Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Gold (tata-tata tata-tata)

spandau5

La stagione 1984-85 è stata una vera merda, a tutti i livelli. Juve e Milan facevano ca-ca-re e potevamo vincere il campionato con una gamba sola. Chi ce li aveva davanti Spillo e Kalle, santa madonna, chi? Arriviamo a Natale che siamo lì per dare il colpo di grazia, ma dopo le vacanze andiamo in pappa. Una bella serie positiva di 9 partite, sì, però con 7 pareggi. Gli altri corrono e noi sembriamo sul rullo. Nel mentre, non bastasse l’Inter, a fine febbraio – porca troia – , parto per il militare. Mi ricordo ancora la prima domenica in caserma, 0-0 a Como, una roba che non saprei descrivere, cioè, non è che fossi al settimo cielo, e questi pareggiano 0-0 a Como e fanno vincere il campionato al Verona?

In effetti andò così.

Non pago, durante la primavera 1985, con lo scudetto che svaniva e col Real che ci eliminava in Uefa, comprai un lp degli Spandau Ballet, Parade, ed è stato per festeggiare questo trentennale (30 anni!) (cazzo!) che mi sono recato nei giorni scorsi al Forum di Assago per assistere al concerto dei suddetti, che qualche anno fa – dopo essersi odiati e fatti causa e massacrati e spolpati per un quindicennio – si sono rimessi insieme. Vabbe’, ci sono andato anche per amore, perchè non è che sono un balùba che legge la Gazza e canta Pazza Inter e si gratta il culo in pubblico. Cioè, ho dei sentimenti.

spandau3

A cui mi aggrappo quando esco dal casello e mi infilo in una fottuta coda di due km per 40 minuti di percorrenza, manco fosse la finale di Champion, e no, era il concerto degli Spandau, ma io dico, arrivate tutti all’unisono? Ma siccome non sono un balùba, ero partito con  largo anticipo e così  entro al Forum tanto rilassato e in una tale serenità (manca mezz’ora all’inizio) che prendo una decisione saggia e lungimirante:

“Cara, mi attarderei un momento a mingere”.

Mi fiondo così al cesso. Non so se siete pratici del Forum, ma voi uscite dagli spalti e andate nell’anello centrale e lo percorrete per chilometri e trovate una teoria di cessi. Cesso uomo, cesso donna, cesso uomo, cesso donna. Fuori c’è l’insegna con l’uomo per il cesso uomo, e l’uomo con la gonna per il cesso donna. Funziona così dappertutto, anche al Forum.Però  vedo che dovunque – cesso uomo e cesso donna – in coda ci sono solo donne.

“Scusi – faccio a uno steward – dove cazzo di budda sono i cessi uomo? Io vedo solo donne, anche davanti al cesso uomo. Sono disorientato, e tra l’altro mi scappa da pisciare”.

Al che lo steward, una specie di tossico in giacca e cravatta, mi guarda e mi fa:

“Amico mio, non vedi quanta figa c’è a questa merda di concerto dei Duran Pallett? Alle donne non bastano i cessi donna, quindi possono mettersi in coda anche ai cessi uomo. E’ la legge dei grandi numeri”.

“Grazie. Quindi, ricapitolando, dove posso orinare?”

“Nel cesso uomo, ma troverai anche donne. L’importante è che non caghi il cazzo?”

“Alle donne?”

“No, a me”.

Mi metto in coda quindi a un cesso uomo con diverse donne in coda davanti a me e ad altri uomini perplessi. Non so se siete pratici del Forum, ma i cessi uomo sono composti da due cessi chiusi e da cinque o sei orinatoi (standing pissing). A un certo punto tre donne bloccano la fila, aspettando che si liberino i due cessi chiusi. Nel frattempo la fila si ingrossa allo stesso ritmo della vescica di alcuni uomini poco pazienti che si chiedono perchè cazzo quelle tre beghine sono lì a chiacchierare sulla porta e bloccano venti uomi desiderosi di liberarsi di liquido organico.

Si aprono i cessi chiusi, le donne entrano e i maschi scalano. Davanti a me ho un ragioniere molto polite che esita a entrare, al che io mi affaccio e vedo sei pisciatoi liberi.

“Scusa amico, ma sono rotti?”.

“Mah, veramente io…”

“Ma cazzo, ma c’erano diciotto pisciatoi liberi!”, fa uno dietro di me. E un altro, che entra slacciandosi la patta: “Donne di merda!”

spandau1

Espletato il bisognino, mi assiepo sugli spalti. E’ un pubblico bellissimo, composto per il 70% da donne tra i 40 e i 55, per il 29% da uomini che accompagnano le suddette e per un 1% da alcune giovanissime, alcuni bambini, alcune settantenni e da Paolo Di Canio, che mi passa a un metro e io vorrei stringerli la mano nonostante le sue idee politiche a destra di Pol Pot, ma ha in mano birra e pop corn e manco glielo chiedo, peccato, io un selfie con Di Canio l’avrei fatto.

spandau6

Inizia il concerto tra gridolini di estasi. Il primo pezzo è seminuovo, il secondo invece è dei vecchi tempi, Higly Strung,  e si cominciano a vedere scene impressionanti, madri di famiglie e donne con incarichi importanti che cadono in deliquio e urlano come assatanate

“Taaaaaaaaaanyyyyyyyyyyyyyyyyyyy”

nonostante Tony pesi 40 kg più dei magici anni Ottanta. Il concerto scivola via  piacevole, gli Spandau sono invecchiati ma non sono scoppiati. Provo un momento di delusione quando Tony e Gary fanno una breve versione acustica di Gold, e io tra me e me dico: “Ma che cazzo, io volevo sentire la versione vera, Gold! ta-ta ta-ta ta-ta ta-ta, Steve Norman che suona i bonghi, e che cazzo Tony, cos’è questa mosceria, non sono mica una ex-sciacquetta come queste qui, non mi puoi abbindolare, ho addirittura difeso il cesso uomo da decine di donne per essere qui”.

spandau4

Il climax sale, a ogni pezzo dei vecchi tempi viene giù il Forum e dagli spalti cadono oggetti inquietanti: reggiseni, kit per il trucco, kit per il botox, un test di gravidanza e un referto di una ecografia transvaginale. Il reggiseno, dopo alcuni passaggi, arriva a Tony che lo appende alla batteria di quel bifolco di cui non ricordo mai il nome. Quando cantano True, i loro volti appaiono sul maxischermo e sono volti rilassati, compiaciuti, contenti. Anvedi, gli Spandau sono diventati simpatici con l’età, e questi inglesotti avviati alla sessantina fanno il loro lavoro con onestà e passione, sembrano quei vecchi campioni che hanno perso lo scatto ma non la tecnica, e nemmeno la voce, Tony, però fai un fioretto, mangia meno, bevi meno, qui siamo tutti preoccupati per te. E prima della fine mi fanno anche la vera Gold, ta-ta ta-ta ta-ta ta-ta, grazie, c’ero rimasto così male, evvvvaaaai, uhhhhhhhhh, Taaaaaaaaaaanyyyyy.

