Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Tripla mierda

Se ha vinto la prima Champions nel 1985 passeggiando sopra 39 cadaveri e se ha vinto la seconda Champions nel 1996 grazie al culo epocale (Nantes in semifinale e Ajax in finale) e alla chimica per endovena, la  terza Champions della Juve passerà alla storia per la buona sorte (tabellone da operetta fino alla semifinale) e per il cinismo: è bastato finora giocare bene 2 partite su 11, al Bernabeu la sfangheranno e in finale sarà sufficiente un rimpallo, un’autorete, ‘na passeggiata de salute. Faranno il triplete per secondi, perchè saliranno sulla vetta d’Europa e troveranno la nostra bandiera ancora lì, piantata nel 2010. E ci pisceranno sopra, perchè – a parte il culo e il cinismo (che comunque è una dote da grande squadra) -, il marchio di fabbrica di questa squadra e di questa società è il fair play.

juve4

Ecco, nel fare i complimenti agli juventini onesti per il triplete, volevo in questa occasione scusarmi con Ambrosini, perchè il suo “Lo scudetto mettilo nel culo” al confronto di questo tweet è come una palla di profiteroles al confronto di uno stronzo di san bernardo. “Lo scudetto mettilo nel culo” era lo striscione di un tifoso scompostamente felice per avere vinto la Champions e festoso nel prendere per il culo i cuginastri. Certo, esposto sul pullman scoperto da un giocatore della prima squadra assumeva tutt’un altro tono – diciamo così, con un eufemismo, di pessimo gusto -, ma oggi a distanza di 8 anni lo rivaluto se penso che una società di calcio, nota per la sua squisita way of life e per un’arroganza fastiodiosa da generazioni, dal suo profilo Twitter ufficiale festeggia così la vittoria in casa con il Real. Non godendosela tout-court, ma lanciando un pensiero – sempre e comunque – alla loro peggiore ossessione. Cioè noi.

Che poi questo, diciamolo, è in sè una cosa bella. Manco la vittoria in semifinale di Champions si godono, ahahahah. La cosa del 5 maggio ce l’avevano già pronta da giorni, sicuro. E appena la partita è finita in ghiacciaia, è partito il tweet, uh!, invece di ammazzarci di birre prendiamo per il culo l’Inter. Dai, se ci pensiamo è bello. Questi a Berlino durante il giro di campo faranno i tweet sull’Inter. Sì, è bellissimo.

juve2

Così come è bello che Tuttosport, non pago di assecondare il delirio juventino sul numero degli scudetti, adesso non solo li aggiunge alla Juve ma – correttamente, se ci pensiamo bene, relativamente alla loro malattia mentale – ne toglie uno all’Inter, stabilendo così una coerenza numerica in una dimensione tutta loro (credo che abbiano visto Interstellar, che poi è un titolo che inizia con Inter, e questo li ha fatti uscire di cotenna).

juve5

Che poi, sempre a livello di patologia e di responsabilità individuale, uno si può coltivare la aiuole che vuole, e disporre le violette come gli pare. Per dire, se io davanti a casa avessi un prato così, io scriverei I N T E R, oppure disegnerei un grande cazzo per quando passano quelli di Street View, chè magari divento una star mondiale e mi citano in tutte le fotogallery. A loro piace il numero 33. E va bene, scrivete il numero che vi pare.

E’ idealmente attorno a quel prato, piuttosto, che continua ad esserci un problema. E’ la libertà della Juve di contare gli scudetti (e di fare comunicati, di scrivere tweet) che irrita, non il fatto in sè che è folklore o malattia. Se io in un articolo scrivessi che i presidenti della Repubblica italiana sono dieci perchè non riconosco Gronchi e Saragat,  il mio direttore mi prenderebbe per i coglioni e sentirei nel contempo arrivare il 118 (se non altro per lo choc testicolare, ma forse anche per il Tso). Loro no, niente, scrivono su prati, stadi, hashstg, carta intestata, comunicati ecc. ecc. e nessuno dice niente, niente, mai niente.

Il revisionismo – o il dimentichismo, che non è meno grave visto che parliamo di ricordi freschissimi – contagia tutti. Prendete questa simpatica schermata del Televideo Rai

juve3

dove nel giro di qualche semplice riga si rievoca il Grande Torino di quasi 70 anni fa come ultimo precedente di quattro scudetti consecutivi, quando c’è una squadra/ossessione che ne ha vinti cinque il decennio scorso (l’ultimo 5 anni fa).

juve1

E che dire di questo magico titolo di Repubblica, dell’anno scorso, 2014, alla vigilia della semifinale di Europa League, in cui si magnifica il miglior risultato di una squadra italiana in Europa in sei anni? (ahahahahah, santa madonna, ci sarebbe da ammazzarsi dalle risate se tutto ciò non fosse triste).

E così, tra l’indicibile arroganza della Juve e il paraculismo che c’è attorno, il calcio italiano migliora il suo coefficiente Uefa ma si conferma per quello che è, un baraccone pieno di fenomeni, bravi in ginnastica, pessimi in matematica e ridicoli in storia. Quelli che lasci al rinfresco dopo gli esami e li ritrovi qualche annetto dopo in cronaca nera, e dici “oh, ve l’avevo detto”. Ecco, qui invece non dice un cazzo nessuno.

share on facebook share on twitter

123 commenti

  1. Barcellona-Bayern 3-0: Messi fa il fenomeno, Guardiola si inchina

    E ora che passi pure quella mierda di gobba!

    Tanto ci penserà Messi ad asfaltarli

  2. Grandissimo. Grazie.

  3. Dopo aver visto Barcellona Bayer possiamo derubricare Juve – Real al classico confronto tra le rappresentative di scapoli e ammogliati…..

  4. Questo articolo è bellissimo!!! Grazie! Siamo interisti!!!!!

  5. unhmm
    meglio i gobbi a Berlino con Chiellini a marcare Messi o vederli prenderlo nel c… da CR7 e soci ?

    nel dubbio, una bella umiliazione al Bernabeu e non parliamone +

    tanto ne han 33

  6. Certo che dopo aver visto Barça-Bayern, dover pensare che una delle altre due merde arriverà in finale è una tristezza, ma una tristezza…

  7. Che bello essere interisti e lo è ancor di più dopo aver letto il tuo editoriale.
    Grazie.

  8. Quando leggo questi post sento profumo di casa, internauticamente parlando.
    E come non condividere i contenuti, nello specifico.

  9. Se c’era Mourinho a guidare il Bayern, i tedeschi non avrebbero preso tre gol.
    Guardiola ha proprio fatto casino. Non ci sono tre reti di differenza fra le due squadre.

  10. Vi racconto un aneddoto che apparentemente non c’entra niente, ma vuole arrivare da qualche parte:

    un mio amico, discretamente bravo a giocare ma pur sempre un amatoriale, si trovò a fare un torneo estivo da due soldi, e gira che ti rigira giocò contro una squadretta, anch’essa amatoriale, che però aveva un portiere il quale aveva militato in serie A e si era ritirato da qualche anno.

    Ovviamente questo era pur sempre un professionista e quindi non ne faceva passare una, eppure il mio amico ad un certo punto caricò un destro potente, gli uscì un gran tiro e segnò.

    Ci siete? Ok.

    Ora, se voi beccate questo mio amico, lui farà di tutto per raccontarvi sta cosa, perché, oh, lui ha segnato al portiere Tizio che giocava in serie A e blablabla.
    Se invece, per ipotesi, chiedeste al portiere in questione, questo probabilmente non si ricorderebbe una mazza e non avrebbe (giustamente) idea di chi cacchio sia il mio amico.

    Magari sul momento gli saranno girate di aver preso gol da una mezza sega, ma ora avrà sicuramente rimosso tutto.

    Perché vi racconto tutto questo? Perché è la metafora perfetta di Inter e Juve.

    Chi è superiore (il portiere di serie A) se ne fotte,
    chi è inferiore (il mio amico), quando ha la meglio su chi è superiore, lo ripropone per tutta la vita.

    La Juve sarà ossessionata da noi per ancora molti anni, perché nel calcio si vince e si perde

    ma quello che è successo nel 2006 non si cancellerà neanche con 70 Champions e 2000 scudetti.

    P.S. Ci tengo a precisare che per fare il triplete, ai gobbi manca ancora una partitella al Bernabeu e una finale facile facile contro (probabilmente) il Barcellona.

    Ce la potranno anche fare, ma prima di parlare del triplete gobbo io aspetterei queste due partite.

