Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

I guanti di Eriksen e il numero di Jennifer

Ora c’è l’Udinese, poi una settimana normale. Tra domenica 9 febbraio a domenica 8 marzo (29 giorni), invece, giocheremo 9 partite: cinque domeniche e quattro turni infrasettimanali. E non partite qualsiasi. Nell’ordine: 9/2 Milan, 12/2 Napoli (Coppa Italia, in casa), 16/2 Lazio (fuori), 20/2 Ludogorets (Europa League, fuori), 23/2 Inter-Sampdoria (casa), 27/2 Ludogorets (ritorno, casa), 1/3 Juve (fuori), 5/3 Napoli (ritorno, fuori), 8/3 Sassuolo (casa). In 29 giorni ci giochiamo il primo turno in Europa, la qualificazione alla finale di Coppa Italia e – in maniera quasi crudele – buona parte delle chance di campionato, con gli scontri diretti per i primi tre posti e con il derby col resuscitato Milan.

Non c’è la Champions, purtroppo. Ma per ritrovare un tale livello di stress e un tale livello di competizioni (oggi siamo secondi in campionato e in semifinale di Coppa Italia, più la Europa League da iniziare) dobbiamo tornare all’ultima nostra stagione vincente, la 2010/11, quella post-Triplete, in cui – peraltro con il Mondiale per club e la Supercoppa italiana già in saccoccia – nello stesso snodo della stagione ce la giocavamo con il Milan per lo scudo, eravamo in corsa per la Coppa Italia (che poi avremmo vinto) e difendevamo la Champions (fino a quello sciagurato quarto con lo Shalke).

Nel bene e nel male, non c’è molto di casuale in quello che è successo fin qui. La nuova Inter di Suning, quella dei cordoni della borsa aperti e delle ambizioni assecondate, è nata con l’arrivo di un top allenatore, è proseguita con il mercato estivo e – stabilito che ci mancava qualcosa, non per capriccio ma per bisogno, bisogno di upgrade – si completa in questi giorni. Da luglio a oggi alla nostra rosa si sono aggiunti due top player assoluti (che si aggiungono al già nostro giovanotto di belle speranze diventato top in corso d’opera), due stelle un po’ in declino (ma chissà, magari no), due nazionali italiani (più uno che lo diventerà), ora due laterali di qualità (uno di molta qualità). Il tutto innestato nel meglio che avevamo.

Intorno, c’è uno stadio sempre pieno. E più intorno ancora, un entusiasmo da tempi antichi, pur filtrato dalle nostre solite e patologiche tendenze autolesionistiche e da mille questioni di principio – dall’inaccettabilità di Conte alla pippaggine di Lukaku – che ogni tanto andrebbero accantonate per interismo, o per pudore.

Non ho visto il gol di Caceres, mercoledì sera, perchè – come buona parte dello stadio – ero impegnato a vedere Eriksen che correva verso la panchina a riscaldamento completato e, rallentando a pochi passi da Conte, ha accennato all’atto di sfilarsi i guanti, e io non avevo mai visto centinaia e centinaia di persone – me compreso – esultare perchè uno si toglie i guanti. “Si toglie i guanti, entra! entra!”.

E’ la spia di un gasamento innaturale, dopo anni di stenti. Abbiamo trattato un top player nel mercato invernale e lo abbiamo preso. Lui – finalista dell’ultima Champions e stella della Premier – è venuto a Milano carico di entusiasmo, come Lukaku. Con una proprietà solida e un allenatore di grande livello abbiamo ripreso quota anche nella considerazione e nella reputazione. Adesso tocca a noi. A loro, sì, ma anche a noi.

Quello che accadrà da febbraio in poi (e in special modo nelle quattro settimane di fuoco tra il 9 febbraio e l’8 marzo) dipende da tutti. E’ un grande sforzo corale per la nuova Inter, mai così in alto, mai così rampante, mai così competitiva da nove anni a questa parte. Mattoncino dopo mattoncino, forse ci siamo. Dovremmo essere più pazienti? Beh, non pretendete troppo: prendere Eriksen e chiederci di essere pazienti è come darci il numero di Jennifer Lawrence e pregarci di non romperle i coglioni.

share on facebook share on twitter

155 commenti

  1. Manca giuve merda

  2. Allora lo dico dico io:

    Giuve MERDA!

  3. E io faccio il triplete.

    Giuve MERDA

    Buongiorno

    A M A L A

  4. Nove partite.
    Sette da vincere e due che , per la cabala, potremmo , rilassandoci, pareggiare.

    JM

  5. A patto che i due pareggi siano nelle due distinte coppe.

    M A G A R I

    Vi rendete conto di cosa potrebbe voler dire, in merito agli obiettivi citati dal padrone di casa?

    A M A L A

    • Ovvio.
      Io arriveri addirittura a dire due sconfitte ma col passaggio del turno.
      Due sconfitte nelle quali concentrare prestazioni sottotono, autogol , pali, e sfighe varie.

