Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Doppio Brozo Star

Il primo sussulto statistico della stagione (sei vittorie di fila in casa: Southampton, Torino, Crotone, Fiorentina, Sparta, Genoa) ti costringe a guardare la classifica e a chiederti come mai una squadra che ne vince sei di fila in casa abbia una classifca che fa tanto cagare. Semplice: nelle ultime otto trasferte (Sparta Praga, Roma, Atalanta, Sampdoria, Southampton, Milan, Hapoel, Napoli) l’Inter  ha fatto un (1) punto, e siccome quel punto è arrivato nel derby, dunque in suolo amico, si può dire che non facciamo punti lontano da San Siro dal 21 settembre, Empoli-Inter 0-2, che son tre mesi e sembrano 33.

E’ un ruolino di marcia che fa molto provinciale, te lo aspetti – chessò – dal Cagliari, e invece la squadretta che fa punti in casa e fuori si scioglie siamo proprio noi. Dal 21 settembre a oggi, insomma, otto trasferte e un punto, 8 gol fatti (uno a partita, appena sufficiente) e 18 subiti (più di due a partita, disastro assoluto). Otto trasferte e due buone partite (Roma e Milan, totale un punto) più sei demmerda proprio. Otto trasferte affrontate con tre allenatori diversi (4 De Boer, 1 Vecchi, 3 Pioli) ma spesso con lo stesso atteggiamento, quello di una squadra senza palle e con molto timor panico.

Praticamente sono due mesi e mezzo che andiamo avanti così, vincendo in casa e perdendo fuori, che vuol dire veleggiare a metà classifica in campionato – a meno 8 dalla Champions e meno 7 dall’Europa League nello stretto giro di 16 partite – e uscire ingloriosissimamente in coppa, in un girone normale e in cui è bastato scoprire che una squadra israeliana sapeva mettere insieme tre passaggi consecutivi per andare completamente nel pallone.

Viene quasi da dare ragione alla curva, non tanto nei modi e nei tempi della contestazione, quanto nell’uso della parola culo*. L’Inter è una squadra che sembra prenderti per il * e andrebbe effettivamente presa a calci nel *. Anche Pioli non ha saputo ancora cosa fare con questo mal di trasferta, e anzi ha firmato due delle peggiori partite dell’anno (Bersabea e Napoli, tre pere/partita). E’ una squadra che dovrebbe farsi il * e invece spesso dà la sensazione opposta.

Ci sono ancora due partite prima della sosta, due buone occasioni per spezzare le serie negative (a Sassuolo, alle 12.30, quanti ricordi) e continuare quello positive (Lazio prenatalizia, un anno fa fu l’apocalisse). Nel frattempo, nel sempre spossante tentativo di capirci un cazzo di qualcosa in questo campionato sincopato, segniamo nella casella “dati di fatto” che l’epurato da De Boer è diventato l’eletto di Pioli. Col Genoa un pochino di culo, rimanendo ampiamente in credito. Gabigol sta conquistando la fiducia di tutti ed è ormai pronto al ri-debutto: se a Sassuolo dovessimo come tradizione vincere 7-0, potrebbe entrare già dopo il quinto gol.

brozovic

share on facebook share on twitter

306 commenti

  1. Altro post col braccino corto. Quando non gira non gira.
    Questi numeri c’è li ricorda Sconcerti tutte le settimane dalla prima giornata.

  2. L’Inter di Pioli è tenace e coraggiosa, la squadra sta guarendo ma Gabigol deve vedere il campo. I giocatori però hanno bisogno dei tifosi, sono davvero loro a meritare la contestazione? Sicuro che non si sta sbagliando il tiro? Perchè ci sono altri che meriterebbero insulti…

  3. Ancora in tempo per il podio?
    FORZA INTER
    A M A L A

  4. Come ho già detto più volte, contestare i giocatori per lo scarso impegno non mi sembra giusto nel senso che andrebbero contestati perché sono scarsi…..ed allora di fatto la contestazione andrebbe diretta a chi li ha scelti e continua a sostenere che siano bravi. Sinceramente vedere in campo ancora Palacio e Mototopo mi fa anche sorgere dei dubbi sulla buona fede di qualche nostro dirigente….argentino….

  5. Sarebbe bello avere una dirigenza e una società degna di questo nome, che sappia assemblare una squadra invece di riempirla di doppioni. Sarebbe bello in campionato vedere impiegata gente come Miangue, Pinamonti e Gabriel Barbosa. Invece ci meritiamo Palacio (ex giocatore), Nagatomo (no comment) e Banega a 5 minuti dalla fine senza senso quando potevi far respirare l’aria di San Siro e di vittoria al sig. TRENTA MILIONI Gabigol. Javier+ cambia blog e non rompere i coglioni.

  6. Settore, lo so che i due 7-0 rimangono facilmente impressi nella mente, ma ricordo a tutti quanti che che le ultime tre partite col Sassuolo le abbiamo perse.
    Ok, l’ultima sconfitta era una specie di scansamento (alla fine inutile in quanto il Milan non ce l’avrebbe fatta comunque a entrare in Europa), poi la penultima (invero immeritata) che ci è costata il campionato d’inverno dello scorso anno e infine è la terza di queste che ci è tornata indietro quest’anno come un boomerang, come la maglia di Icardi dalla curva.
    Incroci che fanno di questa partita quella che più mi intriga per gli ovvi motivi di cuore e stanzialità.

  7. concordo con angioletto su javier.
    non è che ce l’abbia con lui, ma chiedere a settore degli epic-post ogni volta è come chiedere al sottoscritto notti infuocate ogni sera.
    è già tanto che si riesca a fare gol ogni tanto…

    accontentiamoci 🙂

  8. Io dico semplicemente quello che penso dopo aver letto, a volte è positivo a volte no, leggo i post e leggo i commenti , non è così che funziona?
    Beh in fondo sono più d’accordo con voi di quanto crediate, solo che io tifo Inter e mi infastidiscono le critiche infinite sull’Inter, voi evidentemente tifare Settore e vi infastidiscono le critiche a lui. Take it easy.

  9. Perché?
    Tifare Inter e Settore é blasfemia?
    Che poi, rompere il cazzo a Roberto per i post lo trovo davvero pretenzioso. Quindi caro J+, cospargiti il capo di cenere e chiedi scusa.
    Dai su!

  10. Brozo che segna con continuità è la buona notizia, forse l’unica, del periodo che stiamo vivendo. Credo ci si debba rassegnare a tornare a vedere l’Inter giocare sul modulo altrui, un pò come l’Inter di Mancini fino a dicembre dell’anno scorso. Se serve a far punti, va bene. Poi a Gennaio vediamo se si riesce a sistemare qualcosa (ma sinceramente non vedo come). Nagatomo esterno sinceramente non si può vedere, soprattutto se deve restare concentrato per trasformare in non possesso la difesa a 3 in una a 5 (con Candreva dall’altro lato che invece ha fatto bene, secondo me). Miangue ha il fisico, magari non la stessa rapidità sul breve, ma quante volte ieri il giapponese si è perso Lazovic? Allora tanto vale, ma mi sa anche a me che entrano in ballo altre dinamiche da spogliatoio. Melo se deve fare schermo davanti ai 3/5 dietro può andare bene, ma ogni volta che si avventura a fare il regista la sensazione di puttanata in agguato è devastante. Quanto a Gabi… Magari un giorno sboccerà e capiremo di aver assistito al più grande investimento prospettico della storia nerazzurra (…). Ad oggi permane il sospetto di topica colossale legata al folle esborso di danaro per un ragazzo che a dicembre ancora non gioca. E visto che tutti ne parlano bene sotto il profilo dell’impegno e dell’umiltà, speriamo che almeno si droghi.

  11. Appena trovo una drogheria mi compro due etti di ceci così stasera mi ci inginocchio sopra.
    Oh ma com’è che tutti i complimenti che ho sempre fatto a “Roberto” sono passati in sordina?
    Cmq d’altronde se ha dei fans sfegatati pure Barbara D’Urso non vedo come il buon e bravo Torti che ne vale 20 mila di D’Urso non ne dovrebbe avere.
    Ragazzi a me non interessano i giocatori gli allenatori i dirigenti ed i presidenti, per me c’è solo l’Inter (stracit)
    Ah dimenticavo, anche i Blogger.

  12. La curva se l’è presa con i giocatori.
    Quindi, per assioma, i giocatori non c’entrano nulla.

    D’altronde è visibile che, oltre al malo assortimento della rosa, c’è una condizione fisica pietosa.
    Nagatomo che si perde un genoano nello sprint, può essere scarso quanto vi pare, ma lì si tratta di correre e basta.

    Comunque, qualche buon segnale c’è.
    Innanzitutto, ovviamente, Brozovic, sperando che non smetta di essere epic dopo Natale, come lo scorso anno.
    Poi, ne hanno parlato in pochi, ma il secondo gol è, all’80%, di Joao Mario. Dopo qualche prestazione in tono minore, ieri ha sfoderato, per larghi tratti, una prestazione come contro la Juve.

    Solo una piccola precisazione:
    Brozovic non era stato affatto epurato da DB.
    Era fuori per motivi disciplinari, ma una volta rientrato le stava giocando tutte.

    • come dire che quelli del Genoa che si sono persi (in tre,) Joao Mario all’80 hanno una condizione pietosa peggiore della nostra, mentre Joao Mario per fare quella volatona da centro campo, evidentemente ce l’ha migliore di loro e di tutti quelli che giocano con lui, il che dovrebbe fare nascere qualche dubbio sull’ennesima stronzata.

      sarebbe come dire che quelli che qualche volta si perde Perisic nelle sue volatone non hanno fatto nemmeno loro la preparazione atletica come si deve.

      pensare che Lazovic sia solo semplicemente più veloce del nostro giapa è troppo difficile e non sostiene la tesi farlocca che ogni volta che commenti ci propini con patetica regolarità.

    • Non so se ricordi che Joao Mario è arrivato dopo la preparazione atletica
      anzi, Mancini era già andato via.

      Dai, su, non è manco mezzodì e già sei affamato di polemiche sterili.

  13. Ovviamente e pretestuosamente la gazza porta vanti 2 concetti:

    1 – Brozovic epurato da de boer e incensato da Pioli….Troppo difficile pensare che probabilmente la strigliata di Frank gli può essere servita per calmarsi e mettersi a disposizione….

    2- Partita di Merda dell’inter 2 tiri in porta 2 goal….Preferivano quando i 2 tiri in porta e i due gol ce li facevano le altre, pragmatissime e concretissime squadre (tipo i cuginastri nel derby). Ciò che per altri è una virtù per noi è un limite…

    Quanto ci serve un dirigente con le palle….

  14. Io su Gabi ho il sospetto che qualcosa non torni nel triangolo Santos/Inter/Barcellona altrimenti non mi spiego il non utilizzo del ragazzo neanche 10 minuti. Minacce di querele e denunce alla Fifa/Uefa?
    Abito in Emilia e come esempio di non utilizzo e di informazioni strane che arrivano potrei dire che su Berardi circolano chiacchere non proprio spettacolari. Si vocifera di utilizzo di sostanze da assumere per via olfattiva (Lapo docet). Chiacchere da bar beninteso, ma potrebbero anche spiegare l’infortunio “cronico”. Non credo sia il caso di Gabi ma la spiegazione di mancanza di forma regge un paio di mesi dopo non regge più. Aggiungo la sua esultanza al gol nel derby che mostrerebbe un attaccamento alla maglia che tanti non hanno. E’ un idea che spero sia smentita presto dai fatti e dai suoi gol.

  15. Premetto che non ho visto la partita, ma ho visto la sintesi lunga su Serie A TIM… Ebbene, mi pare di aver notato che il Genoa ha avuto molte più occasioni di noi, noi abbiamo giocato prevalentemente di rimessa e creato occasioni da calci piazzati. Ma era Inter – Genoa a San Siro, non Juve – Inter a Torino… Cioè solo per dire che questi risultati, benchè preziosi come il pane, non sono che occasionali vittorie che perlomeno tolgono un pò di malumori durante la settimana… I problemi che rimangono sono molto:
    1) abbiamo di nuovo cambiato schema e formazione, quindi identità di gioco NULLA
    2) come con il Mancio, abbiamo davvero la necessità di schierare una squadra a specchio anche con avversari sulla carta più modesti di noi? Che scarsi che siamo…
    3) abbiamo davvero la necessità di vedere ancora in campo Palacio (però gli voglio bene e lo stimo sia chiaro…), Nagatomo, Melo (a questi no…) e lasciare fuori gente che perlomeno sa cosa significa giuocare al calcio (Banega, Perisic…) o è stata acquistata perchè DOVREBBE saper giocare bene ed essere una futura star del calcio per i prossimi 10-15 anni (Gabigol)?
    4) metteteci pure Miangue ma per favore, quel simpatico giapponese fatelo giocare solo in allenamento che tiene su il morale dai….

  16. brozovic che mi fa il partitone (non così tanto one, gran casino, palle perse, zero posizione, ma doppietta che salva tutto) in coincidenza col rinnovo del contratto è un aspetto che curiosamente la gazzetta non sottolinea

    non vorrei che al secondo bonifico uguale mi si ammosciasse perché ha bisogno di nuovi stimoli

    comunque sia soldi al cesso, anche in questo caso

  17. A me sembra che Brozo stia giocando bene, pur coi “se” e i “ma” del gran casino che c’è all’Inter, per i motivi noti.

    Oddio, noti… spesso si fa finta di non guardare per partigianeria, ma tant’è.
    E ieri, oltre alla doppietta (avercene di centrocampisti che segnano), mi pare che ci abbia aggiunto anche quantità e qualità

    Onestamente sta storia che giochi bene “a comando” mi pare un po’ tirata per i capelli.
    Cioè, se mi paghi faccio due gol, altrimenti no? Se ne fosse davvero capace diverrebbe pallone d’oro per 10 anni di fila.

    Io continuo a non capire perché continuiamo a prendercela con quelli che sanno giocare a calcio e qualcosa ce la danno.
    Critichiamo Icardi e Brozovic, che almeno la mettono dentro

    (andare alle regole del calcio, alla voce “scopo del gioco”).

    I problemi e i soldi al cesso sono altri.

  18. Io ho visto più di qualcosa di positivo ieri e qualcos’altro di indicativo
    1) Handanovic ci ha per l’ennesima volta levato le castagne dal fuoco in un paio di occasioni, è vero che è il suo lavoro, ma quando lo fa bene diciamolo.
    2) Miranda mi sembra in ripresa
    3) Idem JM comunque ancora troppo spaventato ma senz’altro più utile di Banega, se trova il modo di farli giocare tutti e due bene, ma tra i due preferisco JM
    4) la voglia evidente di fare gruppo. A tal proposito, a mio parere le scelte di Palacio e Melo e forse anche Naga indicano una ricerca da parte dell’allenatore di premiare chi si impegna in settimana con e per gli altri. Poi è palese che vanno centellinati , ma proprio per questo non riesco a credere che Pioli ritenga Palacio meglio di Perisic, probabilmente Perisic non si spreme come dovrebbe (tra l’altro aveva giocato solo un scorcio in EL) e Pioli sta mandando segnali ben precisi.
    5) Icardi è tornato spesso e volentieri a prender palla molto indietro.
    6) Brozo, deve solo dare continuità, per il suo bene e per il nostro, le qualità sono state evidenti da subito, se smettesse di sbracciare e pestare i piedi quando perde la palla e andasse a rincorrere l’avversario diventerebbe un campione.

    Poi ovviamente che il Genoa adesso sia in salute (ha solo rifilato tre pappine alla Juve) questo non conta niente per tutto il circo mediatico. Ci ha messo in difficoltà perché in questo periodo corrono come matti e giocano pure bene, noi ….no questo è evidente, però abbiamo vinto senza rubare nulla, ne abbiamo perse meritando molto di più di quello che meritava ieri il Genoa.

    • infatti per me questa è la parte più positiva….abbiamo sofferto, da squadra e vinto una partitaccia che avremmo potuto perdere tranquillamente….questo è un bel passo avanti….spero che una volta assimilato il nuovo schema giocheremo un pò meglio ma per il momento mi accontento dei punti…

  19. Brozovic e JM trapiantati in una squadra vera sarebbero una coppia di gran lusso, nella nostra sono l’unico lusso – o quasi -che abbiamo.

    • E teniamocelo ‘sto lusso. Poi se in mezzo ai due riusciamo ad infilare un Badelj ecco che avremmo un centrocampo più che valido…

  20. uno dei pochi che qua dentro mi fanno sentire a casa(interista) e’javier, a dispetto dei tanti sempre ostili a prescindere e addirittura di alcuni sempre più affascinati dal mondo zebrato.
    quando oggi mi tocca leggere che javier dovrebbe allontanarsi in quanto si e permesso di dare dell’ imbolsito a settore, sempre in un ottica di maggiore tutela nerazzurra, in quanto di spalatori di merda ce ne sono gia a centinaia, mi viene sempre piu da pensare che ormai in questo blog di interista sia rimasto davvero ben poco.

  21. Intanto la Juve ha beccato il Porto. Possono già cominciare a ristampare le maglie del triplete.

  22. allora ripartiamo dalle indicazioni di ieri: Brozo mezzala destra, Joao Mario mezzala sinistra_
    Mettiamo gli altri: sia col 433 che salverebbe le ali, che col 4312 a rombo, ottimale per Banega e Gabigol o chi per lui, manca il centrale basso di centrocampo_ Kondogbia non ci serve, facesse un po’ di gavetta in Cina_
    W Javier+

  23. su javier+ sono d’accordo che sia più interista di tanti altri, non sono d’accordo che se la prenda con Settore per questi due ultimi post in quanto questi ha solo detto la verità e non è uno che se le inventa a suo uso e consumo.

    su questo blog sono anni che diversi interisti, o pseudo tali, dicono e scrivono che si vergognano di esserlo per via che non si vince più niente e si fanno figure di merda con squadre che non ci valgono e perciò preferiscono fare altre attività piuttosto che guardare le sue partite, però se lo scrive la curva Nord si indignano, se lo scrive la Gazza ancora di più, se lo scrive Settore, che ha elencato tutte le malefatte della squadra, o meglio dei giocatori, perchè le squadre che ci hanno battuto e buttato fuori dalla Europa Legue si dovevano battere anche con le riserve o con una gamba sola, Javier+ si impunta e lo accusa di spandere merda anche lui.

    non è così, è solo obiettivamente Interista che vede le cose come si dovrebbero vedere senza cercare di tirare acqua al proprio mulino per motivi auto referenziali.

    idem sul post di ieri sera, cosa avrebbe dovuto scrivere che abbiamo vinto dominando o meritatamente?, nel primo tempo si è visto solo il Genoa che a parte la parata sul colpo di testa che ha esaltato Handanovic, ci ha messo sotto in ogni parte del campo e di gol ne ha sprecati almeno mezza dozzina senza bisogno che Handanovic ci mettesse una pezza, ma solo perchè hanno sbagliato l’ultimo passaggio o perchè diversi cross rasoterra sono passati davanti alla nostra porta deviati all’ultimo quasi sulla linea da Murillo o perchè sono passati senza che nessuno li buttasse dentro come ha fatto Brozovic quando ha fatto il secondo gol.

    quante volte Lazovic è andato via a Nagatomo e l’ha crossata in mezzo all’area?

    quante volte invece ci siamo arrivati noi?

    abbiamo vinto e questo va bene, anzi benissimo, ma non prendiamocela con Settore se oltre ad essere contento per avere vinto non ci ha visto altro. cara grazia che almeno in casa le vinciamo, ma teniamo presente che fuori invece le perdiamo e così i punti a quelle davanti non li recuperi mai.

