Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

gennaio 15, 2017
di settore
544 commenti

L’ebbrezza del budino

A un certo punto ho ceduto e, intorno al sessantesimo minuto, ho mangiato un budino dell’Esselunga. Non si è trattato del convulso triturare l’Orociok, ma di una tranquilla degustazione di un surrogato. Uno sfizio, più che una necessità. Il Chievo conduceva ancora 1-0 contro ogni logica e io non riuscivo né ad arrabbiarmi né a farmi salire l’ansia. Affondavo il cucchiaino nel budino, portavo alla bocca e facevo schioccare la lingua. E’ probabile che durante la degustazione, che ho effettuato in totale concentrazione – quindi chiudendo gli occhi durante l’ingoio -, mi sia addirittura perso uno dei 400 tiri in porta di questa partita assurda, dominata restando in svantaggio fino al 69′, costretti alla rimonta pur giocando con un’imbarazzante superiorità. Avessi avuto i Choco Leibniz, non li avrei aperti. Ero impaziente, non ansioso. Doveva solo entrare quella fottuta palla, bastava una volta su venti tentativi, un inghippo statistico più che tecnico. Alla fine è successo.

Sono sensazioni antiche, quelle di non inquietarsi troppo sullo 0-1 a mezz’ora dalla fine perchè sai che prima o poi la vinci, non può andare in un altro modo perché sarebbe troppo assurdo. E quindi va bene così, ti godi il contesto, un attacco che produce, un centrocampo che galoppa (Kondo è recuperato, Gagliardini è fortissimo, tanto che di Brozo non senti la mancanza) e la placida convizione di essersi ormai ritrovati. A 18 giornate dalla fine, comincia il recupero del tempo perduto. Forza Inter, forza Viola.

 

share on facebook share on twitter

agosto 23, 2016
di settore
350 commenti

Con quella faccia un po’ così

samir

(questo pezzo l’ho scritto per Il Nero e L’Azzurro)

Presi come siamo stati, tra luglio e inizio agosto, a seguire i tiramolla di Wando & Wanda e i risvolti grotteschi (e per noi disastrosi) del rapporto Mancini-società, non ci ricordiamo nemmeno più di quello che, in ordine di tempo, era stato il primo di mal di pancia ad ammorbarci l’estate.

Era ancora maggio quando Samir Handanovic esprimeva il suo legittimo desiderio di lasciare l’Inter per andare non si sa dove a provare il brivido della Champions. Come non comprenderlo? Chi, potendo, non si tromberebbe Scarlett Johannson? Sembrava addirittura un’operazione già fatta, e tutta organizzata dal basso: lo diamo al Psg, prendiamo Sirigu (e conguaglio) e tanti saluti. Conosco gente che pensava che l’affare si fosse davvero concluso e si arrabbiava perchè la Gazza non lo scriveva nell’apposita tabellina.

E invece? Iniziano gli Europei, finiscono gli Europei, iniziano i ritiri, finiscono i ritiri, iniziano le amichevoli, finiscono le amichevoli, iniziano le Olimpiadi, finiscono le Olimpiadi, inizia il campionato e Handanovic è lì dove l’abbiamo lasciato. Davanti alla nostra porta.

Qui dobbiamo aprire una breve ma necessaria parentesi. Su Handanovic gli interisti sono divisi. Per alcuni è il nuovo Yashin, per altri un sopravvalutato. In mezzo, diciassette sfumature tra il positivo (pararigori!) e il negativo (esceallacazzo!). Giudizi tanto disomogenei che il fatto che se ne andasse al Psg (chissà se Inter e Psg hanno mai trattato anche solo trenta secondi questo affare…) non ha fatto perdere il sonno a nessuno. Con il segreto desiderio che al suo posto potesse arrivare uno indiscutibilmente o anche indiscutibilmente scarso, così da riaffratellarci tutti e bòn.

