Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

aprile 10, 2017
di settore
616 commenti

Perdere a Crotone, quando si fa sera

Ci eravamo illusi? Beh, ne avevamo ben donde: dopo Napoli e fino alla sbornia con l’Atalanta, se la tua squadra su 13 partite ne vince 11 illudersi è concesso, anzi, è quasi un dovere. Se in condizioni del genere non ci si illude come bambini dell’asilo, santiddio, allora che gioco è? Allenatore nuovo, spirito nuovo, aria nuova e quanto ce n’è (o quanto ce n’era): 11 vinte su 13 è una media che firmeresti fino alla notte dei tempi (e nelle prime 10 di queste 13 partite abbiamo subito solo 3 gol, la sintesi di una macchina quasi perfetta). Il problema è che, guardando il calendario a ritroso, alla serie vincente se n’è via via sovrapposta una molto più mediocre di cui abbiamo tardato ad accorgerci. Noi ancora facevamo i calcoli dal dopo Napoli-Inter in poi, e invece l’Inter aveva già imboccato una strada declinante. Da Juve-Inter (compresa) a oggi, abbiamo fatto 13 punti in 9 partite. E’ una media da dodicesimo posto, quella che avevamo con De Boer. E’ una media che abbiamo cominciato a tenere proprio all’apice del nostro campionato, quando eravamo arrivati al quarto posto a un tiro di schioppo dalla Champions.

La sera della 22ima giornata, la classifica era questa: Juve 54, Roma 47, Napoli 45, Inter 42, Lazio 40, Milan 40, Atalanta 39, Fiorentina 37.

Prendiamo la classifica della 31ma, facciamo due sottrazioni con la calcolatrice del telefonino e scopriamo che in queste ultime nove giornate la Roma ha fatto 24 punti, la Juve 23, il Napoli 22, la Lazio e l’Atalanta 20 (dunque, 5 squadre hanno tenuto una media superiore ai 2 punti a partita), il Milan 17, la Fiorentina 15. L’Inter 13. Nove giornate in cui la Champions si è allontanata anni luce e in cui, per restare a obiettivi meno lisergici, abbiamo perso 7 punti da Lazio e Atalanta e 4 dal Milan. Fino ad arrivare alla classifica piagnucolosa di stasera, che ci vede settimi, fuori da tutto.

Bei tempi, quando ci si illudeva. Alzi la mano chi non si era illuso almeno un pochino. Io mi inebriavo di illusioni, sognavo il terzo posto – come minimo – e Icardi, Gagliardini e Gabigol sul podio del Pallone d’Oro. In un angolo del cervelletto avevo confinato i due grandi dubbi che nutrivo e che confidavo timidamente solo agli amici più cari, col risultato di sentirmi dare del menarogna:

  1. oggettivamente, tra tante vittorie non si poteva non notare che con le squadre più forti le prendevamo regolarmente (con Pioli, perso con Napoli, Juve, Roma e nel dentro/fuori con la Lazio in Coppa, in casa) e incontestabilmente, magari facendo buone partite ma senza abbreviare le distanze.
  2. soggettivamente, temevo che prima o poi avremmo pagato il conto dei primi 4 folli mesi della stagione, con i quattro allenatori, i casi umani, le tragedie di Europa League, i casting eccetera eccetera, non fosse altro per la fatica di stare continuamente in bilico sullo strapiombo, che se vinci è ok e se non vinci è un disastro epocale, concetto che mi è apparso ben chiaro la sera del 2-2 col Toro.

Ora, su cosa sia successo in queste ultime tre partite potremmo discutere per ore. Dopo i quattro mesi in bilico, è bastato mettere il piede in fallo un paio di volte di fila per crollare miseramente. Male a Torino, ma almeno con la forza di rimetterla in piedi. Malissimo con la Samp, vittimi della nostra supponenza, una supponenza irritante se rapportata alle intime certezze (zero) e al raggiungimento degli obiettivi (meno di zero). Epocalmente disastrosi a Crotone, contro una squadra che tre settimane fa era retrocessa, presi a pallate senza colpo ferire, un primo tempo da vergognarsi per generazioni.

