Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Chi tutor e chi no

Due premesse, altrettanto sincere: 1) la Juventus vincerà lo scudetto, secondo un legittimo verdetto sportivo, al di là delle partite in più giocate da Bonucci e da quelle saltate da Higuain; 2) la somma di certi indizi costituisce una prova e, più in generale, fa girare i coglioni.

Ok, detto questo. Mi ero già arcistufato di ragionare sulla testa di Bonucci e sulle mani di Higuain – machemmefrega?, ho già i miei cazzi con Santon e Nagatomo e nella quotidiana conta dei punti di distacco – quando ieri, sul fare del pomeriggio, ho letto la dichiarazione di Rizzoli:

“Bonucci non mi ha dato nessuna testata. Sono stato io a spingerlo, per allontanarlo dal giudice di linea. Il giocatore ha semplicemente esagerato nelle proteste. Non c’è stata testa contro testa, le immagini non danno il senso vero di quel che è successo. Ci fosse stata la testata, non mi sarei limitato al cartellino giallo”.

Che non è una dichiarazione: è una confessione. Non solo sua, ma della classe arbitrale e del sistema calcio.

Nel contesto di una serie di considerazioni oggettive e giuste (è ovvio che la testata non c’è stata: ci fosse stata, sarebbe stato come se Materazzi avesse chiesto scusa a Zidane per averlo importunato a colpi di zigomo), la puntualizzazione Sono stato io a spingerlo, per allontanarlo dal giudice di linea è di una enormità clamorosa. Cioè, praticamente Bonucci ha un tutor e gli altri no.

Higuain (comportamento oggettivamente grave nei confronti di un arbitro) viene sanzionato con il tariffario in mano. Bonucci ha il tutor che lo allontana dal giudice di linea perchè non ecceda con le proteste. Praticamente Rizzoli, l’arbitro, ha fatto quello che doveva fare Buffon, il capitano. Che umanamente e sportivamente è anche una cosa carina – dai, sù, non esagerare, sennò sono cazzi -, ma che nella realtà dei fatti non esiste proprio.

Facciamo un paragone terra terra. E’ come se Higuain avesse parcheggiato in divieto di sosta, proprio sotto il cartello. Passa il vigile e gli fa la multa. Beh, giustissimo, c’è pure il cartello grosso così. Poi però gli dice: mi accenda un po’ i fari, uh, lo stop a sinistra non funziona. Dia un colpo al gas? Uh, che fumo nero. Tergicristalli? Cos’è, quattro o cinque anni che non li cambiamo? Favorisca il libretto, vediamo un po’ la revisione… E sono quattro giornate.

Ora è Bonucci che parcheggia in divieto di sosta, proprio sotto il cartello. Passa il vigile e ha già in mano il blocchetto ma gli fa: guarda, amico mio, meglio che la sposti. Bonucci lo guarda male, e allora il vigile gli fa: cià, vabbe’, dammi le chiavi che te la sposto io.

A me l’arbitro-tutor teoricamente mica dispiace, eh? Sarebbe un discreto passo di umanizzazione del calcio, un tentativo di insegnare il galateo a questa banda di imbecilli con le pettinature creative e le braccia istoriate. Ma il problema non è questo. Il problema è che gli arbitri facciano tutti la stessa cosa: o il vigile stronzo, o il tutor comprensivo. La stessa cosa e sempre, per 38 giornate, uguale uguale. O stronzi o tutor.

Il giocatore ha semplicemente esagerato nelle proteste. Questa è una frase da tutor, da vecchio zio comprensivo (so’ ragazzi). Esagerare semplicemente nelle protesta significa essere spinti via dall’arbitro (dall’arbitro!) prima di “aggredire” il giudice di linea e poi, non pago, mettersi a brutto muso con l’arbitro stesso? Se questo semplicemente, cos’è complicatamente? Mettere degli elettrodi ai testicoli dell’arbitro mentre gli fai waterboarding?

Se per Higuain sono state giustamente – giustamente, lo sottolineo – applicate  le norme, è evidente che con Bonucci c’è stato un atteggiamento diverso. Con un tutor, forse Higuain non avrebbe fatto la scenata a Irrati, che non poteva che costargli l’espulsione. Con un tutor, forse Sarri non sarebbe stato espulso per aver detto un’opinione (“stai arbitrando male”!), laddove spesso – qualche volte sì, qualche volta no – non si sanzionano i vaffanculo e le teste spianate a pochi centimetri dalla tua.

fallo_bonucci

Quanto a Irrati, io sono favorevole. A cosa? A Irrati. Cioè, mi piacciono un casino queste storie. Mi ricordano il tenente Colombo quando alla fine tira le fila del caso, elenca stranezze e coincidenze, si gratta la testa e ti smonta il delitto perfetto. Irrati è contemporaneamente l’arbitro di Higuain espulso, l’arbitro di Bonucci non espulso per un’entrata indifendibile su Destro, e il giudice di linea da cui Rizzoli distoglie Bonucci. Non è fantastico? Irrati tutta la vita.

Bonucci non fu espulso in Bologna-Juve (o almeno ammonito, che già era un mezzo favore) per il fallo su Destro, quindi giocò la partita successiva con l’Inter e in quella partita segnò. Anche l’Inter non ha il tutor, ma questa è una storia vecchia come il mondo. Chissà, magari Allegri avrebbe fatto giocare Rugani e Rugani in trance agonistica avrebbe fatto una tripletta. O magari no. Perchè le conseguenze di certe cose devi anche vederle in prospettiva, e magari relazionarle, sommarle, o moltiplicarle. Sono gli indizi e le prove che, come dicevo all’inizio, alla lunga fanno girare i coglioni. E benchè l’abitudine ci anestetizzi, è eticamente e civilmente giusto non reprimere ma lasciare che girino.

share on facebook share on twitter

137 commenti

  1. Ho visto zero commenti e mi sono fiondato. Non ho letto nulla ma mi fido, come sempre sarà all’altezza..

  2. Ho visto un solo commento e mi sono fondato. Secondo… forse!

  3. Cioè, è perfettamente un’arringa da usare in tribunale davanti al Diosachi, o al Giu(lemani)dice…. io trovo solo noiose tutte queste polemiche… vogliamo elevarci ad un calcio bello e attraente e poi ci fissiamo sui “mi ha spinto con 3joule di forza” “mi ha spostato” “ha usato un’onda energetica”… e ma era nervoso, e ma, e ma, e ma.. e ma una cippa di lippa… no cazzo, no.
    Io sono per l’onestà, e ora, siccome non ho (mai) visto gli unicorni di persona, voglio vedere uno Juventino onesto.. che, onestamente, dica le cose come stanno (Bonucci, testate, lamentele, Lichtsteiner, Zaza…). Così come ventura sull’episodio di Cagnotto Belotti detto il Gallo Scivolone… Questo mi piacerebbe.
    Quella mano in area in Leicester – Southampton, in Italia, avrebbe fatto dimettere Papa Francesco… invece è passata via, liscia, come spesso succede. Bellissima l’intervista di Guidolin “E’ un problema culturale”…

    • E’ ANCHE un problema culturale. Ricorda, però, che all’estero non hanno mai subito calciopoli: io non credo più alla buona fede di quella gentaglia

  4. io l’ho letto e mi fa piacere perchè in fondo dice quello che ho appena postato io sul suo articolo precedente.

    cose che c’entrano poco con la nostra classifica ma che fanno girare i coglioni lo stesso, poi se tagnin non sarà d’accordo ce ne faremo una ragione.

  5. Già il fatto che si contano gli scudetti per conto loro, senza riconoscere alcuna autorità ufficiale, sarebbe sufficiente per fermare il campionato.
    Se poi ci attacchiamo il carico di tutto il resto… non capisco come non possano girare i coglioni ai tifosi delle altre 18 squadre (milan escluso per ovvi motivi)

    • a me pare che l’influenza delle figure storiche BBilaniste stia calando a vista d’occhio ed il trattamento nei loro confronti (media a parte ovviamente) si stia lentamente uniformando…
      Ovvio, nulla a che vedere con i rigori contro ed i rossi sventolati in faccia ai nostri in leggerezza, ma l’occhio di riguardo delle casacche gialle verso di loro non mi sembra più così netto come qualche anno fa….magari il fatto che facciano ridere già di per sè rende gli aiutini molto meno evidenti, ma direi che i tempi di Rigorelli siano lontanucci dalla situazione attuale.