  11. Se è per questo, per fare triplete devono anche vincere una partitella contro la Lazio, a Roma, nell’intermezzo delle gite di salute in Spagna…

  12. Tranquillo Sector! A Madrid prendono una bella manita 😉

  13. nel caso che passino mi auguro che la tifoseria Interista e i nostri giocatori sappiano come accoglierli quando verranno a giocare contro di noi prima della finale.

    spero in una accoglienza molto calda e che lasci il segno.

    più di uno possibilmente…

  14. Io degli juventini e della indecente merda vociante, scribacchiante e twittante che gli fa da contorno e reggicoda, impegnata h24 a spacciare per realtà parallele i loro deliri neppure più mascherati da ricostruzioni lisergico-genesi, non ho più da tempo intenzione di parlare, nè di leggere, nè di ascoltare.
    P.S.: Settore, non esistono juventini onesti. La definizione stessa è ontologicamente falsa in quanto insanabilmente contraddittoria.

    • La nuova edizione delle opere di Bertrand Russell contiene alcune notevoli innovazioni rispetto alle precedenti. Ad esempio, nell’articolo “On denoting” del 1905, l’espressione “quadrato circolare” è stata sostituita da “juventino onesto”.

  15. Grande settore, bellissimo post

  16. L’hai detto, Setto’: siamo la loro ossessione.
    Non riescono a godere di una qualsiasi piccola cosa senza ”pensare’ a noi.
    Siamo e saremo nei secoli il loro incubo.
    È il massimo.
    Cosa chiedere di piú?

    • Un momento.
      Su questo punto bisogna ristabilire la realtà storica.
      Quando la Juve prese Moggi il Milan non era così forte.
      Il Milan di Berlusconi ha infatti attraversato tre fasi: il Milan 1 dei trionfi indiscussi, il Milan 2 dal 1988 a 2011 dove operava in una ambiente molto più competitivo, e il Milan 3, quello attuale della smobilitazione.
      Lo ricordo perché il Milan, cioè il Milan 2, faceva parte integralmente del sistema Moggi.
      L’idea era che, grazie ad arbitri e guardialinee, con la complicità della totalità della stampa sportiva, ci si potesse spartire gli scudetti impedendo a nuove realtà di emergere.
      Come tutti gli accordi che ricordano da vicino i comportamenti mafiosi, era cosa nota non solo a tutti gli addetti ai lavori, ma anche alle tifoserie, che avevano, più o meno consciamente, ma perfettamente compreso che ormai erano gemellate, e quindi parlavano bene l’una dell’altra.
      Quando la pentola venne scoperchiata, risultò evidente che Moggi era andato ben oltre il progetto di spartizione originario, solo che il Milan non poteva protestare più di tanto, visto che era ufficialmente coinvolto anche lui.
      La famosa dichiarazione di Berlusconi che il campionato italiano senza la Juventus non aveva alcuna ragione d’essere, era di lettura molto trasparente: “dimentichiamo il passato, e l’increscioso incidente della gestione Moggi, e ricominciamo a spartirci gli scudetti come prima.”
      Del resto, è un dato di realtà abbastanza ovvio: il potere economico, ma soprattutto politico e mediatico del Milan a quell’epoca era immenso.
      E’ impensabile che un sistema di quella portata, che agiva praticamente alla luce del sole (alle decisioni arbitrali si affiancava la corruzione diffusa dei calciatori che alteravano i risultati delle partite in ottica calcio scommesse, ma anche per ingraziarsi Moggi, con prestazioni sublimi quando dovevano incontrare gli avversari della Juve seguite da prestazioni folli quando dovevano incontrare la Juve stessa: ricordo un gol tiro al volo nella propria porta, in un Juventus-Milan decisivo per lo scudetto – ovviamente il Milan era tagliato fuori – ma anche quel colpo di testa all’incrocio dei pali di un difensore che senza essere pressato da nessuno risolse una partita che la Juventus non riusciva in nessun modo a portare a casa – vi lascio individuare i nomi dei protagonisti come esercizio) dicevo, è impensabile che un sistema di quella portata fosse in atto senza che il Milan ne fosse parte attiva.
      La cosa è stata oscurata dal fatto che in questi ultimi anni di declino milanista si sia tornati a una situazione che assomiglia agli anni ’70, ma anche prima, quando la Juventus controllava la totalità del sistema calcio, informazione compresa.

    • Beh, magari sarebbe bello non limitarsi ad essere l’incubo di quei subumani.
      Perchè è un po’ poco come aspirazione. Specie se ti chiami Inter.

  17. Secondo me state dando troppa importanza ai ladri.

    Parlando di ieri: minchia Messi. E ok.
    Però quando vedo giocare Neuer provo cose che dovrei provare solo per mia moglie.
    Il Barça non è il Porto ma io ci credo ancora.
    Voglio il pallone d’oro per Manuel!!!

  18. Io posso affermare di aver visto molto calcio.
    Inter , of course, ma anche seguendo la parabola sassolese dalla C2 alla A per non parlare della lunga sperienza a livello amatoriale.
    In alcuni campi delle serie inferiori a volte, quando la partita volge al peggio e il portiere avversario cincischia per perdere tempo, parte a volte il classico “OOOOH Merdaaaa” .
    Già in serie B è un fenomeno che va diradandosi, ma la Juventus è riuscita a portarlo in semifinale di Champions, ambasciatrice nel mondo del proprio gretto stile.
    Altro prodotto di esportazione DOC, altra botta di stile e sportivita sono i capannelli intorno all’arbitro, dopo ogni fallo fischiato contro, che in Italia funzionano ( Catania docet), ma in Europa sono abbastanza patetici.

  19. Bellissimo post, caro Settore. Ma che cosa ci si può aspettare da un paese (minuscola d’obbligo) che si dimentica anche dei morti di piazza Fontana?

  20. Dopo aver visto il Barcellona ieri sera sono un po’ più tranquillo. pressing alto sui centrocampisti e movimenti veloci degli attaccanti. ad occhio e croce se il Barcellona sarà quello di ieri sera la differenza è di almeno due goal. tornando all’arroganza della Juve ricordo anche le parole di Nedved quando è stata eliminata la Roma e quelle di Marotta su Conte quando hanno eliminato il monaco (peraltro col solito furto con scasso). sono proprio brutta gente.

  21. Grazie. Adesso per favore a Barcellona mettano i 3 in freezer fino al giorno della finale…Eupalla non può volerlo…#amala

  22. Di Settore c’è ne uno
    tutti gli altri ne han trentuno! 😀
    Sector No Limits,
    per il tifoso Nerazzurro che non deve chiedere… mai! 🙂

  23. c’è=ce
    ne=n’è
    PS Anche il correttore ortografico è Bgobbo!

  24. leggere il commento di insistor è un po’ pugno dello stomaco, anche a distanza di anni. l’unica cosa che non ho capito sono le date, dici che il milan 2 è iniziato nel 1988. berlusconi era arrivato nel 1986, è durato due anni (con 1 scudetto) il milan 1?
    alb

  25. Bell’articolo davvero. Vorrei solamente aggiungere che noi interisti abbiamo la fortuna di avere un punto di vista privilegiato, che nasce dalla sana consapevolezza che vincere è importante, ma mai e poi “ad ogni costo”.

    è questa la differenza essenziale tra noi e le Merde a-sportive, a-morali Rubentine.

    Perchè vincere è difficile, ma saper vincere è difficilissimo, e, che ci piaccia o meno, per saper vincere occorre prima saper perdere.
    Non mi dispiace affatto dirlo, le Merde non sanno ne vincere ne perdere … lo testimonia questo articolo e la storia tutta del calcio Italiano.

  26. Tra l’altro a proposito del 5 maggio, bisogna dire che anche noi lo festeggiamo, insieme però al 16 e al 22.
    Loro al momento no!

  27. Institor mi fa piacere che qualcuno se le ricordi queste cose e che ogni tanto le tiri fuori… ricordiamo che il Milan si salvò da Calciopoli grazie alla scusa del “consulente esterno” Meani e che di fatto non hanno mai preso netta posizione sui fatti accaduti, nè sulla storia del numero di scudetti, ben consapevoli di averla scampata nel migliore dei modi, non disdegnando però di lanciare frecciatine strumentali all’Inter oppure omettere dettagli sull’argomento calciopoli per mezzo delle proprie trasmissioni in base alle esigenze del momento. La cosa scandalosa è che la figc permette alle merde di scrivere e dire qualsiasi tipo di cazzata fregandosene altamente dei processi e dell’albo d’oro!

  28. “E così, tra l’indicibile arroganza della Juve e il paraculismo che c’è attorno, il calcio italiano migliora il suo coefficiente Uefa ma si conferma per quello che è, un baraccone pieno di fenomeni, bravi in ginnastica, pessimi in matematica e ridicoli in storia.”

