una società di calcio non si può gestire con questi tempi e modalità. In sostanza è ufficiale che la dirigenza che affianca e presidia quotidianamente il lavoro dello staff tecnico, Ausilio Zanetti e Gardini, non hanno nessuna autonomia. Immaginate che autorevolezza possano avere agli occhi di allenatore e squadra.

  246. In momenti come questo , se prendiamo uno che si chiama Marcelino, si rafforza quello stato d’animo vagamente paranoico che ti fa pensare che il calcio sia tutta una grande commedia dell’arte recitata dove l’Inter ha la parte del personaggio che perde sempre, che tutti prendono per il culo o a bastonate ….

    • Poi uno si ripiglia e si rende conto che in Italia più di noi hanno vinto solo i ladri. E l’ultima volta che ridevano tanto si sono ad un certo punto ritrovati con l’eco delle loro stesse risate che li inseguiva nei campetti della B.

  247. Pulcinella?

  248. Pep Guardiola – Carlo Ancelotti – Josè Mourinho – Il Ciula Simeone – Arsene Wenger – Jurgen Klopp – Zinedine testadicazzo Zidane ….eeeeee Marcellino.

    Amala.

  249. A parte gli scherzi, da quel che leggo sto Marcellino sembrerebbe bello fumantino…..e che pratichi un onesto e concreto 4.4.2 che allo stato credo sia il modulo di gioco più adatto. Ed anche che sarebbe autoritario e deciso….e che non vada bene a diverse PI pronte solo a criticarci…..a me sinceramente Pioli non piace proprio….allora preferisco tenere Vecchi…..quindi tocca a Marcellino, benvenuto….la commedia continua…..speriamo finisca bene…..

    • È così…per chi vuole portarsi avanti su Youtube ci sono i video dei suoi allenamenti. Per la cronaca, dal Villareal se n’è andato dopo una rissa con un giocatore argentino a pochi giorni dai preliminari di CL. Per inquadrare il tipo…

  250. Comunque vada. Zanetti, Gardini e ausilio di fatto se suning stessa si trova a Milano da 3 gg per cercare allenatore , sono stati delegittimare. Dovrebbero dimettersi. Non servono più a niente. Forse terrei ausilio per il mercato , forse ma gli altri 2….a casaa

  251. Ma chi l’ha detto che nel calcio le decisione devono essere “immediate” ? Che minchiata di frase fatta è ? Quali sono le decisioni immediate che ci hanno reso campioni? Stramaccioni? L’esonero di SImoni? L’acquisto di Erkin? Avete un cervello, iniziate a ragionare con la vostra testa per favore.

    I cinesi stanno facendo bene, dobbiamo solo ringraziarli. Iniziano a capire chi deve rimanere, chi deve andarsene anche a livello dirigenziale. E soprattutto sono incazzati neri con Moratti che ha mosso molto scorrettamente i suoi galoppini (Tronchetti, Leonardo, molte PI….) per spianare la strada del rientro…. Moratti che quando non ci sono i cinesi viene ancora a pavoneggarsi in tribuna a San Siro perché ha bisogno dei cortigiani come dell’ossigeno….

    forza Suning, allontanate Moratti, Icardi (il quale è l’unica vera ragione del fallimento di FDB che dopo anni aveva dato un gioco vero alla squadra con decine di palloni di qualità messi in area a partita) cacciate le vedove alla Piero Ausilio e continuate così.

  252. Aspett un mument… su Marcelino che sarebbe un uomo della scuderia di Kia forse ho detto una cazzata (una delle tante… e non sarà certo l’ultima). Il nome di Kia sarebbe Hiddink:

    http://www.calciomercato.com/news/marcelino-e-l-inter-l-uomo-che-strega-suning-ma-non-kia-il-retro-99507

  253. A parte gli scherzi: la figura di Kia non è facilmente inquadrabile, infatti qui in redazione nessuno ha ben chiaro chi abbiamo davanti. Vi faccio due esempi per farvi capire (da quel poco che so).

    1) Raiola. E’ il procuratore per antonomasia. Tutti i giocatori che lui gestisce sono legati a lui personalmente (Ibra, Balo, Pogba…) e insieme decidono il da farsi. E’ un procuratore in senso tradizionalista, cioè facilmente incasellabile.

    2) Kia. E’ l’esatto opposto di Raiola. Kia in realtà è un gestore di fondi, lui formalmente non rappresenta né calciatori né allenatori. Per esempio Oscar (quello del Chelsea) non è legato formalmente ad un procuratore in carne ed ossa, ma fa riferimento ad un’agenzia: EURO EXPORT ASSESSORIA E PROPAGANDA LTDA. Tutti sanno che però Oscar va dove vuole Kia.
    Il nostro ‘consulente’ non è inquadrabile in senso tradizionale come Raiola. Parere mio personale senza alcun tipo di riscontro: i rapporti tra Kia e Suning sono solo marginalmente integrati nel calcio, i loro veri rapporti sono altri.

  254. Da quanto si legge sul Corriere, pare che Suning sia arrivata a Milano decisa a fare una bella pulizia sterile e antibatterica. La dirigenza “italiana” (sic) emarginata durante i colloqui con gli allenatori, Bolingbroke mandato in ferie (!) in Inghilterra, congelato i rinnovi di Ausilio e Gardini fino a nuovo ordine.

    Marcelino sembra uno tosto, ergo i giocatori inizieranno ben presto a remargli contro. Ma, a differenza di De Boer (che era troppo Signore), sembra anche uno che non ha paura di passare dalle parole ai fatti.
    Chevvedevodì, a questo punto meglio lui di uno che come miglior risultato ha un terzo posto con la Lazio e una serie chilometrica di esoneri.

    Meno male che, prima di Inter Crotone, avrò a disposizione un ricco sabato rugbystico. Galles-Australia, Barbarians-Sud Africa e Irlanda-Nuova Zelanda… piatto ricco mi ci ficco!

  255. Impazza il totoallenatore(io sono libero il mercoledì pomeriggio)e, allo spareggio con ilCrotone, non interessa a nessuno.Regaleremo altri punti?

  256. Suning ha tirato fuori i soldi, fare bene è un’altra cosa.
    A meno che, secondo te che, a quanto pare, a differenza nostra usi il cervello, cambiare 4 allenatori in 4 mesi significhi fare bene.

    Beh, e allora m’arrendo.

    Se secondo te essere 12esimi il 5 novembre vuol dire fare bene allora mi sa che hai confuso l’Inter con l’Atalanta.

    Visto che, come dici, nel calcio è giusto prendersi i propri tempi

    (poi si gioca ogni 3 giorni, il mercato ha delle scadenze precise, ma che importa, noi abbiamo tutto il tempo che vogliamo, poi dove lo pigliamo lo sai solo tu)

    potevano aspettare almeno un’altra settimana a mandare via De Boer, invece no, era molto più comodo mandare al massacro Vecchi, intanto che noi si gioca al Grande Fratello degli allenatori con tutta la calma del mondo

    Caffè, Pioli? Cos’hai da fare settimana prossima? Stai impicciato? Vabbè, si fa l’altra ancora, figurati, che fretta c’è, mica l’allenatore ha bisogno di tempo per lavorare sulla squadra, macché, quelle sono le scuse accampate da De Boer.

    Dai, su, che poi i gobbi c’hanno pure ragione a tirarci per il culo.

  257. Zola??????? Ma qui stiamo impazzendo tutti, mi sa… Svegliatemi da quest’incubo!

  258. Zola no dai……..

  259. “La dirigenza sta incontrando proprio ora Gianfranco Zola che potrebbe essere la soluzione a sorpresa per la panchina dell’Inter. Suning è il primo sponsor del tecnico – riferiscono a Sky Sport -, sarebbe questa infatti una scelta compiuta in prima persona dal gruppo che conosce le caratteristiche del tecnico”.

    In che mani siamo finiti? Di questo passo, fanno bene i gobbi a prenderci per il culo. Che amarezza. A questo punto, pseudo-allenatore per pseudo-allenatore, vivvaddio prendiamo Zenga

  260. Zola chi?

  261. Era stato ampiamente previsto dai poveri coglioni, io fra questi, che qui hanno sempre litigato difendendo gli allenatori, passando a seconda dei casi, per gobbi, per vedove o appunto per coglioni.
    Gli amanti dei cambi in corsa, i palati sopraffini del noi siamo l’inter, devono essere contenti del casting e della eccitazione che procura il cambio del mister.
    In mancanza di gnocca una pippa è meglio di niente.
    L’Inter degli ultimi 5 anni avrebbe fatto cagare anche con Gesù di Nazareth in panca.
    Tanto valeva cambiarne un paio invece di otto e non fare tanto gli schizzinosi perchè come si vede al peggio non c’è mai fine.
    Ohhhh mi sono tolto il rospo dell’ io l’avevo detto!!!! Non lo faccio più.

  262. Marcellino mi va bene, meglio di un italiano gobbo ( Pioli ) di un prete finto ( Guidolin ) di un fantasma ( Zola ), di un vecchio ( Hiddink ) e di ex interisti mediocri ( Zenga e Manddorlini, che pure mi stanno a cuore assai ).
    Marcellino è uno spagnolo cazzuto che gioca all’italiana, schifa il tikitaka, ed è tosto quanto basta per tenere lo spogliatoio e farci arrivare presto a 40 punti.

  263. un po’ di cultura, suvvia.. sarà rinato Emile Zola, il celebre scrittore

  264. tu quoque, Gianni…

  265. Io sento rumore di biglie…anche voi?
    Ci dev’essere qualcuno all’INTER che sta scuotendo la testa…
    si sente fin qua !

  266. Vado di vedovanza:
    il Mancio? Qualcuno l’ha visto?

  267. Si fa sempre più forte la sensazione che stiano tutti declinando l’offerta.

  268. siamo tornati ai tempi del dopo Lazio-Inter del 2002, quando ci prendevano per il culo anche i bidelli, per dirla come Pieraccioni.

    questa del casting è veramente grossa, sarebbe bello vedere i filmati per leggere i voti che danno sulle palette a Pioli, Guidolin, Marcelino e Zola.

  269. Quoto Acanfora , siamo una squadra di cultura : dopo Guy Debord ci sta bene Emile Zola .

  270. Ancora qualcun altro che vuol dichiarare che i gobbi fanno bene a prenderci per il culo? No perché non vi capisco. Noi abbiamo una proprietà che decide di scegliere il tecnico dopo averne colloquiati un tot. Che scandalo. Gli altri come fanno? Il primo che viene in mente lo assumono? La differenza vera è che il tutto avviene in mondovisione. Eh già, mica nel silenzio asservito dei media da sottobosco bianconero. I quali bianconeri giocano un campionato ufficialmente farlocco data la resa di molte delle società che dovrebbero giocarci contro. Ma è dell’Inter che ci si preoccupa. Infatti fossi napoletano o romanista sai come mi divertirei con l’Inter dei cinesi, mentre gli altri mi scippano il solito scudetto. Si dice, bisognava aspettare a mandare via FdB. A me spiace, ma se l’olandese non ha più il controllo dello spogliatoio è inutile insistere. Ma c’era la partita decisiva…povero Vecchi..et etc. Ma a Vecchi nessuno chiedeva nulla, gli han solo detto di occupare il posto in panca. E stava pure per portare a casa il culo. I cinesi devono scegliere un profilo “vendibile” anche in Asia, e per questo stanno valutando. La notizia è che stiamo di fatto assistendo all’esautoramento dell’uomo di ET, Bolingbroke, e a quelli di MM, Ausilio Zanetti e Gardini. Brutta notizia perché adesso comanda solo Kia?

    • Gus mi hai anticipato di 2 minuti.

    • Quando dico che fanno bene i gobbi a prenderci per il culo, ovviamente non mi riferisco al fatto che la società abbia tutto il diritto di parlare con tutti gli allenatori del globo terracqueo… Ma che, tra tutti questi, anche solo ipotizzi di prendere Zola che – fino ad ora – come allenatore è uno zero cosmico che ha allenato sentisenti Cagliari (venendo esonerato, se non mi sbaglio), West Ham, Watford e qualche squadretta araba, beh scusa ma su questo credo che facciano bene a farsi una risata. Non ditemi che a parti contrarie non li avremmo presi per il culo fino al giorno del giudizio.

  271. Ne avrei da ridire per una settimana sulla società e proprietà ,ma mi chiedo solamente se quando una società vuole cambiare allenatore è così inverosimile che faccia più colloqui a vari candidati. Che poi da noi i giornalisti li chiamino “casting” sortendo in maniera geniale l’effetto di buttar subito tutto in caciara e senso del ridicolo, tutto con una parola, questa volta devo fargli i complimenti, finalmente hanno usato un modo arguto di buttarci merda addosso.

  272. Buongiorno a tutti.
    Nonostante tutti gli eventi comici di questi ultimi 4 mesi, uno prova a mettercela tutta per essere un po’ ottimista, pensare che sia un brutto periodo e che la forte Società di Suning prima o poi ci rimetta in carreggiata e ci faccia diventare forti.

    Passi anche la lungaggine di questa settimana per scegliere il nuovo mister che potrebbe essere dettata anche dalla paura di sbagliare nuovamente la scelta di colui che ci dovrebbe togliere dalla merda, ma ecco che “boom” !!, nuova mazzata tra capo e collo quando leggi il nome di Zola!

    Cavolo ma solo il pensare che nella nostra Società esista una mente “pensante” che ha deciso, anche solo di inserire nella lista degli invitati al colloquio, uno come Zola, che cosa si potrebbe aspettare dal ns futuro?

    Ma che profilo ha? Cosa ci potrà avere mai Zola di caratteristiche per togliere l’ F.C. Internazionale da una delle situazioni più merdose della propria storia?

    Sono veramente preoccupato perché ripeto, anche se non fosse scelto lui, solo il fatto che qualcuno appartenente alla ns società lo abbia inserito nei candidati è a dir poco una scelta suicida.

    Ma Suning è una società mandata dal bovino per mandarci alla rovina e per la prima volta in quella serie che anche non voglio nominare?

    Spero di svegliarmi da questo incubo.

  273. Vecchi potra’scrivere sul suo curriculum che ha allenato L’Inter: solo per questo il suo valore è moltiplicato_ Il nuovo mister lo deciderà Suning come cacchio gli pare: non era questo che si chiedeva fino a ieri?

  274. Ruolino di marcia di Zola da allenatore:

    West Ham 2008-2009 G40 V15 P9 S16 (37,50% vittorie)
    West Ham 2009-2010 G41 V9 P11 S21 (21,95% vittorie)

    Watford 2012-2013 G52 V25 P8 S19 (48,08% vittorie)
    Watford 2013-2014 G23 V8 P7 S8 (34,78% vittorie)

    Cagliari 2014-2015 G11 V2 P2 S7 (18,18% vittorie)
    Al Arabi 2015-2016 G16 V8 P2 S6 (50% vittorie)

  275. È per questo che mi scervello a capirne il senso .
    Quanto meno Pioli ha delle esperienze nel ns campionato e quando ha preso la Lazio in corsa ha fatto bene.
    E anche questo Marcelino, oltre a delle buone annate fatte in questi ultimi anni sembra che abbia pure un buon temperamento da condottiero che non guasterebbe e lo ritengono simile al Cholo .
    Ma Zola sarebbe un suicidio, ma ancor di più, cosa grave, sarebbe volontario!

  276. Gianni
    Pioli non è juventino!!!
    È interista di famiglia interista!!!
    Per quel che può valere…

  277. Sì, certo. Si è visto come abbia giovato a Verdelli o a Stramaccioni.
    Sembriamo i violinisti del Titanic, certe volte.

    Gli altri come fanno? Ecco, infatti. Come fanno?
    Fanno che PRIMA contattano gli allenatori e poi esonerano quello che c’è già.
    Non ne cambiano 3 in una settimana.
    Non obbligano quello della primavera a bruciarsi in questo modo preparando le partite decisive in 3 giorni senza neanche aver mai allenato la squadra.

    Cosa doveva fare Vecchi? Mandarli a quel paese? È pagato dall’Inter, fa parte dell’Inter, chi telefonava era un dirigente, cosa doveva dire? No?

    L’hanno mandato allo sbaraglio per non assumersi le loro responsabilità. Per la paura che De Boer avesse portato a casa sia la partita di EL sia quella col Crotone e sarebbe stato difficile esonerarlo, dopo.

    Siamo in una situazione che ormai va oltre il grottesco, c’è in corso un conclave in cui mi sembra ragionevole che nessun allenatore voglia questa patata bollente, visti gli ultimi sei mesi, la condizione atletica della squadra (accà nisciun è fess)

    e presto, è ora che ci guardiamo in faccia e ce lo diciamo apertamente, andranno via anche i giocatori che possono fare la differenza.

    Mentre noi siamo ancora lì a dire:”ebbbbè, che c’è di strano?”

  278. perdei Vecchi non è contento di allenare la prima squadra? Ci mancherebbe altro..
    Strafalcioni si è costruito una carriera grazie all’Inter_ Se tu non gli invidi il conto in banca, io si_

  279. Ma quale società seria ingaggia un allenatore sulla base di due partite da allenatore dell’Inter in prima squadra, giocate in 3 giorni tra un tecnico e un altro, per giunta.

    Non sposta niente, se non in negativo, perché rischia di mandarti in confusione e ti evita di leggere la partita.

    Dai, su, almeno noi cerchiamo di non dare spago a queste situazioni imbarazzanti.

    Piena solidarietà a Vecchi, sperando che prima o poi, anzi prima o prima, vadano finalmente a casa.

  280. a casa allora ci devi mandare Suning e Kia: i responsabili sono loro, se ancora non l’hai capito_
    Gli altri al massimo li puoi costringere alla lettura postuma ma ininterotta del libro di Icardi !

  281. Ma sicuramente avranno responsabilità anche loro,
    ma non è che prima dei cinesi e di Kia le cose viaggiassero a meraviglia, eh.

    Ripeto, ci hanno messo i soldi, ma fare le cose per bene è un’altra cosa.

    E fin qui ti do ragione.

    Ma che i cinesi non capiscano nulla di come gestire una società di calcio di serie A, voglio dire, era preventivabile.
    Quello che è inammissibile è che i dirigenti che sono qui e che nel calcio ci sono da diversi anni producano questo casino.

    O credi davvero che paghiamo ventordici dirigenti per fargli leggere il libro di Icardi
    (che poi, manco lo fanno, vabbè…).

    I primi responsabili, dopo Mancini e i danni che ci ha donato, s’intende, sono loro.
    A cui, ovviamente, s’aggiunge a ruota il lassismo dei cinesi per ogni giorno che passa senza dargli il benservito.

  282. l’allontanamento di Mancini l’ha deciso Thoir con il benestare di Kia e Suning; idem la scelta di DB; l’esonero di DB ed attuale stallo, deciso da Kia e Suning_ I responsabili, o i meritevoli, chissa’?, hanno un nome preciso_ Le altre sono figure di contorno, ormai è chiaro_

  283. Fanno bene i gobbi e i bilanisti a prenderci per il culo

    Giovedì in tre dirigenti parlano bene di fdb lo difendono e dicono di avere un progetto e sono contenti di lui e lo cacciano quattto giorni dopo

    Chiamano dieci allenatori per un casting… allenatori così diversi che significa non avere in mente quale diavolo di progetto tecnico inseguono

    La Juve ha risolto contratto con conte e avev già preso allegri. E lo ha difeso sempre mentre tutti e dico tutti noi esultavamo perché lo ritenevamo un idiota
    E si è visto chi aveva ragione

    Essere antjuventini non mi fa dimenticare che siamo purtroppo una società di incapaci

  284. per me ha ragione este per quel che concerne questo teatrino che io non ho mai visto nemmeno quando Moratti licenziava gli allenatori come Zamparini.

    la figura da cioccolatai l’hanno fatta già questa estate perchè se vedi che il tuo allenatore sotto contratto fino al 2017 sta dando i numeri, almeno a quel che si dice su qui, io non l’ho mai visto, vai da lui e gli dici : uei bello, cosa cazzo hai che ogni giorno i giornali ne scrivono una su di te? non ti sta bene cosa? quella è la porta, ti puoi accomodare, ovviamente dai le dimissioni, se no stai zitto e a cuccia.

    invece l’hanno licenziato dieci giorni prima del campionato…

    adesso hanno fatto la stessa cosa con DB, solo che questo qui non ha mai detto un cazzo, a parlare ci hanno pensato i media e non si capisce perchè una società seria si possa far influenzare così da loro.

    prima dicono in coro, dopo però avere vinto con il Torino, che lui poteva stare tranquillo e poi dopo avere perso con la Samp lo mandano a casa.

    anche uno scemo aveva capito che tutto era legato ai risultati e che prima o poi lo avrebbero cacciato via, se no appena cominciato lo stillicidio dei media una società sicura della sua scelta lo avrebbe difeso a spada tratta, invece di lasciarlo al suo destino.

    dopo il licenziamento di DB scrissi che non era quella l’ultima figura di merda che ci stavano riservando, perchè se avevano già deciso di lasciarlo a casa il minimo che potevano fare era quello di avere già un sostituto ben preciso nelle loro diverse teste, non di mettere in piedi questa farsa, perchè di farsa si tratta, altro che decidere con calma per non sbagliare, nessuno può dare garanzie di riuscita in queste condizioni e chiunque sarà scelto, se non avrà il supporto incondizionato della società, sarà destinato a fare una brutta fine come gli altri.

  285. Mah, sarà tutto vero quello che dite………..io penso che tante responsabilità le abbia chi ha portato a vestire la nostra casacca certi giocatori che sono di una mediocrità tale che farebbero fatica in lega pro….non voglio elencarli di nuovo, ma mentre scrivo vedo che il Torino sta vincendo 3 a 0 con il Cagliari che avrà preso 300 gol in 5 partite…..e penso che i nostri sono riusciti a perdere….e che sono riusciti nella impresa di pareggiare con il Palermo, a perdere contro una squadra israeliana, a vincere di culo contro il Pescara……….quando da noi arrivavano gli Alvarez,gli Schelotto e poi i Nagatomo, i D’ Ambrogio mi sembra che ancora Suning e Kia non ci fossero…..per cui magari possiamo anche concedergli qualche mese di errori….visto quello che è successo prima…..

  286. No tanto per dire ma Nagatomo, D’Ambrosio, Juan, Ruben Botta, Alvarez, Kuzmanovic, Mudingay, il divino Jonathan e poi Campagnatico, Schelotto, Medel (retrocesso in Inghilterra giusto per ricordarlo) Murillo e adesso non me li ricordo tutti….ma non mi sembra li abbia portati sto Kia……mi pare che Kia abbia portato solo Joao Mario che, insieme a Perisic, potrebbe essere il solo ad poter aspirare a qualcosa di meglio che la nostra attuale Inter…….

  287. Mah, stai a vedere che ai tempi di Moratti questi teatrini non si vedevano, macche’. Allenatori in sequenza, uno addirittura amato da tutti esonerato mentre ritira la panchina d’oro e dopo aver battuto il Real in coppa. Un altro dopo aver ricevuto la parola d’onore di Facchetti. Con DS che fanno un mercato e altri che ne fanno un altro. Eh ma invece oggi è tutta un’altra storia. Che nostalgia. Beato il Milan che ha beccato i cinesi giusti.

    • Gus

      intendevo il teatrino di non sapere ancora chi mettere, con in prima fila tutta la stampa.

      a Moratti potevi imputare di avere cambiato Simoni senza motivo, non che ci avesse pensato su una settimana e poi fatto la conta o tirato a sorte per il suo sostituto, perchè è questa l’impressione che stanno dando adesso.

      questa è una farsa che nemmeno Zamparini ha mai fatto, difatti Hiddink ha risposto no grazie, gli esami fateli voi, ma al vostro cervello.

      le consultazioni per trovare un allenatore, ma per piacere…

  288. Aggiungo il pensionato Rocchi che arrivò solo perché Carew si era ritirato ….

  289. Italiano e internazionale.

    Queste le motivazioni, sembrerebbe, del profilo di Zola.

    A parte i metodi (ridicoli, sembra di stare in un consiglio di amministrazione invece che in una squadra di calcio!), Zola, che ho stimato tantissimo come calciatore, non è un grande allenatore, perlomeno fin qui.
    Ne’ credo abbia la forza per tenere lo spogliatoio di una polveriera come la nostra.

    Mi sembra, più che altro, la solita mediazione, al ribasso, tra le teste
    di questo Cerbero che è diventata l’Inter!

    Sono d’accordo: in ogni caso, Zola o non Zola, qualsiasi sia il nuovo l’allenatore, se la società non lo sosterrà e non ci crederà, farà la stessa fine degli altri.
    Matematico.

  290. Adesso vogliamo pure dire che MM non ha fatto sfracelli all’epoca sua?
    Dai, su, per favore.
    Per la stampa era come manna dal cielo.
    Ci andavano a nozze con le sue tipiche!
    (anche giustamente, aggiungo io).

    I cinesi sono professionali (fin troppo per i nostri canoni) e anche un po’ naïf (è ridicolo il loro casting), ma non è che chi li ha preceduti fosse tanto meglio in quanto a stile!

  291. Se pigliano Zola comincio seriamente a sospettare veramente che ci sia in ballo qualcosa fra gli ovini e i cinesi, con Kia a fare da mediatore.

  292. Zola? ZOLA?

    Naaaaaaaaaaaaa!

  293. Marcellino ci porterà al terzo posto e poi volerà in cielo….

  294. Marcellino pane e vino.

  295. Tralasciando il metodo (spettacolare comunque, un drappello di allenatori liberi sul mercato che invece di aspettare la telefonata dei procuratori sull’esito della trattativa con il DS interessato, devono andare a convincere la proprietà direttamente a domicilio), il merito ci sta dicendo che la faida tra italiani ed “indonesiani” ha fatto solo vittime. Non so con che faccia possa tornare a lavorare chi (Ausilio su tutti) aveva già praticamente fissato i dettagli dell’incarico a Pioli (con codazzo di giornali a rilanciare la notizia al seguito). Pioli che pare essere precipitato in fondo alla lista dei papabili. Bolingbroke viene dato per disperso, e dopo i casi Mancini ed FdB, con lui anche ET non credo possa vantare ulteriori crediti di fronte ai cinesi. La realtà ci dice che questi si fidano solo di Kia e gli uomini se li vogliono scegliere solo dopo aver sentito di persona cosa hanno da proporre. Mi sa che tramonta l’idea (e assume una luce diversa anche l’intervista di Tronchetti di qualche giorno fa) di un MM o chi per lui di nuovo in sella con i soldi dei cinesi. Se sarà Marcelino, a leggere dell’uomo, sono curioso di vedere come entra in uno spogliatoio di scontenti. Sarebbe comunque 442, con Medel inamovibile (ce l’aveva nella, pessima, stagione al Siviglia).

  296. Però mi sembra ingeneroso paragonare gli errori di Moratti (che indubbiamente ci sono stati, sgomberiamo subito il tavolo da equivoci) a questo casino infernale.

    Intanto per la portata di entrambi.
    Moratti viene trattato ormai come fosse stato uno di passaggio. In realtà è stato il proprietario per 18 anni, in cui, correggetemi se sbaglio, aldilà di qualsiasi topica, si dormivano sonni tranquilli.

    E comunque a sti pasticci così pacchiani e tremebondi non ricordo di essere mai arrivato.

    In ogni caso, gli errori di Moratti erano quasi sempre dettati dalla “febbre del tifoso” (o gli vogliamo negare anche quello?), in cui anziché ascoltare gente più distaccata e magari più del mestiere, agiva d’impulso.

    Insomma, era il rovescio della medaglia di aver dato la tua squadra in mano ad un tifoso.

    Questa situazione qui è tutt’altra pasta, hai voglia a forzare il concetto.
    Non mi ero mai trovato in una situazione di tale pochezza.

    Errori da neofiti del calcio, in altri casi sarebbero a casa da una vita e mezza.
    E invece siamo ancora qui a sperare nel televoto.

  297. Ma li ricordo solo io gli anni di Simoni esonerato dopo aver battuto per 2-0 il Real, dei derby persi 6-0 di Tardelli, di Lippo Lippi e dei millemila allenatori?

    Dei Benitez Leonardo Gasperini Strama Ranieri?

    Certo, all’epoca non c’era il casting ma il casino era lo stesso.

  298. A Tramortiti, ma che mme state a combina’?!
    Ahó, co’ vvoi nun ce se po distrarre ‘n attimo che nne combinate de cotte e dde crude.
    E mo ched’è ‘sta storia der Càstinghe all’allenatore?!
    Ma ‘ndó stamo… Ar talent?!
    Mannaggia a voi, mannaggia!

    E poi, er povero Frank, come me l’avete trattato male…
    Er venerdì stava ‘n sella e leggittimato, er marteddí era già bello che annato…
    Ma dimme te si cce se comporta cosí… come se pò ddi’… a tradimento, ecco.

    ‘Chéppoi uno perde pure de credibbilità, eh.
    E chi tte se fila piú, chi è che tte crede più quanno apri bocca?!
    E questo è grave.
    Uno nun se pò gioca’ a parola sua, buttàlla ‘na monnezza, vojo di’, come hanno fatto quelli der triumvirato.
    E chi Je crede più ormai?!
    ‘Ndò se presentano?!

    Però, fossi ‘n voi, nun m’affliggerei poi così tanto.
    Ahó, è quasi ‘na settimana che, ‘ndò te ggiri, nun se parla d’artro che der ‘Càstinghe’ dell’Inter…
    Puro era Tiggi1 de le 20.00 ce fa er titolo.
    Vòi mette ‘a pubblicità gratuita che vve ne vie’ aggràtise?!

    Ahó, e quelli da Iue, p’avecce la stessa visibilità so’ costretti a vince sempre, e co’ tutti li mezzi possibili…
    Se semo capiti, no?
    Ahó, e mica è ‘no scherzo organizza’ tutto quell’ambaradan?!
    E l’arbitri, e li giornalisti a libro paga, e quelli da TV, e le macchine date ‘n regalo, e tutto era resto… guardate che Je costa ‘na cifra!

    ‘Nvece voi… zàcchete!… m’esonerate l’allenatore e, come pe’ maggìa, m’annate ‘n Prima Paggina.
    Geniale! Senza’arcun dubbio…

    E pure ‘sta storia der referente da società che sta lontano, er rappresentante vojo di’, già ce l’avete bella e risolta.
    Basta riusci’ a vedélla.
    Pijate a ‘sto Kia che c’avete sotto mano e morta lì!
    Ortretutto, ve fa puro er mercato co’ li giocatori sua…

    Cheppoi, sarebbe anche avvantaggiato a ffa’ er cane da guardia da proprietà.
    Lui arriva e abbasta solo che domanda: “Kia…ddetto ‘sta fesseria?, Kia…ffatto ‘sta stronzata? A Kia…devo schianta’ ‘n fronte ‘sta mazza chiodata?” e se ‘impone co’ la parola, e te mette a posto ‘a situazzione ar volo.

    Mannaggia a voi, mannaggia!

  299. A Moratti (che di casini ne ha combinati tanti per troppa passione) dobbiamo tutti esser grati: oltre che per aver vinto tutto soprattutto per i giocatori meravigliosi che ci ha portato. Fatta questa premessa è però necessario che ora si guardi avanti. Moratti ha fatto il suo tempo e non deve più entrare nelle vicende interiste: ha venduto la squadra ed ora a decidere debbono essere solo quelli che mettono il capitale: anche a costo di commettere errori/orrori che, per chi si avvicina al calcio solo adesso, ci possono stare benissimo. Ben più grave è il fatto che tali errori/ orrori sono generati da chi nella nostra Inter ci sta da tempo ed agisce solo per seminar zizzania……

  300. A Pe…..però ogni tanto dovreste vince quarcosa…..perché sarà vero che sto periodo, come altri, famo ride, ma se ogni tanto nun ce pensamo noi Kia ferma a gobba?…mannaggia a te mannaggia….

  301. Prendersela con Moratti, con Zanetti e quanti altri protagonisti nella vecchia proprietà mi sembra non rendersi ancora conto che i nuovi proprietari sono i cinesi, che possono fare qualsiasi cosa della nostra(?) squadra e al limite comportarsi come certi ricchi scemi che si innamorano di un oggetto, ma , stancatisi o delusi , lo abbandonano al suo destino ( nel nostro caso al fallimento ). Il dramma ( per noi tifosi) che si è consumato quest’estate non è stato il licenziamento di Mancini, ma la cessione della proprietà di una squadra , che ha sempre per natura una consistenza economica e finanziaria ma si fonda soprattutto sulla partecipazione appassionata di una vasta categoria di persone , ad una società, magari ricchissima, che però è del tutto estranea al mondo interista, che l’ha comprata semplicemente, a quanto si è capito, per acquistare maggior visibilità nel mercato dei suoi prodotti in campo internazionale. Su queste basi è chiaro che tra Pioli e Marcellino, sceglierà , anche per consiglio di esperti internazionali di sua fiducia, non l’allenatore più idoneo, tenuto conto delle caratteristiche del campionato italiano, ma quello dal prestigio internazionale maggiore e in grado di assicurare maggior visibilità, nel bene o nel male, ai suoi prodotti . Rassegniamoci: la nostra squadra è attualmente soltanto un gadget o un brand in mano a persone che obbediscono, come succede per qualsiasi altro prodotto di successo in circolazione nel mercato globale, ad interessi spesso completamente estranei o almeno non sempre coincidenti con la passione sportiva, quella passione che muove noi e che muoveva, pur tra tanti errori, i Moratti. Che, permettetemi, rimpiango.

    • come esonerava Moratti, diciamolo

      a parte che c’è riuscito anche stavolta, ed è uno dei nostri problemi

    • Beh, questo è il nuovo calcio delle proprietà straniere, è d qualche anno che lo vediamo in diversi esempi sia europei che extraeuropei. Siamo passati dai due oriundi agli 11 stranieri in campo, i cambiamenti a volte sono inevitabili, con questo non voglio dire che si cambi in meglio ma è un fatto è va accettato. L’unica cosa che non condivido proprio nel tuo discorso è la visione degli investitori, nessun ricco è così scemo da non capire che il Brand lo promuovi con un progetto vincente (che non vuol dire che vinci sempre tutto ma che ti attesti tra i migliori). Poi che sbaglino strategie ci può stare, purtroppo, ma che l’intenzione sia quella di mettere solo specchietti per le allodole tanto se si va in B chissenefrega, mah quello lo escludo.

  302. Non mi sto divertendo neanch’ io, sia chiaro, ma tutto questo ridere sul casting dei cinesi non lo condivido proprio, soprattutto da parte nostra, e molti qui si lamentano del trattamento riservato all’ Inter dai media ecc. e poi ci mettiamo anche noi;
    mi vengono in mente le risatine sarcastiche che accolsero il Berlusca al suo atterraggio nel mondo milan con l’ elicottero, d’ altra parte il riso abbonda… sulla bocca dei cinesi, diceva un mio amico;-)

    Francamente non ci vedo granchè di strano in ciò che sta accadendo, chi compra diventa proprietario e fa quello che gli pare, poche storie, non vi convincono i metodi?
    Beh, mi pare che non siamo mai stati un modello di sana ed oculata gestione.

    Mi preoccupa di più lo sCrotone di stasera che non il modus operandi della nuova proprietà.