  6. post stupendo… giù il cappello!

  7. Comincio a capire perchè Quadrado dal Chelsea è stato rimandato in Italia, in effetti al netto dei primi due scatti fatti quando è ancora fresco, il resto è tutta una simulazione, che in Inghilterra non paga.
    Of course, qui nello stivale, ha trovato il suo humus.

  8. Quadrado con la C.

  9. devo farti i complimenti… post strepitoso…

  10. Parità di trattamento a parità di condizioni, nobile principio di diritto_ Peccato che nel calcio italiano c’è una squadra cha ha la deroga_ In alcune fasi storiche il mancato rispetto della deroga è sanzionata a pena di non far carriera_ E questo è uno di quei periodi. Dopo la fase Moggiante, oggi c’è quella del feroce Ovin Signore, uno che non ha problemi a fottere la moglie del suo miglior amico, figuriamoci se si fa problemi a fregare il popolino_ Perché se non puoi fare il cazxo che vuoi, che potere è?

  11. il campionato di calcio italiano e’ quello “sport” in cui deve vincere la juve

  12. @mareintempesta

    il punto e’ proprio questo= deve vincere la Juve, come di certo e’ accaduto nell’era Moggi (con l’addenda “NON deve vincere l’Inter”), o siamo di fronte ad una serie di errori casualmente orientati, con l’attenuante che l’episodio Higuain e’ applicazione del regolamento, non un errore?

    Perchè se vale la prima, rassegnamoci anche al prossimo scudetto Juve 2017= mica si faranno sfuggire la sestina, sarebbe record assoluto di vittorie consecutive che oggi sono costretti a condividere con due squadre a caso (Inter e Toro !)_

  13. Settore ha semplicemente detto, in modo bello, sagace, ironico e divertente
    quello che ripetiamo da ormai dieci anni:

    non è l’errore o la fiscalità o il singolo episodio
    ma l’uniformità di giudizio che manca.

    E, soprattutto, la strana statistica per la quale l’errore va sempre a vantaggio di taluni (sempre gli stessi)
    ed a svantaggio di talaltri (anche in questo caso, sempre gli stessi, tranne rarissime occasioni in ossequio alla legge dei grandi numeri).

    Dieci anni.
    Non so quante sentenze.
    E siamo qui ancora a dirci:

    eh, ma Mancini
    eh, ma la Juve è più forte (era il cavallo di battaglia di Moggi, io capisco che va di moda la filosofia vegana ma un po’ di pesce per irrorare di fosforo la memoria, eh…)

    eh ma il Torino
    eh ma Miranda è stato ingenuo
    eh ma il rigore
    eh ma Higuain
    eh ma il Napoli
    eh ma Sarri
    eh ma Mancini (take 2)
    eh ma il rigore (instrumental)
    eh ma Mancini (alternative)
    eh ma Mazzarri
    eh ma Mazzarri (piano solo)

    • Il tempismo dell’intervista di Rizzoli e della squalifica di Higuain è vomitevole, sfacciata. Ma non si ricominci con la solfa che se a uno girano gli zebedei ANCHE per Mancini Miranda Lljajic e soci è perseguibile per connivenza gobba. E quindi rilancio. A me piacerebbe combattere in questo campionato marcio con una squadra brutta, sporca, cattiva ed invasata come l’Atletico Madrid. Sono sicuro che ci toglieremmo qualche sassolino dalle scarpe, giacchette o meno.

    • La penso esattamente come te. Esattamente. L’uomo non impara dalla propria storia. Siamo tornati indietro di 20 anni. 20 anni fa dicevamo che c’era molto più di qualcosa che non tornava (poi 19 .. 18 ..17 … alla fine scoperchiarono il vaso di Padora – Calciopoli). E le risposte erano, 20 anni fa, le stesse di oggi. Precise. Ma la storia non la impariamo neppure noi, che ci lasciamo “intortare” nello stesso modo?

  14. Bah. Avete proprio poco da fare….

  15. ..intanto Ibra sta confermando il suo feeling con la Champions..

  16. Benfica , A.Madrid, VW, City tutte in corsa: non mi dispiacerebbe se passasero tutte… Povero Evra.

  17. Più guardo la Champions League di quest’anno e più mi convinco che dobbiamo accendere un cero a San Muller.

    I gobbi quest’anno potevano fare davvero il colpaccio.

  18. Rudi Ghedini (che Sector conosce), in una intervista fatta nel libro “In Inter veritas” (prefazione di Sector) dice sulla moviola : “Chi fornisce le immagini?”
    Perché dico questo?
    Guardate qui, cosa dice Scarpini a proposito di Inter – Torino.

    https://vimeo.com/161404662

    I complimenti a Sector ormai non hanno più senso. E’ un mito! Tutto giusto (a parte che la j**e per me non sta vincendo con merito).

  19. Ma quanto sarà contento Perisic di aver lasciato il Wolfsburg?…

  20. luca puoi rimandare il link con l’audio? è muto. per il resto niente da aggiungere.

  21. ok,bella la passione civile degna di miglior cause,che facciamo?

    si costerna s’indigna s’impegna poi getta la spugna,con gran dignità

    un cazzo,ve lo dico io,è che quando butta male (e qui butta peggio) bisogna pur prendersela con qualcosa,se è qualcosa di indefinito tanto meglio,altrimenti ritorniamo all’interista che perde col toro e dà la colpa alla Juve,e poi il mostro annidato nell’oscurità fa molto fashion,un po’ come mancini quando se la prende coi giocatori

    ah no,quello era mazzarri

  22. A dire il vero io mi incazzavo pure quando vincevamo tutto (nelle usuali condizioni ambientali ostili) tra il 2006 -2010.
    A meno che per noi la normalità debba essere vincere i derby 9 contro 11

    Poi lo so anch’io che non risolviamo niente con queste lamentele, ma almeno denunciamo lo schifo

    E comunque ognuno di noi nel suo piccolo qualcosa può fare

  23. Mirabile, come sempre, sia nella forma che nel contenuto.
    Applausi.

    Io mi sono armato di panini e frittata e mi sono seduto sulla riva del fiume.

    Voglio essere il primo a vedere il passaggio delle carogne in pigiama.

  24. Ormai insofferente, in attesa della fine del campionato, nella speranza di un poco probabile repulisti tecnico e societario… anestetizzato da questo limbo di mediocrità, mi sono ritrovato a leggere le motivazioni con cui Tosel ha negato la prova tv contro il gallo Belotti…

    Le indecenti motivazioni, certificano che i crediti maturati dal Toro nel derby, sono stati fatti saldare all’Inter con impudenza senza limiti… tutto ciò fa parte della serie A nostrana, qui non siamo in non Premier League!

    Così dalla rassegnazione, passo allo schifo e poi all’incazzatura e comincio ad attendere la prossima partita della beneamata… vorrei che la mia incazzatura e quella di molti altri tifosi si traducesse in qualcosa di concreto sul campo e fuori, stufi di vedere i propri colori indegnamente rappresentati…

    Penso al futuro e mi interrogo su come sarebbe avere il Cholo in panchina…

    Senza sciarpina e con una forca in mano.

    • “Penso al futuro e mi interrogo su come sarebbe avere il Cholo in panchina…”
      Non sei il solo.

  25. Giacche’ il problema delle “tutele” e’ sempre attuale, la società Inter farebbe bene a snellire l’organigramma= via tutti quei manager che non si sa bene cosa stiano li’ a fare, via anche Stankovic il cui ruolo mi pare sempre piu’ inutile_

    Ci vuole un addetto alla comunicazione ferratissimo anche sulle nefandezze del passato , sempre in trincea, che le millanteria non cessano mai_

    Ancora, ci vorrebbero altre cose=

    1) una società che metta mano al portafogli si da’ forgiare una squadra all’altezza;

    2) Un nuovo Oriali, se non Oriali medesimo, che faccia da collante tra squadra/società/ allenatore;

    3) Mancini che si concentrasse a fare l’allenatore, o chi per lui se va via come qualcuno dice;

    Dopodiche’ palla al centro, e si pensasse a giocare_

    • Sull’addetto alla comunicazione che sia o “faccia” l’interista lo si dice da anni, servirebbe come il pane ed invece nisba. La Juve pretende dai suoi dirigenti (vedi Marotta) che si allineino immediatamente alle loro posizioni negazioniste in merito a calciopoli. Noi zitti. Sul punto 2: pensavo si fosse scelto Deki proprio per fare il collante, sinceramente non ho ancora capito che ruolo invece ricopre. Sul punto 1: speriamo nei cinesi a questo punto e (punto 3) se si deve ripartire con mezza rosa da cambiare tanto vale cambiare progetto (Cholo! )

  26. millanterie..

    per il primo ruolo Sector sarebbe perfetto

  27. visto che a questo punto il terzo posto è un miraggio, molto probabilmente ci arriverà puntuale un aiutino (del quale non sappiano che farcene e che non vogliamo) in una delle prossime partite giusto per dar modo alle pi di certificare che gli arbitri sbagliano con tutti

  28. Tra pochi mesi il contratto di Mazzarri giungerà a termine e quindi bisogna darsi una mossa, il sogno del grande ritorno sta per svanire

    tutti i mezzi sono leciti.

