Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Perché è nelle scuole che si combatte il razzismo

| 116 commenti

Ciao Romelu

Ti scriviamo a nome della Curva Nord, si i ragazzi che ti han dato il benvenuto appena arrivato a Milano.

Ci spiace molto che tu abbia pensato che quanto accaduto a Cagliari sia stato razzismo.

Devi capire che l’Italia non è come molti altri paesi europei dove il razzismo è un VERO problema.

Capiamo che ciò è quello che possa esserti sembrato ma non è così.

In Italia usiamo certi “modi” solo per “aiutare la squadra” e cercare di rendere nervosi gli avversari non per razzismo ma per farli sbagliare.

Noi siamo una tifoseria multietnica ed abbiamo sempre accolto i giocatori provenienti da ogni dove sebbene anche noi abbiamo usato certi modi contro i giocatori avversari in passato e probabilmente lo faremo in futuro.

Non siamo razzisti allo stesso modo in cui non lo sono i tifosi del Cagliari.

Devi capire che in tutti gli stadi italiani la gente tifa per le proprie squadre ma allo stesso tempo la gente è abituata a tifare contro gli avversari non per razzismo ma per “aiutare le proprie squadre”.

Ti preghiamo di vivere questo atteggiamento dei tifosi italiani come una forma di rispetto per il fatto che temono i gol che potresti fargli non perché ti odiano o son razzisti.

Il razzismo è una cosa completamente differente e tutti i tifosi italiani lo sanno bene.

Quando dichiari che il razzismo è un problema che va combattuto in Italia, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi inclusi i tuoi e contribuisci a sollevare un problema che qui non c’è o quantomeno non viene percepito come in altri stati.

Noi siamo molto sensibili ed inclusivi con tutti. Possiamo garantirti che tra noi ci son frequentatori di diverse razze e provenienze che condividono questo modo di provocare i giocatori avversari dell’Inter persino quando questi ultimi sono della loro stessa razza o provenienza geografica.

Ti preghiamo di aiutare a chiarire quello che realmente è il razzismo e che i tifosi italiani non sono razzisti.

La lotta al VERO razzismo deve cominciare nelle scuole non negli stadi, i tifosi son solo tifosi e agiscono in modo differente allo stadio e nella vita reale.

Stai certo che quello che dicono o fanno a un giocatore di colore avversario non è quello che direbbero o farebbero nella vita reale.

I tifosi italiani non saranno perfetti ma sebbene comprendiamo la frustrazione che ti possono creare certe espressioni, queste non sono utilizzate a fini discriminatori.

Ancora una volta …

BENVENUTO ROMELU

(Curva Nord, post pubblicato sulla pagina Facebook “L’urlo della Nord” il 3 settembre 2019)


(traduzione di Settore)

Ciao Romelu

Benvenuto in Italia. Gli italiani non sono razzisti, noi non siamo razzisti, nemmeno quei pecorai del Cagliari sono razzisti. Il problema, quello vero, è che tu sei negro.

E’ meglio che mettiamo in chiaro le cose subito, alla seconda giornata. Ci siamo accorti che non sei un negro di quelli normali, che stanno zitti, pedalano, giocano la loro partita, fanno un selfie e via. No, tu sei un negro fortissimo (questo ci va bene) e purtroppo (che noia!) sei uno di quei negri orgogliosi di essere negri.

Questo, oggettivamente, è un problema.

Ora, come distinguere se la gente ti ulula perchè sei fortissimo, perchè stai tirando un rigore o perchè sei negro?

Questo, oggettivamente, è un altro problema. Ma noi ti proponiamo una soluzione, che dovresti aiutarci a divulgare proprio in quanto negro progressista. Dimentica questa stronzata del razzismo: noi non lo siamo, gli italiani non lo sono, nemmeno quei quattro inculapecore con l’anemia mediterranea lo sono. Noi vogliamo solo aiutare la nostra squadra: dai, ma come ti salta in mente di pensare che siamo razzisti? Anzi, farti il verso della scimmia mentre tiri un rigore è un segno dell’enorme rispetto che l’Italia intera nutre nei tuoi confronti: hanno paura di te e ululano. Ti rispettano e ululano. Capisci?

Certo, tu ci dirai: ma perchè mi fanno il verso della scimmia invece di insultarmi o disturbarmi o distrarmi in maniera, come dire, normale? Non sarà mica che siete razzisti?

E no, Romelu, noi non siamo razzisti. Noi siamo un paese accogliente, una tifoseria accogliente, una curva accogliente. Il problema è che tu sei negro. Grande, grosso, fortissimo e negro. Cioè, se eri bianco non stavamo mica qui a scriverti.

E tu devi capire, in quanto negro che si mette a fare le battaglie tipo Martin Luther Blisset o come cavolo si chiamava, che adesso ci metti nei casini. Cioè, noi vogliamo continuare a fare il cazzo che ci pare, noi e le altre 19 curve e anche i singoli tifosi sparsi per lo stadio che non ce l’hanno necessariamente con i negri in quanto negri, però all’occorrenza devono essere liberi di insultare chiunque perchè questa è l’essenza del tifoso, caro Romelu. Insultare chiunque.

Quindi, accontentati di essere il centravanti dell’Inter e dimenticati di essere negro, o domina l’istinto di vivere la tua triste e vistosa pigmentazione con quell’orgoglio un po’ demodè alla Martin B. B. King o come cavolo si chiamava. Facendo casino, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi, compresi i tuoi, cioè noi, e sollevare un problema che qui in Italia non esiste, cioè il razzismo.

Pensa che ci sono dei negri e dei marocchini anche in curva, e pensa che insultano negri e marocchini in campo: non è bellissimo? Non è fratellanza? Non è amore?

Cerchiamo di essere amici, dai: il tuo predecessore, un coglione, non lo è stato e non se l’è passata benissimo. E pensa che era bianco.

La lotta al razzismo deve iniziare nelle scuole, nelle scuole!, e non negli stadi, dove vogliamo continuare indisturbati a ululare ai negri giustificandoci dicendo che è tifo. Non venire a crearci problemi inutili, Romelu. E’ così dalla notte dei tempi. Prima ululavamo ai terroni, poi l’Europa si è riempita di negri e non è mica colpa nostra. Vogliamo continuare a essere gli animali che siamo sempre stati, così, senza inutili retropensieri.

Noi nella vita reale non ululeremmo mai a un negro. Ma allo stadio sì, perchè è nelle scuole, nelle scuole!, che si combatte il razzismo, ammesso che esista, non negli stadi perchè gli italiani non sono razzisti e amano i negri, ma li amano nelle scuole, non negli stadi dove li rispettiamo facendo il verso della scimmia perchè li temiamo come se fossimo nelle scuole perchè è lì che si combatte il razzismo negli stadi che non esiste.

Benvenuto Romelu, uh-uh, salta non noi. E Juve merda!

share on facebook share on twitter

116 commenti

  1. Mai avrei pensato che ci sarebbero voluti i buu di Cagliari per leggere finalmente un nuovo post… ma tant’è: bentornato Settore!

  2. Bravo, Settore, e bentornato! Ci mancavi.

  3. Meraviglioso Settore.
    Credo però che gli autori di quel comunicato non sarebbero in grado di comprendere l’ironia del pezzo.