  303. Beh, siamo combattuti fra Marcellino pane e vino e Zola con la polenta…ma prendiamoli tutti e due e buon appetito!
    ( poi se ne esonera uno a caso)

  304. in due giorni mi sorprendo a dovere quotare Este, stavolta maiuscolo ( è lui che lo mette minuscolo comunque) per la seconda volta di seguito.

    paragonare i casini di Moratti a questi, dimenticandosi volutamente che all’epoca agiva una certa triade che bene o male ne condizionava le scelte (perchè avrei voluto vedere licenziare Simoni l’anno dopo avere vinto lo scudetto nel ’98 e quindi non saremmo mai arrivati a tutti i casini arrivati successivamente, compresa l’assunzione di Lippi) e avrei voluto vedere licenziare Cuper se nel 2002 avessimo vinto lo scudetto invece di perderlo solo perchè all’ultima partita ci siamo arrivati avanti solo di un punto invece che di quattro come avremmo meritato.

    per cui sarebbe meglio che chi non si ricorda un cazzo o a intermittenza di farsi la solita ripassata perchè paragonare le tragedie di allora (perpetrate ai nostri danni e non create da noi) alle farse di oggi è solo malafede.

    tra l’altro, in quel periodo tanto vituperato, siamo stata l’unica squadra in Europa a partecipare alla Champion per dieci anni filati, quella Champion che è nel nostro mirino dopo che Moratti ha passato la mano ma che per il momento è solo un miraggio e non si sa ancora per quanto.

    prima eravamo in mano ad un Presidente tifoso al quale la gobba e i gonzi hanno messo più di un bastone tra le ruote per impedirgli di realizzare i suoi sogni, adesso siamo in mano ad una o più holding (Thoir, Suning, Kia) che cercano di sfruttare il marchio Inter per i loro interessi, ma che di calcio non capiscono una fava, compreso il Kia, perchè il fatto di fiondarsi su giocatori promettenti o già campioni per assicurarsi le loro procure non significa capire di calcio ma cercare di trarre profitto da loro, il che sono due cose ben distinte e non è compresa tra queste l’idea di sapere ricostruire una squadra dalle fondamenta, ma solo l’idea di quanto si potrà guadagnarci sopra.

    so che la chiusa non piacerà a quello che ho quotato per la seconda volta, ma più si va avanti e più mi convinco che il Mancio sia stato messo nelle condizioni di farsi da parte piuttosto che pensare che il tutto sia dovuto ai suoi capricci, se proprio volessi accondiscendere dico che c’è stato un concorso di colpa dove ad andarci di mezzo è stata solo l’Inter, ma come ho detto l’altra sera, un conto è metterci la faccia e un conto è metterci anche il culo.

    • Già perché il Mancio 2.0 è stato un trionfo. Figa Non riuscivo a guardare 10 minuti della sua inter.

  305. Ma parliamo un po di calcio…
    Avevamo il problema dei terzini, ne abbiamo presi due, uno l’abbiamo rispedito ancora imballato, l’altro è sempre rotto, ma le ns visite mediche le ha passate mentre quello rotto che avevamo noi le visite degli altri non le passava e adesso gioca di piu di quello che sarebbe dovuto essere sano (ma mai due partite di seguito) . È dai tempi di Brehme che non vediamo un terzino sx decente. A parte R. Carlos che abbiamo mandato via perché aveva la cellulite.
    Certo che anche questa è una bella maledizione.

  306. Serie “B”, una consonante che non rientra nella nostra storia e una sensazione che mi rotea vorticosamente in testa: vuoi vedere che qualcuno sta facendo di tutto per buttarci lì e poi riprendersi la squadra a quattro soldi, facendoci anche la figura da salvatore della patria.
    Spero ci sia qualche giornalista, SERIO, che abbia questo dubbio e sia pronto a smascherare una eventuale simile nefandezza, perché, perdere per demeriti sportivi ci sta e si accetta, il resto no.

    • Dico, ma pensate veramente che i Cinesi siano 4 coglioni sprovveduti a tal punto?
      E poi se vogliamo dirla tutta la squadra sul tetto del mondo ce l’avevamo noi “Italiani” e poi nel giro di qualche anno l’abbiamo svendita a prezzi da saldo agli “asiatici”.
      Tanto per ricordare la storia.

  307. Maurinho

    il Mancio 2 ci ha portato di nuovo in Europa e fino a dicembre dell’anno passato ci ha fatto credere e sperare in qualche cosa di meglio purtroppo svanita per colpe non del tutto sue, se si volesse essere obiettivi e non solo prevenuti nei suoi confronti, perchè se vale pensare che certi giocatori non si siano impegnati per salvare la cadrega a DB, si potrebbe pensare anche la stessa cosa se certi giocatori non abbiano dato il meglio per il Mancio nel momento topico della stagione, basti pensare a Jovetic, Lijalic e anche a Icardi, messo in panchina spesso e volentieri.

    poi che uno non si sia divertito a veder giocare l’Inter mi fa pensare che certi scambino il gioco del calcio ai film di Fantozzi e di Stanlio e Ollio, dove se non si ride non ci si diverte.

    il che è un controsenso, in certe partite abbiamo fatto ridere, ma non si è divertito nessuno…

    • Non ho parlato di divertimento. ho parlato che non riuscivo a guardarla , sopratutto quando vincevamo per 1 a 0 e handa parava imparabile. Non riesco a trovare meriti per il Mancio nella sua seconda avventura all’Inter. nella prima invece l’ho considerato il maggior artefice delle vittorie dell’Inter di quel periodo e di quelle di mourinho.
      In 2 anni non ha dato uno straccio di gioco,questo non puoi non riconoscerlo. Colpa dei giocatori? Li ha portati quasi tutti lui. ….

  308. Intanto è tornato a parlare di Inter Mazzarri definendosi la prima vittima del cambio esotico all’Inter. Dice che prima del cambio di proprietà era secondo in classifica……ma vai a cagare Mazzarri, per me rimarrai sempre il peggiore allenatore che ha avuto l’Inter da che la tifo……salvo i due gobbi che si sono succeduti in panchina e grazie ai quali si è usciti dalla CL con una squadra di dilettanti e si è perso un derby 0 a 6 togliendo 10 anni di vita al povero grande Peppino Prisco…..

  309. Nessuno può paragonare MM ai cinesi semplicemente perché questi sono arrivati l’altro ieri, mentre MM lo possiamo giudicare lungo un ventennio. Si può quindi scientificamente asserire che MM ha vinto di più e fatto innumerevoli cagate in più dei cinesi. Ingenerosi si è anche con una proprietà appena arrivata se la si paragona alla precedente, storica, dinastica gestione. Eterna gratitudine a MM, chiaro, belli i tempi del presidente tifoso, giusto, ma l’Inter non è il giocattolo esclusivo della famiglia Moratti. Quanto al fatto che si cambiassero allenatori e giocatori come calzini per colpa dei ladri gobbi, beh…mettiamola cosi: quella bianconera è una variabile con la quale i conti li ha fatti, li fa e li farà qualsiasi società decida di investire in questo campionato e nei nostri colori. A me interessa si costruisca una squadra ed una societa all’altezza della “nostra” storia. Per ora siamo agli inizi, e diciamo che tendenzialmente più errori affastelli all’inizio di una nuova esperienza e prima impari. Speruma, ma è solo il principio, piuttosto vediamo di non essere noi i primi a far passare ai cinesi la voglia di fare business con il pallone nel belpaese.

  310. I casini, Moratti, li ha fatti anche dopo calciopoli.
    E mi pare evidentissimo soprattutto oggi!

    Poi, certo, con lui abbiamo vinto 15 trofei.
    Ma anche i “casting” li dobbiamo a lui: vendere l’Inter a ET è stato un errore, e un affare; ma niente di calcisticamente sensato!
    E questa estate lo si è visto bene quanto ci capisce di calcio, intento com’era a festeggiare la prima medaglia olimpica del suo paese, mentre la gestione dell’Inter andava a rotoli.

    Adesso abbiamo i cinesi e, come diceva il grande Faber, “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”.
    Speriamo.

  311. Sarà, ma io 4 allenatori ai primi di novembre non li avevo mai cambiati manco con Moratti.
    E MM aveva l’esonero facile, eh.

    Ne faccio un discorso di tranquillità. Io per 18 anni, anche nei periodi più bui, ero inconsciamente sicuro che sotto una certa soglia non si andava.
    E comunque sentivi che c’era fermento, voglia di migliorare nella società.

    Ora, non so voi, ma io avverto un senso di precarietà che, a giudicare da molti commenti che leggo,

    non è solo mio.

  312. Maurinho

    forse tu no, ma in tanto hanno scritto che a vedere l’Inter di Mancini non si divertivano più, per quello che scritto quella osservazione sul divertimento.

    personalmente a vedere le partite non mi sono mai divertito, nemmeno quando abbiamo vinto le Champion, a meno di dire che lo stare in tensione e in apprensione per 90° sia un gran divertimento da consigliare a tutti per passare un paio d’ore in allegria.

    vedere giocare a calcio e apprezzarlo come merita non presuppone solo il vedere come si muove la squadra in campo ma guardare anche il singolo giocatore, tipo le giocate fantasiose che ci regalava Recoba, il più delle volte fine a se stesse, guardare le parate di Julio e di Handa quando ci salvavano il risultato, perchè da come parli, sembra che le paratone di Handa con il Mancio facciano parte di una storia a sè come se lui non facesse parte degli 11 scesi in campo a giocare per noi, presuppone stare dalla parte di chi rema con noi anche se a volte non riesce a concretizzare quello che ha in mente se non a sprazzi, come è successo con la Roma e con il Napoli, squadre che ci hanno preceduto in classifica ma alle quali abbiamo preso 4 punti alla prima e diviso il bottino con la seconda ma che abbiamo eliminato dalla coppa Italia in modo perentorio e nella partita persa per 2-1 all’andata le abbiamo fatto vedere i sorci verdi giocando tutto il secondo tempo in 10 e prendendo due pali dopo avere accorciato le distanze e esserci portati sul 1-2 dopo il 2-0 del primo tempo.

    per non dire che diverse partite vinte per 1-0 avrebbero potuto finire con risultati più rotondi se avessero concretizzato tutte le occasioni da rete, e anche quelle perse o pareggiate negli ultimi minuti, pur non avendo giocato ai massimi livelli, se c’era una squadra in campo che aveva sprecato diverse occasioni per chiuderla prima era la nostra e non quelle del sassuolo all’andata, o il carpi al ritorno o del 3-0 rifilato alla gobba che poteva pure essere un 4 o un 5 a 0 e che ci ha visto uscire ai rigori.

    si preferisce ricordare solo il 3-0 preso all’ultima partita e che non contava più niente, solo per potere dire che il Mancio non valeva un cazzo e che doveva andarsene.

    eccovi accontentati, adesso pare che a allenarci sia stato scelto Marcelino per cui c’è solo da augurarci che succeda un miracolo come nel film.

    agli altri come Gus e Internazionalista ricordo che a mettere a confronto il Suning a Moratti siete stati voi, io l’ho solo difeso come faccio sempre, perchè se ho detto che quella che sto vedendo è una farsa è una cosa circoscritta al presente che mette in dubbio fortemente quel futuro in cui abbiamo sperato dopo il loro acquisto.

    Moratti dopo il 2011, anno in cui avremmo potuto rivincere il triplete se non ci fosse stato di mezzo quel campionato del mondo farlocco che ci ha tolto energie inutilmente, avendo raggiunto lo scopo della sua vita e cioè riuscire ad emulare suo padre e dimostrare al resto del mondo che non era solo il figlio più scemo messo a capo dell’Inter per non fare danni in famiglia, ha tirato i remi in barca e cercato di uscire dalla società non investendo più una lira ma cercando di rientrare in qualche modo da quelle che aveva tirato fuori.

    per cui ha cercato persone, secondi lui affidabili, a cui vendere la società e a tutti sembrava che ci fosse riuscito in quanto Thoir la sua parte l’ha fatta per quel che concerne il rimettere in ordine i conti un pò disastrati dell’Inter, adesso poi con il Suning, pareva che anche la parte sportiva la si potesse sistemare molto meglio che non il doversi accontentare di prendere gli scarti o le terze o quarte scelte proposte dall’allenatore, per cui non si può dire, fino ad una settimana fa, che ci avesse lasciato in braghe di tela e in brutte mani.

  313. Forza crotone.
    Per la cacciata degli asiatici speculatori e degli incompetenti morattiani,
    e la nascita di una società finalmente pura e interista con gianfelice facchetti come presidente e giovani del vivaio nati interisti e cresciuti interisti.
    FORZA CROTONE.

  314. Adesso dicono che “a breve” arriverà una nota che definirà…
    “le tempistiche” (!!!!) per il nuovo allenatore e l’amministratore delegato.

    Le tempistiche? Cioè, ancora niente allenatore?
    Dai, su, qui siamo all’assurdo.

    L’unica notizia positiva è che forse, ma forse, il mantra “a casa” inizia a funzionare…

  315. Coglione in B tornaci te

  316. Este ti devi rilassare stai attraversando un momento critico rischi di disamorarti e di staccarti dalla beneamata. Di sicuro non per diventare gobbo o bilanista ma magari per affezionarti a un Toro o a una Samp a qualcuno che insomma ti tolga da questo impaccio psicologico. L inter adesso è questa fattene una ragione aspetta come tutti tempi migliori e non farti il sangue cattivo.

  317. Ma quello no, mai, ti pare che mi metto a tifare Sampdoria?

    Constatare che le cose stanno andando che peggio non si potrebbe non significa voler cambiare squadra.

  318. Intanto l’ipocrisia continua. Condo ‘ da Sky ci fa sapere, dopo averlo preso per il culo e criticato ogni 5 minuti, che avrebbe tenuto de Boer…..che roba ragazzi…..ma questi hanno davvero la faccia come il culo. Mah…..

  319. United: Mourinho ne epura 8

    Nell’Inter invece servirebbe un “tagliatore di teste”.

    Altrochè!

  320. Le concomitanti vittorie di juve e milan escluderebbero per statistica, come noto, quella dell’Inter_ Per cui mi accontenterei di un pareggio con il forte Crotone, ringraziando i cugini che ci tengono a distanza il Palermo_

  321. Si gioca anche oggi ad una punta: molto bene, anche Vecchi ha capito che il pareggio è buono.
    Tifo per lo O-O. Che poi è meglio non segnare, che il Crotone si riverserebbe nella nostra area eppoi proverebbe a vincere.

  322. Ma che pareggio e pareggio! Oggi goleada.

    Scrivo con una sola mano, l’altra mi sta stritolando gli zebedei…

  323. Si oggi è già andata. Quelli sono carichi e sulla scia di entusiasmo da prima vittoria. Noi siamo invece in condizioni critiche, con uno staff tecnico ad interim e il morale sotto i tacchetti. Poi c’è quella maledettissima statistica citata da acanfora, che pare una maledizione alla bela gutman.

    Sono invece molto più interessato all annuncio di domani. O meglio, l’allenatore è già stato scelto, ossia pioli, che non mi fa impazzire ma se non altro ha un profilo più pertinente degli altri scrutinati

    Sono invece curioso di leggere le comunicazioni sulla dirigenza. Spero vivamente che consista nell’allontanamento di boligbroke e nella esautorazione (se contrattualmente possibile) della presidenza Thohir. Non fraintendetemi, non li considero la causa di tutti i mali, anzi sono professionisti che fin che hanno avuto in mano le redini da soli hanno fatto -e bene- quello che erano chiamati a fare: salvare l’inter dal fallimento.

    Però questi mesi ci hanno detto a chiare lettere che la convivenza non funziona, quindi la rimozione di figure gestionali in quota Thohir porterà senz’altro razionalizzazione e semplificazione di strutture e processi interni.

  324. Detto questo, anche i cinesi escono malissimo da questa situazione (questa settimana è stata interamente gestita da loro, con metodi che hanno un senso in ambito aziendale ma che distano anni luce dai canoni mediatici del calcio italiano)

    L’unica nota lieta in merito, se proprio vogliamo individuarne una, è quella citata da gus, un principio trasversale che funziona sempre. Meglio imparare ora in fretta che in 10 anni di errori diluiti nel tempo.

    Da sky intanto riferiscono di Walter Samuel nello staff di Pioli. Non so se servira a qualcosa, ma welcome back home, wally !

  325. significativo lo striscione apparso a Sa Siro dedicato a FDB: Grazie, paghi per errori non tuoi…..chissà se arriva a chi di dovere!

    Forza Inter e iuvemelda.

  326. Anche a me il “normalizzatore” Pioli non fa impazzire…

    Invece, uno come Walter Samuel, servirebbe in campo!

  327. che personalità ranocchia, ammonito dopo pochi minuti, tra il dover giocare senza entrare o prendere il rosso, sceglie di simulare un infortunio e esce….. grandissimo

    solo un incapace di allenatore si gioca le partite più importanti della carriera puntando su ranocchia, gnoukouri, dambrosio, icardi, nagatomo…. e c’è qualcuno che ha ancora il coraggio di difendere e ringraziare vecchi, pazzesco.

  328. mille cross di Candreva solo da spingere in porta e la merda argentina sempre a guardare….. ma perché non fanno pagare il bilglietto a Icardi ??? Con un Defrel qualsiasi saremmo terzi

  329. ma Gabriel Barbosa aspettano che possa votare per il senato, prima di buttarlo nella mischia?
    Magari….hai visto mai?

    • in effetti o Gabogol è un ragazzino promettente ma acerbo, che non può ancora mettere piede in serie A, e allora avremmo dovuto pagarlo 10 milioni, oppure è uno che vale i 30 che abbiamo pagato e allora non ci sono scuse, dovrebbe essere titolare. Farlo diventare oggetto misterioso non ha proprio senso

  330. Interello – Real Crotone fine 1° tempo 0 – 0

    Sono terrorizzato…

  331. Grande centravanti, cinque milioni di euro e non tocca una palla contro il Crotone!!Dovrebbe vincere da solo, sto ridicolo…..

    • no no, è un fenomeno, il miglior 1993 al mondo, uno che tra due anni se lo contendono a 200 milioni….. vedrai che adesso segna di stinco e le PI (tifosi e giornalisti) saltano di nuovo fuori con le statistiche da fenomeno

  332. Cioè, non la mettiamo dentro nemmeno col Crotone. Al netto degli episodi, sia ben inteso, perchè alle merde quel gol in pseudofuorigioco mai e poi mai l’avrebbero fischiato. Icardi completamente inutile. Murillo sempre sul filo della cappella. Candreva che mira inesorabilmente sulla schiena degli avversari. Perisic a mezzo servizio, Banega a corrente alternata. Ma dove vogliamo andare..

  333. Wolf e Acanfora e che palle con sta statistica….e che cazzo già siamo scarsi poi se ci tiriamo pure la sfiga….!!!

  334. Samuel attacca li al muro

  335. Perché Eder per Banega?

  336. vecchi se veramente entra biabiany sei il pagliaccio più vergognoso che si sia mai seduto sulla panchina dell’Inter. Altroché prima squadra, devono cacciarti anche dal settore giovanile, BUFFONE !!!!

    La NORD al soldo di Moratti, siamo ridicoli

  337. Minchia, non ci si può impiegare 84 minuti per segnare all’ultima in classifica!

    E adesso…..stringere il culo.

  338. Siiiiiiiii
    GRANDIIIIIIII

  339. e perchè no??
    Il crotone era in crescita.

  340. Siamo tornati nella zona sinistra della classifica ma il tunnel è ancora lungo e la luce non si intravede ancora.

  341. posso dirlo sottovoce?

    sono per Vecchi

  342. il Crotone deve avere fatto la preparazione atletica come noi…

  343. Dio quanto amo i tifosi dell’inter. Dalla curva a questo blog.

    E sono 10, più uno regolare annullato contro Atalanta.

    Vi prego, non smettete con questo accanimento. Anzi, gentilmente, potreste iniziare a darje anche contro gli altri? Che so, eder, jovetic… hai visto mai che funziona anche con loro.

    • ma dai Wolf,

      fino a sei minuti dalla fine ha fatto cagare come hanno fatto cagare sia Benega che J. Mario, fortuna che avevano di fronte una squadra che aveva paura a passare la nostra metà campo e inspiegabilmente si beccava un contropiede dopo essersi difesa per tutta la partita in 11 nella sua difesa.

      ti riporto la pagella di Icardi al quale hanno dato 7,5 di voto:

      ICARDI 7,5 – Sembra la solita serata da insufficienza in pagella: pochi palloni toccati, quasi nulla in area di rigore e assenza dalla manovra. Poi, dal nulla, inventa un lancio alla Xavi e manda in gol Perisic, restituendo dignità alle prestazioni di entrambi e dando ossigeno all’Inter. La doppietta last minute (procurato e trasformato) è un giusto premio.

      per cui è anche logico che gli abbaiassero contro quelli che lo stavano vedendo all’opera, tu la stavi vedendo oppure eri in macchina?

      io l’avrei vista tutta e ti posso dire che quelli che abbiamo comprato questa estate, di cui uno costato la bellezza di 45 milioni, non hanno fatto nessuna differenza, Candreva ha solo messo cross in area che regolarmente venivano presi dalla difesa del Crotone che non dovrebbe essere zeppa di fenomeni, mai un cross dal fondo dopo avere saltato il suo avversario, Banega si è fatto vedere su punizione abbastanza telefonata per fare esibire un nostro ex portiere, per il resto ha giochicchiato e per sua fortuna il Crotone non aveva nemmeno per le balle di fare una mezza ripartenza.

      quello che ci è costato una cifra non ha fatto altro che il suo compitino, però si è distinto per un paio di tiri alla Guarin, per cui se sono questi i fenomeni che ci dovevano far fare il salto di qualità stiamo freschi.

      a te piace Icardi, buon per te, a me no come a tanti altri che hanno visto giocare nell’Inter fior di centravanti, a questo qui per farlo segnare gli devi fare tirare un rigore oppure mettergliela sui piedi o sulla testa con i giri giusti, ma poi sperare che sia in serata, se no ti sbaglia anche questi.

    • I grandi giocatori sono quelli che te la sbrogliano anche nelle giornate storte. Gente cui basta una giocata per legittimare il prezzo del biglietto.

      Vieni quante palle toccava in un match? Svogliato e fermo, poi su tre palloni toccati ne buttava dentro due.

      Cazzo è un bomber, e lo fa alla grande, far legna spetta agli altri.

      Capocannoniere a 21 anni, verosimilmente lo sarà anche questo anno a 23.

      Che poi di che ti lamenti, vi esorto a continuare perché, oltre ad essere esilarante, portate una fortuna incredibile.

      Anzi, rinnovo l’invito, iniziate anche con gli altri attaccanti, che ci servono alternative come l’ossigeno

  344. erano terrorizzati, come aiutano i rigorini…
    giropalla ad uno all’ora; prendiamo i tre punti e la parte dx della classifica, il resto si vedrà.
    le statistiche porteranno sfiga ma quelle sono: si scrive Prima anche per esorcizzarle

    • Ma che, ti senti pure di dover spiegare certe cose, per altroo a uno che passa le partite ad inveire contro icardi da settore e dice “che palle” agli altri?

  345. Wolf, Icardi è una pippa. Non smetterò mai di sostenerlo. Ma ancora prima di essere pippa è un paraculo che ha contribuito a determinare questa situazione all’ Inter: per me può segnare anche 50 gol ma non sarà mai un campione! Del resto anche Protti ha segnato grappoli di gol in serie A. Una società seria lo avrebbe mandato via questa estate…altro che i gol col Crotone. Magari avesse fatto quello di domenica sera con la Sampdoria che segnavo anche io…a questa ora avevamo un punto in più…..Perisic, Brozovic e Joao Mario vanno bene, gli altri via tutti….ripulire bene…..

    • Wolf ammazza se sei permaloso….la battuta sulle statistiche era ironica, capito Acanfora!!! Era una battuta anche quella magari per esorcizzare…..e comunque se siete così permalosi lasciamo stare…..ma su Icardi non cambio idea…

    • Media esatta di un gol ogni due partite da quando è all’inter.

      23 anni.

      Il resto sono chiacchiere che non passano nemmeno nei peggiori bar di caracas

      E lasciamo fuori roba come l’assist di oggi o quello Vs juve, per non infierire.

      Però ti do atto che sei coerente con le tue idee, diversamente ad esempio da quel pirla col nick Mario joao, che passa qua con vari nick a trollarci salvo poi dissolversi nel nulla da cui proviene. Che poi altri non è che una vecchia conoscenza del blog, che periodicamente si ricicla.

      Una di quelle tasse impossibili da evadere

    • no problem, per statistiche ed esorcismi; godiamoci ‘sta vittoria che diversamente sarebbe stata un’altra pausa di agonia (15 giorni!)_
      Perisic è stato bravo a fare gol in quel clima: meno male che il mister di turno lo aveva spostato a dx per sorprendere la difesa avversaria, e ci è riuscito

  346. Parte sinistra della classifica, alla pari con la Viola che non mi pare abbia subito, in queste settimane, il nostro stesso trattamento mediatico…

    +10 sul Pescara (salvezza) e -4 dal Napoli (preliminari EL)…

    Nonostante i bruciori di qualcuno Icardi è capocannoniere…

    In attesa del “normalizzatore” siam questi qua

    • Eh ma purtroppo con i cinesi e il loro casting ci siamo irrimediabilmente giocati la reputazione e, come dicono quelli della curva, siamo di nuovo (di nuovo!) una barzelletta. Non resta che sperare che Severgnini si rimetta a scrivere brillantissimi libercoli.

    • Ben venga Savergnini, purché cessi l’attacco mediatico che stiamo subendo da mesi…

      Che poi alla lunga i suoi libercoli sfigati ci hanno portato bene ed abbiamo fatto il triplete…

      Potrebbe essere un nuovo inizio

  347. Stante che per me De Boer non andava cacciato Pioli mi pare la scelta migliore nel lotto degli esaminandi a colloquio.
    Specialmente considerato il fatto che potevano prendere Hiddink o l’oggetto misterioso irascibile (senza contare che si presta molto più alle prese per il culo Marcelino che Pioli).
    D’accordo che qui ognuno ha il suo parere ma le critiche continue e alternate verso questo e quello dei giocatori non le condivido: globalmente abbiamo una squadra che, se ben gestita, sarebbe già tranquillamente da terzo posto. Ce lo riconoscono persino i gobbi (quelli seri). Anche a me piacerebbe avere una squadra tipo Barcellona con tutti ricambi degni della nazionale ma questo abbiamo ed è una delle migliori Inter post triplete.
    L’unica cosa da rimettere in sesto è la società e, se proprio mi dovessi far prendere dalla smania diffusa di cacciare qualcuno, il primo della lista a partire sarebbe Tohir.
    Intanto accattiamoci questi tre punticini che fanno classifica e un po’ di morale e speriamo che Pioli (ammesso che sia davvero lui il prescelto.. dei cinesi mi fido poco) ci metta poco a far girare la squadra.

  348. Onestamente non capisco cosa vi abbia fatto di male Icardi per meritarsi tonnellate di insulti tutte le volte. Vi scrivo solo quanti punti avete fatto grazie a lui:

    Palermo 1
    Pescara 3
    Juventus 1 (se avesse segnato per secondo sarebbero 2, vi ricordo che l’assist a Perisic l’ha fatto lui)
    Empoli 2
    Toro 3 (fanculo!)

    Totale 10 punti contando solo i gol e non gli assist. Senza i suoi gol l’Inter avrebbe 7 punti in classifica e sarebbe terzultima alla pari col Pescara, +1 sul Palermo, +2 sul Crotone. Questo non è più tafazzismo, è prendere dei chiodi e infilarseli a martellate nei testicoli.

    • la realtà non è importante, conta molto di più tenere il punto sulle proprie cazzate fino alla morte, ed eventualmente trovare conforto in gente altrettanto competente

    • scusa Davide,

      forse è meglio che ti interessi al tuo Torino invece di venire qui a dirci cose che sappiamo, non crederai che i gol che ha fatto Icardi li hai visti solo tu, per cui perchè lo dovremmo ringraziare, per fare il suo dovere una partita ogni tanto?

      ma stiamo scherzando?

      se potessi fare un cambio con te io ti darei Icardi anche subito se tu mi dai il tuo Belotti, e poi andiamo a leggere quanti gol farà Icardi per il tuo Toro e quanti ne farà Belotti per l’Inter.

      fin che ci sarà lui come punta con tutte le occasioni che abbiamo creato quest’anno è evidente che il maggior indiziato per metterla dentro sera lui, se DB avesse provato almeno una volta a lasciarlo in panchina avrebbe visto che la manovra si sarebbe sviluppata molto meglio, ma il coraggio non era nelle sue corde.

      il tuo ragionamento non sta in piedi, non è che senza Icardi avremmo giocato in 10, per cui uno al suo posto lo avemmo messo e non si può dire che non ne avrebbe segnato nemmeno uno, come non si può dire che ne avrebbe segnati di più.

      poi se vuoi entrare in orbita dei vari tagnin padronissimo, loro sono quelli che capiscono di calcio tanto da battezzare dei futuri campioni come mezze seghe che non stanno in piedi e di dire che Quaresma era un campione ma incompreso, per cui non mi sorprende che Icardi gli piaccia, in fondo segna, cosa volere di più?

      ad esempio vincere uno scudetto o arrivare secondi o terzi in campionato e fregarsene se uno vince la classifica di cannonieri che ci fa arrivare al max ottavi oppure se ci fa due gol alla volta quando non servono ad un cazzo come stasera, mentre se ne avesse fatto solo uno con il Bologna, con la Roma, con l’Atalanta e con la Samp, magari Db sarebbe ancora qui e il teatrino della ricerca del nuovo allenatore non lo avremmo fatto, ridiventando la barzelletta dell’Italia calcistica perchè è impossibile, nemmeno volendo, che non ci facciano il culo per questo.

    • Corso, Belotti è uno dei pochi attaccanti che fa lavoro sporco per la squadra e gol (anche se ha iniziato a buttarla dentro con regolarità da poco), ma se lo metti nell’Inter con tutti i problemi che ci sono forse pure lui rimarrebbe a secco e vagherebbe per il campo senza una meta.

      La maggior parte degli attaccanti in Serie A o fa una cosa o l’altra. Prendi Higuain: è un accentratore come Icardi, un po’ più bravo tecnicamente, un po’ meno bimbominchia, partecipa un po’ più all’azione ma non è il tipo di attaccante che fa lavoro sporco. Risultato: 36 gol in 35 partite col Napoli. Quest’anno segna di meno, perché Allegri lo vuole più partecipe: 7 gol contro i 10 di Icardi.
      All’opposto di Higuain/Icardi/Bacca c’è uno come Mandzukic: pressing asfissiante sul portatore fin dentro la propria area di rigore, preziosissimo in fase difensiva e come punta d’appoggio. Gol: 13 l’anno scorso e 2 quest’anno. Cioè un bottino da centrocampista.
      Probabilmente ad Icardi andrebbe affiancato uno come Mandzukic, ma resta il fatto che i gol li firmerebbe sempre l’argentino. Quello sa fare e direi che lo fa bene. Alla fine sono i gol che portano punti o no? Al posto di Icardi chi metteresti? Eder? Jo-jo-Jovetic (che non vede l’ora di andarsene)? Gabbiadini (c’era chi lo invocava d’estate)? Gabigol (a proposito, che fine ha fatto)?

      Io, banalmente e ignorantemente, mi fermo ai dati: Icardi finora ha segnato 10 dei 16 gol totali dell’Inter. E ha portato in dote 10 punti su 17. Stop.

  349. non so quanto possesso palla abbiamo avuto, credo il 90%, ma nessuno al limite dell’area si prendeva la responsabilità di fare in dribbling e un tiro in porta! vediamo più in là se recuperiamo un po’ serenità_ almeno si sono impegnati_
    forza INTER sempre

  350. Ma solo a me sembra che Candreva giochi perennemente con l’espressione di chi sta pensando “Ma chi cazzo me l’ha fatto fare…” ?

  351. L’impegno non è mancato…

    E’ mancata velocità nel giro palla e serenità nella testa…

    Giocare in un clima ostile non aiuta…

    Ho temuto un’altra Inter-Cagliari

  352. mi sembra che il problema non sia Icardi (vorrei averne 2 di giocatori che non toccano palla per 70 minuti e negli ultimi 20 ti fanno 2 gol). quanto il fatto che si continuano a fare valanghe di cross e si tira molto poco in porta. Forse converrebbe cambiare modulo (4 4 2) ?

    • avercene di arbitri che in ogni partita ci danno un rigore e di avversari come il Crotone che dopo essersi difesi in 11 per 84 minuti ti lasciano una prateria aperta per il più facile dei contropiedi.

      immagino che il loro allenatore non sia andato nemmeno alle solite interviste post partita perchè intento ad incularseli tutti uno per uno…

      il terzo gol lo facevo anch’io che ho 70 anni, bello libero e soletto l’ha girata in porta come un qualsiasi altro attaccante appena appena decente, quello su rigore è stato più difficile perchè veniva dopo quello sbagliato con il Cagliari, ma se devo stare qui ad elogiare uno che mi segna su rigore, sto fresco…

  353. Stravedo per Muriel…….insultatemi pure…….magari se a gennaio si riuscisse a convincere Ferrero restituendo Eder……visto che Icardi lo dobbiamo tenerealmeno affianchiamogli un giocatore che lo agevoli……

  354. Scusate ma mi sembra impossibile che non si voglia per forza capire quello che vogliono dire i critici di Icardi.

    Ok le statistiche, la quantità di gol in un anno e i punti che finora abbiamo preso con i suoi gol.

    Ok anche le grandi doti che ha in area di rigore, nessuno lo discute ma se si vuol contare i punti che prendiamo con i suoi gol dovremmo essere anche lucidi nel giudicare tutti quelli che invece non riusciamo a prendere perché la squadra non può sviluppare un gioco. E se si va a vedere la classifica attuale e il calendario avuto finora……….

    Siamo riusciti a sbloccare il risultato nell’unica volta in cui il Signore si è degnato di venir a prendere una palla indietro. Ed è matematico che se il centravanti fa questo movimento si porta dietro un paio di difensori e così si apre lo spazio sulle fasce. Altrimenti Perisic non avrebbe avuto forse tutto quello spazio.

    Al contrario quando lui fa il palo della luce succede che i loro difensori rimangono schiacciati dietro e a noi non rimane che dare la palla agli esterni sulla riga del fallo laterale e poi che possono fare se non il cross a caso per lo stesso Icardi che ne ha due tre addosso?

    Non voglio fare il saputello ma questo è abc del calcio.

    Il modulo 4-3-3 o il 4-4-1-1 come stasera possono esser fatti solo con un centravanti moderno altrimenti vedremo sempre gli 82 minuti visti stasera. Almeno quando giochi contro squadre inferiori che si chiudono.

    In sostanza per chiudere la diatriba Icardi sì Icardi no, io credo che nessun tifoso interista sia sadico da criticare il proprio capocannoniere ma se si ha una una veduta un po più larga si può capire che nel contesto di un intero campionato forse uno che gioca in questo modo non aiuta la squadra ad ottenere un obiettivo, e di vincere solo la classifica dei capocannonieri non ce ne può fregar di meno a nessuno.

    Detto questo, proprio grazie alle caratteristiche di questo giocatore, spero che il nuovo allenatore faccia giocare con due punte che forse si addice un po di più alle caratteristiche della nostra rosa che non sembrerebbe avere giocatori tali da fare un gioco totale e dominante come avrebbe voluto il buon fdb.