  6. Beh, anche nell’anno del triplete, negli ultimi due mesi (18 partite in 56 giorni) , il calendario non fu meno leggero, anzi raddoppiò , prolungandosi appunto per due mesi consecutivi e il carico delle partite singole, con l’impegno nella Champions, fu di gran lunga maggiore. Allora la sfangammo alla grande per i meriti indubbi di quella squadra, del suo allenatore, entrambi in quella stagione di qualità stellare, ma anche in virtù di fortunate circostanze che nel calcio, quanto più sono grandi le mete da raggiungere e poi raggiunte tanto più risultano importanti, se non determinanti. Tanto che nella stagione successiva, con la stessa compagine, i risultati furono molto diversi, imparagonabili rispetto alla precedente e soprattutto ebbe inizio quella traversata del deserto che sembra finalmente giunta alla sua fase conclusiva. Dico “sembra” perché, inutile nascondercelo, la diffidenza in una definitiva rinascita è ancora grande, per non dire che quelle due stagioni furono l’una il culmine di uno straordinario ciclo e l’altra l’inizio della fine di quel ciclo stesso. La stagione in cui siamo entrati, con i suoi alti e bassi, ma anche con fondamenti che si stanno consolidando (una società finalmente sollecita su tutti i fronti e longimirante, un allenatore di grande prestigio, una squadra che si sta arricchendo di quei fuoriclasse indispensabili se si vogliono raggiungere prestigiosi traguardi) potrebbe essere l’inizio di un nuovo ciclo, con tutte le incognite di un mondo calcistico globale profondamente diverso rispetto a quello degli anni dieci che ci vide vincitori. Il ciclo di partite che sta per iniziare varrà come prova del nove di quello che attualmente siamo e, in prospettiva, di quello che potremmo diventare nei prossimi anni. Una cosa è certa, non ci annoieremo, e dopo anni di mediocre routine, anche solo questa prospettiva di ritornare a ruoli di veri protagonisti dovrebbe mettere a tacere gli eterni scontenti e le relative polemiche che hanno caratterizzato le vicende degli anni più recenti.
    Buon weekend a tutti.

  7. Molto probabilmene conquistare la finale di coppa Italia, significherà verosimilmente (non credo che il Milan, pur in crescita la spunti sulle m….) potersi giocare la Supercoppa Italiana
    Buttala via…

  8. Bisogna scavalcare l’Asticella di slancio.
    Possibilmente senza inciamparci come a Paperissima…

  9. Però zaza no

    Dai…

  10. Zazza anche no per me grazie, oltretutto pure un simulatore seriale, la categoria dei giocatori che detesto

    Dico una cosa molto, molto impopolare, se non ricordo male Sensi non e’ definitivo nostro ma in prestito, non obbligatorio ma con diritto di riscatto.

    Se cosi fosse ci penserei bene bene prima di investire su uno cosi, ha fatto 4/5 partite super che avevamo ancora le maniche corte, ma da allora sparito e ricordo che anche in quel periodo solo in 3 partite(3) e’ riuscito a fare 90 minuti!

    Quando a luglio agosto fai la conta sulla prossima stagione da affrontare o lo consideri come il 23/24 della rosa e ti deve costare poco oppure come puoi pensare di fare affidamento su uno cosi

    Sulla qualita’ tecnica poco da discutere ma sembra proprio che fisicamente non regge questa categoria con una squadra importante

  11. Mentre leggevo mi chiedevo chi fosse questa Jennifer e che c’entrasse con l’Inter, solo alla fine la curiosità è stata soddisfatta, Settore sei un genio del male 😀 intanto si chiude la finestra di mercato, bilancio ovviamente positivo col colpaccio Eriksen, ma un altro attaccante direi che ci sarebbe voluto, anche solo numericamente, poi certo penso che poteva essere Zaza e mi sento quasi sollevato

  12. “Al fondo dell’ignoto per trovare il nuovo” scriveva Baudelaire in una sua celebre poesia. La nostra squadra il nuovo lo sta sperimentando alla grande: rispetto alla formazione dello scorso anno, sette giocatori su undici entrano a far parte della formazione base. Resta però l’ignoto di quale sarà il profitto di una squadra messa su in quattro e quattr’otto, certo con nuovi giocatori non raccogliticci, a me personalmente pressoché sconosciuti ma sui quali, e questo solo conta, l’allenatore ha dichiarato una piena fiducia. In tanti anni di militanza, non ricordo una metamorfosi così radicale della nostra squadra in un periodo così breve. Rimango dell’opinione, nonostante tutto, che una squadra di calcio è un organismo estremamente complesso, che ha bisogno non di mesi, ma addirittura di anni per trovare un accettabile assetto tra i vari reparti e un profitto di squadra vincente. Ora, non ho mai dubitato delle doti taumaturgiche dei grandi allenatori, ma i miracoli nel calcio sono merce estremamente rara…Conte, non lo scopro io, non accetta un ruolo secondario e men che mai da perdente in qualsiasi gara a cui partecipa la sua squadra (ripete, nelle interviste , che i successi verranno ma non subito; in realtà muore dalla voglia di mostrare al mondo il suo carisma di vincente e lo ha dimostrato nell’avvio stressante della squadra e nella rivoluzione operata nel recente mercato). Del resto, nelle precedenti esperienze di carriera è stato vincente fin dal primo anno e credo ritenga doverlo essere anche questa volta, se non del trofeo principale(lo scudetto) almeno di uno degli altri due, se non di entrambi. Non credo che nelle tre gare ritenga di dover uscire a mani vuote. Da ciò quest’impegno straordinario nell’ultimo mercato, quando sarebbe stato più logico aspettare a giugno per scelte più ponderate su settori decisivi della squadra. Io, scettico per definizione e diffidente per natura, ho forti dubbi che riesca nell’impresa. Ma la fortuna aiuta gli audaci e, da tifoso, non posso non apprezzarne il coraggio e augurargli il successo. A partire da domani sera.
    Buon weekend a tutti.

  13. 40 minuti fa

    Ragazzi in questi giorni sono andato a documentarmi su Moses, un giocatore che – lo confesso – conoscevo poco.
    Ne sono rimasto piacevolmente stupito: potenza fisica, grandi capacità di progressione e inaspettate ( vista la stazza) doti di controllo di palla in corsa; inoltre, altrettanto inopinatamente, piede destro educato anche per passaggi non banali a lunga gittata e cross dal fondo.

