Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Settembre 4, 2019
di settore
121 commenti

Perché è nelle scuole che si combatte il razzismo

Ciao Romelu

Ti scriviamo a nome della Curva Nord, si i ragazzi che ti han dato il benvenuto appena arrivato a Milano.

Ci spiace molto che tu abbia pensato che quanto accaduto a Cagliari sia stato razzismo.

Devi capire che l’Italia non è come molti altri paesi europei dove il razzismo è un VERO problema.

Capiamo che ciò è quello che possa esserti sembrato ma non è così.

In Italia usiamo certi “modi” solo per “aiutare la squadra” e
cercare di rendere nervosi gli avversari non per razzismo ma per farli
sbagliare.

Noi siamo una tifoseria multietnica ed abbiamo sempre accolto i
giocatori provenienti da ogni dove sebbene anche noi abbiamo usato certi
modi contro i giocatori avversari in passato e probabilmente lo faremo
in futuro.

Non siamo razzisti allo stesso modo in cui non lo sono i tifosi del Cagliari.

Devi capire che in tutti gli stadi italiani la gente tifa per
le proprie squadre ma allo stesso tempo la gente è abituata a tifare
contro gli avversari non per razzismo ma per “aiutare le proprie
squadre”.

Ti preghiamo di vivere questo atteggiamento dei tifosi italiani
come una forma di rispetto per il fatto che temono i gol che potresti
fargli non perché ti odiano o son razzisti.

Il razzismo è una cosa completamente differente e tutti i tifosi italiani lo sanno bene.

Quando dichiari che il razzismo è un problema che va combattuto in
Italia, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi
inclusi i tuoi e contribuisci a sollevare un problema che qui non c’è o
quantomeno non viene percepito come in altri stati.

Noi siamo molto sensibili ed inclusivi con tutti. Possiamo
garantirti che tra noi ci son frequentatori di diverse razze e
provenienze che condividono questo modo di provocare i giocatori
avversari dell’Inter persino quando questi ultimi sono della loro stessa
razza o provenienza geografica.

Ti preghiamo di aiutare a chiarire quello che realmente è il razzismo e che i tifosi italiani non sono razzisti.

La lotta al VERO razzismo deve cominciare nelle scuole non negli
stadi, i tifosi son solo tifosi e agiscono in modo differente allo
stadio e nella vita reale.

Stai certo che quello che dicono o fanno a un giocatore di colore
avversario non è quello che direbbero o farebbero nella vita reale.

I tifosi italiani non saranno perfetti ma sebbene comprendiamo la
frustrazione che ti possono creare certe espressioni, queste non sono
utilizzate a fini discriminatori.

Ancora una volta …

BENVENUTO ROMELU

(Curva Nord, post pubblicato sulla pagina Facebook “L’urlo della Nord” il 3 settembre 2019)

(traduzione di Settore)

Ciao Romelu

Benvenuto in Italia. Gli italiani non sono razzisti, noi non siamo razzisti, nemmeno quei pecorai del Cagliari sono razzisti. Il problema, quello vero, è che tu sei negro.

E’ meglio che mettiamo in chiaro le cose subito, alla seconda giornata. Ci siamo accorti che non sei un negro di quelli normali, che stanno zitti, pedalano, giocano la loro partita, fanno un selfie e via. No, tu sei un negro fortissimo (questo ci va bene) e purtroppo (che noia!) sei uno di quei negri orgogliosi di essere negri.

Questo, oggettivamente, è un problema.

Ora, come distinguere se la gente ti ulula perchè sei fortissimo, perchè stai tirando un rigore o perchè sei negro?

Questo, oggettivamente, è un altro problema. Ma noi ti proponiamo una soluzione, che dovresti aiutarci a divulgare proprio in quanto negro progressista. Dimentica questa stronzata del razzismo: noi non lo siamo, gli italiani non lo sono, nemmeno quei quattro inculapecore con l’anemia mediterranea lo sono. Noi vogliamo solo aiutare la nostra squadra: dai, ma come ti salta in mente di pensare che siamo razzisti? Anzi, farti il verso della scimmia mentre tiri un rigore è un segno dell’enorme rispetto che l’Italia intera nutre nei tuoi confronti: hanno paura di te e ululano. Ti rispettano e ululano. Capisci?

Certo, tu ci dirai: ma perchè mi fanno il verso della scimmia invece di insultarmi o disturbarmi o distrarmi in maniera, come dire, normale? Non sarà mica che siete razzisti?

E no, Romelu, noi non siamo razzisti. Noi siamo un paese accogliente, una tifoseria accogliente, una curva accogliente. Il problema è che tu sei negro. Grande, grosso, fortissimo e negro. Cioè, se eri bianco non stavamo mica qui a scriverti.

E tu devi capire, in quanto negro che si mette a fare le battaglie tipo Martin Luther Blisset o come cavolo si chiamava, che adesso ci metti nei casini. Cioè, noi vogliamo continuare a fare il cazzo che ci pare, noi e le altre 19 curve e anche i singoli tifosi sparsi per lo stadio che non ce l’hanno necessariamente con i negri in quanto negri, però all’occorrenza devono essere liberi di insultare chiunque perchè questa è l’essenza del tifoso, caro Romelu. Insultare chiunque.

Quindi, accontentati di essere il centravanti dell’Inter e dimenticati di essere negro, o domina l’istinto di vivere la tua triste e vistosa pigmentazione con quell’orgoglio un po’ demodè alla Martin B. B. King o come cavolo si chiamava. Facendo casino, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi, compresi i tuoi, cioè noi, e sollevare un problema che qui in Italia non esiste, cioè il razzismo.

Pensa che ci sono dei negri e dei marocchini anche in curva, e pensa che insultano negri e marocchini in campo: non è bellissimo? Non è fratellanza? Non è amore?

Cerchiamo di essere amici, dai: il tuo predecessore, un coglione, non lo è stato e non se l’è passata benissimo. E pensa che era bianco.

La lotta al razzismo deve iniziare nelle scuole, nelle scuole!, e non negli stadi, dove vogliamo continuare indisturbati a ululare ai negri giustificandoci dicendo che è tifo. Non venire a crearci problemi inutili, Romelu. E’ così dalla notte dei tempi. Prima ululavamo ai terroni, poi l’Europa si è riempita di negri e non è mica colpa nostra. Vogliamo continuare a essere gli animali che siamo sempre stati, così, senza inutili retropensieri.

Noi nella vita reale non ululeremmo mai a un negro. Ma allo stadio sì, perchè è nelle scuole, nelle scuole!, che si combatte il razzismo, ammesso che esista, non negli stadi perchè gli italiani non sono razzisti e amano i negri, ma li amano nelle scuole, non negli stadi dove li rispettiamo facendo il verso della scimmia perchè li temiamo come se fossimo nelle scuole perchè è lì che si combatte il razzismo negli stadi che non esiste.