  355. E per finire la serata in bellezza mi sento di criticare la curva. Ma come si fa a mettere uno striscione del tipo: ci sono un cinese, un inglese ed un indonesiano che vogliono farci tornare la barzelletta d’ Italia. Ma andate a cagare, ma davvero, la barzelletta siete voi della curva.

  356. Mah, io oggi non posso dire nulla a nessuno, con tutti i limiti chi fisici e chi tecnici si sono impegnati 90 min in una situazione mentale tutt’altro che facile, e contro il Crotone che si è barricato come tanti altri mettendoci in difficoltà per cercare spazi ma fiondandoci in 3 alla volta quando rubavano palla a centrocampo per non farli ripartire.
    Non ho idea ne quanto abbiamo tenuto palla ne quanti calci d’angolo abbiamo fatto (avevo l’audio a zero, forse è per questo che ho visto un altra partita).
    Il vero problema non è Icardi ma la mancanza di un altro che segna, perché se Icardi come dite ne ha sempre tre addosso allora qualcuno dovrebbe andarsi a prendere quei 6000 cross che Candreva fa sul secondo palo,
    Cmq ragazzi se perdiamo con le squadrette concedendo pure 10 occasioni da gol facciamo schifo, se li schiacciamo per 90 min nella loro metà campo senza concedere un tiro facciamo cagare. Icardi qualunque cosa faccia è cmq sbagliata. E certo che così è dura. Poi oh , non è che mi sono scordato mesi di saliscendi , però va capito se ci teniamo davvero ad uscirne fuori o se in fondo vogliamo vedere solo nero per sparare sentenze su tutti.
    Io ho già detto in tutte le salse cosa pensavo di FdB , però motivare il gruppo è uno dei compiti dell’allenatore, non un optional, io mi sono rotto di giocare a frate indovino cercando di capire di chi sono torti e ragioni, oggi l’Inter ha vinto con la giusta garra che abbiamo chiesto tante volte con le squadre piccole, bene, w l’inter.

  357. Davide,

    però non mi hai risposto, lo scambio lo faresti o no?

    quello che tu dici è vero, gol 10 su 16 e ha portato in dote 10 punti su 17- stop-

    ma, senza offesa eh? non significa un cazzo, perchè non puoi dire che nessuno al suo posto non avrebbe segnato, ne quanti punti avremmo fatto senza di lui, perchè magari un altro al suo posto li avrebbe messi anche nelle altre partite che abbiamo perso o pareggiato, oppure nemmeno uno, nessuno lo può dire con certezza, quello che si sa è che nonostante lui abbia una media gol della madonna noi siamo fuori dalla Europa Legue e in campionato dobbiamo solo sperare che quelle davanti si fermino ad aspettarci, sempre che noi si cominci a vincerne un pò più spesso, perchè siamo alla 12a partita e abbiamo solo 17 punti rispetto ai 30, ai 26, ai 25, ai 22 di quelle che ci precedono, tra cui il Toro che abbiamo battuto tra l’altro.

    questo si sa e su questo non ci sono ma che tengano. altro che dare i numeri di Icardi, quelli giocateveli al lotto se proprio proprio volete insistere…

    • Ti rispondo:

      Icardi e Belotti sono ambedue del ’93.

      Icardi: 67 gol in 134 partite in Serie A, media 0,5.

      Belotti: 26 gol in 83 partite in Serie A, media 0,31.

      Parere mio: Icardi segnerebbe e parecchio anche al Toro. Le squadre di Mihajlovic sono quadrate e ben organizzate, aggressive e non si accontentano quando sono in vantaggio anche di 3 gol. In questo momento Icardi lo vedo ancora superiore rispetto a Belotti, più maturo per certe partite, più killer instinct. Belotti è quello che dei due si è evoluto di più negli ultimi mesi, vedremo se terrà duro fino a fine stagione. Entrambi hanno ampi margini di miglioramento, ma Icardi viene già da tre stagioni ad alto livello, Belotti ha iniziato da tre mesi.

      Ad oggi dico Icardi. Perciò la mia risposta è affermativa.

  358. Le cazzate in quello striscione sono due:

    La prima è che forse l’inglese se ne va.
    La seconda, ben più grave, è il verbo “tornare”.

    Tornare un cazzo, noi barzelletta non lo siamo mai stata.
    La barzelletta, come diceva giustamente Simone, è riuscire a farsi sovrastare dai tifosi del Crotone.

    Ma vaglielo a spiegare.

    • no guarda este, qui ti sbagli, la barzelletta lo siamo stati eccome dopo il 2002, ed anche qui sul blog qualcuno l’ha ribadito più di una volta, e io l’ho ricordata più volte sta cosa quando scrissi che nessun Interista abbia mai chiesto scusa a Moratti per tutte le prese per il culo che ha dovuto subire da quelli che lo ritenevano uno ricco scemo, per cui su questo la curva ha ragione, perchè a prenderci per il culo non sono stati i tifosi avversari come era logico pensare, a prenderci per il culo ci abbiamo pensato noi da soli, compresi certi scrittori interisti che hanno lucrato su questo, per non parlare delle comparsate di tifosi vip alla tele, dove dicevano che perdere era bello.

      solo che allora c’era chi brigava per farci prendere per il culo, questa volta abbiamo fatto tutto da soli, perchè la stampa si attacca a tutto per metterci in cattiva luce, per cui figuriamoci se si perdevano una occasione del genere offerta su una vassoio dai nostri dirigenti.

      a un bel dire Ausilio quando afferma che attorno a noi fanno del cinema, però è lui con gli altri ad averlo fatto, la stampa l’ha solo raccontato.

  359. Icardi ha solo 23 anni, il suo compito è fare gol e su questo non c’è nulla da dire…

    Non è un attaccante di movimento, è principalmente un attaccante d’area di rigore ma può darsi che con il tempo cambi le sue caratteristiche…

    Gli attaccanti di movimento sono meno lucidi in zona gol e statisticamente meno prolifici, ma sono utili a mandare in gol i compagni…

    Se, come scrive qualcuno, Icardi sbaglia certi suoi movimenti in campo o deve modificarli, sta al tecnico di turno correggerlo…

  360. Ma infatti Icardi ha bisogno solo di una punta alternativa con cui dialogare.
    Mi prenderete per pazzo, ma in mancanza d’altro io insisterei su Jovetic

    (quello che più assomiglia al genere di giocatore che ci serve, ossia una punta d’appoggio che, in linea teorica, sappia saltare l’uomo e creare spazi per Icardi).

    No, il problema è che di tutti questi cross noi non sappiamo che farcene, basti vedere lo score dei calci d’angolo. Lascio a voi le statistiche, quanti ne avremo battuti, 15?
    Non s’è cavato un ragno dal buco.

    Aggiungete tutti i cross di Candreva e si arriva ad una cifra enorme.

    Però Icardi, oltre ad essere l’unico vero terminale, è anche un giocatore che di testa tende a giocare da torre e non da ariete.
    Quindi Candreva continuava a mettere cross in mezzo mentre lui tendeva a tagliare sul primo palo.
    Risultato, tutti persi.

    Rimango dell’idea che lì più che un esterno che la metta in mezzo, ce ne serve uno che tenda a puntare la porta ed entrare in area.
    Quando dicevo Callejon era proprio per sottolineare il tipo di gioco che ci serve per quel ruolo, non tanto il numero di gol in sé.

    Poi vabbè, Banega sembra quello che più di tutti sta pagando questo bailamme.

    Comunque, sperando che le 48 ore servano a Pioli per risolvere il suo contratto con la Lazio e non ci siano ulteriori proroghe alle “tempistiche”, perché sarebbe il caso di regalare qualche giorno all’allenatore per capire dove cavolo è finito.

    Pigliamo e portiamo a casa.
    Ma la strada è lunga.

  361. i giudizi sui singoli giocatori fanno parte del calcio e della partita che si è appena vista, fino all’84 se c’era una squadra in campo che avrebbe meritato la vittoria questa era l’Inter, ma questo solo per l’impegno profuso e il possesso palla, non certamente per le occasioni da gol create ne per i tiri in porta, perchè di quelli se ne sono visti ben pochi, compresi i colpi di testa di Icardi e di Murillo, tutti fuori e il loro portiere ha fatto solo una parata, più spettacolare che impegnativa, sulla punizione di Banega, unica cosa decente di una partita anonima.

    di Banega, non del portiere…

    per cui c’è poco da stare allegri considerando che abbiamo battuto l’ultima in classifica a 6 minuti dalla fine, ovviamente è sempre meglio vincere che pareggiare o perdere, ma se si vuole parlare di calcio si parla così, se no parliamo del tempo, qui in provincia di Bergamo giornata piovosa, da voi?

  362. Qui da noi splende er Sole.

    E la nostra marcia verso er Trionfo finale è appena cominciata.

    Forza Maggica! Daje!

  363. ha un bel dire…

  364. Peppe, fosse vero ci sarebbe da tifarvi quest’anno.
    Le alternative sono Juve e Milan… e ho detto tutto, visto che il Napoli non sembra quello degli altri anni.

    Però ce ‘o sai com’è la Roma… nun vince ‘n cazzo manco sì se scanseno tutti pe’davero.

    Te basti d’a ricordatte com’avete cominciato e finito a’marcia d’a Champions.

    E nnamo su, che de marce funebri ce abbasta a nostra.

  365. Finalemnte una boccat d’ossigeno, e questo era l’importante.

    Riguardo la partita, i mille cross dalla destra cominciano ad essere trooppo prevedibili. Cazzo nessuno che penetra per vie verticali, che salta l’ uomo, sempre e solo appoggio su Candreva e a scalare D’ambrosio.
    Sinceramente spero che il nuovo allenatore preveda più inserimenti di Joao Mario e Banega, perchè quelli che stiamo vedendo nelle ultime due tre partite, sembrano solo fantasmi-

    L’altra bella notizia di stasera è che Bolinbroke ce lo togliamo finalmente dalle balle. Però a dirla tutta, non depone bene a favore della serietà della nostra società, perchè fino ad una settimana fa , era stato nominato nientemeno che Amministratore delegato-

    • Peppe nun t’allargà più de tanto che er campionato è lungo e l’ex laziese Pioli nun è un cojoncello quarsiasi se trova a quadra sò cazzi pe tutti.

  366. E ce dovete tifa’ quest’anno.

    Già solo p’er fatto che semo solo noi che c’avemo le carte ‘n regola pe’ interompe ‘a sequenza de quelli là.
    Armeno a quel che se pò nota’ a occhio nudo. O no?

    • Appunto, ah Peppe!
      Io te posso tifo pure.
      Vedete però de nun rovina’ poi tutto co’ un de’ li vostri soliti psicodrammi tipo roma-lecce.

  367. La verità, Pe’? A me Salah piace parecchio (e infatti io quel giochino della Fiorentina non l’ho mai digerito, perché adesso sarebbe da noi), e Dzeko l’ho sempre apprezzato molto al City

    meno l’anno scorso, che sembrava essere diventato un paracarro.

    Però, non mi convince la difesa e a centrocampo vi siete venduti l’elemento più talentuoso.

    A questo aggiungici che l’avete venduto a una diretta concorrente, che avete scarsissima attitudine a reggere la pressione della testa della classifica e che comunque stai dimenticando la variante arbitri.

  368. E cmq ennesimo “aiutino” al Milan, leggevo in un sito (non interista) che la classifica ritoccata senza aiutini vede il Milan ad un bel -7 e si troverebbe esattamente 1 punto sopra di noi.
    E ma come allena Montella !

    Altra cosa simpattica : leggo da un altra parte “Moviola serie A” manca un rigore alla Juve, leggo l’articolo e viene fuori che al 90 esimo Benatia fa un fallo da rigore non concesso al Chievo.

    Mi viene in mente la foto di Zhang che mi ha mandato un mio amico con la scritta sotto “Ma non potevo comprarmi un Bar come fanno tutti i cinesi?”

  369. io non ho voglia,ma sarebbe istruttivo fare un conto dei punti decisivi ottenuti coi gol di Icardi(ad esempio,la doppietta di ieri non lo è,tanto per chiarire)

    anche perché far finta di niente sul lancio di ieri(un centravanti che fa una roba così da metacampo,avrebbero pure il coraggio di dire che è normale amministrazione) vuol dire c’è o si stava guardando la partita pensando a cosa scrivere sull’internet,oppure non si è neanche capito cos’è successo

    perché annaspando tra le supercazzole, i distinguo, gli al netto di questo,quello e quell’altro ancora, non si capisce se sia dolo o mera incompetenza

    • Diamo atto che tu sei il solo competente e quindi noi che non capiamo un cazzo di calcio rimarchiamo anche i gol si è letteralmente divorato con Bologna, Palermo e Sampdoria oltre al rigore sbagliato con il Cagliari. E come dice Corso non abbiamo la prova del fatto che avesse giocato un altro centravanti non avrebbe fatto lo stesso numero di gol di Icardi; visto che gioca sempre e solo lui perchè è la sola punta in rosa. Ma scusa eh, noi non capiamo.

    • ecco appunto

      “ci riuscivo anch’io”

      mammamia

  370. l’importante era prendersi i tre punti, chi come o cosa di questi tempi è fuffa.
    Su Icardi si possono dire tante cose sul comportamento, sulla sua vita social i suoi libri del cazzo e la sua discutibile compagna, ma che per noi nel bene o nel male al momento sia indispensabile è innegabile.
    Certo fa arrabbiare il fatto che magari partecipa poco alla manovra, fa fatica a saltare l’uomo, si fa vedere poco in determinati momenti si assenta e tutto sembra fuorchè un leader o un capitano, però vede la porta come pochi, pur non essendo altissimo ha un tempo ed elevazione incredibili ed è fortissimo di testa, magari sbaglia qualche goal o appoggio semplice ma poi ti sgnacchera la pera che ha fatto col Torino… ricorda un po’ il rapporto conflittuale che c’era con Bobone Vieri, che anche lui qualche goal lo faceva.
    Se lo avesse comprato il Napoli al netto delle papere di Totò Reina penso avrebbe altra classifica, è l’attaccante che se con il gioco viene messo in condizioni di concludere è devastante, non a caso Sarri stravede per lui e lo aveva messo in cima a qualunque lista.

    Su Pioli sono molto contento, perchè è un grande allenatore pretende molto dalla sua squadra e mette in condizione anche i centrocampisti di concludere e segnare, cosa che a noi manca. L’incognita è sperare che lo lascino lavorare in pace e gli umori della piazza di fronte ad un nome non proprio altisonante.
    Magari Candreva che non si è lasciato benissimo non sarà contento, ma il calcio è strano, perche’ se Candreva è diventato un giocatore cosi importante lo deve molto proprio a Pioli anche se la riconoscenza nel calcio è cosa rara.

    • Alex, senza l’infortunio, il Napoli avrebbe ben altra classifica anche con Milik……che partecipa anche alla manovra offensiva….cosa che nel calcio attuale, fatto in gran parte di giocatori non particolaremente tecnici ed in gran parte rubati all’atletica leggera, è fondamentale. Scusa ma Bobone Vieri (per il quale comunque no stravedevo) di solito ai bei tempi si portava via tre o quattro difensori…non si nascondeva dietro.

  371. Sì, devo dire che anche a me lascia perplessa la convinzione diffusa che Icardi abbia “due tombini al posto dei piedi” . Io francamente lo trovo tra i pochi (un altro è Brozo ad es) che tocca la palla come dovrebbe fare un top, cioè velocemente e facendo viaggiare la palla la doppio della velocità degli altri “normali” cosa imprescindibile nel calcio moderno che conta. Poi quello è solo un aspetto eh? Non è che basta per essere un campione, ci va la costanza di rendimento, la tenuta mentale (cosa di cui ad es Brozo deficita, vederlo sbracciare con la faccia disperata di un bambino ogni volta che perde la palla è irritante), insomma non voglio dire che Icardi sia Van Basten, ma giudicarlo scarso tecnicamente mi fa chiedere se guardate anche gli altri giocatori dell’inter allo stesso modo.
    Quel che va detto è (proprio per le caratteristiche positive che dicevo prima) che quando arretra o va sulla fascia a cercare palla fa sempre cose pericolose, e qua si che ci stanno le critiche tattiche (ma non tecniche) , anche se come ho detto ieri il problema è che via lui da li davanti la ns pericolosità è pari quasi allo zero, forse eccettua Perisic, che cmq insieme a Candreva continua ad avere una condizione atletica pietosa.

    • Beh Javier abbi pazienza, ma uno che stoppa il pallone a 5 metri dal corpo come minimo e che non salta l’uomo se non una volta su dieci sta gran tecnica non la possiede. Per non parlare del fatto che poi in velocità è partito una sola volta lo scorso anno andando a segnare. E vi ricordate chi ha superato in velocità? ; Ranocchia in Inter Samp…..!!!!!!!!!!!

    • A javier+, pe’ tua norma Peppe er Pantera c’ha ‘n niccke unico perché, come Paganini, nun ripete.

      Sinnò va a fini’ che, malpensando, me perdi er + e me diventi javier-.

      E questo me dispiacerebbe perché sei ‘n bravo fijo.

  372. Rimango sempre stupito quanto aiuta alla sintesi la buona fede:

    Dino Zoff
    “La Juve non fa bene a rivendicare i due scudetti”, confessa, “ci sono delle regole. Ci sono delle sentenze. Al processo ci fu un’autoaccusa della Juve. E Moggi è stato condannato dalla giustizia sportiva”.

    In quattro righe ha chiuso il discorso.

  373. Icardi teniamocelo stretto. Poi, io sono il primo a confessare che ieri ho passato l’ennesima partita a maledire per tre quarti della stessa il modo in cui non sale a dettare il passaggio ai centrocampisti, in cui non tiene palla, in cui non prende un fallo, in cui non evita di nascondersi tra i centrali difensivi…E l’ultimo quarto a rotolarmi per i suoi gol con i miei bambini, di cui è idolo indiscusso e Verbo (“..papà, Icardi ha detto che è quasi Natale, allora dobbiamo fare la letterina..). Quanto al weekend del famigerato casting…contrordine compagni. Sembrava che si stesse per preparare il benservito al terzetto di dirigenti italiani con i cinesi pronti ad incaricare lo spagnolo, il sardo, ed ignorare il contratto già bell’e pronto di Pioli, ed invece pare ne escano addirittura rinforzati. Fortunatamente almeno smiling Bolingbroke se ne va. Chi invece era addolorato per la sventurata sorte del buon Vecchi mandato al macello, si rassereni, pare che l’esperienza gli sia piaciuta assai, e che probabilmente costituirà il biglietto da visita per l’inizio di una carriera di allenatore tra i grandi.

  374. Simone non ho detto che Icardi = Vieri, ho detto che il rapporto conflittuale ricorda quello con Vieri, che segnava ma veniva spesso criticato.
    E con tutta la bontà che può avere Milik penso che Icardi sarebbe stato molto più devastante.

  375. io lo avrei dato più che volentieri al Napoli anche per meno di quello che si dice perchè ho la netta convinzione che se abbiamo un insieme di giocatori e non un gruppo coeso la causa maggiore di tutto questo sia lui, primo perchè ha ottenuto di più di quel che meritasse e agli altri hanno risposto di no, secondo perchè l’anno scorso se ne venne fuori a dire che se gli passavano la palla lui la poteva mettere in porta, se non gliela passavano non ci poteva fare niente.

    il che era una critica bella e buona diretta sia ai suoi compagni che all’allenatore che lo ha subito panchinato, ma poi lo ha dovuto perdonare per via del fatto che lui era il maggior indiziato a fare le valige prima che apparisse all’orizzonte il Suning, perchè ci potete scommettere le balle che se non arrivavano i cinesi Thoir al Dela glielo portava in braccio.

    che poi al Napoli avrebbe fatto sfracelli è tutto da vedere, perchè si diceva che anche Higuain avrebbe fatto caterve di gol giocando per la gobba e che questa con gli acquisti che aveva fatto si era rinforzata parecchio, ma a quanto pare sembrerebbe di no anche se è presto per dirlo, ma io ci spero tantissimo.

    la stessa cosa si era detta quando Ibra fu venduto al Barca, pensando che in mezzo a gente come Messi e Iniesta non avrebbe avuto problemi a segnare caterve di gol e a vincere la Champion che non aveva mai vinto.

    anche lì non mi pare che sia andata come tutti prevedevano…

  376. Mentre noi discutiamo su Icardi, pare che il Barcellona abbia offerto 75 milioni per Pippigno.
    Quaresma gioca la Champion e vince l’europeo.

    E se ne potrebbero citare altri. Come sappiamo tagliare le gambe noi ai giocatori….
    Non dimenticherei ciò che diceste di Ibra e di Mourinho.

  377. Comunque vada con Pioli il modulo di gioco sarà esattamente quello di adesso. Icardi solo soletto in mezzo all’area circondato da 4/5 difensori e continui cross sterili per esaltare le difese avversarie. Se non altro Marcelino aveva un concetto diverso di approccio alla partita (ad esempio l’utilizzo di 2 punte 4 4 2)

  378. Icardi dà più problemi fuori dal campo che dentro; io Vieri lo odiavo ed è stata una maledizione Lippiana prenderlo, Icardi almeno ha segnato tanti gol alla gobba_
    Sarei curioso di vederlo in tandem con l’oggetto misterioso Gabi_

    • Gabi ce lo devono spiegare. Leggevo Miranda spiegare che ha difficoltà ad assimilare la parte tattica del nostro calcio…Mah, questo ha 20 anni, mica 15. Per essere un presunto crack deve avere qualche deficit cognitivo…

  379. Risultato un pò bugiardo, il dominio territoriale sterile non serve a nulla. Meno male che abbiamo il ns centravanti, che segna e fa segnare. Nonostante quello che si possa dire in questo blog, dove sembra che se la difesa viene perforata, i terzini sono di livello medio-basso, i mediani vanno a corrente alternata, le ali sono scostanti, la colpa sia tutta di quell’argentino che corre poco, si muove poco e non ha la tecnica di Maradona (poi vabbè segna, ma quello è un dettaglio).
    Comunque sia sono 3 punti che danno ossigeno, torniamo nella colonnina sinistra e aspettiamo, a quanto pare, Pioli. Speriamo venga supportato (dai tifosi in primis).
    Io non sono ancora rassegnato a passare una stagione grigia, in questo momento mi sembra che tolti i gobbi e la roma un Inter onesta possa lottare con tutte le altre. Certo, senza bacchetta magica sarà dura, ma non voglio e non posso credere che l’annata sia finita dopo due mesi, quindi vedremo a che punto saremo a Natale.

    • ma io vorrei chiedere se è lui l’unico che gioca di punta, ed è anche l’unica punta che è stata messa in campo sempre, chi è quello che dovrebbe segnare, il portiere?

      è vero che se non segna lui gli altri lo fanno con il conta gocce, ma non si può dire che senza di lui non segnerebbe nessuno, se gioca sempre lui.

      perchè se no mi si deve dire dove sia andato dopo che ha fatto quella doppietta con l’Empoli che sembrava foriera di un campionato da protagonisti dopo un inizio stentato, chi cazzo era in campo con il Bologna, la Roma, il Cagliari, l’Atalanta e per ultima la Sampdoria? sua sorella? che al posto suo ha sbagliato gol a ripetizione e tirato fuori anche un rigore?

      certo ogni tanto segna, ma mi pare il minimo che possa fare uno che è l’unica punta schierata sempre e che si cucca 5 zucche all’anno per farlo.

    • Corso, io ho idea che tu ti sia infilato in un cul de sac e non voglia o riesca a uscirne. Dopo la partita con la Samp nessuno ha difeso più di tanto Icardi, perchè se uno gioca male gioca male, punto. Io, per dire, ho scritto che ha giocato male.
      Dopo una partita con doppietta, se continui a menarla (“fare la punta al cazzo” scrivesti qualche tempo fa) mi domando cosa debba fare questo cristiano per meritarsi un tuo complimento…
      Ti scrissi qualche tempo fa: Inzaghi partecipava alla manovra? era tecnico? no perchè Inzaghi è stato uno dei più (se non “il più”) forti e prolifici attaccanti italiani dell’ultimo ventennio…

  380. Corso ma ti rendi conto delle cose che stai dicendo?

    3 anni fa hai bollato icardi, hai cannato alla grande, fai più bella figura a tornare sui tuoi passi che a continuare a difendere posizioni pesantemente smentite dai fatti.

    Se il lancio per candreva lo sapevi fare anche tu, come pure il terzo gol, mi domando come mai tu sia un venditore di ciliegie pensionato anzichè un ex centravanti con 250 gol in carriera.

    Ma poi hai scritto così tante cose sbagliate ed irricevibili che uno non sa nemmeno da dove cominciare per risponderti.

    E poi hai pure il coraggio di auto-incensarti per aver sverniciato il tagnin.

    Assurdo.

  381. Questo lo consiglio ai tanti che nei giorni scorsi erano tutto un “…hanno ragione a prenderci per il culo…”
    http://www.ilmalpensante.com/2016/11/07/linter-non-mai-stata-barzelletta-mai/

    • tanto mi era piaciuto l’articolo su facchetti, tanto ho trovato compiaciuto e retorico questo.
      Sono stufo di pensare e di continuamente sentirmi dire che siamo moralmente superiori.

      Dire che siamo una barzelletta non è atto di lesa maestà, né una bestemmia.
      è la verità di questi giorni: io ho riso quando ho sentito del casting, un riso amaro, ma riso.

      facciamo divertire gli altri, è un atto di benevolenza
      per ora
      magari tra qualche anno li faremo piangere, come capitato fino al 2010.
      ma adesso è così

    • Ok, allora continuiamo pure a mettere la testa sotto la sabbia e, mentendo a noi stessi, a dire che se la J**e o i Gonzi avessero anche solo ipotizzato di prendere Zola come allenatore non ci saremmo fatti delle grasse risate. Per quanto mi riguarda mi riferivo a questo quando dicevo che avrebbero fatto bene a ridere, quegli altri.

      Poi, che per fortuna noi non siamo tutta quella roba là, non ci piove. Ma non ci piove nemmeno sul fatto che al momento abbiamo una società ridicola. E, da che mondo è mondo, una cosa ridicola fa ridere.

  382. il problema di questo 4-4-2 è uno solo ma bello grosso: non sai dove mettere Banega, come seconda punta meglio Jovetic (pensa te), a CC senza altri due a dargli una mano non lo vedo molto bene

    • Sono d’accordo. Banega serve se riesce a mettere gli esterni sulla corsa verso la porta e se verticalizza il gioco. Ma in un centrocampo a due non copre e a ridosso di Icardi non fa nulla di tutto ciò. Meglio sacrificarlo per Jovetic. E anche un centrocampo a 3, ipotizzando gli altri 2 JM e Brozo (che se non spegne la luce a me sta piacendo) senza un interditore soffre. Banega era l’equivoco di inizio anno che si sperava si risolvesse. Non è andata così, inutile trascinarlo avanti (ma è argentino…).

    • a me sta bene Banega in un 4-2-3-1, che essendo un modulo a cazzo è l’unico che possiamo usare per schierare tutti i migliori, altrimenti non se ne esce, e visto lo spogfliatoio che ci ritroviamo non so nemmeno quanto sia saggio ricorrere ad esclusioni del genere

  383. Bene non possiamo dire che Icardi non sia poi sto gran giocatore….perchè segna. Poco conta che sia la nostra unica punta altrimenti non sappiamo chi mettere. Vorrei solo vedere se nella nostra squadra un Belotti, un Milik, un Pavoletti segnerebbero meno di Icardi….ma la controprova non esiste…………….
    E qui la chiudo definitivamente. Ciò detto, mi è anche capitato di sentire che non va bene l’Inter degli IC; io sinceramente toglierei gli EVA/EGA….

    • Puoi dire tutto quello che vuoi. Non mi risulta che tu sia mai stato bannato per aver detto cose su Icardi.

      E’ del tutto evidente che come sei libero di dire che icardi è una sega, io ed altri siamo liberi di farci una sonora risata

  384. Quale sia il motivo per il quale qualcuno ritiene di avere la verità in tasca io non lo capisco. Che vuoi farci Corso, non si può dire che Icardi è indispensabile negli attuali schemi ma che in generale preferiremmo qualcuno di più impattante a livello di gioco e di meno impattante a livello di spogliatoio….è così, facciamocene una ragione. Loro sanno…..noi no.

  385. Simone
    Io per velocemente intendevo la velocità di esecuzione da quando gli arriva la palla a quando la da via , che c’è gente da noi che se non tocca la palla 6 volte non parte il passaggio, e quando la da via la palla viaggia ad una velocità esasperante e come se non bastasse magari un metro dietro la corsa del compagno che deve riceverla con il risultato di far rientrare tutti gli avversari e farli ripiazzare comodi comodi. Guardavo proprio l’altro giorno i cambi di gioco del City, lanci di 40 metri, delle sassate che arrivavano al compagno sempre prima dell’avversario, anche ieri metà dei cambi di gioco sono stati intercettati comodamente dagli avversari . Un grosso difetto di Icardi e non riuscire quasi mai a prendere di testa una palla lunga che arriva da dietro in modo da far salire la squadra, si fa sempre superare , non capisco quando sia un problema di posizione suo o di lanci fuori misura dei compagni. Perisic su questo mi sembra molto meglio.

    A Peppe
    nun tè ‘ncazzà pè na battutina che io c’ho provato ad entrare in un blog della Roma, visto che come squadra mi sta pure simpatica, e mi hanno fatto passare la voglia dopo 2 minuti…

  386. un po’ di praticità: bravo o meno che sia Icardi è imprescindibile in questa Inter, perciò vediamo chi saranno gli altri 10_ Banega potrebbe giocare anche nel 442 partendo da destra, alla Veron, al posto di Candreva_ Vediamo cosa deciderà Piooli, se sarà proprio lui il nuovo mistero_

  387. Le ultime 4 righe del commento di wolf delle 13.49 (vabbè, l’orario lì è falsato di un’ora)
    la metterei nell’header del blog.

    Sono anni che mi batto per questo concetto.

  388. i cinesi sono strani vero ? noi invece normali vero ?
    tutti i media e tifosi italiani(compresi i nostri) a gridare allo scandalo,sberleffo di questi giorni definendoli strani, di un’altro pianeta, cose mai viste etc.
    Premesso che sono anche io di questo mondo e so benissimo che la prassi nel mondo di calcio non e’ questa, ma Suning ha fatto quello che fanno tutte le aziende private del mondo quando devono trovare una figura, ossia ricerca di personale, guarda un pò attraverso colloqui con i candidati, certo se poi lo chiami casting diventa sicuramente teatrale, se poi lo applichi nel calcio apriti cielo, e’ chiaro che andava fatto sotto traccia ma da qui allo scandalo….

    Veniamo invece a noi, per noi intendo gli interisti, noi normali, noi giusti.

    Ecco 2 sono le cose che ieri mi hanno fatto pensare su chi davvero siano i normali o se esistano questi normali, la prima il cuore della dello stadio, la curva, quella che dovrebbe essere in assoluto l’estremo feudo di difesa senza se e senza ma che dice che non vuole tornare ad essere barzelletta dando per scontato che quindi lo siamo stati ?! e poi ci lamentiamo dei media…

    La seconda, dopo una sofferta vittoria, pur con l’ultima della classe, pur preoccupante in quanto raggiunta all’ultimo respiro, comunque una boccatina di aria in un periodo nerissimo e vengo qua a cercare di riprendere un attimo fiato e non leggo altro che post esclusivamente legati al problemagi icardi, colui che ha fatto un assisti ed una doppietta…strani sti cinesi,davvero strani

    • Quoto. Icardi avrà un sacco di difetti (ha margine per limarli) ma in questo momento questo abbiamo e mi sembra non sia così malaccio. 3 punti con l’ultima in classifica, ok ma prima della partita avevamo tutti timore del Crotone, visto come ci girava la sorte e la situazione società (inesistente). Vediamo Pioli cosa combina, sicuramente leggendo i commenti ha l’appoggio della stampa, almeno per ora.

  389. Ok: cambio argomento e parlo del Sassuolo. Bene, mi sembra stia facendo discretamente cagare. Cosi eh, solo per dire senza offendere nessuno. Solo che si è passati mesi a dire che bello il Sassuolo, che buono il Sassuolo, che forte il Sassuolo. Di Francesco è un fenomeno, un grande allenatore etc etc………E’ vero, in questo periodo ha molti infortunati, ma non era lui quello che diceva ” non contano gli interpreti, ma conta il modulo….” e tutti i giornalai a battere le mani ed a tesserne le lodi. No perchè alla fine poi in campo ci vanno i giocatori e che se hai la sfiga che ti si infortuna un Berardi, col cazzo che ti salva il modulo……..Cosi eh, per dire……che a me tra l’altro i tifosi del Sassuolo mi sono molto simpatici, anche la squadra in fondo se non fosse per il presidente….

  390. i giocatori del Sassuolo a prescindere dagli infortunati non sono abituati al doppio impegno, e molti dei suoi elementi sono al primo anno di serie A, ciò nonostante esprimono a mio parere un’idea di calcio, e di gioco.
    Poi ognuno la vede a modo suo, anche il Bologna per dire è una squadra che cerca di giocare e ha un ottimo allenatore, ma ha preso alcuni goal su ingenuità colossali e molti di questi negli ultimi minuti, cosa che pesa in un campionato dove ci sono i 3 punti.
    O anche Gasperini è un ottimo allenatore, anche se con noi non ha avuto fortuna, eppure anche lui quest’anno è stato ad un passo dall’esonero, prima di infilare il filotto di vittorie che lo ha portato lassù.
    Questo per dire che ci vuole pazienza ed equilibrio nei giudizi, sia nell’esaltare che nel crocifiggere squadre o allenatori, cosa che per quanto riguarda noi, non abbiamo avuto in parecchie occasioni, ultima quella di De Boer.

  391. la cosa che mi fa ammazzare dal ridere è “sì, ok, segna, fa segnare ma è l’unico che lo fa perché non abbiamo la controprova”

    LA CONTROPROVA

    sono finito sotto la sedia

    un’altra così e mi licenziano, vi prego

    p.s. siete proprio sicuri di volerla, la controprova?

  392. Faccio una domanda/considerazione. Arriva il nuovo mister che, se non sbaglio, rivedrà i giocatori impegnati nelle nazionali il giorno 17/11, corretto?
    Quindi il buon Pioli avrà a disposizione due giorni due per assemblare la squadra per il derby? Ho sbagliato qualche calcolo?
    Speriamo bene.

  393. Leggo che con Marcelino c’era l’accordo, poi ha cominciato a chiedere carta bianca per acquisti ed epurazioni, contatto diretto con la proprietà ed un contratto fino al 19. Chi cazzo crede di essere ‘sto Marcelino, Mancini?
    Leggo inoltre che MM ha confessato che i casting li faceva pure lui, ma in segreto. Facciamo coming out tutti insieme dai, chi di voi non ha mai fatto un casting in vita sua?
    E leggo pure che contro chi si azzarda ad avere atteggiamenti sbagliati, Pioli potrà scatenare nello spogliatoio nientemeno che Walter Samuel.

