Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Papi, presidenti, fondi e sprofondi

| 390 commenti

Quando sono nato, il papa era Paolo VI (da qualche mese) e il presidente dell’Inter era Angelo Moratti (da otto anni). Quando ho compiuto 50 anni, l’Inter nel frattempo aveva cambiato quattro proprietari (uno da qualche mese) e il mondo nel frattempo aveva cambiato quattro papi (uno da qualche mese). Ho sempre considerato la nostra storia societaria – presidenze molto lunghe di presidenti molto milanesi – un valore aggiunto, nel senso di valore che si aggiungeva ad altri valori. Un valore identitario, che ci legava alla terra oltre che ai colori. Moratti padre, poi il cumenda Fraizzoli, poi il self made man Pellegrini, poi Moratti figlio (con breve presidenza lasciata nelle venerabili mani di Giacinto Facchetti, lombardo pure lui). Una bellissima storia di dinastie e di cuori azzurri e neri.

Quando ho compiuto 50 anni – un passo di per sè già faticoso – stavo faticosamente metabilizzando il passaggio dell’Inter in mani straniere. L’Inter, la nostra Inter, internazionale per vocazione epperò così irresistibilmente milanese, diventava anche un po’ indonesiana. E poi sarebbe diventata cinese, con spruzzate di hongkong. Ti imponi di pensare che vabbe’, è il segno dei tempi, è il calcio moderno, è il mondo dei nuovi ricchi, è la finanza senza frontiere. Ti guardi intorno e vedi sceicchi e tycoon e ti chiedi se noi siamo i figli della serva, eh no. Il presidente – dopo Moratti padre, Fraizzoli, Pellegrini, Moratti figlio e Facchetti – diventa prima uno sconosciuto e rampante riccone di Giakarta, poi un ragazzino cinese che potrebbe essere mio figlio (perchè il padre è mio coscritto, e la cosa può inquietarmi a nastro ma anche farmi simpatia, in fondo).

E adesso?

In questo periodo dai tempi compressi causa pandemia, la nostra esistenza di tifosotti si snoda a cadenza multisettimanale su due piani paralleli. C’è il piano normale – partite, palloni, polemiche, calci, sputi, pugni in faccia, Gazza – e il piano premium – bilanci, trattative, milionate, accattonaggio, pezze al culo, morte, Sole 24 Ore.

Ormai i due piani sono ampiamente comunicanti. Non solo nelle povere menti di noi tifosotti (“Vinceremo lo scudetto? O falliremo e ripartiremo dalla serie D girone B col Seregno e il Fanfulla?), ma anche nel complesso mondo di viale della Liberazione, dove il teen-presidente non mette piede da mesi (il mio coscritto da boh, anni) e dove immagino regni quella cupa atmosfera di incertezza e quel fastidioso stridìo di sedie che ti si sfilano da sotto il culo. Per non dire di Appiano Gentile, beffardamente ribattezzato Centro Suning, quella Suning che si sta defilando un po’ alla cazzo di cane, senza la decenza di spiegare un po’ al volgo come stanno le cose (perchè d’accordo l’alta finanza, il world trade e la riservatezza, ma santa madonna!). I calciatori (categoria mediamente poco incline al sacrificio e poco pregna di alti valori morali) non moriranno di fame se non ricevono qualche stipendio, per carità, ma si trovano in quel marasma psicologico e sostanziale che – con i dovuti distinguo – li accomuna a lavoratori con qualche zero di meno ma le stesse inquietudini: mi pagheranno prima o poi? il padrone chi è? non è che tra un po’ chiudono tutto? non è che tra qualche mese sono a migliaia di chilometri da qui? o magari faccio il ritiro della nazionale disoccupati al Ciocco?

E adesso, dicevo? Dopo Thohir e il piccolo Zhang, io che ero abituato a lady Renata e al presidente da marciapiede dovrò dire con imbarazzo che il mio patròn è un fondo? E a proposito di imbarazzo: ho cercato la definizione di “fondo” e non ci ho capito un cazzo. Cioè, peggio: non ho nemmeno trovato la definizione di fondo. Cioè, neanche in Yahoo Answers. Roba che se mi intervista per strada il Milanese imbruttito faccio una figura di merda epocale e fuggo in un eremo, non dopo essermi accertato che i monaci non abbiano nè Sky nè Dazn, anzi, non abbiamo niente che mi consenta anche casualmente di avere rapporti con il mondo esterno.

Con 17 partite ancora da giocare in campionato più (almeno) una, la semifinale di Coppa Italia con quella orribile squadra a strisce scolorite, non so voi ma io oscillo tra un tifo sperticato e angosciato – che peccato mortale sarebbe non vincere uno scudetto quest’anno in questo Barnum – e una scimmia sulla spalla che mi ricorda che debbo morire, e che Suning ha problemi di liquidità, e che Bc Partner tratta sul prezzo, e che a fine anno magari sarà una diaspora, e che la Fidaty sta per scadere.

No, cioè??

“Sì amico mio, tutti i puntii accumulati entro domenica 21 marzo 2021 e non utilizzati alla data dell’11 aprile scadranno e non avranno più alcuna validità”.

Ma porca troia, che periodo di merda è? In tutto questo, nelle prossime tre partite affrontiamo Juve, Lazio e Milan, tre esamoni in 13 giorni, tre partite che potrebbero dire tanto, tantissimo, o forse tutto. A Conte e ai ragazzi dico solo di tenere duro e che tra la gloria e il disimpegno io tendenzialmente sceglierei sempre l’opzione 1, che magari sarà comunque utile per il futuro o comporterà il bonus platonico ma eterno di assurgere questo manipolo di mal stipendiati a eroi del nerazzurro. E che un grande Juve merda risuoni nei vostri cuori: la storia vi ha già privilegiati, rendetevene conto, e che Suning si inculi. Forza Inter.

share on facebook share on twitter

390 commenti

  1. Milan – Crotone 3-0
    ‘notte

    • Caro Fortebraccio.
      Purtroppo contro questi anche la macumba è inefficace.
      Oltre al numero dei rigori assegnati in un campionato, controllerei anche il numero di gol mai realizzati in una stagione da un quarantenne.

  2. Fanc.. Sto facendo l’inventario…

  3. Quinto.
    Come gli scoloriti, quest’anno.

    A M A L A

  4. Inutile girarci attorno
    Tutti i sogni di grandeur sono attaccati ad un filo sottile
    Suning e i cinesi ci hanno usato come i cinesi usano tutti, senza il minimo pudore e decenza. Molti si sono fatti intenerire dal piccolo Zhang , lui si che tiene all’Inter!
    Si è visto.
    Un fantoccio nelle mani del padre. E zitto a diecimila chilometri da qua.
    Nessuno sa veramente come stanno le cose per cui non ci resta che attendere.
    Nel frattempo ci giochiamo tutto in poche giornate.
    Il Milan non molla mai la Juve è tornata la Juve. Speriamo che i nostri tirino il cuore oltre l’ostacolo e che Eupalla ci sorrida
    Sempre forza Inter…!!

  5. Famiglia Zhang, fottuti pezzi di merda, qualcuno lo ha già scritto?

  6. Vero che probabilmente ci siamo fatti coinvolgere dal “circo”…. Tutti a trattare i milioni come noccioline, poi all’improvviso mancano un po’ di soldi e allora va tutto a gambe all’aria.
    Ci vorrebbe Wolf Tail, per scriverne con fondatezza, ma qui rischiamo di essere un po’ i Lehman Brothers del calcio.
    Non solo noi ? Può darsi, ma…il mal comune non mi provoca il minimo gaudio…
    Spero che ci sia un downsizing generalizzato. Tot anni fa le partite erano le stesse, c’erano fior di campioni e però i soldi in ballo erano (un po’) meno.
    Non occorre essere Fortebraccio (senza ALCUNA ironia) per vedere che il giocattolo non può funzionare all’infinito.
    Se ne sono accorti anche in F1…

  7. Più che famiglia Zhang, fottuto partito comunista cinese. Credo che loro non abbiano scelta.

  8. Ehi…davvero le vecchie maglie erano così, a righe regolari ? 🙂

  9. Dovevamo fare lo stadio nuovo e comprare Messi… Ora è più facile che sia Messi a comprare l’Inter!

    Mi girano le palle perché in mezzo a mille difficoltà e cambi di proprietà, siamo riusciti a costruire una squadra potenzialmente vincente… ed ora che dopo 10 anni, finalmente la squadra c’è, la società è sparita!

    Vaffanculova’…

  10. Dodicesimo. E si, che Suning si @#@&&@@

  11. Concordo in pieno con Giorgio, se pensate che un pugno di anni fa abbiamo fatto delle topiche clamorose spendendo 40ml per kondo 35 per JM non ricordo per gabigol 30/40 ed c’era già stato uno step verso l’alto nei prezzi, oggi quei soldi non bastano per tonali, Sanchez prendeva € 20.603.960,00 netti (fonte calcio e finanza) l’ultimo anno in Gb, Icardi è stato venduto per 60ml e quest’anno ha fatto 4 reti come DD (forse una in meno il ns bomber)
    Appena volevamo prendere Kantè ci han chiesto 80ml e forse non bastavano, come non bastavano 100 per Lautaro che vivaddio sarà anche bravo e giovane ma… finalizza da 100ml?
    Potrei andare avanti una mezz’oretta senza consultare transfermark ma il punto è già chiaro e scontato ed è uno solo, hanno pisciato fuori dal vaso, tutti (vedi bilanci delle big europee), van fatti 3 passi indietro, la rìverenza, la penitenza, guarda in su guarda in giù e ci si ritara ad un terzo (max!) di adesso.
    E forse non è neanche un male.
    Ma scusate (e finisco) buttiamola giù semplice:
    Questa rosa qui ha un valore doppio di mercato (da 300 a 600ml) rispetto a quella del triplete, e credo sia così per tutte le squadre, se non di più e noi allora eravamo i paperoni! oggi siamo reduci da un paio di campagne acquisti dopo anni di ffp.
    Sara un po tutto anormale?

    • Grazie, Javier.
      So che scrivi convinto. Basta ricordare Parma e Lazio di qualche anno fa (ricordate i prezzi che giravano con i vari Boksic e Vieri ? 100 mld. dell’epoca…). Ci sono due modi di far le squadre : spendere cifre folli (SENZA alcuna garanzia di successo) oppure avere “naso” nello scoprire giovani semi-sconosciuti da vendere a caro prezzo e ogni anno vivere decorosamente.
      Le eccezioni sono sporadiche e non cambiano le regole…
      Puoi essere straricco, prendere Neymar e Mbappe’ e poi…vincere solo a casa tua 🙁
      Noi vediamo squadre e passioni, storia, maglie e uomini-simbolo. Ma dobbiamo considerarle società, e in quanto tali…ci sono libri contabili e bilanci.

  12. Non sopporto l’idea di dover assistere passivo senza poter far nulla per aiutare la mia squadra.
    Lo so che l’idea dell’azionariato popolare è molto romantica e difficilmente praticabile però so anche che, se c’è una tifoseria in Italia che può provarci, quella siamo noi. Poi, certo, vanno sensibilizzati molti interisti famosi e facoltosi e non sarà facile…ma non impossibile.

  13. É molto difficile anche non poter sostenere la propria squadra dal punto di vista del tifo, incitarli per far sentir loro la nostra vicinanza, a S.Siro e in giro per l’Italia.
    In mancanza di una società (quasi non ci credo mentre lo sto scrivendo!!), penso che il tifo aiuterebbe moltissimo i ragazzi a rimanere uniti, e si sa che in questo siamo assolutamente Primi in classifica!!

  14. La cosa peggiore, e ne parlavamo stamattina con un collega fratello interista, è che di questa situazione globale, perfettamente descritta da Settore, ad avvanteggarsene saranno ancora quei fottuti ladroni.
    Potendo disporre di una proprietà storica , come la nostra celebrata da Settore nel suo post, e entrata ormai nel circolo virtuoso Champions > introti > stadio > furti avallati (c’è poco di virtuoso, ma tant’ è) , continueranno a vivere di questa rendita di posizione ai danni degli altri. Anche lo stesso Bilan qualora col culo che si ritrovano, andassero avanti in un pecorso di crescita pluriennale , zac , ti arriva il fondo e dice ok, posso capitalizzare, grazie a tutti e arrivederci.
    Spiace terribilmente che tutto ciò avvenga nel corso della nostra rinascita appena iniziata, col serio rischio di perdere i nostri pezzi pregiati.

  15. Veramente…io mi spingevo un po’ più in la’…
    Intendo dire che a mio avviso la crisi non è congiunturale, ma strutturale (per questo avevo citato l’esempio della F1) : se una società o due falliscono…amen. Intendo dire : spero che l’Inter sia l’ultima, ovviamente, ma non è questo il punto.
    La cosa più importante è che il sistema sia in equilibrio, e oggi non lo è più, indipendentemente da coloro i quali ne siano gli attori.
    Molti anni fa è iniziata una vera e propria corsa con la cinghia di trasmissione tv-Champions-mecenati (veri o presunti) che ha portato al lievitare continuo di quelli che noi chiamiamo ingaggi e che invece a tutti gli effetti sono… costi. La più banale legge dell’economia dice che per andare avanti occorre che i ricavi non siano sopravanzati dalle spese.
    Molti anni fa successe la stessa cosa con i fondi comuni di investimento e più di recente con i famosi “derivati”… Si cerca di salire sulla giostra e scenderne dopo aver arraffato il più possibiile, ma quando la musica finisce…non gioca più nessuno. Qualcuno perde ? Si, ma…sono tutti a perdere, in fin dei conti, perché la giostra non girerà più.
    Ecco perché l’azionariato popolare – che io pure ho invocato, anni fa – non è di per se’ un rimedio, ma solo un modo per tirare avanti un altro po’.
    Il vero modo per ovviare a questa situazione è un generalizzato tetto massimo ai costi (ingaggi compresi). Altrimenti – fatalmente – ci sarà una “super lega” che diventerà un qualcosa però di circoscritto ed elitario, una specie di torneo di Harlem Globetrotters, e non più un fenomeno di massa come è stato il calcio per oltre un secolo…
    Trust me 🙁

    p.s. : chiedo scusa a Wolf Tail se ho scritto scemenze 🙁

  16. Concordo ,

    il calcio non produce introiti , soprattutto il calcio italiano , dunque qualunque fondo entrasse , punterebbe allo stadio vendendo magari un paio di pezzi importanti della squadra , questo è quello che anche i tifosi più facoltosi stanno intuendo ,

    per questo pensano di salvare il salvabile con l azionariato popolare , che rimane unica speranza .

    altrimenti saremo la nuova Roma .

    mi spiace iniziare con questo pessimismo del lunedi ma sono amareggiato per la situazione in cui ci troviamo.

    • Non è pessimismo. Se occorre intraprendere la traversata del deserto dell’azionariato popolare, ebbene, incamminiamoci!

  17. Tutto molto bello. Si chiama karma. Vi ricordate quando irridevate il milan sulla proprietà quando avevate ibra e vi gasavate per le sue spacconate quando sembravate gli immacolati unti dal signore? Certo che lo ricordate. Ma come il mitico antonino verdi ora passato al no vax no mask al political junk sempre più destroso da caserma sempre più isterico anche voi vi ritrovo smarriti e attoniti. Sempre sarete un passo indietro.

    • Mai gasato per le spacconate di Ibra , casomai per lo scudetto di Parma e per il suo passaggio miracoloso al Barcellona , è bello però sentirvi parlare dopo anni di oblio totale , ma ricorda le bugie hanno le gambe corte … e ricorda anche che tornerete in serie B .

      ps. non mi sembra però che la vs situazione societaria sia cambiata o possa variare a seconda di quello che sarà il ns futuro , siete e sarete sempre un mix fra berlusconi, la camorra, qualche truffatore cinese e qualche fondo speculativo.

  18. Ma chi è sto poveraccio?

  19. Siete cosi fenomeni che pensate che io sia milanista. Siete dei piccoli antonini

    • effettivamente potresti essere anche il classico gobbo ( senza nessuna offesa eh sempre sportivamente parlando ) che prende le difese degli amichetti rossoneri …

  20. In effetti…mi sono un po’ stupito per la risposta di daniele fc.
    Occorre far nostro il motto “Never complain, never explain”.
    O anche “non ragioniam di lor…” del mio illustre corregionale 🙂

  21. L’uomo del mistero , con l’ossessione per sto antonino che non so neanche chi sia…anzi spiegatemelo cortesemente

    mi piace anche la solennità della tua costruzione SEMPRE SARETE UN PASSO INDIETRO, e tuono in dissolvenza …

    • Bellissima l’immagine della dissolvenza. Che sia un vaticinio sulla vostra sorte? Fa tanto blade runner….andrete perduti come lacrime nella pioggia. Perche gli Zang a questo vi porteranno. Vi siete illusi. E se vuoi sapere chi sia antonino verdi vai su Facebook e cercalo. Voi siete quella roba lì. Dal 1908.

