Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

La ruota che (non) gira

| 122 commenti

Ci contavano i pali, adesso non li contano più. Ci calcolavano il culo, adesso non lo calcolano più. Sono diventati esercizi inutili perchè ormai, a romperci il cazzo, ci pensa da solo il Fato. E mica da oggi. Domenica 11 marzo, ventottesima giornata, mentre noi ci facevamo un paiolo tanto per pareggiare 0-0 in casa col Napoli – partita che almeno segnava una svolta sostanziale dopo l’interminabile serie delle mozzarelle nerazzurre – accadevano le seguenti cose: la Lazio pareggiava al 90′ una partita già persa con un colpo di tacco alla sperindio da venti metri che manco al campetto, e il Milan vinceva al 90′ una partita già pareggiata con il primo gol in campionato di un centravanti di cui si erano dimenticati gli stessi cuginastri. Noi un punto, sudando sette camicie, gli altri tre: al novantesimo, gratis.

Oggi, a Torino, al minuto 36′, Belotti in azione di contropiede non sa a chi passare il pallone, corre, rallenta, si guarda in giro, non sa cosa cazzo fare,  si mette a litigare con i compagni, del tipo “qualcuno si smarchi o vi ammazzo a mani nude”. Perisic in rimonta da dietro allunga il gambone e gli toglie la palla. Che finisce dritta a De Silvestri, come Belotti non avrebbe saputo fare. Che la crossa a Ljajic, che al mercato mio padre comprò e la mette dentro.

Per dire che – al netto di tutto il resto – il culo ti assiste o non ti assiste, e se non ti assiste sono veramente cazzi.

Quella dell’11 marzo fu una domenica sanguinosa, per noi, e questa non lo è stata di meno: un vorticoso giro di uccelli paduli ha tenuto al palo la Roma e un po’ anche il Milan, ma tre punti persi d’un botto dalla Lazio pesano di brutto.  E’ chiaro – non è una grande novità, ma giova ricordarlo – che a questo punto del campionato, con il duello-scudetto ancora in corso, la corsa per l’Europa aperta a molte soluzioni e con sette squadre ancora impelagate nella lotta per la salvezza, non esistono partite facili o difficili: esistono partite, punto, da vincere o almeno pareggiare, guardando di sguincio – e con angoscia – quello che combinano le tue dirette avversarie. Sarà così per le ultime sette giornate, quindi prepariamoci.

Il problema è il culo.

In questo momento, e da molte settimane, forse mesi, l’Inter non ne ha, o ne gode random, e comunque sempre in misura minore alla sfiga che incombe e l’attanaglia. Prendi le ultime due partite. A leggere che abbiamo fatto un punto senza segnare un gol, ti verrebbe da dire: che merda. Se però le partite le hai viste, allora ti puoi macerare nel dubbio: cosa abbiamo mai fatto di male, e a chi, e quanto, per avere fatto un punto invece di almeno quattro se non di sei? Com’è che abbiamo perso a Torino tirando 15 volte e battendo 16 angoli a 1? Com’è che giochiamo, creiamo, corriamo, mordiamo e non incassiamo?

L’Inter di queste due ultime partite – 1 punto, 0 gol, 30 tiri, 25 corner, 50 azioni d’attacco, 100 cross, 1 milione di calorie lasciate sul prato – avrebbe fatto a fettine qualsiasi avversaria cui abbiamo devoluto punti nei due mesi e mezzo di buco nero. E oggi non avremmo problemi, o ne avremmo molti meno. A parte non l’avere segnato e di conseguenza non avere vinto, cosa puoi rimproverare all’Inter vista con Milan e Torino? No, ma ve la ricordate l’Inter con la Spal, il Crotone, il Genoa, o quella dei primi 60′ col Benevento?

Certo, non si può certo essere fatalisti al mille per mille, e affidarsi solo ai capricci della Fortuna. Non vincere due partite cruciali senza segnare un gol è sintomo anche di un qualcosina che non va: tipo che se è il caso entri in porta col pallone, e invece no, ti fermi appena prima. No buono. Ma c’è di sicuro una cappa merdosa che rende vagamente marrone il cielo sopra questa Inter,  un cappa in cui al non-culo aggiungi sfumature di Var millesimato (cioè al millimetro) e interpretazioni un po’ così. Altri segnali che da questo pantano ti devi tirare fuori da solo, rigorosamente da solo.

Di bello c’è che ce la possiamo fare, e questo ce lo dice quello che abbiamo visto nell’ultimo mese. Per arrivare terzi o quarti in questo campionato siamo discretamente attrezzati e oggettivamente in un buon momento. A me l’Inter del derby e l’Inter di Torino è piaciuta. E’ un’Inter che non ha segnato, purtroppo, ma tutto il resto l’ha fatto bene. Un’Inter a cui non puoi rimproverare nulla di quello che le rimproveravi due e tre mesi fa, tipo impegnarsi, attaccare, tirare fuori i coglioni, quelle robe lì.

Avere sfiga è una brutta cosa, ma c’è qualcosa di peggio: cioè arrendersi all’evidenza di avere sfiga. Perchè è tutto ancora lì, a portata di mano. Basta aggrapparsi, non mollare, aspettare che la ruota giri. E’ tutto semplice e terribilmente complicato al tempo stesso, ma un finale di campionato sul velluto e dove tutti ti regalano la qualunque – almeno per noi – non l’hanno ancora inventato.

share on facebook share on twitter

122 commenti

  1. che tornassi, non certo per il risultato

  2. Primo!

    • Io ho letto: se avesse visto correre, avrebbe applicato il vantaggio.
      Che è diverso da convalidare il gol su punizione.
      Resta da vedere se, senza fischio, il pallone sarebbe entrato lo stesso.
      A me è parso che, sentito il fischio, tutti tranne Brozo abbiano fatto le belle statuine, portiere compreso.
      Anche io, e penso tanti, Scarpini compreso, ho interpretato la dituazione per quel che era: un calcio istintivo a gioco fermo!