    Giustissiomo, una ripassatina in storia non fa mai male:

    Annata 2006/2007

    1 RIMINI Vs JUVENTUS 1 – 1
    2 JUVENTUS Vs VICENZA 2 – 1
    3 CROTONE Vs JUVENTUS 0 – 3
    4 JUVENTUS Vs MODENA 4 – 0
    5 PIACENZA Vs JUVENTUS 0 – 2
    6 JUVENTUS Vs BRESCIA 2 – 0
    7 TREVISO Vs JUVENTUS 0 – 1
    8 TRIESTINA Vs JUVENTUS 0 – 1
    9 JUVENTUS Vs FROSINONE 1 – 0
    10 NAPOLI Vs JUVENTUS 1 – 1
    11 JUVENTUS Vs PESCARA 2 – 0
    12 ALBINOLEFFE Vs JUVENTUS 1 – 1
    13 JUVENTUS Vs LECCE 4 – 1
    14 GENOA Vs JUVENTUS 1 – 1
    15 JUVENTUS Vs VERONA 1 – 0
    16 JUVENTUS Vs CESENA 2 – 1
    17 BOLOGNA Vs JUVENTUS 0 – 1
    18 JUVENTUS Vs AREZZO 2 – 2
    19 MANTOVA Vs JUVENTUS 1 – 0
    20 JUVENTUS Vs BARI 4 – 2
    21 SPEZIA Vs JUVENTUS 1 – 1
    22 JUVENTUS Vs RIMINI 0 – 0
    23 VICENZA Vs JUVENTUS 2 – 2
    24 JUVENTUS Vs CROTONE 5 – 0
    25 MODENA Vs JUVENTUS 0 – 1
    26 JUVENTUS Vs PIACENZA 4 – 0
    27 BRESCIA Vs JUVENTUS 3 – 1
    28 JUVENTUS Vs TREVISO 1 – 0
    29 JUVENTUS Vs TRIESTINA 5 – 1
    30 FROSINONE Vs JUVENTUS 0 – 2
    31 JUVENTUS Vs NAPOLI 2 – 0
    32 PESCARA Vs JUVENTUS 0 – 1
    33 JUVENTUS Vs ALBINOLEFFE 1 – 1
    34 LECCE Vs JUVENTUS 1 – 3
    35 JUVENTUS Vs GENOA 3 – 1
    36 VERONA Vs JUVENTUS 0 – 1
    37 CESENA Vs JUVENTUS 2 – 2
    38 JUVENTUS Vs BOLOGNA 3 – 1
    39 AREZZO Vs JUVENTUS 1 – 5
    40 JUVENTUS Vs MANTOVA 2 – 0
    41 BARI Vs JUVENTUS 1 – 0
    42 JUVENTUS Vs SPEZIA 2 – 3

    Dati inconfutabili, come è inconfutabile che la finale di CL di quest’anno sarà l’ennesimo derby iberico. Nessun dubbio.

  29. Settore ci scaldi i cuori quando scrivi questi post da Premio Pulitzer.
    Io proporrei a tutti i veri tifosi interisti nel caso dovessero essere eliminati da una coppa che non gli appartiene, di scendere in piazza, di uscire con i clacson spiegati per le strade a festeggiare! Io lo farò!
    Sarà da perdente, come qualcuno potrà obiettare, ma sentirci e vederci per loro dovrà essere un travaso di bile. Incrociamo le dita.

  30. Prima di tutto un saluto a tutti e al padrone di casa che leggo bello frizzantino, as usual quando i gobbi sfragnano il cazzo. Scusate se faccio una domanda visto che anche qui siete tutti ossessionati dal triplete dei gobbi, ma la finale di coppa italia la juve l’ha già giocata e vinta? no perché a me risulta che la Lazio se la possa giocare alla grande e di sicuro con molta più voglia di una gobba che ha già vinto molto. No così per dire…

    • certo tutto può succedere, ma avendo visto lo scontro di qualche settimana fa tra Juve e Lazio non credo che ci sarà molto margine di speranza.

    • Ciao vecchiaccio, mi fa piacere che anche tu ti sei accorto del piccolissimo particolare che ho evidenziato una ventina di post prima del tuo 😛

      Una finale contro la lazie, a Roma, non sarà proprio una passeggiata di salute (ed anzi con puro spirito sportivo, mi auguro anche un paio di legamenti crociati bianconeri che saltano, una frattura multipla scomposta e varie contusioni. Tutto qua, sono troppo buono per augurarmi che di quella squadra di merde ne muoiano almeno la metà).

  31. Buongiorno fratelli di fede.
    Bravo settore, questo tuo posto mi ricorda un po’ una qualsiasi puntata di Report.
    Tutto quello che dici e giusto , mi fa incazzare , e poi nessuna fa un c@zzo!!!!

    Ci vorrebbe che si tornasse grandi , ma la vedo oggettivamente dura.
    Sempre e solo Forza Internazionale!!!!

  32. boh mi prenderò gli insulti di tutti
    però

    che la juve come società come società sia arrogante e sia una merda non ci piove. il tweet lo dimostra

    ma

    se vincessero il triplete io dico che sono da applausi ( non ci sono triplete facili o non facili. i triplete sono per definizione difficili)

    e lo dico convinto anche dal fatto che se noi siamo la loro ossessione perversa, io non voglio che loro diventino la nostra ossessione

    per cui, come già scrissi

    se vincono, applausi e bravi e chissenefrega
    se perdono, meglio e chissenefrega

    • Non è necessario essere ossessionati per osservare che fino a questo primo round di semifinale, finora quelli lì hanno giocato l’EL e non la CL.

      Fare un raffronto con il nostro cammino nel 2010 per avere controprova.

  33. D’accordissimo con Oldman e Jamesscott: il triplete dei ladri è ancora un’ipotesi piuttosto lontana e casomai, per una serie di congiunzioni astrali imprevedibili, dovesse verificarsi…. chissenefrega!!! Se noi siamo evedentemente la loro ossessione, io di loro me ne frego.

  34. vorrei precisare ad Institor che la stampa la fiat ce l’ha sotto controllo da che è nata e non solo negli anni settanta, che il bbilan non l’ha scampata da calciopoli per meani perchè è stato condannato comunque e può ringraziare che era in buona e tanta compagnia come la gobba altrimenti sarebbe andato in B un’altra volta a pagamento e la giuve minimo in C se non fosse che per il solito ragionamento opportunistico italiota chi di dovere ha DOVUTO addolcire le pillole per non mandare a carte quarantotto tutto il sistema calcio, per salvare poltrone e poltroncine varie e sia per limitare i danni economici che sarebbero stati molto ingenti.

    se hanno avuto l’ardire di affermare che un campionato senza la gobba non è un campionato figuriamoci cosa avrebbero detto se con lei fossero mancati anche i gonzi, la lazio e la fiorentina, come sarebbe stato invece sacrosanto e giusto.

    un’altra cosa, Moggi fu chiamato espressamente da agnelli proprio perchè con l’avvento di berlusconi nell’86 e il suo strapotere mediatico messo in campo la gobba non lo poteva più utilizzare pro domo sua ma giocoforza lo doveva dividere con il silvio e quindi aveva bisogno di trovare altri sistemi per assicurarsi quei vantaggi che ha sempre avuto e ha chiamato lo stalliere del re che conosce i ladri di cavalli.

    questo per la precisione a cui aggiungo che le varie champion vinte dai gonzi sono state vinte senza le squadre inglesi per la maggior parte e che tra una e l’altra hanno trovato il modo di farsi squalificare per un anno in campo internazionale che va ad aggiungersi alle altre figure VERE di merda loro come le due retrocessioni che avrebbero dovute essere tre, per essersi rifiutati di scendere in campo a giocare dopo che le luci si erano spente in quel di Marsiglia, roba da andare a nascondersi per la vergogna per sempre, ma che è stata ovviamente metabolizzata da loro oltre che mai ricordata da nessuno.

    la gobba da parte sua ha fatto la figura di merda più grande della storia calcistica mondiale festeggiando una champion regalatole per pietà e come risarcimento sotto l’onda emotiva di 39 morti e basterebbe solo questo per zittirli per sempre se appena appena avessero sentimenti umani.

  35. A proposito di Tuttosport, e volendo scendere al loro livello ( che è un pò una sconfitta culturale, ma tant’è) mi stavo chiedendo come si potesse chiamare di nome il direttore :
    Sergio Claudio?
    Sandro Carlo?
    Sauro Cirillo?

  36. Non ho capito come si è finiti a parlare di milan, ma ok, ci sto dentro.

    Milanista figliodellammmerda

  37. Articolo da incorniciare, di cui condivido anche le virgole…Unico appunto, forse, il titolo di Repubblica si riferiva all’Europa League, credo, spero(facendo due conti, perchè la juve ha fatto la semifinale nel 2014, e l’ultima semifinalista era stata la Fiorentina nel 2008)…

  38. Ma no, dài… contro ogni superstizione, a Madrid è manita e a casa, punto.
    E andassero a fare in culo.

  39. Invece l inter la Champion la vinse meritatamente. … certo… rigori non dati gol in fuorigioco convalidato gol regolare annullato etc…. walter gagg fece un ottimo lavoro non c’è dubbio….

    • da goduria questi post dei frustrati dal TRIPLETE

      dopo 5 anni, sentono ancora il bruciore……
      bello.

