Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Fratelli di Gaglia

| 456 commenti

Inter-Genoa 5-0. Ci sarebbero molte cose da dire, ma per brevità passiamo direttamente alle pagelle.

Handanovic: 8. Il David Copperfield della Slovenia, per scacciare la noia, si dedica al suo hobby preferito: far cagare addosso 7 milioni di persone facendo giocoleria di piede. Vale da solo il prezzo del biglietto, ideale complemento di una partita senza pensieri. Houdini, quando si liberava dalle catene a testa in giù immerso nell’acqua, creava meno pathos.

D’Ambrosio: 7. Il Ciro Di Marzio della fascia destra gioca una partita attenta, considerato che con il peggior Genoa degli ultimi 15 anni avrebbe giocato una partita attenta anche mio cugino. Secondo l’International Federation of Football History & Statistics, è il terzino che si spettina meno dell’emisfero boreale. Quando si mette il gel, un pellicano in Patagonia muore.

Skriniar: 8. Il Chuck Norris dei Carpazi gioca in pura scioltezza e nell’intervallo chiede ad Ausilio se così, per onestà intellettuale e professionale, può restituire lo stipendio di novembre o almeno devolverlo in beneficenza. Per fortuna Juric al 50′ mette Piatek e il buon Milan si sente più utile.

De Vrij: 7,5. Il Materazzi dei Paesi Bassi si diverte come può: calci, calcioni, craniate, sterno, pube, naso, nuca, orecchio. Contro questo Genoa è bullismo. Meritava il gol, ma era il sabato dei casi estremi e quindi rinuncia in favore dei compagni meno fortunati.

Dalbert: 8. Il Pasquale dell’Amazzonia inizia timido, senza strafare, e finisce che sembra Carlos Alberto. Gli si svita una caviglia ma resuscita tipo Warren Beatty nel Paradiso può attendere. E nel finale fa una chiusura difensiva a metà tra Beckenbauer ed Enzo Paolo Turchi che la gente si alza in piedi, urla e si abbraccia. Incredulità.

Gagliardini: 9. Il Gerrard della val Trompia passa dalla dichiarazione di morta presunta al partitone liberatorio. Secondo l’Iffhs, l’Inter è la squadra con più centrocampisti al massimo della forma al mondo. Spalletti sta pensando al modulo 4-5-3-1 per farli giocare tutti, poi gli hanno fatto notare che la matematica non è un’opinione. Gaglia, rottamato in pectore, intanto ricorda di esserci e gioca col sorriso, e noi con lui, sorridenti di quel sorriso un po’ beota ma così sereno. Un voto in meno perchè ne poteva fare quattro, e se ne faceva quattro boh, non so.

Brozovic: 9. A Madrid, facendo ultime pagelle, hanno definito Modric “il Brozovic del Prado”. Non ci sono più parole per lui. Lo volevano vendere al macello e invece è il più forte di tutti. E’ diventato persino bello, Jude Law al confronto sembra Belfagor.

Joao Mario: 9. Il Benjamin Malaussène della Lusitania completa la sua trasformazione da “uomo che ogni interista voleva ammazzare a mani nude” a “uomo che ogni interista assurge a suo modello personale”. Vederlo correre, muoversi, passare, contrastare, proporsi, rincorrere, incidere costantemente sulla partita, segnare un gol – segnare un gol! – è stata una roba tipo Cecchinato che prende a pallate Djokovic a Parigi.

Politano: 8,5. Il Littbarski di Tor Pignattara fa impazzire il Genoa da solo per un’oretta buona, sgroppa che è un piacere, sopravvive a un trauma cranico, scava un solco sula destra che adesso dovranno rizzollare il campo e forse non si fa in tempo per il Barcellona.

Lautaro 6. Il Rodolfo Valentino di Appiano Gentile sbaglia un gol dopo un minuto e non si riprende più. Oggi sembrava quello che nelle feste mette su i dischi: intorno tutti ridono, bevono, ruttano e limonano, lui è seduto in angolo a guardare. Verrà il suo turno, speriamo. Lo spera anche lui.

Perisic: 7. Il Buster Keaton della Croazia, con saggezza, decide di non mettersi anche lui a infierire inutilmente. Non servivano gli effetti speciali, gli basta un paio di finte alla Elvis the Pelvis per prostrare i poveri rossoblu e giustificare la sua presenza in campo, di lotta e di governo.

Keita Balde 7. Il Diego Forlan del terzo millennio riesce a essere meno vacuo del solito, anche perchè entra e va nel suo posto preferito. Quando farà gol dopo sessanta metri di contropiede, si compirà un disegno meraviglioso. Avessero segnato anche Dalbert e Keita, toccava mettere una lapide fuori dallo stadio.

Borja Valero: 7. L’Abate Faria della Castilla si fa sempre trovare pronto. Sembra sempre così sciupato, ma in realtà ha le analisi del sangue di Eliud Kipchoge.

Nainggolan: 8. Il Lazzaro della Vallonia si alza dal letto, scrocchia il metatarso e segna di testa. Zeffirelli ha fatto un film per molto meno.

Spalletti: 10. Vincere 5-0 una partita con Gagliardini, Dalbert e Joao Mario contemporanemente in campo e autori complessivamente di tre gol, e con ciò vincere la settima partita di fila prendendo un solo gol nelle ultime cinque, cambiando modulo secondo le evenienze e mantenendo sul pezzo l’intera rosa. Spalletti ora è atteso a nuove e più rutilanti esperienze: camminare sulle acque, moltiplicare pani e pesci, portare lo spread sotto quota 100.

share on facebook share on twitter

456 commenti

  1. mi dispiace solo di essere stato a san Siro e averne visti solo 4. Ero già pieno
    . forza Inter sempre

  2. Ti perdono pure gli errori di battitura.
    Mi sono divertito troppo (prima con la partita, poi con la lettura).
    In effetti, non ci potevi credere nemmeno tu.

  3. Secondo come stiamo ampiamente meritando di essere!!!

  4. Riposto di qua:

    Grande solidarietà per tutti coloro che hanno subito danni o disagi con le ultime perturbazioni.

    Auguri Gibson, una domanda: per caso suoni anche dalle parti di Milano?

    Frequento spesso locali in cui si suona “live” per cui, se possibile, verrei anche a sentirti.

    Forza Inter, sempre!

  5. hahaha alla fine secondo per niente!

    Una grande Inter…spaventosamente grande…

    Ho gia vissuto questi momenti in passato per poi soffrire come un siberiano nel deserto del sahara, quindi non dico altro che sto godendo come un riccio e vedo giocare una squadra finalmente.

    Se finisce questa farsa di FPF e San Zhang dalla bugatti neroblù dioceloconservi apre le borse e acquistiamo 3/4 campioni in un paio d’anni possiamo fare brutto brutto.

    Come arriveremo e supereremo le partite con Roma e Juve e a quel punto anche il girone di Champions diranno chi siamo.

    Per ora ci accontentiamo di riveder le stelle in attesa della Luna.

  6. Che grande post settore. Collassato dal ridere ! Dalbert il Pasquale dell’ Amazzonia vince per distacco !

    Sposto anche io qua le mie risposte :

    Grazie a tutti per gli auguri, d’altronde questo è un giorno che quando i campionati erano meno aggiustati ai fini televisivi, era un giorno in cui normalmente incontravamo i ladroni o i cugini.. Grandi partitone e sofferenze con la mia radiolina all’orecchio !. Per non dire di epiche partite europee con Ajax e compagnia bella. Quindi un giorno speciale il mio compleanno, da sempre,
    E grazie del rotondo regalo dei nostri ragazzi ! che figata !!!!

    @Giorgio : hai intuito perfettamente. Non è proprio una domanda sciocca : hai intuito bene l’altra mia malattia che è la MUSICA, oltre ovviamente alla nostra INTER (ce ne sarebbe una terza, la sinistra !!!! non mi faccio mancare nulla ),
    ” Fender poteva essere un nome alternativo? ” Lo poteva essere ma appunto sono un gibsoniano per vocazione, come tipo di sonorità, come atteggiamento diciamo così. Al momento suono una Fender Telecaster, l’unica concessione che faccio alla casa di Leo Fender. Suono in due gruppi distinti al momento, genere rock e folk rock rispettivamente.
    Per concludere questa digressione molto personale, per completeza d’informazione come si diceva una volta, il numero 3 è il mio numero, come oggi.
    E Forza INTER !!!

    @ neroazzurro-rosso

    No purtroppo non capita di venire a Milano, io sono in Abruzzo e in genere il nostro bacino di serate è il centro Italia. Se capita però, vi informo senz’altro.
    grazie per gli auguri

  7. Ricopio di qua, anche se è il topic di prima, perché mi piace troppo! 🙂

    Si, però. ……….il Genoa aveva speso tanto solo 3 giorni fa!

    AHAHAHAHAH

    A M A L A

  8. Auguri Gibson e anche se in ritardo auguri Giorgio!

    Sull’Inter che dire, godiamoci questo meritatissimo e bellissimo momento.

  9. I al speechless…
    Non l’ho vista… Pensavo a qualcuno che mi facesse uno scherzo. Quando mi han detto che aveva segnato J. Mario ho immaginato per un attimo a quelli del Barcellona, terrorizzati dal fatto che le riserve dell’Inter strapazzato la squadra che HA TOLTO L’UNICO PUNTO ai gobbi…
    Ho visto la sintesi e ripeto quel che mi spaventa un po’ : Laureato e Però so che che non segnano e si innervosiscono.
    Prendetemi per idiota, ma ogni partita che Ivan non segna… Io son sempre più preoccupato.
    Scritto questo, ripeto gli auguri di buon compleanno a Gibson3, di “rialzarsi” presto a SEMPREINTER e i bellunesi, e… di una gioia identica ad oggi per… la prossima partita a S. Sito 🙂

  10. Un pensiero a tutti quelli che stanno soffrendo per il maltempo e per i disastri collegati. Forza ragazzi!

    Grandissimo post di Sector, brillante come l’Inter di oggi. Però credo che assurgere sia intransitivo.

    @Giorgio: il tuo correttore è un vero fenomeno. Trita le parole che nemmeno il Gadda migliore.

    • Prima la notazione su “assurgere”, poi la citazione del Garda così, en passant…
      Va bene tutto, ma dopo che Gagliardini e Joao Mario ne fanno 3…stai maramaldeggiando… 🙂

  11. Allora, per quel simpattico giochino di proporre dei paralleli, posso ricordarvi un simpattico 5 a 0 rifilato a domicilio al genoa nel 2009? Con gol del Drago al volo su rinvio di uno stordito Amelia?

  12. Se qualcuno segue il malpensante su facebook, il tema delle analogie con il 2009-2010 sta diventando “virale”: https://mobile.facebook.com/story.php?story_fbid=2360952787279786&id=1183316331710110

  13. È solo per dire che stiamo ricominciando a divertirci…
    Non si vogliono fare allusioni eh, anzi: parola d’ordine ABBÓTTONATI 😉

  14. Joao !
    Non Mario… Pedro 🙂

  15. Ma vaff… Autogol subito.

  16. Io non sopporto più le inquadrature sui ghigni di cristiano ronaldo e di dybala : tutti quelli che giocano a pallone vogliono vincere, non è che digrignando continuamente i denti oppure aggrottando i sopraccigli dimostri di avere qualcosa più degli altri… dimostri solo di essere il solito gobbo che non sopporta nemmeno l’idea di perdere qualche punto.

  17. E comunque sempre juve merda.

  18. Zeffirelli.. 🙂

  19. Gibson3
    Auguri fratello interista e fratello chitarrista.
    Anch’io ho una Telecaster ma negli ultimi anni suono solo più una Godin.
    E oggi tra l’altro ho parecchio Godin.

    Un aneddoto simpattico:
    All’89esimo sul 3 a 0 mi riprometto di scrivere che (oltre ad aver goduto per la partita in se) avevo visto benissimo in streaming senza interruzioni, perorando la mia personale battaglia contro le Tivì italiche.
    Quando ad un certo punto… puf , salta la connessione, tribolo per ricercare un altro canale e poi desisto “cosa vorrai mai che capita dopo l’89esimo?”
    E così mi perdo il gol di JM e Nainggolan, lo scopro da mio figlio che mi scrive su whatsapp (lui è del Toro)
    “Avrei voluto vedere la tua faccia quando ha segnato JM”

  20. Dio che invidia per chi sa suonare la chitarra. Complimenti.

    Anzi, complimenti una sega. Vaffanculo voi e l’Inter, una volta di più.

    • A parte il fatto che essere mandati a fare in qlo da un gobbo equivale ad essere insultati da un topo di fogna, secondo me ti stai allargando un po’ troppo.
      Non ti lamentare se poi ti bannano…

  21. Ma vedi chi dobbiamo sopportare, in casa nostra (e, si sa, in casa propria ognuno fa quel che vuole………cit.).
    Il vaffanculo è ironico?

    Beh, non si evince!

    Il mio NON è ironico.

    Vai a cagarti, merda retrocessa!
    Non è lui? Fottesega, se ruba un nick è anche peggio e merita le offese!

    Buongiorno a tutti gli altri!

    A M A L A (soprattutto martedì :-; )

  22. Meno male che qualcuno la pensa come me!
    E……….scrive pure meno e più velocemente
    Thanks, intervals

  23. Buongiorno, Toto.
    Buongiorno a tutti.
    Vi assicuro di non aver MAI avuto simpatia per i gobbi, e sono convinto che – se non radiati – avrebbero dovuto ricominciare dalla IV serie (voglio vedere se poi gli eroicicampioninonvenali restavano…), ma devo ripetere quel che ho gia’ scritto altre volte : mi piace che tutti possano scrivere.
    La scelta di cosa uno scrive…lo qualifica.
    Non vi nascondo che se il vaffa non è ironico…mi dà anche discreta soddisfazione… 🙂
    Amala (SOPRATTUTTO martedì).

    • Io sono contrario alla violenza. Non insegna: dovevano beccarsi una serie B e 10 anni con – 30 e la scritta sulla maglia a mo’ di sponsor: LADRI DA SEMPRE

  24. Collegandomi al post precedente di Sector (divertentissimo, anche se quest’ultimo fa parte della categoria di quelli “formidabili”), posso solo dire: “Sì, va bè… però ……il Genoa aveva incontrato mercoledì il Bbilan…”

  25. Non credo sia Gobbobuono non è nel suo stile, se pure lo fosse sarebbe sicuramente ironico.
    Potrebbe invece essere un troll che comincia a preoccuparsi, ma in definitiva…. chissenefrega.

    Parliamo di cose serie: l’Inter.
    Abbasserei un attimo gli entusiasmi per la bella gara fatta da JM Gaglia Dalbert contro il GENOA.
    Certo ci sono considerazioni da fare indiscutibili e tutte incoraggianti:
    Negli anni scorsi fuori dall’unico 11 base a disposizione si prendevano scoppole da tutti, come risultato e come gioco.
    Il lavoro dell’allenatore sulla testa dei giocatori è evidente, siamo stati anche primi con Mancio2 ma subivamo sempre l’avversario, adesso Barca a parte mai. È una squadra con una personalità indubbia.
    Voglio ricordare a proposito di personalità che i tre di sopra ne hanno dimostrata poca per lungo tempo quindi voglio avere qualche altra prova per ritenerli “guariti” .
    Certo possibile lo è sicuramente , Brozo ne è la prova evidente, una prova sbalorditiva! credo che davvero i 60ML di clausola sono molto pericolosi. Voglio vedere chi compreremmo con 60ML per sostituirlo.
    Ad ogni modo Buona domenica a tutti e Forza Inter !

  26. @Javier+

    Anche a me è capitata la stessa cosa, tutto liscio senza interruzioni dello streaming in russo e poi…puf, niente, tutto bloccato.
    I gol di JM e Radja sono andato a rivederli sul web.

    Forza Inter, sempre.

    P.S. Anch’io sono un chitarrista, acustico, però!

    • Ah bene bene, formiamo la fazione “Settore-Chitarristi” che qui c’è lo zoccolo duro “Settore-Toscanacci” che spadroneggia

      Beh anche io sono diventato chitarrista acustico (appunto la Godin)
      Dopo 20 anni di Rock italiano; Hard Rock; Country Rock dove ho lasciato come contributo alla musica il 30% del mio udito adesso sono approdato ad un repertorio mooolto più tranquillo. Figurati che in concerto suona da seduto, ho detto tutto…. 🙂

  27. E invece, ispirandosi a questo post e nella ricorrenza della giornata delle Forze Armate (in passato Festa della vittoria), propongo questo canto di battaglia propiziatorio, per le prossime sfide che attendono i nostri eroi:

    “Fratelli di GAGLIA, l’INTER s’è desta,
    dell’elmo di PRISCO
    s’è cinta la testa.
    Dov’è la vittoria?
    Le porga la chioma,
    ché schiava di COPPA
    Iddio la creò!!!”

  28. Sembrerebbe il suggello definitivo , un “diversamente Triplete” , e ci sta perfettamente nel destino di questa che non è solo e semplicemente una squadra di calcio, ma un moto dello spirito , una ” Weltanschauung” (tranquilli l’ho copincollata da wikipedia, sfido chiunque a scriverla correttamente) ma il domani è già oggi e ci impone nuove sfide sul campo ma sopratutto fuori.
    Per chi pensasse ad una parola definitiva , una resurrezzione, nuove sfide si profilano all’orizzonte all’orizzonte : Martedi il Barca ma sopratutto dal Brasile :

    “Inter, torna Gabigol? Lui: “Ultime partite al Santos”

    Le sfide sovrumane sono davanti a noi. Le affronteremo come sempre col coraggio e l’ironia che ci contraddistingue.

    Viva l’Inter , Viva l’Italia, Viva la democrazia, Viva la liberta’ !!

    … Juve Merda…

  29. La combinazione , più rara dell’iridio in natura, di una doppietta di Gagliardini e contemporaneo gol di Joao Mario mi hanno esaltato al punto da eccedere in orizzonti e “z”.

    Scusate l’esaltazione

  30. 1) Ero io
    2) Ero ironico (però dai ragazzi, che palle doverlo precisare
    3) invidio veramente chi sa suonare la chitarra
    4) mi giravano perché, svegliato dai gatti alle quattro di notte, non ho trovato di meglio che scrivere sul blog
    4bis) invece no, mi sa che ho scritto così perché inizio a vedere finalmente in voi una minaccia seria

    • Beh, io non avevo messo in dubbio l’ironia qualora fossi stato tu.
      Quanto alla “parolaccia”, ma per carità! Fosse questo il tuo crimine peggiore…
      Piuttosto mi rammarica la mancanza dei tuoi interventi in occasione dei rigori come quello concesso su Dybala. Lì ti distingueresti come gobbobuono da un gobboqualunque.

    • Quale rigore dici Javier? Quello di Empoli? Mah, ti dirò che per me quello c’era pure; in quella partita il bello è stato il distribuire ammonizioni e punizioni in modo monodirezionale, che è un modo molto più raffinato per indirizzare i campionati.
      In attesa della tua risposta comunque ammetto che già ce ne sono state due o tre, di partite molto condizionate dagli arbitraggi a nostro favore.
      E che se pensate che quest’anno vi facciano vincere qualcosa siete degli illusi. Credo che Andrea Agnelli sia peggio di Moggi, forse persino più violento.

      Detto questo ripeto il vaffanculo.

      Scherzo, ci siete cascati di nuovo.

      🙂

  31. Sempre primi nella Regular Season.
    Avanti così.

  32. Buongiorno a tutti,

    ieri mi son dimenticato di scrivere mentre ero in viaggio la solita frase:

    “Road to Milan, speriamo in bene”

    che era la mia frase scaramantica visto che l’avevo usata per Lazio Inter di maggio, Inter Spurs e Inter Bilan”.

    A quanto pare per fortuna non è servita, anzi per una volta allo stadio senza patimenti.

    Molto divertenti le pagelle di Sector ma permettetemi di dissentire dal voto di Lautaro.

    Sicuramente quello che più è saltato agli occhi ieri è la sua poca precisione e diverse palle perse, ma vi assicuro che averlo visto dalla tribuna è tutta un’altra cosa.

    Ha corso e lottato quanto un pazzo, ha spaziato su tutti i fronti dell’attacco spesso marcato dal difensore gigante che lo sovrastava fisicamente, nonostante ciò è riuscito a difendere dei palloni, conquistare punizioni e permettere alla squadra di risalire.

    Cosa più importante in assoluto però, col movimento che faceva su tutto il fronte, ha fatto sì che la squadra dipingesse ieri geometrie diverse con inserimento di tutti i giocatori e mai una volta in 90 minuti si è visto fare il classico cross a caso che almeno dieci volte a partite viene fatto perché i giocatori sanno che Icardi è lì pronto ad aspettare.

    Quindi il mio voto è 7

  33. Concordo su Lautaro

    E vaffanculo agli estranei

  34. Intendevo concordo con Pupi

    E intendevo vaffanculo al gobbo

  35. Il Cagliari è passato nel giro di una azione all’86mo dal possbile 2a2 al 3a1, peccato_

  36. cmq è un peccato che JM, sul quale MAI abbiamo avuto dubbi, non sia nella lista CL

    da solo avrebbe disinnescato il Barca

    bannate il Gobbo, buono o cattivo che sia

    • Guarda che J. Mario E’ nella lista CL. Solo che gioca sotto mentite spoglie col n.10 nel Barcellona; ora si è rotto un braccio e voleva tenersi in forma con una squadra forte 🙂

  37. Aggiungerei un’altra cosa a quel discorso tattico di cui parlavo prima per difendere la prestazione di Lautaro.

    Questa volta lo faccio difendendo Icardi altrimenti sembra che io sia monotematico e ogni volta ce ne sia la possibilità colgo l’occasione per mettere in evidenza il suo modo di giocare(che in effetti sopporto poco).