Un disastro che coinvolge tutti i giocatori e l’allenatore, che ha perso completamente il controllo della situazione e al quale va la nostra compassione (non è facile restare in balìa di una rosa con un tasso di personalità del limite della decenza) ma fino a un certo punto (perchè ormai anche per lui è arrivata la resa dei conti, e i conti ora sono in rosso). Le scelte delle ultime due partite inquadrano impietosamente Pioli, così come impietosamente hanno inquadrato l’Inter.

Giocatori spremuti (Candreva), altri lontani dalla forma (Icardi, Perisic), altri in via di perdizione (Brozovic) o ormai persi almeno per questa stagione (Joao Mario) o per sempre (Gabigol), reparti planati dalla massima efficenza allo sbando (la difesa), fondamentali che in Lega Pro forse curano meglio (il cross)… Pioli e l’Inter si sono coalizzati per dare il peggio dopo aver vissuto, e averci fatto vivere, un inverno a tratti magico. Da qui in poi sono tutte finali per il quinto posto, con tutta la tristezza che questa frase porta con sè. Del resto le ultime due partite hanno detto tutto: questa Inter giustifica l’uso dell’atomica e Suning forse sta già muovendo la sua portaerei verso le acque di Appiano Gentile e corso Vittorio Emanuele.

share on facebook share on twitter

dicembre 21, 2016
di settore
190 commenti

Pagelle che a leggerle si diventa ciechi

pagelle

Handanovic 10. Non sbaglia nulla, dà sicurezza al reparto, racconta barzellette, è uomo spogliatoio, fa volontariato nel tempo libero. Bella in particolare la parata di perineo su Keita, ma oggi non gli avrebbe segnato nemmeno Cr7. Bella anche la sua dichiarazione rilasciata a un fotografo: “Non è vero che voglio andare in Champions, chi se ne frega?, sto benissimo qua, e sono contento che Beppe Sala sia rientrato nel pieno possesso della sue funzioni, questa città ha bisogno di lui”.

D’Ambrosio 12. Siamo la squadra che, secondo alcuni criticoni, avrebbe qualche problema nel reparto terzini. La gente non capisce una sega. No, dico, avete visto D’Ambrosio stasera? Primo tempo versione Enrico Toti, immola il proprio corpo ed evita un paio di gol. Perde un paio di organi interni, ma non demorde e domina sulla fascia. Un assist, forse due, sempre nel vivo del gioco. E’ da Nazionale, se pensiamo che ogni tanto ci va ancora Abate.

Miranda 10. Partita di ordinaria amministrazione, mantiene un aplomb invidiabile nel primo tempo quando la Lazio prova a metterne un paio e lui manco si sporca i pantalocini. Una sicurezza, un bell’uomo per chi ama il genere skinny.

Murillo 10. La miglior partita negli ultimi 12 mesi. Un giudizio induttivo fatto matchando un paio di dati oggettivi: a) non ha fatto grandi cagate e b) l’Inter non ha preso gol. Quindi, secondo un ragionamento di stampo parasocratico, ha fatto il suo oltre ogni aspettativa.

Ansaldi 10. Piace soprattutto alle mamme, con quel suo fare rude e quei suoi tratti fintamente angelici, e quel capello birichino che gli incornicia il viso, per non parlare di quella barbetta strappamutande che fa la gioia delle sciampiste.

Brozovic 12. De Boer era stato un pelino severo con lui e anche con se stesso. Cioè, uno ha un giocatore così e si complica la vita mobbizzandolo per un mese e mezzo per sciocche ragioni di principio. Mah. Forse gli avrebbe fatto comodo averlo in certe partite, diciamo il 90%. Ma era giusto raddrizzarlo, questi cialtroni di slavi bisogna tenerli sulla corda. Lui ha reagito bene a quelle 16-17 non-convocazioni consecutive: oggi vale da solo, più o meno, due terzi della squadra.

Kondogbia 11. Quanto è costato? Boh, nessuno lo ricorda più. Si sta lentamente sdebitando giocando bene una partita ogni quindici. Questa sera era quell’una. Comincia con la sua specialità – passaggi laterali da sbadiglio di max 5 metri -, poi deve aver mangiato gli spinaci di Braccio di Ferro perchè comincia a fare cose che noi interisti umani non avevamo mai visto, o forse sì, ma solo una volta ogni 15. I centrocampisti della Lazio stanotte se lo sogneranno con la faccia cattiva, e non dormirà nessuno.

