Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Jonas, il Gufo e l’Infiltrato

Mentre mi reco allo stadio Meazza per assistere a Inter-Napoli, faccio un pronostico basandomi su fattori puramente esoterici: “Essendoci Thohir allo stadio, dovremmo perdere. Ma siccome vincendo regaleremmo lo scudetto alla Juve, vinceremo fisso”. E’ quindi così, con animo leggero, che mi appropinquo alla cancellata, dove a domanda di uno steward gentile ma muscolare estraggo l’abbonamento che mi hanno gentilmente prestato, intestato a Nick Jonas, quello dei Jonas Brother ormai avviato a una brillante carriera da solista.

“Lei è Nick Jonas?”

“No, guardi, ho stampato l’apposito modulo di cambio usufruttore”.

“Sì, ma in che rapporti è con Nick Jonas?”

“Scusi, ma a lei che cazzo gliene frega?”

“E’ per una mia forma di piccata puntigliosità professionale”.

“Sono il padre. Roberto Jonas, Bob per gli amici”.

“Prego, passi pure”.

Mi dirigo verso il posto assegnato. Per la legge del marketing macroeconomico della minchia fritta, un posto che quindici anni  fa era blu e costava diecimila lire e via, oggi è rosso e costa alcuni bigliettoni della nuova divisa. Tra vent’anni il primo anello sarà tutto rosso come la barriera corallina e ci vorrà il mutuo.

Ma a me, Bob Jonas senior, chemmefrega? Mentre sono ancora lì avvinto dallo spettacolo dello stadio parecchio pieno, mi accorgo che Medel sciabatta una palla verso Maurito che ci si avventa e la insacca.

“Gaaaaaaaaaaaaaa”.

E lì mi accorgo dello strano figuro che ho davanti. Un tizio che su WhatsApp continua a mandare la foto di lui medesimo insieme a Thohir (Thohir!), ma che in realtà

tifa Napoli.

Infatti al gol di Maurito resta lì tipo statua di sale. Poi si rianima quando il Napoli attacca, comincia a tifare, si lascia andare:

“Iamme!”

Ma perchè ha la foto con Thohir? Come avrà fatto? Da quel momento lo battezzo:

l’Infiltrato.

Se la prende con Icardi (“P’tte ci vuole Maccc-si Lopez!”), se la prende con la curva (“Che ignoranza! Fanno uhuhuhu e c’hanno la squadra piena di negri!”), se la prende con quasi tutti i suoi (“Marò che partita e’mmerda”), poi se lo prende in culo quando Brozo la mette e la partita puff!, finisce lì.

“Ahhhhmmerdmaròahhhiammsfaccimm”

L’Infiltrato riceve un messaggio.:

“Icardi era in fuorigioco di tre metri! Tremmetri! Ahhhhmmerdmaròahhhiammsfaccimm”.

Poverino. Io, rilassatissimo, ormai faccio pablic relescion. Incontro nell’ordine Robbie The Monz, un uomo sociale; Antò, il Gufo titolare; Nick Jonas, che viene a riprendersi l’abbonamento e mi racconta del suo disgustoso bacio con Miley Cyrus:

“Cioè?”

“La prima persona che ho baciato è stata Miley Cyrus, fuori dal California Pizza Kitchen ad Hollywood. E’ stato romantico ma io avevo appena mangiato una pizza con le cipolle. Credo che il mio alito fosse terribile”.

Vabbe’, gli ho detto, guarda l’Infiltrato e consòlati, lui sì che soffre.

Il secondo tempo va giù veloce come un Gatorade dopo una mezza maratona. Faccio conversazione rilassata con il Gufo, che poi mi invita a bordocampo:

“Vieni, fratello: scendi meco a respirare il profumo dell’erba”.

Passo davanti all’Infiltrato, prostrato come Bertolaso davanti ai sondaggi di Roma. Respiro l’erba, saluto Ale lo scudiero della Balaustra che scende dalla scala tipo Wanda Osiris e poi niente, prendo e torno al parcheggio. Mi passano davanti i punti gettati nel cesso, ma la serata è tiepida, l’umore è alto e mi prendo una Heineken prima che, anche solo per ipotesi, mi potessero un po’ girare i coglioni. Amala, forza Inter, abbasso l’Infiltrato, Juve merda approfittatrice almeno ringrazia fanculo ciao.

icardinapoli

 

share on facebook share on twitter

113 commenti

  1. Primo!

    La gioia di quei tre bambini. La gioia di tutti i tifosi Interisti. Solo Noi.

    https://vimeo.com/163114327

  2. Secondo e pettinatissimo!

  3. Terzo come a fine stagione

  4. bravo! bravo,bravo,bravo……..,niente di più,niente di meno.
    ti leggo sempre con piacere,questa volta…..,di più!
    bravo!

  5. “Scendi meco a respirare il profumo dell’erba” ha un che di magico.

  6. L’abbiamo evocata e si è ripresentata: la Grande Inter è riapparsa nel I tempo_ Avessimo giocato sempre così.. Secondo tempo di controllo, per come stavamo, potevamo regalarci un po’ di spettacolo in più_ Mi sono piaciuti tutti, kondo diga, Medel ha fornito un assist alla Pirlo_ Il secondo gol capolavoro di tecnica e abilità calcistica: JoJo ne fa fuori quattro e accende Icardi, che la tocca giusta a Brozo, che controlla e conclude da manuale_ Si dirà che è colpa del Napoli imbolsito, io ho visto un Inter da scudetto_ Quelli di ieri li confermerei tutti_ S’è vista la mano del nuovo allenatore tanto invocato..
    Questo JoJo lo terrei stretto, Icardi è un grande, poche balle_

    • Il problema è che se gli altri fanno la gara noi riusciamo a fare prestazini come quella di ieri … I dolori vengono quando siamo noi a dover fare la partita … Per conferma vedere con chi abbiamo gettato i punti nel cesso ….

