Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

I ragazzi del ’93

icardiempoli

Non è ancora passata una settimana da Inter-Hapoel Beer Sheva. No, bisogna ricordarlo, perchè tutto assume automaticamente una dimensione diversa. Non trionfale, nè eccessivamente autoindulgente. Diversa. In sei giorni siamo riemersi dallo sprofondo battendo la Juve a San Siro (certo, nella partita più brutta degli ultimi 30 anni, come si è premurato di ribadire Allegri anche stasera) (contento lui, ma a occhio dev’essere il culo che brucia) e poi l’Empoli in trasferta con i seguenti miglioramenti rispetto alle prime quattro partite di campionato (più la spaventosa Europa League): non siamo andati in svantaggio; abbiamo segnato nel primo tempo; non abbiamo subito gol.

Il miglior commento a questa partita l’ha fatto De Boer, un giorno prima che si disputasse: “Prima della Juve mi davate per morto, dopo la Juve mi avete chiesto se possiamo vincere lo scudetto… Io dico solo che il campionato è lungo e il campionato si vince con le piccole squadre”. Tenendo conto che il Chievo è terzo e il Palermo ha espugnato Bergamo, il nostro campionato con le piccole (Pescara, Juventus ed Empoli) per ora segna nove punti in tre partite, e quindi va bene così.

Aver risolto la partita in 17 minuti è un ulteriore upgrade per una squadra che finora aveva dovuto rimediare ampiamente in corsa. Quanto al fatto che siamo Icardi-dipendenti, non vedo il problema: segna sempre lui, ci pensa lui, risolve lui? E allora? Si sta verificando il rarissimo caso di uno che, dopo aver ridiscusso lo stipendio, giustifica in tempo reale l’aumento. Noi non ci possiamo lamentare. Forse gli altri sì.

Mancava Banega, ma c’era Joao Mario. Un altro che sta giustificando l’investimento senza effetti speciali ma con una disinvoltura che conquista. Ho rivisto 118 volte il video del replay del secondo gol: due ragazzi del ’93 che intercettano palla a metacampo e la recapitano in porta in due secondi. Così bello, potente e denso di emozioni che quasi lo caricherei su YouPorn.

share on facebook share on twitter

34 commenti

  1. la gara la lascio ai gobbi! Grande Maurito!

  2. Oh ragazzi non mi era mai capitato sarà un presagio? 🙂 Cmq superata l’emozione direi che continuiamo a migliorare ogni partita fa segnare un progresso rispetto alla precedente (Europa League esclusa, ovviamente) Joao Mario mi sta piacendo sempre di più avevo detto che mi ricordava Cambiasso mi sa che effettivamente siamo su quei livelli giocatore essenziale, intelligente, fa sempre la cosa più utile e fa giocare meglio anche i compagni; Icardi sarà pure attaccato ai soldi, c’avrà una moglie non tanto simpatica, ma questo ha fatto già 6 goal in 5 partite e ora dà pure l’impressione di sbattersi un po’ di più x la squadra; gli altri in generale giocano anche i più scarsi a livelli dignitosi perfino uno come Santon a un certo punto ha anche saltato un avversario :O insomma pare proprio che siamo sulla buona strada … E FDB credo che appena conoscerà meglio l’italiano ci darà delle soddisfazioni anche nelle interviste già si nota la capacità di mettere al loro posto le p.i. italiche con uno stile più sobrio e pacato rispetto al Mou ma forse proprio x questo anche più efficace

  3. Le parole di Allegri sono di un’arroganza obbrobriosa.
    Spero di non vederlo mai, dico mai, sulla mia panchina.
    Solo qua in Italia dobbiamo assistere a ste cose.

    E infatti: Milan e Juve. Un pedigree inconfondibile.

    De Boer e Allegri l’unica cosa che hanno in comune è che quando parlano in italiano non si capisce una sega

    (e il nostro ha già messo la freccia, in questo senso)

  4. Allegri: contro l’ Inter peggior partita degli ultimi trent’anni. Della Juve? No, di entrambe.
    Contro il Cagliari migliore partita da almeno trent’anni. Della Juve? No, di entrambe.