  22. Grazie per l’invito ma non credo cercherò antonino verdi come profilo su facebook , pensavo fosse qualcosa di diverso

    ma ti consiglio di tornare spesso qui a trovarci per deliziarci con le tue massime , soprattutto quella di Rutger hauer mi ha colpito ( amo Blade runner )

    un ultima curiosità prima di salutarci , c’hai la gobbetta giusto (tifi la più squallida squadra d’europa)?

  23. bottoni bottendo bottoni cogliendi
    bottendo bottoni cogliendo bottoni

    ripetuto velocemente svela l’arcano

    un caso, non credo

    ps anca se più che un caso me par un casso…

  24. Tifo la Juventus. Non ci voleva un genio per capire. Comunque squallida o no certi tifosi non li abbiamo.

    • Non dovrei, ma di fronte a certe frasi mi viene un impulso da “educazione civica”

      avete di peggio, ma molto peggio.

      Basta pensare a siti come ju29ro o blogalessandromagno

      Frequentati da persone in costante malafede, che d’altro canto è l’elemento fondamentale che permette ad una persona adulta di tifare Juve e non vergognarsene

    • Complimenti , tifare la squadra di stato , la squadra più collusa del mondo in qualunque tipo di nefandezze e comportamenti antisportivi deve essere soddisfacente , del resto siete unici con 57 campionati nazionali e due misere coppe europee vinte ( una con doping ed una con un rigore a centrocampo )

      ma quel 2010 vi ha ferito profondamente e ancora non lo riuscite a mandare giù …

      ps. per quanto riguarda il tuo ” certi tifosi non li abbiamo ” lo conosciamo bene il livello del tifoso medio juventino non ti preoccupare

  25. Abbiamo anche un fine umorista. Interisti siete una fonte di continue sorprese

  26. Chi giochera al posto di Arthuro?
    Gagliardini è entrato piuttosto bene l’ultima partita. Ha sfiorato il goal di testa, ha dato equilibrio. Probabilmente la scelta forse più prudente, anche se si troverebbe a fronteggiare il campione di tuffi cuadrado. Non proprio il suo ideale cliente.
    Ericksen, sarebbe una scelta intrigante dal punto di vista della costruzione di gioco, ma forse la scelta piú rischiosa.
    Sensi, la scelta che farei io, assumendo che sia fisicamente disponibile.

  27. @marco Bottoni, bella la citazione di Antonino Verdi.

    E allora vogliamo parlare anche di Claudio Di Ciongio?

    Anche quello è interessante.

  28. Siete divertentissimi. Non cambiate mai. Le vostre travi sono li da anni e cercate sempre pagliuzze altrui. La vostra cultura dell’alibi farebbe impallidire Velasco. Che la juve sia la squadra con più scheletri nell’armadio mai negato. D’altronde chi non ne ha. La prendo sul ridere. Mi piace il calcio. Mi piace la Juventus. E mi spiace per voi. Tristi sempre. Incazzati sempre. Complottari sempre.

  29. Ora due parole per il milanista educatore di sta cippa. Cito testualmente ovvero copiato e incollato da un tuo cugino

    è bello però sentirvi parlare dopo anni di oblio totale , ma ricorda le bugie hanno le gambe corte … e ricorda anche che tornerete in serie B .

    ps. non mi sembra però che la vs situazione societaria sia cambiata o possa variare a seconda di quello che sarà il ns futuro , siete e sarete sempre un mix fra berlusconi, la camorra, qualche truffatore cinese e qualche fondo speculativo.

    • Hai ragione.
      Solo tieni presente che mi piace il calcio e mi piace la Juventus sono ossimori.

      Se vuoi un parere obiettivo su quanto fare schifo puoi chiedere in giro: da Vipiteno a Lampedusa e da Mentone a Trieste siete accolti dallo stesso saluto LADRI

      Siete una squadra provinciale con tifosi provinciali, un po’ ignoranti e molto complessati

  30. Non sono un esperto di questioni finanziarie, neppure di quelle famigliari, che affido volentieri a mia moglie, che almeno sa far bene di conto, e quindi evito di imbarcarmi in discussioni proprietarie di un club come il nostro, che già per natura tende a complicarsi la vita anche nelle questioni più semplici. Tuttavia per abitudine in argomenti che non conosco mi affido a chi ne sa più di me e nel caso in questione mi è sembrata illuminante un’intervista a Carlo Cottarelli, ( Repubblica, 3Febbraio) , il noto economista e tifoso interista della prim’ora, che con molta serenità e buonsenso ha prospettato una possibile soluzione che finalmente restituisca l’Inter agli interisti attraverso una forma di azionariato popolare , sul tipo di quelle attuate in Germania. Esiste già in embrione un sodalizio di sedici soci che , secondo l’economista , potrebbero diventare 150 mila in breve tempo, tanti, a suo parere, i tifosi che solo in Milano e dintorni sarebbero disposti ad aderire finanziariamente al progetto. A me sembra un’ottima idea, espressa per giunta da chi di finanza s’intende come pochi altri in Italia, la cui attuazione dissiperebbe i timori di noi tifosi, su cui poi sguazzano i media immaginando tracolli che addirittura condannino la nostra squadra all’inferno della serie B come un Crotone qualunque! Certo, un simile tracollo farebbe piacere a molti, ma mi sembra la soluzione più improbabile, per di più in un momento in cui la nostra squadra lotta per lo scudetto, una situazione privilegiata che valorizza il capitale umano di cui dispone la società e, secondo logica, dovrebbe ingolosire gli investitori di ogni parte d’Italia e d’Europa e potrebbe dare pure slancio e vigore alla proposta di Cottarelli.
    Buona serata a tutti

  31. Ecco vedete..l’apparizione di figuri come il poveretto sopra, cmq gobbo nell’animo qualsiasi squadra tifi, è davvero lo specchio dei tempi. Bui, cupi. Sulle isole Adamantine, usavano (usano ancora quei pochi che restano) invitarli a cena.
    E se li mangiavano.
    Il succo é ‘Questo essere non mi dice nulla, ma almeno mi dà energie’.

  32. Scettico, con le cifre di cui sopra con 150. 000 tifosi che mettono 100 euro ti compri Petagna.
    Poi magari mi sbaglio e ci sono 1,5 ML di interisti disposti a mettere 1000 euro e ci compriamo la juve e il milan e li mettiamo a fare i nanetti in giardino come dice Corona.
    Non saprei davvero valutare dove si andrebbe a parare come cifre.
    Certo che se metto mille euro e mi comprano Joao Mario io mi incazzo davvero però!

  33. Siete folkloristici. Le isole sono le Andamane credo. Se mi ricordo la geografia della terza elementare. E siete anche stucchevoli. Sono anni che campate sulle solite battute da osteria. È tempo di risvegliare lo sportivo che è in voi. Andate a tifare l’inter femminile che soffre come poche. Magari scoprirete che sono meglio dei maschietti. Concludo chiosando. Un milanista che da del ladro a uno juventino è come Malgioglio che da del gay a Corona.

  34. Ma vieni qui per zittire tutti quelli che scrivono?
    Ah, sei un bambino, allora!

    Vabbè, lasciamolo al tavolo dei bambini.
    E andiamo avanti

  35. Si, disagio.
    Lo stesso che provo quando mi rendo conto che mio figlio non chiede permesso e entra in una casa dei vicini,burlando cose senza senso.
    O quello che provo quando leggo dell’esistenza di quei codardi che oggi chiamano haters del web.
    O quello, infine, che provo quando salgo su un mezzo pubblico e non mancano esempi di esseri umani che ci ricordano quanto possiamo essere maleducati, sgradevoli e, alla fin fine, esseri inferiori in una Natura che, serena, farà tranquillamente a meno di noi.
    Disagio e sconforto.
    Andiamo avanti.

  36. Ullallà. Abbiamo la solita lezione di netiquette un tanto al chilo. Se non ricordo male qui siamo su un libero blog di un libero pensatore. Non a casa tua. Al limite il sig. Torti può invitarmi ad andare via. Cosa che non ha mai fatto in 15 anni di Settore. Dai tempi di splinder giusto per precisare. In quanto ai velati insulti che tu mi lanci tralascio di commentare. Autoqualificanti.

    • Comunque se sei qui è perchè nei tuoi luoghi ( intendo nei vari blog gobbi dunque implicitamente di basso livello ) non trovi conforto intellettuale , emotivo etc , dunque noi siamo pronti ad accoglierti a darti una ripulita ed accoglierti con noi , siamo sempre aperti a chi si redime

      curiamo le cause non i sintomi …

  37. Tralasci. Tralasci questo Suo rutto libero, ragioniere.

  38. Non perdiamo la bussola. Pensiamo a noi.
    @Forte: per domani serve il tuo massimo sforzo. Mi raccomando. So che è difficilissimo, ma puoi farcela!

    Riguardo la situazione societaria…non me ne curo. Non posso farci nulla, è al di sopra delle mie, limitate, possibilità. Non ho modo di porvi rimedio in alcun modo. Aspetterò che passi: spero non faccia troppi danni. Sarò comunque pronto, come voi, a tifare Inter anche in D, se mai dovesse essere. Ma ora per me non è il momento di stracciarsi le vesti…e speriamo non arrivi mai( anche per il pubblico decoro 🙂 )
    Su,coraggio. Non è ancora detto nulla.

  39. Se posso rivolgermi al Sig. Bottoni Marco, voglio chiedergli, direttamente, se si é mai chiesto il perché vuole imporre la sua palesemente sgradita presenza, in un blog chiaramente avverso, benché certamente libero.
    Tutto qua, saluti.

  40. Leggo questo blog da anni, e sempre con piacere, per la qualità degli interventi e perché, non c’è niente da fare, siamo diversi dagli altri. Ecco spiegati gli interventi di “tifosi” avversi. Un blog di penne così affascinanti non esiste. Amerò sempre questi colori, anche se scrivo dal sud (casertano doc).

    • Embe’ ?!?! Pensa che io sono livornese e “quelli che stanno a 20 km. e non sanno neppure fare una torre diritta” hanno scelto gli stessi colori… 🙁
      Che dovrei fare ? 🙂
      Bonjour tout le monde

  41. Vorrei partecipare anch’io alle consultazioni con il troll.

    Ninooottoooooo….PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

    Un tempo si diceva: “don’t feed the troll”.
    E don’t feed it, by Jove!

  42. Dopo una settimana di riposo torno a leggere qualche news sportiva e come sempre oltre che arroganti, maestri nel raccontare una storia tutta loro.
    D’altronde che questa loro autorevolezza si chiude nel confine nazionale non lo dice un complottista ma auteroveli fonti che evidenziano classifiche con l’Italia al posto n. 41 nel mondo per la liberta di stampa.
    Ci precedono Ghana,Namibia,Burkina Faso,Jamiaca,Costa Rica etc.

    Assomiglia tanto alla storia della Juve, arrogante, vincente nel confine, ma che a 123 anni dalla sua fondazione non e’ ancora riuscita a vincere una Champions come si deve.

    Venendo a stasera, il segnale dell’andata e’ stato forte e chiaro, Valeri al var stasera(decise la semifinale di coppa italia lo scorso anno) altrettanto.

    Sono forti, giocano in casa e dobbiamo batterli facendo piu’ gol….sarebbe un impresa mica da ridere, in altri tempi quasi impossibile, stasera quasi…

    Quasi perche’ le 2 recenti partite hanno dimostrato che non solo non siamo inferiori ma che abbiamo qualcosa in piu’ in questo momento.
    Altro aspetro positivo siamo senza le 2 zavorre del Cile.

    A sto punto rimane un appello ai ragazzi,ricordiamolo senza presidente da mesi,date tutto e a prescindere dal risultato se avrete dato tutto saremo comunque orgogliosi e…se vi strannonano appena appena rimanete in piedi, giocate a calcio, siamo l’Inter, a testa alta.

  43. @Javier+. Certo, tutto dipende dalle quote di partecipazione e dal numero dei partecipanti. Ma ti pare possibile che coloro che propongono una simile soluzione prima di proporla ai media non abbiano fatto dei sondaggi per verificarne la realizzabilità? Io, dico la verità, mi son sempre meravigliato che una città come Milano, uno dei centri economici più importanti d’Europa, certo non inferiore a Monaco di Baviera e a Barcellona, per le sue due squadre più prestigiose abbia dovuto ricorrere per mantenerle in vita a capitali stranieri. La nostra squadra, in particolare, vanta una partecipazione di pubblico alle partite e di seguito nei media non inferiore a quelle dei maggiori club europei; ha un prestigio da difendere che le deriva da un passato glorioso; e infine ha un seguito di tifosi imponente in Italia e all’estero, di qualità e quantità non certo inferiori a quelle dei maggiori club internazionali, non per nulla la denominazione di “Internazionale” ha presto sostituita quella di “Ambrosiana” che si era data in origine. Insomma, la mia ferma convinzione è che il progetto Cottarelli vada portato a compimento se vogliamo mantenere in vita con dignità e prospettive di futuri successi la nostra squadra. Certo, sarà costoso per noi tifosi, ma io ho sempre ritenuto il tifo sportivo uno dei tanti vizi che caratterizzano la nostra vita quotidiana, forse il più futile e stupido, che però come tutti i vizi che si rispettino va pagato, senza pretendere di ricavarne una utilità immediata se non il piacere disinteressato di soddisfare una nostra personale passione. Io, lo confesso, ho sempre considerato la mia squadra come l’unica amante a cui sono rimasto fedele per tutta la vita, in verità non sempre corrisposto, ma , come sempre succede per gli amori terreni, si scordano volentieri le delusioni e si ricordano con piacere i successi come i momenti più belli del nostro vivere terreno e vorrei che tutto questo non andasse perduto, ma fosse affidato a chi è animato dalla mia stessa passione, non ad estranei, cinesi, americani, russi, sceicchi arabi , e chi ne ha più ne metta, che si servano della mia squadra come un gadget per allargare il proprio prestigio o per pubblicizzare i loro prodotti. Sono stato troppo lungo e me ne scuso.
    Buona partita a tutti.

  44. Ohh ma grazie…siete gentili con i blog altrui a concedere libertà di parola. Peccato non avervi conosciuto anni fa. Sarebbe stato bellissimo. Devo dire in tutta onestà che se vengo qui è perché il livello degli sfottò è leggermente più alto che in altri posti. Anche gli argomenti trattati, non grazie a voi ma all autore, sono di livello superiore. Qualcuno degli avventori addirittura si distingue. Non esaltatevi. Prima di raggiungere i lpcchi del passato dovete ancora masticare pareccho. Ah nostalgia canaglia. Dove siete Hae, Cattivo tenente, Pier,Tagnin…quanto mi mancate.

    • Lo vedi c’è un pò di interismo in te , basta solo tirarlo fuori e mandare via i residui …

      tutti meritano un occasione per riscattarsi

    • Giusto per.
      Se con “Hae” intendi “Hal (Incandenza)”, la citazione della sua mancanza mostra quanto poco (fortunatamente) ti approssimi a questo blog.

  45. Juventus – Inter 2-2

    ‘notte

    • Grande !
      Subdolo quanto basta… 🙂
      Fossi in loro…mi preoccuperei davvero.
      Also sprach Fortebraccio…

  46. Oltre ad un’opportuna visita medica associata a trattamenti specifici, è opportuno imparare a gestire il bambino iperattivo anche nella vita quotidiana.
    La prima regola, che vale sia a casa che in altri luoghi, è quella di dare al bambino affetto e dedizione, per aiutarlo nel suo percorso di crescita in modo sano. Sentimenti come rabbia, frustrazione e aggressività contribuiscono solo ad accrescere il problema, influendo negativamente anche sulla sua autostima.

  47. Cari Fratelli quando ci sarà uno dei Nostri Ragazzi
    che dirà “o gioco per l’Inter o smetto” (come disse un Gigante con il numero 3)” , ecco quello sarà
    un gran giorno , un giorno antropoligico per noi.
    Abbracciamoci e speriamo che facciano presto.

    luigi.

  48. @fortebraccio preferivo una gufata apocalittica tipo gobba-Inter 4-0, il 2-2 sarebbe beffardo… cmq sfidando la scaramanzia io dico che stasera ce la giochiamo, poi il risultato sarà quel che sarà. Ah, mi associo a Bandini, non perdete tempo col caso umano

  49. Stasera juve 1 Inter 3. Vedrete. Il caso umano difficilmente sbaglia.

    • Sono curioso di vedere se sei un Fortebraccio (sempre sia lodato) in bianconero o un veggente.

      Stasera sapremo.

      E rilassati….
      Dici degli interisti ma a leggerti quello incazzato e acido sembreresti più tu.

      PS: chiedo scusa a FB per averlo nominato invano

  50. La vera condanna per i LADRI, non è stata l’annetto di serie B, o i 2 scudetti tolti…
    E’ stato soprattutto l’ERGASTOLO PSICOLOGICO nel quale sono sprofondati.

