Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Gabigol e quelli come lui

gabigol

(questo pezzo l’ho scritto per Il Nero e l’Azzurro)

Chissà se prenderemo Gabigol: questo è scritto non so dove ed è comunque troppo difficile per le mie meningi fare considerazioni appropriate o addirittura esprimere previsioni attendibili. So invece perchè stiamo cercando di prenderlo: perchè è un attaccante, perchè è giovane, perchè è brasiliano e perchè nomen omen, ovvero speriamo tutti che in quel nome – anzi, soprannome – ci sia un presagio. Gabriel Barbosa Almeida, meglio noto come Gabriel, ancor più noto come Gabigol, ovvero Gabriel che fa gol. E insomma, qui si gronda di positività e noi tifosi siamo qui per questo, per grondare.

Quello che invece non tutti sanno è che l’Inter, sulla scia di questo ottimismo crescente e delle suggestioni dei soprannomi, sta seguendo altri giovani giocatori brasiliani. Siamo in grado di anticiparveli in esclusiva. Eccoli.

Paulo Compassiao Lumen Artiolo detto Sguish. Atletico portiere delle giovanili del Botafogo, Sguish è considerato uno dei più interessanti prospetti a livello mondiale nel suo ruolo. Alto 2 metri e 10 a soli 16 anni, è imbattibile sulle palle alte ma, a dire il vero, assai acerbo nella gestione di quelle basse, impiegando ancora alcuni interminabili secondi ad allungarsi correttamente in tuffo. Le squadre avversarie si sono ormai attrezzate e tirano solo rasoterra: Sguish (da qui il suo simpatico soprannome) deve ancora migliorare il suo rendimento e ridurre il numero dei gol presi tra le gambe o sotto la pancia, ancora troppo elevato per consentirne l’approdo allo smaliziato calcio europeo. In occasione delle punizioni dal limite, unico portiere al mondo, chiede ai compagni in barriera di coricarsi. L’anno scorso, nella finale ai rigori della Coppao do Brasil Tim, ha subito quattro gol con il cucchiaio: aspettava infatti i rigori già sdraiato.

Arthur Dezzema Coimbra Fappani detto Tibiaeperao. Arcigno difensore delle giovanili della Fluminense, è noto per la ruvidezza dei suoi interventi e per le sue scivolate chirurgiche e impetuose: arriva sempre sul pallone, anche quando l’avversario imprudentemente prova ad anticiparlo. Del resto, lui non si è mai formalizzato sin dalla prima infanzia per la presenza di gambe altrui nella traiettoria ideale e teorica verso la palla, attirando così le attenzioni di osservatori e traumatologi da tutto il Brasile. Talento da sgrezzare (salta una partita su tre per squalifica, a fine stagione una su due), potrebbe rivelarsi un’arma tattica interessante: per esempio, può essere utile nei primi cinque minuti delle partite con la Juve, sempre che De Boer si attrezzi tatticamente ad affrontare 85 minuti in inferiorità numerica.

Roberto Angelino Ferreira Lazzaroni detto Possessinho. Solido centrocampista delle giovanili del Coritiba, è dotato di ottime doti di palleggio e grande visione di gioco. Pregi che però non annullano, secondo gli addetti ai lavori sudamericani, i suoi non secondari difetti: una certa lentezza nel movimento e un’innata tendenza a non passare mai la palla. Può essere il regista che manca all’Inter? Possessinho garantisce un controllo pressochè completo della zona mediana, ma il suo ultimo assist – raccontano i cronisti sportivi brasiliani – risale al 2014, quando allontanò il pallone con un gesto di stizza pensando che il gioco fosse fermo, servendo invece l’incredulo centravanti smarcato. Perfetto per gli 0-0, non molto portato quando c’è da finalizzare.

