Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Settembre 4, 2019
di settore
116 commenti

Perché è nelle scuole che si combatte il razzismo

Ciao Romelu

Ti scriviamo a nome della Curva Nord, si i ragazzi che ti han dato il benvenuto appena arrivato a Milano.

Ci spiace molto che tu abbia pensato che quanto accaduto a Cagliari sia stato razzismo.

Devi capire che l’Italia non è come molti altri paesi europei dove il razzismo è un VERO problema.

Capiamo che ciò è quello che possa esserti sembrato ma non è così.

In Italia usiamo certi “modi” solo per “aiutare la squadra” e
cercare di rendere nervosi gli avversari non per razzismo ma per farli
sbagliare.

Noi siamo una tifoseria multietnica ed abbiamo sempre accolto i
giocatori provenienti da ogni dove sebbene anche noi abbiamo usato certi
modi contro i giocatori avversari in passato e probabilmente lo faremo
in futuro.

Non siamo razzisti allo stesso modo in cui non lo sono i tifosi del Cagliari.

Devi capire che in tutti gli stadi italiani la gente tifa per
le proprie squadre ma allo stesso tempo la gente è abituata a tifare
contro gli avversari non per razzismo ma per “aiutare le proprie
squadre”.

Ti preghiamo di vivere questo atteggiamento dei tifosi italiani
come una forma di rispetto per il fatto che temono i gol che potresti
fargli non perché ti odiano o son razzisti.

Il razzismo è una cosa completamente differente e tutti i tifosi italiani lo sanno bene.

Quando dichiari che il razzismo è un problema che va combattuto in
Italia, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi
inclusi i tuoi e contribuisci a sollevare un problema che qui non c’è o
quantomeno non viene percepito come in altri stati.

Noi siamo molto sensibili ed inclusivi con tutti. Possiamo
garantirti che tra noi ci son frequentatori di diverse razze e
provenienze che condividono questo modo di provocare i giocatori
avversari dell’Inter persino quando questi ultimi sono della loro stessa
razza o provenienza geografica.

Ti preghiamo di aiutare a chiarire quello che realmente è il razzismo e che i tifosi italiani non sono razzisti.

La lotta al VERO razzismo deve cominciare nelle scuole non negli
stadi, i tifosi son solo tifosi e agiscono in modo differente allo
stadio e nella vita reale.

Stai certo che quello che dicono o fanno a un giocatore di colore
avversario non è quello che direbbero o farebbero nella vita reale.

I tifosi italiani non saranno perfetti ma sebbene comprendiamo la
frustrazione che ti possono creare certe espressioni, queste non sono
utilizzate a fini discriminatori.

Ancora una volta …

BENVENUTO ROMELU

(Curva Nord, post pubblicato sulla pagina Facebook “L’urlo della Nord” il 3 settembre 2019)

(traduzione di Settore)

Ciao Romelu

Benvenuto in Italia. Gli italiani non sono razzisti, noi non siamo razzisti, nemmeno quei pecorai del Cagliari sono razzisti. Il problema, quello vero, è che tu sei negro.

E’ meglio che mettiamo in chiaro le cose subito, alla seconda giornata. Ci siamo accorti che non sei un negro di quelli normali, che stanno zitti, pedalano, giocano la loro partita, fanno un selfie e via. No, tu sei un negro fortissimo (questo ci va bene) e purtroppo (che noia!) sei uno di quei negri orgogliosi di essere negri.

Questo, oggettivamente, è un problema.

Ora, come distinguere se la gente ti ulula perchè sei fortissimo, perchè stai tirando un rigore o perchè sei negro?

Questo, oggettivamente, è un altro problema. Ma noi ti proponiamo una soluzione, che dovresti aiutarci a divulgare proprio in quanto negro progressista. Dimentica questa stronzata del razzismo: noi non lo siamo, gli italiani non lo sono, nemmeno quei quattro inculapecore con l’anemia mediterranea lo sono. Noi vogliamo solo aiutare la nostra squadra: dai, ma come ti salta in mente di pensare che siamo razzisti? Anzi, farti il verso della scimmia mentre tiri un rigore è un segno dell’enorme rispetto che l’Italia intera nutre nei tuoi confronti: hanno paura di te e ululano. Ti rispettano e ululano. Capisci?