  7. Grandissima partita dell’Inter ieri sera

    VI VOGLIO BENE!!!

  8. Ci sta, Rubens, ok. A chi eventualmente si dispera perché “abbiamo consegnato lo scudetto alla Juve” dico che lo scudo non è in discussione da tempo. Anzi, i giocatori del Napoli secondo me sono rincuorati dal non avere più la pressione addosso. Ieri più squadra noi. E gran bella squadra. Chiudiamo la stagione con dei rimpianti.

    • Più che rimpianti questo campionato mi lascia un’incazzatura cosmica! Vuoi per l’indolenza dimostrata dai giocatori nel 90% delle partite, vuoi per le manie di protagonismo del fenomeno in panchina che ha cambiato 33+3 volte formazione.

  9. Ah, ma allora lo sanno cosa devono farci con quella strana sfera colorata che ballonzola sul campo. E dire che solo una settimana fa (e la settimana prima, e la settimana prima ancora…) la guardavano come mucche che vedono passare un treno.

  10. Ecco le partite (secondo il sottoscritto) dove l’Inter ha buttato punti nel cesso e,
    quelle (forse solo una) dove l’arbitro ci è stato avverso:

    ANDATA

    7^ Sampdoria – Inter 1-1 (negato all’ 88° un rigore nettissimo a Manaj) -2
    9^ Palermo – Inter 1-1 (una partita che si poteva/doveva vincere) -2
    14^ Napoli – Inter 2-1 (partita sfigatissima dove nel finale abbiamo colpito due legni) -1
    17^ Inter – Lazio) 1-2 (se ci ripenso, mi rigirano ancora i coglioni) -1
    19^ Inter – Sassuolo 0-1 (ero allo stadio e, dopo una partita tutta all’attacco, al 93° rigore contro netto) -1

    RITORNO

    2^ Inter – Carpi 1-1 ( il Carpi ha pareggiato all’88° per nostra dabbenaggine!) -2
    5^ Verona – Inter 3-3 (meglio evitare commenti…) – 2
    6^ Fiorentina – Inter 2-1 (preso goal al 91°!!!) – 1
    11^ Roma – Inter 1-1 (La Roma pareggia all’84°) -2
    12 Inter – Torino 1-2 (preferisco evitare i commenti…) -2

    Quindi, nella mia tabella personale mancano almeno 16 punti.
    61 attuali + 16 = 77

    Fate voi!

  11. Grande prestazione dei ragazzi, finalmente (e ovviamente) non condizionata da quella dell’arbitro. Quando il diktat è aiutare le merde gobbe, chi meglio di Rocchi? In tempi di ordinaria amministrazione, il gol di Icardi l’avrebbe annullato, ed anche nel resto della partita ho visto (in)spiegabili sprazzi di benevolenza verso le nostre maglie. Giusto pertanto rimpiangere i punti buttati al cesso qua e là, ma giusto anche pensare che con arbitraggi non ostili a quest’ora ce la giocavamo lassù, ancora più in alto.

    • bisogna tornare al sorteggio VERO degli arbitri…. ho letto in giro, che solo nel 1985 si è fatto e guarda caso ha vinto un’outsider, il verona.
      uno dei tanti vezzi italici è quello di leccare il fondoschiena ai potenti.
      sarebbe bello vedere campionati incerti e con vincitori a sorpresa (tipo il leicester in inghilterra).

  12. Io in tutta franchezza son contento che lo scudetto non vada al Napoli.

    Tifosi e giornalisti vicini mi stanno tremendamente sui coglioni, mettono in scena teatrini grotteschi dopo una vittoria sul carpi, figuriamoci dopo un campionato.

    Un’estate di esaltati del genere non l’avrei retta.

    Anzi, leggere ora sui loro giornali e sui loro siti che ieri hanno ‘stradominato’ (cit testuale) e immeritatamente perso per sviste arbitrali, allunga il piacere della vittoria di ieri.

    0 tiri in porta in 95 min, ma hanno perso per un’unghia di Icardi in offside.

  13. Non hai tutti i torti, Wolf

    il problema è che l’alternativa è la Juve.

  14. Bisogna essere sinceri fino in fondo e dire che forse, senza il gol in fuorigioco, sarebbe stata un’altra partita, il che presta il fianco a quello che in molti diciamo qui sopra da tempo:

    una decisione arbitrale può cambiare anche una prestazione intera, perché cambiano gli atteggiamenti in campo.

    Sembra strano che un errore arbitrale ci abbia finalmente favorito, poi ti chiedi cui prodest e sembra un po’ meno strano.

    Vabbè, aldilà di questo però è ovvio che la prestazione c’è stata, e anche bella.

    Si può continuare ad ironizzare quanto si voglia sui 35 milioni spesi per Kondogbia, però, chissà come mai, quando c’è lui il centrocampo non soffre, dietro andiamo meno in apnea e la prestazione la portiamo quasi sempre a casa.

    Ma sarà un caso, sicuramente, non mi permetterei mai di dire che questo magari è forte o addirittura utile, sennò poi come facciamo a lamentarci.

    Il Napoli ha dimostrato che senza Higuain vale un quarto.

    Ultima cosa:
    l’avevo notato all’andata, l’ho notato ancora di più al ritorno.
    Il modo in cui i giocatori del Napoli si lasciano cadere è imbarazzante.
    Roba che non si vede più manco il lega pro.