Oscar Paulo Ansano de Palma detto Zizzanha. Caratteriale centrocampista delle giovanili del Flamengo, è apprezzato per le sue doti di lotta e di governo, ma non per il suo mediamente pessimo rapporto con lo spogliatoio. Specializzato nel dividere i compagni in clan, riesce a litigare contemporaneamente con brasiliani del nord, brasiliani del centro, brasiliani del sud, brasiliani benestanti, brasiliani delle favelas e brasiliani del ceto medio. Ha invece un buon rapporto con gli argentini e con i pregiudicati per reati contro la persona e/o il patrimonio. A un giornalista che gli chiedeva se si sentisse l’erede di Felipe Melo, ha risposto: “Non seguo il calcio femminile”. Il padre, per mettere alla prova la sua indole dominante, lo porta spesso con sé a un rito tribale tipico del Brasile, le cosiddette “asembleas do condominho”.

Gabriel Usmanovich Araujo Moretti detto Gabifail. Talentuoso attaccante delle giovanili dei Corinthians, sin dai primi anni di attività è cresciuto in contrapposizione con il coetaneo Gabigol, nel cui confronto patisce in termini di cattiveria e determinazione. Fisicato, fantasioso e tatticamente diligente, difetta ancora un po’ nell’efficacia in zona gol. Celeberrima una sua strepitosa azione in un match contro il Flamengo: servito all’altezza del disco del rigore, con una finta di corpo ha fatto sedere sette avversari compreso il portiere, salvo poi fermarsi per guardare sul tabellone il minuto dell’azione consentendo ai difensori di rinviare: “Volevo essere preciso su Facebook”. In un’altra occasione, mentre stava per ribadire in rete una respinta corta del portiere, si è accorto che uno spettatore stava facendosi un selfie spalle al campo e si è messo in posa. Smussate queste asperità psicologiche e umane, per Gabifail potrebbero aprirsi interessanti prospettive di carriera.

share on facebook share on twitter

63 commenti

  1. Ah. Adesso sei ubiquo?
    Comunque divertente.
    😉

  2. cosa significa che il mio commento è in attesa di moderazione?

  3. Non conosco il soggetto in questione, quindi aspetto prima di esprimermi.

  4. Meglio Zizzanha che Felipe Melo

  5. all-in su Gabifail, sicuramente mi dà più certezze del suo omologo

  6. E anche oggi le visite mediche di Joao Mario si fanno domani…

  7. Io non sono convinto che si una buona idea vendere Brozo, di certo non ai gobbi. mi pare strano che lui faccia tutta questa pressione per andarsene (qui si sente puzza di p. i.). Pare comunque che ci stiamo muovendo anche per i difensori.

  8. Comunque: bel post Sector. Mi hai alleggerito il Ferragosto casalingo.

  9. Premium – Brozovic, accordo con la Juventus: quadriennale da 4,5 milioni
    In casa Inter potrebbe verificarsi ulteriormente un altro caso Icardi, stavolta con protagonista Marcelo Brozovic. Il centrocampista croato, ultimamente accostato alla Juventus ma contro la volontà dell’Inter che, se proprio dovesse cederlo, lo farebbe all’estero, avrebbe trovato un’intesa contrattuale con i bianconeri. Accordo su base quadriennale da 4,5 milioni di euro, più del doppio di quanto percepito all’Inter, fa sapere Premium Sport.

    PI all’opera o c’è qualcosa di vero?

    • tutto vero… e quello che è incredibile è che la Juve valuta Brozovic 15 milioni dilazionati. Sono senza vergogna

    • Secondo te La juve da a brozovic più soldini Buffon..?

    • Brozovic, il più pagato dalla Juve! Cabolo, ma chi è, Pelè, quello vero? Pagato come Pogba?

      Pogba 4,5 – 2019
      Buffon 4 – 2017
      Khedira 4 – 2019
      Bonucci 3,5 -2020
      Chiellini 3,5 – 2019
      Mandzukic 3,5 – 2019
      Marchisio 3,5 – 2020
      Cuadrado 3 – 2016
      Dybala 3 – 2020
      Hernanes 3 – 2018
      Alex Sandro 2,8 -2020
      Lichtsteiner 2,8 – 2017
      Barzagli 2,5 – 2016
      Evra 2,5 – 2016
      Morata 2,5 – 2019
      Caceres 2 – 2018
      Neto 2 – 2019
      Zaza 1,8 – 2020
      Asamoah 1,6 – 2017
      Pereyra 1,5 – 2019
      Sturaro 1,5 – 2020
      Lemina 1,2 – 2016
      Rugani 0,85 – 2020
      Padoin 0,8 – 2016
      Rubinho 0,25 – 2016
      Vitale 0,1 – 2020

  10. Settore sei in cazzaro.

  11. Il cartellino di Brozovic è il nostro.
    Basterebbe dire di no ai gobbi e mandarli a quel paese.

    Ma di cosa ci meravigliamo?
    Il giochino è riuscito ad Icardi e ora ci provano tutti. Mica sono scemi.