    Mi sa che nelle scuole, nelle scuole!, loro non ci sono andati. E se c’erano, dormivano.

    • Concordo, Carlo.
      Mancava solo che scrivessero “noi non abbiamo nulla contro i froc…. ehm, contro gli omosessuali, anzi, abbiamo molti amici gay. Basta che stiano a tre metri dal nostro culo”

  4. Mancavi si!

  5. Settore fai più ferie tu che i bambini delle scuole …

  6. mi ricordo negli anni degli ultimi europei, raitre, tg3.
    la giornalista che si spertica nell’elogio dell’emigrazione.
    e parla di lukaku.
    che e’ belga nato in belgio, ma siccome e’ nero sicuamente avra’ avuto qualche avo arrivato con i barchini della morte.
    e sticazzi.

  7. “Non è un insulto razzista ma un insulto tradizionale e visto che è meritorio proteggere le tradizioni, continueremo a farlo (soprattutto a Inter-Brescia e Inter-Napoli).”

  8. Bentornato, finalmente ci potremo fare due risate in santa pace, ci sei mancato, mi aspettavo qualcosa sul caso Icardi, ma ho atteso invano… comunque adesso non ci abbandonare di nuovo…

  9. Le scuole riaprono il 12 quindi si ricomincerà a combattere il suddetto razzismo solo dopo tale data.
    (bentornato Vecchio!)

  10. Bentrovati. E buona stagione a tutti.
    Già, benvenuto in Italia Big Rom.

  11. Grazie Sector post di grande intelligenza e attualità.
    E son felice che si riapra il blog perchè mi mancavate!

  12. Finalmente sei/siete tornati!!

    Cominciavo ad essere in crisi di astinenza!

    Domanda: ci sarà pure un modo per evitare che questi pirla (ma anche delle altre squadre) entrino allo stadio?

    No si può evitare di vendergli i biglietti?

    AMALA:

  13. bentornati a tutti!!!

    che piacere ritrovarvi….è come tornare a scuola e ritrovare i vecchi compagni dopo tre mesi. grazie settore per avermi fatto rivivere questa sensazione (pregasi cogliere l’ironia)

    forza Inter e iuve merda

  14. Sono mesi che quotidianamente apro e oggi finalmente bellissima sorpresa.
    Mi unisco al bentornato. Grande Sector adesso però non ci abbandonare per così tanto tempo.
    Che curva di mentecatti bah il mondo è vario.
    Volevo chiedere al popolo nerazzurro se siete ottimisti per questa stagione.
    Certo un centrocampista…

  15. mi mancano i post sul podismo

  16. Finalmente, come finisce il mercato e ritorna il calcio giocato , torna anche Settore, brillante e arguto come sempre. Detto questo debbo però concordare con la curva sul fatto che non si tratta di razzismo ma bensì di goliardia. Ultimamente qualsiasi ignobile azione passa come goliardia. Basta coi valori inviolabili, ingessati, col politicamente corretto: viva la goliardia.
    p.s. Nel caso di branco di giovani che stuprano una ragazza trattasi invece di bambinata.
    L’importanza del linguaggio.
    Juve M.

  17. Ciao a tutti e ben trovati.

    Settore riapre ma tempo due settimane e saremo nuovamente silenziati,

    Quindi

    Passo di qua solo per salutarvi, ho infatti traslocato in altro blog dove c’è una maggiore considerazione per gli utenti che lo popolano.

    Ringrazio tutti per questo viaggio virtuale, sono arrivato qua nel 2010 e di acqua sotto i ponti ne ho vista passare parecchia.
    Ricordo con una certa nostalgia i bei tempi in cui ad ogni refresh della pagina trovavi un centinaio di nuovi commenti, in cui finito di leggere un post del padrone di casa ne spuntava immediatamente un altro.

    Purtroppo sono tempi passati, oggi quando vengo qua mi sembra di esser quel cliente restio ad andarsene mentre i proprietari del bar stanno già facendo le pulizie per suggerirmi educatamente di togliermi dai coglioni.

    Rispetto dunque il disimpegno di Settore, ci sta, e non contribuiró oltre alla tenuta in vita artificiale di un blog che evidentemente vuole essere chiuso in tempi rapidi.

    Colgo dunque l’occasione di questa riapertura per salutare tutti voi con grandissimo affetto e per augurare a Roberto ogni bene per il suo prosieguo, da giornalista, blogger e soprattutto gufo antigobbo.

    Chissà, se questo posto esisterà ancora, magari ci rivedremo proprio alla prossima eliminazione dei gobbi dalla UCL

    Un abbraccio, vostro WOLF

    • Ciao Wolf, dove sei traslocato? Anch’io trovo proprio sciatta la gestione di un blog storico come questo. Ma tant’è…

    • Ciao Gus.
      Bauscia cafè.
      È molto vitale e prolifico, adesso però hanno appena cambiato piattaforma quindi ci vorrà qualche giorno per il ritorno a regime.
      Nel frattempo però è aperta si dibatte regolarmente.
      Ti aspetto di là

      Mi scuso con settore e Thad per questa pubblicità, ma credo faccia scopa con il loro legittimo desiderio di disimpegno del blog

    • Perfetto, ci si incrocia anche di là allora. E ogni tanto se hai tempo passa dal malpensante…

  18. Be’, di carne a cuocere ce ne sarebbe tanta in questa lunga estate.
    In ogni caso, il comunicato della nord è, come al solito, demenziale!

    Bravo e bentornato Sector!
    Avevo un po’ di nostalgia.

  19. Per esempio, una cosa mi piace molto e cioè che la società c’è!
    Basta pacche sulle spalle.
    Finalmente, e speriamo si continui così.

    Dimenticavo: un saluto a tutti e ben ritrovati!

  20. A furia di prenderla sottogamba certa gente poi te la ritrovi al governo.
    Patti chiari e amicizia lunga, se va bene così lo si dica che uno si organizza.

    (poi ti eleggono pure bolsonaro, e i piani di una vita si oscurano come il cielo di Manaus).

    Buongiorno Sector!

  21. Il comunicato della Nord è demenziale come dice Internazionalista che saluto; quello che fa più impressione è il tono. Avete notato come sembrano sempre impartire lezioni di vita. Loro sì che sanno che cosa vuol dire tifare, tutti gli altri sono secondo sti dementi, soltanto di passaggio (anche i giocatori ) quasi ospiti a casa loro. E invece no, col cavolo! E spiace che non ci sia un minimo di coraggio da parte delle società e dei giornal….cioè beh lasciamo perdere!

  22. L’estate del repulisti nello spogliatoio…
    A quando il repulisti in curva?

  23. Seriamente, mi ha dato molto fastidio che alla prima di campionato la coreografia della curva( in tantissimi casi sempre apprezzata e filologicamente attinente) abbia inneggiato ad un individuo quantomeno equivoco , che , al di la’ dell’ovvia pietà che ogni vivente merita, personalmente non avrei ricordato in quel modo. La società sta operando come il bravo chirurgo, quello che invece non si fa impietosire e per questo ha la mano ferma e salva il paziente; riuscirà a fare qualcosa anche in questa direzione o rimarremo sempre ostaggi di costoro? Ah già ,ma la democrazia e la tolleranza si deve insegnare a scuola e questi ormai sono fuori corso.