      In ogni caso, è andata così. Non resta che impegnarsi allo stremo fino alla fine.
      Ho ancora un lumicino di speranza di arrivare all’ultima con +4 sulla Lazio (più difficile arrivare a +3 sulla Roma, dato il loro calendario); dipenderà, credo, dal derby romano e dal Salisburgo.
      Io tifero’ Lazio giovedì e Roma domenica. E voi?

  3. Sicuramente sfiga quella di oggi ma paghiamo anche la giornata no del trio d attacco.
    Candreva inconcludente, Perisic non ha preso una decisione giusta e Maurito che come forse un po troppo spesso succede rimane a zero dopo qualche partita con doppiette e triplette oggi peggio del derby.
    Almeno nel derby ha sbagliato ma c era…oggi un fantasma.
    Borja Valero é un ex giocatore ok metterlo nei minuti finali ma da trequartista fa ridere i polli. Gagliardini potrebbe e dovrebbe fare meglio in fase d attacco.
    Mazzarri lo odio, anticalcio, depressivo, piagnone e pieno di culo…e ha pure il coraggio di dichiarare che siamo stati noi fortunati a non prendere il secondo. Domenica che poteva andare anche peggio.
    Se continuiamo a giocare così sempre, ma in 11…pnso ce la possiamo anche fare.

  4. Non abbiamo maglie da Inter per ingrazuarci gli Dei di Eupalla, giusto che premino piuttosto i cuginasrtri più scarsi, che pero hanno almemo maglie tradizionali_
    Ci avevi lasciato a. Spal; per il futuro ricordati che, almeni io, non mi aspettato sempre capolavori, che pur ho letto, basta che ci rinnovi i post almeno ogni 15 gg, tipo lenzuola!

  5. Riscrivo di qua:
    Ho ancora un lumicino di speranza di arrivare all’ultima con +4 sulla Lazio (più difficile arrivare a +3 sulla Roma, dato il loro calendario); dipenderà, credo, dal derby romano e dal Salisburgo.
    Io tifero’ Lazio giovedì e Roma domenica. E voi?

  6. Bentornato, Settore. Ci mancavi!
    Amala!

  7. Se i tuoi post fossero infarcito di errori ortografico cosa dovremmo lodare il contenuto e tralasciare l’orrido forma?
    Non credo. Così l’Inter se compie gli errori di scelte di tiro e tiro (vedi Candreva ), di posizionamento sul gol granata (vedi D’Ambrosio ) e di tutto (vedi Peresic ) come ci si può dire soddisfatti?
    Riuscire a perdere con Mazzarri mostra tutti i limiti di squadra e società che non meritano la CL…altro che sfiga.

  8. Buongiorno a tutti.
    Mah…non so cosa aggiungere a quel che ha scritto Settore.
    Non fa una grinza.
    Il fatto è – forse – che siamo ancora abituati “male” : vinciamo giochicchiando e storciamo il naso; pareggiamo creando MOLTE occasioni e gli altri ci fregano…
    Che vogliamo fare…ci mettiamo a tifare PSG o Bayern, che (nel proprio campionato e basta) vincono quasi sempre ?
    Occhio… A quel modo li i colori…si stingono 🙂
    Vi lancio una provocazione : gli altri bianconeri ne han perse 8 (OTTO !) di fila… Sta’ a vedere…
    Forza INTER !!!

  9. Per me ci vuole un altro attaccante da affiancare a Icardi. Meglio se uno veloce.

  10. Vado a pagare il canone Settore.
    Grazie

  11. Ah, meno male, Settore, che sei tornato.
    Ero un po’ in pensiero.

    Sono d’accordo al 200% col tuo post.
    Leggo in giro da parte di alcuni fratelli nerazzurri che se non la metti dentro non può essere solo carenza di culo ma non sono d’accordo. Se crei per 180 munuti e non entra è sfiga. Le occcasioni chiare le sbagliano anche Messi e CRonaldo.

    • ESATTISSIMO.
      Se poi – come ho scritto sopra – vogliamo vincere a prescindere…siamo disposti a cambiare l’azzurro in bianco ?
      Io NO.

  12. Dopo un decennio di frequentazione del blog mi ritrovo forse per la prima volta in disaccordo con il padrone di casa. Piangere sfortuna dopo la partita di ieri denota miopia. Come ostinarsi a buttare sterili palloni in mezzo contro la solida e potente (ma lenta) retroguardia granata, come buttare dentro il buon Ranocchia da centravanti, roba da serie C. Ieri abbiamo perso perché incatenati a un solo e ripetitivo canovaccio tattico, ed è dall’inizio dell’anno che soffriamo le squadre catenacciare che giocano con dieci uomini sottopalla (Pordenone vi dice niente?). Un allenatore che non riesce a trovare altra soluzione che “libera Cancelo al cross e feijoada in area” è probabilmente responsabile di questo problema.

  13. Male e anormale.
    Cioè nel momento clou del campionato chi è che fa il diavolo a quattro?!
    Fiorentina, Torino, Chievo e Sassuolo, cioè squadre non proprio disperate (almeno le prime due) mentre quest’ultime vanno a maramaldeggiare a Napoli e Milano.
    No, non è normale.
    Ok, sono squadre che cominciano il loro campionato a Febbraio mentre prima galleggiano, un po’ come gli studenti che cominciano a studiare a Marzo.
    La partita di ieri è stata un’anomalia, per l’intraprendenza e personalità dimostrate.
    Ma bisogna fare necessariamente di più.
    Nel derby si sono viste 2 squadre che vogliono entrare in Champions ma che in quanto a spregiudicatezza sembravano aspettare che gli avversari morissero e il campo si inclinasse per fare andare il pallone in porta.
    Non so se è il pelato in panca che non si fa capire, se non trasmette i concetti giusti o (probabile) c’è qualcuno in campo un po’ più tardo degli altri..
    Del resto si vedono quelli un po’ più abituati a giocare al calcio rispetto a qualche corpo estraneo.