  24. Cerco di riassumere i pensieri di due settimane, durante le quali sono stato assente per via di millemila sbattimenti più o meno improvvisi.

    -Con il Napoli si è perso in quel modo per un errore del mister. Non si può andare al san paolo con un centrocampo a tre. Facile che la si perdeva comunque, ma in questa maniera la partita era persa dopo soli 10 minuti.
    Senza medel il centrocampo a 3 è sempre ballerino, poi magari puoi reggerlo contro il crotone ma di certo se non fai un bel filtro a centrocampo i muli azzurri arrivano nella tua area con facilità disarmante. Eravamo letteralmente spezzati in due blocchi, e ribaltare il fronte per gli avversari era fin troppo facile.

    -La partita di EL non la ho vista, e qui c’è un dato incredibile. Io le partite dell’inter dal 2008 a oggi (anno abbonamento sky) le ho viste pressochè tutte salvo rarissime eccezioni.
    ‘Sta di fatto dei gol di Eder io non ne ho visto nemmeno uno. Nel primo con l’udinese, ho visto la partita in una osteria di trieste (quindi in mezzo al nemico) e sono uscito al 90esimo sul 3 a 1.
    Poi quello inutile contro l’atalanta, perchè a fine primo tempo ho cambiato canale seccato.
    E i due gol di giovedì sera non li ho visti perchè non ho visto la partita.
    Penso che i suoi gol siano unici che non ho visto negli ultimi due anni, forse è colpa mia.

    -Ieri sera si è vinto in stile Milan. Se tanto mi da tanto stasera il milan perde in stile inter. Parlando seriamente, la sistemazione a 3 mi intriga con medel nella linea difensiva, con un d’ambrosio o un ranocchia sono ben poco sereno, specie se gli esterni di centrocampo che debbono portare copertura per fare una fase a 5 sono nagatomo e candreva.

    -Ho esordito con una critica a Pioli, mi sembra corretto concludere con un elogio. Davanti inizia a vedersi più coralità. C’è ancora disordine, ma l’area avversaria viene aggredita da molti più uomini. Non è un caso se ieri sera due gol su due sono tutti made in centrocampo (2 assist di JM, 2 gol di Brozo). Non è un caso se tutti i giocatori offensivi che scendono in campo con costanza hanno già realizzato più di due gol ciascuno, rispetto al nulla più totale oltre icardi cui abbiamo assistito nell’epoca di Frank. Sembra che Pioli stia iniziando a trovare soluzioni che con FDB, che pure io stimavo, oggettivamente latitavano. Poi non so fin dove riuscirà ad arrivare, sono convinto che molto dipenda dal rapporto fra i giocatori, e fra questi e il mister

  25. Il Genoa è squadra tosta, una delle più in forma del momento. Aver vinto soffrendo, mettendo gli attributi in campo e senza subire gol, è un dato estremamente positivo, al di là di tutte le considerazioni…

    Brozo e JM da soli in mediana, sono un’azzardo ed infatti, nel 1° tempo abbiamo ballato parecchio…

    Nella ripresa, con l’ingresso di Melo davanti alla difesa, c’è stato più equilibrio ed abbiamo sofferto meno…

    Da gennaio tornerà ad essere disponibile Medel, nel frattempo va sottolineata l’ennesima bocciatura di Kondogbia…

    Un 3-5-2 tipo RuBentus, con Candreva largo alla Cuadrado, potrebbe essere una soluzione equilibrata…

    L’unico dubbio che mi sorge è: chi a fianco di Icardi? Perisic, Eder, Palacio o Capitan Barbosa?

    • Ragionando di difesa a 3. Ieri sera il centrocampo iniziale vedeva da sx verso dx Nagatomo Brozo JM Candreva, con gli esterni a comporre una difesa a 5 in fase di non possesso. Candreva è adattabile e ha giocato con buono spirito, anche se la faccia era di quelle che non sprizzano entusiasmo all’idea di farsi tutta la fascia avantendrè per 90 minuti. Se Perisic fosse disponibile a fare lo stesso lavoro (il fisico ce l’ha) ci risparmieremmo Nagatomo (insisto, meglio Niangue!). Il croato non ha nelle corde quel lavoro difensivo, e come seconda punta perderebbe il 70% del suo potenziale (lo spunto in corsa): rinunciarvi però significa togliere uno dei 3 che segnano (con Maurito e Brozo). Inserendo Melo (ancorato) davanti alla difesa c’è stato più equilibrio. Un 352 offensivo con Perisic presuppone che oltre quest’ultimo anche la seconda punta si sbatta in chiave difensiva (tipo il Palacio di qualche anno fa o l’Eder della nazionale…). Io però credo che fino a gennaio vedremo un’Inter che cambia a seconda delle avversarie.

    • A sinistra si può certamente giocare con Ansaldi panchinando Naga…

      Perisic meglio di tutti a fianco di Icardi, lo dicono anche i numeri, anche se non è propriamente una seconda punta…

  26. Ringrazio chi mi ha dato simpaticamente sostegno, ribadisco a chi non la vede come me di non prendersela a male e che comunque ha tutto il diritto di dirmelo (possibilmente senza usare termini pesanti come l’angioletto, sopra i 15 anni non servono più per capire un concetto, ed io ne ho più di 50)
    In fondo era solo un rimbrotto a Settore che l’Inter lo ha difeso mille volte.
    E’ che non è facile leggere male dell’Inter da 300 fonti diverse, la quasi totalità faziose, e poi venire quà che dovrebbe essere un isola felice e trovare Juventini troll e discussioni infinite su quanto facciamo schifo, adesso pure quel bel passatempo che era leggere i post di Settore, divertenti ed ironici e pronti a sparare sul nemico, sta diventando una laconica elencazione delle nostre mancanze.
    Mai na gioia (cit)

  27. I gobbi usciranno ai quarti eliminati dal Napoli…..

  28. scusatemi, io leggo da tempo questo blog anche se non partecipo spesso alle discussioni.
    secondo me la questione javier + / settore non è poi così rilevante da essere trattata con virulenza: il bicchiere di questa vittoria può essere mezzo pieno o mezzo vuoto, la storia è nota.
    tutti noi interisti siamo messi in questa situazione: da un lato agitiamo il pugno per la vittoria e dall’altro temiamo altre ricadute.
    e qui possiamo parlare per ore di difesa a tre, a quattro, chi mettere a centrocampo, i terzini, barbosa, schieramento a specchio etc.
    quello che forse chiede javier + a settore è di ritrovare un po’ di ironia. è forse stato lui, in tanti anni, a volte belli e a volte brutti, a raccogliere l’eredità dell’avv. prisco, esaltando le nostre gioie e alleviando i nostri dolori, usando sempre la simpatia.
    in questo periodo, invece, settore mi pare più “triste, solitario y final”.
    avrà i cazzi suoi, ma spero si riprenda.
    salutiamo

    • Premesso che non c’è nessuna questione Javier + / Settore hai centrato perfettamente il mio pensiero .

      Sull’eredità dell’Avv. Prisco non esagererei… avvicinare l’Avv. è cosa ardua pure per un ottima penna come Torti.

  29. L’ironia di Settore è quasi sempre godibilissima, e piace anche a chi non tifa Inter. Piace anche quando finisce i suoi pezzi con un bel “Juve merda” (cioè sempre!!).
    Dopodichè ognuno ha i suoi alti e bassi.
    Però se un gobbo manifesta apprezzamento Settore perde le ultime briciole di stima da parte di molti interisti, per cui…
    niente…
    Settore fa cagare.

  30. quante volte sono arrivate le vittorie e le successive ventate di ottimismo, puntualmente smentite la settimana successiva

    per cui niente di strano se anzichè gioire incondizionatamente per una comunque bella vittoria (il Genoa preso il gol è stramazzato come la provinciale dovrebbe fare contro di noi, ok, hai rischiato prima, ma ci sta) si sta qua a far la punta la cazzo, è perché si sa che anche quest’anno la continuità di risultati, col relativo piazzamento positivo in classifica, resta un miraggio

    poi io continuo a non capire questo ostinarsi a voler imporre agli altri il proprio modo di tifare, come se contasse solo l’esternazione dell’interismo e non come uno se la vive con sè stesso

  31. Più che altro non capisco questa continua caccia alle streghe.

    La ricerca di doppie identità, accuse annesse e connesse, la classificazione in categorie, ora persino l’invito a cospargersi il capo di ceneri.

    Per stracitare Aldo Giovanni e Giacomo:
    “Ma questo alle 8 è lì a pretendere pubbliche scuse? E alle 12 cosa, una Santa inquisizioncina?”

  32. Io tendenzialmente trovo un filo patetico che un gruppetto di ultra 40/50/60enni stia lì a zabettare su chi è più interista dell’altro tra una egosottolineatura e l’altra…E meno male che i social-rincitrulliti sarebbero i millenials…

  33. Quindi applicando il metro di giudizio ormai in voga su questo blog, Javier è un gobbo al pari del sottoscritto. E allora benvenuto nel club, amico mio.

    Ora se non vi secca torno di là a piangere. Lutto per un mese.

  34. Io più che altro faccio fatica a comprendere il perché di certe dinamiche.
    Cioè, mi spiego meglio:

    Settore pubblica un post con delle sue idee. Possono essere condivisibili o meno. Se non si è d’accordo, credo che si abbia il diritto di dissentire (sennò i commenti che ci stanno a fare?). Purché si entri nel merito.
    E fin qui, sono d’accordo con javier.

    Quello che non condivido è il giudizio sul post. È un bel post, è un brutto post, fa ridere, non fa ridere, il miglior Settore, il peggior Settore.
    Ma che senso ha? Cos’è un concorso di scrittura creativa?

    Oh, poi se uno vuol fare un complimento, ci sta. Ma criticare il post e non discutere nel merito i contenuti, rende il tutto uno spettacolo estetico e non una discussione costruttiva, con un sano scambio (anche animato, perché no) di idee.

    Anche perché poi, ultimamente, capita di leggere tra i commenti insulti, dossieraggi, accuse sul personale, financo all’occupazione o allo stato professionale della gente, come se c’entrasse un beato ca…o con l’Inter

    e ti rendi conto che Settore è l’ultimo che andrebbe criticato.

  35. ma non c’e’ più licenza di dire parole in libertà? e ke kazz
    e, sulla squadra, quanti fantastiliardi pagheremoBiglia, o chi per lui, a gennaio?

  36. Io sono tifoso dell’Inter, di Sector e di Javier+ (i cui post, di Javier intendo, leggo sempre volentieri). Sector scrive talvolta pezzi memorabili e talvolta pezzi nella norma, come ogni mortale, per quanto dotato di buona vena inventiva. Ha messo in piedi uno dei pochi blog che valga la pena di frequentare, di certo l’unico sul quale spendo un po’ del mio tempo a intervenire (per quel poco che può valere). Se anche non mi fa l’articolo da Pulitzer tutte le volte, va bene lo stesso. E poi, diciamo la verità, in questo periodo uno dei nostri può anche entrare in flessione creativa per un po’, lo scoglionamento è oltre il livello di guardia.
    Non per questo avverto sirene zebrate o di altri colori diversi da quelli soliti, anzi mi si aggrava l’intolleranza.
    Se poi uno non è d’accordo con Sector lo può senz’altro dire, ci mancherebbe altro. Non è mica Renzi.

  37. Ognuno è libero di esprimere il proprio parere. Ci mancherebbe altro.
    Però vorrei far notare due piccole cose.
    1) ci sono (anche su questo blog) rubentini che vengono a lasciare i loro deliri (definirli commenti non ce la faccio). Orbene, ci vogliamo rendere conto che, dopo essere stati retrocessi in SERIE B nel 2006 per un reato sportivo di una mostruosa grandezza, addirittura arrivato nel penale (oh! “associazione per delinquere”, mica micio micio bau bau… ‘sti qua erano dirigenti di una squadra di calcio… e sono finiti nel penale!), dopo tutto ciò dicevo, hanno ancora il coraggio di parlare e di scrivere. Si dovrebbero (loro per davvero), VERGOGNARE e basta, ed invece parlano.
    2) Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno. perché li nomino? Perché ieri sera su radio uno, uno dei due radio telecronisti, ha paragonato i tre difensori dell’Inter a Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno. Orbene, un conto è criticare, ma non credete che una radio pubblica, non si possa permettere di prendere in giro? Non so, ditemi voi.
    ———————–
    Ecco, alla luce di tutto ciò, non vi viene voglia di difendere l’Inter a prescindere? Di non dare a NESSUNO e dico NESSUNO, la soddisfazione di sentire che critichiamo la nostra squadra?
    Se proprio dovessi tracciare una linea, direi che è quella si Sector (non è per amicizia, ma per convinzione): la critica fatta con ironia.
    Non oltre. A prescindere dalla fondatezza o meno delle critiche e fermo restando che ognuno è libero di pensare e scrivere quel che vuole (ma con educazione, non le castronerie che scrivono alcuni rubentini).
    Saluti

  38. Intanto, se può interessare messiang ha sbagliato un altro (se non sbaglio ) rigore e il bilan ha perso un’altra partita!

    Abbiamo recuperato 3 punti alle suddette merde, al Toro e ai diversamente nerazzurri, tre team ampiamente alla nostra portata.

    Ora sotto con Napoli, Lazio e Fiorentina e nessun traguardo è precluso!

    FORZA INTER
    A M A L A

  39. Giù le mani da Javier+. Settore vale anche qualche critica, nessuno è perfetto..

  40. Ditemi quello che vi pare, ma secondo me stasera il Bilan se l’è giocata bene.
    Alla fine hanno prevalso le individualità della Roma, ma onestamente i fraseggi loro erano migliori.

    Poi vabbè, tutto è bene quel che finisce bene, ma come al solito la Roma ci stava mettendo del suo per perdere l’imperdibile.
    Li ha graziati Niang.

    Una cosa è certa: l’antijuve quest’anno non esiste.

  41. a me non viene nessuna voglia di difendere nessuno a prescindere,non lavoro per i giornali di berlusconi,che poi lì almeno li pagano

    qua sono 5 anni che regalo soldi a cialtroni incompetenti e in cambio devo pure ciucciarmi i deliri dei donchisciotte de la Briansa

  42. L’antijuve non esiste da anni. A Roma e Napoli, le più accreditate per composizione della rosa e coerenza del progetto tecnico, manca sempre qualcosa a livello di abitudine alle vittorie, personalità, instabilità ambientale. Il Milan di quest’anno sta crescendo un passo alla volta. Montella è stato bravo ed umile ed ora ha una squadra quadrata, solida, con una buona organizzazione di gioco. Ha messo le basi per la definizione di uno zoccolo duro: dovessero investire sul mercato, mi sa che dall’anno prossimo ricominceremmo a vederli contendere il titolo ai gobbi. Quanto a questi ultimi, bisogna vedere come assorbiranno il deterioramento alle porte dei vari Buffon, Bonucci, Chiellini (più a livello di spogliatoio che tecnico). Noi per adesso siamo ancora fermi al “Suning ha i soldi”: resta da sperare che si prenda una direzione tecnica chiara in società che consenta di spenderli bene.

  43. Io ho sempre apprezzato questo blog non perché un salotto di reciproci e gentili scambi di vedute tra interisti diversi solo per età e per temperamento ma perché libera palestra di libere opinioni: libera palestra perché aperta a tutti , compresi anche i tifosi di squadre diverse, purché lo facciano consapevoli di entrare in casa altrui, come ospiti e non sgradevoli e offensivi nemici. Quanto alle libere opinioni, il diritto di critica non può essere negato a nessuno, neppure nei confronti dei post di Settore, che hanno proprio la funzione, a mio parere, di aprire la discussione su argomenti controversi piuttosto che su opinioni da tutti condivise. Quanto poi all’ultimo post, io ne condivido integralmente il contenuto. Purtroppo del gioco odierno dell’Inter è difficile parlar bene. L’ironia leggera che un tempo caratterizzava i post di Sector ha ceduto il posto allo scoramento e quindi al sarcasmo di chi non trova argomenti solidi su cui appoggiare il proprio ottimismo, neppure quello della volontà. Come dargli torto?

  44. Del Milan mi convince Lapadula, che gia’ apprezzavo al Pescara; certe doti si manifestano in ogni categoria. Per il resto mi pare abbia ingarrato una stagione favorevole, ma non fa paura. Il portiere, come Romagnoli, come altri ancora, sono iperlodati ma non mi sembrano campioni. Niang non mi piace, ha i piedi di ferro; sospendo il giudizio su Suso, che invece ce li ha buoni.

  45. (a proposito, ma del closing del bbilan non parla nessuno?
    nemmeno una battutina?
    una domandina?
    una presaperilculino?
    no?
    Ah, però Suning avrebbe preferito comprarsi un ristorante?

    e la barzelletta com’era? “c’era un cinese, un altro cinese e un altro cinese”?

    • e un altro cinese ancora, che non si consocevano tra loro ma davano tutti dei soldi a berlusconi per avere il privilegio di non comprarsi il milan

  46. Resta il fatto che noi la stagione favorevole non la ingarriamo più da anni e solo se abbiamo l’organico oggettivamente più forte.
    Ultimamente, poi, credo non basterebbe manco quello.