Domenica sera a Verona, in quel mini-festival di giocatori bolsi e di occhi di cerbiatto, Handa non è certo stato il più impresentabile. Però mi ha colpito. La prima volta che lo hanno inquadrato bene, lui nel suo bel pigiamone grigio, stava sistemando la barriera per una punizione dal limite. La disponeva con una certa stanchezza, come fosse la trentesima barriera disposta in quello scampolo di primo tempo. E aveva la faccia triste e annoiata di uno che dispone la barriera ma intanto pensa: “Che cazzo ci faccio qui a disporre barriere? Cioè, io volevo la Champions e sono qui a sistemare uomini in fila per una punizione che batte il Chievo. Voglio morire“.

Il messaggio “Non ho più voglia di giocare qui, abbiate pazienza, io volevo la Champions, la musichetta, de ceeee-mpiooooooons” passa forte e chiaro quando Meggiorini tira e lui, in piedi, segue il pallone con lo sguardo. Il pallone esce, non di molto. Anzi, di poco. E lui lì, dritto come un fuso, poi appena un po’ piegato, ma poco, a guardare il pallone che sfiora il palo. Farà la stessa identica precisa precisa cosa in occasione del secondo gol del Chievo: lui lì in piedi e il pallone che entra.

Ora, a posteriori (ma solo a posteriori) possiamo dire che non sarebbe cambiata una sega. Il tiro di Meggiorini era fuori, quello di Birsa era probabilissimamente imprendibile. Quindi l’immobilismo di Handanovic non ha inciso sulla nostra partita demmerda, e forse ha fatto risparmiare a Suning le spese per la tintoria (sai, quelle macchie d’erba sui gomiti che non vengono via neanche a 60 gradi).

Ma il punto non è questo. Il punto è il gesto, che devi fare, anche se inutile. Ci devi comunicare, planando sul tappeto erboso, con il braccio proteso e una smorfia sofferente sulla faccia, che ci credi, ci provi. Se va fuori, meglio. Se è imprendibile, pace. Ma il nostro portiere – sì, quello spilungone con il pigiama grigio – c’era, si è tuffato, l’ho visto, giuro.

Cioè scusa, Handa, è come se la Cagnotto salendo sul trampolino prima delle cinesi avesse detto: “Chissenefrega, mi tuffo a bomba tanto vincono sempre loro”. E no, ci devi provare. E la nostra Taniona ci ha provato fino all’ultimo. Il metodo Cagnotto vale due medaglie, il metodo Handa non so: due pappine dal Chievo, intanto.

La cosa più grintosa dell’intera domenica la fa in sala stampa, dicendo che se la squadra è inguardabile è colpa dell’organizzazione (un concetto nuovo, ha un che di sovietico) che li ha mandati a fare una tournée inutile e massacrante.

Cioè, hai nove giorni per provare ad andare via e ti giochi il jolly della critica all’organizzazione?

Mah, non mi convince. Forse è anche colpa di quel pigiamone grigio, che non contribuisce a un look mai troppo scoppiettante, figuriamoci col pigiamone. Ogni volta che lo inquadravano, mi sembrava di vedere un preadolescente che – già in pigiama alle otto di sera – compare in salotto e dice ai genitori: “Posso vedere l’Inter?”

Ecco: lui, oltre ai tiri di Meggiorini e Birsa, ha visto l’Inter. E poi tirando un sospirone è andato a letto, sognando de ceeee-mpioooons e un mondo fatato dove le barriere si dispongono da sole.

share on facebook share on twitter

agosto 21, 2016
di settore
138 commenti

Il calendario deboeriano

Inter's coach coach Frank De Boer (C) during the Italian Serie A soccer match AC Chievo vs Inter FC at Bentegodi stadium in Verona, Italy, 21 August 2016. ANSA/FILIPPO VENEZIA

Quando, sul 2-0, il Chievo ha messo dentro un ragazzo per farlo esordire in Serie A, ecco, è come se avesse segnato il 3-0. E un 3-0 morale è il giusto risultato della partita, perchè il 2-0 non va stretto al Chievo: va stretto a noi. Niente, non ci siamo, non ci siamo proprio, non ci siamo stati. Questa del resto è la conseguenza matematica del nostro grottesco precampionato, trascorso da società ed ex allenatore a farsi i dispetti tipo due fidanzatini rancorosi. De Boer c’entra poco, probabilmente zero. Lui non ha ancora capito dov’è finito e i giocatori – come è clamorosamente, manifestamente emerso – non hanno capito lui, ma proprio per niente. Un mese buttato nel cesso. E’ come se fossimo al 21 luglio, in un ipotetico calendario deboeriano. E abbiamo giocato come si solito si gioca il 21 luglio. Serve tempo. Pensavamo – speravamo – di non averne perso. Non era così.

share on facebook share on twitter

settembre 20, 2015
di settore
63 commenti

Arrivedooorci!