  24. Questi la scuola manco sanno cos’è.
    L’ignoranza è abissale e, come dice Nicco (un saluto anche a te), danno pure lezioni di vita.
    Il repulisti andrebbe fatto a cominciare da loro.
    Che votano Salvini e frequentano casa pound, che spacciano in curva e inneggiano a personaggi da galera!
    Mafiosi, fascisti, canaglie.
    Altro che tifosi!
    Merde, direi.

  25. Apprezzo e sottoscrivo la sintesi

  26. ovvio che a casa tua fai come vuoi ci mancherebbe, ma nel tempo questa casa, scusa se mi permetto, e’ diventata anche casa nostra, quella casa nerazzurra che grazie alla tua intelligenza, ironia etc. non si trova da nessuna parte

    Pero’ “ariscusase se mi ripermetto” deciditi cosa vuoi fare, proprio oggi giuro, guarda il tempismo, pensavo anche io come gia fatto da altri “settoriani” di traslocare su un altro blog.

    Detto cio che dire del tuo post, geniale, divertente come solo tu sai fare.

  27. No dai, per quanto bravi e interisti, come Settore non c’è nessuno.
    Molti dei suoi post sono memorabili e inarrivabili.
    Io sono un settoriano dal 2006, e di acqua ne è passata qui dentro!

  28. Corriere della sera: articolo sul comunicato della curva.
    Adesso ci vuole un pochino di pressione e non mollare l’osso. Bravo Facchetti!

  29. Benritrovati a tutti, dopo la lunga estate, il calciomercato, il repulisti all’interno dell’INTER e il lungo oscuramento di Settore.

    Il quale ultimo ritorna alla grande con un ‘pezzo’ dei suoi, questa volta connotato da sferzante e amaro sarcasmo.

    Spero, come molti ‘settoriani’ storici, che questo ‘post’ costituisca l’inizio di una stagione su basi nuove (come sta avvenendo per l’Inter) e che il silenzio protrattosi per mesi sia solo dovuto a un rigetto per le vicende (spesso contraddittorie e contraddicentisi) del calciomercato e non, piuttosto – come da alcuni paventato – da una volontà di disimpegno di Settore.

    La quale ultima ipotesi vorrei non fosse vera, ma che – se fosse la verità – non potremmo che rispettare, quali che ne fossero le ragioni.

  30. Eccomiiiiiiiiiiii
    Minchia, ero in crisi di astinenza.
    E, direi, pure rassegnato, dato che ci ho impiegato un giorno a scoprire che “habemus post”.
    Due considerazioni:
    Luther Blissett e B.B. King mi hanno fatto ribaltare come solo Settore sa fare.
    In effetti un post o anche mezzo sulle Icardiadi me lo sarei aspettato.
    Ma…….resto in attesa; hai visto mai?

    Un abbraccio a tutti.

    A M A L A (anche su DAZN, che a breve per me sarà gratis).

    • Posso condividere tutto quello che hai scritto?
      Si?

      CONDIVIDO TUTTO QUELLO CHE HAI SCRITTO.

      (pare che le maiuscole equivalgano nei blog ad urlare, per cui…)

  31. Be’, pure Settore fa u po’ il cazzo che gli pare

  32. ERA ORA!!!!!!!
    🙂

  33. Eh, niente… tocca pure ringraziare i Buu razzisti per rileggere Sector e gli amici nerazzurri…

    Un saluto a todos e siempre RuBe merda!

    Buu

  34. Un bentornato a Sector, un saluto agli amici frequentatori e…un augurio di lunga vita al blog. Non appartengo a coloro che avanzano pretese nei confronti di chi organizza questo genere di salotti virtuali, a cui partecipo quando lo ritengo opportuno come ospite non invitato, libero di prendermi pause più o meno lunghe (temo come la peste dei nostri tempi i rischi di dipendenza che colgo purtroppo in molte persone che mi circondano) e giustifico quelle degli organizzatori, che non conosco personalmente (nel caso di Sector invito chi è interessato a leggere le interviste presenti in rete, che sottolineano la modestia dei mezzi a disposizione e la passione disinteressata che anima questo genere di persone a cui va la mia ammirazione e la mia gratitudine senza riserve di sorta) e di cui spesso non condivido totalmente le opinioni, ma che rispetto soprattutto quando nascono da un appassionato dissenso ed espresse con ironia e giusto sarcasmo come l’attuale intervento. Ho già espresso in altre occasioni la mia intima convinzione che i buu che si ascoltano negli stadi non siano frutto di convinto e preconcetto razzismo (raro) e neppure di xenofobia (frequentissimo nella nostra società) ma piuttosto della pessima abitudine o del malcostume antisportivo quant’altri mai di servirsi di ogni genere di mezzo, lecito o illecito, per provocare l’avversario e spingerlo a sbagliare o a reagire con gesti inconsulti. C’è un rimedio a questi comportamenti incivili e sportivamente inaccettabili? Quello a cui ho fatto ricorso io è stato drastico, ma non è consigliabile per la sopravvivenza di questo tipo di spettacolo: da almeno cinquant’anni, da quando è nato il cosiddetto tifo organizzato, non frequento più gli stadi di calcio (certi cori come devi morire! in occasione di incidenti di gioco o di ammazzalo! in occasione di entrate assassine dei giocatori di casa mi offendevano molto più dei buu di questi tempi malmostosi, nei quali la società gronda in ogni settore di violenza e di sopraffazione e in cui l’insulto è pane quotidiano, quasi accettato, scusato e ritenuto necessario per dar più risalto a ciò che si dice). Rimedi drastici, come quelli attivati in altre nazioni più attente al rispetto di una civile convivenza, credo che in Italia siano di facile introduzione ma poi di difficile rispetto, per l’assenza o per la mancanza di un consenso convinto di chi dovrebbe farle rispettare. Meglio sarebbe, a mio parere, se venisse a mancare a queste teste vuote la cassa di risonanza dei media: la pubblicazione e i commenti sarcastici non correggeranno certo la malattia, ma al contrario l’alimenteranno. Il problema mi sembra troppo complesso e di difficile soluzione e , dico la verità, in una società come la nostra in cui la violenza si manifesta nelle forme più crude e inaccettabili nelle famiglie, per le strade, nei luoghi considerati un tempo più sicuri, i buu di quattro cretini, non mi sembra costituiscano un gran problema, e potrebbero essere immediatamente sopraffatti dai dissensi unanimi degli altri spettatori. Mi immagino che questa mia opinione sarà condivisa da pochi e me ne scuso. Confesso anzi che come primo post mi sarei aspettato altro, tante sono le novità che rendono quest’avvio di campionato straordinariamente interessante. Ma tant’è! Sarà per la prossima volta, e sono certo che ci sarà!
    Buon fine settimana a tutti.