    • Dici ? Ok, allora…
      Spiegami per quale motivo mi hai immediatamente suscitato un flash con quella scena in cui Aldo Baglio (“Bancomat”) trova il modo di falsificare i badge per far entrare gli altri in Paradiso… 🙂

    • Caro Giorgio, confesso di non aver visto il film d te menzionato, tuttavia, desidero modificare e arricchire, la seconda frase che ho scritto.

      diventa:

      E’ stato soprattutto l’ERGASTOLO PSICOLOGICO nel quale sono sprofondati dopo la conquista del nostro TRIPLETE.

    • Ciao, Enzo.
      Il film era (è) “Così è la vita”, ovviamente con Aldo, Giovanni e Giacomo.
      Uno dei capisaldi della mia cultura 🙂
      Triplete ?!?! Vuoi dire che tra le POCHISSIME SQUADRE AL MONDO che ci sono riuscite…c’è l’Inter ? Cielo 1
      Fine pena : mai 🙂

  51. Mancano poche ore alla partita e già mi agito.
    Comunque ringrazio il gobbo per l’amarcord settoriano…..faccio solo notare che se lui ci trova epigoni di un passato glorioso ad essere veramente onesti neanche lui mi sembra valga Rubens o Gobbobuono!!!
    …mala tempora currunt……

  52. Ma scusate, uno che si crede più figo solo perché ha messo una stringa su google e ha scoperto che esiste il termine “Andamane” – senza avere la consapevolezza che Adamantine è un termine che ben esiste in geografia per identificare alcune isole in Oriente- credete che starebbe un secondo a ragionare sul fatto che noi possiamo scrivere qualcosa che lui ritiene intelligente?
    Non credo. E’ certo del suo credo ( e non dite “giusto che sia così” perché non lo accetto, così come non accetto alcun integralismo e qui siamo tutti non integralisti) e come tutti loro gobbi vive in un mondo creato ad hoc, dove lui è l’unico regnante, indiscusso, intoccabile.
    E’ il discorso interiore proprio di molti esserei umani, purtroppo.
    Quindi sfoco sul personaggio e mi domando, come spesso accade, perchè esistano i gobbi. Gobbo per me è una categoria morale, che solo include lo xxventino.
    E il finale è sempre quello, in me. Riesco solo a fare mia una massima che dice che “l’unico modo per vedere la nuova teoria affermarsi,
    non è convincere i sordi di questa generazione, ma parlare alla prossima”. O qualcosa del genere.
    In pratica “aspettiamo che passino”. Perchè tutto passa. Anche questi qui
    E andiamo avanti.

  53. Aggiungerei un juve merda per sdrammatizzare

  54. Santi numi (cit.) Quanto siete prevedibili. Vi esorto a leggere un libercolo che a suo tempo mi consigliò un interista amico mio. Trattasi de La nobile arte dell’insulto. Magari imparerete qualcosa. Detto questo mi fa piacerissimo essere di nuovo tra voi. Un piccolo herpes zoster che vi infastidirà ogni tanto. A presto…..

    Ps adamantine…bel tentativo…riprova

  55. Senza offesa, interista o no…..hai rotto il ca…
    Buona partita amici

  56. Intanto eriksen titolare (presumibilmente mezzala, o trequartista?) con darmian a sinistra… forse perso per perso andonio si è convinto a rischiare

  57. Epperò Eriksen titolare dai!
    Magari…

    • Con la punizia del 1 – 3 al 90esimo!
      🙂 🙂 🙂

      A M A L A

    • Col maestro pirlo che chiede di controllare col var (con stile ed eleganza, per carità) e goal annullato per qualche “interpretazione” del regolamento inventata sul momento…

  58. Buona partita fratelli nerazzurri…

    Comunque vada, che si vinca o che si perda, sempre RuBe merda!

  59. Buona partita a tutti
    Spero che finisca bene per voi.
    Preferisco che la mia squadra si concentri sull’altra coppa. Quella dove voi non ci siete.
    Ma da come state giocando nutro poche speranze.

  60. Lautaro, uno Zamorano più scarso

    • È proprio questo che intendevo l’altro giorno. È bravo è giovane non lo venderei e nutro speranze che diventi un top, ma 100ML!
      Ma per cortesia…
      In un calcio che abbia un senso oggi 25ML è il suo prezzo (e in rapporto tutti gli altri ovviamente).

  61. Mi sembra che la squadra stia facendo quello che bisogna fare. Ovviamente difficile trovare spazi, ma in qualche occasione il pressing alto è stato pericoloso. Tocca soffrire, ma non è una novità…

  62. E’ solo una mia impressione o sembra che dietro i goBBi giochino con la sciolta nelle mutande?

    Dobbiamo approfittarne!

  63. Juventus – Inter 2-2
    ‘notte

    PS.
    Lautaro non segnerà mai

  64. E niente. Non gira.
    Dai, dai, dai!!!!

  65. Pandoro Pantalone Tardelli non poteva stare a casa invece di venire in tv a dire la solita messe di scemenze?

  66. passare passeranno loro.
    ma finalmente, dopo tanti anni, non veniamo brutalmente sottomessi.
    anzi.

  67. “Mariani, puoi fischiare una volta anche per noi?”

  68. Certo che essere contenti per non essere sottomessi quando dovevamo provare a vincere la dice lunga di come siamo messi.

  69. l’ipocondriaco le sta sbagliando tutte

  70. Non capisco questo altruismo di passare sempre la palla al proprio compagno quando invece si può tirare. E tirate in porta cazzo!

  71. Devono aver presentato Valentina Nappi a Lukaku. Altrimenti non si spiega.

  72. bhe…. ci sono state delle Inter che a torino hanno fatto figure veramente misere

  73. la qualificazione se n’è andata a ramengo a san siro

  74. Certo che l’abbiamo persa a San siro ma mai questa squadra ti da l’impressione di fare una impresa o di tentare di farla.
    In tutte le partite decisive non vinciamo

  75. Povero Sensi, ma che ti é successo?

  76. Aldilà del risultato , mi dispiace constatare che Sensi é un ex giocatore , e Lukaku purtroppo con le big sparisce .

  77. Il labiale dell’ovino era per l’arbitro?

  78. È bastata una Juventus svogliaticcia perché l Inter si dissolvesse (la dissolvenza fa sempre danni). Ho sbagliato pronostico. Ci speravo. Invece dobbiamo continuare a giocare in questa coppa minore. Lukaku controfigura di un giocatore di calcio. Lautaro non pervenuto. Conte spettinato. Come a scuola quando il professore dice ai genitori.. è bravo ma non di applica.
    Buona notte.

    Ps. siate più creativi con gli insulti. Grazie.

  79. Una rube così scarsa erano anni che non si vedeva, parevano un Frosinone qualsiasi. Adesso tutte le energie per il campionato.

  80. Ciao. Leggerò Settore. É un peccato. Sembrava un bel posto, ma se non viene protetto dal letame sparso da un maleducato, é un posto come un altro. E la vita, scusate, è già tormentata cosi.

  81. Eh si, qualificazione buttata via all’andata, indubbiamente… lukaku sembra in un momento non brillante fisicamente, ci sta dato che gioca sempre, sensi invece sembra un po’ bloccato mentalmente, come avesse paura di farsi male di nuovo. Va be’ da ora si gioca una volta a settimana, vediamo un po’ come va

    • Sono ormai parecchi mesi, tutti uguali, e’ un caso umano, detto pubblicamente anche da Conte in un intervista

  82. Oannes eddai. Cafoncello. Non sei originale. Mica sono venuto qui a insultare. Contrariamente a voi io non lo faccio mai. Si chiama stile. Comunque non porto rancore. Ti perdono. Volevo tuttavia lanciare una provocazione…stefanino non sarà contentissimo. Vuoi vedere che non paghera gli stipendi?

  83. Sarò sincero, da più fastidio essere eliminati dalle merde (col buffone in porta, oh my good!!) che aver perso l’accesso alla finale, ciò detto abbiamo ora il dovere di lottare, fino in fondo, per lo scudo.
    Fuck you(ve), partita persa a Milano per nostro demerito, non c’è altro da dire.
    Dobbiamo recuperare alcuni uomini, lontani da uno stato di forma accettabile, sperando che intanto una proprietà più ambiziosa dei chinese si faccia avanti.
    Forza Inter!

  84. il problema è che questi adesso non perdono più.
    giocano male ma portano a casa i risultati grazie a ronaldo.
    vediamo se col napoli attuale perdono almeno un paio di punti… difficile.

    • Figurati
      Poi come al solito gira semre tutto da quella parte, gia’ hanno i loro casini ,domani sera vanno Bergamo a scannarsi con l’Atalanta e rigiocano sabato pomeriggio

  85. Passano loro è vero, ma anche stavolta si è giocato alla pari, dopo averli sottomessi in campionato…

    Nel complesso una discreta gara, in cui è mancata un po di buona sorte e non si è mai riusciti a cambiare passo. Peccato non aver sfruttato la capacità di Hakimi di sorprendere a più riprese la difesa gobba.

    Gli errori nella partita di andata sono stati decisivi; poi l’apporto delle due panchine, per qualità e quantità, ha fatto il resto…

    Peccato, lo 0-0 lascia una sensazione di impotenza e ricorda molto lo 0-0 con lo Shakhtar che ci costò la qualificazione Champions.

    Ora sotto con il Campionato, non ci rimane altro…

    • Condivido tutto, mi permetto solo di rimanere nella mia convinzione che la sceneggiata(per come intendo il calcio) di Cuadrado alla fine e’ risultata determinante

      Poi si, alla pari, anche meglio, ma si percepiva che stasera potevamo giocare fino a mezzanotte ma non avremmo segnato mai

      Chiudo sul caso del nostro 12 ricordando appunto che ben 2 volte, in periodi diversi, Conte disse in conferenza che nonostante gli esiti negativi degli esami il ragazzo sentiva dolore……

  86. Avete sentito che quel simpaticone dell’ovino pare abbia offeso Conte e poi Marotta ha replicato? Lo stile juve.

  87. Dovremmo anche cambiare mentalità e deciderci a non viaggiare più a uffa e comperare i biglietti dei pullman che gli avversari, a turno, parcheggiano davanti e nella loro area.

    Magari qualche risultato in più lo si porta a casa.

    Questa sera, così come all’andata, non mi sento di muovere grandi critiche ai ragazzi (facendo la tara ai due grossolani errori); forse qualche imprecisione nel tiro ma tanto, tanto culo da parte loro.

    Ora, testa al campionato, guardando sereni al futuro.

    AMALA.

  88. Conta molto molto molto la partita di domenica con la Lazio, vincere sarebbe una gran cosa, va già bene che ci sono 5 giorni.

    Della partita posso solo dire che la, juve senza ronaldo avrebbe 10pt meno nonostante tutti i favori che le son concessi. Per carità non è che gli altri facciano schifo, ma qualunque pericolo passa dai suoi piedi altrimenti girano in tondo per 90min ne più ne meno di noi.

  89. Per fortuna dopo ogni nostra grande sconfitta ti arriva javier che anziche’ stare a rimuginare guarda avanti e ti porta sul prossimo obt

    Ricordo che aveva fatto la stessa cosa nel momento ancora piu’ doloroso dell’uscita in Champions

    Sei il nostro Nick Hornby
    “Per fortuna nel calcio ce sempre un altra stagione”
    🙂

  90. È dal 2010 che c’è sempre un’altra stagione
    Mi sarei anche rotto un po’ i coglioni

  91. Con Shaktar e ieri , i due primi snodi , ci siamo messi nella condizione di dover far gol noi a tutti i costi , ed è evidente che questa squadra non ha nelle corde il gol facile , aldilà del fatto di essere miglior attacco ( 9 gol al benevento 6 al crotone etc ) nelle partite clou i ns davanti si perdono , Lukaku se vuole essere un top deve migliorare in area di rigore, sull anticipo al difensore sui movimenti in area ma purtroppo credo sia già grande, sul colpo di testa,
    Lautaro in questo sembra essere più promettente con più margini ma deve migliorare in concretezza .

    il gruppo è buono e Conte onestamente sta facendo il massimo.

    detto ciò forza inter e si va avanti siamo ancora in corsa per quello che realmente ci interessa ( non che la Champions non ci potesse interessare ma alzi la mano chi minimamente abbia pensato che avremmo potuto vincerla )

    ora due finali

  92. Lukaku e Lautaro sono 2 giovani ottimi attaccanti, che si fanno il mazzo, fanno un bel nunero di reti e sono 2 anni che tirano la carretta, hanno un momento di appannamento, a mio avviso ci sta tutto

    L’assurdita’ per una rosa del genere e’ non avere manco uno straccio di un Petagna in panchina in grado di farli rifiatare non dico una partita intera ma almeno un tempo.

    Sensi e Sanchez!
    questi sono i 2 personaggi dove punterei il dito, francamente entrambi hanno abbondantemente stancato, che si svegliassero

    • Io non credo sia un problema di Stanchezza, io credo si tratti proprio di una carenza da parte di Lukaku di abilità nell’ area di rigore ,

      occhio con questo non voglio dire sia colpa di Lukaku ( che si fa il mazzo in ogni zona del campo ) ad avercene come lui , dico solo che probabilmente quello che manca in queste partite chiuse è la sua scaltrezza in area di rigore .

      il confine fra vincere ed andarci molto vicino mi sembra di poterlo associare al confine fra Lukaku grande attaccante ed attaccante top.

      però non fraintendetemi non credo sia lui il motivo per cui non vinciamo , ci sono tante altre carenze , vedi un cambio in avanti un terzino mancino

      capitolo sensi io credo che al 100% fisicamente e mentalmente sia un top europeo , ma purtroppo sembra non poter più arrivare neanche al 80% , il motivo non è dato saperlo ..

  93. nei 180′ di semifinale, più i 90′ di campionato, i nostri 11 non hanno certo sfigurato di fronte ai loro 12.
    anzi. anzi.

    ora bisogna vedere se partirà una cavalcata scudetto seria e convincente o se ricominciamo con il balbettìo.

  94. come al solito sono d’accordo con voi

    l’abbiamo persa all’andata con due regali, nei 180 minuti non gli siamo stati inferiori, nulla da imputare ai ragazzi per impegno.

    non mi è piaciuto per niente eriksen, fallita anche sta prova per mancanza di garra, pensiero lucido ed anche coi piedi non è andato bene.
    in assenza di uno che abbia il pensiero verticale, l’unico è sensi, siamo lenti a salire permettendo il riposizionamento della difesa e l’unica cosa che facciamo è buttarla dentro dove ieri nn c’era trippa per gatti. manca anche chi salta l’uomo per creare superiorità, abbiamo gamba e centimetri, ma mancano inventiva e coraggio. e queste cose sono imputabili alle scelte del nostro allenatore che ha costruito la squadra cosi (con kante al posto di brozovic forse sarebbe stato anche peggio)

    ora testa al campionato, da settimana prossima per almeno due settimane non avremo la partita infrasettimanale in mezzo a piedi, dobbiamo approfittarne

    AMALA e sempre e quantunquemente iuve merda

  95. Tenuto conto dell’estrema difficoltà dell’impresa che i nostri eroi avrebbero dovuto compiere per rimediare la sconfitta della sciagurata partita di San Siro, e quindi concesso che anche un pareggio in terra avversa, conservando inviolata la nostra rete, non è da considerare un risultato del tutto negativo, quello che soprattutto preoccupa in vista delle prossime partite è il senso di impotenza che si prova nel constatare l’incapacità dei nostri attaccanti di dare uno minimo sbocco positivo al grande impegno nell’area nemica. Per tutto il primo tempo è stato un assalto all’arma bianca nella loro area, senza che dalla montagna di tutto quel gioco nascesse il topolino di un tiro decente contro la porta avversaria. Insomma, se la sconfitta dell’andata è stata il frutto di due balordi incidenti della difesa, il pareggio di ieri è da imputare soprattutto al duo dell’attacco, completamente annullato dai centrali juventini. Resta il centrocampo, che ha dato buona prova: per me è stata una novità, e un gran bel vedere, la squadra campione per un’ora arroccata nella propria area come una provinciale qualunque impegnata in campo avverso, arrabattarsi in qualche modo e dar botte da boscaioli per difendere la palla, con l’affanno di certi giocatori alle prime armi. Certo, il risultato giustificava un comportamento del genere, ma quanto a rispetto del gioco, in quello dei nostri avversari non ne ho visto traccia. Hanno la fortuna di aver tra le loro file un autentico fuoriclasse, che da solo risolve partite altrimenti destinate a ben altri risultati, e che soprattutto nelle ripartenze da solo è in grado di mettere a soqquadro le difese avversarie. È la solita storia di una squadra che fa il bello e il brutto in casa, ma che fuori dai confini dimostra quale sia il suo modesto valore. Una situazione insopportabile, che speravamo cessasse finalmente soprattutto per merito nostro, e qualche segno c’era stato di un cambio di registro. Forse ci eravamo ingannati. Un’altra battaglia perduta, ma la guerra è tutt’altro che finita…
    Buona giornata a tutti.