    Non ne ingranano una manco per sbaglio, ma preferiamo rifugiarci dietro non meglio precisate fronde, indolenze, sfortune e calci nel culo ai giocatori

    dietro la meravigliosa teoria che, varcata la soglia della Pinetina, non c’ha più voglia di giocare nessuno

    (mi vedo questo o quel nostro giocatore dire “eh, io avevo un brillante futuro in fabbrica, c’avevo la stoffa, me lo diceva sempre il mio caporeparto, poi, la rosolia, il buco nell’ozono, e sono finito a fare il giocatore”)

    mentre, manco a dirlo, a Milanello hanno tutti volontà che gli esce dalle orecchie.

  47. http://www.fcinternews.it/in-primo-piano/d-ambrosio-dimentica-de-boer-con-pioli-lavoriamo-di-piu-sotto-l-aspetto-fisico-adesso-l-importante-e-sudare-233883

    stai a vedere che la forma fisica carente era colpa di DB…

    per quel che vale, per me la colpa è solo di questi scarsoni che abbiamo in squadra come lui anche se è uno dei pochi che in campo dà sempre tutto al posto di altri che giocano per loro stessi e non per l’Inter, ma ogni scusa è buona per scaricare le proprie responsabilità prendendosela con uno che non sapeva l’italiano e vedendo che già non stavano in piedi ha pensato di non esagerare con gli allenamenti per non stroncarli del tutto.

    ovviamente è un’altra barzelletta che fa il paio con quella che circola su qui, ho solo voluto riportarla per conoscenza.

    riguardo al plebiscito pro Javier+ sono arcicontento per lui per la presa di posizione di quasi tutto il blog anche se qualcuno ne ha approfittato per metterci cose che con lui non c’entravano un tubo, tipo la gerontocrazia, oppure si è lamentato che i suddetti zabettino su chi sia più interista, ma quando si parla di Inter bisognerebbe sciacquarsi la bocca e su qui ce ne sono diversi che non lo fanno mai, fermo restando il diritto di tifarla come gli pare, rimane fermo il diritto a quelli come me di farlo notare ogni volta che leggo cattiverie e maldicenze solo per portare avanti la solita campagna denigratoria nei confronti di chi, al momento, sta loro più sui coglioni.

    se si parla di democrazia questa vale per tutti e non solo per i più giovani.

  48. Io penso che la partita di ieri sera tra Roma e Milan, abbia sottolineato- se mai ce ne fosse bisogno – la importanza di avere un allenatore bravo, soprattutto quando per differenti motivi manchi il supporto di un assetto dirigenziale adeguato. Il Milan sta facendo un buon campionato, sicuramente superiore alle aspettative, grazie a Montella.
    Pioli non mi sembra male. Sta cercando la quadratura del cerchio e, se la fortuna lo sorreggerà come è successo con il Genoa, è possibile che si riesca a fare un girone di ritorno decente.
    Poi spero che la nuova proprietà riesca finalmente a trasformare la nostra Inter da una caotica Società patriarcale in una moderna Società, magari rivedendo necessità e ruoli di alcune figure ereditate dalla vecchia gestione (vedi Zanetti) che, con tutto l’affetto e riconoscenza calcistica possibili, non mi sembrano adeguate ai nuovi incarichi.

  49. Corso,
    sono contento anche io per Javier +, che quello in carne e ossa che c’è dietro la tastiera di plebisciti non ne ha mai ottenuti 🙂
    Ma parliamo di cose serie…

    A parte l’aspetto antipatico di parlare di chi non c’è più, che in effetti stride un pò, non è escluso che nella sua poca conoscenza del calcio italiano De Boer abbia mal considerato l’importanza degli allenamenti in base al nostro calcio.
    Io stesso ho a volte rilevato come apparentemente le squadre straniere ci sovrastino a livello fisico anche se pare diano meno importanza a questo aspetto negli allenamenti (lo hanno dichiarato più volte anche i giocatori italiani che hanno avuto esperienze all’estero o viceversa).
    Ma, forse, le partite di coppa fanno storia a se per motivazioni ed energie mentali, in effetti nel nostro calcio di tutte le sante domeniche con grande pressione sui portatori di palla che porta ad un dispendio di energie, sia da parte di chi difende che di chi attacca, si richiede grande preparazione.
    Io, e l’ho detto più volte, non sono d’accordo sul fatto che una preparazione estiva “leggera” possa compromettere TUTTA la stagione, da Agosto a Dicembre un sistema per farli rientrare in forma si sarebbe dovuto/potuto trovare, e il fatto che adesso Pioli stia intensificando la parte fisica degli allenamenti dimostra che comunque qualcosa di più in effetti si poteva fare.
    Vedremo…

  50. Qua le ipotesi son due.

    O hanno imbastito il teatrino degli slittamenti per far rientrare capitali berlusconiani (salta il closing e Silvio si è ripulito 200mln alla luce del sole)

    O hanno imbastito il teatrino degli slittamenti per acquistare di fatto il milan a rate (cento qui, cento la, altri cento su e poi giù, e il milan è comprato a suon di ‘caparre’)

    Sta di fatto che non prelude a niente di buono, e non baratterei la mia posizione con quella del Milan nemmeno considerando la classifica.
    Sarebbe come scambiare l’uovo oggi per una gallina domani. Si tengano pure l’uovo, che finito quello mi sa che continuerà la carestia.

    • Nessuno sano di mente credo baratterebbe la loro situazione societaria con la nostra (al limite baratterei un paio dei loro pedatori..chesso’, un Bonaventura, un De Sciglio…). Certo fa un po’ specie vedere come in una situazione del genere siano riusciti ugualmente a gettare le basi per una squadra su cui costruire. Se stiamo assistendo alla solita berlusconata per far rientrare capitali, per poi vendere ai propri tifosi il ritorno di fiamma del nano con il suo progetto di Milan autoctono..beh, rido già adesso pensando alla coreo del prossimo derby..

  51. Corso questa squadra pecca di intensità.

    Sarà anche vero quel che dice dambrosio su Frank, ma di certo la cosa parte col mancini in versione summer ’16.

    Lasciamo pure perdere il nuovo allestimento per il catamarano, la preparazione atletica, etc; quel che è certo è che scazzo e disinteresse regnavano sovrani, e inevitabilmente si sono trasmesse ai giocatori come malattie veneree.

  52. Cioè fatemi capire bene: De Boer ha giocato in squadre come Ajax, Barcellona, selezione olandese,

    ha vinto campionati e coppe
    ha lavorato con i migliori allenatori (a loro volta grandi giocatori)

    e non sa fare allenamenti fisici?

    Tra l’altro, appena arrivato, squadra totalmente sulle sue spalle e stai a vedere che quello che ha sballato la condizione atletica è stato lui?

    Non può essere quell’altro, no, è da escludere, in fondo ha fatto solo lui la preparazione e stava solo per andarsene e chissene

    no, no, è colpadidebbbbur.

    E sapete perché? Perché Mancini ha vinto tre scudetti.

    Ma per favore.
    Ogni volta che credo di averle lette tutte…

    • si ma se non capisci niente è meglio che te le rileggi tutte.

      ho scritto a chiare lettere che quello che ha detto D’Ambrosio fa il paio con la barzelletta che ci propini tu e che ti hanno già invitato a non raccontarla più a chiare lettere, per cui non ho insinuato niente di niente, se non precisato bene che questa non è altro che una scusa per giustificare prestazioni di merda fatte con l’olandese, come quella che non parlava italiano, che è ancora più ridicola della tua.

      lo spogliatoio lo ha fatto fuori perchè DB chiedeva di più a tutti, e quasi tutti non erano d’accordo a farsi il culo in campo per lui ne per l’Inter ne tanto meno per chi, non facendo un cazzo ma segnando ogni tanto, si beccava tutti i meriti ed i titoli sui giornali, oltre a guadagnare il doppio, il triplo ed anche il quadruplo di chi doveva farsi il mazzo avanti e indrè.

      certe diseguaglianze vengono sopportate solo se chi prende di più è riconosciuto da tutti come il più meritevole, ad esempio un Messi, un Ronaldo di adesso o anche il nostro Fenomeno, o Ibra.

      se certi emolumenti stratosferici se li becca uno solo per avere fatto casino insieme alla moglie è normale e fisiologico che poi tutti vadano a ruota, come ha fatto Brozovic e come farà Pericis non appena gli si presenterà l’occasione, oppure se ne andranno fuori dai coglioni alla prima offerta decente e migliore che riceveranno, che non tarderà ad arrivare forti dal fatto che non avendo nessuna possibilità di giocare la Champion anche quest’anno busseranno alla porta in tanti, in ogni caso di impegnarsi alla morte non se ne parla proprio.

  53. E chi ha detto che ce l’avevo con te?

    • allora scusa, con chi ce l’avevi precisamente?

    • Si, ma anche tu hai un atteggiamento però, sempre pronto alla rissa.
      Io non ho detto ne che Mancini non c’entrava nulla, anzi se si discorre di riparare vuol dire che c’era qualcosa rotto prima. Ne che De Boer non “sappia” fare gli allenamenti fisici, semplicemente che era abituato ad altri campionati sia in termini di gioco che di preparazioni (prova ne è come già accennato prima che moltissimi giocatori sottolineano la differenza di preparazione fisica dal campionato italiano ad altri, differenza per capirci con allenamenti più intensi e pesanti qua).

    • Ma io ce l’avevo con le dichiarazioni in sé.

      A me sembra che sia una roba campata per aria.
      Il problema fisico c’è, è evidente,

      ma onestamente non credo proprio sia colpa di De Boer.

  54. Nemmeno Totò e Peppino…

  55. Finalmente si è capito che perisic , icardi, Candreva e banega insieme non li regge nessuno; una volta inserito neuro – melo,la squadra si è aggiustata, Joao è andato a fare il suo mestiere sul mezzo sinistro e brozo, libero da ulteriori compiti di marcatura si è inserito, sfruttando lo spazio creato da due punte (era completamente solo in mezzo alla area); io preferirei banega a Candreva, per lo meno fino a quando mancherà un regista, posizionerei Medel al centro dei tre in difesa con Ansaldi a sx e perisic a dx, 5-3-1-1, che copre di piu’, tanto un gol alle scarse difese italiane prima o poi lo fai
    handa, perisic, Miranda, Medel, Murillo, Ansaldi, brozo, melo, Joao, banega , icardi
    per lo meno fino a gennaio

  56. http://www.fcinter1908.it/copertina/inter-dopo-la-cena-oggi-pranzo-tutti-insieme-arrivano-2-sponsor-orientali-lannuncio/
    E comunque Pioli si che sa fare gruppo, mica l’olandese.
    Dopo la pizzata di gruppo e la cena di gruppo, oggi il pranzo di gruppo. Prevista grigliata di gruppo tra il primo ed il secondo tempo della partita con il Sassuolo.
    Informato del regime alimentare nerazzurro, pare che Higuain stia facendo carte false per arrivare in prestito secco a gennaio.

  57. In effetti melo sarà assente ed allora meno peggio D’Ambrosio

  58. Este, la parola pizzata ti ricorda qualcosa ? (Rimembranze joniche…)

  59. ah, ho capito!

    non corriamo per colpa di Icardi

    geniale.

    • è geniale invece credere che si siano grattati le palle un intero gruppo di professionisti solidali con l’allenatore,

      è geniale credere che la colpa sia di Zanetti che lavora nell’ombra per Moratti.

      è geniale credere che Ausilio non valga un cazzo e che invece Sabatini ci risolverà tutti i problemi

      è geniale credere che la colpa sia solo degli scarsoni che abbiamo in squadra come Nagatomo, mentre quelli che dovrebbero fare la differenza fanno solo atto di presenza tre volte su quattro.

      sarai geniale tu, che l’unica cosa che sai fare è prendere di mira chi commenta con la tua ironia da strapazzo, ma in compenso sei convinto che avresti fatto molto meglio di qualsiasi allenatore che l’Inter ha ingaggiato ed anche di qualsiasi direttore sportivo, per non dire anche di Moratti, in fondo che ci vuole?

    • macchè geniale, è tutto molto prosaico, però mi sto rendendo conto che non è così facile

  60. ma soprattutto si paragonano gli stipendi degli ibra e dei messi, ossia stipendi superiori ai 12 milioni annui, a quello di icardi, di 5 milioni.

    si deve sempre buttar dentro di tutto e di più pur di trovare colpevoli contro cui puntare il dito

  61. Tra l’altro è oggettivo che Icardi è uno di quelli che si sbatte di più.

    Infatti i giocatori, a mo’ di battuta (credo… spero), gli hanno detto di correre di meno.

    Quello che fa avanti-e-indrè è proprio Mauro Icardi.

    Capisco che una parte di interisti preferisca ultimamente guardare regate, nella speranza di vedere sciarpe svolazzare alla brezza

    ma ogni tanto vedetevele le partite.

  62. Alessandro

    alla fine ci appartiene qualsiasi termine che riguardi il cibo.

    😉

  63. Mi piace da un pò leggere non solo i post di Settore, ma anche i vs commenti… Mi ci sti affezinando e vi trovo tutti simpatici. E poi abbiamo una passione in comune…

    Però..

    Capisco tutto… la frustrazione, la ricerca di una capro espiatorio… Icardi non sarà simpatico, non sarà Messi o C. Ronaldo… MA non si può criticare l’unico attaccante bravo che abbiamo e che la ficca dentro spesso e volentieri. Cari ragazzi miei, i tempi in cui potevamo avere Ronaldo, Baggio, Vieri, Ibra ecc. sono finiti, f-i-n-i-t-i.

    Avere Icardi in una squadra che non vede la cempions lig da anni è oro colato!
    Chiedete a Napoli, Juve o anche la Roma (appena Dzeko s’incaglia di nuovo) se lo volessero Icardi! Non è quello il problema! Non capisco manco la Curva Nord se è per questo… la frustrazione ci sta tutta però va incanalata a mio avviso nel verso giusto.

    • è puro masochismo, se hai un brocco e uno buono ma questo non ti vince le partite da solo te la prendi con lui, assurdo, anche perché i numeri sono lì da vedere

  64. le parole di Dennis Begkamp mi lasciano meno rimpianto verso De Boer; secondo Begkamp, campione di classe purissima che da noi non ha brillato anche per colpa dei loggionisti di San Siro, il gioco di Frank e’ sterile, molto possesso poche verticalizzazione e pochi tiri in porta. Non lo dice solo sull’Inter, ma anche sull’Ajax di qualche stagione fa, DOVE LUI ERA IN PANCHINA CON FRANK QUALE VICE!

    Noi abbiamo deficit TECNICI , per qualita’ individuali carenti in alcuni, e di assemblaggio di squadra; presi singolarmente i nostri non sono male, ma insieme non fanno squadra perchè la caratteristiche tra loro mal si conciliano. Errori di costruzione strategica= adesso piu’ che comprare bisogna essere bravi a vendere o svendere o comunque togliere quelli che non servono e che risultano dannosi. Pioli avra’ un ruolo determinante e delicato nella scelta.
    Nel nostro caso, at this time, LESS IS MORE!

  65. @Ruben Hai ragione, Icardi è l’ultimo dei nostri problemi.
    @Alessandro
    Ad Ansaldi esterno dx davanti ad una difesa a tre preferisco Candreva che se ha voglia secondo me attacca e difende meglio. Sono d’accordo su Medel e su Melo, ma mi aspetto di trovare al suo posto Badelj a Gennaio.

  66. este

    le vediamo le partite, le vediamo…

    se tu vedi uno come Icardi che fa avanti e indrè o hai le visioni o hai bisogno di un buon oculista, ti consiglio il Viganò, tanto che i milanesi, veri , dicevano così: ne podi pù de vedegh no per mett su i occiai del Viganò, tanto era considerato

    è in fondo a corso Torino, vicino al Duomo…

  67. Icardi è il primo dei nostri problemi riguardo al gioco e non solo a quello perchè ho la motivata convinzione che stia sulle balle quasi a tutti i suoi compagni per i motivi che ho già elencato ed anche per certe sue uscite dell’anno scorso quando ha affermato che se gli arrivano palloni lui li butta dentro se non gli arrivano non è colpa sua.

    quest’anno se ne è uscito con un’altra scoperta dicendo che i suoi compagni gli avrebbero chiesto di correre meno se no avrebbero dovuto correre anche loro.

    è chiaro che è tutto scemo, l’unica cosa che lo salva è che ogni tanto segna, non tanto spesso come dicono i numeri perchè le doppiette e le triplette sempre tre punti a partita danno, ma fanno media così con tre gol pare che ne segni uno per partita e questo fa contenti tanti interisti, ma non tutti.

  68. buonasera a tutti,
    butto li anche la mia sulla questione forma fisica, per quel che vale. seguo le partite dell’inter quasi ogni settimana, visto che al fanta ho preso perisic (bene) e banega (meno bene).

    la mia modesta carriera di calciatore (mai oltre la serie d), mi fa dire che anche saltando a piè pari la preparazione atletica, un atleta con un atteggiamento professionale corretto recupera il gap nel giro di due mesi, massimo tre se sta rientrando da un grave infortunio. per cui figuriamoci gente che si allena tutti i giorni seguita da professionisti in tutto, alimentazione compresa.

    sul sito della lega serie a si trovano un pò di statistiche relative alle squadre, e leggo che l’inter è seconda dietro la roma per tiri tentati, largamente prima per cross effettuati, e ottava per km percorsi in media a partita. la cosa interessante è che agli ultimi posti per km percorsi ci sono atalanta (che trasversalmente tutti magnificano per una condizione atletica straripante) e genoa (che per chi ha visto la partita avantieri e contro la j**e non dà l’idea di squadra in affanno). in ogni caso i numeri non farebbero pensare a un problema di condizione atletica.

    altri segnali, icardi non salta mai una partita e pare che lo debbano pure rimproverare che corre troppo. lui che preparazione ha fatto? così perisic non mi dà mai l’impressione di uno a corto di allenamenti, e lui ha pure un europeo sulla gobba (non quella gobba). e soprattutto, da spettatore, non ho mai praticamente visto un’avversaria mettere sotto l’inter fisicamente, forse l’atalanta. ma ripeto non le ho viste tutte. e in ogni caso non si spiegherebbero altre prestazioni di alto livello, tipo con la j**e. cioè la condizione o c’è o non c’è, non hai l’interruttore.

    e infine, se la preparazione è così fondamentale da avere il potere di segarti una stagione, perchè affannarsi a prendere allenatori o top player? (anche perchè l’inter non ha una rosa inferiore a roma, napoli, figuriamoci il milan) il miglior preparatore atletico esistente sulla terra e via.

    insomma, per me i problemi non sono di natura atletica, o comunque non reggono più come giustificazione a novembre dicembre.

    infine mi unisco volentieri al partito pro javier+, nonostante settore sia due spanne sopra tutti gli altri blog 🙂

    • sono la testa e i piedi il problema, non le gambe; ma gia’ la sapevamo, quasi tutti meno uno

    • si certo, ma vorrai mica privarli del piacere che provano nell’insultare il vecchio allenatore?

      da notare che si incazzano se io parlo male di Icardi, che è, o dovrebbe essere, il nostro valore aggiunto, la nostra punta di diamante, quello che ci risolve i problemi e il poverino tagnin non capisce perchè me la prenda con lui e non con quelli scarsi veramente.

      a parte che per me come centravanti non è nemmeno lontanamente paragonabile a quelli che abbiamo sempre avuto, che è una delle nostre caratteristiche principali come squadra, come l’avere quasi sempre avuto i migliori portieri, ma se davvero fosse un campione, come tanti dicono, chi sarebbe più importante nel dare una impronta alla squadra, lui o uno qualsiasi come Nagatomo, D’Ambrosio o Santon?