  35. Settore,
    sei mancato pure ad uno juventino, mannaggia a te…

  36. Le tesi di @scettico (bentrovato), che io non condivido, sono in sostanza quelle della curva nord. Propongo che i comunicati di CN69 li scriva lui, almeno la forma ne godrà di importanti benefici…
    Nell’Europa maggiormente civilizzata, in cui l’educazione di massa è superiore alla nostra media, questi distinguo per i quali se do del negro a uno “solo” per innervosirlo sarei meno razzista, proprio non li capiscono. È una battaglia persa. Rassegnarsi quindi al vomitevole malcostume degli ululati ai giocatori di colore? Squalificare la curva dell’Inter (solo quella però, mi raccomando) quando succede? Fermare il gioco (regalando così altro protagonismo e potere di ricatto agli ultras)?. Mah. Boh.
    Forse l’unica è veramente avere uno stadio nuovo, talmente fighetto, comodo e totalmente pensato e strutturato per le famiglie che risulti poco godibile ai nazifascisti della domenica.

  37. Ciao Gus, abbiamo già duellato sullo stesso tema, rimanendo ciascuno, come è giusto che sia, sulle medesime convinzioni. La mia convinzione nasceva dalla contraddizione di comportamenti di tifosi che fanno buu a Koulibaly e un attimo dopo applaudono entusiasti un dribbling di Asamoah. Poiché non li ritengo daltonici, non credo che sia questione di pelle il diverso comportamento , ma si fondi sull’obiettivo, poi raggiunto, di provocare la reazione del giocatore in questione (che si sa particolarmente sensibile a tal genere di provocazioni ) con relativa espulsione. Le curve degli stadi di calcio (e fortunatamente solo di quelli) sono da sempre considerate le eredi dei circhi dell’antica Roma, una specie di terra franca dove è lecito servirsi di ogni mezzo, fino all’uso di armi da fuoco, contro gli avversari sentiti come nemici da distruggere anche fisicamente, indipendentemente dal colore della pelle. Piaccia o non piaccia, questo è la condizione di fatto del nostro sport più popolare che , sono d’accordo con te , andrebbe combattuta con misure appropriate, ma da chi, dai dirigenti maschilisti, sessuofobi che fanno carriera nel mondo dello sport ammanigliati a partiti, quelli sì, apertamente razzisti? Ci siamo appena liberati da un prototipo perfetto di razzista , una specie di duce truce adattato alle esigenze dei nostri tempi e vuoi che mi scandalizzi e mi preoccupi per quattro cretini che dagli spalti di uno stadio ululano , loro sì, come scimmie ammaestrate?

  38. Scettico

    la pensavo come te, ma credo di sbagliare.
    Gus, Settore e tutti gli altri hanno ragione:
    la discriminante qui è il colore della pelle, e non più l’essere cornuto o l’essere un figlio di buona donna, ecc. ecc., con cui sfottere e/o deconcentrare l’avversario.
    E col colore della pelle non si scherza.
    Non si deve scherzare, perché poi non si sa dove si va a finire (anzi, lo sappiamo bene!).

  39. Tra l’altro, di questi tempi bui, a maggior ragione, la faccenda assume connotati seri e non sindacabili.
    Non vale piu lo sfottò o la goliardia, semmai di questo si tratti (e non credo).
    Insomma, la Storia ce lo insegna.

  40. Se Settore non ha piú tempo, risorse, voglia (?) di sfornare post a ritmo continuo come ai bei tempi, bhe … noi non possiamo proprio dirgli nulla. È gratis! Dobbiamo solamente ringraziarlo per quello che ancora ci regala di tanto in tanto.

    La scocciatura del blog (che per me rimane IL blog) sta semmai nelle continue congelature dei commenti.
    Se potessimo comunque sempre scambiarci le nostre “illuminate” opinioni, ci sarebbero tutti i presupposti per garantire fedeltà e presenza. Gli argomenti, a turno, li abbiamo sempre trovati anche in autonomia.

    Ma se ormai il blog gira un mese si e tre no … bhe, è chiaro che ci tocca andare a cercare delle alternative in rete.

    L’avevo già detto in occasione del precedente stop : anch’io vado a leggere altri blog, dove peraltro i post arrivano anche lí con il contagocce, ma non mi sento a casa come su Settore!

    In sostanza, si possono almeno evitare questi stop ai commenti ?

  41. La paura genera mostri.

  42. Caro Internazionalista, cosa posso risponderti? Su tal genere di questioni nessuno può ritenere di avere la verità in tasca, io in particolare, assente da mezzo secolo dagli stadi e dalla vita attiva da quasi un trentennio. Mi picco di capire il mondo d’oggi e scrivo un libro di epigrammi che nel giro di qualche settimana o di qualche mese devo correggere o annullare perché la realtà ha fatto un salto in avanti. Pensa un po’: ne avevo scritto uno su Icardi, giustamente celebrativo, oggi ormai fuori corso, un altro sul PD eterno perdente e oggi di nuovo al comando. Entro l’anno ho intenzione di pubblicare il libro, ma non so quanti epigrammi dovrò modificare nei prossimi tre mesi. Quanto al preteso razzismo dei curvaioli, immagino quello che succederà a S.Siro quando ospiteremo il Napoli e ci sarà qualche cretino che ululerà quando toccherà palla Koulibaly : “Noi razzisti, ma se ci siamo spellati le mani per applaudire il nostro eroe Lukaku!” Non lasciamoci ingannare dalle apparenze, da quattro beoti che ululano alla luna dagli spalti di uno stadio. Sono un ex educatore e ho sempre nutrito grande fiducia nelle giovani generazioni, oggi in particolare, perché ritengo i giovani d’oggi aperti al mondo, anzi, cittadini del mondo come non sono certo stati quelli che ho educato per quarant’anni. Al tempo stesso però constato che la meglio gioventù fugge dal nostro paese, un paese sempre più vecchio, xenofobo e incattivito. Che fare? Non resta ormai che affidarsi allo stellone. “Itala gente dalle molte vite…” Quale sarà quella che ci aspetta da vivere non te lo so proprio dire. Come scriveva il poeta: solo questo posso dirti “quel che non siamo, quel che non vogliamo!”
    Buona domenica.

  43. Caro Scettico,

    infatti lo dici tu stesso che questo nostro povero paese è un paese sempre più vecchio, xenofobo e incattivito.
    E quindi io non credo sia solo un gruppetto di facinorosi, purtroppo.
    Sento ormai troppa gente che fa discorsi brutti e vota salvini.
    Troppi!

    Non stanno solo in curva.

    Su tutto il resto si può cambiare idea (Icardi, PD, ecc.), ma sui Buu è bene stare all’erta e non concedere niente.

  44. E sul poeta siamo assolutamente d’accordo.
    Buona domenica anche a te.

  45. Mi fa piacere anzi sono proprio contento che il Mister abbia deciso di tenere Esposito come quinta punta. Per me è un ottima scelta se son fiori…
    Puntare anche sui giovani e qualcuno buono c’è anche in U19 e fargli sentire l’aria della prima squadra.
    Cari Internazionalista e Scettico dite cose condivisibili, da inorridire oltretutto per l’omaggio a un fascista spacciatore, la Società dovrebbe non solo prendere le distanze ma non permettere assolutamente queste schifezze.