    Intendo dire che la diversità di giocate viste ieri e un po’ anche con la Lazio, siano dovute all’utilizzo del 433.

    Forse è la volta buona che il Mister ha trovato un modulo che calza a pennello per questa squadra.

    Il maggior equilibrio rispetto al 4231 è innegabile.

    I centrocampisti diventano mezzale ed hanno molta più possibilità di spingere ed inserirsi, i due esterni Politano e Perisic stanno più vicino al centravanti e non si trovano sempre fermi sulla linea del fallo ad aspettare la palla per poi crossare, inoltre hanno meno vincolo di rientrare a raddoppiare sul terzino perché già abbiamo la mezzala che può aiutarlo.

    Insomma, quanto meno con gli interpreti di ieri, Gaglia e Joao, è palese che questo modulo sia favorevole, ma onestamente spero davvero che il Mister lo riproponga anche con Nainggolan e Vecino, sinceramente questo utilizzo di un trequartista forzato mi ha veramente stufato.

    Giocatori alla Wesley ne esistono veramente pochi.

    • Condivido.
      Anche perché non mi sembra che siano state necessarie 8 partite per oliare i meccanismi.
      Insomma da una parte sono d’accordo quando il mister dice che non è un problema di moduli ma di interpreti e/o di interpretazioni, ok va bene, però se i tuoi interpreti non riescono a rendere al massimo in un modo prova nell’altro. È un bel dilemma, è evidente che l’Inter senza Icardi giochi meglio, è altrettanto evidente che a parte ieri la difficoltà per gli altri a buttare la palla dentro esiste.
      Io vorrei si trovasse il modo di vedere insieme Icardi e Lautaro. Gli spazi si aprono se chi li crea è uno capace a segnare, uno che viene seguito quando svaria.

  38. buongiorno,
    sono completamente d’accordo con i sostenitori del 433 che credo sia il modulo più adatto alla nostra rosa.
    Per quanto riguarda Lautaro, io lo vedo come alternativa ad Icardi. Primo perchè ha delle caratteristiche da attaccante puro e non da trequartista, secondo perchè non possiamo pensare che Icardi sia sempre in campo in tutte le partite al massimo della forma.
    Qualche volta possono giocare assieme, tipo assalto finale nelle partite che non si sbloccano ma non possiamo inventarci dei moduli di gioco solo per mettere Lautaro. Al momento, ripeto al momento, abbiamo capito che è potenzialmente forte ma non ha ancora dimostrato che la sua presenza in campo valga la pena di stravolgere gli equilibri.
    E poi deve crescere mentalmente e deve imparare a stare nel gruppo. Per essere titolare alla sua età o è Maradona oppure gioca nel Chievo.

  39. Joao è indolente, ma il tocco di palla ce l’ha sempre avuto; è un interno di centrocampo, nel 433 ci va a pennello e l’abbiamo scritto su qui in tempi remoti e non sospetti_ Con altri moduli soffre, talche’ anche col Poetogallo al limite lo mettono esterno ma non lo ricordo trequartista e nemmeno mediano_

  40. E meno male che era l’Inter a portare a casa le partite all’ultimo minuto!!

  41. Giocatore dell’Udinese da non far più giocare a vita e mandarlo nei dilettanti.

    Al 96′ circondato da tre avversari prova a scartare invece di ributtarla in avanti.

    Inconcepibile regalare una partita al 97esimo per un errore simile.

  42. Intanto espulsione ridicola di un giocatore dell’Udinese, gestione delinquenziale del pallone da parte dei friulani negli ultimi istanti di match e rossoneri che la vincono al 96′ (ma i minuti di recupero erano 5). Vabeh, Milan quarto, seccante.
    Comunque, finalmente finito l’intrattenimento fake della serie A ci si rituffa nella Cl, dove tutto è più limpido e trasparente. Ah no.

  43. In una settimana questi “cul de sac” hanno fatto 6 punti invece che 2.

    Storicamente hanno sempre avuto il culo grande come una caverna ma, quello di quest’anno batte tutti i record precedenti.

    ‘fanculo!

  44. Me lo sentivo che avrebbero trovato il gol all’ultimo…me lo sentivo.
    Comunque frega niente : continuano a far punti immeritatamente, alla fine i conti torneranno.
    La cosa positiva è che avranno il morale alto contro quegl’altri stronzi domenica prossima.

    • Già…
      E sfortunatamente Higuain si è fatto male…
      Trovo che abbia ragione Pupi (al quale mi accomuna una domenica di calcio locale poco fortunata… E domani sono a Ospedaletto) : quel giocatore.. Roba da alzarsi un’ora prima la mattina per prenderlo a storcono.
      Comunque… de minimis non curat praetor 🙂

  45. @Giorgio

    Io a Ospedaletto ci lavoro.

    Fai un fischio!!!!!!

  46. @Gobbobuono
    Rispondo qua altrimenti siamo troppo lontani.

    Quello non è rigore, non secondo me o secondo te ma secondo il regolamento del gioco calcio.

    Poi mi dici di falli e ammonizioni a senso unico, di campionato pilotato, di agnelli più cattivi dei lupi, e quindi torno alla considerazione che avevo fatto lo scorso commento:
    “…Quanto alla “parolaccia”, ma per carità! Fosse questo il tuo crimine peggiore…”

    Vedi io le punizioni e le ammonizioni non le ho neanche viste perché non butterei mai due ore per vedere giocare la squadra di una società di delinquenti. Tu SI !
    Dici che sono delinquenti ma li tifi, dici che il campionato è pilotato ma ti vedi le partite, ti inserisci in un Blog di interisti, la cosa in se non è né negativa né positiva questo viene determinato dalle persone, se sono brutte persone è negativa se sono belle è positiva.
    Tu che persona sei che condanni il delinquente ma ne rimani affascinato?

    • Io dalla Juve non sono per niente affascinato, nè dagli Agnelli, nè da qualunque sia squadra di calcio.
      Il calcio per me è una passione, neanche la più accesa a dire il vero.
      Prendi come paragone il cinema: se vedi ogni tanto un film di Bud Spencer e ridi di gusto diresti che ne sei affascinato, da Bud Spencer?
      Vengo qui perché siete divertenti, spesso, e interessanti, spesso.
      Lo so che sono decenni che il tifo per una squadra di calcio è diventato per quasi tutti una specie di religione, cambi moglie, ideali politici, gusti a tavola, ma la squadra quella no, e la difendi anche di fronte all’evidenza. Sapessi quante discussioni con i miei amici juventini quando dico che di tutti gli scudetti vinti saranno stati puliti sì e non la metà…
      Io rivendico la possibilità di sperare che una certa squadra di calcio vinca (non uso il termine “tifare” proprio perchè mi sa che lo intendo diversamente dalla maggior parte delle persone) senza tenere sulle cornee etti di prosciutto cotto.
      Mica me ne vanto eh.
      Buona giornata a tutti.

    • Lo condanna a parole!
      Intanto festeggia la coppa insanguinata regalata da un rigore fuori area e gli scudetti pilotati con le schede svizzere (che esistevano anche prima che venissero scoperti con le mani nella marmellata)

  47. La mia risposta di prima era per Javier.

    Per il gobbo: beato chi ti crede.

    Sulle discussioni, poi, stendiamo un velo pietoso; se fossi veramente convinto di quello che dici, avresti da tempo dirottato i tuoi interessi al curling o al badminton!

    • Toto stai calmo.
      La coppa insanguinata io non l’ho mai festeggiata, e gli scudetti pilotati…mah, se la Juve l’avessero radiata non ci avrei trovato nulla di strano.
      Ma perché ti incavoli cosi tanto? Ma che interesse c’avrei a venire qua e raccontarvi puttanate?

    • Devo dire che Gobbobuono aveva anche ammesso senza giri di parole che già due o tre partite di questo campionato sono state indirizzate a favore dei gobbi.
      Che cosa pretendiamo? Una pubblica aiuta? E su…
      Dubito MOLTO che ne esistano altri, di così equilibrati.
      E se poi fingesse… bah… cui prodest (come giustamente faceva notare anche lui) ?

    • @Pupi : sono arrivato purtroppo tardi… Se riuscissi a liberarmi prima delle 13 (dubito…)… dov’e sei?

    • Il correttore mi ha storpiato una delle poche parole difficili che conosco. Una volta tanto che potevo darmi delle arie e usarla…
      Era “abiura” e NON “aiuts”… 🙁

  48. Lasciamo stare queste polemiche locali e proiettiamoci nell’avvenire.
    Cominciamo ad imparare il cinese, ecco un video stimolante:

    https://m.youtube.com/watch?v=_WFOWRHPKJU

  49. Ho capito Gobbobuono.
    tu guardi la juve sperando che vinca senza rubare.
    Eh beh, il coraggio e la speranza non ti fan difetto.

  50. Non so se mi irritano di più i commenti saccenti del gobbo o il culo “arbitrospintaneo” del bilan

  51. @Pupi : come temevo…finisco tra poco e devo saltare in macchina e andar via.
    Ho una Cruze color grigio metallizzato. Prime lettere EN.
    Se ti passo davanti…fa’ un fischio 🙂
    Spiacente

  52. @gobbo
    Bene, bravo, bastavano 3 parole in meno.
    Che interesse hai a venire qua?

    Io mi incavolo quanto mi pare e posso pensare ciò che voglio sulla tua falsità.
    Fattene una ragione ed ignorami.

    Io non posso farlo dato che l’intruso sei tu.

  53. Non so perchè, ma ero convinto che trasmettessero in chiaro anche il ritorno col Barça… evidentemente avevo capito male.
    Peccato : le dirette rai, in champions, di solito portano bene.
    Sale l’attesa.
    Forza ragazzi.

    • La RAI può trasmettere solo una delle partite del mercoledì. E…ehm…l’ultima non ha portato poi così bene, ehm…
      Forza INTER !!!
      Ho già l’agitazione di stomaco come un bimbetto, ditemi voi…

  54. esatto,le prossime

    gobbi-man u
    tottenham-INTER
    youg boys-gobbi per esclusione..l’unica italiana di quel mercoledi alle 21

  55. Io davvero considero Gobbobuono uno di noi. È una sorta di vaccino: una piccola quantità di virus presa ogni tanto per renderci immuni dal pestilenziale stile di vita per cui lui dice di fare il tifo. Non è uno sciocco e con lui mi illudo ci sia la speranza che un giorno inverta a u la sua strada per Damasco. Ma io non sono un credente…

    • Esperimento sociale:
      adesso mi iscrivo al Blog del KKK con il nick di “nerobuono”
      vediamo che capita…

  56. Fratelli interisti , ringrazio ancora tutti quanti mi hanno fatto gli auguri.

    Approfitto, sentendomi a casa mi qui, di rispondere ” ad hoc ” a qualcuno di voi non parlando di Inter stavolta, ma di chitarre e musica. Chi vuole ,può skippare

    @ Giorgio : auguri anche a te, mi era sfuggito un altro Scorpione del blog e chitarrista. auguri .

    @ Gobbobuono. ringrazio anche te , pensa che il mio batterista, che considero un fratello per tantissimi motivi, è un super gobbo, ma questo non ci impedisce di prenderci, anzi. Ognuno ha le sue colpe e le sue responsabilità ! E spezzo una lancia a tuo favore, non mi sentivo mandato a fanculo, si capiva il tono, imho. E puoi sempre iniziare a imparare la chitarra, per strimpellare.

    @ wolf . grazie anche a te. Link ve ne sono dei miei gruppi , se volete, li posto. Non facciamo musica propria, almeno per fare le serate, (che comunque non è la nostra professione principale ), bensì repertorio di altri ( ma non sputtanati, tipo cover vasco Liga Nomadi ecc).

    @ neroazzurro- rosso. Se ti cimenti con l’acustica, e conosci la Bandabardò, ascolta Finaz, che ho l’onore di conoscere. Un Dio. Con un gruppo facciamo cover Bandabardò. e mi faccio un c+++ della madonna !

    @Javier + : ah capisco il tributo all’udito, a chi lo dici ! il mio orecchio fischia fisso . La Godin è una ottima chitarra, comodissima in tutti i sensi. Che genere facevi prima?

    • Saltando a piè pari i primi anni di Rock variegato, Deep Purple; Stones; CCR; Skynyrd; etc etc
      poi ho suonato per una 15ina di anni in una cover band Eagles, 4 voci spettacolo!
      Adesso da anni Paolo Conte; Jannacci + roba nostra (che salto !)
      Stasera prove per concerto imminente :-))

    • È che iniziare a suonare la chitarra, a 46 anni, mi pare di un difficile, ma di un difficile…
      Iniziare tutto, a 46 anni, mi pare difficile…

    • Gobbobuono vedila cosi:
      Se cominci a suonare la chitarra a 46 anni se sei fortunato la suoni per metà della tua vita o giù di lì.
      Se cominci (o continui) a giocare a calcio o hobbies similari a 46 anni lo fai per 6 mesi e ti rompi tutte le giunture.

    • Ho capito. Grazie.

  57. @Giorgio

    Tranqui.

    Io sono riuscito a riprendere solo ora il telefono da stamani per leggere il blog.

    Cmq non sarebbe male organizzare prima o poi un incontro tra i toscani di Settore !!!!

    • Ecco, organizzatelo a Pisa la prossima settimana che sono giù per lavoro.
      se può stare un gobbo nel blog potrà stare pure un Torinese in mezzo ai Toscani 🙂

  58. javier+ : spettacolo , quel rock è quello che sto facendo io attualmente ! gli Eagles maroooo che roba . E le voci dove le avete trovate ?? Tu chi facevi Joe Walsh?
    Bello anche Jannacci e Conte, cavolo parliamo dell ‘aristocrazia cantautorale .

  59. Ansia, ansia, ansia e………..ansia.

    Per me il prepartita è già cominciato.
    Alle 20 appuntamento per la partenza per Milano.

    Giusto un 24 ore di margine! 🙂 🙂 🙂

    • Vai, Toto, sei tutti noi !!! E al secondo gol di Icardi fatti un selfie (cioè…rivestiti, prima, perché sarai a torso nudo facendo le pernacchie ai catalani, eheheheheh…).
      @Gibson3 : magari…chitarrista… Flautista, da ragazzetto. Un’altra delle mie brillanti carriere (opportunamente) terminate prima di sbocciare 🙁
      @Pupi : ero in via Ferraris, strada vicina alle concessionarie, per capirci…
      @Pupi e @Javier ( e toscani assortiti, incluso Scettico che spero continui a leggere ) : ma si, dai, troviamo un momento. Io – però – arrivo a Livorno solo il venerdì sera, e mi fermo il weekend. Però Pisa va benissimo, eh ? Ma
      @Javier : bravo il batterista, a quel che ho potuto cogliere (ero troppo concentrato su quella scena di “Con Air” in cui Steve Buscemi riflette sulla bizzarra coincidenza che si canti “Sweet Home Alabama” su un aereo), perché si sente che è una prova con qualcuno che suona più energicamente e qualcuno meno ( è una prova ? ).

    • Giorgio
      Era un demo fatto in una cantina in una sola sera da dare ai locali.
      Tanta passione e pochi mezzi, sia finanziari che tecnici…
      Ma, il divertimento era da Champion Legue.

  60. Lode al gran cuore di San Siro! Rientro nel blog non per parlare della squadra e dei giocatori, sui quali mantengo una sospensione di giudizio: dopo la stupefacente rinascita della squadra mi trovo adesso a disagio nel dover correggere gran parte delle mie più radicate convinzioni, sia sull’allenatore che, sebbene perdente, ho sempre giudicato preparatore eccellente, non però in grado di operare una così radicale metamorfosi tecnica e tattica della squadra dalla sera alla mattina, sia su alcuni giocatori, come, ad es., Brozovic, trasformatosi da brutto anatroccolo in cigno, da modesta controfigura di Modric, in uno straordinario centrocampista, che non ha nulla da invidiare al suo fraterno compagno di squadra, ma di lui più veloce e più manovriero. Abbiamo tutta l’estate fatto la corte al centrocampista madridista senza renderci conto che l’avevamo già pronto e disponibile in casa! Voglio invece, sull’abbrivio di un articolo pubblicato su Repubblica da parte di un giornalista che stimo molto come scrittore, meno come cronista di pallone perché di parte avversa e troppo partigiano, rilevare come finalmente qualcuno, non della nostra parrocchia, si sia accorto del gran pubblico di San Siro: per una partita sulla carta di scarsa importanza e scontata nel risultato (per di più, in un campionato, già deciso a favore della più forte, aggiunge malignamente il Crosetti) accorrono allo stadio 70mila spettatori, di sabato, alle tre del pomeriggio, tutte circostanze che avrebbero dovuto tenere a casa gran parte di quei tifosi a godersela da spettatori davanti al televisore. Caro Crosetti, la nostra squadra un primato lo ha già raggiunto, e da tempo, quello del pubblico più numeroso, più fedele e più appassionato d’Italia. Quanto allo scudetto e coppe varie, i conti li faremo alla fine. Io sono certo intanto che questa stagione non sarà per noi di routine, come da otto anni a questa parte, ma sarà una di quelle da ricordare nel bene o nel male, in cui potrà succedere di tutto, e potrebbe trasformarsi anche nella stagione della grande beffa alla ronaldesca squadra pigliatutto.
    Buona fortuna a tutti .

  61. Bella lì Scettico.

  62. Tornando alla rai, lo so lo so che fanno solo una partita al mercoledì. Ma su qualche blog, o non so più dove, tempo fa qualcuno mi ha tratto in inganno dicendo che ci saremmo goduti entrambe le partite col barcellona in chiaro.
    ( bho… forse quello lì si riferiva giá alle semifinali) :×

    • No, no… DUE partite…
      Quella già vista ( a Barcellona ) e…la finale 🙂
      GIURO : ho iniziato a scrivere, poi mi hanno interrotto con una lunga telefonata, poi ho premuto “invio” ed è apparso Scettico, che avevo citato.
      Ucci, ucci…sento odor di toscanucci ( liberamente tratto da…)…

  63. Purtroppo il treno l’ho perso moltissimi anni fa, allorquando preparavamo , in quattro acustiche e voci, brani di CSN & Y, Eagles, Area, Banco e PFM ma….il treno non è più ripassato!
    Ora mi diletto a mio uso e consumo aggiungendo James Taylor, Clapton e alcuni virtuosi di finger style.

    P.S. Comincio anch’io ad essere in “ansia da prestazione”!

    Forza Inter, sempre!

    • Dai nerazzurro, dipende dove vuoi che ti porti quel treno, se volevi andare a Nashville magari è passato ma se vuoi divertirti a vivere e condividere momenti di musica il treno è sempre lì.
      Nella musica si vince anche senza arrivare primi come la Juve.

  64. Scettico, sei proprio tu?
    Beh, dal numero di righe direi proprio di si.
    È un piacere rileggerti, anche se dall’altra sponda.
    Buon ritorno, e in bocca al lupo a tutti per domani sera… (e chissà che i conti tra di noi in CL non si facciano alla fine)

  65. @Scettico: bentornato!

    @Fortebraccio: dove sei?

  66. Toto mi sa che viaggi con mio fratello in pulman; io parto da Bari domattina in treno

  67. Ha ragione Intersempre : desperately seeking Fortebraccio (libera citazione)… E siamo già fuori tempo per le ore di anticipo !!!! 🙁

  68. Scettico felice di rileggerti.

  69. Buongiorno. Sono le 7,30 e Fortebraccio non si e’ palesato.
    Stasera guardo Floris…
    Soffriro’ meno (a parte i momenti con È. Fornero e G. Cazzola…).

  70. Spalletti fa pretattica: “non so se stasera gioca Fortebraccio…”

    • Ecco dov’era…! Se gioca lui…siamo gia’ in finale 🙂
      Una creatura mai vista : SEI metri di apertura alare… Oltre 3.000 Gufowatt di potenza…
      Oh Fortebraccio, traici da questa afflizione ! Citazione da C. M. Schulz (Linus che implora il Grande Cocomero).
      Mica ci arrivo a stasera, io…

  71. Noi dobbiamo fare la partita perfetta. Loro no.
    Fine della sottile analisi tecnico tattica.
    Mi aspetto di tutto: di essere preso malamente a pallonate, di fare l’impresa. Una sola certezza, l’ansia.

  72. Non siamo così lontani da loro, poche squadre possono vantare una “verticale” Scrigno/Brozo/icardi_ Oggi sarà una prova di maturità, vedremo_

  73. Altro atto di coraggio ( e di consapevolezza ?!?) di Spalletti : schierare Skriniar diffidato.
    Sappiamo tutti che la partita che deciderà il passaggio sarà quella di Londra, però evidentemente Spalletti non fa calcoli ( e quantomeno ce la possiamo giocare eventualmente anche con Miranda).

  74. al di là dell’ottimo momento dei nostri, spinti fra l’altro da quasi 80 mila, una speranziella che il Barca arrivi non proprio col coltello fra i denti la si può coltivare.

