Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

maggio 16, 2016
di settore
308 commenti

Buffon, ovvero: l’insostenibile leggerezza della Gazza

buffon

Buongiorno.

(brusio)

Una équipe di…

(forte brusio, accenno di applauso)

Una équipe di…

(voce maschile dal fondo) “…scienziati dell’Università di Sassuolo”

(forte brusio, risate soffocate)

Non la caccio fuori solo perché mi sento particolarmente fragile.

(silenzio)

Una équipe di scienziati… No, debbo essere sincero. Una équipe di giornalisti della Gazzetta dello Sport…

(forte brusio)

(altra voce maschile dal fondo) “Cos’è questo brusio? La Gazza fa testo, non facciamo gli schizzinosi”

Infatti, sono d’accordo. Dicevo: una équipe di giornalisti della Gazzetta  dello Sport…

(silenzio)

ha stabilito che Gianluigi Buffon è il più forte giocatore italiano di tutti i tempi.

(maschio dalle prime file) “Ahahahahahahahahahahah, stratosferico. No, dai, non ci credo… ahahahahahahahahah, ma che sostanze hanno assunto? Ahahahahahahahah, santa madonna”

Venga.

“Mi scusi, davvero. È stato l’istinto. Non volevo, ma…”.

28 le va bene?

“Grazie, non me lo aspettavo”.

Bene. Domande?

(voce maschile) “Ma si riferisce a Sportweek di due sabati fa?”

Sì, ma non mi sono ancora dato pace. Altro?

(voce femminile dal fondo) “Lei è d’accordo con questa bizzarra tesi, professore?”

Naturalmente la trovo del tutto discutibile per non dire balzana e…

(vola un reggiseno)

Non per fare polemica, ma di solito non lo lancia a fine lezione?

“(sospiro) Volevo giuocare la carta a sorpresa”

Glielo appoggio qui, lo può riprendere alla fine. Dunque, affrontiamo l’argomento con una tecnica innovativa e costruttiva. Non limitiamoci a…

(voce maschile dal fondo) “… a dire che è una cazzata”

(brusio, risolini)

…a demolire l’impianto del ragionamento gazzettesco. No, noi dobbiamo motivare. Adesso a turno diciamo un giocatore che è meglio di Buffon. Un giocatore che è meglio di Buffon oggettivamente. Per esempio, lei.

(ripiegando “Sport & Scommesse”) “Ero distratto. Può ripetere?”

“Non puoi mancare di rispetto al professore!”

“Zitta, troia!”

(forte brusio, insulti, sedie che si spostano)

Esca.

(rumore di passi)

Venga qui. (sottovoce) Va per caso alla Snai?

(sottovoce) “Ovvio”

(sottovoce) Volevo giocare la finale di Coppa Italia delle isole Faroer.

(sottovoce) “Intende la finale di Coppa Faroer”

(sottovoce). Sì, semplificazione corretta. Ecco 5 euro. Mi giochi un combo con “primo tempo no goal” e “partita sospesa per vento”.

(sottovoce) “Ok, arrivederci”.

Dunque, dicevamo?

(maschio in prima fila) “Va bene, inizio io. Io dico Zoff. Buffon non è nemmeno il primo dei portieri, come minimo è il secondo”.

Molto bene. Altri?

(femmina nel mezzo) “Beh, io  gli metterei davanti anche i Palloni d’oro, no?”

Tesi interessante. Quindi?

“Rivera e Roberto Baggio tutta la vita. Paolo Rossi vabbe’, potremmo parlarne, però è simpatico, e fateli voi sei gol in un Mondiale. Poi c’è quel tamarro di Cannavaro”

(voce maschile poco distante) “Posso spezzare una lancia a favore di Gigi Buffon?”

Sì, ma faccia in fretta.

“Il Pallone d’Oro a Cannavaro è un po’ anche di Buffon”

Sì, anche di Zaccardo se è per quello. Rimaniamo ai fatti, vi prego. Altri?

(voce maschile dalle prime file): “No, volevo ricordare che c’è gente che di Mondiali ne ha vinti due. Minimo ci metterei Meazza. Ma minimo, eh?”

(altra voce maschile, masticando chewingum) “No, dico, e quel tizio che ha segnato centomila gol e gli hanno intitolato una fermata della metro?”

Intende Silvio Piola?

“Sì, bravo”

(voce femminile dal fondo) “Ehi, rispetta il signor professore. È mica tuo fratello”

“Taci, illusa”

“Argh! Come ti permetti?”

(forte brusio, tentativo di aggressione)

Vi prego. Altri?

(tizio con la sciarpa rossonera) “Su Sportweek stesso si dice che il giocatore italiano con più titoli è Paolo Maldini. No, dico. Se posso, ci aggiungerei Franco Baresi”

(tizio con la sciarpa nerazzurra) “Cerco di trattenermi, professore. Mi limito alla Grande Inter e ai Mondiali del Messico. Facchetti. Ci aggiungo Mazzola, visto che il collega ha aggiunto Franco Baresi”.

(tizio con la sciarpa bianconera) “Io…”

(ululati, insulti, lancio di oggetti)

“Ehi, un po’ di fair play!”

(rumori, tentativi di linciaggio, intemperanze verbali)

“Boniperti e… argh!”

Lasciatelo stare, vi prego. Altri?

(tizio con la sciarpa granata) “A quelli del Grande Torino, mi consenta, Buffon manco gli lucidava le scarpe. Dico Valentino Mazzola, come minimo. E se posso continuare nel filone non-mainstream…”

Prego.

“… Ci metto anche Totti e ovviamente Gigi Riva, che il Lesster gli fa un baffo”

(voce maschile dal fondo) “Lei-ce-ster”

“Lesster, gnuránt!”

(forte brusio, accenno di rissa)

Va bene, sta per finire l’ora. Qualcuno ha tenuto il conto?

(voce maschile dal fondo) “Quindici”.

Bene. Buffon è il sedicesimo giocatore italiano della storia. Arrivederci.

(voce femminile dal fondo) “Professore, la sua brutalità è il valore aggiunto della mia vita”

(vola un reggiseno)

No, scusi, ma lei quanti reggipetti ha?

“(sospiro) Oggi c’erano i saldi da Tezenis”

Arrivederci.

(voce maschile) “Professore, è finito il campionato: è contento?”

Sono sempre contento quando finisce il campionato.

(voce femminile dal fondo, sospirando) “E’ il segno del tempo che passa”

(voce maschile di fianco) “Che passa invano”

(accenno di rissa, subito sedato)

buffon2

share on facebook share on twitter