    Ma di qui a fare i difensori della Juve come non lo si vedeva fare dai tempi di calciopoli…

    se me l’avessero detto qualche anno fa, sarei scoppiato a ridere.

    E invece…

  29. Acclarato che:

    1) come tutti sapemo, dacché scoppio’ lo scandalo de Carciopoli, costoro cehanno imbrojato pe’ anni, truccando interi campionati e nun solo semplici partite, e ce stanno tojendo puro er gusto de guardalle le partite ‘n po’ a tutti, perché qua ‘n po’ tutte le squadre ce so passate, a turno, chi dde ppiù e chi dde meno, urtimo er Napoli quest’anno;

    2) come tutti sapemo, pure quanno nun ce sta ‘a truffa diretta, ce sta l’autocondizzionamento psicologgico de chi dovrebbe garanti’ ‘n giudizzio equo, a parti’ da li livelli più arti fino a chi ggiudica direttamente sur campo, ovvero l’arbitri. Er tutto fatto, chiaramente, pe’ compiacélli dato che, essendo essi potenti e influenti, sarebbero ‘n grado de condizziona’ le cariere de tutti ‘sti poveracci (detto cor massimo Schifo…);

    3) come tutti sapemo, quanno pure nun se verificassero ‘ste ddu’ condizzioni de sopra (ma io nun ce credo…) t’esce fori che ‘a maggioranza de l’italiani tifa pe’ lloro e, de conseguenza, pure li poveracci, venduti o autoprostituiti, de sopra saranno, nelle varie categorie, in numero matematicamente superiore rispetto a tutti l’artri (li mortacci loro, ceaggiungo io);

    Detto e accertato tutto questo, ripeto, e co’ tutti noi ormai stanchi de lamentarce senza risultato, a questo punto s’impone ‘n quesito semplice e complicato a lo stesso tempo, a ccui bisogna risponne ‘mprorogabbirmente, e cioè: Che cazzo potemo fa’, concretamente, Noi tutti contro ‘sti zozzi???

    • Convincere gli ultras che invece di scannarsi tra di loro e con le guardie, si coalizzassero per manifestare permanentemente sotto gli uffici di lega e fgci.
      Provocazione (più o meno).

  30. Quando il francese provò ad alzare la voce dopo un juve_roma ladrato, fu l’inizio della fine della sua Roma_ Le società dovrebbero: 1) innanzitutto eleggere un Presidente ed una federazione (fgci) al di sopra delle parti e non cedere a compromessi per i denari dei diritti televisivi_
    2) monitorare il comportamento dell’Aia ed evitare che sia governata dai vari Bergamo, Pairetto, Baldas, Nicchi (basta controllare le partite al tempo da loro arbitrate sull’almanacco Panini) e preferire i Casarin e Collina e qualche altro, se si trova; 3) la stampa facesse il ruolo di guardiano e non zerbinasse come ancora fa con Moggi & c.; 4) in ultima istanza rivolgersi a qualche coraggioso giudice; 5) darsi al baseball o al curling;

    • A Aca’, io escluderei quarsiasi artro sport arternativo ‘n cui ce sia, decisivo, er giudice umanoide.
      Favorirei, invece, li sport in cui er giudizzio umano è de stampo notarile, in cui er giudice unico e supremo è rappresentato dalla machina, sia che essa misuri er tempo o la quantità, tipo l’Atletica, er Nuoto o artro che ora nun me sovviene.

  31. Acanfora, non per mettere sempre il dito nella piaga, ma ai tuoi punti ci si può aggiungere (e sottolineo aggiungere) anche “creare squadre competitive allenate secondo logica” ?

    Perchè se no, di nuovo, da una parte diciamo di separare i due piani arbitrale e tecnico/tattico ma poi ci nascondiamo dietro al primo.

    I gobbi rubano. E’ un fatto acclarato con cui conviviamo da tempo immemore.
    Epperò non è che hanno sempre vinto.
    A volte se lo sono visti buttare al culo.
    Ecco, se giochiamo, intanto vorrei essere quello che stà lì pronto ad approfittarne.

    Se invece partiamo dal presupposto che tanto non si può vincere, allora perchè Mancini e non Bertolino?
    Perdere per perdere almeno il secondo è interista e durante le conferenze ci farebbe ridere.
    Perchè spendere quella 40 di milioni per il tridente Perisic/Icardi/Eder quando Aldo/Giovanni/Giacomo lo farebbero gratis?

  32. Sì, ma proviamo a mettere da parte il tifo, una volta tanto.

    Il discorso che l’Inter debba migliorare prima di pensare agli arbitri, anche facendo finta che non siano discorsi separati, può “soddisfare” il tifoso, ma non l’appassionato di calcio.

    Ok, l’Inter fa cagare, Mancini dev’essere esonerato con effetto immediato e Thohir deve vendere l’Inter ad uno sceicco che faccia sembrare quello del PSG un clochard.

    Ma perché io appassionato di calcio non devo poter vedere una bella, sana ed equa lotta tra il Napoli e la Juve, in cui d’accordo probabilmente vincerà la Juve, percaritàdiddio, però ecco, mi piacerebbe vedere come e con quante difficoltà.

    Perché non devo gustarmi il piccolo Toro che rimonta due gol alla Juve e riaccende il derby?
    Perché non posso gustarmi i gol di Higuain nelle prossime 4 giornate?

    Ripeto, sono discorsi da appassionato di calcio, non da interista.

    È questa la stortura che dovrebbe saltare subito agli occhi, anche in base a quello che scrive brillantemente settore.

    • Condivido in toto

    • esatto… infatti siam stati a spendere decine di post sulle schifezze del derby o su Higuain pur non essendone coinvolti.
      Non c’entrano i problemi dell’Inter, qui è proprio la passione per questo teatrino che sta andando a farsi benedire.

    • este quoto fai sempre delle analisi cristalline…però quel “percaritàdiddio” è l’anticamera della sudditanza…siamo veramente convinti che ad armi pari vincerebbero i campionati…???io no e lo dimostra la champion

    • Sono sempre più convinto, che i coglioni siamo noi, ad insistere a seguire il campionato itaGliano, corrotto a tutti i livelli.
      Che, poi, l’Inter abbia le sue colpe è indubbio, così come le altre squadre; ma se i delinquenti nel 2006 fossero finiti nelle serie inferiori, sarebbero spariti dalla faccia della terra e, oggi, ci sarebbero campionati combattuti, ma regolari.
      Una cosa si dovrebbe, e si potrebbe fare: rifiutarsi di giocare contro i pluricondannati.

