Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Sant’Antonio

| 109 commenti

Quello tra i calciatori e la beneficenza è, per dirla alla Facebook, un rapporto complicato. Ci sono esempi (non tantissimi) più o meno clamorosi – dall’apertura diretta del portafoglio fino alla gestione di progetti ad hoc o fondazioni – che si perdono in un mare magnum di generica e giovanile indifferenza: l’argomento è complicato, si presta al populismo e non si può nemmeno pretendere che le sorti del mondo dipendano dalla propensione alla bontà dei campioni dello sport, ma l’immagine media del calciatore e del suo conto corrente a sei-sette zeri è più legata al macchinone, alla figa, all’attico, al privée e al braccio stratatuato che non al fin di bene, ordinario o patinato che sia.

Poi ti arriva tra capo e collo una bella storia da Norcia – una storia reale, di sofferenza vera, di gente normale, di generosità senza effetti speciali – e ne apprezzi la concretezza, la semplicità di tirare una riga tra due punti e unirli.

Norcia fino all’anno scorso era una città ricca di monumenti e anche di calcio, una delle più classiche sedi di ritiro estivo del centro Italia. Poi arrivano i terremoti del 2016 e cambia tutto: il 24 agosto il paese trema e si inginocchia, ancora di più il 26 ottobre (quando crolla gran parte della chiesa di San Salvatore) e il 30 ottobre, il tragico giorno del colpo di grazia, una spaventosa scossa di magnitudo 6,5 alle 7,41 del mattino: il sisma cancella la secolare storia di Norcia, crollano la basilica di San Benedetto e il suo campanile settecentesco, crollano le chiese di Santa Maria Argentea, di Sant’Agostino, di Santa Rita e San Francesco, della Madonna Addolorata; cedono porzioni delle mura e dei torrioni medievali, il Palazzo Comunale, la Castellina. Norcia, quella Norcia, non c’è più.

Sei mesi dopo, è un lunedì di maggio, Antonio Candreva nel suo giorno di riposo lascia Milano e va in visita alla zona di Norcia per incontrare i ragazzi delle scuole. Norcia la conosce bene, ci è stato in ritiro con la Ternana e con la Lazio. La mattina la trascorre nel capoluogo, poi si sposta nella frazione di Ancarano dove pranza con i bambini e con la piccola comunità sfollata dopo il sisma. Un incontro che deve essergli rimasto nel cuore perchè Candreva decide di dare il suo contributo alla ricostruzione regalando ai bambini di Ancarano un campo da calcio. La struttura sportiva sorgerà nell’ambito del progetto «Casa Ancarano» che funzionerà come ricovero, mensa e servizi e sarà realizzata grazie alle donazioni di alcuni privati. Il campo sarà inaugurato a maggio 2018, un anno dopo l’incontro con i terremotati. Candreva, ovviamente, taglierà il nastro.

Tra il calciatore Candreva e il suo gesto di generosità c’è molta coerenza. Candreva è un giocatore che sorride poco e suda molto. Talentuoso e sgusciante, è pur sempre un operaio, umanamente l’antitesi del mondano. Come Bartali, ha il naso triste come una salita. E l’occhio malinconico. Gli puoi rimproverare qualche soluzione pretenziosa e qualche cross sbilenco, ma non l’impegno. Un impegno che va al di là dell’ordinario e che nei momenti di scarsa vena lo porta a peggiorare la sua situazione, a prendersi qualche fischio di troppo, perchè è uno che non si nasconde, che insiste, anche nei cross sbilenchi, costi quel che costi. Ci mette la faccia.

Ha fatto un bel gesto, straordinario, significativo, senza fronzoli. Il calciatore regala un campo di calcio. Il ragazzo triste regala un sorriso. Complimenti Antonio, è proprio da questi assist che si giudica un giocatore.

share on facebook share on twitter

109 commenti

  1. Grazie, Antonio.
    E grazie anche a Roberto che rende pubblica una storia che magari non buca come figapriveetatuaggiosoldoni, ma – scusate – è interista.
    Antonio interista a vita (anche se un giorno o l’altro dovesse cambiare maglia).