  5. Senza voler dire l’antipaticissimo “io l’avevo detto”, vorrei porre l’accento su un aspetto della nuova società. Non aver ceduto Icardi al Napoli è stato un vero “atto di forza”. Economica e politica. “E’ il nostro capitano, è incedibile. Punto”, le dichiarazioni di Ausilio, seguite poi dai fatti (perché si sa, le parole le porta via il vento). A prescindere dal rendimento di Icardi e dalla dichiarazioni del procuratore di Icardi (Wanda, a proposito della quale vi chiedo: scusate, ma vi sembra poco? No dico, preferite Raiola? Sarà antipatica, ma preferisco centomila volte lei a Raiola. I motivi… sono sotto gli occhi di tutti…), la scelta societaria ha fatto capire chiaramente chi erano. Non si vende. Ri-punto.
    Il fatto che Icardi si sia rivelato per quello che è (bastava leggere i suoi numeri e vedere la sua carta di identità per capire che vale un tesoro, ma tant’è…), è secondario. Importantissimo per noi, ma secondario.
    E’ l’atteggiamento che conta. Thohir, lo avrebbe venduto. Senza la minima ombra di dubbio.

  6. Dai Javier. Non te la prendere così…

    • Sono io quello che se la prenderebbe? ahahaha
      a me sembra che solo un gobbo con il culo in fiamme si passa i 90 min in cui gioca la sua squadra a leggere cosa scrivono sul blog dell’Inter e rispondere piccato e infastidito ai post.
      Come ha ben detto Vittorio: “se non lo capisci pecà” (cit)

  7. primo primo primo ueeeeh uueeeeeeh avreste anche rotto i coglioni direi

  8. avete letto della bomba lanciata dal sito finanziario Bloomberg ?

    sembra, a loro dire, che il Milan sia stato acquistato con documenti bancari falsi.

    • Si vede che quei cinesi ci tengono molto: “hanno fatto carte false per comprare il Milan”

    • ieri han cercato di dire che no, cioè sì, il documento è falso, ma si riferiva a un’altra cordata, cioè, quella che c’era prima, ma non prima, prima prima, massì quelli là che poi… no, cioè non loro

      purissimo Renato Pozzetto

  9. Javier non te la prendere, non sono loro che son ladri, siamo noi che abbiamo le manie di persecuzione…

    e meno male che questi son quelli buoni…

  10. Gran bel primo tempo. Giusto piglio, giusta intensità, squadra ben disposta e tutti disciplinati.
    I gol, poi, l’hanno messa in discesa.
    Sul controllo della gara, ovviamente, dobbiamo ancora migliorare perchè qualcosa di troppo abbiamo finito per concederlo.
    Ma ci stà, che cavolo. Il rodaggio vivrà di momenti di alti e bassi.
    Se le difficoltà che affronteremo saranno sempre queste c’è da metterci la firma.

    Icardi in stato di grazia. Pur avendolo sempre difeso, non immaginavo.
    Pazzesca la facilità con cui JoaoM stà in campo.
    Kondo ancora timido, credo che in effetti gli pesi la valutazione.
    E forse anche noi dovremmo rassegnarci al fatto che il suo ruolo è quello dello strappapalloni e non del centrocampista che si propone ed inserisce.
    Che poi, rassegnarci, se lo fa bene chissenefrega se anche avevamo altre aspettative.
    Speriamo che Ansaldi si ripigli in fretta perchè quelle fasce vanno tamponate meglio.

    Ad Este che è preoccupato del fatto che segni solo Icardi dico: hai ragione.
    Anche perchè, ad esclusione di candreva, nessuno degli altri ha mai offerto un grande apporto in termini di gol.
    Però regaliamoci un po’ di ottimismo e pensiamo che FdB è dovuto partire dalle poche certezze che avevamo. Ed una di queste era che Maurito la mette. Quindi penso che la squadra giochi un po’ tutta per lui. Se col tempo migliorerà anche il nostro gioco magari arriverà anche qualche gol da altri.

    Ps: I cartellini per me ci stavano tutti.

    Pps: capitolo scudetto. Siamo due punti dietro i gobbi, se le vinciamo tutte da qui alla fine è fatta. Che ci vuole?