  33. La moviola in campo potrebbe servire a sciogliere almeno parte degli episodi dubbi_ Si porra’ il problema di chi controlla il controllore, ovvero di chi farà e come le riprese e di cosa ci farà o non fara’ vedere_ Fare squadre tecnicamente attrezzate si’, quello è compito/ merito o demerito delle medesime_

  34. finiranno il campionato con circa 10 punti di vantaggio e tutti diranno strameritato etc….e tutti dimenticheranno i soliti 4-5 punti(e mi tengo basso) che vengono gentilmenti omaggiati e, difiicilissimo da dimostrare,anzi impossibile, i punti di quelle 3-4 squadre “satellite” che omaggiano la signorina con facili passeggiate risparmiando loro fatiche,risorse mentali,cartellini etc……tra l’altro qualcuna si era pure permessa degli sgarbi…ma si sono rifatti con i fiocchi…

    e per finire l’ennesimo interista frustrato, questa volta svedese,ex allenatore di atletica che sostiene che in italia cera una squadra che dopava i suoi giocatori…a proposito…e’ caduta nel nulla(guarda un po) la dichiarazione del presidente di una squadra sicula fatta afine 2015 che diceva al suo ex pupillo di stare attento a non mettere su troppi chili…. quanti interisti frustrati complottisti….

    poi il fatto che si sia sbagliata una parte della campagna acquisti e che il nostro mister sia andato in confusione non c’entra una mazza con quanto sopra, una cosa non nasconde l’altra, ma rinnegare o far finta di niente su quanto sopra e’ a mio avviso per un interista assai più fastidioso che sbagliare un cambio o comprare un brocco

  35. Scusa Este, ma chi ha detto il contrario?

    Ciò detto io sono tifoso dell’Inter e mi interrogo su quali siano i motivi che hanno fatto si che a farsi fregare lo scudo ci sia il Napoli e non l’Inter.
    Quali sono i motivi per cui noi abbiamo smesso di essere in corsa a gennaio (per tacere sul come abbiamo corso prima) mentre il Napoli ha smesso ad aprile.
    E se mi chiedo perchè cavolo l’allenatore ha cambiato (di nuovo) formazione al minuto 0, sentirmi rispondere “eeeh, ma l’arbitro al 57°….” mi lascia perplesso.

    Fermo restando che tutto il resto è vero, comincerei ad intervenire su ciò che è alla portata della società fin da subito.
    Per i cambiamenti socio-politici immagino di dovermi attrezzare di maggior pazienza.
    Oppure lascio perdere, do per scontato che non ci sarà trippa per gatti comunque ed allora chissenefrega di tutto.
    Ma a quel punto in panchina che mi frega di avere Mancini?
    Vanno bene anche il water o Ciccio Benny.

    • Quoto. Ma rimarrei sulla tua prima proposta: Bertolino in panca e davanti il tridente slavo (nel senso dei Bulgari…)

  36. però è curioso che nel quinquennio 2006-2010 le critiche di quelli che perdevano in un campionato di basso livello e senza storia venissero liquidate con grasse risate e i suddetti svergonati come perdenti rosiconi, nessuno si lagnava da povero appassionato di calcio perché non c’erano i finali thrilling tutti gli anni

    altri tempi, eh, pensare che la juventus arrivava settima

    • come non c’erano finali thrilling? Ne abbiamo vinti due all’ultimissima giornata, miracolati da un diluvio chiamato Zlatan prima e da un Pazzo due anni dopo, che se la Roma avesse fatto il suo dovere niente triplete principesco- Noi avemmo anche un culo, non l’associazione a tutela= l’arbitraggio piu’ favorevole che io ricordi e’ di quest’anno, primo tempo di coppa italia del 3-0 a Milano- Eppoi piu’ che i singoli episodi, va visto la partita intera cosi che uno si rende davvero conto se qualcosa non quadra= se hai fegato riguardati Ceccarini che fu, ma anche Tagliavento che e’-

  37. Nel frattempo Oltralpe…

    “Nabil Dirar, squalificato per otto turni dalla commissione disciplinare della Ligue1 dopo aver sfidato l’arbitro Chapron in Monaco-Nizza. Il comportamento del giocatore del Monaco somiglia molto a quello di Bonucci nei confronti di Rizzoli ma con una conclusione nettamente opposta. Il marocchino ha ricevuto una dura squalifica e inoltre il club francese lo ha sanzionato economicamente.”

  38. Sapete quanto guadagna un arbitro di serie A? Ed un internazionale ? E secondo voi se uno deve scegliere tra carriera ed un fischio sbagliato che fa ? Incominciamo a rendere del tutto dilettantesca ed “appassionata” l’attivita’ arbitrale e poi vediamo; solo un rimborso spese, viaggio e albergo, tanto decidere un fischio davanti a 80.000 persone e’ pur sempre una bella gratificazione, chissa’ in quanti lo farebbero…ovviamente sto solo sognando un mondo piu’ giusto, tranquilli sarebbe troppo giusto…

  39. tagnin, abbiamo vinto 2 campionati all’ultima giornata, di cui uno col controsorpasso e non c’erano finali thrilling?

    No, dico, ti rendi conto che ormai stai negando l’oggettivo?

    E comunque l’appassionato di calcio non vuole il finale thrilling, vuole il finale onesto, poi vada come deve andare.

    Quello che dici tu è l’appassionato di cinema.

  40. Este, in sostanza abbiamo risposto la stessa cosa a Tagnin_ Com’è che più che la sensazione di avergliela cantata giusta, ho quella che sta sghignazzando su due polli caduti nella sua provocazione??
    Tagnin Siena, cioè iena.. Senza rancor..

  41. fosse solo tagnin…

    se penso a Vidic sbattuto fuori per un battimani e anche a Sneijder, sbattuto fuori in un derby per lo stesso motivo, derby che se perso avrebbe rimesso in gioco tutto, come faccio a non incazzarmi nel vedere Bonucci schivare cartellini gialli ogni partita dove ne meriterebbe almeno tre a stare stretti e poi abbaiare in faccia all’arbitro con la testa appoggiata alla sua testa e prendersi solo una ammonizione, seguita tempo dopo da una spiegazione dello stesso arbitro che più ridicola non si può.

    dicono, si però prima devi guardare in casa nostra e vedere come stiamo giocando e poi ti puoi incazzare anche per gli arbitraggi.

    ma cosa cazzo c’entra???

    perchè, prima di parlare in queste due ultime settimane di Bonucci e della gobba di cosa abbiamo parlato prima, del tempo?

    è da quando è cominciato il campionato che non si è fatto altro che parlare male dell’Inter, anche quando eravamo primi in classifica e qualcuno si era illuso di fare un campionato da protagonisti, ma c’è stato sempre chi ha rotto le balle anche in quei momenti.

    non contenti adesso ti vengono a ripetere le stesse cose che hanno ripetuto fino alla nausea.

    no, dico la partita con il toro l’abbiamo vista tutti, non c’ è bisogno che me la spieghino, quello che mi devono spiegare sono i cartellini gialli dati alla cazzo ed il rigore inventato, ma queste cose non me le spiega mai nessuno, nemmeno quelli come tagnin che la sanno lunga.

    • Anche i cartellini ed il rigore li abbiamo visti tutti.
      Non c’è bisogno che ce li spieghi.
      Ora taci?

    • Vorrei far notare, che il battimani di Vidic era di incoraggiamento verso i compagni di squadra e non verso il killer in giacchetta nera (o multicolor)!

  42. 94′ – E FINISCE QUI!!
    L’INTER SBANCA LO JUVENTUS STADIUM VINCENDO 0-1, DECIDE IL GOL DI BONETTO!!!

    Bella lì!

  43. intanto, giusto per la cronaca, al vomit stadium, partita di andata per la finale tim cup primavera, i ragazzi con la maglia nerazzurra battono uno a zero i gobbi precoci.

    Mercoledì prossimo, ore 19.00 allo stadio Meazza, partita di ritorno.

  44. quello che mi dà più fastidio non è il povero pirla che reagisce ad un mio commento come il cane di pavlov lasciando la sua saliva sul blog, ma quello che ti censura i commenti non pertinenti al post e lascia che questo minorato mentale continui imperterrito a bausciare senza mai fare niente.

    due pesi e due misure, come noi e la gobba anche su qui…

  45. Che poi tra l’altro quelli che “la j**e comunque merita di vincere il campionato” sono proprio sicuri???

    Qualcuno qui dentro pensa seriamente che bonucci chielllini & co. in maglia nerazzurra (o con qualsiasi altra maglia) vincerebbero in carrozza come stanno facendo ora???

  46. Io sono convinto che la rube sia la squadra più forte e completa.
    Ma non ho detto “mi interrogo su quali siano i motivi che hanno fatto si che a farsi fregare lo scudo ci sia il Napoli e non l’Inter” a caso.

    Ovviamente non ne ho la certezza ma credo che in un campionato regolare il Napoli avrebbe fatto la sorpresa.
    Vuoi perchè i gobbi sono partiti molto male, vuoi perchè i Ciucci hanno ben sfruttato un grande Higuain, vuoi per culo, congiunzione astrale o chissà cosa.

    Poi penso che la possibilità di essere “sorprendenti” l’avremmo avuta (perchè no) anche noi ed invece l’abbiamo buttata via.
    Ed ecco che giocare un campionato farlocco mi fa meno male: se anche fossimo stati meno fessi non ci avrebbero lasciato vincere comunque.
    Vuoi mettere, son soddisfazioni.