  2. Candreva, voto 10

  3. In un mio intervento di qualche settimana fa ho scritto di Candreva “giovane” : l’ho apprezzato ( io, tifosotto del Livorno ) quando non lo conosceva ancora nessuno, e si vedeva, vi assicuro, che quel giovanotto aveva i numeri. A Livorno giocava più da numero 8 ( non è solo una mia fissa, giocava proprio così ) e teneva su la squadra quasi di più di quanto non faccia adesso che ara il campo come il buon Pasinato…
    Chapeau a lui e ai tanti – ne sono sicuro – dei quali magari non sapremo mai alcunché, ma rinunciano ogni giorno a qualche soldo per donarlo agli altri.
    Speriamo che non si sia adombrato un po’ di più – rispetto al ritratto somigliante che gli ha tratteggiato Settore – perché adesso lo sappiamo tutti.
    Siamo bravi anche in questo, noi dell’Inter 🙂

  4. Se qualche volta a inizio campionato l’ho definito pensionato e parastatale era sempre e comunque per una critica tecnica e relativa al rettangolo di gioco, sopratutto perchè avendolo visto alcune volte dal vivo all’olimpico scendere come una furia sulla fascia destra (non vorrei essere blasfemo ma un pò mi ricordava lo spostamento d’aria che da piccolo avvertii quando vidi le progressioni di Facchetti al Dall’Ara) non mi capacitavo di come si fosse involuto.
    Sbagliavo.
    Il problema era il rodaggio dell’Inter di Spalletti.
    E se per un certo periodo favoleggiavo di una fascia Vrsaljco-Berardi, col senno di poi debbo ammettere che Spalletti sta facendo bene con quello che ha.

    Questo per l’aspetto tecnico,
    Per l’aspetto umano applausi alla sua iniziativa che risponde pienamente alla mia visione del mondo, chi più ha e più può fare, faccia anche per gli altri meno fortunati.
    Dovrebbe essere la norma, invece è l’eccezione. Bravo Candreva.

  5. molto meglio Ventura, ha regalato un campo di pallanuoto a Zanzibar

  6. Di lui non ho sopportato (e non sopporto) quella specie di involuzione che da splendido e terribile incursore (Lazio) l’ha tramutato in un’ala da cross (ma perché non te ne passa 1 col destro e poi con 1 di sinistro si va in gol??!!) punto e basta.
    “Toglilo per favore, non ne indovina 1! “.
    Ma intanto davvero, tira dritto, testa bassa per andarsi a riprendere il SUO applauso di San Siro (scusa se è poco) e anche il mio che, rosso di vergogna, ho fatto ancora una volta l’interistucolo.
    Ma lo aspetto ancora, palla al piede a puntare l’area e spaccare la porta.
    Dell’uomo e del gesto (solidarietà non fa rima con pubblicità), parla per lui solo davvero quel velo di tristezza che forse gli resta dentro per quello che ha visto in quei luoghi e con quelle persone.
    E che, lui lo sa, un assegno non cancella di sicuro.
    P.S. Antonio, tira ca**o!!

  7. Grande Candreva. A me è sempre sembrato uno con la testa a posto. Peccato per quel touch-down contro la Svezia…sarebbe venuto giù San Siro se l’avesse buttata dentro ( d’altra parte mica tutti sono come Icardi che sanno fare la torsione giusta per tenere la palla bassa e metterla lá nell’angolo).
    Alternativi quelli di studiosport: nel servizio sui sorteggi dei mondiali non hanno mica messo BACK IN THE U.S.S.R. come avrebbe fatto chiunque. Hanno messo OB LA DI OB LA DA…

  8. ….e nel frattempo che noi abbiamo la possibilità di apprezzare l’UOMO candreva, sportmediaset mette ben tre articoli nella sua home page su Icardi al real, giusto per guastare un pò l’aria prima di inter vs chievo.