  394. Se un apppunto si può fare alla dirigenza del Sassuolo è quello di aver fatto una campagna acquisti fallimentari davanti. Matri è un pensionato, Iemmello ha segnato in serie C (Foggia) Ragusa viene sal Cesena (e se a 26 anni sei al Cesena, fatti una domanda) Ricci, Under21 della Roma si è rivelato troppo leggero e non ancora pronto per la A.
    Fatte queste premesse e detto che mancano almeno 5 fondamentali ( si, non 5 giocatori e basta ma i 5 migliori : Berardi Missiroli Magnanelli Duncan Cannavaro) più altri di contorno, è un miracolo che siano riusciti a giocare decentemente 20 partite dalla fine di luglio ( Juve,Napoli,Inter,Roma, 16 Fiorentina 15, tutte le altre 12, tranne il Genoa 11).
    Coi tre punti del Pescara (vittoria netta sul campo) e la ruberia del Milan (tralascio gli ultimi gol subiti in fuorigioco, perchè poi a lamentarsi troppo si diventa antipatici) sarebbe a ridosso dell’Europa League, competizione che nel frattempo sta onorando con una vittoria due pareggi e una sconfitta (e peccato per il pari subito mercoledì scorso dopo aver dominato la partita per 80 minuti)
    Detto questo ieri ha perso da una signora Atalanta, che se non sbaglio ha già battuto fior di squadroni.
    Il bello del Sassuolo che riesce a giocare sempre nello stesso modo anche cambiando gli interpreti, poi ovviamente, la qualità di questi ultimi fa la differenza.

    • La mia non è una critica al Sassuolo che sta facendo veramente tanto; è una critica ai giornalai/opiniosti/pennivendoli che sono pronti ad esaltare tutto e tutti basta che sto tutto e tutti non abbia a che vedere con l’Inter. Anche Bergomi ieri è stato patetico quando ha voluto puntualizzare su DeBoer dopo averlo preso per il culo un minuto si e l’altro pure….Era solo per questo..ed un po’ anche per Tanzi….

  395. Certo che le pippe mentali che ci facciamo. ..da che esiste il calcio esistono centravanti che fanno solo gol (per rimanere nel nostro orticello Boninsegna -vabbhe uno con quel nome…-, Altobelli, Vieri, in rigoroso ordine di gradimento ) e centravanti di movimento (Cruz -per me non era un panchinaro- , Ibra -almeno l’ultimo ibra-, pandev – non mi prendete per il culo come ho fatto io con tohir quando parlava di ventola e Fresi se non erro, perché reputo pandev una delle punte più tecniche ed intelligenti) e poi ci sono i fenomeni (sempre in rigoroso ordine) ronaldo, (l’ unico vero fenomeno visto dal vivo) e milito; il resto è aria fritta

  396. A javier+,

    e secondo te, si m’arabbiavo, me mettevo a ffa’ er giochino de parole der + e der – a riguardo der tuo niccke?!

    Eppoi, pe’ corettezza, te vojo pure di’ che te trovo uno de li più equilibbrati der blog.
    Ma guarda ‘n po’ tte che complimento che te ‘nvio, tarmente che sto ‘ncazzato?!

  397. Secondo me si può giocare 442 con Banega.
    L’importante è che Perisic e Candreva aiutino a centrocampo.
    Certo, se non lo fanno sono guai.

    Candreva Banega JM Perisic
    + quattro difensori e due attaccanti.

    In questo modo Icardi non sarà più solo e avremo più possibilità di segnare (cosa di cui oggi c’è bisogno come il pane); però le due ali devono scalare, l’uno o l’altro o tutti e due a seconda delle varie fasi di gioco, sia in relazione ai movimenti dei loro terzini, sia quando Banega o JM si inseriscono.
    Insomma, è chiaro che molto dipenderà dalle ali, se vogliamo giocare con questo modulo.

    Altrimenti si ritorna al 433 (lo giocava FDB!) o al 4231 (con Icardi sempre solo in mezzo a tre avversari!)

    Il 4231 lo puoi fare se hai un attaccante come Il Principe che, in mezzo a tre o anche a cinque avversari, non solo teneva palla e faceva salire la squadra, ma segnava pure!

    Con Icardi tutto questo non ce l’hai, è chiaro.

    Ecco perché, aldilà dei gol importantissimi e anche numerosi, si critica il centravanti: segna ma ha pochi numeri nel suo repertorio.
    In buona sostanza devi per forza giocare con un altro attaccante, che faccia altri movimenti, che gli crei spazi e che lo aiuti, anche a raccogliere e concretizzare i tanti cross che arrivano in area.

    Adesso, purtroppo, non abbiamo molto in casa, e dobbiamo fare di necessità virtù: ci può essere Palacio a dargli una mano, o Eder (infatti ieri il suo apporto, appena entrato, è stato decisivo), ma soprattutto Gabigol, perché sarà pure ora di vederlo all’opera questo famoso crak da 35 mln! O no?

    Naturalmente a gennaio, o prossima estate, bisognerà investire su una buona punta.

  398. Veramente non capisco come certi tifosi valutino le prestazioni dei giocatori….. per esempio un difensore che si perde sempre l’attaccante, si fa saltare alla prima finta, viene colto di sorpresa dalle sovrapposizioni, sbaglia 3 volte la linea del fuorigioco…. lo giudicate come una schifezza, …. e anche se lo stesso al 78′ fa un gran recupero in scivolata da dietro ma pulito sul pallone, salvando un gol già fatto, mica lo osannate, sempre una schifezza è. Bene.

    e allora non capisco perché un centravanti che non fa movimenti, non fa salire la squadra e la fa giocare MALE, non crea spazi è regolarmente sovrastato dal Gastaldello di turno per 88 minuti, si fa sfilare a un metro decine di cross senza un minimo di cattiveria, non esce MAI a dettare l’uno due ai 20 metri…. poi finalmente ne mette una dentro facendo quello per cui è pagato e diventa il vostro idolo… veramente non capisco come possiate farvi condizionare e non valutare la differenza di ruolo e di lavoro “atteso”

    anche se il calcio come fenomeno mediatico ha bisogno di idoli per fare marketing, dovreste essere in grado di scegliervi gli idoli giusti e non quelli creati ad arte come il nostro

  399. Secondo me, l’unico che al momento può fare il lavoro di punta d’appoggio è Jovetic.
    Non so come si faccia a preferire Eder, 2 gol in 1 anno, a uno che, comunque, ha tecnica e un maggiore senso del gol.

    • E’ quello che mi sto domandando anche io.

      Tra l’altro in campo l’ho visto sempre molto corretto sia con gli allenatori che con i compagni, quindi, a meno che non esistano situazioni di spogliatoio a noi ignote, non vale nemmeno la ragione comportamentale.

      E’ un bel mistero, forse si allena con poca intensità mentre l’italo-brasiliano si applica maggiormente.

      Poi va beh, a voler fare i pignoli, sulla carta quello che si integra meglio con icardi è palacio, perchè capace di fare i movimenti che mancano a maurito. Non fosse che ex rodrighetto mio è oramai un ologramma da tre anni, come l’ultimo figo e l’ultimo crespo. Fino al mondiale 2014 possiamo dire che ha tenuto su la baracca da solo, mi piaceva tantissimo, sbagliava pochissimo e segnava molto, e teneva sul pezzo l’intero reparto. Da allora, però, è letteralmente scomparso

      Comunque, divagazioni su Palacio a parte, col 4-3-3 di De Boer jovetic era piuttosto fuori dai giochi, e temo che con Pioli sarà lo stesso perchè anch’egli predilige il 4-3-3. Con il 4-2-3-1 può invece trovare spazio dietro alla punta, ma a quel punto si porrebbe l’incognita banega. L’argentino fa girare di più la squadra, mentre il montenegrino è più finalizzatore e assistman (posto che fin qui abbiamo visto poco da entrambi).

      Un’adeguata soluzione potrebbe essere quella di partire col 10 per poi inserire il 19 quando c’è da gestire un vantaggio e palleggiare, o viceversa nelle partite più delicate contro squadre più pericolose.

      Comunque sia queste sono solo chiacchiere al vento, bisogna prima vedere che gerarchie seguirà il nuovo mister

  400. non c’entra un razzo, ma li ho fatto appena ascoltare i brani piu’ famosi del premio nobel: mi hanno intimato di non farlo mai più, una lagna inascoltabile per loro_ la diffida viene da due dodicenni..

    • cresceranno e impareranno a distinguere la spazzatura dall’arte.

      Figurati che io da bravo ragazzino degli anni ’90 ascoltavo un genere che oggi -fortunatamente- manco esiste più: la dance music…

  401. Wolf, io onestamente lo proverei largo al posto di Candreva.
    Abbiamo disperato bisogno di uno che punti verso la porta anziché allargarsi e crossare.

    Ieri su un centinaio di cross non ne abbiamo sfruttato uno.

  402. A proposito di musica… per qualche jazzofilo nascosto:

    venerdì e sabato concerto rispettivamente di Ron Carter e Dave Holland.

    Grandi atmosfere.

  403. Per me va bene anche Jovetic come seconda punta, non ho nessun problema.
    Ho scritto Palacio perché, in teoria, è quello che si integra meglio con Icardi.
    Poi Eder perché corre e crea spazi soprattutto in verticale.
    Ma va bene provare anche Jojo.
    Non è che ne abbiamo tanti altri eh!

    • E adesso vediamo se e cosa cambia (non in campo, ma anche in campo).

    • sei d’accordo?

    • Ti rispondo copincollando una roba che ho scritto ieri in merito. Mi si dara dell autoreferenziale ma è solo perché scrivo da cellulare e non ho piu voglia di bestemmiarci dietro per oggi

      —–
      Sono invece curioso di leggere le comunicazioni sulla dirigenza. Spero vivamente che consista nell’allontanamento di boligbroke e nella esautorazione (se contrattualmente possibile) della presidenza Thohir. Non fraintendetemi, non li considero la causa di tutti i mali, anzi sono professionisti che fin che hanno avuto in mano le redini da soli hanno fatto -e bene- quello che erano chiamati a fare: salvare l’inter dal fallimento.
      Però questi mesi ci hanno detto a chiare lettere che la convivenza non funziona, quindi la rimozione di figure gestionali in quota Thohir porterà senz’altro razionalizzazione e semplificazione di strutture e processi interni.

      Sia chiaro, quando l’ho scritto già si vociferava,quindi non ho previsto nulla e non mi sto vantando di nulla. No perché qua se no ci si attacca a tutto di solito

  404. Fuori uno

    #acasa

  405. sei d’accordo era per Wolf…

  406. 40 anni, si trasferisce a Milano. È già meglio di Bolingbroke, ma la gestione sportiva non la sposta di un fico secco.

  407. a questi saran venuti i capelli più dritti del solito quando han capito in mano a che razza di pirla avevano lasciato il giocattolo

    e sì che bastava chiedere al primo che passava per strada

  408. Wolf, comunque sei autoreferenziale.

  409. allora speriamo in bene, anche se il CEO paga le colpe di chi lo ha assunto e nella vicenda allenatori c’entra come i cavoli a merenda e meno ancora se paga la posizione in classifica della squadra.

    lui quello che doveva fare lo ha fatto con giochi di prestigio che sa solo lui, prendi i soldi di qui, mettili di là, fatteli dare da una banca, faglieli ridare da un’altra e via di questo passo, per cui nelle vicende sportive che danni ha fatto?

    credo nessuno, però se questo servirà ad avere meno teste pensanti per decidere il da farsi senz’altro è un passo avanti, peccato che per quel che riguarda la scelta dell’allenatore se ne sia fatti parecchio indietro, perchè non mi si verrà a dire che Pioli è meglio di Mazzarri o di DB.

    il Mancio non lo nomino nemmeno perchè se penso che da lui abbiamo fatto un triplo salto mortale all’indietro mi viene ancora il nervoso.

    • Bolingbroke era entrato in rotta con Mancini, e più di ET e Kia, è proprio il rapporto con l’inglese che secondo me ha giocato un ruolo primario nei maldipancia dello jesino. Cosi come un ruolo di primo piano ha avuto nella scelta di FdB, e pure nel tentativo maldestro di riconferma. Gli ha detto male, troppi errori ed i cinesi lo han fatto fuori, con sommo gaudio di Ausilio e soci. Che adesso però hanno le chiappe vincolate ai risultati di Pioli. Meritocrazia in salsa cinese.

  410. Siete tutti autoreferenziali…..soprattutto Tagnin………

  411. alla fin fine il modulo che ci consentirebbe di giocare a due punte, senza rinunciare ai migliori, è il 352 audace_
    modulo che detesto, però buttando i nomi fa un bell’ effetto, e risolviamo il problema dei terzini:
    handa
    miranda Medel murillo
    Candreva Brozovic Banega joao Mario Perisic
    Gabi Icardi

  412. Infatti……metterei Jovetic al posto di Gabigol….

    • ma uno che si chiama Gabigol
      io lo metto a prescindere!
      (eppoi la ragazza della Figuerense mi ha garantito che è fortissimo)

  413. @jesuisautoreferenziale

  414. Ho ragione di credere che Zhang e soci di calcio ne capiscano poco,
    ma di finanza sì, eccome.

    Se l’hanno mandato via non credo che abbia fatto tutti sti miracoli finanziari.
    E comunque, al contrario di come si suol fare in Italia, a pagare per primo è quello più in alto.

    Ma aldilà di tutto, la buona notizia è che a quanto pare mandare a casa per la proprietà non è poi quell’impresa titanica che mi si raccontava qualche tempo fa.

    Ma abbiamo appena cominciato, ora sotto col prossimo.

    • I miracoli li ha fatti da quel punto di vista, non lo dice wolf Tail ma il bilancio dell’inter. Tuttavia per questo aspetto gestionale Suning non ha certo bisogno di un bolingbroke qualsiasi.

      Quello che fingi di non capire invece è che bolingbroke era l’uomo di thohir; presidente e ad in quota al socio di minoranza, una roba mai vista che ha partorito non tanto errori di valutazione (nel merito, a me FdB piaceva, come i giocatori presi, come pure la cacciata di mancini) quanto lentezze decisionali e assenza di un’identità societaria forte che han pesantemente condizionato la stagione.

      Per questo è giusto quel che dici ‘avanti col prossimo’, ma tu pensi ad ausilio, mentre il prossimo deve essere thohir, se non da socio, certamente da presidente.

      Solo a quel punto ragioneremo concretamente su quel che discende dalla catena gerarchica. D’altro canto l’hai appena correttamente evidenziato anche tu: si parte dall’alto (top down), e sopra l’ad c’è ancora il presidente.

      Per quello l’unico ostacolo potrebbe essere qualche clausola contrattuale, ma non essendo io il notaio che ha autenticato l’accordo non saprei dire.

      Per me la soluzione più verosimile è un thohir presidente fantoccio fino a giugno, poi tanti saluti.

    • Da quando sono arrivati i cinesi non è mai stata in discussione l’eventualità dell’uscita di ET, ma solo la tempistica. Penso anch’io che non vada oltre la prossima estate. Zanetti sempre appresso a Zhang junior mi fa pensare che sia inamovibile come figura (poi se con maggiori poteri come scrivono i giornali è da vedere), mentre Ausilio ha Pioli e la sessione di gennaio (in uscita più che in entrata) come banchi di prova. Gardini fa il paio con Gabigol quanto ad imperscrutabilita’…

  415. Certe dinamiche ora non le conosco, quindi non saprei dirti chi è il prossimo.
    E, ovviamente, se ci sia un prossimo (mi auguro di sì, e manco uno solo).
    Così, per logica, mi verrebbe da dire che Thohir non lo puoi mandare via dall’oggi al domani, perché, almeno ad oggi, è proprietario di 1/3 dell’Inter, quindi mandarlo via richiede, credo, qualche accorgimento in più,

    se non altro da un punto di vista diplomatico.
    Ma il dato che conforta è un altro: qualche tempo fa, quando li volevo a casa, mi veniva detto (ora non ricordo se tu, o qualcun altro, e francamente non è importante) che non era possibile, che era una balla populista.

    Beh, oh, dati alla mano, questi sono venuti e in due giorni hanno fatto fuori l’ad (mica il giardiniere, con rispetto parlando).

    Quindi significa che, come diceva Gene Wilder:

    si…
    può…
    faaaare

    • Beh io posso rispondere solo per me.

      Io ti dicevo una cosa ben diversa: prima di rifare la dirigenza va aggiustata la proprietà. Se ogni innesto deve esser ponderato fra Pechino giacarta ed Imbersago non se ne viene più a capo. Tu prova a immaginare la gestione de boer applicata all’intera dirigenza.

      Fatto questo, allora si, i cinesi strutturino la loro dirigenza, che non necessariamente consiste in una tabula rasa, ma in una corretta ripartizione di ruoli e obiettivi, grazie ai quali valutare l’operato di ciascuno.

      L’ad era uomo di thohir, ora è uomo dei cinesi. Il ridimensionamento dell’indonesiano è dunque netto ed evidente (e pertanto positivo), e il definitivo allontamento è impronosticabile per noi esterni (il perché l’hai già spiegato tu).

      Speravo in un intervento top down, ed è ufficialmente iniziato, ora spero in un miglioramento bottom up (i calciatori iniziano a rendere per quel che valgono), e vedremo a partire dal mezzo.

      Nel mezzo è anche cambiato l’allenatore, che in questa situazione sembra quasi una quisquilia ma che in realtà è una variabile mica da poco.

      Ecco, il tuo amico ausilio è verosimile che sarà giudicato dai risultati di pioli, dal momento che l’ha proposto come prima scelta a suning già il giorno stesso della cacciata di frank

    • *E vedremo a partire dal derby.

      Nel mezzo….

  416. Bb era sul piede di partenza da tempo; le ultime vicende hanno accelerato il processo_ Idem Thoir, con il quale usranno guanti bianchi che in questi giorni ha avuto un lutto_ Quel terzo in quota a Thoir secondo voi a chi va, anzi di chi è gia da mesi?

  417. Non so, non ricordo ora chi e quando, wolf.
    Come sai, guardo le idee, raramente il nick che le esprime.

    Quello che so è che fino a non troppo tempo fa mi si diceva che era ridicolo buttare la croce addosso a Bolingbroke e se azzardavo a dire che andavano mandati a casa tutti venivo investito da un fuoco di fila pazzesco.

    Il che mi aveva quasi convinto che, effettivamente, non sarebbe stato così facile.
    Evidentemente è più agevole di quanto si pensi.

    Anche perché, la proprietà è più che definita, quindi chi comanda è chiaro.

    • Inizia a esserlo solo ora, con presidente e ad in quota socio di minoranza non solo non era definita, ma era anomala ed evidentemente inefficiente.

      Dell’inefficienza abbiamo parlato a iosa, dell’anomalia eviterei perché andrei OT, quindi, a meno che tu non abbia qualcosa da osservare su questo aspetto, mi fermerei qua.

  418. Ah dimenticavo, il problema della gestione a tre non era solo la lentezza.

    Nel caso dè boer, ad es, thohir aveva una linea, mm un’altra, suning ha optato per linea indonesiana.

    mm non ha digerito la cosa, ha fatto venire meno l’appoggio (probabilmente anche dato imbeccate a meda stile ‘leonardo e gia dell’inter”) e ha incanalato le sue ‘ritorsioni’ verso thohir e bb.

    BB che, e concludo con questo retroscena che forse non tutti ricordano, nel cda di qualche anno fa proferi parole sgradite nelle stanze imbersaghesi, tanto da portare le dimissioni di mm da presidente onorario e contestualmente quella di tutti i consiglieri morattiani in cda.

    Varda un po’ come si chiudono i cerchi.

    Consumata una vendetta personale, e scalate gerarchie per un ritorno a ruoli piu determinanti.

    Mi gioco una palla che uscito thohir lui tornerà presidente.

    • Penso che sia così come dici tu, ma di “amore” per l’Inter qui ne vedo molto poco, vedo invece un personaggio in crisi che patisce il fatto di non essere più al centro dell’attenzione e ha ancora abbastanza potere e influenza su giornalisti, amici e tifosi per creare una grande confusione. Non sarebbe meglio che Moratti si facesse da parte una volta per tutte? Quale beneficio ci dobbiamo aspettare da scelte tecniche alla Rodrigo Alborno che arrivano dal parco di Imbersago?

  419. Il Moratti che vedremo all’opeta sarà un altro: lui ha già fatto il suo Massimo alzando la Coppona_ Ahhhh, come papà Angelo_

  420. A me pare che Bolly sia stato preso per trovare gente con i soldi. E ne a trovata (Gian) a cui a venduto a prezzo ragguardevole quote dell’Inter per la felicità del suo capo (ET). Ora, a Gian che si è presentato col portafoglio pieno non sarà sfuggito che il suo nuovo socio di minoranza si è ritrovato con un + da capogiro dopo aver ottenuto ZERO risultati calcistici, quindi visto che non ha intenzione ne di vendere e ne di far trovare sponsor asiatici ad un inglese ha liquidato Bolly e appena sarà rientrato di un po di Yuan grazie a qualche contratto già concordato in Indonesia si libererà anche di “telefono-casa”.

    Ma in fondo a noi… che ce ne futte?

  421. Abbiate pazienza per gli strafalcioni grammaticali, uso solo il cell ed il T9 ne sa meno di me , la vista fa il resto…

  422. Riassumendo, possiamo dire che fino a qualche giorno fa, i cinesi hanno lasciato fare…

    Ora, a causa dei pessimi risultati sportivi, il Suning è intervenuto con decisione…

    FdB scelta di Thohir è stato esonerato e sostituito da Pioli…

    Bolingbroke, CEO scelto da Thohir è stato sostituito da Jun Liu…

    La prossima mossa sarà rimuovere lo stesso Thohir dalla presidenza…

    Per questioni di diplomazia credo che quest’ultima mossa probabilmente non avverrà prima della prossima stagione…

    E il nuovo Presidente, ovviamente, sarà espressione della maggioranza…

    Più veloce sarà il Suning a completare la ristrutturazione aziendale e meglio sarà per tutti, compreso per chi scende in campo…

  423. d’accordo al 100% con jardinero.
    ma oltre a completare la ristrutturazione aziendale bisogna che vengano definiti i ruoli con precisione.
    sono andato a guardare (mi vengono i brividi a dirlo) l’organigramma della juventus.
    i gonzi hanno:
    -un presidente (agnelli) espresso dall’azionista di maggioranza nel cda;
    -un vicepresidente (nedved) con ruolo, mi pare, più simbolico;
    -un amm. del., o ceo/cfo se preferite, (mazzia) che si occupa di bilanci, finanza, etc e non mette becco, a quanto sembra, sulla parte sportiva;
    -un ceo / manager della parte sportiva (marotta) che si assume direttamente la responsabilità della gestione della stessa, e si avvale del ds paratici.

    noi abbiamo:
    -un presidente (et) espresso da un azionista che non ha più la maggioranza;
    -un vicepres (zanetti) che credo abbia un ruolo simile a quello di nedved, anche se ultimamente nei vari blog è indicato come il male assoluto che cerca solo il proprio tornaconto. quest’ultima tesi non mi pare condivisibile. jz ha fatto degli errori, ha anche fatto delle fastidiose cazzate (caso icardi), ma non credo che lavori per il male dell’inter.
    -un amm. del. (jun liu) che ha appena sostituito bollingbroke e che, al contrario di quest’ultimo, si spera che non metta bocca sulla gestione sportiva;
    -un dir. gen. (gardini) che non si capisce che deleghe abbia e che, all’epoca della sua nomina, si diceva fosse stato caldeggiato da mancini;
    -un direttore sportivo (ausilio) che deve lavorare con gardini ma, al tempo stesso, non deve scontentare la proprietà.

    insomma, le responsabilità non sono chiare e da qui nascono le confusioni.

    FORZA INTER! mi pare comunque che i cinesi abbiano iniziato a sporcarsi le mani. Coraggio!

  424. Peppe er Panteta

    il nick non c’è bisogno di digitarlo tutte le volte, è memorizzato…

    • Non sempre Corso ci sono dei casi in cui si può cancellare, ma non è questo il punto , la mia era una battuta e in fondo a me se uno ha più Nick per giocare ad esternare diverse sue personalità non è un problema. Peppe è sempre stato nei canoni del gioco tra tifosi sdrammatizzando spesso e senza mai cadere nella volgarità.
      Cacciatore di Troll ad esempio è solo un provocatore maleducato che non merita uno spazio nel blog.

  425. La settimana appena passata non passerà alla storia per le dichiarazioni del capitano della Nazionale e della Juventus che si e’ lasciato andare affermando che in Italia gli avversari della Juve si scansano mente in Europa questo non succede, ma passera alla storia del calcio Italiano perchè una società di calcio ha deciso di ricercare un allenatore attraverso dei colloqui in maniera trasparente !

    La cosa e’ davvero sconcertante e se penso che tutto ciò e’ stato ritenuto giusto anche dalla maggioranza degli Interisti viene voglia di arrendersi.

    Cari Cinesi fate una bella cosa, prendetevi l’Inter e portatevela in Cina e ridategli il lustro che merita, avete oltre un miliardo di connazionali assetati di calcio, portategli la grandezza dell’Inter, tanto qua siamo ormai 50 milioni di zombie assuefatti al peggio.

    p.s. Oggi, solo oggi, viene fuori che il mister più stiamato in Italia dai tifosi e media, quello che ha l’aureola in testa, ossia Carlo Ancelotti, afferma che anche lui al Chelsea fece il casting e che trova giusto e serio che una società di comporti in questa maniera.

    • il problema del casting è stata la pubblicità della cosa.

      Generalmente si fa tramite intermediari, in località neutrali.

      Qua abbiamo ricevuto allenatori in sede, la differenza sta lì rispetto all’esperienza riferita da Ancelotti

      Detto questo, hanno fatto bene a voler intervenire e a riservarsi il tempo necessario a valutare personalmente i candidati. L’avrei fatto però nell’ombra, ma mi rendo conto che in una settimana di partite giocate diventa impossibile tenere calma la stampa, anche se prendi tutte le precauzioni del caso.

      Già così si sono sbizzarriti con nomi di ogni tipo, presunti rifiuti di ogni tipo, ogni giorno un allenatore diverso in pole, e ciliegina sulla torta, ogni giorno kia veniva dipinto come il promotore di tizio o di caio. Prima dicevano che spingesse per vitor ferrerira, poi marcos silva, poi marcelino, poi hiddink, poi zola, alla fine, quando era chiaro che la scelta sarebbe caduta su pioli, hanno deciso che kia aveva scelto pioli.

      Insomma, la stampa sta cercando di far passare il messaggio che qua comanda tutto joorabchan, e allora chiunque venga accostato all’inter viene figurato come un suo uomo. Peccato che se lo fai con 10 allenatori diversi in 10 giorni, perdi ogni credibilità se solo il lettore avesse un minimo di senso critico e non cercasse negli articoli solo quel che vuol leggere.

      Lo stesso DeBoer, che thohir inseguiva da due anni (ci sono le interviste) è stato fatto passare come un’imposizione di kia.

      Durante la presidenza thohir la stampa ha cercato di screditarlo continuamente, di farlo passare come un barbone sfigato ingenuo e tirchio.

      Non potendo fare niente di tutto ciò con suning, cerca di tagliargli il consenso intorno e di dipingerli quasi come invasori.

      E direi che funziona

    • E che in albergo a Londra aveva pure incontrato Spalletti, candidato come lui alla guida del Chelsea. E qui dentro e altrove a stracciarsi le vesti appresso a milanisti e gobbi che se la ridevano beati…

  426. Buongiorno amici nerazurri. Lasciamo stare per un attimo gli aspetti della società e concentriamoci sul campo. La domanda che vi faccio oggi è la seguente:
    secondo voi Handanovic è un portire affidabile?? (altrimenti mi dite che attacco solo Icardi…….ed oggi ho deciso di cambiare bersaglio……..il che lascia intendere quel che penso…..)

    • Non ritengo Handa uno dei problemi principali dell’Inter. Ma se l’hanno prossimo lo imbarcassero per prendersi Perin non mi straccerei le vesti.

    • io lo cambierei, mi va bene anche Mirante; rinomino il portierino under21 Cragno

  427. Javier+

    pensavo che tu gli avessi fatto notare l’errore per quello.

    dato che anch’io ho avanzato a suo tempo dei dubbi su peppe er pantera ho creduto che la tua osservazione non fosse fine a se stessa ma che volevi dire la stessa cosa che ho detto io.

    non volevo insistere per metterlo in imbarazzo ma soddisfare la mia curiosità, però come hai detto tu, preferisco che rimanga con il nick che vuole piuttosto che si offenda e vada via.

  428. mareintempesta

    sì, ma facciamo chiarezza.
    Il problema non è il “casting” in sé, è ovvio che se devi assumere un nuovo tecnico, devi incontrarne diversi, per vedere quale risponda di più alle tue esigenze (tecniche e finanziarie).

    Fin lì credo che ci siamo arrivati tutti.

    Quello che in tutta onestà è stucchevole, come al solito, sono i modi e i tempi.
    Il fatto di fare casting a favore di giornalisti, non significa essere trasparenti.
    Significa esporsi alla possibilità che qualcuno possa metterci i bastoni tra le ruote.

    E soprattutto, quello che è veramente imbarazzante, è esonerare l’allenatore prima di avere in mano il sostituto.
    Ci si trova così nella situazione grottesca di cambiare 3 allenatori sulla panchina in 10 giorni.

    Continuare a negare che in questo periodo abbiamo fatto dei casini inenarrabili come forse mai mi sia capitato di vedere nel calcio e che serve un cambio di rotta repentino e radicale, non ci fa bene.

    Perciò, bando alle ciance e continuiamo con quest’opera di bonifica.

    In soldoni: a casa.

    • noi non facciamo le scomuniche tipo Juve, e la stampa ci sguazza. Ma forse ai cinesi sta bene cosi’, e’ tutta pubblicita’= “parlatene male, ma parlatene”

  429. quello del casting non è una barzelletta ne una farsa, è una cosa legittima che tutte le società fanno quando si tratta di scegliere una persona tra più candidati a svolgere quel ruolo.

    la farsa è farlo in tre giorni come se nessuno potesse prevedere che con la Samp si potesse anche perdere e confermare ai quattro venti DB senza se e senza ma.

    com’è che non l’hanno fatto quando hanno risolto il contratto con il Mancio?

    perchè già avevano contattato DB come possibile sostituto e non si sa se avessero contattato solo lui o altri, perchè non credo che alla gente faccia piacere far sapere in giro di essere stati scartati a favore di un altro, come penso non farà piacere a Spalletti sentire dire quello che ha detto Ancellotti, dal momento che al Chelsea hanno scelto il Carletto e non lui, per cui si presume che lo abbiano ritenuto meglio.

    qui c’è da credere a Ausilio quando dice che era sincero nel confermare DB dopo il Torino, per cui se uno dice quelle cose e dopo tre giorni viene smentito e deve smentire anche se stesso, che cosa si può dire d’altro se non che sia tutta una barzelletta?

    • Io penso che la situazione con FdB fosse malamente precipitata a livello di spogliatoio e hanno ritenuto non ci fossero più margni per aspettare. Quanto al fatto che non avessero già in mano un altro allenatore non credo proprio. Pioli era certamente già stato fermato da Ausilio. Ritengo Bolingbroke abbia voluto forzare un tentativo di conferma dell’olandese (che è una responsabilità sua e di ET) sperando di non doverne pagare le conseguenze. Gli ha detto male. I cinesi hanno più che legittimamente voluto vedere di persona altri profili prima di fidarsi nuovamente “al buio” e secondo me anche per dare un segnale di “governance”. A volte le cose sono meno incasinate e drammatiche, o ridicole, di come le vogliano fare apparire. Soprattutto quando c’è di mezzo l’Inter.

  430. Intervistato da Radio Anch’io, l’ex ct del Giappone e allenatore in carriera di Inter, Milan e Juve, Alberto Zaccheroni, ha parlato dell’attuale situazione in casa Inter: “L’Inter a Pioli? Lui ha dimostrato negli ultimi anni di essere uno degli allenatori con maggiori idee, dopo Antonio Conte. Mettere la miglior scelta italiana in sella all’Inter è una buona scelta“…

    E sul “casting” che ha fatto tanto discutere in questi giorni: “Il casting? Sono stato in Cina e so che normalmente li lo fanno. Ma non solo lì. E’ giusto conoscere la storia, ma è giusto anche parlare a quattr’occhi con la persona”…

    Piero Ausilio, ds dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Premium Sport: “Sì è detto tanto in questi giorni, quando in realtà sono state fatte cose normali per scegliere con calma un allenatore, quando a disposizione avevamo già uno bravo come Vecchi. Abbiamo visto 3 persone, non venti, anche se ogni tanto c’è molto cinema attorno a quello che succede all’Inter”…

    L’annuncio di Pioli e la sosta per le nazionali spero faccia calare il sipario

  431. Michael Bolikgbroke -> Jun Liu

    Mi sembra incontestabile che il passaggio consenta innanzitutto un risparmio notevole di lettere da scrivere.

    Non è molto ma è già un inizio.

  432. este si ok ma il punto del mio post non e’ legittimare o meno “sto casting” ma il fatto che l’Italia pallonara(interisti compresi) si scandalizzi molto più del “casting” anziche delle gravi affermazioni del Gigi Nazionale.

    questo e’ il punto.

    e se per Te e’ giusto che il casting abbia avuto una risonanza dieci,cento colte maggiore del Gigi non mi troverai mai d’accordo.

  433. Thadave,

    dove è finito il quasi salotto? Volevo scrivere una roba sulle presidenziali di stanotte ma non lo trovo.

    Posso scriver qua? Immagino di no…

  434. Gus

    una domanda:

    ci fossero stati liberi Gaurdiola, Mourinho e Simeone, si sarebbero assoggettati al casting all’aria aperta?

    quelli che hanno accettato il casting erano solo tre disperati che non avevano niente da perderci, perchè Hiddink , che ha una reputazione ed un prestigio da difendere guadagnato negli anni, gli ha risposto picche e chissà quanti altri che di andare sotto i riflettori mediatici per poi sentirsi dire che venivano scartati non ne hanno avuto proprio voglia, gli esami in pubblico si fanno solo agli studenti, non a gente affermata che conoscono tutti di cui, chi è in quel campo, sa o dovrebbe sapere la rava e la fava, per cui, poco tempo o no, non è una rappresentazione carina per chi la deve subire, altro che balle varie.

    • Probabilmente no, Corso, probabilmente Guardiola Simeone o Mourinho avrebbero fatto il “casting” al chiuso. Ma lo avrebbero fatto, esattamente come Abramovich volle vedere Ancelotti, Spalletti e chissà chi (e i giornali riportarono varie opzioni, non è che Ancelotti fu fatto passare come primo e unico papabile alla panchina dei blues). Mettiamola così: evidentemente Suning ritiene sé stessa e l’Inter talmente appetibile da permettersi di attirare profili nonostante il rischio della gogna pubblica (un colloquio all’Inter con altri candidati, sia mai!) che evochi. A venderla bene, si potrebbe raccontare di una società che non si accontenta del “nome” ma vuole essere convinta direttamente dalle parole, dai progetti degli uomini cui affidare la squadra (e da pagare profumatamente). Ma non siamo in grado di “venderla” nemmeno noi (che una volta eravamo bauscia) per cui tranquillo, li avranno avvisati che facendo così in Italia, come dici tu, attiri solo disperati. E quindi uno ce lo siamo messi in panchina.