  47. Ho visto ieri la partita della Primavera e è stata davvero primavera, anzi estate, non un’estate di San Martino ma un’estate come quella presente da qualche giorno nella mia regione. Una bella vittoria in un campo difficilissimo e ottenuta con pieno merito da parte di una squadra ben organizzata in tutti i reparti: sicura, anche se un po’ ruvida, in difesa, solida a centrocampo, ben chiusa in difesa del risultato, ma agile e pronta a lanciarsi in contropiede seconda la migliore tradizione interista. Alcuni giocatori mi son sembrati assai validi, anche tecnicamente. Non ne conosco i nomi perché da tempo, per non farmi il sangue cattivo, seguo le partite della mia squadra senza audio (lo consiglio a tutti!), come non conosco chi li ha allenati così bene e mi son subito chiesto come una società in grado di mettere in campo squadre giovanili così valide anche tecnicamente e così ben guidate non riesca da cinque anni a questa parte a fare altrettanto con la prima squadra, uscendo dalla mediocrità. Qualcuno obietterà che una rondine non fa primavera, eppure quest’impresa della Primavera fa bene sperare o almeno ci fa uscire per un momento dall’inverno del nostro scontento e dalle polemiche, vere o immaginarie, sugli arbitri, la società e il mondo tutto degli ultimi giorni. Son curioso di vedere come questa squadra si comporterà mercoledì prossimo nella partita di ritorno in campo amico (sarà trasmessa, credo, dalla Rai nei suoi canali sportivi in digitale), dove non si limiterà soltanto a difendersi. Non perdetevela, vi divertirete!
    Grazie dell’ospitalità e a tutti buona fortuna.

    • Anch’io l’ho vista, anzi vista a metà poiché mi incuriosiva anche il liverpool di cou che non mi ha deluso_ È stata una bella partita di calcio: udite, udite BEN ARBITRATA con due gol annullati alla juve, che, quantunque in NETTO fuorigioco, fa notizia, poiché annullati proprio alla juve e nel suo stadio addobbato a festa; e quasi pieno_ Visto che ciò mi riconcilia con il gioco, aggiungo che anche i giovani juventini mi son sembrati bravini_ Al ritorno sarà tutta da giocare_ Forza Inter, chissà che qualche pulcino non sia già migliore di qualche gallinaccio della prima squadra.

  48. Anonar,
    l’ho vista anche io, tifando per l’altra sponda (of course). L’Inter ha un bel centrocampo, sicuramente superiore a quello della Juve, mentre le difese mi sono sembrate tutte e due un po’ scarse.
    L’Inter e la Juve sono le due squadre che investono di più nel settore giovanile, da anni; bene quanti giocatori hanno “fatto carriera” e giocano in prima squadra? Nella Juve uno solo, Marchisio, nell’Inter, se non sbaglio, neanche quello.
    Insomma, c’è da chiedersi perchè tanti soldi poi non fruttino non dico una squadra, ma almeno 4-5 giocatori che possano giocare degnamente in prima squadra

    • Giusto.
      A questa domanda, generalmente, si risponde con supercazzole varie che, alla fine, vanno a sottintendere tutte il solito concetto, più o meno da bar: è colpa dei procuratori, assetati di guadagno, che convincono fin da giovanissimi i “talentini” ad avanzare pretese assurde.
      Il che potrà essere vero per società tipo Empoli o Carpi (con tutto il rispetto), ma i c.d. top-club della massima serie potrebbero essere un po’ meno timidi ad investire cifre, magari semi-importanti, anche su giovanissimi, o no?
      A me sta’ storia che tutto dipende dai procuratori non mi convince mica tanto.
      Guarda caso all’estero ci sono anche club la cui proprietà non dispone di patrimoni mostruosi, che riescono a far sbocciare talenti in prima squadra e a conservarseli per qualche stagione ottenendo risultati ottimi (anche a livello internazionale).
      Dopo vero è che, fatalmente ormai, presto o tardi il campioncino sulla soglia della consacrazione leverà le ancore verso le solite destinazioni, perché senza le potenzialità finanziarie da colosso multinazionale (tipo Real Madrid, Bayern, Barcellona, Manchester C., Psg) è chiaro che, anche volendo, la battaglia per trattenerlo sarebbe persa prima di cominciare; ma almeno per le prime stagioni buone (quelle dell’esplosione) te le sei “portate a casa”.

  49. A proposito di gobbi precoci (cit.neroazzurro-rosso) e DNA, ho mancato qualche settimana fa di commentare la partita del campionato Primavera Sassuolo-Juventus (3-2) non tanto per il risultato in se , nel calcio si vince e si perde, ma perchè forse valeva pena che mettessi in evidenza che seguendo quando possibile anche le “primavere” (sono un caso disperato!!!), ho potuto vedere in azione diverse compagini sia del girone A (quest’anno) che del girone B (lo scorso) ma nessuna, dico nessuna, ha raggiunto i livelli comportamentali in campo dei gobbetti. Ho sempre visto partite giocate lealmente (anche perchè in fondo, a parte un ipotetico futuro, non ci si gioca quasi nulla) falli comprensibili, comportamenti sportivi. Ecco, la Juve no, a parte i rotolamenti per terra ad ogni fallo subito,si sono esibiti nel loro pezzo forte, l’ormai mitico marchio di fabbrica di andare a circondare l’arbitro ad ogni fallo fischiato contro.
    Certo trarre conclusioni per una sola partita vista è forse preconcetto ma viene proprio da dire, talis pater, talis filius.

    p.s .Viene il sospetto che a Vinovo seguano un corso di training autogeno tenuto da Bonucci.

  50. Flavio Mucci

    non è un sospetto, ma una certezza.
    Quale credi sia il ruolo di “Rotolone Regina” Nedved in quella società di sacchi di letame?

    Bonucci può fare casomai un piccolo corso sulla mimica anale, pardon facciale.
    Ma il docente è quell’ammasso di letame con i biondi capelli da idiota.

    • I ceki (e soprattutto le ceke), ma sarebbero anche simpatici come popolo.
      Poi mi viene in mente che c’è Nedved (e Poborski, anche se quella è un’altra storia, … però, se è vero che è sempre stato un suo grande amico, non si dice che “chi si assomiglia si piglia”?).

  51. Ottimo post non c’è niente di sbagliato o di interpretabile i FATTI sono quelli non sono smentibili però poi il giudice TOSEL ritiene che le immagini di Belotti non siano chiare mentre quelle di Bonucci hanno una prospettiva sbagliata (ricordo un’altra prospettiva uno sputo atterrato a 3 metri da un noto tuffato ceko che costò 3 giornate a Samuel) gli arbitri non possono parlare e Rizzoli parla si lamenta Mancini risponde il giorno dopo Nicchi a parti invertite non succede mai.Quindi forse i Prezzolatii scribacchini sanno forse più cose di noi.Questo è un sistema che andrebbe raso al suolo ma che nessuno avrà il coraggio e la forza per farlo perché probabilmente fa comodo a tutti.Leggendo vari siti ho visto che gli unici veramente arrabbiati siamo noi tifosi.Penso che ormai non ne valga la pena questo paese non è mai stato rivoluzionario e questo calcio avrebbe bisogno solo di una rivoluzione. Scusate lo sfogo .

  52. Spettacolare!!

  53. “F.C. Internazionale comunica il prolungamento del contratto di Yuto Nagatomo fino al 30 giugno 2019.”

    Ma che bella notizia ….

    • colpa del complotto juventino antiNapoli

    • Spero che lo abbiano fatto per non lasciarlo a parametro zero…anche se… quanto può valere? …e poi chi se lo prende? e se anche qualcuno lo prendesse lui non ci vorrà andare!
      Brutta storia.

  54. E’ esperto, l’interista piu’ anziano e meriterebbe solo per questo la fascia di capitano_
    E’ di una correttezza esemplare che si stava per scusare lui con Belotti_
    E’ velocissimo, e anni fa ha anche segnato_
    Ci rende famosi in Japan_
    Già abbastanza per confermarlo: se poi volete uno forte allora siete proprio incontentabili_

  55. Zanetti:Nagatomo è uno dei leader del gruppo Inter.Amen Marzullo direbbe fatevi una domanda datevi una risposta.Ci si sente nel 2020.