  11. Era l’uovo di Colombo: sistemare i giocatori in campo secondo i loro ruoli naturali e rispettando le giuste distanze; rinunziare agli inutili, fastidiosi passaggi laterali a vantaggio di veloci lanci verticali ( di cui è maestro il portoghese); evitare di lasciar sguarnita la difesa con la collaborazione di tutta la squadra quando gli altri attaccano. Insomma, l’A, B, C del calcio che il precedente allenatore spesso dimenticava di pretendere, con la responsabilità di tutta la squadra, oggi finalmente rinsavita.
    La grande novità introdotta dall’olandese è l’aver spostato il baricentro della squadra molto in avanti, tattica assai rischiosa, che , secondo i biografi di DB , gli ha permesso di ottenere molte vittorie in passato , ma anche clamorosi rovesci . Fino ad oggi, almeno nelle due ultime partite con una grande squadra in casa e con una piccola in trasferta, la tattica è parsa perfetta.
    Saranno importanti le prossime due partite, col Bologna in casa, per verificare se tale tattica sarà in grado di scardinare le ben munite difese italiane, e quella con la Roma, con una grande squadra in trasferta. Saranno, secondo me, la prova del nove per valutare le ambizioni future della nostra squadra.

  12. Martusciello: “Empoli-Inter è stata la partita più brutta degli ultimi 40… che dico 40, la partita più brutta degli ultimi 50 anni.”

  13. bene così, altri tre punti la prossima, poi con la Roma vediamo come va…vediamo quanti andranno a verona a far punti con il chievo…
    Speriamo non sia un fuoco di paglia….è sempre pazza inter….

    Amala!!

  14. allora, alcuni di noi, tra cui io, ha detto che la campagna acquisti non aveva risolto i nostri problemi dove eravamo carenti, vale a dire terzini e mediano davanti alla difesa, anche se la nuova proprietà ha tirato fuori più di cento milioni per Candreva, Ansaldi e J.Mario.

    ha detto anche che il palo della luce Icardi avrebbe dovuto essere venduto senza se e senza ma perchè era un mercenario della peggior specie coadiuvato dalla moglie procuratrice, insultata da quasi tutta la tifoseria Interista e quindi, per 60 milioni, si sarebbe dovuto vendere al Napoli senza pensarci un attimo, che qualcun altro si sarebbe trovato che avrebbe fatto gol al suo posto.

    si è anche detto che la preparazione estiva era stata fatta alla cazzo di cane e che DB aveva in mano una squadra senza fiato, senza gambe e senza forze per giocare una partita in maniera dignitosa e che per quello si sarebbero dovuti chiedere i danni all’allenatore precedente, questo perchè alla prima con il Chievo si era perso di brutto, tralasciando gli esperimenti del nuovo allenatore che doveva farsi le ossa e ha fatto un sacco di cazzate.

    l’apice dei mugugni è stato raggiunto giovedi scorso, sette giorni fa, quando siamo stati battuti in casa dai dilettanti israeliani, dove oltre a prendersela ancora con il vecchio allenatore perchè in campo i giocatori, anzichè correre, camminavano, se la si è presa anche con il nuovo in quanto ha fatto giocare quasi tutte le riserve piuttosto che fare giocare i titolari, preservati per il confronto con la gobba di domenica pomeriggio, per cui già si pronosticavano panettoni che non si sarebbero mangiati mai, dubbi sulla capacità di un allenatore olandese mai uscito dall’Olanda ad inserirsi in un nuovo contesto per niente facile come quello del campionato italiano e dulcis in fundo, la possibilità che la gobba ce ne avrebbe dati quanti ne avesse voluti darci, se solo ne avesse avuta voglia.

    come poi è andata lo sapete, battuta la gobba dopo anni che in casa nostra faceva quello che voleva, vinto con l’Empoli ieri sera mettendo in ghiaccio la partita in venti minuti, se a tutto questo ci aggiungiamo i post di Settore più che eloquenti e i nostri commenti dove si sta rivalutando anche l’immagine della signora Wanda prossima ad essere beatificata, dove Icardi è il Campione che stavamo aspettando dopo Ronaldo e che DB non ha niente da invidiare a nessuno e che sarà lui a portarci in paradiso dopo anni di vacche magre, si può serenamente dire, senza che nessuno si offenda, che aveva ragione il Mancio quando disse che in Italia di calcio non capiamo un cazzo.