    • +1

      Loro sono già a 9 punti, in pratica già qualificati…

      Noi abbiamo 2 risultati utili su 3. Anche un punticino potrebbe essere determinante nell’economia del girone. Vedremo

  75. Perdonate la domanda ingenua : perché non potremmo serenamente impiparcene ( cit. Jacovittiana ) e puntare tutto sulla gara interna con il PSV ?
    Non che io sia certo di vincerla, no… Ma se dovessimo portarla a casa ( SGRAAAAAT ! )…andremmo a 9 punti anche perdendo ( SGRAAAAAT ! ) stasera e con il Tottenham ( SGRAAAAAT ! ).
    O mi sto clamorosamente sbagliando ?
    Comunque stasera torno a cena in v. Simeto ( il posto dove ho visto l’ultima partita con la Lazio 🙂 ), ho deciso.
    Però, che antisportivi, ‘sti blaugrana… Rapire Fortebraccio per non farlo vaticinare…

    • L’ho rapito io.
      Se Toto non si scusa ve lo rimando a pezzettini.

    • Non saprei, il massimo sarebbe chiudere la qualificazione nelle prossime 2 partite…

      All’ultimo turno ci sarà Barca-Tottenham, con i catalani già qualificati, non vorrei che gli regalassero qualcosa. Boh…

    • potresti sbagliare perchè gli inglesi potrebbero arrivare a 10

    • @Gobbobuono :
      fammi capire…sei bianconero e blaugrana al tempo stesso ?!?!
      Miiiiihhhh….! Sei proprio intenzionato a vincere il Nobel per la simpatia 🙂

    • @mareintempesta :
      si, verissimo.
      Davo per scontato che qualcuno perdesse qualche punticino.
      Matematicamente hai ragione.
      Però stasera ne sapremo di più ( tanto lo so che andrò di faccia sulla pizza, se segnano loro…).

    • un motivo in più per fare clean sheet anche stasera
      nel dubbio cmq prendila bianca 😉

  76. Dovremo essere concentrati e per nulla intimoriti. Rispetto massimo, timore reverenziale zero. Siamo in un momento di crescita e ( sgrat sgrat ) di consapevolezza che ci permette di affrontarli apertamente, perciò mi auguro di non rivedere quel balbettio dell’andata che favorisce solo il loro indiscusso talento.

    @javier : bella la demo e belle voci cacchio ! le stesse degli eagles di cui dicevi?

    @nerazzurro-rosso : in che senso? hai avuto possibilità di entrare nel “fantastico mondo ” della musica professionale ?

  77. Inter – Barcellona 0-3

    ‘notte

  78. Allora siamo a posto.

    Ansia, intanto, in crescita esponenziale.

    Sono appena fuori dal tempio

    A M A L A

  79. @gibson3
    No, neanche lontanamente che poi…..va a sapere come gira la vita!
    Eravamo solo animati di tanta buona volontà e voglia di suonare insieme, il resto…magari non sarebbe mai arrivato oppure si, chi può dirlo!
    Ora mi limito a suonare tra amici e nulla più.

    Ora entro in modalità partita e mi avvicino a San Siro.

    Forza Inter, sempre!

  80. @gibson3
    Sì il gruppo era quello con cui si facevano repertorio cover Eagles e/o Country Rock . Devo avere qualche altra registrazione da qualche parte ma aspettiamo che si abbassi la pressione generale.
    Ogni elemento perturbatore potrebbe causare conseguenze funeste ed il reponsabile essere impiccato alla porta di Settore con un MI grave
    :))

  81. ” Inter, la difesa è un bunker ”

    ecco la ghiacciata puntuale di quelli rosa..
    mani sugli zebedei

    un ex pugile, in Argentina, ha partecipato a una gara a chi mangia piu croissant in un minuto.
    morto al terzo..
    era diabetico.

  82. Madonna che ansia

    • Eh no, eh ?
      Ora chi è questo Ansia ?
      In che ruolo gioca ?
      Perché non l’abbiamo preso noi ?
      Quanto manca alla fine ?
      Ohiohiohiohiohi….
      Fratello Toto, fatti onore 🙂

  83. Inter – Barcellona 0 – 3

    ‘notte

  84. Un link, per favore….

  85. Brutto approccio, troppi palloni persi. Un miracolo che Suarez o Dembele non ci abbiano puniti…

    Radja giù di tono, così si gioca in 10… Sofferenza pura

  86. Che sofferenza… Quasi peggio dell’andata… Nainggolan non mi sembra in grandi condizioni, forse forse nel secondo tempo sarebbe meglio Valero? Suarez pericolosissimo ogni volta che tocca palla, x fortuna Skriniar monumentale (finora…) Mi chiedo se la pioggia potrebbe essere un problema x loro, si dice che danneggi le squadre più tecniche…

  87. da quel poco intravisto la porta del Barca non si è mai vista..

    se i Philips reggono, bene

  88. Si può dare 10 a un giocatore?
    Se sì, lo do.
    E se mi chiedete a chi, vi tolgo il saluto
    (Si fa per dire)

  89. Inter-Barcellona 0-3

    ‘notte

  90. non c’è partita.
    Suarez è un grandissimo attaccante.

  91. il nostro centrocampo è imbarazzante.

  92. Non riusciamo a non fare il loro gioco : farci correre come matti inutilmente.
    Sembra un grottesco “torello”, e le poche volte che prendiamo palla…la perdiamo.
    L’unica (parziale) consolazione/speranza e’ che non potranno correre tutto il tempo…
    Forza INTER !!!

  93. Che bello siete tutti a vedere la partita.
    Il blog è tutto mio!!!

  94. Io chiederei la conta degli uomini in campo. I rosa sono di più.

  95. Bravi ragazzi. 60 a 40 di possesso era il minimo. Concentrati e sul pezzo fino all’ultimo, un punto ottimo.

  96. Giuro che se trovo ancora qualcuno che dice di venderlo…

  97. Handanovic santo subito…

    Skriniar martire…

    Icardi beato della divina misericordia…

    Pareggio d’oro! Amen

  98. Ricapitolando: se pareggiamo a Londra è fatta, se perdiamo… sono cazzi

    • Cioè diciamo che poi dovremmo vincere l’ultima in casa col psv sperando che il tottenham non vada a vincere al camp nou… Mah! Cmq siamo ancora vivi, e non è poco a questo punto

    • Sono cazzi mi sembra esagerato, direi invece che se battiamo il Psv al 90% è fatta….il Totthenam a Barcellona non vince a meno di combine……che poi secondo me noi a Londra non perdiamo

  99. come volevano in molti sarebbe stato meglio prendere Gabbiadini, a Icardi manca il fiuto del gol

    a Londra ci sarà un bel ambientino..

  100. Punto d’oro, sudatossimo e prezioso_ Barca superiore, ma noi non molliamo_

  101. Quanto manca ?
    Ah, e’ finita ?
    Allora posso scriverlo, anche a costo di apparire ruvido… Potremo scrivere di giocarcela alla pari con certe squadre DOPO averle battute, NON prima.
    Prima e’ un auspicio (che condividiamo, per carità) , ma ci espone a pericolose illusioni e – quindi – a cocenti delusioni.
    Abbiamo un disperato bisogno di un centrocampo simile al loro, cioè di gente che sappia dare del tu al pallone.
    E abbiamo bisogno di un Nainggolan in forma.
    E qui paradossalmente viene una punta di ottimismo : se siamo riusciti a “reggere” finora con Radja a mezzo servizio…mi intriga vederlo in forma, in mezzo al campo, a fare quel che ha sempre fatto.
    Icardi ? Vi prego di leggere UNA delle cose che ho SEMPRE scritto su di lui : e’ stato un affare colossale. Ha segnato già più lui in 5 anni di tanti altri più sponsorizzati e ben trattati in tutta la loro carriera.

  102. Ricordo partite nel periodo di Gennaio, Febraio di quest’anno,pochi mesi fa, in cui durante certe partite leggevamo ” se mai dovessimo arrivare quarti, col Real, Barcellona, Psg etc ci fanno ridicoli, ne prendiamo 6, che ci andiamo a fare”
    ecco che dopo pochi mesi siamo la e col Barcellona abbiamo oggi addirittura pareggiato, soffrendo ovvio, sarei stato sbalordito dal contrario, ma sofferto con una delle squadre piu forti del Mondo.

    Se consideriamo poi che eravamo in campo in dieci e mezzo(il belga..) direi mooolto bene cosi.

  103. Va bhe, dai: un bell’urlo ce l’hanno fatto fare anche stasera.
    Poi si vedrá.
    Grazie ragazzi

  104. la differenza da colmare nei prossimi anni con squadre come il Barca è grossa, stasera nulla toglie o aggiunge a parte un punto che serviva eccome.

  105. Invece ai fini della qualificazione era molto piu importante il pareggio del Psv che il nostro

    Chiaro che se il Barcellona fa il Barcellona
    “basterebbe” battere il Psv ma non vorrei arrivare a fare 10 punti e stare con il cuore in gola sperando che un altra squadra gia qualficata si impegni altrimenti sarei fuori anche a 10 punti

    Quindi a Londra determinante e se ho capito bene il regolamento se proprio dovesse andare ….basterebbe almeno perdere con un gol di scarto ma facendone almeno 2, tipo 3-2, per avere sempre noi in mano il nostro destino

    Detto tutto cio se a fine agosto,dopo il sorteggio, mi avessero detto che alla quarta saremmo stati in questa situazione avrei firmato a sangue

  106. Di nuovo, un’altra volta invidio ognuno di quelli che ha creato quel boato a San Siro al gol oramai insperato dei nostri.
    L’Inter ti dà emozioni uniche, non c’è niente da fare. Poi fra un pochino scriverò qualcosa riguardo la tecnica la tattica, ma qua adesso c’è ancora solo l’Inter e quel boato.
    W l’Inter
    W il calcio
    juve Merda

  107. Vero ho pensato la stessa cosa, ho ancora dentro quella pazzesca emozione che mi ha regalato quella sera contro il Tottenham a San siro e arei voluto godermi quel gol stasera al Meazza, dql vivo, emozioni forti che solo l’Inter.

    Anche Valverde dopo Pochettino ha evidenziato l’incredibile atmosfera di San Siro, ce solo l’Inter!

  108. Abbiamo due risultati su tre in tutte e due le prossime partite.
    Importante e non perderle.
    Né fare calcoli.

    A Londra non sarà facile perché loro si giocano tutto, anche sulle ali della vittoria di oggi.
    Quindi massima concentrazione e garra a mille, perché se andiamo là un po’ molli e perdiamo poi la faccenda si complica.

    Io poi non mi fiderei di un Tottenham a pari punti che se la gioca col Barca perché questi ultimi hanno ancora il dente avvelenato con noi dal 2010. E non mi stupirei se li fanno vincere per farci fuori.

  109. Appena tornato da San Siro.
    Che dire!?
    Barcellona che gioca a memoria, buoni: Politano, TUTTA la difesa (un gradino più in alto Skriniar), bene Borja.
    Vecino-Perisic-Brozovic inguardabili, Radja…..ancora negli spogliatoi e….quel grido, ragazzi che brividi!!
    Forza Inter, sempre, sempre, sempre.

  110. Sto per andare a dormire e domani mi aspetta una giornata che difficilmente mi darà la possibilità di fare due chiacchiere in rilassatezza con voi, allora vi voglio lasciare questo mio pensierino della buonanotte che sicuramente mi farà rigirare nel letto questa notte:
    Se una squadra , un allenatore, una nazione, non riesce proprio per partito preso a valorizzare un giovane (come Lautaro, ma è solo un esempio) facendolo giocare a pallone senza se e senza ma, e allora tutta sta gente c’ha un problema.
    Si brucia, si deprime, i giornali poi l’attaccano, si carica troppo di responsabilità etc etc etc etc.
    Ma quante cazzate tiriamo fuori in Italia pur di non puntare su un giovane, ma quante?
    Mah……

  111. Ma infatti, stasera semplicemente i tre di centrocampo hanno giocato male. Questo non vuol dire che siano da cambiare seduta stante. Non hanno dato quello che sono in grado di dare. Può succedere.

  112. Vorrei evidenziare l’arbitraggio, eccellente!
    Cosi si arbitra una partita di calcio,si fischiano le punizioni solo dopo un “vero” fallo, cosi non si spezza il gioco e si abbassano notevolmente le polemiche per tuti quei mezzi falletti fischiati e si abbattono notevolmente le intenzioni dei vari simulatori.

    Non a caso gli unici 2 errori li fa entrambi con Politano, nel primo tempo dandoci una punizione cercata dal nostro che non cera, nel secondo non dandoci una punizione netta al limite per evidente fallo su Politano ma che lui accentua inarcandosi all’indietro, quindi non ti fischio.

    Grande arbitro stasera, sicuro, autorevole, migliore in campo.

  113. Partendo dal presupposto che il Barca li in mezzo fa soffrire piu o meno tutti, non dimentichiamo che noi con Naingo eravamo quasi in dieci.

    Questo lo paghi cato contro quelli la, ma causa sto maledetto fpp non avevi alternative, stasera probabile che giocava titolare jm e che gaglia ad un certo punto avrebbe fatto comodo a contrastare li in mezzo.

    Concordo ancora con javier, come sempre, su Lautaro, ma che giocata ha fatto sul gol, tecnica, cattiveria, possibile che non possa giocare almeno gli ultimi 30/35 minuti insieme ad Icardi e che devo vedere entrare Candreva prima di lui ?

  114. Bene così.
    Il Barca può mettere in difficoltà chiunque e ieri non è riuscito comunque a batterci, nonostante le evidenti differenze.
    Ora avanti una partita alla volta.
    Penso che se ninja e ivan entrano in forma la musica migliorerà notevolmente, restano per ora due punti interrogativi.
    Molto bene la difesa, Icardi… che vve lo dico a ffa’ Un pallone giocabile, in una selva di avversari, un goal. Pareggio. Partita salva.

  115. Punto d’oro, considerando le precarie condizioni di Fortebraccio, entrato solo nel finale.

  116. Buongiorno a tutti.
    Sono andato a controllare… Fortebraccio aveva pronosticato un 5-0 per loro all’andata i gol di differenza furono (solo) 2. Ieri sera (e lo ringrazio DABBERO, ma lo esorto, se possibile, a mamtenere la tradizione delle 24h di anticipo) i gol pronosticati a sfavore erano 3.
    L”astuto profeta abeba prebisto che gli dei abrebbero sottratto ancora una volta 3 🙂
    E infatti è finita pari…
    Insomma : ero tranquillo. Per dire : wuando la polizia mi ha detto che abeva segnato Icardi, per conbincermi a non buttarmi dal tetto, ho persino abbozzato un sorriso…

  117. Una domanda al blog:

    Si conoscono i motivi per cui la curva, ieri sera, non ha prodotto nessun tipo di coreografia?

  118. continuando la mia lotta contro i mulini a vento e sky la partita l’ho seguita su italia7 gold ed ho visto gli highlights su youtube stamattina.

    grande carattere, siamo tornati quelli del “NON MOLLARE MAI”, 12 mesi fa alla prima sberla che ci davano sbracavamo, ora gliela restituiamo e proviamo a dargliene un’altra (mauro che va a prendere il pallone nella rete per portarlo subito a centrocampo è un gesto motivazionale che conta più di mille parole).

    le critiche al centrocampo ci stanno, ma consideriamo anche che di fronte avevamo il barcellona che da una decina d’anni ha fatto del possesso palla il marchio di fabbrica mentre noi veniamo da anni tribolati e che l’anno scorso il martedi, il mercoledi ed il giovedi andavamo al cinema,teatro,calcetto etc etc.
    per cui consideriamo anche i meriti altrui nella nn buona prestazione del nostro centrocampo.

    per quanto riguarda lautaro sfondate una porta aperta, ma è anche comprensibile che il mister in questo momento continui sulla strada presa visto gli eccellenti risultati ad oggi.

    ed ora a londra per vincere perchè non mi fido del barca ed andare la pensando di pareggiare ci porterebbe a 90′ nella nostra metà campo con il rischio di prendere un gol di rimpallo e prenderlo in quel posto

    forza INTER e iuve merda

    • + 1

      Colgo l’occasione per rassicurare coloro che avessero avuto il coraggio di leggere integralmente quanto ho scritto questa mattina : non sono raffreddato ( “lo ringrazio DABBERO…” e altre amenità consimili ). Mi piace pensare che sia colpa di quella fottuta tastierina di quel fottuto cellulare, ma comincio a dubitarne io stesso… 🙁

  119. Spezzo una lancia per i centrocampisti, in quanto è il posto peggiore dove giocare a calcio. Il difensore e l’attaccante hanno un obiettivo, che è l’avversario, la porta, il prendere o non prendere gol, il centrocampista no, deve inventarsi la partita e il campo di calcio (ma sopratutto quella zona che sta tra le due aree) quando questa ti sfugge di mano diventa improvvisamente un incubo.
    Poi, se lì hai contro quelli tra i più forti e per di più stai con un compagno visibilmente acciaccato, portare a casa la pelle è il massimo che puoi fare.

  120. Formalmente siamo nella fase a gironi, di fatto, nello scontro col Tottenham, siamo all’eliminazione diretta.
    Abbiamo vinto all’andata, dobbiamo fare risultato al ritorno. Punto.
    Gli avversari sono forti e l’ambiente sarà infuocato: siamo in Champion, amici.

    • capisco l’intento del Tuo post, vorrei anche io ovviamente chiuderla a Londra,non vorrei avere l’ansia dell’ultima partita, ma non condivido, siamo nella fase a gironi.

      se ci battono a Londra farebbero il loro dopo che noi li abbiamo battuti a casa nostra, ma essendo appunto un mini campionato ci sarebbe comunque la differenza, ad oggi, che noi in casa con Il Barcellona abbiamo pareggiato mentre loro ne hanno presi 4 e in Olanda noi abbiamo vinto e loro no e questo dovrebbe avere giustamente il suo peso in quanto li costringerebbe comunque ad andare a vincere nel peggior campo del Mondo !

      se poi oltre che in Italia ci si scansa pure in Europa allora chiudiamo tutto

  121. Ogni volta che mi capita di veder giocare Coutinho mi si stringe il cuore al pensare come abbiamo potuto privarci di un giocatore del genere, che si muove in campo con la leggerezza di una libellula, imprendibile, intelligente costruttore di gioco e ad un tempo finalizzatore; poi mi chiedo se veramente in una squadra come la nostra sarebbe veramente decisivo, come, per esempio, il nostro bistrattato Icardi (tre gol in quattro partite e tutti decisivi…). Il Barsa come realizzatore principe ha Suarez, un falso nueve che in assenza di Messi è destinato a cantare e portare la croce, e che, con lui e con Coutinho, costituisce un trio di straordinaria efficacia, ma che, senza l’argentino, perde gran parte della sua efficacia realizzativa. Proprio l’assenza di Messi ci ha salvati da una probabile goleada, con una squadra, la nostra, troppo sbilanciata in avanti e un centrocampo del tutto inefficace, almeno fino all’ingresso di Borca Valero, a reggere la netta superiorità, oltre che tecnica, di affiatamento degli ospiti. Non si può affrontare una squadra come il Barsa senza le necessarie misure difensive (anche Mourinho, con una squadra di ben altra consistenza, non osò sfidare alla pari gli spagnoli, ma seppe imbrigliare il loro gioco, rendendo del tutto innocuo Messi e come lo stesso Spalletti si comportò lo scorso anno nel campo del Vomero e soprattutto di Torino, in una partita che, a mio parere , fu il suo capolavoro tattico). Non si può affrontare il Barsa come fosse un Genoa qualunque… Comunque, grazie a Sant’Icardi, tutto è bene quel che finisce bene. Un pareggio prezioso che ci fa guardare con fondate speranze al futuro, purché Spalletti non si monti troppo la testa…
    Buona fortuna a tutti.

  122. i Coutinho son come quelle ragazze che se le conosci a 18 anni ti lasci a 20, a 30 magari le sposi.
    poi divorzi, ma questa è un’altra faccenda

  123. Guardate che ieri perdere o pareggiare, dal punto di vista aritmetica, era la stessa cosa. Diversa la valutazione dal punto dell’autostima. A Bergamo, grazie al gol di Icardi, si va a vincere magari con lo stesso centrocampo visto contro il Genoa

    • scusate, oggi sono in versione pignolo, mandatemi pure a cagare, ma da un punto di vista matematico magari ce poca differenza, ma ce

      es. se arriviamo a pari punti all’ultima e loro dovessero perdere a Barcellona, grazie al punto di ieri basterebbe un pari con il Psv

      altro es. se perdi a Londra 3-2 siamo 7 pari (grazie al punto di ieri) ma con la differenza reti a favore scontro diretto ci basterebbe vincere con il Psv fregandosene di quello che farebbe il Tottenham a Barcellona

      quindi quel punto potrebbe anche contare

  124. Ieri grande Icardi, ma attenzione anche al numero che fa Lautaro sull’azione del Gol

  125. Il punticino conta, altro che_
    Lautaro inventa, Vecino e il suo stellone intervengono, Icardi segna_
    Icardi segna e risegna, sempre sia lodato_

  126. @mareintempesta, quoto il tuo ragionamento ma prendo le distanze dal tuo rapporto con il verbo esserci…
    Leggo in giro nel web molti interisti schizzinosi che non hanno gradito la prestazione di ieri sera. Ma guarda un po’ che figuraccia che abbiamo rimediato, siamo gli zimbelli del continente…
    Meritano che i fantasmi di Rocchi, Schelotto e Kuzmanovic li perseguitino nel sonno.

  127. scettico….nn essere cosi scettico…

    8 anni fà avevamo i cambiasso, gli stankovic, i thiago motta a centrocampo. tutta gente abituata a mordere le caviglie degli avversari. da questo punto di vista il centrocampo odierno non è paragonabile a quello.

    l’idea di pressarli alti non era male, poi loro ci hanno fatto vedere che sono di un altro livello, ma alla fine non ne siamo usciti battuti ed abbiamo visto cosa bisogna fare per raggiungerli. come ha scritto settore nel tweet è affrontando i forti che si diventa forti.