  56. In compenso Conte pare stia iniziando lo shopping…Vediamo se anche lui ha bisogno di un anno e1/2 per presentare una squadra organizzata. Ho idea che se riesce ad “entrare” nell’ambiente Premier l’anno prossimo il Chelsea sarà la squadra da battere (parlo del calcio che conta, noi speriamo di passare i preliminari di UL).

  57. E giusto per proporre argomenti altri da “è colpa di Mancini” “no degli arbitri”, faccio notare che Thohir ha finalmente vinto la sua battaglia e il mercato asiatico verrà aperto come una cozza assistendo impressionato al Big match delle 15 tra Frosinone ed Inter.

  58. Sector hai ragione da vendere, però, oltre a moralizzare il calcio italiano che ne avrebbe veramente bisogno, mi piacerebbe anche rivedere in campo l’Inter.
    Che sono cinque anni che non si iscrive al campionato di serie A.

    E diciamo che un po’ mi manca, visto che l’ultima volta che l’ho vista giocare a calcio era campione di tutto il globo terracqueo!

  59. grazie diba, troppo buono.

    quel percaritadiddio era una sorta di ironica condiscendenza, come a dire “ok, facciamo pure che la Juve alla fine vincerà sicuramente, però…”

    Ma tanto è una storia che si ripete, come se non lo avessimo notato in molti: anche nel precalciopoli c’erano gli interisti che ripetevano

    “sì, vabbè, però noi contro la Lazio nel 2002 dovevamo vincere”
    “sì, però dai, siamo sinceri, Moggi di calcio ne capisce”
    “sì, ma Moratti strapaga le pippe”
    “eh, ma Gresko”
    “ok, ma Cuper”

    anche lì, mica ci pensavano che erano discorsi separati.

    La realtà è che non abbiamo imparato niente,
    ergo, ci meritiamo tutto.

  60. Contro la Lazio, ribadisco quello che pensavo allora, dopo, con tutto quello che è successo, e ancora adesso.
    Sì, dovevamo vincerla quella maledetta partita, senza se e senza ma.
    E pure a prescindere.
    E direi anche a maggior ragione, alla luce di quello che sembrava e che poi infatti è stato!

    Invece siamo andati a fare le vacanze romane!

    E la juve ce l’ha messo nel didietro due volte, prima rubando e poi pure sul campo (l’Olimpico).
    Per fortuna che dopo qualche anno ci siamo rifatti, e con gli interessi, sennò eran cazzi amari.

    Ecco quello che ho imparato: se sei primo e devi vincere l’ultima, non ci sono alternative, devi vincerla.
    A maggior ragione se dietro hai la rube!
    Poi facciamo tutti i discorsi del caso sulla moralità del calcio italiano e sull’arroganza e la mafia bianconera.

  61. Estecambiasso
    La realtà è che non abbiamo imparato niente, ergo, ci meritiamo tutto.

    Totalmente d’accordo , aggiungerei solo che anche come dirigenza non abbiamo imparato niente.
    Non so quanto siano legati e influenzabili l’un l’altro tifosi e società (credo non poco) , sembra un po il quesito dell’uovo e della gallina.

  62. grandissimo Settore come al solito un post da standing ovation! avendo letto in ritardo ho scorso velocemente i commenti mi sembra che ci sia sempre la discussione “sistema corrotto/si ma facciamo cagare” io mi schiero con chi dice che sono discorsi separati in particolare estecambiasso mi sembra abbia scritto benissimo quando dice che anche non pensando all’Inter sarebbe bello vedere un campionato dove magari il Napoli può vincere lo scudo alla fine non è neanche questione di tifare questo o quello è che alla base di tutto ci vogliono regole serie se no non c’è senso. volevo anche sentire i vostri pareri sulla famigerata moviola in campo secondo voi si risolverebbe qualcosa? con un tosel che ti dice che dalle immagini la simulazione di belotti non è chiara …

  63. Este, “percaritadiddio”, continui a dire che sono discorsi separati ma poi sei tu che centrifughi tutto e fai un bel mischione.

    Citi il 2002.
    Si, loro hanno rubato e noi avremmo meritato di arrivare a quell’ultima partita con già il titolo in tasca …ma così non è stato.
    A quel punto NOI avevamo il dovere di presentarci a quella partita maledetta con la bava alla bocca e gli occhi ignettati di sangue. Avremmo dovuto tritare la Lazio come segnale alla rube ed al mondo. Ed avremmo dovuto vincere.
    Invece ci siamo presentati sbronzi.

    Quindi dire che quel 5 maggio siamo stati dei coglioni è la pura verità. E nulla toglie al ladrocinio perpetrato dai pluricondannati. Ladrocinio iniziato e perseguito ben prima di quel fatidico finale.

    Quello che fa Internazionalistà è un “discorso separato”. Il resto sono alibi.

  64. Denny, la moviola in campo può essere utile in quei casi in cui può essere applicata in modo molto meccanico: gol non gol o fuorigioco. Con il computer tiri una linea e c’è poco da discutere (a meno che il caso non sia proprio limite; in quella circostanza si riunirebbe una commissione di esperti che dopo attenta analisi ed approfondito dibattimento …darebbe ragione ai ladri).
    Ma sarebbe già qualcosa.

    Per il resto (falli, simulazioni, ecc) in cui c’è un giudizio umano saremmo punto e a capo. Se con le immagini davanti agli occhi si riesce a far passare il concetto che è rizzoli che ha preso a testate bonucci, figuriamoci quando si deve decidere se un spalla/spalla fra due giocatori è una normale azione di gioco o c’è sufficente irruenza da giustificare un fallo.

  65. Sembra che 5 scudetti e il triplete contino zero…. io ricordo soprattutto quelli, ricordo anche che nel percorso di coppa avemmo molti più errori degli arbitri a favore che contro.. Le influenze juventine sono storiche, nascono ben prima di calciopoli come ricordato più volte invano: però di base hanno sempre avuto o quasi sempre squadre forti, altrimenti davvero non avrebbe senso seguire il pallone_ Noi non siamo nemmeno messi così male: le partite finiscono ormai al 95^, se finissero al 90^ come una volta saremmo in zona chl_

  66. Notizia di oggi: Cairo vuole prendersi Gazzetta e Corriere della Sera. “Urbano Cairo rompe gli indugi su Rcs MediaGroup e lancia un’offerta pubblica di scambio sul gruppo del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport per creare un grande gruppo editoriale multimediale «dotato di una leadership stabile e indipendente» (leggi qui la nota) e rafforzare il profilo economico finanziario della Rizzoli accelerandone la ristrutturazione e il rilancio. La proposta prevede l’offerta di 0,12 azioni Cairo Communication per ciascun titolo Rizzoli” si legge in una nota di Cairo Communication.
    Se non altro adesso so dove finiscono i soldi del Toro.

  67. Bilanisti&Rubentini è quello che penso anch’io anzi sono più pessimista di te temo che riuscirebbero a taroccare anche i fuorigioco e i palloni che superano la linea tipo quello di Muntari e poi magari direbbero “visto che vinciamo lo stesso?” in realtà un sistema minimamente onesto potrebbe funzionare anche con i mezzi attuali … ma mi sa che anch’io sto diventando benaltrista

  68. Denny, le linee tarocche senza tenere conto della prospettiva le può tirare glandiani su merdaset.
    Se si fa una cosa in stile NFL, non ci sarebbe neppure il tempo di fare un buon fotoritocco. Li cuccherebbero subito e penso si ritroverebbero sepelliti di cause da associazioni di consumatori et similia. Cause che, davanti ad un giudizio “meccanico” finirebbero col perdere sistematicamente.
    La federazione non potrebbe permetterselo.

    Gli leveremmo almeno uno strumento per rubare.

  69. Leali; Rosi, Ajeti, Blanchard, Pavlovic; Gucher, Gori, Frara; Paganini, D. Ciofani, Kragl.
    Oggi giochiamo contro questi qua, e nessuno si dice sicuro di vincere_

  70. Tizio è in un bar, lascia incustodito il cellulare sul tavolino per andare in cassa a pagare il caffè e intanto Caio arriva e glielo ruba

    in tutta Europa Caio è un ladro

    in Italia Tizio è un coglione.

    Finché continueremo a ragionare così, il calcio sarà solo l’ultimo dei nostri problemi.