Benvenuto Romelu, uh-uh, salta non noi. E Juve merda!

share on facebook share on twitter

Maggio 27, 2019
di settore
284 commenti

Handa Nara (la maratona più pazza del mondo)

Metti che il Kenya debba scegliere, tra i venti top-maratoneti che ha, i 4 da mandare alle Olimpiadi 2020. Ogni volta è così, procedura complesa e crudele, ne devi lasciare a casa 16 forti. Vabbe’, Eliud Kipchoge ha il posto fisso da mo’, per distacco abissale. Poi sceglie anche il secondo, quello col tempo migliore, e si riserva di decidere gli altri due nomi all’ultima corsa, una specie di Trial. Il selezionatore in realtà la scelta l’ha già fatta. er uno in particolare. E’ uno pazzo, ma che per le Olimpiadi va benissimo. Uno forte, ma parecchio discontinuo (una testa di cazzo, diciamo). Lo prende da parte e gli dice: ascolta, alle Olimpiadi ci vai tu, è già stabilito, basta che oggi arrivi in fondo, sticazzi il tempo, basta che arrivi in fondo. Ok?

L’ultima maratona prima delle Olimpiadi parte. Il prescelto fa il suo dovere, poi comincia a farsi prendere un po’ dall’ansia, tipo che fa un chilometro a 2′ 45″ e quello dopo a 3′ 30″, in fondo ci arriva di sicuro e pure bene, però non è così che si corre. Poi prova ad allungare, poi rallenta, poi inciampa, poi fa il chilometro più veloce, poi si ingrippa. Comunque sia è in vantaggio sulla tabella di marcia e, accidenti, sa che arriverà in fondo in carrozza. ‘Na passeggiata de salute. Ma dopo il trentesimo chilometro ne fa di ogni. Allo spugnaggio del 32esimo corteggia pesantemente una volontaria e fa a botte col di lei fidanzato. Al 34esimo chiama un amico da un telefono a gettoni. Al rifornimento del 35esimo beve una birra media ghiacciata, al 37,5 fa uno spugnaggio con il catrame, al 38esimo si infila in un giardino dove è in corso una grigliata e mangia quattro wurstel con salsa barbecue, al 39esimo inizia a cantare “Nessun dorma” a squarciagola, al 40esimo trova per terra una copia di Playboy e si masturba dentro un wc chimico, al 41esimo prende sulle spalle un altro concorrente e lo trasporta per 500 metri, al 42esimo si mette a fare la ruota, a 50 metri dall’arrivo si ferma e concede un’intervista a Rolling Stones, poi finalmente taglia il traguardo. E’ arrivato in fondo, secondo i patti andrà alle Olimpiadi. Il selezionatore gli fa ok col pollice, poi sviene.

Ecco, l’Inter ieri sera è stata più o meno così. Ieri sera, in particolare, e negli ultimi sei mesi, più in generale.

Non voglio usare termini assoluti per descrivere il ciclone emozionale di Inter-Empoli, ma riferire soltanto sensazioni personali. Si è trattata di una delle esperienze più devastanti da quando sono interista – e sono decenni, santa madonna. Ci sono state altre volte in cui ho perso anni di vita sul divano o sugli spalti, ma non voglio scomodare paragoni inadeguati con partite magicamente epiche, o epicamente disastrose. Questa era un’Inter-Empoli – la terza contro la terz’ultima, che poi in effetti retrocede – e non ci sono paragoni adeguati. Era un’Inter-Empoli. Una fottuta Inter-Empoli, sulla carta la partita meno importante e meno affascinante dell’anno. Sulla carta, certo.

Che sia finita bene, è solo un particolare. A me – saranno anche questi ultimi sei mesi da tragedia etica e sportiva – non è ancora passata. Mi sembra di essere ancora davanti alla tv a vedere una partita divertentissima – purtroppo, una delle due squadre in campo era l’Inter – con 100 azioni d’attacco e 20 palle gol – purtroppo, una su tre capitata all’Empoli, davanti ai miei occhi spaventati e al mio cuore a brandelli.

Non è umano. Non è sano. E non venitemi a intortare con la solita storia della pazza Inter. Questa non è pazzia. E’ un qualcos’altro per cui non esiste una parola. E’ un mix di cose – purtroppo, la metà negative.

Ho perso il mio solito anno di vita, sbigottito, davanti alla tv. Senza Orociok (meno male, ne avrei mangiato un container), ho provato le seguenti sensazioni:

  • Vinciamola. Non importa come, ma vinciamola
  • Meno male che è l’ultima partita della stagione 2018-19
  • Non voglio più vedere – mai più, mai più – almeno sei-sette dei giocatori in campo

Questo è, per quanto mi riguarda, l’elemento più interessante, che ha reso Inter-Empoli un’esperienza unica. Tifavo Inter, è ovvio, fino allo sfinimento, ma nel contempo mi auguravo di non rivedere mai più questa Inter. Tifavo Inter, alla morte, e ne invocavo la rifondazione, alla morte. Non mi sono nemmeno accorto del fischio finale. Ero ancora lì che sudavo come un mantice e tifavo Inter e contemporaneamente la stramaledivo e finalmente, quando mi sono accorto che gente in borghese passeggiava per il campo, ho capito che eravamo in Champions. Che non so come, facendone di ogni, eravamo arrivati in fondo.

Ho cambiato canale. La Lega era al 34 per cento (al 45% a Pavia). Ho chiuso gli occhi, sfinito. Icardi, Dalbert, Perisic. La traversa. Wanda Nara. Non ho dormito. La stagione è finita così. Una stagione completamente insensata, tipo il fallo di Keita su Dragowski. Ciao Inter, ti amo ma hai abusato della mia pazienza. Vorrei poterti dire che ci rivediamo tra altri sei mesi, ma sono un uomo debole. Grazie Handa, uomo del destino. A tutti gli altri il mio cordiale vaffanculo. Forza Inter.