  14. Roma-Inter 1-3 all’andata.
    A leggere solo il risultato sembra chissà che, ma io NON dimentico i TRE pali della Roma. Lì avemmo fortuna, poi Icardi fece il resto in pratica da solo, girandosi in mezzo metro e fregando tutti.
    Ieri Perisic ne ha sbagliati un paio, Icardi pure, Candreva idem ( meno clamorosi degli altri ) e in più Sirigu ha fatto ALMENO due miracoli.
    E non dico che va tutto bene – guardate – ma che la sfrotuna sia un dato oggettivo.
    Poi… se Spalletti cambia modulo, se abbiamo un altra punta meglio del niente cosmico che abbiamo, se Rafinha gioca anziché far sfiancare il buon vecchio B. Valero… tutto vero, tutto giustissimo.
    Ma la sfortuna è stata clamorosa.
    E questo mi porta a pensare ( rumore di tuoni ) che a BG vinciamo ALMENO di due. Quel che mi preoccupa davvero, e l’ho scritto sopra, è l’Udinese.
    Sulla carta – con un po’ di fortuna – possiamo fare 16 punti SENZA rubare alcunché, e presentarci a…Lazio con un tranquillità.
    Sta’ a vedere che i nostri non mi smentiscono subito, eh ?

  15. Io chiedo, anzi mi asoetto, che battiamo la juve a san Siro ed anche con punteggio largo_ Fare terzi o quarti o quinti non mi cambierà l’imore più di tanto, anzi preferirei una Euro league con possibilità di vittoria ad una Champions con certezza di eliminazione

    • Una cosa è certa.
      Tutta Italia, tranne romani e laziali, tifera’ per noi.
      Almeno………..credo.
      Le merde biretrocesse, nemmeno le calcolo! 🙂

    • Il problema è che con E. L. entrano pochi soldi.
      Rischi di giocarla senza Icardi, Scrigno, Cancelo e chissà chi altro.
      Mi viene male solo pensarlo.

  16. Spero siano finite le partite alle 12.30

  17. @Giorgio

    Ci stavo pensando anch’io, stavo valutando la discesa libera in cui sono avvolte Udinese e Cagliari che dobbiamo incontrare entrambe, addirittura potrebbero nuovamente cambiare allenatore per dare una svolta.

    E questo mi preoccupa molto….

  18. Ripeterò quanto scritto prima del Verona.
    Se non batti il Cagliari in casa…….dove minchia vuoi andare? In Champions?

  19. @Toto
    Io ragiono da tifoso; prendi il Manchester Utd, credo che i suoi tifosi siano stati molto più felici lo scorso anno che hanno alzato l’Euroleague che non questo, eliminati agli ottavi dal Siviglia in Champions

    • .. Certo se poi ci facciamo eliminare al girone dal BeerSheeva meglio ancora stare a casa..
      Ad ogni modo l’anno prossimo l’obiettivo è lo scudetto, scadenza novennale e riavremo, finalmente, le nostre maglie..

      content://media/external/file/75194

    • Non ti do torto su questo.
      Ma se non vai in CL, non hai soldi e devi perdere i pezzi pregiati.
      Purtroppo è così.
      Anche perché un giocatore forte, prima o poi, la vetrina migliore la pretende.
      E va a giocare altrove.

    • Si vede, si vede 😀 meno male che Settore si è rifatto vivo dopo l’ultimo post avevamo fatto una serie di buoni risultati ormai ci dobbiamo aggrappare a tutte le scaramanzie possibili

  20. la verità è che se hai ambizioni non ti puoi permettere contemporaneamente in campo (in panca sì) candreva, d’ambrosio e gagliardini (guarda caso tutti e tre italiani, cioè la leva calcistica più oscena dell’europa calcistica che conta).
    se cerchi gol da altri che non siano i soliti e non li trovi c’è un unico motivo, non è cazzo loro; lo diciamo da anni ed è diventato persino fastidioso, ma senza buona dote calcistica rimani imbellettato a medio alta classifica; in tutto questo un pizzico di responsabilità del mister la vedo.
    speriamo in un suicidio collettivo delle concorrenti, che se stiamo a noi ce n’è pane duro da mordere

    • È vero anche che il tiro di rafinha meritava il gol ed invece si è stampato sul palo e che Perisic ha sbagliato due gol facili, sulla palla rimbalzante di destro e sullo stop impreciso: ha altre qualità, ma non i piedi pregiati.

  21. In effetti, è difficile individuare i responsabili del cattivo esito della partita di ieri. Già l’orario, che predispone, almeno nel mio caso, con la partita vista tra un boccone e l’altro, a cattivi presagi. Poi le scelte dell’allenatore, che non mette in campo il giocatore di maggior spessore tecnico in grado di velocizzare il gioco con verticalizzazioni attese come il pane dal povero Icardi, stretto nella morsa dei centrali avversari che vanno a nozze con i cross da fondo campo. L’abbiamo atteso per anni un decente trequartista e ora che l’abbiamo disponibile lo confiniamo in panchina! Mah…Infine la partita, ben giocata dalla nostra squadra, in scioltezza, soprattutto nel primo tempo, col Torino di pochezza tecnica quale di rado mi è capitato di vedere, e nemmeno troppo aggressivo, che è la sua arma migliore, ma stretto nella propria area e destinato, subìto il primo gol, ad un’imbarcata. Ma il primo gol non arriva mai, tra tiri sbilenchi, parate del portiere e sfortuna, palle ciccate, pali, traverse, insomma la solita partita che si mette male e che, anche se avessimo continuato a giocarla per altre due ore non l’avremmo sbloccata a nostro vantaggio. Finché una sbadataggine difensiva, un gol dei nostri avversari e dal terzo posto ultrameritato precipitiamo al quinto, col morale sotto le scarpe. Di chi la colpa? Un po’ di tutti e, secondo Sector, soprattutto della sfortuna, che da tempo, purtroppo ci ha voltato le spalle, a Torino come a San Siro. Il fatto è che la fortuna bisogna meritarsela, saper metterla sotto quando è il caso perché è donna e volubile (come dice Machiavelli) e prenderla per i capelli, quando scappa via, come tante volte ci è riuscito in passato, come è riuscito ieri al Napoli e in parte al Milan. Ma la nostra squadra ieri più il tempo passava più sembrava rassegnata alla sconfitta. L’utilizzazione di Ranocchia, che poteva essere un’eccellente idea (diciassette corner!), doveva essere sperimentata prima, fin dal primo tempo, immaginando che, senza Rafinha, il gioco si sarebbe spostato al solito sulle ali e conseguenti cross sbilenchi senza sbocco. Insomma, una partita, una delle meglio giocate quest’anno, finita male e tre punti buttati al vento. Tutta colpa della sfortuna?