      è logico che me la prenda con lui visto quello che guadagna e visto quello che riceviamo in cambio.

    • Se la preparazione atletica fosse il “fattore”, Zeman sarebbe l’allenatore più titolato del pianeta.

  69. Cioè fammi capire

    Se vinciamo 3-2 (tripletta di Icardi)
    Se pareggiamo 2-2 (doppietta di Icardi)
    Se perdiamo 2-1 (gol di Icardi)

    sono sempre 3 punti?

    E con questo, signori, agitiamo la manina e salutiamo la matematica.

    Non perdetevi lo speciale di Natale, dal titolo:
    “hanno tamponato la slitta a Babbo Natale. È stato Icardi”

  70. aahahah
    almeno si ride ogni tanto

  71. Eppure c’è della grandezza d’altri tempi in questo accanimento pro e contro Mancini dopo mesi, quando lo scenario è completamente mutato, in queste disfide Corso-Este, Corso-Cacciatore… quasi un’Italia d’altri tempi, vera, sanguigna, di dispute interminabili ai bar del paese, tra bicchieri di rosso, pugni sul tavolo e carte da briscola… Quanti ricordi, e anche quanta nostalgia.

  72. Che poi, basta prendersi il fastidio di dare uno sguardo ai gol che Icardi “ogni tanto” ha fatto quest’anno, per vedere che sono quasi sempre decisivi.

    1 gol col Palermo. Ci ha permesso di pareggiare, altrimenti avremmo perso. Decisivo.
    2 gol contro il Pescara. Senza avremmo perso, invece abbiamo vinto. Entrambi decisivi.
    1 gol contro la Juve. Era quello del pareggio. Decisivo (assist a Perisic per il secondo gol, decisivo)
    2 gol contro l’Empoli. Senza sarebbe finita 0-0. Almeno un gol è decisivo.
    2 gol contro il Torino. Senza avremmo perso. Due gol decisivi.
    2 gol contro la Fiorentina. Almeno 1 decisivo (finita 4-2)

    Totale 8 gol decisivi su 12.
    A questo bisogna aggiungere l’assist a Perisic per il 2-1 alla Juve (decisivo) e l’assist sempre a Perisic per il primo gol del 3-0 al Crotone.

    Ho lasciato fuori il secondo gol all’Empoli, che non è strettamente decisivo, ma ci ha permesso di giocare con tranquillità
    i due gol al Crotone, che ci hanno evitato un recupero con la beffa
    e il gol allo scadere contro la Fiorentina che ci ha evitato un altro extra time beffa visto che ci stavano rimontando.

    Insomma, anche chiudendo un occhio e facendo finta che questi 4 gol non fossero a loro modo decisivi nell’economia della partita, e dimenticandoci degli assist

    c’è un 75% (settantacinquepercento#)

    di gol decisivi.

    Non lo so, ditemi voi.

    La sciarpa va sul collo, non davanti agli occhi.

    • ma che ca..o deve fare un attaccante che stazione in area con 100 palloni serviti se non buttarla dentro ogni tanto? Pensi che Belotti o Pavoletti o Dzeko o qualsiasi numero 9 farebbero peggio di icardi? Non hai visto che anche Eder Citadin Martins (EDER!!!) messo in mezzo all’area al posto di icardi ha subito fatto la doppietta ? Allora adesso esaltaci Eder come fenomeno.

      Icardi si fa vedere tra le linee avversarie (difesa e centrocampo) per creare spazi e favorire gli inserimenti ? Non lo fa MAI il tuo beniamino, Candreva e Perisic sono sprecati, ma io perdo tempo a spiegarti cose che non puoi capire, perché la tua competenza calcistica ti deriva probabilmente dalla playstation e dalla lettura della gazzetta dello sport…. tempo perso veramente per chi dialoga con te di calcio.

  73. @Javier In effetti Corso Cacciatore è più I duellanti. O forse Psycho.

  74. @ Este Nemmeno io credo che Icardi sia un problema. In una situazione come quella presente non so come lo si possa ritenere un problema. Tamarrate sue e della consorte escluse, ovviamente.

  75. per corso, su icardi:
    dicembre 13, 2016 a 8:40 pm
    da notare che si incazzano se io parlo male di Icardi, che è, o dovrebbe essere, il nostro valore aggiunto, la nostra punta di diamante, quello che ci risolve i problemi e il poverino tagnin non capisce perchè me la prenda con lui e non con quelli scarsi veramente.

    a parte che per me come centravanti non è nemmeno lontanamente paragonabile a quelli che abbiamo sempre avuto, che è una delle nostre caratteristiche principali come squadra, come l’avere quasi sempre avuto i migliori portieri, ma se davvero fosse un campione, come tanti dicono, chi sarebbe più importante nel dare una impronta alla squadra, lui o uno qualsiasi come Nagatomo, D’Ambrosio o Santon?

    è logico che me la prenda con lui visto quello che guadagna e visto quello che riceviamo in cambio.
    __________________________________________________________

    mentre sono d’accordo con te sul discorso preparazione atletica, trovo che sia eccessivamente critico verso icardi.

    quanti centravanti ritieni ci siano in europa superiori a icardi?
    tralasciando per diversi motivi cr7 e messi, per me suarez, lewandowski, cavani (forse), higuain. tutti però economicamente inarrivabili e prossimi ai trent’anni.
    icardi ne deve ancora compiere 24, è un ragazzino che segna montagne di gol, e non ce n’è molta gente che segna montagne di gol (è un fatto, piaccia o meno).

    quanti giocatori, nelle condizioni ambientali in cui si trova icardi e che voi stessi sottolineate (tifosi mooooolto esigenti, informazione pelosa, dirigenza poco attenta alla protezione del proprio capitale umano), terrebbero il suo rendimento?
    cioè se uno che ha fatto 59 gol in 107 partite riceve questo trattamento, al dzeko dello scorso anno, in maglia nerazzurra, cosa sarebbe capitato?
    quindi oltre ad essere ancora molto giovane, molto prolifico, ha pure due palle quadrate, cosa che non sempre trovi all’altezza dei piedi.

    e poi più di tutto, non condivido il discorso “guadagni un botto quindi devi rendere in proporzione”. quindi se venisse gratis non sarebbe criticabile se gioca di merda?
    in campo non ci vanno gli stipendi sennò vincerebbe sempre tutto quanto il psg

    • quoto
      su Icardi mi domando piuttosto se la scelta di farlo stare praticamente solo lá davanti sia per esaltarne le doti, giacché di giocare a due punte non se ne parla. Nemmeno con il Genoa, che sembrava ce ne fossero 3. Sembrava perché Palacio e Eder hanno giocato larghissimi. A proposito dell’ultima, mi pare che il 9 si sia messo al servizio dei compagni più del solito facendo una partita di sacrificio.

    • Al netto delle p.i. vorrei far notare la gestione di sneijder, uno che con noi avrebbe dovuto vincere il pallone d’oro, se non fosse diventato nel frattempo un premio ridicolo… Branca che non ha il coraggio di portare in spogliatoio un nuovo allenatore…di che parliamo quando parliamo di inter…hai voglia a comprare giocatori e allenatori se poi li butti tutti in un calderone e devono arrangiarsi…
      Massimo rispetto per Strama che si è barcamenato con risultati alterni, ma meglio di vecchi volponi come Piangerini e Cazzarri….ai quali comunque a sto punto un paio di attenuanti mi sento di darle….

    • strame perché all’epoca di Snejider non hai fitato?

      e perché invece di parlarci del tuo esonero del 2013 non ci spieghi quello di 2 settimane fa? o uno di quelli prima, a scelta

      bulletto presuntuoso che ha fatto danni devastanti, l’apoteosi della cultura del fenomeno sconosciuto, il peggior allenatore della storia dell’Inter per dispersione

      anche se in effetti era molto più magro di mazzarri, questo lo ammetto senza problemi

  76. Bella l’intervista di Strama… penso si sia trovato catapultato in una realtà più grande di lui…

    Ma ha fatto bene ad accettare la sfida, nella vita passano treni che vanno presi al volo…

    Il 3-1 che sverginò il Cessum Stadium resterà nella storia

  77. belle le tabelle su Icardi, per par condicio insieme mettiamoci anche quella della classifica di quest’anno, o cosa ci hanno mai fatto vincere negli anni passati, così vediamo al netto cosa contino i suoi gol fino a questo momento.

    mi direte, ma senza quelli dove saremmo arrivati?

    cazzo ne so, ma cazzo ne sapete voi se al suo posto ci fosse stato un altro cosa avremmo fatto, quello che so è che l’anno scorso di partite belle ne abbiamo fatte diverse e guarda caso lui non c’era, quello che so è che in campo qualcuno lo ha già mandato a cagare diverse volte, basta vedere le partite e non i muscoli degli atleti, quello che so è che per essere un leader ed un capitano gli atteggiamenti devono essere consoni e non scaricare le colpe a chi non gli passa la palla con i contagiri incorporati e sopratutto devono essere d’esempio, ma non per farsi aumentare lo stipendio e farsi cambiare un contratto ogni anno, ma di impegnarsi e correre di più degli altri, cosa che ho visto fare raramente in tre anni.

    Icardi è uno dei migliori centravanti in Europa?

    può anche darsi, non seguo tutte le squadre me ne basta e avanza una e quello che da alla mia al momento non è servito ad un cazzo, anche se con lui ci sono tutti gli altri della rosa, per cui non è solo colpa sua, ma qui si sta parlando di quello che prende più di tutti e che per questo in campo dovrebbe fare la differenza, perchè a sparare sulla croce rossa dei vari Naga e C, so buoni tutti, anche i tagnin, ma dire che Icardi non solo non ci risolve nessun problema ma ne crea è un pò più difficile, sopratutto in un blog ondivago che 5 mesi fa lo avrebbe portato a Napoli in spalla insieme a sua moglie e ai primi gol lo ha perdonato dimenticandosi in un amen che razza di personaggio abbiamo come capitano.

    parafrasando il pirla che si è auto nominato cacciatore di troll e per questo il primo che dovrebbe cacciare è lui stesso perchè più troll di lui non si chi ci sia:
    se a voi piace così, tenetevelo.

    • non voglio entrare in polemica, ma mi dici che giocatore….da solo… ha fatto la differenza in questa o in qualsiasi altra squadra negli ultimi 20 anni…. a parte forse maradona, e forse forse il primo Ronaldo….poi che icardi sia un bamboccione arricchito ok, che le spari grosse ok, che non debba essere il nostro capitano ok….ma che sia scarso….proprio no….forse ci crea dei problemi di movimento li davanti, ma questo lo dovrebbero risolvere gli allenatori….che peraltro lo fan sempre giocare….
      Io lo avrei dato al Napoli questa estate per 60 milioni più Gabbiadini o Milik…forse a quelle cifre glie lo darei ancora….però non possiamo dire che sia scarso dai…

  78. tagnin…..
    Che doveva dire? Dar contro ad una società che gli aveva dato un’opportunità unica, irripetibile? Cosa centra lui, poco più che trentenne, alla prima gestione di una squadra che conta, nella gestione di dinamiche chiaramente extra campo? E poi scusami ma Stramaccioni tutto tranne bulletto presuntuoso. I danni devastanti li han fatti altri…Lasciando scappare persone come Oriali e lasciando gestire una socità al top del calcio Mondiale da persone alle quali io non affiderei nemmeno il mio gatto…
    Poi se vogliamo continuare a dire che tutti i 30 allenatori che abbiamo visto negli ultimi 20 anni erano scarsi … a parte il Mou e il primo Mancini…e che i giocatori che vengono da noi son tutti scarponi…a parte quelli del triplete..of course…quelli si che erano bravi…non ci resta che aspettare il prossimo messia sperando che non ci metta altri 45 anni…Nel frattempo gli altri vincono scudetti e a volte anche coppe…ma a noi che ci frega…ci basta insultare icardi e wanda…..

  79. Cacciatore di troll sei sempre un signore nei tuoi commenti, complimenti!

  80. SEMPREINTER

    non esageriamo, quelli che fanno la differenza sono i campioni, non solo i Fenomeni, l’anno scorso a fare la differenza in difesa ci sono bastati Miranda e Murillo, almeno per tutto il girone d’andata, avessero giocato così, sopratutto il secondo, anche nel girone di ritorno, non saremmo arrivati a questi punti qua.

    quest’anno abbiamo preso Banega e J.Mario sperando facessero la differenza a centro campo e in avanti, ma l’hanno fatta solo in un paio di partite o tre, poi spariti e la differenza non l’hanno fatta più.

    questo intendo per fare la differenza, non di farmi vincere le partite da solo, lo so che non è Messi ne Ronaldo, la mia pretesa è più terra terra, chiedo che faccia parte degli undici sempre anche quando non segna, ma quando non segna è come se giocassimo in dieci e questo non va bene, almeno per me.

    è solo una opinione, non una tragedia americana e non capisco tutto sto casino solo per averla espressa.

  81. aggiungo che ho una gatta se il gatto ce l’hai davvero…

  82. no, infatti nessun casino, almeno da parte mia…sono opinioni….Secondo me però dobbiamo parlare di fasi più che di giocatori…..Se in fase difensiva abbiamo fatto bene in quel periodo è per merito di un assetto che copriva molto la difesa….dobbiamo dar atto a Melo e Medel che facevano il lavoro sporco, per contro però in avanti segnava solo Icardi…ORa in fase d’attacco creiamo di più, ma dietro balliamo molto..Concorderai con me che i due dietro non possono essersi imbrocchiti in 6 mesi, quindi vuol dire che la fase difensiva lascia a desiderare….il famoso equilibrio che andiamo tanto ricercando e che deve trovare l’allenatore….Però confermerai che anche quando dietro non ne prendavamo davanti icardi la metteva. Questo per dire che se forse qualcosa di più di un giocatore “normale” ce l’ha, se segna anche quando davanti creiamo poco…
    Ha 23 anni, molte pause e qualche amnesia sicuramente non è ancora un top player, ma diciamo che miranda medel jmario banega e lui sono una buona ossatura, al netto di tutto… La fascia glie la toglierei, anzi glie l’avrei già tolta…

    Il mio gatto si chiama Grisù, è la star della casa e faccio fatica ad affidarlo a mia sorella….per dire…figuriamoci a quel distratto di Ausilio che non sa neanche controllare le liste eufa 🙂

  83. ho messo un se in più….vado a correre va che sti pc mi friggono il cervello…

  84. E’ ormai cosa nota il fatto che mi sia legato al dito il tradimento di mancini, che considero primario responsabile dell’attuale situazione sportiva, con l’aggravante che questo poteva essere davvero l’anno della rinascita, le condizioni c’erano tutte se avesse fatto il suo mestiere.

    detto ciò, voglio dargli atto di questa splendida iniziativa, che non ha minimamente pubblicizzato e che quindi voglio pensare abbia fatto per cuore e attenzione verso il prossimo.

    Sicuramente è stata una grande lezione di vita, specialmente per i suoi figli. E sarebbe bello se anche altri italiani potessero vivere una simile esperienza, sarebbe estremamente istruttivo

    http://www.fcinter1908.it/ultimora/cds-mancini-in-giordania-per-lunicef-italia-lex-tecnico-nerazzurro/

  85. onore a Wolf che nonostante le sue idee preconcette costruite sul nulla cosmico ha avuto il coraggio di fare notare una cosa che un uomo di merda quale è stato qualificato così anche da lui ha fatto per i bambini meno fortunati di questo pianeta, il che dovrebbe far presupporre che tanto uomo di merda non dovrebbe essere, ma lasciamo perdere e lodiamo il Wolf ugualmente.

    a proposito di uomini di merda, vorrei precisare che Este non ha niente a che fare con la merdina che mi tampina quest’anno, non è per fargli un complimento che lo dico, ma c’è un limite a tutto e Este non merita di essere paragonato o immischiato ad un pirla del genere con grossi problemi esistenziali che spera di risolvere dandomi addosso ogni volta o quasi che commento, qualificandosi ogni volta per quello che è.

    se è o no un compagno di merende di tagnin o di altri non è rilevante, era solo una ipotesi fatta considerando che anche quest’ultimo il più delle volte non entra nel merito dell’argomento ma più che altro entra nel merito di come lo si è detto e di chi lo ha detto, andando sul personale spesso e volentieri, come se il fatto di avere una certa età e ad essere in pensione sia dequalificante e quindi non si abbia più titoli o un briciolo di intelligenza per commentare.

    devo dire che non lo fa solo con me, anche se con me lo fa più spesso, ma questo forse perchè commento di più di altri, per cui nemmeno lui sarebbe da accomunare al pirla di cui sopra, anche se è quello che gli assomiglia di più.

  86. Icardi è il migliore attaccante che abbiamo, le cifre lo confermano, qualsiasi altro acquisto al momento non garantirebbe nulla di meglio, ma a me non va bene perché no

    anzi, un momento: c’ha la moglie bionda, mi sembra una valutazione tecnica più che sufficiente

  87. ecco come si fa ad entrare nel merito delle questioni, e io che ti ho accusato di non farlo mai, la moglie bionda, certo,

    come ho fatto a non pensarci

    bella anche quella delle cifre, peccato che non si possano confrontare con nessun altro dal momento che gioca sempre lui

    ma tu sei tanto intelligente da capire che via lui nessun altro messo al centro del nostro attacco farebbe meglio, spiegacelo con parole tue, perchè qui stiamo parlando di calcio e non di dogmi della chiesa e si può fare

    se mai ci riesci

  88. Ma che c’entra Icardi se non vinciamo niente?
    Mica è Federer o Nadal, che giocano da soli.

    È vero che ci sono giocatori che fanno la differenza da soli (fino ad un certo punto, però), ma io dubito che in questo casino monumentale avrebbe potuto fare qualcosa anche un Messi o un CR7.