share on facebook share on twitter

Maggio 21, 2019
di settore
163 commenti

Lo zen e l’arte di cagarsi addosso per Inter-Empoli

Nel tennis, il “braccino” (in inglese choke) è una gran brutta cosa. Dal tennis club Cesano Boscone fino a Wimbledon, ha colpito milioni di giocatori nella storia. Cos’è il braccino? Stai giocando, sei in vantaggio, magari anche nettamente, e improvvisamente ti blocchi. Basta un non so che – un piccolo errore, una palla lunga di due centimentri, un nastro sfavorevole, un pensiero di troppo – e trac!, sei fottuto. Più ti avvicini alla possibile vittoria e più ti incasini, perchè il tuo cervello ormai è in pappa. Hai paura di sbagliare, e quindi sbagli. Il tuo avversario ti appare come in realtà non è, tantomeno com’era fino a mezz’ora prima, quando lo prendevi a pallate. Tipo che magari stai giocando con tuo cugino e improvvisamente lui si trasforma in Rafa Nadal. Ovviamente non è così, lui è sempre quello scarso di tuo cugino, ma la tua mente ormai allo sbando lo percepisce come un Nadal che le prenderà tutte e non ne sbaglierà mai più una, anche perchè le sbaglierai tutte tu. In quel breve lasso di tempo in cui sei preda del braccino, vorresti non aver mai giocato a tennis. Ecco, se c’è una cosa consolante nel braccino del tennista è che dura relativamente poco. Qualche minuto – basta e avanza per perdere una partita – e poi vaffanculo, perdi e bòn, vai a mangiare la pizza con tuo cugino e ci si vede alla prossima.

L’Inter il braccino ce l’ha da tipo 6-7 mesi.

Parliamo del campionato. Alla fine del girone d’andata (29 dicembre), avevamo 39 punti, a -12 dalla Juve e a -5 dal Napoli, ma a +8 sulla quinta, che era il Milan del quale parlavamo con una certa compassione. Qualche inciampo, soprattutto all’inizio, e almeno un furto con scasso (Inter-Parma). Ma avevamo vinto 12 partite su 19. C’erano tutte le condizioni per fare una seconda parte di campionato in carrozza, giocando con un piede solo, e arrivare terzi senza nemmeno accorgersene. Nella seconda parte di campionato, abbiamo invece fatto 27 punti. Abbiamo vinto 7 partite su 18 (cioè praticamente una ogni tre). E adesso siamo qui ad aspettare una partita con l’Empoli in casa manco se dovessimo giocarci con il Liverpool ad Anfield lo spareggio per evitare la radiazione dal calcio.

Prima di Capodanno, peraltro, l’Inter aveva già sofferto di un braccino specifico. Nelle due partite di Champions in cui avevamo un obiettivo vero e necessario, un obiettivo con un nome e un cognome (pareggiare a Londra, battere in casa il Psv), abbiamo fallito. Due volte su due. A casa. Non un buon segno, non un giudizio lusinghiero sul profilo della squadra. Ma ci consolava un campionato in cui invece qualcosa di buono lo stavamo facendo e la classifica dell’andata sembrava dirci una cosa: ok, la Juve la vediamo col cannocchiale, il Napoli non è lontano ma ha qualcosa in più, ma le altre si fottano, quest’anno per la Champions non ci sarà da penare fino all’ultimo secondo.

Infatti.

Nel girone di ritorno, in estrema sintesi, abbiamo fatto cagare. Tradotto in cifre: 11 punti meno dell’Atalanta, 8 del Napoli, 7 del Milan, 6 della Roma. Ci hanno rubato due punti a Firenze, ok. Ma avevamo un tale vantaggio che sarebbe bastato trasformare in vittoria uno dei tanti pareggini per essere tranquilli, nonostante le cifre di cui sopra. E invece no. Risultati da metà classifica, gioco loffio, musi costantemente lunghi.

Cosa è successo dal 29 dicembre in poi? Bah, niente di che. Il nuovo dirigente più alto in grado assunto a metà stagione con un ingresso in società morbido tipo scazzottata di Bud Spencer e Terence Hill (mezz’ora e aveva già messo fuori rosa l’uomo della Provvidenza rivelatosi lacero e bollito); un attaccante croato – peraltro mediamente impresentabile – offerto a la qualunque e rimasto in carico con palpabile entusiasmo; un capitano degradato che per due mesi marca visita millantando malanni smentiti della società con simpatici comunicati ufficiali (“non ha un cazzo”); partite giocate senza attaccanti di ruolo; un impatto in Europa League che il Tenerone al confronto era Chuck Norris; un capitano degradato (vedi sopra) che al rientro sprizza vitalità a ogni poro e impiega il tempo libero a fare foto porno-soft con la moglie procuratrice, e nel mentre realizza un suggestivo bilancio di tre gol su rigore in sei mesi; no, niente di che.

Con tutto questo, e con tutto il braccino che vogliamo mettere in conto, abbiamo il match point in casa contro una squadra – l’Empoli che tremare il mondo fa – che è la peggiore del campionato come rendimento in trasferta (8 punti, ne ha perse 12 su 18 con 2 gol subiti a partita), mentre l’Inter-mozzarella in casa non ha subito gol 10 volte su 18, per dire. Nelle ultime sette partite Inter ed Empoli hanno fatto lo stesso numero di punti, 10. L’Empoli arriva da tre vittorie consecutive (come il Milan), questo è vero. Ma è l’Empoli, santa madonna. E noi siamo l’Inter.

Già.

Ma non c’è folklore, in tutto questo. Non c’è pazza Inter. Siamo all’apoteosi di un pessimo campionato a livello ambientale. Nell’anno che sembrava aver rimesso qualcosina al posto giusto (la Champions riguadagnata, una squadra tutt’altro che perfetta ma apparentemente costruita con un minimo di criterio, un allenatore che poteva plasmarla in continuità di lavoro) ci siamo ri-trasformati nel solito cantiere perenne, una Salerno-Reggio Calabria del calcio che ama complicarsi la vita. Per andare in Champions basta vincere con l’Empoli. Il fatto che questa cosa – vincere in casa con l’Empoli – appaia a molti un’enormità, ecco, è come ammettere che abbiamo il braccino prima ancora di metterci in maglietta e pantaloncini. Un caso clinico, etico e morale, prima ancora che calcistico.

share on facebook share on twitter

Maggio 10, 2019
di settore
256 commenti

Il paradosso di Warwick

Nel 1976 Adriano Panatta trionfò agli Internazionali di Roma battendo Vilas in finale, ma al primo turno rischiò l’impossibile vincendo al tie break del terzo set con Warwick, dopo avergli annullato 11 match point (sei sul 5-2, tre sul 5-4 e gli ultimi due al tie break: stavano 6-4 per Warwick e Panatta fece gli ultimi quattro punti). Il mese dopo vinse il Roland Garros, battendo Borg ai quarti e Salomon in finale, ma superò il primo turno battendo 12-10 al quinto set tale Utka, cui annullò un match point con una veronica.