  46. Andate tutti affanculo. Con affetto, finalmente rileggendoVi,

  47. Excellent, what a blog it is! This blog gives helpful facts to us, keep it up.

  48. Quoto Wolf.

    Oltre un anno fa avevo proposto di adottare un semplice “up” che permettesse la ripartenza dei commenti dopo il blocco, insomma un post vuoto o semplicemente sdoppiando il precedente con un /2.
    Nessuno pretende Settore che lavori gratis per noi sfornando post a ns comando. Però se hai un blog penso che il minimo sia concedere ai frequentatori di commentare, specialmente se il problema lo risolvi con un impegno di 30sec al mese (quando non ci sono post nuovi).
    Francamente caro Settore è un atteggiamento incomprensibile e se devo dirla tutta anche poco rispettoso di una comunità che ti ha sempre apprezzato e sicuramente non ha mancato nell’ambito delle sue possibilità a contribuire a migliorare la tua reputazione sul web (link, riferimenti, presenza etc). Sei un comunicatore e sai di cosa sto parlando.
    Senza rancore… però questo è quello che penso.

  49. Sulla questione che sta monopolizzando i commenti qui sul blog e l’attenzione dei mezzi di comunicazione, anche a livello internazionale, dico la mia.

    Un comunicato ufficiale della società in risposta al delirante messaggio di quei decerebrati della Curva Nord può essere emesso oppure no, non è questa la soluzione.

    Ciò che vorrei vedere sarebbero invece comportamenti CONCRETI.

    Alcuni esempi:

    1) i calciatori DELL’INTER non vadano più a festeggiare sotto la Nord dopo un gol, né tantomeno ad “omaggiare” la curva a fine partita;

    2) Siano vietati, con disposizione societaria, contatti con esponenti della Curva anche (e soprattutto) fuori dal terreno di gioco e di allenamento (feste, manifestazioni ecc.); regola che – evidentemente- deve essere tassativa per tutti (calciatori, staff tecnico, dirigenti);

    3) Agli organi di (dis-)informazione che ospitano capi ultras (pregiudicati e/o con daspo) la Società F.C. Internazionale tolga l’accredito-stampa;

    4) La Società F.C. Internazionale si astenga da qualsiasi attività di supporto al tifo organizzato, a partire dal finanziamento/supporto logistico per le coreografie;

    5) Provvedimento di portata nazionale: si abolisca la “responsabilità oggettiva”, che crea meccanismi perversi di ricatto tra ultras e club, che devono essere recisi.

    Questo tipo di strategia, che definirei resiliente e di lungo periodo, sarebbe sicuramente più efficace di un semplice comunicato ufficiale “spot”, che avrebbe un immediato impatto emotivo, ma suonerebbe ipocrita, se non seguìto dai fatti concreti che suggerisco sopra di porre in essere. 

  50. quoto anche io wolf e javier, a proposito vo sto leggendo con piacere dall’altra parte

    Sensi che piacevole sorpresa !

  51. Mi piacciono quegli atleti che senza ingenuità o presunzione manifestano con orgoglio la propria ambizione.
    Come la diciannovenne canadese che ha vinto gli USopen Bianca Andreescu che con quel suo faccino da bambina troppo cresciuta ha detto che vorrebbe vincere degli slam e diventare la n.1
    Come Lazaro che vuole prendersi il posto che aveva prima del infortunio e vincere lo scudetto quest’anno e riportare la Champions a Milano. Il girone non è così male, dice.
    Bravo ragazzo. Te lo auguro.

  52. In un blog interista non mi sembra inopportuno associarsi al ricordo unanime di questi giorni (si celebrava il centenario della sua nascita) di un grande giornalista come Gianni Brera, forse il più grande della storia dello sport e per di più interista (lui si dichiarava, per evitar polemiche, tifoso del Genoa, ma chi personalmente l’ha conosciuto e ha letto ciò che scriveva sa bene che, dietro la giusta imparzialità che lo portava a non risparmiare critiche anche alla nostra squadra, c’era sempre un’appassionata partecipazione alle sorti dei nostri colori. Per me, poi, che appartengo ad una generazione che si è formata e informata su una lettura almeno trentennale dei suoi scritti, riconoscere i suoi meriti nella formazione delle sue opinioni sportive è quasi superfluo. In uno scaffale della mia biblioteca, insieme ai suoi libri, conservo con religiosa cura la sua cronaca di una famosa partita (1954) contro i nostri tradizionali rivali, che terminò con un sonoro sei a zero a nostro vantaggio: sullo slancio di quella vittoria, vincemmo il secondo scudetto del secondo dopoguerra, dimostrando che potevamo vincere anche rinunziando a quel tradizionale “santo catenaccio” difeso da Brera che ci aveva assicurato il primo. Allora, come oggi, la squadra era guidata da un ex juventino. Per di più quest’anno è il decennale del triplete e in aggiunta (Acanfora insegna) il dieci è un numero magico che accompagna le fortune della nostra squadra. Ieri ho ammirato il centrocampo della Nazionale, in prevalenza interista: da quanti anni non vedevamo interisti in questo settore nevralgico della Nazionale? Tutti segnali che, in nome del grande Gianni, mi orientano a un cauto ottimismo. Che sia finalmente questa la stagione giusta?

  53. Non ci posso credere! Sector is back! 🙂 ben ritrovati a tutti ormai non ci speravo più… le cose da dire sono troppe, dico solo che spero che Scetticonerazzurro qui sopra abbia visto giusto…

  54. Parliamo un pò di calcio?
    Ieri sera ho rivisto ahimè il difetto principale di Sensi, quello di intestadirsi a difendere la palla anzichè assicurarla al compagno vicino, quindi perderla in posizioni del campo pericolose e mettere in pericolo il risultato.
    Ricordo ai tempi del Sassuolo contro l’Empoli una palla sanguinosa persa al primo minuto con conseguente gol di Caputo (poi ribaltato, in un 4-1).
    Sensi ha più classe e fantasia di Barella (che comunque ha fatto un bel secondo tempo in crescendo) ma tende a volte a sopravvalutare la sua capacità tecnica.

  55. Flavio nel Sassuolo Sensi giocava vertice basso o sbaglio ?

    da noi mi sembra molto più avanzato quindi magari questo difetto diventa meno importante, un conto perdere palla ai limiti dell’area altro davanti

    questo mi sembra di aver visto, ma chi meglio di te conosce Sensi

    hai sempre il doppio abbonamento ?

  56. Concordo su Sensi e il limite nel difendere palla. Confido Conte martelli in questa direzione. Più in generale credo Sensi, per caratteristiche fisiche, non potrà girare sempre ai (notevoli) livelli di questo periodo. Ma intanto sta dimostrando di volersi e potersi giocare la chance dell’upgrade di carriera fino in fondo. Notato anche con piacere il crescendo fisico (e di pari passo qualitativo) del secondo tempo di Barella. Tra l’altro, metti Brozo al posto di Jorginho e ieri era il nostro centrocampo…

  57. mareintempesta
    Settembre 9, 2019 a 12:59 pm

    Quest’anno non volevo fare quello del Sassuolo perchè ormai mi sembra una squadra come tante altre (qui il discorso si fa pericoloso perchè potrei essere travisato se dico che ci sono 7 “neri” su 11*) e quando gioca in casa devi fare 30+30km…(e porta sempre via punti all’Inter…). Ma poi mi sono reso conto di essere nato tanto tempo fa, e di rientrare nel range delle promozioni; morale : ho rifatto anche quello; 100€ per venti partite, era compresa anche Sassuolo Spezia di coppa Italia.
    Non le vedrò sicuramente tutte, anche se avevo già controllato che quasi sempre Inter e Sassuolo giocano alternate in casa e fuori e comunque con la spalmatura, la coincidenza di giocare in casa contemporaneamente sono praticamente nulle.
    A tale proposito lo scorso anno riuscii a vedere Inter-Spal (2-0)** alle 15 a Milano e dal 35° del primo tempo Sassuolo Napoli (1-1) a Reggio, alle 18.
    Naturalmente ciò è possibile grazie alla moto, che ti permette di parcheggiare sotto gli stadi e di evitare qualsiasi tipo di ingorgo (Inoltre in questo caso la collocazione del Mapei, praticamente all’uscita dell’autostrada, aiuta.)
    Coi prezzi che corrono mi basterà vedere Inter, Juve e Milan per ammmortizzarlo ampiamente. (lo scorso anno per vedere la beneamata 40€ in curva!)