  128. Il mio discorso tiene conto del 2-1 a s. Siro. Per essere in vantaggio perdendo dobbiamo farlo con un gol di scarto e segnando almeno 2 gol. Se a Londra segnano 2 gol vinciamo punto.

  129. @Nauseato. Il paragone è azzeccato. Aggiungerei che un po’ tutta la squadra spagnola è femmina, innamorata della sua bellezza, che gode guardandosi allo specchio.L’unico maschio, che la feconda, è Messi, con le sue vertiginose verticalizzazioni e soprattutto coi suoi lanci smarcanti ai compagni. La specialità della casa è il lancio da media distanza che scodella la palla sul piede di Suarez. Un vero godimento per gli esteti del calcio. Io confesso che cerco di non perdermi battuta dello spettacolo, almeno finché dura…Il positivo della partita di ieri, oltre al prezioso punticino, è che non ce li troveremo di fronte in un futuro prossimo. Auguro invece di trovarseli di fronte , magari a Madrid, se ci arriveranno, ai nostri tradizionali avversari in caccia di triplete. Sarà una goduria…
    @Kalle73. Che fossero di un altro pianeta lo avevamo sperimentato all’andata. Affrontandoli come fossero il Genoa abbiamo rischiato il suicidio; insomma , se me lo consenti, un po’ da irresponsabili.

    • MOLTO da irresponsabili…
      Ciao, Scettico. Dopo tanto citarti son contento che ( non per merito delle mie esortazioni, certo…) sia tornato.
      Dicevo che è stato da irresponsabili, e lo confermo, ma mi piace pensare che ci sia stata anche una componente di ottimismo, di slancio di fiducia, tipo “hai visto mai che me la posso giocare così anziché cosà ?!?!”.
      Intendiamoci : non voglio minimamente alludere a parallelismi con la politica e le leggi finanziarie “creative”, sia chiaro.
      E poi in una partita sono N le componenti che giocano di fianco ai calciatori. La prestazione di un singolo non è mai decisiva ( a meno che sia un portiere che non ne prende una…), ma influisce. E influiscono i rimpalli favorevoli, la buona o cattiva giornata della terna arbitrale…insomma : un po’ di tutto.
      E allora – forse – se Nainggolan fosse stato in serata come ai suoi bei tempi, e Vecino avesse sbagliato meno, e Politano l’avesse buttata dentro…saremmo ovviamente qui a parlare di altro. Ben altro.
      Ho volutamente citato solo le cose che potevano andar meglio per noi. Non le tante parate di Handanovic… 🙂
      Solo una cosa, Scettico : perché non potremmo trovarceli di fronte di nuovo NOI, anziché i diversamente simpatici ?!?!
      Sperare non costa alcunché…

  130. io invece mi auguro non si debba alla fine rimpiangere i 2 gol sbagliati da Politano nel doppio incontro col barca.
    perché in champions, fino al 90° dell’ultima partita, può succedere veramente di tutto.
    come a noi nell’anno del triplette quando eravamo virtualmente eliminati nel girone .

  131. criteri qualificazione gironi Champions:

    1: maggior numero di punti negli scontri diretti (classifica avulsa)
    2: miglior differenza reti negli scontri diretti
    3: maggior numero di gol segnati negli scontri diretti
    4: maggior numero di gol segnati fuori casa negli scontri diretti
    5: in caso di più squadre a pari punti, se utilizzando i criteri dall’1 al 4 due squadre sono ancora pari, questi criteri vengono riutilizzati considerando i soli incontri fra queste due
    6: miglior differenza reti generale del girone
    7: maggior numero di gol segnati nel girone
    8: miglior coefficiente UEFA.

  132. il rimpianto x ieri è il gollonzo di Kane al 88°
    visto xò che al 87° si perdeva, poteva andare peggio
    anzi era meglio perdere, avessero pareggiato a Londra

    insomma è andata così, unica cosa sicura è che il Barcellona non era battibile 🙁

  133. Oh dio, Giorgio, mi vorresti far diventare, da scettico, ottimista ad oltranza. Pensiamo intanto agli ottavi, il resto , se verrà, sarà tutto di guadagnato (e di assolutamente insperato…). Io comunque, sebbene scettico, non metto mai limiti alla provvidenza, indipendentemente da meriti o demeriti. E poi, a Natale, il giovane presidente che dichiarano così entusiasta, dovrà pure allentare i cordoni della borsa! Intanto ti ringrazio per le tue attenzioni.

  134. State guardando RAI1?
    Se si…son solo io a domandarmi quanto valga (almeno stasera) Pogba?
    2 o 3 milioni? Meno?
    Prestazione indecorosa…supponente, lento… Mi tengo Joao Mario, al confronto. Non scherzo. Ripeto : magari è una serataccia, ma è davvero penoso, per ora.

  135. Dopo aver visto la partita e aver letto tutti commenti, considerato che praticamente abbiamo giocato in 10 e regalato il centrocampo, direi che va preso per oro colato il pareggio e il punto ottenuto contro il Barca.

    Siamo pienamente in corsa per la qualificazione e saremo padroni del nostro destino. Al momento del sorteggio avrei firmato per trovarci in una situazione simile.

    In pratica basta un pareggio a Londra per chiudere la qualificazione con una giornata di anticipo.

    Resta la sensazione che non si sia ancora vista la vera Inter e che possano esserci ancora concreti margini di miglioramento.

    Giocatori come Nainggollan, Perisic, Versaliko, Keita e Lautaro non hanno ancora espresso il meglio.

    Se ci qualificheremo per gli ottavi, a gennaio mi aspetto un regalo dal Suning per ampliare e rinforzare ancora di più la rosa.

    Amala… E che si vinca o che si perda, sempre RuBe merda!

  136. Sto guardando Juve-MU. Fatte le debite proporzioni (la Juve non ha la stessa qualità di manovra del Barca ma sta monologando): mettete lo United (e buona parte delle squadre partecipanti ai gironi di CL) oggi al cospetto dei catalani e vediamo se non ne escono con le ossa rotte, altro che 40-60 di possesso e 1-1 finale. Ma scommetto che nessuno si sognerebbe di definire gli inglesi (come ho sentito da più parti oggi riferito ai nerazzurri, da interisti compresi) ancora non pronti alle sfide di quella portata, addirittura imbarazzanti a tratti. Di imbarazzante c’è solo l’ipercriticità se non la malafede quando si tratta di parlare di Inter. Il triplete è lontano solo 8 anni, ma nel frattempo sembra passato un secolo e abbiamo dovuto letteralmente ripartire da zero, zavorrati dai debiti e da un SA cappio che tra l’altro, dovessero essere confermate le notizie trapelate in questi giorni su Uefa e FFP, a differenza di altri abbiamo seguito come le tavole della legge. La traversata nel deserto sembra finita: vedo una società forte, ambiziosa, un gruppo giovane, dal potenziale e dai margini di crescita che cerca di risincronizzare il presente con la propria storia secolare. Abbiamo bisogno di partite come quelle di ieri sera per farlo: io sono molto fiducioso, e per niente schizzinoso.

  137. Segna la ballerina portoghese il solito gran gol ed il merda stadium esplode in un tripudio di cori contro Mou e contro l’Inter… Levagli l’Inter e questi non vivono più.

  138. @Già

    Ahahahah è vero.

    Appena fatto il gol Mourinho uomo di merda, Inter Inter vaffanculo e Interista chiacchierone sogna sotto l’ombrellone!

    Poverini, ma quanti saranno andati in dialisi tra il 2006 e il 2010???

  139. @Giù

    Era @ Gus!!

  140. Mataaaaaaaaa!

  141. Scusate, mi sto arrotolando dalle risate…
    Also sprach J. Mourinho 🙂

  142. Riops…Bonucci!
    Vai Mou, rifagli vedere le dita…

  143. Sempre specialone, Grande Mou

  144. Grande Mou…il gesto di Icardi in faccia ai gobbi!!

  145. Mou sta godendo come un muflone in calore

  146. Mou Ti adoro

  147. Grazie Mou.
    Bonucci il solito coglione.
    Non sopporto Dybala: ghigno imbronciato da moccioso pestifero.

  148. Ahahahahahajahahajjaja

    Mammamia che scene meravigliose che ti riconciliano con il mondo.

    Anche Mou svergina il Cessum Stadium e fa il gesto degli orecchi a tutto lo stadio con dei giocatori gobbi in primis Bonucci che non gradiscono!!!!!!

    Senza prezzo.

    Grazie Mou

    Grazie gobbi che ci date queste gioie.

  149. Su 7Gold lo stanno criticando.
    Una goduria.
    Io dico : peccato che Rashford abbia sbagliato il terzo…

  150. Grande José! Un mito, una leggenda, grazie ancora e per sempre…

    E un sentito vaffanculo ai gobbi che sono venuti nel mio ufficio martedì mattina a farmi gli AUGURI prima di Inter-Barca.

    Tie’! Notte

  151. A sti gobbi di merda dá fastidio qualsiasi cosa.
    Sti gobbi di merda danno fastidio piú di qualsiasi cosa.

  152. grazie mou, grandissimo………………………………..

  153. vince perde non importa
    Mou è di un livello superiore

  154. Mou grandissimo. E dopo aver snobbato Bonucci ha rifatto il gesto.
    Ecco, LUI è uno di noi.

  155. Mou: “Insultare la mia famiglia, anche quella interista, non è bello e ho reagito così”

  156. 1,10,100,1000 MOU

    …. …..

  157. https://youtu.be/A8nEWXeVGsc

    mi han mandato questo, ben rappresenta il cervello medio gobbo

  158. Non ci sono parole per descrivere la mia stima e la mia gratitudine nei confronti di José Mourinho.
    Sfidare così il gobbo stadium e sfancularli tutti… Roba che solo un grandissimo come lui.

  159. Peppino MOU Prisco.

  160. Fine autunno a Torino…quando il Cessum Stadium ti spacca i maroni in quattro… Non puoi sbagliare! MOURINHO ICE TEAM!
    FE-NO-ME-NA-LE !!!

    Per me: numero UNO!

    (cit. Dan Peterson).

  161. Ci sono rimasto un po’ male…

  162. Con tutto il rispetto per Spalletti, Mourinho interista a vita!
    Piuttosto, nessun commento sul livello dei telecronisti ieri sera o sulla Ferrari nel dopo gara? Va bene essere diventati juveTV, ma così è troppo…

    • Buongiorno a tutti.
      Ha ragione Hjc. Se la telecronaca fosse stata effettuata da un parente di CR7 non avrebbe avuto più grida e sdilinwuimenti al gol, né condoglianze al ribaltone, né disperati e partecipi incoraggiamenti (“…non è finita…!”), né infine tanta insistenza al gesto finale di Mourinho, certamente poco “politically correct” (e giù a incensare Ancelotti), ma che non fu (perché PURTROPPO allenava un’italiana che aveva fatto l’impresa e andava in finale) così stigmatizzato quando correva come un matto per il campo a Barcellona nel 2010 🙂
      Ora leggo i goornali della perfida albione e poi vi dico…

  163. Nella lista delle “testate” comprate dal monociglio (ovvero tutte!), manca solo il Gazzattino di Pessano con Bornago, poi ci sono tutte.

  164. @Giorgio

    Dopo un quarto d’ora di telecronaca, ho spentp la tele e guardato la partita in streaming con il commento in russo, perché il commento dei telecronisti italiani era, a dir poco, vomitevole.

    Forza Inter, sempre e GRANDE Mourinho, un vero anti rubentino!

  165. Mannaggia, ieri sera non ho visto niente tanto pensavo che la gobba vincesse, invece mi sono perso un momento epico! Mou sarà anche un po’ in ribasso, ma per queste cose resta sempre un mito! Intanto stamattina i colleghi gobbi sono insolitamente impegnatissimi a lavorare… 😀

  166. Ricordiamo a tutti gli scandalizzati benpensanti , politicamente corretti, che allo Stadium , caso unico nell’Europa della Champions, si fanno i cori “OOOOOH Merdaaa” al rinvio del portiere avversario.
    Tale pratica viene dai tornei minori, dove tifoserie ruspanti sono solite esibirsi in simili goliardate.
    Bisogna capirli quelli della Juve, la B gli è rimasta dentro.

  167. Incredibile la Ferrari che dallo studio dice al Mou di aver provocato anche all’andata, e l’intervistatore che cambia la frase con “Lei è stato provocato dai tifosi anche all’andata”: anche lui aveva compreso la follia e la falsità della Ferrari.

    Invece, sono preoccupato per la salute del Mou; lo ho visto male nel corso della intervista Sky.

    Purtroppo i bianconeri sono una squadra di altissimmo livello, quest’anno.

    Ma sempre schifosi sono!
    E l’esultanza di Cr7: sa che ogni volta che mostra gli addominali sono soldoni che gli entrano in tasca.
    E Pogba è proprio bianconero dentro, come sta mostrando con le sue prestazioni pessime degli utlimi due anni.

  168. i tifosi insultano per 180 minuti
    e poi il problema è Mou che si porta le mani alle orecchie?

    La p.i. è viva e lotta (contro) di noi!!!

  169. Mi rivedo nell’intervento di Carlo. Avevo colto l’intelligenza ( preferisco pensare a questa che non all’imbarazzo ) dell’intervistatore di Mourinho…
    I giornali inglesi sono mediamente obiettivi, ma devo dire che la vittoria, per quanto godibilissima da noi, NON è meritata, per quanto visto in campo.
    E quindi persino più gradita, eheheheh…
    @John Graham Mellor : non c’entra col “tuo” gruppo, ma mi è venuto in mente un verso che si adatta alla perfezione allo spirito di Mou : “Don’t say goodbye, don’t say goodbye, in the final seconds who’s gonna save you?”. Alive and kicking ( come l’Inter di questo inizio di campionato 🙂 ).

  170. La goduria più grande è che potranno vincere anche 20 scudetti consecutivi, ma non troveranno mai pace. Gli basta vedere qualcosa che ricordi il nerazzurro e non capiscono più niente. Delle vite rovinate per sempre

  171. Io sulla ferrari mi sono giá espresso di recente. È una gobba nauseabonda.
    Quando le tocca parlare di Inter vittoriosa, le si incartapecoriscono tutte le infiltrazioni di botulino e le viene un’espressione a dir poco schifata.
    Ieri con la faccenda di Mourinho ha toccato veramente ul fondo.
    Mentre quel coglione di bonucci, quando si sciacqua la bocca sotto le curve, diventa uno con la grinta del campione.

  172. Restiamo concentrati. È meglio.

  173. Hanno cr7, hanno una dirigenza perfetta, hanno la stampa schierata, giocano ad un livello veramente stellare…….eppure riusciamo sempre a farli incazzare di brutto, di riffa o di raffa. E’ come chi beve champagne e rosica ed invidia chi, per il momento, pasteggia a barbera. Chissà quando andremo a Brunello.

    Ci vorrebbe uno psicanalista del profondo. Noi sfottiamo pesantemente per 90 minuti come pare , tu ci mostri l’ orecchio e noi ci offendiamo.

    Meno male che ogni volta che ad uno verrebbe voglia di pensare dentro di se (molto dentro) che hanno fatto una bella partita compiono un gesto che li rende diciamo….. antipatici al resto dell’ umanità tutta.

    Questa finale di partita (assieme al gol di cr7 naturalmente) rimarrà nella storia.

    il gol per la bellezza, il resto per la nostra goduria eterna.

  174. Ma la Ferrari non era bilanista? Cambiato il vento?
    Memorabile il monologo della Cortellesi che la fece incazzare.
    @Giorgio. Ascoltavo spesso i Simple Minds, soprattutto New gold dream.
    Capita di incontrarli a Taormina.

    • Jim Kerr ha un hotel da quelle parti…

      Don’t you forget about me e’ un brano mitico ancora ai giorni nostri…

      Mitico e indimenticabile, proprio come José!

  175. Il giovane Zang avrebbe messo un like a MOU.

    Prepariamo le artiglierie?

    p.s. Come sempre il problema della Juve sono gli arbitri italiani; gli fischiassero un pò di più dei falli contro! Forse arriverebbero più preparati quando giocano in Europa.

    • In effetti ieri quando hanno subito il secondo gol hanno immediatamente cercato con lo sguardo l’arbitro, un quarto uomo, un giudice di linea, insomma un qualunque appiglio che potesse far annullare quel gol. Ma si giocava in Europa

    • notato la stessa identica cosa, nel recupero non tentavano il classico forcing disperato, ma si buttavano e accerchiavano l’arbitro, come se dovesse arrivare da lui la soluzione

  176. Non lo so. Forse è milanista…bho.
    Ma dá il peggio di sè quando parla di Inter.
    La Rai è pubblica percui fai il piacere di morderti quella cazzo di lingua e ti sforzi di essere neutrale, quanto meno.
    Comunque per caritá…se stiamo a vedere ste cose…
    Per dire: mi è rimasto indigesto anche uno spot passato in tv di quel pirla logorroico di Bonolis, nel quale dá un’immagine dell’interista come di un tifoso frustrato proprio dalle continue angherie subite dalla juve. Avrei proprio evitato. Controproducente.

  177. serata epica, speriamo di viverne un’altra così ma più importante.

  178. Ieri non ho visto nulla.
    Stavo ancora riprendendomi, fisicamente ed emotivamente, dalla serata precedente a San Siro.
    Provvederò oggi a vedere la replica su Sky, con tutti i commenti audio possibili, specie nel concitato finale!
    AHAHAHAH

    A M A L A

  179. “Cosa state urlando? Non sento!!!
    Provate a TRIPLETERE !!!”

    (José Mourinho, audio dal vivo, dal Cessum Stadium – entrato nel Patrimonio della Umanità dell’UNESCO)

  180. La cosa divertente è che sono passati in pochi minuti dalla qualificazione matematica e ai peana per CR7 e i suoi eurogol, da propinare in tutti luoghi e in tutti laghi per giorni, al tentativo di nascondere la sconfitta dietro lo scandalo della “provocazione” di JM2010…E così facendo impazziscono il doppio.

  181. Il mio desiderio è passare il turno e incontrare lo United, per tributare a JM i nostri di cori…
    https://youtu.be/RnwnUzg6P9E
    E detto tra noi, lo United lo eliminiamo, è la prima squadra di Mou in cui ognuno si fa i cazzi suoi, da Martial a Sanchez passando per quel coglione di Pogba…

  182. Quelli de “Il Napolista” sono meravigliosi

  183. Che poi perfino sconcerti ha detto che Mou non ha fatto niente di che…

  184. @Defjam: grazie della segnalazione. Letto su “Il Napolista”, non voglio svelarla per privare gli altri frequentatori del blog del divertimento.

  185. La vicenda tragicomica di iersera ha almeno due aspetti paradossali. Da un lato, non si consente, e giustamente, di gridare “buuu” contro i giocatori avversari di pelle scura, pena la squalifica del campo, dall’altra si permette che l’allenatore ospite venga bersagliato per tutta la partita degli epiteti più infamanti, che toccano, oltre che la sua persona, il mondo dei suoi affetti, senza che nessuno muova verbo, né i dirigenti della squadra ospitante, né i giocatori in campo, che non sono sordi e che sarebbero magari pronti ad abbandonare il campo se ad essere insultato così fosse un compagno di colore, ma non il loro allenatore. Il lato comico della vicenda è invece che a difendere l’onore della squadra e del pubblico offeso, sia stato Bonucci, un giocatore che l’onore non sa neppure dove stia di casa, il voltagabbana per definizione, capace di abbandonare la propria squadra sbattendo la porta e l’anno dopo, non ritenendo più conveniente per le figure barbine rimanere nella nuova squadra, ritornare nella vecchia come un agnellino smarrito e pentito. Spero che domenica il pubblico di San Siro gli riserbi un trattamento analogo a quello subito dall’innocente Mourinho, che, in questo caso , meriterebbe in pieno e che nel dopopartita qualche cronista gli chiedesse quanto ha apprezzato un simile trattamento. Ci sarebbe da divertirsi alle sue risposte.

  186. Grandi quelli del “Napolista”! ormai non si fa altro che parlare di José…

    È bastato che si portasse una mano all’orecchio per attirare i media di mezzo globo…

    Mentre a Torino, alla prima sconfitta, scoppiano fegati…

    Sono inculabili! Direbbe Zhang

  187. Anche la foto con Mou che dice “Non capisco il calabrese” e porta la mano all’orecchio mi pare buona.

  188. Ottima, direi!

    In casi come questi vengono fuori le vere genialate!

    Tipo l’indimenticabile : “Giulietta è na zoccola”.

  189. Impressionante l’empatia con Mou anche da lontano! Ci ha fatto grandi e noi abbiamo fatto grande lui, perché la gemma della sua carriera, per quanto prestigiosa, è proprio il triplete con noi_
    Lucio vinci qualcosa sennò verrà a riprendersi il suo posto!