Certo, tu ci dirai: ma perchè mi fanno il verso della scimmia invece di insultarmi o disturbarmi o distrarmi in maniera, come dire, normale? Non sarà mica che siete razzisti?

E no, Romelu, noi non siamo razzisti. Noi siamo un paese accogliente, una tifoseria accogliente, una curva accogliente. Il problema è che tu sei negro. Grande, grosso, fortissimo e negro. Cioè, se eri bianco non stavamo mica qui a scriverti.

E tu devi capire, in quanto negro che si mette a fare le battaglie tipo Martin Luther Blisset o come cavolo si chiamava, che adesso ci metti nei casini. Cioè, noi vogliamo continuare a fare il cazzo che ci pare, noi e le altre 19 curve e anche i singoli tifosi sparsi per lo stadio che non ce l’hanno necessariamente con i negri in quanto negri, però all’occorrenza devono essere liberi di insultare chiunque perchè questa è l’essenza del tifoso, caro Romelu. Insultare chiunque.

Quindi, accontentati di essere il centravanti dell’Inter e dimenticati di essere negro, o domina l’istinto di vivere la tua triste e vistosa pigmentazione con quell’orgoglio un po’ demodè alla Martin B. B. King o come cavolo si chiamava. Facendo casino, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi, compresi i tuoi, cioè noi, e sollevare un problema che qui in Italia non esiste, cioè il razzismo.

Pensa che ci sono dei negri e dei marocchini anche in curva, e pensa che insultano negri e marocchini in campo: non è bellissimo? Non è fratellanza? Non è amore?

Cerchiamo di essere amici, dai: il tuo predecessore, un coglione, non lo è stato e non se l’è passata benissimo. E pensa che era bianco.

La lotta al razzismo deve iniziare nelle scuole, nelle scuole!, e non negli stadi, dove vogliamo continuare indisturbati a ululare ai negri giustificandoci dicendo che è tifo. Non venire a crearci problemi inutili, Romelu. E’ così dalla notte dei tempi. Prima ululavamo ai terroni, poi l’Europa si è riempita di negri e non è mica colpa nostra. Vogliamo continuare a essere gli animali che siamo sempre stati, così, senza inutili retropensieri.

Noi nella vita reale non ululeremmo mai a un negro. Ma allo stadio sì, perchè è nelle scuole, nelle scuole!, che si combatte il razzismo, ammesso che esista, non negli stadi perchè gli italiani non sono razzisti e amano i negri, ma li amano nelle scuole, non negli stadi dove li rispettiamo facendo il verso della scimmia perchè li temiamo come se fossimo nelle scuole perchè è lì che si combatte il razzismo negli stadi che non esiste.

Benvenuto Romelu, uh-uh, salta non noi. E Juve merda!

share on facebook share on twitter

Dicembre 27, 2018
di settore
232 commenti

Mi fate schifo

Non volevo scrivere niente di questa robaccia  pre-durante-e-post Inter-Napoli – per enorme e insopportabile frustrazione, più che altro -, ma leggo che il presidente federale dice che, dopo lunghe riflessioni, si è deciso di far giocare regolarmente la serie A (davvero c’era qualcuno che aveva pensato di sospendere il campionato per la morte di un pluri-Daspo vittima della sua stessa violenza? No, davvero??), e leggo che il ministro degli Interni ha twittato che “a inizio anno convocherò al Viminale i responsabili di tifoserie e società di serie A e B, affinché gli stadi e i dintorni tornino a essere un luogo di divertimento e non di violenza. Vedremo di fare quello che non sono riusciti a fare altri”. E dimmi, Matteo, di preciso, che cazzo hai fatto di recente, a parte abbracciare e baciare come fosse tuo fratello uno dei peggiori capi ultrà dell’emisfero boreale, vantandotene come un bambino dell’asilo?