No, era per dire che le vicende del Liverpool e (soprattutto) del Tottenham, finaliste in Champions dopo un percorso – diciamo così – accidentato, non sono certo un inedito nella storia dello sport. I loro gironi eliminatori (i più duri in assoluto, al limite della crudeltà) sono stati come i primi turni di Panatta: qualificati a parità di differenza reti per numero di gol segnati, è come fossero passati al tie break annullando qualche match point. L’Inter è il Warwick di Roma ’76: ha avuto un’infinità di palle per chiudere la partita e si è suicidata sull’ultima. E il Napoli è l’Utka di Parigi ’76: ad Anfield al 93′ ha avuto con Milik l’occasione di vincere il match, ma l’ha sbagliata.

Se ci aggiungiamo l’Eintracht, cui abbiamo steso un tappeto rosso negli ottavi di Europa League e sconfitto ai rigori in semifinale dal Chelsea, le suggestioni degli incroci del destino con l’Inter sono parecchie. Abbiamo regalato la qualificazione al Tottenham, potevamo esserci noi in finale a Madrid? Abbiamo sbagliato un rigore all’andata con l’Eintracht, potevamo esserci noi a Londra a giocarci la finale ai rigori?

Ehm, no.

Curiosamente, nell’anno in cui siamo tornati in Champions, mai come adesso possiamo dire di avere sperimentato le differenze. Che sono enormi. Poteva l’Inter post-vacanze di Natale (mobbing Perisic, Icardi degradato che sparisce per due mesi e si dà al porno, ecc. ecc.) essere protagonista del percorso del Tottenham cui abbiamo ceduto il posto? Cioè, tipo battere due volte il Dortmund, passare i quarti con il City andando a segnare tre gol a Manchester, e poi fare la pazzesca rimonta con l’Ajax andando a segnarne altri tre ad Amsterdam?

No.

E probabilmente non avrebbe passato nemmeno i quarti di Europa League con il Benfica, per non dire della semifinale con il pur malmostoso Chelsea. Probabilmente non avremmo messo insieme cinque rigoristi nemmeno per tentare la lotteria a Stanford Bridge. Ma questa in fondo era la Coppa di ripiego. Torniamo a quella vera. Nella Champions, dagli ottavi in poi, cosa avrebbe mai potuto fare l’Inter? Non la più che dignitosa Inter autunnale. No, quella delle due partite con l’Eintracht. O quella di Inter-Bologna, o di Cagliari-Inter, o di Inter-Lazio, o di Udinese-Inter?

Le partite che ci sono rimaste negli occhi e nel cuore degli ultimi due mesi di questa folle e meravigliosa Champions 2019 (le quattro pazzesche semifinali, ma anche City-Tottenham, Bayern-Liverpool, Juve-Ajax, Psg-United, Atletico-Juve e – sì, ammettiamolo – Juve-Atletico), parlando di Inter, ci restituiscono solo paragoni impietosi. Nell’anno della Champions riguadagnata, la Champions si è mostrata anche terribilmente distante dai nostri standard. Del resto non puoi pensare, a questi livelli, di stare fuori dai giochi per sette anni e rientrare come se nulla fosse. Questo, ovviamente, al netto delle differenze tecniche tra le rose dei singoli club. Differenze, anche queste, enormi.

L’Inghilterra, dopo anni sincopati, porta quattro club nelle due finali, un record. E nelle quattro – incredibile – non ci sono i due Manchester (passi lo United, stagione un po’ così, ma il City è in testa al campionato con 95 punti). Noi – l’Italia, intendo – quest’anno siamo stati la Juve, che vince il campionato con mille punti di vantaggio ma in Champions tra ottavi e quarti sbaglia completamente tre partite su quattro; la Roma, che non passa gli ottavi con il Porto; Inter e Napoli sfigate al sorteggio e sfigatissime nel verdetto dei gironi, ma poi pessime nell’approccio in Europa League alle prime difficoltà. Un velo pietoso su Milan e Lazio.

Ne dobbiamo mangiare di pastasciutta. Per ora, da calciofili, nell’inquieta attesa di Inter-Chievo (sì, proprio così: l’inquieta attesa di Inter-Chievo), godiamoci la bellezza altrui. La bellezza, la tecnica, l’intensità, la voglia, la fame, le palle, le gigantesche palle altrui. Tipo il Liverpool che ne fa 4 al Barcellona senza Salah, o tipo il Tottenham che ne fa tre all’Ajax senza Kane. Cioè, sarebbe come se noi giocassimo le partite più importanti e più impossibili della stagione senza Icardi*.

(*adoro chiudere i pezzi buttando lì un tema che fa incazzare).

share on facebook share on twitter

Febbraio 25, 2019
di settore
141 commenti

Abisso

Se il calcio fosse una roba seria, e se l’Italia fosse un posto di gente seria, Fiorentina-Inter segnerebbe uno spartiacque nella storia del Var e del metro arbitrale, oltre che del calcio del terzo millennio sempre alla ricerca vana di una qualche sicurezza. E’ assai probabile che non succederà un cazzo, date le prime due premesse. Però sarebbe tragico, per il calcio. Perchè bisognerebbe invece interrogarsi nel profondo su quello che è accaduto in questa partita che – per inciso – costa all’Inter due punti già conquistati nella lotta per un posto in Champions, due punti quindi più importanti e sanguinosi del solito.

Riassumendo, fino al centesimo minuto di Fiorentina-Inter si è assistito a una storia a suo modo virtuosa: l’arbitro che non vede o giudica male un numero mediamente elevato di episodi sicuramente non lampanti a occhio nudo ma evidenti davanti al monitor – beh, il Var l’abbiamo inventato apposta, no? – e che cambia quindi le sue decisioni, “purtroppo” sempre a sfavore della squadra di casa. Al centesimo minuto accade l’incredibile, forse l’irreparabile: l’arbitro, dopo cento minuti trascorsi a farsi smentire dal Var – sta nelle cose, io speravo che la classe arbitrale avesse superato la fase “orgoglio e vergogna” e considerasse il Var per quello che è, cioè il suo quarto assistente, quello con più tecnologia a disposizione, quindi il più prezioso – e con uno stadio al limite della rivolta (bisogna pur sempre considerare che si tratta di una folla scomposta che non ha il Var a disposizione), prende una decisione grottesca, ridicola, assurda: guarda l’immagine 50 volte e decide che la verità non sta in quello che vede e che vediamo noi col culo sul divano. Al centesimo minuto, dunque, compensa tutte le incazzature accumulate dal pubblico di casa nei precedenti 99. Le immagini dicono altro? Non fa niente. Rigore. Per un pallone finito sul petto, e il fallo di petto non esiste.