    Quando dico che non sappiamo difenderci, che stiamo combinando dei casini inenarrabili, mi dite che siamo una società forte.

    A me sembra solo un gran casino.

  12. J.mario definitivamente saltato. Meglio così… Ci teniamo Brozovic

  13. Joao Mario l’abbiamo preso 14 volte
    ed è saltato 18 volte.

    L’unica costante è il prezzo esorbitante.

    Ormai non si possono fare previsioni.

    Pare che questa storia sia in mano a Kia Comesichiama, quello che si fece la foto a tavola con Tevez e Galliani.

    Tra due guanciali, insomma.

  14. Meravigliose olimpiadi! Facce nuove , pulite, di persone come noi , che dedicano tempo e denaro in sport minori per quattro e più anni anni e che si commuovono fino alle lacrime quando mordicchiano una medaglia di latta, come mi mancherete quando fra qualche settimana gli schermi saranno riempiti dalle solite facce di Pogba e di Icardi, gonfie di presunzione e di danaro!
    Siccome in un blog sportivo nessuno ne parla, compreso Sector che sappiamo far parte meritoriamente di quel genere di persone, mi domando se sono io il solo ad entusiasmarmi per questo spettacolo veramente unico.
    Buone olimpiadi a tutti.

  15. No, non sei il solo.

  16. Metto bocca su Joao Mario.
    Bel giocatore, giovane, molto intelligente, piedi molto buoni.
    Però a voi manca un mediano per far partire l’azione. Solo quello. E un difensore.
    E allora tutti questi soldi per João Mario saranno ben spesi? Sarà mica che l’affare si é bloccato perché questo é stato il primo dubbio espresso da De Boer?
    Sarebbe buon segno.

  17. A noi manca un centravanti e un centrale difensivo.

  18. TIBIAEPERAO mi ha quasi ucciso, stavo bevendo l’acqua e mi è andata di traverso dal ridere

  19. Da quel che si legge brozovic non andrà sicuramente alla juve. Rifiutano 60 milioni dal napoli per Icardi e poi mollano brozovic alla Juventus per 15?

    Ma comunque è tutto un gran casino, ormai basta un articolo di bargiggia pur di scagliare merda alla cieca.

    Che poi, dopo Higuain, a Napoli hanno le grane koulibaly e insigne (a proposito di italiani, magari della stessa città, che guardano la maglia e non il soldo), al milan non ne parliamo, a Roma -totti a parte- i campioni prendono sempre al volo il primo tram che li porta via, ma….

    #succedesoloanoi

    Suvvia este, di che i musi gialli ti stanno sul cazzo perché abiti in via Paolo Sarpi a Milano e facciamo prima.

    Comunque sia, 15 giorni e questa prima finestra di mercato sarà chiusa, e faremo i primi -ma comunque prematuri e fallaci- conti

  20. A noi manca(da sempre) un dirigente che quando un Bargiggia di turno scrive pirlate lo ammutolisca

    • Ma lo state anche a sentire, Bargiggia (et similia)?
      Fossi un dirigente considererei una grave perdita di tempo anche solo occuparmene per mezzo decimo della secondo.

  21. Wolf,
    mai fatta una questione di razza in vita mia, e non comincio oggi.

    Per me possono venire anche da Marte, se portano soldi e fanno grande la mia Inter sono i strabenvenuti.
    Viceversa possono andare a quel paese senza distinzioni di razza, ceto, religione e orientamento sessuale.