  96. Buongionro a tutti.
    E complimenti per le vostre analisi, sempre molto precise e lucide. E’ facile perdersi in critiche rabbiose, dopo una partita non vinta, e invece sono pressoché concorde con tutto quanto ho letto.
    Una piccola differenziazione la traccerei per il capitolo centrocampo e il capitolo Sensi (che del centrocampo è ogni tanto “ospite”).
    Giorni fa avevo scritto la mia personalissima opinione circa gli equilibri possibili a centrocampo, se si vuole aver riguardo per le caratteristiche che io credo di aver visto nei singoli giocatori (e usare la parola “interdittore” mi è costato un piacevole invito a pranzo a Livorno, a base di cacciucco 🙂 ) : la contemporanea presenza in campo di Brozovic, Eriksen e Barella NON è possibile, perché – pur nelle loro peculiarità – si tratta di giocatori molto simili, che schierati assieme “si pestano i piedi” e finiscono con l’appannare una manovra che già di per se’ non è certo fluida e piacevole (se la si peggiora, poi…).
    Sensi : è un Barella un po’ più elegante e leggermente meno mobile, ma necessita di qualcuno che lo “copra”, allo stesso modo in cui Rivera aveva bisogno di Benetti o Buriani, ad esempio. Circa il suo attuale stato di forma…credo abbia solo bisogno di essere “buttato” in campo più spesso, lasciato giocare senza critiche per tre/quattro partite di seguito, in modo da acquisire consapevolezza e quindi fiducia.
    Il problema vero è : ce lo possiamo permettere ? Le doti sono cristalline. Il tempo…tiranno.

    • Non hanno (o ha che dir si voglia) buttato Eriksen in campo per 4-5 partite con una valore che partito da 90 scemava di settimana in settimana figurati Sensi con i suoi 20ML.
      L’imperativo è fare i 3pt perché a noi nessuno ce li regala come quando la ronalda si appanna per 4-5 partite, poi ricomincia come sa e ripartono al galoppo.
      Noi se buttiamo Eriksen in campo 5 partite e facciamo riposare Lukaku 2 partite perdiamo 7-8pt
      e poi ci chiediamo perché dobbiamo arrivare a giocarci il 4 posto all’ultima partita.
      Quando mi incazzo sul fatto che veniamo penalizzati ad usual e se vinciamo dobbiamo sotterrare l’avversario altrimenti non se ne esce è proprio per questo.
      Noi perche società Inter, noi perché abbiamo una rosa palesemente incompleta, noi perché a volte siamo anche un po sfigatelli (tutti a ricordare lo Shakhtar e la ns sterilità in due pareggi, ma la traversa di Lautaro che trema ancora e la “svista” sul rigore clamoroso su Lukaku io me le ricordo ancora).
      Conte sta facendo il massimo con quello che i giocatori danno in campo, le scuse tattiche sono finite: Eriksen non è un top che cambia le squadre, è un passapalloni di qualità che in fase di non possesso è nullo. Sensi non è fisicamente a posto.
      Mi dimostrino il contrario quando giocano, subito, almeno per delle fasi significative della partita che fanno prevedere cosa possono fare in 90min e sarò il primo ad esser contento.

    • Ciao Giorgio ,

      io credo Sensi sia il giocatore che ti possa far svoltare una squadra , laddove sia in buona condizione fisica , verticalizzazioni , precisione , ritmo, visione , scelte corrette , inserimenti , insomma tanta intelligenza calcistica e anche qualche gol .

      ma il problema sta nel fatto che atleticamente sembra un ex

  97. Intervengo ogni tanto, ma oggi necessita.
    La rubentus ha attuato un CATENACCIO quale non si vedeva da decenni.
    Se per Agnelli va bene cosi’ allora tanto vale tenersi Allegri, che almeno capisce di calcio (mia idea che, almeno per ora, Pirlo senza i senatori che urlano in campo ed in panca non valga nulla-vedremo)
    Il problema che la beneamata ns non è capace di scalfire difese arroccate- di grandi o piccole squadre non importa-mentre colpisce inesorabilmente chi gioca in campo aperto.Servirebbe un dannato driblatore, ma non lo abbiamo, o perlomeno potrebbe Sanchez, se non avesse mania di driblare orizzontalmente piuttosto che in verticale.
    Chiaro poi che Ronaldo è di altro pianeta e, se gli dai palla ,prima o poi la mette.
    Per ora è un dato di fatto, abituiamoci.
    Amiamola a prescindere.

  98. Giorgio che Sensi sia il giocatore perfetto per completare il nostro centrocampo penso che siamo tutti d’accordo.
    Che dovrebbe giocare per rimettersi in forma anche.
    MA il problema sembra che sia proprio lui che spesso non vuole essere ributtato in campo.

    Questo sembra il primo problema

    Il secondo,addirittura forse ancora piu’ grave, che una volta che rientra in forma, una volta che decide di buttarsi, ti fa un paio di grandi partite e poi ti sparisce per altri mesi

    A questo punto la domanda e’ se ha ancora senso pensare a Sensi

    • Purtroppo alla luce di ciò credo abbia pesato l’amicizia Carnevali Marotta nel riscatto

      ed è discretamente grave.

  99. “FCIN1908 / Juve-Inter, ecco quali insulti ha subito Conte. E alla fine ha risposto così ad Agnelli”

    Ovviamente finirà a tarallucci e woodoo e sarà derubricato tutto “cose di campo, è sempre stato così”.
    Già la gazzetta ha puntualizzato che il 4 uomo prende nota solo degli insulti all’arbitro o ai giocatori, all’allenatore no…

    Altro che scheletri negli armadi, questi hanno la merda nel cervello.

    • Questa potrebbe essere l’unica cosa buona della serata , che potrebbe far prendere coscienza a Conte sulla feccia in cui ha sguazzato per anni .

      i vari Agnellino Nedved Paratici…

  100. ” e’ un uomo senza una singola cellula di sentimento per lo sport o l’integrita’ sportiva”

    Daily Mail, Marzo 2020

  101. La squadra, nonostante l’eliminazione, e’ sempre stata in partita e con più’ precisione in attacco avremmo potuto passare il turno
    Il gap con la Juve dal 2011 palesemente evidente, negli ultimi due scontri non si è’ manifestato
    Sensi non mi e’ dispiaciuto, e’ rapido nel passaggio e quando serve e’ capace nelle verticalizzazioni: ieri sera l’occasione più’ evidente e’ stata il frutto di un suo tiro deviato da un difensore avversario. Deve giocare per trovare il ritmo giusto
    Eriksen delude, ma cio’ che più’ preoccupa sono le incertezze determinate dal futuro societario

  102. E comunque sono fiducioso che la giustizia farà il suo corso, per gli insulti e minacce arrivati ai tesserati Inter da parte della dirigenza juve si parla già di 2 turni a porte chiuse.

  103. Brucia.
    Ci speravo, inutile nasconderlo.

    Adesso il piano tattico è semplice: le vinciamo tutte di qui alla fine.

    Potrebbe non bastare, certo. Ma sono fiducioso che così facendo dovremo ragionevolmente fare nostro lo scudetto.

    • ?????????
      Considerato che c’è il derby…vuoi avere la cortesia di spiegarmi come vincerle tutte potrebbe non bastare ?!?! 🙂

  104. Ma e’ mai possibile che dirigenti e proprietà’ della Juve insultano il nostro allenatore e la nostra dirigenza come reagisce??

    Mutismo e rassegnazione!
    Dal campo non siamo subito sconfitti ma fuori che tristezza …

    Povera Inter

  105. I casi Lukaku e Conte sono emblematici:
    Noi veniamo insultati e provocati ed i media ( vedi cazzetta di oggi ) ci mettono sullo stesso piano dei provocatori. I nostri Dirigenti per non parlare della proprietà come reagiscono : silenzio e rassegnazione

  106. Beh, il dito medio è poco scusabile.
    E, nello stesso tempo, è quello più evidente; molto più di un labiale, se pur chiaro.

    Diverso è il caso in cui il quarto uomo abbia sentito, e fatto mettere a referto, tutto.

    In ogni caso……sono solo e tutti gobbi di merda.
    Lo dico da un anno e mezzo.
    E, purtroppo, questo episodio ne è lampante conferma.

  107. Sto leggendo in giro molte critiche ai ragazzi,in particolare a Lautaro e Lukaku.

    Trovo le critiche nettamente ingiuste, capisco l’amarezza di aver visto svanire la possibilita’ di poter vincere un trofeo che manca da 10 anni, tanti, troppi, ma vorrei segnalare che Lukaku, Lautaro e molti altri di questa rosa non hanno nessuma colpa se non si vince da cosi tanto tempo, che sono qui da pochissimo.

    Anzi, al contrario va riconosciuto a Lukaku,Lautaro etc..di averci riportato in una dimensione piu’ che accettabile che l’Inter aveva smarrito.

    Quest’anno, al netto di quel pessimo primo tempo con il Real e il secondo tempo contro il Napoli cosa vogliamo dire a sta squadra?

    In pratica le altre partite le hanno dominate quasi tutte.

    Sono nel pieno di una crisi societaria senza precedenti e siamo ancora nel pieno della lotta scudetto contro gli avversari di sempre.

    Io faccio davvero fatica a criticarli, al contrario massimo sostegno e temo tantissimo la partita di Domenica.

    Forza ragazzi!

  108. “Un anno fa – accusa infatti Duluc dell’Equipe– Andrea Agnelli, patron della Juventus, uno degli uomini che fa più del male all’idea di universalità del calcio, ha dichiarato tranquillamente che la presenza dell’Atalanta in Champions era ingiusta. Sappiamo invece cosa sia fondamentalmente ingiusto e pericoloso per il calcio: che sia lui a disegnare, insieme a qualche amico, il calcio europeo di domani”.

    • Vero, però nel gruppetto chiamato “qualche amico” da Duluc c’è pure il presidente (desaparecido) dell’Inter.
      Il fatto è che tra noi tifosi ci si scanna (prescritto di qua, ladro di là) ma le società poi vanno a passeggio a braccetto

    • Si, ho visto due giorni fa la società juventus andare a braccetto dell’Inter
      Ah vabbeh, ma li ce l’aveva con Conte e con Oriali e con tutti i giocatori ma non con la società, e poi in fondo non era la società Juventus ma solo il presidente il figlio e lo spirito santo.

      E’ vero che le società spesso vanno a braccetto delle esigenze di bilancio, ma avere a che fare con “quella roba la” per più di tre giorni è veramente dura.

  109. Vaff…anche alla coppa Italia.
    Mai una gioia, oh …
    Quel tizio ossigenato sbaglia il pareggio e il Napoli si fa fare il 3-1.
    MAI una gioia.. 🙁
    E Gattuso (come giocatore non potevo vederlo, ma come allenatore ha il mio rispetto) che si deve barcamenare con un presidente che per ripicca gli tiene fuori Milik e non può schierare neppure Mertens…

  110. Comunque vada panta rei
    e sempre bjuve merda
    proprio
    every day

  111. @giorgio: intanto vinciamole tutte. Poi discuteremo sulle quisquilie matematiche.
    🙂

  112. Il problema non e’ il litigio, roba loro, ma le ripercussioni dello sfogo del patron del campionato su tutte le varie componenti

  113. Non avevo più visto una partita da quando il gobbo parruccato si era ricongiunto col gobbo calvo. Martedì mi sono lasciato tentare ed ho ceduto. Tralascio i commenti tecnici, ci tengo solo a dire che provo tristezza ad aver assistito ad un litigio tra antichi compagni di merende con la nostra squadra sullo sfondo a fare da tappezzeria. L’offesa più grande è che l’Inter non c’entrava per niente, il parruccato ed il cespugliato erano due ex fidanzati che si erano lasciati in malo modo ed ora si erano rincontrati e litigavano facendo volare gli stracci. E noi eravamo gli anonimi accompagnatori di uno di questi due delinquenti. Ho spento la tv, appuntamento a quando quel culo puzzolente si sarà alzato definitivamente dalla nostra panchina.

  114. invece che il gesto del dito medio bastava offrirgli un buon bacio perugina

  115. Comunque sta venendo fuori anche la storia delle avances a Barella (da cui le minacce di paratici ad Oriali).
    A costo di tassarci tutti o di fare le barricate per strada, semplicemente non si può fare (e neanche ipotizzare)

  116. A me dei battibecchi fra gobbi poco importa. Molto più grave che abbiano avvicinato barella col metodo moggi/canna aro. Questo è inaccettabile e da procura federale.

  117. Pare o si dice che abbiano ipotizzato uno scambio fra Barella e soldi per Bonucci ma si sia invece chiesto il giovane Rugani per Barella più molti soldi, molti molti e di fronte al rifiuto Oriali abbia pianto.

  118. Napoli-gobbi di sabato… Arbitro Doveri. Speriamo non ci sia l’apostrofo dopo la “v”.
    Il Napoli, però, mi è sembrato “sfilacciato”, ieri. Un po’ alla volta, uno o due pezzi l’anno, De Laurentiis è riuscito a ridurre di molto la qualità di una squadra che non vinceva trofei ma praticava spesso un bel gioco.
    Se non ha conseguito utili da favola…mi domando dove abbia gettato i soldi.
    Adesso però Gattuso – po’raccio – deve fare le nozze coi fichi secchi…

  119. Siamo alla follia totale.
    Tra tutto quello che si è detto e urlato e minacciato e sditato…
    il professor staffelli, grillo parlante della coscienza italica, ovviamente parte per consegnare il tapiro della vergogna a conte.
    Io non so cosa pensano allenatore e giocatori, ma se provassero l’1% dello schifo, della rabbia e della voglia di rivalsa verso tutto questo sistema vergognoso che provo io vincerebbero lo scudetto con 10 punti sulla seconda.
    Come direbbe Aldo:
    “juve merda è limitativo”

    • Credo che in qualche modo si possa avvicinare il calciatore a…che so…l’avvocato.
      Mi spiego : al di là del fatto della diversa cultura necessaria, si tratta di professionisti che accettano un incarico e vengono retribuiti indipendentemente dal risultato che conseguono, anche in considerazione della forza della parte avversa.
      E – fatta salva l’assoluta buona fede e la coscienza professionale di battersi al massimo delle proprie capacità – non devono necessariamente appassionarsi o affezionarsi alla parte che li stipendia…
      Immagino che – oltre la professione forense – ci siano molteplici altri esempi, ma questo mi è parso ben esemplificativo.

    • Non corri e sudi e esulti e ti disperi in tribunale dai, non possono non avere le balle che frullano a mille, non ci credo. Te lo dico domenica sera e dopo la partita con il Milan.
      Quella merda di agnelli e i suoi tirapiedi ci hanno regalato lo scudetto, vedrai se mi sbaglio.

    • Lo scrivo SENZA ALCUNA IRONIA : invidio la tua convinzione, in qualche modo. So di apparire cinico, ma mi sento in realtà solo oggettivo… Esempio : come calciatore guadagno cifre che per il 95% delle persone sono inarrivabili, faccio quello che riesco a fare e…bòn, se va bene…ci sono i premi partita, le interviste e i tifosi che mi santificano; se va male…il mio agente mi troverà di che campare agiatamente da qualche altra parte.
      Non lasciamoci prendere dalle simpatie/antipatie. Prendi Ibrahimovic : sono CERTO che si sia sentito a posto ovunque. Lui segna per chi lo stipendia, ma gioca… per se’.
      Si tratta di professionisti. NOI siamo gli appassionati.

  120. qualcuno ha visto everton tottenham?
    tirano in porta quelli lì, eh…?!

    date la videocassetta alla LuLa & Co.
    ce l’avranno un cazzo di videoregistratore alla Pinetina, ex Suning Training Center ?

  121. No.
    Prima c’era, ma ora…
    Adesso Padelli, Ranocchia, Eriksen, Sensi…insomma : quelli che giocano meno…fanno delle simulazioni, riproducendo le vecchie partite (ehi, chi ha detto : “Come la corazzata Potemkin del professor Guidobaldo Maria Riccardelli” ?!?!).
    Bonne nuit tout le monde.

  122. @Giorgio,
    l’arbitro dov’eri thousand points 🙂 🙂

  123. Siamo tifosi strani, noi interisti. Cerchiamo spesso l’oggettività nelle cose che riguardano la “nostra” squadra (gioco, situazioni societarie , rigori, mass media…), creiamo canali YouTube di “tifosi- opinionisti” che si fanno la guerra tra loro (li seguo saltuariamente, lo giuro, quel tanto che basta per sentire che per metà del tempo si sfanculano a vicenda senza quasi mai toccare la tifoseria o la dirigenza altrui).

    Siamo tifosi strani, dicevo, di una squadra strana con giocatori e dirigenti strani. Quando sono in attività e ci fanno gol, i nostri ex giocatori esultano, anche quelli in prestito. Quando smettono di giocare, i nostri ex giocatori – tolte le debite eccezioni, tre o… due, ben isolate nelle riserve indiane di studi asettici e circondate da cuscinetti di tifo avverso – sono tra i più critici verso tutto ciò che riguarda il mondo Inter. Degli opinionisti / giornalisti che frequentano gli studi delle “private” sedicenti interisti, poi, non ne parliamo: tra i più critici contro la squadra nerazzurra, addirittura disposti a parlare e a ragionare con ex dirigenti juventini, SQUALIFICATI A VITA.