Candreva 10. Patisce molto il confronto con i suoi ex compagni, quando vuole fare il fenomeno si impappina di brutto. Quando invece fa cose normali, si conferma un giocatorone che avercene, santa polenta. E’ da Nazionale. Dai, scherzavo.

Banega 11. Si presenta in campo con una pettinatura che ricorda la rizzollatura delle fasce laterali quando San Siro aveva un prato che faceva cagare. Si sbatte molto ma non ne azzecca molte nel primo tempo. Nel secondo tempo si sbatte uguale e fa un gol della madonna. Esulta e sorride. Non è una serata fantastica?

Perisic 10. Fa dimenticare Sassuolo evitando di tirare in porta alla cazzo centrando il portiere tipo orsetto del luna park, ma limitandosi a massacrare la Lazio sulla fascia sinistra. E’ adorabile, con quel faccino da anziano che destabilizza gli avversari che pensano che possa svenire da un momento all’altro, e invece.

Icardi 13. Scrive autobiografie di merda, diciamolo, ma se uno – nel solo secondo tempo – segna due gol, ne sfiora un terzo, prende un palo e si procura due rigori non dati, ecco, io sarei anche disposto a leggere una sua autobiografia tutti i mesi, e a venderla porta a porta come un piazzista della Folletto, e a promuovere la sua candidatura al Nobel e forse addirittura al premio Strega.

Gabigol 11. In cinque minuti fa un passaggio no look che non si vedeva dai tempi di Ibra (rischiando la distrazione al quadricipite), una rabona, un recupero alla Beckenbauer, uno smarcamento, un tiro fuori ma deviato che se non lo deviavano era nello specchio. In più aizza il pubblico sul 3-0 per noi, un atto di estrema inutilità ma altamente spettacolare, un’impresa da bimbominkia che ce lo restuituisce più umano e più vero. Forse siamo indietro noi, ma probabilmente è troppo avanti lui. Di sicuro, e questo è oggettivo, uno così l’abbiamo solo noi.

Pioli 10,5. Bene così.

Mazzoleni 10. E’ il Gabigol degli arbitri, persegue una sua linea creativa fino alla fine, in perfetta coerenza, e diverte per ogni sua decisione. Gomitate in faccia? Dai, pedalare. Rigori? Stasera non li do a nessuno, è inutile che vi inventate la qualunque. E comunque, figa, abbiamo vinto 3-0. Poteva arbitrare anche David Copperfield, andava bene uguale.

share on facebook share on twitter

marzo 12, 2016
di settore
260 commenti

Arriveremo a Roma

A parte quella cosa idiota e demodè di prendere a sassate un pullman dei tifosi ospiti, il resto tutto bene. Anzi no, si è infortunato Icardi, e potrebbe essere lunga, e potrebbe essere una bella sfiga proprio adesso che viene il bello. Il resto tutto bene. Beh, oddio, partita non granchè  e discreto ciapa-ciapa finale, che ti metti a guardare con insistenza l’orologio e a desiderare l’orociok. Il resto tutto bene. A parte l’ammonizione di Palacio a tempo scaduto, così scatta la squalifica e salta la prossima  (fuori Icardi e Palacio, no dico, partiamo alla grande).

Il resto tutto bene. Quarta vittoria di fila in casa in campionato  (più la fajolada alla Juve), che è comunque un sintomo che le cose si sono rimesse a correre in un certo modo. E adesso la Roma. Il campionato ce lo giochiamo sabato e quella di stasera era una pericolosa partita-ponte, di quelle che giochi pensando a quella dopo (e non si sa mai). E’ andata, e quindi festeggiamo. Con moderazione. Perchè il difficile deve ancora arrivare, ci andremo un po’ malmessi e dopo aver fatto due punti nelle ultime cinque trasferte.