Ora, sarebbe bello poterci scherzare sopra, sdrammatizzare a tutti i costi perchè in fondo è un gioco, tirare in ballo lo stadio numero 6 del devasto nella tradizione ispanico-messicana (1. borracho, 2. muy borracho, 3. cantos regionales, 4. cantos patrioticos, 5. cantos religiosos, 6. negacion de la evidencia, 7. insultos al clero y apoteosis final) raccontata da Paolo Rossi a teatro. Ma non c’è niente da ridere, purtroppo. E’ non è questione che riguardi i soli interisti, ancora increduli che sia davvero successa ‘sta roba. Eh no, la cosa riguarda tutti – almeno in teoria, ma facciamo finta che sia così.

Non so se stasera sia finito il Var o sia semplicemente finita la carriera di un singolo arbitro. Starà all’Aia prendere una decisione, sapendo che qualcosa dovrà fare di fronte a questo scempio. Oggi il Var ha smentito serialmente un arbitro – che ci può stare, nessun episodio era “facile”, il Var sta lì per quello – e l’arbitro, al centesimo minuto, ha smentito in diretta l’immagine chiarissima che il Var offriva a lui e all’universo mondo.
Non so cosa l’arbitro abbia voluto dimostrare. Forse, a difesa della categoria, ha riaffermato il primato dell’occhio umano (“non sono un robot”) di fronte alla fredda oggettività della macchina. Forse, sempre a difesa della categoria, ha dato un bizzarro colpo di coda all’ipotesi che ad arbitrare una partita come Fiorentina-Inter, con tanti episodi così al limite della percezione umana, potessero esserci indifferentemente un arbitro di serie A, un bambino dell’asilo o una scimmia.

Non succederà niente? Boh. Sarebbe spaventoso far finta che è stato tutto normale. Perchè tutto questo non può rimanere impunito, o senza conseguenze. Milioni di appassionati di calcio – stasera non c’è bandiera che tenga, la questione è squisitamente e clamorosamente generale – vanno informati adeguatamente sulla genesi delle varie decisioni arbitrali che hanno punteggiato dal primo all’ultimo minuto Fiorentina-Inter. Punteggiato, condizionato, deciso, stravolto Fiorentina-Inter. La storia di questa partita non va lasciata cadere nel solito dimenticatoio: non lo merita il calcio, non lo merita lo sport. Che non lo meritasse l’Inter è solo un piccolo particolare, benchè per noi terribilmente importante.

share on facebook share on twitter

Gennaio 9, 2019
di settore
869 commenti

L’autogol dell’Inter

Con la rinuncia – signorile e autolesionista – dell’Inter al ricorso sui provvedimenti post Inter-Napoli, si completa il quadro degli avvenimenti e delle relative conseguenze di quello che potrebbe diventare un clamoroso caso di scuola e che probabilmente non lo diventerà, se – com’è successo praticamente sempre – tra qualche settimana di ‘sta cosa non fregherà più nulla a nessuno.

Eppure, tutto questo percorso andrebbe davvero tenuto a mente, a uso e consumo delle varie categorie di persone interessate, dai tifosotti agli ultrà, dai bempensanti ai “non sono razzista”, dai giuristi situazionisti a quelli che “le curve sono sane”. Ricapitoliamo:

  1. scontri prima delle partita ampiamente premeditati e organizzati non da qualche nazistello assoldato alla bisogna, ma da capi della curva in persona;
  2. il morto (eh beh ragazzi, giocando alla guerra può capitare);
  3. cori razzisti allo stadio (uh-uh-uh al nero è davero poco equivocabile, diciamo così), arrivati da zone ben precise e senza grandi disapprovazioni (praticamente zero);
  4. arresti e denunce in discreta quantità (capi e soldatini, i primi molto omertosi e per nulla pentiti e i secondi più chiacchieroni, parecchi già pregiudicati o daspati, ma che sorpresa);
  5. provvedimenti ad minchiam che colpiscono – anche nelle tasche – una serie di persone che non c’entrano nulla, diciamo nella misura del 99% (ah, la giustizia sportiva);
  6. decisione della società Fc Inter, punita con una durezza e una tempestività rara, di non ricorrere contro la decisione (quella che penalizza allo stesso modo diciamo 100-200 grandissime teste di cazzo e 62.000 innocenti).

Io capisco – e apprezzo – l’Inter, la sua storia, la sua signorilità, la sua multietnicità (anche societaria), la sua enorme disponilibità nell’addossarsi quella responsabilità oggettiva che è sempre più difficile da accettare. Ma questa poteva essere l’occasione di entrare mani e piedi nel piatto e di affrontare la questione in una forma diversa, un po’ meno accomodante e un po’ più utile alla causa. Sì, ok, riempieramo lo stadio di bambini, le tv ci faranno un sacco di servizi, gireranno sui social un sacco di video e di foto, i giornali gronderanno di melassa per una iniziativa che fa tanto oratorio e che non servirà a un emerito cazzo.

La questione è invece una, una sola: quella di separare la parte sana da quella marcia, quella di premiare il tifo genuino e allontanare i facinorosi, quella di stendere un tappeto rosso al pubblico pagante e dare un calcio in culo a quello razzista, squadrista, mafioso. Bisognava fare ricorso e dire: state/stiamo facendo una cazzata. E invece no, li rinchiudiamo tutti nella stessa cella, la sciura con il fascista, il nonno con il picchiatore, il nipotino con il negriero. Massì dai, due o tre giornate e tutto sarà finito.

Peccato. Questo essere signori si rivela un discreto autogol. Invece di insegnare a quei 100-200 delinquentelli che il tifo vero è un’altra cosa, ci ritroviamo a dover spiegare ai 62.000 innocenti perchè a loro viene applicata la stessa pena di chi girava con le roncole o faceva uh-uh. Verrebbe da stare a casa tutti. In futuro, dico. Perchè io non sono quella roba là. Mi dispiace anche per la parte sana del secondo verde (95%?), ma chi è causa del suo mal pianga se stesso: neanche se me lo regalassero farei l’abbonamento al secondo verde, neanche se mi pagassero mi siederei a qualche sedile di distanza da avanzi di galera o prenderei ordini da quattro balùba. Tutti dobbiamo prendere una direzione giusta, a cominciare da lì.

Comunque tranquilli. Tra qualche domenica sarà tutto finito e vaffanculo, come è sempre accaduto dalla notte dei tempi a oggi. Avanzino i bambini, che faranno tanto colore. E ciao a tutti. Anzi: uh-uh-uh (tanto è uguale).

share on facebook share on twitter

Dicembre 19, 2018
di settore
238 commenti

Godfellas, Steve Jobs e il ragazzo dei cocktail

La cena di Natale nei nostri beniamini è un rito che da sempre il popolo interista segue con un brivido: resta una partita da giocare prima della Notte Santa e questi si strafogano di panettone. Vabbe’, facciamo finta che tutto sia a posto e procediamo con il pagellone.