    Abbiamo blog come questo, dove cerchiamo di ragionare, di dibattere in forma anche simpatica, dove vengono a trovarci ogni tanto “simpatizzanti” di altre squadre che vengono ad allenare le loro sinapsi altrimenti sclerotizzate se messe a disposizione di chiacchierate con i loro “simili”, che si esprimono a rutti e che ritengono che il congiuntivo sia una malattia degli occhi. E, vengono qui, a solleticare, a celiare, a pontificare, dal basso delle loro argomentazioni.

    Sì, caro: fai il tifo per la squadra più forte dell’universo, quella che si è costruita lo stadio pagando una miseria il terreno per costruirlo, la cui famiglia presidente è la casa regnante in questa repubblica di banane. Quelli che da decenni posseggono il monopolio industriale italiano, con i fascisti e i compagni, che si fanno aiutare dallo stato per aprire stabilimenti all’estero, che si comprano i giornali plaudenti, che sponsirizzano Nazionale e arbitri. Sì, caro: vieni qui a canzonarci, amore.
    Poi dopo vai a letto, però, e non ti toccare.

    Ancora.

    Siamo disincantati come pochi, noi interisti, perché deliberatamente e continuativamente continuiamo a tifare per una squadra che è logicamente la più odiata dal Sistema. E non lo dico perché sono un piangina, ma perché sono interista.

    Siamo arrivati al punto che gli aguzzini danno del lamentoso a chi frustano in ogni momento, solo perché reagisce con l’urlo al colpo.

    Siamo arrivati al punto che personaggi arrivati al terzo grado di giudizio in un TRIBUNALE DELLO STATO CIVILE che non ha emesso il verdetto (di colpevolezza) solo per sopraggiunta prescrizione, danno dei “prescritti” a chi non ha nemmeno subito un grado di giudizio in un tribunale sportivo. PER PRESCRIZIONE SOPRAGGIUNTA NEI TEMPI DI APERTURA DEL PROCEDIMENTO.

    Peraltro, nello stesso strombazzato documento che asseriva ciò, si faceva notare un AGGRAVAMENTO PIÙ MARCATO DELLE POSIZIONI DI ALTRE SOCIETÀ, IN PRIMIS QUELLA DEI SOLITI NOTI, non perseguibili nemmeno loro per sopraggiunta prescrizione dei termini di avvenuta prescrizione di APERTURA PROCEDIMENTO.

    Se un nostro giocatore avesse dato del Donkey/Monkey a un giocatore di colore, sfottendolo per la religione dei suoi antenati, ci avrebbero massacrato in ogni pagina di giornale, in ogni canale televisivo, con in prima fila i nostri presunti avvocati mediatici, che adesso, invece, asseriscono sommessamente che entrambi – Ibrahimovic e Lukaku hanno sbagliato. Certo, al solito: provocazioni schifose e reazioni scomposte vengono poste allo stesso livello.

    L’aggettivo “scomposte” fa capire che io sono interista.

    Ma se io tifassi per una squadra di ufficialmente prescritti (leggasi ufficialmente prescritti), di ufficilmente condannati (serie B, confermata 36 o 37 volte sul campo di ogni tribunale) che urla e strepita (che piangina!!!!) contro un arbitro (quello con il bidone al posto del cuore) che concede un rigore infinitamente più credibile di quelli che da più di un secolo vengono regalati loro (non ultimo quello contro di noi, in coppa Italia), che traffica per “accomodare” un esame di stato (Suarez)…

    Pensate: se continuo a mettere tutti i se che ricordo a mente, perdo il filo del discorso.

    Dicevo: se io facessi il tifo per una squadra come questa… Non farei il tifo per una squadra come questa. Perché sarebbe come credere sinceramente a una prostituta pagata in anticipo che ti dice: “Amore della mia vita”.

    Perché io sono interista, perché io sono strano.

    Ma siete più strani voi…

  124. Sono in piedi ad applaudire
    Grazie

  125. Buongiorno a tutti.
    Marcobibe ha descritto quello che siamo.
    E aggiungo un “grazie al cielo” (per quel che siamo, non perche l’ha scritto, peraltro molto bene…).
    Un paio di giorni fa avevo provato molto più sbrigativamente a delineare la demarcazione tra gli sportivi (noi) e i tifosi (più o meno tutti gli altri) e avevo concluso come convintamente concludo stamani : VIVE LA DIFFERENCE.

  126. Scusate se mi inserisco. E’ da anni che vi leggo e seguo, seppur non scrivendo mai, apprezzando comunque l’intelligenza e l’equilibrio che traspare dai vostri commenti, doti purtroppo sempre più rare…
    Mi decido ora a scrivere poichè mi sono sentito “tirato in ballo” da quanto ieri scriveva Giorgio, in risposta a Javier, in merito al paragone tra l’avvocato ed il calciatore professionista.
    Esercito l’attività di avvocato dal (lontano) 1994. Sono interista (nel sangue e nelle ossa) dall’ancora più lontano 1971… Caro Giorgio, vorrei dirti che hai torto e ragione al contempo.
    Mi spiego meglio: il paragone che hai fatto tra un legale e un calciatore è molto calzante, io stesso in tante occasioni , “tra me e me”, ci ho riflettuto sopra ; ambedue queste “figure professionali” non hanno “l’obbligo di risultato” e, quindi, che si perda o che si vinca, l’onorario (o l’ingaggio…) , comunque, si porta a casa. L’avvocato è responsabile patrimonialmente nei confronti del cliente solo se si comporta in maniera “non diligente”, del tipo: si dimentica di depositare in Tribunale un atto entro una certa data e quindi ” canna un termine” (come si dice in gergo…) portando alla sconfitta il cliente, ovvero in altri casi tutto sommato “limite” .
    Idem per il calciatore: paga le multe se arriva in ritardo agli allenamenti, se si comporta male con i compagni, se si fa espellere in modo ingiustificato ecc. , ma, se anche l’avvocato perde una causa ovvero il calciatore perde una partita, non vi sono responsabilità ” dirette”.
    Per cui il paragone ci sta.
    Tuttavia ( e qui invece mi permetto di dissentire da Giorgio) esiste la ” coscienza professionale”, ossia quella cosa , (che non saprei veramente come descrivere, se non citando il famoso coraggio di Don Abbondio, “se uno non ce l’ha, non se lo può dare… ” ) che ti fa esaltare come un ossesso se vinci una causa ( ovvero se fai gol e vinci una partita …) e , viceversa, ti fa disperare se invece quella causa la perdi (ovvero perdi la partita ) e non dormi per varie notti perchè ci rimugini sopra e pensi che hai perso perchè non hai valutato bene quella circostanza piuttosto che quell’articolo di legge ecc.. Questo succede perchè il Buon avvocato deve dare tutto sè stesso al cliente così come il Buon calciatore deve dare tutto sè stesso alla Squadra ed indentificarsi in lei, …
    Ecco: la differenza tra un ottimo calciatore /avvocato ed un mediocre , è tutta lì… e non è cosa da poco, si chiama “coscienza professionale”.
    Nella mia vita professionale ho potuto constatare che i migliori avvocati sono proprio quelli che danno ” tutto” fino a spremere l’ultima goccia di energia professionale per aiutare il cliente..
    Mi auguro che i calciatori che indossano la gloriosa maglia neroazzurra abbiano (tutti! ) questa coscienza; posso dirvi che quando ho visto Barella esaltare per il secondo gol ai ladri, questa coscienza, l’ho vista, ma è soprattutto quando le cose vanno male che si capisce meglio , perciò, vi consiglio di valutare i calciatori da come si comportano quando si perde, è lì che la “coscienza professionale”, se esiste, viene fuori !
    Un calciatore che esce dal campo ridendo dopo che ha appena perso una partita è un qualcosa che non potrò mai accettare, così come ho visto colleghi avvocati ridere /sghignazzare dopo aver perso anche cause importanti, anzi… ritengo che i peggiori legali siano proprio quelli.
    Un caro saluto a Tutti e perdonate la prolissità… ( è un difetto…professionale, come capirete !)

    • Buongiorno, avvocato.
      Io – infatti – mi riferivo solo al vincolo professionale e NON alla coscienza 😉
      Riguardo poi all’esultanza di Barella…hai ragione (anche lì, come in tutto il Tuo pezzo, e lo scrivo senza alcuna piaggeria, FELICE che ci sia qualcuno che conservi la coscienza professionale, nell’anno di grazia 2021), ma ho scritto apposta di Ibrahimovic per fare un esempio, perché sono certo che anche Barella, se dovesse giocare in un’altra squadra e segnare contro l’avversario di turno, salterebbe come un grillo.
      Quesro, però, come dite voi avvocati…non rileva, perché attiene alla persona, e non alla professione.
      Buona giornata 🙂

  127. Entro solo per applaudire Marcobibe.

    Minchia che pezzo , l’ho riletto due volte.

  128. Quoto gibson3.
    Davanti ad un pezzo come quello di Marcobibe qualunque cosa meno di “Minchia che pezzo” è un affronto al pianeta Inter.
    Bravo gibson3, (e ovviamente STRAbravo a Marocobibe) ci sono momenti nel calcio dove “devi uscire” la parola giusta:
    Minchia che pezzo. 🙂

  129. Mi associo.

    Marcobibe, minchia che pezzo!

    AMALA.

  130. Niente da dire, mi ripeto: le penne di questo blog sono differenti…, come noi tifosi

  131. @marcobibe

    Grazie innanzitutto per il
    “minchia che pezzo”
    semplicemente straordinario,
    un bottoni marco dovrebbe leggerselo e rileggerselo prima di comparire su questo sito, e riflettere un po’…

  132. Scusate, mi ero limitato solo ad applaudire in piedi davanti a quel pezzo 🙂

    Marcobibe, minchia che pezzo!

  133. ragazzi, mi sento titolato a rivendicare il ” minchia che pezzo “, perciò dispongo che i miei proventi Siae siano accreditati direttamente sull’ Iban di Suning. ☺

  134. Quindi caro marcobibe alla fine ci sei arrivato anche tu. La solita inutile litania de “noi contro tutti perché siamo i meglio dell’universo”. La sindrome di accerchiamento permane nonostante i clamorosi successi di 11 anni fa. Che poi arrivati rubacchiando un paio di partite ve lo siete dimenticato. Rimosso. Se non erro i titoli dei giornali sportivi di tutto il mondo recitavano (testuale) ” Il grande furto italiano”. Si siete strani. Ripetete come mantra le stesse cose da sempre. Perché la colpa è comunque di qualcun’altro. Peccato non conosciate il vostro vate il vostro condottiero. Quello che vi ha creato modellato e abbandonato. Ma va bene così. Siete strani.

    Ps. So cosa sono i congiuntivi. Strano per uno che tifa Juventus. Lo so. Ma anche tra noi ci sono persone che hanno fatto la terza media

    • Sai perché dei “clamorosi successi” di dieci anni fa? Perché voi e la vostra reputazione siete stati scaraventati in B e stavate riorganizzandovi. Tieniti la tua squadra, i tuoi Bonucci, i tuoi Paratici e vai a letto.

  135. 90 minuti di applausi @marcobibe. Orgoglioso di essere Interista.

  136. Ma poi, Marco, perché vieni qui da noi? Vai a parlare con chi fa il tifo e la pensa come te. Davvero: ci sono anche dei bellissimi siti che raccontano che la terra è piatta, che la Juventus è leale, che Moggi è stato un grandissimo dirigente.

    Dove Bonucci rispetta gli arbitri.

    Vai tra i tuoi simili, Marco.

    Qui, purtroppo tifiamo per una squadra che è la nemesi della tua. Porta il congiuntivo tra le tue genti. E di’ loro che “qualcun altro” si scrive senza apostrofo.

    Ma non dire che lo hai imparato qui.

    Non ti crederebbero.

  137. Marcobibe vuoi sapere perché vengo qui a scrivere? Davvero fai una domanda così elementare? Ti spiego. Una quindicina di anni fa capitai per caso sul blog di settore. Per caso ok? Vi erano tanti tifosi anche interessanti che commentavano. Interisti per la maggior parte. Ma anche milanisti e juventini. Romanisti. Insomma erano, più o meno, rappresentati tutti. Prima di partecipare alle discussioni chiesi il permesso. A settore in persona. Il quale mi disse di stare tranquillo che ero comunque accettato perché, cito, gli interisti sono i fratelli del mondo. E così per qualche anno fui uno dei commentatori. E anch’io scrivevo le mie, raramente perché il lavoro non mi permetteva tanto svago ma nai nessuno proprio nessuno,si è mai sognato di contestare la mia (nostra) presenza aliena. Il blog aveva un altro nome. Molto evocativo. Settore era un agorà di menti lucide intelligenti e molto spiritose. Qualcuno sarcastico qualcun’altro impertinente. Noi tifosi di altre squadre eravamo molto meglio di come tu potrai mai essere.
    Questa è cronaca.
    La tua e retorica di bassissimo livello.

  138. Si ho visto. Qualcun’altro. Ora scrivo a Samsung per dirgli che hanno una scrittura intuitiva del cazzo. Tranquillo. Darò tutto il merito a te.

  139. Sinceramente a me gli ospiti di altre squadre non dispiacciono , quando si adeguano al mood del blog …

    anzi vederli qui avvalora sempre più la mia tesi , noi interisti (almeno il 99%) siamo di un altra categoria .

    bel pezzo di marcobibe e bel pezzo di Gaetano

  140. Daniele fc sei un reduce del vecchio blog? Perché ho notato che ora c’è stato un passo indietro rispetto ad allora. I nuovi mi sembrano meno inclini al confronto. Se la menano e se la dicono purché i contendenti siano di sangue blu e nero.
    Va bene ci mancherebbe. Ma un pischello che esorta a migrare altrove un commentatore di un’altra squadra una volta sarebbe stato preso a male parole da settore. Mala tempora ecc. ecc.

    • Non perdere tempo con sta gentaglia, vai a scrivere una vibrata protesta a Samsung per il correttore…
      Potresti partecipare al premio Nobel del c’era una volta.
      Va ad insegnare la sottile arte dell’insulto all’università Bottoni.
      Oppure….
      Insomma à Bottoni! Va un po dove ti pare ma va va.

  141. Cerca persone intelligenti di 15 anni fa’ che non trova piu’, potrebbe tentare su chi l’ha visto

    Si, tempo perso

  142. Ma si ma dai Bottoni, mica ti vorrai paragonare a gente come Gobbobuono Rubens o Peppe il Pantera, tu sei solo un troll inutile a fastidioso che non fatto altro che insultare. Per me la cosa migliore sarebbe stata ignorarti.

  143. Macrobibe leggo solo ora! quoto, applaudo e – se non ti offendi- condivido fuori di qui.
    E applaudo tutti i commenti fatti al gobbo che continua a rompere anche qui.
    Se avessi un ristorante, farei uscire i molestatori, i maleducati, i rompiballe insomma. Altrimenti le cise andrebvero in due soli possibili modi. Nel peggiore dei casi perderei tutti gli altri clienti. Oppure gli altri clienti si alzano in piedi e lo sospingono fuori dal mio locale.

  144. Siete pucciosissmi. Voi insultate me e poi stravolgete tutto dicendo che io insulto voi. Se amassi la parola petaloso la userei per descrivervi.

    Alla prossima

  145. Ma Bottoni é il cognome o il soprannome?.. sai, ‘attacca-bottoni’.. da evitare. Come la peste. Meglio come detto da andrea, da ignorare. Si stuferà. O crede davvero che esista l’arte dell’insulto?..minchia che ribrezzo, fastidio e dispiacere! Dai buttalo fuori! E chiudiamola qui.

  146. Un saluto a tutti, ultimamente sono rimasto un po’ indietro ma grazie ai vostri apprezzamenti ho recuperato il pezzo di marcobibe e mi associo al “minchia”, che è ancora poco… poi mi ripeto, ignorate il gobbo, fate come conte con staffelli, ai deficienti non va data importanza

  147. Io sarei per ignorarlo anche perché, al di là degli esercizi di verbosità, non mi pare che con i suoi interventi abbia portato alcun contributo.
    Ps. Minchia che pezzo.

  148. Denby…poi mi ripeto, ignorate il gobbo, fate come conte con staffelli, ai deficienti non va data importanza

    Se questo è il vostro livello povero blog settore.
    Altro che nostalgia canaglia. Siete sprofondati nell’abisso. Al pari dei blog juventini. Siete uguali. Forse peggio.
    Vi lascio nel vostro brodo.

  149. Ecco lasciaci, grazie…..

  150. olé! fuori dai coglioni!
    si torna a respirare.

  151. Vi lascio…provvisoriamente. non vorrei mai che sentiate la stessa mia nostalgia.

    Ora insulti a raffica 3..2..1…via

  152. Sprofondati dagli abisso, gli va riconosciuto che prima di lasciarci si e’ confessato

    addio

  153. Per onor del vero fu Giorgio che suggerí di ignorare il trollone gobbo. Poi oh, Bottoni, comportati a modo e vedrai che nessuno qui ti inviterà ad andartene.