    Se faranno così anche in Champions ci sarà da ridere.

  15. #sinapsivattene…acagare

  16. una partita talmente bella che sembrava avessimo già cambiato allenatore

    anche ieri sera ho fatto fatica a conciliare le evidenze del Complotto contro l’Inter con quelle di Quello Contro il Napoli, ma capisco che sia proprio il tifo a non conciliarsi col raziocinio, oggi è giusto che gli avversari del Bilderbergh gobbo festeggino, per sclerare a cazzo ci sarà sempre un tempo

    • Vero, tifo e raziocinio si conciliano poco.

      Tifo contro la propria squadra e raziocinio, invece, non si conciliano affatto, come ci stai abilmente dimostrando da mesi.

  17. Il confronto fra il napoli di quest’anno e l’inter del 2010 è la più grande stronzata che abbia letto in 30 anni.

    La seconda è il paragone fra inter e leicester.

    Sparamene un’altra così il podio è tutto tuo

  18. Credevo che questo blog fosse colorato di nerazzurro ma da quello che scrive qualcuno (Sinapsi81 in testa) temo di essermi clamorosamente sbagliato.

  19. Ecco, a tal proposito, volevo chiedere una cortesia, se possibile:
    quelli di noi che andranno a restituire il quattordicesimo perché, voglio dire, noi le cose ce le siamo sognate

    visto che si trovano a passare

    non è che li ringrazierebbero da parte mia perché stavolta ci hanno lasciato in 11?

    Grazie mille per la disponibilità.

  20. Allora,vittoria serena,2° tempo mai angoscioso,faccia di Sarri appagante,faccia di Dela commovente.
    Ho letto, sopra, paragoni con INTER Mouriniana senza il 22 in campo.
    Mi astengo da commenti che sarebbero offensivi….
    Quella squadra vinceva i derby 2-0 in 9 contro 11….
    Per favore astenersi da bestemmie.
    Ribadisco da tenere assolutamente Handa,Kondo-per me buono,con lui e L’IMPRESCINDIBILE MEDEL in campo e’ altra cosa,Perisic e Icardi.
    Miranda è ottimo ma datato, con buona offerta puo’ andare, ahime’ piuttosto lui dei sopradetti; Brozo ottimo solo se in giornata, se arrivano Soriano e Banega anch’egli sacrificabile.
    Spostiamo D’ambro al centro, e con un buon terzino ce la giochiamo.
    Amiamola a prescindere.

  21. Dài, su, non infierite così… Sinapsi è una specie di poeta: ha la licenza di sparare minchiate.

    • E perché non le va a sparare da qualche altra parte.
      Conosco blog dove lo accoglierebbero a braccia aperte, diverrebbe immediatamente un eroe e verrebbe portato in trionfo.
      Magari glieli potrei suggerire, così almeno la smette di fracassarci i marroni.

  22. anch’io ho pensato, siccome vincendo metteremo il sigillo sullo scudetto della rube.. vinceremo alla grande e così fu

  23. Vi consiglio di correre a dare un’occhiata a cosa sta succedendo ad “Atalanta”…

  24. Tottidemmerdaaaaaa!!!

    Comunque la vera Rometta sta tornando…forse le speranze non sono ancora tutte sepolte.

  25. -4 con un roma _ Napoli alle porte; almeno c’è un po’ di pathos

  26. Purtroppo é un punto pesantissimo… a -3 sarebbero stati giá sotto tiro

  27. Peppe, com’è che dicevate? Nun succede, ma se succede… (mi tocco)

  28. Stocazzodetotticiharottoermanganello si può dire? Ma dove cazzo vogliono andare? In Champions a farsi ridicolizzare alla prima e farsi buttare fuori alla seconda? Ma si facessero da parte, per cortesia. Puru i pulici hannu a tussi.

  29. si mette benissimo, vediamo di non buttare tutto ammmare facendo il solito passo falso nel momento decisivo

  30. In ottica terzo posto i giochi son fatti, non mi farei grandi illusioni.

    La Roma probabilmente li perderà i 4 punti che servirebbero, è che noi non faremo i 12-15 necessari.

    Abbiamo una bella squadra, ma per diventare grande manca di continuità. E una rimonta del genere richiede grandissima continuità.

    Detto ciò, se devo investire un briciolo di speranza, la roma deve passare da Napoli e milan.

    Quindi, strano a dirsi, speriamo in una ripresa del milan di brocchi (così se lo tengono anche il prossimo anno, due piccioni con una fava) e in un rientro affamatissimo di Higuain che casca giusto al minuto.

  31. Ero tranquillissimo anch’io, sapendo che avremmo fatto un favore ai ladri, ero certo della vittoria, infatti…

    E’ stata una tipica vittoria del calcio di “transizione”, contro il possesso palla stitico del Napoli…

    Pensando ai torti subiti, dell’unghia in fuorigioco di Icardi, me ne fotte proprio un ca**o…

    Grazie agli istinti suicidi della rometta, il discorso Champions sembra essere ancora aperto…

    Non so come finirà ma dobbiamo crederci fino alla fine…

    Amala

  32. Grazie!
    Senza se e senza ma.

    • No, grazie a voi.
      Non saremmo mai riusciti a finire in 11 con Rocchi e senza manco un rigore fuori area

      (e poi non si dica che non ho fair play)

  33. (Sorrido)
    Amaramente però per l’ infortunio di Marchisio. Ma questo è il calcio.

    • Chissà da quanto tempo giocava con il ginocchoo lesionato.. il medico della nazionale l’aveva detto ma fu tacitato..

