Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

A noi ci ha rovinato Elisabetta Caporale

Scrivo questo post in quanto atleta (poco) agonista tesserato Fidal, categoria Master, tessera n. CH049899, quindi non rompetemi i coglioni (cioè, era per dare un contorno ben definito alla cosa)

Sabato, penultima giornata dei mondiali di atletica, il peggiore della storia azzurra come somma di ogni singolo risultato dei 36 atleti iscritti alle gare (un terzo e un sesto posto su strada, un solo finalista – decimo – in pista), con un occhio guardavo le gare e con l’altro mi dedicavo a una delle più interessanti letture sportive degli ultimi 10-15 anni. “Repubblica” dedicava mezza paginetta di intervista a tale Liz Nicholl, 65 anni, una tipica signora inglese col capello biondo e corto e con l’aria discretamente cazzuta. L’intervista, che è moooolto interessante per capire come vanno le cose nel mondo e come vanno invece in Italia, la potete leggere integralmente qui. Intanto sintetizzo.

La signora Nicholl è a capo di una società che in Italia non esiste e che invece, in Gran Bretagna, fa da tramite tra lo Stato e il Comitato olimpico nazionale. In soldoni: in Italia il finanziamento dello Stato va al Coni che poi lo destina alle varie federazioni; in Gran Bretagna è la Uk Sports (la società di cui la signora Nicholl è Ceo) a decidere a chi dare il finanziamento dello Stato prima che se ne occupi il Comitato olimpico, secondo un crudelissimo criterio meritocratico. Fai risultati, o mi garantisci di avere una più che ragionevole certezza di farne a breve? Ok, ti do i soldi. E comunque tranquillo che tra un annetto torno e vedo come li hai spesi, se sei migliorato, che risultati hai avuto, che gare hai fatto e come procede la tua preparazione in chiave olimpica. Non hai combinato una cippa? Arrivederci e grazie. Anzi no, ringraziami tu se non ti chiedo indietro i soldi.

Tutto questo perchè in Gran Bretagna si erano un pochino preoccupati dopo le disastrose Olimpiadi di Atlanta: un solo oro, 15 medaglie in tutto. No, dico: la Gran Bretagna. Roba da vergognarsi per secoli. E invece si sono vergognati giusto per qualche mese e poi sono passati alla fase pratica di ricostruzione di un movimento sportivo olimpico che aveva toccato il fondo. 12 anni dopo, Pechino 2008, la Gran Bretagna è quarta nel medagliere. 16 anni dopo, Londra 2012, la Gran Bretagna ospita le Olimpiadi e vince 65 medaglie, terza nel medagliere. Quattro anni dopo, a Rio, ne vince 67, seconda nel medagliere.

La signora Nicholl non guarda in faccia a nessuno: ha segato nazionali di sport altisonanti (volley e basket) perchè non facevano risultati, rischiando l’impopolarità ha segato addirittura nazionali paralimpiche (tipo quella di rugby) per lo stesso motivo e perchè non guarda in faccia a nessuno. Cito solo un interessante passo dell’intervista: “Non siamo un ente di beneficenza. Investiamo sul futuro e dove si vince. Finanziamo gli sport con soldi pubblici, quindi abbiamo una responsabilità. Non ci dobbiamo occupare di far fare movimento alla popolazione, ma della programmazione olimpica. Trattiamo con il governo, presentiamo un piano, otteniamo fondi – per Tokyo 2020 sono 385 milioni di euro – e li ridistribuiamo senza tanti giri inutili, a chilometro zero. Paghiamo direttamente gli atleti e forniamo loro tutto quello di cui hanno bisogno in termini di assistenza tecnica, logistica, medica. Ma entrare nel programma non è un matrimonio. Ognuno di loro è sottoposto a continua verifica. E se i risultati non sono in linea con le aspettative, escono dal programma. Noi non dobbiamo essere politicamente corretti o fare buone azioni, ma costruire una leadership sportiva. UK Sport è un organismo governativo, indipendente dal comitato olimpico britannico e dalle federazioni sportive. Noi non partiamo dalla base per andare alla ricerca del risultato, facciamo l’opposto, partiamo dal risultato, e mettiamo in campo tutto il necessario per sostenerlo. Altrimenti azzeriamo gli aiuti”.

Mentre mi innamoravo del decisionismo della signora Nicholl, ripensavo a nazioni meno farlocche della nostra, tipo la Francia che a Londra 2017 ha preso tre ori e uno, in particolare, con un ragazzo che negli 800 metri a un certo punto è andato in testa e non ce n’è stato per nessuno. O tipo la Norvegia, no dico, la Norvegia, che prende l’oro con un pazzo che nei 400 ostacoli parte come un forsennato, stacca tutti i neri e vince nello stupore generale, compreso il suo. 27 nazioni hanno vinto un oro, in pista ha vinto una medaglia anche la Siria: perchè noi no? Perchè noi mai?

Ecco, veniamo all’Italia e all’atletica in particolare, la regina degli sport olimpici. A noi, alle Olimpiadi, la scherma e il tiro salvano sempre il culo, ma negli altri sport andiamo un po’ a sbalzi e nell’atletica siamo all’anno zero. Ma non da Londra 2017, eh? Da decenni. Se togliamo la strada (marcia e maratona), sono vent’anni che facciamo letteralmente ridere. Restando ai Mondiali, l’ultimo oro in una corsa è del 1999 (Fabrizio Mori, 400 ostacoli), l’ultimo oro in pista è del 2003 (Gibilisco, asta), l’ultima medaglia in pista è del 2011 (Di Martino, alto femminile, bronzo). Negli ultimi 5 mondiali abbiamo vinto 4 medaglie (zero ori): oltre al bronzo della Di Martino, altri due dalla marcia (Rubino e Palmisano) e l’argento di Valeria Straneo nella maratona di Mosca 2013. Nell’intera storia dei mondiali (il primo fu nel 1983) abbiamo vinto solo 11 ori (gli Usa ne hanno vinti 10 solo la scorsa settimana), di cui 5 nella marcia.

Quest’anno abbiamo portato 36 atleti, di cui 29-30 senza alcuna speranza di medaglia, la metà senza nemmeno quella di andare in finale. In quattro hanno fatto il loro personale, sette o otto – loro compresi – hanno fatto il primato stagionale. Gli altri manco quello. Ho letto, dopo la fine dei Mondiali, le interviste al presidente della federazione e al commissario tecnico della nazionale. Si dimostrano delusi e preoccupati, promettono che da adesso si cambia davvero (cosa che mi sembra di avere già sentito nel corso degli ultimi lustri), che si ragionerà solo in proiezione dei grandi eventi, che cambierà la programmazione degli atleti, che saranno più seguiti, che si eviterà di farli allenare da soli o per telefono ecc. ecc.