Stasera importavano solo i tre punti. Lasciamo sul campo qualche pezzo, ma siamo in rincorsa. Sarà durissima, ma in novanta minuti potremmo riprenderci molto di quello che abbiamo perso nei due sciagurati primi mesi del 2016. Quelli che non hanno fantasia la definirebbero una bella sfida. Però le banalità a volte ci azzeccano.

perisic

share on facebook share on twitter

febbraio 29, 2016
di settore
370 commenti

Flush

Precisamente, di cosa dovremmo parlare? No, perchè gli argomenti di contorno sono tutti finiti nel cesso. Il mio, almeno. Di cesso, dico. E ho già tirato l’acqua. Flush. Non parlatemi di Rocchi, di designazioni, di errori, di complotti et similia, lallallallallallallalla, no, non sento, non sento niente. C’era un tempo in cui gli arbitri – e il sistema – tentavano di fotterci e noi, per risposta, vincevamo. Oggi no, rilassatevi: nessuno vuole fotterci niente. Non c’è bisogno. Oggi, all’Inter del secondo tempo, sarebbe uno spreco tentare di fottere alcunchè. Siamo come Fantozzi nella mitica scena della radiolina all’ingresso del cineforum. Non serve il metal detector o la perquisizione corporale: la radiolina, alla fine, la consegniamo noi.

In tre partite stagionali con la Juve (e la quarta è fra tre giorni) abbiamo segnato zero gol, e questo è un fatto. La partita del girone d’andata sembra preistoria: la Juve era in crisi e noi eravamo molto più avanti.  Oggi la Juve fa la Juve e noi facciamo ridere, o piangere, questione di angolazioni. Tutto questo nel breve volgere di qualche mesetto, nel corso dei quali siamo andati in testa con quattro punti di vantaggio e poi ci siamo inculati tutto – i punti, la vena, la garra, la reputazione – tanto da arrivare questa sera a una triste messinscena prima in campo (un secondo tempo da prenderli tutti a calci in culo) e poi in zona mista, dove tra allenatori afoni e direttori sportivi incazzati abbiamo toccato il fondo stagionale dell’immagine e della credibilità.

I nodi vengono al pettine, prima o poi. Perdere a Torino ci può anche stare, ovviamente, ma:

  1. la vecchia storia del “c’è modo e modo” resta tristemente attuale, ineludibile e necessaria;
  2. le nefandezze degli ultimi due mesi – Sassuolo, Atalanta, Carpi, Verona: tre punti invece di minimo 10 – alla fine ti chiedono il conto, e se stai giocando con il Milan o la Fiorentina o la Juve (e sei depresso di tuo) o tiri fuori l’orgoglio o finisci col cagarti nei Pamper’s e chiamare la mamma. Nei momenti-clou non siamo mai usciti dal campo con la coscienza a posto, mai.

L’allenatore afono si è smarrito nei meandri della sua iper-creativita, dove ha perso il bandolo e il senso della realtà. Le formazioni fuzzy e i cambi al novantesimo ci hanno divertito finchè si vinceva con un tiro a partita. Adesso, purtroppo, ci hanno rotto il cazzo. E non è questione di scendere da certi carri. E’ questione che contro le pari grado o ti entra un tiro di merda di Medel da 30 metri oppure è buio totale. E questa è la storia del campionato, dati alla mano, senza scendere e salire da nessun carro: solo leggendo risultati e numeri. I giocatori hanno le loro belle responsabilità, l’allenatore ha le sue (mi sembra una replica di Garcia alla Roma), la società ha le sue. L’auto-assist di D’Ambrosio è una splendida sintesi di tutto questo.

Il risultato?

Col Milan un punto indietro (è stato a meno 11) e con la Juve 13 punti avanti (è stata a meno 9) non ho più niente da dire. Niente.

LAPR1410_mediagallery-article

share on facebook share on twitter

febbraio 21, 2016
di settore
396 commenti

La sera dei distinguo

Nella serata dei distinguo – Mourinho dio, Ronaldo uomo di merda – bisogna farne uno in più: quella con la Samp era una partita pericolosa ma non seria. Non seria perchè la Samp, reduce da una striscia davvero demmerda (9 punti nelle ultime 14 partite), è da un paio di mesi almeno la peggior squadra del campionato. Pericolosa, appunto, proprio per questo: perchè scialare punti anche con la Samp, con questa Samp, poteva essere il colpo di grazia.