  22. Ohila’, Scettico !
    Non polemizzo con Te (lo scrivo subito).
    Mi piace però rivoltare la situazione. So che con i “se” si fa poca strada, ma il senso dei miei interventi precedenti è questo :
    Perisic e Icardi ne mettono dentro almeno uno a testa nel primo tempo, ok ?
    Se la partita di ieri fosse finita con 2 o 3 gol di scarto per noi…mi dite quanto avremmo considerato le scelte sbagliate di formazione o di modulo ?
    Abbiamo giocato anche peggio e vinto.
    Tra le ultime due partite e alcune agonizzanti prestazioni che magari ci portavano un punto…beh, da appassionato di calcio scelgo le ultime due partite.
    E da tifoso dell’unica squadra mai stata in B…sono parzialmente soddisfatto del netto miglioramento del gioco in generale.
    Poi…certo…se avessi 5 punti in più…

  23. Io sono della vecchia scuola
    Io voglio vincere
    Del bel gioco e degli zero-uno punti non me ne faccio niente e non servono a niente

    Due anni fa a Napoli perdemmo giocando bene e con pali e sfighe varie
    Cosa capitó dopo?
    Continuammo a giocare bene e a vincere?
    Lo sappiamo come è finita

    Per cui
    Io preferisco sempre il 2 a O con il Benevento ad uno 0 a 0 giocando bene con Milan o Napoli
    Perché della nostra squadra non mi fido
    Dopo il derby chi si aspettava di perdere? Nessuno
    Ma tra tutte le squadre che potevano perdere col toro ( il toro!!) vi siete stupiti che abbiamo perso noi?
    Io no

    Ergo

    Conta solo vincere
    In che modo non conta
    Perché della nostra amata squadra non c’ è mai certezza
    Prendi oggi la vittoria che domani chissà…

    • Infatti. Io NON HO SCRITTO di non voler vincere.
      Ho cercato di spiegare perché tra la partita pareggiata col Torino all’andata e il derby di ritorno….preferisco la seconda.
      Adesso forse mi sono espresso più compiutamente.
      L’anno (speriamo il prossimo) che facciamo 114 punti…mica mi dispiaccio 🙂
      Magara…come dicono a Roma…

  24. per vincere con continuità ci vuole oganizzazione e tecnica, siamo sulla buona strada ma urgono correttivi,cioè giocatori più bravi; i risultati epsodici frutto del caso, dei capricci del pallone sulle singole partite, non fomano una grande squadra

  25. Trentanovesimo!

    Grazie, grazie…

    vado.

  26. Buongiorno a tutti.
    Riflettevo su quel che succede quando si suggerisce di continuo – per mezzo di questo blog – di inserire un giocatore…
    Mi spiego : leggo di Pinamonti proposto per uno scambio alla pari con il guizzante Barella del Cagliari. Come accaduto ai tempi del fortunato scambio Caprari-Skriniar ( pur augurando le migliori fortune a Caprari…non ci è andata mica male…).
    Evidentemente abbiamo esagerato con la richiesta di inserire Pinamonti in squadra…
    Adesso…sotto con Eder 🙂

  27. Venisse veramente proposto uno scambio alla pari Pinamonti Barella, firmerei domani. Se il ragazzo italiano (1,88m) non può ancora nemmeno essere buttato nella mischia negli ultimi 5 minuti per provare ad intercettare un corner, un lancio od una punizione, e si mette piuttosto un centrale difensivo…beh, non credo sia perché vittima di ostracismo. Poi, per dire, Pina è un 99, Karamoh un 98.

  28. Sono contento per la rometta!

    Anche………in ottica campionato (Che serpe!)

  29. Grandissima Roma, impresa strameritata. Ora speriamo che le merengues prendano nota…

  30. complimenti ai lupacchiotti, impresa memorabile, a cui auguro di vincerla proprio la coppa-

  31. Grande merito alla Roma per l’impresa di stasera.
    Un tre a zero perentorio.
    Bene così, che vadano fino alla finale lasciando per strada più energie possibili.

  32. Brava e grande Roma.

  33. Importante che ci sia…….un Roma – Real Madrid (capisc’ a mme’) 🙂

  34. scene di sincera disperazione a Madrid, sia da parte Real che della gobberia..

  35. Contento anch’io x la roma, oltretutto mette ancor più in risalto la figura di merda gobba (chissà se loro che sono così sportivi ora tiferanno x l’unica italiana rimasta in champions…)

  36. Bella Roma!

  37. Grande Roma! E’ proprio vero che niente è impossibile…

    Certo, il Barca ci ha messo un po del suo, in quanto a spocchia e presunzione. Sembravano in gita premio, brava la Roma ad approfittarne.

    Ora forza merengues!

  38. Una bella finale roma liverpool non mi spiacerebbe. Con vendetta del 1984
    e definitiva consapevolezza dei merdosi bianconeri che la cempions non è roba x loro.

  39. il Napoli sta facendo il suo campionato record, la Roma è in semifinale di Champions e la Lazio quasi in semifinale di Europa League.
    In pratica, in una stagione fondamentale per noi, abbiamo il campionato più difficile degli ultimi anni.