  40. quest’articolo puzza leggermente di frustrazione eh! 😉

  41. Ecco, appunto, … a proposito di delirii.

    Solo per amor di verità ci sono però due cose esatte:
    1) il rigore per il Chelsea c’era;
    2) in Barcellona – Inter un gol venne convalidato sebbene in fuorigioco (quello di Piquè dell’1-0 per i blaugrana).

  42. Naaaaaa…
    Niente manita, sarebbe troppo facile per loro, e soprattutto indolore.
    Quando esci dopo che ti hanno tritato, hai poco da rosicare.

    E invece io voglio che la merda sabauda soffra, e che i loro seguaci si deprimano per i secoli a venire, quindi:
    90. Siamo sullo 0-0 al Bernabeu.
    I 3000 ladri al seguito intonano da almeno mezzora il loro ridicolo “oooooooohhh fino alla fine…”.
    Un solo minuto di recupero.
    Un tiro sbagliatissimo di Sergio Ramos, destinato al fallo laterale, incoccia il nasone di chiellini e si infila alle spalle dello scommettitore.

    Al 92.06 il fischio finale.
    Quello che succede in casa mia un millisecondo dopo è da stomaci forti.

  43. Bellissimo articolo che rispecchia esattamente come la penso.
    Oggi un Gobbo Rubentino giustappunto mi ha insultato per aver tirato fuori le loro vittorie in Europa tipo Heseyl, mi ha apostrofato con “Fa Schifo brutta merda” ma nel 1985 chi esultava in campo per la conquista della Coppa Campioni calpestando i 39 Morti? io non di sicuro!!! e con tutto ciò hanno anche il coraggio di parlare e sfotterci, sono degli idioti patentati delle vere merde umane.

    Grazie per l’articolo che hai scritto, sopratutto per le prime 10 righe che confermano quello che ho scritto io al Rubentino.

  44. Ammazza, se picchiate duro!!!
    Vi leggo sempre con piacere, ma oggi ogni intervento è una pugnalata, anche se, ErnesTO’O, quella del tiro deviato dal naso del Chiello non è male.
    Comunque, se è vero che noi juventini siamo ossessionati dall’Inter (e potrebbe anche essere vero), a leggervi mi sembra di essere in buona compagnia, in fatto di ossessione… 😉

    • Rubens,

      se non altro, ti riconosco che tu forse sei almeno uno juventino con stile (ma finora sei l’unico che abbia mai conosciuto; comunque uno esiste, è già qualcosa).

  45. Se tu puoi dire che la Juve ha vinto la Champions dopandosi noi possiamo dire di avere 33 scudetti al riguardo non si è supportati da sentenze definitive civili e/o sportive x nessuna delle 2 cose.
    Parli di ossessione della Juve x l’Inter dimenticandoti che LA SERA DELLA VITTORIA CHAMPIONS Materazzi indossò una maglia che scherniva la Juve, e per anni il tuo ex presidente l’ha infangata in ogni intervista anche post vittorie . QUESTA NON È OSSESSIONE ?
    Ovviamente il discorso sul Triplete è un mettere le mani avanti assolutamente scaramantico visto che REAL e poi eventualmente BARCELLONA sono ampiamente favorite contro di noi.
    Ultima cosa quello che ha combinato Moratti tra morti SARAS e debiti, passaporti, intercettazioni ecc. INTER non è assolutamente inferiore a ciò che ha fatto la famiglia Agnelli tra FIAT e JUVE. Saluti.

  46. Il fatto che tutti i gobbi mi stiano ” pesantemente sul cazzo ” non vuol dire che io ne sia ossessionato. Sono ossessionato da cose ben più importanti, tipo la figa per esempio! L’ultima risposta ufficiale dell’F.C. Internazionale recitava testualmente: “MILANO – F.C. Internazionale prende atto dell’ennesimo tentativo del Presidente Agnelli di mistificare i fatti e di cambiare il corso della storia. Purtroppo per lui e per tutto il calcio italiano il 2006 é stato un anno disastroso, in cui lo scudetto é stato assegnato legittimamente all’Inter dalla FIGC, e la Juventus é stata retrocessa in serie B insieme alla sua reputazione. Questi sono i fatti. Che non permetteremo a nessuno di alterare né di dimenticare”
    L’unica cosa sulla quale mi trovo in disaccordo è che è IMPOSSIBILE PERDERE LA REPUTAZIONE PER CHI NON NE HA MAI AVUTA UNA! Fino alla fine…GOBBI MERDA!

  47. federico ti sei dimenticato ferruccio mazzola e guidorossi poi sei a posto.
    Le sentenze dei vari tribunali invece te le ricordi?
    toh, studia briccone

    01 – 14 luglio 2006, primo grado di Calciopoli

    02 – 25 luglio 2006, secondo grado di Calciopoli

    03 – 27 ottobre 2006, arbitrato CONI su Calciopoli

    04 – 18 giugno 2008, patteggiamento su schede sim svizzere

    05 – 16 giugno 2011, radiazione di Moggi e Giraudo

    06 – 9 luglio 2011, Calciopoli (II° grado), conferma della radiazione di Moggi e Giraudo.

    07 – 18 luglio 2011, respinto in Figc l’esposto contro lo scudetto 2006 assegnato all’Inter.

    08 – 19 marzo 2008, TAR del Lazio, respinto il ricorso di Moggi contro la squalifica in ambito sportivo.

    09 – 22 maggio 2008, TAR del Lazio, respinto il ricorso di due associazioni di tifosi contro l’assegnazione dello scudetto 2006 all’Inter.

    10 – 8 gennaio 2009, Caso GEA, Moggi condannato per violenza privata.

    11 – 14 dicembre 2009. Calciopoli (rito abbreviato), condannato Giraudo per frode sportiva e associazione a delinquere.

    12 – 8 febbraio 2011, TAR del Lazio respinge il ricorso presentato da Giùlemanidallajuve, condannata a pagare risarcimenti a Federcalcio, CONI e Inter.

    13 – 25 marzo 2011, caso GEA (II° grado), confermata la condanna a Moggi per violenza privata.

    14 – 8 novembre 2011, sentenza penale di Napoli: Moggi condannato a 5 anni e 4 mesi per associazione a delinquere.

    15 – 9 novembre 2011, rigetto dell’esposto da parte dell’UEFA.

    16 – 11 novembre 2011, Moggi condannato per minacce nei confronti di Baldini.

    17 – 17 novembre 2011, dichiarazione di non competenza del TNAS.

    18 – 4 aprile 2012, conferma della radiazione di Moggi e Giraudo.

    19 – 12 aprile 2012, il Tribunale della UE respinge il ricorso presentato da Giùlemanidallajuve

    20 – 26 giugno 2012, Tribunale di Milano, rigetto della querela di Moggi a Carlo Petrini

    21 – 30 giugno 2012, la Corte dei Conti respinge il ricorso Juventus decretando la FIGC non responsabile di danno erariale per essersi dichiarata non competente a decidere nel 2006.

    22 – 3 agosto 2012, il Tar del Lazio respinge il ricorso di Moggi contro la Radiazione.

    23 – 12 settembre 2012, il Consiglio di Stato respinge il ricorso di Moggi contro la Radiazione.

    24 – 17 ottobre 2012, la Corte dei Conti condanna 14 ex tesserati AIA a risarcire la FIGC per danno d’immagine

    25 – 5 dicembre 2012, il Tribunale di Napoli condanna in appello a 1 anno e 8 mesi Antonio Giraudo per associazione a delinquere e frode sportiva. Cade solo il ruolo di promotore.

    26 – 7 agosto 2013, la Cassazione giudica inammissibile il ricorso di Moggi contro la radiazione

    27 – 17 dicembre 2013, appello calciopoli, 2 anni e 4 mesi a Luciano Moggi

    24 Marzo 2015: cassazione, ASSOCIAZIONE A DELINQUERE confermata.
    Sul doping e gli Agnelli ti risponderà qualcun altro se ne ha voglia.

  48. ci possiamo girare intorno finchè vogliamo

    potrebbero bastare 28 (ventotto) sentenze

    la sostanza è una

    la mia SQUADRA non ha asterischi infamanti nel suo palmares

  49. e smettetela anche di fare le verginelle sull’heysel

    i primi a ballare sui Vs morti siete stati voi

    e vi tocca prendere lezioni di stile anche dal cinepanettaro

    che l’anno scorso disse chiaramente che non c’era niente da festeggiare

    con un tifoso morto nel prepartita

  50. Rubens,
    date le dimensioni, ogni tiro rischia di sbattere sulla pinna di chiellini.
    I trust on it.
    🙂

  51. io mi sono rotto le palle e li lascio ad avvoltolarsi nel guano della vergogna, però era da un bel po’ che non si respirava quella bella arietta da fighting 2006

    un grazie all’ospite che soffia sul fuoco da par suo e a tutti partecipanti

  52. @Federico
    “Se tu puoi dire che la Juve ha vinto la Champions dopandosi noi possiamo dire di avere 33 scudetti al riguardo non si è supportati da sentenze definitive civili e/o sportive x nessuna delle 2 cose.”