  34. Ma l’autogol di Consigli è roba da Guardia di Finanza, o possiamo sempre sperare, cara e.l.e.n.a., che un giorno anche lo scommettitore amico del tabaccaio che vi ritrovate fra i pali possa farci un omaggio simile? No, così, per sognare un po’…

  35. Nel frattempo alla Samp annullano un gol assurdo…

  36. E intanto pare che Totti e Spalletti siano arrivati quasi alle mani.

    Oh, il terzo posto è praticamente impossibile,
    però la Roma la conosciamo

    sono acrobati della sconfitta.

    Solo loro possono fare il miracolo di mandarci in Champions.

  37. Altro che unghia di Icardi… il furto della giornata si è consumato a Marassi…

    Samp derubata, ma non c’è tempo per le polemiche, stanno già celebrando Brocchi!

    Intanto alla Roma, l’abulia di Dzeko e la follia di Totti, potrebbero esserci d’aiuto…

  38. Un pareggio tra Napoli e Roma ed una stantuffata del Milan e si potrebbe ancora fare.
    Speriamo.

    • Già.
      Ma oltre ai risultati degli altri ci vorrebbero anche i nostri.
      E su questo non riesco ad essere tranquillo.

  39. “Juve merda approfittatrice almeno ringrazia fanculo ciao”

    stra- quoto

  40. Auguriamoci di fare i risultati che ci servono. Se , come speriamo tutti, la Rometta è in fase di declino (tre risultati recuperati in estremis) con faide interne, dovrebbe facilitarci un po’. Ma noi dovremmo essere sempre come sabato, e il dubbio trattandosi di noi, c’è sempre. Per dirla tutta. la partita di mercoledì non mi lascia tranaquillo, ma per niente proprio. L’antipaticissimo Gasperinho non vede l’ora di farci la festa.
    La notizia buona del giorno è che ci potrebbe essere il ritorno di Oriali in società, e non ne vedo l’ora. Onestamente non capisco ad es. il ruolo di Deki, con tutto l’amore che provo per lui.

  41. Buona prestazione.
    Evidentemente il Napoli ci porta anche bene.

    Adesso bisogna che facciamo un po’ di punti anche con quelli che ci lasciano meno campo.
    E li si farà dura.
    Sarebbe importante recuperare Jo Jo alla causa.
    E poi anche con lui fare un bel discorsetto a fine stagione.

  42. Purtroppo con le “piccole” soffriamo; davanti ai pullman parcheggiati in area avversaria i nostri non sono attrezzati. In questo finale di stagione ci manca il Guarin della situazione, quello che poteva tentare la prodezza balistica dai trenta metri… e magari ogni cinquantina di piccioni sfracellati un gollazzo lo azzeccava..

  43. Bisogna buttare palle in area e fottersene del gioco. In questo finale di stagione gli episodi diventano ancor più determinanti e non si sa mai che ricomincino a girare a nostro favore (provocazione ad uso degli appassionati complottisti del blog: ad Infront fa più gioco avere noi in CL o la Roma, unica squadra con la juve a non essere dalla loro?)

  44. Canonikon, le “prodezze balistiche” del Guaro anche no.
    Dipenderà (se non tutto) molto dalla capacità degli scudieri della punta di fare movimento, saltare luomo e creare superiorità.

  45. Aggiungo, quelle sono anche partite dove un duo Medel-Kondo non lo vedo benissimo.
    Proprio perchè con gli spazi intasati sarebbe meglio avere qualcuno (Brozo) un po’ più capace di far girare la palla.
    Poi, per carità, se volessero prendersi la briga di smentirmi a me andrebbe benissimo.

  46. Intanto vengono confermate le indiscrezioni riguardo il bilancio del bilan.
    Sarà un altro disastro.
    Ed è ulteriore acqua al mulino della rube.
    Di questo passo non li ferma più nessuno.

  47. Tra Genoa e Udinese, servono 6 punti per poterci credere ancora…

    Pensando alle difficoltà di Frosinone, la trasferta di Marassi contro il Genoa, sarà come scalare l’Everest…

    Fortunatamente ogni partita è una storia a se…

  48. Caro Grigio, per non appesantire la conversazione mi limito a un paio di considerazioni, e poi ti propongo un’analogia.

    Il punto di partenza è che l’imprenditore indonesiano ha portato cultura manageriale in una società tradizionalmente legata alla cultura imprenditoriale.

    Oggi si cerca di sfruttare tutti i nuovi strumenti messi a disposizione dalla finanza (considera che la nuova finanza fa girare circa dieci volte i soldi che girano nell’economia reale) per creare più valore di quello che si creerebbe con gestioni economiche tradizionali.

    A titolo di esempio, contabilmente parlando, il marchio inter – pur valendo uguale a qualche anno fa – produce molto di più. E questo non per il merchandising, ma per un diverso impiego finanziario che consente di liberare molta più liquidità, che a sua volta consente di investire, e si sa, l’investimento è la base di partenza per qualsiasi risultato.
    Per fare un altro esempio, abbiamo ceduto i crediti derivanti da cessione di kovacic, shaquiri, e 1/3 di rendite da stadio di anno prossimo. Soldi che avremmo ugualmente incassato più avanti, ma che percepiti adesso consentono maggior movimento sul prossimo mercato.

    E’ del tutto evidente che all’occhio del tifoso tutto ciò suona strano, specie se ogni 2×3 arriva il belinazzo o il cds di turno a paventare catastrofi finanziarie e legali.