    • La diversita’ arricchisce, un troll, che sia interista,gobbo,milanista, laziale etc. rimane un troll che ha come unico scopo quello di disturbare

      Poi le regole le decide il padrone di casa ci mancherebbe, ma condivido tutto quanto sotto scritto da tuttonoi e oannes qualche giorno fa’….se diventa sta roba anche no e sarebbe un dispiacere

  154. Settore, facci un piacere, buttalo fuori per sempre. Questo-immagino non solo per me ma per molti di noi- è il luogo dove stare bene, mettere da parte le difficoltà della giornata e parlare liberamente, rilassandoci in maniera intelligente tra persone accomunate dall’Inter. Se consenti a un bieco figuro di venire qui e sputare su qualsiasi cosa venga detta, nessuno tornerà più a dire nulla. Perchè frequentare un posto dove si sta male? Fai il padrone di casa, per favore.
    Se poi sono l’unico a vivere così questo blog e a pensarla così sulla soluzione da prendersi, sono pronto ad ascoltare soluzioni alternative. Ma cerco una soluzione, prima di volermene andare, con rammarico. Mi si dimostri che una sola macchia non rovina l’intero vestito.

    • Se mi posso permettere, la soluzione alternativa è continuare a fare quello che facciamo (scriviamo) di solito. Domenica c’è una partita non male con la lazio, c’è un campionato da giocare fino in fondo, preoccupiamoci di quello. Io, tanto per dire, sono preoccupato anche perché ci sono bastoni barella e brozovic diffidati e dopo la lazio c’è il derby…

  155. Tuttinoi vai a piangere da papi?

    Cazzarola sei adulto. Dovresti sapere gestire queste situazioni.

    Usami come discarica emozionale se la tua giornata è difficile. Approfittane. È gratis

  156. Don’t feed the troll, please.
    Mai reagire alle provocazioni (più datata, ma altrettanto vera).
    Ok?
    Ok.
    (ah, a proposito: minchia che pezzo!)

  157. Ho riletto il commento che ho scritto stamattina.

    Minchia che pezzo.

    Riesce a fare incazzare personaggi in cerca d’autore dicendo solo la verità.

    Ma io comunque mi chiedo, per non ragionare con assiomi autoreferenziali: c’è una sola affermazione di quel “Minchia che pezzo” che non sia (ahia! male all’occhio) vera?

    Vorrei davvero saperlo.

    E nel porre retoricamente la domanda precedente, mi chiedo in forma altrettanto retorica: perché a dire cose oggettivamente vere si incazzano così tanto?

    P.s. Scusatemi, piccoli amici bianconeri. C’è un dubbio da chiarire, oggettivamente: le sentenze avverse SUL CAMPO dei Tribunali sono 37. E adesso a nanna, senza toccarvi pensando ai vostri 39 scudetti sul campo (altrui).

    Eppur si muove…

  158. @andrea : grazie mille. Imitando Gibson3 : minchia, che citazione ! 🙂
    E devo dire che apprezzo quanto ha appena scritto Denny (lui che spesso “carica a testa bassa” 🙂 ).
    Sono interessato a leggere ciò che trovo spesso in questo blog, vale a dire pareri competenti, parole appassionate, a volte amare e a volte ironiche, ma quasi sempre esposte con garbo.
    Cosa che differenzia questo spazio da tutti gli altri.
    Non ho la benché minima intenzione di scriver d’altro.

  159. Ora alcuni di voi avranno uno scopo. Prendermi in giro.
    Insultarmi.
    Far finta di ignorarmi.

    Non ringraziatemi. Lo faccio volentieri.

    Minchia che bravo sono

    • Sinceramente per un attimo ho avuto il dubbio che avessi ragione e magari eri solo partito (o ripartito) col piede sbagliato.
      Ma mi rendo conto che sei davvero un po patetico.
      Buona vita, fine del giochino.
      Bye

  160. Alcade: Figlioli. È tardi. Poiché abbiamo cenato, si rendan grazie a Dio, e partiam.

    Tutti: Partiam!

    Alcade: Or! Buona notte

    Tutti: Partiam! Buonanotte! Partiam!

    Tratto da “La Forza del Destino” di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, Atto secondo, scena IV,dove il coro intona “Partiam, partiam, partiam!” restando sempre in scena, un po’ come qui.

    E allora io vi dico: restate qui, fratelli bianconeri. Deliziate questo luogo con le vostre visioni, le vostre verità, le vostre vittorie adamantine. This is the dawning of the Age of Aquarius!

  161. @marcobibe sono proprio le cose vere che fanno incazzare chi si è costruito un suo mondo basato su falsità 😉
    @Giorgio sto invecchiando, non ho più voglia neanche di sfanculare i gobbi, cerco solo di averci a che fare il meno possibile…

  162. @tutti: ma volete tornare a fare commenti normali? Che so, insultare gagliardini, perculare sensi… 😀

  163. Adamantine…mi ricorda qualcosa.

    Notte.

  164. Nessuno qui ti insulta.
    Nessuno qui ti prende in giro.
    Nessuno qui fa finta di ignorarti.

    Esisti. E con te la squadra per cui fai il tifo.

    Tifo. Malattia contagiosa.

    Ma non preoccuparti. Resta.

    Siamo vaccinati, anche perché voi non avete varianti. Siete monoclonati.

    E, davvero, vi invidio. Perché se ci credete davvero, siete da invidiare.

    Come le mosche, felici, su ciò che è diventato un ironico sinonimo/epiteto del vostro nome.

    Mangiatela e siate (ahia! fastidio all’occhio) felici.

    La puzza? No. Qui nemmeno noi la sentiamo più.

    Credeteci. La pensiamo esattamente come voi.

    No. Non vogliamo favorire. È tutta vostra.

    Non andartene. Resta. A me ricordi in che situazione viviamo. Mi è utile.

    Vedrai che tra poco ti verranno in soccorso quelli buoni. Quelli che “però, anche Lukaku… Anche Conte… Anche Oriali…”.

  165. ma sto logo nuovo?
    vi piace?
    come per le maglie, sti stravolgimenti non mi convincono.
    quello attuale è molto elegante, raffinato… un po’ come gli stemmi di società come il barcellona, il manchester, il liverpool ecc. in special modo quello ricamato.
    quello che stanno spoilerando su internet ha un fondo blu carico… e le lettere così incurvate? un po’ … cinesi?
    mmmhhh no buono.

    • Devo dire che ho trovato tremendamente più indigeste le maglie. Il logo non mi smuove più di tanto. Trovo invece un po grottesca la tempistica.

  166. In ogni caso: se rimane per più di un anno questo “logo” che effettivamente ricorda un pittogramma / ideogramma dalle reminiscenze orientali (i diversamente tifosi se ne sono andati come affermato più volte, vero?), è positivo perché significa che la proprietà è rimasta e con essa una parvenza di continuità. Se subentra un fondo o una proprietà europea, ritengo che il penultimo simbolo dell’Inter abbia più appeal estetico e europeo e il nuovo logo, com’è giusto, sparirà.

    Oggettivamente è brutto.

  167. Bah…non so bene.
    Come ho ironicamente (ma non troppo) scritto…vedere l’immagine di questo post mi è sembrata quasi strana, tanto le “sbandate” delle nuove maglie mi sono già diventate familiari (NON che mi oiacciano, sia chiaro…è solo che ci ho fatto l’abitudine in un tempo per me spaventosamente breve).
    Sono andato a curiosare sul nuovo logo e devo dire che è davvero strano, ma mi domando ad alta voce se non sia qualcosa cui mi abituerò presto.
    Una domanda stupida : le sigle “Football Club” dove sono ?
    Possibile che non ci sia uno straccio di grafico in grado di inserirle in qualche modo armonico ?!?!

  168. Detto che del logo in sé personalmente me ne frega il giusto (cioè molto poco), concordo che potrebbe essere un indizio sul discorso cessione quote/cambio di proprietà. Sbaglierò ma non credo a un disimpegno repentino di suning, secondo me cercano un socio di minoranza con opzione di riacquisto, che x un fondo potrebbe essere anche un’operazione con una logica… ma qui ci vorrebbe Wolf Tail che potrebbe dare un parere più competente

  169. Dal mio sabato mattina:

    @tutti: buongiorno, interisti!
    @marcobibe: scrivi più spesso, ti prego.
    @signor Bottoni: il punto non è se tu sia offensivo o meno, o se l’autorizzazione a scrivere qui concessa dal padrone di casa sia o meno caduta in prescrizione (una più, una meno, cosa cambia a gente come voi…). Il punto è che, banalmente, una persona intelligente avrebbe già capito di non essere gradita, e si sarebbe congedata. Tu invece sei ancora qui. Pazienza, per me significhi solo dover scrollare un po’ di più.

  170. Non ci sono più gli interisti di una volta.. ormai siete tutti incarogniti. Questo fatto societario vi ha destabilizzato. Il cambio della ragione sociale vi ha fatto perdere il lune della ragione. Ora come vi chiamate? Inter Milano. Forse i cinesi si sono accorti che non avevate una identità. L aggiunta del nome della città vi ha finalmente resi riconoscibili. I secondi di Milano. Per l Europa ora è tutto chiaro.

    Sig. Hjc anche voi non mi siete graditi più di tanto. Eppure vi tollero benissimo quando venite sui nostri blog a sparate boutade da bulletti di quartiere. Anzi a volte siete divertenti.
    Se ne faccia una ragione. Resterò qui per molto tempo.

    Ps. Avete anche maglie che fan cagare. Ma questo già lo sapevate.

    Pps. La classe di antonino verdi non l’avete e non l’ avrete mai.

    Ppps. Ho scritto a samsung per qualcun’altro con l’ apostrofo. Appena mi rispondono vi copio qui cosa avranno detto.

    Pppps. Ma oltre a prescrizioni scudetti rubati e moggi avete qualche altro di nuovo da dire? Se volete anch’io posso scrivere le solite inutili litanie da juventino. Cosi però non ne usciremo mai.

  171. Buongiorno a tutti.
    Mi dicono che sono passanilmente intonato, ma in ogni caso non rischio (e soprattutto NON RISCHIATE) alcunché, se scrivo… 🙂
    Fate conto che la musica sia quella di Mrs. Robinson di Simon & Garfunkel : “Where have you gone, Fortebraccio ? A blog turns its lonely eyes to you…”.
    E con questo…ho toccato il fondo e iniziato a scavare… 🙁

    • “passanilmente” ?
      Forse, oltre a non cantare, è meglio anche che non scriva… 🙁 🙁 🙁

    • sarà a sparare boutade in qualche blog giuventino. A proposito, qualcuno mi sa indicare qualche blog giuventino o bilanista che oggi mi va di fare il bulletto di quartiere?

  172. Se ne trovano finchè vuoi, Andrea. Digita “terrapiattismo e scie chimiche”, in genere escono fuori già così

  173. @Giorgio non ti preoccupare, la partita è domani, c’è tempo per gufare 🙂
    @andrea lascia stare, dai retta, andare sui blog avversari è una roba davvero triste, e poi vuoi mettere come ci divertiamo qui?

  174. sul napoli che possa strappare un pareggio? qualcuno ci crede?

    • Koulibaly,Manolas,Hisay, ossia la difesa, assenti
      Martesns assente
      Valeri al var
      Hanno giocato mercoledi sera
      Sono in crisi
      Non sarebbe come camminare sull’acqua ma na roba simile

  175. Buffon, presunta bestemmia in Inter-Juve. Nessun deferimento dalla Procura: “Audio poco chiaro”

    Nemmeno Germano Mosconi sarebbe riuscito ad essere più chiaro…

  176. @Dawide : purtroppo…ci spero ma non ci credo.
    Come scrivevo l’altro giorno… De Laurentiis (lo cito perché è il presidente, non perché io sia davvero convinto che faccia tutto da solo) ha comprato molto bene e poi venduto MOLTO MEGLIO, un pezzo alla volta, ogni anno.
    Lavezzi, Cavani, Higuain, anche Hamsik. Giocatori costati relativamente poco, che hanno fruttato al Napoli fior di campionati e poi ricchissime “plusvalenze” (si dice così, no ?).
    Con Milik sembrava fosse destinato a ripetere l’ennesimo capolavoro, ma poi tutto si sta inceppando : Insigne va bene se non è l’unico punto di riferimento. Lozano è un buon giocatore, ma deve “farsi”, Mertens indisponibile, Milik tenuto fuori per motivi economici…
    E’ ovvio che anche un allenatore che sta sul pezzo (non potevo vedere Gattuso da giocatore, ma da allenatore ha il mio rispetto, e non da quest’anno)… non può far le nozze con i fichi secchi.
    Che dire ? Speriamo in… Politano 😉

  177. Napoli Bjuve 0:6,
    buon pomeriggio a tutti

  178. Mi perdoni l’unico vate FB

  179. Citando Moretti: mi si nota di più se vado o se non vado?

    Cosa faccio, come agire con questo organismo parallelo, al limite dell’ucronico (con questo termine lo facciamo tacere per un po’, giusto il tempo che si faccia una pippetta culturale consultiva su Wikipedia)?

    Gli diciamo che abbiamo sul tavolo, appena macinato fresco, il tentativo di truffa nel caso Suarez o lo lasciamo pascolare in tranquillità e silenziosa compassione tra i campi sconfinati della nostra correttezza?

    Adesso questa domanda (retorica) gli darà giovamento e spunti per altri interventi, di certo.

    Uno che, dopo che qui si parla di cose amene su una squadra ipotetica di Torino, ci inonda di dotte e sapide disquisizioni sentendo il dovere di farlo e di farlo qui, ha il diritto di compiere questo gesto.

    Comunque ci provo, anche in questo post, a fissare dei punti su cui incardinare un discorso.

    Nel senso: è acclarato il fatto che una vettura facente capo a una squadra ipotetica di serie A (retrocessa in passato per frode sportiva) ha accompagnato un giocatore che intendeva acquistare a svolgere un esame presso un centro adibito a concedere la cittadinanza italiana?

    Sì No

    È stato individuato il dirigente sportivo (attualmente sotto inchiesta) di una ipotetica squadra di Torino che ha chiamato telefonicamente uno o più dirigenti per “facilitare” l’esame?

    Sì No

    È ragionevole pensare che questa ipotetica squadra di Torino non sia il Torino?

    Sì No

    Basta la citazione di questo fatto recente a rispondere al terzo o quarto post scriptum del soggetto ucronico sulla “freschezza” degli argomenti che mettono in dubbio il concetto di sportività di questa ipotetica squadra?

    Sì No

    Se un ipotetico tifoso o cittadino risponde quattro Sì, siamo in un universo quantomeno recepibile come reale e condivisibile anche da altri tifosi, ma questo pone il soggetto che risponde ai quesiti in un corto circuito etico: come può il soggetto tifare convintamente per una squadra di cui un dirigente, peraltro nel segno della tradizione, compie atti che vanno contro il senso stesso dell’etica sportiva?

    Se risponde tre Sì e un No, si va a creare un’apparente dissonanza consequenziale, con annessa erosione di sostenibilità della tesi, tenuta comunque in piedi dalla maggioranza dei fatti apparentemente plausibili.

    Se il soggetto o i soggetti in questione rispondono due Sì e due No, abbiamo davanti un caso, quasi desueto, di insostenibilità dell’essere, un’apparente stadio di equilibrio teorico, ma instabilità concettuale, difficilmente gestibile da una mente oggettivamente coerente tra il detto e il fatto.

    Se ciò che rimane dell’oggetto risponde un Sì e tre No, bisogna stabilire se assecondare tale visione apparentemente distorta, creando files stile 1984 (dove la squadra in questione viene ventilata come Udinese o Siena), o il pirandelliano Enrico IV, dove la realtà parallela si va a costruire attorno ai Desiderata del rispondente.

    Se l’ameba risponde quattro No… Che si scatenino i mastini della guerra, che Giovanni si metta da parte, e che si riscriva l’Apocalisse, dove l’anticristo si sostituisce al redentore, dove questa visione diventa realtà.

    Io finisco qui la mia opera.

    Se qualcuno vorrà ancora rispondere a questo tale che viene, a portare la sua realtà, lo faccia pure.

    Io, come Gianbattista Marino, faccio dei “pidocchi”, meraviglia ma non per sempre. E questa non è un’offesa, ma una verità: l’ardita iperbole per attestare che da qualunque argomento mi perito di scrivere un “Minchia che pezzo”.

    Risponda chi può e vuole, quindi. Ma ricordo che “a lavare la testa all’asino (o alla zebra?) perdi l’acqua e anche il sapone”.

  180. Minchia, che pezzo.
    Basterebbe questo per giustificare (non che ne abbia tanto bisogno, ma tant’è) un blog.
    Se poi è il Blog dei blog… beh, è una medaglietta in più

    MINCHIA, CHE PEZZO!

  181. Simon & Garfunkel, La mia colonna sonora.

    Grazie, Giorgio!