  435. http://m.fcinternews.it/news/dall-inghilterra-conte-mette-nel-mirino-geoffrey-kondogbia-ci-sono-fabregas-e-obi-mikel-per-l-inter-230842 secondo voi una cosa così è realistica? X me uno scambio Kondogbia/Fabregas sarebbe un sogno mostruosamente proibito

    • Fabregas per Kondo? Magari… E’ vero che uno ha 23 anni e l’altro quasi 30 (che non sono poi molti per il ruolo), ma è uno scambio che farei subito: il centrale che cercavamo per una specie di atleta fisicato che ad oggi lascia intravedere un grande futuro…alle spalle. Non ci credo.

  436. Ricordo che un mio collega (anche di fede) al momento che Conte andò alla Juve disse che lo avrebbe volentieri preso per noi.
    Io rabbrividii dato il suo passato gobbo,ma poi nel tempo ho capito che avremmo fatto un affarone togliendo questo assatanato alla Juve e aggiungendolo a noi. AGGHIAGGIANDEE? La real politik direbbe di no.
    Oggi se Conte, che ha già fatto i miracoli con una nazionale figlia del Cesena (metà della rosa era passato di là) sta guidando un Chelsea spumeggiante, e se chiede Kondogbia, mi vengono dei dubbi o meglio si rinfocola la mia impressione che quest’ultimo, pur non avendo l’elasticità di Pogba, possa avere un futuro da campione.

    • Conte voleva anche Guarin alla gobba, quando gli chiesero che cosa se ne sarebbe fatto di uno così, non solo riferendosi alle qualità del giocatore ma a quelli che già aveva in rosa, rispose; ci faccio, ci faccio, lo so io cosa ci faccio…

      è evidente che noi non riusciamo a vedere cose che allenatori esperti riescono a vedere, perchè altrimenti non si spiegherebbero i 35 milioni spesi per Kondogbia, saranno mica tutti dei deficienti a spendere quei soldi per uno che da noi non ha fatto vedere altro di riuscire a girarsi solo su una gamba e a farsi sostituire dopo 30° dal suo nuovo allenatore perchè in campo ha sbagliato un passaggio.

      oppure è la solita fregnaccia messa in giro a scopo pubblicitario da uno dei procuratori.

  437. magari conte ne farà un pogba più difensivo, cosa non riuscita fin qui da noi..

  438. Normalmente un direttore generale, o comunque un alto dirigente calcistico, è uno che di calcio ne capisce e che quindi convoca l’allenatore più adatto alla rosa a disposizione ; la mancanza più grossa per me è quella, ma lo abbiamo ripetuto fino alla nausea, e per quel ruolo mi piacerebbe ingaggiare Leonardo; conoscenze giuste, phisique du role , entrature giuste nei media…

    • Condivido. Io metterei Zanetti a fare il presidente (di facciata) e Leonardo a fare il DG con pieni poteri. I due sono pure amici. Fine della filiera sportiva. Tutto il resto alla proprietà come meglio ritiene.

  439. A me questa storia del casting suona solo come l’ennesimo tentativo da parte delle solite prostitute, di ridicolazzarci. Ragioniamo un attimo : si è parlato di (s)proposito di ” casting” per assonanza al linguaggio da reality nel quale vogliono assimilarci. L ‘obiettivo subdolo era comunicare quanto segue : l’ Inter è diventata uno spettacolo leggero, col quale ridere come si fa con il conconcorrente che rutta o scoreggia e noi ci divertiamo a guardarlo. Punto.

    Da che mondo è mondo quando una società, un’ azienda, deve assumere una risorsa, fa i colloqui per conoscere il prospetto più adeguato. E in questo massimo rispetto per Suning, che, riconoscendo la sua inesperienza in merito, ha voluto verificare “de visu” , anzichè fidarsi ciecamente dell’ una o l’ altra fazione (italiana vs. Kia sti cazzi).
    E la scelta dell’ allenatore ,insieme all’ epurazione di smiling face e, speriamo, di Thoir a giugno, ( rivendico insieme a Wolf la primogenitura del gufaggio nei loro confronti) , mi dà l’idea che tanto tonti questi non sono, anzi.

    Mentre ho letto qualcosa di non esattamente piacevole a proposito del mistero Gabigol. Se è vero, come giusto che sia, Suning ha chiesto a Pioli di valorizzare i nuovi acquisti, e la situazione è questa descritta, non è piacevole la situazione:

    http://www.ilmalpensante.com/2016/11/08/il-problema-di-gabigol-e-che-non-ha-ancora-capito-dove-si-trova/

    • Non credo che lo tengano fuori solo per non “bruciarlo”. Penso che quanto riporti Di Vita sia aderente al vero. Certo che se non basta nemmeno avere nello spogliatoio il capitano del Brasile… Io mi auguro di vederlo vicino ad Icardi in un 442, prima o poi…

  440. Bah; a me sembra che Gabigol non venga gettato nella mischia solo perchè non lo si vuole bruciare in questo periodo. Il fatto poi che arrivi dal Brasile e si debba abituare ai ritmi europei mi sembra del tutto normale. Sinceramente lo ho visto giocare alle Olimpiadi un paio di partite e voglio augurarmi che sia meglio, ma di molto, del giocatore che ho visto; e comunque se a 19 anni è stato inseguito dal Barcellona prima di bruciarlo aspetterei………….per quanto riguarda Kondogbia io lo scambio con Fabregas non lo farei; per quanto mi riguarda gli unici giocatori di prospetto che abbiamo in rosa sono Brozovic, Kondogbia, Perisic e Joao Mario.

  441. A corso,
    ce lo so bene che er niccke rimane ‘n memoria.

    Er fatto è che, da bon felino – sinnò perché me chiamavo ‘er Pantera’ – ortre ad ave’ l’abbitudine de pulirme er pelo per benino(come avrai visto certamente nei documentari de le bbestie), c’ho pure quella de puli’ ‘a memoria der bràuser e der dispositivo che uso, cosicché ogni vorta che scrivo devo reinserì tutto daccapo. Tutto qui.

    A CORSO FORTYSÌCCHESE, ‘o vòi capi’ o no che Peppe è ‘na bestia!
    Mannaggia a te,mannaggia!

  442. Gus,

    che tu vada all’Inter o la Barca o al Real cambia poco, l’importate è che la cosa sia fatta con i dovuti criteri per preservare i tuoi diritti di non essere messo alla gogna pubblica in quanto questi casting è quello che hanno fatto, perchè Zola su qui è stato massacrato, Pioli anche, Marcelino nessuno se lo era sognato prima ma anche a lui non è stato risparmiato niente, tralasciando quelli che sono stati nominati e che non si sono presentati, per cui alla fine, se il risultato non è quello sperato, l’unica cosa che ti riporti a casa è che sei ritenuto più scarso di quello che è stato scelto e non credo faccia piacere a nessuno.

    dei casting passati nessuno sapeva un tubo, te li potevi solo immaginare perchè sono stati fatti con le modalità giuste, ma era evidente che chiunque li abbia fatti, se non altro per discutere le condizioni economiche, perchè anche se sai chi è il Mou non sai a priori che cosa vorrà di ingaggio e se questo è esagerato per le tue tasche puoi ripiegare su un altro profilo più economico, ma sia il Mou che la società non faranno brutta figura, così invece sì, perchè se al Mou dovessero andare a chiedere come mai non sia diventato il nostro allenatore risponderà che siamo dei barboni, se lo chiedono all’Inter diranno che quello che hanno scelto è stata la miglior scelta e quindi il Mou per loro non è il number one, ma solo il number two, three, o peggio, a seconda di quanti saranno intervenuti.

    • Non pensi invece che Zola non possa che essere strafelice di essere stato accostato nientemeno che all’Inter? Ora il suo nome è di nuovo in circolo, io manco mi ricordavo allenasse. E Marcelino? Idem, mezza europa a compulsare info sui suoi metodi di allenamento, sul suo profilo di allenatore. Ed in più è stata fatta uscire la notizia delle sue eccessive pretese: nessuna bocciatura, “..avrebbero preso lui ma in questo momento..etc etc”. Quanto a Pioli, beh, lui aveva già convinto il DS e ha convinto pure la proprietà. Tutti contenti dunque? Dipende da come uno le usa, vende, “manipola” le notizie.

    • Nessuno ha detto alla stampa di aprire i tg nazionali sui casting dell’Inter. Casso c’entra l’Inter. Boh io te non ti capisco

  443. Casting evitabile, ma mo ci dobbiamo preoccupare della sensibilità degli allenatori scartati? Sticazzi, questi sono milionari e troveranno altri ricchi incarichi_ A noi altri , o quantomeno a me tifosotto, rimane solo l’amarezza e nessun conto a tanti zero!

  444. Gus e Peppe,

    cedo…

  445. Tutti ipercritci: tre mesi di invettive contro la nuova società che cambia progetto in corsa, che non ha pazienza, che si contraddice_
    Ed invece ci ritroviamo
    UFFICIALMENTE ancora con un allenatore con l’espressione da orsacchiotto, ex difensore centrale, e che gioca con il 433_
    Più coerenti di così!

  446. Leggo che sono tutti contenti di Pioli, da Inzaghi a Caressa!

    Devo preoccuparmi?

    Mah, abbiamo mandato via un allenatore che faceva il 433 e ne prendiamo un altro che fa il 433.
    Speriamo almeno che il fatto di essere italiano aiuti a far capire ai giocatori che giocano in Italia.
    Perché mi sa che ancora non l’hanno capito.

  447. Un lecca lecca già ciucciato a chi si ricorda cosa disse Settore (8 anni fa in questo preciso giorno) al barista che a NYC gli chiese “hey man, Obama or McCain?”

  448. Gli disse ” no guarda… ho già i miei cazzi con Burdisso…”

    sob … che bei tempi… che bei ricordi.

  449. Versione 2.0
    Clinton o Trump?
    No guarda, ho già i miei cazzi con Murillo…
    Peggiorato tutto, candidati alla presidenza negli States e centrale difensivo.

  450. Va bene Pioli e mi andava bene anche panevino. Spero solo che comincino a giocare con due punte non ne posso più di vedere cross e di usare la trequarti altrui solo di passaggio. Gabigol Palacio Jovetic, va bene tutto ma voglio due punte con banega dietro di loro.

    • Allora, dopo aver passato 2 anni a cercare esterni per trovare l’ampiezza ed i cross, abiuriamo tutto e visto che ci siamo quasi, proponiamo un bell’albero di natale. 4321
      Handa
      Santon Miranda Murillo Ansaldi
      Medel JM Kondo
      Banega Gabi
      Icardi

  451. Dai, su, non scherziamo.
    Non si può lasciar fuori Perisic.

    Oltre al valore tecnico del giocatore è anche l’unico che segna, a parte Icardi
    (captavo qua e là dai detrattori che Icardi segna “ogni tanto”, no, dico, ma vi leggete?).

    In ogni caso, non creiamo casi che non esistono. Gabigol è ovvio che non giochi.
    In una situazione del genere puoi solo bruciarlo.
    Ne ho visti troppi di ragazzini “salvatori” della patria, che poi sono stati messi via come vecchie ciabatte

    (a volte a ragione, altre a torto, la costante è che abbiamo buttato al cesso la nostra scommessa).

    In Brasile puoi fare il fenomeno, qui no. Qui ci fai giocare in 10 se non fai determinate cose.
    Non mostriamo il fianco a questi casi buttati lì e gonfiati ad arte, perché lì sì che facciamo il gioco dei media e, soprattutto, non aspettatevi che la società intervenga…

    (ci mancherebbe, non è compito loro, ma che scherziamo? Devono parlare i compagni restando anonimi e con la voce contraffatta)

    (quando andranno a casa non sarà mai troppo presto)

    Gabigol giocherà quando sarà pronto, o quando la partita lo consentirà evitando di caricarlo di eccessive responsabilità.
    Se poi son rose, fioriranno.

    Tanto non credo che al Barcellona avrebbe visto la biglia molto di più.

  452. Mah, tutta questa premura nell’evitare di bruciarlo non mi convince per niente. Ha 20 anni, non 15. Se fosse pronto, uno come FdB l’avrebbe buttato dentro senza problemi, magari in trasferta. Ma non è pronto, ed è proprio questo ciò che lascia perplessi. Comunque per ora non mi sembra ci sia nessun caso mediatico, solo lo spunto offerto dalla solita accurata analisi del Malpensante.

  453. E a proposito di giovani bruciati, a me Coutinho piaceva assai…

  454. Andassero a fanculo gli americani, i repubblicani, trump e tutti i sondaggisti del mondo.

  455. l’ha messo in campo De Boer per quasi 20 minuti di niente contro il Bologna. E magari ha visto che non era cosa, da come si allenava. In più ha anche fatto l’amichevole che non ho visto, dove non avrà visto tutti questi progressi. Boh.

    in ogni caso mi piace molto questo articolo

    http://www.fcinter1908.it/copertina/esclusiva-ag-de-boer-voleva-cambiare-linter-tifosi-favolosi-giocatori-cera-qualcuno/?intcmp=agente-deboer

    e cmq sulla Gazzetta oggi si parla di Pioli cuore neroazzurro, cosi è soddisfatto anche chi vuole l’allenatore “tifoso”.
    A me come allenatore anche senza questo particolare mi piaceva molto, speriamo che la squadra remi con lui.

  456. Resta il fatto che il “normalizzatore” Pioli, gioca con il 4-3-3, esattamente come FdB…

    Quindi, cosa possiamo aspettarci di diverso da lui?

    1) Un po più di sano pragmatismo, dato dalla conoscenza della serie A…

    2) Che si faccia capire alla svelta dai giocatori e li faccia remare nella giusta direzione, creando la giusta empatia…

    3) Che rimetta in sesto i giocatori in ritardo di condizione, provando a rilanciare gli emarginati (Gabigol, Kondo)…

    Che altro?

    Il punto 2) da solo, basterebbe per tornare in corsa Champions

    • “il muro”, se fa come il Sinisa con il Mancio, quelli che avranno intenzione di fare i cazzoni dovranno pensarci due volte.

      non per ciurlare nel manico ma tra i diversi problemi che adesso leggo ci sono un paio di giocatori che l’uomo di Jesi sapeva già che anzichè dare un aiuto sostanziale per migliorare la squadra non avrebbero fatto altro che creare altri casini, sia a livello di inserimento nel campionato italiano, sia a livello di collocazione in campo, del tipo Kovacic, dove si sa che uno è bravo ma non si sa mai dove cazzo metterlo.

      mi sto riferendo a Gabigol e a Banega, nel caso non si fosse capito.

      su Pioli non mi esprimo perchè non seguo la carriera degli allenatori ne ho seguito le squadre che ha allenato se non quando hanno affrontato l’Inter, per cui non so dire se sia bravo di più o di meno di tanti altri, lo stimerò se avrà il coraggio di panchinare uno come Icardi durante certe partite dove sicuramente farà ancora da spettatore, a meno che anche lui speri nel miracolo che certe squadrette, dopo essersi difese fino quasi al 90°, ci dicano che fino a quel momento hanno scherzato e si mettano a pecora per farsi infilare in contropiede.

  457. Vabbè, dopo il doppio mandato di Bush figlio, dagli americani ti aspetti di tutto, anche questo.

    Dopo aver visto la vittoria della Brexit, il modo in cui hanno votato i francesi, gli svizzeri, i tedeschi con l’ascesa della destra xenofoba,

    direi che mi sento di mettere in cantina qualsiasi forma di esterofilia e rivalutare il popolo italiano.

    • Sai? Questa serie di sciagure mi sta facendo pendere per una scelta referendaria che – fino a stamattina – mi era abbastanza lontana.
      Nonostante tutto.
      E quando dico “tutto”, intendo tutto.

      Mamma mia.

    • Si, infatti… meglio cercare di ricompattarsi che di divisioni ce n’è già abbastanza…

      Che poi magari ti ritrovi una scheggia impazzita al potere

  458. Finalmente una buona notizia sotto il cielo dell’Inter cinese, seconda dopo quella della non avvenuta cessione di Icardi, che, ricordate? , con poche eccezioni tutti ci auguravamo cambiasse aria e che invece, col senno di poi, si è rivelata la scelta migliore , che ci ha risparmiato guai peggiori. La scelta di Pioli, un italiano, di polso, e, leggo sulla Gazzetta, con un imprinting interista, mi sembra la migliore che i cinesi potessero fare. Anche le sue idee, che trapelano dalle indiscrezioni giornalistiche su come sistemare la squadra in campo , mi sembrano condivisibili: ruoli e distanze rispettate, squadra corta, quindi con baricentro più basso e con gli esterni d’ala più arretrati a protezione dei difensori, centrocampo con Medel e Joao Mario a ridosso della difesa nel ruolo di centromediano metodista (che io rinforzerei con un recuperato Kondogbia) e soprattutto una valorizzazione maggiore del ruolo di Banega a centrocampo,fino ad oggi male utilizzato, ma che vedrei destinato ad assumere il ruolo fondamentale di trequartista su cui converge e da cui parte la manovra della squadra , un ruolo che Banega ha assolto egregiamente nel Siviglia e nella sua nazionale e che nelle partite dell’Inter, tranne che in alcune delle prime, non ha rispettato, limitandosi a vagare per il campo in cerca di palla anziché essere punto di convergenza delle azioni d’attacco. Io attribuisco molta importanza ad un giocatore mobile , intelligente e dotato di buona tecnica come Banega anche per la soluzione del problema Icardi, condannato altrimenti a ricevere palloni giocabili (?) solo dalle ali, con cross alti facilmente intercettati dai difensori avversari e invece più a suo agio nello sfruttare lanci verticali per lo scatto veloce che possiede e che gli permette, senza dover dribblare l’uomo ( il dribbling stretto purtroppo non è nelle sue corde)di superare l’avversario puntando a rete.
    Fuori dal campo soprattutto mi aspetto da Pioli, che è un allenatore pragmatico, pronto al dialogo costruttivo coi giocatori , che riporti serenità all’interno dello spogliatoio perché poi la soluzione di tutti i problemi , come in una coppia di sposi si trova a letto, così in una squadra di calcio si trova all’interno dello spogliatoio (come abbiamo potuto constatare a nostre spese nelle ultime stagioni).

    • Per essere scettico sei piuttosto ottimista… ; )
      Meglio così, e speruma. Finora Banega mi ha deluso, vediamo se Pioli trova la quadra.

  459. ma come mai la Gazzetta e’ cosi ben disposta verso Pioli, mentre con DB era MAL disposta sin dall’inizio?

  460. La Presidenza Bush ci ha lasciato due belle eredità:

    -una devastazione sociale e politica in nordafrica, che è culminata con le rivolte diffuse del 2011 e l’ascesa di nuovi fanatismi islamici. Risultato: emigrazione di massa verso l’europa, con l’italia in prima fila

    -una totale liberalizzazione finanziaria che ha comportato la crisi del 2008, la peggiore crisi finanziaria della storia, peggio anche del ’29. Risultato: impoverimento e austerità, che ha colpito soprattutto l’europa, con l’italia in prima fila.

    Qualcuno, dunque ha il coraggio di dire che le elezioni americane non ci riguardano? Ci riguardano, quanto o in certi casi più che gli americani stessi.

    Fatta questa nefasta premessa, le prospettive che si aprono sono ancora più nere: abbandono di ogni protocollo ambientalista, liberalizzazione ulteriore delle armi, abbandono dell’obamacare, violenza contro donne, gay e minoranze, politiche economiche di chiusura, etc.

    Solo per fare un esempio, che in condizioni normali sarebbe gravissimo, ma che nel contesto delle cose dette da trump diventa solo un minuscolo esempio del male che dovremo vedere: ha già detto che vuole sbattere in carcere le donne che abortiranno

    E sì, fra 1 mese c’è il referendum italiano, dove è evidente che a prevalere sarà la linea grillino-salviniana (salvini ha sempre fatto endorsement per trump, grillo 1 ora fa ha detto che lui e trump sono la stessa cosa); fra 6 mesi votano i francesi, dove è in forte ascesa la fascistella; poi sarà il turno dei crucchi, che strizzano l’occhio all’estrema destra; poi le politiche italiane, che verosimilmente faranno salire grillo al potere.

    ANNI 30, anni di dominio di populismi e nazionalismi, e di conseguenza di grandi divsioni, interne ed estere

    E sappiamo tutti dove han portato gli anni ’30.

    Pero ammeno habiamo mannato ha kasa la ka$sta!!1!1!!

    • Scusa, wolf, me ne sono appropriato e l’ ho messo su FB. Ho scritto che era di un amico (non nominato). Avrei dovuto chiedere prima. Se non ti va, cancello.

  461. nelle prime partite Banega giocando in posizione avanzata si faceva sempre trovare pronto a ricevere il passaggio nelle zone dove faceva piu’ male all’avversario cercando poi il tiro o l’assist, in ogni caso creando superiorità numerica. Idem Joao Mario, che con giocate semplici ma efficaci riusciva sempre a trovare una buona soluzione. L’involuzione dei due giocatori più qualitativi del nostro centrocampo mi sembra sia stata evidente nelle ultime prestazioni, e di contraltare devo dire che invece uno dei nostri che si sta più sbattendo è Brozovic, a mio parere uno dei più positivi anche contro la Sampdoria, sperando che riesca a capitalizzare parte delle occasioni che crea e purtroppo puntualmente spreca. Se riuscisse a trovare meglio la porta può diventare un centrocampista da parecchi goal a stagione avendo tempo di inserimento buona tecnica buon tiro e anche un discreto colpo di testa.

    • Sono d’accordo su tutto. Mi auguro solo che l’involuzione di Banega e JM dipenda dal marasma generale che ha tolto sicurezza, voglia e lucidità, e che abbiano voglia di mettersi a disposizione di Pioli. Se Brozovic riesce a lavorare sul livello di concentrazione (quello che gli fa buttare via palloni assurdi) può diventare un signor centrocampista. È l’unico in rosa che ha i tempi d’inserimento e il tiro da fuori. Dovessero chiedermi con chi farei cassa tra lui e Kondo non avrei dubbi.

  462. @ Wolf

    se non fosse per qualche divergenza di veduta, ma lieve devo dire, sul nostro capitano e su Moratti, direi che condivido pressocchè tutto quello che scrivi.
    Una giusta disamina del neoliberismo e della destra mondiale.
    Pollice su.

    • Ti ringrazio, e approfitto del tuo gentile commento per tornare sul calcio.

      Tu cosa pensi di quei due che hai citato?

  463. Wolf,

    prima che molti mi diano addosso, perchè senz’altro è il nostro bomber, è giovane , se non ci fosse stato lui ora saremmo con il Pescara, ecc ecc. detto tutto questo ribadisco che Icardi per me, come ho sempre detto, non è un fuoriclasse. Non a caso quest’estate parlavo, anche un po’ per provocazione , che avrei accettato , mi cito testualmente, ” il Gabbiadini della situazione”.
    Semplicemente è un ottimo attacante ma non stravedo per lui, l’ultimo attaccante per me è stato il Principe, per capire come la vedo io. A parte l’aspetto bimbominkia sul quale possiamo tranquillamente soprassedere.
    Con questo mi auguro che faccia una caterva di gol, ma se non cambia modo di giocare, penso non lo considererò mai il nuovo Principe.

    Quanto a Moratti, ebbene sì, sono uno di quelli al quale non dispiacerebbe un ritorno in società di MM, vuoi per ovvi motivi sentimentali. vuoi perchè garantirebbe la presenza della matrice interista, italiana, in società. E credo che Suning la veda un pò in questo senso e ovviamente, mettendo una serie di paletti da parte di Suning, in quanto alla sua sfera d’azione.

  464. Purtroppo mi piacerebbe avere le stesse divergenze con Wolf anche sulla questione Trump, e invece sono d’accordo.

    Ovviamente Grillo che trova analogie con lui è una cosa che dovrebbe far venire i brividi a quelli che gli vanno dietro al grido di “né di destra, né di sinistra”.

    Ma farà molto più comodo dire che è tutta un’invenzione dei giornali e del PD.

  465. @Gus
    Ogni tanto è lecito anche ai pessimisti aprirsi alla speranza, ormai per noi interisti ultima dea.
    Torno invece ad essere molto scettico sull’utilizzo a centrocampo di Brozovic, scarso come intercettore e di scarso cervello come costruttore di gioco, che indovina una partita e poi ne sbaglia quattro, come abbiamo sperimentato lo scorso anno. Invece mi piacerebbe che Pioli trovasse una giusta sistemazione in campo in quel ruolo a Kondo, che non può essere un bluff e che per le doti non comuni che possiede di ordine fisico e tecnico, se ben allenato e utilizzato , potrebbe rappresentare la vera carta a sorpresa della nuova conduzione . Ma anche questa è una speranza che poco si addice a uno scettico.

    • Io anche con l’Inter ho sempre applicato il motto gramsciano “l’ottimismo della volontà, il pessimismo della ragione”…
      Quanto al nostro centrocampo, diciamo che né Kondo né Brozo hanno dato segnali particolarmente evolutivi nell’ultimo anno. Ma almeno lo slavo ha mostrato tempi di inserimento, tiro e qualche gol nelle gambe. Vedremo il buon Pioli cosa riesce a cavarne da entrambi…

  466. Moratti? Grazie Massimo ma basta così. Non continuiamo a scaldare le minestre.
    Penso che per uno come Pioli sia molto divertente avere in mano l’Inter di oggi.
    Ha un parco giocatori stimolante e si potrà applicare alla ricerca della formula migliore in tutta serenità. Nessuno infatti potrà pretendere niente, anzi, essere esonerato fra tot mesi potrebbe veramente diventare un titolo di merito,

  467. Pioli: “…sono cresciuto con il coro – con Beccalossi e Pasinato vinceremo il campionato – …”
    Anch’io!
    Furbastro…

  468. Gianni,
    e tu chi metteresti come referente, chiamiamolo così, italiano? Ripeto con compiti che sarà Suning a delimitare.
    Davvero, per capire, qual’è il problema di Moratti, scusate la mia ignoranza o ingenuità, o malafede. Convincete pure me.

    • Non lo so Gibson ma certamente non Moratti che tutto può fare tranne il referente, abituato com’è alle luci della ribalta.
      Sabatini, quello che è stato a Roma fino a poco fa non mi dispiace, sa anche scegliere i giocatori.

  469. eccovi un pertinente commento all’esito dell’elezione di Trump.. per chi non lo conosce già:

    Dear President Trump,
    Compliments for the Election.
    We italians are the unic nation in the world in grad of capir what will happen in America in the next 20 years, because we have jast avut a president with strange hairs, a lot of sons, many money to spend, a spropositate passion for the woman’s fregn, Putin’s friendness.
    For this motive, remember us when you will attack the Europe because we ospit arabian people, and please don’t bombard Italy, that we have jast abbastanz problems between terremot, Big Brother Vip, Modà, maltemp and allenator of Inter…

  470. Wolf

    anch’io condivido in pieno la tua analisi politica su Trump e il resto.
    Credo che si apriranno scenari inquietanti anche per noi e per una Europa mai così disunita e fragile dal dopoguerra.

    Trump non è un politico e sappiamo bene cosa hanno combinato i presidenti senza una carriera politica in America, da Regan al doppio Bush!
    Disastri.

    E sappiamo anche cosa è in grado di fare un Tycoon al potere: l’abbiamo sperimentato sulla nostra pelle proprio qui da noi.
    Solo che, piccolo particolare, l’Italia non è gli Stati Uniti d’America.

  471. Il grande equivoco, secondo me, è proprio quello di paragonare Icardi ad attaccanti come Milito o Ibrahimovic, capaci di fare, seppur in modo diverso, reparto da soli.

    Mauro non è quel tipo di punta. È un bomber di razza, un po’ alla vecchia maniera.
    Purtroppo noi ce lo possiamo permettere a sprazzi, nel senso che, quando non riusciamo a creare gli spazi avanti o le occasioni per lanciarlo a rete,
    diventa un po’ un tappo per le azioni d’attacco.

    Ma questo non significa che debba essere panchinato, o peggio, venduto.
    Semplicemente gli va affiancato un attaccante in grado di creargli gli spazi e di fargli da sponda, oltre a portargli via l’uomo o, comunque, creare un’alternativa ai suoi gol se lui non è in giornata.
    Ma questo è ben diverso dalle cose che ho letto, con apice il concetto cervellotico di corso secondo il quale Pioli va giudicato positivamente se panchinerà Icardi quando non è mobile come contro la Juve,

    però prevedendo se per caso riesca comunque a segnare come contro il Crotone.

    Cioè, praticamente ci serve come medium, non come allenatore.

    Tanto valeva dire che Pioli sarà un bravo allenatore solo se si farà crescere il ciuffo e metterà la sciarpa a cappio.

    Ha già più senso.

    • forse è meglio che ti rileggi bene quello che uno scrive, perchè non intendo stimare un allenatore se saprà prevedere il futuro ma se avrà il coraggio di mettere in panchina un osso da morto quando dimostrerà di esserlo ancora di più di quel che è.

      chiamasi personalità e di non fare distinzioni tra i giocatori, perchè tirare fuori Eder con la Samp è stata una vera schifezza dettata solamente dalla differenza di gerarchie nella squadra e non dalla prestazione ne di quello che uno stava dando in campo, perchè Icardi in quella partita non ha visto palla grazie ad un nostro scarto.

      con il Crotone ha sprecato decine di cross inutili per lui ma che se al suo posto ci fosse stato veramente un centravanti vecchia maniera come Vieri o Boninsegna stai tranquillo che non ci sarebbe stato bisogno di aspettare il karakiri dei nostri avversari all’84° perchè per la mole di gioco e di azioni prodotte, sarebbero stati sotto di tre molto prima, perchè un paio di volte gli sono piombati sulla testa ma li ha messi fuori.

      ovviamente non ci si può sempre aspettare che chi fa il cross lo faccia con il contagiri incorporato, è lui che deve andarsi a cercare la palla o in avanti o all’indietro invece di farsi bloccare come un pirla da un difensore che per farlo non deve nemmeno sudare.

      se ti ricordi la partita con gli inglesi e la figura di merda che ha fatto Ranocchia quando avrà fatto almeno quattro rigori su quello che sui corner veniva in avanti dalla difesa, capisci cosa intendo cosa vuole dire riuscire a smarcarsi, o cercare di smarcarsi da un avversario.

      quello che marca Icardi va a casa con la maglietta pulita come lui.

    • un’altra cosa, vorrei sapere cosa intendi quando dici che uno ha espresso un concetto cervellotico e quando aggiungi che ha più senso dire che sarebbe meglio che si facesse crescere il ciuffo e a comprarsi una sciarpa per assomigliare a Mancini.

      cosa c’entra il Mancio con Icardi e sopratutto fare passare da scemi gli altri che esprimo la propria opinione su un giocatore è offendere o no?

      sentiamo…

  472. sempre a sparare contro il mostro non porta da nessuna parte, e’ ora di chiedersi il perché

    se mi obblighi a scegliere tra la moglie di D’alema o….sono disposto pure verso jack lo squartatore o il mostro di Firenze.

  473. L’interismo di Pioli è una caratteristica positiva che ne aumenta la simpatia…

    Ieri è rimasto più di 8 ore alla Pinetina, portando entusiasmo e qualche sorriso…

    Con i pochi giocatori a disposizione ha già iniziato le lezioni di tattica…

    In qualcosa mi ricorda l”hombre vertical”

  474. Este

    certo, mi rendo conto che su Icardi ci siano differenti punti di vista ed il mio è uno dei tanti, così come ho rispetto per il tuo giudizio e di tanti altri qui.

    Senza scomodare il Principe, anche Don Rodrigo mi piaceva assai, per dire..

  475. anche io ho messo più volte in discussione Icardi preferendogli il “Gabbiadini qualsiasi”, avevo anche ipotizzato uno scambio 50 milioni più Giroud con l’Arsenal all’epoca.
    E’ cmq un attaccante atipico per questi tempi, un po’ come Bacca per il Milan, se segna tutto bene ma se smette di segnare un paio di partite son guai.
    Con l’aggravante che il nostro “capitano” ha anche un atteggiamento discutibile fuori dal campo, extraprofessionalmente, perchè cmq in allenamento non mi sembra ci siano stati problemi di sorta su impegno o altro.
    Di certo il tira e molla sul contratto, il libercolo della discordia, la sua discutibile compagna, il suo look e atteggiamento da bimbominkia (altro che capitano) fanno si che non abbia una simpatia infinita per il personaggio.
    Ma è invero che al momento ci sta salvando letteralmente il culo, e quando non riesce a trovare la via della rete o lo vediamo in difficoltà a ricevere il pallone o concludere, sappiamo già che sarà una giornata difficile, in cui c’e’ un’alta percentuale di non andare a segno.
    E per me non è comunque una bella cosa non disporre di un’alternativa con cui farlo rifiatare o alternarlo, non per punizione o altro ma perchè la concorrenza aumenta comunque la garra e la soglia di prestazione.
    Anche perchè se un giorno toccandoci i maroni gli viene la caghetta o peggio (non vorrei nominare Milik) ci ritroveremmo letteralmente in mutande.
    Spero che in questo senso Pioli trovi il modo di inserire più spesso Jovetic che ritengo l’attaccante più dotato in rosa, e lo riesca a far dialogare con Mauro, e anche Palacio che purtroppo paga un po’ il declino fisico ma che in tecnica e impegno non si è mai tirato indietro, Eder lo vedo più come attaccante portato all’esterno a sinistra per provare a rientrare sul suo piede, e Gabigol… Gabigol… chi lo ha visto???

  476. a leggere certe disanime lisergiche pare di essere a un acid test

    Tim Leary sarebbe fiero di voi

    io m’angoscio alla sola idea che a Icardi venga un raffreddore

  477. e io pure, non potrebbe essere altrimenti.

  478. Pioli non può non essermi simpatico: interista, emiliano che più emiliano non si può , nato a Parma, ha allenato in zona Sassuolo Modena Bologna, e stamattina leggo che Magnanelli lo ricorda come uno che, al di là dei tratti signorili ed eleganti, nello spogliatoio sa farsi rispettare.
    Troppo.
    Da interista diffido delle situazioni troppo zuccherose a fronte della realtà che ben conosciamo
    Speriamo bene.

  479. se vai contro Icardi o sei scemo o un visionario, e poi me la vengono a menare se li offendo…

  480. in uba delle primissime foto di Pioli interista si vede lui che sostiene Gabigol: la interpreto come segnale

  481. corso
    non è che siccome offendi tu, allora devi vederci offese dappertutto.

    Dire che un concetto è cervellotico non significa dare dello scemo.
    Quello che non comprendo se non ti sia chiaro o se fai finta che non lo sia, per comodità, è la differenza tra dire che un concetto è una cazzata e dire che chi lo pronuncia è uno scemo.

    Nel primo caso stai criticando un singolo concetto, nel secondo stai esprimendo un giudizio sulla persona, in sé, che manco conosci.
    Cervellotico non significa che non hai cervello, ma che un certo concetto è eccessivamente macchinoso tanto da divenire poco congruo.

    Quindi, come ami dire tu, nonrigirarelafrittata perché la fai cadere tutte le volte.

    Su Pioli-Mancini, intendo dire che la sensazione, già nasata con De Boer, è che tu dopo Mancini non ti stia facendo andar bene più nessuno.
    Probabilmente avresti avuto da ridire, a suo tempo, anche su Mourinho se non ti avesse messo sul piatto due scudetti, una champions, una coppa Italia e una supercoppa nel giro di due anni.

    • ma poi si limitasse agli allenatori…

      La sua difesa a Mancini passa da un sacco di altri elementi, che vanno dai giocatori a kia.

      Ranocchia dice che ce la sta mettendo tutta? Stronzo che ha remato contro mancini, e pure scarso.