Vabbe’, si vedrà. Magari hanno letto anche loro l’intervista alla signora Nicholl e una mezza ispirazione gli verrà. Intanto oggi questi siamo, un’accozzaglia di atleti volenterosi e mediamente non molto ambiziosi, sempre più melting pot, dove gli atleti militari (mantenuti da noi) vanno peggio dei non militari, dove gli atleti vecchi vanno meglio dei giovani (no, dico, ci si è lamentati dell’assenza di Fabrizio Donato nel triplo: ma figa, ha 41 anni!), dove l’intera squadra su pista è stata umiliata da Marco Lingua, il martellista, 39 anni, unico finalista delle spedizione, uno che è uscito dal gruppo della Finanza e si allena da solo in una società che ha il suo nome e dove è l’unico iscritto, fa i pesi sotto il portico di casa e i lanci nel campo di suo zio.

Dice il presidente della federazione: troppi ragazzi si accontentano di fare il minimo per le grandi manifestazioni e stop, come se l’obiettivo fosse raggiunto così. Vero, è una vergogna, una vergogna concettuale. Vai ai mondiali e manco fai il tuo primato stagionale: forse ha ragione la signora Nicholl, la prossima volta dai retta a me, bimbo, stai a casa e guardali dal divano. Ma il minimo non è il solo obiettivo di questi ragazzi. Ce n’è un altro, più subdolo, più irritante, più inutile: arrivati ai mondiali o agli europei, fare la propria gara, essere (di solito) eliminati e andare in zona mista a farsi intervistare da Elisabetta Caporale.

Qui va in scena un teatrino grottesco, dove questi ragazzi (e soprattutto le ragazze) si guardano nel monitor, si sistemano la chioma e partono con una sequela di giustificazioni del tutto irrilevanti e spesso puerili, in cui la frase chiave è “non so come mai” e poi chiedono se possono salutare a casa. Mi sono visto tutti i mondiali e questo schema – vado da Elisabetta Caporale, piagnucolo, mi scuso, saluto e me ne vado – l’ho visto mimino quaranta volte. Con rare eccezioni, tipo la Trost che ha definito la sua gara “non decorosa”, centrando in pieno la definizione. Ma la sincerità, nel medagliere, fa sempre zero. E comunque don’t worry, se hai fatto cagare c’è Elisabetta Caporale che ti garantisce il suo compatimento e la sua assoluzione: “Ti capisco”, “Abbiamo sofferto anche noi”, “Coraggio” eccetera eccetera, in un cameratismo psicoterapeutico che diventa fastidioso al secondo giorno di gara e al decimo ti costringe a fermarti appena prima di gettare il televisore in cortile urlando

“Bastaaaaa, mi avete rotto il cazzo, siete la rovina dell’Italia”!

In questo sprofondo tecnico e morale della nostra atletica leggera, mi sono così creato una mia intima convinzione: che a noi ci ha rovinato Elisabetta Caporale. E adesso sarà difficile togliermela. Io in Italia applicherei in toto il piano Nicholl a partire da domani mattina, ma eliminare la zona mista potrebbe essere un primo passo verso la rinascita di un movimento allo sbando.

share on facebook share on twitter

235 commenti

  1. Non so come interpretare il post.
    Mi dà da pensare.
    Ti saprò dire.

    (Ho vinto qualche cosa?? ?)

  2. Elisabetta Caporale e i commentatori pessimi, ma il peggio lo schermo diviso in due…non si capiva niente, ho consigliato loro (su F.B.) ironicamente di dividerlo in quattro lo schermo così potevano inquadrare contemporaneamente: salto in alto donne, lancio del giavellotto uomini, 5000 metri e….Bolt che si fa una canna fuori dallo stadio!

  3. Io da decenni sostengo che l’unica speranza di riscatto dell’Italia sarebbe il farsi invadere di nuovo dalla Germania e/o dagli Alleati, oppure azzerare completamente qualunque organo politico/amministrativo ed affidare queste funzioni, per interessamento diretto del Papa, a qualche agenzia svizzera. Caro Settore mio, tu mi parli della Nicholl, dell’Inghilterra e di una cosa che si chiama meritocrazia applicata all’atletica, la più onesta e quindi meritocratica forma di sport. Io sono d’accordo con te ma purtroppo poi guardo a casa mia e fra le tante cose che mi causano una forte acidità di stomaco ci vedo Donnarumma che il giorno dopo aver firmato il suo nuovo contratto megamilionario saluta tutti e se ne va ad Ibiza “a rilassarsi” anzichè presentarsi a sostenere l’esame di maturità (nella sua forma più facile e pleonastica, oltretutto) senza che in pratica nessuno abbia battuto ciglio…e mi viene da lanciare un urlo e cambiare canale. Solo che questo non è un film, purtroppo.

  4. Sector

    ma quando ci dicono

    a noi interisti

    di darci all’atletica,

    xe par scherso

  5. Probabilmente è colpa della scarsa informazione di cui dispongo nonostante passi di nascosto le giornate sui vari siti aggregatori ad elemosinare news sui nuovi acquisti …
    E’ che sono ancora sconvolto da ‘sta storia di Mangala, Cancello & Co…
    Ma chi **z** sono tutti sono questi Carneadi….?
    Ignorantemente eh…

  6. …ché poi son 20 e rotti anni che sta lí fissa in zona mista, ma mai una promozione 🙂

  7. Assumiamo la Nicholl e azzeriamo lo stipendio a Kondogbia…

    Basta beneficenza!

  8. Ter stegen credo soffra dello stesso morbo detto dell’immobilismo che coglie spesso handanovic sui tiri scagliati in porta dagli avversari….

  9. Ma la Caporale quando non (s)parla a membro di cane x 15 gg. cosa fa per i restanti 11 mesi e mezzo oltre a intascare lo stipendio (pagato dai contribuenti) ?

  10. Anni fa invidiavo Elisabetta Caporale. Viaggiava, assisteva a un sacco di gare (io seguivo per indole e passato agonistico più quelle natatorie che atletiche) e mi sembrava facesse un lavoro facile, alla portata di chiunque. Ora è sempre lì in ogni dove del mondo, trasportata come uno di quei vecchi trolley zoppicanti, con la cerniera difettosa e gli spigoli ammaccati o lisi. La faccia arrugata, la voce annasata, gli occhi abborsati in quella zona mista che deve essere assai insalubre per averla ridotta così. E manco ha imparato bene le lingue dopo tutti ‘sti anni.
    Prima di mandarci cavallerescamente e reciprocamente affanculo (calcisticamente parlando) un bel pezzo, Sector!

  11. L’atletica leggera non è altro che lo specchio di un paese dove il merito non viene mai premiato, perché mentre ti facevi il culo le risorse sono andate ai furbetti e agli amici degli amici.
    Proposta: invece dell’atletica, cambiamo il Paese?

  12. Manca un dettaglio: l’atletica è ormai un insieme di discipline dove, nella maggior parte dei casi, se non sei di colore non hai speranza.
    La Gran Bretagna puó adottare le tecniche che vuole ma avrà sempre un bacino potenzialmente molto interessante da cui pescare. Si veda Farah: non è certo proprio inglese, lui.
    Non a casi, quando c’era Fiona May qualche medaglia s’è vinta.
    Poi, per il resto è tutto vero.
    Ma non me la prenderei troppo con la Caporali, alla fine noi siamo il popolo che si “appassiona” alle cose solo se ci sono gli italiani di mezzo (tipo la vela), quindi sostenere la compassione fa parte del suo mestiere e credo lo farebbe chiunque altro al posto suo.