    A completamento della lista di sentenze postata da Gianni, e che riguarda gli scudetti vinti, c’è la sentenza della Cassazione del 2007 che ha stabilito che dal 1994 al 1998 alla juve si era fatto largo uso di farmaci off label al fine di potenziare le prestazioni dei giocatori in campo, e cioè al fine di vincere barando.
    La champions l’avete vinta nel 1996, in pieno periodo “farmacologico”.

    Il nostro ex presidente ha mai infangato nessuno.
    Lo abbiamo sempre rimproverato di accettare passivamente di essere continuamente ricoperto della m…a che gli buttavate (e ci buttavate) addosso.
    Non si è neppure costituito parte civile nel processo di Napoli.
    Abbiamo dovuto attendere il comunicato del nuovo presidente circa la reputazione della juve (e, cioè, quasi 10 anni) per una risposta adeguata alle vostre continue gratuite provocazioni e ai vostri insulti.

    Per finire, anche tu sei convinto che le intercettazioni di Moggi & Co furono opera di Moratti e Tronchetti Provera, come la vostra propaganda vi obbliga a credere?
    Sei proprio messo male…

    • Ecco la sentenza della cassazione rinviava alla corte d’ Appello a rifare il processo x ABUSO DI FARMACI mentre confermava l’assoluzione x il resto. Ti ricordo che la Corte d’Appello aveva assolto totalmente la Juve e la Cassazione non è in giudice di merito, QUINDI COME HA FATTO A CONDANNARE !?! Poi il processo x abuso di farmaci non è stato rifatto ad Agricola x sopravvenuta prescrizione. TANTO X ESSERE PRECISI.

    • Su Calciopoli il discorso è troppo lungo, ma basta sentire TUTTE LE INTERCETTAZIONI X capire che la verità REALE è molto diversa da quella GIUDIZIARIA !
      I primi a volere Calciopoli sono stati gli Elkann, per far fuori Moggi e Giraudo, la Juve è stata solo un danno collaterale !
      Basta vedere da che parte stanno Stampa e Gazzetta, giornali vicini alla Fiat…
      Chiudo qui.
      Grazie x l’ospitalità.

  53. Ma due paroline sull’arbitro Rizzoli ed i suoi compagni di serata?

    Perché non arbitrano così anche in itaglia?

    Già, è vero, in itaglia ci sono troppi inciuci e, soprattutto, una marea di tifosi pirla.

    P.S. La butto lì: nessuno crede in una rimonta dei crucchi al ritorno? In casa loro sono invasati! E poi la finale sarà a Berlino, a “due passi” da Monaco….vuoi che non ci mettano tutto il cuore possibile?

    P.P.S. Se i gobbi spagnoli non sistemano la difesa la vedo difficile buttar fuori i gobbi de noantri.

  54. ErnesTO’O,
    Il naso di Chiellini ha i suoi vantaggi. Intanto sulle punizioni contro lui si mette di profilo e possiamo metterne uno in meno in barriera. Poi, tutti quei contrasti che voi mistificatori nerazzurri dite essere gomitate in realtà sono colpi di canapaia, e gli arbitri giustamente non intervengono.
    Avesse Ranocchia una simile proboscide, sareste a giocarvi l’ingresso in champions con le romane…

  55. Canapaia = canappia

  56. Personalmente, se mi dovessi basare sulla verità reale la Juve dovrebbe essere radiata da qualsiasi competizione, comprese il Festival di Sanremo, il Festivalbar e il tressette di capodanno.

    Così, tanto per star tranquillo.

    Se ascolto poi le intercettazioni, poi, la sanzione dovrei espanderla anche alla morra cinese e al tiro a segno con le cerbottane fatte con le biro.
    Altro che due scudetti revocati e una passeggiata in serie B.

    Ma siccome io sono interista, non mi costruisco una verità personale ma mi baso sulle sentenze.

    Se erano così sicuri della “verità”, potevano rinunciare alla prescrizione.
    Non l’hanno fatto e hanno regalato l’ennesima figuraccia ai propri tifosi che avevano speso un decennio per farsi le proprie ragione

    e cianciare a vanvera di prescrizioni nei nostri confronti che poi, puntualmente vi si sono ritorte contro nel peggiore dei modi.

    E, chiariamolo subito, io di vedere schiantare le vostre convinzioni per 28 volte di fila con la ciliegina della prescrizione finale

    non ne avrei mai abbastanza.

    Fosse per me ricomincerei tutti i processi da capo,
    tipo Luna Park.

  57. Qualcuno spieghi allo juventino standard di cui sopra che il fatto che la Cassazione sia corte di legittimità e non di merito non significa che non possa invertire il giudizio di del giudice dell’appello se questo ha detto una cazzata, ma soltanto che essa non può sottoporre a verifica le risultanze fattuali come emerse nei precedenti gradi di giudizio (mai sentito parlare di “sentenza cassata senza rinvio”?).
    Qualcuno glielo spieghi, … anzi, … non me ne frega un cazzo.

  58. Oggettivamente questo post di settore è sacrosanto e fa capire che razza di martirio ci tocca subire.

    Ma io dico una cosa, va bene che il tycoon indonesiano non può spendere in giocatori di livello perché frenato dal FFP fatto su misura per l’Inter, ma non potrebbe almeno comprarsi questi ridicoli tuttosport e gazzetta e “allontanare” con qualche giusta causa i pennivendoli peggiori ? In fondo per Thohir è semplice core business, e giornalini come quelli italiani sono nulla in confronto ai media che possiede nel mondo.

    Un riequilibrio della comunicazione è necessario perché i ladri stanno riscrivendo la storia e ho paura che tra qualche anno finiremo per credere anche noi alle loro realtà virtuali. Lo si è capito dalla schiera di interisti (nostro blogger incluso) schierati a difesa della linea del fuorigioco tracciata a 45° in juventu-milan dalla produzione telesiva bianconera. Solo per il piacere di deridere i ridicoli cugini (che ormai si stanno auto distruggendo), una pletora di interisti si è schierata a favore dei ladri di torino. Sono segni del revisionismo che avanza e del tempo che cancella le ingiustizie della storia.

  59. @Federico
    La Cassazione non ha condannato la juve nelle persone di Agricola e Giraudo però ha annullato un appello che li assolveva, dicendo che erano colpevoli e punibili, contrariamente a quanto stabilito dalla Corte Territoriale, in base alla legge 401/89. Il fatto che la Cassazione dica che fossero colpevoli non contrasta col fatto che essa non decide nel merito, come scrivi, dal momento che può annullare un’assoluzione per mancata applicazione di una legge.

    Inoltre la Suprema Corte dice che “la Corte Territoriale ha affermato che «non vi è dubbio che la condotta contestata, con riferimento alle specialità medicinali non espressamente vietate, venne posta in essere nel confronti dei giocatori della Juventus. Invero risulta ampiamente provato agli atti del processo che DAL 1994 AL 1998 LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN QUESTIONE AVVENNE REALMENTE E FU REALIZZATA SPESSO CON MODALITÀ OFF LABEL, OSSIA AL DI FUORI DEL CONTESTO AUTORIZZATIVO INDIVIDUATO DAL MINISTERO DELLA SALUTE OVVERO IN FORME NON CONSENTITE ». «Di conseguenza», proseguiva la Corte Territoriale, «in relazione a tale aspetto dell’imputazione sub a, non può esservi spazio per una formula di proscioglimento diversa da quella derivante dalla impossibilità di applicare al caso di specie la normativa di cui alla legge n. 401 del 1989». Questo collegio, viceversa, ha ritenuto che la condotta degli imputati integra il delitto di cui all’art. 1 della legge n. 401 del 1989: apparendo condivisibili, quanto al resto, le affermazioni della Corte territoriale, con specifico riferimento alla ritenuta equiparazione della posizione degli imputati, la sentenza impugnata va annullata in parte qua e, segnatamente, nella parte in cui ha mandato assolto Agricola Riccardo e, per effetto estensivo, Giraudo Antonio, «dai residui fatti addebitati nel capo g), perché il fatto non è previsto dalla legge come reato».

    Tradotto: la Corte d’appello ha accertato la somministrazione off-label (fatto provato, come qui abbiamo già scritto) e proscioglie perché non considera applicabile la 401/89. La Cassazione invece la considera applicabile, ANNULLA L’ASSOLUZIONE e dichiara intervenuta la PRESCRIZIONE.
    OVVIO CHE, se in secondo grado l’unico motivo di assoluzione è la non applicabilità della legge 401, e se la Cassazione è intervenuta stabilendone l’applicabilità, GIRAUDO E AGRICOLA SONO COLPEVOLI DI FRODE SPORTIVA.
    Prescritti, non condannati, ma RICONOSCIUTI COLPEVOLI.
    Avrebbero potuto rinunciare alla prescrizione, qualora avessero voluto essere assolti del tutto ma, come scrisse qualcuno, per accettare di essere processati conviene essere innocenti.