    Piuttosto sarebbe il caso di ricordare che quest’estate c’era chi gli preferiva Gabbiadini.

    O che l’avrebbe dato via “per il suo reale valore di mercato”: 30 milioni.

    Con un altro avremmo fatto meglio, là davanti.
    Dipende di chi stiamo parlando.

    Per ora hai un attaccante da 12 gol in 16 partite. Più svariati assist.
    Difficile fare meglio.

  89. Un consiglio (non richiesto) a Corso o a chiunque si senta attaccato, offeso, insultato: evitare di prestare attenzioni alle provocazioni. Non è difficile. Non c’è niente di più divertente per un cosiddetto troll che essere legittimato dalle risposte ai propri insulti o alle proprie provocazioni. Capito, Corso? Non è che se non rispondi a tono fai brutta figura: al contrario, se lo fai cadi nel tranello (eppure da buon gambler dovresti avere sangue freddo).
    Soprattutto quando appare qualche gobbo in vena di stronzate: ignorate gente, ignorate.

  90. E su Icardi, che palle: il giorno in cui se ne andrà e lo sostituiremo con un attaccante di manovra, scopriremo se la squadra ne beneficerà, faremo più gol collettivamente o se verranno segnati gol più determinanti per vincere un trofeo. Fino a quel momento non c’è la controprova e l’unico dato oggettivo è la statistica, decisamente dalla parte dell’attaccante argentino. Tutto il resto sono pareri legittimi e stranoti.

  91. quindi dopo aver mobbizzato gabigol scopriamo un altro aspetto masochistico della personalità dei trentordici allenatori dell’Inter susseguitisi quest’anno: fanno giocare sempre e solo Icardi senza un motivo valido, tipo che il resto dell’attacco ha messo insieme la bellezza di 8 gol in 57 presenze, sono 7 (più o meno) giocatori contando anche, in un eccesso di generosità, Candreva e Perisic

    va bene che gli arbitri juventini non ci lasciano giocare in 17, ma a questo punto è palese che il problema vero di Icardi è il colore delle scarpe, a parte che tecnicamente parlando le Nike sono brutte forte e hanno pure la pianta stretta

  92. Per risolvere una volta per tutte la questione Icardi sì, Icardi no, come quella sempre risorgente Mancini sì, Mancini no che da mesi ingombrano il blog e che si fanno sempre più aspre anziché, come sarebbe logico, spegnersi, non rimane altro ormai che sperare in un duello rusticano o all’arma bianca tra i due maggiori contendenti , all’alba, dietro il convento dei Cappuccini…
    Questione Mancini. Ormai appartiene alla storia dell’Inter, nel bene e nel male, e credo interessi sempre meno , per non dire per nulla, i frequentatori di un blog che vive soprattutto di attualità e perciò mi sembrerebbe giunto il momento di seppellirla in pace , con sollievo di tutti i superstiti.
    Questione Icardi. Come si possa discutere e giudicare negativamente il profitto di un giocatore che , centravanti di una squadra di centroclassifica , è tuttavia in testa alla classifica dei cannonieri , è per me un vero mistero. Quanto poi a definirlo un paracarro, immobile al centro dell’area senza partecipare al gioco, penso che solo coloro che vivono la partita sugli spalti dello stadio possano dare un giudizio fondato sul reale comportamento del giocatore. A me, spettatore in pantofole, soprattutto nell’ultima partita è sembrato tuttavia che si sia mosso moltissimo, anche se con modesto profitto. Il problema non è Icardi, ma chi affiancargli , per rendere più agevole e produttivo il suo ruolo di centravanti di sfondamento.

  93. Io metterei da parte i troll, le vedove di chiunque, le beghe/litigi tra diversamente interisti e mi concentrerei sulla prossima di campionato che si presenta quantomeno singolare.
    Sviste (mie) a parte, TUTTE le otto squadre che ci precedono in classifica si affrontano tra loro:
    la matematica/regola del gioco calcio ci dice che o 8 pareggiano o, cmq, 4 perdono (con varie situazioni intermedie, comunque “simpatiche”).

    Inoltre due di queste partite si disputano prima del nostro “lunch time in emilia” e due, invece, dopo.
    L’occasione mi sembra ghiotta, dipende solo da noi e……non aggiungo altro! 🙂

    FORZA INTER
    A M A L A

  94. E che palle se si parla di Icardi
    E che palle se si parla di Mancini
    E che palle se si parla di De Boer
    E che palle se si parla di Gabigol
    E che palle della condizione fisica
    E che palle se si parla della dirigenza
    E che palle se si parla di Moratti
    (segue fino a riempimento di tutti i server mondiali del web)

    Signori, mi sento di precisare che gli argomenti intorno all’Inter sono pressoché finiti.
    Il mio consiglio, dalla notte dei tempi ormai, (non richiesto manco questo, eh) è di far andare la rotellina del mouse e passare oltre, quando un argomento non interessa.

  95. caro Gus,

    ti ringrazio del consiglio disinteressato, l’ho fatto anch’io a suo tempo a quelli del blog che rispondevano ai vari troll che si sono succeduti in questi anni, anche se forse era uno solo che cambiava nick volta per volta, però alcuni mi hanno risposto che rispondere lo trovavano divertente e non mi hanno mai dato retta e hanno continuato ad insultarlo in maniera variopinta dando sfogo a tutta la loro fantasia nel cercare nuovi modi per offenderlo nella maniera più originale.

    l’ultimo in ordine di tempo è il gobbo con nick “Nel 2006 abbiamo capito perche’ non vincevamo” ed io mi sono guardato bene dall’insultarlo visto che ci viene apposta per sentirsele dire.

    però quelli o questo troll se la prendono con tutti quelli del blog, non ce l’hanno in modo particolare con uno solo che gli sta sulle balle per motivi suoi, ne tanto meno considera quelli del blog dei troll come fa questo qui con me.

    per cui essendo una cosa personale ogni tanto gli rispondo a tono ed a tema, come quello di oggi visto che ho parlato di uomini più o meno di merda e mi è venuto in mente anche lui.

    con questo non credere che mi dia fastidio più di tanto, me la prendo di più con Este o con altri come Internazionalista quando non sono in sintonia con me, perchè li ho valutati diversamente e positivamente in tutti questi anni anche se la pensano in maniera diametralmente opposta alla mia e fa niente se ogni tanto ce le diciamo in faccia, è del tutto diverso, come lo sono loro diversi da questo qui che non ho ben capito quale che sia il suo scopo, perchè la mia presenza e i miei commenti non impediscono agli altri di farli. non è che se scrivo io il blog suona occupato come un telefono, per cui non impedisco a nessuno di commentare ne obbligo nessuno a leggere quello che scrivo, di conseguenza se questo qui ha come scopo quello di farmi smettere sta ottenendo l’effetto contrario perchè col cazzo che gli darò questa soddisfazione, almeno fin che campo, anzi mi sta dando un impulso in più dei pochi che mi sono rimasti, quasi quasi lo dovrei ringraziare per questo stimolo nuovo.

    ti saluto come faceva Misultin, un vecchio amico gonzo del blog

    respect

    che su qui manca da un pezzo

  96. scusa Gus,

    ma mi è sfuggito un passaggio del tuo commento

    ” da buon gambler”

    dato che è un termine tecnico, vuoi forse dirmi che niente niente…

  97. Respect a tutti voi, cuori nerazzurri e, visto che la serata è fredda e malinconica, un pensiero a Hal Incandenza.

    • John Graham Mellor,

      può essere che mi sia dimenticato di te, ma hai sempre usato questo nick?

      in ogni caso mi unisco al pensiero.

  98. Sì, Corso, sempre.

    • ma c’eri già anche quando Hal era vivo?

      scusa se insisto ma ho un vuoto di memoria, oppure con te non ho mai litigato :-))

  99. Nebbia e Foster Wallace…ecco la poesia farsi strada tra le pieghe di un blog

  100. Sì, c’ero, anche se ho cominciato a intervenire con regolarità dopo che ci ha lasciato. Mi ricordo ancora il suo ultimo post e voi ‘storici’ che lo incoraggiavate. Diceva che sarebbe stato difficile come Barcellona Inter, mi sembra. Non intervenni perché non mi sentivo ancora abbastanza di casa.

  101. E: no, non abbiamo mai litigato. Litigo solo qualche volta con i troll, quelli veri, se sono di cattivo umore.

  102. Quando passo davanti alla sua gelateria preferita, ci penso sempre.

    Cioè, fondamentalmente non lo conoscevo. Mai visto di persona. Eppure, quando se ne andò, mi sentii come se avessi perso un amico.

    Un saluto a un interista vero.

  103. juventus campione d’italia
    inter seconda in champions
    roma ai preliminari
    napoli e milan in europa league
    cosi ho parlato
    l’udienza è tolta
    ciao

  104. A proposito, viste le recenti “polemiche” sul padrone di casa, è comunque lecito fargli gli auguri di buon compleanno?
    Nel caso,
    A U G U R I.

  105. Auguri Settore!!

  106. Se davvero è il compleanno di Sector, mi unisco volentieri agli auguri…

    E come regalo mi auguro che ci pensi domenica la beneamata…

    Continuo a leggere di un Sassuolo ridotto a pezzi, lo spogliatoio ridotto ad infermeria, bla bla bla…

    Non sò perché ma più leggo sta cosa e più mi gratto (sgraaat, sgraaat)

  107. Settore un augurio di Buon Compleanno ( o Buon non Compleanno ) ed un Bacio gi Gi…avier +

  108. Auguri a Settore per il suo compleanno.

    leggendo le varie ipotesi di formazione e i problemi che stanno dando a Pioli la convivenza in campo contemporanea di Banega e J.Mario, tanto da averlo indotto a sperimentare la difesa a tre, mi è venuta in mente la partita con la gobba che abbiamo battuto per 2-1 a San Siro e mi sono chiesto come sia successo considerando il valore dei suoi giocatori, tralasciando la merda di società che li paga, perchè poi di prestazioni così non ne abbiamo più fatte, il che è inspiegabile visto che a questi, che adesso stanno dominando di nuovo il campionato, abbiamo concesso due o tre azioni da gol, mentre a squadre molto più deboli che abbiamo incontrato successivamente, ne abbiamo concesse il doppio ed anche il triplo, perdendo partite senza scusanti ( Atalanta- Sampdoria-Napoli) o vincendole con grossi patemi (Fiorentina- Genoa)

    è un pò come il mistero su Gabigol, nessuno capisce il motivo per cui uno pagato trenta milioni e che si cucca 3,5 milioni all’anno di ingaggio nessun allenatore si arrischi a farlo giocare, essendo quasi passato tutto il girone d’andata senza che questi abbia mai messo piedi in campo, se non per solo i 16 minuti finali con il Bologna.

    contro la gobba in campo c’era questa formazione:

    Handanovic, D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Santon, Medel, Benega, J.Mario, Candreva, Icardi, Eder, questi sostituito nel secondo tempo da Perisic, che poi ha segnato il 2-1.

    cosa cavolo sia successo dopo questa, dove ha corso anche Icardi come un matto risultando il migliore in campo, non solo per il gol del pareggio, mi sa che se lo stia chiedendo ancora anche DB, perchè sembrava che tutto funzionasse a meraviglia con il pressing alto che non ha aperto autostrade come nelle partite successive.

    non sarebbe il caso che Pioli gliela facesse rivedere e gli domandasse: allora brutti stronzi, dove cazzo siete finiti?

    • Quel giorno hanno dato tutto e si sono sacrificati per la squadra. Non si é più verificato se non a sprazzi. Quando si ottimizzano le risorse umane ê merito di tutte le componenti= società, allenatore e giocatori. Idem all’inverso, quando le cose vanno male. Però in campo ci vanno i giocatori, dunque i meriti e i demeriti principali vanno dati a loro.

  109. E’ la dimostrazione che quando si va in campo mettendo gli attributi e sputando sangue, qualsiasi risultato è possibile…

    Quando si va in campo così, anche il modulo diventa irrilevante…

    Il vero problema è che simili prestazioni, sono un’eccezione

  110. Acanfora in 5 righe, scritte probabilmente da cellulare, ha spiegato in maniera più che esaustiva la reale dinamica che ci inchioda.

    Possiamo arrovellarci quanto vogliamo su questioni tecniche, tattiche, atletiche, dirigenziali, finanziarie, e quel che volete, ma in realtà si riassume tutto con 3 parole: gestione risorse umane.

    Niente niente che ti basta un professionista HR coi controcazzi per vincere la CL…

    No, boutade a parte, io sono d’accordissimo con questo concetto, quindi plaudo alla capacità di analisi e successiva sintesi.

    Poi sì, ci sono mille sfumature (e ma piace perdermi in quelle), ma credo basterebbe la giusta empatia ambientale per invertire drasticamente la rotta.

    PS, auguroni a settore -anche se dubito che si prenderà la briga di venir qui a leggerli- e ringraziamenti rinnovati per lo spazio che ci concede per i nostri duelli da far west

    • Concordo per il grammy ad Acanfora con le stesse motivazioni. Bravò come dicono a teatro.

      E concordo pure con questo “…ma credo basterebbe la giusta empatia ambientale per invertire drasticamente la rotta…” ed è per questo che spesso mi danno a causa del disfattismo totale, qua non siamo a livello da cavar sangue dalle rape, la rosa c’è, bisogna solo che comincino a remare tutti dalla stessa parte. Maledetti…

  111. è quello che sostengo io da una vita, anche se è una ovvietà, rimarcata come se averla detta sia un insulto alla intelligenza, in campo ci vanno i giocatori ed è con loro che bisogna prendersela, ma non perchè uno è scarso e più di quello non sa darti, perchè Materazzi non era mica un fenomeno, come non lo era nemmeno il tanto desiderato Simeone quando giocava per noi, però ci mettevano la voglia e la grinta, come il tanto bistrattato Medel che nessuno su qui vorrebbe vedere in campo, però quando manca lui lì in mezzo non capiscono più niente e bisogna inventarsi schieramenti che sembra vengano riproposti, speriamo Pioli tenga conto che con il Genoa l’ha sfangata alla grande e non creda che il culo gli regga per sempre.

  112. Vorrei rispondere a Cambiasso che, libero ciascuno di trattare nel blog gli argomenti che vuole, quelli che elenca non sono tutti di pari peso e importanza e anche di uguale attualità e interesse per noi lettori. Se quelle di Mancini e De Boer sono storie ormai concluse, fuori ormai dall’orizzonte dell’attualità e sulle quali si ha l’ impressione di aver già letto e detto tutto, e sulla questione della preparazione atletica è difficilissimo dare valutazioni obiettive ( per es., il nostro Kondo è insufficientemente preparato o è piuttosto lento per natura o non è veloce nel restituire la palla per abitudine viziosa di gioco etc..), è invece di grande interesse discutere le idee di Pioli, di come pensa di sistemare in campo la nostra squadra o quali sono i reali meriti e demeriti di Icardi in una valutazione complessiva della sua utilità nel gioco attuale dell’Inter. Mi hanno intricato molto i numeri da te elencati sulle prestazioni appunto di Icardi, che da soli basterebbero per formulare un giudizio pienamente positivo sul giocatore, ma se anche fossero diversi, a mio parere, non cambierebbero la positività del mio giudizio. Il ruolo del centravanti di sfondamento, come del resto quello del portiere, è assai diverso da quelli degli altri componenti della squadra, fondato com’è il suo rendimento oltre che sulla preparazione atletica e tecnica, soprattutto sull’istinto, sul temperamento umorale, sulle circostanze occasionali, come lo stato del terreno, che non è mai perfetto come un tavolo di biliardo etc…Diversamente, per es. , dal centrocampista , nella cui prestazione ha un ruolo fondamentale l’intelligente organizzazione del gioco dei compagni , il centravanti gioca soprattutto d’istinto e nell’attimo in cui calcia, come il portiere nell’attimo in cui para, non argomenta ma obbedisce ad un puro istinto irrazionale, reso più sicuro dalla preparazione atletica e tecnica, ma pur sempre soprattutto un gesto irrazionale. Ricordo che quando al kamikaze Ghezzi, l’inventore dell’uscita a valanga sul giocatore avanzante, chiedevano perché lo facesse, a rischio della sua incolumità fisica, rispondeva che non poteva rimanere immobile davanti alla sua porta perché l’istinto irresistibile lo spingeva a buttarsi sui piedi del giocatore alla caccia del pallone. Ora, Icardi può spesso ciccare ignobilmente o gettare alle stelle a tre passi dalla porta la palla che chiedeva soltanto di essere adagiata in rete, ma possiede quel l’insieme di qualità irrazionali e istintive (castagna e rapidità di esecuzione, coraggio di tentare tiri impossibili etc…) che son proprie del grande centravanti quale, a mio parere, è e rimane, nonostante i giudizi negativi di alcuni frequentatori del blog.

    Mi associo naturalmente a tutti gli altri nel formulare gli auguri di buon compleanno e di buone feste a Sector. Grazie di esserci.

  113. Auguri Sector.

  114. Vabbè, intanto auguri a Settore.

    Sui giocatori, è inutile arrovellarsi sul perché con la Juve sì e con l’Atalanta no.
    Così come dare la colpa ai giocatori perché in campo vanno loro è esattamente il modo in cui in Italia si scarica la patata bollente.

    Se un palazzo crolla alla minima scossa di terremoto di chi è la colpa, dell’ingegnere o dei carpentieri?

    Io onestamente, e l’ho già detto, alla balla dei giocatori che smettono di aver voglia tutti e 25 quanti sono, appena varcano la soglia della pinetina, non ci credo manco di striscio.

    Certo, le energie mentali e le motivazioni hanno il loro ruolo, ci mancherebbe, ma esagerarle così serve solo a vedere gli striscioni stucchevoli della curva, dell’ultima volta.

    Contro la Juve loro hanno sbagliato atteggiamento, avevano la testa alla Champions, Allegri ha avuto la presunzione di sottovalutarci e ha lasciato in panchina Higuain.
    Poi ci hanno lasciato spazi in cui giocare e gli episodi hanno fatto il resto.

    Io il problema continuo a vederlo a monte.
    E la storia di Gabigol è paradigmatica, in questo senso.