“Non stai bene?”

“No scusa, ho avuto un attimo di debolezza”.

Poi tornano per i bis, Through the barricades, uhhhhhhhhhhh, alla fine hanno suonato due ore piene, no, per dire, le fregature le ho prese in altre occasioni, mica dai miei amiconi Spandau. Fine, applausi, arrivederci e grazie. Mi reco al parcheggio sotto una leggera pioggia e immerso in un serpentone di gente serena. Ah, c’era coda ai cessi anche dopo il concerto: quando c’è molta figa e molta gente di una certa età bisogna rinforzare i cessi, io spero che al Forum abbiano  preso nota. E’ così che ci presentiamo all’Expo?

spandau2

share on facebook share on twitter

112 commenti

  1. Primo…
    un bel tuffo nel passato

  2. Secondo. Come la Roma. O il Napoli? O la Lazio?

  3. Ma tu alla fine l’hai fatta nell’orinatoio oppure nel cesso chiuso?
    😉

  4. e un esamino alla prostata lo vogliamo fare?

  5. ma red ronnie è ovunque?

  6. E si!
    Il progressimo aumento dell’età media della popolazione porterà sempre di più ad un allungamento delle code nei bagni delle strutture pubbliche.
    Una delle mie poche soddisfazioni di questa vita da maschio che tira la carretta è sempre stato negli autogrill il fiondarmi nei bagni semivuoti dei maschi quando la fila di quelli delle donne arrivava fino allo scaffale delle patatine e dei ritz.

    p.s. Siamo forse tra le prime generazioni che hanno uno scollamento deciso tra spirito e corpo, fatichiamo a riconoscere i nostri 16 anni se passiamo davanti ad uno specchio

  7. Paolo di canio no. MI perdi millemilioni di punti.

  8. no, dico, ma mingere prima?
    anche nel parcheggio del forum, diobono, voi maschi potete …
    e poi, effettivamente, se non reggi quelle due/tre orette …

    ahhh, gli spandau …
    (cmq anche quei buzzurri dei duran duran non se la passano male a voce e stile ancora adesso)

  9. Un tuffo nei mitici anni ’80. Gli anni della guerra dell’audience, della Milano da bere, dell’Inter mediocre coi conti a posto (ma allora non fregava niente a nessuno), dei Duran Duran e degli Spandau Ballet, di Dive in, di Craxi presidente del Consiglio e della balena bianca.

    Ma i ragazzi di oggi, fra una trentina d’anni andranno a vedere i concerti di Tiziano Ferro?

  10. volevo dire “Drive in” (fottuta tastiera…).

    PS: noto che con l’ora legale anche l’orologio Settoriano è a posto.

  11. “Ci sono due modi di tornare dal campo di battaglia: con la testa del nemico, o senza la propria” (P. Di Canio)
    Le sue idee politiche son fatti solo suoi. A me, uno come Di Canio, all’Inter non avrebbe fatto schifo.

  12. Quello che di lui mi dava effettivamente fastidio era la paraculaggine verso la parte peggiore degli ultras laziali, più che il tatuaggio del capoccione sul braccio.

  13. paolodicanio a testa in giù

    detto questo, tagliamo corto

    https://www.youtube.com/watch?v=pjUyVDkS2w0

    Settore questa l’hanno fatta?

  14. D’accordo con tagnin,

    io con di canio mi farei immortalare in foto solo col pugno chiuso,

    O per gesto politico o per sfasciargli il muso.

    Quanto ai Ballet, con questa tournée almeno mi spiego la comparsata a San Remo…

  15. Prisco simpatizzava per il “mis”.
    Questo non cambia di una virgola la mia considerazione su di lui.

    Fatte le debite (stradebite) proporzioni, il fatto che il Paolo di Quarticciolo abbia idee politiche che mi ripugnano abbastanza, non vedo come per questo debba volergli sfasciare il muso.

  16. È solo un modo dire; l’atteggiamento mio nei confronti di uno così sarebbe tutt’altro che amichevole.

    Il braccio teso a ogni gol è un insulto a tutti i cittadini italiani che per colpa dei suoi compianti hanno perso qualcuno.
    Oltre che alla legge italiana, dal momento che lo vieterebbe.

    Comunque, non è (più) questa la sede per questi discorsi, volevo solo puntualizzare il commento precedente visto che era già in aria di pooimiche.

  17. a me sto post più che a far tornare in mente gli spandau, per cui simpatizzavo contro i più celebrati duran (la sindrome degli indiani – parteggiare sempre per i più deboli) mi ha fatto venire in mente la trasferta al bentegodi con mio zio.

    stadio anni’80, seduto sulla ringhiera con persone in ogni dove. tutti accalcati uno addosso all’altro su scale,muretti,ringhiere. dodicenne con fascetta anti sudore dell’INTER in fronte e polsino neroazzurro guardato malissimo dai miei buzzurri vicini di ringhiera….che tempi

    forse veramente si stava meglio quando si stava peggio

  18. Bel concerto, li ho visti sabato sera a Firenze; per fortuna non c’era Di Canio. Un tuffo indietro di 30 anni…
    Per Tagnin: sì, quel pezzo l’hanno fatto.
    Forza Inter.

  19. La mia generation stava tra Genesis e Yes.
    No per dire.

    Dico Genesis con Peter Gabriel eh!
    Non quella ciofeca dopo con P. Collins!

    A me comunque piacevano molto anche gli Yes.