    La realtà dei fatti è che parliamo di pratiche estremamente comuni, esistenti da oltre vent’anni e sopravvissute alla crisi del 2008 che ha punito le leve finanziarie non sostenibili in medio termine.

    Proprio a inizio anno ho svolto un’analisi di mercato per un’azienda, italianissima, che diversi anni fa stava per essere liquidata, non fosse per un manager interno (quindi non un imprenditore, ma un dipendente) che avendoci visto delle risorse importanti decise di comprarsi l’azienda, esponendosi personalmente per circa 50 miliardi di lire con banche e soci industriali.
    Bene, questo manager, con modalità di business all’epoca sconosciute al mercato, dopo essersi beccato del folle, dopo esser stato deriso dai competitors, in 10 anni ha triplicato il valore dell’azienda, l’ha quotata in borsa, e da lì in un paio di anni le azioni della sua società sono cresciute del 1400%.
    Oggi se la gioca con colossi tedeschi, americani e giapponesi che fatturano miliardi di euro, sebbene abbia una dimensione aziendale circa 30 volte inferiore.

    Questo per dire che, in certi casi (e ahimè noi vi rientravamo) è necessario esporsi per rilanciarsi.

    Comporta dei rischi? Assolutamente sì. Potessimo godere di una società senza grandi debito e con alti fatturati, sarei il primo a spingere per una gestione più tradizionale delle risorse: tanto basterebbe e ci esporrebbe di meno ai venti dei mercati.

    Nel nostro caso tuttavia l’alternativa era il declino per inerzia, quindi ben venga il nuovo business di thoir, tanto più se coinvolgerà importanti partner industriali (come fece l’azienda di cui ti ho parlato).

    La capacità dell’imprenditore/manager è la chiave per il successo, e al momento l’approccio di thoir sta portando ottimi risultati in bilancio (e finalmente anche una crescita sportiva), quindi rimango assolutamente fiducioso, sebbene consapevole che il rischio è sempre dietro l’angolo.

    • A questo punto, data l’attendibilità delle tue considerazioni, ne approfitto anch’io: leggo che la cessione dei crediti eviterebbe a Thohir l’indesiderata ricapitalizzazione. Mi chiarisci se il problema della ricapitalizzazione è solo che Thohir non vuole esporsi con altri soldi suoi o se ha a che fare con i vincoli del FPF? E sempre rispetto al FPF, siamo sicuri che ..”soldi che avremmo ugualmente incassato più avanti, ma che percepiti adesso consentono maggior movimento sul prossimo mercato”..?
      Se sul Blog trovo anche il mio consulente finanziario in merito a temi calcistici, sono a posto.

  49. …”abbiamo ceduto i crediti derivanti da cessione di kovacic, shaquiri, e 1/3 di rendite da stadio di anno prossimo. Soldi che avremmo ugualmente incassato più avanti, ma che percepiti adesso consentono maggior movimento sul prossimo mercato”…

    Ok… mi va tutto bene, ma di cosa stiamo parlando? Sì e no di 20 milioni…

    A questo punto sarebbe indispensabile che qualcuno decida di esporsi personalmente finanziando il nuovo stadio, magari in cambio di partecipazioni negli introiti futuri…

    Senza uno stadio nuovo, tutto nostro, sarà impossibile competere con le grandi d’Europa… (Barca, Real, Bayern, Manchester, PSG, RuBentus)…

    Senza questo passaggio fondamentale, l’Inter sul tetto del mondo, come nel 2010, diventerà un lontano ricordo…

    Tutto le altre operazioni al confronto sono palliativi tappabuchi, bruscolini

    • Sullo stadio Thohir è stato chiaro, il modello è lo Staples Center, dove coabitano Lakers e Clippers. Ma bisognerà aspettare la nuova giunta di Milano, gli eventuali nuovi soci dell’Inter, la cessione o meno del Milan…insomma un sacco di variabili. Il tempo passa ed il gap con le squadre che citi aumenta.

  50. Lo stadio è uno dei punti fermi del progetto di Thoir, e al momento pare bloccato dall’indecisione del milan relativamente a san siro.
    Al riguardo stiamo alla finestra e vediamo come si mette, ma concordo sul fatto che sia impellente.

    Quanto alle domande di gus:

    la ricapitalizzazione in questo momento non è fattibile, perchè significherebbe diluire le quote di moratti, a meno che lo stesso non partecipi pro-quota all’aumento do capitale, e MM ha già chiarito che non è disposto (giustamente, aggiungo io, visto che non ha più ruoli decisionali non vuole più metterci grano. al momento rimane lì come garanzia più che altro, e come partner locale per l’indonesiano). Il metodo alternativo che un proprietario ha per finanziare la sua impresa è dunque il prestito, su cui è bene chiarire un punto:
    figura il tasso di interesse legale, perchè a tasso 0 la uefa avrebbe da ridire (per ragioni che non sto qui ad elencare), tuttavia, all’atto pratico, tohir non ha mai incassato un euro di interesse, rinunciandovi sistematicamente quando maturava il diritto ad esigerlo.
    In altre parole, fa una sorta di ricapitalizzazione senza passare dalla struttura proprietaria.

    il rapporto con FFP è proprio ciò che muove queste operazioni, congiuntamente all’esigenza economica di rilanciare una società con spese maggiori dei ricavi.
    I soldi vanno prodotti e non più iniettati, per regolamento, dunque, al di fuori dei prestiti di cui abbiamo parlato, non resta che ricorrere a strumenti finanziari (come la cessione dei crediti) e contabili (come l’utilizzo del marchio) per disporre della necessaria liquidità senza sforare i parametri imposti dalla uefa (in primis via regolamento generale, e in secondo luogo quelli imposti nell’accordo fatto lo scorso anno).