    DB, facci sognare!!!

    • Corso, tutto condivisibile tranne la chiosa finale…

      Semplicemente nel calcio numeri e risultati alterano le valutazioni e cambiano gli scenari.
      Dopo il Palermo si contavano i punti per arrivare a 40 mentre ora si farnetica di lotte scudetto…. Icardi era un palo della luce e nel giro di 2 settimane è diventato il miglior centravanti d’Europa così come FdB è passato dall’essere un dead man walking ad erede del Vate.

      Si sono viste cose importanti negli ultimi giorni, ma dopo quello che è successo lo scorso anno, mi riservo di vederne almeno altre 10-15 sperando che somiglino più alle ultime 2 che alle precedenti prima di lanciarmi in pronostici

  15. KONDOGBIA non ha giocato benissimo ma nemmeno malissimo…

    Non è veloce, da lui non si possono pretendere giocate di fino, ma è certamente bravo a fare filtro, va utilizzato per quelle che sono le sue caratteristiche…

    Ora serve recuperare in toto BROZOVIC, anche perché causa ammonizioni gratuite, a turno mancheranno giocatori a centrocampo e in difesa…

    Ieri sera D’AMBRO e SANTON hanno giocato bene, iniziano a muoversi a sincrono con PERISIC e CANDREVA…

    ANSALDI è in rampa di lancio, la questione terzini sembra essere in fase di miglioramento…

    Per gennaio l’urgenza è un difensore centrale forte e affidabile, da alternare a MIRANDA-MURILLO, visto che FROG non da garanzie…

    ICARDI segna sempre lui? L’augurio è che presto GABIGOL inizi a fargli concorrenza…

    Forza Interrrr… avanti Frank!

  16. Visto che a detta di molti in italia si gioca male, molto male, diventiamo improvvisamente i superfavoriti.
    Ma c’è però poco da stare allegri (scusate , ma è quasi inevitabile…) perchè d’ora in avanti le peggiori partite degli ultimi 30 verranno declassaste come le gare di F1 che finiscono anzitempo per pioggia: la vittoria varrà solo 1,5 punti.

  17. Seriamente.
    Visto che è in atto una sorta di revisionismo, mi accodo e chiarisco che io su JM ho sempre espresso dubbi non sul calciatore, che ritenevo valido, ma sulla valutazione.
    Contentissimo se sarò sconfessato dai fatti anche su quel versante.
    Questione Icardi (che come Ganz, el segna semper lu’).
    Anche Handanovic para sempre lui (occhei occhei, di portieri ce n’e uno solo, mentre di punte,centrocampisti,difensori offensivi cè n’è più d’uno) cioè voglio dire che Icardi è un giocatore della rosa e fa il suo dovere.
    Inoltre l’Inter, dopo aver fatto un paio di gol, quasi mai infierisce sui vinti (come altre squadre smargiasse) per cui il problema per ora non si pone.

  18. i punti son importanti, l’arroganza stizzita di Allegri una goduria.

  19. però su Joao Mario c’è stato un pizzico di presunzione, esaltiamo all’Italietta contiana fatta fuori senza troppi complimenti a metà giugno (unico merito effettivo: aver evitato le preventivate colossali figure di merda, ma è un troneo dove l’Italia non ha contato nulla), ci mettiamo a schifare un CC titolare della squadra che l’ha vinto?

  20. la mia fiducia da qui a gennaio e’ legata alla salute di miranda, certo anche a quella di icardi ma una/due partite senza di lui tra jojo,gabigol,eder etc. “scenderei” in campo cmq fiducioso, speranzoso, senza miranda non vorrei neanche giocarla

    • E’ per questo che ieri mi rodeva per 2 ammonizioni “fiscali” in 20 min dei centrali.
      JM se non sbaglio è già alla seconda ammonizione, Banega è già stato fuori.
      Per carità niente di scandaloso, ancora, ma la solita encomiabile tolleranza 0 che tanto bene fa al calcio, con noi…
      Fortunatamente Samuel era solo in tribuna.