Arriverdooorci!

Uh, lo dico in allegria, cosciente che prima o poi, come a Stanlio e Ollio, capiterá di bucare dopo un metro o di finire in un vascone di cemento fresco. Ma intanto, che diamine, godiamoci il piacere di dire Arrivedooorci! a quelli che restano indietro e ci vedono partire, da soli e belli freschi, come non ci capitava da un quinquennio. Step by step siamo in testa da un mese, e se il primato dopo Atalanta e Carpi aveva un peso ora, dopo Milan e Chievo, ne ha un altro. Giusto per rimanere nell’oggettivitá, ecco, tenendo a bada pulsioni ormai sopite e svolazzi che – con 34 giornate e 8 mesi di campionato davanti – sono sempre e rigorosamente prematuri. Ma mi sento come Ollio, al volante del mio trabiccolo, che dico Arrivedooorci! ai miei vicini di casa tanto tanto simpatici ma (rumore di tuoni) juventini. Arrivedooorci ragazzi, il più tardi possibile.

Dopodichè, nell’esaminare di pura pancia la partita di Verona, mi sovvengono alcuni minuti finali da Orociok e qualche fisiologica minchiata sparsa, ma anche una sensazione di soliditá che ci riporta a momenti felici e quel gusto un po’ spaccone per il futbol abastansa bailado che fino a pochi mesi fa non ci potevamo permettere. 4 partite sono pochissime per dire che produciamo l’essenziale e subiamo poco, però il momentaneo effetto Arrivedooorci! me lo fa pensare, così, cautamente, sommessamente, prima di forare – che capiterá – o dei vasconi di cemento fresco, che troveremo.

Poi, insomma, quei piccoli particolari che ti confortano, ecco. Tipo che vedere in campo Melo, Medel e Kondogbia (primo tempo extralusso, per me) ti fa capire che il sacrificio di Kovacic aveva un senso non solo economico. Questa è una squadra che aveva bisogno muscoli e coglioni, in un bilanciamento che non saprei dire ma che va bene così: ora ne abbiamo in maggior quantitá degli uni e degli altri, e pazienza se vedremo meno veroniche e meno triplette agli islandesi.

Poi ho telefonato all’Iffsh, segnaladogli questa cosa: abbiamo battuto 1-0 il Chievo che ha battuto 3-1 l’Empoli che ha battuto 2-1 l’Udinese che ha battuto 1-0 la Juve. Loro mi hanno detto “grazie della segnalazione, gringo” e mi hanno comunicato che, in base a questi risultati, batteremo la Juve tipo 7 a 2, oppure 14 a 4. “Posso giocarmi l’over?”, ho chiesto. “A tuo rischio e pericolo”, mi hanno risposto, poi hanno messo giù mentre gli dicevo Arrivedoorci!

image

 

share on facebook share on twitter

settembre 18, 2015
di settore
30 commenti

Lo scopriremo solo vivendo

Perdersi un derby da capo a piedi (ero pur sempre in uno stadio lombardo a vedere una partita tra due squadre lombarde) (Cremonese-Pavia, però) (e non per diletto), un derby non qualunque, il derby che ti porta  in testa alla classifica da soli dopo 5 anni, è una cosa brutta in sè, ma porta anche dei vantaggi. Il più evidente è che per me la nuova Inter è un inedito, e domenica con il Chievo – sia pure in un orario di merda – mi godrò per la prima volta i Perisic, i Melo, i Telles, i Ljajic come fossero al debutto, e mi perfonderò di assoluto, tipo quando ti imbatti in un vecchio film del tuo regista preferito e non lo avevi mai visto prima, ed è bellissimo perchè te lo godi e gli altri no, non allo stesso modo almeno, perchè l’hanno già visto, e tu invece te ne stai lì assorto e gli altri no, tu ti stupisci e gli altri no, no, no ennò.