  182. Inter – Lazio 0-2

    ‘notte

  183. Spezia-milan 0-2 doppietta di kessie r. (è l’iniziale del nome, no? Com’è che si chiama, robert?) Ovviamente non oso confrontarmi con fortebraccio, lo faccio solo perché lui possa concentrare tutti i suoi gufowatt su domani sera 😀

  184. Ucronico….non lo leggevo dal 2005.
    Allora coglioncello (mi chiami ameba quindi beccati l epiteto) io rispondo 4 si.
    Ti ho deluso? Speravi in un imbecille bendato che fa del tifo la ragione di vita?
    La squadra per la quale si è simpatizzanti non la ddrcoecidi in base alle sentenze di un giudice. Dovresti saperlo. Coglioncello.
    Mi è capitato la Juventus. Fattene una ragione.
    E starò sempre su quella sponda.
    Amen.

    Ps sei prolisso.

    Pps. 2+2=5 a proposito di Orwell

    Ppps. coglioncello

    • Non sai leggere neanche un questionario di Sì o di No.

      Se il soggetto in questione risponde quattro No, era denominato organismo monocellulare, ovvero ameba.

      Ma tu hai risposto quattro Sì.

      Te n’eri accorto?

      Prolasso?
      Prolisso?
      Qualcun’altro?

  185. ddrcoecidi = decidi
    Preciso per i non normodotati.

  186. ameba era riferito a colui che avesse risposto 4 no coglionazzo

  187. bhe, se i gobbi stasera portano via i 3 punti… siamo fottuti.

    a parte che, se per caso milan e juve non facessero punteggio pieno, di sicuro noi domani perderemmo. è una regola non scritta ma rispettata ad ogni occasione.
    perciò… quasi quasi preferisco che vincano entrambe,

  188. Se l’ameba risponde quattro No….

    Il soggetto è ameba…

    Bel tentativo.

    Coglioncello.

  189. Consiglio spassionato: quando i testimoni di Geova (spero che non si offenda nessuno, è un esempio… avrei potuto scrivere “il piazzista di contratti di telefonia”) venivano a suonarmi al campanello, facevo finta di non esserci. Al terzo o quarto giro a vuoto, hanno smesso di suonare…

    Auspico lo stesso atteggiamento, che io per parte mia porrò in atto fin da subito, nei confronti del saputello a strisce slavate.

    Saluti, forza Inter, bjuve Merda

  190. Quanto mi diverti.

    Ma sei pagato da qualcuno?

    Tentativo? Il mio?

    Oltre al congiuntivo conosci il condizionale?

    La consequenzialità?

    Se: ossia “nel caso in cui” introduce una protasi che esiste solo a condizione che esista il verificarsi dell’apodosi.

    Che non c’entra niente con la prostata.

    Tentativo…

    Juventino.

    Scusa se ti ho offeso in forma volgare, ma hai cominciato tu.

  191. Coglioncello ricorda esiste la consecutio

    Se l’ameba risponde quattro No

    Se l’ameba rispondESSE quattro no….

    Riprova

  192. Se il se introduce un fatto ritenuto certo regge l’indicativo, e dato che il caso lo presento io, decido che è certo che se rispondi così sei un’ameba.

    Il caso è mio e lo presento come certezza.

    Se il se introducesse un fatto ritenuto improbabile o incerto reggerebbe il congiuntivo, ma il tuo caso non è improbabile.

    Tu sei proprio uno juventino.

    È l’ultima volta che ti rispondo. Non lo farò più. Per te riflettere è essere come uno specchio.

    Juventino che non sei altro.

    (Chiedo scusa a tutti del termine volgare, ma ha cominciato lui).

  193. Marco Bottoni……….da qualunque lato tu la giri,con Marco Bibe ne esci sempre a pezzi,….lo hai piu’ volte definito..coglioncello…,ma lui e’ 10 volte superiore a te su qualunque piano e su qualunque campo od argomento tu decida discutere…quindi un consiglio…..non offendere..perche’ il coglioncello..non e’ certo lui.

  194. Ciao coglioncello. Me ne farò una ragione.
    Grazie per lo juventino.
    Coglioncello.

    Maurizio tb. Sei suo cuggino? Allora sei un Coglioncello anche tu

  195. @Hjc : l’associazione “piazzisti di contratti di telefonia” ringrazia 🙂
    Però ho una domanda… DAVVERO esistono i piazzisti di contratti di telefonia che visitano a domicilio ?
    Intendo : non sarebbe più logico che…telefonassero ?
    Troppo banale, eh ?
    @Marcobibe : credo che l’Ascoli sia rimasto male per la mancata citazione. Se ti dovessero venire a cercare…ti darò una mano, perché quel “mastini della guerra” mi ha colto sul debole (“hounds of war”, col re Enrico… I presume 🙂 ).

  196. Marco Bottoni…e la tua proverbiale e risaputa saggezza ? dove e’ finita?
    Mi definisci coglioncello?
    Hai perso la calma?
    Offendi?
    Ti ho dato del coglioncello?…Hai letto bene cosa ho scritto?
    Io non ti ho dato del coglioncello,ma consolati.. non ti considero molto sveglio, dopo questo tuo intervento..a presto,.. e ti prego scrivi ancora, ..per ultimo scusa tanto se la mia ignoranza e’ inferiore alla tua.

  197. Io sono calmissimo. Piuttosto scomposte le vostre reazioni. Capisco che cambiare nome alla squadra dia problemi. Capisco che essere dileggiati per le maglie stile carnevale di Viareggio possa dare disturbi psicosomatici. Capisco tutto. Capisco anche le lezioni di arrampicata sugli specchi di marcobibe.

    Non ci foste sareste da inventare.

  198. @Giorgio: Per essere certo di non coinvolgere nessuno dei lettori, avrei dovuto scrivere “una coppia di juventini onesti” ma non volevo che sembrasse un blog di fantascienza. Tutto qui. Il concetto di base è che abbiamo di fronte un pallone gonfiato, e l’aria gliela forniamo noi parlandogli addosso.

    • Molto giusto.
      Non so perché, ma con la citazione della “coppia di juventini onesti” mi hai fatto venire in mente Z. Galifianakis quando “spara” dell’orso polare albino.
      So che c’entra un tubo, ma quella serie di “Una notte da leoni” mi ha sempre fatto arrotolare dalle risate…
      Cultura limitatissima 🙁

      Va bene, va’, ne butto lì una anch’io : antropocene.
      Carina, no (improvvisamente son stato colto da sindrome imitativo/competitiva 😉 ) ?
      Anche se non prelude a cose necessariamente piacevoli.

  199. E adesso…rigore…Insigne…gol.
    Ciao.

  200. Riflettere…

    Può anche significare mostrare una verità rovesciata.

    Una squadra formata da retrocessi pluricondannati (su richiesta del loro avvocato difensore!) penalmente e prescritti ufficialmente in un tribunale della repubblica che danno dei prescritti a chi non ha nemmeno visto iniziare un procedimento sportivo.

    Un tifoso morboso che chiede qui, in forma becera in uno dei suoi post (come l’avvocato difensore che perorò la causa della sua squadra), argomenti nuovi di ludibrio che non siano Moggi e compagnia.

    Accontentato (caso Suarez).

    Lo stesso tifoso che si offende non comprendendo che il “caso ameba” teoricamente non lo riguarda.

    Chiarito (ha detto di aver votato 4 Sì)

    Lo stesso tifoso che puntualizza berciando regole grammaticali prontamente esplicate.

    (Uso del congiuntivo e dell’indicativo nel “se”)

    Il medesimo tifoso che, vistosi coprire dal letame delle sue argomentazioni, comincia a offendere su magliette, loghi, arrampicate sugli specchi.

    Boh!

    Non è colpa loro.

    Io pensavo fossero in malafede.

    Io speravo fossero in malafede.

    Ma loro non riflettono SULLA realtà, nel tentativo di comprenderla.

    Loro riflettono LA realtà, rovesciandola.

    Perché sono così.

    Perché è così.

    Adesso ha trovato la parolina “Coglioncello” e la ripete a tutti.

    Perché come uno specchio deformato riflette se stesso sugli altri.

    Poverino…

  201. @marcobibe non sprecare così la tua eloquenza, attieniti alla prima legge del dibattito 😉 intanto la gobba sotto su rigore col napoli, e ammoniti chiellini e cuadrado (rumore di tuoni…)

  202. Marcobibe eddai. Non dovevi ignorarmi?
    La verità e che vi piace sentire il rumore dei tamburi nemici; cito più o meno a memoria.
    Aspetto il pluridecorato zero tituli così facciamo il pieno.
    È che non ne avete avuta più l’occasione.
    Tornando sul caso ameba..tu coglioncello mi hai chiamato così.
    Secondo me il termine ameba non è corretto, almeno seguendo il filo logico del tuo discorso. Ti suggerisco una modifica. Che ne dici di blatta?
    Sarebbe da voi.

    Marco tb il coglioncello vale solo se sei sui cugino. Lo sei? Ok fai l ‘offeso, non lo sei ? Che cazzo scrivi un pippone sul coglioncello che ti avrei dato.
    Le basi cazzo…

  203. Ah..ripropongo per il mio amico marcobibe.

    Avendo anni 9 si è perso gli accadimenti

    Il giudizio di Palazzi è duro nei confronti dell’Inter e di Facchetti: la società nerazzurra violò l’articolo 6, cioè fu colpevole di illecito sportivo. “Questo Ufficio ritiene che le condotte fossero certamente dirette ad assicurare un vantaggio in classifica in favore della società Internazionale FC, mediante il condizionamento del regolare funzionamento del settore arbitrale e la lesione dei principi di alterità, terzietà, imparzialità ed indipendenza, che devono necessariamente connotare la funzione arbitrale”.

    Tutto poi prescritto.

    Amen

  204. Palazzi.
    Giudice, vero? Non simil PM, proprio giudice giudicante.

    Non uno che formula delle ipotesi da dimostrare e successivamente, se del caso, portare in giudizio e sottoporre il tutto al vaglio della difesa prima ancora che del giudicante.

    O no?

    NON TOCCATE GIACINTO.

  205. Sono in lutto. Abbiamo perso. Solo 7 minuti di recupero. Gara falsata.

  206. Vabbé, non entro nella disputa.
    Solo per dire che le merde hanno perso contro il Napoli.

  207. Jamm’ja. Almeno per qualche minuto il bottone gobbo é impegnato a cercare il Maalox. PIIINAAAAA!!!! L’hai finito tu???!?

  208. Con un rigore decisivo contro, tra l’altro, quando per occasioni probabilmente avrebbero meritato di vincere. Non succedeva dai tempi di Hammurabi

  209. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  210. Evviva la juve ha perso!
    Fantozzi cosa stava facendo? Beveva? Bene, continuo a bere la Perrier.
    Marcobibe cosa stava facendo? Elargendo palate di merda? Continui continui.
    Lei Bottoni stii fermo sulle sue convinzioni, non ceda di un centimetro.

    Ragazzi squadra che vince non si cambia.

  211. Grande Lothar, nuovi fortebraccio crescono 🙂

  212. Dawide che dirti…..felicissimo della mia risposta sbagliata…

    😉

  213. Mannaggia. Tutto perché suarez non siamo riusciti a naturalizzarlo.
    Ora chiamo Andrea e lo convinco a rivolgersi a voi che sapete bene come falsificare passaporti. Se ci siete riusciti con recoba potete farlo anche per suarez.
    Suvvia. Sarebbe una carineria. Un segno di pace.

  214. e adesso?!?
    se pure il milan perde punti domani per noi diventa inutile scendere in campo.
    vittoria lazio garantita.

    va bhe. godiamoci il godibile

    JUVE MERRRRRDAAAAAAAAA

  215. Non dimentichi le pastiglie prima di coricarsi, Il vaneggiamento quotidiano nell’ora d’aria é una via di sfogo. Un saluto ed un incoraggiamento ma soprattutto una prece per le malcapitate infermiere.

  216. quindi era possibile batterli?

  217. Bottoni, Bottoni, ci hai rotto i maroni… ma resta, continua pure, se gli effetti sono quelli di stasera, a noi va benissimo così!

    Va però detto che Rubens, Gobbobuono e Peppe er pantera, erano di un’altra categoria…

    Simpatici, educati, acuti e soprattutto consapevoli di essere ospitati in un blog di una squadra avversa.

    Alla lunga, l’ospite non gradito è come il pesce: dopo 3 giorni puzza…

  218. Ehi…nessuno che mi dice : “Bravo !”, perché ho detto più volte che il Napoli non sarebbe riuscito a pareggiare ? 🙂
    Noi ci saremmo riusciti facilmente, a quel che ho visto nel secondo tempo 🙁

  219. Bravo Giorgio! Adesso concentrati per il serale

    • No, no.
      Ti ringrazio, ma…davvero non riesco a credere che lo Spezia possa pareggiare…
      Be’, certo… se giocasse Galabinov e fosse in forma… Naaaahhhhh…

  220. In risposta al Minus Habens più sopra

    BALDINI: Passaportopoli, Oriali era innocente!
    Intervistato da La Repubblica, l’ex direttore generale della Roma, Franco Baldini, è tornato sul caso passaporti del maggio 2006, quando il dirigente nerazzurro Gabriele Oriali venne condannato a sei mesi di reclusione (sostituiti da 21.420 euro di multa) per il reato di concorso in falso, dovuto alla procedura per far diventare comunitario Alvaro Recoba. L’ex dirigente giallorosso dichiarò di voler fare “un’ammenda, su Gabriele Oriali, che rimase coinvolto come dirigente dell’Inter nello scandalo dei passaporti falsi sul dossier Recoba. in effetti, Oriali disse la verità, nel senso che allora mi chiese un consiglio, io gli dissi che sapevo che c’era una persona, che però non conoscevo, e che si occupava di vedere se le carte erano in regola. Poi questa persona non si rivelò onesta. Oriali non sapeva nulla, e nemmeno io. Lui ha molto sofferto per la macchia e mi dispiace”. Dichiarazioni che dovrebbero far riflettere tutto l’ambiente Juventus, che da allora si appella a quella che è stata definita la ‘Passaportopoli’ dell’Inter, colpevole a detta dei bianconeri di illeciti comparabili allo scandalo Calciopoli.

  221. Seconda ammonizione allo Spezia (Bastoni) davvero eccessiva.
    Sarà stato per il cognome ? 😉

  222. Ancora 0-0?
    Qualcuno ha sbagliato il rigore o non gliel’hanno ancora dato?

    PS: lo so che mi prenderò gli insulti di tutti, ma non sono assolutamente d’accordo con la bullizzazione del gobbo in atto.

    Queste cyber risse non mi piacciono, stop.

    E che io la gobba e i gobbi li schifo eh….

    Vivo nel Torinese dalla nascita mica a Milano….

    Non è una democristianizzazione del problema per carità, e lo so che certe affermazioni sono difficili da tollerare,
    ma il tutto mi pare un po’ eccessivo nell’insieme (cit).

    Ringrazio anticipatamente per gli sfanxulamenti

  223. Enzuccio caro. Anche Olindo e Rosa si sono dichiarati innocenti. Non per questo lo sono.
    Minus habens? Interessante.
    Se non ti sono simpatico dillo.
    Tifate Spezia dai.

    Ps. Pronostico. Vincerete lo scudetto.
    Sono certissimo. Peccato non si possano postare immagini altrimenti vi farei vedere la mia puntata su di voi…

  224. Pirlo: “Il rigore non andava assegnato perché la palla sarebbe stata presa dal nostro portiere”.

    N.B. Il portiere era DIETRO il giocatore del Napoli.

    Pirlo: “Io andrei a vedere il VAR”. Suggerimento dato al quarto uomo in occasione del rigore concesso nella partita di coppa Italia anche se era palese che la palla sarebbe andata fuori.

    Perfino quelli di Sky hanno sommessamente sussurrato, dopo che Pirlo se n’era andato: “Secondo noi era rigore per il Napoli”.

    Vivono in un mondo parallelo, dove la coerenza non esiste.

    Poverini.

  225. Mi ricordo di aver letto un bel libro” la guerra dei bottoni”.
    Uno scontro tra ragazzi in cui chi vinceva strappava i bottoni dei vinti
    Per associazione mi è venuto in mente il nostro ospite

    Basta guerra a livello di ragazzi
    Sfottò si insulti no

  226. Ciao Bottoni.

    Non difendevo te personalmente e non vorrei citare Voltaire a sproposito.

    È che la reazione alle tue provocazioni mi e’ sembrata eccessiva. Ma ognuno reagisce come meglio crede, ci mancherebbe.

    Ho pochissimi amici gobbi, tanti conoscenti ma amici no.

    E non per una questione di tifo calcistico, provo a spiegare:

    Ci sono persone fatte in un certo modo, con le quali anche sforzandomi non riesco proprio ad interagire serenamente.

    E se queste persone sono appasionate di calcio, lo sai per quale squadra tifano, nel 90% dei casi ?

  227. Ehi, Intervals.
    Come vanno le cose dalle tue parti ? Mi riferisco al meteo…
    @Jamesscott : bel libro di Pergaud, mi pare.
    Ne lessi una vecchia edizione, in cui l’esclamazione più frequente e spinta era “perdinci”.
    Bei tempi…

    • Ciao Giorgio.
      Meteo abbastanza schifo, nevischio sterile sulla bassa valle, in alto non so.
      Ma domani dovrebbe far bello e quindi ciaspolata!
      Non sono Fortebraccio, ma se continua così, domani si perde alla grande.