    ps: scusate se nello stesso commento ho inserito l’opera meritoria di Antonio con quelle merde serve del padrone di sportmediaset

  9. Vota Antonio !
    Grande.

  10. In effetti a prescindere dai giudizi tecnici Candreva mi ha dato sempre l’impressione di una brava persona, uno che puoi stimare anche da avversario (ricordo ancora la sua doppietta in quell’Inter-Lazio di 2 anni fa che fu l’inizio della fine del Mancini-bis) questa storia è un po’ come quella di Klinsmann e Malgioglio ricordata non molto tempo fa credo sul malpensante, cose che ti scaldano il cuore e ti fanno pensare che fortuna ti è capitata a tifare x questa squadra

  11. Mi è bastato buttare l’occhio al girone A dei prossimi mondiali per avere la conferma che il sorteggio è sempre e soltanto governato dalla fortuna.

    SEEEEEEEEE!

  12. E dopo averli visti tutti posso dire che sembra sempre di più la Champions League voluta da Platini.
    Due favorite per girone che possono soltanto suicidarsi per non passare.
    Capisco la necessità di diffondere il calcio in tutto il globo ma sportivamente parlando perchè non iniziare direttamente dagli ottavi?

  13. E continua anche la faccenda che ogni acquisto facciano in giro per il mondo, QUELLO ERA NEL MIRINO DELL’INTER !
    Sempre ad insinuare che la nostra societá si lasci fregare ad ogni latitudine.

  14. E intanto il miglior portiere del mondo ha rinnovato con l’Inter fino al 2021.
    Questa società fa poche chiacchiere e buoni fatti.
    Adesso…togliamo la clausola rescissoria a Maurito (altrimenti il primo pazzo pieno di soldi se lo porta via) e diamogli un bell’aumento con un contratto decennale.
    Poi, dato che Suning non sembra aver problemi di soldi (ma no…cugini..nessuna ironia o polemica…), se la moglie fa le bizze…lo tiene legato 10 anni a giocare in cortile…

  15. Da far leggere in ginocchio sui ceci a quei pezzenti invitati al matrimonio di Messi, quelli dei 37€ a testa per beneficenza….
    Grazie Antonio, la topa ti stima.

  16. Inutile ribadire che stasera l’ideale sarebbe un pareggio.
    E comunque non una vittoria della juve.

    • Ma è lo stesso, che vinca pure la Rube, non possiamo passare l’anno aspettando che perdano o pareggino gli altri.
      Tutto quello che c’è da fare è vincere col Chievo e poi al Merdentus stadium, così saremmo primi in solitaria.
      Tutto qui.

  17. partita vera
    partita tosta

    e sarà un caso

    ma viene fuori la juve

    mortacci loro

    • Non so se è Solo merito loro, oppure è anche il Napoli che palesa il “braccino”, vediamo se il II tempo toglie i dubbi

    • Con i colori un po’ diversi…sembra di rivefere Italia-Svezia : troppi cross per giocatori così… Speriamo nel folletto Mertens…

  18. Grande Antonio.
    Il resto, anche stasera, importa molto meno.
    Noi non siamo quella roba là.

  19. Dubbi risolti, ha vinto la squadra più forte

  20. È inutile. Se non lo vince la gobba lo vincono o l’Inter o il milan. Le altre non sanno proprio cosa voglia dire…

  21. Il Napoli è già qualche partita che fatica….oggi si è vista la differenza fra una squadra che ha come obbiettivo vincere e una che invece vorrebbe averlo

  22. Il Napoli è già qualche partita che fatica….oggi si è vista la differenza fra una squadra che ha come obbiettivo vincere e una che invece vorrebbe averlo

  23. Il Napoli è già qualche partita che fatica….oggi si è vista la differenza fra una squadra che ha come obbiettivo vincere e una che invece vorrebbe averlo