(mi indoro la pillola a cinque giorni da quel buco nero. In realtà sono devastato come un 15enne che ha dovuto rinunciare a XFactor per andare a vedere il saggio di flauto dolce del cuginetto di sette anni alla sagra del paese)

Detto questo, la settimana si è intellettualmente e tecnicamente complicata. No, perchè domenica notte (mentre cercavo ailàitz della partita come un tossico in riserva) mi godevo la grafica della classifica, la bellezza di quell’architettura che ci vede primi in alto a sinistra e la Juve molto in basso a destra, otto punti sotto, e stavo bene. Poi, appunto, la settimana si è articolata secondo un’altra realtà – virtuale o meno, lo scopriremo solo vivendo -, con la Juve del-punto-in-tre-partite che fa un’impresona in casa di quei vacui del City, con la Roma che non ne becca sette dal Barcellona ma dimostra di avere imparato la lezione, del Napoli che in campionato fa ca-ca-re e che in Europa League fa il calcio champagne.

Dunque, dove sta la verità?

Ecco, restando nel campo della conclusioni  premature, da domani e fino al 4 ottobre (15 giorni appena) ci saranno quattro giornate di campionato che ci diranno qualcosa in più. Senza scontri epocali, sarà comunque per tutti un mini-ciclo superconcentrato in cui l’asticella delle difficoltà è destinata ad alzarsi. Più o meno, il mix è uguale tra partite morbide e altre meno, o molto meno. A settima giornata conclusa, faremo il punto. E poi, dopo la pausa per la Nazionale, ci ritroveremo  per un’ottava giornata, 17-18 ottobre, in sè molto pepata: Inter-Juve, Torino-Milan, Napoli-Fiorentina. Ecco, la sera del 18 ottobre, con otto giornate alle spalle, sarà una classifica interessante. La prima, vera, polposa, significativa classifica.

Nel frattempo vediamo come si modella la Serie A. Noi, per esempio, siamo una capolista effimera o facciamo molto sul serio? Andiamo sul campo della seconda a vedere di che pasta siamo fatti, orsù, e niente scherzi (e niente supponenze, soprattutto). E la Juve, in un drammatico scontro salvezza con il Genoa, ci faccia sapere se quest’anno si abbassa la quota scudetto o si alza la quota retrocessione.

keisuke

share on facebook share on twitter

maggio 3, 2015
di settore
132 commenti

Difficoltà

Diciamo che abbiamo una certa difficoltà con le squadre che si chiudono molto e non ti fanno giocare, e anche con le squadre che si chiudono molto e poi cercano sporadicamente di incularti in contropiede, perchè – ammettiamolo – abbiamo una certa difficoltà nell’attaccare squadre che si chiudono a riccio e poi ripartono e abbiamo comunque una certa difficoltà nel gestire mentalmente un’iniziativa di novanta minuti contro una squadra che si chiude e poi riparte, anche perchè abbiamo – è evidente, diobono – una certa difficoltà a dare la giusta continuità al gioco del centrocampo in raccordo con l’attacco proprio in virtù delle peculiari difficoltà insite in una partita in cui la squadra avversaria pensa soprattutto a difendersi

(e nel frattempo ti distrai e pensi alle difficoltà che hai con le squadre che ti aggrediscono, e anche con squadre che un po’ ti aggrediscono e un po’ si difendono, e questo ti crea dei dubbi esistenziali, sportivi, tecnici, tattici, morali, etici, psicologici, psichiatrici, luddisti e fist fucking)

ma non disegna di attaccare una volta mediamene ogni quarto d’ora, cosa che ti mette in difficoltà soprattutto a livello di attenzione e concentrazione, e se poi va davvero vicino all’inchiappettarti ti mette in difficoltà a livello di autostima, perchè tu sei lì che attacchi un po’ così per novanta minuti – e hai una certa difficoltà, questo va detto – e quelli ne approfittano e ripartono e tirano e prendono pali, mica sempre, vabbe’, una volta ogni quarto d’ora, anche venti minuti, e ora io sfido chiunque a non avere una certa difficoltà a gestire questa situazione psicologicamente ingenerosa rispetto ai tuoi sforzi,