Non è accaduto. Oddio, finchè D’Ambrosio non l’ha messa non c’è stato modo di stare tranquilli un nanosecondo, ma poi tutto si è sistemato. E quindi facciamone un altro, di distinguo: dal punto di vista tecnico una vittoria che vale un emerito cazzo (si giocava contro una squadra che schierava contemporaneamente Alvarez, Ranocchia e Dodò), dal punto di vista emozionale una vittoria che vale abbastanza, o forse parecchio. Se non altro, per una domenica non saremo lì col pallottoliere a fare il conto dei punti che recuperano le altre.

No, ecco, perchè vincere è meglio che pareggiare o perdere. Segnare tre gol è meglio che prenderne tre. Non perdere terreno è meglio che sprofondare. Tocca ricordare questi semplici concetti base ai nostri beniamini dopo due mesi trascorsi a fare la Sampdoria più che l’Inter. Adesso abbiamo due partite con i gobbi. Ah, se invece di calcio fosse podismo. È come allenarsi in salita per poi tornare sul piano: in teoria, comunque vada l’allenamento, dopo dovresti andare un po’ più forte.

E andare un po’ più forte è la sola cosa che ci serve nei tre mesi che restano. Ormai chi c’è c’è, e quel che siamo siamo. Equivoci e dubbi ce li terremo fino a maggio. Diciamo che si noteranno meno facendo qualche gol in più e, senza avere l’impressione di sprecarci troppo, tirando fuori i coglioni, almeno un po’.

image

share on facebook share on twitter

novembre 1, 2015
di settore
268 commenti

La Grande Mancezza

image

Spiaggia, sabbia, sole, odore di crema al cocco, troppo presto per fare il bagno, partita a bocce. Boccino con tante bocce intorno, vicine, alcune tue, altre altrui, generalmente più vicine delle tue al pallino bianco, affollamento, casino. Sguardi scettici mentre tu, invece di piazzarne un’altra into the box e cercare di limitate i danni, scegli la soluzione più fantasiosa, bocciata generale alla cazzo, e c’è giá intorno gente che ridacchia e si dá di gomito prima ancora che tu carichi il colpo, gli avversari mentalmente fanno giá la somma dei punti, rumore di vetri infranti, cose cosí. Tu te ne fotti e persegui il tuo folle piano, ci pensi ancora un attimo e woooosh, lasci andare la boccia con un elegante movimento avambraccio-polso. Potrebbe rompere il parietale alla massaia della prima fila, o bucare il pedalò sullo sfondo, o sfiorare i 12 bambini del miniclub mentre l’animatrice sviene per lo spavento come una damina tisica. E invece sbammm!, la boccia va a finire nel traffico e vedi altre bocce volare via, di colore diverso dalla tua, tra sboffi di sabbia e ohhhhh del folto pubblico. Giuoco, partita e incontro.

In linea teorica non c’era alcun dubbio che Mancini sapesse il fatto suo e noi non ci capissimo una beata fava. Ecco, ora anche in linea pratica. Lui aveva davanti una situazione complicata (la Roma e i suoi 25 gol in  10 partite) e woooosh, ha fatto le mosse giuste, rispolverando due esterni mazzarriani e tenendo fuori El Nino del Pube de Oro. Argh!, ho fatto leggendo le formazioni verso le or 20,20 circa. Mai come in quel preciso istante ho sperato di non capirci un cazzo.

Ecco: non ci capisco un cazzo.

Ed è un sollievo, credetemi. Sai che risparmio di tempo? Perchè star lí a elucubrare formazioni funzionali a determinati schemi, quando c’è un allenatore che lo fa meglio di te? Capperi, mi si apre un mondo. Avrò del tempo libero. È bellissimo.

Quanto a Icardi, voglio sperare che non sia stata solo una scelta tecnica, ma una punizione. Un capitano certe cose non le dice. Un giocatore sí, non è bello ma a un centravanti può scappare.  Un capitano no, le pensa ma non le dice, neanche sotto tortura. Ma voi ve lo vedete Zanetti, alla domanda “Scusi, ma lei non è stufo di sgroppare per gli altri a 40 anni?”, con una roba del tipo “Se non corro io qui non corre un cazzo di nessuno, non vede che branco di smidollati?”. Maurito imparerá a fare il capitano, di tempo ne ha.