Icardi (famiglia): 8. Qualsiasi cosa facciano (una vacanza, una Bentley per il compleanno, un rinnovo che dura mesi, un cucchiaio dopo una partita drammatica), sono su un’altra dimensione e noi umani non siamo in grado di giudicarli.

Skhriniar e Brozovic: 5. La posa “epic” in casa Inter è un must, diventato però un pochino scontato, come posare con i gladiatori fuori dal Colosseo o con Salvini a (segue elenco con 727 situazioni diverse). Nel caso specifico, i nostri due beniamini la usano come pretesto per fare a gara a chi ce l’ha più grosso. L’orologio, dico. Una sfida che poi è proseguita con una scazzottata di mezz’ora nel bagno degli uomini e poi con 96 birre al bar di Maicon.

Moratti (famiglia): 7. Come non volergli bene?

De Vrij (famiglia): 7. Il buon Stefan è visibilmente il più contento di tutti alla festa, per due ragioni. La prima si può desumere dalla foto. La seconda è che alla Lazio era abituato in un altro modo: rapida bicchierata con Igli Tare davanti al distributore del caffè, cui seguivano una veloce seduta di schiaffo del soldato con Parolo e Caicedo e la distribuzioni dei pandori rubati nell’intervallo di Chievo-Lazio.

Naiggolan (famiglia): s.v. Non ci sono parole.

Miranda e Joao Mario: 7,5. Eleganti e simpatici, sembrano la versione 2.0 degli Imagination. Secondo un sondaggio Doxa, il 34% degli interisti davanti a questa foto non ha saputo distinguere chi dei due fosse Miranda e chi Joao Mario. Potrebbe essere un escamotage interessante per la lista Uefa.

Marotta, Spalletti, Zhang, Antonello: 6. Superato il primo momento di sconcerto (“Ehi, ma chi cazzo hanno invitato? Ah no, scusa”), va osservato come i nostri fantastici quattro si mettano con naturalezza in posa plastica tipo Monumento nazionale del Monte Rushmore, nel South Dakota, con un certo qual risultato scenico.

Candreva: 5. Non si capisce perchè si presenti al party di Natale vestito come una comparsa di Guerra e Pace. La verità viene a galla durante la serata: la colpa è di Brozovic, che gli aveva detto che prima della cena bisognava passare al rosario di un suo vecchio zio croato.

Lautaro Martinez: 6. Si veste come Michael Madsen nelle Iene, dello sguardo assassino già sapevamo. Non si è fidanzato male.

Keita (famiglia): 7. L’insieme è notevole, pare di essere al cenone del Billionaire. Preso singolarmente, Keita va premiato per il tocco di genio stilistico: il cappottino cammello portato a spalla. Senza, poteva assomigliare al vincitore del premio Tony Binarelli al teatro Lirico di Dakar.

Gagliardini: 5,5. Il look a metà tra Marcello Mastroianni e Steve Jobs non conferisce in automatico a Gagliardini l’autorevolezza che Spalletti chiede in campo. Ma è un primo passo verso l’autonomia di pensiero: dopo aver visto Politano in smoking, è corso a casa a cambiarsi.

Politano: 5. E’ chiaramente fuori ruolo. Se ne accorge quando Marotta, che non lo riconosce, gli dà 10 euro di mancia e gli chiede di portargli il cappotto.

Berni, Ranocchia, D’Ambrosio: 8. Sembra una foto del backstage di Godfellas: Scorsese ha appena finito di girare nel ristorante con Ray Liotta e Joe Pesci e la crew posa davanti al fotografo. L’effetto suscià della coppola di Berni, vestito come il campione rionale del torneo di freccette di Bristol, restituisce all’insieme un alone di struggente tenerezza, quel tocco alla Ken Loach che fa tanto figo in un’accolita di miliardari. Ranocchia faccia d’angelo, D’Ambrosio più volte scambiato per il ragazzo dei cocktail.

D’Ambrosio (famiglia): 5,5. Per portare la moglie vestita a quel modo (all’esterno la temperatura percepita era 18 sotto zero), D’Ambrosio ha dovuto noleggiare un motorhome climatizzato che gli è costato come i premi partita di mezzo girone d’andata.

share on facebook share on twitter

Dicembre 12, 2018
di settore
273 commenti

Oltre

Nella mia personalissima tabella-qualificazione, avevo sfrondato tutte le possibilità secondarie e mi ero prefigurato due soli scenari per la sesta e ultima giornata del gironcino di Champions: 1) vinciamo, il Tottenham non vince a Barcellona, e quindi passiamo il turno; 2) vinciamo, ma vince anche il Tottenham e quindi pazienza, bravi, abbiamo fatto il nostro, usciamo alla pari con la seconda per una fottuta questione di gol facendo 10 punti in un girone del genere, sono triste, devastato ma orgoglioso e perciò lo accetto. Non mi ero nemmeno posto il problema che con il Psv si potesse non vincere – il Psv matematicamente quarto, eliminato e senza alcun obiettivo che non fosse quello di fare la sua dignitosa figura. Non me l’ero nemmeno posto dopo un quarto d’ora – palo per noi, gol loro, che sfiga, ma adesso li riprendiamo, che ci vorrà mai?, e poi il Tottenham sta pure perdendo, forza. Dopo mezz’ora invece ero disperato sul divano, perchè era evidente che stavamo facendo una partita di pessimo profilo, in preda all’agitazione, un’agitazione che era anche quella di dar via veloce la palla a un compagno a caso sperando che ce l’avesse lui, un’idea (ma nessuno ne aveva una), e con alcuni uomini che non giustificavano la loro presenza in campo e forse nemmeno nell’Inter in senso lato. Ho stancamente ripreso a smadonnare a secondo tempo inoltrato (quando almeno avevamo ricominciato a tirare, un barlume di lucidità, tirando può anche essere che si segni), sono imploso al gol del Capitano e poi mi sono afflosciato quando, poco dopo, ho visto la squadra fare melina a centrocampo invece di cercare il gol-sicurezza, un tiki-taka funebre che ha coinciso col pareggio del Tottenham – il minimo che potesse capitare – e allora giù, all’assalto, sperando nella garra charrua, nel caso, nel culo. Non va sempre bene. Sipario.

E noi, noi tifosotti?