oddio, sforzi,

ecco, ho una certa difficoltà – io, non la squadra – a definirli sforzi, diciamo tentativi, diciamo tensione – ma tensione in quel senso, di tendere, non di tensione nel senso del sistema nervoso – ecco, perchè poi subentra la tensione – quella vera, lo so, questo passaggio è difficile – e manca l’ultimo passaggio – sto avanzando nel ragionamento prendendo l’ultima parola della frase precedente, non so se si nota – e quindi vaffanculo. Adesso subentra anche una certa difficoltà (mia) a valutare con serenità la classifica (nostra), no, per dire, bastava vincere col Chievo e (non lo voglio dire) (e non voglio vedere, non voglio sentire, svegliatemi il primo giugno, no, niente, non voglio sentire, lalalalalalalalalalalalalala).

Diciamo che abbiamo una certa difficoltà. Con le squadre. In generale. E bòn.

share on facebook share on twitter

dicembre 16, 2014
di settore
42 commenti

Meno male

image

Cioè, c’era il problema aggiuntivo della scaramanzia statistica. Perchè l’Inter aveva giocato sicuramente altre volte il giorno del mio compleanno, figuriamoci. E con risultati alterni, ovvio. Tipo l’anno scorso, che mentre tornavo dalla maratona di Pisa ne prendevamo quattro a Napoli. O tipo il 2010, che vincevano la semifinale del Trofeo mondiale dell’Amicizia superfiga tra i popoli dei Continenti  conosciuti battendo il Gangnam Style per 3-0 guadagnandoci la finale a Budabi. Poi mica sempre abbiamo giocato, il 15 dicembre: io sono nato di domenica ma c’era la pausa per la nazionale, che il giorno prima aveva battuto l’Austria. Insomma, al limite si potrebbe fare del folklore sull’Inter del 15 dicembre, e morta lì.

Ma c’era un precedente specifico, santiddio.

Il 15 dicembre 2001, quando ero ancora un uomo normale e al 5 maggio mancavano ancora 141 giorni, assistevo collassato sul divano a una bellissima partita a San Siro tra l’Inter di Cuper e il Chievo di Delneri, pim-pum-pam, una serata frizzante di belle giuocate e impetuose discese sulla fascia. Ricordo distintamente due cose: 1) mi alzai soddisfatto per la bontá dello spettacolo; 2) realizzai che il Chievo aveva vinto 2-1, Corradi, Vieri, Marazzina, e dissi tra me e me qualcosa del tipo bontá un cazzo. Non so se la Saiwa giá producesse gli Orociok, io comunque non ne facevo ancora uso.

Quindi confesso che la mia mente malata in questi giorni  ha incrociato un po’ di dati: Inter, Chievo, 15 dicembre, toccarsi i coglioni, non guardare la classifica, no, no!, non pensare a cosa succede se perdi pure questa, no! argh!

Per cui ho vissuto male la vigilia.

Invece la partita l’ho vissuta benino. Handanovic ha di nuovo dato un senso al suo stipendio, Ruben Botta si è rivelato decisivo – giusto darlo in prestito, è giá cresciuto un casino, The man of the match – e abbiamo vinto, cosa che non accadeva da un po’. Adesso capeggiamo la classifica di destra, che é una specie di Intertoto morale. Inutile spendersi in troppe chiacchiere: ammesso che qualcosa succeda a gennaio, bisogna arrivare vivi e vitali al match con la Juve, possibilmente con altri tre punti. Dopodichè, cioè dopo i gobbi, inizierá il campionato vero, quello dell’ultima chiamata. Demazzarrizzati e definitivamente mancinizzati, saremo soli con le nostre responsabilitá e le nostre ambizioni. Per mantenere i piedi per terra e un giusto livello di aspettative, in attesa di più ampie conferme, consiglio questa terapia: pensate alla vittoria, ai tre punti, alla rimonta eccetera. Poi pensate a Guarin. Funziona.

share on facebook share on twitter