  190. come si fa a non odiare un vincente/ perculatore come Mou? 🙂

    ll nemico va capito, e compatito

    • Io ringrazio Mou per quello che ha fatto, per i gesti che fa (tipo mercoledi sera), per come si caricò una società sulle spalle proteggendo ed isolando un gruppo portandolo a toccar le stelle, però non dimentico lo “sgarbo” del 22 maggio 2010 quando, invece che tornare con la squadra a prendere il tributo del popolo che lo amava, lo sosteneva, lo pagava, è andato a firmare per un’altra squadra.

      cosa che poteva fare benissimo il giorno dopo e nessuno gli avrebbe mosso nessun appunto visto quello che era riuscito a fare.

      io questo non lo dimentico

  191. OK grande MOU e iuve merda

    però ora un pò di concentrazione sull’imminente turno di campionato. abbiamo bisogno di un pò di positive vibes per domenica dove ci attende un campo storicamente ostico ed una squadra in ripresa allenata da una merda che appena può aprire bocca su di noi non esita a spararci contro.

    tornare coi tre punti sarebbe tanta roba e metterebbe pressione alle schifezze monocromatiche che la sera avranno una partita cmq non facile

    AMALA

  192. Il turno europeo infrasettimanale ci ha dunque consegnato una squadra probabilmente non all’altezza di giocare partite di quel livello ma che di fronte all’irridente qualità della manovra spagnola ha saputo comunque resistere in qualche modo (ok, a tratti imbarazzante) e portare a casa un 1-1 d’oro che fa comunque restare secondi nel girone e mantenere intatte le possibilità di qualificazione.
    Certo proprio una gran bella squadra il B…etis.

  193. Grandioso Gus.
    Ho dovuto analizzare la risata di Gobbobuono per capirla, pensa come sto…
    Buongiorno a tutti.
    Non mi voglio occupare di Bonucci perché resto intimamente convinto ( per educazione ricevuta e per convinzione personale che si è radicata ) che ci si debba sempre comportare al meglio, senza farsi condizionare da mancanze altrui.
    A quel punto, infatti, si rischia di esser trascinati in una sorta di “gara al ribasso”, che poi è lo specchio di una società sempre più incapace di arrestare il proprio degrado. Discorso lungo – è vero – ma che occorre tener presente se vogliamo stare un po’ meglio, o almeno NON stare peggio ( il che è sempre drammaticamente possibile, anzi…probabile ).
    Ecco allora che le scorrettezze altrui le noto ma non mi ci soffermo più di tanto, né attendo di vederle stigmatizzate da altri, soffrendo magari quando non accade.
    Di più : risiedo in una città nel cui stadio ogni tanto la curva intona un coro che inneggia a Nassirya, e non posso e non voglio giustificare neppure “colpe minori”, perché si tratterebbe di esser felici di avere un occhio solo in un mondo di ciechi.
    Una colpa da 3% non è nobilitata da un’altra opposta da 15%.
    Restano due comportamenti da condannare.
    @kalle73 : hai ragione. Neppure io dimenticavo. Poi ieri mi è venuta voglia di rivivere qualche emozione e mi sono imbattuto in questo video, e dopo 2 minuti e mezzo…l’ho perdonato.
    Credo che anche Moratti l’abbia fatto partire volentieri. Ormai avevano fatto il massimo. Resto convinto che magari avremmo vinto anche la Supercoppa europea, ma il mio orologio da collezione va bene anche con i 5 brillantini anziché 6 🙂
    E poi da ragazzo lessi in un libro un proverbio in cui il protagonista dice “Un uomo può camminare con gli dei una sola volta nella vita. E’ stato stasera”, e smette di fare le acrobazie incredibili cui aveva abituato il proprio pubblico.
    Mou resterà come Helenio, come il Trap, come pochi altri.

    • bellissimo commento.

      Non arrendiamoci alla volgarità, iniziando da noi stessi.

      Non è attaccando bonucci, la ferrari e i vergognosi dello stadio di Torni che miglioreremo questa società, ma fornendo noi stessi esempi di dignità e consapevolezza.
      O almeno tentare

    • Grazie, Carlo.
      Era ESATTAMENTE quel che intendevo.

    • Bravo Giorgio, leggere il tuo pensiero è sempre un piacere.
      Quel video poi è uno spettacolo.
      Vederlo dalla parte dell’accusato mercoledì ha veramente segnato un punto sulla situazione giornalistica italiana.

      Quanto a Kalle73 esprime certamente le sensazioni della maggior parte di noi quando ci siamo trovati orfani del condottiero un secondo dopo l’apoteosi, è stata dura da digerire e in fondo anche da capire. Rimane il fatto che quello che ha fatto con noi dando tutto se stesso senza risparmiarsi mai e mettendo sempre in gioco la sua persona è qualcosa di indimenticabile. Certo le vittorie hanno reso tutto epico, ma veder difendere la mia squadra in quel modo in un contesto come quello italiano è qualcosa che, purtroppo, non vedremo più per tanto tempo.
      Per quanto Spalletti (ma anche Mancini) sta dimostrando un attaccamento ai nostri colori che fa ben sperare.

  194. Mi chiedo spesso anch’io quale sia la forma migliore di opposizione alla barbarie contemporanea, calcistica ma pure (e soprattutto) politica. E le due cose non sono poi così indipendenti.
    Certo mantenere l’onestà e lo stile, dare il buon esempio è importante.

  195. nobile è l’intento di essere superiori ai barbari, ma nel calcio è un’utopia c’è troppa gentaglia e, se fra i teppisti curvaioli può essere normale, abbiamo avuto prove recenti che nelle alte sfere son anche peggio,..x non far nomi ma solo il cognome, AAgnelli e il suo carissimo responsabile della sicurezza.

    delle merde

  196. Non vorrei apparire un po’ troppo “blase'”, ma correro’ il rischio : io non mi sento superiore, né voglio che mi si riconosca una malintesa superiorità (potrei restarne prigioniero e cadere nella tentazione di convincermene, pensando magari di essere al di sopra degli altri e delle regole).
    Io sono però ben lieto di essere DIVERSO, e non voglio lasciarmi trascinare verso il “basso”.
    La sacrosanta indignazione che ci suscitano certi comportamenti non deve farci perdere quella lucidità di analisi e quell’equilibrio nel comportamento che – grazie a Dio – ci tiene ben distinti dalla generale miseria morale di cui il calcio (e NON SOLO, anzi…come faceva giustamente notare JGM) è intriso.
    Poi…è persino banale scriverlo…è solo una mia convinzione, un mio pervicace, ingenuo stile di vita.

  197. “Penso che ognuno di noi ha una responsabilità e lo dobbiamo tenere presente sempre. Essere insultati per 90′ non fa piacere, la reazione di Mourinho è comprensibile, non è stata volgare e dopo quel tipo di insulti ci può stare, anche perché è stato un gesto che è durato pochi secondi. La cosa grave è che si tende a offuscare i 90′ di insulti. E’ la cultura generale del calcio italiano che deve cambiare, questa cose succedono a Torino, ma anche a Milano e Napoli”.
    Questo è Ancelotti. Chiunque si faccia qualche anno in Inghilterra (in Germania, in Spagna, in Europa) tocca con mano l’abisso che c’è in termini di educazione di base, non solo nello sport. Ognuno faccia la sua parte, e dunque bravo il tecnico del Napoli.

  198. Intanto……..il Pina l’ha messa, piano e da vicino 🙂 🙂 🙂

  199. La gazzetta dice che facciamo pochi gol da fuori area.
    Dopo ciò che ha fatto Pinamonti mi sento leggermente rodere

  200. Vabbe, ma lui è un centravanti.
    Il gol da quella posizione è un caso, come quello di Icardi in CL.
    I gol da fuori area me li aspetto dai nostri centrocampisti, Radja in primis.

  201. Gramellini proprio non ce la fa. Anche oggi pubblica un inutile corsivo sul Corriere, nel quale associa Mou a un indegno sindaco italiano e accusa entrambi di insensibilità. Sono sensibili migliaia di gobbi che insultano l’allenatore avversario per 94 minuti?
    Proprio non ce la fa a non dire bojate.

  202. Gramellini pubblica quello che almeno mezza Italia vuole leggere e quella stessa mezza Italia vuole avere conferma attraverso i media (l’intramontabile “l’ha detto la televisione”) di tutto ciò in cui vengono indottrinati come pecore. Unico caso peraltro in natura dove le pecore sono figlie degli agnelli…

    Volevo solo puntualizzare che difendersi e degenerare sono 2 cose completamente diverse.
    I degenerati appunto degenerano come naturale conseguenza della loro natura.
    Le persone pulite si difendono, con veemenza se necessario e con equilibrio MA, lo DEVONO fare. Ho sempre rimproverato Moratti e l’Inter in generale per un eccessivo immobilismo. Mourinho in questo senso è un genio, bastano 3 dita o una mano all’orecchio per “reagire” e “difendersi” con classe , ironia ed onestà.
    Non può essere una giustificazione che non tutti hanno le capacità comunicative di Mou, non ha nessuna importanza se a farlo non è l’allenatore, lo deve fare la società attraverso uno o più dirigenti, sempre, puntualmente, con classe e seguendo lo stile che intende rappresentare.
    Cazzo (ehm… classe) abbiamo 115 dirigenti che ricoprono i ruoli più disparati, ma ne prendano UNO con tre palle che sappia comunicare per mestiere, uno di quelli della pasta di Mou pur non essendo allenatore ma che sappia “bucare lo schermo” quando è necessario (praticamente sempre…)

    • Giusto
      Ma il profilo richiesto non è cosi facile da trovare; anche giudicando su quelli altrettanto banali ed insipidi della concorrenza

    • @ Javier+: bellissimo intervento, complimenti sentiti.

    • @intersempre
      Grazie troppo gentile, ma queste considerazioni sono solo il risultato di anno di incazzature.

      @Acanfora
      Sì, facile non è, ma con i soldi che sgancia la FC Inter ai propri dirigenti neanche troppo difficile, non è che serva prendere Bonolis o Valentino Rossi come vice presidente, basta molto meno, il Brand lo mette l’Inter lui deve mettere solo la lingua tagliente , tranquillo che se ci sa fare dopo 2 mesi lo conoscono tutti.

  203. minimo mauro: “La dittatura juventina finirà quando l’Inter cambierà due giocatori “.

    Unica parola corretta dell’odierna delirante intervista del sodale delle p.i. è: “dittatura”.

    Pare inoltre che, invitato dall’intervistatore ad indicare chi siano, a suo illuminato parere, i 2 uomini più adatti, il nostro abbia aggiunto: “L’arbitro e l’addetto al VAR”.

  204. Vedi, Giorgio, sono d’accordo con te nel condannare gli eccessi che offendono la civiltà e il buongusto che si verificano all’interno degli stadi (ma oggi solo in quelli?), che però hanno accompagnato da millenni questo genere di manifestazioni, forse già nelle greche olimpiadi, certamente nei circhi di Roma antica. Lo stadio non è una chiesa, (“in chiesa coi santi e in taverna coi ghiottoni” scriveva il padre Dante), né un salotto per signorine e lo sberleffo o l’insulto colorito, o il coro irrisorio in certe situazioni di gioco e verso certi personaggi fanno parte dello spettacolo e chi ne è vittima deve farsene una ragione, è il tasso da pagare per la popolarità raggiunta e per i lauti guadagni che la professione garantisce. Che però un allenatore ospite venga fatto bersaglio di insulti a freddo, senza che da parte sua ci siano stati atteggiamenti provocatori che giustifichino gli insulti stessi, e questo per tutta la durata dell’incontro, non rientra non solo nei canoni del comune comportamento sportivo, ma, a mio parere, è una mascalzonata di gente vigliacca che si comporta così solo perché sa che non sarà punita per come si comporta. Quanto poi a Bonucci, io apprezzo molto il suo gioco, come ho scritto qualche volta anche nel blog, e addirittura l’ho paragonato ad un idolo della mia giovinezza, il mediano metodista della Honved, Bosic, uno straordinario giocatore, forse il più grande in quel ruolo, insuperabile in difesa (ha anticipato come uomo di copertura il ruolo del libero e in grado coi suoi lunghi lanci di servire le punte, scavalcando le linee intermedie). E tuttavia i suoi recenti comportamenti, i disinvolti cambi di casacca, ne fanno il meno adatto a farsi paladino dell’onore e della dignità del suo pubblico e della sua squadra (sebbene di che pubblico e di che squadra!). Tra parentesi, quel Bosic di cui ho parlato prima, nonostante i ponti d’oro che gli furono offerti dai club spagnoli perché rimanesse in Spagna in occasione della rivolta ungherese , come fecero i migliori giocatori della sua squadra occasionalmente all’estero, preferí ritornare in Ungheria, affrontando un avvenire oscuro in una terra dilaniata dalla guerra civile, ma che nonostante tutto era la sua terra. Un bell’esempio di fedeltà ai propri ideali, giusti o sbagliati che fossero, di contro a certi voltagabbana dei nostri tempi. Credo che sarai d’accordo. Ciao

    • Buongiorno, Scettico.
      A scanso di possibili equivoci lo scrivo subito : sono d’accordo.
      Quel che intendevo è che non vorrei dover giustificare qualcuno (in questo caso : Mourinho , provocato e non volgare nella propria azione) perché non vorrei che altri compiessero azioni di offesa e provocazione.
      Quando guardo il calcio in tv ho le stesse reazioni che ho allo stadio. E viceversa. Brontolo, ululo, applaudo, dubito drlla moralità delle donne dell’arbitro…
      Ma non partecipo MAI a cori offensivi, razzisti o meno, non offendo i giocatori o l’allenatore. Non mi interessano ne’ Bonucci (solo per riprendere il Tuo esempio) ne’ tutti quelli che con i loro bassi comportamenti contribuiscono a far degradare ancora quello che per me resta il più bel Paese del mondo.
      Buona giornata a te e a tutti.

  205. Atalanta – Inter 2-0

    ‘notte

  206. Scusami Giorgio, ma approfitto della tua disponibilità per chiederti, senza ombra di ironia o di polemica , ma solamente per capire , che cosa ci sia stato di offensivo nel gesto di Mourinho che mette la mano all’orecchio , secondo la mia interpretazione, per intendere cosa la pensassero i tifosi avversari del bello scherzetto che la sua squadra aveva saputo combinare. Capirei la reazione scandalizzata se avesse alzato il dito medio o avesse fatto il gesto dell’ombrello o avesse rivolto, alla napoletana, una sonora pernacchia agli spettatori. Poiché un gesto simile lo vedo spesso fare dai giocatori, compreso il nostro Icardi, rivolto agli spettatori quando segnano un gol, mi sfugge il significato nascostamente offensivo del gesto (la mia ignoranza nasce dal fatto che da almeno 50 anni non frequento più gli stadi e a volte mi sfuggono i significati palesi o nascosti di certi gesti. Ai miei tempi, pensa un po’, il toccarsi l’orecchio era un segnale di riconoscimento tra i gay. Non credo che il gesto di Mourinho vada interpretato in quel senso. E allora?).
    Tra gli scandalizzati c’è anche Gramellini, che scrive di sensibilità offesa, probabilmente in nome della sua città, un tempo la più elegante e raffinata città d’Italia. Non vorrei offendere i numerosi torinesi che frequentano il blog, ma di quale città sta parlando Gramellini, di quella conquistata dai “vaffainculo” di Grillo, che oggi si scandalizzerebbe del gesto innocente di Mourinho“noto provocatore”? Ma andiamo…
    Buona domenica anche a te e a tutti coloro che ci leggono, annoiandosi…

    • No, no.
      Non trovo alcuna ironia, né polemica in quel che hai scritto…
      È che in tutta evidenza sono IO che non riesco a spiegare quel che intendo.
      Ho scritto esplicitamente (ho verificato, per sicurezza) che Mourinho è stato “provocato e non volgare”. Puoi controllare.
      Sono IL PRIMO a sorridere per gesti consimili, che fanno arrabbiare più che altro chi ha già abbastanza livore dentro di sé 🙂
      Ripeto : l’unica cosa che mi piacerebbe è che – anche tra i comuni gesti e cori delle tifoserie – noi interisti ci distinguessimo per uno stile unico. Come la storia UNICA della nostra squadra.
      E ora, come giustamente scrivevi, smetto di annoiare gli occasionali lettori e – ottimista per la profezia di Fortebraccio – mi metto in modalità “fiduciosa attesa” per domani.
      Bonne soiree. Considero un privilegio essere tuo interlocutore 🙂

  207. Direi che il gesto di Mou è stato, al massimo, ironico. E pienamente giustificato dopo un fiume di insulti (perché lui è lui e perché lui è stato l’allenatore del nostro triplete). Che la serva Ferrari alzi la sua inutile crestina non cambia nulla.
    E il predicozzo di Gramellini è totalmente fuori luogo. E insignificante come quasi tutte le cose che scrive, paragonabili per banalità solo a quelle di Severgnini, che in più ci mette una superbia degna di Oderisi da Gubbio prima del pentimento (solo che questo pare fosse un grande artista).

  208. Blabla Gram.

    @scettico, da torinese.
    Torino sta all’Allianz stadium più o meno come il circolo burraco da madamin Pautasso sta alla ‘ndrina di Ciccio ‘u scannacinghiali

  209. minimo gramellini…
    l´inutile predicozzo di un gobbo rosicone che si spaccia per tifoso del torino.

    Non stanno bene…

    • …E speriamo stasera stiano peggio. Che so…un pareggino al 90°, così…tanto per guadagnare due punti su entrambe… 🙂
      Buona domenica a tutti gli interisti.

  210. Atalanta – Inter 2-0
    ‘notte

  211. @Giorgio,
    hai dimenticato un ricco SGRAAT.
    Di punti da guadagnare ne parliamo verso le 15!

    A M A L A

    • Buongiorno, sgraaaat, fratello.
      Hai sgraaaat COMPLETAMENTE sgraaaat ragione.
      E sgraaaat non sgraaaat a sgraaaat caso sgraaaat Fortebraccio sgraaaat ha sgraaaat ribadito sgraaaat il sgraaaat proprio sgraaaat vaticinio…
      p.s. : sgraaaat

    • Avvisate i ragazzi che è iniziata…

  212. Ma che cazz…

  213. Fino ad ora direi una bella difesa colabrodo!

  214. Sembra che stiamo incontrando il Barcellona e Real Madrid tutte messi insieme.
    L’Atalanta ci sta prendendo a calci nel culo.
    Ma dai, cazzo!

  215. Come si fa, ancora oggi, proporre Miranda in difesa?
    Ci voglia proprio fare del male da soli.

  216. Atalant – Inter 2-0

    ‘notte

  217. Atalanta-Inter 2-0

    ‘notte

  218. Che squadraccia ragazzi. Tanto schifo. Pochissime idee e pure confuse

  219. Piove, servirebbe Mazzarri.

  220. Tanti bei discorsi ma giochiamo mediamente male e oggi ancora peggio. Meritiamo un bel tre a zero e tutti casa.

  221. un 4-0 rispecchierebbe meglio

  222. Samir santo subito!

  223. Col barca potevamo prenderne 4 oggi ci stanno asfaltando
    Che dicembre gennaio sia iniziato prima?

  224. Il tanto (da me) vituperato Handa, oggi ha salvato la sua porta da almeno di altrettanti goal.
    Mi chiedo perché non stanno giocando.
    PERCHÉ?

  225. I fratelli di Gaglia ci stanno devastando, più che altro.
    Oggi più che epic Brozo, epic fail ma Handa ci sta incredibilmente tenendo a galla.
    Amici è stato bello, l’inverno si avvicina e da domani ricominceremo a morire tutti.

  226. Atalanta – Inter 2-0

    ‘notte

    Ps ci andrebbe di lusso

  227. Il Mister si vergogni per questo primo tempo a livello tattico, fisico, tutto.

    Posso capire anche l’inizio perché sono stati di un’aggressività fuori dal normale, ma poi tu hai il dovere di porre dei correttivi se hai visto che dopo l’uno a zero poteva venire subito il secondo, il terzo, il quarto, il quinto, il sesto ecc.

    Perché poi una volta che raddoppiano la partita non la rimedi più?

    In che modo devi rimediare?

    Lo devi sapere tu, sei pagato per questo.

    Hai riproposto il 433 che era piaciuto a tutti noi, sì è vero, ma lo fai con due mediani in campo a fare le due mezzale.

    Non lo so, prova a mettere subito un attaccante in più tipo Lautaro o Keita passando al 442 togliendo uno tra Gaglia e Vecino, non vedo molte altre soluzioni.

  228. È evidente che si è sbagliato tutto, approccio, formazione, valutazione stato di forma. Certo che se non apporti nessun correttivo in 45 min di caporetto mi chiedo senza tanti giri di parole che cazzo ci stai a fare in panchina.
    Bah, speriamo nel 2 tempo, queste partite ti fan perdere più di tre punti, ti fan perdere la serenità.

  229. Adesso spiegatemi perchè l atalanta debba essere così indiavolata. È una finale? È un dentro o fuori? È l’ultima di campionato e si devono salvare?
    Non ci devono lasciar vincere, certo, non siamo i gobbi. Ma non mi sembra neanche il caso di dopparsi e fare una partita del genere…

  230. Niente. Dai, questa la perdiamo.

  231. Poi mi spieghi anche perché deve giocare Miranda al posto di De Vrj.

    Il secondo gol non lo avremmo preso.

    Ma poi per cosa per turn over?
    I centrali difensivi???

    Maddai per cortesia.

  232. come con stramaccioni nel 2012
    7 vittorie di fila
    e il 12 novembre
    perdiamo con l’atalanta dopo momentaneo pareggio

    era destino

    comunque perdere dopo 7 vittorie ci sta

  233. E’ giusto perderla questa. Se giochi cosi’ in maniera indegna, e’ giusto. L’antijuve

  234. Sei sotto, corrono il doppio e inserisci il nonno, un terzino e una fighetta?

    Non vedere in campo Lautaro oggi nel secondo tempo e’ provocatorio,irritante, incomprensibile.

    Luciano peggiore in campo.

    Poi come al solito per loro finale coppa Lombardia e partita della vita, di positivo ce che sta partita per quest’anno ce la siamo tolta dai coglioni.