    Se è recuperato dall’infortunio (peraltro uno dei pochi in carriera) e l’anagrafe regge potrebbe rappresentare la piacevole sorpresa del mercato di gennaio.

  14. Scettico

    Raccogliticci?
    Ti riferisci al mercato di gennaio o anche a quello estivo?

    Poi, sulla metamorfosi, mi ricordo che nel 2010 cambiammo mezza squadra in un amen (sappiamo poi come andò a finire).

    • Mi riferivo soprattutto agli ultimi tre acquisti. Ma anche a giugno, l’acquisto dei due piccoletti e del difensore dell’Atletico non mi sembra, dal punto di vista della qualità, sia stato di elementi raccogliticci…A proposito della metamorfosi della squadra, hai ragione, anche nel ‘10 la rivoluzione fu notevole, ma rimasero in servizio i pilastri su cui la squadra poi triplettata venne costruita, dal portiere a Samuel, a Zanetti, a Cambiasso etc…Nel caso attuale, dalla cintola in su la squadra appare totalmente rinnovata: sette giocatori su undici nell’arco di pochi mesi mi sembrano sfidare le leggi tradizionali del calcio e anche, a mio parere, del buon senso. Vedremo se Conte saprà compiere il miracolo. Me lo auguro di cuore. Ma sono scettico…

  15. Intanto, nonostante l”ottimo mercato, oggi saremo contati a centrocampo ed in attacco…

    E, dalle ultime, sembra che Handa si sia infortunato ad una mano ed oggi non dovrebbe scendere in campo…

    Forse serviva una macumba?

  16. Raga tutti i discorsi tecnici/tattici/di mercato sono inutili guardate l’arbitraggio di gobba-viola appena finita… consolidiamo il posto champions e proviamo con l’europa league, finché non viene fuori una nuova calciopoli altro non si può

  17. two is mej che one

  18. xxxx- Fiorentina 3-0.

    Per ora da Pyongyang è tutto.

  19. Ho visto ora gli highlights di Merdentus-Fiorentina: due rigori dubbi, entrambi assegnati…

    Ripenso al gol di Lukaku annullato a Lecce, al possibile fallo da rigore su Young in Inter-Cagliari: nel dubbio non ci hanno assegnato nulla…

    Merde

  20. Luridi maiali, tira di nuovo aria molto pesante, ha ragione il viola Ceccherini che sui social, in risposta ad un tifoso delle merde che lo invitava a non incolpare l’arbitro per la sconfitta, gli ha scritto chiaramente che se stanno sul cazzo a tutta l’Italia di farsi magari anche una domanda. Ottima anche la risposta di Commisso a quell’idiota mafiosissimo di Nedved simulatore seriale

  21. Scrigno capitano.
    Che bello.

    A M A L A

  22. Poche idee, manovra scontata. Speriamo sia solo rodaggio

  23. Non c’è proprio niente da fare, gli arbitri quando vedono bianconero sanno già in quale direzione fischiare ed ammonire.
    Che poi tutto ‘sto gran gioco non lo si sia visto non può e non deve giustificare simili arbitraggi.

    AMALA.

  24. Girano un paio di falli a centrocampo, ci fanno sclerare e poi ammonizioni ed espulsioni… Eeh, ma non bisogna perdere la testa! Il tutto dopo due rigori a Torino. Te lo vogliono proprio sbattere in faccia

  25. Siamo troppo lenti e prevedibili, diamo tempo all’Udinese di chiudersi e di ripartire. Situazione tatticamente pericolosa…

    Conte deve cambiare qualcosa

  26. Erano almeno 6/7 partite che non vedevo l’Inter, soffrivo troppo la partita

    Oggi sn ritornato tranquillo tranquillo in quanto Roma e Atalanta ci hanno fatto dei regali per la Champions e qualsiasi risultato esce stasera rimaniamo per ora a distanza tranquilla

    Mi sono perso qualcosa?
    No, in questo campionato si puo’ lottare solo peri il posto champions, oggi siamo andati oltre le solite….addirittura prevenire un eventuale rimonta che non si sa mai….brividi!

  27. Tutti dicono sia forte, non sono nessuno per dire il contrario, pero in quei pochissimi spezzoni che ha giocato e’ la quarta volta che ha un occasione da pochi passi e tutte e quattro le volte le ha strozzate/ciabattate che neanche Pacione..

    Mi auguro sia l’ansia da prestazione

  28. Ma un gol dell’ex per noi, mai?

    A M A L A

  29. Vecino in fase d’attacco ha i piedi fucilati

  30. Bravi ragazzi!
    + 12 sulla quinta!

    Ora concentrati sull’ obt principale il Giovedi e turn over la Domenica….

  31. Ok, lo dico. È stato tra i peggiori in campo.

    Diamogli tempo.

    Non può essere. Sicuramente giocherà come sappiamo.

    Vero?

  32. Bravi! Ottima vittoria, per niente facile…

    Lukaku ancora una volta decisivo, ma è stato l’ingresso della coppia Brozovic-Sanchez a cambiare il match…

    In attesa di Eriksen, Brozovic si conferma il centrocampista imprescindibile…

    AMALA

  33. Sono contento del risultato, abbraccerei Lukakone nostro se potessi, ma son molto contento soprattutto per Sanchez che finalmente ha dato dimostrazione del suo valore. Molto bravo anche Brozo, questi ultimi han cambiato la partita. Da Ericsen mi aspetto ovviamente di più ma il tempo gli darà ragione, é qui da 6 giorni. Non stiamo giocando bene, ciononostante facciamo sempre risultato, questo é beneaugurante. Forza Inter, recuperiamo un po’ di condizione e giochiamoci tutto!