  13. Per me lo sport di punta deve essere l’espressione di un movimento, di una base.
    Concetto novecentesco, lo so, non per niente ormai sono datato e piano piano ho intrapreso la strada dell’emarginazione e dell’ascesi per poi lasciare (il più tadi possibile, si capisce) questo ammasso di atomi e molecole che è il nostro pianeta.
    Con una base solida non sarebbe garantito un Bolt (ne nasce uno ogni 50 anni) ma tanti finalisti sì, e comunque la salute della nazione se ne gioverebbe perchè l’abitudine alla fatica e il riconoscimento del proprio limite sono fondamentali per un approccio positivo alla vita.
    Ai miei tempi esisteva qualcosa nella scuola, c’erano i giochi della gioventu (ricordo che in quel tempo saltavo intorno ai 6 metri in lungo e i giochi vennero vinti con 6,44) e quantomeno un poco di gloria (da spendere per approcciare qualche biondina) te la portavi a casa nelle “olimpiadi” dell’oratorio assieme alle medaglie dorate.
    Oggi quel tipo di gloria non interessa più a nessuno, non sei un giovane eroe della tua scuola se a 13 anni salti 1,75 in alto.
    Poi è vero , il professionismo ( perchè di professionismo si tratta ad alto livello) è un altra cosa, ma per me nasce tutto da lì, da una buca di sabbia e da una ventina di metri di corsia di lancio, da una vecchio anello di pista , quei 400 metri fatali, che fatti al massimo rimangono la corsa più difficile e inumana di tutte.
    Non a caso i greci gareggiavano nudi, perchè l’atletica ti mette a nudo, ci sei solo tu e il tuo limite, senza orpelli , puntelli, compromessi…aiutini.

    • Un vecchio anello di pista… e magari anche un vecchio professore di ginnastica che ti fa sudare e appassionare all’atletica

  14. La Juve prende Matuidi e il Milan forse Kalinic
    a un prezzo inferiore a quanto noi abbiamo pagato Vecino
    (non male finora il ragazzo, ma è per dare un’idea)

    Noi saremmo quelli attenti al fair play finanziario.

    Se avessero ambizioni serie ci sarebbe stata un’ecatombe in dirigenza, altro che rinnovi.

    Maperfavore.

  15. Si, Direi proprio di si. Non solo attenti, ma anche decisamente bravi, per lo meno in questa situazione.
    Prendendo per buono che sia Vecino che Matuidi e Kalinic facciano i prossimi anni all’altezza del loro valore la differenza economica è sostanziale.
    Vecino ha 25 anni e tra 4 anni sarà ancora un giocatore appetibile che potrai rivendere ad un prezzo superiore ai 24 milioni che è costato.
    Gli altri due saranno degli ultra-trentenni che ben difficilmente potranno portare a casa una valutazione anche solo vicina ai 20 milioni.

    • posso osare l’ardita affermazione che in campo non ci vanno le plusvalenze?

      potrò rivendere tra qualche anno, ok, che meraviglia, però qui si comincia domenica sera

    • Il discorso era unicamente legato all’ aspetto finanziario, in quel senso l’acquisto del 25enne Vecino a 24 milioni è molto più premiante di quello del 30enne Matuidi a 20
      Poi magari Matuidi sarà molto più forte di Vecino, o magari no, questo lo vedremo da domenica

  16. a noi ci stanno rovinando i designers della Nike

  17. posto che secondo me la Rai ha fatto un ottimo lavoro ai mondiali, e lo split screen andava magari gestito meglio, ma va a gusti (io voglio vedermi i 5000, tu impazzisci per il giavellotto femminile, accontentiamo un po’ tutti) e che Bragagna & co. sono superiori anni luce alle scimmie urlatrici di scai (non si può trattare ogni cosa come il calcio, e alla radice, non si può parlare di calcio sempre e solo con la fòtta del tifoso, cercando di non inimicarsi nessuno, vantando qualità ma pensando solo al grafico degli abbonamenti)

    il fatto è che possiamo parlar male fino a domattina dei GS militari, ma senza quelli non ho presente una squadra italiana che abbia dei professionisti nel roster: soldi da altre parti non ne arrivano, e alla fine si deve pur magnare

    poi io sarei durissimo, ma i problemi sono talmente profondi e tipici (lobbismo, ronfe tra generali, sport nemmeno regionali ma intercomunali ecc ecc) che tocca aspettare la prossima infornata i fenomeni che coprano i problemi irrisolti

  18. Intanto buone notizie………….

    Iniziata la nuova era del designatore Rizzoli: ci manda subito il ns amico Tagliavento

    Cancelo convocato ufficialmente per la prima di campionato di domani. Mah

  19. Non capisco questo affannarsi dietro ai nomi
    Mettiamoci cuore in pace

    Era evidente dalla conferenza di Sabatini e prima di ausilio che non arrivava nessuno di prima fascia

    Se arriva qualcuno sarà forse scick e cancelo

    Verità è che suning non vuole spendere al di là del fp

    Target realistico del campionato : quinto posto, quarto se qualcuno di quelli sopra ha annata storta e noi siamo lì

    Io spero solo che il Milan non faccia il botto
    Quello si mi farebbe incazzare

  20. Cancelo convocato per la prossima partita nella Liga, quindi lo scambio con Kondogbia è tutt’altro che definito…

    L’acquisto di Schick tutt’altro che fatto; senza dimenticare i dubbi sulle sue condizioni fisiche e le tutele che in fase contrattuale bisognerà mettere sul piatto, Massimo Ferrero permettendo…

    Mangalà, o chi per lui, in alto mare e quindi Murillo e Frog trattenuti…

    A 3 giorni dal via, rimane inconcepibile la tempistica elefantiaca di qualsiasi nostra trattativa

  21. Ranocchia e nagatomo rimangono con noi perché nessuno li vuole o meglio nessuno vuole pagare gli stipendi che prendono

    Continuiamo a pagare le follie degli anni scorsi

  22. Il post mi ha colpito. Ci ho pensato a lungo e sono arrivato alla conclusione che beh, si….ecco, come dirlo: a me dell’atletica frega un cazzo. Invece dell’Inter si, e non sarà quella babbiona della Caporale a farmi dimenticare che domenica sera si comincia e ci sono 3 punti da raccimolare in qualche modo con la Viola. La squadra, alla prima di campionato, si presenta da piazzamento uefa.