  235. Nessun albi…..Oggi abbiamo fatto schifo
    Sconfitta strameritata

  236. Ormai è chiaro: con squadre dal tasso tecnico molto elevato andiamo in difficoltá… sassuolo, barcellona, atalanta. Non è con queste squadre che dobbiam pensare di fare punti.

    (parte qui una settimana di merda).

  237. Il Keita più inutile di tutto l’emisfero.

    • Non sono d’accordo : ha rivalutato in parte la partita scialba di tanti altri… 🙁
      Sono invece d’accordo con mareintempesta: Lautaro (e NON Keita) al posto di Politano ( è bastato cambiare il verde della maglietta con l’azzurro per fargli perdere almeno il 50% della verve…) si imponeva.
      Ma oggi anche onesti giocatori han fatto una figuraccia perché proprio in questa partita, e su questo campo, ha voluto mettere il 4-3-3 e loro erano 1 o 2 di più sempte.
      Settore, per pietà, scrivi un pezzo con l’ennesimo capolavoro del Club dei gufi.
      Facci distrarre, o avrai sulla coscienza suicidi, figli picchiati senza motivo, separazioni, prestazioni sessuali insufficienti…

      p.s. : e una parte di responsabilità me la prendo io, per quel che avevo scritto prima 🙁 🙁 🙁

  238. 1 portiere, 10 fantasmi, allenatore che non ha capito la partita, qualcuno ricorda una partita peggiore?

  239. che palle..sapevo sarebbe successo… speriamo non sia l’ inizio dell’ incubo… Spalletti male male male male…che cazzo di squadra ha messo in campo nel primo tempo? ma dai….sono il primo a complimentarmi ma quando fa così non lo capisco… sembra abbia voluto perderla a tutti i costi… perché metti un difensore se stai perdendo???

  240. Abbiamo uno tra gli allenatori più bravi quanto LIMITATI del calcio professionistico italiano.

    Inspiegabili:

    l’assenza di De Vrj contro una squadra che è tra le più forti sui calci piazzati del campionato, e ne abbiamo presi due.

    Il mancato cambio di qualsiasi cosa dopo 15 minuti di partita, gli allenatori veri e con le palle fanno una sostituzione anche dopo 5 minuti se necessario;

    Il mancato impiego di Lautaro in qualsiasi momento della partita, almeno al 46′ doveva essere in campo;

    E inoltre hai il colpo di culo di pareggiare dopo 20 secondi e nonostante ciò non riesci a far svoltare la partita.

    Ma metti quella cazzo di seconda puntaaaaaaaaaaaaa.

    Cazzooooooooo

    E basta con i cazzo di moduli, se sei un allenatore ti devi adattare alle caratteristiche dei giocatori che ti hanno messo a disposizione.

    Fanculo!

    Sono troppo incazzato.

  241. Dopo che con una grande botta di culo l’hai ripresa perché non metti lutaro cazzooooo

  242. Tutto sbagliato, tutto da rifare (cit. ).
    A partire dalla guida tecnica.
    De Vrji e Lautaro incatenati in panchina (in una partita dove la difesa era allo sbando come mai visto e il resto con pochissima grinta) urlano vendetta.

  243. Centrocampo lento nel ripartire ed immobile nel difendere.
    Laterali incapaci di tenere l’uomo e di fare un rilancio.
    Centrali travolti palla a terra e battuti nei colpi di testa.
    Handanovic al Fratelli d’Italia come Custer al Little Big Horn.
    Meno male che c’è la sosta, non voglio sentir parlare di calcio per un po’.

  244. Prendere qualche ceffone può essere salutare per rimettere i piedi a terra. Non siamo nessuno e se non mangiamo il prato rischiamo imbarcate. Ma la mia preoccupazione è che una sconfitta totale di questo genere (mentale, tecnica, tattica, fisica) possa togliere certezze e serenità. E c’è pure la dannata sosta. Vabeh, speriamo nel Sassuolo e a questo punto nei gobbi, e ripartiamo con il Frosinone.

  245. Avevo iniziato a scrivere il solito post per sfogare la depressione post sconfitta.
    Ma sono stanco anche di di scrivere, pensare, dire le solite cose. Bisognerebbe avere la forza di mollare questa squadra e pensare ad altro. Ci avvelena l’anima e il cuore.

    • Eh, no, su…
      Abbiamo perso col Lugano in casa all’ultimo, tanti anni fa…
      Poi buttammo via un 2-0 a Monaco col Bayern, prendendo 3 pere in casa…
      E il Pordenone, che per poco ci elimina dalla coppa Italia ?
      E lo scudetto svanito nel 2002 ?
      Fortenraccio, se molli tu…siamo davvero sbandati 🙁
      Abbiamo goduto troppo mercoledì e oggi abbiamo pagato.
      Ma non mollare, dai.
      Ulteriore notazione per Settore : evitiamo i pezzi troppo ottimistici (cfr. “Non perdiamo mai” dello scorso anno…) : portano LIEVISSIMAMENTE sfiga…

    • E poi – come ho già scritto – è colpa mia, che PRIMA della partita auspicavo un pareggio stasera per prender due punti a entrambe 🙁

  246. In ordine di odio calcistico, la mia classifica è questa:
    1^ le merde
    2^ il bilan
    3^ l’atalanta

    Ora, subire una tranvata da questi ultimi, mi fa più rabbia che una sconfitta dalle prime due.
    Se poi vincono -come successo oggi- meritatamente, mi fa incazzare ancora di più.
    I bergamaschi sembravano indiavolati!
    Hanno corso il triplo dei nostri e ancora una volta mi chiedo perché? PERCHÉ?

  247. Vabbeh, avete già detto tutto voi, non posso che condividere.
    Spiace solo aver perso quando non lo meritavamo (oggi ovviamente strameritavamo di perdere)
    Mentre l’arbitro, a cui non va imputata minimamente la sconfitta sia chiaro, ci butta fuori Brozovic per la prossima per un secondo giallo generoso.
    L’atteggiamento contro di noi dell’Atalanta è a dir poco strabiliante. Neanche fossero gli 11 figli in cerca di vendetta del povero Gasperini abbandonato dall’Inter e mandato in rovina! Incredibile una città intera con l’allenatore in testa che vive solo per prenderci punti a costo della morte, dopodiché vivacchia tutto l’anno .
    Adesso è il momento di mostrare tutti quanto si tiene all’Inter:
    I tifosi, senza eccessivi isterismi e senza condanne al tal giocatore da parte di San Siro
    I giocatori, non mollando di un centimetro.
    E l’allenatore, mettendo da parte crociate personali che francamente non servono a nessuno, neanche a lui.

  248. Ah, dimenticavo…
    Calcisticamente ho sempre detestato Gasperini ma, dopo aver visto giocare la sua squadra così, mi sento di dire: grande Gasperini!
    E un bel vaffanculo a quel borioso (e scarso) di Mastro Lindo.
    Sono troppo incazzato, lasciatemi sfogare.

  249. dai l’atalanta aveva già pareggiato col milan a san siro
    con noi ha perso 7 1 due anni fa
    avevano vinto le ultime tre

    ergo

    non sono scarsi affatto
    volevano vendicarsi e lo hanno fatto

    l’unica cosa che non capisco è questa
    avrei messo tutto quello che ho sul fatto che avrebbero giocato a mille all’ora
    ma se lo so io
    povero tifosotto del cazzo
    perchè il nostro allenatore non ha preso delle contromisure?

    già col barca potevamo perdere 4 1
    per cui era evidente che avevamo dei problemi
    a prescindere dalla forza del barca

    mah
    speravo fossimo diventati una squadra non dico forte ma matura
    neanche per idea
    per l’ennesima volta
    ora forza sassuolo e mi spiace dirlo forza juve

  250. è meglio che Lautaro non sia entrato , avrebbero perso lo stesso ma così rimane il vaghissimo alibi dell’assente che ha sempre ragione.

    mettiamo via e portiamo a casa. 🙁

  251. Credo che Lautaro non avrebbe potuto cambiare l’esito del match, De Vrij forse avrebbe solo potuto farci diminuire il passivo…

    Sofferenza inaudita in mezzo e sugli esterni, D’Ambro e Asamoah annichiliti… l’Atalanta è una buona squadra, l’abbiamo trovata nel loro miglior momento ed hanno corso il doppio di noi. C’è poco da dire e c’è solo da chiedersi perché?

    Oggi c’è stato un crollo fisico e mentale, forse comprensibile dopo la sofferta sfida contro il Barca che per onestà come ha già scritto qualcuno, poteva anch’essa finire 1-4

    Voglio dire, la Roma ha giocato a Mosca mercoledì sera e poco fa ha asfaltato la Samp, senza fare troppo turn over. Boh…

  252. Non capisco l’accanimento contro Miranda, lo accusate di tutti i misfatti. Nel primo tempo è stato l’unico a contrastare gli attaccanti atalantini.

  253. I nostri problemi di quest’anno iniziano quando Spalletti si illumina d’immenso.

    Ultima partita prima di una sosta.
    Campo ostico come pochi altri.
    Probabile crollo Psico-fisico dopo il doppio Barca.

    Metti in campo i titolari ! ( E non mi venire a dire che sono tutti titolari; Miranda Gagliardini e d’Ambrosio non sono la prima scelta.)

    Ah, è vero…lui li vede in settimana…

  254. Gianfba, il problema non era Miranda in campo, ma De Vrij fuori.
    De Vrij oltre a completare Skriniar è il perno dell’inizio del gioco dell’Inter.

  255. Dentro uno fuori l’altro, francamente non saprei… oggi è stata una sconfitta di squadra, una sconfitta di tutti, allenatore compreso.

    Se il primo tempo fosse finito 5-0 non ci sarebbe stato da dire nulla. Abbiamo avuto il culo di pareggiarla, abbiamo fatto dei cambi, ma poi siamo naufragati ugualmente. Quindi di cosa stiamo parlando?

    Dobbiamo lavorare sodo e volare bassi. RuBe e Napoli sono superiori, alla fine ci giocheremo la Champions con le romane e i Biretrocessi: 2 posti per 4 squadre.

    Sarà fondamentale restare nelle prime 4 fino a Natale, poi mi auguro che intervenga Suning con qualche rinforzo.

    Ora come ora, ben venga la sosta.

  256. http://www.fcinter1908.it/copertina/inter-spalletti-ha-sbagliato-ma-oggi-ce-chi-ha-superato-il-limite-il-problema-principale/

    Concordo con l’articolo, l’avevo già anticipato prima.
    Ciò non toglie che si possa parlare di una partita persa male e capire qualche perché, l’importante è non stare al gioco di chi ci vede già fuori da tutto buttando in merda quanto fatto fin’ora, ecco di questo in effetti sarei stufo.

  257. Spalletti ha avuto le sue colpe (formazione, cambi, gestione della partita), ma non facciamo il gioco dei nemici e non facciamoci altro male: è l’allenatore dell’Inter e finché lo sarà io sarò con lui. L’anno scorso quando perdemmo quella incredibile partita contro i “senza colore” feci parte della minoranza di quelli che dissero che la colpa di quella sconfitta non era certo sua per aver fatto entrare Santon nel finale…Oggi la sconfitta è di tutti, dei giocatori e dell’allenatore, che anche lui ha avuto le sue colpe.
    Che tutti facciano un bagno di umiltà : meno parole e più fatti. Muti e lavorare duro, perché è già domani

  258. A pallate.
    L’Atalanta ci ha preso a pallate!

    Doveva finire 8 a 1.

  259. Una difesa RIDICOLA!

  260. Ecco su questo noi siamo i più bravi in assoluto a buttare via tutto, di quanto fatto bene, con un niente!
    Un amen, e senza mezze misure.
    Campioni mondiali.

  261. Per dire, dopo il turno di Coppa con noi il Barca oggi in casa ha perso 3-4 con il Betis. Con messi che ha fatto il 3 al 92esimo che sennò finisce 4 a 2.
    Non ho guardato la partita, sulla fiducia posso credere che il Betis non ha preso a pallate il Barca come ha fatto con noi l’Atalanta, ma che noi non siamo il Barca non ve lo devo ricordare io.

    Cito intersempre che mi pare abbia sintetizzato magistralmente il pensiero da adottare: ” Muti e lavorare duro, perché è già domani “.

  262. Javier

    scusami, non hai capito, l’Atalanta se ne faceva 8 non ci sarebbe stato nulla da dire!
    E questa mi sembra una cosa abbastanza sconvolgente, per essere l’Inter.

  263. Brutta partita, d’accordo. Però, compagni di tifo, calmatevi!
    Ne avevano vinte sette in fila, sono in corsa per gli ottavi di Champions e pochi fra noi se l’aspettavano, hanno appena superato indenni l’uragano Barcellona (tra l’altro oggi hanno perso perfino loro e in casa).
    E sempre con lo stesso modulo.

    Non è che ogni volta bisogna rispolverare tutto il repertorio delle accuse a Spalletti, al poco o troppo turn over o addirittura alla difesa (fino a ieri la meno battuta).
    Non vi sarete messi in testa che si lotta per il titolo? è evidente che non siamo ancora pronti…
    Ciao

  264. So che abbiamo già preso Bastoni e che siamo interessati ad Andersen della Samp ma a me oggi ha impressionato Gianluca Mancini, 21 anni 1,90, difensore centrale nazionale under 21 con il vizio del gol…

    Il ragazzo è interista di famiglia e si è fatto un tatuaggio di Marco Materazzi…

    Ausilio prendi nota

  265. Bene, comunque, il pari dei laziesi.

    E il bilan pare non stia facendo granché per avvicinarsi.
    Sbagliato anche rigore.

    Speriamo riesca a pareggiare.

    A M A L A

  266. Dai ragazzi, ma una sconfitta del genere come fa a non buttarti giù di morale e ad essere abbattuto e pessimista.

    Dai su!

    In cinque giorni abbiamo subito 40 tiri nello specchio della porta di cui almeno una quindicina potevano trasformarsi in gol.

    Ma vi rendete conto della portata di questi numeri?

    Per loro oggi sembrava una partita infrasettimanale dove si allenano per gli schemi!!!!

    7 vittorie consecutive?
    E cosa cavolo vuol dire?

    Per una squadra con ambizioni di secondo, terzo o quarto posto è una cosa così stratosferica?

    Maddai non scherziamo.

    Siamo l’Inter o dobbiamo abituarci a questa mediocrità??

    Con quella di oggi sono 3 in 12 partite, avete idea della media che sarebbe in fondo al campionato??

  267. No, ma la cosa impressionante è che finché è il Barcellona a tirare venti volte e ad avere occasioni da gol clamorose ok, ci sta.

    Ma l’Atalanta di gasperino…?!

  268. Be’, adesso BASTA !!!
    Nessuno che abbia scritto la verità : mancava Joao Mario 🙂
    Lasciatemi scherzare, almeno.
    Pensate a Higuain che sbaglia anche un rigore contro i gobbi…
    Buonanotte a tutti – da questo momento sono in guru meditation ( citazione da vecchio informatico ).

  269. Io ho solo detto, è ne sono tutt’ora convinto che non mi sembra il caso di pensare o dare per scontato che tutto ciò che di buono si era fatto fino ad oggi è stato un caso e siamo quelli di oggi (il Barca non lo voglio neanche considerare).
    La partita di oggi evidenzia che siamo ben lungi da aver risolto dei vecchi problemi di approccio e di carattere, perché le imbarcate le dovrebbe prendere il Sassuolo e non certo l’Inter, d’accordo. Ma io ho visto qualcosa di più una serie di vittorie consecutive, ho visto del tentativo di fare gioco con tutti, scambi, alcuni giocatori che danno garanzie e altre cose buone.
    Siamo uno squadrone? No. Abbiamo una rosa completa nei reparti? No.
    I nostri fuoriclasse stanno rendendo come ci si aspetta da loro? No.
    E potrei andare avanti…
    Ma non saranno tutti Barca o juve (o Atalanta…), arriverà qualcuno a Gennaio e il prosimo mercato potrebbe essere il PRIMO mercato fatto dalla società in libertà.

    Poi volete che vi dico che mi girano ancora a 1000 ?
    Certo che mi girano a 3000 non a 1000, però cacchio diamo un minimo di fiducia ai nostri alla prima caduta per quanto rovinosa da quando si sono rimessi in carreggiata.
    Le mie speranze per quest’anno ? Nei primi 4 e Coppa Italia.

  270. Bah.
    Pare che il terzo posto non sia a rischio.

    I gonzi inutili hanno calato le braghe.

  271. @Pupi 72
    “Siamo l’Inter o dobbiamo abituarci a questa mediocrità??”

    Andiamo, negli ultimi due mesi abbiamo battuto il Tottenham, vinto e bene ad Eindhoven, superato meritatamente il Milan, retto alla netta superiorità del Barca, dominato in casa della Lazio, dato spettacolo contro il Genoa.
    Questa non è mediocrità e bisogna riconoscere che in questo momento si può perdere e anche male contro questa Atalanta (tra l’altro a Bergamo le prendiamo quasi sempre da anni).
    Mediocrità sarebbe tornare di nuovo nell’incubo dello scorso inverno. A quel punto ti darei ragione. Ma oggi riproporre i soliti aggettivi come “ridicoli” mi sembra davvero ingeneroso, anche considerando le gioie che abbiamo provato fino a pochi giorni fa.

  272. Scusate. C’è qualcuno di quelli che sostenevano lo scambio Maurito Pipito?
    Della partita dei nostri riparliamo domani.
    Buona notte.

  273. @Bok
    Condivido.
    Facciamo passare l’incazzatura ricordando i GAAAAAAAAAAAA urlati fino a martedì sera.
    Abbiamo passato due mesi eccellenti, ora facciamo un attimo di autocritica ma senza buttare tutto nelle ortiche.
    Prossima mission : non farci fare gol da cr7. Insopportabile.
    Non farci fare gol da dybala. Odioso.
    Non farci fare gol dalla juve. Merdosi.

    FORZA RAGAZZI

  274. @Bok

    Il mio termine mediocrità era riferito al fatto che si dia per scontata la normalità di una sconfitta solo perché venivamo da un periodo di vittorie continuativo.

    Invece la crescita definitiva di una squadra deve passare anche da questi tipi di continuità.

    E quando noi decidiamo di interrompere il periodo negativo lo facciamo proprio nel peggiore dei modi, di quelli che ti abbattono e ti fanno pensare subito al peggio, che ti azzerano in un attimo le poche certezze che avevi acquisito.

    Ho nella memoria il post Inter Chievo cinque a zero dello scorso anno, il post sette a uno con l’Atalanta dell’anno prima, e le numerose vittorie consecutive anche con Pioli.

    La mia paura è quella di dover ripartire sempre da capo.

  275. la sconfitta non è un problema, brutta si ma ci può stare
    l’importante sarà reggere , dopo il Frosinone, l’impatto delle 3 trasfertone Londra Roma Conad
    e PSV a seguire, si spera non decisiva.

    brrr

  276. Abbiamo tutti negli occhi l’Inter degli ultimi anni, quella che si squaglia e rovina tutto.
    Però restando lucidi io credo che questa squadra sia diversa. Soprattutto in campionato se il mister mette la formazione tipo e ritroviamo il ninja, il vero uomo in meno in questa fase ricordiamolo, non vedo all’orizzonte tracolli. Diversa la situazione in CL, dove il livello è decisamente più alto e dove testa e fisico devono essere al massimo. Ieri lo scempio tattico, tecnico e mentale è stato troppo eccessivo per definirci. Esattamente come lo scintillìo visto col Genoa. Non siamo ancora una grande squadra, non siamo nemmeno l’Ospitaletto. Ci giochiamo la CL con Lazio, Roma e Milan e per ora le cose vanno bene. Speriamo nessuno si faccia male in nazionale, battiamo il Frosinone e poi giù in apnea con Tottenham, Roma, Juve, PSV.

  277. Ok siamo ancora vivi. Lo saremmo stati pure se avessero vinto Lazio e milan, ma il livello è questo e si può stare sereni anche dopo una sconfitta.
    Bisogna anche farsene una ragione che in Italia il livello delle squadrè di seconda fascia è piuttosto alto, carenti sicuramente nei ricambi ma se le becchi quando girano fisicamente a mille sono caxxi per tutti , ne sanno qualcosa pure in Europa quando le incontrano in EL.

    Ma guardiamo a noi…
    Io spero vivamente che queste due settimane di preparazione ad hoc ci restituiscano il Ninja in condizione pronto per il periodo di fuoco, e questo sin dal Frosinone, senza scuse di ritmo partita e balle varie. Saremo a Dicembre e lo aspettiamo da Agosto direi che è ora che cominci seriamente a giocare con noi.
    E spero che al rientro Perisic torni ad essere il giocatore crack che sa essere fisicamente e tecnicamente, altrimenti che Spalletti se ne faccia una ragione perché tenerlo in campo a prescindere è veramente inspiegabile. Metti fuori De Vrij a riposare e lasci Perisic che cammina dall’inizio del campionato ?
    Io spero che al rientro Lautaro abbia più spazio, non dico (ma lo vorrei dire) dal primo minuto, ma vederlo restare in panca al posto di Keita nelle sostituzioni mi sembra davvero un assurdo.