Ma torniamo a noi e alla nostra classifica che adesso poggia le terga su un gruzzoletto di partite statisticamente significativo. Perchè ormai sono 11, le partite, e siamo (ancora) in testa. Ormai sono 11 e per 7 volte non abbiamo preso gol. Ormai sono 11 e per 6 volte abbiamo vinto 1-0, il risultato ansiogeno ma perfetto, il minimo sforzo con il massimo risultato. Ormai sono 11 e abbiamo 24 punti, ottenuti con soli 11 gol e – ribadisco – in questo non possiamo che migliorare.

E poi ci sono i segni. Medel che tira alla que viva el fratacchion e la infila dopo quei sedici-diciassette rimbalzi che intanto pensi che la prenderebbe anche un bambino dell’asilo e invece no. Handanovic che batte il record di parate/secondo e la Roma che batte il record di cagate/secondo nella stessa azione. Dai, sono segni.

Il problema è che tra l’1 e il 28 novembre giocheremo solo due partite (io la Nazionale la abolirei) e il 29 andremo a Napoli. Ecco, facciamo che ne riparliamo il 29 sera. Nel frattempo salutate la capolista, che noi vi facciamo ciaone e buonanotte.

 

share on facebook share on twitter

settembre 18, 2014
di settore
179 commenti

Da Dnipro all’eternità. Scudetto in 10 mosse: il diabolico piano di Mazzarri

Dnipro-Inter inizia con una interessante variante tattica: essendoci la pizza, rinuncio agli Orociok. La cosa conserva una forte valenza socio-nutrizionale finchè la pizza, verso la mezz’ora, finisce lasciandomi spalle al muro a fare quello che dovevo fare fin da mezz’ora prima:

guardare Dnipro-Inter.

A quel punto, approfittando del fatto che M’Vila è per terra mezzo dissanguato, inizio una manche a Ruzzle. La finisco nei canonici due minuti, e quando rialzo lo sguardo a contorcersi per terra c’è Kuzmanovic. Sono stordito, fatico a riavermi dallo shock. Mi piace tentare di leggere i tabelloni in cirillico: sgneppastruosspallscioisciaaaaaiii. Cerco un avversario casuale su Ruzzle ma zero, niente, forse stanno tutti guardando l’Europa League. Sbuffo. Finisco la birra. Ecco, non so come dirlo, ma il primo tempo non mi ha particolarmente appassionato. Dirò di più: in successione non mi appassiona neanche l’intervallo, nè tantomeno l’ingresso in campo delle squadre nel secondo tempo, quando vedo che l’Inter non ha fatto – non dico sette/otto – neanche un cambio.

Quando il giudice D’Ambrosio la mette, però, mi appare in tutto il suo nitore (ora, senza polemica e senza false modestie: ditemi voi quale blogghe usa con tale nonscialàns il sostantivo nitore)  il diabolico, infallibile, insormontabile piano tattico di Mazzarri. Usato in questo inizio di stagione e – così spero – da sfruttare per i prossimi mesi. Perchè, almeno dal punto di vista teorico, questo piano potrebbe portarci in alto, in altissimo.

1) Nel corso della settimana, Mazzarri rilascia interviste che apparentemente dovrebbero tracciare un vago disegno tecnico-tattico del match a venire, ma dalle quali – al termine di giri di parole e polemicuzze a nastro con i giornalisti delle ultime file – non traspare nulla di significativo. L’avversario è dapprima disorientato, poi plana di ora in ora verso un significativo ottimismo.

2) Al momento di consegnare la distinta con le formazioni ufficiali, Mazzarri rivela il suo non-piano. L’Inter viene schierata con un portiere, tre difensori centrali, due uomini di fascia, tre centrocampisti, un uomo fuori posizione (detto genericamente “a sostegno dell’unica punta”), un’unica punta. L’allenatore avversario si gira verso il suo vice e sussurra: “Diobono, esattamente come avevo previsto”. Tre milioni e mezzo di interisti, intanto, si girano verso i tre milioni e mezzo di altri interisti che hanno al loro fianco e sussurranno: “Ma diobono!”.