      Icardi dice che gli arrivano più palloni? Stronzo che accusa il mancio di non far giocare le squadre

      Icardi segna a destra e a manca? Merdaccia perchè zazzaroni ha detto che mancini lo voleva cambiare con dzeko

      Copione già visto ai tempi con Moratti.

    • si, ma se me lo dici sempre che le mie opinioni o sono cervellotiche, incomprensibili o stupide, o come preferisci, il sospetto mi viene dall’essere considerato un povero pirla che parla a vanvera.

      cosa ci sia di cervellotico o di visionario nel dire che Icardi a me fa cagare non riesco a capire.

      se invece ti riferivi a Pioli hai letto male, perchè non ho scritto che lo stimerei se avrà doti di preveggenza, ho scritto che lo stimerei se non si fermasse alle gerarchie di spogliatoio ma che sostituisca chi gioca male senza guardare in faccia a nessuno, che è una cosa diversa dal dovere sostituire Icardi per forza, ma sostituirlo quando, oltre a non beccarne una, non si sbatte nemmeno un pò per cercare di prenderla.

      per rispondere a quello che parla invece di visioni e di raffreddori o di controprove, l’anno scorso ne abbiamo giocate diverse senza Icardi e non mi sembra che senza di lui si sia andati così male, perchè le prime due le abbiamo vinte grazie a Jovetic, con la Roma all’andata abbiamo vinto e al ritorno loro hanno pareggiato grazie ad un paio di stinchi sfortunati e lui non c’era, con il Napoli in coppa Italia, fuori casa, gliene abbiamo rifilati due facendo incazzare Sarri, in campionato, sempre fuori casa, il Mancio lo ha fatto uscire per metterci Telles al posto di Nagatomo espulso e in 10 sotto di 2 gol avremmo strameritato il pareggio.

      per cui non è che senza di lui siamo dei poveri cristi che non sanno a che santo votarsi per segnare, ne io pretendo che non giochi mai, pretendo un pò di più da uno che si cucca 5 milioni, e non mi pare un delitto di lesa maestà.

      quanto alle vedovanze varie non sono io quello che manda a casa gli allenatori, questo lo dovresti chiedere a qualche altro, l’unico di cui ho chiesto la testa è stato il Rafa, ma anche lì dopo un bel pò, perchè inizialmente l’ho difeso anche contro di te, però dopo le due partite dove Bale ci disintegrò la difesa, cambiai opinione e mi sembra legittimamente.

      dopo mi andarono bene tutti, compresi il Gasp e lo Strama, quelli che invece per altri, non avrebbero nemmeno dovuto sedersi in panchina, e per finire sono uno dei pochi che trovava giustificazioni anche a Mazzarri, dove secondo me, in certe partite, hanno contato di più gli episodi sfavorevoli o le decisioni arbitrali che non lui.

      ovviamente del cambio con il Mancio sono stato contento, non sono mica scemo anche se qualcuno pensa di sì, e rimango convintissimo che se non fossero nate quelle incomprensioni o punti di vista diversi tra lui e la nuova dirigenza, quest’anno avrebbe fatto meglio dell’anno scorso e completato l’opera iniziata due anni fa, perchè se la critica maggiore era il non gioco potevo stare tranquillo, in quanto al non gioco dell’Inter io sono abituato da sempre e vorrei che qualcuno mi dicesse quando e dove abbiamo vinto grazie a quello e non grazie a chi c’era in campo a fare la differenza.

  482. Stabilità, tranquillità, progettualità a lungo termine…

    Questi sconosciuti…

    http://www.tuttomercatoweb.com/inter/?action=read&idnet=ZmNpbnRlcm5ld3MuaXQtMjMxMDA1

  483. Come si fa a paragonare Icardi a Milito?
    Premesso che Milito è un grandissimo e che se avesse avuto un manager più sveglio sarebbe diventato molto prima un grandissimo, lui da noi ha avuto vicino Etò, Pandev, Snejder, Maicon (oltre agli altri del triplete).
    Icardi ha sempre giocato davanti DA SOLO, al massimo qualche volta con Palacio.
    Diamogli un’attaccante vero vicino e vediamo se non gioca meglio e non segna di più.
    In ogni caso è certo che Milito all’età di Icardi non segnava come lui, forse giocava meglio, ma faceva meno gol.

    • e chi ha paragonato Icardi a Milito?

      io ho parlato di Vieri e Boninsegna, per dirne due che ricalcano il centravanti vecchia maniera, anche se erano molto più mobili di questo qui che ha bisogno che la palla gli arrivi giusta sul piede e sulla testa.

      se ci fosse stato Icardi nella finale con il Bayern di sicuro i 2 gol che ha fatto Milito non li avrebbe fatti, figuriamoci se lui riusciva a passare di testa a Snejider la rimessa di Julio che da quando gioca con noi non ne ha ancora beccata una, e mi fermo solo su questo perchè il secondo con finta e controfinta e palla nell’angolino
      è una cosa che non imparerà nemmeno se giocherà fino a quarant’anni come Zanetti.

      speriamo che continui a mettere quelli da due metri o quelle che i portieri gli rimpalleranno addosso che è già qualcosa.

    • Osservazione pertinente, avere compagni di squadra più forti serve eccome, se sono forti giochi meglio tu (non dimentichiamo che questo concetto funziona anche al contrario… prima di bollare come dei cessi gente costretta a giocare con compagni scarsi),
      E comunque come già detto il raffronto Icardi Milito non ha senso sono troppo diversi, io li vorrei in squadra tutti e due li avessi a disposizione, non uno o l’altro, e segnerebbero di più tutti e due

  484. Corso
    Vieri più mobile? nel senso di mobile armadio forse intendevi.

    • non ricordarti solo il Vieri a fine carriera, ricordati quello che abbiamo pagato 90 miliardi e che per due o tre anni ha vinto la classifica cannonieri, se no vale tutto…

  485. Ma settore…. aspetta il prossimo esonero per un post?

    Guarda che con la scarsa produttività caschi male con i cinesi.

  486. ecco la nuova Inter:
    GABIGOL IN ATTACCO,
    gli altri 10 a estrazione

  487. Giusto, javier +,
    magari un post sulla corsa, che è tanto che non scrive niente.
    Vabbè che più che al running ultimamente mi sembra dedito all’orociokking, però un po’ mi mancano le sue cronache della domenica mattina…

  488. Gianni

    Io non ho PARAGONATO Icardi a Milito, ho detto che PREFERISCO, ADORO , quel tipo di attaccante, e quindi purtroppo, per la proprietà transitiva, non posso dire altrettanto di adorare il nostro capitano.
    E poi, come no, mettiamogli affianco una seconda punta, e che esplodesse, magaaari, io sono il primo ad esultare.

    E’ come per uno di sinistra gioire per Renzi.

  489. @Wolf
    Anche a me sono cascate le braccia quando ho letto la notizia… Che facciamo, una bella cordata con Moratti, Pellegrini, i discendenti di Fraizzoli e Masseroni?
    Mah, a ragionarci seriamente: Moratti i soldi per rilevare il 31% di ET li avrebbe e tecnicamente ci potrebbe stare che avochi a sè la gestione sportiva e lasci quella finanziaria/commerciale a Suning come porta sull’Asia. Come possano poi conciliarsi la vocazione ferocemente aziendale di Suning e quella paternalistico-umorale di Moratti è tutto da vedere.

  490. Gus

    giusto.
    Come possono conciliarsi?
    Infatti non si conciliano per niente.
    Io dico: o fanno la cordata italiana per riprendersi l’Inter, come era una volta, ma SENZA i cinesi; oppure che se ne stiano buoni a Imbersago e lascino lavorare i cinesi in pace!

    Poi, se questi ultimi dimostrano che non ci capiscono una fava e fanno disastri allora ben venga la cordata italiana.
    Ma dopo.

    All’Inter non solo si cambiano allenatori come mutande (e di uno che tra l’altro è pulitissimo) ma ora anche le società!
    Ma basta con questi scempi, eh?!

    MM ha venduto solo tre anni fa!
    Che senso ha, alla luce di queste notizie?
    Poi, va beh, io di traffici finanziari, banche ed economia aziendale non ci capisco una mazza, ma dal punto di vista sportivo, ripeto, che senso ha avuto vendere l’Inter se poi siamo a discorsi di nuove cordate e di un MM di nuovo in sella ?

  491. Premesso che per ora queste notizie di cordate di ex patron non sono affatto verificate, ma poi, anche ammettendo (e non concedendo) che sia vero, io questa tragedia non ce la vedo.

    Cosa ci sarebbe mai di male in un’Inter “tenuta d’occhio” da imprenditori interisti di cui abbiamo la certezza abbiano a cuore società e squadra,
    ma con la forza poderosa dei fondi, della laboriosità e della managerialità cinese?

    Da un lato noi tifosi saremmo tutelati da un investimento meramente speculativo, grazie alla presenza minoritaria della vecchia guardia imprenditoriale nerazzurra,
    dall’altra sapremmo che a nessuno piace che altri sprechino i propri soldi, quindi eventuali colpi di testa o decisioni affrettate, date dall’impulsività del tifoso,

    sarebbero comunque mitigate da quella che è la vera proprietà, ossia Suning.
    Anche perché i cinesi mi è parso di capire che vogliano andare in questo senso.

    Secondo me, negli ultimi anni, per motivi che fatico a comprendere, la figura di MM è stata demonizzata.
    Se mai c’è stato un capolavoro dei media e dei mantra gobbi è stato questo: convincere non solo i tifosi delle altre squadre, ma anche e soprattutto gli interisti, che quello che era il rampollo di un cognome storico e vincente della storia nerazzurra fosse, in realtà, il male incarnato.

    Vuole fare le scarpe ai cinesi? Fatico a credere che un colosso del genere si faccia scalare così facilmente, ma anche se fosse, e sottolineo che sto ragionando per assurdo, perché mi viene da ridere a me per primo che lo scrivo,

    preferisco lo faccia un interista e non qualche gobbo mancato che ci manderebbe in malora.

  492. Moratti e’ il nostro Presidente, che sia il male incarnato non so chi se la beve, io no.
    Le voci di un suo ritorno (?, secondo me il distacco e’ stato solo ufficioso, no se ne é mai andato definitivamente) non sono di oggi_
    Io ho capito che il disegno societario sia che i Moratti rilevino le quote di Thoir, perche’ l’ho letto e sentito mesi fa.
    Vi rammento ancora una volta le parole di Milly Moratti del luglio scorso= “Zhang ci ha convinti, ci e’ piaciuto in particolare l’entusiasmo del figlio Steven che abbiamo ospitato a cena, e la sua rassicurazione che il progetto InterCampus sarebbe proseguito”.
    Se non é cosi’, mi spiegate voi che cazzo va a fare Steven Zhang a cena dai Moratti?

  493. A comprare il 30% di proprietà ancora dei Moratti.
    Non fantastichiamo.

  494. Mah, io spero abbiate ragione voi.
    Però non ce lo vedo MM sotto la Saras che straparla sul marciapiede, mentre i cinesi mettono solo i soldi!

    Chi prende iniziative e chi decide?
    E se poi uno ha delle idee e un altro ne ha altre?
    Come si fa?

    Un conto è avere una testa e una direzione, altra cosa è avere più teste che, come abbiamo visto (Mancini e FDB come esempi ultimi), non portano a niente se non a disastri sportivi.

    Poi, che SZ vada a cena con MM mi sembra del tutto normale.
    In fondo l’Inter, fino a poco fa, era nelle sue mani e lo è stata per 18 lunghi anni!

    Oh, poi magari mi sbaglio e tutto si può fare.
    Ma ho forti dubbi!

  495. Per chiarezza:
    io non demonizzo MM, a parte le critiche che gli ho fatto soprattutto dopo il triplete, che mi sembravano meritate.
    Per il resto W MM!
    Ma rimango dubbioso sul matrimonio coi cinesi per i motivi che dicevo sopra.

  496. magari fantastico, pero’ l’incidenza di Moratti spiegherebbe molte cose, quali ad esempio, il ruolo e gli atteggiamenti di Zanetti

  497. Ma è ovvio che l’ultima parola spetterebbe a Suning,in quanto azionisti di maggioranza (e manco di poco).

    Non è che uno debba detenere il 100% delle azioni per avere il controllo di una società.

    E meno male che si vorrebbe entrare in borsa…

  498. esonerare gente a cazzo è sempre stato il vezzo di Moratti,tranne due sciagurati cui ha dato fiducia con esiti disastrosi,il fatto è che non si possono fare cose del genere solo perché la squadra si lamenta,continua a non capirlo e con gli uomini che ha lasciato lì dentro c’è riuscito ancora una volta

  499. Non discuto che Suning abbia il controllo della societa’, discuto quale ruolo abbia la famiglia Moratti nell’era Suning; ed ipotizzo che non sia marginale

  500. MM il male incarnato non so in quale blog di facinorosi l’abbiate sentita. Io l’ho sentito prendere per il culo da tutta Italia per anni, definito come il fratello scemo dei Moratti. Poi dopo calciopoli per i gobbi è improvvisamente diventato il capo della spectre. Io dico che se si ripiglia l’Inter in toto o solo in parte, dopo averla ceduta sull’orlo del collasso e averne fatto ristrutturare il debito e sistemare i parametri FFP, è un genio. Ma ricominciare con una gestione in cui i cinesi cacciano i soldi e lui fa e disfa a seconda degli innamoramenti del momento non mi troverebbe affatto entusiasta.

  501. Este, MM non può scalare l’inter manco volendo perchè non è quotata.

    Può presentare offerte a Suning, ma poi a sta a loro decidere se cestinarle o valutarle.

    Poi, in linea teorica, il tuo ragionamento sull’ipotesi di un MM 30 e Suning 70 non fa una grinza. Con un’adeguata divisione dei ruoli fra la parte sportiva e quella finanziaria, si potrebbe ricavare una società forte, presente, e competente in tutti i reparti.

    Tuttavia il dubbio sollevato da gus e internazionalista mica è da poco conto. Certamente sarebbe una situazione più fluida e -si spera- efficiente di quella vista recentemente con l’ulteriore presenza di thohir; non di meno il modello gestionale di MM non è minimanente compatibile con quello di un gruppo capitalista cinese.
    Uno dei due dovrebbe andare incontro all’altro, o comunque si dovrebbe cercare un ragionevole compromesso: solo che chi è disposto a cedere parte -e quanta- della propria autonomia operativa?

  502. Riepilogando= MM 30% e Suning 70% ?

    Ed e’ un 30% che vale di piu’ nella gestione tecnica /sportiva.

    Allora stiamo dicendo la stessa cosa.

  503. Io premetto ancora una volta che stiamo ragionando solo per cazzeggio su basi fantasiose, perché, almeno ad oggi, non sono affatto sicuro che MM voglia riprendere delle quote.
    Comunque sia…

    Wolf, ammettendo che il rapporto sia 70 Suning 30MM, viene da sé che quest’ultimo non può fare e disfare come faceva quando l’Inter era sua e rispondeva solo a se stesso, rimettendoci con le sue tasche.

    Ora, parto dal fatto che Zhang parta da questo assunto: noi qui di calcio, tantomeno quello italiano, capiamo nulla. Non l’abbiamo mai seguito, non è nella nostra cultura.

    Cosa faccio? La cosa più ovvia: affido la gestione dislocata sul territorio a chi lo ha fatto per 20 anni ed ha quasi un terzo delle azioni.
    Ovviamente questo non significa che gli do il pin del bancomat (passami la metafora cialtrona) e toh, carta bianca.
    Mi proponi Pioli? Bene, io qua a Nanchino non ho idea di chi sia, mi fido. Ovviamente se tra tre mesi me lo vuoi buttare fuori, prima devi venirmelo a dire, visto che sia questo che il prossimo dovrei pagarli essenzialmente io Suning.

    Quando mi dirai che vuoi esonerare Pioli, io ti farò la domanda più ovvia: scusami, guarda che l’avevi proposto tu, ora mi stai venendo a dire che hai fatto una mischiata, in soldoni.

    Ecco, capisci anche tu che le dinamiche sarebbero molto diverse, perché andare dal padrone del vapore a dire che le tue scelte non erano quelle giuste non è proprio la stessa cosa di quando il proprietario sei tu.

    Non so se ho reso.

  504. Appena finito il tormentone de Boer devono aspettare 2-3 mesi per iniziare a rompere le palle a Pioli. Nel frattempo hanno messo su la storia di Moratti e della cordata. Si impiccassero con la corda…ta

  505. Dunque, da ciò che dici, caro este, MM non potrebbe fare e disfare, e quindi a MM che gliene fregherebbe in ultima analisi di riprendersi l’Inter o parte di essa?
    Lo conosciamo bene no?, o è lui il dominus oppure niente.

    Per questo non credo che accetterà mai una cosa del genere, ammesso che sia una cosa reale e non invece, come giustamente dice gianni, la solita balla fatta ad arte dalle p.i. che sull’Inter non dormono mai!

  506. Internaz, ho iniziato ogni mio commento sottolineando proprio quello.
    Se leggi le prime tre righe di ogni commento al riguardo…

  507. Sto pensando che in realtà Settore è un avatar, in realtà la sua vera identità è…Hillary Clinton.
    Motivo per cui in questo periodo prima è stato prima troppo impegnato e ora troppo amareggiato per aggiungere nuovi post

  508. Che palle, ho un commento in moderazione perchè condito da due link.

    Va beh, in attesa che thadave lo sblocchi, andate a leggere la chiamata di MM alla redazione del giorno.

    Questo sta per tornare in sella davvero

    • se ci mette il grano nessuno può aver niente da ridire, considerazioni sull’operato passato a parte

      quello che mi ha dato fastidio sono state le ingerenze da esterno, quello che mi preoccupa è che Moratti vuol dire familismo ed è l’esatto opposto della gestione avveduta e competente

  509. Intanto il Brasile ha steso l’Argentina 3-0…

    Banega in panca e gran gol di Coutinho, con bomba da fuori area…

    L’esperienza inglese ha rinforzato e maturato il ragazzo che rischia davvero di diventare un rimpianto…

  510. Tagnin,
    concordo sulle ingerenze esterne; sul resto sollevi la stessa questione di cui parlavano ieri sera anche altri utenti del blog. La condivido, ma non mi sento nemmeno così lontano dal pensiero di este, secondo cui MM comunque avrebbe dei forti limiti relativamente alle gestioni allegre, visto che agirebbe comunque da socio di minoranza.

    Devo essere sincero, non so bene cosa pensare sul plausibile rientro di Moratti. Il cuore dice sì, la mente è un po’ meno convinta.

    Giardinero
    Di coutinho e della partita ho scritto anche io nel commento in attesa di moderazione. Questo entro un paio di estati farà un trasferimento da almeno 60 milioni, altroché i 15 presi da noi.

    • Questo sembra confermare che non siamo fatti
      (fino ad ora? MAGARI….)
      per far crescere con calma i potenziali crac (ci aggiungerei Kovacic) e nemmeno gli onesti/buoni calciatori (tipo, chessò, Arnautovic e/o uno dei millemila tipo Benassi o Duncan), salvo poi rimpiangerli….

    • non credo tanto a uno spreco di soldi quanto a una selezione del personale un po’, come dire, ecco…

      a cazzo

      perché se si parla di ipotesi di deleghe a livello gestionale non è che gli faranno le pulci, perché il danno si vedrà solo dopo

  511. Nonostante io adori Moratti per ciò che mi dato, temo un suo ritorno. E’ vero, noi abbiamo bisogno come il pane di un “padrone” qui che conosca il calcio italiano e i suoi limiti. Che sappia rapportarsi ai giocatori, giornali, poteri, altre squadre con gli attributi. Ma temo Moratti abbia fatto il suo tempo. Non so chi possa essere un uomo moderno e al tempo stesso esperto, ma Moratti, no.

  512. Cou l’ho rimpianto da subito, Kocacic no, né prima, ne’ ora: eppoi il croato è stato allenato anche da Mancini. Tutto si può dire del Mancio tranne che non sappia riconoscere il vero talento_

  513. A proposito di Brasile Argentina, faccio notare anche che il Gabriel “prospetto” giusto è Jesus, più che Barbosa. E d’altronde l’avevamo inseguito a lungo prima di dover ripiegare sul cosiddetto Gabigol (spero comunque di essere smentito a breve). Ho letto la telefonata di MM al Giorno. Tutto fuorché di smentita. Confermo di non essere entusiasta. Rispetto al fatto che MM non avrebbe sufficiente potere in minoranza, faccio presente che all’attuale socio di minoranza (e relativo organigramma) è stata delegata in toto la parte sportiva che ai cinesi non interessa, mentre a Moratti interessa esclusivamente quella. Ma siamo sicuri che l’idea non sia proprio quella di riprendersi la maggioranza, magari una volta che Suning avrà deciso di essere ormai “entrato” ad ovest? Insomma, altri elementi di ambiguità ed incertezza che il buon MM decide di spargere a piene mani.

  514. Le polemiche intorno a Icardi mi sembrano alquanto pretestuose, provocate come sono dagli atteggiamenti esibizionistici e chiassosi del personaggio fuori dal capo piuttosto che dai demeriti del giocatore , che anche quest’anno sta dimostrando essere uno dei migliori attaccanti attualmente in circolazione. Anche i confronti con altri giocatori mi sembrano fuorvianti, per l’ovvia ragione che ogni giocatore ha caratteristiche proprie e irripetibili, in rapporto anche alle situazioni storiche e ambientali in cui ciascuno opera o ha operato. La dote che hanno in comune i grandi centravanti
    è il fiuto del gol, la capacità di trovarsi al punto giusto nel momento giusto, che Icardi mostra possedere in sommo grado. L’accusa di essere poco mobile (un paracarro!) mi sembra ingiusta, perché una delle qualità di un centravanti di razza è di attendere, smarcandosi, il lancio dei compagni , annusando, come suol dirsi, il portiere avversario, anziché andarsi a cercare la palla in giro per il campo o arretrare in soccorso della difesa. Solo i grandissimi attaccanti in possesso di doti tecniche eccezionali, come il dribbling stretto e lo scatto veloce , possono permettersi di volta in volta di comportarsi da centravanti di punta e da trequartisti di raccordo, capaci insomma di cantare e di portar la croce ( noi, calciatori di questo genere ne abbiamo di recente avuti almeno due, Ronaldo e Ibra). Icardi possiede lo scatto veloce che gli consente, se ben lanciato, di scrollarsi di dosso l’avversario, è agile , colpisce bene di testa e possiede un tiro forte e imprevedibile , ma tecnicamente è assai rozzo , pertanto raramente in grado di saltare il difensore col dribbling o col fraseggio stretto e destinato a operare in solitudine, contando soprattutto sul lancio corto verticale dei centrocampisti o su quello lungo orizzontale degli esterni d’ala. Credo pertanto che un Banega nel ruolo di regista alto e un Perisic , unico capace di saltare l’uomo e di crossare basso da fondo campo a distanza ravvicinata, in buone condizioni di forma ( che mi auguro grazie al nuovo allenatore raggiungano presto)
    possano diventare i migliori collaboratori del centravanti , in grado di accenderne l’estro con i loro lanci calibrati.

    • non ci vedo niente di pretestuoso nel criticare un giocatore che fino a prova contraria è uno come gli altri 29 che fanno parte della nostra numerosa rosa e non ha nessun tipo di privilegio nei loro confronti che vengono criticati o elogiati come meritano quando disputano le partite.

      trovo pretestuosa invece la sua difesa come se fosse un intoccabile a cui tutti dobbiamo rendere omaggio anche quando in campo non ne becca una che una o se la becca la spreca malamente, come è capitato in diverse partite e non in poche a cui si sarebbe potuto anche soprassedere.

      dei fattori extra calcistici non me ne potrebbe fregar di meno, a meno di considerare extra anche la vicenda del suo rinnovo contrattuale di cui tutti ci siamo lamentati e scandalizzati, ma che quasi tutti hanno messo da parte non appena ha fatto la doppietta a Pescara, per passare da uomo di merda a uomo della provvidenza in un nano secondo.

      che abbia fiuto per il gol è l’unica cosa che gli posso riconoscere, per il resto è meglio lasciar perdere, e se segna sempre lui è perchè è solo lui che gioca di punta fisso, mancherebbe anche che non segnasse ogni tanto considerando quello che prende per farlo, anche se lo fa a singhiozzo e non nella maggioranza delle partite ma al minimo sindacale, basta vedere su quante partite disputate ha segnato e non dividere i gol dove dentro ci sono delle doppiette o triplette inutili ma che fanno casistica.

      quest’anno in 12 partite ha segnato 10 gol e sembrerebbe una media stratosferica, in realtà ha segnato in 6 partite e nelle altre ha fatto cagare, perchè certe doppiette sono servite a farci ottenere solo 3 punti e non di più.

      idem nell’anno metà di Mazzarri e metà del Mancio dove ha segnato 22 gol in campionato in 16 partite, calcolando una tripletta nel 7-0 al Sassuolo e due o tre doppiette e, grazie ai suoi gol, siamo arrivati ottavi, per cui sai che incidenza abbia avuto.

      l’anno scorso con il Mancio ha fatto 16 gol in 14 partite delle 38 che ha un campionato e nelle rimanenti è stato a guardare, in campo per la maggior parte delle volte e solo due o tre dalla panchina.

      ammesso che l’anno scorso di palle gliene arrivassero poche, quest’anno quante ne ha sprecate nelle partite che abbiamo perso o pareggiato con DB?

      se l’olandese ha dovuto fare armi e bagagli, tra quelli che hanno contribuito a farlo fuori, i media e la dirigenza poco lungimirante, ci può mettere anche il suo centravanti che ha fatto sempre giocare, perchè se lo avesse sostituito qualche volta, specialmente con la Samp, forse sarebbe ancora con noi.

  515. Gus non ci sono dubbi, basta guardare un video di entrambi e anche non esperti tecnici(come il sottoscritto) notano che uno(Jesus) e’ un sicuro prospetto(al netto ovviamente di fighe in testa etc..) l’altro, il nostro, tutto da scoprire, non dico che sia un bluff o un campione ma non c’e’ nessun video (e fanno ovviamente vedere il meglio) che mi abbia mai fatto spalancare gli occhi, mentre l’altro guarda quello che riesce a fare..peccato, era il ns. primo obt

  516. Riguardo MM

    ribadisco la mia domanda alla quale nessuno ha risposto, sul perchè in tanti qui, sono contrari ad un rientro, di minoranza ( non vedo altre possibilità ) di MM.

    Avevo detto che lo vedevo bene in un ruolo da garante dell’ interismo, senza pretendere che possa fare e disfare come prima, anche perchè Suning non lo permetterebbe.
    Sono in linea addirittura sia con Este che con Wolf !

    • Credo su quello si possa concordare tutti; il dubbio è se ciò sia possibile. MM comunque resta sempre MM, il suo modo di intendere l’inter e il calcio non cambierà a 70 anni suonati.

      E’ come chiedere a corso di farsi la cresta e andare a far serata con balotelli. Sarà anche tutto offerto, ma credo che corso preferisca tenersi in forma per andare a funghi l’indomani

    • Pensavo di aver risposto. Io sarei contrario al suo rientro perchè non mi piace il suo modo paternalistico ed umorale di gestire la società. Preferirei qualcuno in grado di iniziare un progetto tecnico e gestionale vincente e protrarlo con accortezza e lucidità nel tempo, piuttosto che uno che a forza di provare e riprovare, affezionarsi e disamorarsi, alla fine trova l’uomo giusto e magari vince (tutto, ok grazie sempre e per sempre). Ma l’anno dopo ricomincia da capo e via ad inanellare fallimenti fino al successivo uomo della provvidenza. Penso inoltre che si, potrebbe farlo anche dalla minoranza se Suning (che ritengo non abbia alcuna voglia di gestire in prima persona la parte sportiva, e se lo ha fatto con il famoso “casting” è per dare un segnale di governance in un momento di caos gestionale) gli lasciasse ampia delega (magari messa nera su bianco) esattamente come ha fatto con ET. Credo, ancora, che non sia peregrina l’ipotesi di un rientro futuro in maggioranza dal momento che Suning può decidere in qualsiasi momento di considerare conclusa la mission di affacciarsi attraverso l’Inter sul mercato occidentale.

    • da quel che leggo si direbbe che vada a peyote, non sapevo crescessero da queste parti

  517. quando si parla di Moratti non bisognerebbe dimenticarsi cosa gli hanno fatto negli anni 1998 e 2002, principalmente il 1998, perchè l’uomo della provvidenza se lo era comprato con i suoi soldi ben sapendo cosa valesse, e solo le macchinazioni schifose di un gruppo dirigente di un’altra squadra ha fatto in modo che non lo diventasse.

    per cui chi si dimentica quegli anni e esprime un giudizio su di lui gli fa solo un torto come glielo hanno fatto e perdurano a farlo diversi Interisti, in quanto non si può ne mai si potrà prescindere dalla triade e da quella società di merda per giudicare l’operato di una persona condizionata pesantemente dai loro intrallazzi, se non 1998 avesse vinto lo scudetto come avrebbe meritato, grazie agli investimenti cospicui che solo lui ha immesso nel calcio italiano, adesso probabilmente si racconterebbe un’altra storia del tutto diversa, forse si sarebbe aperto un ciclo con Simoni e non con il Mancio, forse calciopoli non sarebbe mai stata scoperta perchè non sarebbe nemmeno esistita, fatto sta però che invece è esistita ed ha fatto passare per un incapace uno che incapace non era, ma solo un onesto Presidente che pensava bastasse comprare dei campioni per vincere i campionati, invece di comprarsi arbitri e federazioni come facevano gli altri.

    a questo si può aggiungere che gli uomini della provvidenza non ce li ha mandati Gesù Bambino come regali di Natale, ma se li è scelti lui nonostante i pareri contrari del Cipe che aveva già confermato Zaccheroni e nonostante qualche vedova come me che non riteneva giusto licenziare il Mancio a favore del Mou.

    per cui scelte ben ponderate e non colpi di culo, a mio parere.

    scelte a cui ha dato carta bianca mettendosi in disparte avendo visto che dei suoi interventi non ce n’era proprio bisogno, perchè l’uomo da marciapiede non cercava visibilità come il suo avversario dell’altra sponda nel naviglio, cercava vittorie per emulare il padre e le vittorie sono arrivate grazie ed esclusivamente a lui, perchè la grana per pagare il Mou per allettarlo a venire da noi l’ha tirata fuori lui e nessun altro.

    • Corso, hai ragione a sottolineare il ruolo della “triade” nel periodo Morattiano. Ma non può, è il mio punto di vista, essere preso ad alibi perenne relativamente al suo modo di concepire e gestire una società di calcio. A partire dalla delegittimazione costante degli allenatori prestando udienza e offrendo giustificazioni ai giocatori scontenti, o alla pletora di incarichi dirigenziali spartiti per accontentare tutti, alle famose interviste da marciapiede che facevano il gioco dei media (in un periodo di totale dominio mediatico Fininvest), per non parlare della voragine finanziaria lasciata che abbiamo pagato carissima. Cose non ascrivibili alla triade, triade che ad essere onesti in un paio dei suoi elementi fu oltretutto tentato di comporre a Milano (vedi Moggi e Capello subito prima che scoppiasse calciopoli) nonostante sapesse (vedi Facchetti e Nucini). Insomma, sono grato a Moratti, nessuna demonizzazione ma nemmeno beatificazione.

    • riflessione sul 1998 da incorniciare, parole sante.
      Hanno alterato la storia, ma una giustizia c’è stata_
      Il problema e oggi: dobbiamo tornare ad essere forti, giacché il passato si dimentica in fretta_

    • @Gus
      come si è stati zitti?
      Siamo l’unica squadra apertamente schieratasi contro La Puttana_ Il fatto di essere assolutamente al primo posto nella loro scala d’odio vale quanto una stella_

  518. prima all’attacco di Icardi e adesso in difesa di Moratti…

    provo a imbastire una trama a centro campo per mandare al solito posto quello che gli stanno suonando le orecchie per il gol che ha segnato il Cou ieri sera, a cui aveva pronosticato una carriera nel Cesena se solo glielo avessimo prestato aggratis, ma che però si crede un maitre a penser del calcio.

  519. corsone

    ma non e’ che sei amico di maxi lopez?

  520. Io quello che non capisco è perché Moratti dovrebbe aver venduto l’Inter per poi ricomprarsela l’anno dopo.

    Anche perché, sulla sua figura, vedo molta confusione da parte dei tifosi.
    Un giorno è un povero pasticcione che fa solo casino e si fa fregare dal primo che passa, quello dopo è una specie di squalo che trama nell’ombra per riprendersi la gestione dell’Inter ma coi soldi dei cinesi che, come tanti sprovveduti, non solo glielo lasciano fare, ma gli spianano anche la strada.

    Ma poi, anche sta cosa che gli danno carta bianca sulla gestione sportiva… non è che stia molto in piedi sta cosa.
    Da quando in qua un proprietario si disinteressa della propria società, e i risultati sportivi dovrebbero comunque essere il core business, diciamo così, dell’Internazionale FC.

    Oh, se poi davvero se ne fregano fino a questo punto, da non dare neanche un’occhiata a quello che succede la domenica in campo, beh, e allora la presenza di Moratti diventerebbe non solo il problema minore, ma addirittura una manna dal cielo, perché significherebbe che quella gestione potrebbe finire in mano a chiunque.

    Così come non riesco a essere d’accordo neanche con la tesi di tagnin sui danni che si vedono dopo.
    Purtroppo e per fortuna, nel calcio, i casini si vedono subito, data la velocità a cui viaggia questo mondo.

    I risultati di quest’anno, in tal senso, sono paradigmatici.

    • Moratti ha venduto un’Inter disastrata sotto il profilo finanziario, ne è uscito completamente senza esserne convinto lasciando la minoranza a ET, rientrerebbe in un’Inter risanata. Altrettanto chiaro che Suning, ove lasciasse a lui e ai suoi la gestione sportiva, la vincolerebbe alla presenza stabile in CL. Difficile vedere un Moratti che fa squadra in un’ottica aziendale e con budget non deciso da lui? Certo, ma inizialmente non potrebbe essere altrimenti, e nulla vieta che provi a ripigliarsi la maggioranza: è questo che mi preoccupa maggiormente. In ogni caso, hai per caso sentito Moratti smentire le ipotesi di rientro? No, ha detto che “non gli piace il termine cordata”.

    • un termine poco simpattico nell’insieme

  521. @Gus

    grazie per la risposta esplicita.

    A questo punto mi sembra che sia in linea anche con te , ovvero che con gli adeguati paletti by Suning, MM possa essere un punto di ri- partenza e di forza.

    Ovviamente anche io come tanti, non apprezzavo il suo modo umorale di gestire tante questioni, ma il fatto che io sia favorevole al suo ritorno, è funzione di : a) come socio di minoranza non è che possa fare e disfare a suo piacimento come prima b) i famosi paletti di cui sopra, gli impedirebbero di ripetere gli stessi errori.

    Perciò un suo ritorno condizionato, pare sia gradito un pò a tutti.

  522. Ok, ma perché Suning, dopo aver risanato i debiti e aver rimesso in sesto la società, dovrebbe lasciargliela a prezzo di costo, se non addirittura meno?

    Noi continuiamo a fare l’errore di considerare questi qui come dei paciocconi con la sveglia al collo.