  71. per essere sicuri di vincere il campionato bisognerebbe vincerle tutte e non solo l’ultima da giocare con gli occhi iniettati di sangue, allora sì si può stare tranquilli altrimenti c’ il rischio di perdere come a Mantova nel 1967, altra partita che si DOVEVA vincere senza se e senza ma, ma che però abbiamo perso e indovinate chi è che ha vinto il campionato quell’anno lì?

    guarda caso gli unici che hanno vinto l’ultima partita che avrebbe deciso il campionato per noi sono stati il Mancio a Parma e il Mou con il Siena, il Mancio per primo però, sotto la pioggia in piedi a bordo campo dal primo all’ultimo minuto…

    del resto a perdere una partita che “non si doveva perdere” non siamo stati gli unici, figuriamoci che tra le altre come il bbilan a Verona, la Roma in casa con il Lecce, la Fiorentina a Cagliari c’è anche la gobba che perse lo scudo a Perugia.

    a onor del vero a Perugia pioveva a dirotto,da lì il detto: ma vuoi far piovere??? quando uno fa una cosa fuori dal normale, difatti Collina fece riprendere la partita che aveva sospeso dopo i primi 45° e la gobba perse la partita e lo scudo.

    per cui fa ridere pensare che basti giocare certe partite con il piglio giusto per vincerle tranquillamente perchè non è vero, in quanto il calcio è uno di quegli sport dove anche il più debole può fare l’impresa della vita ed il più forte rimanere in braghe di tela.

    non per niente la gobba ha chiamato moggi a farle da tutor, altrimenti cosa se ne faceva di uno così se bastasse essere i più forti per vincere?

    ma poi di cosa stiamo discutendo da anni o da sempre, perchè il 2002 dovrebbe fare eccezione?

    non siamo stati noi dei pirla o vittime con la sindrome di stoccolma a perdere quello scudo che si poteva vincere, perchè a campionato regolare era già vinto a Verona tre giornate prima e l’ultima partita sarebbe stata solo una passerella.

    così come nel 1998 la gobba non doveva nemmeno essere lì a giocarsi lo scudo a torino con noi indietro di un punto ma avrebbe dovuto essere lei ad inseguire noi, al di là dello scandalo di quella partita e di quella merda di ceccarini, perchè in quel campionato fu aiutata dagli arbitri in maniera scandalosa con l’apice delle partite fatte con l’Udinese e l’Empoli dove gli arbitri riuscirono a non vedere il pallone nella rete bianconera passato di oltre un metro.

    altro che DEVI VINCERE senza se e senza ma.

    come oggi ad esempio, oppure con il Torino domenica scorsa, oppure con il Carpi, oppure con il Sassuolo, oppure con ecc.ecc.ecc.

  72. L’altro giorno, mentre degustavo un caffè seduto in un bar condividendo il tavolino con due altre persone, sento che, dopo aver letto, sulla gazzetta, della ufficialità della firma di Conte per il Chelsea, commentano la notizia secondo cui Conte vorrebbe portare alla sua corte nientemeno che Pogba e Bonucci.

    Non riesco a stare zitto e mi lascio scappare un commento del genere:
    “Sarei proprio curioso di vedere Bonucci nel campionato inglese perchè alla sua seconda partita verrebbe sicuramente espulso per comportamento scorretto in campo.”

    La reazione dei due tipi è stata:

    “Questo è sicuramente il punto di vista di un interista, perché anche Materazzi era un macellaio.”

    Ne è nata una leggera discussione sul diverso trattamento riservato ai giocatori dell’una e dell’altra squadra ma….niente, per loro Bonucci e Chiellini sono semplicemente dei giocatori che fanno il gioco maschio, non adatto alle donnicciole.

    Mi sono alzato dal tavolino mandandoli “amichevolmente” a cagare, loro, la rube e tutti i rubentini del mondo visto che, con questa ottusità di pensiero non c’è ragione che tiene.

    Forza Inter e forza Mancio.

  73. Quando si dice che certe cose vanno condannate senza se e senza ma, significa, per l’appunto, senza che ci siano se e ma.

    Dire Caio è un delinquente, MA Tizio deve farsi furbo
    SE Tizio si fa fregare 100 volte

    significa metterci i sopracitati se e ma.

    Perdere una partita, fosse pure l’ultima, fa parte del calcio,
    Calciopoli no

    Che l’arbitro sbagli fa parte del calcio,
    che sbagli sempre dalla stessa parte per sudditanza psicologica, non lo è.

    E, mi spiace, ma è una roba tutta nostra

    anche perché il “così fan tutti” è un impianto difensivo tipicamente gobbo -vedasi calciopoli- da cui, non me ne voglia nessuno

    io mi tengo lontano.

  74. cambio modulo, ricompaiono Telles, Murillo, Melo e Jovetic… scompaiono Santon (che ancora mi chiedo per quale cazzo di motivo sia ricomparso), Kondogbia, Eder e Perisic…..con quest’ultimo che continua a lanciare messaggini qua e la insieme al suo procuratore per prepararsi la via di fuga a fine stagione.

    Getto la spugna, mi sono stufato di sforzarmi a comprendere certe scelte… mi appresto solo a seguire con distacco totale l’ennesima sfida dove non ci si gioca un cazzo di niente

    • “..mi appresto solo a seguire con distacco totale l’ennesima sfida dove non ci si gioca un cazzo di niente”
      Come no? Se non arriviamo quarti i preliminari di UL rischiano di compromettere la nostra partecipazione al prestigiosissimo torneo estivo negli States.

  75. Certo che si può perdere anche quando devi vincere una partita così importante.

    Ma tu corso, ti ricordi come fu quella partita, ricordi minimamente come andammo in campo e il piglio che avevamo?

    Ti sembra normale un atteggiamento di quel genere per una squadra che deve e vuole vincere un campionato?

    Io trovo che non sia paragonabile a nessuno dei tuoi esempi, seppur comprensibili sportivamente.

    • certo che me la ricordo, pensavo fosse un’amichevole, senza falli o giocatori che si dannassero l’anima.

      partita che dava l’impressione di essere stata addomesticata da tutti, a partire dai media che già ci avevano assegnato lo scudo prima di giocarla, così come dai tifosi di entrambe le squadre in clima idilliaco, un accordo tacito di non belligeranza dove quella che doveva vincere non avrebbe trovato opposizione dall’altra.

      per quello che Materazzi alla fine era furioso, perchè pur non essendo stata comprata c’era la stessa aria ma era del tutto sbagliata e se ne sono resi conto quando oramai era troppo tardi.

      un accordo tacito non andato a buon fine…

  76. Este, ho capito che ti fa gioco, ma non volevi che le cose rimanessero separate?

    Caio è un ladro che deve essere punito. E nessuno lo nega.
    Contemporaneamente (e separatamente) Tizio è un coglione che lascia in giro il cellulare.
    Per intenderci, Tizio sarebbe un coglione anche se tornando dalla cassa avesse ritrovato il cellulare sul tavolo. Perchè il telefono non si lascia in giro.

    Perdere una partita (anche l’ultima) fa parte del calcio.
    Affrontarla a cuor leggero perchè hai già fatto la cena di fine anno e c’è un clima da “rompete le righe” è, per ripetermi, da coglioni.

    E, per chiudere il cerchio, se noi avessimo battuto la Lazio, i gobbi sarebbero rimasti dei ladri. Non è che perchè il furto non gli era riuscito li avremmo dovuti considerare degli stinchi di santo.

    Piani separati, appunto.

    Sei tu che stai mettendo i MA.
    Noi stiamo mettendo gli E.
    E’ tutta questione di congiunzioni.

  77. Nessuno ha detto che Caio non vada condannato, ma Tizio magari deve imparare a mettersi il cellulare in tasca o da qualche altra parte per evitare di farsi fregare.

    La parola furbizia ormai la associamo al fregare il prossimo, i furbetti de quartierino, i furbi all’italiana, ecc… Secondo me è una spiegazione meno che parziale. Farsi furbo non significa comportarsi necessariamente come Caio e andare in giro a rubare i soldi alle vecchiette che attraversano la strada, piuttosto una persona furba è anche uno che PREVIENE ed evita di farsi fregare dai Caii che ammorbano l’Italia.

    Se Tizio si fa fregare 100 volte, Caio deve essere mandato in galera altrettante, ma altri Caii come lui si avvicineranno al nostro Tizio, perchè lo vedranno come un pollo da spennare. E se Tizio, malgrado sia già stato fregato 100 volte alla stessa maniera, si fa fregare anche la 101ma, 102ma ecc… allora qualche domanda se la dovrebbe fare anche lui.