    Gli Spandau lasciamo perdere, però mi erano più simpatici degli odiosi Duran.
    E di Paolo Di Canio.

    Detto questo
    Forza Inter
    e Juve merda!

  20. Parlando di donne in la con gli anni con gli ormoni impazziti, rammento la volta in cui mia sorella e le sue amiche si organizzarono per il concerto di Ricky Martin portandosi un po’ di madri.
    A me toccò di andare a riprenderle.
    Una volta giunto a destinazione scoprii che l’idea di portarsi le “vecchie” non fu solo di mia sorella e delle sue amiche, ed all’uscita assistetti ad uno sciamare bigenerazionale.
    Quello che sentii uscire sulle chiappe dello sculettante artista dalla bocca di quelle distinte signore ha tormentato i miei sonni a lungo!

  21. Anche se non mi hanno mai scaldato il cuore gli Spandau a mio avviso sono meglio dei più celebrati Duran. E , visto che siamo in tema, auguri a Clapton che oggi compie 70 anni….lui si mitico slowhand!
    Su Di Canio quoto 100% wolf!!!!

  22. A parte le fagiane ruspanti e l’Inter, un pezzo importante della felicità giovanile veniva dalla Musica (maiuscolo), quindi anche Spandau, ma soprattutto Genesis, Yes, King Crimson, Emerson Lake & Palmer, Who, Deep Purple, Jimmy Hendrix, Janis Joplin, The Doors, e (sigh) una montagna di altri mostri del genere, e ne ometto una tonnellata…
    Ho tristezza per le generazioni attuali, che vanno a rimorchio dei rap di jovanotti e di quelli di J Ax, quando sfuggono ai gorgheggi di quella retrocessa della pausini…
    Qualche roba decente c’è, ma è lavoro da speleologi con lanternino ma a milioni di anni luce dai mostri di prima.

    E’ da queste cose che capisco che mi sto avviando a diventare vecchio.

    Quando si guarda al passato con più rimpianto di quanta speranza si riponga nel futuro.

    .
    Forza Inter, anche se non c’entra niente (?!).
    .

    • Tutto vero, mi sento solo di rincuorarti sul fatto che le nuove generazioni con un briciolo di sale in zucca pescano la loro musica fra gli anni ’60 e metà ’90.

      Poi gli amanti di calcio come me quando girano in auto si sintonizzano su radio sportiva, e dunque le merdate odierne non le incrociamo nemmeno per sbaglio.

      E a proposito di sportiva, visto che siamo in post a tema “amarcord”

      oggi verso la mezza si è collegato al telefono Checco Moriero, che faceva gli anni. Ci ha riportati indietro di 18 anni suppergiú e..
      Cazzo che nostalgia.
      Invero le pippe non mancavano manco all’epoca, ma in compenso di campioni se ne vedevano a pacchi, per quanto anche uno Zamorano o un djorkaeff -grandi campioni- apparivano giocatori qualsiasi di fronte al Luis Nazario da lima del 97 98.

      Lo stesso Moriero era un ottimo giocatore, non fosse per quel vizietto di fare il Venezia e non passarla mai. Ma le sue rovesciate le ricordo come se le avesse piazzate ieri.

      Più in generale la A era di ben altro profilo, per quanto già all’epoca marcia come proprio quell’anno abbiamo avuto modo di certificare sulla nostra pelle (e non solo per Ceccarini, la juve arrivò a quella partita che aveva già in tasca una 10ina di punti timbrata dagli arbitri)

    • Mi pare di capire che anche a te piace il rock progressive.

      Condivido.

  23. Wolf,
    sono d’accordissimo sulla ricerca della musica 60-90 che fanno quelli cui è rimasto un pò di sale in zucca, dopo le lavande cerebrali delle tv del nano, tra milf alla defilippi e le varie sciacquette e barbare d’urso varie.

    Io parlavo dei coetanei, però, quelli che ti fanno pensare: “cazzo, ha la mia età, e senti che sound divino che tira fuori” e correvi a comprare una Gibson Les Paul, o un Fender Jazz Bass, o anche semplicemente a fare vocalizzi dopo aver bevuto whiskey e fumato tutto quello che apparteneva al mondo vegetale, fino ad urlare come un ossesso, facendo il refrain di “Careful with that axe, Eugene” (Ummagumma, dei mitici Pink Floyd, quando erano ancora una pop-band…sigh).

    Adesso puoi pescare i ritmi ed il calore di Gloria Gaynor che ti dice “I love you, babe”, ma la nipote di Gloria è più vecchia di te che ascolti, e allora che cazzo ti identifichi… hai per coetanei i marcocarta, i valerioscanu (…conato di vomito) che al confronto te pare na roba de lusso pure Lorenzo Jovanotti e ti deprimi…

    Je se deve da stà vicino, a sti pischelli de oggi.
    La depressione (per quelli che capiscono) è dietro l’angolo.
    Meglio, paradosso, se nun capiscono un cazzo di musica, e si vedono a nastro le repliche di amicidiquellamilfdemariadefilippi.
    Soffrono meno, ma c’è il rischio che te escono pure gobbi, o riommanisti o daalazie, che qua càpita tutti i giorni.

    Bah, che papiro, e che tuffo nel passato.
    Robè, ma li mortè…
    🙂

    • prima di andare in sterile polemica strisscio con un nick all’uopo…
      per favore Este dimmi 5 non di prog che apprezzi…

  24. Mi sento di affermare categoricamente che chi era ragazzo (come me) negli anni ’70 ha avuto la fortuna di godersi la piú bella musica mai venuta fuori per un ragazzo.

    • …e la ripetizione della parola ragazzo (senza volerlo) dà l’idea dello stato d’animo. Mannaggia la miseria…!

  25. E chi può darti torto, ragionevolmente?
    In fin dei conti basta riflettere sul fatto che, remixati o meno, se vuoi riempire una pista da ballo basta che spari un pò di quella robina che ha fatto da colonna sonora alla nostra pubertà.

    Gloria Gaynor, Donna Summer, Bee Gees, Village People, Barry White, Amii Stewart, Thelma Houston, i Commodores del mitico Lionel Ritchie, Chic, E.L.O., Earth wind & fire, kool&the gang, Survivor, KC and the Sunshine Band… continuando per due ore a scrivere, ne scorderei altri 1000.