    Siamo al 16 di agosto e la nuova proprietà ha preso il solo Candreva, pagandolo a prezzo praticamente pieno e ha fatto un pasticcio via l’altro.
    Ha preso De Boer, benissimo, il temperamento mi piace, ma l’ha preso a due settimane scarse dall’inizio del campionato

    a preparazione già conclusa
    e con giocatori che non aveva chiesto lui.

    Questo io lo chiamo dilettantismo, aldilà della pigmentazione.

    • Acquisti: Candreva (d, Lazio), Yao (fp, Crotone) Erkin (svincolato), Ansaldi (d, Genoa), Banega (svincolato), Matias Fonseca (d, Como), Rada (p, Olginatese), Ferreira (d, Benfica), Mariani (d, Como), Botti (d, Ciliverghe).

      E i pasticci quali sarebbero?

    • Tutti quelli che hai elencato (scremando quelli che fanno numero e i fine prestiti) sono acquisti della vecchia proprietà.

      Io ho espressamente detto “vecchia proprietà”.

      La nuova ha preso solo Candreva.

  22. Si perchè se proprio vogliamo andare dietro alle cagate, allora Gabicoso non verrebbe più perchè sconsigliato da Miranda…vabbè. Quoto Wolf, ancora 15 giorni e poi vediamo qual è il materiale umano da commentare. Saltasse JM, quattro soldi su un Luis Gustavo e un centrale a caso tra quelli che si citano li spenderei. In compenso, giusto per giocare: Tevez?

    • Tevez sì… ma al posto di Icardi… io spero sempre che riescano a venderlo prima della chiusura.
      Con questi uomini con in più Gustavo e Garay siamo da titolo.

    • Miranda che sconsiglia Gabbicesso di venire in una squadra del cazzo, e che anche lui sta cercando sottotraccia di darsela a gambe alla prima occasione spero con tutto il cuore sia una cagata perchè se non lo fosse spero che il Meazza se ne ricordi e gli faccia passare delle splendide domeniche.

      Quando l’ ho letta ci sono rimasto veramente male, tra lui, BroDovic e il Wando credo che noi interisti abbiamo preso abbastanza cazzuolate di m…a in faccia, direi anche basta, sempre ammesso che siano cose vere e in che percentuale.

      L’ allontanamento di Mancini mi aveva restituito un po’ di entusiasmo ma queste ultime chicche mi stanno disgustando, ma possibile che solo alla juve abbiano capito l’ importanza di scegliere la “persona” oltre che il giocatore?!

      Spero che i nuovi proprietari lo sappiano fare, sarebbe un inedito da noi, sul fatto che siano considerati digiuni di calcio italiano rifletterei che sono anni che facciamo pietà con dirigenti Made in Italy, quindi…

  23. Tevez a me è sempre piaciuto, però il passaggio in bianco e nero, che vi devo dire… Comunque vedo molto difficile il suo arrivo.
    Este, ho molta stima per il tuo attaccamento ai colori e per la puntualità con cui commenti le (dis)avventure della Beneamata, però mi sembra che ci sia ancora troppa confusione per capire che sta succedendo. Ho già scritto più volte che questa piega non mi piace e che non sono un fan della globalizzazione, nemmeno calcistica. Tuttavia il tempo trascorso dall’arrivo di Suning è breve. La mia opinione su Cosobachian non sto nemmeno a dirtela, perché tanto la immagini senza fatica. Insomma stiamo a vedere.
    E ribadisco che, alla peggio, si può vivere senza calcio, con modico sforzo. La vita è già abbastanza avvelenata dalle cose inevitabili.

    • “si può vivere senza calcio, ”
      parole sante. Se i cinesi, o il nuovo allenatore, o la campagna acquisti o saiilcazzo vi avvelena la vita, prendetevi una pausa dal tifo. Ne guadagnerà la vostra salute e anche l’Inter, che in questo momento ha bisogno di un tifo positivo e ottimista. Questi atteggiamenti ipercritici di tanti commentatori non servono a nulla, al massimo a trasmettere nervosismo a una tifoseria (la nostra) già per se stessa isterica.

  24. Solo per evitare di scendere nella solita tiritera:
    il calcio non mi avvelena nulla e state pur sicuri che la mia vita, la mia estate e le mie serate vanno una crema.