  24. Il Napoli è già qualche partita che fatica….oggi si è vista la differenza fra una squadra che ha come obbiettivo vincere e una che invece vorrebbe averlo

  25. Ok Maurinho. Abbiamo capito

  26. prevedesi da oggi confusione in casa Napoli , e ambientino simpatico sabato prossimo al Conad

    vabbè cominciamo a battere i pandori, che mica è scontato

    • Giusto.
      E proporrei un “grat, grat” collettivo perche c’è una sola squadra rimasta imbattuta…
      Desperately seeking fortebraccio…

  27. C’è tempo, c’è tempo…….mancano quasi due giorni!

    A M A L A (quella imbattuta) 🙂

  28. In un mare magnum di menefreghismo, il gesto di Candreva è una vera e propria perla. Bravo Antonio!

    Poi se domenica azzecca un cross per Icardi sono ancora più contento…

    Intanto i ladri hanno fatto il colpo gobbo a Napoli, dimostrando che sono ancora i più forti e regalandoci la possibilità del primato solitario…

    Grande occasione. Forza Inter, avanti Luciano!

    • Io ho visto la partita. Non ho avuto questa impressione di forza gobba.
      Piuttosto, mi è sembrato il Napoli incapace di aggirare il loro pulmann.
      Mi è sembrato, insomma, di rivedere un Inter- Cagliari (o mettete qualunque altra squadra piccola che ha sbancato San Siro) degli anni scorsi.

      Unico merito gobbo: finalizzare il primo contropiede utile!

  29. Facendo noi partita simile al Cessum, abbiamo grosse possibilità di aggiornare lo score di Maurito contro i gobbi!
    Ma, prima, c’è da sbranare un pandoro, senza se e senza ma!

    A M A L A

  30. La vedo come Toto .
    Qua bisogna mettersi d’accordo (più che qua negli addetti ai lavori) perché quando il pulman lo piazza l’Inter è catenaccio e Sarri va su tutte le furie, quando lo piazzano loro è atteggiamento sornione da grande squadra a cui vanno riconosciuti tutti i meriti del caso.
    Ieri si è assistito ad una dimostrazione di inferiorità decisa a tavolino dal proprio allenatore (Allegri) che ha capito che non sarebbe mai riuscito a battere questo Napoli ad armi pari (esattamente come Spalletti, ma noi siamo nessuno…) ed ha giocato come l’Ascoli di Rozzi ma ovviamente con Higuain davanti.
    Ieri provavo a fare mente locale su quale delle big europee avrebbe avuto un atteggiamento così rinunciatari e sparagnino. Nessuna, in campionato poi!
    E questi vogliono vincere la Champions , ma per cortesia! E tutti a tributargli meriti a strafottente.
    Si, la Juve mi sta sul cazzo, of course, ma ci vedo ancora bene.

  31. Strafottere non strafottente

  32. Poi….leggi sulla pagina sportiva di un quotidiano nazionale che el sia era in fuorigioco sul secondo gol della Roma.
    Non che contasse un ca**o, in un Roma Spal con i più scarsi già in 10, ma MI GIRANO LE PALLE.
    Come ca**o si fa a sbagliare un fuorigioco con il VAR.
    Non è una spinta da valutare o un tocco da interpretare! È GEOMETRIA PIANA

  33. El sha, ovviamente!
    (malefico correttore)

  34. La juve ha fatto gol perché davanti a dei campioni, poi si è difesa con ordine senza rischiare granché; a me è sembrato che gli avanti del Napoli fossero sottotono o comunque incapaci di creare pericoli_ Poteva essere utile tirare da fuori area, visto che dentro non riuscivano ad entrarci, ma non ci hanno mai provato_

  35. Su sportitalia Inter gobbi primavera. Alle 13

  36. Sono del tutto concorde con Acanfora. Gli unici sporadici tentativi son stati di Insigne ed Hamsik, con un paio di tiri nello specchio che hanno offerto a Buffon la possibilità di far lo splendido senza rischiare in realtà granché. Allan, poi, ha sballato di brutto due conclusioni che…bah.
    I gobbi han preso 3 punti rischiando un po’ meno di noi, ma onestamente nessuno ha giocato bene.
    @javier+ : quelli vinceranno la CL proprio giocando in maniera mediocre. Dopo anni di sberloni han capito che contro gli squadroni non possono competere ad armi pari, quindi si difendono e aspettano l’occasione (foss’anche ai rigori, con la fortuna che hanno…).