  23. Con questa difesa siamo, se tutto va bene, da quinto posto. Temo.

  24. Il fatto è che qualsiasi decisione prenda Ausilio, deve chiedere il benestare a Sabatini…

    Sabatini a sua volta deve chiedere a Gardini che solo se ne vale la pena, interpella Nanchino…

    A Nanchino ci sono problemi di fuso e si perdono 6 ore prima che Zhang Junior si alzi e faccia colazione…

    Zhang Junior qualsiasi cosa dica o faccia deve essere autorizzato da Zhang Jindong, il quale è risaputo, non ha tempo neanche di andare in bagno…

    Zhang Jindong, dopo aver evacuato ed essersi rasato, deve interpellare il primo ministro cinese per poter investire in Europa…

    E’ notorio che il primo ministro cinese sia stato corrotto da Silvio…

    Ed è probabilmente lì che il nostro mercato si arena

  25. Ma quali plusvalenze, quali rivendite a prezzo più alto.
    È cara grazia se non li svendiamo o regaliamo.

    Ci siamo dovuti sputtanare Banega a 9 milioni (e lasciare l’ennesimo buco, of course) per starci dentro, perché le cessioni erano delle donazioni mascherate.
    Oh, manco Jovetic siamo riusciti a vendere.

    No, lo dico perché poi qualcuno crede davvero che li voglio mandare a casa perché mi stanno antipatici.

  26. Domenica rispetto all’anno scorso di diverso credo vedremo Skryniar dietro (Dalbert secondo me non lo rischia) e Vecino Borja in mezzo. Basterà a regolare la Viola? La coppia di centrocampisti mi sembra tecnica ma lenta e in generale per evitare di imbarcare acqua JM dovrebbe disturbare in fase di impostazione ed essere tonico, continuo, concentrato, propositivo (in pratica dovrebbe essere un altro). Servirebbe come il pane il Nainggolan di turno al posto del portoghese ma non si è riusciti a trovare il profilo (o meglio, siamo stati rimbalzati sul belga e su Vidal e adesso si farebbero altri discorsi). In sintesi: quest’anno dobbiamo confidare che Spalletti trasformi Dalbert in un difensore da serie A, Vecino e JM in incursori da doppia cifra, convinca Perisic che è stato tutto un sogno, non è mai stato ad un passo dalla squadra che giocherà la CL e probabilmente vincerà la prossima Premier, che Skryniar sia quello di quest’estate e che Icardi confermi la sua ventina di gol. E che se arriva Cancelo si siano messi d’accordo sul ruolo.

  27. Eh gia perchè dopo il fanstasmagorico campionato scorso qualcuno puo’ comprarci Banega a 100 milioni ? e perchè mai ?
    L’hanno venduto a 9 Milioni di cui 6 di plusvalenze nette (dato che è arrivato si a parametro zero ma sono state pagate delle commissioni all’agente) che sommati al risparmio sull’ ingaggio (altri 15 milioni per tre anni) hanno quasi interamente coperto l’acquisto di Vecino.
    Oh poi se pensi di essere più bravo tu , manda il curriculum , un paio d’anni di lavoro e ti sistemi per il resto della vita.

  28. Sai quanti ce ne sono di più bravi? Altro che io.

    Il problema è che ho la vaga sensazione che non sia il metro di giudizio per la scelta.

  29. Vedo che neanche Pippinho che va al Barcellona per 120 milioni vi convince che a volte diciamo cazzate nei nostri giudizi lapidari!

    • E per farci girare ancor di più gli ammenicoli, ci pagheranno una commissione sulla rivendita di 3 milioni

  30. Certo che se ci lasciamo prendere dalla tremarella ad affrontare una squadra come l’attuale Fiorentina, una squadra privata dei suoi elementi migliori, alla prima di campionato e dopo una serie di partite, disputate con buona lena e positivi risultati, possiamo chiudere bottega e ritirarci in buon ordine nella prospettiva di un dignitoso campionato di centroclassifica. Ho vissuto a lungo a Firenze, dove ho ancora numerosi amici, in pena per le sorti della loro squadra e che, al contrario, considerano la nostra molto rinforzata proprio nel settore più debole, il centrocampo, dove la scorsa stagione la loro era più forte. Io sono d’accordo con loro: mi sembra che estrema difesa e centrocampo abbiano finalmente trovato un ubi consistam, che si consoliderà nel tempo per gli automatismi che si apprendono e si rafforzano giocando assieme. A mio parere, la squadra deve raggiungere ancora un equilibrio, anche perché non sono ben chiari i ruoli che dovranno giocare i singoli, dalla cintola in su, nella preparazione ultima e conclusiva del gioco della squadra. Se J. M. si rivelasse una specie di Nainggolan, come sembra sperare diventi col tempo Spalletti, gran parte dei problemi troverebbero una soluzione, come la solitudine di Icardi, gli esterni che troverebbero nel trequartista il riferimento necessario al loro convergere verso il centro, anziché ricorrere agli innocui cross della passata stagione, insomma tutto il settore troverebbe un suo armonico equilibrio. Temo che, almeno nelle prime partite questo non sarà , per le difficoltà che il portoghese troverà nell’assolvere a quel ruolo. Spero però in una soluzione diversa con l’acquisto di Schick che come seconda punta sia in grado di alleviare il carico sulle spalle del centravanti, sia in fase di manovra, sia in quella conclusiva. Credo che almeno fino a Natale la squadra non avrà raggiunto un suo assetto definitivo, ma che la partenza sarà tutt’altro che timida e poco produttiva. Giova almeno sperarlo.

    • Concordo, l’unica cosa che mi da pensiero è “cut the wind”.
      Spero nella VAR, ma non più di tanto.
      La Fiorentina ci è arrivata dietro lo scorso anno (nonostante la nostra annata pessima), è priva dei suoi giocatori migliori (e mi riferisco a Bernardeschi, Kalinic, ilicic, Tatarusanu, Rodríguez, Borja Valero e Vecino) il portiere titolare è stato ceduto ed al suo posto non hanno comprato nessuno, la proprietà sta smobilitando in attesa di un acquirente ed ha come allenatore Pioli che qui, su questo blog, è stato sbeffeggiato a lungo da molti (non da me beninteso). Hanno preso due elementi interessanti: Benassi e Simeone. Mi sembra davvero poco. Quindi mi domando: perché aver paura? Rispetto sempre, ovvio, tutto ci può stare, ma paura no davvero.

  31. A Natale cioè a metà campionato dovremmo aver raggiunto la quadratura del cerchio

    Bene

    Speriamo solo di non avere in meno 20 punti dalle altre

    Sulla nostra partenza consistente non mi pronuncio
    Dico che farei la firma 4 punti dopo le prime due
    Il bauscia in me dice 6
    La ragione mi dice 2
    Il tifosotto 1

  32. @Este

    Ricapitoliamo le tue mosse:
    – fai rotolare un po’ di teste a caso (almeno un paio di nomi?)
    – costringi il Nizza a venderti dalbert a una decina di milioni (dalbert che è già ovviamente scarso come nagatomo)
    – costringi la fiorentina a darti vecino a meno della clausola
    – costringi una squadra a caso a prendersi jovetic al giusto prezzo
    – dai 60/70 milioni al Napoli per un trentenne che occupa i due ruoli in cui siamo più coperti

    Senza offesa, mi fido più di sabatini

  33. @Bok
    beh, se ci riuscisse… perché no? 🙂
    a parte l’ultima mossa (quella col Napoli) che non farei.