    Ovvio che se vengo qui esprimo la mia, positiva o negativa che sia, sull’Inter e nient’altro, perché il topic del blog è questo.
    Poi se il problema è degli altri, che vogliono leggere che va tutto a meraviglia, il discorso cambia.

    Ma lì non capisco perché non andiate di rotellina.

  25. A Belli, mentre ch’aspettate er treno pe’ Kandahar, p’er primo turno da Coppa da Via de la Seta, stasera guardateve ‘n po’ de Carcio vero.

    P.S. E, guarda te come so’ magnanimo, pe’ facilita’ l’inevitabbile mala digestione, v’è concessa pure bira a volontà e rutto libbero…

  26. Fanno= danno

  27. A Peppe, ma nun è che tu te piji er treno pe’ anna’ a Kakar?

  28. Buongiorno a tutti. Torno dalle ferie e mi ritrovo con l’esonero del mancio …a saperlo…
    Ho letto un po’ di commenti sparsi e sono rimasto stupito del fatto che qualcuno si sia stupito del suo comportamento: che l’uomo non valesse un cazzo era risaputo. Non è che ci si potesse aspettare molto di più.
    Dovendo fare un commento a chiusura della sua avventura, quello che non mi riuscirò mai realmente a spiegare è stato l’aspetto tecnico.
    E’ un buon allenatore, è un fenomeno, è un mediocre …ci sono opinioni per tutti i gusti. Ma quello che ha combinato con noi va al di là dell’umana comprensione. Si è incartato su scelte e comportamenti cervellotici ed ingiustificabili. Chissà che gli sarà mai passato per la testa.

    FdB non lo conosco più di tanto. Sarà anche vero che la campagna acquisti fatta fino ad oggi non è stata fatta da lui ma:
    1- Se è un buon allenatore sarà capace di adattarsi. Eseguendo la transizione verso il “suo” modo di giocare in più fasi. Del resto abbiamo detto mille volte di come Mou, abortito al primo anno il cambiamento desiderato, ritornò sui suoi passi mettendo insieme qualcosa di più consono a quella squadra. Mi auguro che l’olandese faccia altrettanto.
    2- Banega e Candreva non mi pare siano giocatori che non si possano inserire nel gioco del Mister.

    Volendo quindi dare fiducia all’allenatore, quello che mi preoccupa di più è la preparazione atletica. Se veramente è stata fatta di merda siamo fottuti ancora prima di cominciare.

  29. agosto 17, 2016 a 11:28 am

    Miranda che sconsiglia Gabbicesso di venire in una squadra del cazzo, e che anche lui sta cercando sottotraccia di darsela a gambe alla prima occasione spero con tutto il cuore sia una cagata perchè se non lo fosse spero che il Meazza se ne ricordi e gli faccia passare delle splendide domeniche.

    Quando l’ ho letta ci sono rimasto veramente male, tra lui, BroDovic e il Wando credo che noi interisti abbiamo preso abbastanza cazzuolate di m…a in faccia, direi anche basta, sempre ammesso che siano cose vere e in che percentuale.

    L’ allontanamento di Mancini mi aveva restituito un po’ di entusiasmo ma queste ultime chicche mi stanno disgustando, ma possibile che solo alla juve abbiano capito l’ importanza di scegliere la “persona” oltre che il giocatore?!

    Spero che i nuovi proprietari lo sappiano fare, sarebbe un inedito da noi, sul fatto che siano considerati digiuni di calcio italiano rifletterei che sono anni che facciamo pietà con dirigenti Made in Italy, quindi…

  30. Scusate il doppione

  31. Quoto tutto l’intervento di bierre.
    Soprattutto l’ultima frase.

    Miranda, secondo me, fosse voluto andare via lo avrebbe già fatto. E comunque come fai a dargli torto anche qualora avesse detto che lì c’è un gran casino che non fa bene ad un ragazzino in fase di crescita?

    Non ricordo, oggi è Joao Mario sì, o Joao Mario no?