    • Inoltre Matuidi nel finale ha sfiorato lo 0-2…

      I gobbi vengono da 6 scudi consecutivi, sono di diritto i favoriti…

      La Champions però e’ un altro sport

  37. i gobbi sono insopportabili a prescindere ma ieri si è vista una squadra che ha l’abitudine a vincere, ed è andata in campo sapendo bene cosa fare.

    ” l’Inter ringrazia ” non è vero, ci voleva un pari

  38. Che siano riusciti a rendere sterile l’attacco del Napoli sono d’accordo , è evidente che potevano continuare a giocare 3 ore e non beccano il gol, ma ci sono dei limiti che una grande squadra si deve dare se vuole autoconvincersi di essere tale, dai sono stati in 10 negli ultimo 30-40mt tutta la partita, la prossima finale di champions è un altro 0-3. Non che mi lamenti…. ultimamente con sta penuria di soddisfazioni le loro finali sono la cosa migliore dell’anno calcistico.

  39. oggi, sulla partita di ieri, avrei voluto scrivere tutto quanto già fatto, riga per riga, da javier

  40. “la nostra metà campo sara lunga dal cerchio del centrocampo fino alla punta estrema dell curva nord”
    Luciano Spalletti

    benvenuto number two!

  41. Com’era quella sul Var che serve per non far vincere le romane? Vabeh va’.
    Comunque, la partita di ieri sera conferma che il Napoli lo scudo non lo vincera’ mai. O girano a mille oppure appena rallentano di condizione in 2 diventano una cosa carina da guardare, ma frivola. Basta una Juve parcheggiata ad aspettare un contropiede e salutam’assorreta. Juve Roma Napoli come l’anno scorso, i valori delle rose sono quelli ed in quest’ordine. Ma. C’è un ma. Un avversativo nerazzurro che potrebbe scompaginare tutto. Pensiamo al Chievo. Nient’altro che al Chievo: una partita alla volta.

  42. Solo un passaggio dell’intervista a Spalletti da Fc Internews…….grande!!

    ” E’ vero, come dice Sarri, che giocando una volta a settimana è un altro sport?

    “Mi sembra lo stesso. Se si arriva tra le prime quattro si va in Champions, dopo c’è l’Europa League, sennò ci sono le amichevoli di fine campionato. La Juventus giocando sempre ha vinto sei scudetti. Se Sarri vuole provare, arrivi settimo e giochi un altro sport. Noi vorremmo giocare tre o quattro partite a settimana”.

  43. special two…..

  44. Un saluto a tutti

  45. Dispiace per il Napoli, ma sul più bello cadono sempre. Giocano meglio dei gobbi, ma ieri hanno sbagliato fin dall’inizio. E alcuni dei loro mi sembrano cotti. Forse con qualche uomo in più sarebbe stato diverso. Non capisco se Sarri riesca a gestire bene le seconde file.

  46. Inter – Chievo 0-2
    ‘notte

    • Grazie, fratello.
      Lo scrivo CONTRO la mia volontà, ma… un giorno devi “saltare” la tua (benemerita) scaramanzia. Sarà il modo migliore per toglierci in una volta il piacevole ed infantile senso di sicurezza di quella “coperta di Linus” che ci offri.
      E non scriverò cosa penso dell’opportunità che tu lo faccia la prossima settimana, ehm…
      Forza INTER !!!

  47. Buongiorno a tutti voi.
    E al mondo esterno auguro di………SALUTARE LA CAPOLISTA! 🙂

    A M A L A

    • Mensch…così rischi di annullare “l’effetto fortebraccio,…
      Speriamo sia più forte di tutto…
      Buongiorno a te, Totò.
      Ci leggiamo.