    Comunque, l’unico modo di sbarazzarti dei pesi morti è quello utilizzato dal ManU o PSG: non rientri più nel progetto, o trovi una squadra o stai in tribuna fino alla fine del tuo contratto (schweinsteiger p.e.)
    Chiaro che per farlo devi avere ciò che, palesemente, Suning non ha o non può: soldi.

  34. ragazzi, quando chiamato continuo e continuerò a difendere l’Inter dagli antiinteristi; ma dai fratelli interisti non riesco piu

  35. Beh, un giocatore alla Mertens non mi pare che ci sia nell’Inter.
    Sull’età… bah, Milito aveva 30 anni quando lo prendemmo, Lucio anche di più

    non mi pare che qualcuno ha avuto da lamentarsi.

  36. Arriva Cancelo , giocatore a tutta fascia destra , puo’ giocare terzino, centrocampista oppure ala.
    Insomma abbiamo il nostro Florenzi.
    Chissà che non si riveli prezioso come il bravo giocatore romanista.

  37. il problema si pone quando sono gli interisti a dover difendere l’Inter da sè stessa

  38. Leggo di Schick in stand-by e la Roma avanti. Ecco una cosa mi farebbe abbondantemente girare le scatole: che dopo essermi rassegnato a vederlo soffiato dalla Juve, ora debba sentirmi beffato dal vederlo alla Roma. Il ceco per me è forte veramente. Murillo infine arrivato a Valencia, mi fa pensare che un difensore sia stato bloccato. Se è Mangala, il flop del City, siamo punto e a capo.

  39. Corso ed estebancambiasso
    Come Sandra e Raimondo

    Senza di loro

    Uffa che barba uffa che noia

    Quando mai andranno d’accordo
    Qualcosa di incredibile accadrà

  40. Gus
    la cosa che fa morire dal ridere è che lo avevamo preso noi a maggio.

    Vabbè, lo sai come funziona: 2 mesi di trattativa e poi lo si prende a prezzo maggiorato (summer 2016)

    oppure te lo lasci scippare (summer 2017)

    E niente, speriamo che Icardi non abbia mai un’unghia incarnita, perché le prime punte, da Moratti in poi, sono diventate troppo costose.

  41. Scusate l’OT, ma anche no, in quanto riparlo della Caporale…

    …e delle sue interviste alle staffette femminili di nuoto.

    Una battuta a testa alle tre di turno , dieci minuti alla Pellegrini (con immancabile richiamo al rapporto con Magnini).

    E’ emblematico di un mondo nel quale l’informazione è questa qua.

    Oggi, tanto per dire, su mediaset un servizio su questo Milan travolgente (che , testuali parole : “si candida per lo scudetto”) manco avesse vinto la Champions.

    Capisco l’imprinting, i tanti devoti Pellegatti (recodman mondiale di assenso, ndr.Gialappa’s) di cui sarà zeppo il network, ma ora tra Mediaset e il Milan, non dovrebbero più esserci legami societari e quindi comprensibili sinergie.

    A quando un trattamento più equo?

    L”anno scorso il Sassuolo ha fatto lo stesso (favoloso) cammino nei preliminari del Milan e a fatica si trovavano le notizie in quarta pagina.

    Ma come direbbe Tomba: il Sassuolo “non fa notisia”

    • Ecco appunto: come mai a Mediaset continuano a fare come se il Milan fosse ancora di Berlusconi (anzi sembrano proprio in forma come ai bei tempi)? Mah, sapranno qualcosa che a noi sfugge…

    • Guarda ieri Marca ha dedicato le terza pagina al Milan
      Il fatto che loro hanno in Italia 8milioni di tifosi, il sassuolo 8mila

  42. Con la vendita di Murillo si mettono in cassa circa 30 milioni tra cartellino e risparmi sull’ ingaggio.
    Verranno usati per prendere un difensore oppure per Schick ?

    • Dipendesse da me Schick tutta la vita, a costo di accontentare Ferrero che si sta divertendo a fomentare un’asta. Tra l’altro, su un giocatore che era già stato preso dalla Juve e poi scartato alle visite. Solo in Italia…

  43. Lo dico per mettere le mani avanti eh….
    Ma se per caso saltasse Cancelo, avete informazioni su chi sia la riserva di Wallace ?

  44. Agnelli a casa Milan

    I soliti, maledetti ladri di merende
    pronti a spartirsi di nuovo il malloppo

    il 2006 è preistoria
    la restaurazione è totale

    • Si, c’è una gran puzza di restaurazione. Roprendono a fare come sempre: strategie comuni, interessi convergenti, spartizione del potere in Lega. E magari, linea comune sul Var.

  45. Con il solito allineamento delle p.i. e dei media sulle loro posizioni (rimozione degli highlights compromettenti, commenti in sintonia, i “ci poteva stare” pronti per ogni occasione)

    Scudetto al Milan e Juve all-in in Champions.

    Se non altro il triplete è al sicuro per un altro anno…

    …ma si può vivere così?

  46. Certo, noi pure potremmo fare un pochino di più per mettere fine a questa restaurazione.

    Invece niente

  47. Ma secondo voi suning in piena restaurazione dovrebbe spendere e spandere per portarci campioni e poi non vincere una cippa visto che juve e bbilan vanno di nuovo a braccetto?
    Datemi retta non rinnovate più nulla, non comprate più un solo giornale sportivo, nulla di nulla.

  48. non considero strano tutto il can can mediatico di merdaset sul milan…
    anche ammesso che abbiano davvero cambiato proprietà non posso non ricordare come la prima cosa che volle il nano quando acquisì il Giornale di Montanelli fu che la redazione sportiva fosse composta di soli milanisti, te la scordi l’imparzialità…

  49. Kondogbia già a Valencia e Joao cancelo pure….non solo, anche titolare! Mah…

    • Tutto ciò dopo aver dato il via libera per Murillo…

      Preghiamo che non s’infortuni Cancelo…

      Altrimenti tocca riprendersi Kondo

  50. Secondo me:
    – domenica mattina a Spalletti gli girano e si dimette. X l’urgenza Suarez in panchina.
    – la viola ce ne ficca 4 o 5 a 0 e segna anche il portiere su un rilancio all’altezza del dischetto di rigore, cogliendo impreparato Handanovic che tranquillamente se ne era andato ad orinare sulla bandierina del calcio d’angolo
    – tagliavento espelle miranda dopo 20 secondi x il solo fatto di essere sceso in campo. entra ranocchia e segue squalifica di 3 giornate a miranda, mentre si staranno cercando i resti della rana onde consentirgli un giusto funerale
    – ausilio e zanetti nel post partita dichiarano cmq che loro “sono soddisfatti” in quanto non hanno visto nulla avendo passato tutto il tempo del match in un centro massaggi orientale gestito da Zhang Jr.
    – x una sfortunatissima congiunzione astrale in cui mercurio sfiora il contatto fisico con la vergine Suning fallisce
    – il bilan vince a crotone e addirittura il cagliari NON espugna quello stadio di Torino che adesso non so come si chiama

    Sunto: lunedì siamo tutti morti.