    Mi secca dirlo, e mi rendo conto che non sia una cosa piacevole, ma forse inconsciamente ci siamo fatti suggestionare dalle fesserie dei gobbi che hanno sempre considerato Moratti un ingenuotto coi soldi, salvo poi trattarlo come un genio del male come pezza a colori per giustificare le porcherie della loro dirigenza durante calciopoli.

    Errori ne sono stati fatti e se ne continuano a fare, sarebbe controproducente non ammetterlo, però da qui a cadere nei luoghi comuni sfornati a fasi alterne e a seconda del bisogno contingente da chi ci vuole male…

    …beh, oh, ce ne passa.

    • questa non l’ho capita.

      Si discute di possibili, anzi probabili, intenti di MM.

      Nessuno sta etichettando nessuno, nè MM nè i cinesi.

      Detto questo io non vedo margini per il ritorno con la maggioranza. Sarebbe troppo oneroso, sia prendersi le quote che poi sostenere il giocattolo.

      Altra storia è dividersi la parte sportiva con quella economica-commerciale-finanziaria (che è poi la parte che interessa ai cinesi).

      Sulla carta il ragionamento filerebbe anche: noi mettiamo soldi e sbocchi commerciali, tu ci metti la competenza sportiva e la conoscenza del mondo del calcio. Il giorno che si tornerà in utile poi si divide pro quota, come pure nel frattempo per la copertura dei debiti.

      Da qui a dire che poi funzionerà anche nella realtà ce ne passa, ma credo che non sia del tutto illegittimo iniziare a farsi certe domande visto che è uno scenario imminente più che plausibile.

    • Né a meno, né a prezzo di costo. Ne’ gonzo, né genio del male. Not the issue.

  523. No, Wolf, mi rivolgevo a Gus

  524. Comunque sia, io, almeno al momento, questa imminenza del ritorno di Moratti come socio, sia pure di minoranza, non ce lo vedo.

    Magari più in là, o in caso di nuovi rimpasti societari, ma, boh, oggi non ne riuscirei a vedere il senso.

  525. Per imminenza non si intende domani, ma si intende la tempistica con cui thohir uscirà dall’inter. In teoria dovrebbe esser contestuale.

    Il senso lo devi chiedere a MM

  526. Appunto, cosa gli chiedo il senso di qualcosa che non ha ancora fatto?
    Perciò mi (e vi) chiedo: ma da dove sbuca fuori questa cosa che Moratti riprenderebbe delle quote dell’Inter?

  527. Quoto Gus delle 4,56 p.m.!

    Bravissimo.
    Su MM analisi perfetta!
    Anche durante calcipoli ne ha fatte di ogni, e dire che sapeva bene come stavano le cose, ma lui, nonostante ciò, preferiva cacciare allenatori e comprare compulsivamente giocatori, buttando soldi a destra e a manca! E aspettando, ogni volta, come giustamente detto, “l’uomo del destino” (per fortuna poi, alla fine, è arrivato, ma che ad un certo punto sembrava essere addirittura moggi!, cioè il “male in persona”).

    No, non lo rivorrei MM.
    Ma non tanto per queste cose, quanto per il semplice motivo che oramai ha fatto la sua epoca.
    Ci vogliono persone nuove e più in linea coi tempi.

  528. Gus

    la mia posizione su Moratti, Mancini, il Mou, e i vari giocatori come Zanetti, Cambiasso e Milito, per chiuderla qui ma ne potrei citare tanti altri, per esempio Ronaldo ed anche Ibra, per dirne due finiti dalle stelle alle stalle, è solo di riconoscenza per quello che mi hanno dato, nessun altro motivo se non quello, nessuna beatificazione ma difesa anche strenua se leggo parole fuori posto o non attinenti alla realtà in base a giudizi su episodi singoli marginali che non tengano conto dell’insieme delle gioie e dei momenti di gloria vissuti grazie a loro.

    per cui non me ne frega niente delle interviste sul marciapiede, degli incarichi dati per affetto o per generosità, ai tanti allenatori cambiati anche grazie alla triade considerando che se nel 1998 Simoni vinceva lo scudetto sarebbe rimasto al suo posto e non ci sarebbe stato bisogno di chiamarne tanti altri per arrivare al Mancio.

    riguardo alla voragine finanziaria creata da lui se l’ha creata è stato a fin di bene anche nostro e non mi sembra che se ne sia uscito prima di avere sistemato le cose che a questo punto non sembrerebbero così tragiche, considerando che se la Suning ci ha trovato appetibili il merito è anche suo per avere vinto scudetti in serie e la Champion non 50 e passa anni fa ma dal 2006 al 2010.

    le voci su Cappello e Moggi stanno solo a significare che lui voleva vincere e che su Calciopoli non sapesse niente, Capello era uno che ovunque fosse andato aveva vinto e Moggi, pur essendo il delinquente che si è saputo dopo, in quegli anni era quello che aveva fatto vincere il Napoli e la gobba e come dirigente era il migliore che ci fosse in circolazione, pur capendo dopo come lo sia diventato.

    non c’è giocatore al mondo che ne abbia parlato male, tutti lo ricordano con affetto e stima, anche perchè li accontentava in tutto, ricordiamoci però che Milito chiese l’aumento a trent’anni dopo una vita da comprimario solo perchè quell’anno vinse il triplete di cui un gran merito va dato a lui, non chiese l’aumento dopo un quarto posto in campionato, senza peraltro un gran merito di quello che l’ha chiesto ed ottenuto.

    per dire…

    • Solo per onestà Corso, e nient’altro (che sul fatto che se al mondo ci fossero più Moratti e meno Agnelli, ramo Massimo, sarebbe un posto migliore credo siamo d’accordo…) ma la conversazione (registrata) tra Nucini e Facchetti terminata con un generico esposto in procura (mentre avrebbe potuto essere l’esplosione di calciopoli qualche anno prima) è del 2000 o 2001 se non sbaglio. Si sapeva, si è stati zitti.

  529. Gus

    si sapeva quello che tutta Italia ha visto nella partita contro la gobba nel 1998 dove il rigore di Ronaldo è stato solo la ciliegina sulla torta di un arbitraggio da denuncia penale che con un arbitro equo ed onesto la juve quella partita l’avrebbe finita in sette o otto giocatori per l’espulsione con rosso diretto o somma di ammonizioni.

    Nucini a Facchetti ha detto quello che già lui e tutti noi ci si immaginava da sempre, il punto è che senza prove non potevi fare niente e forse non l’avrà nemmeno detto a Moratti per non fare la figura del credulone.

    per cui figuriamoci se Moratti, se fosse stato a conoscenza di tutto, si sarebbe tirato in casa due che di lì a poco avrebbero rischiato di finire la carriera come poi è successo per moggi, a cappello non è successo niente perchè il suo coinvolgimento non è stato possibile dimostrarlo, anche se lui continua a professare la sua innocenza da anni e a dire che i due scudetti revocati li considera suoi, il che fa pensare che il suo continuo ripeterlo sia per convincere se stesso più che gli altri.

    oltre al fatto che nemmeno Julios Verne avrebbe potuto immaginarsi una cosa così, nessuno di noi che pure sospettava la gobba di avere favoritismi dagli arbitri se la è immaginata di tali proporzioni, e nemmeno Moratti.

  530. http://m.fcinternews.it/focus/simeone-e-a-milano-e-si-fa-sibillino-sono-qui-per-l-inter-non-si-sa-mai-231155

    Fonte tuttodport

    Subito all’opera, ricomincia la demolizione del nuovo allenatore da parte delle p.i.!
    Prepariamoci.

  531. La cosa brutta è che a dare spago alle mattanze sono anche i siti interisti!
    Mah…

  532. Pioli si è presentato bene:usa ancora le mitiche adidas copa mundial!

  533. Che silenzio…tutti in tensione per il big match con il Lichtenstein? Nessuno ha voglia di commentare la goleada di Gabigol con il Chiasso?

  534. forse anche i settoriani sono consumati dal dubbio più grande di questi giorni:
    MadonnaCiccone è più dispiaciuta per la sconfitta della Clinton o perché non potrà esercitare la sua migliore arte con milioni di americani..?

  535. Ma per quale motivo all’Inter un grande giocatore deve essere per forza considerato un grande dirigente? Non per forza i grandi Interisti diventano grandi dirigenti, bisogna cercare uomini giusti a prescindere dal tifo!

  536. Mi sto guardando l’addio al calcio dl Principe Milito. Che nostalgia.
    L’abbiamo mandato via come giocatore finito ed ha fatto vincere il campionato al Racing che era messa peggio di noi.
    Mourinho mavaffanculo potevi restare ancora 2 o 3 anni e consolidare la squadra. Solo da noi certe cose. Che peccato smontare quella squadra.

  537. Per chi vuole vedere l’addio in diretta
    https://youtu.be/AwUHT3WQraE

  538. fossi Ausilio a gennaio venderei Icardi al Napoli e mi comprerei Belotti prima che ci costi più di lui alla fine del campionato, prima o poi si accorgeranno tutti che il nostro di progressi non ne farà mai.

    se fosse vero l’interesse per Kondogbia via anche lui senza pentimenti e con il ricavato fiondiamoci su un paio di terzini forti o almeno uno.

    Belotti pur giocando con quelli della mutua, stasera ha fatto vedere cosa vuole dire muoversi e smarcarsi e il gol, fino a questo momento più bello, gli è stato annullato per fuorigioco, ma il gesto tecnico rimane, a significare che è bravo.

  539. Poi, guarda caso, vengono all’Inter e non combinano più niente, ma questi son dettagli.
    Che se i nostri segnassero come fanno nelle nazionali, segneremmo più della Juve e del Napoli.

    Fare 20 gol nelle squadre di media classifica e farne 20 nelle squadre di vertice, o comunque blasonate, non è la stessa cosa.

    Come quando si voleva dar via Icardi per Gabbiadini, che uno non commenta solo per carità di patria.
    Ora va di moda Belotti, e vabbè…

  540. appena parlo bene di uno questo mi sbaglia due gol…

  541. E intanto, mentre noi scambieremmo Icardi con l’attaccante di riserva della berretti del Vergate sul Membro
    (aggiungendo noi un conguaglio, eh, non vogliamo fregare nessuno)

    in Argentina perfino Kempes ha invocato Icardi in nella seleccion.

    Ma Bauza, a quanto pare, anziché la panchina preferisce salvare l’onore di Maxi Lopez.

    Contento lui.

  542. Mi provoca un senso di fastidio, di tristezza e anche di sofferenza leggere in un blog interista quel che si dice, o meglio si maligna , intorno al povero Moratti, e non tanto per le congetture in sè, sulle quali non ho prove se vere o false, ma per il tono con cui queste notizie vengono riportate e discusse dai frequentatori del blog, tra annoiato, sarcastico e preoccupato per il pericolo (?) che Moratti possa rientrare tra i decisori delle sorti della società. Stiano tranquilli i giovani (immagino) rottamatori del blog , entusiastici fans dei nuovi padroni e certi, a quanto capisco, delle future fortune che si preparano per la nostra squadra grazie a loro e alle loro risorse. Se conosco bene Moratti, e lo conosco, lui e la sua famiglia , da numerosi decenni, non credo abbia nessuna voglia e neppure nessuna possibilità di rientrare in gioco. Solo quella passionaccia di tifoso, che impedisce a noi, nonostante le delusioni che da tanti anni ci procura la nostra squadra , di distaccarcene, disinteressandosi delle sue vicende, spinge lui , e con maggior ragione, considerando ciò che è stato con la sua famiglia per questa squadra, a intervenire, se richiesto, sulle vicende tormentate della società. E come potrebbe essere altrimenti con tutto quello che ha dato in tempo, sostanze e impegno decennale, sempre col disinteresse e la signorilità che lo hanno contraddistinto e che gli è stato riconosciuto da tutti? Tranne che il puro prestigio, che gli sarebbe derivato dall’essere a capo di una famosa squadra, non credo sia mai stato mosso da altri interessi , personali o di famiglia, vale a dire legati alle attività dell’industria petrolifera di cui insieme al fratello era a capo . Pertanto fantasticare di occulte manovre e segreti inconfessabili riferite ad una persona del genere, senza uno straccio di prove circostanziate, e accettate a scatola chiusa da tifosi che si presume interisti, in un blog interista, non mi sembra una grande prova di fedeltà ai colori e al buon nome della nostra squadra, e non dico di riconoscenza, che è merce rara, ma almeno di rispetto verso un uomo e la sua famiglia che delle fortune di questa squadra sono stati i principali artefici.

  543. i Moratti hanno reso l’Inter Grande nel mondo: e nessuno lo puo negar

  544. Nel mio cuore, ora e sempre, Moratti Presidente…

    Grazie anche al Principe… se ripenso a quel maggio 2010 mi vengono ancora i brividi…

    Icardi non convocato in nazionale? Non ne farei un dramma; preferisco resti alla Pinetina ad allenarsi, lontano dagli infortuni

  545. Ma infatti se nessun giocatore dell’Inter fosse convocato in nazionale io sarei felicissimo ve lo ricordate il derby del 2011 che poteva essere il nostro sorpasso sul milan con Zanetti e Cambiasso convocati pochi giorni prima x un’amichevole in Costarica (o qualcosa del genere)? Sarà che la nazionale italiana ormai mi sta sulle scatole giusto un po’ meno della rubentus …

  546. per il mio modo di pensare criticare Moratti e come criticare Che Guevara

  547. L’unico a difenderlo?
    Ma se sono due giorni che…

    vabbè, vah

  548. Mah chissà perchè io pure avevo capito che erano più i contrari che i pro a favore di un rientro , in minoranza o con qualche altro ruolo , di MM.
    Invece come me, ce ne sono allora !
    Grazie Scettico per avere sintetizzato al meglio il parere di noi pro ( con i dovuti paletti s’intende).

  549. E’ sconcertante vedere come puntualmente Jovetic e Brozovic, in nazionale, facciano vedere prestazioni super…

    Nel turno scorso hanno segnato tutti e due. Jovetic, con il Montenegro, segna praticamente ogni volta che scende in campo…

    Con l’Inter invece, prestazioni sempre altalenanti, poca convinzione, pali, legni sfiorati e tanta sfiga…

  550. Per non parlare di Coutinho.
    Evidentemente Appiano gentile è in una sorta di triangolo delle Bermude, dove i calciatori perdono le loro caratteristiche, io farei un sondaggio, magari il terreno è pregno di Kriptonite.

  551. scusa este,

    non credo di essermi preso un merito nel dire che su questo blog sono l’unico ad avere difeso Moratti SEMPRE, e prima dello Scettico avevo appena finito di farlo con Gus quotato da Internazionalista.

    fosse stata la prima volta potrei capire, ma credo sia stata la millesima più o meno, dove periodicamente saltano fuori commenti che lo accusano di tutto e che io ho sempre ribattuto.

    per cui non ho millantato niente nel dire che sono l’unico ad averlo sempre difeso da tutti gli attacchi pretestuosi ed immotivati ma anche motivati, in quanto, io tengo conto di tutto e non mi fermo al singolo episodio dove magari la critica che ha ricevuto era giusta.

    che poi ci siano dei Settoriani che la pensano come me è fuori discussione, ma che intervengano spesso a difenderlo come ho fatto io è altrettanto fuori discussione che non è vero.

  552. http://www.ilmalpensante.com/2016/11/14/laddio-diego-alberto-milito-attaccante-totale/

    Ve lo consiglio. Un pezzo strepitoso. Speravo che anche settore scrivesse qualcosa a proposito dell’addio al calcio del nostro Principe, invece…

    Spero in un vostro commento all’articolo e al protagonista UNICO dell’articolo…

    Grazie Principe!!!

  553. Grazie… Quello sul Principe un pezzo bellissimo…

    L’intelligenza calcistica e i movimenti di Milito in campo, sono da insegnare alla scuola calcio…

    2010 – Pallone d’oro “ad honorem”

    • Anche Sneijder quell’anno avrebbe meritato alla fine se non ricordo male fu terzo ma il vero scandalo fu che Milito non era incluso nemmeno nella rosa allargata di 30 o 40 candidati un po’ di tempo fa scrissi che in quella rosa c’erano nomi che ti facevano chiedere “ma chi cazz’è?” come in un vecchio sketch l’assenza di Milito x me ha decretato la fine della credibilità del pallone d’oro (dopo che già mi erano venuti grossi dubbi quando lo diedero al gobbo dopato cannavaro nel 2006)

  554. A Madrid verso la fine non rincorse un pallone che stava andando sul fondo proprio sotto di noi e lo apostrofammo ” Corri, che non hai fatto un cazzo per tutta la partita”

    Che fortuna averlo visto giocare.

  555. andare OT non si può e i commenti vengono cancellati anche se un post di Settore sta su un mese e ci sono altri argomenti più interessanti da discutere, però si può tranquillamente prendere per il culo un altro utente senza che nessuno si sogni di intervenire.

    dai misteri di Parigi a quelli di pavia…

  556. Però tu Corso (scusa se te lo chiede un “consulente esterno”) dovresti fare outing e spiegare perchè Cacciatroll ti ha preso così di mira:

    ti vedi di nascosto con sua moglie?
    gli hai rigato la macchina senza lasciare un biglietto sul parabrezza?
    gli rubi i funghi da sotto il naso ( tipo che lui trova un porcino e tu vai vicino con il bastone a sfrucugliare per vedere se ce ne sono altri)

    No perchè in mancanza del campionato uno comincia ad appassionarsi anche a queste vicende…

  557. a Moratti dobbiamo tantissimo e’ vero, passione vera, investimenti,trofei e soprattutto quel fatto di averci fatto sentire unici, “moralmente superiori” e quindi orgogliosi rispetto alle 2 nostre storiche avversarie e credetemi questo e’ davvero tanto.

    Ma a Moratti dobbiamo(in buona parte) anche questo vergognoso atteggiamento mediatico nei nostri confronti in quanto ha basato per 20 anni la Sua comunicazione in maniera personalistica,grandi elogi alla Sua persona da una parte e sputtanamento continuo verso il mondo Inter dall’altra, nonchè una inesistente organizzazione societaria dove tutte le responsabilità sono sempre cadute solo ed esclusivamente su allenatori e giocatori, per questo motivo da noi ne abbiamo bruciati più di altri.

  558. quando il concetto del difendere qualcuno da pericoli immaginari viene svilito a infinita riepilogazione di vicende stranote

    la verità molto semplice è che parecchia gente non riesce ad accettare un’Inter senza Moratti,non c’è bisogno di ripartire ogni volta dalle guerre puniche e Lucescu e Simoni,tanto per allungare il brodo: lo vogliono indietro e basta,contro ogni logica,realismo e buonsenso

    • accettare l’Inter senza Moratti è molto più facile che accettare certi tifosi, è questa la vera questione, caro il mio tagnin con alter ego annessi.

      nessuno sogna un ritorno di Moratti, ma se il giornali fanno trapelare un suo tentativo di rientro dalla porta di servizio approfittandosi di questo momento un pò di cacca, non è che ci si debba inorridire e sentire solo le campane di quelli che non lo possono più vedere, si possono pure sentire le altre campane e quotarle.

      ovviamente se quelli che non lo vogliono nemmeno dipinto ritirano fuori le solite storielle rivedute e corrette a loro uso e consumo, è ovvio che anche gli altri dicano la loro per ribattere certe accuse.

      la questione non è Moratti, la questione è fra di noi…

  559. Ringrazio io coloro che hanno condiviso il mio sentimento, che trae origine da vicende personali che mi piace ricordare.
    La mia educazione interista non è avvenuta nell’ambito familiare, padre interista, zio che regala magliette dei colori della squadra preferita, ma grazie alla lettura degli articoli di Gianni Brera, grande interista e grande amico di una giovane coppia, il Moratti e l’Erminia che da umili benzinai diventarono nel giro di qualche anno proprietari di un impero industriale. Una storia tipicamente lombarda, anzi piuttosto lombarda che italiana, fatta di duro e onesto lavoro, molto diversa da quella che più tardi caratterizzerà l’ascesa di Berlusconi, molto italiana e poco lombarda, ottenuta grazie ad ammanigliamenti politici e discutibili amicizie.
    La grande passione interista, comune a marito e moglie , argomento per i cronisti del tempo, per la sua originalità, di curiosità e di meraviglia , trovò il suo cantore nelle frequenti rievocazioni di Gianni Brera(come le cavalcate in motocicletta per le strade di Lombardia dei due sposi…) Fu la loro una storia d’amore e di passione sportiva , che colpì la fantasia di noi tifosi , quando Angelo , uno di quegli straordinari costruttori di fortune che fecero grande l’Italia dell’immediato dopoguerra ,divenne presidente della nostra squadra, e costruì con Herrera la squadra “perfetta” . Terminato quell’irripetibile ciclo, cedette ad ad altri la sua creatura e visse in dignitoso ritiro dal mondo sportivo fino a quando il figlio Massimo fu in grado di riprenderne le redini .
    Quali siano stati i meriti di Massimo , almeno per noi interisti , è inutile ricordarli. Ne siamo stati tutti testimoni. Confesso che anch’io non ho condiviso tutte le sue scelte, come il licenziamento di Simoni, l’eccessiva affezione per giocatori a mio parere sopravvalutati, come Recoba, la rivendicazione dello scudetto cosiddetto di cartone e altre discutibili scelte che magari molti interisti hanno al contrario assai apprezzato. Tuttavia ho sempre ammirato, di fronte al fare cialtronesco e volgare dei Tavecchio e dei Lotito, il modo signorile e discreto di interpretare la figura di presidente di società sportiva. Al punto che, nella sua decisione di cedere la squadra, mi piace credere che,oltre alle difficoltà economiche , abbia giocato il disgusto di aver rapporti con certe persone. Son sicuro invece che gli sarà costato molto cedere la sua creatura ai cinesi, ad un’ azienda che non si sa bene cosa voglia farne, a persone del tutto digiune di come si conduce una squadra di calcio e le sue apprensioni più che giustificate sono anche le mie e di molti tifosi interisti . Capisco che i tempi sono cambiati. Questo è il tempo dei Trump e dei Salvini, non dei gentiluomini alla Moratti. Ma almeno non si neghi il rispetto a chi ha costruito con impegno disinteressato e passione le fortune della nostra squadra.

    • Mi preme solo ricordare che se tu dici “scudetto cosiddetto di cartone” è come dire “scudetto di cartone”. E così lo chiamano solo i gobbi.
      Per il resto concordo.

  560. La logica, il realismo e il buonsenso porterebbe a dire che Moratti è fuori dall’Inter.
    Ora, non si capisce bene il perché, si sta fantasticando da giorni su un imminente rientro in società, dopo 3 mesi dalla cessione dell’ultima quota azionaria.

    Il vero problema, oltre ad essere totalmente privo di buonsenso di cui sopra, è che quando si parla di Moratti il discorso diventa manicheo.

    O ci si appella alla riconoscenza in un’accezione talmente ampia da perdere ogni minimo diritto di critica
    oppure viene visto come il male oscuro dell’Inter.

    L’Inter senza Moratti si può tranquillamente accettare, un Inter che (per assurdo, al momento, lo ribadisco) dovesse avere una presenza azionaria di Moratti, ci darebbe quella tranquillità in più che qualcuno all’interno ha a cuore le sorti dell’Inter.

    Cosa ci sia di così scandaloso, poi…

  561. @Este
    Tutto nasce da un articolo del Giorno non smentito da Moratti, anzi se vogliamo “rafforzato” con una successiva telefonata al giornale. In perfetto stile comunicativo morattiano, mi verrebbe da aggiungere.
    Parlo per me, da cui non credo debba difendersi nessuno e tantomeno il Presidente Ernesto “Che” Moratti (scusate ma è più forte di me, ce l’avevo in canna da quando l’ho sentito paragonare a Guevara qui dentro…). Poi, se non si riesce a dividersi manicheamente come dici tu, pace.
    @Scettico
    In tempi di Trump e Salvini servirebbe certo un pò meno signorilità ed un pò più “antipattica” voglia di scendere dalla torre d’avorio e sporcarsi le mani nella pugna, ma serviva anche ai tempi di Moggi ed a quelli recenti del “giovin signore” che diffondeva indisturbato e con successo il suo revisionismo a discapito di noi tutti.

  562. Cosa c’è scritto in questo articolo non smentito? E cosa ha detto lui in questa telefonata?

  563. Este ti ho girato i link, me li stanno moderando.

  564. io faccio articolo del Giorno + recenti vicende con esonero e tentato colpo di mano degli scagnozzi della vecchia gestione (disastrosa economicamente,ricordiamolo)

    e mi preoccupo,altro che supercazzole

    mi preoccupo per una gestione paternalista che quando ha finito i soldi ma non poteva “deludere gli amici”(cit.) ha fatto danni più della grandine,affossandoci sul piano sportivo senza risanare quello economico perché si affidava a comprovati incompetenti dei quali non siamo ancora riusciti a liberarci

    tutto qua,e godetevi gabiqualcosa,l’ultima genialata

  565. bisognerebbe attenersi ai fatti e non alle supposizioni un tanto al kilo, perchè i fatti hanno dimostrato il contrario, a meno che 16 trofei contino meno di supposte telefonate, di supposte ingerenze dopo avere venduto, di mancate prese di posizioni contro i media e gli ovini, di supposte crisi finanziarie che annualmente venivano risanate e ripianate di tasca sua e di nessun altro, fintanto che a fronte di contestazioni del menga già avvenute in passato, tanto da costringerlo alle dimissioni due volte, senza che un cane poi chiedesse scusa visto che i mancati successi erano dovuti alle ingerenze della triade, si è rotto le balle a fronte di così tanta riconoscenza ed ha passato la mano, non prima di avere trovato un acquirente serio e non un Farina qualsiasi, ovviamente per amore dell’Inter, non per dei tagnin e C.

  566. il palmarès non è pertinente

    come tutto il resto, ma vabbè

    moriremo riconosienti, perché sì

    • si tagnin, è così che si fa, perchè non ti puoi dimenticare come hai goduto nel 2006 anno dello scudetto e della gobba in serie B anche se doveva andare in eccellenza, nel 2007 dopo avere battuto tutti compresi quelli che ci dovevano prendere a Natale, ma che su qui, forse tu, è stato detto che dovevano precisarci l’anno, nel 2008 idem anche se con un pò di più di sofferenza, ma ne ne è valsa la pena andare a Parma sotto l’acqua a prenderselo, nel 2009 altra passeggiata come nel 2007 ma con il Mou, nel 2010 l’anno del triplete con annesso un altro paio di trofei arrivati in quell’anno anche se il Mou non c’era più.

      perchè Moratti va giudicato nell’insieme, non solo in determinati momenti, sarebbe come giudicare Dante Alighieri senza tenere conto della Divina Commedia.

  567. Massimo Moratti, ma anche Ernesto Pellegrini, hanno un incontenibile e sano amore per l’Inter: come tanti di noi_ Solo che in più ci hanno messo la grana, e tanta_
    Le porte dell’Inter davanti a loro si devono spalancare, se esiste un minimo di riconoscenza_

    • Eh ma allora ci sarà pure qualche erede del Fraizzoli o del Masseroni da aggregare alla compagnia di scalatori…

  568. Scusa Corso46, ma… al “cacciatore di troll” cosa gli hai fatto?
    Mi sembra un manichino blaterante e sovente, salto i suoi pseudo commenti a piè pari.
    Non vorrei commettere un reato di opinione, ma con tutta onestà credo abbia
    rotto ampiamente i coglioni.

  569. grazie Enzo…

  570. Corso
    “…perchè Moratti va giudicato nell’insieme, non solo in determinati momenti, sarebbe come giudicare Dante Alighieri senza tenere conto della Divina Commedia.”

    Te lo dico alla vecchia maniera : “Bravo!”
    Che con sti +1 non si capisce se si fa salotto o algebra.
    Inoltre sfido chiunque a tirare fuori altri tre titoli di opere scritte da Dante senza consultare Wikipedia.
    È un po come i Jalisse che hanno scritto “Fiumi di parole” ed hanno vinto un Sanremo e sono spariti :-O

  571. grazie anche a te Javier +

    è un concetto che sto portando avanti fin dal 2011, ma solo stasera sono riuscito a sintetizzarlo come si deve.

    approfitto per dire a Gus che Fraizzoli non ha avuto figli, ma ha adottato l’Inter insieme alla Lady Renata e le hanno voluto bene forse ancora di più dei Moratti.

  572. Ci sono persone che perdono la testa per una donna, o per una macchina o per un’opera d’arte o per una località o per una musica o per un animale o per una squadra di calcio o per altro ancora; altre no, sempre raziocinanti, col bilancino_
    A queste ultime dico: che cazzo campate a fare?

  573. O i peana per Moratti o il suicidio di massa. Notte va’ devoti bontemponi, che è la settimana che porta al derby…

  574. non continuiamo a spostare il focus, ripeto

    si parla dell’opportunità di un suo rientro all’Inter, ok?
    mettetela lì

    in questo momento, alla luce del declino societario degli ultimi anni, l’uomo che invecchia mentre i cortigiani fanno il cazzo che vogliono mentre i soldi scarseggiano, quello che vi pare,

    io sarei (sarei perché alla fine se caccia il grano rientra, c’è niente da fare) per un cortese quanto fermo no, grazie

    soprattutto perché l’uomo non è capace di restare nel ruolo di rappresentanza che eventualmente gli si potrebbe ritagliare, ma anche perché è ora di dare un taglio netto col passato e chiarire una volta per tutte che le decisioni si prendono a Nanchino o da delegati all’uopo, non esiste un ds che parla a cazzo di un libro che il vicepresidente non ha letto mentre l’ex azionista di minoranza fa capire che lui l’allenatore l’avrebbe già cacciato, capite da soli che è un casino intollerabile

    • ecco… senza fare elenco dei trofei VS elenco delle nefandezze, credo che messa giù in questi termini sia assolutamente condivisibile.
      Moratti ha segnato un’epoca e questo nessuno glielo toglierà mai… ma OGGI sarebbe anacronistico e fuori luogo.

      Se tra 10-15 anni ci sarà un altro Moratti presidente non è dato sapere, ma QUEL Moratti credo abbia già dato e non credo possa portare nuova linfa, anzi.

  575. Premessa:
    dire che Dante ha fatto solo la Divina Commedia è una cazzata (spiace non trovare un termine mendo duro, ma è l’unico che rende, e comunque siamo nell’oggettivo spinto) talmente grossa che può essere battuta solo dal paragone coi Jalisse.

    Cioè, dai, chi non ha mai sentito parlare di “Guido, io vorrei che tu Lapo ed io” o di “Tanto gentile e tanto onesta pare”, che spesso si usano anche nel linguaggio quotidiano.

    Vabbè.

    Veniamo a Moratti. Io quello che non capisco è come si possa pensare che i cinesi siano venuti qui a farsi dire quello che devono fare da Moratti.
    Ma, cioè, stiamo veramente parlando di questo?

    Ma secondo voi Suning non vigila sui soldi che mette in ballo? Ora, va bene che del calcio gliene frega poco, ma dei soldi, quelli fregano a tutti.
    Cinesi compresi, fidatevi.

    Cosa significa “non è capace di restare nel ruolo di rappresentanza”?
    Se non ne è capace, lo diventa, non è roba sua, non sono soldi suoi, ma dai, ma di che stiamo parlando?

    Io non dico di essere un cosmopolita ma qui si esagera.

    • non so dove hai letto che Dante ha scritto solo la Divina Commedia, sarebbe meglio leggere bene quello che ci si accinge a commentare, per non dire cazzate a sproposito, termine usato giornalmente che di duro ha solo quello che rappresenta se stimolato a dovere.

      dire: giudicare Dante senza tenere conto della Divina Commedia, significa giudicarlo per tutte le sue altre opere ma tralasciando quella che l’ha reso immortale, non significa che ha scritto solo quella, ma tutt’altro.

  576. tagnin,

    te lo chiedo senza trapanarti i denti:

    è sicuro?

    no perchè qui sei tu con altri che state facendo il processo alle intenzioni, solo perchè l’ha scritto un giornale e da quel che ne so lui ha smentito, e lo state accusando per le “presunte” manovre destabilizzanti fatte da lui con ” l’ausilio” di Ausilio e Zanetti.

    se è vero ne riparleremo a tempo debito e discuteremo se sarà una opportunità vantaggiosa oppure negativa, anche se del tutto teorica in quanto, come hai detto tu, se ci mette la fresca chi glielo può impedire?, ma adesso non ha alcun senso parlarne male senza sapere veramente le sue intenzioni e senza sapere se è vero che Ausilio e Zanetti sono due marionette nelle sue mani.

    direi che sarebbe ora di finirla di fare supposizioni, atteniamoci ai fatti quando questi potranno essere chiamati tali, se no chiunque può azzardare ipotesi senza sapere un cazzo.

    perchè sta storia delle presunte voci ed illazioni è un film già visto questa estate e a farne le spese è quello adesso accusato di alto tradimento e viltà davanti al nemico, anche se doveva andare in Russia a fare la guerra in inverno con la tuta estiva, senza armi ne munizioni e sopratutto senza sapere a chi cazzo dare retta visto che ancora adesso non si sa chi comanda.

  577. Però ha pensato bene di aspettare che finisse l’inverno per capire se voleva andare o restare.

    E soprattutto non gli interessava tanto il se, ma il “quanto”
    (al netto delle promesse di contratti stracciati).

    Del resto chi nasce juventino, quello rimane.

  578. Este erano solo battute.
    Sui Jalisse non ti rispondo neanche.
    Sulla notorietà delle altre opere fuori dal classico alle superiori non se le fila nessun programma scolastico se non per una manciata di righe utili proprio ad un interrogazione , La Divina Commedia copre qualunque altra cosa .
    Cmq era una battuta…. mamma mia !

  579. il quanto era stabilito a priori in cinque milioni come da contratto in scadenza nel 2017.

    bastava gli dicessero vai avanti senza rompere i coglioni e lui doveva stare zitto oppure dare le dimissioni.

    se non l’hanno fatto e gli hanno dato due milioni significa solo una cosa, ma per te deve essere troppo difficile da capire e da accettare visto che su questo avete scritto fiumi di parole più dei Jalisse senza sapere una beata minchia, come quelle che stanno scrivendo adesso su Moratti.

    leggi bene quello che ho scritto perchè non vorrei ritornarci sopra…

  580. Doveva star zitto o dare le dimissioni.

    Oppure mandarci a ramengo la preparazione atletica e la squadra, mandando a gambe all’aria l’allenatore successivo.
    Sperando, a questo punto solo lui.

    Indovina quale opzione ha scelto?

    Ribadisco. Chi nasce juventino non diventerà mai interista.
    Checché se ne dica.

  581. su Dante nemmeno un rigo?

    chiudiamola così…

    riguardo al Mancio ci rinuncio, perchè se uno è attaccato ai soldi come dici si fa licenziare e si becca 5 milioni e non 2 per andarsene via, bastava come hai detto tu nel non fare la preparazione estiva come si deve, perdere le partite come le ha perse DB e lo avrebbero messo alla porta a ottobre.

    più semplice di così, invece fa casino sabotando la preparazione, così quello che lo sostituirà lo prenderà nelle chiappe, si fa licenziare dieci giorni prima apposta così quello che arriverà non avrà nemmeno il tempo di dire bà e se ne andrà via tutto contento con in tasca due milioni al posto di cinque se avesse avuto la pazienza di aspettare ancora un mese.

    piacerebbe sapere cosa guadagni se per te guadagnare tre milioni in un mese fa tanto schifo.