Ogni volta che le cose ti sembrano minimamente cambiate, in questo assurdo minuetto che è il calcio italiano fai un enorme passo indietro dopo averne fatto qualcuno in avanti, impercettibile ma che ti aveva aperto un pochino il cuore. Pensi che cose come quelle accadute ieri prima di Inter-Napoli non possano più accadere, tanto meno a Milano, e invece accadono, a Milano. Dico la prima delle pessime cose che sto per scrivere (e che è solo una selezione delle pessime cose che mi verrebbero realmente da dire): del “tifoso” morto non me ne frega niente. Non doveva essere lì, non doveva fare quello che ha fatto, insieme ad altri che sperino paghino tutto e fino in fondo. Basta con le mezze misure, le mezze parole, basta con questo ipocrita e schifoso meccanismo autoassolutivo che riguarda le cose da stadio. Basta. IO sono un tifoso, non loro. IO e le migliaia di altri come me  che allo stadio vanno a vedere la partita e a prendere cornetti Algida mezzi sciolti o caffè Borghetti a prezzi da strozzo. A me dei neonazisti che vanno in giro con coltelli e mazze ferrate non me ne frega un cazzo. Morite? Beh, diciamo un’altra pessima cosa: ve la siete andata a cercare.

Della delinquenza comune e squadrista fuori dallo stadio non c’è molto altro da dire. Non mi ha fatto impressione la morte, con quella dinamica, in quello scenario: (dico un’altra pessima cosa) cinicamente, sì, ci può stare. Del resto a me non capiterà mai di morire mentre assalto una carovana di tifosi di opposta fazione. Mi ha fatto solo impressione “via Novara”, perchè quando vado a San Siro parcheggio all’ospedale San Carlo e via Novara l’attraverso due volte. Fine dell’impressione, contento di non essere stato lì.

Due giornate a porte chiuse? Un’enorme cazzata, un’immane cazzata concettuale. IO, e con me altre decine di migliaia di tifosi, non ho fatto nulla. NOI non abbiamo fato nulla, e NOI, noi, siamo i veri tifosi. Non quelli che fanno agguati in via Novara, quelli che puncicano, quelli che ululano ai neri e si divertono un casino. NOI, non loro. E NOI dobbiamo stare a casa? L’amico di Blood & Honour fa il fenomeno, qualche centinaio di subumani fa uh-uh-uh e alla fine pagano bambini, pensionati, ragionieri, sciure? IO? Complimenti, bravi, viva il calcio, quello pulito. Si poteva chiudere solo la curva, che sarebbe stato comunque un provvedimento esagerato – la curva è mica solo merda, per carità, ci sono anche zuzzurelloni come me che vanno solo a fare il tifo per l’Inter e io gli sono grato perchè urlano e cantano più di me -. Ma l’avrei accettato di più, da tifosotto. Del resto, per me gli stadi potrebbero essere solo due rettilinei di spalti paralleli: se al posto delle curve ci fossero solo due voragini, non piangerei.

E veniamo agli ululati. Dai, sì, ditemelo ancora: volete essere liberi di insultare, certo, ok, “se Koulibaly è nero non lo posso insultare?” Certo, amico mio, certo, ma provo a spiegartelo con parole povere: se urli “Koulibaly, fai schifo, impara a giocare, tua sorella è una donna facile” è un insulto, se invece fai il verso della scimmia a un giocatore nero, amore mio, questo è razzismo, il più puro, tradizionale, atavico, schifoso, putrescente modello elementare di razzismo. Piantiamola, davvero, con questi distinguo da terza media. Il razzismo è sdoganato, tranquilli, i razzisti sono al governo qui come in buona parte del mondo. Sei razzista? E allora dillo, Cristo, dillo e non mi rompere il cazzo. Sii razzista, dichiaralo, nessuno ti dirà nulla, anzi, in certi consessi farai pure bella figura. Sii razzista senza raccontarmi delle storielle penose – una volta, i razzisti veri avevano le palle -. Il problema è che questo razzismo, come dire, è “normato”, e se c’è da sanzionare si sanziona, se c’è da pagare si paga. Tu fai uh-uh-uh, la tua squadra giocherà due giornate a porte chiuse e tre senza curva e per te, amico razzista – che sai che funziona così -, per te è tutto normale, per te va bene, ti senti contento, ti senti la vera vittima di questo sistema che punisce il razzismo e non quel pezzo di merda che ti ha venduto un biglietto a dieci volte il suo prezzo? Chi è il vero tifoso dell’Inter tra noi due, amico uh-uh? Fate pace con il vostro cervello, state a casa qualche domenica, andate al centro commerciale, tagliate le siepi, guardare la D’Urso, giocate alla playstation, fate una passeggiata con i figli, andate all’Ikea con la moglie. Queste sono le vere pene che dovrete patire, nazistelli dell’Illinois.

share on facebook share on twitter