    Oggi fai fatica a trovarne 20.

    Diceva Confucio: quando apri la bocca, sii sicuro che ciò che ne esce valga più del silenzio che hai interrotto.

    Dovrebbe valere anche per la musica.

  26. per chi fosse ancora in fase “nostalgia dei magici anni ’80” segnalo un party a tema all’hiroshima mon amour, sabato 4 aprile a torino:

    LET’s DANCE 80 PARTY

    https://www.facebook.com/events/1568699610035345

  27. I Pink Floyd una pop band?
    E proprio ai tempi di Ummagumma?
    Quando cioè erano al massimo del progressive e del lisergico?!
    Certo, ammetto che all’epoca il termine pop aveva tutto un altro senso.
    Però mi sembra sempre un po’ riduttivo per quei Pink Floyd lì.

    • Beh, io personalmente sono d’accordo con la tua definizione. Progressive e lisergico rendono bene lo stato della band all’epoca, ma mi riferivo alla frase con la quale Richard “Rick” Wright esordì alla presentazione di ‘Dark side of the moon’: “We are no longer a pop-band”.
      Per brevità, ritengo, più che per effettiva dichiarazione di appartenenza.

  28. Gli anni ’80 sono una specie di catastrofe, musicalmente parlando.
    E’ come paragonare l’Inter di adesso con quella triplettata.

    Insomma, a parte qualche grande gruppo come Clash, Police, Tolking Heads, peraltro nati alla fine dei ’70 o giù di li, il resto è poca roba.

    Però mi piacevano molto Ultravox Devo e Ramones.

  29. Eh no, ragazzi, in quegli anni si ascoltavano i Clash (the only band that mattered). Si tiravano poi molte legnate a quelli (dalle dubbie propensioni politiche) che si invaghivano di smidollati come Duran e Spandau. Forza Inter, sempre e comunque.

  30. Beh i Clash grandissimi.
    Joe Strammer numero 1!

  31. Tutto giusto, però …
    i Metallica, cazzo!

  32. depeche mode

    that’s it

  33. I Depeche erano ammessi, con qualche riserva. Sul finire del 1986, all’uscita di un loro memorabile concerto all’allora Palatrussardi, uno dei più intransigenti tra noi (faceva il batterista) si voltò verso gli altri con aria cogitabonda e sentenziò: “Sì…. Però non sudano”. L’elettronica ha sempre fatto storia a sé. Vado ancora a sentirli qualche volta e tengono benissimo.

  34. la forza dei depeche è la loro contemporaneità che ha attraversato 30 anni di attività

    sentendoli non pensi “che bei tempi andati”

    un po’ come fare il triplete ogni tre/quattro anni…

    tipo…

  35. Gli Anni Ottanta una grande catastrofe? Slayer, Dead Kennedys, Metallica, Discharge. Era un bel perdersi, altroché. God bless Eighties.

  36. OT… comunque Ranocchia, con gente tosta intorno (spiace doverlo dire, riferito a Bonucci e Chiellini) è tutto un altro giocatore.

  37. bene, speriamo che lo vogliano ancora quelli della giuve così almeno siamo contenti tutti…

  38. ranocchia là in mezzo si trova perfettamente a proprio agio, ce lo manderei con un destro ben assestato sul sedere, non fossse che ausilio sarebbe capace di organizzare uno scambio con conguaglio per Ogbonna, esempi in tal senso non mancano

  39. Insomma,
    io sono juventino, Voi interisti, ed adesso mi tocca scoprire che ci piace(va) la stessa musica. E io che credevo che foste tutto pane, Inter e Toto Cutugno…

    • A Rubens, vedi che sono i giuventini quelli che tengono attaccati al muro i poster di Toto Cutugno, Al Ba(g)no e, perché no, Giggi D’Alessio…

  40. rubentinus

    no sta a strassarla…

  41. Bella, Vittorio. Rubens, non ci verrai poi a dire che pagavi i biglietti dei concerti, giusto per renderti più accetto? Bah, almeno non eri del tutto sordo.
    Sui Depeche ricorderei anche la svolta, nella seconda metà degli 80, determinata dall’incontro con Anton Corbijn. Un vero colpo di genio.

  42. c’ero anch’io
    unica differenza rispetto a Settore è che ci ho messo molto di + a capire il trappolone dei cessi

    …………..

  43. Vabbe’, poi sarà anche vero che a livello compositivo sono sempre stati un po’ troppo “basici” e monocordi,
    però raga’, come ti pompa un concerto degli AC-DC, non ci riesce nessun altro (l’ultimo visto dal vivo, Torino 2001: insuperabile).

  44. Ma i Metallica?
    Ma ddeche’, dai

  45. ACDC?
    Black Sabbath o Deep Purple se li magnano a colazione.
    Sti burini e tamarri, tutta scena e basta.

    nexus
    mi meraviglio di te, eri un ragazzo tanto a modo…

  46. Con gli AC-DC ci do’ dentro di head-banging anche adesso; non succede la stessa cosa con i Deep Purple e (nemmeno) con i Black Sabbath (nè Ozzie, nè Dio).
    Ciò detto, i gusti son gusti: son stato il primo a dire che, se vogliamo fare gli “espertoni”, indubbiamente il sound dei Grandi Canguri è sempre rimasto un po’ (troppo) uguale a se stesso (poche evoluzioni); e ciò è ancor più sorprendente se si pensa al loro successo planetario che continua ininterrotto da ben più di un trentennio.

    Riguardo ai Metallica, invece, non accetto nemmeno di discutere (se non li hai apprezzati almeno fino al 1988, allora sei tu che mi deludi).

  47. nexus

    Si, l’heavy metal (o l’hard rock) non mi ha mai interessato.
    Mi spiace.
    Tutto muscoli e testosterone.
    Non fa per me.

  48. Alle radici del metal ci stanno (tra gli altri) i Led Zeppelin e i Black Sabbath.
    Altro che tutto muscoli e testosterone.
    Sarebbe come dire che il punk non è solo roba per drogati allergici al sapone.

    • Ho messo un “non” di troppo nell’ultima frase (ma credo che il senso su capisca lo stesso).