  40. Tutta Italia sta applaudendo, come quando c’è una vittoria importante della nazionale, come quando vince la Ferrari…come quando la juve lo prende in quel posto!

  41. Il City, invece, nelle ultime tre partite s’è beccato qualcosa come otto pere.
    Mah, misteri del calcio.

  42. Mi è sembrato di rivedere un vecchio Roma-Colonia. Stessa squadra che gioca, che colpisce ai fianchi gli avversari, che li soffoca e che (meritatamente) non lascia loro neppure uno straccio di scusa.
    Mi divertirò – come faccio qualche volta – a leggere i titoli dei giornali catalani e spagnoli…
    A parte questo…si era visto a Barcellona che la Roma non era poi troppo scarsa.
    Mi ha stupito in senso negativo la pochezza del Barcellona : molli, senza idee, sempre a dar l’impressione d’essere in affanno…

  43. @Giorgio
    Che sia colpa della supponenza catalana?
    Erano straconvinti di aver già passato il turno ed invece…..zac, a casa.

    • Può darsi, ma non ne sono convinto. La sensazione che ho provato era davvero la stessa che ebbi guardando quel Roma-Colonia. Tra i tedeschi c’erano ottimi giocatori, ma vedevo la partita e “sentivo” che la Roma li avrebbe stritolati, un po’ alla volta.
      E onestamente mi aspetterei supponenza in una partita di bassa tensione in campionato, NON in CL.
      Scritto questo, ad esser bianconeri…dopo questa po-po’ di partita…c’è poco da star…Allegri.

  44. se si perde ad Atalanta inutile parlarne, nel caso si vincesse chi bisogna tifare nel Derby ?
    pari, ma forse banale dirlo

  45. Però c’è un pensiero che mi tormenta stasera la Roma ha vinto una grande partita e tutti giustamente si rallegrano e si complimentano (perfino i gobbi fingono di essere sportivi e nascondono il loro rosicamento) ma com’è che quando abbiamo vinto noi ci hanno tirato addosso tutta la merda possibile? Mi ricordo i discorsi sul fatto che l’Inter non rappresentava l’italia perché aveva tutti giocatori stranieri, il tifo spudorato x il Chelsea di ancelotti, le critiche perché a Barcellona avevamo fatto catenaccio (!) le gufate spudorate prima della finale col Bayern, e quando abbiamo eliminato di nuovo il Bayern l’anno dopo i titoli sul culo interista etc etc etc… e allora mi incarognisco e penso che essere sportivi in questo paese è uno spreco i discorsi che bisogna tifare tutte le italiane nelle coppe sono solo ipocrisie state pur certi che quando torneremo noi nelle coppe ci guferanno e sminuiranno tutto quello che faremo, perciò x quanto mi riguarda le altre italiane nelle coppe si fottano pure, al pari della nazionale

  46. Sono contento per la Roma, fui contento per l’Inter. Ma è un discorso lungo…

  47. Denny
    Io ieri mi sono emozionato per la Roma e sono contento per loro

    Quando noi abbiamo vinto il triplete eravamo i più forti e i più forti danno fastidio mentre loro erano gli underdog e la storia di Davide contro Golia fa sempre colpo

    Oggi nessuno o quasi tifa Juve perché sono più forti e in più sono terribilmente arroganti

  48. signori, visto quello che sta succedendo, sono sinceramente preoccupato.
    a stasera…

  49. @Jamesscott: in realtà durante la partita anch’io ho tirato Roma, anzi da ragazzo quando ero ancora ingenuo tifavo pure gobba, ricordo che fui sinceramente dispiaciuto quando persero la finale dell’83 col goal di Magath, ma poi ho visto e sentito troppe cose che mi hanno fatto incazzare, non mi interessa il discorso underdog o Davide e Golia, semplicemente tratto gli altri come loro trattano me
    @Gobbobuono: quando l’Inter ha vinto hai provato a sentire che ne pensava il 99.999999% dei tuoi compagni di tifo? Praticamente dovevi essere l’unico contento con la Roma state almeno salvando le apparenze, noi ci avete tirato addosso merda senza vergogna

    • tirato = tifato

    • É sul concetto di “compagni di tifo”, che il discorso é lungo.
      Non ti biasimo. Mi dicono “ladro” e “gobbo di merda” ogni giorno, ma cerco comunque di pensare con la mia testa e valutare io, il livello della discussione.
      Il ” sono così con loro perché loro sono così con me” é un po’ triste, come filosofia, non credi?

    • Non è triste è necessario se non vuoi essere uno zimbello

  50. Grande Roma. Tifo per loro.
    Comunque è interessante a prescindere lo sgretolamento del Barcellona. Fragilità, sicumera, calo nervoso? Messi praticamente nullo… Il soufflé si è sgonfiato.

  51. Noto con piacere che anche qui il sentimento comune (stavo per dire il “Mood”) è pro Roma e mi viene da pensare alla rivalità degli anni immediatamente post-calciopoli, quando la Juve pareggiava a Rimini o ne prendeva tre dal Brescia, e il Milan finiva a 30 punti nonostante Galliani pensasse di colmare i punti di penalizzazione e raggiungerci già a novembre. La Roma in quel periodo fu la nostra maggior contendente (due campionati vinti a venti minuti dalla fine) ma penso che reciprocamente il discorso sia sempre finito sul campo (spesso le abbiamo buscate in casa anche sonoramente , ma Totti non si è mai sognato di fare a noi il gesto con le 4 dita e “a casa”).
    Per questo non è che bisogna tifare italiano per ragioni di passaporto, ma per ragioni di lealtà sportiva.

  52. stasera si tornerà al vero e sano tifo..