  34. @mare: no….lo so, rasenta il blasfemo, ma stavo pensando al danese…
    Mi aspettavo di più, invece gli ho visto sbagliare passaggi banali. Forse ho troppe aspettative.
    Ripeto: diamogli tempo.

    • su stasera non ce niente di blasfemo, a lui darei 5 per questa partita, insufficienza piena, ma questo visto lo spessore del giocatore in questione e quello che ha dimostrato nella sua carriera ovviamente non intacca la mia fiducia sulle sue prossime partite

  35. Ho visto del rosso diretto ad amrabat del Verona….dalle immagini non si capisce che fallo abbia fatto ma il var ha visto tutto.
    Comunque rosso diretto 2 giornate ossia Lazio e ovviamente ruuuuuuubeeeeeeeeee

  36. Pensieri sparsi…
    -Dio salvi Young, speriamo abbia i geni della regina e regni sulla fascia sx fino a 90 anni.
    -Moses spunti che fa ben sperare e debolezze che fan mal sperare, ma è esageratamente presto, da rivedere.
    -Esposito al posto di Sanchez in sostituzione a Lautaro, ma perché? Conte non ti complicare la vita che già è abbastanza difficile
    -Brozo INSOSTITUIBILE
    -Eriksen per ora ha il ritmo partita di Vanpeta. Dai ragazzo corri, te l’avran detto cosa trovavi da Conte, recupera la forma in fretta che qua si corre.

    E comunque lo ripeto per l’ennesima volta, io ho buona memoria di cosa sua stata l’Inter in campo in questi ultimi 10 anni, e questa è tutta un’altra cosa. Bravi ragazzi e Forza Inter!

  37. Ottima vittoria, nei tempi giusti per fare incazzare i competitor che sperano nel passo falso, ma contemporaneamente con un discreto margine per le nostre coronarie.
    Quello che è importante al di la delle prestazioni (Young una conferma, per gli altri due occorre più tempo) è l’importanza di avere comunque in campo una formazione temibile (che faccia più o meno bene) ma sopratutto in panca quei cambi che ti possono cambiare la partita, proprio se la prima stesura della squadra ha delle difficoltà.
    Questo è quello che voleva Conte, aumentare il tasso tecnico complessivo, poi si andrà sui singoli a migliorare.
    Da Brozoviciano della prima ora, dopo anni di accuse ( perde troppi palloni, è ondivago…) finalmente è lampante il fatto che in questa squadra sia indispensabile; col suo continuo andare e venire (sempre sui 12km a partita) tutti trovano un appoggio per lo scarico e la squadra riprende il possesso palla.

    …dimenticavo, JM

  38. Eriksen o non Eriksen (il giudizio rimane sospeso, come è giusto che sia per un giocatore aggiunto alla squadra meno di una settimana fa), quello che più manca alla squadra e che più rimpiango perché veramente in grado di cambiare il volto della squadra coi suoi lanci verticali smarcanti , è Sensi. Non vorrei che l’acquisto del danese fosse la conseguenza della constatazione dell’improbabile recupero di questo giocatore che, in coppia con Barella, uno più basso a dare una mano a Brozovic, l’altro più avanzato nel ruolo di raccordo con le punte , avrebbe potuto essere, nei piani di Conte, il grimaldello per aprire le difese ermetiche con cui le squadre anche minori presidiano la propria area. Il gioco asfittico a metà campo della nostra squadra, coi nostri difensori che nelle ripartenze trotterellano senza idee con retropassaggi inutili e fraseggi orizzontali, permettendo agli avversari prima di fare mucchio nella propria area e poi di lanciarsi in veloci contropiede, fortunatamente neutralizzati dalla pochezza delle loro punte e dalla bravura dei nostri difensori, è l’eredità peggiore degli anni passati che l’arrivo di Conte sembrava aver fatto dimenticare e che ieri per tutto il primo tempo si è manifestata di nuovo in maniera irritante. Un Eriksen che assumesse il ruolo che fu di Sensi prima dell’infortunio, di intelligente raccordo tra il centrocampo e le punte, sarebbe il toccasana del gioco inconsistente e improduttivo del primo tempo, nelle prossime partite che saranno decisive per gli obiettivi che sono tutti ancora lì, alla nostra portata, nonostante arbitri e incidenti imprevedibili.
    Buona settimana a tutti.

    • quoto del tutto scettico, anche se spero che Sensi abbia solo un appannamento e non qualcosa di strutturalmente più grave

  39. L’ultima volta che un presidente viola si è lamentato dopo è “andato a Canossa”…. ed è scoppiata calciopoli. Dai! Dai! Dai!