  49. Le radici, e dici bene. Fin lì ci siamo.
    Ecco io mi fermo alle radici.
    E il punk è tutta un’altra cosa.

  50. Siamo ancora alle schermaglie tra punkettari e metallari?
    E no, eh!

  51. Tra l’altro, come disse un saggio, i Motorhead prima maniera furono punk al punto di essere anti-punk.
    “Born to lose, live to win”.

  52. Io non sono punkettaro, quindi niente schermaglie, dicevo solo che il punk mi sembra più interessante.
    Il punk sta alla musica come Dada sta all’arte.
    Ecco spiegato il concetto del saggio!
    Con cui concordo.

  53. Ma Rubens che pensava, che noi interisti fossimo dei tifosotti decerebrati e senza una vita?

  54. Già, Internazionalista,
    pensavo proprio a questo. E invece mi tocca rivedere tutta una serie di certezze che dovrò mettere in discussione…
    Scherzi a parte, Buona Pasqua a tutti, Manciniani o Mazzarriani (ed anche Mourinhiani, così Vi becco tutti)

  55. Mamma mia… Genesis, Yes, Pink Floyd… chi li ha nominati? Che gruppi, ragazzi!
    Non ho mai sopportato Spandau e Duran, unitamente a quello che – inevitabilmente – si portavano dietro (piumino Moncler o Ciesse, 501 alla zompafosso, calzini bianchi di cotone e Timberland nella versione mocassino con lacci o scarponcino alto d’inverno).
    Negli anni dal 1982 al 1987 (cioè quando ho fatto le superiori) la mia generazione sembrava composta da tanti piccoli soldatini inquadrati e con la divisa, tanto perché si voleva essere anticonformisti.
    Il fatto che gli Spandau oggi vengano fatti passare come gruppo “cult” dell’epoca, la dice lunga sulla qualità della musica (e non solo) odierna.
    E buongiorno a tutti.

    • Condensatore: in quell’ordine (e con tanti altri) li ho nominati io. Si, erano band fantastiche, anche se quel “quid” in più l’ho provato solo per Emerson Lake & Palmer.
      Quel progressive, barocco, classico contaminato mi faceva uscire di zucca.
      Poi, da musicista dilettante ma appassionato, non potevo non apprezzare la tecnica MOSTRUOSA dei tre, in modo particolare di Keith Emerson.
      Lo seguivo già con i Nice (niente male neanche loro…) e lo consideravo il top dei tastieristi (arrivando quasi alle mani con chi asseriva che Rick Wakeman era meglio…), come il top dei batteristi (per capacità tecnica) era Carl Palmer.
      L’assolo di batteria di Tarkus è una delle cose da incidere su titanio e spedire in orbita per colonizzare le galassie.
      Greg Lake mi piaceva, ma era il più “normale” dei tre, lo preferivo con i King Crimson (indimenticabile “In the court of the Crimson King”).

      Aggiungo un paio di citazioni, in tema di musicisti non convenzionali, che ho amato parecchio: i Jethro Tull (uno dei pochi esempi validi di hard-folk progressive, con il suo flautista Ian Anderson, l’unico uomo ad aver passato la metà della sua vita su una gamba sola, pur avendone due) e Peter Hammill, il cantante dei Van Deer Graf Generator, con il suo bipolarismo, la sua schizofrenia, il suo essere demone e angelo al tempo stesso e soprattutto il cantante della solitudine.

      Ecco, avevo scritto un papiro peggio di quelli di ieri, ma mi sono autocensurato, e quello che avete letto è solo lo stringato sunto di quello che avevo buttato giù.

      Mi auto-banno e prometto che tornerò a scrivere solo quando si parlerà di Inter (sigh).

  56. Condensatore: quoto tutto. E, pervaso di inconsueto spirito pasquale, ricambio gli auguri di Rubens.
    “The future is unwritten”

  57. ErnesTO’O³
    aprile 2, 2015 a 12:36 pm

    Quoto anche gli spazi.
    Penso che l’interpretazione del terzo concerto Brandeburghese da parte dei Nice (ars longa vita brevis) sia uno dei picchi della musica occidentale.
    Inoltre uno dei miei più grandi appagamenti di padre è stato quando il mio primogenito (ex-cantante di una ex-cover-band specializzata in Deep Purple,ma con in repertorio anche qualche pezzo di Hendrix ) mi ha portato a sentire Keith Emerson quando suonò a Mantova alcuni anni fa.( fece un pezzo di Bach suonando alla rovescia da dietro l’organo).
    E se dovessi mettere una colonna sonora alla mia vita, metterei senz’altro “Pitcures at an exibition”,segnatamente The sage (…I carry the dust of a journey…),
    perchè mi riporta alla quarta Istituto tecnico, con ancora tutto da fare, davanti.

  58. Tarkus degli ELP!
    (con cover di HR+Giger!)
    In the court of King Krimson ma anche Island e Red (più sperimentali, se ancora ce ne fosse bisogno).
    Robert Fripp genio!
    Altro genio: il grande Frank Zappa!
    And the Mather of invention.
    E qui andiamo in Usa, e non se ne esce più 🙂

    Buona Pasqua Rubens!

  59. Da noi Orme Trip e Osage non erano per niente male all’epoca.
    Poi, naturalmente, Banco e Premiata.
    Darwin del Banco capolavoro assoluto!

  60. OT per Settore:

    Spina bifida, individuati nuovi geni responsabili
    Studio dell’Istituto Gaslini di Genova, in collaborazione con il Canada, permette di identificare 42 mutazioni non ereditate.

    http://www.corriere.it/salute/15_aprile_02/spina-bifida-ricerca-nuovi-geni-acb12572-d931-11e4-938a-fa7ea509cbb1.shtml

  61. Deep Purple (ho già il biglietto – 1° anello settore B numerato) 31 ottobre Forun di Assago.

    A seguire AC/DC, Pink Floyd, Led Zeppelin, Black Sabbath (Ian Gillan aveva fatto parte del gruppo).

    Poi… Luciano Pavarotti, Chis Merritt, Rockwell Blake, Mariella Devia, William Matteuzzi, Natalie dessay etc

  62. Attualmente Di Canio è l’unico commentatore della piattaforma Sky/Fox, oltre al nostro Adani, che abbia un senso compiuto.