    Quello che mi urta è essere preso in giro, con storielle come il fair play finanziario, quando hai pagato qualcosa come 30 milioni e a cui dai tre pali e mezzo per farlo giocare un quarto d’ora complessivo

    senza darci una ragione plausibile, per dire, del perché non è stato provato neanche in partite compromesse, tipo quella contro il Napoli.

    Ebbene, io non accetto di essere trattato come un tifoso milanista.
    Tanto più che i risultati sono lì da vedere, una roba che qualsiasi altra società li avrebbe defenestrati in blocco.

    E comunque se ne facciano una ragione: noi non siamo tifosi milanisti.

  115. due anni fa, dopo che da povero orfanello avevo dato un’occhiata anche a Bauscia, visto che il nostro blog non accennava a riaprire, anzi sembrava che non riaprisse del tutto, quando finalmente riaprì si fece la conta di quelli che man mano rientravano a dargli vita ed eravamo tutti felici di rivedere commenti e nick familiari.

    era il periodo dei grandi addii, Zanetti, Cambiasso, Samuel e Milito, quelli dell’asado dopo il 2011, quelli del triplete nel 2010, osannati e portati in trionfo, criticati un anno dopo e in quelli a seguire perchè non erano riusciti a ripetersi come avremmo sperato.

    Settore gli dedicò un post d’addio e poi noi ci interrogammo su chi avrebbe potuto sostituirli degnamente sia nell’Inter che nei nostri cuori, ed io scrissi che speravo molto in Icardi e Kovacic, per dire che se poi ho cambiato idea su di loro non è certo per pregiudizio, visto che era su di loro che contavo che l’Inter nell’anno seguente facesse meglio del quinto posto risicato che aveva ottenuto con Mazzarri, quello che aveva scritto che il bello doveva ancora venire.

    uno è stato venduto e al momento non mi pare che si stia facendo rimpiangere troppo, anche se al posto di Kondogbia sarebbe stato meglio tenersi lui mille volte, l’altro è diventato il nostro capitano ma mi ha deluso sia sul piano umano che su quello sportivo, perchè sarà anche un killer con l’istinto del gol come dice Scetticonerazzurro, ma è tutto lì, lo era anche Ganz se è per quello, ma prima di tutto non mi dà mai l’impressione di metterci di più del minimo sindacale e già questo mi fa incazzare, poi tecnicamente lascia molto a desiderare in quanto la palla tra i piedi non riesce a tenerla manco 5 secondi, sui rinvii della difesa o del portiere, di testa non ne becca una, di scambi con i compagni ne farà uno per partita, difficilmente fa movimenti intelligenti per consentire l’inserimento di qualche d’uno che viene da dietro, si fa quasi sempre anticipare anche da gente che ha più di 35 anni come Burdisso, non so cosa altro dire per fare capire che per me come centravanti non vale i soldi che gli diamo, fermo restando che ognuno possa pensarla diversamente da me, ma per farmi cambiare idea deve fare diverse partite come ha fatto contro la gobba, una è un pò poco.

  116. Premesso che sul piano tecnico non condivido mezza parola, ma è risaputo,

    (per dirne una, ma ce ne sarebbero mille altre, convengo che il colpo di testa non sia la sua specialità, ma ha fatto 4 gol su 12 di testa, 1 su 3, “non beccarne una” è un’altra cosa)

    mi spieghi (possibilmente in modo sintetico) cosa ti avrebbe deluso sul piano umano?

    Perché secondo me la chiave di volta è lì.

  117. Intanto la fiore ha perso e………non mi dispiace! 🙂

    FORZA INTER

    A M A L A

  118. bè sul piano umano è presto detto, riguarda la sua richiesta di aumento ottenuta grazie alle performance della moglie, anche se lei non gioca, di questa estate, cose su cui si è discusso parecchio e non ce n’era uno su qui che lo abbia difeso, tranne cambiare radicalmente idea ai suoi primi gol, mentre io non ci riesco per cui la delusione rimane, ma non è certo quello il problema, anche Ibra non era uno che si accattivasse tante simpatie ma in campo voleva sempre vincere e stimolava anche gli altri a cercare di farlo, questo stimola solo gli altri ad imitarlo nel chiedere gli aumenti perchè in campo non stimola nemmeno se stesso se non raramente, come ho già scritto.

    al solito non leggi bene, ho scritto che di testa non becca neanche un rinvio della difesa o di Handanovic, non ho scritto che non becca nemmeno un cross considerando che gliene fanno venti a partita per cui, almeno probabilmente, qualcuno lo becca anche lui e segna anche di testa.

    sul resto non so cosa tu possa contestarmi al di la del numero delle reti, perchè se mediamente ne fa uno ogni due partite praticamente non è così, perchè in diverse partite non solo non si è visto ma non ha nemmeno segnato, per fortuna lo hanno fatto altri e le abbiamo portate a casa ugualmente, e non mi sto riferendo solo a questo campionato ma anche a quello dell’anno scorso.

    due anni fa, come ho detto, mi ha fatto sperare in lui, dopo più.

    tecnicamente uno come Alvarez gli dà tre piste, però questi è stato considerato peggio di un bidone, mentre non è ne un campione ne un bidone, ma uno dei tanti che si guadagna la pagnotta tirando calci, ma su qui era considerato poco meno di una merda, ma nessuno si è scandalizzato con tagnin o altri per averlo giudicato così.

    la stessa cosa è successa a Coutinho, venduto per prendere Kovacic e sul momento tutti ad elogiarne l’acquisto, poi si è visto il risultato anche se entrambi ci hanno permesso una buona plusvalenza, che di questi tempi è merce rara.

    non è una questione di simpatia o di antipatia, è una questione pratica che non mi fa vedere un gran futuro per noi con lui come centravanti, che magari di gol ne farà a carrettate ma che non ci faranno vincere un cazzo.

  119. ho riletto la frase in cui dico che non ne becca una di testa, in effetti c’è una virgola messa male che può dargli un significato diverso da quello che volevo dargli.

  120. ricevere qualche elogio fa piacere; il premio lo ritirirero’ quando avrò finito la tournée con mr. Zimmerman

  121. Come mai sul piano umano Recoba non ti ha mai deluso, visto che anche lui chiese un aumento, prendeva molto più di quanto meritasse e anche più di Icardi

    (in proporzione, tenendo conto dell’inflazione e con le cifre in lire che giravano 18 anni fa)

    e, mi risulta, che anche con lui non vincemmo praticamente una fava?

    • non so cosa tu stai cercando di dimostrare, non mi risulta che per Recoba sia mai intervenuta la moglie (ammesso che l’avesse avuta con lui a Milano) sui social a perorare la causa del marito per avere l’aumento.

      l’aumento immagino lo abbiano chiesto tutti quelli che hanno giocato nell’Inter da che è nata, mi sembra un diritto inalienabile pur considerando che non tutti lo meritassero, ma qui si sta discutendo del modo con cui è stato ottenuto, che per quel che riguarda Icardi ha fatto schifo, tanto da farci parlare per settimane intere di questo, su Recoba non mi ricordo nessuna contestazione al momento, se non quella dopo anni quando se ne andò e si parlò di lui come un protetto di Moratti che per lui stravedeva e che gli ha dato più di quel che meritasse, ma senza nessun ricatto da parte del Chino.

      aggiungiamoci pure che se con lui non abbiamo vinto un tubo è per lo stesso motivo che anche tutti gli altri come Ronaldo e C. non hanno vinto, e con loro Moratti e tutti gli interisti, ma credo che tu lo conosca già, anche se fai finta di non conoscerlo.

      adesso quel motivo non esiste più, o se esistesse ancora non ci fa del male in quanto ce lo stiamo già facendo da soli e Icardi è una sua rappresentazione, perchè se fossimo ancora una società seria con i controcazzi, lo avremmo spedito al Napoli con una raccomandata senza ricevuta di ritorno, invece di dargli l’aumento.

      Ronaldo andò da Moratti e gli disse o lui o Cuper e Moratti lo diede al Real senza troppi tentennamenti.

      Thiago Motta chiese di essere ceduto e fu ceduto, non si tengono le persone che non hanno più voglia di giocare per noi, o se la voglia bisogna fargliela trovare aumentandogli l’ingaggio senza avere alcun titolo di merito per chiederlo come un triplete, non quello che alla moglie gli hanno promesso di fare i cinepanettoni.

  122. secondo Voltaire uno dovrebbe difendere fino alla morte il diritto di soggetti del genere a dire le prime cagate che gli passano per la testa

    non sono d’accordo con te perché no

    • con i soggetti del genere puoi solo fare il leone da tastiera perchè un fighetto come te non si arrischierebbe manco ad aprire bocca davanti a loro, se solo ci provassi basterebbe un bu’ per rimandarti a casa con la coda e la tua maleducazione tra le gambe.

      al solito non entri nel merito di quel che si discute ma giudichi il soggetto in questione che sarei io come se solo tu potessi avere titoli per commentare.

      ti ricordo che i numeri non valgono solo per Icardi, ma valgono anche per Moratti e Mancini, persone che hai sempre disprezzato prima che vincessero e anche dopo quando hanno smesso di vincere, quando hanno vinto sei salito sul carro dei vincitori con la tua gran faccia di tolla a festeggiare.

      questo sei, solo un povero stronzo che fa anche pena nel cercare di rispondere in romanesco, usa il tuo dialetto di parvenu di campagna che è meglio.

  123. Invece, scommetto che séte tutt’e ddue d’accordo, tu e estecambiasso, a passa’ ‘a notte de Natale sotto quell’albero splendido che v’ha messo er Sindaco Sala.

    Ahó, mò nun me dite che l’ha fatto la stessa ditta de la Piastra de l’Expo ‘ché ce rimango male, eh!

    • io me ne vado a regggina cieli a fà Natale co li fasci ch’hanno messo ar gabbio stammatina

      ammazza er cambiamento, ahò

    • Anfatti…

      Invece, come séte bravi voi a cambia’ ‘n un secondo i componenti de le commissioni aggiudicatrici dell’appalti, manco ‘n prestidiggitatore come Silvan ce riesce.

  124. Ma nun fa gnente, tanto… ciavete l’Arbero de Natale bbello…

  125. centuriò te devo confessà ‘na cosa: nun sò de Milano

    vabbè che per voialtri onestoni la geografia è un optional, un po’ come la logica e la grammatica, e la differenza tra trave e pagliuzza

    daje

  126. ‘A geografia pe’ nnoi è ‘n òpscional?!

    Ma si quanno dominavamo er Monno voi ancora stavate sulle palafitte…

    Ah,ah,ah… Ma nun me fa ride!

  127. Ah, scusa, dimenticavo che tu sei l’interista che cià come simbolo quello de ‘na squadra scozzese.

    ‘Nsomma ‘n interista co’ la papocchia sotto… come diceva er Principe De Curtis.

    Ah, ah, ah…

  128. Peppe, caschi male.
    Io sono nato dove c’era la Magna Grecia. Quindi quanno io governavo er monno tu ‘ndo stavi?

    Che poi, fosse la storia antica il problema.

    Qua tocca leggere che Pinochet era colombiano…

    • Ah, quindi tu, a seconda, de come je gira, ‘n giorno te vanti dell’Arbero e l’artro te vanti da Magna Grecia.

      Ah, mò ho capito. E così è facile! Nun perdi mai!

      O, mejo, perdi solo quanno perde l’Inter.

  129. A Pè, te vedo ‘ncazzato, ma c’hai dormito co’r culo scoperto?

    Io ho fatto vedè n firmato, tra l’arbero de Roma e quello dell’artre città (sì, pure Milano).

    Si te piavi er fastidio de vedette er video, te saresti accorto che ce stava pure Napoli, Salerno, Torino e pure artre che mo n’u mmaricordo.

    Fammi capì, sì te mannavo l’arbero de Natale de Pechino dovevo da esse’n cinese?

    E nnamo su.

  130. A estecambia’ io er culo lo tengo sempre ben coperto.
    Sinnò che ce so’ cresciuto a ffa’ pe’ la strada.

    E poi, séte tu e l’interista co’ la papocchia che me fate sempre l’allusione de sguincio e me provocate. Quindi…

    Ma nun fa gnente, ‘ché Peppe ve vòle bbene lo stesso.
    Anzi de ppiù, va.

    Pe’ questo ve vengo a consola’ pe l’Inter quanmo perdete (Abbastamza spesso quest’anno, a ddi’ la verità).

  131. siamo addirittura alla provocazione indotta

    come se il baraccone passatempi noto come AS Roma fosse una cosa seria, dai

    i tembili avversari di tutti che non vincono mai, allora buttiamola sul campanile che è meglio

  132. Peppe, facciamo così. Tu quest’anno vinci lo scudo, fai un dispetto ai gobbi e rendi felici pure noi. Va bene?

    • A John, intanto un piccolo favore già ve l’avemo fatto quarche giorno fa segando li cuggini e mettendoli a distanza de sicurezza dalle nostre ambizzioni e da li vostri timori.

      Quanto a ‘quelli là’, che te posso di’: ce provamo.

      E se anche quarche interista co’ la papocchia sotto se dovesse dispiace’… Chissenefrega!

  133. Noto decisi progressi nell’ambito delle tematiche da dialetizzare. Ora nel blog ci si accapiglia per l’albero di Natale.
    E dunque: il più bello sta’ a Torino. Era bello con Fassino, è bello quello di Appendino.
    Farei notare a voialtri poveracci lombardo-laziali l’approccio poetico tardo-sabaudo e la sottile metafora politica.

  134. Gus
    m’arrendo.

    Dicci, di che vuoi discutere?

    • Este, patisci l’ironia? Discuti pure di ciò che più ti aggrada, ci mancherebbe…preparazione atletica, Icardi, tuttiaccasa.
      Però, giacché me lo chiedi: la transizione negativa applicata al football moderno secondo l’interpretazione di Mitchell Weiser alla scuola dell’Hertha Berlino.

  135. Chino, nonostante i Baldas rubentini, qualcosa l”ha vinta, più di qualcosa_

    L’albero non mi interessa, il simbolo di Natale per me è il presepe_

    Ma siccome siamo diventati politically correct ci … inalberiamo_

  136. Gus

    non so cosa faccia di positivo o negativo il tuo Mitchel Weiser, di sicuro so che Icardi l’unica transizione negativa la fa sul portiere avversario con le sue corsette inutili che partono da trenta e più metri, così che quando arriva quello ha già rinviato o passato la palla ad un proprio compagno e si è bevuto anche un caffè.

    quella positiva, transazione, la fa sul suo conto in banca.

  137. magari!

    ma tu sei quello che voleva insegnarmi la storia di Annibale, pensando che non sapessi chi fosse visto che ho ricordato Annibale Frossi, ex allenatore dell’Inter poco prima che arrivasse Herrera.

    Annibale lo sanno tutti chi era, si impara alle elementari, Annibale Frossi credo pochi vecchietti come me, ma è uno che ha fatto parte della storia dell’Inter anche se in pochi lo sanno, men che meno uno che si è trovato un nick come il tuo.

    povero sarai te, l’Inter, povera, non lo è mai stata.

  138. Gus,
    non conosco l’argomento.

    Io al massimo posso parlarti dell’Inter.

    Perciò illustra tu, io ti leggo volentieri.

  139. Direi che con i loggionisti da blog siamo davvero al completo.

  140. Corso
    il procuratore di Recoba era Paco Casal e ti posso assicurare che le contestazioni ci furono eccome.
    Così come le squadre che furono tirate dentro.

    Comunque, non ti chiedo di credermi sulla parola.
    Se t’avanza tempo, leggiti questo articolo del 2000 e poi ne riparliamo

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/12/21/moratti-ricompra-recoba-operazione-da-100-miliardi.html

    Sulla questione che non abbiamo vinto per calciopoli, devo dedurre che se ce ne fosse una seconda ritratteresti su Icardi?

    • sei proprio un avvocato…

      la questione era del tutto diversa perchè se mi chiedi di leggere presumo che lo avrai fatto anche tu e di sicuro non ti è sfuggito il particolare che Recoba era in scadenza di contratto e quindi il suo procuratore se ne è approfittato, come fan tutti i procuratori del resto, anche in considerazione che Moratti per il suo assistito stravedeva.

      a me pare tutta un’altra storia, però non stiamo qui a menarla ancora per molto se no ci mandano a quel paese sul serio.

      sul fatto che non si sia vinto per colpa di calciopoli nel 1998 e nel 2002, spero che tu sia d’accordo, se no non mi ci metto nemmeno a discutere.

      ti sembra che con Icardi nel 2004, 2005 e quest’anno, qualcuno ci abbia messo il bastone tra le ruote per non farci vincere?

      per me l’unico bastone è lui, ma non voglio rimettermi a discutere un’altra volta, mi tengo la mia opinione e voi la vostra, non è che dobbiamo convincerci a vicenda, pensiamo a battere il Sassuolo alle 12.30 di domenica perchè se no ciao ninetta.

  141. Signori, qui a Sassuolo c’è molta rassegnazione, per cui se non si vince questa trasferta bisogna prendere atto che siamo di fronte ad una squadra inaffidabile, che può battere la prima ma può perdere con l’ultima.
    Praticamente il centro campo sassolese sarà quello della nazionale under21, la difesa, tolto Acerbi, è anch’essa fatta da ventenni, l’unico reparto quasi completo (mancano solo Berardi e Politano) è l’attacco dove però il solo veramente pericoloso è Defrel in quanto Ricci (altro under21) e Ragusa non fanno sfracelli. In panca Matri (e sarebbe bene che lì rimanesse,ndr) e la primavera.
    La Roma contro un Sassuolo piu forte di questo ha chiuso 3-1, no, per dire.

    • Quindi è pronto un bel 7-0?
      Classica partita in cui c’è tutto da perdere. Vediamo a che punto stiamo con il famoso approccio alla gara (quello che, Pioli dixit, ci ha fatto buttare via il secondo tempo, e con lui la qualificazione a conti fatti, con gli israeliani).

  142. ovviamente volevo scrivere 2014, 2015 e quest’anno…

  143. a proposito di infortuni.. a parte Medel praticamente l’ Inter non ne ha avuti di gravi pur cambiando 3 allenatori e qualche metodo
    o si allenano bene, o vanno talmente piano che male non si possono fare…..
    più la seconda, temo.

  144. A me non sembra molto diverso.
    Le uniche differenze risiedono nel fatto che Recoba, per propria ammissione, non si è mai allenato come avrebbe dovuto e potuto, per diventare un top player.