  53. Ieri sera ho provato emozioni che erano anni che non provavo per una partita di calcio, felice per la rimonta, felice per la prestazione, felice per aver mandato a casa l’arrogante banda catalana (i giornali di ieri parlavano già della semifinale…), felice per loro e mi sono venuti in mente i momenti vissuti nel 2010: dalla vittoria in casa col chelsea, alla gioia per il gol di eto’o a londra, al gol del 3 a 1 di milito etc etc
    La roma è stata leale avversaria negli anni del triplete (mi ricordo un intervista a derossi che ammetteva,nel 2010, che avevamo meritato in quanto più forti), la roma non ha mai platealmente RUBATO come gli altri, la roma non ha reagito stizzosamente per essere stata beccata con le mani nella marmellata incazzandosi ed accusando gli altri con arroganza e sicumera.
    penso sia per questo che buona parte di quelli che conosco e di quelli sul blog ieri sera e nel proseguio della competizione hanno tifato e tiferanno roma indipendentemente da il davide vs golia o dagli scudetti più o meno vinti mentre ci si augura che i ladri collezionino un’altra figura di merda stasera.
    sarebbe veramente bello e ” romantico” se ci fosse una riedizione della finale del 1984 con il liverpool….

    detto questo, per il campionato si ritorna al consueto ROMA MERDA e FORZA INTER

  54. vorrei aggiungere due parole su manolas e dzeko

    manolas quest’estate ha rifiutato lo zenit per restare a roma (dove leggo ha comprato casa per restarci a vivere) e dzeko ha fatto una scelta di vita rinunciando al doppio dello stipendio per giocarsi la champions e non andare a fare il panchinaro a morata.

    per fortuna non sono tutti mercenerai e ce n’è ancora qualcuno che sa cosa vuol dire dignità ed onorare la maglia senza avere il procuratore (o la procuratrice) che la sera stessa batte cassa sui social…

  55. Buongiorno a tutti.
    Ieri non ho tifato Roma “in video” perché volevo vedere un film di K. Loach. Pur con una vena di tristezza e di ineludibile realismo, lo considero una specie di “Frank Capra” moderno ( se F. Capra non si rivolta nella tomba…) e – si è capito – mi piacciono molto le storie a lieto fine, col derelitto che ha un’altra occasione.
    Questo preambolo mi torna comodo per scrivere che tutto sommato la legge del contrappasso è sempre presente e attiva, indipendentemente da chi ha ( o crede di avere ) una sorta di impunità. E nel calcio ? Anche 🙂
    Tempo fa paragonai i gobbi al Gastone di W. Disney. Quello però è un fumetto, e quindi può essere tratteggiato sempre immune dalle umane sfortune.
    Mi è balenata per la prima volta l’idea che il grande Barcellona possa – all’improvviso – esser tornato sulla terra come accadde alla Beneamata dopo il 2010 : campionissimi che invecchiano e una situazione economica – magari anche stabile, per carità – non più così florida da permettere qualsiasi acquisto o tenere qualsiasi giocatore resistendo alle offerte del riccone di turno.
    L’affare Neymar mi ha dato molto da pensare. Quello è una specie di giocatore difficile da inquadrare, ma che può far gol in tutte le squadre del mondo e tu cosa fai ? Lo compri a caro prezzo e poi lo vendi non appena arriva una proposta “indecente” ? SENZA acquistare un pari top player ?
    Uhhhmmm…. Non mi faccio persuaso, come direbbe il commissario di Camilleri.
    E questo senza togliere ALCUNCHE’ ai meriti della Roma, che ha portato a tutti gli italiani un soffio di orgoglio, dopo che la Spagna ci ha mazzolato diverse volte.
    Ribadisco anzi quel che scrivevo ieri : Roma-Colonia di oltre 30 anni fa fu una cosa simile…Giochiamo pure, ti attacco senza sosta e prima o poi ti faccio i gol che mi servono…

  56. Mi prenderò dell’ antisportivo, ma rimango coerente al mio “non tifo” per le italiane in coppa che non siano l’Inter!!!

    E rimango anche sorpreso da tutta questa improvvisa sportività dilagante di tutti gli italiani, anche qui in questo blog, dove ho sempre letto a più riprese che nelle coppe non si tifava per le altre italiane. Mah

    L’unica cosa che mi potrebbe rendere contento è che un’eventuale vittoria finale della Roma potrebbe essere uno smacco assurdo per i gobbi.

    Tornando a noi e riflettendo, stiamo facendo un campionato con gli stessi punti di due squadre che sono arrivate in fase finale di Coppa Europea, che hanno tolto loro un sacco di energie e anche tanti punti, mentre a noi, quel calo improvviso durato ben tre mesi non ha permesso di dargli quel distacco di 10 punti ad entrambe che ci avrebbe assicurato il terzo posto.

    E con l’impresa che hanno fatto ieri sera credo che l’entusiasmo possa essere tale da darle uno slancio anche in campionato piuttosto che togliere energie.

    Inoltre siamo l’unica Società delle prime 6 a non aver partecipato a competizione europea ed invece per acquistare la mentalità giusta e fare un salto di qualità è necessario passare anche da quella, e quindi siamo molto indietro.

    Speriamo davvero in un finale di campionato di alto livello che ci possa garantire il posto Champions ma non la vedo facile.

    Per stasera non dico nulla perché solo al pensiero mi vengono i brividi.

  57. non vedo perché non si dovrebbe essere contenti per la vittoria di una squadra italiana in campo internazionale.
    A parte l’Inter, io ho sempre tifato la Nazionale e ho sempre seguito con simpatia tutte le altre squadre di club qualunque esse siano: Roma, Lazio, Napoli, Atalanta, Fiorentina, Sampdoria, Torino, Genoa, Udinese, Bologna, Parma, Pordenone, Borgomanero, Pollena Trocchia. Forse nell’elenco ho dimenticato qualche nome?