    Fermo restando che tutto ciò non deve essere il fine ultimo, ma un mezzo per rilanciare strutturalmente l’inter, dal rapporto spese/ricavi ai risultati sul campo, che vanno di pari passo fra entrate della CL e sviluppo del brand.

    L’accesso costante alla CL e il conseguente arrivo di almeno un campione di fama mondiale sarà il punto di svolta, il confine fra creatività finanziaria (trampolino iniziale) e una società economicamente forte (punto di arrivo).

  51. Girgio, il problema è che il nostro sarà un percorso lungo e faticoso.
    Oltretutto in cui gli spazi per errori sono abbastanza limitati.
    Personalmente sono piuttosto fiducioso nel lavoro di Thoir, ma è un attimo mandare tutto in vacca e ritrovarsi a dover ricominciare o peggio.

    I cugini avevano invece basi più solide: truffa, corruzione, legami politici …tutta roba sicura capace di risollevarti dall’oggi al domani.
    Invece niente, ora che testa d’asfalto non ha più bisogno di un partito suo stà serenamente lasciando andare alla deriva il bilan.

  52. Molto interessante e molto chiaro, Wolf.

    Di tutto quanto, c’è una cosa che però mi ha fatto drizzare le antenne più che qualunque altro punto:

    Thohir non riscuote gli interessi maturati dal suo finanziamento all’Inter.
    Come lo sai? L’hai letto da qualche parte o l’hai dedotto?

    Chiedo, eh, solo per capire meglio io, che su ste cose mi barcameno sempre molto poco.

    • Lo dico perché finora è stato così, gli interessi già esigibili sono rimasti nelle disponibilità contabili dell’inter e non sono usciti.
      Addirittura sono stati accantonati in riserva con lo scopo di asservirli a futuri aumenti di capitale o alternativamente a copertura delle perdite.
      Questo da ultimo bilancio.

      Il metodo non saprei, presumo abbia utilizzato la rinuncia di credito.

      Ribadisco una cosa: il prestito a tasso 0 è possibile in generale, ma per colpa di un tecnicismo (legato a criteri contabili) del ffp nel calcio è vietato.

      Questa procedura è quindi necessaria per finanziare la propria società se non si vuole (o non si può) ricorrere all’aumento di capitale

  53. Ah, quindi l’hai visto proprio dal bilancio.
    Ok, grazie mille.

  54. Cambiando argomento, non so se state vedendo la partita del Napoli.
    Ora, io se vincono sono solo contento, ché finché c’è anche solo una flebile speranza di rompere le uova nel paniere alla Juve, ben venga.

    Però, oh, sono dei cascatori imbarazzanti.
    Mette a disagio vedere una partita del Napoli.

    L’avevo notato già nelle partite contro di noi, ma che lo facciano perfino contro il Bologna è una cosa che non si può guardare.

    Il rigore su Callejon è un tuffo come non lo si vede più manco nei tornei di Parrocchia.
    E questi sono quelli che giocano bene… mah

  55. Io sto guardando New Castle – Manchester City, tutto un altro gioco!

  56. Si metteva appena dentro il campo e aspettava che i giocatori uscissero dagli spogliatoi per dare loro una pacca sul petto all’altezza del CUORE e poi tutti a combattere come leoni…

    Un gesto unico, straordinario e indimenticabile che non ho visto fare da altri allenatori…

    Questo era Hector Cuper, l’hombre vertical

  57. Dunque,
    succede che un giocatore del Bayern di Monaco, Vidal, credendo di essere ancora alla Juve, si tuffa in area e gli danno rigore. Quel rigore chiude la semifinale di coppa di Germania a favore del Monaco contro il Werder

    e tutti a casa.

    A fine partita Mueller vede le immagini e dice che insomma, certe cose non si fanno e se fosse capitato contro di lui gli sarebbero girate
    Guardiola anche è imbarazzato e ammette che quello non è rigore

    l’arbitro chiede scusa al Werder per aver compromesso la partita con un rigore inesistente
    (da noi Ceccarini fa fatica a dire che quello su Ronaldo nel 1998 fosse rigore)

    Questo è quello che è successo in Germania.

    In Italia si sarebbe parlato di Vidal che si procura il fallo “con mestiere”, di rigore dubbio, che l’arbitro è un essere umano e può sbagliare, che il Bayern avrebbe vinto lo stesso, che sono tutte scuse ecc.ecc.

    Ed infatti in Italia il problema (anche e soprattutto dei tifosi interisti, scopriamo di recente) è l’Inter e nella fattispecie Mancini.

    • Ah, dai, ce lo metto io l’hashtag così faccio risparmiare tempo

      #colpadellajuve

    • In Italia ! (sentita ieri sera nei commenti sulla serie B riguardo ad un rigore inesistente) : ” E’ un rigore che si può dare ma che se me lo dessero contro mi arrabbierei molto”*

      A volte ci vantiamo di essere la patria del diritto ma lo siamo anche di Arlecchino e per questo siamo fantastici, potremmo sopravvivere, unici, alla fine del mondo.

      *come dire : “le donne sono tutte puttane tranne mia madre mia moglie mia figlia e mia sorella”

  58. Però, se il rigore è stato dato, vuol dire che il problema non è la Juve.
    Neanche Vidal, visto che la Juve rubava prima di Vidal.
    Men che meno gli arbitri italiani, dato che quest’ultimo era tedesco…
    Uhmmmm….. rimane il pallone….
    Ecco, propongo di giocare le partite senza pallone!. Allora si che vincerebbe il migliore, e non sempre la Rubentus!
    P.S. (in Germania il Rubayern).