2/bis) Mazzarri ha un’ulteriore freccia al suo arco: l’effetto di cui al punto 2) viene amplificato se uno dei tre centrocampisti è Kuzmanovic.

3) L’Inter gioca generalmente mezz’ora di pseudo-calcio in cui, sorprendentemente, si verificano sempre le seguenti condizioni: a) tre difensori centrali sono troppi; 2) dei due laterali, almeno uno non capisce un cazzo; 3) dei tre centrocampisti, almeno uno non capisce un cazzo e uno è troppo lento; 3/bis) se c’è Kuzmanovic, dei tre centrocampisti uno non capisce un cazzo, uno è troppo lento, uno non capisce un cazzo ed è troppo lento; 4) l’uomo a sostegno dell’unica punta è inutile; 5) l’unica punta è sola. Nelle situazioni più intricate, 6) occhio che il portiere prima o poi fa la cagata. In questa situazione gli avversari prendono coraggio, si riorganizzano, il pubblico sugli spalti a) se siamo in trasferta, inizia a ritmare a gran voce il nome della propria squadra; b) se siamo in casa, inizia a urlare “cazzo, 5 euro per un cornetto sciolto? Ma andate a fare in culo!”.

4) Al ritorno negli spogliatoi – qui si inizia a intravvedere il genio del mister – Mazzarri fa il culo a quattro quinti della squadra. “Ma scusi mister, ci ha detto lei che…” “Ma vai in culo!”. A volte disegna qualcosa sulla lavagna, ma non sempre è necessario. La squadra è scossa ma si è già rinfrancata: sa che Mazzarri non cambierà nessuno e tutti gli undici si godono la loro seconda possibilità.

5) Al rientro in campo, i nostri avversari guardano i giocatori dell’Inter e vedono che Mazzarri non ha cambiato nessuno. Questo infonde nella squadra avversaria un livello di sicurezza che sfocia nel rilassamento. E’ la prima falla nella diga nemica.

6) La seconda falla arriva normalmente entro il sessantesimo minuto. Mazzarri non cambia nessuno, l’Inter è la stessa del primo tempo (sensazione amplificata se uno degli undici è Kuzmanovic), i tifosi interisti si accasciano (qualcuno va a cambiare il disco orario, altri al cinema, altri ancora si rivestono e tornano a casa in anticipo) e l’avversario in campo si sente sempre meglio: sereno, sicuro, rilassato. Ecco, ci siamo.

7) Mentre l’avversario inizia a fare torelli e il pubblico grida olèèèèè e ci si scambiano palloni a centrocampo con colpi di tacco, rabone e trompe l’oeil, Mazzarri tra il sessantesimo e il settantesimo minuto fa la cosa che doveva fare tra il sessantesimo e il settantesimo nanosecondo: mette la seconda punta. Di solito toglie un centrocampista, o l’uomo a sostegno di-non-si-sapeva-cosa. Nel caso ci sia Kuzmanovic, toglie Kuzmanovic.

8) Tra il sessantesimo e l’ottantesimo ci possono essere altri cambi a piacere, ma quello togli-uno-a caso-e-metti-una-punta è di solito quello decisivo. L’Inter, infatti, come a Kiev, di solito segna.

9) In campo apparentemente non succede nulla di granchè evidente, ma in realtà è in atto uno stravolgimento tecnico-tattico-esistenziale. La squadra avversaria entra in panico, alcuni piangono di fronte a un’occasione che svapora (“Ma diobono, non potevamo segnare noi, prima?”), l’Inter entra in fiducia (“dai, mancano dieci minuti e la sfanghiamo anche stavolta), i tifosi interisti si esaltano (“Ma diobono!”).

10) La partita finisce. L’Inter ha vinto e non ha subito gol.

E’ chiaro che questo piano, che unisce l’alea lumbarda del rischio al tipico geniaccio sanvincenzese, profuma di perfezione. Se i 10 punti continueranno a ripetersi (contro la squadre squinzy questo piano non serve, ma con le altre sì, dall’Islanda al Manzanarre al Reno), potremmo finire in alto, in altissimo. Anzi, diciamolo adesso, dopo questa chirurgica vittoria a Kiev contro il (lo?) Dnipro: con questo piano si vince lo scudetto, è matematico.

dambr

share on facebook share on twitter