    Forza Inter contro chiunque e buon campionato.

    PS: xò il post è sull’atletica quindi sono OT.
    Beh: Bolt era proprio forte e anche Elisabetta Caporale a 53 anni è una discreta gnocca.

  51. @ mucci & gus

    vi informo che Galliani è diventato il presidente di Sport Mediaset

    ‘notte…

  52. Joao cancelo non è un terzino, poi se spalletti sarà capace di farlo giocare li con risultati soddisfacenti meglio per noi.

  53. Inter – Fiorentina 0-2
    ‘notte

  54. bello chi non capisce proprio l’ironia

    il problema è che fortebraccio spesso ci prende

    ragazzi, prendete le cose meno sul serio…

    e uff….. x me vinciamo lo scudetto.
    x me NON ESISTE che l’Inter non parta x vincere.
    Punto.

    ‘notte. davvero. alla prossima.

  55. Be’ sì, hai ragione Sector, è proprio una vergogna questa dell’atletica italiana!
    Però il raffronto con la GB è giusto fino a un certo punto: loro hanno gli atleti di colore, noi no.
    E si sa che ormai l’atletica è quasi tutta appannaggio degli atleti di colore, sia per le gare corte che per quelle di fondo.
    Certo è che, almeno tra un 100 metri e un 5.000, un salto triplo o un peso dovresti portarlo a casa.
    E invece manco quello.
    Ma anche su questo siamo alle solite in un paese che ormai ha smarrito se stesso.

    Sull’Inter aspetto che finisca il mercato, ma già mi pare di capire che si è fatto poco, sicuramente in meglio rispetto allo scorso anno (basti pensare alla vicenda Mancini/FdB), ma ancora poco per ritornare su.

    Su tutti ci manca un centrocampista volitivo e che sappia tirare in porta (e magari segnare anche), cosa che non è JM e dubito lo sarà in futuro.

    Poi anche la difesa e i terzini.
    Un attaccante forte.

    Insomma, non sono delusissimo, però onestamente mi aspettavo di più da Suning e da tutta la società.

  56. Bene finalmente iniziamo a fare sul serio. Sono molto curioso di vedere questa squadra all’opera. Con Dalbert e Cancelo abbiamo moltiplicato la spinta sulle fasce, mentre in mezzo al campo abbiamo perso centimetri e kg ma abbiamo acquistato in palleggio e geometria. Erano anni che non avevamo tutto questo talento in campo.
    Credo proprio che ci divertiremo.

  57. Allora, ricapitoliamo :

    Cancelo ha giocato 90 minuti col Valencia, non si è infortunato come temeva giardinero 🙂 e, a fine partita ha salutato in lacrime il pubblico che lo applaudiva.

    Conclusione: spero proprio che, all’imminente (pare) presentazione, non dica che tifavs Inter fin da bambino e che sta realizzando un sogno!

    Infine………abbiamo uno spettacolare Fortebraccio (spero sia l’originale), quindi……..,.chi mai ci può fermare? 🙂

  58. oggi l’Inter si è comprata mezza gazzetta, sei o otto pagine con una lettera di Zanetti ai tifosi, presentazione di Spalletti e dei giocatori nuovi, le partite mese per mese del campionato, l’abbonamento e quello che offre lo stadio in tema di servizi

    mai vista una cosa del genere così in grande stile

    riguardo al post di Settore non ho detto niente prima perchè come Gus non seguo l’atletica più di tanto, ma a spanne mi sembra che quello che fanno in Inghilterra sia ingiusto a prescindere in quanto tutti gli sport dovrebbero avere il supporto dello stato in proporzione al numero di atleti che li praticano anche se di medaglie non ne conquisteranno mai, giusto per essere in linea con le idee di De Coubertin e le sue principali linee guida sullo sport e l’atletica in particolare, visto che è lui che ha inventato le olimpiadi moderne e se la sua frase “non è importante vincere ma partecipare” lascia il tempo che trova, quella dove dice che “lo sport deve essere patrimonio di tutti gli uomini e donne e di tutte le classi sociali” fa a pugni con quello che fa ed ha deciso la Nicholl

    seguendo l’ennesima tragedia alla tele e sui giornali mi è venuto in mente un film di tanti anni fa intitolato ” l’invasione degli ultracorpi” che al tempo, essendo ragazzino, più che paura mi fece angosciare per tutto il film in quanto vedevo che il protagonista stava lottando contro i mulini a vento e nessuno credeva alla sua storia

    oramai i bacelli ce li abbiamo tutti in casa e sarà dura venirne fuori

  59. @Internazionalista
    Anch’io, lo confesso, sono rimasto deluso per la nostra campagna acquisti, rispetto alle nostre speranze ( piuttosto che alle promesse della società) e soprattutto rispetto a quelle molto dispendiose di altre società nostre rivali. E tuttavia, a mente fredda, e tenuto conto delle pessime esperienze della passata stagione, Suning non poteva che comportarsi con la prudenza e il sano buonsenso con cui si è comportata, indipendentemente dalla questione del Fair Play finanziario. Innanzi tutto Suning, a quanto ho capito, non è un emirato che, grazie al petrolio, può investire centinaia di milioni a fondo perduto, né un ricco armatore russo che sovvenzioni per sfizio personale una costosa società di calcio, alla maniera delle conduzioni paternalistiche di morattiana memoria, ma una società mercantile, che segue le regole del buon mercante, e quindi è molto attenta ai conti, alle entrate e alle uscite, e che infine se una volta ha sbagliato, la volta successiva procede con i piedi di piombo, soprattutto dando fiducia a chi veramente la merita. Ora, nella passata stagione Suning, per inesperienza e per incompetenza, ha commesso numerosi errori, che nella presente ha immediatamente corretto, affidandosi a persone esperte e prudenti, che a loro volta, anche a causa del ridotto tempo a disposizione e dell’imperfetta conoscenza di pregi e difetti della squadra, hanno proceduto ad un rinnovamento graduale della squadra, tenuto conto delle risultanze offerte dall’esperienza asiatica, primo concreto impegno della squadra , messa in campo secondo le esigenze tattiche del nuovo allenatore. Il quale, a mio parere giustamente, ha individuato nel centrocampo e nell’estrema difesa i punti deboli della squadra e pensa di correggerli introducendo ben quattro nuovi elementi, che dovrebbero dare maggior sicurezza ai due reparti.Quanto al resto della squadra, attaccanti e trequartista, ritengo che Spalletti voglia sperimentare varie soluzioni, perché, diversamente che negli altri reparti , ha a disposizione (se verrà acquistato anche il giocatore sampdoriano) numerosi giocatori con diversificate caratteristiche e il cui rendimento andrà valutato di volta in volta sul campo, anche in rapporto agli intendimenti tattici di Spalletti. Insomma, quella attuale, non mi sembra una squadra povera di materiale umano e di prospettive e nelle mani esperte di una vecchia volpe come Spalletti mi aspetto piacevoli sorprese. Come scrive Orabasta, credo proprio che , tenuto conto che questa sarà una stagione di transizione, quest’anno ci divertiremo.

