Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Ottobre 7, 2019
di settore
399 commenti

Il gradino di separazione

Con Barcellona e Juve è finita con lo stesso risultato e forse non è un caso. Dal Barcellona (e per estensione dalle altre top di Champions) e dalla Juve (top in Italia) ci separa oggi un gradino. Poco, rispetto alle intere rampe di scale di non molto tempo fa. Abbastanza, però, per perdere gli scontri diretti, dove non ti basta (come a Barcellona) giocare per un’ora meglio degli altri, oppure (come con la Juve) rimanere bene o male sempre in partita, non sfigurare, e ogni tanto provarci. Alla fine la vincono gli altri, perchè (a Barcellona) la portano a casa i campioni, o perchè (a Milano) gli altri – ti piaccia o no – sono più a portata di mano ma restano ancora meglio di te.

Inter-Juve poteva finire anche in un altro modo, certo, specie de De Ligt avesse teso meno la sua chiappa destra. Ma non ci si può aggrappare solo alle chiappe altrui e le cifre della partita dicono altro, tipo che la Juve ha vinto meritatamente. E’ la Juve più sarriana vista quest’anno, e anche questo è un elemento preoccupante. La Juve ha due squadre e si può permettere cose che nessuno in Italia può. Inter 1 Juventus 2: è una sconfitta di misura, ma è anche l’uno il doppio dell’altro.

Barcellona e Juve in quattro giorni ci hanno riportato con i piedi per terra. Non sono state partite sbagliate, anzi (l’unica rimane quello con lo Slavia), e nemmeno sconfitte frustranti, ma un segno preciso di quello che siamo e di quello che dobbiamo fare per scalare il gradino. Conte ha detto che per vincerne sei di fila l’Inter ha dovuto andare a 200 all’ora, non avendo altro modo di costruirsi le sue certezze. Quando, fatte le debite proporzioni, avremmo dovuto andare a 300, a Barcellona abbiamo finito la benzina a mezz’ora dal traguardo e con la Juve lo abbiamo fatto a sprazzi, rallentando per poi accelerare, perchè per andare a 300 per 90 minuti ci vuole forse un altro telaio, e sicuramente tutti gli ingranaggi al massimo.

Oggi l’Inter – parlando del campionato – ha una formazione-tipo decisamente buona, ma se qualche ingranaggio non gira bene non abbiamo i pezzi per sostituirlo mantenendo lo stesso rendimento. Sensi è stato una scoperta straordinaria, ma ne siamo già fin troppo dipendenti: fuori lui perdiamo di brutto in qualità. Lukaku (non avendo il ricambio) deve giocare lontano da una condizione decente, e così non va bene per nessuno. Se la Juve ci è superiore nei pezzi originali, nella scelta dei ricambi la differenza diventa enorme.

Con Lukaku e Sanchez al 100 per cento potrebbe essere un’altra storia. Ci toccherà sempre andare a 200 all’ora, però, e qualche volta salire a 300, sperando che la macchina regga. L’importante, a prescindere da sforzi e velocità, sarà crederci sempre. Il gradino di cui sopra deve essere lo stimolo a salirlo, non la frustrazione di restare sotto. Restano 31 partite da giocare, siamo secondi a un punto e ne abbiamo viste di peggio. Cerchiamo di rimanere in zona nobile, con le unghie e con i denti. Poi si vedrà.

share on facebook share on twitter

Settembre 16, 2019
di settore
66 commenti

Conte uno di noi (nonostante noi)

Una sorta di riflesso pavloviano, a distanza ormai di mesi dal loro arrivo, continua a farmi mettere mano al telecomando ogni volta che in video appaiono Conte e (ancora di più) Marotta. “Ehi, chi ha cambiato canale? Stavo guardando l’Inter!”, dico dal divano. Quando realizzo – mi ci vogliono un paio di secondi – che l’Inter sono loro, faccio finta di nulla e vado avanti a guardare. Dopo un’altra manciata di secondi, l’interismo torna a pervadermi e mi resetta la memoria: lui è il mio allenatore, lui è il mio amministratore delegato per l’area sportiva, forza Inter, Juve merda.

Siccome il post sarà dedicato all’argomento “avete rotto i coglioni con ‘sta storia che Conte e Marotta erano/sono gobbi, pensiamo a vincere qualcosa ché non lo facciamo da un po’, santa polenta”, con l’aneddoto di cui sopra volevo chiarire con sincerità la mia posizione: ho ancora le mie teoriche difficoltà ad affrontare serenamente la questione. «Se non ti è chiaro quel che dico e dubiti che sia vero, guarda almeno se non dubiti di dubitarne; e, se sei certo di dubitare, cerca il motivo per cui sei certo. In questo caso senz’altro non ti si presenterà la luce di questo sole, ma la luce vera che illumina ogni uomo che viene in questo mondo». Non lo dicono Bernard-Henri Levy o Pierluigi Pardo , ma Sant’Agostino. E un po’ mi ci rivedo. Incontrassi Sant’Agostino per strada gli direi: “Non capisco bene ciò che dici, Maestro, ma intravvedo nelle tue parole il motivo per cui metto mano al controllore remoto del mio apparecchio televisivo”.

Detto questo – tralasciando per brevità Marotta -, Conte è il mio allenatore.