  59. Rubens sei sempre arguto ed è un piacere leggere i tuoi interventi. Ritengo però che stavolta non abbia colto il senso dell’intervento di Este che non era tanto sul merito ( o su a chi dare la colpa) di quello che è successo ma sulle reazioni, che mettono in luce due modi differenti di intendere lo sport.

  60. E’ vero Nicco,
    era solo per fare un po’ di cazzeggio, che altrimenti mi tocca lavorare…

  61. Rubens
    avrei lo smash facile facile, dicendo che di tutto l’organico del Bayern quello che si tuffa, guarda caso, è quello che viene dalla scuola Juve

    mi tuffo = rigore assicurato.

    Ma è veramente troppo facile.

    Quello che intendo soprattutto dire, è che una squadra che in Germania spadroneggia quanto la Juve in Italia

    (con la differenza che loro lo fanno anche in Europa, ma vabbè, lì abbiamo scoperto grazie alla dirigenza Juve che “l’Italia non è tutelata”, qualunque cosa questo voglia dire)

    hanno ammesso che un loro giocatore ha simulato e, udite udite, si sono addirittura scusati a nome di un loro tesserato che ha tratto volontariamente in inganno l’arbitro.

    Da noi, invece, si fa prima a fare a meno del pallone,
    come giustamente mi fai notare.

  62. Sì ma Brozovic ti fa venire l’esaurimento. Molle molle molle moooolleeeeeeee

  63. questa è la classica partita dove vedi se c’è un minimo salto di qualità
    per ora siamo un vorrei ma non posso
    con brozovic insopportabile

    io gli slavi calcisticamente non li sopporto
    mai, mai che facciano un campionato intero con continuità
    indolenti per natura
    niente da fare

  64. concordo, ma stavolta le occasioni per sbloccarla non sono mancate

    bisogna buttarla dentro in qualsiasi modo visto anche quel che sta succedendo dall’altra parte!

  65. Ma noi abbiamo 3 sostituzioni come tutti gli altri?

    Chiedo.

  66. GENOA – INTER 1-0

  67. La capacità di Mancini di fare sempre la cosa sbagliata è impressionante.

  68. Allenatore di merda … ogni volta che dobbiamo fare la gara giochiamo da schifo…

  69. Et voilà signori. Servito il grande classico d’annata: l’occasione persa. Melo Medel a creare gioco. Persic out ed Eder in, giusto per perdere quel poco di fisicità che serve. Ma sono dettagli, e tanti saluti a quel poco di entusiasmo riacceso. Stagione archiviata, non mi fottono più.

  70. Siamo la “Pietà Rondanini” di questo campionato.

    E mi fermo qua, altrimenti mi verrebbe da mandare a fare in culo tutta la squadra compreso il fenomeno che abbiamo in panchina.

  71. Proprio la classica partita da vincere “a tutti i costi”…Nessun cappello da mangiare, nessun rimpianto_ Gode Peppe cor pupone, giusto così_ Non più di quarti, se va bene_

  72. Montagne russe.

    Vomito.

  73. Champions andata…

    Gasperini di merda!

  74. È giusto così, quest’anno non meritiamo niente di più.

    Abbiamo perso un sacco di punti con colpe gravi, e sarebbe stato un torto agli dei calcio sfangarla.

    E risparmiatemi tiritera su mancini, che qua è del tutto evidente che ci sono giocatori con un tasso tecnico ben sopra la media ma che si sprecano ad impiegarlo solo nelle partite più stimolanti.
    Questa è la nostra peggiore mancanza, la più fastidiosa, al netto di errori della panchina, ed è giusto quindi ritrovarsi con un pugno di mosche.

  75. Ho tenuto per un campionato intero. Adesso basta.
    Mancini vattene affanculo.
    Veramente scandaloso

  76. Partita sprecata, buttata via da Mancini, solo da lui, perché la squadra onestamente, pur con tanti errori, ma ci ha messo intensità.

    Melo non si capisce perché giochi (meno peggio del solito, ma buono solo a fare falli),
    Perisic ha due occasioni nel primo tempo e allora, giustamente lo sposta a destra (ma anche basta co’sta cazzata), depotenziandoci di fatto

    e poi lo toglie proprio, a scanso di equivoci.

    Al solito si riduce agli ultimi 20 minuti per fare le sostituzioni, e a posteriori vien da dire “meno male”, visto il casino che combina.
    Ljajic all’85esimo è una roba che strappa perfino una risata (anche se viene da piangere).

    Ok che senza Kondogbia il centrocampo perde tanto, ma buttare la partita così anche no.

  77. la roma ha un fenomeno che in cinque minuti fa due gol
    noi non abbiamo nessuno e infatti non segniamo mai

    eder 13 milioni buttati al cesso
    l’ennesima cagata della nostra dirigenza
    l’ennesima cagata di un allenatore che non sa motivare i giocatori e che rimane un mistero quanto sia sopravvalutato
    sono certo che adesso dirà che abbiamo giocato bene e non meritavamo di perdere

    comunque meglio così
    non arrivavamo terzi neaanche se ci avessero regalato le partite
    teniamo il quarto posto che è il posto che ci compete
    e speriamo che arrivi qualcuno
    di forte vero

  78. Melo e Medel, lenti lenti lenti…

    Brozo inguardabile…

    Purtroppo siam questi qua…

    Il 4′ posto e’ proprio il massimo

  79. Wolf, a cinque milioni se non sai produrre gioco non sai stimolare non sai comunicare, ecchecazzo ma sono 5 milioni netti, sei il piu pagato della serie a
    ma niente di niente in un anno e mezzo.
    E basta.