    Capitolo Sensi. Nelle prime due stagioni Sassolesi ha giocato a mezzo servizio mentre lo scorso anno è stato molto presente e utilizzato. Stupisce anche me questa verve da incursore che sta mostrando in queste prime partite (Inter e Nazionale) : gol,occasioni,rigore procurato. Evidentemente Conte vuole fare di lui un supporto all’overflow di Brozovich (ovvio poi che il croato venga criticato per qualche pallone perso ) ma non solo.
    Ma qui da buon tifosotto mi defilo e lascio le più dotte disquisizione (differenze tra mediano-interno-mezzala-trequartista) al Malpensante.

    *Ovvio che il mio ragionamento non si basa su una questione razzziale ma bensì di scuola calcistica, anche se ormai tutto il mondo è paese. Lo dimostra il fatto che l’unico Sassolese in squadra era (perchè ora è a Verona in prestito) il “colored” Adjapong.
    **Qualcuno potrebbe pensare che per realizzare questa piccola impresa io sia uscito prima dallo stadio, contando anche sul doppio vantaggio. Costui non sarebbe un interista, poiche saprebbe che il tifoso nerazzurro si rasserena solamente dopo il triplice fischio dell’arbitro.

  58. Non vorrei che risolta (male, ma finalmente risolta ) la diatriba Icardi, se ne aprisse tra i tifosi una nuova, su Sensi, sul suo utilizzo e su quale sia il suo reale valore in termini calcistici. Dico tra i tifosi, perché in realtà prima Conte, poi in Nazionale Mancini, si sono immediatamente resi conto di quanto sia utile e necessaria la presenza di questo giocatore nei rispettivi centrocampi al punto che, di fronte a evidenti segni di stanchezza mostrati dal giocatore per il gran lavoro svolto nel corso del primo tempo, si sono ben guardati dal sostituirlo nel corso del secondo. Dico la verità, quando è stato acquistato per me era un illustre sconosciuto. Poi nelle partite precampionato contro squadre di grande prestigio e dotate di solidi e collaudati centrocampi, ho subito notato le qualità non comuni di questo giocatore, acquistato come riserva ma che si muoveva sul campo con l’autorevolezza e la disinvoltura di un centrocampista di tutto rispetto, non sfigurando affatto nei confronti dei prestigiosi giocatori che si trovava di fronte. Ma si trattava di partite amichevoli e ho sospeso il giudizio in attesa delle prime gare di campionato, che hanno confermato, anzi accentuato la positività del mio giudizio, confermandomi nella convinzione di essere di fronte ad un giocatore che può finalmente risolvere l’annoso problema del nostro centrocampo, in cerca di soluzioni sempre provvisorie e malriuscite almeno dopo il licenziamento di Cambiasso. La caratteristica fondamentale di questo giocatore, piccolo ma ben piantato sul terreno, tutt’ altro che debole nei contrasti corpo a corpo e nel tackle, dotato di un bagaglio tecnico più che sufficiente per aggirare e sorprendere superandolo l’avversario, è , a mio parere, la sua capacità di trovarsi sempre al punto giusto e nel momento giusto nel ricevere e distribuire palla, frutto di intelligenza ma soprattutto di una dote innata nel vero centrocampista , quella di saper leggere in anticipo le evoluzioni del gioco, come se fosse il pallone a cercare lui piuttosto che il contrario. Predilige il passaggio breve e ancora non si azzarda nel lancio lungo, ma spesso gioca di prima, possiede un tiro non forte ma preciso che utilizza anche nella media e lunga distanza, si muove velocissimo tra le file, con coraggio e caparbietà che a volte, quando è stanco (come è successo nell’ultima partita) diventa aggressività incontrollata. A queste doti che non potrà altro che col tempo migliorare e raffinare bisogna tuttavia che aggiunga la capacità di distribuire meglio le sue forze nell’arco della partita per non rischiare di trovarsi in debito di ossigeno in momenti cruciali della gara. Chi mi legge mi scuserà se ho indugiato tanto su questo giocatore, ma la mia sensazione è di trovarmi di fronte a un futuro fuoriclasse, piuttosto di scuola spagnola che italiana (molti lo hanno già paragonato al mitico Xavi del Barcellona dell’epoca d’oro, ma il paragone mi sembra azzardato: piuttosto lo avvicinerei a giocatori che in passato abbiamo conosciuto e se ben mi ricordo non sufficientemente apprezzato, come Pizarro o Matteoli… ) , insomma un tipico giocatore che nella nostra squadra non ha mai avuto molta fortuna. Speriamo che Sensi abbia miglior fortuna , e resti più a lungo con noi, almeno rispetto a quelli prima nominati.
    Buona settimana a tutti.

  59. We stumbled over here from a different web page and thought I
    might check things out. I like what I see so i am just following you.
    Look forward to looking over your web page for a second time.

  60. Buongiorno a tutti (se mai passa qualcuno).
    Intanto…….il Toro ne ha messi 3.
    Conduce su Lu cacu per 3 a 1

  61. Oh ma a parte tutto…ma che razza di fighetta è Sarri?

    Fa tanto il truce poi si da malato DUE MESI per una polmonite del piffero.
    L’ho fatta l’anno scorso ed al terzo giorno ero in ufficio a battagliare col mondo, mica a pettinare i ronaldi scarsi.

    Buongiorno a tutti!

    • Non so se tu ti fumi 80 paglie al giorno. Forse una polmonite ha effetti più pesanti.

    • Fumavo anche io.
      Ora non più perché a differenza di Sarri ho autocontrollo.
      Ho più controllo io di un go kart ribassato.

      Ad 80 al giorno è la polmonite che non vuole frequentare i tuoi polmoni.

  62. E poi:
    che caspita sono gli “spogliatoi intimorenti”?

    Li priveranno di valvole di non ritorno?
    Appenderanno alle pareti teste impagliate di terzini sinistri?
    Foto di Paolillo dentro agli armadietti?
    Toglieranno la copertura dei cellulari?

  63. Oh, ma sto blog è un mortorio.

    Fatevi un esame di coscienza, un po’ di rispetto per il povero Sector che realizza articoli col sudore delle dita, donandoci grandi spunti di discussione e crescita, e poi quantomeno si aspetta che noi si partecipi attivamente al dibattito.

    Irriconoscenti….

  64. Zorro

    Cossa ti ga ancuo?

    El morbin?

    • Ciao Victor!

      sarà la dinamite di Conte, che ne so.