  48. se l’ultimo problema dell’Inter è Icardi, appena prima c’è Candreva

    ma ovviamente l’interista medio dà addosso a entrambi con ammirevole costanza

    a forza di non vincere non solo ci siamo milanistizzati, ma ormai ne capiamo più o meno come gli juventini

  49. Se davvero l’effetto Spalletti Special Two è consolidato, oggi si vince, si va per una settimana in testa e poi la prossima si perde serenamente ed inevitabilmente contro i signori del male. Dopodichè corriamo tutti insieme allegramente per scoprire chi arriva primo.
    Se invece siamo ancora a metá del guado, oggi sprechiamo l’occasione, prendiamo a pallate il portiere del chievo e al 78′ o giù di lì prendiamo la pera. Dopodichè inizia il solito declino.
    FORZA RAGAZZI crediamoci.

  50. Inter – Chievo 0-2

    ‘notte

  51. Quindi il primo punto della storia del Benevento l’ha fatto il portiere?

    Forza magico milan, non fallire mai, noi ti amiamo cosi come sei.

  52. Dai ragazzi io non me ne sto ancora capacitando.

    Neanche nei miei più rosei sogni poteva accadere una roba del genere.

    Qualcuno mi confermi che è tutto reale e non sto sognando col turbo di qualche acido

  53. Ma quanta poca roba è il bilan?
    Il Benevento sembrava il Bayern!

  54. È pronta la nuova maglia celebrativa:
    Il primo club al mondo che fa fare un punto ad una squadra che ha perso 14 partite di fila, subendo goal al 95 su colpo di testa del portiere avversario

  55. #Alzalaringhio

  56. Grazie ringhio!

  57. Daiiiii! Meglio di un film: primo punto in serie A con gol del portiere al 94esimo!

    Secondo me gli intitolano una piazza.

  58. Oh

    Com è come non è

    Il portiere del benevento vanta piu gol in A di mr 40 milioni, Andres Silva

  59. L’ho vista. Non ci credevo.
    Due minuti prima della fine, ho messo su RAI2 e mi son ricordato che Tognazzi non viene quasi mai via contento e ho girato di nuovo su Premium.
    Che dire…senza ironia, è stato anche un bel gol…
    Ahahahahah ! Mi spiace…ho tentato di rimanere serio, davvero, ahahahah… Non ce la faccio…scusate.
    E se falliscono…mi mancheranno.
    Forza INTER !!!

  60. Vogluo una puntata della DS dedicata all’evento.

  61. Ma uno che è uno…Joao Mario ce lo fa oppure no

  62. Ottimo il primo tempo del difensore centrale italiano, e di tutti gli altri; sembra di guardare la prima in classifica

  63. @Dawide
    speriamo abbia osservato bene, qualche minuto dopo, come si fanno i gol.

  64. Grande entusiasmo e grande Inter!

    Avanti così, portiamola a casa.

  65. Maledizione…BASTAAAAAA !!!
    Teniamoceli per sabatoooo !!!
    Battuta del nostro su Premium : “Meglio di Skriniar, oggi di testa, solo Brignoli”…
    E metti Karamoh, su…

    p.s. : vorrei un gol di Brozo…

  66. ANCORA SPETTACOLO.
    Ora possiamo andare a torino a dimostrare che la juve x batterci dovrá rubarcela, as usual

  67. Skriniar!!!! Ha fatto venir giù San Siro…

    Salutate la capolista

  68. Almeno, che i goBBi si cachino sotto. Poi sappiamo che qualche aiutino gli arriva sempre.

  69. Spettacolo e primato_
    Grande INTER

  70. Erano aaanni che non vedevo giocare così l’Inter!!
    Avesse segnato anche Karamoh….lo stadio si sarebbe sgretolato!
    Pratica del pandoro evasa ora sotto con il safari delle zebre!
    AMALA!