    • Vuoi un rigo? Eccolo.

      “tralasciando la divina commedia, tutte le altre opere lo renderebbero comunque il più grande”

      Acc… non ce l’ho fatta di poco.

    • No, Corso, perché se le pigli dal Pescara dopo 21 mesi che hai in mano la squadra, cadrebbero anche gli ultimi alibi.

      E gli sarebbe davvero rimasto un solo tifoso.

      Ti lascio immaginare chi.

  582. Una chicca:

    il Milan ha diramato la data ufficiale del closing….
    o il 2 o il 13 dicembre.

    Umorismo involontario.

  583. quando dico che Moratti non saprebbe stare in un ruolo di rappresentanza voglio dire semplicemente questo,che non saprebbe starmene zitto con la stampa e cercherebbe di influenzare le politiche societarie ancor più di quanto stia facendo adesso

    lo dico,senza toga e bavaglio,e le sceneggiate da processo penale anni ’50,sulla base dell’esperienza,la stessa che mi fa preoccupare perché domenica giocheremo contro una squadraccia catenaccio e contropiede e probabilmente giocherà santon:faccio meglio a basarmi sulle cagate in serie combinate nel 2016,o devo essergli grato (massì,grazie a tutti) perché Mourinho ne ha parlato bene nel 2008?

    il contrario del sapere scientifico è la superstizione (e a questo punto anche la riconoscenza)

  584. le altre opere di Dante sono insignificanti rispetto alla Divina Commedia; sono tre tomi fitti, densi e infiniti_ Dante senza il suo capolavoro sarebbe come una partita senza pallone: niente da vedere_

    • Mah magari ha ragione Este , chi in curva non parla di Guido (Rossi) e di Lapo (Elkam) ? Per non parlare poi di come si divorano i libri di Icardi, quelli se li leggono appena escono.
      Non c’è niente da fare, il tifoso interista ha un’altra marcia.

  585. Lo dico, al limite verrò scaraventato nel girone degli eretici (dove d’altronde merito di stare): a parte l’inferno, a me la Divina Commedia scassava i maroni.
    E comunque l’ha scritta il portoghese, mica il petroliere, quello era l’editore.

    • per Divina Commedia intendevo tutti e 16 i trofei vinti dal 2006 al 2011, e quelli sono stati incasellati nella nostra bacheca e non in quella del portoghese, bacheca riempita grazie alle amorevoli cure di Moratti a cui spetta il merito di avere scelto allenatori e tirato fuori i danè per comprare i giocatori, senno sia il Mancio e il Mou si attaccavano al tram.

      il tagnin ha un bel dire sui presunti disastri fatti dopo il 2011, perchè su quelli si potrebbe discutere per giornate e settimane intere, in quanto i dirigenti erano sempre gli stessi, compreso Moratti che ha sempre parlato davanti agli uffici con i giornalisti, ma a nessuno dava fastidio in quel periodo, ha cominciato a dare fastidio dopo quando non si è vinto più un tubo, come a nessuno dava fastidio che nei quadri dirigenziali ci fossero parenti, amici, conoscenti ed affini, perchè ogni anno vincevi lo scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana, a chi cazzo fregava se la Milly era il direttore artistico?

      cerchiamo di essere obiettivi senza volere continuamente portare acqua al proprio mulino, perchè a me di portare Moratti in Paradiso non mi frega un tubo, come non mi frega un tubo di difendere l’onore di Mancini che per non fare brutta figura in campionato (da quel che ho letto sui motivi del gran rifiuto visto che siamo in tema dantesco) ne ha fatta una peggiore risolvendo il contratto dieci giorni prima del campionato e portandosi a casa 2 milioni al posto di 5 che avrebbe preso se lo avessero licenziato loro,

      voglio dire, se è vero, da come è stato dipinto su qui, che è una specie di malfattore, non era meglio farlo sul serio e farsi licenziare dopo un paio di mesi avendo una scusa grande come una casa visto che i giocatori che la dirigenza aveva preso non erano quelli che aveva chiesto lui ?

  586. Ah ecco, perché secondo le mie stime Rime ed Epistole mi valgono tipo la coppa Italia, Vita Nova e De Vulgari più o meno gli scudi, la Quaestio si aggira intorno alla supercoppa e il triplete la Divina. Ma potrei sbagliarmi.

  587. Io questo non proprio non capisco:
    come può un colosso cinese venuto dall’altro capo del mondo farsi influenzare nelle politiche societarie da Moratti?

    Non confondiamo la richiesta di collaborazione/consulenza in un campo sconosciuto a chi ci è stato dentro con passione per 20 anni, con dare carta bianca e farsi sopraffare.

    Così come non sta in piedi la storia che, mentre si vinceva, nessuno criticava niente.
    La debolezza della difesa della società e della squadra da parte di Moratti è cosa nota, e, se ricordate, ad aprile-maggio 2010, quando si accorsero che potevamo vincere tutto

    cominciarono a dircene una al giorno: il figlio di Eto’o, la maglietta del Milan a Balotelli, le intercettazioni di Facchetti,
    che poi Mourinho, solo lui, riuscì a rendere impermeabile l’ambiente da questi attacchi esterni, altrimenti i danè avrebbero fatto la fine del 2002

    non significa che nessuno abbia notato che, come al solito, la società sotto quell’aspetto era sguarnita.

    Il problema è che anche chi lo ha succeduto questo lato non l’ha migliorato
    (per non dire che l’ha peggiorato).

    No, piuttosto, noto che il repulisti iniziato con Bolingbroke si è bruscamente interrotto.
    Dai, che ce ne sono ancora un bel po’ da mandare a casa.

  588. La gestione Morattiana era già obsoleta agli inizi di questo decennio, non vedo come possa tornare adeguata alla fine.

    E’ come chiedere al mio PC del 2010, che nel 2013 era già obsoleto, di aggiornarsi al punto di funzionare uguale a una macchina del 2016.

    E’ inutile menarla coi trofei vinti nel 2008 o arrubbati nel 1998: la storia morattiana ce la ricordiamo tutti, che qua millenials non ce ne sono.

    In quella visione di insieme che corso tanto invoca, credo che tutti si ricordi MM con piacere, affetto e gratitudine. Ma ciò non si può e non si deve tradurre in una riconoscenza infinita che nega momenti bui e gestioni disastrose che ci hanno portato sull’orlo del fallimento. Nè tanto meno deve farci pensare “o MM o morte”

    Le condizioni del 2016 sono radicalmente diverse da quelle di dieci anni fa, se vuoi ragionare da grande dietro ti serve la potenza di fuoco di un colosso (in termini di soldi che porta ma anche e soprattutto che produce).

    MM può avere un senso in qualità di socio di Minoranza, ma senza altra gente in cordata tipo Pellegrini o tronchetti: lui e lui solo, che diventa responsabile diretto della gestione sportiva, insieme ad un adeguato management sottostante

    E soprattutto aborro al pensiero di un suo ritorno con la maggioranza, per le ragioni elencate a inizio commento.

    • Concordo, ma continuo a non vedermelo per niente MM presiedere “un adeguato management sottostante”. Per definizione lui ha sempre lavorato “a prescindere” dall’adeguato management.

  589. Spostando il topic all’immediato presente che c’è un derby alle porte: 4231 o 433 con il Milan? Banega o Brozovic?
    Io dico Brozo.

  590. E’ anche vero che Banega in partite come queste, vedi Roma e Rube, è stato un faro del centrocampo, uno dei migliori in assoluto.

    Sono state le sue migliori prestazioni, non so quanto convenga sacrificarlo in questi match.

    E’ forse più utile panchinarlo contro il Rosmarinese di turno

  591. la visione d’insieme che io invoco è dettata solo per contrastare la visione apocalittica che è stata fatta su di lui e che si continua a fare sulla base di opinioni personali che possono non essere condivisibili da chi ne ha altre basate sui fatti che dicono ben altro sul personaggio in questione.

    se certi atteggiamenti, persone scelte e altre stupidaggini portate ad esempio non hanno influito sui risultati dal 2006 al 2011, significa che non contavano un cazzo, se no avremmo perso anche in quegli anni lì essendo in mano a degli sprovveduti ed incapaci, perchè si ha un bel dire che i media ci hanno rotto le balle lo stesso, ma dato che eravamo forti ci hanno fatto rosina, mentre adesso basta uno spiffero di vento per mandare a casa allenatori come se piovesse.

    i computer si cambiano ogni due anni, gli uomini intelligenti si aggiornano se vogliono stare al passo con i tempi, oppure si circondano di persone di fiducia valide che hanno già dimostrato il loro valore e si affidano a loro, non c’è bisogno di rottamare nessuno sulla base di preconcetti considerando di chi stiamo parlando e chi sono quelli che criticano, senza offesa per nessuno.

  592. cambiano anche i Moratti: io dico che il prossimo a impegnarsi per l’Inter non sarà Massimo, ma il figlio.

  593. Sì, ma quella squadra era un bel po’ più forte di tutti gli altri. Ma tanto.
    Non c’era paragone tra noi e la Roma.

    Fossimo stati trattati un decimo di come viene trattata ora la Juve, lo scudetto lo avremmo festeggiato ai primi di aprile.
    E invece siamo andati a fare la partita della vita contro il Siena una settimana prima della finalissima di Champions, che invece avremmo potuto preparare con calma mentre in campionato, già deciso, probabilmente avremmo giocato noi, se ci fossimo portati gli scarpini al Meazza, per quel che contava.

    Sarebbe bastato pareggiare 3 partite, non perderle, pareggiarle (e poi perdere ai rigori la finale di Champions e quella di c.italia per centuplicare la delusione del 5 maggio).

    Ma ce lo siamo dimenticati? espulsioni, attacchi esterni, media che passavano a circuito continuo lo spot della remuntada del Barcellona (erano tutti filocatalani in quel periodo), attacchi a questo o quello, il revisionismo di calciopoli,
    le notizie ad orologeria…

    e mai una volta che qualcuno, in società, abbia alzato la voce.
    Quell’anno Mourinho lavorò per dieci, non solo come allenatore

    (però tutti a rompere il cazzo perché non è venuto a festeggiare a Milano, tanto per dire che cagafave che siamo)

    ma ce lo siamo dimenticati?

    Se pretendiamo ogni volta di essere 10 volte più forti degli altri per poter portare a casa qualcosa, è ovvio che poi non si vinca per anni e anni.

  594. Vala’ corso

    che anche dal 2006 al 2011 di casini ne ha combinati eccome!
    Solo che lì prima c’era il Mancio e poi, per fortuna, uno che non era un pirla! (semcit.)
    Per cui i danni sono stati molto limitati, se non praticamente nulli.

    Infatti, come se n’è andato Mourinho, ha ricominciato a fare casini, portandoci, di fatto, alla situazione disastrosa che abbiamo oggi!
    Con gli allenatori, millemila giocatori (per lo più scarsi), l’avvento di ET e via dicendo.

  595. Ma infatti la gratitudine a MM va data per la passione profusa, l’impegno anche economico impiegato, e i risultati conseguiti.

    Di certo non lo si può ringraziare per le strutture dirigenziali e finanziarie che ha lasciato.

    Ripeto, ci sono i PRO e ci sono i CONTRO, della sua gestione come quella di qualunque altro.

    I PRO rimangono in forma di palmares e prestigio (che non sono solo paroline d’antiquariato ma fattori attuali, anche economici, vedi diritti TV, capacità di attirare giocatori, allenatori e investitori di livello, marketing, etc), cui si vanno a sommare elementi che non esistono più ma che a suo tempo ci hanno fatto godere, come la soddisfazione contestuale alla vittoria di un titolo

    Purtroppo però rimangono anche i CONTRO, in termini di anni di ridimensionamento e austerità, uefa sul collo, tagli ovunque, perdita di competitività, assenza di un management in grado di ovviare alle molte nostre lacune.

    Del resto si è sempre detto che all’inter si vince quando in panchina ci finisce un allenatore a 360 gradi capace di compensare la debolezza societaria.

    E’ stato così con Mancini 1.0 e poi con Mou, non è stato così con Mancini 2.0 che, da questo punto di vista, ha fallito, riuscendo addirittura ad indebolirci ulteriormente (attraverso i suoi comportamenti estivi) con riguardo alla credibilità di una società che attraversava una delicatissima fase storica, di transizione e ricostruzione.

    Ma tornando al discorso principale, su MM, se è in grado di riproporci i PRO del passato muovendosi però in un contesto dirigenziale ed economico diverso (quindi, eliminando i CONTRO del passato) per me è assolutamente il benvenuto.

    Anzi, il bentornato a Casa sua, chè non è certo un tifosotto da 4 soldi come il sottoscritto che può dare il benvenuto all’inter ad una figura leggendaria per l’inter come MM.

  596. L’abbiamo appena visto come può un colosso cinese farsi influenzare da un ex proprietario, il recente esonero era programmato da questi qua che avevano pronto anche l’amichetto pioli, poi il padrone s’è incazzato a bbiamo fatto le cose con un minimo di calma, anche se alla fine l’hanno avuta vinta loro

    a meno di non pensare che Steven Zhang sia un grande estimatore di Pioli, e vabbè ma allora ditelo (cit)

  597. io mi attengo ai fatti e non a quello che sarebbe potuto succedere se…

    i fatti dicono, e la storia anche, che nel 1998 ci hanno fregato uno scudo strameritato grazie agli arbitri che non hanno visto palle dentro un metro e rigori macroscopici, dicono che nel 2002 hanno ripetuto la rapina e che nonostante questo nessuno ha mai chiesto scusa a Moratti nel 2006 quando venne alla luce calciopoli per averlo fatto dimettere due volte dopo averlo contestato, ingiustamente, visto che lui aveva fatto il possibile per farci vincere ma che altri hanno reso la cosa impossibile.

    i fatti dicono che pur con la sua corte di cortigiani e pur non avendo mai detto niente che vi soddisfacesse in difesa dell’Inter, abbiamo vinto non appena la triade è stata messa fuori gioco e abbiamo vinto alla facciazza di tutti quelli che pensavano di prenderci a Natale, e questo per 5 anni filati, nonostante i bastoni che ci hanno messo tra le ruote prima con il Mancio e poi con il Mou, il che significa che se sei forte te ne sbatti di quello che ti circonda anzi ti fa da stimolo, se sei debole la prendi come scusa.

    che poi fossimo dieci volte più forti delle altre è tutto da dimostrare ma non fa altro che aumentare e non sminuire l’importanza di Moratti, perchè il Mancio lo ha voluto lui e nessun altro che lui, il Mou idem con patate, se no col cazzo che il portoghese veniva in Italia, di conseguenza sminuire Moratti per dei fatti marginali non ha alcun senso per come la penso io e il richiamo alla Divina Commedia significa quello, come se Dante fosse stato giudicato tralasciando l’opera che lo ha reso immortale, anche se le altre opere non erano una schifezza e lo avrebbero comunque reso famoso ugualmente, ma di venire considerato il Sommo Poeta se lo poteva scordare.

    • Sì vabbè, dai.
      Avrebbe scritto le frasi nei biscotti della fortuna.

      E se Manzoni non avesse scritto i promessi sposi, avrebbe fatto il consulente matrimoniale.

      Se Leonardo non avesse dipinto la Gioconda, avrebbe fatto le vignette di qualche quotidiano

      e Miles Davis, senza Kind Of Blue, avrebbe suonato l’adunata in caserma.

  598. Non sono sicuro che sappia chi sia Mourinho, figuriamoci Pioli.
    Ma perché tu volevi farti fare il mercato da Zhang? Siamo seri, è come se mi chiedessero di fare il mercato per i New York Yankees.

    È ovvio che sarà stato tirato fuori dalla dirigenza che io, come avrai avuto modo di intuire, avrei fatto fuori da tempo.
    Oh, che poi Pioli nel complesso non mi dispiace neanche. Il problema è come sia arrivato e tutto il prima, il dopo e il durante, con tutti i casini annessi e connessi.

    Ma in tutto ciò, quel che mi chiedo, è: a Moratti, a parte come tifoso, cosa gliene dovrebbe fottere di far venire Pioli piuttosto che, boh, Marcelino o Zola?
    Cioè, non ha più azioni, non ha più interessi che io sappia, tutto ciò perché? Tanto per mandare in malora l’Inter?

    Qui nessuno influenza nessuno, a me sembra che ormai siamo su discorsi da caffè postprandiale.
    Moratti vende l’Inter per poi riprenderla 3 mesi dopo con non si sa quali soldi e gestirla col beneplacito di un colosso dell’e-commerce cinese che non aspettava altro che farsi gestire la propria roba, coi propri soldi dentro, e farselo incasinare a dovere.

  599. l’Inter che vinceva non era tanto superiore alle altre; più forte si, ma non superiorità schiacciante. E non per nostri demeriti, ma per meriti altrui_ In quegli anni il Milan di Ancelotti fece due finali Champions, la Roma aveva Totti 25enne, le straniere erano fortissime: infatti abbiamo vinto la Champions non da favoriti_ I favoriti gli abbiamo eliminati noi strada facendo!

  600. Io ho parlato dell’Inter del 2010 ed esclusivamente del campionato italiano.

    Nel 2010 Totti aveva 34 anni, Ancelotti aveva vinto la Champions 3 anni prima e l’altra finale l’aveva disputata qualcosa come 5 anni prima e l’anno precedente Mourinho aveva vinto il campionato con 3 giornate d’anticipo.

    Atteniamoci ai fatti, please.

    Tanto più che Totti aveva 25 anni nel 2001, e in quegli anni non si vinceva poi granché.

  601. scusa este

    poi non ti lamentare se ti ci mando.

    già ieri sera te ne sei uscito con frasi senza senso per come era stato tirato in ballo Dante, cos’è bisogna chiedere il tuo permesso per fare degli esempi?, se non ti aggradano chissenefrega, non è quello su cui si sta discutendo.

    adesso rincari la dose, chi ha mai detto che Dante non avrebbe scritto la Divina Commedia ma fatto la reclame dei biscotti?

    se Manzoni se ecc. ecc.

    ma cosa cazzo stai dicendo?

    • ma cosa cazzo stai dicendo?
      ___________________________

      tutto quel mio commento di cui parli
      era un modo ironico per dire la stessa cosa.

    • Tanto per chiarezza.
      Non mi si deve, ovviamente, chiedere nessun permesso per fare degli esempi.

      Se poi tali esempi sono… ehm… discutibili, io, a mia volta non devo chiedere nessun permesso per farlo presente.

      Semplice.

  602. sarà anche semplice per te, ma io non mi sognerei mai di fare una osservazione del genere a nessuno, posso contestare le opinioni e i commenti di tutti, ma non vado a sindacare come li espone, se sono scritti bene o no e se gli esempi che uno fa per chiarire dei concetti sono pertinenti o meno.

    dal momento che ne ho già uno che mi fiata sul collo ogni volta che scrivo per prendermi in giro, non sono dell’umore adatto per riderci sopra se volevi fare solo dell’ironia che mi scuserai non ho capita.

    mi consolo del fatto che almeno Javier+ mi ha detto bravo, così faccio pari.

  603. Buonasera,
    ma se si mettono pure galliani alla presidenza della lega, a cosa andremo a partecipare?

    • Andremo a partecipare ad un torneo in cui, in attesa che noi decidiamo il modello societario da proporre (a gestione integrata italoasiatica, indocinese, vecchie glorie, presidente vintage, videoconference…) i soliti noti si posizionano comodi…

  604. Bentornato a the Wall! Ribadisco che uno così servirebbe in campo…

    Nel frattempo Dominika Cibulkova è stata eletta tennista più sexy del mondo…

    Chissà, magari il post di Sector di qualche tempo fa, le ha portato bene

  605. corso, sì era ironia su un concetto che trovo assurdo.
    E comunque, perdonami la brutalità, ma di quello che tu ti sogneresti di fare o meno me ne frego altamente.

    E rilassati, perché figurati se ho voglia di sprecare tempo a stare dietro a fare il contestatore di qualcuno.
    Men che meno a corso46.

    Leggo i concetti e se lo trovo, nel bene o nel male, argomento di discussione, rispondo/contesto di conseguenza.
    Spesso manco guardo il nick.

    Quello che mi chiedo, piuttosto, è:
    ma se non vuoi che ti si contestino le idee che esponi, che ci scrivi a fare su un blog?

    Ah, già… per farti dire “bravo”

    • a me pare che quelli sei tu.,
      comunque sì, hai ragione: Dante sarebbe stato il più grande anche senza La divina commedia e l’Inter del triplete non è stato un miracolo sportivo, ma doveva stravincere molto più facilmente

  606. Come ho scritto, Acanfora, per quanto riguarda il campionato italiano, sì, fossimo stati trattati come una squadra qualunque e non bersagliati da marzo a maggio, come invece fu.
    Che poi il discorso dello “zero tituli” dice quello, mica mi sto inventando niente.

    La Champions, invece, è stata una sorpresa perché almeno sulla carta c’era il Barcellona più forte.

  607. @cruz, avevi dimenticato il link…
    http://www.thebleacherseats.com/wp-content/uploads/2015/02/dominika-cibulkova.jpg
    per riportare un po’ di buonumore nel blog…

  608. este

    “mi consolo del fatto che almeno Javier+ mi ha detto bravo, così faccio pari.”

    questa è ironia, la tua è maleducazione, solo che da ipocrita come sei, non offendi mai direttamente nessuno, ci giri intorno, fai le battutine, le allusioni, fai passare per scemo, però ti offendi e minacci di non perdere più tempo con quelli come me che sono diretti e dicono quello che pensano.

    se è vero che abiti a Milano ti dico come vengono catalogati quelli come te: come dei pirletta, perchè dargli del pirla è già un complimento e non vorremmo che si esaltassero troppo.

    oh!, non lo sto dicendo a te, ma ai concetti che hai espresso…

  609. Ma come mai ieri Candreva non ha giocato?

    Infortunato o scelta tecnica?

  610. Infortunio, ma non rischia il derby.

    Comunque che strazio san Siro in versione latta stadium

    Fischiano inno tedesco, cantano pesantemente fuori tempo quello italiano, fanno cori su buffon capitano, e ad ogni tocco del portiere avversario urlano a squarciagola per dirgli merda. e non solo sui rinvii, anche in fase di palleggio, tanto da urlarlo anche 3-4 volte in meno di 30 secondi.

    Ci hanno fatto fare una figura di merda, in mondovisione. A noi italiani, e ancor peggio a noi tifosi delle squadre milanesi, nonostante fossero in realtà tutti gobbi.

    Mai più. San Siro faccia barricate contro la nazionale finché non verranno daspati tutti i gobbi.

    • Pensavo una cosa simile, ieri.

      Ci dobbiamo sorbire ogni volta sto teatrino squallido dei fischi all’inno avversario, Buffon che inizia ad applaudire e compie il miracolo…

      che pena.

      Che poi uno dice: ma vabbè, chissà quale squadra di club tiferanno mai questi qua.

      Al primo rinvio del portiere avversario, ci mettono la firma e si fanno riconoscere.
      Per fortuna, visto che la partita si giocava al Meazza e si poteva fraintendere.

      Roba da gobbi.

  611. Cioè fatemi capire, la nazionale italiana si porta la claque gobba in trasferta?

    • Io ieri sera ero disgustato.

      Potevamo anche dargliene 8 e vendicare l arroganza crucca su San Marino, ma lo spettacolo indecoroso sugli spalti avrebbe comunque vanificato tutto.

      San Siro ieri era lo stadium, tale e quale.

      Roba da fare gli incubi la notte

  612. cercate di capirli, dopo 120 anni continuano a giocare una media di 6-8 partite internazionali l’anno, almeno si sfogano con la Nazionale

  613. Milano è piena di goBBi e in ogni caso da Torino fanno presto ad arrivare…

    Fischiare l’inno è una delle cose più becere e squallide che si possano fare…

    Mio figlio c’è rimasto male e ha detto:”Papà, dovrebbero imparare dal rugby”…

    Gli ho risposto:”Quelli che fischiano non sono in grado di imparare nulla, sono senza speranza”

  614. Ogni tanto ripenso alla famosa giornata con i bambini in curva allo stadietto dei gobbi a imparare a dire merda ad ogni tocco del portiere.
    https://youtu.be/-ib7gBeOJgk
    Se penso che avevo dovuto litigare con il rappresentante di classe dei miei figli (gobbo, of course) perchè, l’ingenuo, l’aveva proposta come attività di avvicinamento allo sport. Io mi sono beccato del facinoroso interista che non aveva capito lo spirito della giornata, ma almeno la proposta è stata cassata (e gli altri genitori mi hanno poi ringraziato).

  615. O erano gobbi o renziani.
    O gente che si è rotta le palle di questa Germania forte e poco solidale.

    Fermo che Renzi (e io non lo sopporto, sia chiaro) ha ragione in questo momento ad avercela con le politiche rigoriste dei burocrati europei con a capo i tedeschi, soprattutto per via di una Italia messa in ginocchio da immigrazione e terremoto.
    Certo, magari dire anche qualcosa contro le mafie e gli intrallazzi italiani pure sarebbe cosa buona e giusta.
    Ma soprattutto fare qualcosa di rilevante politicamente e non solo chiacchiere incentrando tutto su un referendum inutile, ma tant’è.

    Detto questo, fischiare l’inno è brutto ma non lo vedo, in assoluto, come una cosa disdicevole.
    Quante volte mi è capitato di fischiare l’inno americano, per esempio.
    Non ce l’hai con tutta l’America, ovvio (nazione che adoro per tantissime cose), ma con la politica di quel paese.
    Così come, se mi capiterà, fischierò l’inno dell’America di Trump!

    Forse era per questo, dato il momento storico, o più semplicemente fischiavano per l’ultima partita persa coi tedeschi agli europei.

    • Hai un nick che mi piace perchè immagino ti qualifichi sia calcisticamente che…politicamente. Però, detto che a me gli inni e le retoriche patriottarde fanno cacare da sempre, un inno dovrebbe rappresentare un sentimento di comunità, non il governo in carica. Non si fischia, per rispetto. E già che ci siamo, c’entra un cazzo ma mi giran le bale ogni volta, ai funerali si sta muti e non si applaude.
      Dopodichè il “merda” al rinvio del portiere è una firma gobba, non ci piove.

    • Hai ragione.
      Anch’io non sopporto le retoriche nazionaliste e patriottiche, infatti tutta questa attenzione all’inno e al cantarlo, che ha preso piede anche da noi da qualche anno a questa parte, la trovo insopportabile.
      Sono internazionalista e non nazionalista, anche se rivendico il mio essere italiano, come è giusto che sia.

      L’inno è un sentimento di popolo certamente, qualcosa che appartiene e fonda il sentire comune (il concetto nazional-popolare gramsciano sul quale mi ritrovo perfettamente) da una parte, ma, dall’altra, è anche il simbolo di un governo politico.
      E’ questo che a volte si contesta.

      Ripeto, non sono un fischiatore di inni per hobby, ma solo per la retorica che c’è dietro all’inno e perché, di fatto, rappresenta il potere di una nazione invece che il popolo vero e proprio (così come dovrebbe essere, e come giustamente dici tu).

  616. In fondo l’Italia di Conte poteva benissimo vincerlo quell’europeo mediocre, visto che è stato poi vinto da una squadra altrettanto mediocre.

    E poteva anche succedere se avesse passato la Germania, grande potenza calcistica, talmente potente che ha avuto ragione dell’Italia solo ai rigori a oltranza.
    E se non era per quei due scarsoni, Zaza e er pomata, si poteva pure mandare a casa i tedeschi, come sempre d’altronde.

  617. il fischio coi distinguo mi mancava

    dev’essere difficile modulare “guardate che non fischio voi, ma la politica estera del vostro governo”

    detto questo, accomunarmi al ciarpame gobbo mi fa senso, al limite, anche voler a seguire grillo&salvini nella ridicola crociata anticrucca
    (due che il nemico vero ce l’hanno dentro lo specchio, esattamente come i frustrati che li vottano)
    mi verrebbe in mente tutto tranne che fischiare l’inno in una partita di calcio, dove oltretutto sono ospite

    sono esseri umani come noi, non li si può trattare come juventini

  618. dopodichè il referendum non ci sarebbe nemmeno stato se la sinistra “giusta”, abituata alla poltrona senza mai rischiare di governare, non avesse fatto mancare i numeri in cordiale collaborazione con le bestie proto/pseudo/neo fasciste della peggior destra del mondo, giustificando la cosa con una serie di puttanate da baroni universitari firmappelli, uno roba che avrebbe fatto sganasciare persino un leghista se non che viene utilizzata per l’biettivo univoco di fare il culo al governo

    scusate ma di cazzate ne girano talmente tante che dopo un po’ bisogna togliere il tappo

  619. sono esseri umani come noi, non li si può trattare come juventini
    _____

    Questa è favolosa, me la rivendo.

    Il punto non è l’inno, voglio dire, alla fine è una composizione musicale.
    Tutto sta nell’avere rispetto di ciò che è altro da noi, che poi è quello che ci manca da sempre.
    Lasciando perdere le crociate anticrucche di gente che è convinta che i musei vaticani siano a Roma.

    O che il voto a Trump sia stato un vaffa a non si sa bene chi (così, tanto per pescare a casaccio nel cestone dei pensieri pericolosi).

    Ma quello che urta è la pochezza di questa pantomima prevedibile e stucchevole, a cui, come al solito, tocca assistere quasi coattivamente.

  620. Beh, anche il vostro Renzi sbatte i pugnetti sul tavolo della Merkel.
    Figurati se non si può fischiare un inno tedesco.

    E se non lo fai ad una partita di calcio dove sennò?
    Visto che non si può più dire nulla che sia diverso in questo paese di rottamatori e manganellatori!

    Ah certo, la peggior destra del mondo, quando fa comodo (vedi anche “patto del nazzareno” per esempio).
    Perché quella che invece sta dalla parte del Si’ è bella e virginale come l’aurora!

    Anche a me questa mancava.

  621. Internazionalista, i fischi all’inno non c’entrano proprio nulla con la merkel.

    La cosa di fischiare l’inno avversario sta diventando un classico in questi ultimi mesi, nelle partite casalinghe lo fanno contro qualsiasi avversario.

    E’ solo un modo becero per estremizzare un sentimento già becero di suo, ossia il nazionalismo.

    Merkel, Renzi, e i vari pagliacci di estrema destra tipo grillo e salvini non c’entrano niente.

    O meglio, questi ultimi c’entrano in maniera indiretta, perchè sono loro quelli che stanno coltivando questi revanscismi ultranazionalisti

    In ogni caso qua il discorso è più specifico della questione inno, è la tifoseria juventina che si sta muovendo in maniera organizzata per riprodurre le loro dinamiche in tutti gli stadi di italia durante le gare della nazionale.

  622. Ma soprattutto non ho capito cosa c’entrino il referendum e il governo italiano con questo argomento.

    Ripeto, l’avversario non conta, questo atteggiamento lo stanno tenendo contro tutti gli avversari ogni volta che si gioca in casa.

    Renzi, merkel, referendum… non c’entra proprio niente

    A meno che non fosse il pretesto per sfogare roba in cantiere da un pezzo.

  623. Per dire, un mese fa hanno fischiato l’inno spagnolo, con l’indomani il signor buffon eroe di popolo per aver risposto con gli applausi ed esser stato seguito dall’istadio tutto.
    E pensa, gli spagnoli un governo nemmeno ce l’hanno.

    A meno che non mi si voglia far credere che erano fischi contro i borbone per l’epoca delle due sicilie

  624. Wolf

    il mio voleva essere un discorso più ampio sugli inni e retorica varia.
    Ma mi rendo conto di essere andato fuori tema.
    Faccio ammenda.

    E comunque nelle varie ipotesi dicevo che molto più probabilmente si fischiava semplicemente perché i tedeschi ci hanno mandato a casa questa estate.
    Chissà, magari è più semplice di quello che sembra.

    La faccenda, tutta vostra, degli juventini che fischiano l’inno mi sembra altrettanto, se non ancora più, astrusa della mia.
    E anche un po’ paranoica, se devo dire.

    Una volta si diceva che era colpa di Andreotti, qualsiasi cosa accadeva.
    Adesso è colpa dello juventino.
    Vabbeh.

    Poi, oh, magari avete prove e riscontri e dunque mi taccio.

    • Scusami internaz, quante tifoserie conosci che gridano merda al portiere al rinvio?
      Dai, sono loro, non si sfugge

      (anche perché ormai la Nazionale la seguono con passione solo i gobbi, diciamocela tutta).

      Che poi, se proprio lo vuoi sapere, ammesso che un motivo ci sia, e secondo me non c’è,
      non è l’eliminazione dell’Italia dall’Europeo,

      ma quella dei gobbi per mano del Bayern.

      Così, eh, tanto per andare a sensazione.

  625. Come se davvero i gobbi in modalità sciovinismo d’accatto pensino tutta sta roba quando fischiano l’inno.

    Quelli che gridano mmmmmedddddda, al rinvio del portiere avversario. Roba che ormai imbarazza anche i ragazzini della scuola media.

    Niente, sono quella roba là, sennò mica tifavano Juve.

    E ora mi metto comodo in attesa del gobbo di turno che ci verrà a dire che non si deve generalizzare.

  626. Te lo vengo a dire io invece caro este.

    Conosco juventini, parenti e amici ecc. che non sono per niente “quella roba là” come ami dire sempre te.

    O vorresti sostenere che gli interisti sono tutti bravissimi e integerrimi nel loro modo di esprimere tifo e civiltà?
    (abbiamo perso col Cagliari per colpa di quella torma di cretini e fascisti della Nord! Tanto per citare un caso, per non parlare dei cori razzisti che se il Napoli avesse un inno sai i fischi a San Siro! E quelli che fischiano non sarebbero di certo juventini, credimi…)

  627. Internaz, non fare l’errore di Zanetti di non distinguere tra tifosi e ultras.
    A Cagliari, e io c’ero, quindi parlo con cognizione di causa, a fischiare erano SOLO gli ultras.

    Anzi, tutti gli altri, fischiavano gli ultras quando contestavano Icardi, per dirti.

    Sui gobbi: tranquillo, anch’io ho parenti stretti e amici ancora più stretti che tifano Juve, e ovviamente, sono persone squisite.

    Ma hai mai provato a parlare di Juve? Si trasformano.

    99 su 100 morattitronchettiblablablablabisognatifareitaliaperchéblablablabla

  628. non ci vedo nazionalismo, è un sentimento che non c’è più; avrebbero fischiato anche l’inno del San Crispino, se esiste_ Ci tengono a qualificarsi da vili e villani quali sono, perciò fischiano e urlano merdaaaa

  629. Sì, e spesso ci dicono che siamo ancora dei piangina.
    Dopo che sono stati in B per avere rubato (e lo ammettono) e dopo che noi abbiamo vinto tutto (triplete), ci dicono che siamo sempre dei piangina.
    E forse hanno ragione.

    Questi sono quelli con qui ho a che fare io.

  630. E poi este, scusa, ma perché, non possono essere ultrà anche quegli juventini lì, o gli ultrà ce li ha solo l’Inter?

    Fammi capire, come funziona?

  631. E poi, saresti così sicuro che quando c’è il Napoli, ad esempio, a fischiare siano SOLO quelli della Nord?!

    Sicuro sicuro?

  632. Internazionalista, se ti sei appassionato per una squadra come la juventus (per lo meno dagli 80 in poi) vuole dire che, come dice Este, sei quella roba lì. Non ci sono santi.