      E poi quando vedo un deserto mi ci fiondo a predicare.

  65. E’ che, per lo più, siamo ancora scintille, un pò di pazienza.

  66. This article is in fact a fastidious one it helps new web viewers, who are wishing in favor of blogging.

  67. Thanks for ones marvelous posting! I genuinely enjoyed reading it

  68. Merda (scusate la parolaccia ma é per l’emozione) di nuovo tutti presenti:-))
    Ben ritrovati e a presto, notte, e sempre bjuve merda

  69. Thanks for this great post on WPForms, i was just wondering if you could share a final conclusion that
    which form builder is better choice in terms of overall functionalities
    and pricing

  70. Dearest King,

    we understand an H of wordpress or things like those in general.
    We only want to write millions of times in the same post.

    And also, do you also think that Mr. Sarri is a pussy?

  71. Buongiorno a tutti e ben ritrovati, mi scuso ancora per il frettoloso post di ieri sera. Anch’io come tutti i settoriani ho tanto atteso il ritorno del ns bellissimo luogo di conversazione, ma stavolta non ci credevo più. Come Wolf tail, e anche altri ho visto, ho trovato in Bauscia un buon surrogato a questo posto, che rimane però unico, non c’è niente da fare. Anche in un post piuttosto serio quale é quest’ultimo Sector riesce a farmi sganasciare con sapienti pennellate umoristiche che veramente solo lui é capace di produrre. E, ahimé, come sempre sperando che duri, arrivederci a presto e Forza Inter !

  72. the cat is on the table

  73. Prime 4 giornate, Inter per ben 3 volte su DAZN…

    Vogliamo parlarne?

    Viva la pirateria!

  74. Buongiorno a tutti !!!

    Come tanti di voi, anche per me ritrovare aperto il nostro bar virtuale è stato un gran piacere e una inaspettatata ventata di ottimismo.

    Come tanti di voi ho vagato per i campi del Tennessee, come Battiato, dei blog interisti , ma accidenti, non è la stessa cosa, mi sembravo fuori luogo, cercavo i nicks che mi erano famigliari qui..ma niente.

    Mi spiace tantissimo che Wolf tail abbia deciso di uscire, l’avevo riconosciuto nel blog di bauscia , ma non mi pareva lo stesso. WOLF resta ! Almeno fin quando è aperto il bar, frequentiamolo, consumiamo la nostra gassosa e contribuiamo all’utile dell’esercizio.

    Resta il rammarico di non avere potuto commentare un’ estate rovente con l’arrivo di Conte, gli Icardis, le merde che si inseriscono pure per l’acquisto del magazziniere, ma alla fine eccoci qua con il nostro squadrone, ca**o.!

    Bentornati e forza Inter sempre.

  75. Gibson

    gassosa a chi?

    Qua se beve dal spriss al bitter in su…

  76. Pssss…

    dev’essere uno di quelli anonimi là, ormai redenti e alcool free, ma talmente gassati da riuscire a dire “l-a-p-a-r-o-s-c-o-p-i-a”con un rutto.

  77. Handanovic
    Godin, De Vrij, Skriniar
    Candreva, Barella, Brozovic, Sensi, Asamoah
    Lukaku, Politano

    Forse…

  78. Handanovic
    Godin, De Vrij, Skriniar
    Candreva, Barella, Brozovic, Sensi,
    Lukaku, Politano, Sanchez

    difficilissimo

  79. Che la partita di stasera sia la partita della vita, come sostiene con convinzione Conte, varrà certamente per lui, che vive ogni partita con la passione e l’entusiasmo del debuttante. Per noi tifosi, almeno per me, è solo l’inizio di un ciclo di partite assai impegnative che finalmente ci forniranno informazioni più precise su quali siano le possibilità e il valore reale di questa squadra. Poiché del ciclo sembra la partita più agevole, sarebbe almeno di buon augurio un franco e rassicurante successo. Tuttavia non illudiamoci: le squadre di calcio sono organismi estremamente delicati, che non nascono perfetti dal cervello di Giove, ma sono il frutto di mesi e a volte anni di elaborazione per renderle competitive e vincenti. Questa squadra nasce all’insegna di un rinnovamento così radicale quale l’Inter non ha mai conosciuto, a mia memoria, nella sua storia. Nella presentazione della formazione base qualche illustre commentatore ha inserito solo tre componenti della passata gestione, tutti dell’estrema difesa, indubbiamente il reparto più collaudato e quello che dovrebbe fornire migliori garanzie. Tutto il resto sarà ben chiaro nella mente di Conte, almeno mi auguro, dal momento che , per sua legittima scelta , si è liberato dei giocatori di maggior classe che ha trovato a sua disposizione, una scelta indubbiamente coraggiosa, ma che si presterà a critiche feroci se il suo nuovismo non avrà successo. C’è da dire che in passato quest’allenatore ha dato prova di saper scegliere con successo giocatori, anche mediocri, che poi si sono rivelati perfettamente funzionali al suo progetto e capaci fin dall’inizio di garantire ottimi risultati fin dalle prime prove. Anzi, c’è chi sostiene, e io tra questi, che quest’allenatore ottiene i migliori risultati proprio il primo anno di un nuovo impegno, quando carica la squadra di fiducia e di entusiasmo in grado di non risentire troppo dello scarso affiatamento che la squadra indubbiamente rivela e che verrà corretto col tempo. Io , per parte mia, spero di non dover rimpiangere giocatori di sicura e accertata classe, oggi con troppa fretta allontanati dalla squadra, alla quale, almeno fino a pochi mesi fa, tanto avevano dato, mantenendone alto il prestigio e una dignitosa classifica con i propri gol. Nessuna squadra che aspira a successi nazionali e internazionali dovrebbe liberarsi , se non per gravi e ben accertate motivazioni tecniche, di un giocatore di ventisei anni, ritenuto uno dei cinque centravanti migliori al mondo e destinato a un grande avvenire. Ma purtroppo la nostra società ci ha abituati da tempo a scelte poi rivelatesi dissennate o almeno assai discutibili, fonti col tempo di rimpianti nostri e di feroci rinfacci da parte degli avversari di sempre. Ma tant’è! Meglio guardare al futuro, almeno fino a quando non verrà, e vedrete che prima o poi verrà , l’ora dei rimpianti.
    Buona partita a tutti.

  80. La succursale delle merde ha messo 8 pullman davanti la porta.
    Tipica partita che attacchi 90 minuti, ma se prendi un malefico contropiede ti mangi le palle.

  81. Inizio a sentire critiche sull’espulsione tipo “candreva ha provocato”, barella secondo qualcuno doveva essere addirittura espulso, e poi cmq anche con l’uomo in più non abbiamo chiuso la partita… è tornato ufficialmente il rumore dei nemici

  82. A me è sembrato un piccolo passo indietro. Però l’abbiamo vinta, altre volte non sarebbe successo. Bene così, ma si può ( e si deve) migliorare.

  83. Forse hai ragione Francesco70 però io stasera a San Siro ho sentito una atmosfera che mancava da tanto tempo

  84. Passi indietro, passi avanti…
    L’Inter è un organismo tutto nuovo e ha bisogno di tempo, di amalgama, di provare e riprovare prima di raggiungere il livello che tutti ci aspettiamo.
    È normale.

