Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

marzo 20, 2015
di settore
33 commenti

L’eclissi (totale)

image

Era giusto, doveroso sperare come ora é giusto, doveroso ammettere che sarebbe stato un miracolo. Non tanto in sè (il Wolfsburg è una buona squadra, ma non certo imbattibile), quanto relativamente a una stagione in cui le statistiche non mentono più, e se siamo arrivati alle porte della primavera senza aver vinto una partita importante – genericamente contro una grande o contro una squadra a cui dovevi rimontare due gol in coppa, per esempio – un motivo ci sará. È questo il dato irritante: il non dare mai, a certi livelli ma purtroppo a livelli più bassi, la sensazione di sicurezza, forza, consapevolezza. Niente, ormai da tempo immemore, da Mancini in su, tutto questo è chiedere troppo all’Inter e non c’è un cazzo da fare.

Persino il Torino che esce provandoci fino al 96′ riesce a darci una lezione. Non bastasse aver visto i gobbi passeggiare a Dortmund, o la Fiorentina scherzare la Roma. C’è modo e modo, e il modo degli altri è meglio del nostro.

Adesso ci restano due mesi e mezzo scarsi con l’obiettivo di inseguire un quinto posto, che è triste in sè e difficile (e perciò  triste al quadrato) in assoluto. La serie negativa di marzo si allunga, facciamo cagare a tutto tondo, Cesena o Wolfsburg per noi pari sono se c’è da far fatica nell’ordinaria amministrazione, aprire squarci in difesa, perdere luciditá al primo impiccio, prendere gol alla prima verticalizzazione decorosa. Il quinto posto è una specie di Pordoi, e noi siamo in crisi di fame.

In più, forse c’è anche qualche problema nell’ammiraglia. Il Mancio insiste negli equivoci, e per una squadraccia in cerca di certezze è un accanimento poco terapeutico.

share on facebook share on twitter

marzo 12, 2015
di settore
177 commenti

Regalagli Carrizo

Drupi

(Karaoke)

Regalagli Carrizo
e sono giorni tristi
per quando farà buio
se lui non parerà

regalami se puoi
la qualificazione
la Lega dell’Europa
la mia felicità

Cazzate così grandi
da fare invidia a Melo
e l’ombra dei capelli
legati con un filo

quel filo di pensieri
bellissimi che avevo
rimettilo semmai
in panca a breve e poi

regalagli Carrizo
per le mie notti insonni
per i miei giorni tristi
se in Coppa non sarò

lo giocherò alle carte
in una mano sola
non toglierò un profeta
per metter quella sòla

regalagli Carrizo

per una volta ancora
vorrei veder l’Europa
toccare pure ferro
e poi ricominciare

vorrei segare il Wolsfburg
e andare più lontano
vorrei far tante cose
tenendoti per mano

regalagli Carrizo
gli vada di traverso
come questa sconfitta
in terra d’Aleman

come la prima volta
che ho visto il tuo bel viso
regalagli Carrizo
lo porterò per sempre
affancul

VfL Wolfsburg vs Inter Milan

share on facebook share on twitter

marzo 1, 2015
di settore
206 commenti

Il pepe e le pappemolli

Soccer: Serie A; Inter-Fiorentina

La cosa che fa più impressione è guardare la classifica togliendo tre punti alla Fiorentina e aggiungendone tre all’Inter – il nostro unico desiderio fino alle ore 18,15 -, guardare cioè dove saremmo arrivati al netto della milionata di minchiate fin qui accumulate da agosto a oggi. Fa impressione perchè non è mica fantacalcio: abbiamo perso ma avremmo potuto benissimo vincere, abbiamo preso un gol per un errore del portiere, abbiamo creato un sacco là davanti – compreso un palo e un paio di errori da ingoiarsi i coglioni – nonostante un quasi incomprensibile turnover (va bene, bisogna farlo, ma anche a costo di tenere fuori il più buono per fare giocare un paio di cadaveri dai cognomi altisonanti?) e alla fine abbiamo perso, poteva andare diversamente e invece no, nemmeno un pareggino che sarebbe andato bene visto il tenore della serata, nemmeno un tiro che per sbaglio entra tipo flipper quando loro rimangono in dieci e poi in nove.

Peccato. In fondo, sforzandosi di considerare la parte piena del bicchiere (sforzo immane, ma vabbe’), questo pomeriggio di sfiga e di errori multipli ci dice che bene o male ci siamo, che se non proprio vivi siamo vitali, che qualche speranza di partecipare al banchetto finale resta, che c’è un’occasione per tutti, anche per noi. Crediamoci, nonostante tutto. Anche questo mordersi le mani e risalire fino ai gomiti è una sensazione sgradevole ma quasi antica, dopo tanti post-partita annegati nella rassegnazione, che è assai peggiore di questo rodimento di palle. Però tutto ciò – questo raggranellare l’orgoglio che ci resta – non fa punti e la sconfitta in uno scontro diretto per l’Europa rischia di pesare parecchio sul nostro precarissimo equilibrio. Per quanto firmerei, da qui alla fine, per andare avanti a colpi di tre vittoria e una sconfitta. Andrebbe benissimo, visto l’andazzo.

Cià dai, proviamo a non pensarci più, abbiamo ancora un tot di cose da fare, abbiamo anche lo sboronissimo Wolsfburg che ci aspetta: vietato deprimersi, però – cazzo! – vietato anche schierare i depressi. Serve gente col pepe al culo: no bronci, no gambette molli, perchè il tempo stringe.

share on facebook share on twitter