    La stessa storia si è ripetuta recentemente per Moggi e Giraudo: neanche loro hanno rinunciato alla prescrizione dei reati di associazione a delinquere e frode sportiva.
    Corsi e ricorsi.

  60. @Federico
    Per quanto attiene le intercettazioni di cui scrivi, esse furono ritenute penalmente irrilevanti dal giudice di primo grado (Casoria, che, stando a quello che dicevate e scrivevate, era il vostro paladino, unico depositario della verità assoluta), altrimenti sarebbero state trasmesse alla Procura di competenza, stante l’obbligatorietà di tale provvedimento.

  61. Ma, dico io, state ancora lí a perder tempo con ‘sti disadattati, infelici nonostante stiano vincendo(ah,ah,ah…) il 4° scudetto di fila(con i soliti aiuti nella prima quindicina di partite e poi una volta scavato il solco…), che non gli basta mai perchè una volta che sei quello che essi sanno bene di essere niente può bastarti se non tentare di trascinare gli altri nella tua infelicità merdosa.
    A questi il bruciore di culo non passerà mai… Hai voglia a strusciarselo per terra come fanno i cani…
    Ma per favore…

  62. se mai ci fosse stato bisogno di dimostrare che la palla è rotonda basterebbe rivedersi le due partite della Fiorentina e del Napoli per capire quanto questo sia vero, mai visto perdere 3-0 dopo avere sbagliato almeno tre gol facili facili e pareggiare per 1-1 sempre dopo avere sbagliato/sprecato almeno una mezza dozzina di occasioni d’oro per segnare.

    altro motivo per dire che la palla è rotonda e tutto può succedere è vedere giocare Higuain e pensare che il Real lo ha venduto al Napoli e ha speso per comprare Bale cento milioni…

  63. La Juventus fu processata per frode sportiva, condannata e poi, nel 2004, assolta in appello.
    Pilastro della sentenza di condanna fu la relazione del perito del giudice che asseriva che i giocatori della Juventus avevano fatto uso di EPO:
    “La svolta nella perizia arrivò analizzando la cartellina del calciatore Antonio Conte, dove i valori ematologici dopo un infortunio durante la finale di Champions League del 1996 mostravano variazioni inspiegabili, o meglio non fisiologiche. Dopo qualche mese si registrò un altro calo di emoglobina seguito da un recupero veloce, in corrispondenza temporale di un intervento chirurgico al ginocchio. Altri episodi simili li ritrovò anche studiando l’andamento di Tacchinardi. I giocatori venivano sottoposti ad analisi con una frequenza fuori dal comune, in atleti che stavano bene, giocavano e non erano infortunati.”
    L’assoluzione in appello è quindi molto singolare.
    E’ vero che le sentenze vanno accettate, ma è altrettanto vero che quando dall’altro piatto della bilancia c’è un dato sottoposto al vaglio della scienza, occorre per lo meno ricordarlo e sottolinearlo.
    Io posso anche venire assolto per non aver ucciso mia moglie, ma se il perito afferma, sulla base di dati scientifici, che a far partire dalla pistola il proiettile che l’ha uccisa sono stato io, difficilmente potrò reinserirmi nella società come se nulla fosse successo.

  64. Un correzione: ho definito “pilastro” la relazione del perito del Giudice in relazione all’uso di EPO. L’uso non autorizzato di medicine su persone sane è stato ampiamente provato, solo che quei farmaci non rientravano nell’elenco delle sostanze dopanti (ma vi sono state inserite successivamente). L’EPO, invece, com’è noto è già considerato doping.

  65. Intanto, come previsto, la squalifica della curva è stata sospesa per permettere la festa scudetto…

  66. poverino il barista che lavora sotto casa, dove ogni giorno faccio colazione, ultrasettantenne juventino da morire…ma veramente da morire, pensate all’infarto da cui fu colpito dopo il nostro triplete;
    eravamo, siamo e lo saremo il loro incubo perché , al contrario dei rossoneri (abituati alle sconfitte, per lo meno quelle fisiologicamente ricorrenti nei cicli storici ) loro non sono abituati a perdere, e soprattutto non sono abituati a vedere vincere coloro che ritengono inferiori : ecco è un semplicissimo e banalissimo complesso di superiorità;
    quei gran paraculi degli agnelli (il nonno , lo zio, la zia , la comare…) non conoscono come è fatto un giorno di lavoro (tranne forse il capostipite), non hanno idea che nella vita si perde, o si pareggia (e un pensiero rispettoso va a chi, giovane, ha perso la vita o se l’è tolta, enormi tragedie che non c’entrano con le nostre gioiose cazzate) , semplicemente non lo accettano e quindi sono costretti a ricordarlo; per finire ieri, alfredo il mio barista, diceva agli altri avventori del bar : vedete noi dovevamo fare come l’inter con il barcellona…il cuore fa brutti scherzi…

  67. La novità e che da adesso si possono buttare bombe carta impunemente nella curva degli avversari. Vergogna

  68. La squalifica della curva Juventina sospesa.

    Il premio fair play Uefa ( che premia il comportamento anche dei tifosi e che consente di iscrivere una squadra in piu in Europa League) assegnato oltre che a Irlanda e Inghilterra… all’ OLANDA!!!

    Verrebbe voglia veramente di mandare tutti quanti a fanculo.

  69. E perfortuna che con il (ta)vecchio razzistucolo le cose dovevano cambiare ….
    E si, è verà lotta dura di un cuore nerazzurro.

    Intanto dalla Uefa è arrivata la punizione per noi: rosa ridotta a 21 giocatori e 20 milioni (6+14) di multa.

  70. Per l’esattezza 6 milioni di multa.
    I restanti 14 solo se non andiamo in pari nell’esercizio 2017 (quindi molto probabile che alla fine sia di 20 in 3 anni)

    La vera scocciatura è la riduzione della rosa a 21. In pratica basta che due dei tuoi migliori si spacchino per mandare in vacca l’intera stagione europea. Per tanto così, forse, tanto vale mandare in culo l’EL che non ti da quasi nulla di tornaconto economico.

    La questione olandese segnalata da mucci è semplicemente aberrante, e non si spiega solo con la scarsa considerazione che ha l’italia all’estero. Evidentemente sono traffici spinti di corruzione. Mandare una squadra in più in europa sono più soldi di diritti TV, specie per una federazioncina tutto sommato piccola come quella olandese. Evidentemente una fetta della fetta è già destinata al pagliaccio francese, che temo sia sul libro paga di mezza europa (torino inclusa).

    E a proposito di corruzione, la rubentus aveva la chance di fare nuovamente il tutto esaurito al conatum, in occasione di una partitella del cazzo in cui però si celebra lo scudetto. E un tutto esaurito al conatum, specie se ti alzano ad hoc i prezzi come han fatto con il real, può significare fino a 3,5 milioni di incasso in un colpo solo.

    Vi pare che potevano lasciarsela e lasciargliela sfuggire?
    Perchè sempre lì si va a parare, di certo non volevano fare un favore ai loro fedelissimi tifosi di benevento; al contrario non volevano perdere occasione di estorcergli altri quattrini.

    L’aspetto più schifoso è che ormai sono padroni a livello sistemico.
    Non siamo più nella fase di due o più che si accordano sottobanco concludendo con un “io e te non ci siamo mai visti”…

  71. Non bastano i passaporti (sempre al plurale, ma ne era uno (1), Recoba, ma questi non ci sentono!), adesso tirano fuori anche i morti della Saras!

    Pur di dare contro all’Inter (loro incubo, è vero) tirano fuori di tutto!

    E ancora con le intercettazioni di Tronchetti/Moratti/Telecom?
    E dai, su, anche un bambino ormai sa che se porti a un magistrato delle intercettazioni fatte da te ti ride in faccia perché non valgono nulla in fase processuale, e che è SOLO il magistrato che può dare l’autorizzazione a mettere sotto controllo utenze telefoniche e SOLO attraverso le varie forze dell’ordine!

    E poi dicono sempre (gli juventini) che siamo stati aiutati dagli arbitri con quel rigore non dato contro l’Inter o con quel gol degli avversari che invece c’era; ma mica dicono mai che abbiamo giocato in 10 per un’ora al Camp Nou dopo una espulsione alquanto teatrale che più ingiusta e farlocca non esiste?