  32. Dipende, oggi i giornalisti sportivi sono p.i. contro l’ Inter o seri professionisti super partes?

    In amicizia eh Este…;-)

  33. paradossalmente la ricerca dello specifico giocatore è una caratteristica delle categorie minori, dove il nome fa davvero la differenza, o dei supertop, che hanno la fila di procuratori fuori dalla porta

    chi è nel mezzo lavora sui profili, lo stesso Mourinho non ebbe i nomi indicati ma degli equivalenti

    ora, io non penso che De Boer abbia dettato il mercato volteggiando come un corvo in attesa del licenziamento, però penso che sia meno presuntuoso del predecessore, più abituato a lavorare con gente non ad alto livello, e soprattutto accettando l’incarico abbia ipotizzato di provare quantomeno a sfruttare l’occasione, per cui non mi venite a dire che un esterno non può fare l’ala o viceversa ecc ecc

    la squadre c’è, con tutti i difetti e gli strascichi di sessioni di mercato catastrofiche, e spetta all’allenatore sfruttarne le doti, sia tecniche che morali, in una parola prima di tutto deve farsi seguire, per tutto il resto c’è una soluzione

    • Concordo. Domenica mi guardo la partita e più che se mette tizio davanti alla difesa o dietro l’attacco o caio interno o laterale, sono curioso di vedere l’atteggiamento della squadra. Una cosa detta in questi giorni da FDB, non credo riferendosi a Mancini, suona come un epitaffio per la precedente gestione: individualmente puoi vincere le partite, come squadra vinci i titoli (a meno che non ti entri Ibra nel secondo tempo dell’ultima di campionato…)

  34. Kovacic a quasi 40 milioni e stato preso dal real.

    Icardi ha fascia, è già stato capocannoniere, ha una valutazione monstre e presto un ingaggio in proporzione.

    Perisic e brozovic stanno crescendo molto, con attenzioni dei migliori club europei.

    Eh già, dovessi consigliare un ragazzino -dotato di talento- gli direi che all’inter è un gran casino dove si bruciano tutti.

    Magari gli proporrei il milan, dove il suo procuratore e il dottor galliani si sparticono le stecche e lui finisce fisso in tribuna a san siro per poi girovagare in prestito nelle serie minori finché non scade il contratto.

    Che poi, che giusto ci sarà a martellarsi i marroni cotidie, io proprio non lo so.

    Il fatto poi che l’indiscrezione provenga da UOL, beh, credo si commenti da sé e mi stupisco del fatto che gli si dia credito.

    Ps, la storia di via Paolo Sarpi era solo una battuta este, vai tra che so bene che sei troppo intelligente per fare questioni di razza. È solo che in questo periodo ti piace veder nero, per qualche strano motivo.

  35. Perisic ha 27 anni, non si può più definire un ragazzino.

    Ma aldilà di questo: il gran casino è roba recente, non ho mai nascosto che l’anno scorso, pur con tutti i se e i ma del caso, si è lavorato molto bene.
    Poi, cosa abbia detto Miranda non lo so e non saprei dire se è vera sta storia o meno.

    Mi limito a constatare che non ci sarebbe nulla di strano, perché a me pare la verità.

    Finora ho visto molta fuffa e disastri pazzeschi.
    Il fatto di far fare la preparazione ad un allenatore e la stagione ad un altro,
    il mercato non si sa bene chi lo faccia
    e soprattutto se lo faccia, visto che in due mesi abbiamo preso solo Candreva a prezzo pieno
    (così sono capace anch’io, forse riesco perfino ad accorciare i tempi)

    tu lo definisci motivo “strano”.

    A me pare strano tutto il resto, ma sono punti di vista.

  36. Comunque stiano le cose (e io ripeto che non so come stanno), credo che la preoccupazione di Este derivi da genuino attaccamento ai colori sociali. E credo anche che per quelli come lui (come noi) non si preparino tempi luminosi, a prescindere dai risultati; ma questo l’ho già scritto.

  37. A John, complimenti pe’ la rima che m’hai ‘nviato stamattina in risposta.
    E, da sportivo, accetto e rimetto palla a centrocampo.
    Sempre pronto ad contrattacco,però…
    Perciò, sta’ ‘n campana, a John, ah, ah, ah…

    Comunque, rinnovando l’invito a tutti li buongustai, stàtece a guarda’ come li ‘mbriacamo stasera a ‘sti portoghesi.