    Di quello che pensa politicamente non mi importa molto, sono altri gli intellettuali a rischio.

    Lui capisce di calcio ed ha ritmo.

    Piuttosto che quella bella persona di Massimo Mauro…

  63. Muntari rifiuta la convocazione. ero a Milano nel derby in cui fu sostituito sul finire, e lui usci’ dal campo accarazzenzondo con la mano lo stemma del bilan. Finalmente lo hanno capito anche loro che e un grandissimo scarpone. Bravo zio Fester, chi lo sa quale sara il prossimo giocatore che ci toglierai dalle palle…

  64. accarezzanzondo, dannata tastiera…

  65. Certo che se il problema dell’Inter di questi ultimi anni è Mancini andiamo bene!
    Significa che c’abbiamo capito poco o niente.
    Fo
    Detto questo il futuro è tutto da vedere, e io, per dare un giudizio definitivo su Mancini, aspetterei almeno di vederlo all’opera con una squadra più sua e con qualche giocatore buono al posto delle tante pippe che si trova ad allenare.

    Non vorrei fare paragoni fuori luogo, ma il ‘grande’ Sacchi forse deve tutta la sua carriera alla nebbia.
    E lì non c’era neanche mezza squadra inglese!

    No, tanto per dire come funziona a volte la vita, anche quella sportiva.

  66. enzo
    penso che, come è scontato che sia, anche mancio abbia i suoi ‘nemici’ e che come tutti gli allenatori del mondo sia legato ai risultati che raggiunge in campo.
    Come previsto il cambio di allenatore si è rivelato dannoso non tanto per gli esiti sportivi ( sui quali si può ragionare in diversi modi e non tutti contrari a Mancini ) ma sopratutto per il fatto che l’opera di demolizione del nuovo mister all’inizio della prossima stagione sarà già a buon punto e basteranno 3-4 risultati negativi per accendere la miccia che ha già ben posizionata in culo.
    Che poi sia un grande, un grandissimo, un normale o un mediocre mister, come tu sai meglio di me, cambia poco.
    Scrivo ovviamente prima di Inter-Parma, sperando in una bella vittoria ma certo che in caso di sconfitta ci sarà qualche amico in grado di spiegarci il perchè bisogna comunque vedere sempre il bicchiere mezzo pieno.
    Approfitto per augurare a te e a tutti una buona Pasqua.
    E sempre forza Inter e juvemerda.

  67. Gianni

    Forse no.
    Mmagari con una società che lo supporta meglio e gli compra qualcuno e ha il tempo per allenare dall’inizio, le prime 3/4 partite le vince.
    Chissà?!
    O dobbiamo sempre pensare al peggio per rassegnazione?

  68. i miglioramenti a vista d’occhio sono evidenti, tipo prima si andava a perdere a Parma, adesso vengono loro a pareggiare

  69. Shaqiri nullo.
    Sia come trequartista, che come ala.
    Tanto venderemo Kovacic…

  70. né mazzariano né manciniano
    ma qualcuno è stato cacciato per molto meno…

  71. dopo le “10 da vincere” e il “60% di possibilità per l’europa”

    attendo con ansia le nuove statistiche

  72. Spero solo che abbia la dignità di toglirsi dalle palle a fine campionato anche se gli uomini di merda non lo fanno mai,i soldi per farsi mesciare le ricrescite li ha ottenuti sto sopravvalutato di merda adesso fora dai ball.

  73. Partita da 2 novembre!!!!

  74. internazionalista
    vediamo come farà a gestire le prossime 9, a motivare gente senza nè capo nè coda, fra chi non vede l’ora di andarsene e chi anche se rimane non serve.
    In questo caos lui perde autorevolezza, autostima, forza, perde tutto.
    E i suoi denigratori, come vedi qui nel nostro piccolo, cominciano ad alzare la voce, anzi lo vorrebbero fuori a calcinculo già stasera.
    Ora io ti chiedo.
    Non era meglio lottare per il 5° posto con la capra livornese facendo schifo come adesso ma con un obiettivo e con un cagnaccio che cercava di trasmettere tutta la sua mediocre rabbia alla truppa piuttosto che vedere lo sfacelo di oggi che prepara quello di domani?? Non era meglio tenere il somaro con i somari e aspettare la fine della stagione per ripartire con un altro?
    Era questo che si cercava disperatamente di spiegare quando si veniva presi per il culo come vedove di mazzarri sentendosi tacciati addirittura di gobbismo o di tifo contro.
    Adesso siamo tutti vedovi dell’INTER, nella cacca fino al collo.
    E rimane solo il 4 a 1 col Cagliari che il 2 a 0 di Parma fa il paio con lo schifo di oggi, senza ricordare che un anno fa di questi tempi in mezzo alla medioocrità si vinceva bene a Firenze e a Genova con la Samp. Dei luoghi comuni rimangono solo i 16 mesi considerando che 6 sono passati.
    Non è nostalgia di Mazzarri è nostalgia del buonsenso e della sana programmazione che purtroppo da noi manca sempre per colpa di tutti.
    Cerchiamo di passare una buona Pasqua va là, auguroni a te.

  75. Gianni, dice il proverbio che del senno di poi son piene le fosse! Domandarci se un’altra scelta sarebbe stata meglio, che senso ha? Magari si andava anche peggio di così. O magari no. Sono invece d’accordo sulla ridicolaggine dei proclami settimanali sugli obiettivi. E basta dirci cosa faremo da domani, che poi non lo facciamo mai! Sa di presa per i fondelli.

  76. Ecco appunto! Che schifo!!! Come già detto più volte non ci sono elementi concreti che giustifichino sto maledetto e sciaguratissimo cambio di allenatore in corsa neanche a posteriori! Nessuno se non il fatto che qualche isterico a cominciato a sputtanare mazzieri caricandogli addosso colpe che ora spero sia chiarissimo non erano due. Altro che vedove!!! Ma fatemi il piacere!!! Tra L”altro mancini ha anche osato dire che era una partita difficile perché “loro non hanno nulla da perdere!’ Pensa un po’ se lo avesse detto mazzarri. Che schifo!!!! Purtroppo anche su questo blog ci sono stati una serie di commenti che non hanno nulla a che vedere con l”onestà intellettuale!!!! Do po di che sempre forza inter!!!