  58. nell’elenco, spero volutamente, mancano gobbi e biretrocessi….mai aggiungerli, tifare x quella feccia non si può

  59. Meno male che c’è anche Pupi 72 mi sentivo l’unico infame in mezzo a tanta sportività… Che poi anche a me viene spontaneo tifare ed entusiasmarmi quando vedo una partita come ieri sera, ma poi purtroppo mi torna la memoria

    • denny nessuno pensa che sei un “infame”, ci mancherebbe. se a tutti piacessero le stesse cose o avessimo tutti la stessa idea non esisterebbero tante cose, tra cui la Beneamata.

      penso che sia normale in una sfida parteggiare per uno dei due contendenti e:
      * vuoi perchè la roma se l’è meritata
      * vuoi perchè è pur sempre una squadra italiana ed un po di amor patrio non guasta mai
      *vuoi perchè messi mi sta sulle balle
      *vuoi perchè le spagnole ci stanno massacrando da un po di anni a questa parte (anche se bisogna ammettere che alcune volte ha fatto solo che bene)
      * vuoi che vedere loro in semifinale sta facendo scoppiare una moltitudine di fegati nel regno sabaudo
      * vuoi che cmq per almeno un paio di partite di campionati saranno distratti dalla semifinale (vedasi fiorentina)

      insomma per N motivi, ieri sera molti di noi sono stati per 94′ lupacchiotti,
      ma ti assicuro che siamo tutti rimasti neroazzurri pronti a sfancularli alla prima occasione in campionato

    • Gli ultimi 2 * li ho trovati molto convincenti 😉

  60. @nauseato : non voglio far l’interprete di gianfba, ma mi sento di poter dire che la “mancanza” era LEGGERMENTE intenzionale 🙂

    @denny : pensa alla memoria che torna ai gobbi, ogni volta che vanno in finale di Champions ( cioè…non quest’anno), ahahahahah !

  61. @Giorgio: ti piace pure Ken Loach ormai la tua cinefilia è conclamata 😉 x restare in tema dico che coi gobbi e quelli come loro bisogna fare quello che fa il protagonista di raining stones con lo strozzino (con tanto di assoluzione finale) perché “quando l’ingiustizia diventa legge la resistenza diventa dovere”

  62. Per rispondere a Pupi copincollo quanto scritto ieri sera su fb:

    io posso tifare Roma, Lazio, Fiore, Torino, Samp, Parma (dei tempi) ecc ecc.
    Con Ascoli e Foggia il problema non si pone, quindi…….. 🙂

    Tradotto: ci sono le squadre italiane e le merde varie!

    A M A L A

  63. Quindi mi sembra di capire che qui solo io e Denny non siamo pro Roma?

    Innanzitutto il Barcellona che ho visto in due partite non è nemmeno il lontano parente di quello che abbiamo incontrato noi, a prescindere dalla nostra grande suqadra.

    Secondo, l’immagine del grande esempio del loro capitano, l ‘ottavo re di Roma mi dicono, che falcia da dietro Balotelli con tutta la forza che ha, può bastare e avanzare per augurar loro la prossima uscita.

    Ergo:
    @Denny
    << perciò x quanto mi riguarda le altre italiane nelle coppe si fottano pure, al pari della nazionale <<< quoto in pieno

  64. Rivedere Manolas trasfigurato che esulta con ogni nervo del suo corpo nell’apoteosi dell’Olimpico continua a darmi i brividi; ogni cuore minimamente sportivo avra’ un trasporto emotivo, al di là del tifo per la propria squadra

    • Giusto.
      Mi ricorda Magath 🙂

      Al di là delle battute : ognuno tifi pure pro o contro.
      L’essenziale è che vinca l’Inter 🙂

  65. Per chi si stupisce della contentezza nazionale e trasversale per la Roma: due chiavi di lettura.
    1) Su e giù per lo stivale non se ne poteva più di “farci” rappresentare dalle merde bianconere.
    2) Meno conti, meno dai fastidio e più susciti simpatia (noi dell’Inter simpatia non ne riscuotiamo. E va bene così).

  66. Non nego di essermi divertito ieri sera: bella partita, ben giocata, con una Roma ben messa in campo e un Barsa giù di tono e con una difesa colabrodo quale raramente mi è capitato di vedere, ma quanto al tifo io sono dell’opinione che nello sport i nemici dei miei tradizionali rivali sono miei amici e il Barcellona, che ci è capitato di incontrare una sola volta e che abbiamo bellamente battuto, non la posso certo giudicare una squadra rivale per ovvi motivi, ma spesso una giustiziera delle mie squadre rivali. Per di più sono un amante del bel calcio e il Barcellona negli ultimi vent’anni di bel calcio ne ha fatto vedere quanto nessun’altra squadra del continente. Perché avrei dovuto fare il tifo contro di lei, associandomi alla tribù romanesca, tra le più arroganti e volgari che io conosca, che annovera tra le sue file facce note di presentatori e conduttori televisivi, di politici, da Gasparri a D’Alema, che da anni mi stanno sulle scatole, ammalati di tottismo, e che considero responsabili in toto della decadenza della più bella città del mondo? Al massimo, come ieri sera, posso concedere: vinca il migliore! Indubbiamente la Roma, almeno ieri, ha giocato meglio e ha meritatamente vinto. Ma da qui ad entusiasmarmi per la sua vittoria o a provarne piacere, ce ne corre…

  67. Assodato che stasera siamo tutti madridisti 😉 mi porto avanti e dico una cosa che potrebbe mettere d’accordo tutti sulla questione tifo x le italiane in coppa: io spero che la Lazio non solo vada avanti in Europa League ma che la vinca, così all’ultima di campionato (che si giocherà 4 giorni dopo la finale) sarà non solo stanca (anche x i presumibili festeggiamenti) ma senza motivazioni particolari essendo già qualificata x la Champions come detentrice della EL, evitando uno scontro diretto che sarebbe durissimo x noi. Su questo secondo me converrete tutti … forse

    • Già , come il famoso 5 Maggio, quando la Lazio non aveva nulla da perdere da una sconfitta e ci stese sotto i piedi un comodo tappeto rosso…Da certi amici mi guardi Iddio…