  60. Agnelli ieri ha fatto visita anche all’Inter, in sede, dove ha parlato con Zhang jr_

    • Non dirlo, a me ogni tanto sembra che qui ci sia una certa propensione alla paranoia
      Che la gobba rubi è assodato
      Che altri siano complici per arrivare secondi, terzi quarti mi sembra esagerato

      Io penso faremo un’ottima stagione

  61. Scettico

    io sono sostanzialmente d’accordo con te.
    Disamina corretta e ricca di spunti e contenuti la tua, però non dimentichiamoci che siamo sempre dei tifosi e che non si vince più da sei lunghi anni!
    Non solo, ma non ci si arriva nemmeno vicino.

    Ora, programmazione, attenzione ed esperienza mi stanno bene però vorrei cominciare a vedere qualcosa: siamo una squadra di calcio non una azienda di frigoriferi.
    Spero sia l’inizio di una nuova e produttiva fase della nostra Inter.
    Spero, perché all’Inter basta un niente per incartarsi e rovinare nella solita tragedia sportiva di cui noi spesso ne siamo il coro.

  62. Seguo la partita del Valencia e soprattutto la prova di Cancelo, il nuovo acquisto per il ruolo di terzino destro. Cancelo è un giocatorino agile, in possesso di una buona tecnica e di una buona visione di gioco, ma non ha affatto i requisiti del terzino ruvido e incontrista che c’era da aspettarsi, bensì un trequartista assai veloce e intelligente nel lancio estremo alle punte, al massimo un esterno alto che, diversamente da Candreva, punta veloce al centro. Penso che D’Ambrosio non corra il rischio di perdere il posto. Caso mai rischia di perderlo, nel ruolo di trequartista, Joao Mario…

  63. @ Acanfora, spero che Zhang sia stato attento al portafoglio.

    Se non arriva qualcun altro, ripeto che siamo da quinto posto. Però se Spalletti fa le magie, senza le coppe, possiamo sperare nel quarto (il collasso primaverile di qualche concorrente diretta aiuterebbe).
    Dopo le uscite, ritratto ciò che ho scritto su Vidal: servirebbe.
    Ma che ve lo dico a ffa’?

  64. “…Non soltanto è dentro, ma è da seguire con attenzione per quello che può essere un rafforzare la direzione di dove si vuole andare.”

  65. “Quando entrano negli spogliatoi, dentro a quelle grandi cuffie che indossano non devono ascoltare solo la musica, ma sentire il battito del cuore delle 60.000 persone che hanno pagato per vedere giocare l’nter”

  66. Spalletti sa giocare con le parole e dice cose per nasconderne altre

    Tipo che sperava in vidal
    E si ritrova con vecino

    Inutile girarci attorno
    Si puntava ai grandi nomi
    Ed evidentemente
    Potevano farlo
    Al netto del fpf

    Ma non sono arrivati

    Adesso la butta tutto
    Sull’emotivo e il sentimentale
    Ma la realtà dei fatti
    È che siamo tecnicamente dietro ad almeno quattro
    E lo sa benissimo
    Come sa benissimo
    Che questa melassa sulla appartenenza sul gruppo sui 50000 è l’unica carta che può giocare

    Oddio
    Il Leicester
    L’Atalanta
    L’Italia di conte
    Erano più deboli
    E hanno fatto della squadra e della appartenenza l’arma in più

    Da noi il concetto di appartenenza fa un po’ ridere se penso a tutti quelli che vogliono volevano andarsene

    Speriamo di ridere alla fine

    E in ogni caso anche se sono un po’ perplesso
    Sempre
    Sempre
    Sempre

    Forza inter

  67. Vero. Giusto. Corretto.
    Ma se sei eder nagatomo ranocchia jovetic dambrosio ansaldi santon puoi anche sentirne 6 milioni di cuori, sei e resti uno scarso.
    O meglio, un giocatore da parte destra della classifica.
    Quasi come il risultato dello scorso anno…

  68. Che poi, di ‘sta storia del FPF vorrei capire una cosa: quali sono le sanzioni?

    Tipo una multa di qualche milione? 7, 10, 15? in pratica lo stipendio di un paio di scarsi che abbiamo in rosa.

    Il mercato bloccato tra un anno per 6 mesi? echissene, se faccio la squadra ORA, posso fare a meno di acquistare l’anno prossimo (tipo Bbilan).

    Sembra, sembra proprio che in realtà di soldi non ce ne fossero…

  69. ” Non importa cosa trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre stai correndo ”

    siam messi così
    amala, senza speranza

    cmq mai visto un difensore non difensore come il Cancelo

  70. Se spalletti fa giocare con profitto cancelo nei quattro dietro sono contento, il giocatore mi piace. Nutro i dubbi di chi mi ha preceduto e che ho esternato già ieri sera ma non mi sembra che si stia cercando un terzino ruvido ed incontrista. Ha talento, sa cosa fare con il pallone, probabilmente crossa meglio di candreva e non gioca a testa bassa come un caprone….é da vedere se verrà veramente schierato dietro e con quali risultati.
    Per il resto soldi pochi, la tanto sbandierata accoppiata salcedo/pellegri che sembrava cambiasse gli orizzonti del mercato probabilmente finirà da qualche altra parte, questi giocatori organizzati bene bene, da squadra unita e con i controcojoni – inteso come chi sa e ha voglia di soffrire in quei tratti di gara in cui le cose non verranno come vorremmo – se la gioca con tutti.
    Rinnovo la speranza che da quest’anno e per i prossimi decenni allenatore dirigenza e proprietà siano un blocco unico, un unica mente pensante.
    Buon campionato a tutti, AMALA, sempre!

    • Ruvido non significa rozzo, ma che nell’a corpo a corpo con l’avversario, sappia usare le maniere forti, come era solito fare il nostro Burgnich; nel ruolo di ala tornante o di terzino d’attacco da quel lato abbiamo già Candreva, che non è un caprone, anche se è solito correre a testa bassa.

  71. Diciamo che un po’ tutti noi stiamo vivendo un misto di curiosità, speranza, perplessità e terrore perché le premesse parevano altre e tuttora non sappiamo che squadra ci ritroviamo.
    Personalmente, mi piacerebbe che qualche trattativa (tipo il tormentone Schick) riuscisse “cotta e mangiata” e non trascinata ogni giorno con esiti differenti.
    Per il resto, credo che sia presto per giudicare la società, verrà anche quel momento sperando che sia di esultanza.

  72. primo episodio del Var
    e primo rigore contro la juve

    poi che quel deficiente del cagliari lo ha sbagliato è un dettaglio
    mi sono immaginato tutti gli scudetti scuciti da quelle maglie del cavolo
    se ci fosse stato da sempre

  73. Della visita di monociglio alla sede del BBilan ed Inter, ne vogliamo parlare?
    Un vecchio proverbio recita così: “se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico” (leggasi conquista del CL).
    Temo, dove non riuscì Platini, ora ci proverà lui direttamente, ovvero: cerca i voti per tentare la scalata e diventare presidente dell’Eca.
    Spero vivamente Zhang non ci caschi.