    Ah, ah, ah… Povero Porto!
    Manco se l’immagina er guaio che je sta pe’ capita’ tra capo e collo.

    • Sì, anche secondo me il Porto sta andando incontro ad un suicidio.

      Ai gironi per me beccano il Barcellona.

  38. Ammazza, a estecambia’!!!
    E si te metti cosí a malaugurio me costringi a mette ‘n opera quella greve ancorché efficace pratica che va sotto l’aulico appellativo de ‘Grattatio Pallorum’…

  39. Bravo Peppe, sei stato al gioco.
    Chapeau.

    Comunque, noialtri ci siamo talmente rinforzati che contro il Chievo mi sa che gioca Ranocchia.

    Perché, ovviamente, mica ci passa per la testa che Juan Jesus andrebbe rimpiazzato.

  40. Marotta polemizza con de boer. Avanti frank, per quel che mi riguarda i primi 3 punti li ha già conquistati.

    Comunque divertente l’idea di este: chissenefrega del mercato già fatto, se arriva nuova proprietà deve infischiarsersene e comprare nuovi giocatori. Hai già banega? Non conta, l’ha preso un altro.

    Un modo molto originale per costruire le squadre, non c’è che dire.

    Non si guarda alla squadra che si sta allestendo per la nuova stagione, ma quanti giocatori nuovi mi compra la nuova proprietà.

    E così una squadra che si sta rinforzando nei ruoli in cui era carente, diventa la squadra che ha preso solo candeva.

    E tralasciamo la solita storia che si è preso a prezzo di costo e quindi un mese intero di trattative e stato inutile. Ti han già detto in tutte le lingue che contava molto di più ripartire i costi in più esercizi piuttosto che risparmiare due milioni impegnandone però 20 subito, ma sono orecchie da cui non senti, perché tanto il ffp è solo un’invenzione dei media.

  41. meglio così, avessero perso sai che settimana deliziosa cor core ‘a fede a’ cura (le puncicate) daje le radio er sistema er palazzo ecc ecc

    vediamo i campioni intergalattici assoluti eterni modello-kim-il-sung della figura demmerda che cosa riescono a combinare stavolta, le premesse ci sono tutte

  42. dando un’occhiata pur distratta al Brasile ho notato Gabigol x una palla persa malissimo a centrocampo, poi poco d’altro
    magari ha fatto mirabilie mentre non guardavo, una partita non fa testo etc ma boh, da umile tifosotto non mi sembra un granchè. spero che Ausilio e C. sappiano quello che -forse -fanno.

  43. Ma questi sono ragionamenti da mezza classifica.
    Non riesco a condividere il ragionamento per cui se gli altri hanno preso Banega
    (come se ne bastasse uno per mettere tutto a posto) e allora io prendo un giocatore in due mesi.

    Ci sarebbe un gap da colmare, non so se a qualcuno è sfuggito, non voglio dire sulla Juve, ma almeno su Napoli e Roma.

    E domenica andiamo a giocare con Ranocchia in difesa, visto che ci siamo giocati JJ senza rimpiazzarlo (ma non è una priorità quella.La priorità è cazzeggiare con lo Sporting per Joao Mario, senza prendere il regista che era una priorità assoluta, con un allenatore che è qui da una settimana e spiccioli, perché grazie a Dio nelfrattempo abbiamo fatto un casino che io non ne ricordo uno uguale,

    una manciata di giocatori che sbuffano perché vogliono il rinnovo e senza una vera prima punta, a parte Icardi.

    Eh, però dopo che hai preso Banega cos’altro vuoi che serva.

    • “Ci sarebbe un gap da colmare, non so se a qualcuno è sfuggito, non voglio dire sulla Juve, ma almeno su Napoli e Roma.”

      Forse a te sono sfuggiti i nomi di Banega, Candreva, Ansaldi…senza contare l’upgrade allenatore (fdb-mancini) che mi sembra notevole.