Punto primo: non ci si può negare il diritto di esseremolto delusi e incazzati, perchè l’Inter ieri sera ha fatto una partita molto deludente che ci ha fatto, appunto, molto incazzare. E’ una situazione oggettiva, non è pianginismo, severgninismo, bertolismo, disfattismo, non è niente di tutto questo. E’ che butti nel cesso un sogno (magari a breve termine, ma chi se ne frega) insieme a un’opportunità servita su un piatto d’argento, quella di vincere una partita (non contro Barcellona, Real, City, no, in casa contro il Psv già eliminato) e di dare un significato a tutta una stagione. Adesso sei fuori dalla Champions e quel che è peggio fai sbiadire i ricordi epici di Lazio-Inter e Inter-Tottenham, che davano a tutti noi l’immagine nitida di una squadra imperfetta ma pazza e con i controcoglioni. Erano due ricordi Champions. E invece guarda che sfacelo concettuale, che merda.

Punto secondo: adesso però facciamo tutti un bello sforzo – noi e la società, la squadra, l’universo Inter – e guardiamo oltre. Abbiamo trascorso una nottata a twittare su quanto è perdente Spalletti, su quanto fa schifo Perisic, su quanto è finito Nainggolan eccetera eccetera. Ecco, va bene tutto, ci siamo sfogati?, prendiamo atto e mettiamoci un punto. Un punto e virgola, almeno. Non è accettabile – dall’ultimo dei tifosotti in su – dire che “come ogni anno la nostra stagione finisce a dicembre”. Non è vero. La nostra stagione – la seconda parte, almeno – inizia tra tre giorni, ore 18, stadio Meazza, Inter-Udinese. Non è finito un cazzo a dicembre, se non la nostra Champions suicida. C’è da arrivare almeno quarti in campionato (e se ce l’abbiamo fatta l’anno scorso, sant’iddio…), c’è da andare avanti il più possibile nei giovedì di Europa League (o preferite Masterchef?), c’è da vincere (da vincere, punto) la Coppa Italia. C’è un sacco di roba da fare, se lo vogliamo almeno un po’. Se ci verrà il magone a sentire la musichetta suonare per gli altri, è solo per colpa nostra. Ma non continuiamo la nostra stagione a piagnucolare come sciampiste davanti a Beautiful. Il famigerato “percorso di crescita” non è solo questione di musichetta. E’ anche dimostrare la dignità, l’orgoglio, la forza di andare oltre ogni inciampo. Sennò cambiamo nome, e confondiamoci nel gruppo.

share on facebook share on twitter

Novembre 29, 2018
di settore
345 commenti

Corsi, ricorsi e Tafazzi

Breve ripassino di storia. Anche nella gloriosa stagione 2009-2010 l’Inter si giocò l’accesso agli ottavi di finale della Champions all’ultima giornata del gironcino e tutti noi, per l’occasione, indossammo un elegante pannolone. Gironcino tosto anche quello (ma meno di quello attuale). Classifica alla quinta giornata: Barcellona 8, Inter 6, Rubin Kazan 6, Dinamo Kiev 5. Partite dell’ultima giornata: Inter-Rubin, Dinamo Kiev-Barcelona. Scenario: l’Inter doveva vincere per qualificarsi, punto. Differenze: il Rubin era ancora assolutamente in corsa e anche l’altra partita era decisiva (la Dinamo poteva qualificarsi battendo almeno 2-0 il Barcellona) a causa del clamoroso risultato della terza giornata, Barcellona-Rubin 1-2, che aveva mischiato orrendamente le carte di un raggruppamento che sembrava (quasi) scontato.  Noi avevamo pareggiato le prime tre partite (due in casa). Male male male. Vincemmo a Kiev la quarta (all’85’ eravamo ancora sotto 1-0 e virtualmente a casa, pensate a cosa ci saremmo persi), poi lo 0-2 a Barcellona senza vedere palla. E infine il 2-0 (Eto’o, Balotelli) al Rubin all’ultima giornata a San Siro. Il Barcellona vince a Kiev 2-1 (Dinamo in vantaggio dopo 5′, pareggio di Xavi a fine primo tempo, gol di Messi all’86’). Classifica finale: Barcellona 11, Inter 9, Rubin 6, Dinamo Kiev 5.

Solo per dire che giocarsi la qualificazione all’ultima giornata di un girone di Champions (tanto più se è equilibrato verso l’alto: vedi quello micidiale del Napoli) è la normalità. Così com’è del tutto normale, nel caso specifico, che alla resa dei conti l’Inter arrivi con 7 punti, l’esatto obiettivo minimo (vincere in Olanda, battere il Tottenham in casa, fare almeno un punto con il Barcellona: fatto). Dobbiamo battere il Psv, punto. E fare zapping con il Camp Nou per vedere cosa succede là: se il Tottenham vince dove nessuno in Champions riesce a farlo da 5 anni e mezzo, beh, complimenti. Non capisco quelli che parlano di biscotto: biscotto per eliminare l’Inter e far passare il Tottenham? Mah. Il Tottenham che vince a Barcellona, ci sta. Il Barcellona che lascia vincere al Camp Nou chicchessia no, non ce lo vedo proprio. Vabbe’, ne parleremo.

Il paragrafo precedente possiamo anche intitolarlo “bicchiere mezzo pieno”. Passiamo al resto. Siamo arrivati a 10′ dal filotto, giocando una partita per lo 0-0 e quasi riuscendoci, pagando cara una distrazione collettiva (i colpevoli del gol sono almeno 4 o 5) che ci è costata una rete grottesca (vedere Sissoko scortato dai nostri per 40 metri mi ha fatto venire in mente il gol di Sassuolo-Inter dell’anno scorso). E’ stato un vero peccato, perchè potevamo festeggiare la qualificazione raggiunta con una giornata d’anticipo eliminando la terza del campionato inglese, uno squadrone fatto e finito a cui avremmo concesso solo un punto in due partite. E invece siamo qui come nel complicato tardo autunno del 2009, a cercare il pannolone della nostra misura.

Se nelle tre partite “normali” abbiamo fatto il nostro, nelle due “super” è emerso un gap che però non possiamo far finta di vedere solo quando ci fa comodo. E’ un gap che esiste, che esiste anche se diamo tre pere al Frosinone, che dipende anche da sei anni senza Champions e da una mentalità da ricostruire, oltre che da una rosa che è molto buona ma non è al livello delle top, ovvio, lo sanno anche i bambini dell’asilo. A Barcellona e a Londra abbiamo fatto zero punti, ne potevamo al limite fare uno (sarebbe stato decisivo), dando una discreta impressione di noi nella fase “sto coperto, riordino le idee e porto a casa il culo” e un’immagine un po’ più offuscata nella fase “sto coperto, se serve la tiro anche in tribuna ma provo a vincere” che ci è riuscita molto meno, quasi niente.