  278. Credo e spero sia solo un incidente di percorso dopo un buon periodo. Purtroppo se ci rilassa anche poco questo si rischia
    La colpa e’ non attribuibile. Ripeto speriamo faccia parte di un sano percorso di maturazione
    Ho visto che i gobbi, per non perdere il vizio, hanno avuto l’ennesimo arbitraggio strafavorevole anche ieri

  279. Spalletti sta facendo un ottimo lavoro, ma come ogni allenatore ha la sua coperta di Linus. Perisic è la sua, evidentemente. Il croato garantisce fisicità e se il mister lo tiene in campo anche quando evidentemente non è al top della condizione è perchè si sente coperto sull’esterno sinistro. Succedeva lo stesso con Candreva che gli faceva la fase difensiva, almeno adesso abbiamo Politano. Capisco che deve tenere dentro il gruppo tutti, e sappiamo che gli scontenti logorano il lavoro settimanale, ma non mi sta piacendo la gestione dei centrali di difesa e del terzino destro. Skriniar, De Vrij e Vrsaljco, basta con le rotazioni quando non sono necessarie. E un centrocampo con due piedi di ghisa su tre (Vecino – Gagliardini) non si può vedere. Keita – Karamoh ad oggi non appare strategia vincente: l’esterno già pronto con spunti in velocità e lampi di classe mostrati alla Lazio non si vede. In compenso all’altro si è bloccata la crescita rimandandolo in un campionato molto meno per/formante come il francese. Ultima lamentatio: Asamoah è un terzino sinistro adattato, si sapeva, ma sta da qualche partita mostrando inquietanti sbavature dietro e zero spinta offensiva. A conti fatti, c’è da restare in CL, e da intervenire sul mercato nei ruoli “annosi” (qualità sugli esterni alti e bassi, qualità in mezzo al campo.

  280. Non ho visto, ma immagino come sia andata a Bergamo_ Ho visto invece i gobbi passeggiare con superiorità imbarazzante sui cugini, senza infierire_ Epperò perché non è stato dato il secondo giallo a Benatia? In 10 contro 11 qualcosina poteva cambiare_ Aiutati sempre,anche im queste condizioni di forze impari_

  281. Eeeh non c’è niente da fare, queste partite alle 12,30 sono sempre catastrofiche. Come Thoir allo stadio. Peccato per come procedeva la marcia, speriamo non sia iniziato il nostro annuale black out.
    Turn over ok, ma farlo col frosinone no eh ? Ca***lo sai che questi e il Sassuolo fanno il campionato per giocare alla morte contro di noi, e tu che fai togli De Vrij?? E non escludo che la partita pessima di Skrniar sia dovuto alla mancanza dell’olandese.
    Delusione massima, già avete detto tutto.

  282. Ho buttato l’occhio avanti fino a fine anno e ho notato che giocheremo con le 3 (ci metto anche la Roma) più forti e la 4 più deboli, il tutto condito dalle due partite di Champions ( che se ci va bene potrebbe essere anche una sola).
    Anche a livello mentale occorrerà parecchia duttilità per centrare la partita giusta (Londra) portare a casa qualcosa negli scontri diretti e (assolutamente) non perdere punti contro le piccole.
    Fossimo come l’anno scorso avrei i brividi, ma quest’anno abbiamo più risorse …. vero Spalletti?

  283. Eh beh…. dopo la scoppoletta (si fa per minimizzare) siamo tutti belli schisci ….
    (spero che schisci si capisca).

    C’è tempo.
    E modo.
    Per rifarci.

  284. Si, siamo belli schisci. In effetti è stata una bella randellata…

    E poiché conosciamo i nostri polli, anche il Frosinone diventa preoccupante…

    Nell’attesa… si sta come d’autunno, sugli alberi le foglie (cit.)

  285. Certo che non deve essere semplice né facile per gli opinionisti del calcio trovare giustificazioni logiche alle improvvise metamorfosi della nostra squadra: alcuni ricorrono al sarcasmo (ma sono stati proprio loro a indicare nell’Inter quest’anno l’anti-Juve!) o alle solite definizioni dell’Inter pazza e caratterialmente incapace di dare percorsi logici al suo operare. Eppure il gioco del calcio è semplice, forse il più semplice per definizione, e per questo il più bello, fondato com’è sull’armonioso equilibrio di virtù atletiche e tecniche; ma quando mancano le prime, difficilmente le seconde riescono ad emergere e a primeggiare. L’Inter di domenica era una squadra stanca (inutile dire, le nostre squadre, altro che non possiedano una panchina come la Juve, sono incapaci di disputare due partite alla settimana di pari livello) e dopo il pareggio con gli spagnoli moralmente appagata , ma fisicamente scarica, per di più condizionata dal campo pesante per la pioggia, e quindi non in grado di reagire fin dal primo minuto alle furie assatanate atalantine che, non so per quale motivo, ma per una tradizione che dura da sempre, sembrano voler disputare contro di noi la partita della vita (ci fecero perdere anche un campionato, sconfiggendoci in casa mentre marciavamo verso lo scudetto!). Un allenatore prudente avrebbe dovuto , dopo i disastrosi primi minuti , abbassare il baricentro della squadra, rinforzare la linea mediana dove Brozovic e Gagliardini spingendosi in avanti aprivano praterie agli esterni atalantini, non arginabili dai nostri terzini, in ritardo fisico e tecnicamente sprovveduti di fronte alle velocissime frecce nemiche. Fu la tattica (guardate che mi viene in mente!) in parte adottata dai cartaginesi a Canne: far avanzare il centro dello schieramento avversario e aggredire ai lati con la velocissima cavalleria africana. E fu un disastro per i più forti ma tatticamente sprovveduti romani. Ma non rimprovero a Spalletti di non conoscere la storia romana, casomai il fatto che non è nella mentalità del nostro allenatore provvedere rapidamente per contrastare efficacemente le scelte tattiche degli avversari. La sua regola da sempre, anziché “primo: non prenderle!”, è “avanti miei prodi !”, finendo così per mettere nei pasticci gli estremi difensori, che si trovavano ad affrontare senza il filtro protettivo della mediana gli avversari che scendevano a frotte, e facendo giocar male perfino Skriniar, per la prima volta in difficoltà da quando gioca nella nostra squadra. Insomma, un capolavoro tattico alla rovescia! Il problema sarà ora evitare che l’attuale sconfitta non apra un ciclo negativo, come da qualche anno è nella nostra tradizione. Ci sono due settimane di riflessione e poi il Frosinone. Diamo tempo al tempo. Niente è perduto, almeno in chiave di classifica.
    Buona fortuna a tutti.

    • Historia magistra vitae.

      Nihil inimicus quam sibi ipse.

      Due proverbi latini che si adattano perfettamente all’indietro stato dell’Inter,affacciandosi alle considerazioni di Scettico.
      Il successo si deve basare sull’ impegno quotidiano a migliorarsi e sulla perseveranza, non ci sono scorciatoie, almeno a chi vuole raggiungere traguardi solo con le sue forze, come è tradizione della nostra squadra.
      È per questo che tifiamo INTER.

  286. Godibilissimo il parallelo storico-antico di @scettico.
    Nutro anch’io qualche perplessità sulle capacità di lettura della partita in corso del mister (e quindi su quella di apportare tempestivi correttivi).
    Ma ritengo che, a questi livelli, l’allenatore faccia la differenza non dal punto di vista tecnico-tattico ma sulla gestione dello spogliatoio e della comunicazione verso l’esterno. Fin qua Spalletti sotto questo profilo, almeno per conto mio, conserva credito.

  287. ERRATA CORRIGE:

    Historia magistra vitae.

    Nihil inimicus quam sibi ipse.

    Due proverbi latini che si adattano perfettamente all’ODIERNO stato dell’Inter, ALLACCIANDOSI alle considerazioni di Scettico.
    Il successo si deve basare sull’ impegno quotidiano a migliorarsi e sulla perseveranza, non ci sono scorciatoie, almeno a chi vuole raggiungere traguardi solo con le sue forze, come è tradizione della nostra squadra.
    È per questo che tifiamo INTER.

    P.S. “fottute tastierine” (cit. Giorgio)

  288. Il motivo delka tradizionale inimicizia Atalantina è un misto di orgoglio lombardo e spirito di servizio alla casa madre juve, primo cliente dei prodotti orobici, da Scirea a Cabrini a Prandelli a Magrin a Carrera ecc ecc.

  289. Leggo spesso, in questi giorni, della cosiddetta FURIA OROBICA.
    Ma, non ho capito, avremmo preferito che si scansassero?

    Non mi sorprende e non mi turba che una squadra di media classifica, con ambizioni europee (con un passato già in Europa league), in casa propria, contro una grande, persegua la vittoria.
    Lo fanno anche con Napoli, Roma, bilan ecc; con la rube, vabbe’, lasciamo perdere.

    Il problema è che noi, come abbiamo vinto a casa laziese, avremmo potuto vincere a Bergamo.
    MA NON LO ABBIAMO FATTO. PUNTO

    A M A L A, comunque e soprattutto.

  290. Quoto Toto al 100%. Furia o non furia, ci hanno tirato in porta venti volte, evidenziando una superiorità perfino imbarazzante… sarei propenso a derubricare il tutto a “partita preparata in modo indegno”, e a considerarla un episodio casuale e irripetibile. Sperando che, alla ripresa, Frosinone non mi smentisca.

  291. Buongiorno a tutti.
    L’amico Toto ha scritto una verità assoluta.
    E io, con una compagna della bassa bergamasca (la sua seconda squadra e’ quella di Torino…no, non quella granata, per dire…) che FINGEVA di non gioire troppo, sto vivendo giorni terribili.
    Giorni da guru meditation (cfr. supra “Cit. da vecchio informatico”).
    Spero solo che Caputo gliene faccia 3, alla ripresa…

  292. No, non voglio essere frainteso. Apprezzo molto il gioco degli atalantini: in occasione delle quattro o cinque volte a campionato che li vedo giocare, generalmente in occasione delle partite con le grandi, mi pongo sempre la domanda di come mai una squadra che gioca un calcio così moderno e brillante, navighi in zone di classifica medio-basse, quando potrebbe pretendere con pieno merito di gareggiare per i posti in Champions. Nella partita in questione ho ammirato un giocatore come Ilicic, un trequartista fuoriclasse che già lo scorso anno mi auguravo venisse acquistato dalla nostra squadra. Ci furono trattative ma non se ne fece poi niente. E fu un errore. Addirittura lo scorso anno, in occasione delle nostre periodiche crisi, auspicavo che i cinesi, per risolvere i nostri problemi, trasferissero armi e bagagli la dirigenza interista a Bergamo e quella di Bergamo a Milano: non esisteva nemmeno il problema di dover cambiare i colori sociali. Fuor di paradosso, anche l’Atalanta ha le sue crisi, è una sorella minore della nostra, un po’ metereopatica, ma che , nei nostri confronti, usa un particolare riguardo, spesso ricambiato: come succede spesso tra parenti-serpenti, ci gioca spesso dei brutti scherzi, ma sempre nei limiti della sportività. Tutto qui.

  293. Il calcio è quello strano e affascinante sport nel quale il Copenaghen (con tutto il rispetto per il Copenaghen) non subisce gol in 180 minuti e l’Inter contro la stessa squadra ne prende 4 in 90.
    Le variabili sono tali e tante che : ogni partita inizia 0-0; la partita più importante è sempre la prossima; le partite durano 90 minuti (più recuperi) ; è difficile vincere contro le squadre che non ti lasciano giocare, e l’avversario ci ha messo in difficoltà, anche quando finisce 5-0.
    Viva il Calcio.

    Juve Merda.

  294. L’Atalanta si fa rispettare in Italia e ultimamente anche in Europa. Stanno sulle balle, ma con loro si può perdere: non siamo ancora una corazzata invincibile.
    Domenica, forse a causa dell’orario prandiale anomalo, i ragazzi non sono entrati in campo: chiaro segno di immaturità. Ma è anche vero che a ogni partita i puttani scrivono”Inter: prova di maturità” e che abbiamo già superato un bel po’ delle prove in questione. Siamo in marcia, insomma e qualche volta cadiamo; e per favore basta con l’antib***e, perché abbiamo ancora un po’ di strada da fare.

    PS non credo che i cambi giusti con l’Atalanta avrebbero ribaltato le sorti della partita.

  295. Pare che Marty Feldman sia a un passo dall’Inter.

    Bah… la cosa mi rende nervoso!

    • A chi lo dici…
      Io ho la stessa reazione dei cavalli appena sentono nominare Frau Blücher… (cit.)
      Buonanotte.

  296. E cosa ne pensate del, pare, ormai prossimo arrivo del monociglio alla nostra corte? È davvero inevitabile? Con tutta l’esperienza e le conoscenze che può avere a me, questo qua, non è mai piaciuto.

  297. Citazione per citazione non vorrei gelarvi con un: “Si…può… fareeeeeeeee!”

  298. Io a Spalletti contesto solo la scelta del modulo a 1 punta…. Si badi bene che non giochiamo mai con le 3 ma sempre e solo con 1. Il nostro 4-3-3 è atipico…nel senso che il terminale diventa sempre e solo 1. Mi starebbe bene nella maggior parte dei casi, ma non mi spiego come mai un allenatore con l’esperienza che ha Spalletti non possa trovare la maniera di convertire il modulo a 2 punte nel momento in cui giochi con squadre di bassa-media classifica o nel momento in cui ti trovi in svantaggio ed hai bisogno di recuperare……Non mi si venga a dire che è un problema di equilibrio tattico perchè abbiamo le pedine per bilanciare il centrocampo….con un incontrista un regista e due laterali che difendono un pò di più (Candreva e Asamoah???)….Poi fino adesso siamo andati bene, la nostra dimensione è questa e possiamo solo migliorare…Ma non capisco questo ostracismo assoluto per le due punte….

  299. Aggiungerei
    “Gobba? Quale gobba?”

  300. se la sorte ti e’ contraria
    e mancato ti e’ il successo (in europa)
    smettila di far castelli in aria
    e va a piangere nel cesso

  301. Ritorna come tema stagionale ormai fisso il possibile acquisto di Modric, e sarebbe una bellissima strenna natalizia da parte di Suning. Anche nella partita di ieri c’era da stropicciarsi gli occhi nell’ammirare le meraviglie del suo gioco , decisivo nelle sue squadre che governa da insuperabile direttore di orchestra. Nella nostra squadra non avrebbe grossi problemi di ambientamento grazie alla presenza di tre suoi compagni di nazionale con cui, lo ha dimostrato anche ieri, si intende a meraviglia. Certo, non è una giovane promessa e nell’arco dei 90 minuti le pause del suo gioco si fanno sempre più lunghe e la sua utilizzazione, in caso di acquisto , andrebbe centellinata come si fa attualmente per Borca Valero. Sarebbe importante però la sua presenza per l’autorevolezza che mostra in campo e, immagino, lo sarebbe nell’ambito complessivo di una squadra come la nostra dalla vita turbolenta e soggetta a improvvise amnesie di gioco, durante le quali vanifica le cose buone precedentemente dimostrate. A mio parere, infatti, piuttosto che di giovani destinati a un futuro luminoso, avremmo bisogno di giocatori di lunga esperienza e di autorevolezza che nei momenti di sbandamento, come nella partita di domenica, sappiano prendere in mano le redini del gioco (come ha fatto ieri Modric nella sua Croazia) trascinando la squadra nei momenti di stanca o demotivata a insperate vittorie. Un tempo questi giocatori li avevamo, da Zanetti a Cambiasso a Samuel a Stankovic, ma oggi ci mancano in ogni reparto, con le conseguenze che sappiamo e che scontiamo perdendo punti preziosi soprattutto nelle partite apparentemente meno impegnative, quelle cosiddette di routine, che però ci penalizzano in termini di classifica e che ci fanno temere tracolli anche contro squadre come il Frosinone.
    Buona fortuna a tutti.

  302. Tic tac

    Tic tac

    Tic toc

    cazzo, si è già fermato.

  303. Chi è?

  304. …..sto rivedendo Madrid 2010….
    No comment…..

  305. Il mio nome è Ogden, Marder il cognome.
    Il nickname è dovuto ad una libertà che si è preso il correttore automatico la volta che mi sono iscritto all’anagrafe di Settore.

    Approfitto e vi chiedo, ma il Gaggio che fine ha fatto?

    P. S.
    Il Gerrard della Val Trompia è mitica, me lo immagino passare l’infanzia a milletre correndo per i prati a pestare e rotolarsi sulle merde di vacca.

  306. Dati anagrafici veramente singolari, per non dire unici….

    Pensiamo ad altro.

  307. Vacca? La bocca l’è mia straca se la sa mia un po’ de aca…

    Disse la vacca al toro:”come te puzza er foro!” Disse il Toro alla vacca:”sarà colpa della cacca”.

    Scusate. Le nazionali mi mandano in paranoia…

    Paranoia will destroy ya!

  308. Buonasera a tutti.
    NON mi è passata la delusione causata dai colori uguali (forse abbiamo perso perché i nostri non attaccavano quelle magliette…).
    Però ho pensato che dovrò ottemperare al mio ptoposito di non scrivere per almeno 7 gg. qualora la Beneamata ingaggiasse il “Moggi 2” recentemente ripudiato dai gobbi, quindi scrivo a proposito di L. Modric.
    Talentuoso, vero. Giocatore mai sopra le righe e che porta ordine, detta i tempi e aggiunge valore anche se sta in panchina.
    Il fatto è – a mio avviso – che ha 33 anni e che, in passato, abbiamo già preso giocatori fa-vo-lo-si (cito solo R. Baggio e L. Figo) che ci hanno entusiasmato ma non ci hanno portato troppo avanti.
    Tatticamente, poi, temo che con Spalletti NON potrebbe coesistere in campo con Brozovic. Sarà una mia fissa, ma…
    Spero di sbagliare. Il giocatore è indiscutibile, l’apporto che potrebbe dare non vorrei fosse l’ennesimo sogno infranto (cfr. Higuain o Rush con i gobbi 🙂 ).
    Bonne soiree

  309. Una segnalazione per Flavio Mucci : sfortunatamente – oltre a quella del solito ceppo autunnale – si sta diffondendo un’altra influenza che avevi giustamente stigmatizzato… Anche a S. Siro stasera lo stadio apostrofa da escremento il portiere avversario nella rimessa in gioco 🙁

  310. tanto non arriverà, un pallone d’oro o dintorni che va via dal Real è fantascienza..

    magari fosse vero, chissene se ha 33 anni.
    PS
    Rush e Modric non possono stare nello stesso post. 🙂 trattasi di categorie diverse

  311. Rush alla fine ha scazzato solo la stagione da noi, e non credo per colpa esclusivamente sua. Modric è un’altra bestia, certo, ma il buon Ian non era un bidone totale.
    Sto guardando la nazionale, mentre mi godo il ceppo influenzale autunnale a cui accennava Giorgio.
    Ho sempre difeso Ventura da critiche che ritenevo eccessive (tipo quelle saccenti che provenivano da esperti preparatissimi come Paolo Bonolis) e visto con gran malumore l’arrivo sulla panchina dell’Italia di quel narciso patologico di Mancini.
    Beh, una sega.
    La nazionale gioca da Dio, se avessimo anche un centravanti al posto di quel quattrocentista biondo prestato al calcio, staremmo già 2 a 0. Bravo Mancini.
    Non cambio idea però sul fatto che Bonolis sia un coglione.

  312. Got it.
    Per me una bella gara, tra i due. Incerta fino all’ultimo.

    • Ma porc#€#?(@(!# Come ???
      Io ti difendo sempre e tu continui a grattare i nervi scoperti degli interisti ?!?!
      Uhhhmmmm… Sai che ti dico? ? Fenditura nel muro, 5 lettere 🙂
      Buonanotte a tutti.

  313. Dai ora non ti riconoscerai mica in quello stronzetto di Bonolis?

  314. La mamma degli imbecilli è sempre incinta.
    Questo ha detto Bonnybauer!

    Io aggiungo: anche la sua!

    A riprendere MOU è stato bravo.
    Quando i fischi toccano s lui, non ci sta!

    Merda umana (e chiedo scusa alla merda).

    Buona domenica (A tutti o quasi)

  315. “La madre degli imbecilli è sempre incinta”.

    Bonucci è un esempio vivente di questo detto.

  316. Ieri lo stadio puzzava di gobbaglia, e spesso anche questo blog, purtroppo

  317. Consapevole di far piovere sul bagnato, ma quanto è idiota Bonucci? Oltretutto, mi chiedo cosa si aspettasse, dopo il doppio salto mortale tra l’anno scorso e quest’anno.
    È nient’altro – secondo me – che un sontuoso mercenario (come Ibra, tanto per fare un esempio. Con la differenza, per nulla marginale, che Ibra non pretende di fare il professore di etica…).

    Altro tema, sicuri che ci interessi Chiesa? Ormai tutti si stanno rendendo contro che soffre della sindrome di Di Biasi, e in una squadra con poca copertura politica, quale purtroppo è ancora la nostra, verrebbe ammonito una volta ogni due partite!

    Buona domenica

    • Sono d’accordo in toto (con l’iniziale minuscola 🙂 ).
      Hai elegantemente omesso di tracciare – pur nella differenza di ruolo in campo – anche l’ABISSO di tecnica che intercorre tra Ibra e l’altro.
      Chiesa ? Credo sia stato grandemente sopravvalutato. Spero per lui di sbagliarmi, ma temo che finirà per avere una carriera minore del padre.
      Buona domenica a tutti anche da parte mia.
      p.s. : se l’italia avesse avuto un pronostico di Fortebraccio, ieri… 🙂

  318. Giorgio! Che onore essere commentato positivamente da te, lo metterò nel mio CV…

    Ovviamente piena condivisione circa l’ABISSALE, questa sì maiuscola, differenza di tecnica del caro vecchio Ibra rispetto al sedicente spostatore di equilibri che, come correttamente fai tu, nemmeno merita di essere più nominato.

    Et voilà, sperando che riprenda in fretta il campionato!