    • No, no, non è così.
      Il cambio di allenatore, più alcuni innesti, serviva per far giocare la squadra a calcio e dare l’idea che potesse esprimersi ancora meglio in futuro.
      Tutto questo non per noi tifosi ma per incassare il bond degli investitori asiatici.
      Gli investitori, poi, hanno risposto picche, ma questo non ha importanza.
      L’obiettivo di Thoihr è risanare la squadra in modo da rivenderla realizzando una plusvalenza, ma rischiando il meno possibile di soldi propri.

  77. maura
    qui non si tratta del senno del poi, qui si dice che abbiamo bello e che fatto secco anche mancini.
    Non ti sembra?
    E non pensi che ce la potevamo risparmiare??
    E’ stato un argomento di discussione per qualche mese qui…..

  78. Vediamo il bicchiere mezzo pieno, se non altro per qualche anno non avremo più il Parma tra le scatole…
    Buona Pasqua a tutti.

  79. Ciao a tutti, inizio con una premessa:mi aspettavo di più da Mancini sicuramente.Pensavo che nelle prime sei ci portasse, di sicuro non fra le tre per la c.l.
    Ciò detto però la sola cosa che mi fa sperare beneper il futuro della nostra inter è proprio la presenza del Mancio. Sicuramente di errori ne commette ma è ambizioso e positivo di testa. Ma credete veramente che fosse per lui delle attuali pippe in rosa ne resterebbero più di due o tre per il prossimo anno? È chiaro che debba dire che Guarin ed Hernanes sono forti!!, Se dicesse che sono due Pippe non avrebbe la minima speranza di venderli per far qualche soldo. È altrettanto chiaro che cerchi di dare delle motivazioni tipo il piazzamento in è. l altrimenti come fa a portare sti cessi a fine campionato….comunque potete sempre riprendervi Mazzarri. .. (Hernanes lo ha voluto lui giusto per rispondere a chi dice che lui non fosse appoggiato) e vedere la squadra perennemente quinta o sesta…..Io spero vivamente che Mancini non abbandoni…sarebbe un segnale pessimo delle nostre reali prospettive di ripresa futura…..sono convinto che di questi giocatori ne resteranno cinque o sei e sono sicuro che tra questi ci sarà l’ unico ottimo giocatore che abbiamo Icardi….Buona Pasqua.

  80. La partita è stata inguardabile come ormai sono 3/4 com mancini, ma siamo lontani dal numero di gare inguardabile del predecessore. Ha delle colpe, è indubbio, ma attaccarsi alle dichiarazioni o ad altro è solo fare un analisi senza vedere le cose a più ampio raggio. Mancini capisce di calcio e lo ha dimostrato riportando lo scudetto dopo tanti tanti anni. Perché e per come lo ha fatto non è importante, non è stato per causa sua se juve e Milan si sono autosegate. Ha vinto in premier, non proprio la lega azzera. Personalmente ho atteso più di un campionato per prendere una posizione per mazzarri quindi io sto col Mancio anche, semplicemente, per dargli la possibilità di lavorare dall inizio. Non so se sono vecchio o giovane ma ho alle spalle tanti campionati anonimi e sospendere Un giudizio ma anzi convogliare le energie perché la società operi secondo le sue idee può – in questo povero calcio nostrano – forse darci la possibilità di rilanciarci. Mancini il gioco lo conosceva da giocatore e lo conosce da allenatore….non credo che mourinho Ancelotti guardiola con gente che non sa crossare o stoppare facendo sì che il pallone cada a 5 cm avesse fatto meglio….Io Sto Col Mancio

  81. Quoto Lorenzo al 100% .Anche IO STO COL MANCIO….ed aspetto corso 46

  82. massì cazzomene, in fondo ho il pregiato jpeg col mio nome tra Icardi e Meazza (anzi, guardandolo meglio, si ripete a ogni riga, sticazzi che pregerie, addirittura a fare da raccordo tra il Becca e Carrizo, e anche l’interno tra Zanetti e Nagatomo, minchia, e poi c’han messo pure Jonathan e Podolski, complimenti vivissimi) e poi forse vincerò la maglietta autografata di kovacic, speriamo solo sia di un’altra squadra

  83. gianni

    ti ha già risposto bene, a mio avviso, Maura.
    Dopo un anno e mezzo di scempio mazzarriano si è provato a raddrizzare la stagione, oramai rovinata, con Mancini. Cioè uno che era già stato all’Inter e che qua aveva anche vinto.

  84. Internazionalista
    Si è vero si è provato a raddrizzare la stagione……

  85. E non importa come ha vinto, se con la Juve in B o all’ultima col Parma.
    Ha vinto e basta, ed erano 15 anni che l’Inter non vinceva niente in Italia!

    Se adesso si trova una squadra di foche monache volute e comprate dalla nostra società e dagli allenatori passati non è certo colpa sua!

    Ovvio che per la prossima stagione è già a rischio: sa la nostra società che cosa si deve fare per risolvere questa situazione, aldilà delle campagne pubblicitarie e di merchandising?

    • questa della rosa mi è nuova, si vede che i 4 arrivi di gennaio costantemente impiegati li avrà comprati mazzarri

      (per inciso, brozovic bocciato, shaquiri discreto, podolski in ifnradito che in realtà è venuto col camper che poi ha dovuto lasciare sul Garda, giocasse nel Brescia sarebbe molto più comodo)

      è sempre colpa di quelli che c’erano prima

      4,5 #milionidicalcinelculo

  86. 2 punti ancora e siamo salvi…Questa è è sarà anche il prossimo anno la nostra dimensione. ……buona pasqua.