  71. Sono quasi commosso … Annichiliti quegli scassacazzi storici del chievo la cosa più bella che maran ha voluto il recupero e gli hanno fatto il quinto … Ma ora prepariamoci contro le merde gobbe faranno di tutto x farcela perdere cmq godiamoci questo momento ce lo siamo meritato

  72. Chiedo scusa, ma ho visto il Milan farsi fare gol al 95mo dal portiere dell’ultima in classifica di tutti i campionati di sempre, eppoi l’Inter vincere 5_0 tra un tripudio di tifosi, con Ranocchia quasi impeccabile, Brozovic dominatore del centrocampo e tanto altro ancora_
    Se sto sognando come Wolf, mi sveglierò non prima di sabato prossimo_

  73. Tranquilli , niente acido, solo la più bella Inter degli ultimi 6/7 anni.

  74. Se è acido, portatene ancora.

  75. De amicis scansati,

    Il libro cuore oggi è stato scritto daccapo.

    Prologo a mezzogiorno, epilogo alle 17.

    Speriamo in un valido spin off stasera, forza Doria, ma onestamente me ne batto i coglioni degli aquilotti.

    Storica figura di merda del mila, vetta conquistata, inter più bella del decennio: io sto a posto così.

    No, non sono gli acidi, è la magia del Natale

  76. Oh ragazzi, e lasciate perdere il calcio minore 😉 siamo primi!

  77. Ci aspetta una settimana di casi in casa Inter. Cosa potrebbero studiarsi?

  78. Sentir parlare i giocatori, l’intervista a Ranocchia dove dice chiaramente che un ambiente così in tanti anni non l’ha mai visto, tutti sanno cosa fare, tutti si sentono importanti in settimana, i preparatori che lavorano sulle posture e i minimi particolari con tutti. Rana ha detto: quest’anno si migliora anche non giocando.
    Vuoi vedere che alla fine anche gli allenatori contano qualcosa?
    Finalmente ! Quanto ho invidiato la Roma gli anni passati. Speriamo di raccogliere più di loro.
    Grande Mister.

  79. Rompo un attimo il silenzio, e ci rientro subito dopo, visto che porta bene. Del resto, che potrebbe dire uno scettico dopo una partita del genere? Una partita perfetta. Cerco nella memoria nel passato una partita analoga vinta con tanta autorevolezza. Forse nell’inter di Mancini, quella dei record, oppure in quella di Trapattoni, a cui questa, a mio parere, molto si somiglia. Squadra imbattuta, prima in classifica, prima in quella dei marcatori. A questo punto, piuttosto che auguri bisogna ricorrere a formidabili scongiuri, incrociare dita delle mani e dei piedi perché il pericolo piú grosso che rischiamo di correre è che la nostra pazza Inter , per presunzione, ci buggeri un’altra volta. Intanto siamo in testa. Hic manebimus optime. Auguri a tutti per le feste natalizie.

  80. Grande Inter perfetti !

    scettico mi scuso di essere stato aggressivo con Te, rientra ce bisogno di tutti.

    evviva l’Inter

  81. Welcome back, Scettico, e’ piacevole rileggere la tua prosa, e chapeau a @mareintempesta per la pubblica ammenda.
    Vada come vada (grat, grat…) e’ una bella combriccola di gente tosta (ora persino Brozo e Santon fanno i fenomeni…!), che corre, rientra e cerca di mettere in crisi Spalletti.
    @javier+ : sono d’accordo sui meriti dell’allenatore in una squadra, ma – senza voler fare il gallo sulla monnezza – vincere meno della Roma sarebbe oggettivamente difficile…