  319. Pare che marmotta sia in Cina per firmare con Suning.

  320. Ho rivisto, qualche ora fa, la partita di Madrid che ci ha laureati campioni d’Europa che , “noblesse oblige” , in occasione di ogni pausa di campionato SKY meritoriamente trasmette più volte. Io non mi stanco mai di rivederla, perché alle emozioni che ogni volta si rinnovano, grazie anche all’appassionato commento di Scarpini, si aggiunge e si rafforza ogni volta di più la convinzione che quella partita fu un capolavoro tattico, piuttosto che tecnico (i numeri e le prestazioni dei singoli sono impietosi: netta supremazia a centrocampo dei tedeschi e tecnica sopraffina di alcuni di essi, singolarmente superiori ai nostri, eppure quasi sempre fermati da un intervento provvidenziale in prima battuta o, in seconda battuta, dal soccorso di un compagno). Perché la caratteristica di quella squadra per tutta la sezione finale della Champions, ma soprattutto in quella partita, fu il rispetto del principio “tutti per uno e uno per tutti” e, una volta intercettata la palla, immediato rilancio in avanti al compagno smarcato, mai in orizzontale o indietro, come è pessima abitudine attuale, e, sottorete, rapido tiro nello specchio della porta avversaria. Al tempo stesso, nelle ripartenze degli avversari, il baricentro basso della nostra squadra permetteva che tutti i settori del campo apparissero perfettamente coperti, insomma non si verificavano quelle praterie in cui gli attaccanti avversari di oggi si lanciano in beata solitudine, una volta liberatisi dell’ultimo sprovveduto difensore. Mourinho, con quella squadra e in particolare in quella partita, ha colto e realizzato la quintessenza del calcio cosiddetto all’italiana, essenziale e sparagnino, ma quanto efficace! Insomma , quel tipo di calcio inaugurato dall’Inter di Foni e poi trasmesso ad Herrera e ai nostri migliori allenatori che si sono succeduti e che hanno fatto grande la nostra squadra. Forse, dopo il triplete, bisognava costringere tutti gli allenatori che si sono succeduti, Spalletti compreso, a vedersi, almeno una volta al mese quella partita e le altre che l’avevano immediatamente preceduta, per mantenersi fedeli a una tradizione vincente, come hanno fatto in passato con i risultati che sappiamo Herrera e Mourinho.
    Buona domenica a tutti (e scusate la chiacchierata un po’ fuori di luogo e di tempo, ma sono vecchio e noioso).

  321. Sarai anche vecchio, ma noioso non direi proprio.

  322. Marotta è in Cina a firmare, è chiaro che oramai è fatta.
    Nutro enormi perplessità sull’utilità di questa operazione, vorrei fottermene serenamente, e credo che infine farò così… basta solo che fra 4 mesi non comincino a dire che non possiamo comprare per ragioni di bilancio visto che questo costa come un top Player.

  323. Buongiorno a tutti.
    Non credo che – almeno per un po’ – i soldi saranno un problema. I cinesi ne hanno a sufficienza. Mi preoccupa invece la mancanza (ovvia) di passione e partecipazione emotiva : se un’azienda non rende…mica faccio come Moratti e continuo a svenarmi. Liquido tutto e mi compro un’industria chimica, per fare un esempio.
    Da quando saprò che il “Moggi 2” ha firmato…mi asterro’ dallo scrivere (tanto…lo faccio abbastanza per lavoro, quindi mi distrarro’ con quello) per un po’ sul blog, come un giapponese che si rifiuta di arrendersi alla realtà. Di una scelta – appunto – aziendalista e non appassionata.
    Vi leggerò comunque con sincero affetto. E tifero’ per la squadra (non per la società).
    Forza INTER !!!

  324. “Giorgio
    novembre 17, 2018 a 9:30 pm”

    Sabato sarò a San Siro; spero sia stato derattizzato e bonificate le strutture portanti dello stadio*

    *pare che le onde sonore restino intrappolate nelle pareti come su un nastro magnetico. Non vorrei mai che ricercatori del futuro ne rilevassero un domani la presenza.

  325. Marotta non è Moggi, suvvia. E’ imbevuto di Juve, eccome, e spiace molto che Zhang abbia deciso di rivolgersi a lui senza tener conto di quello che l’ex dirigente bianconero ha rappresentato e rappresenta per noi. Però non è Moggi, ribadisco. Non è il fulcro di un sistema come quello venuto fuori con calciopoli (oggi la Juve non usa sim straniere per controllare il calcio italiano in ogni ambito, dal campo alla federazione). Anzi, proprio per questo non capisco l’aura di gran dirigente che lo circonda. E’ la Juve che fa i Marotta e non viceversa. Si scordi società prone in sede di mercato italiano, squadre che si scansano e arbitraggi ad hoc, qui da noi. Magari vuol dimostrare che riesce ad essere il dirigente di una squadra vincente giocando ad armi pari con i rivali, chissà. In ogni caso, non sarà quel gobbo di Marotta a togliermi la voglia di Inter.

    • Certo che no, ma se penso a quanto tempo ha trascorso assieme a quell’altro infame cascatore di Nedved oltre all’odiato ovino mi ci vorrà davvero qualcosa di magico per digerire l’entrata (se ci sarà) di questo losco personaggio in una società storicamente sana come la nostra. Che ne so, ci porta magari ad Appianouna bella Pulce?

  326. Marotta oggi, magari Conte in futuro, ormai è così i mercenari incassano e noi paghiamo

    xo lo strabicone qcosa in più potrà portare, e se i cinesi l’hanno voluto ok, ci si fida

    Ruttosporc da i gobbi su Asensio e Mbappe, fantastico

  327. Varan, M’bappe o Modric , questi i candidati al ballon d’oro; no Messi e no CR7_ Finalmente, aggiungo;)

    • Dico Mbappè visto che ha vinto i mondiali ed in questo momento è il giocatore che più accende la fantasia, ma non escludo Modric che Perez potrebbe volere continuare a far “premiare” a discapito di CR7 (toh, improvvisamente fuori dal podio…). Fosse vera l’indiscrezione, assurda l’esclusione di Griezmann dai top 3 (ha vinto da protagonista Mondiale, Europa League e Supercoppa…)

  328. Per me se lo meriterebbe Griezmann.
    Però il pallone d’oro é un premio sopravvalutato. Il calcio é uno sport di squadra e contano le vittorie di squadra, i premi individuali (dati dai giornalisti, poi…) valgono il giusto.
    Poi purtroppo c’entra di mezzo il marketing, i quattrini, ed ecco che improvvisamente pare che il pallone d’oro sia il risultato più ambito dai calciatori. Mah.

  329. Immagino che le opinioni che esporrò sul caso Marotta lascerà perplessi, se non apertamente ostili, gran parte dei frequentatori del blog. Si è rimproverato a lungo Moratti perché, da autentico gentiuomo quale era, non possedeva zanne e artigli necessari per navigare in un mare popolato dagli squali, come è sempre stato, e oggi più che mai, il mondo del calcio. Ora si presenta l’occasione da parte di Suning, che, non dimentichiamolo, navigano con ottimi profitti da perfetti squali nell’oceano globale degli affari, di arruolare chi, di squali, essendolo a sua volta, si intende e, messo alla porta dalla squadra che dovremmo spodestare, ne conosce a menadito i segreti e le ambizioni. Volete che si lascino sfuggire una simile occasione di un manager simile, che è entrato in dirigenza Juve dopo militanze in altre società e che , al momento, non poteva non condividere fatti e misfatti della società che lo stipendiava, anche di quelli passati di cui però non era stato assolutamente responsabile? Il fatto che provenga dalla dirigenza rivale e per di più messo alla porta e quindi giustamente animato da spirito di vendetta non mi sembra affatto una colpa da addossargli, ma anzi un vantaggio. Persone come Marotta non vanno giudicate per coerenza morale e per le società più o meno oneste da cui sono di volta in volta ingaggiati, sono dei professionisti che vanno giudicati per i risultati che portano a casa. Io, tifoso di lungo corso, non posso dimenticare dirigenti come Allodi o allenatori come Foni e Trapattoni, quest’ultimi juventini fin nel midollo, ma che, da autentici professionisti. hanno contribuito in maniera decisiva alle fortune della nostra squadra. Animo! Date retta a me: se vogliamo ricostruire una squadra veramente competitiva in Italia e in Europa, se Suning allargherà finalmente i cordoni della borsa, è necessario abbandonare certi scrupoli di appartenenza e, nei limiti delle regole, prendere al volo le occasioni migliori che il mercato offre e servirsi di chi di quel mercato ha dimostrato di essere veramente esperto. E se avremo a che fare con briganti, come si dice “a brigante, brigante e mezzo!”

  330. Colgo l’occasione della benedizione di Scetticonerazzurro, per dira la mia sulla questione Marotta.
    Quindi dico subito che sono d’accordo in toto con Scettico e, sono pronto a ricevere eventuali improperi, accogliendo il nuovo dirigente nella nostra società, non dico con la banda schierata, ma con occhio (ehm) non ostile, questo sì. ( anche non ostile anzichè “non ho stile”, me la passerete. )
    Sono sicuro che attualmente, cioè con i Zangh al timone, la nostra società ha bisogno di gente in gamba. Punto. E non possiamo dire che lui non lo sia. E , dall’alto della mia ingenuità , sono pronto a ritenere che venga ad operare bene anche da noi. Dovrà fare i conti con decisioni e giornalai da strapazzo, e anzi , proprio da noi deve dimostare di avere le palle e presentarsi alla tv quando ci negheranno l’ennesima espulsione di Pijanic e sputtanare i ladroni.
    Rispetto le opinioni di quanti nutrono dubbi per via della provenienza, ma se siamo l’ Internazionale fondata da intellettuali ed artisti, ( figure nelle quali molto immeritatamente mi riconosco) , non mi va di cadere nella dietrologia.
    Se sbaglio mi corigerete.

  331. Bisognerebbe capire fino a che punto l’abilità del “papabile” ha operato indipendentemente o in sinergia con il potere assoluto di quella squadra/famiglia/società/associazione/cassaintegrazione/Chrysler… Ai tempi della Samp, certo, qualcosa aveva costruito, ma quando ha voluto trasportare paro paro alla madre di tutte le SIM il modello Del Neri, i risultati sono stati molto deludenti. Io non so cosa o chi sia a lui direttamente ascrivibile per definirlo superiore o pari a Sabatini o a Fassone. È stato mandato via quando si stavano ammassando le nubi di Report: casualità? Il fatto che l’Inter lo abbia preso in un periodo di stasi mediatica è sospetto. Le esche nascondono bene l’amo… Giorgio: i gesti nobili fanno fatti per cause e situazioni nobili. Quel personaggio e questo modo di concepire i valori e la vita da parte di chi fa affari (compreso Suning) non meritano il tuo Beau Geste. Uno dei motivi per cui capito qui ogni tanto è perché tu ci scrivi spesso. Sei una specie di fil rouge di questo blog. Ammicchi, disquisisci con tutti sui temi più svariati. Se la tua voglia insaziabile di partecipazione, di contatto con i tuoi simili ha bisogno di un motivo per tornare, sono lieto di offrirtene subito uno: resta qui. Gobbobuono: mi piace che tu possa trovare qui un ambiente che renda degna di essere ascoltata la voce di chi fa il tifo per la peste (gioco di parole contagioso), ma che tu offenda così pesantemente un fratello di fede come Bonolis tenderebbe a rendermi meno democratico. Continua a scrivere qui quanto vuoi, ma pensa ai tuoi Mughini e ai tuoi Chirico…

  332. Beh se fosse vero che arriva Marotta vorrà dire che potrà finalmente darci lezioni di sportività insegnandoci per esempio a perdere!
    E noi tutti felici ad accogliere l’uomo della provvidenza. Che brutta immagine!

  333. E tanti saluti ai fratelli nel mondo, a non conta solo vincere, e a si va a testa alta anche dopo aver perso un derby per 6 a 0!!!

  334. @Nicco ho letto anche io l’articolo di internews che condivido pienamente come te, e sono anche io fiero di andare a testa alta dopo aver perso 6-0 il derby.
    E ciò non cambierà mai perchè siamo e resteremo sempre l’Inter e chi verrà da noi si dovrà adeguare, marmottta compreso. Se non si dovesse adeguare, per dire, non penso che Suning abbia tanti problemi a rimandarlo a casa.

    @marcobibe: Sabatini per me era il numero uno, meglio di Marotta anche, se non altro molto più rock. Infatti mi è dispiaciuto tantissimo come è finita.

    Comunque a sostegno della mie tesi anti- giacobine, mi pronunciai a suo tempo, quando ancora si parlava di Conte all’ Inter, per il valore del professionista, non dell’uomo e del suo passato. E ribadisco, non guardo con insofferenza a chi, come tanti qui o anche al bar, sarebbero contrari all’arrivo di Marotta, ci sono motivazioni. Poi per fortuna ognuno ha il suo raziocinio e si esprime .Il bene dell’ Inter prima di tutto.

  335. Marotta, la maglia a striscie diagonali…tutte prove che il Dio del calcio manda per mettere alla prova la vera fede.

    p.s. 6-0? Mai successo un 6-0 ! (sono un complottista sciista chimichista-negazionista)

    p.s.2 E’ apparsa in rete una maglia da pre-gara che somiglia a un QR-code in nero e azzurro.
    Mi piace pensare che sia uno scherzo…salvo che , e in questo caso sarebbe celestiale, ad una scansione rivelasse il contenuto : Juve Merda.

  336. Si va beh, Marotta, il fine giustifica i mezzi… Ho già detto cosa penso, però tra il definire Marotta un nuovo Moggi e il derubricarlo a grande professionista che darà il suo contributo alla causa nerazzurra, ci sono in mezzo tante sfumature. Tra l’altro quelle sfumature che farebbero la differenza tra “noi” e “loro”, senza dover assurgere al ruolo di verginelle immacolate o appiattirsi a quello di cinici resultadisti. C’è uno spartiacque nella storia del calcio di questo paese: calciopoli. Marotta ha pubblicamente, deliberatamente e se volete aziendalisticamente dichiarato negli ultimi anni da che parte stava. Dall’altra. Quella revisionista, anzi negazionista, quella di “si ma altre società non hanno pagato…”. Però è un grande dirigente, ah beh allora… Lo mando giù, inghiotto il rospo, giro la testa, ma non me lo faccio andar bene. No way.

  337. E comunque…Politano!

    • E bravo Gus, hai toccato uno dei nervi scoperti, ovvero la posizione, netta, del monociglio sulla vicenda di Calciopoli. Che si fa? Una bella intervista in cui ritratta ciò che forse per costrizione ha sostenuto dall’ovino? Si da rendere il gobbo ripudiato più accettabile?

  338. E bravo Gus, hai toccato uno dei nervi scoperti, ovvero la posizione, netta, del monociglio sulla vicenda di Calciopoli. Che si fa? Una bella intervista in cui ritratta ciò che forse per costrizione ha sostenuto dall’ovino? Si da rendere il gobbo ripudiato più accettabile?

  339. Non avevo mai visto giocare Politano.
    Minchia. Altro che Chiesa.

  340. Una nota di colore e un pò di orgoglio provinciale.
    Nel panorama mediocre del calcio italiano ( se vuoi vincere a livello mondiale devi attingere all’estero) spicca il lavoro fatto dal Sassuolo.
    Ieri sera c’erano in campo Berardi e Sensi (tuttora neroverdi) più Acerbi e Politano, valorizzati sulla riva destra del Secchia (scusate ogni tanto mi faccio prendere la mano da smanie letterarie) per non dimenticare Pellegrini entrato contro il Portogallo nel finale.
    Chiaro che comunque con questi non si rivince il mondiale…ma giusto giusto passare i gironi eliminatori.

    p.s.E non dimentichiamoci di Pavoletti (che segnò il suo primo gol in serie A in un Palermo – Sassuolo).

    • Sensi mi ha davvero fatto un’ottima impressione…

    • Diciamo che a volte perde delle palle sanguinose (es.1°Minuto contro l’Empoli..partita poi rimediata ampiamente) ma a Sassuolo se lo può permettere e può crescere senza troppi riflettori addosso.
      A me , che ho molte lune, ricorda come gioco, ma anche fisicamente e per provenienza, Eraldo Pecci.

  341. Personalmente non contrario all’arrivo di Marotta ed oltre a sposare in toto quando scritto da scettico, aggiungo:

    Marotta è nel mondo del calcio da 40 anni, onestamente io ne ho sentito parlare quando è arrivato alla samp, le sue esperienze precedenti erano di basso profilo. poi gli arriva l’offerta della banda bassotti che cmq rimane la squadra più blasonata d’Italia. voi cosa avreste fatto? avreste detto no grazie o vi sareste turati il naso ed avreste fatto un altro up grade della vostra professionalità, della vostra carriera e del vostro stipendio?
    lavorando per loro penso che nessuno di noi se la sentirebbe di dire apertamente “hanno fatto bene a mandarli in b ste merde” o “sono degli intrallazoni mafiosi”.
    sino a prova contraria non c’è l’evidenza che abbia “influenzato” gli arbitri, che abbia sim di varie nazionalità in tasca, che abbia dato l’ok per fare entrare striscioni infamanti allo stadio (vedasi quelli su superga accettati da agnelli) o che abbia partecipato consapevolmente a truccare partite (vedasi conte).
    lavorava per loro e seguiva l’imprinting della famiglia, poi è successo qualcosa e lo hanno allontanato (ed il perchè nel mondo del pallone lo sanno sicuramente)
    per cui ci portiamo in casa un professionista esperto, da anni nel settore, che conosce molto bene il nostro principale avversario e probabilmente anche con il dente avvelenato. personaggi cosi ben vengano o vogliamo crocifiggerlo prima di averlo visto all’opera solo perchè sconta il peccato originale di essere stato alle dipendenze della famiglia mafiosa di torino?
    io del trap me ne sono sempre fregato della provenienza da calciatore e da allenatore ed è l’allenatore a cui mi sento più legato vuoi perchè quello dell’1989 è stato il primo scudetto veramente vissuto vuoi perchè l’Inter dei record era veramente emozionante.

    Inoltre dubito che il sig. Suning sia un pirla che non sappia giudicare ed inquadrare le persone visto quello che ha costruito indipendentemente che se ne intenda o meno di calcio.

    AMALA

    • Giusto per l’ultimo capoverso: credo che dopo l’esperienza con Koorabchian (o come cacchio si scrive) e i relativi bidoncini (…la minimizzazione del secolo…) si sia fatto anche delle idee sull’insieme dell’ambiente calcio.
      E ne abbia tratto qualche profitto.
      Vedremo, insomma.

  342. Ho visto il gol di Icardi in Argentina Messico.
    E’ clamorosamente identico al primo gol di Milito al Bayern.
    Anzi, Icardi in questo caso fa qualcosina in più.

    …se son rose…

  343. è evidente e non da oggi, Marotta potrà solo aggiungere e non togliere alla crescita di Suning/ Inter, inutile fossilizzarsi sul fatto che arrivi dai gobbi i tempi- magari in peggio- son cambiati . e poi, come leggevo sopra, Zhang sr.non è mica..pirla ( cit )

  344. Vorrei scusarmi con Giorgio che probabilmente avrà letto il mio ultimo post come una risposta piuttosto ruvida al suo post dolente e preoccupato per le sorti di una società, la nostra, minacciata dall’assunzione di personaggi di discutibilissimo prestigio. Come spesso mi capita, ho letto il suo post solo dopo aver lanciato il mio, scritto dopo aver girovagato tra vari blog e spinto dall’urgenza di prendere posizione a proposito di una scelta così impegnativa e per molti aspetti discutibile. Naturalmente, non si può non solidalizzare con chi, legato a tutta una tradizione di onestà e di correttezza che ha caratterizzato da sempre la storia della nostra squadra, fatica oggi ad accettare le scelte dei nuovi padroni, privi di quella passione e partecipazione emotiva proprie di noi tifosi , e interessati , più che a difendere i nostri valori e mantenersi nel solco delle nostre storiche tradizioni, unicamente ai futuri successi sportivi in Italia e in Europa, ottimo viatico di probabili futuri successi commerciali. Tutto ciò oggi non mi scandalizza più di tanto: mi scandalizzò quando la nostra società fu venduta ai cinesi, divenendo così un gadget, un puro strumento pubblicitario per interessi ben più solidi di conquista di mercati mondiali. Le scelte attuali, che a volte a noi ripugnano, obbediscono e sono la conseguenza naturale di logiche aziendalistiche che con lo sport hanno poco a che vedere, e che tuttavia, se vogliamo che la nostra squadra ritrovi il suo ruolo prestigioso tra le grandi del calcio mondiale, diventano necessarie e non rinviabili, considerando quello che è oggi il calcio globale, nel quale è difficile emergere se non accettando le leggi ferree del mercato, con tutti gli accorgimenti e i compromessi che tutto questo comporta. La scelta degli uomini e gli accordi raggiunti saranno accettabili solo se rispondenti a quei criteri di efficienza e, in campo sportivo, di successi che la società sarà in grado di raggiungere e mantenere nel tempo. Tutto il resto, storia, tradizioni, rivalità, insomma tutto quel mondo che ha alimentato negli anni il tifo sportivo, passa in secondo piano: non che venga trascurato, tutt’altro!, ma subordinato ai reali e concreti interessi e obiettivi del centro decisionale, dislocato nella lontana Cina. Ci può piacere o non piacere, ma le cose stanno in questi termini e non ci sarà , almeno per ora, da parte nostra nessuna possibilità di cambiarle. Auguriamoci almeno che alle scelte, che a noi non spettano,seguano quei successi a cui siamo obiettivamente interessati. E nel calcio, come in fondo in qualsiasi altra impresa, questo solo conta.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.