    • Eh, già… 😉

  228. E adesso vinceranno 3 a 2, ovvio.

  229. Spero che Gibson3 vorrà benignamente perdonarmi se in qualche modo lo scimmiotto, ma… Minchia, che sabato ! 😉

  230. Ok. Hanno perso entrambe le squadre più accreditate per la vittoria finale.
    Ripeto: basta vincerle tutte di qui alla fine ed è fatta.
    Che ci vuole?

    🙂

  231. peppe perepeppe
    peppe perepeppe
    peppe

  232. Minchia,che sabato!

    🙂

    • Ti ho fregato per 5 minuti 😉
      @Hjc : purtroppo…avevo ragione.. Lo Spezia non ce l’ha fatta, a pareggiare…
      E non ha neppure giocato Galabinov 🙂 🙂 🙂

    • Giorgio in realta’ Ti avevo letto e meglio non si poteva sintetizzare e ti ho seguito 🙂

    • Ci mancherebbe solo che mi arrogassi uno “jus primae minchiae” 🙂 🙂 🙂

  233. bella serata di sport.
    rinfrancante.

  234. Se domani sera non parte la cavalcata scudetto… allora siamo veramente rincoglioniti.

    FORZA RAGAZZI

    milan merrrrrrdaaaaaaaa

  235. Evidentemente oggi mancava kessie r. giocava il fratello scarso kessie f. 😉 cmq non vorrei dire ma noi gufi dilettanti la nostra parte l’abbiamo fatta, fortebraccio tu che sei un professionista non vorrai fare brutta figura domani?

  236. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  237. Inter – Lazio 0-2
    ‘notte

  238. On a serious note, dai commenti che sto sentendo (non avendo visto la partita) pare che il milan abbia giocato davvero male, 0 tiri in porta e surclassato come gioco, lo spezia anche con noi ricordo che non era male ma vuoi vedere che i cuginastri cominciano a pagare la preparazione anticipata l’estate scorsa? Intanto domani non dico che voglio vincere a tutti i costi, la lazio è un brutto cliente, ma mi aspetterei un atteggiamento da squadra consapevole che le si presenta una grande occasione…

  239. La Lazio è davvero un brutto cliente ma, considerato che non abbiamo altre competizioni, serve una prestazione con i controco……

    Mi auguro di non vedere il solito squallido e inutile 0-0

  240. Appena rientrato da una serata con amici, 2 coppie intorno ad un tavolo, merce più rara che due sconfitte nella stessa sera di bilan e bjuve.
    Tornando alle cose serie: che nessuno si muova, eravamo rimasti a Fantozzi con la Perrier, Marcobibe con la pala, e Bottoni (dio ce lo conservi) in versione risalita dei salmoni.
    Adesso basta trattenere il respiro fino a domani sera e poi mettere in campo il 7-800% e siamo a posto.

  241. domani è la prova del 9 per il principe dei motivatori , per il vecchio cuore nerazzurro, per quello che non le manda a dire ai gobbi di merda.

    domani tocca a lui.

    ( ? … torna in panchina, no? o c’è ancora Stellini? )

  242. p.s.: se non vincono sono proprio stronzi.

  243. @Giorgio e @mareintempesta

    ma vi pare? ? per un sabato così , “minchia che sabato” è il minimo !

    Per oggi, il mio slogan è copyright free.

  244. Buongiorno:

    Preferite “IL MILAN COLA AL PICCO”
    o “UNA FATAL MANO AL MARADONA PER LA JUVE” ?

  245. p.s. ringrazio tutti quanti per quanto ho potuto leggere in questi ultimi giorni, MARCOBIBE su tutti, autentico maestro di scrittura, capace di argomentare come pochissimi, chapeau!
    Stasera a tutta forza, senza se e senza ma,nel senso che non mi farei condizionare troppo dalle squalifiche potenziali, vincere significherebbe arrivare al derby con due risultati su tre, e allora forza Inter!

  246. Questa sera perderemo e verranno ammoniti:
    – brozovic
    – barella
    -, bastoni

    • 3 “b”…
      Avevi in mente qualcuna delle ns. rivali ? 😉
      @Lothar : è stato un sabato davvero saporito, direi… “speziato” 🙂
      Bonne journee tout le monde.

  247. Nella ormai annosa carriera di tifoso raramente mi era capitata una serata come quella di ieri con le due squadre candidate al titolo (la nostra, la pazza Inter, no, quando la si pronostica vincente, lo si fa aggiungendo i debiti scongiuri perché questo non avvenga) sconfitte nettamente, al di là del punteggio. Intendiamoci, la sconfitta dei campioni attuali a Napoli rientrava nelle previsioni: la squadra locale, che gioca di fioretto con l’eleganza e la perfezione che poche squadre in Europa e nel mondo possono vantare, quando è in salute e in buone condizioni di forma può dare filo da torcere e imporsi contro qualsiasi altra. Ma che la squadra di testa, da tutta la critica celebrata come la sorpresa della stagione, come ottimamente assemblata e ottimamente condotta, venga presa a pallate da un complesso che lotta per non retrocedere, in una partita che poteva terminare con punteggio tennistico, questo non era affatto previsto. Il fatto è che una squadra di calcio, come qualsiasi altra creazione umana destinata a durare nel tempo non nasce dall’oggi al domani, come un fungo. Se il tuo vangelo è solo correre correre correre e incontri una squadra che corre più di te, per di più meglio assemblata della tua e in possesso di schemi elementari da tempo perfettamente assimilati, la tua sconfitta appare più che scontata. A questo punto sarebbe d’obbligo almeno accennare alla grande occasione offerta su un piatto d’argento alla nostra squadra questa sera per balzare in testa alla classifica e iniziare la cavalcata tanto attesa verso la vittoria finale. Purtroppo di occasioni del genere, miseramente fallite, è lastricato nelle stagioni più recenti il cammino dell’Inter. Per di più la Lazio è una delle nostre bestie nere, in possesso del centrocampo migliore del campionato, dotata di ottimi attaccanti e attualmente in eccellenti condizioni di forma, che arriva a San Siro con l’intenzione di non accontentarsi neppure di un pareggio. Noi avremo a che fare coi nostri soliti problemi: attaccanti spreconi, maledizione di un campo da tempo più nemico che amico, le gambe che si fanno misteriosamente molli nelle partite decisive, insomma tutte quelle situazioni che in occasioni del genere regolarmente si ripresentano. Tuttavia, tra tanti dubbi e incertezze, abbiamo almeno una certezza: che comunque vadano le cose, non perderemo punti in classifica rispetto alle rivali più qualificate. Da lunedì poi il nostro allenatore potrà contare su un’intera settimana per preparare la squadra al derby e poi fino alla fine del campionato potrà giovarsi del tempo necessario per preparare la squadra per lo sprint finale. Vedremo finalmente se le famose doti carismatiche di preparatore di Conte sapranno operare il miracolo di forgiare una squadra pienamente competitiva e vincente. Basterebbe prendesse a modello il bravissimo allenatore dello Spezia che, operando su un capitale umano non certo di prim’ordine, ha creato una squadra che almeno ieri sera mi è apparsa quasi perfetta, una delle migliori viste all’opera nel campionato. Basterebbe e avanzerebbe per il successo finale…
    Buona partita a tutti noi.

    • Buongiorno, Scettico.
      La tua analisi è – more solito – pressoché perfetta. Non voglio certo trovare proprio io scusanti alle poco simpatiche rivali, però devo ammettere che il Napoli, nella partita di ieri, ha meritato meno del solito la vittoria (COMUNQUE GRADITISSIMA, sia chiaro…).
      Per quanto riguarda i “cugini” che hanno profanato un paio di volte Milano con la serie B…mi è sembrato che forti concause siano state anche l’assenza di Tonali (una specie di Barella, se mi passi il paragone…) e la non brillante prova di Saelemaekers e Leao. Questo – unito alla bella e concreta prova degli spezzini – ha fatto irrimediabilmente pendere la bilancia verso il secondo (GRADITISSIMO) risultato di sconfitta della giornata.
      Buona domenica a te e a tutti.

    • Giorgio, mi rendo conto che dire che il passo falso del milan sia dovuto alla mancanza del rigorino sblocca partita sarebbe fazioso (mah…) però inserire nelle concause Tonali, uno che ha giocato circa la metà delle partite essendo incisivo nel 10% di queste, rendendo mooooolto meno di quanto facesse presagire la sbandierata “operazione Maldini” (dire che a pari condizioni un acquisto da 50ML dell’Inter con tale rendimento sarebbe stato criticato pure dalla santa sede sarebbe piangeria), mi sembra un eccessivo slancio di tenerezze nei confronti dei cuginastri che peraltro dobbiamo incontrare fra una settimana col coltello fra i denti. Non abbassare la guardia, fai finta che siano pisani.

    • Cosaaaaaaa ?!?!
      Proprio DI DOMENICA tu citi assieme la S. Sede e i pisani ?!?!
      Wash your mouth… 🙂
      Più seriamente : è vero che Tonali si sia (fortunatamente per noi, come Shick e altri) per ora rivelato come un acquisto ASTUTAMENTE mancato, ma ho visto come gioca (corre, contrasta, raddoppia, imposta) e come scrivevo…la sua assenza più la prova mediocre di Saelemaekers e Leao hanno favorito il risultato. Assieme, certo, ad una partita senza grosse sbavature degli spezzini (concause).
      Però dai, di domenica (S. Valentino !)…i pisani no, su… 🙂

    • Pisani che, vorrei far notare, che hanno battuto il milan/monza di berlusconi e galliani.

  248. Giorgio pur con tutto l’affetto e la simpatia di questo mondo, ma il paragone Tonali Barella in questo momento no dai, poi Tonali domani diventera’ piu forte, ma oggi dai…manco il papa’ di Tonali si azzarderebbe a tanto 🙂

  249. Pratici e Merdved che insultano Calvarese reo di non ammonire un giocatore del Napoli resterà impunito?
    E questo sarebbe lo bjuve style?
    Mi sembrano nervosetti gli ovini

    • Pensavo l’avessi scritto apposta perché ti vergognavi a scriverlo esattamente 😉
      Ana Quiles, su RAI2, ha detto che secondo lei vincerà ‘a Lazzzzio.
      Se succede…stasera non la invito a bere qualcosa da me 🙁

  250. è veramente spudorato che loro possano fate tutto quello che han voglia.
    dal campo alla panchina alla tribuna.
    dai giocatori ai dirigenti al presidente.
    e pure pirlo adesso inizia a sparare minchiate. perchè se dici che quello di chiellini non è rigore, stai dicendo una minchiata sapendo di dirla.

    impuniti.

  251. Padroni arroganti del campionato

    Scusate se vado ot, torno su un mio pupillo assoluto,Luis Muriel.

    Bravi Gasperini,societa’,giovaninili etc..ma qua non si evidenzia che hanno in panchina(!) un tale che negli ultimi 2 campionati in 53 presenze ha fatto 30 gol, trenta!
    Partendo appunto spesso dalla panchina.
    Nessuno in Italia ha un panchinaro simile.

    Se penso che noi abbiamo Sanchez, 6 su 54/55? manco mi ricordo piu’

  252. Inter-Lazio 0-2

    ‘notte

  253. Questi sono i risultati tra Inter e Lazio negli ultimi 6 campionati:

    campionato 2019-2020 risultato 1 – 0
    campionato 2018-2019 risultato 0 – 1
    campionato 2017-2018 risultato 0 – 0
    campionato 2016-2017 risultato 3 – 0
    campionato 2015-2016 risultato 1 – 2
    campionato 2014-2015 risultato 0 – 0

    Come possiamo vedere, a Lazie ci ha sempre reso la vita difficile.
    Quindi, stasera il mio consiglio è quello di tenere ben stretti i “gioielli di famiglia” almeno fino al 97°

    Sperèm…

  254. Campionato già segnato.
    Complimenti.

    Io incasso i miei soldi voi il 19esimo.

  255. vinceranno loro 3 a 1
    ma al momento ai gobbi e ai milanisti, a vedere che ci danno pure un rigore, starà scoppiando il fegato

  256. Italia70 Lazio 2 a 0
    Grande Valcareggi!

  257. Inter – Lazio 2-3
    ‘notte

  258. Testa, cuore e cervello… portiamola a casa!

    Avanti Interrrrrr

  259. Barella capitano del futuro,
    é veramente for tis si mo.
    Avanti cosi

  260. Minchia Romelu!!

  261. Immenso Lukaku!!

  262. Skrigno anche impressionante…grande partita! Primi!

  263. Siiiiiiiiiiii finalmente!!!

    Salutate la capolista!

    Amala

  264. Stasera anche Perisic non mi è dispiaciuto, ha assolto a dovere i compiti assegnatili.

    AMALA.

  265. Quanto stracatacacchio varrà Skriniar ?!?!

  266. Hakimi stasera negativo. Per il resto hanno giocato tutti meravigliosamente.
    Se Perisic e Eriksen giocano con questa dedizione non abbiamo confini.
    Continuiamo con la strategia del vincerle tutte, ora tocca al Milan.

  267. Con la BBB non ammonita! 🙂

  268. Sono quasi commosso. Temevo molto questa partita, invece l’abbiamo vinta con una calma e una semplicità davvero da grande squadra. Preso il 2-1 su una loro deviazione di culo, dopo 3 minuti Big Rom ha rimesso subito le cose in chiaro. E i diffidati hanno giocato alla grande senza mai rischiare cartellini. Che dire, ragazzi il campionato è vostro, andate a prendervelo!

  269. Grandi ragazzi.
    Partita di straordinaria importanza e finalmente siamo tornati solidi.

    E mi raccomando….capisco che noi tifosi a volte ci facciamo prendere dall’amarezza di un risultato negativo ma per corteisa non scherziamo su Lukaku e Lautaro, 2 giovani ottimi attaccanti che danno sempre tutto e che con i loro gol ci tengono in piedi da 2 anni.

    Evviva l’Inter !

  270. Ahahaha inzaghino che dice che il rigore si poteva non dare. Ma andate a cagare, ma esiste qualcuno onesto nel calcio.

    • Ha detto che hanno dominato e il rigore non c’era…

      Però se ne torna a casa con 3 pere in saccoccia, il fenomeno…

  271. Inzaghi ha un problema con l’alcol.
    Tutto il loro problema è che abbiamo sbloccato su “un rigore che riguardandolo più volte magari c’era ma l’arbitro ‘lha dato subito troppo convinto e i ragazzi questo non l’hanno accettato”.
    Questo ha studiato al liceo Walter Mazzarri.

  272. Ericksen e Perisic, pregevoli.
    Bravi tutti i ragazzi.
    Grandi!!

  273. week end di grande, emozionante, esaltante Sport

  274. spero che scoppino tutti, quelli che stanno dicendo che il rigore è dubbio, quelli che stanno chiedendo come fanno al var a stabilire il momento esatto di partenza del passaggio per valutare il fuorigioco, quelli che stan dicendo che la partita l’ha fatta la lazio…

    BOOOOMMMM

    fanculo tutti.

  275. pecci … Lukaku 7 e Skrigno 6,5 muhahhuauhauhauhauha che cialtroni alla ds

  276. Domandina per gli appassionati di statistica: da quanto non eravamo primi a metà febbraio? Alla terza di ritorno?
    Mi sembra una vita, ma magari sbaglio.

    • A occhio mi sa che non siamo mai stati primi nel girone di ritorno dopo il 2010, ma non ho dati precisi, solo credo che me lo sarei ricordato… anche nel 2015 col mancio e 2017 con spalletti eravamo stati primi ma solo nel girone d’andata. Cmq era dai tempi del mou che non pensavo seriamente di poter vincere

  277. Altra considerazione: anni fa la Samp ( ligure)fermò la capolista. Noi salimmo in testa e dopo le vincemmo tutte.
    Ieri lo Spezia ( ligure) ha fermato la capolista. Oggi siam saliti in testa.

    ….

    Sto correndo troppo ?
    🙂

  278. Bene,
    e con un bel bjuve merda auguro una buona notte a tutti.

  279. Mi associo a Lothar, bjuve merda e bbilan va a cagare è un buon viatico per una serena nottata.

    AMALA.

  280. “Il rigore c’era se lo si guardava 10 volte al VAR, ma l’arbitro lo ha concesso subito senza andare a consultarlo…”

    Eugène Jonesco? Samuel Beckett? Bombolo?

    No, Simone Inzaghi.

    Illustre rappresentante italiano del Teatro dell’assurdo.

  281. Non vedo l’ora di leggere cosa scriverà Settore…
    E lo farà – presumo – prima di mercoledì, se il nobile sodalizio gufesco è convocato per quella sera.. 🙂

  282. ultima considerazione:
    com’è che conte ha chiesto scusa e invece tutta la banda dei ladroni gobbi di merda se ne stanno belli muti?

    anzi. hanno fatto casino anche dalla tribuna di napoli…

    buona notte.
    -6 al derby.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.