    Ma perché piuttosto non vi godete sto triplete in santa pace?!

    ps: ma come, per un coro razzista si chiude la curva (giustamente) e per una bomba carta che può uccidere no?!
    Questo è un chiaro segnale, se ancora ce ne fosse bisogno, del nuovo strapotere juventino. Rassegniamoci ragazzi!

    ps2: solo io ho visto che Rizzoli, l’altra sera, ha distribuito cartellini a destra e a manca (tanto per non sbagliarsi) in vista di una certa ipotetica finale (che sappiamo tutti)?
    Vi ricordo che c’è un certo Platini (quello che saltava di gioia con la coppa in mano all’Haysel) al comando dell’UEFA!
    Non mi è simpatico De Laurentis, però ha fatto bene a cantargliele al gobbo di Notre Dame!

    • d’accordo su tutto tranne che sul ps2, visto che dopo l’azzeramento i cartellini gialli presi in semifinale non generano diffida quindi, per esempio, neymar potrebbe prendere un secondo giallo a monaco ma non sarebbe cmq squalificato per berlino

    • Ah quindi hanno cambiato il regolamento?
      Ok, non lo sapevo, ne prendo atto.

  72. Juve, sospesa la squalifica della curva: festa scudetto con lo stadio pieno
    La Corte d’Appello ha emesso un’ordinanza interlocutoria in attesa che la Procura federale acquisisca ulteriori elementi sugli incidenti del derby di Torino: contro il Cagliari saranno aperti tutti i settori

    Uefa assegna premio fair play all’Olanda. Nonostante la devastazione di Roma

    Mi viene da vomitare…

  73. In compenso dall’Uefa ci hanno dato una bella stangata!
    Come faremo ad arrivare a -30 da -100 circa, e in così breve tempo?
    Ma soprattutto, che ricaduta avrà tutto ciò sull’aspetto tecnico/sportivo e competitivo?
    Sono assai preoccupato.

    Quando si diceva, anni fa dopo il triplete e il ridimensionamento dell’Inter, “più spendi meno spendi” significava appunto che, certo, i grandi calciatori ti costano molto ma ti garantiscono Champions, alte entrate e tutto il resto.
    La politica, invece, di ridurre ingaggi e prendere giocatori mediocri (se non pippe spesso) che costano meno è una politica sbagliata perché crea una depressione economica, oltre che sportiva, che rischia di avvitarsi su se stessa.
    Con il pericolo di rimanere in una sorta di purgatorio sportivo infinito.

    Si può anche trovare un equilibrio mediano e un intelligente compromesso ma purtroppo non è stato il caso nostro.
    Ahimè!

  74. Con la nostra attuale rosa la limitazione imposta dalla UEFA in caso di qualificazione alla prossima E.L mi sembra più un premio che non una punizione. ..

  75. Abbiamo una Cantera meravigliosa…che sia la volta buona!?!? Coraggio ed entusiasmo. E vai!!!!

    • Stai scherzando, suppongo.
      Il nostro settore giovanile non è quella cosa all’avanguardia che si vuol far credere.
      In passato era pure molto inquinato. Era evidente che c’era un giro di soldi.
      Adesso sembra che i maneggioni siano stati allontanati, ma sicuramente non è un vero settore giovanile, in quanto cerca di raggranellare qua e là giocatori già formati da altri.
      Un settore giovanile è un’altra cosa.
      Anzi, direi che un vero settore giovanile va nella direzione opposta di quello che si fa oggi nella società Inter ma non solo.
      La prima volta che vidi la Primavera dell’Inter credo fosse il 2005 e rimasi sbalordito: gente che non aveva la minima dimestichezza col pallone, nessuna proprietà di tocco, nessuna idea, niente di niente.
      Credo che di quella genia lì, nessuno sia andato oltre la lega pro.
      Poi continuai a seguirla negli anni e cominciai a vedere robe strane, acquisti inspiegabili di bidoni conclamati.
      Nel tempo i miglioramenti sono stati impressionanti, date le scarse risorse economiche impiegate, ma il settore è rimasto incapace di produrre talenti fatti in casa.
      La ragione è che il calcio oggi è solo corsa e fisico e la tecnica non conta un cazzo: è questa la filosofia che regge la maggior parte dei settori giovanili, a cominciare dagli allenatori che non sono veri allenatori giovanili, cioè non sono lì per insegnare calcio, ma per fare carriera nelle serie superiori.
      Il settore giovanile dell’Inter è un vero, autentico bluff e prima lo si riconosce pubblicamente, meglio è.

  76. Per chiarire, uno stralcio di un’intervista a Barollo:
    “Due anni fa sono andato grazie all’amicizia di Stefano Borgonovo con Buitragueno, a visitare la cantera del Real Madrid. Sono rimasto senza parole. Una serie infinita di ragazzini di talento che ti nascondevano il pallone e ci facevano quello che volevano. Fisicamente niente di che, ma che qualità tecnica. Torno a Milano e vado da Samaden, responsabile del settore giovanile dell’Inter, club per inciso al quale mando i nostri ragazzini migliori. Entro e dico: torno adesso da Madrid. Lui si mette a ridere prima ancora che io finisca”.
    E perché?
    “Perché sa come la penso: da noi li scarterebbero tutti. Si, non ne tessererebbero manco uno. E sa perché? Perché il giocatore di qualità magari gracilino non c’è tempo per aspettarlo. Da noi già a livello di pulcini bisogna vincere. Conta quello e basta”.
    Barollo si accende:
    “Possibile che quando segnalo un ragazzo la sola cosa che mi sento chiedere è: fisicamente come è messo? Chi se ne frega come è messo. Io da giocatore ho fatto tutto il settore giovanile dell’Inter più in panchina che in campo perché avevo tecnica ma poco fisico. A fine anno i titolari magari andavano via ma io venivo sempre confermato. Ma ai miei tempi ti sapevano aspettare. Perché sapevano che il fisico prima poi arriva. La tecnica no. Mi piacerebbe proprio vedere il giovane Messi in un settore giovanile italiano di oggi. Scommettiamo che non durerebbe il tempo di un provino?”

  77. Se quello che dici vale per tutti o quasi i settori giovanili, visto che oggi c’è solo atletismo e niente tecnica, perché vai sempre a chiudere il discorso con illazioni di vario genere su quello dell’Inter?

  78. Che oggi tutto sia troppo orientato all’atletismo è indubbio.
    Ma non mi pare che Barollo e la sua tecnica abbiano fatto una carriera straordinaria.
    Oltretutto che “il fisico prima o poi arriva” non si può sentire. Piuttosto è vero il contrario: la tecnica la puoi affinare (e non confondiamo la tecnica con il talento), la struttura fisica è quella che è (tralasciando aiuti chimici).

    Piuttosto non cadiamo sempre nell’errore di pensare che il giovane debba essere il Messi(a) di turno.
    Dalla primavera devi cominciare a prelevare i “tappabuchi”.
    Per intenderci: per giocare una manciata di partite meglio Gnoukouri a tre cocomeri ed un peperone che Mudingay ad 1 milione netto.
    Visto che nessuno dei due ti fa fare il salto di qualità meglio risparmiare i soldi per concentrarli su altro.
    Poi vedi, magari sei fortunato ed anzichè un tappabuchi ti diventa una riserva affidabile.
    O magari sei fortunatissimo e ti ritrovi un titolare.

    • Sono d’accordo.
      Dalla Primavera, a memoria mia, un solo vero crack (in fieri, visto il seguito), Balotelli.
      Poi molti giocatori tra buono e discreto, con i quali abbiamo portato a casa un po’ di soldi (Destro, Donati, Viviano – forse Bonazzoli) e un po’ di buone panchine (tipo, oggi, Andreolli e Santon, per esempio).
      Oggi, bene mettere dentro Gnou e magari provare Camara e Puscas.
      Mi resta una curiosità: ma i portierini che abbiamo in giro sono così meno forti – che so – di Carrizo e Berni? Non sarebbe comunque il caso di fargli prendere un po’ d’aria panchinosa ma di casa?

  79. Balotelli è stato preso dalla Reggiana, mi pare, che era già uno fuori dalla norma.
    Quindi anche lui non è un vero prodotto della nostra cantera da non confondere con il cantaro ( i pugliesi sicuramente comprendono ).
    Zenga Bergomi e Ferri sono stati gli ultimi prodotti seri delle ns. giovanili.

    • “Per rispondere anche agli altri, se si parte dal presupposto che “la tecnica si può affinare”, allora stiamo facendo un altro discorso, ovvero il settore giovanile non ci interessa per avere giocatori da Inter ma è un mezzo per fare plusvalenze o risparmiare sugli scambi.”

      Non vedo il nesso fra affinare la tecnica e cedere i giocatori.

      Il discorso diverso lo stai facendo tu se vedi come obiettivo di un settore giovanile quello di sfornare un virtuoso della palla che poi non è in grado di diventare professionista.
      Per quello c’è il free style.
      Lì palleggiano anche con stinchi e polpacci.