  78. Fine primo tempo. 0-0, una occasione da gol. Immagino miliardi di cinesi a cena con le loro bacchette in mano che si godono il prime time con la serie A italiana e non vedono l’ora di correre ad ordinare interi stock di magliette.

  79. Siamo comunque mediocri, ma se al posto dell’inutile paracarro con il nro 9 e al posto della mezza sega centometrista con il nro 11 avessimo non dico due campioni, ma anche solo due calciatori veri, saremmo tranquillamente 2-0 per noi.

    Invece rischiamo di perdere anche questa per qualche gollonzo all’85°

    10 anni fa Mancini mi sembrava capire di più di calcio, non vorrei che quello strano personaggio chiamato Silvinho che gli sta vicino in panchina lo stia condizionando negativamente.

    Fallo di mano clamoroso non segnalato, e noi fermati in due contro zero per fuorigioco inesistente… tanto per rimanere negli standard arbitrali, ma ovviamente non fa nessuna notizia e nessun clamore.

    Espulsione di D’ambrosio nel 2′ tempo nemmeno quotata dai bookmakers.

  80. No, un momento
    Un conto è dire che sono discorsi separati, visto che lo sto ripetendo alla nausea, e quindi è giusto.

    Un altro è dire che noi dobbiamo vincere aldilà dei torti arbitrali.
    Senza i quali noi saremmo arrivati alla partita a Roma già scudettati e sarebbe stata solo una grande festa.

    Da quello che io leggo, ed è la cosa che mi dà più preoccupazione, si ragiona sempre partendo dal presupposto che noi si debba essere più forti dei torti arbitrali.
    Ci siamo abituati a partire con l’handicap e se non lo colmiamo la colpa è nostra.

    Non è questo il ragionamento.

    Noi dobbiamo giocare meglio e non perdere certe partite, su questo non ci piove
    ma dire che dobbiamo vincere in 9 è una cazzata fatta e finita.
    Il fatto che si fosse 1-1 non significa nulla, anche la Juve stava facendo fatica col Toro e poi ha vinto 4-1 tra i peana della folla.

    I se e i ma non ce li ho messi io, visto che ho copincollato quelli di Davide.
    Sono discorsi separati, lo ribadisco, ma la priorità deve essere quella di eliminare tutto ciò che è distonico col gioco del calcio.

    Il fatto che invece molti interisti stiano dando priorità al fatto che noi si debba andare aldilà delle espulsioni e di diverse decisioni arbitrali discutibilissime, più che per i singoli episodi, per l’atteggiamento generale

    a me fa pensare.

    • Este, nessuno ha detto che avremmo dovuto vincere in 9.
      Si è detto che in 11 abbiamo fatto cagare per l’ennesima volta.

  81. Parlando di calcio,
    c’è un motivo valido per cui Kondogbia non è in campo?

    • Si, mancio non ha estratto il suo numero dal sacchetto della tombola quando ha dovuto dare la formazione.

  82. Ah, ma Icardi era in campo?

  83. Da quando Icardi è all’Inter 50 gol in 100 partite.

  84. “Da quando Icardi è all’Inter 50 gol in 100 partite.”…..

    Se non avesse quei due tombini al posto dei piedi lo score sarebbe sicuramente migliore.

  85. mammamia che roba… a far la conta dei secondi contro il Frosinone in 10!
    Manco spazzare una cazzo di palla a tempo scaduto!

  86. che peccato, abbiamo vinto…

  87. Vittoria difficile e oltremodo sofferta, forse nemmeno meritata…

    Grande Maurito, veramente un attaccante killer, ha trasformato il quasi nulla in vittoria…

    Alla fine, in superiorità numerica, invece che fare il 2° e il 3° gol siamo stati li ad amministrare pericolosamente il risultato…

    Che altro dire? Prendiamoci questi tre punti e amen

  88. Pensolando a quanto sarei stato incazzato se non avessimo vinto, sono contentissimo

  89. L’Inter vince ma non convince. La sento da 51 anni

  90. Io ho in particolare apprezzato i tre cambi tenuti per perdere tempo negli ultimi 5 minuti.
    Fine strategia.

  91. Io mi baso sui numeri. L’anno scorso alla 32ima l’Inter aveva 42 punti, quest’anno 58, il che significa che il termometro segna un +16.

    Capitolo attacco. Icardi viene spesso criticato per il poco apporto dato alla squadra, ma poi dentro la butta sempre lui. Io vorrei che si prendesse una decisione univoca in merito: serve di più un goleador alla Icardi (o Bacca, per esempio) che tocca un pallone e lo mette nel sacco ma per il resto è un fantasma oppure sarebbe auspicabile avere un attaccante che pressa il portatore e aiuta in difesa tipo Mandzukic?

    Questa è la scheda dei due giocatori:
    Icardi 14 gol/27 partite, media 0,52
    Mandzukic 7 gol/21 partite, media 0,33

    Ci sono pro e contro. La media realizzativa parla chiaro, mentre non si può quantificare numericamente lo sbattimento in favore dei compagni di squadra, che per Icardi è nullo mentre per Mandzukic è fondamentale (infatti se la Juve becca pochi gol il merito è anche suo).

    Fate la vostra scelta, voglio vedere cosa ne viene fuori.

    • Meno male che ogni tanto si riesce ad entrare un po’ nel merito del gioco, thanks. Io dico Mandzukic, a patto di avere una seconda punta da 10 gol ed un centrocampista che si inserisce e sa buttarla dentro di tanto in tanto. Come dici tu, del lavoro di Mandz beneficiano tutti. Difende e fa salire. Certo Icardi è un cecchino; avesse una squadra organizzata a supporto e piovessero cross decenti (pare che a Conte piacerebbe mettergli Perisic e Cuadrado ai lati e Pogba dietro).

    • Ciao, Gus. Infatti Mancini aveva chiesto Dybala, il quale a Palermo agiva da prima punta, alla Juve lo hanno arretrato ma non ha perso il vizio del gol (18 in questa stagione). Icardi non può fare reparto da solo, ma beneficerebbe di una prima punta alla Mandzukic che faccia il lavoro sporco per lui. Perisic è un fior di giocatore, ma gioca esterno, Palacio non regge tutti i 90′, Eder sta un po’ deludendo e Ljajic si sveglia solo quando ne ha voglia. L’attuale situazione dell’attaco nerazzurro è tutt’altro che rosea.
      A mio parere, che vale zero, ad Icardi potresti affiancare sia una seconda punta (alla Dybala) che giochi tra le linee, sia un Mandzukic che faccia le sponde: in ogni caso metteresti il bomber in condizione di far gol più volte a partita. Non so quale dei due esperimenti verrebbe meglio perchè dovresti considerare altre cose, tipo chi costruisce a centrocampo e chi fa i cross sulle fasce. Però andrebbero bene entrambi, secondo me.

    • non credo che si possa criticare Bomberone, talmente forte da superare i limiti cognitivi del proprio allenatore e quelli tecnici dei compagni

  92. Davide, prendendo anche per buono tutto quello che dici, manca una considerazione importante alla tua analisi:
    – ci sono giocatori alternativi allo sbattone difensivo dell’attaccante?
    – ci sono giocatori alternativi ai gol del centravanti cecchino?

    Perchè Mandzukic ha Dybala a far coppia con lui.
    Icardi chi avrebbe?
    Allora facciamo che gli sbattoni per aiutare la difesa se li facciano i Medel ed i Melo (abbiamo voluto il centrocampo fisico mica per quello?).
    E lasciamo che il “paracarro” la butti dentro.

    Quando avremo di nuovo gli Eto’o od i Milito riparleremo del ruolo di Icardi.
    Ma oggi contestarlo mi pare, quello si, autolesionistico.

  93. Oggi mancio è tornato al progetto iniziale: 4231 con jojo dietro icardi che diventava 442_ com’ andata? Icardi & eder giocarono insieme alla samp con buoni risultati, da noi quasi mai visti_ con liajic o palacio è wandito èndato un po’ meglio: ma se da tutta questa girandola fosse uscita una coppia convincente avremmo avuto un assetto stabile, cosa che non è_ la ricerca continua.. E non sappiamo né se rimane mancio, né se rimane icardi_ sono strategie societarie, allo stato per noi indecifrabili_la società , appunto..