  40. adesso inizierà il massacro arbitrale per i Viola e per lui si apriranno tre strade e dovrà fare una scelta, abituarsi e subire in silenzio, lasciare, oppure coma detto sopra da Defjam andare a Canossa

    in queste tre situazioni convivono 19 squadre di serie A, noi facciamo parte della prima, noi abbiamo scelto la prima delle tre

  41. Da ieri sto ascoltando/leggendo robe incredibili da parte dei media prostituiti su commisso e gli arbitraggi pro-gobba. Ho appena avuto la malsana idea di sbirciare repubblica (eh lo so, a volte ci ricasco x abitudine, anni fa era anche un bel giornale…) e sono capitato su un articolo di quella viscida merda chiamata crosetti, titolo: “la forza dei campioni e gli inutili piagnistei contro gli arbitri”… solo una nuova calciopoli ci può salvare, ma se mai capitasse stavolta bisogna radiarli, altrimenti dopo qualche anno saremmo di nuovo punto a capo

    • quell’articolo di crosetti è vomitevole. la redazione sportiva di repubblica fa schifo, sempre di più

  42. e anche sarri adesso snocciola un sacco di numeri che dovrebbero, automaticamente, giustificare la vittoria. ci risiamo: al pallone si vince con i gol non con le altre minchiate da statistica del piffero. se i gol non li fai… pareggi o perdi, anche con tutte le altre voci a tuo favore.
    ma a voi i gol li fanno fare in ogni caso.

    e nedved dichiara che la juve non si lamenta mai degli arbitri.

    situazione kafkiana.
    e Aldo giustamente si chiedeva chi fosse questo Kafkia.

  43. Nicchi:

    “Gli arbitri Italiani sono disgustati da Commisso”

    Gli arbitri(Plurale)……messaggio forte e chiarissimo

    Questa frase fa paura, non si nascondono nenache, non li devi toccare, chiaro!

    Brividi

    Peggio di loro solo qualche Interista del tipo…si vero ma se non pareggiavi quelle partire eri cmq davanti…della serie basta vincerle tutte e 38 e vinci il campionato, semplice no

  44. Nicchi…. Come volevasi dimostrare.
    Conosco i miei polli…

  45. Oramai lo dico da mesi. Siamo nel 2004

  46. Sapete quali sono i migliori cani da riporto? Quelli che non bisogna nemmeno addestrare. Questi non hanno bisogno neanche della telefonata. Fanno tutto da soli. La prossima generazione sarà ancora peggio. Se andate tra i ragazzini di sette/otto anni, sono quasi tutti.. non riesco neanche a pronunciarlo. Tra di loro ci saranno gli arbitri di domani o credete che quando uno diventa arbitro si “spoglia” del tifo giovanile…

  47. Intanto, dopo CR7 e Dybala anche cicciopipita sfancula l’allenatore al cambio. Rimaniamo attaccati alla vetta con le unghie e con i denti che qualcosa di clamoroso potrebbe davvero succedere.

  48. io spero che la mondializzazione, i capitali esteri che investono nel calcio italiano, il declino della casa regnante (Gli Agnelli, ndr), portino ad una democratizzazione di questo disgraziato campionato di calcio.

  49. Ciao, intervengo per condividere con voi il ribrezzo per Nedved che non sopportavo già come giocatore ma che ora che è dirigente è riuscito a fare peggio diventando il portavoce della strafottenza dell’arroganza e della antisportività della dirigenza juventina. Che schifo

  50. Secondo me questa Lazio (che c’ha rotto er ca..) non avrà vita facile col Verona domani, e se anche ce la facessero lì riprendiamo quando vogliamo. Sempre Bjuve merda e soprattutto Merdved faccia di..

  51. In teoria il verona domani potrebbe fare turnover, visto che sabato gioca con la gobba (chissà come mai tutta sta fretta di anticipare al sabato proprio questa settimana? mah!) cmq amrabat è stato espulso (quindi squalificato) x un fallo simile, anche meno grave, di quello di donati su barella a lecce… ma se provate a fare questi discorsi con qualche gobbo, tira fuori invariabilmente il fallo di lautaro su toloi! ormai ha preso il posto del fuorigioco di maicon a siena, probabilmente passeranno altri 10 anni a parlarne mentre loro rubano a man bassa ogni settimana

  52. Dopo le parole di oggi dell’ex arbitro Boggi direi che diventa dura darci ancora dei complottisti….

    Evidentemente la storia, tra l’altro anche recente, non ha insegnato nulla

  53. speriamo… una bella calciopoli 2 non sarebbe male. con Conte a testimoniare. che figata.

    a proposito di Conte: avete visto che bella foto ad Appiano oggi?
    Conte Cambiasso e Zanetti…
    tre grandi cuori nerazzurri!!

  54. In che senso, Rubens?

  55. Oramai ho sviluppato un interesse “antropologico” per la figura dell’arbitro. Il tutto a scapito della partita. Il prossimo mese sarà da “versamenti di bile” se tutto va come da premesse. Dopo tanto, è il primo anno che rischiano seriamente di perderlo ed hanno schierato l’artiglieria pesante

  56. Io più che nella parte tecnica (allenatore e giocatori, che sono forti) spero in Marotta. Se qualcosa è umanamente fattibile, lui sa come si fa…

  57. Buongiorno.
    Modalità pensare male ON.
    La Lazio ha 4 giocatori diffidati, tra cui due pezzi da novanta (oltre a 2 infortunati e non a rischio cartellino).
    Potrebbero essere ammoniti stasera e tornare vergini per l’Inter oppure alla prossima e saltare così il big match.
    Oppure mai più, alla Chiellini o Bonucci, per intendersi.
    Cosa succederà?
    Anche da questo si potrebbe capire cosa tramano nella stanza dei bottoni.
    Modalità pensare male OFF

    A M A L A

    • Buongiorno,

      modalità più forti di tutto e di tutti

      ON

      Pensare a vincere, sempre, senza pensare ad altro, perché siamo l’Inter, perché siamo i più forti, perché siamo da troppo tempo a secco, perché se buchi nella rosa c’erano sono stati tappati.
      Positivi nella settimana del derby.
      Forza Verona stasera, anche senza Ambarabat ciccì coccò sono tosti, non credo che stasera i romanacci passeggeranno.