E nelle ultime ore lo sto apprezzando parecchio, e non tanto per le tre vittorie consecutive contro tre squadrette di seconda o terza fascia. Lo apprezzo per il suo comportamento, che per alcuni è stato ipocrita e che invece io giudico esattamente all’opposto, nel segno cioè di una scomoda sincerità.

Iniziamo dal dibattitone sul mancato saltellamento al coro dei tifosi. “Chi non salta juventino è”, e lui non salta. Secondo un sillogismo di puro stampo aristotelico: Conte è gobbo. E invece io dico: Conte è serio. E’ stato tesserato della Juventus per16 stagioni, 13 da giocatore e tre da allenatore. Fa bene a non saltare. Non perchè, secondo il sillogismo, lui è juventino. Ma per una forma di rispetto che si deve a una maglia indossata per 16 anni e a chi ti ha fatto 192 lauti bonifici. Se Zenga o Cambiasso – i primi due che mi vengono in mente – assunti dalla Juve o dal Milan si mettessero a saltellare, noi cosa diremmo?

Con la piccata frase in conferenza stampa a Sarri, poi, Conte ha rapidamente chiuso il cerchio. Se alla Juve porta giustamente rispetto, ne porta un po’ meno all’allenatore che siede in quella che fu la sua panchina e che alla sua prima partita butta lì una serie di piagnistei che a confronto Mazzarri era un fachiro. Che al 15 settembre il gioco sia già così duro, non so come la pensiate voi, ma per me è una bellezza. Conte ha risposto da professionista informato sui fatti. Uno che ha stato 16 stagioni alla Juve dice a Sarri: ma di che cazzo ti lamenti? Uno che è stato 16 stagioni alla Juve ha scelto di non far finta di non sapere che quella, quella che fu anche sua, è la “parte forte”. Lo dice ora che vede il mondo da un’altra angolazione, che è sempre di lusso ma non la migliore. Conte non deve rinnegare 16 anni di Juve, Conte deve portare la sua nuova squadra più in alto possibile. Conte è il mio allenatore, il resto – quando i patti sono chiari – è fuffa.

share on facebook share on twitter

Gennaio 20, 2016
di settore
235 commenti

Vedi Napoli e poi frocio

image

Non sapremo mai come sarebbero stati i titoli di domani, i titoli veri, i titoli puri, se si sarebbero soffermati sull’Inter brutta che però vince, o sull’Inter con Jovetic e senza Icardi, o sull’Inter che fa cacare ed è in semifinale di Coppa Italia, o sull’Inter che l’ultima volta a Napoli c’erano Ronaldo e Simoni. Tutto si è spostato sul duello rusticano tra Mancini e Sarri, che in effetti – fatti salvi i due gol, uno meraviglioso e uno molto bello – è stato molto più divertente dell’intera partita.

Mancini ha fatto coming out. No, nel senso che ha rivelato con dovizia di particolari cosa si dicono due allenatori durante una mezza rissa a fine match. Cioè, mai avrei pensato che in un campo di calcio ci si desse del frocio. Io ero rimasto a negro di merda, figlio di puttana, portami tua sorella, ti apro il culo, madonna quanto sei scarso, quelle robe lí. Debbo dire che non pensavo ci si desse del frocio.

Certo che Mancini – un po’ come le ragazze di Colonia – se l’è andata a cercare. È chiaro che se mi metti la sciarpetta da mille euro, il cappottino tre quarti, il pantalone a sigaretta, le scarpe da tre stipendi, il capello sale e pepe, la blefaroplastica e quanto ce n’è, è chiaro che l’uomo in tuta ti dá del frocio. Poteva dirti stronzo, imbecille, skipper di merda, invece è andato dritto al punto e ti ha detto frocio.

Sarri ha dei precedenti specifici sul tema frocio, e la cosa dovrebbe preoccupare più lui di noi, perchè magari ti scappa detto in osteria o dopo un Varese-Empoli, ma poi – come certe scoregge che tu pensi sempre di poter domare – ti scappa anche in mondovisione e la faccenda si fa un po’ più spessa. Peccato che ora si incrini un po’ la bella favoletta dell’allenatore operaio molto di sinistra che magari vince lo scudetto epperò dá del frocio al collega che lo ha appena inculato battuto sul campo, ma vabbe’, passerá. Anzi, diventerá un eroe popolare. Magari non un’icona gay – diciamo che qualche fan se l’è giocato – ma un eroe popolare sí, di quelli attaccati a certi valori, non a queste stronzate dei culattoni che si sposano. Un comunista che piace alla destra.

A chi daranno più giornate, a Sarri o al frocio delatore? Questa è una bella domanda.

Intanto, per la cronaca, siamo in semifinale di Coppa Italia. E siamo tornati –  spero non occasionalmente – quelli di due mesi fa, quelli che vincevano facendo vomitare gli esteti del calcio. Che va stra-bene cosí, sia chiaro, va benissimo. Spero solo che la Saiwa non faccia troppe pressioni: partite cosí, con poche emozioni e scorribande a orologeria, fanno crollare i consumi di Orociok e tutti noi sappiamo su quali cazzo di equilibri si regga il mercato della galletta col cacao appiccicato sopra.

 

 

 

 

share on facebook share on twitter