    Mentre per ora, e sottolineo per ora, nessun allenatore gli ha mai mosso critiche in questo senso, anzi.

    A me sembra che Icardi sia stato preso di punta già prima di questa storia, non so il perché nel tuo caso, ma in generale credo che sia stato dipinto male, approfittando di qualche uscita un po’ guascona

    (che poi, a 23 anni…)

    e, soprattutto, per quella storia di Maxi Lopez, che francamente con l’Inter e con noi tifosi non c’entra niente.

    Su Recoba, nel ’97/98 fece 8 presenze complessive
    e nel 2002 non me la sento di dire che fosse particolarmente decisivo, ecco

    (se Icardi passeggiasse la metà di quanto passeggiava Recoba quell’anno per larghi tratti di partita, vorreste la sua testa su una picca, come minimo).

    Se poi vogliamo stare a badare strettamente al palmares, Wikipedia alla mano, fregandocene di tutto il resto,

    Arnautovic è praticamente una leggenda dell’Inter.

  145. Nota di colore,
    mi segnalano che alla cena di Natale di Modena Interista (club al quale sono stato affiliato in passato) parteciperà…rulli di tamburi…Esteban Cambiasso.
    Avrei un poster da fargli fimare fatto da una foto che lo ritrae a colloquio con Mourinho a Stamford Bridge, sullo sfondo Sneijder in giaccone a vento essendo già stato sostituito e Matrix. La didascalia a caratteri cubitali in calce riferita all’intensità del dialogo dei due recita : MATERIA GRIGIA.

  146. Recoba è stato un grande giocatore, e non per il palmares_ Il sinistro di Recoba è una gemma più unica che rara, non ho mai visto calciare nessuno meglio di lui_ Che poi magiasse le patatine al posto di allenarsi seriamente è un altro conto, ma spiega perché non ha espresso il suo talento appieno al di là di retropensieri e complotti.

  147. 2 buone notizie:
    1) Candreva si è rifatto il look, bene visto che sembrava Tom Hanks in Cast Away.
    2) pure Mario Facco parla male dell’Inter, adesso manca solo il Dalai Lama e un ferroviere della compagnia Bengalese e siamo al completo.

    A domenica.

  148. chi è Mario Facco?

    se per trovare un sinistro migliore di Recoba si evoca Maradona è un complimento intrinseco, e non c’è altro da aggiungere

    • Il primo incontestabile che mi viene in mente.

      Personalmente te ne elencherei almeno un centinaio.

  149. allora elencali, che a me viene in mente solo Rivelinho

  150. Meglio del sinistro di Recoba ad esempio c’è il destro di Kondogbia.

  151. O forse era:
    Meglio del destro di Recoba c’è il sinistro di Kondogbia?

    • il destro della sig.ra Lidia, ultranovantenne condomina, nulla ha da invidiare al destro di Recoba..
      ma forse nemmeno al sinistro di Kong!

  152. recoba a sant’elena…
    tantissima roba fioi
    tantissimissima

  153. Lui è Napoleone,
    che intesa!!!

  154. io rammento una finale di coppa Italia a san siro che non tirò di destro nemmeno sulla riga di porta; perse il tempo di gioco per riportasela sul sinistro e il difensore chiuse in corner. forse se lo ricorda anche Peppe, che bruciò un po’ nonostante i 6 gol presi a Roma all’andata..

  155. leggo che l’Inter si interessa di nuovi portieri, tra cui quel Cragno che a me piace tanto: segnali incoraggianti

  156. cos’è mi volete fare incazzare?

    me ne viene in mente cento…

    dimmene qualcuno oltre a Recoba e a Maradona…

    Javier+ , non nominare il sinistro di Dio

    interisti del lela

  157. Ahó, a corso46, e questi nun se ricordano del Mariolino ‘piede sinistro de Dio’..

    E qui bisogna parti’ co’ le ripetizzioni de storia!

    Mannaggia a loro, mannaggia!

  158. peppe
    farse do bucatini
    de …. tui
    mai eh?

  159. Sì, infatti.
    Uno ce l’aveva nel nick.

  160. per ora sono 3
    3 a caso
    tre leggende + Chino
    aspetto gli altri 94

  161. E comunque alla fine ci si ritrova sempre a parlare di… mancini

  162. Messi?

  163. Robben?

  164. Bale?
    Giggs?
    Stoichkov?
    R.Carlos?
    Rivaldo?
    Puskas?
    Mihajlovic?

    E mi limito ai mancini.

    • ma ti rendi conto che stai nominando solo campioni? tra l’altro molti non calciano bene come Chino, io parlo di piede non del giocatore in generale_
      quanto basta per affermare che anche Chino era un campione, vista la compagnia

    • il sinistro di recoba era superiore a tutti quelli citati nell’elenco, il giocatore troppo discontinuo ma – per i ragazzi e i bambini – ci sono le antologie dei 20 gol più belli di recoba su youtube che testimoniano quanto straordinario fosse il suo sinistro

  165. intanto domani continua l’esperimento estremo “come vincere la partita nonostante la presenza di elementi avulsi dal gioco del calcio”.
    per mantenere l’equilibrio della squadra esce Nonno Palacio ed entra in pianta stabile per migliorare il giro palla Filippetto Melo.

  166. No, veramente hai detto

    “mai visto nessuno calciare meglio di lui”.

    Non hai manco specificato se destri o mancini.

    • ah be’, scusa l’imprecisione: era dubbio quale fosse il piede buono del Chino, hai ragione

    • No, non è un’imprecisione, è proprio una boiata.

      Il fatto che non hai mai visto nessuno calciare meglio di Recoba (destro o sinistro, importa poco) non la si può definire diversamente.

      Con tutta la buona volontà, la sfera delle opinioni l’abbiamo passata da un pezzo.

  167. Il bilan fá cagare a spruzzo, non mi spiego il terzo posto…

  168. E il mancino di Adriano a 140 kmh?

    • Quel debutto in amichevole estiva con il Real, con il missile su punizione, resta una delle mie “folgorazioni” da poltrona preferite.

  169. confermo: non ho mai visto calciare nessuno meglio di Recoba_ Di una partita la prima cosa che noto è come calciano, infatti si chiamano CALCIATORI_
    Ma forse è più interessante notare la preparazione atletica, se non fosse che l’atletica leggera è un altro sport: bellissimo ma non il mio preferito

  170. ma lapadula ha un’immunità particolare? commette 20 falli a partita, gomitate, ginocchiate, e non vede mai il giallo….

    • È tutto l’anno che il Milan gioca così. Kucka, paletta, Abate sono diventati dei macellai MA qui entrano in gioco i media sportivi , importantissimi, per rilanciare una squadra morta in un campionato mediocre , voluto così per scelta, dai padroni di Torino e sopratutto in un paese dove la maggior parte della gente beve giù tutto essendo di media ignorante e culturalmente impreparata quasi fosse un pregio esserlo. E così qussta aggressività smisurata e da ounire viene trasformata dai medi sportivi come determinazione, grinta , abnegazione . Cosi la juve 5 anni è riuscitata 5 anni. Anzi continua anche adesso . Le partite si indirizzano sopratutto così non con gli episodi, troppo alla luce del sole.
      Solo un dato Napoli inter 15 gg fa. Ranocchia dopo 2min e 20 secondi ammonitomnella metà campo del Napoli per un fallo netto. Poteva starci ammonizione ma quanto volte hai visto ammonizioni nei primi 3 minuti di gara? Quasi mai.

  171. Ora, dovrei rispolverare l’abbecedario,
    ma se nessuno calcia meglio di Recoba, dovrebbe significare che neanche Maradona calcia come Recoba.
    O che Maradona non fosse un CALCIUATUORE, perché non calciava.

    Nel dubbio che gli eredi di Ionesco mi accusino di plagio ci rinuncio.

    • vecchio vizio di mettere in bocca concetti mai pensati..
      sto sul tema e confermo che su palla al limite dell’aerea, se potessi, farei calciare in porta sempre il Chino, sissignore; perché la differenza tra lui e i più grandi la facevano altre cose (visione di gioco, grinta, freddezza, dribbling ecc..): ma come tecnica di calcio non aveva da invidiare nulla a nessuno, nemmeno a Maradona_

  172. E Rizzoli sta già indirizzando la partita, con i cartellini gialli al contrario.

  173. Orsato, non Rizzoli, sorry…..

  174. Si, la gestione di cartellini e contrasti lascia al solito a desiderare (…). Però Higuain che razza di attaccante.

  175. Forte, veramente forte.
    Ancora non riesco a comprendere il ragionamento di De Laurentis nel venderlo…..alla rubentus, poi! Mah!

  176. E te pareva.

    Cari romanisti,
    e anche oggi si vince domani.

    #lannobbono

  177. E’ però vero che per una settimana, almeno, i rubentini avranno di che lavarsi le mutande, tanto si son cagati addosso perché a me non pare abbiano proprio meritato la vittoria.

  178. da qualche parte ho letto che in questi 5 anni di dominio dei maiali noi siamo la squadra che è riuscita a farci più punti contro in assoluto….noi di questi ultimi disastrosi 5 anni?!
    questo direi che spiega alla perfezione la miseria di questo campionato

  179. Macché… non ricordo una limpida palla gol della Roma.
    Hanno sempre lo stesso atteggiamento da perdenti.

    Parlano, parlano, e poi si afflosciano quando mettono piede in campo.

    Fanno sempre gli stessi errori: da De Rossi che si fa ammonire dopo 10 minuti con la solita entrataccia inutile e poi va fiacco contro Higuain al limite dell’area per paura di farsi ammonire.

    Ma dove vogliono andare.

    • hai ragione, da 5 anni arrivano sempre secondi, terzi lo scorso anno. certo, sarebbe meglio vincere ma prima di criticare loro, io penso agli ultimi 5 anni dell’inter e ti diro’ che avrei voluto che ci fosse stata l’inter al posto della roma.

  180. se allarghi agli ultimi 10 anni magari a loro avrebbe fatto piacere stare al nostro posto, che ne dici?

  181. Avemo perso, ma da oggi so’ più ricco!

    Er motivo?

    Ho aggiunto ‘n’artra bbestia alla collezzione privata de mostri: l’interista contento dopo ‘na vittoria da Juèntus.

    Nun è vero estecambia’?!

    Ammazzate, ahó, ma quanto so’ più ricco da oggi!!!

  182. Ma non provate un po di vergogna a dare dei perdenti agli altri?
    Facciamo una fatica del diavolo a difenderci dentro e fuori dal campo, ci abbiamo messo 15 anni (almeno) a smascherare chi ci ha sbeffeggiato illegalmente vanificando investimenti miliardari per costruire una grande squadra, e quando l’abbiamo finalmente fatto e siamo arrivati sul tetto del mondo con uno squadrone siamo precipitati in picchiata come un qualsiasi Hellas Verona che ha vinto un campionato ed è riscomparso. Abbiamo distrutto una squadra stupenda in 6 mesi. E ancora non siamo riusciti a ricostruire un acca in 6 anni.
    Cerchiamo di essere meno tranchant sugli altri che non siamo nelle condizioni di poter dare dei perdenti a nessuno. Poi certo il palmares resta, però….

    • parole sante, ahimè.

    • Come non straquotarti…

      Ma quando mai vinceranno questi daa’ Roma, se non sono riusciti a portarsi a casa uno scudo neanche quando dovevano vedersela solo ed esclusivamente con noi, che siamo riusciti a far vincere squadre come Verona e Sampdoria, con tutto il rispetto.

  183. Capitolo Recoba: non saprei dire se sia stato o meno il più bravo a calciare la palla, di sicuro è stato uno dei migliori: magari averne uno così oggi in squadra! I cross arriverebbero in area…..
    Capitolo Gobbi/Roma: se quello che ha combinato ieri sera De Rossi lo avesse fatto uno qualsiasi dei nostri sarebbe stato denigrato per giorni sia nei giornali, che nei siti calcistici sia da noi tifosotti . Credo che il capitano della Roma sia il primo responsabile della sconfitta dei yiallorossi.

    • Aggiungi le genialate di Spalletti e la strapotenza di Higuain. Senza quest’ultimo sarebbe stata un’altra partita, esattamente come con il Toro.

  184. per chiarire:

    il piede sinistro di Dio è solo Corso, la lista fatta di tutti i mancini c’entra come i cavoli a merenda, tutti hanno usato il sinistro, anche gli ambidestri come Rivera o Suarez, ma cosa cazzo significhi bisognerebbe chiederlo ai soliti bastian contrari che tirano in ballo Recoba e fanno paragoni ad minchiam sul come ed il perchè Moratti lo mantenesse a vita dandogli più di quel che meritasse, che quelli son cazzi di Moratti che i soldi erano i suoi e ci faceva quel che voleva, altra storia è andare a fare una sceneggiata napoletana sui social e con i media per ottenere un nuovo contratto quando ce n’era già uno appena sottoscritto, al contrario di quello in scadenza di Recoba, mischiare le due cose è solo un artifizio da avvocati, ma su qui non siamo in un tribunale, siamo in un blog di interisti.

    dato che è stato tirato in ballo si può dire che Recoba è stato un campione con la C maiuscola, pur dimostrandocelo raramente, presumo perchè in mezzo a tanti campioni che avevamo non si sentisse abbastanza considerato dai vari allenatori che in quegli anni abbiamo avuto, tanto è vero che la sua stagione migliore la fece con il Venezia quando lo demmo in prestito ai lagunari facendo felice il nostro Vittorio che si lustrò gli occhi da vicino.

    il suo sinistro non era pieno di ghirigori come quello di Corso, ma era dieci volte più potente, nemmeno quello di Maradona era potente, che non è mai stato ricordato per il suo sinistro ma per tanti altri motivi, perchè i gol da 35 metri di pura potenza e non su pallonetto, Maradona non ne ha fatti mai, il Chino sì.

    di tutti gli altri che hanno avuto un buon sinistro fotte una sega, che cazzo ce ne può mai fregare di quelli che all’Inter non hanno mai giocato?

    se vogliamo parlare di quelli dell’Inter, non si può certo dimenticarsi del Bonimba che prima di essere schierato come centravanti nelle giovanili era considerato l’erede di Corso per come usava il sinistro, ma non è mica diventato famoso per quello.

  185. Negli ultimi 10 anni di Serie A (dalla stagione 2006-07 ad oggi) la Roma è la squadra che ha fatto più punti:

    Roma 751
    Juventus 749
    Inter 742
    Milan 701

    Le altre non le inserisco neppure perché hanno distacchi abissali. Uno straniero che non seguisse il nostro campionato e leggesse questa classifica si farebbe l’idea che gli scudetti sono stati assegnati in modo omogeneo, chessò, 3 per Roma e Juve e 2 a testa per le milanesi.
    Invece la storia recita: 4 Inter, 1 Milan e 5 (quasi 6) Juventus in quest’ordine temporale. La Roma ha fatto ben 5 secondi posti (quasi 6) e 1 terzo. Addirittura il Milan, che in questi 10 anni non è praticamente mai stato competitivo, ha vinto uno scudetto sfiorandone un secondo con Ibra in campo.

    I punti sono due:

    1) La Roma ha avuto sfortuna nel trovare prima l’Inter e poi la Juve ad egemonizzare il campionato

    2) E’ evidente che alla Roma manchi un quid che viceversa Juve, Milan e Inter posseggono per tradizione e risorse

    • Il quid della juve si chiama agnelli

    • facciamo che partiamo dal 2005 che non cambia un cazzo alla statistica, quindi l’Inter di scudetti ne ha vinti 5 in fila, così tanto per non far pensare sempre le solite cose su di te.

      facciamo anche che alle 12,30 ci giochiamo quel poco di credibilità rimasta e che di sviscerare i problemi della Roma non ce ne può fregar di meno, siamo su Settore, blog Interista, prima che ci si confonda.

      con tutto il rispetto ovviamente…

    • Corso, te lo spiego subito perché sono partito dalla stagione 2006/07: perché la statistica è tarata sulla Roma e non su Inter o Juve, quindi con tutto il rispetto io parto da dove ritengo più opportuno.

      Sarebbe tuttavia più appropriato partire dalla stagione successiva (2007/08) poiché nel 2006/07 la classifica è piena di asterischi dovuti alle penalizzazioni e non si sa se inserire i punti scevri da penalizzazioni o viceversa il risultato maturato contando le stesse.

      Ma questo non cambia le cose: alla Roma manca il quid per arrivare allo scudetto, a te manca il quid per capire le statistiche (e non solo quelle).

    • Si però…..adesso ricominciano le statistiche…….basta…..

  186. Nacka.

  187. Davide

    non mi sembra di averti offeso se ho detto la mia sul tuo commento, ne di avere messo in dubbio le tue capacità intellettive, ho solo espresso un parere sul tuo commento visto che su qui siamo su Settore e non su di un blog romanista.

    il fatto che tu abbia preso in esame la Roma e poi parlato dell’Inter tralasciando proprio lo scudetto che i gobbi considerano di cartone è sospetto se si considera che non è la prima volta che fai nascere dei dubbi sulla tua reale identità di tifoso del Toro, per cui non c’è bisogno di prendersela più di tanto se io ho messo le cose a posto per quel che concerne la mia squadra, per cui fai il piacere di non offendere perchè non sarò così educato la prossima volta.

  188. Commento al primo tempo: squadra ordinata e nulla più. Nessuno che ci metta qualcosa in più del compitino scolastico: zero grinta. Murillo mi fa venire il terrore ogni volta che si avvicina alla palla..è il nostro pericolo n.1.

  189. Effettivamente Davide…..diciamo che della Roma ci frega ben poco…..dei gobbi poi……ci piace parlare di Inter…,

  190. Ok, Corso, resettiamo. Accetto le tue critiche e ti spiego una cosa per chiarire. Esistono tre tipi di giornalisti:

    1) I pennivendoli di regime (tipo Emilio Fede)

    2) Quelli che cavalcano l’onda del sentire popolare

    3) Quelli che hanno un minimo di deontologia professionale e scrivono ciò che vedono, o meglio cercano di interpretare i fatti distinguendoli dai valori

    Nessuna delle tre suddette categorie è indipendente, ci tengo a precisarlo, siamo tutti sottoposti a una linea editoriale. Ma poi ognuno opera una scelta. La mia scelta professionale è capitata sulla terza e mi ha portato anche a ricevere minacce di morte (e non tramite tastiera).
    Ho frequentato per 17 anni la Maratona, salvo poi dovermi allontanare forzosamente perché secondo alcuni ultrà non ‘tutelavo’ abbastanza l’immagine granata. Ma è stata una mia libera scelta. Perciò quando mi viene dato del gobbo ci rido sopra se penso a quell’esperienza.