  80. Scusa, ma il senso che avrebbe coltivare chi poi non sarà in grado di reggere al confronto fisico e, di conseguenza, la palla non la vedrebbe neppure continua a sfuggirmi.
    Cosí come mi sfugge il senso di usare, parlamdo del settore giovanile dell’Inter, parole non belle come ‘inquinato, giro di soldi, maneggioni, robe strane, acquisti di bidoni conclamati’, concludendo con ‘il settore giovanile dell’Inter è un vero, autentico bluff’, il tutto in appena poche righe.
    Sinceramente, non capisco il senso di buttare merda su quello che ci è riconosciuto dagli altri come un fiore all’occhiello.
    Ma sarà sicuramente un mio limite…

    • vedi Nino è solo una questione di opportunismo.

      quest’anno il Barca ne ha dati tre al Bayern e allora la cantera è tornata di moda.

      l’anno scorso il Barca è stato eliminato dall’Atletico, due anni fa ne ha presi sette tra andata e ritorno dal Bayern e tutti dicevano che il tica taca era finito e che quello del Bayern era il vero calcio e non la camomilla che ti somministravano gli spagnoli.

      tra l’altro questi qui hanno una cantera della madonna eppure vanno a comperare uno come Ibra spendendo settanta milioni, comperano Neymar per sessanta e Suarez per settantacinque.

      la verità è che la cantera gli ha tirato fuori tre fenomeni in una volta sola, tra cui uno più fenomeno degli altri, ma quando cazzo gli ricapiterà?

      quando abbiamo venduto Destro su qui l’hanno fatta andare per tre anni, quando abbiamo venduto il Balo ancora di più.

      il primo sta girando l’Italia in cerca d’identità, l’altro l’ha persa appena andato via da noi e non si sa se la ritroverà.

      se poi penso che l’hanno menata anche per Longo…

  81. comunque di tappabuchi da qui in avanti ne avremo a fottere

    la prevalenza dello scarso

  82. meno male che il sunderland oggi ha vinto in trasferta, 11 milioni sono anche piu importanti del finale di stagione dell’Inter

  83. sto guardando real madrid valencia: prepariamoci a vedere i gobbi in finale, questi son scoppiati..troppi uomini fuori forma, e pigliano contropiedi da paura

  84. poche riserve in campo

    la liga è andata

  85. Non è che fingo, non capisco proprio. Parli di ragazzini che hanno almeno una decina di anni di allenamenti in cui affinare la tecnica prima di arrivare in serie A. Il problema è che non viene fatto o viene fatto male, non che non l’abbiano già in partenza. E se vuoi insistere con Messi, parliamone: senza le massicce dosi di ormone della crescita prese probabilmente sarebbe un giovinco dal piede più educato ma più gracile.

  86. Ribadisco, Icardi ha due tombini al posto dei piedi!

    Ma come si fa a sbagliare quel gol!?!?!?!?!?!?

  87. hernanes

    invece no

  88. e ancora una volta

    tutto il mercato di gennaio

    in panchina

  89. E’ per via del FPF, cioè lo Facciamo Per Finta.

  90. siamo cazzo anche di perderla….

  91. Per capire che siamo atleticamente finiti

    basterebbe guardare quelli senza palla:

    fermi

  92. 20 minuti in 11 contro nove

    e non abbiamo creato nemmeno mezza occasione

  93. e appena finito di scrivere…..

  94. vista con commento portoghese…

    alcune considerazioni:

    1. deve essere questo hernanes che si preferiva a coutinho all’epoca

    2. ma il gemello di podolski era proprio necessario?

    3. è comunque ufficiale che per metterci in difficoltà basta farsi espellere un paio di giocatori

    e comunque vincere è sempre meglio che perdere

  95. Ma quando finisce sto strazio?

    Comunque ha ragione vittorio!

  96. I laziali di che si lamentano, scusate?
    I rossi erano da manuale, non darli sarebbe stato da ufficio inchieste.

    Era da annullare la punizione del primo gol per fuorigioco di Medel, questo sì, ma poco prima c’era stato un tocco di mano evidentissimo di Biglia in area, quindi siamo lì.

    L’ammonizione di Hernanes è inesistente e purtroppo salterà la prossima.

    Aggiungiamo che la Lazio ha picchiato come fabbri, quindi non vedo quale sia il motivo di lamentarsi.

  97. Comunque, juve a parte, è stato un campionato ridicolo.
    E, ovviamente, il fatto che è stato ridicolo ha aiutato anche i gobbi, va da se.
    Un campionato in cui Inter e milan sono out per auto-scarsezza e inferiorità cronica ormai da anni, e dove Roma e Napoli sono le solite squadre che si sciolgono al primo pallido sole primaverile.
    Se continuiamo così la juve ne vince altri quattro di seguito.
    Speriamo cambi qualcosa, sennò si fa dura.

  98. Oggi, guardando Chelsea Liverpool ho ammirato il gioco, l’impegno, la dinamicità e l’intelligenza calcistica di Coutinho.

    Che dire, fare cambio con Guarin, pare brutto?

    Concordo con chi mi ha preceduto: è uno strazio di squadra, neanche 11 contro 6 riuscirebbero ad imporre il proprio gioco (!!!) ma vincere è sempre meglio che perdere.

    P.S. Del “due tombini” che si vuole fare? Tenerlo un altro anno perché “è lui che segna di più e se avesse chi gli tira la palla ne segnerebbe ancora di più”?

    Mah!

  99. Cosa c’entra Hernanes con coutinho, che è stato venduto un anno prima de’acquisto del profeta?

    Ma parlando d’altro, Tare si presenta ai microfoni di sky dicendo che stenta a mantenere la calma, perché “ci vuole rispetto, non si può vanificare un anno di lavoro di una società con una terna arbitrale del genere” nello specifico lamenta l offside sull 1 a 1, ma soprattutto il fatto che poi abbia buttato fuori il portiere dal momento che “già erano in 10”.

    Follia allo stato puro, in altri termini dice che essendo alta la posta gli arbitri non devono osare applicargli il regolamento se li penalizza.

    La banda Lotito (Modello manageriale ed etico per taluni) sta diventando piu arrogante della torino carcerata, non fosse che contano un millesimo rispetto a quest’ultimi.

    Sulla partita, voi ci vedete il solito strazio, io mi sono divertito, già in 11 Vs 11. Poi si, in 9 Vs 11 abbiamo sofferto troppo e faticato a segnare (certo, un rigore sbagliato, podolski sia magna tre palle gol…), ma è la solita minestra:

    Quando di fronte hai una squadra che gioca, noi diamo il meglio. Quando di fronte hai una squadra chiusa, perdiamo la rotta.

    Ragione per cui batti la Roma poi perdi col Chievo, ragione per cui abbiamo una dozzina di punti in meno delle romane, pur avendo fatto 7 punti contro di loro negli scontri diretti.

    Ps, Hernanes sta solo confermando ciò che è, nessuna news. E un plauso lo merita anche kovacic stasera, anche se i detrattori per mestiere avranno senz’altro da ridire anche a ‘sto giro.

  100. Il problema di Icardi non sono i piedi, nerazzurri rosso
    ma i polmoni.

    E’ tutto l’anno che tira la carretta da solo senza avere mai un cambio, in una squadra che non gira e in cui, l’avete visto, non c’è movimento senza palla perché semplicemente sotto il profilo atletico non ci siamo mai stati, quest’anno.

    Le ha giocate tutte, dicasi tutte, ovvio che ora è poco lucido ed è schiattato.

    Ma sì, vendiamolo.

  101. E poi bellissima, Icardi canna una partita e l interista è già li a chiederne la testa, sperando che il mercato se lo porti via.

    In un contorno in cui altri sparano ancora a 0 su coutinho, mostrando di parlare senza avere idea di quel che si dice (basterebbe vedere una o due partire di premier per essere crudelmente smentiti), e solo perché oggi Hernanes fa due gol (???)

    Già Hernanes, il bidone che fino a 5 minuti fa “vergogna, con quei soldi si prendeva naingolann il pestamogli”.

    E ora sotto con kovacic

  102. Kovacic stasera non mi è piaciuto tanto nel primo tempo.
    Molto meglio nel secondo tempo.

    Il che solletica un’impressione che mi porto praticamente da sempre:

    Guarin è la sua kryptonite.

  103. Il nostro problema è che non abbiamo giocatori che fanno superiorità.
    Sia numerica (tecnicamente parlando) che di personalità.
    L’unico potrebbe essere (e uso il condizionale) kovacic.
    Ma quando lo dimostrerà?

    Insomma Kovacic deve capire che il suo destino è quello di prendere l’Inter per mano. Ma non una partita ogni trenta; non so se è chiaro il concetto?!

    Se non lo fa, cioè se non farà questo salto di qualità, è inutile come giocatore.
    Insomma, sarà uno dei tanti lì in mezzo al campo a fare passaggetti laterali per tutto il tempo.
    Né più né meno.
    Anzi, anche un po’ dannoso.

    In fondo è tutto qui il discorso su Kovacic.
    Poi quello che noi pensiamo e i giudizi che diamo sono del tutto secondari e pleonastici.