      Buona giornata a tutti e

      SEMPRE JM

  58. Spalletti diventerà un altro “Gasperini”. Non riescono a fare a meno di parlare della nostra Inter. Sono stati lasciati da una “donna bellissima”.

  59. forza Verona
    2 punti fra oggi e domenica sarebbero ben accetti

  60. Magari……..ma mi sembra chiedere troppo.
    Mi accontenterei di 1.
    Indifferente quando.
    In entrambi i casi troverei il lato positivo.

    A M A L A

  61. Tifosi della squadra di torino,troll o non troll, stanno occupando ogni blog,personalnente seguo quelli interisti, seguendo il trend degli organi di “informazione” tradizionali. Sono come i piccoli dei cuculi, buttano fuori dal nido i legittimi occupanti. Non se né può più.

  62. Grande Verona!!!

    Grazie, grazie, grazie!!

    AMALA!

  63. Non crediate, stolti compagni di fede, che il pareggio della Lazio sia merito dei nostri auspici. La Lazio ha pareggiato perché faceva comodo alla Juve. Fosse stato per noi avrebbe segnato al95.

  64. Il punto, il Verona, lo ha fatto!

    Ora, siccome l’appetito vien mangiando, quasi quasi mi associo all’auspicio di nauseato.

    rube merda

    A M A L A

  65. Ora un bel giallo a Ciro nella partita col Parma.
    Che sarà mai!

    A M A L A

  66. É andata come da auspicio stamattina, grazie gialloblù, bel lavoro,

  67. visti su fc inter, troppo forti eriksen e mosse a cantare sulla sedia col resto della squadra :-))))) buona g e sempre JM

  68. moses fottutissimo t9..

  69. Anch’io ringrazio l’Hellas… si ripartirà con 3 squadre in 4 punti. Gli scontri diretti potrebbero risultare decisivi…

    Noi li avremo entrambe in trasferta, la Lazio uno dentro ed uno fuori, i goBBi li giocheranno tutti e due in casa…

    Ladri e fortunati

  70. giardinero giochiamo meglio fuori che in casa, ho fiducia

  71. Concordo con Lothar.

    Lo dice la statistica…..

    A M A L A

  72. Marasca per il derby.
    Giusto; per una gara con le piccole non mandano un arbitro di primo piano.

    A M A L A

  73. Maresca, ovviamente.
    Maledetto T9 (cit)

  74. Non era “fottutissime tastierine”? 😉

    • Si. Giusto.
      Ma vale anche “fottutissimo t9” , e persino “fottutissimo correttore” è ammesso. Tale esclamazione, sia pure poco diffusa, appare in alcuni scritti in età tardo-barocca.
      Come osserva argutamente il Cerbertini (Guidobaldo Maria Cerbertini “Parliamo di calcio perché la gnocca scarseggia”, ediz. Da Costa, 1968), la frase esplica il proprio forte effetto di disappunto in costanza di errore nel voler significare ad alcuno cosa diversa dal digitato (“Ci si vede all’otto”, lesse sul display il buon Gusberti dall’amico Fruzzetti, salvo poi attenderlo invano fin oltre le 10,40 e scoprire mesi dopo che il Fruzzetti aveva inteso indicare il botteghino-ricevitoria della Nella, procace titolare, per riscuotere poi da solo una fortunata quaterna, giocata assieme al Gusberti ma dilapidata in fretta con diverse signore compiacenti…

    • Mitico Giorgio!

    • Grazie, Denny, ma non ho alcun merito.
      Il merito ( e la titolarità ) va interamente al compianto architetto Marchetti, autore/padre del celeberrimo Borzacchini. Io ne ho solo scimmiottato maldestramente lo stile…

  75. Condivido un tweet che mi ha fatto troppo ridere (scusate ho dovuto aggiungere un po’ di spazi se no il commento era filtrato) https: // mobile.twitter.com / Mimmone1980 / status / 1225392987460513792

  76. Buongiorno.
    Ma che è successo?
    Tutti in ritiro spirituale o affranti per la rometta (toh, Spinazzola non gioca più)?

    – 1 al derby in salsa danese

    A M A L A

  77. Salvo torti plateali, secondo me anche oggi il pane al Bentegodi sarà molto duro da masticare, anche per la checca fresca di Sanremo. Amrabat ciccí cocco, gliela metti nel?..

  78. Inter – Milan 0-2

    ‘notte

  79. Inter – Milan 0-2

    ‘notte

  80. Meritati applausi a Fortebraccio!

  81. Applausi ai panettieri di Verona!!!!! Eh eh…

  82. si chiedevano 2 punti su 6 al VR
    che si fa, incartiamo i 4 ?

  83. Partita di Verona falsata dal primo gol annullato all’Hellas. Ma stavolta ci hanno rimesso proprio loro. Magari se andavano sotto la ribaltavano, invece così non l’hanno nemmeno pareggiata, nemmeno al 102esimo minuto del regalato recupero

  84. Infatti… le hanno provate tutte anche stasera: gol pazzesco annullato all’Hellas e un tempo supplementare per farli recuperare…

    Fortunatamente, l’Hellas è in uno stato di grazia tale, da essere più forte anche delle ingiustizie…

    Ed ora il derby… per riveder le stelle!

  85. GODIMENTO TOTALE ! ! !

  86. Devo scusarmi con chi aveva ipotizzato due punti del Verona.
    Io mi sarei accontentato di uno, davvero.

    E ne hanno fatti quattro.

    Mitici.

    Ora tocca a noi non sciupare il regalo che ci è stato cortesemente impacchettato!