    Per ora mi prendo i punti e spero che alla prima difficoltà non si sciolga tutto come successo in questi anni.
    Non penso stavolta accadrà, ma è chiaro che non sarà facile nell’immediato e che non potremo vincerle tutte.

    L’importante è crescere sempre di piu, crederci e superare il noviziato.

  85. Cagliari – Inter e Inter – Udinese, non sono state partite esaltanti…

    Siamo un cantiere aperto, il gioco va a sprazzi e davanti manca l’intesa…

    Mi accontento dei 6 punti

  86. Purtroppo ce ne siamo dovuti liberare per gravi motivazioni non tecniche. Il rimpianto si è già consumato a febbraio. Ora guardiamo avanti.

    Abbiamo il centravanti della nazionale prima nel ranking mondiale, che ha segnato 49 gol e non 1. Possiamo nutrire qualche speranza.

    Poi come giustamente detto, le squadre sono organismi complessi. Credo che con Conte abbiamo comprato “Lamalgama”.

    Queste partite ci diranno molto dello spessore del gruppo e dello stato di avanzamento dei lavori. Intanto godiamo dei Sensi.

  87. Buongiorno capolisti!

    I 3 dietro danno tanta solidita’ ma hai un giocatore in meno nel mezzo, cosa risaputa, che per il campionato Italiano va benissimo perche tanto un golletto prima o poi arriva e sia Lukaku che Lautaro(in crescita esponenziale) li faranno.
    Unico dubbio che avevo prima e che ho ancora di piu oggi sono i 2 esterni,fondamentali in questo modulo e nessuno dei 2 titolari attuali mi sembra in grado di saltare l’uomo e mettere cross interessanti.
    Speriamo in questo Lozano.

    Complessivamente sono mooolto contento dell’ entusiasmo ritrovato da tutti intorno all’Inter, della nostra solidita,del carattere che il mister sta dando a questa squadra e di quel piccolo genietto a centrocampo che mi sta facendo impazzire con le sue giocate.

  88. meglio mi sbrighi a prendere il caffe…in Lozano ci spera ovviamente il Napoli 🙂

    Vai Lazaro alzati e crossa

  89. Ovviamente sono contento anch’io x i risultati e, facendo gli scongiuri, non penso che crolleremo dopo natale come altri anni, il gioco può migliorare ma le premesse sembrano buone… intanto nella telecronaca di ieri su dazn ho notato un paio di chicche: guidolin sperava che de paul non fosse espulso “per non rovinare la partita”, poi facevano notare che essendo i difensori udinesi tutti stranieri di nazionalità diverse tudor gli dava indicazioni in inglese (“up” x farli salire) e qui seguiva elogio dell’arricchimento del nostro campionato dovuto alla presenza di giocatori di tanti paesi… ma ve lo ricordate quando noi eravamo considerati traditori della patria e responsabili degli scarsi risultati della nazionale perché non avevamo giocatori italiani? Ah, a proposito, avete poi avuto notizie di conseguenze x il cagliari dopo i buu a lukaku? Io so solo che stanno facendo un supplemento di indagini…

  90. Hi friends, good piece of writing and pleasant urging commented here, I am in fact enjoying by these.

  91. Ma voi lasciate il volume durante le partite ?
    Ossignur….

  92. Ma non c’è modo di escludere ‘sti messaggi in pseudo inglese?

  93. Comunque, dicano quello che hanno voglia.
    La juve di merda quante partite ha vinto nella sua storia con un golletto del caffo?
    (comprese le ultime due che hanno vinto con due svirgole clamorose, una di chiellini e una di culibalì …).
    Avanti così, gente: in amore, in guerra e nel campionato italiano non ci sono regole.

  94. Прокип Андрей Зиновьевич выступил в помощь пожилых людей в вопросах кредитования

    Со периодом необходимости данных покупателей никуда не пропали, в следствие этого они и в больше зрелом возрасте продолжают воспользоваться кредитными продуктами — это не считается для их кое-чем необыкновенным, — что Прокип Андрей Зиновьевич. — Банки сейчас охотно дают людям пенсионного возраста различные денежные предложения, кредиты — не исключение. Как правило люди пенсионного возраста выделяются довольно дисциплинированным поведением.

    Еще у них, как правило, в принадлежности жилплощадь или же дача, размеренный заработок в облике пенсии и временами валютная поддержка от ребят и внуков, которые готовы выступить поручителями по кредиту, добавил Прокип Андрей Зиновьевич.

    Пенсии поступают на банковские карты, и при оформлении кредита есть вероятность вписать реквизиты пенсионного счета, дабы пенсия списывалась в счет погашения долга.

    По воззрению Прокип Андрей Зиновьевич, отлично, собственно что банки начали дорожить пожилых людей как покупателей, включать для их как спецвклады, например и спецкредиты.

    — Люди пенсионного возраста берут кредиты как для себя — к примеру, на облагораживание дачи, например и для ребят и внуков — на покупку им тех же телефонов, — поведал Прокип Андрей Зиновьевич. — То есть в любом случае всё персонально.

    Ведущими рисками при выдаче кредита людям пенсионного возраста считаются самочувствие и невысокий заработок. 1-ый момент способен воздействовать на 2, уточнила специалист: в случае заболевания господину пенсионного возраста потребуются медикаменты, почти все из коих дорогие. Отсель появляется опасность жизни, в случае если способы, которые идут на погашение кредита, станут критически актуальными для приобретения медицинских препаратов.

    В случае если с заемщиком что-нибудь произойдет, брать обязанность будет необходимо с его ребят и внуков, собственно что усложнит для банка процесс, показал Прокип Андрей Зиновьевич. Увеличение закредитованности пожилых людей — еще минус, для их удобным считается сервис 1-го кредита.

    Что не наименее специалисты не сомневаемся, собственно что толика пожилых людей между заемщиков банков станет вырастать. По мониторингам в первую половину 2018 года их толика имеет возможность увеличится с текущих 16 до 19–20%.

    Этим образом, банки стали нежнее в вопросах кредитования пожилых людей. Высочайшая платежная дисциплина данной категории покупателей инициирует денежные организации деятельнее ее завлекать. Ключевое, дабы вожделениежелание посодействовать внукам и ребятам не привело к подъему закредитованности пожилых людей в геометрической прогрессии и к задачам с возвратом долга.

  95. Grigio

    Basta messaggi inglese?

    Alena ti ha accontentato

  96. Potrebbe essere inglese scritto in cirillico

  97. La Lazio dopo il derby primo scontro d’alta classifica

  98. Ieri ho visto una buona serie di schemi, ma non ancora una squadra. Una squadra, quella che vuole Conte, gioca perché vinca il team e non si basa su chi cerca gloria personale. Spero che Conte faccia capire anche questo ai giocatori. A Cagliari e ieri potevamo chiudere il discorso anzitempo con almeno, due, 3 occasioni. Ma Politano (a Cagliari) e Gagliardini (ieri) hanno cercato gloria personale, con compagni meglio piazzati. E noi, come al solito, a soffrire sino alla fine.

  99. Hi, I do think this is an excellent blog. I stumbledupon it ;
    ) I’m going to return once again since I book marked it.
    Money and freedom is the best way to change,
    may you be rich and continue to help others.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.