  80. d’accordo
    mancini è una merda
    un anno e mezzo senza gioco
    ma chi prendi?

    quelli forti non vengono da noi
    il massimo è di francesco
    non mi pare un upgrade
    donadoni?
    mah….

  81. Due cose mi hanno mandato ai pazzi:

    – la facciadimmerda di Gasperini a fine partita, che rideva manco avesse vinto il campionato
    – la classica, cronica incapacità di focalizzarsi per più di una partita di fila e di tirare fuori le palle nei momenti decisivi.

    Una volta rientrati per il secondo tempo, i nostri sapevano benissimo che la Riomma perdeva e che con un gol ci saremmo portati a -1… una qualsiasi squadra non dico forte ma con un minimo di amor proprio avrebbe arato il campo, mangiato gli avversari… e invece niente. E Gasperini rideva. Un allenatore non dico bravo ma con un minimo di buon senso si sarebbe dimenato come un ossesso, si sarebbe stracciato giacche e pantaloni… e invece niente. Attento a non scompigliarsi il ciuffo. E Gasperini rideva.

    Conclusione: -7, palle che girano a giostra, vittoria col Napoli servita solo a facilitare la vita ai gobbacci come Gasperini. Ennesima occasione buttata nel cesso. Potevano diventare degli eroi, saranno gli ennesimi figuranti.

  82. E dajeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    er pupone ve l’ha messa in quel posto
    buon preliminare in islanda,che tanto vi supereranno anche milan e fiorentina
    falliti.
    forza maggica

  83. Ennesima occasione persa, ennesimo urlo che ti rimane strozzato in gola, ennesimo bagliore d’entusiasmo spento sul nascere

    Squadra che conferma una discontinuità incredibile (Brozovic su tutti) e allenatore che conferma l’incapacità cronica di fare le sostituzioni al momento giusto ovvero prima di prendere l’immancabile inculata.
    Ancora una volta perdiamo contro una squadra che non fa un cazzo per 70 minuti e alla prima occasione ci castiga

    storiella che si ripete puntuale ogni cazzo di volta che si apre anche il minimo spiraglio di conquista di un obiettivo.
    Aggiungiamoci che ci siam fatti fare di nuovo lo scalpo da Gasperini di merda e che in pochi minuti si è passati dalla speranza di andare a -1 al finire a -7

    Game Over, neanche il minimo sindacale di allungare un punticino sulla viola…niente di niente!

    #fanculo #civediamolannoprossimo

  84. non è che se mancini fornisce prestazioni imbarazzanti allora me lo devo tenere perché “sennò chi prendiamo”, dopo tutta ‘sta fuffa ci manca solo il ricatto morale

  85. Mah, se pensiamo che le tre d’avanti ci sono oggettivamente superiori, e l’abbiamo sempre detto, non vedo la sorpresa del nostro quarto posto!

    Quello che mi sorprende, piuttosto, è la totale mancanza di forza mentale di questa squadra.
    Più del gioco, che invece a tratti si è anche visto.

    I problemi, infatti, arrivano puntualmente quando dobbiamo fare la partita e quando dobbiamo vincerla come stasera.
    Ormai è un classico degli ultimi anni.

  86. perfetto…la tenuta mentale che all’inizio sembrava la forza di questa squadra è diventato il punto debole.
    Per quanto riguarda il gioco, a sprazzi abbiamo giocato molto meglio stasera o in altre partite perse tipo contro il Sassuolo rispetto a partite vinte tipo contro Empoli o Chievo.
    Il vero problema è che NON SI SEGNA!
    Abbiamo Icardi che l’ha messa 15 volte dopodichè il vuoto assoluto…. nessun altro in doppia cifra e nemmeno qualcuno che ci si avvicini.
    Rispetto a Roma e Napoli i nostri numeri fanno ridere!

  87. è un problema di mentalità che inizia con la società
    la juve ha dirigenti a iniziare dal presidente che si incazzano anche se perdono al coppa italia primavera
    ma avete visto la faccia del nostro di presidente o di ausilio o di quell’altro che non si capisce che cazzo sia,belinbrok ? facce da perdenti, da sfigati, che non fanno paura neanche ad un micio

    e una dirigenza così cosa trasmette ai giocatori?
    tutto fuorchè la voglia di vincere o di lottare

    la nostr squadra riflette la mediocrità della nostra società, a iniziare dal cicciobombo che non vede l’ora di vendere per incassare

  88. Come volevasi dimostrare
    Mancini ” meritavamo di stravincere”

    pateticamente prevedibile

  89. Beh, mi sembrava ovvio che tutto ciò poi porta una squadra a segnare poco.

  90. Cmq il prossimo anno Mancini non ci sarà. La cosa in se non mi dispiace, quello che mi rompe è ricominciare da zero l’ennesima volta senza almeno un paio buoni in meno.
    Però ripeto il punto è che non c’è NIENTE, gioco , carattere, squadra.
    Ma dai , le azioni sono sempre frutto di invenzioni personali, colpi di tacco, giocate sullo stretto difficilissime e assolutamente estemporanee, Icardi non riceve una palla limpida , sempre palloni da addomesticare stile circo.
    No, Mi spiace caro Mancio ti ho dato fiducia un anno e mezzo adesso mi sono rotto il cazzo, e che diamine, “siamo giovani… il prossimo anno… si devono abituare al calcio italiano…”
    Ahò e fai due azioni due, fai un cambio utile, facci capire perché cazzo sei il più pagato della serie A. Felicissimo di ricambiare idea, ma dopo, mò basta.