    Quanto alla statistica, sono solo dati oggettivi. Per esempio oggi dovrebbe segnare Icardi e l’Inter dovrebbe vincere a Sassuolo considerati i precedenti. Ma la statistica non tiene conto di elementi soggettivi e contingenti come errori arbitrali e periodi di scarsa forma.

    Quanto agli scudetti dell’Inter sono CINQUE, non ti preoccupare. Non lo metto in dubbio. Calciopoli ha fatto pulizia, ma solo parzialmente. Tuttavia, certe esperienze mi hanno fatto capire che la feccia non è presente in un solo luogo, perciò ho una visione disincantata e distaccata del fenomeno calcio. Sì, sono ancora tifoso granata, ma non nego i successi avversari. Se il mio peggior nemico è un vincente non ho problemi a riconoscerglielo.

    Se ti ho offeso mi dispiace e ti chiedo scusa. Spero di aver chiarito la mia posizione, Corso (o chiunque altro volesse dei chiarimenti).

    • Scrivi quello che vuoi e quando vuoi, Davide. Anche se le tue statistiche mi costano soventi sgrullate di zebedei, hanno il merito di fornire spunti di riflessione (più di tante sterili polemicucce autocentrate). In bocca al lupo per il Napoli.

    • Io ti leggo sempre volentieri. Poi se sei granata così sembra o no sono problemi tuoi . Comunque ti preferisco granata

    • Oscar Wilde mi incarica di riferirti che a discutere con gli imbecilli si soccombe sempre, prima ti portano al loro livello, poi ti battono con l’esperienza

      lascia perdere e tira dritto

      p.s. a parte che inserendo il 2005 la statistica si sballa eccome, ma questo non diciamoglielo

    • Appunto, la statistica è tarata sulla Roma, se metto la stagione prima si sballa tutto.

  191. Ed entra Barbosa. I suoi due minuti, questa volta, non glieli toglie nessuno.

  192. Quattro, con il tempo anche per un giallo da pirla.

  193. Già, la sua bella ammonizione da pirla per lasciare un segno sulla partita. E Psychomelo invece si fa sbattere addirittura fuori, giusto per togliere ogni dubbio.
    Altri tre punti; e torno a impacchettare i regali di Natale.

    • Scusami ho negli occhi juve roma e Sassuolo inter. Sturaro con lo stesso metromusato per Melo fijiva negli spogliatoi dopo 20 min

  194. Problemi ne abbiamo ancora un fottio, Murillo che si è Ranocchizzato, Perisic che per il secondo anno cosecutivo dimostra di avere periodi di forma brevissimi alternati lunghissimi periodi da 6- , Gli arbitri che ci levano 2 giocatori da Inter Lazio quasi aggratis, (Melo tra l’altro aveva giocato proprio bene).
    Di positivo ci ho visto un miglioramento della condizione fisica in tanti, diciamo almeno altri 20-25 min in più di prima con pressing e recuperi.
    Magari a Gennaio si comincia a giocare 90 min.

  195. Tre punti. Seconda vittoria consecutiva. Lo stato di forma di Candreva. La prestazione di Melo fino al 70esimo. I 30 euro vinti scommettendo prima del match sull’espulsione del brasiliano. Le buone notizie di giornata.

  196. Melo resta un giocatore da gobba, per qualità e tolleranza arbitrale.

  197. Se Melo era da espellere la Juve ieri doveva finire in 5 (la Roma in 7 o 8).
    È sempre il solito discorso, con noi tolleranza -1.
    Non so se prenderlo come un buon segno visto che ancora arranchiamo in maniera tale da non dover preoccupare nessuno, non dimentichiamo che giocavamo contro metà del Sassuolo.
    È proprio il fatto in se che mi fa incazzare, non può essere casuale, non ci credo.

    • D’accordissimo con te. Dico da sempre che indirizzare le partite e quindi anche i campionati in un senso o nell’altro lo si fa soprattutto con i cartellini e fischiando o meno certi falli . Una squadra e soprattutto certi difensori si sentono più sicuri a fare certi interventi e di conseguenza la sicurezza aumenta e la sicurezza di poter intervenire in un modo più o meno consentito aiuta a costruire una grande difesa.

  198. Resta comunque incredibile l’investimento su Kondo panchinato anche dall’anziano ed inaffidabile brasiliano. Credo i soldi peggio investiti a mia memoria (waiting for Gabi, of course). Tra l’altro, a proposito di investimenti: leggo che Suning come sponsor alla Pinetina caccia più soldi di quanti ne garantisca Pirelli da main sponsor. Tra le altre, mi auguro si risolva al più presto anche con Tronchetti.

  199. Con fuori mezzo centrocampo, Kondo con la Lazio dovrebbe giocare. Pioli dovrebbe stravolgere la squadra per escluderlo anche mercoledì sera…

    Con il Sassuolo solita vittoria sofferta, con quel retrogusto amaro di dover sempre pagare un conto esagerato in termini di cartellini…

    Comunque altri 3 punti in saccoccia, giocando così e così, ma senza subire gol…

    Che la difesa a 3 sia la svolta?

  200. i gobbi rivincono senza problemi, napoli e roma in champions, tre squadre quasi retrocesse a cui solo l’ empoli puo dare un opportunita, si prospetta davvero un avvincente girone di ritorno per i piazzamenti che vanno dal quarto al sedicesimo.
    in quanto a noi finalmente abbiamo rivinto fuori e se penso di aver mandato di traverso il pranzo donenicale a quel presidente milanista che fa affari con i gobbi questa vittoria mi rende doppiamente felice.

  201. Altri tre punticini in carniere.
    Come al solito cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno almeno per bilanciare i pessimisti cosmici del blog.
    Certo che se evitassimo di sbagliare duemilacentoquarantacinque occasioni di goal a partita (specie contro una squadra che stava per schierare come mezzala il custode dello stadio) si potrebbe essere in più a guardare al futuro con un pelo in più di ottimismo…

  202. Ringrazio tutti per la solidarietà. Oggi giornataccia, non so cosa si sia fumato Miha.

    Cmq, prima di perdermi in stupide statistiche mi ero ripromesso di lasciarvi una pillola che mi ha dato un collega interista:

    A GIUGNO DOVRESTE AVERE SABATINI AL POSTO DI AUSILIO

    Lui la dà per fatta. Ausilio per restare in sella dovrebbe vendere bene a gennaio (deve fare cessioni per almeno 30 mln secondo il Ffp) e l’Inter arrivare nei primi tre. Zanetti invece dovrebbe rimanere. La prima vera stagione di Suning sarà la prossima.

    • Questa cosa mi piace, spero tu abbia ragione. Se poi ci date Belotti e riusciamo a vendere Icardi a 100 milioni, facciamo bingo…..

    • Zanetti cosa rimane a fare? Il cameriere?

    • Da quello che mi è stato riferito Zanetti ha un doppio ruolo:

      1) Uomo-immagine (quindi fa la bella statuina)

      2) Tiene i rapporti con i tifosi, in particolare con la curva. In questo senso la sua presenza sarebbe quella di un garante per evitare pericolose derive adesso che siamo in fase di assestamento. Suning non detiene ancora l’autorevolezza per agire senza guardare in faccia nessuno, perciò Zanetti può fare comodo.

  203. 5 punti rosicchiati al milan in una settimana, Gabi che segna im appena 30 secondi_ A gioco fermo? Per il suo nomen/omen non rileva_

  204. Adesso il Real è ufficialmente la squadra più titolata del Mondo! Lo hanno appena scritto nel sito ufficiale. Lo dite voi ai gonzi?

  205. Metterei cento firme perché la Roma vincesse lo scudetto e ho sperato che la Roma vincesse, o almeno non perdesse, ieri.
    Però, Peppe, la realtà dei fatti è che, al netto delle gigioneggiate, dei teatrini e delle capocciate sul tavolino alla conferenza stampa del vostro allenatore e delle fanfaronate sullo scudetto, sempre e solo a parole,

    non la spuntate mai.

    Io odio la Juve, ma non posso fare a meno di constatare che una squadra che vuole vincere per davvero lo scudetto, non fa quella partita pietosa di ieri sera.
    Siete durati un quarto d’ora. E pure male.

    No, perché poi mi si viene a dire che mi dovrei vergognare a dare dei perdenti dalla posizione che occupa la mia Inter, ai romanisti
    (una volta si diceva che il secondo è il primo dei perdenti…)

    ma poi, non vedo perché dovrei vergognarmi di esprimere un’opinione.

    L’Inter va male, ma non mi pare che noi ce ne facciamo un vanto, mentre questi qua ce li dobbiamo sorbire ogni anno coi trionfalismi dell’annobbono e poi ci dessero mai il “sollievo” di scippare lo scudo alla gobba.

    Macché.
    Continuate a spacconare prima e perdere dopo, sai a me cosa ne cala.

    Oh, poi un’altra cosa.
    Un conto è avere simpatia per il garbo e i contenuti dei vari Davide, Rubens, Peppe, gonzman e via discorrendo

    (che spesso, per esempio, mancano a diversi interisti del blog)

    un altro è avere l’obbligo morale di simpatizzare per le loro squadre.

  206. Comunque, è sempre un piacere battere quel milanista di Squinzi, e se il risultato di oggi dovesse servire per buttarli giù definitivamente ne sarei contento il doppio.

    Come al solito, siamo calati dopo un’ora, il motivo credo che ormai lo si sappia, ma purtroppo non si può dire, ché sennò qui si liberano i pitbull.
    Però devo dire che, almeno stavolta non siamo spariti dal campo, ma siamo rimasti grosso modo compatti, e questo è un merito di Pioli.

    Molto bene Melo e D’Ambrosio, visto che quando steccano se ne pigliano una caterva, quando giocano bene va detto.
    Bene anche Ansaldi, Candreva e Joao Mario (altro gol propiziato da una sua giocata, questo è uno veramente forte, se trova continuità…), nonché Miranda che sembra stia tornando ai suoi standard.

    Male Perisic, che oggi proprio non c’era. Sembra molto fuori condizione, purtroppo quelli che la buttano sulle proprietà atletiche, come lui, pagano molto questa situazione. Speriamo di metterci una pezza ora nella pausa e non solo per quanto riguarda lui.

    Brozovic sembrava stesse giocando maluccio, poi ha messo due palloni spettacolari per Perisic. Si sbatte parecchio, come anche Icardi, ma nel caso di Epic manca un po’ di continuità, è una luce che s’accende e si spegne.

    Ma quando s’accende gira tutto meglio.

    • Ah dimenticavo: arbitro imbarazzante.

      Che Melo sia spigoloso, è risaputo, ma oggi non era da espulsione, questa è prevenzione pura.
      Verso di lui e verso l’Inter.

      Tanto più che Missiroli per poco non azzoppava JM eppure la partita l’ha finita.

      Così come il giallo a Gabigol. Succede ad ogni partita che l’attaccante “completi” l’azione anche a gioco fermo, ma chissà perché ammoniscono solo i nostri.

      Alla fine la differenza la fanno anche ste cose,

      checché se ne dica.

  207. Este: “una volta si diceva che il secondo è il primo dei perdenti…”

    È una bruttissima frase che non ho mai sentito mia, sarà per gli anni in cui ho fatto atletica in cui arrivare secondo era una gran soddisfazione .
    Ad ogni modo, amarcord a parte, oggi giorno con la CL e relativi introiti è quanto mai fuori luogo, Che se avessimo avuto quei soldi durante i mercati magari l’opera la si completata invece di lasciarla a metà.

    Per il resto come già detto straconcordo su Melo e sul fatto che continuano a massacrarci con decisioni chirurgiche. Anche per questo la Lazio potrebbe essere la vera partita della svolta, prima della sosta, senza quelli un po più in palla, con un po di preparazione mirata e il morale su.
    Sarebbe un bel regalo sotto l’albero.

  208. visto che Perisic lo vogliono in tanti, io non mi stupirei se lo vendessero (a un buon prezzo, spero), tanto più che mi risulta che abbia da mesi il solito mal di pancia da ingaggio da ritoccare.. cosi al suo posto potrebbe finamente giocare Gabigol. Perisic ha corsa, fisico, anche buono di testa: però i piedi non mi sembrano granche’. A seconda di come si veda il “bicchiere” si può dire sua bravino con entrambi i piedi…. oppure che sia scarsino. Per me possono anche svuotarlo.

  209. A estecambia’,

    nun è necessario butta’ giù er vocabbolario co’ tutti ‘sti paroloni: obbligo morale, fanfaronate, trionfalismi e chi più ne ha più ne metta.

    Ahó, qua stamo a parla’ der Pallone, mica der destino der Monno.

    Quello che nun se capisce, ar di là da leggerezza dell’assunto e der piacere d’ave’ dei compagni de strada, pursempre occasionali, è er senso de ‘scampato pericolo’ che vie’ fori dalle tue parole de ieri sera.

    Nient’artro.

    In ogni caso, tanto pe ffa’ ‘n esempio, er sottoscritto, si mai ce fosse ‘n duello Inter/ Lazzio, nun avrebbe manco mezzo dubbio su chi je farebbe piacere vincesse.

    E qui me vojo ricollega’ a corso46 che se lamenta che, stando su ‘n blogghe dell’Inter, “di sviscerare i problemi della Roma non ce ne può fregare di meno”.

    Io, in quanto Peppe er Pantera, vengo su ‘Settore’ perché me piace er blogghe compreso li commentatori tutti, e me piace de scherzarce, pijanno o essendo pijato pe’ ‘r culo e niente de ppiù.

    E sfido chiunque a trova’ ‘n solo commento mio che metta ar centro ‘a Maggica ar di llà de quarche citazzione inerente allo sfottò reciproco.

    Questo l’ha fatto Davide er gobbo (a Davide, me dispiace ma te vedo così…) e manco n’ho capito il motivo.

    In ogni caso, a corso46, que’ pochi commenti dedicati parlavano pur sempre da partita de cartello da giornata carcistica.
    Aggiungice che nun è che l’Inter stia facendo ‘n campionato da ricorda’ e… ho detto tutto.

    E poi vojo di’, sempre a corso46, sarà pure vero che da Maggica nun te ne pò frega dde meno, ma ‘n questo frangente sarebbe ‘n buon antidoto a ‘n artro eventuale scudetto da Iue co’ relativo bruciore d’emoròidi, soprattutto de voi interisti.
    O no?

    • Volevo di’ Pantera’.

      Ciao, javier +.
      Come vedi l’erore de tastiera è sempre dietro l’angolo.
      Mortacci sua!!!

  210. Corso, il 2006 rappresenta un anno di cesura in cui crolla il vecchio sistema e ne nasce uno nuovo.

    Per dire: quando gli storici parlano di epoca moderna si riferiscono a due date: il 1492 (con la scoperta dell’America e la circumnavigazione dell’Africa da parte di Vasco da Gama nel 1498 il mondo diventa per la prima volta globale) oppure il 1789 (anno della Rivoluzione Francese, dove i sudditi ottengono per la prima volta dei diritti e divengono cittadini a pieno titolo). Il 1492 e il 1789 sono per l’appunto date di cesura (come il 1989). Finisce un periodo e ne inizia uno nuovo, c’è una DISCONTINUITA’.

    Questo è solo un esempio per dire che quando si ‘storicizza’ un avvenimento uno storico non può partire da dove vuole, ma deve avere un punto di partenza. Il sistema pre-2006 è stato retto da Juve e Milan (non solo sul campo), quello post-2006 dall’Inter e adesso dalla Juve, con il Milan che è via via scomparso rimpiazzato da Roma e Napoli.

    Il fatto che non abbia incluso la stagione 2005-06 non deve essere presa come lesa maestà perché ho tolto dalla conta uno scudetto all’Inter. Io prendo come data di inizio del nuovo sistema il 2006, che mi sembra una data oggettiva sulla quale nessuno possa mettersi a discutere.

    Forse se l’avessi scritto prima ci saremmo risparmiati un battibecco.

  211. Ma scampato pericolo de che?
    Me stavano a girà perché nun ve smentite mai.

    Che de romanisti che rompono li cojoni nun ne conosco.
    De juventini che s’accollano ce ne stanno a cascata.

    Ma vedere che fate sempre ‘e stesse fregnacce, e sempre contro quelli là,
    je so’ girate e palle pure a quello che c’avete ‘n porta con quer’ nome che me sa che all’anagrafe qualcuno è cascato su a tastiera de’r computer mentre o’ scrivèveno.

  212. Davide,

    ti ringrazio per l’ulteriore spiegazione.

    nessuna prevenzione nei tuoi confronti, ma ce ne hanno fatte passare troppe i gobbi per non essere sospettosi anche per delle cazzate.

    Peppe er Pantera

    se ho sempre pensato che tu fossi Oldman non è certo perchè non ti considerassi simpatico, perchè lui lo era più di tutti e sapeva far ridere il blog anche meglio di Settore con certi suoi post, per cui ti leggo sempre più che volentieri, ma non per questo devo dirti che la Roma mi interessa a tal punto da interessarmi ai motivi per cui non vince mai.

    tu se tu e ti apprezzo molto, della Roma non me ne può fregar di meno se non che se mai dovesse ciulare lo scudo alla gobba, sarei sicuramente felice quanto e più di te.

  213. Uno di 70 anni sempre incazzato
    Un altro mi sa non tanto più giovane che dice sempre il contrario di quello sopra
    Uno che scrive in romanesco, inguardabile
    L’altro tuttologo H24 che in romanesco gli risponde pure, peggio che inguardabile

    Tutto molto bello

  214. anche quest’anno la rometta fa la parte dello sparring partner, spacconate al peso, giù alla seconda ripresa sul ring, tanto gli avevano già venduto Pjanic, la borsa è ricca comunque

  215. Lo riscrivo: Peppe, vincete questo benedetto scudo. Siete contenti voi, siamo contenti noi, veniamo lì, ci strafoghiamo di fettuccine e di abbacchio così festeggiamo alla faccia dei gobbi. E non se ne parla più. Però dovete metterci più impegno, perché la partita dell’altra sera non mi dà molte speranze.

  216. @Povera Inter: mi spiace che un interista non sia contento di questo blog, cui io sono affezionato. Se vuoi, lo puoi migliorare proponendo una nuova discussione, magari sulla partita con il Sassuolo. Nessuno te lo impedirà e, anzi, credo che troverai molti disposti a parlarne con te.