    • Non fosse altro hanno “vinto” fior di quattrini dalla champions mentre noi ci trastullavamo tra i quarti ed i settimi posti a fare i conti della serva ogni campagna acquisti. Poi che loro per merito della juve in Italia (e con quali meriti lo sappiamo) e della …Roma in europa (o forse sarebbe meglio dire di Roma) non hanno raccolto niente è un altro discorso che non vanifica completamente quanto di buono fatto.
      I risultati sono tanto, quasi tutto, ma non tutto, lo dimostrano i 50 mila che ogni partita sono a San Siro, cosa abbiamo vinto? Ancora niente, ma siamo li, c’è entusiasmo, speranza, si gioca bene e si vincono le partite e la gente interista è felice. Certo poi magari non vinci e ci rimani male, ma c’è la prossima stagione , la Champion i nuovi acquisti e tu che sei sempre li tra i primi due o tre, ma vuoi mettere tra agonizzare al settimo posto e giocarsela come ha fatto la Roma negli ultimi anni. Certo noi raccoglieremo di più, perché noi siamo noi e loro , parafrasando il loro concittadino, non sono un cazzo, ma questo è solo il gioco del tifo ed è giusto che sia così.
      La morale è che quassù c’è speranza e spero di rimanerci il più a lungo possibile.

    • Si, javer, è tutto giusto.
      A parole.
      Non avrei il coraggio di giurare che mi piacerebbe, anno dopo anno, “giocarmela” e poi aver vinto 3 scudetti in 70 anni (per non parlare della pressoché irripetibile occasione della finale di coppa persa in casa).
      Quel che probabilmente è accaduto a noi tifosi nerazzurri nati dopo la guerra è che siamo irrimediabilmente stati “viziati” da formazioni che hanno vinto e stravinto, farcite di campioni che ancora oggi ricordiamo con orgoglio e affetto (e tu hai il nome di uno di quelli più recenti).
      Loro hanno avuto buoni giocatori, alcuni ottimi, ma…uno alla volta.
      Vivo a Roma per lavoro da anni e ti assicuro che ancora parlano di Falcao. Di Totti, poi…che t’o dico a fa’?
      Siamo tifosi troppo più fortunati.
      Tutto li’.

    • Certamente Giorgio, io parlavo degli ultimi 5 o 6 anni.
      Daje Inter !

    • Beh, in questo allora purtroppo hai ragione da vendere…
      Oooops, che cosa ho scritto ?!?!
      Adessoo arrivano i gobbi e cercano di comprarsela 🙂
      A M A L A

  82. Mi scuso in anticipo per l’intermezzo stucchevole…
    Appartamentino legnoso in montagna, alberello di Natale fatto in mattinata, fuori mezzo metro di neve, i bagliori della stufa accesa. Inter Chievo vista con i miei pupi, uno a destra l’altro a sinistra. Spettacolo, vittoria, primato. Starò invecchiando, ma è una discreta, fugace approssimazione del concetto di felicità.

  83. Wolf alle 14.46

    “Oh… Com’è come non è

    Il portiere del benevento vanta piu gol in A di mr 40 milioni, Andres Silva”

    Frase copiata tale e quale dal telecronista Mediaset Premium nel pomeriggio…

    Secondo me ci leggono e prendono spunti dal blog…

    Bravo Wolf e forza Interrrrrrrrr

  84. Magari leggessero Settore…

  85. Peace and Love

    giuve superstramerda

  86. e con un pò di fortuna Froggy avrebbe potuto fare 3 gol..

    • Gia’.
      Sembra che la piccola rana sia stata baciata dal principe e si sia trasformata.
      Che nessuno rovini la favola…!

    • In realtà froggy in attacco ha sempre detto la sua, quindi la prestazione di ieri non mi sembra un miracolo spallettiano.
      È in difesa che ci ha fatto vederei sorci verdi e, ieri, non ha avuto di che preoccuparsi!
      Speriamo bene! 🙂

      A M A L A

  87. vittoria pesante della Lazio.
    peccato,un pari era importante.
    linea sottile (4 punti) che divide il paradiso(scudetto) dall’inferno (quinto posto)

    • Contavo in un aiutino dalla Samp, che sarebbe stato triplice, contando i gobbi (certo) e i burini (sperato).

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.