Non c’è bisogno di discutere per giorni e giorni su Nainggolan. Era l’uomo che serviva per partite come queste, ma è completamente fuori condizione per le ragioni che sappiamo e Spalletti lo rischia perchè non ha alternative (il FPF ci ha decimato il centrocampo), salvo poi scoprire che il sostituto diventa il migliore in campo (quindi un’alternativa c’era, mannaggia). Ma non sarebbe cambiato granchè. Eravamo settati per fare lo 0-0 qualificazione e non ce l’abbiamo fatta per un pelo. Sennò adesso saremmo qui a fare onanismo sulla nostra partita attenta, sui nostri centrali impenetrabili e sugli acquisti più azzeccati dall’estate 2009.

Dico solo che abbiamo ancora un match point e fare disfattismo per due settimane – avendo nel frattempo anche Roma e Juve da andare a trovare – è un po’ da Tafazzi. Giochiamoci ‘ste partite e poi tiriamo le somme. Tirarle prima, e in negativo, più che altro è da coglioni.

share on facebook share on twitter

Novembre 3, 2018
di settore
596 commenti

Fratelli di Gaglia

Inter-Genoa 5-0. Ci sarebbero molte cose da dire, ma per brevità passiamo direttamente alle pagelle.

Handanovic: 8. Il David Copperfield della Slovenia, per scacciare la noia, si dedica al suo hobby preferito: far cagare addosso 7 milioni di persone facendo giocoleria di piede. Vale da solo il prezzo del biglietto, ideale complemento di una partita senza pensieri. Houdini, quando si liberava dalle catene a testa in giù immerso nell’acqua, creava meno pathos.

D’Ambrosio: 7. Il Ciro Di Marzio della fascia destra gioca una partita attenta, considerato che con il peggior Genoa degli ultimi 15 anni avrebbe giocato una partita attenta anche mio cugino. Secondo l’International Federation of Football History & Statistics, è il terzino che si spettina meno dell’emisfero boreale. Quando si mette il gel, un pellicano in Patagonia muore.

Skriniar: 8. Il Chuck Norris dei Carpazi gioca in pura scioltezza e nell’intervallo chiede ad Ausilio se così, per onestà intellettuale e professionale, può restituire lo stipendio di novembre o almeno devolverlo in beneficenza. Per fortuna Juric al 50′ mette Piatek e il buon Milan si sente più utile.

De Vrij: 7,5. Il Materazzi dei Paesi Bassi si diverte come può: calci, calcioni, craniate, sterno, pube, naso, nuca, orecchio. Contro questo Genoa è bullismo. Meritava il gol, ma era il sabato dei casi estremi e quindi rinuncia in favore dei compagni meno fortunati.

Dalbert: 8. Il Pasquale dell’Amazzonia inizia timido, senza strafare, e finisce che sembra Carlos Alberto. Gli si svita una caviglia ma resuscita tipo Warren Beatty nel Paradiso può attendere. E nel finale fa una chiusura difensiva a metà tra Beckenbauer ed Enzo Paolo Turchi che la gente si alza in piedi, urla e si abbraccia. Incredulità.

Gagliardini: 9. Il Gerrard della val Trompia passa dalla dichiarazione di morta presunta al partitone liberatorio. Secondo l’Iffhs, l’Inter è la squadra con più centrocampisti al massimo della forma al mondo. Spalletti sta pensando al modulo 4-5-3-1 per farli giocare tutti, poi gli hanno fatto notare che la matematica non è un’opinione. Gaglia, rottamato in pectore, intanto ricorda di esserci e gioca col sorriso, e noi con lui, sorridenti di quel sorriso un po’ beota ma così sereno. Un voto in meno perchè ne poteva fare quattro, e se ne faceva quattro boh, non so.

Brozovic: 9. A Madrid, facendo ultime pagelle, hanno definito Modric “il Brozovic del Prado”. Non ci sono più parole per lui. Lo volevano vendere al macello e invece è il più forte di tutti. E’ diventato persino bello, Jude Law al confronto sembra Belfagor.

Joao Mario: 9. Il Benjamin Malaussène della Lusitania completa la sua trasformazione da “uomo che ogni interista voleva ammazzare a mani nude” a “uomo che ogni interista assurge a suo modello personale”. Vederlo correre, muoversi, passare, contrastare, proporsi, rincorrere, incidere costantemente sulla partita, segnare un gol – segnare un gol! – è stata una roba tipo Cecchinato che prende a pallate Djokovic a Parigi.

Politano: 8,5. Il Littbarski di Tor Pignattara fa impazzire il Genoa da solo per un’oretta buona, sgroppa che è un piacere, sopravvive a un trauma cranico, scava un solco sula destra che adesso dovranno rizzollare il campo e forse non si fa in tempo per il Barcellona.

Lautaro 6. Il Rodolfo Valentino di Appiano Gentile sbaglia un gol dopo un minuto e non si riprende più. Oggi sembrava quello che nelle feste mette su i dischi: intorno tutti ridono, bevono, ruttano e limonano, lui è seduto in angolo a guardare. Verrà il suo turno, speriamo. Lo spera anche lui.

Perisic: 7. Il Buster Keaton della Croazia, con saggezza, decide di non mettersi anche lui a infierire inutilmente. Non servivano gli effetti speciali, gli basta un paio di finte alla Elvis the Pelvis per prostrare i poveri rossoblu e giustificare la sua presenza in campo, di lotta e di governo.

Keita Balde 7. Il Diego Forlan del terzo millennio riesce a essere meno vacuo del solito, anche perchè entra e va nel suo posto preferito. Quando farà gol dopo sessanta metri di contropiede, si compirà un disegno meraviglioso. Avessero segnato anche Dalbert e Keita, toccava mettere una lapide fuori dallo stadio.

Borja Valero: 7. L’Abate Faria della Castilla si fa sempre trovare pronto. Sembra sempre così sciupato, ma in realtà ha le analisi del sangue di Eliud Kipchoge.

Nainggolan: 8. Il Lazzaro della Vallonia si alza dal letto, scrocchia il metatarso e segna di testa. Zeffirelli ha fatto un film per molto meno.

Spalletti: 10. Vincere 5-0 una partita con Gagliardini, Dalbert e Joao Mario contemporanemente in campo e autori complessivamente di tre gol, e con ciò vincere la settima partita di fila prendendo un solo gol nelle ultime cinque, cambiando modulo secondo le evenienze e mantenendo sul pezzo l’intera rosa. Spalletti ora è atteso a nuove e più rutilanti esperienze: camminare sulle acque, moltiplicare pani e pesci, portare lo spread sotto quota 100.

share on facebook share on twitter