    • già il 5 maggio….chissa poi cosa successe sul serio….pare assodato che i nostri fossero sulle ginocchia anche per i festeggiamenti precedenti (li mortacci loro, giusto per restare in tema romanesco), che vari giocatori certi di andarsene se ne fregarono delle “indicazioni” della curva laziale…poi chissà cos’altro successe…

      l’ipotesi lazio vincente è affascinante e difficile però mi garba.
      per cui stasera madridista, giovedi laziale e da venerdi si torna INTERISTA a tutti gli effetti!!!! 🙂

      e un bel iuve merda che non guasta mai

  68. Il contrappasso vorrebbe che stasera la juve perdesse ai rigori.
    Chi può aver dimenticato il titolo di Tuttosport “Più bello così” all’indomani del passaggio del turno ai nostri danni dopo la rimonta (guarda caso dallo 0-3) e il ricorso ai penalty ?
    Lo so , è rischiosissimo, però sarebbe il giusto guiderdone.

    p.s. E poi si chiedono perchè sono odiati…

  69. Poichè mi documento sempre prima di fare un intervento, dalla pagina di tuttosport di quel giorno estrapolo una lettera al direttore che dimostra che possono esistere tifosi Juventini rispettabili.

    “Giuseppe Delvecchio. Caro direttore , per cortesia La smetta con questi titoli… noi non siamo dei buffoni, ieri sera ci è andata bene! E per quanto mi riguarda Le assicuro che non è più bello così , assolutamente no…”

    una perla in mezzo alla m…. degli interventi successivi.

  70. Gobbobuono sei tu Giuseppe Delvecchio?

    • Macché, né Giuseppe né Delvecchio

    • Allora esistono almeno 2 juventini normali, anzi 3 con Rubens …

    • Ahahaha. Mi chiamo David. Il cognome col cazzo che ve lo dico, che non è molto usuale, e poi finisce che mi individuate e mi ritrovo Javier sottocasa a insultarmi al prossimo furto.

  71. ri-convengo con denny : l’esito da lui paventato per la Lazio ci toglierebbe quella bella castagna dal fuoco dello scontro diretto all’ultimo sangue.

    • Mi piace di più arrivare a + 4 sulla Lazio all’ultima giornata!
      Non è impossibile

    • Perfetto, Toto.
      Avevo scritto la stessa cosa.
      Preferisco apparire ovvio anziché giocarmi le coronarie.
      O – come dice un mio collega – : “Preferisco arrossire prima che sbiancare dopo”…
      E con questa “perla” mi appresto ad organizzare il mio piccolo “rituale” (capisc’ a mme’, come scriverebbe Toto)…

  72. D’accordo con TOTO e Giorgio (e grazie a gibson3 x la condivisione) sarebbe meglio arrivare all’ultima con +4 sulla Lazio, o forse un po’ meno difficile +3 sulla Roma, ma sarà dura… Sul 5 maggio credo che quel giorno sia successo qualcosa di strano, forse la verità vera non la sapremo mai, l’idea che mi sono fatto è che alcuni giocatori laziali erano abbastanza disponibili a “scansarsi”, altri tipo poborski non ne volevano sapere (chissà perché, forse essendo connazionale e amico di quella merda di nedved) e alla fine i nostri non ci hanno capito più niente… Cmq, e qui dico un’ovvietà, anche se gli avversari sono malleabili non devi mai rilassarti ma avere sempre un atteggiamento “cazzuto”, e spero che sarà così nelle prossime 7 partite, a prescindere dal resto

  73. No vabbeh dai ma è tutto surreale.

    Sono su scherzi a parte

  74. non che stiano facendo una partita eccezionale, però paio di affondi due gol, il madrid ha perso sicurezza, è impreciso ed in questi casi fioccano anche le traverse. Sono cazzi; spero nel Bernabeu

  75. mo son cazzi…

  76. @Flavio Mucci : andrà anche come dici, ma…ti addebito una damigiana di coramina 🙁

  77. Entra il bambino d’oro…
    Non dico niente…

  78. @Flavio Mucci : sportivamente parlando…ti odio. 🙂

  79. ….ed anche quest’anno, il triplete lo fanno l’anno prossimo.

  80. Più legge del contrappasso di così.. Capiranno cosa succede domenicalmente agli altri? Che beffa: comunque anche quest’anno hanno vinto la loro coppa non succede

    • Non credo. I dirigenti hanno in pratica invaso il campo, Chiellini faceva buffamente il gesto che simboleggiava che qualcuno era stato pagato, Buffon spintonava l’arbitro, Benatia non capiva come mai non fosse oro permesso tutto… Sono convinti di aver subito un grave torto e…qualcuno dovrà risarcirli 🙁

  81. Sia chiaro che il rigore c’era , calcio in pancia all’attaccante a tre metri dalla porta! Solo che in Italia non gluel’avrebbero mai fischiato! Se era Inter juve ci avrebbero dato fallo contri! Eppoi bisogna anche realizzarlo, cr7 lo ha fatto da campione_
    BEFFA ATROCE

  82. Tutta la loro arroganza e prepotenza si sono viste nella scena intorno all’arbitro e con i dirigenti in campo!!!!

    Questa è la Giuventus

  83. Fiuuu… Meno male che non l’ho vista mi sarei preoccupato parecchio ma un finale così è una libidine incredibile :)))

  84. ‘GNELLO ADESSO RECLAMA LA VAR ON CHAMPIONS! PROPRIO LUI!! AH CHE GODURIA, AHAHAH

  85. Ma di che parlano a canale5?

  86. Mino Taveri (mediaset) allontanato dalla tribuna stampa del Bernabeu perché mostrava banconote ai madridisti…
    Poi però quelli da allontanare sono i Pistocchi. Comunque gente, non sarà elegante, ma vedere e sentire i gobbi straparlare di mafia spagnola e amenità assortite oggi a lavoro (Torino) mi causa orgasmi a ripetizione…

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.