  21. Ma su JM nessuno credo abbia mai detto fosse una pippa.
    Semmai si avanzavano dubbi sulla possibilità che potesse pestarsi i piedi con altri, mentre ci sono ruoli totalmente scoperti.

    Ma, da quello che si è visto, questo è un centrocampista a tutto campo, che fa più o meno tutto. Lo dico sottovoce perché troppe volte ci siamo esaltati per qualche buona prestazione iniziale e poi siamo rimasti col cerino in mano.

    Ma le cose che gli ho visto fare domenica e ieri sera, o le sai fare o non le farai mai.
    E lui le fa con una naturalezza incoraggiante.

    • “…le cose che gli ho visto fare domenica e ieri sera, o le sai fare o non le farai mai…”
      Azz! ho detto la stessa frase ad un mio amico 10 min. fa.

      E chi sei Nanni Loy 🙂

  22. D’accordo con Javier,
    i gialli, a termini di regolamento, tra falli tattici ed interventi rudi, c’erano tutti.

    Quello che urta è il fiscalismo ad personam, perché, sempre a termini di regolamento, Chiellini dovrebbe essere in custodia cautelare per le entratacce che fa.

  23. dai javier, ieri i gialli erano indiscutibili, altro discorso e’ la disparità di trattamento, purtroppo e’ cosi da tanto,troppo tempo che ormai in molti di noi ce l’abitudine se non addirittura rassegnazione a questa cosa , fai quindi benissimo a ricordarlo sempre, non abbassi mai la guardia e difendi ogni volta l’ Inter senza se e senza ma, grande !

  24. Su JM mai avuto dubbi. Su Icardi si è detto. Su Banega pure. Io sottolineo anche l’upgrade sulla destra rappresentato da Candreva. Qualità e quantità. E finalmente cross come dio comanda.

  25. @ corso: fermo restando che ovviamente mi annovero tra le fila di quelli che di calcio non capiscono una fava, su alcuni aspetti della tua mail vorrei dire qualche cosa.
    Anzitutto che manchi qualcosa in rosa mi sembra vero: un difensore centrale di primo livello per sopperire alle future assenze di Miranda (e/o di Murillo); terzini di buon livello (ok aspettiamo Ansaldi, comunque tutto da vedere, ma è sempre uno su 6 in rosa); una punta centrale se Icardi dovesse avere problemi…insomma, la rosa è senz’altro perfettibile. Certo, questione di obiettivi: se dobbiamo lottare per lo scudo siamo corti, per la champions siamo contati, per la zona Uefa ci siamo.
    Su Icardi io non lo avrei venduto mai: chi lo voleva vendere probabilmente lo diceva per motivi extracalcistici, quindi i suoi exploit non dovrebbero cambiare troppo il punto di vista (per la serie: giochi bene e segni? resti. Rompi le balle per il rinnovo a 111 milioni l’anno? vattene).
    Sulla preparazione non mi esprimo, certo che ai ns vengono i crampi a fine partita, e non so se sia normale dopo 4 partite, ma qui penso che la discussione debba essere lasciata ai tecnici.
    Ciò detto, Wanda non credo sia Maria Goretti! 🙂
    Sulla figuraccia in Uefa sono punti di vista: abbiamo giocato da far pietà con le riserve. Sarebbe stato meglio mettere i titolari? non lo so, a me perdere contro Sheva per vincere con la Vecchia Baldracca, tutto sommato, va bene. Non credo sia la Uefa il ns obiettivo annuale (anche perchè non abbiamo sufficiente profondita di rosa).

    • caro Ivan,

      facevo solo dell’ironia spicciola, nient’altro. solo per mettere in risalto le nostre contraddizioni e come certi umori possano cambiare da una settimana con l’altra.

      per il momento va bene così, speriamo che duri a lungo e che DB non si incarti ma che prosegua la sua opera di costruzione senza tentennamenti, anche grazie a Banega, J.Mario e Candreva che l’anno scorso non c’erano…

      per non dire di Icardi che senza preparazione atletica pare trasformato e ci fa due gol a partita….

      ma come si chiama quello che DB ha sostituito?