  87. Voi, secondo me, continuate a scambiare la causa con l’effetto.

  88. Io penso che il calcio sia semplice ma allo stesso tempo complesso. Ha segnato di nuovo Salah. Parto da questo. Montella alla domanda se é piu forte di cuadrado ha risposto che non potevano non venderlo considerata l’offerta. Ora ditemi chi avesse anche la vaga impressione di cosa potesse fare salah in questo scorcio di campionato….ma la fiorentina, con i suoi limiti girava, funzionava comunque, ha sopperito alle assenze di gomez e rossi per mesi e mesi….hanno,lasciato lavorare montella!! La provocazione é: se podolsky, o shaquiri, faceva il salah eravamo tutti contenti…..ma ripeto hanno lasciato lavorare in pace montella….allora ribadisco che cannata completamente la scelta mazzarri non adatto, ma proprio non adatto a certi palcoscenici…lasciamo lavorare il mancio…nn solo il,prox anno..indipemdentemente da come vada anche quello dopo…se gli danno materiale torniamo su…(non ci vuole poi tanto …. Passatemi la battuta). Io Sto Col Mancio

  89. P.s.: grazie per il sostegno Simo

  90. Ma si !!! a testa bassa anche a rischio di schiantarsi e andare in b…basta che non c’è più il caprone poi chi se ne strafotte…poco male se si viaggia a media retrocessione e se il prossimo campionato non si giocheranno le coppe nonostante si sia scelto mezza squadra a gennaio telefonandogli personalmente e per il suo fascino sono arrivati di corsa e adesso li vuole anche mattina di Pasqua per consegnargli la colomba, che di tattica non se ne vede,schieramenti ad minchiam invece si.

    Ridicolo come i suoi capelli mesiati e i suoi proclami.

    Buona Pasqua a tutti.

  91. Richiamate Mazzarri, fatemi il piacere vi prego.
    E’ ancora a libro paga e costa meno del mesciato.
    E’ un attimo.
    Così la finiamo con questo teatrino dell’assurdo.

  92. E poi i nuovi arrivati a Gennaio sono tutti discreti…….Brozovic Santon e Shaq non sono certo fenomeni ma nel nostro campionato possono far bene….Icardi è forte….Vedrete che col Mancio ne arriveranno altri quattro o cinque di buon livello ed almeno un top….poi sarete pronti a risalire sul carro…..oppure tenetevi Mazzarri che magari ci porta Campagnaro e ci porta di sicuro a partecipare a quella grande competizione che è l’Europa League, sempre che non piova…..

  93. P.s. …sarei curioso di vedere il Vate di SetUbal allenare questa squadra……al massimo quinto, ma proprio al massimo……

  94. La partita è stata inguardabile quasi ai livelli di quella dell’andata, su questo non ci piove

    (a proposito di pioggia, mi sono ricordato che il giorno dello scudetto vinto a Parma, pioveva.

    Peccato, una scusa sprecata, vabbè).

    Pareggiare in casa contro una squadra già fallita e praticamente retrocessa non ci sta proprio, quindi niente scuse.

    Però, allo stesso modo, si dovrebbe dire, che se, sì, c’è chi è stato esonerato per molto meno,
    c’è anche chi ha avuto più bonus e per molto più tempo.

    Resto dell’idea che un allenatore vada giudicato sull’intera stagione, mercato e preparazione compresa
    (sull’utilità della preparazione atletica si è espressa gente molto più qualificata di me, quindi non venite a dirmi che è una fesseria)

    dopodiché sarà molto più facile tirare le somme, dicendo a Mancini: caro mister, avrai vinto quello che ti pare, ma hai avuto 6 mesi per capire i problemi della squadra e un anno per eliminarli e voltare pagina, questo non è successo, arrivederci e grazie.

    Che poi è semplicemente il modus operandi della gran parte degli attuali detrattori del vecchio allenatore, però siccome quattro o cinque pessimi tifosi gli hanno puntato il laser in faccia, e allora fa politically correct farsi sanguinare il cuore per il pessimo trattamento riservato

    (ma vale solo per lui, perché se poi si fischiano i calciatori in campo, chissenefrega, sonopagatiprofumatamente mentre invece l’allenatore è un volontario).

    La cosa che invece mi lascia di stucco è un’altra: la sensazione netta che molti, che non sono mangiallenatori ma chiedono la testa del nuovo allenatore, peraltro subentrato, dopo 4 mesi,

    fossero delusi più per non aver perso
    che per aver vinto.

    Ognuno fa e pensa quel che gli pare, per carità,

    ma non chiedetemi di comprenderla sta cosa, perché proprio non ci riesco.

  95. Non ho visto la partita.
    non ho letto i commenti tranne l’ultimo di Este.
    Credo quindi di essere veramente obiettivo quando ribadisco (perché l’avevo già detto) che l’Inter fuori dalle coppe è una manna per chi vuole DAVVERO fare un progetto.
    fate vendere le altre società a thailandesi per millemila milioni. Ma se noi vogliamo.fare una squadra dobbiamo partire dal campionato. Una gara ogni 7 gg. Di più con le ns tasche non si può.
    Oh.. poi io sono un pirla eh?
    Chiedete ai grandi esperti se volete sapere il futuro.

  96. Non ritenevo colpevole Mazzarri prima, non ritengo colpevole Mancini ora, perché credo che la rosa dell’Inter sia di livello non eccelso.
    Anzi, aggiungerei che si tratta di un livello proprio scarso, considerando non solo l’aspetto tecnico ma anche quello psicologico (precario) e caratteriale (assente).

    E non è per difendere ‘l’allenatore’ di ieri (o di oggi, sotto altre forme) ma, sorvolando sull’aspetto (tragi)comico del quadretto, qualcuno di voi ha mai visto uno dei nostri calciatori morsicare una bottiglietta di plastica per la rabbia? Io no!
    E l’avrei voluto vedere! Altroché se l’avrei voluto!

  97. http://m.fcinternews.it/news/roberto-re-mancini-l-anno-prossimo-riportera-l-inter-al-vertice-e-un-vincente-il-giorno-del-suo-compleanno-181353

    Per carità di cazzate ne raccontano tutti.
    certo la sensazione che il problema sia l’accozzaglia di giocatori sbagliati che compongono la ns rosa sta diventando granitica.
    ho detto e ripeterò fino alla morte che Mancini è meglio di Mazzarri.
    Ma il problema non era lui.
    Tutto qui. Non dirlo è mancare di onestà intellettuale.
    Perché magari non sarebbe arrivato a nulla, ma con questi BROCCHI non avrebbe fatto nulla neanche il padreterno.
    Poi magari qualcuno lo ha scelto lui, tutto quello che volete, ma con sta gente non ce n’è.
    A questo punto profilo basso, far lavorare il Mancio e sperare in repulisti radicale.
    Non sarà facile.