    A M A L A

  87. Non è successo nulla di che. Neanche a parlarne. Meno male che c’è Fortebraccio.

  88. Considerazioni sparse alle soglie del Derby. Siamo ormai “alle porte coi sassi”, nel senso che le prossime tre partite saranno probabilmente decisive per le sorti della nostra stagione almeno in due dei tre tornei, il campionato e la Coppa Italia. Superare senza danni le due partite di campionato vorrebbe dire mettere almeno la punta di un piede sullo scudetto, e vincere contro il Napoli con discreto margine assicurarsi una buona metà della Coppetta. Tutte cose facili a dirsi, ma difficili a farsi, non impossibili: il Derby è sempre una partita ad altissimo rischio, indipendentemente dalle posizioni in classifica, la partita dell’Olimpico, nella tana dei nostri più accreditati concorrenti, può darci le ali per spiccare il volo o toglierci di mezzo dalla corsa finale. Infine, il Napoli, rigenerato dalla cura Gattuso, sarà un ostacolo molto più impegnativo di quello facilmente superato qualche mese fa. Eppure non mancano, in mezzo a queste obiettive difficoltà, motivi di speranza e di fiducia: il Milan, per superare il netto divario qualitativo che esiste tra il nostro gioco e il loro, dovrebbe affidarsi ad un giocatore come Ibra, non in perfette condizioni fisiche e molto meno mobile e decisivo di un tempo. La Lazio e il Napoli, due squadre ritenute a lungo in possesso di giocatori e di un gioco qualitativamente superiori a quelli della nostra, hanno mostrato, la Lazio nelle partite più recenti in casa con la Roma e col Verona, e il Napoli per tutto il girone di andata, se aggredite con manovre veloci e ficcanti, come la nostra squadra è solita usare in trasferta, di essere tutt’altro che imperforabili. Infine, il recente mercato e il rientro in squadra di giocatori a lungo assenti ma fondamentali, garantiscono alla nostra squadra quei ricambi indispensabili per superare senza eccessivi danni partite molto ravvicinate come quelle decisive che stiamo per affrontare. Rimarrebbe da parlare dei torinesi. Che dire, dopo la partita di ieri sera? A me è parsa una squadra in balia degli avversari, lenta e facilmente superata da giocatori che pure avevano giocato tre giorni prima, che si affida a un fuoriclasse, ma il resto senza idee e gioco da squadra superiore, quasi disimpegnata , forse perché i loro obiettivi sono rivolti altrove. Insomma, a mio parere, la peggior Juve da otto anni a questa parte. Forse è troppo presto per dirlo. Facciamo gli scongiuri. Ma, se non ora, quando?…

    • Se aretino tu sei, al portamento scritto, alla figura, io Scettico in te ravviso, prole di Inter…
      È – che mi sia sbagliato o no – smetto di fare Nausicaa e ritorno nella mia bat-caverna…

    • O Tosco
      che per la città del foco
      vivo ten vai così parlando onesto,
      piacciati di restare in questo BLOGO.

      La tua loquela ti fa manifesto
      di quella nobil patria natio
      a la qual
      IL BIANCONERO stendardo
      SEMPRE FU troppo molesto.

      (Anonimo in lingua volgare del XXI secolo)

  89. Una volta tanto il verona mi sta simpatico 🙂 ora tutti i leccaculo si stanno affannando a dire “avete visto che hanno dato il rigore contro la gobba?” come se fosse una cosa strana, no cari miei il rigore c’era ed è stato normalissimo darlo, rimane che hanno già rubato tot punti con gli episodi precedenti tipo mani di de ligt etc. (anche se vogliono far passare come scandalo l’ormai mitico fallo di lautaro con l’atalanta) e stasera vediamo come va, mi aspetto già favori pro-milan…
    P.S. bentornato fortebraccio!

  90. Buongiorno a tutti.

    In attesa della serata alla Scala, io direi che un forza Parma ci stia comunque bene!

    A M A L A

  91. Quando perde la Juve.

    Quando perde la Juve la mattina dopo ti risvegli col sole

    Quando perde la Juve ti sembra che in fondo ( molto in fondo) esista una giustizia.

    Quando perde la Juve ti sembra che ognuno abbia fatto il suo dovere

    Quando perde la Juve ti sembra di abitare in un posto dove buongiorno vuol dire buongiorno( cit. zavattini)

  92. Un applauso a Flavio Mucci per l’idea

    di mettere in poesia il lieto evento :-)))))

  93. Quando perde la ..ve
    meglio maturano le uve

    Quando perde la gobba
    anche in carcere é più buona la sbobba

    Quando perdoni i ladri si
    si dipingon dei bei quadri

    Quando cadono i maiali
    la mia gioia non ha eguali!!!!!!

    • Attenzione alla vocale e dall’accento tonico:

      “pérdonO” e non “perdÓnI”.

      Comprende importanza???

  94. Giorgio, hai buon fiuto… In genere son pessimo astrologo. Ho cambiato il mio nickname con uno che in genere mi porta bene, cercando di ingannare la fortuna, come fa Fortebraccio rovesciando i suoi numeri. Piuttosto che ciò che penso ho narrato ciò che spero. Ma perché poi negarsi alla speranza? Avanti avanti veloce destriero…

  95. Era ovviamente PERDONO i ladri, fott××××××mo t 9eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  96. quando mandi Dimarco a Verona… e quelli ti vanno a risuolare la juve.
    Avrà esultato da scaligero o da cuore nerazzurro?

  97. Quando perdono quelli mi ritorna voglia di tornare a guardare e parlare di calcio.

    Ho visto 15 minuti di Parma -Lazio e sono rimasto folgorato da Luis Alberto, non so se gioca sempre cosi, ma per quel poco che ho visto tanta roba, salta l’uomo con facilita’ e piazza assist a ripetizione.

  98. Non ci stiamo capendo un tubo…. Giriamo a vuoto….. e facciamo sembrare il Milan il Barcellona… Per fortuna non sono efficaci in attacco..

  99. Questo non ci voleva

  100. Ma come caspio si fa…Non sono proprio scesi in campo.

  101. Primo tempo pessimo, non ci stiamo capendo niente, ma devo dire che padelli sui 2 goal male male… con handanovic eravamo ancora 0-0

  102. male male male ma come porta sfiga Godin mi sembra efficacissimo

  103. Disastro Inter, partita inguardabile…

    BBilan meritatamente in vantaggio, 2 gol, un palo, noi non la prendiamo mai…

    Spero in un calo, i cugini hanno corso tantissimo

  104. Non riesco a crederci. Non è possibile.

  105. La riprende VECINOOOOOO

  106. AAAAAHHHHHHHHAAAAAAAAAAAAA

  107. Siamo na squadra de matti

  108. Non ci credevo prima.
    Non ci credo ora.
    Non ho parole…no, non ce la faccio
    AMALA
    🙂

  109. Il BBilan crolla nella ripresa e l’Inter vince un derby epico!

    GoBBi raggiunti

    AMALA

  110. AAAAAHHHHHHHHHHHH

  111. Nello notte degli Oscar primo premio al regista che ha sceneggiato questo derby.

  112. “Incredibile amici!” (cit.) mi ha ricordato un vecchio derby credo del 2004 dove vincevamo 2-0 e finimmo x perdere 2-3 con goal finale di seedorf che era appena passato da loro… cmq siamo primi e questa partita credo ci possa dare una spinta anche emotiva importantissima… e andiamo!

  113. Non posso scordare come non abbiamo giocato il primo tempo, come Francesco 70 non potevo credere ai miei occhi , stavamo riuscendo a far resuscitare addirittura il caprone svedese e no.. Non era possibile. Alla fine vinta una partita folle, come in effetti un derby é spesso destinato ad essere. Prima della partita ero certo che i 19 punti di differenza si sarebbero notati subito, e invece, un par di palle. Alla fine comunque, vincere così é bellissimo, Barella secondo me su tutti, fenomeno, e se quella stupenda punizione di Eriksen fosse entrata darebbe venuto giù S.Siro!! Gobbi presi, avanti così adesso, ricominciamo da questo 2 tempo

  114. …e sempre JM !

  115. Io proseguo nella mia personale campagna a favore dei corner battuti sul dischetto del rigore: quando la palla cade lì… è gol.

  116. Dawide +1

    Aggiungo una cosa che mi é piaciuta tantissimo, ed é Steven che alla fine cantava oee oee oee oeeeee , Inteeeer,
    con autentico entusiasmo, FORZA INTER!!!!!

  117. C’e solo l’Inter

  118. Non ci sto dentro piu’

  119. Dato che non riesco ad addormentarmi, guardo la domenica sportiva (va be’ non mi dite niente) e scopro che c’era un rigore assurdo non dato al parma contro la lazio (sono distratto o non ne avevano parlato?) casarin dice che la nuova direttiva agli arbitri è “se avete visto bene non andate al var”… penso alle prossime partite, soprattutto la trasferta nel merda stadium, e rabbrividisco

  120. Dato che l’insonnia continua, scopro che l’ajax vuole chiedere un po’ di milioni di danni a rocchi per l’arbitraggio della partita di champions col chelsea finita 4-4 lo scorso novembre. Non metto link perché il commento verrebbe filtrato, ma si trovano facilmente (ovviamente su siti non italiani). Ne avevate sentito parlare? Strano, vero?

  121. Neanche io ci riesco, adrenalina a palla

    E pensa che oltre al rigore, giallo per Acerbi che sarebbe stato squalificato contro di noi

    La.cosa davvero strana e’ che non sono andati al var

    Detto cio e’ un fine settimana troppo bello e

    Evviva l’Inter!

    • In compenso è stato ammonito skriniar e sarà squalificato lui… sono fatto male ma non riesco neanche a godermi questa vittoria, sono preoccupato (e incazzato) per quello che sta succedendo, dovremo essere davvero più forti di tutto se vogliamo sperare di poter vincere

  122. Hai perfettamente ragione e temo anche io che ci sara’ da avvelenarsi non poco andando avanti ma dopo Verona-gobbi 2-1 ribaltati negli ultimi minuti e vittoria nel derby dove eri sotto 2-0 e vinci 4-2 si deve godere

    Un fine settimana fantastico, dal trionfo dell’Interista Amadeus al derby , soffia forte il vento neroazzurro che speriamo abbia la forza di spazzare tutti

    Evviva l’Inter

  123. … trionfo di Fiorello, nerazzurro

  124. Buongiorno a tutti.
    Scarpini ha detto che Scrigno entra in diffida, quarto cartellino.
    Non dovrebbe essere squalificato per la lazie.
    Poi, potremmo esserci sbagliati, lui ed io.

    A M A L A

  125. l’allenatore dei pulcini, che difficilmente aveva seguito i corsi a Coverciano, ti diceva 3 cose:
    1) quello che marchi tu devi seguirlo anche se va a fare la pipí
    2) il fuori lo devi battere sempre avanti, mai indietro
    3) il corner lo devi battere là sul dischetto del rigore. quelli da sinistra li batti te che sei mancino e quelli da destra li batte lui che è dritto… se no il pallone va in bocca al portiere.

  126. ovviamente te lo diceva in dialetto