    Agnelli da Fassone e Zhang: ecco il motivo
    Due incontri che hanno attirato l’attenzione quelli di Andrea Agnelli con Marco Fassone prima e con Steven Zhang poi. A quanto pare, l’oggetto dei discorsi è stato il tema della politica europea del calcio. “Dopo otto anni, Kalle Rummenigge ha annunciato che si dimetterà dalla presidenza: «Il momento di lasciare è arrivato», ha detto il 10 agosto. Con il suo addio — e quello recente di Umberto Gandini (dopo aver lasciato il Milan), per anni il vero membro operativo dell’Eca — si chiude un’era. E si apre quindi la successione: le elezioni saranno il 5 settembre, all’assemblea generale di Ginevra. Il candidato forte potrebbe proprio essere Andrea Agnelli che è nel board dell’Eca dal 2012 e, negli ultimi anni, ha lavorato al fianco di Rummenigge creando un asse che ha anche lavorato alla riforma della Champions. Agnelli è sicuramente affascinato dall’idea di diventare presidente dell’Eca: nessuno dei potenziali interessati — si parla anche di Ivan Gazidis (Arsenal), Peter Lawwell (Celtic), Ed Woodward (Manchester United) — si è ancora fatto avanti ufficialmente. Ma è probabile che tutti stiano sondando il terreno per capire se c’è una base solida di voti. Ieri Agnelli ha parlato anche con la dirigenza interista. Nata nel 2008 per sostituire il G-14, l’Eca raccoglie 220 club ed è sempre più influente: due membri sono entrati (con diritto di voto) nell’Esecutivo Uefa”, racconta la Gazzetta dello Sport. Di questo, e magari anche di affari italiani, avrebbe parlato il numero uno bianconero coi vertici milanesi.

  74. Si però ok. Che sia il campo il giudice supremo lo sappiamo tutti e se questa squadra che al momento per 8 undicesimi è quella dei cadaveri visti lo scorso anno riuscirà a fare bene sarà fantastico perché noi esulteremo per la maglia che amiamo.

    Tutto ciò però non toglie che si sia verificato l’opposto di quello che ci avevano fatto credere e non parlo solo dei media, perché la conferenza di Sabatini a Brunico che tra una sigaretta e l’altra prometteva di lavorare BENE, SOTTOTRACCIA E GRANDI PROFILI DIFFICILI DA TRATTARE non è che ce lo siamo inventati noi eh cazzo!

    Quando fece la conferenza erano già stati presi Borja e Skrinjar, disse che Dalbert era praticamente preso ma avevamo accettato la richiesta del Nizza per cui nei 40 gg che sono passati è arrivato Vecino preso a rate (era lui il profilo difficile da strappare?), e Cancelo con un giochino di prestiti e forse grazie alle bizze di Kondo altrimenti non so .

    Quindi se nei 10 gg di mercato rimanenti non arriverà nessun “alto profilo”, io credo che come minimo il sig Sabatini dovrebbe fare un po di chiarezza alla stampa ma più che altro a noi tifosi che ci ha illuso.

    E l’ultima frase di Spalletti di oggi al giornalista che gli ha fatto la domanda sui grandi nomi è stata proprio quella di chiedere spiegazioni a Sabatini.

    Sentire il nostro mister che dice in intervista alla Gazzetta che il nostro obiettivo è il 4°posto mi fa parecchio incazzare, ma non lui che forse vuole essere realista e non illudere noi tifosi, mi fa incazzare che una Società che rileva L’ Internazionale dovrebbe sempre avere l’obiettivo non di vincere ma almeno di lottare per vincere lo scudo, poi ne vince una sola pazienza ma almeno ci si prova.

    Tra l’altro se il concetto che ci hanno fatto passare questa estate attraverso la strategia di mercato è: ” questa squadra va rivalutata perché non era da settimo posto”, beh allora dovrebbe essere già scontato che l’obiettivo quarto posto sia alla portata della nostra rosa e il mercato avrebbe potuto soltanto che alzare ancora l’asticella.

    Alla fine, nonostante mi stia sulle palle ed ogni volta che parla sembra che lavori in una Società di raccattati senza alcuna ambizione, sto parlando di Ausilio, è l’unico che finora ha detto cose realistiche e non ci ha mai illuso.

  75. Pupi
    Veramente a domanda precisa sugli obiettivi stagionali Spalletti ha risposto “le voglio vincere tutte”.

    Cioé: minimo quarto cosí ci arrivi 🙂

  76. La buona notizia è che la Var funziona.
    Sugli avversari che si scansano ci si può far poco.

  77. Thenuke
    quella era una battuta.

    Alla domanda finale sul mercato, come dice Pupi, ha detto “chiedete a Sabatini”.

    Concordo con Pupi, toglierei l’ipotesi “se nei 10 giorni di mercato non arriverà nessuno” perché è chiaro che non arriverà nessuno.

    Forse Schick. Al termine di una trattativa estenuante con TAG e TAEN da limare, e perché (forse) le sue condizioni fisiche non rassicurano tutti, intendo qualche top team.

    Personalmente ho iniziato a essere pessimista il 2 luglio, dopo che avevamo letto e sentito di tutto per 2 mesi e che dal 1 luglio, assolto l’obbligo di raccattare i 30 mil, potevamo spaventare il mondo con la potenza economica di Suning, roba da contendere Neymar pagando più della clausola per strapparlo al PSG.

  78. Bravo Pupi… hai riassunto bene le contraddizioni vissute quest’estate…

    Pero’ un colpo nei prossimi 10 giorni andrà certamente fatto, almeno per completare la difesa…

    Non possiamo vivere nel terrore che Miranda o Skriniar si prendano un raffreddore, con l’umidità che c’è a Milano…

    Per il resto la Var oggi ha già fatto vedere le sue potenzialità antitaccheggio…

    Forza Interrrrr

  79. Sono preoccupato x la difesa: andato Murillo, restano solo Miranda e Skriniar (e Ranocchia, vabbè) forse D’Ambrosio potrebbe fare anche il centrale, ma insomma almeno un altro difensore lo dobbiamo prendere leggevo di un possibile scambio con l’Arsenal Brozovic/Mustafi ma mi sembra difficile, poi magari resterebbero pochi centrocampisti … In tutto questo gente come Jovetic, Ansaldi, lo stesso Barbosa, non riusciamo non dico a venderli, ma scambiarli, prestarli, regalarli … Mah! E domani si gioca … Speriamo bene

  80. invece di buttar soldi x sti Mangala, Mustafi che oggi quasi stacca una gamba all’avversario e compagnia, da centrale all’occorrenza sarebbe meglio lanciare il giovanotto belga, come succede alle buone provinciali

  81. Nainggolan e Vidal, tanto per citarne 2, erano profili di livello che si è provato realmente a prendere senza successo. Credo si debba smetterla di lagnarsi e guardare in faccia la realtà. Non siamo più quelli di Thohir; non saremo MAI come il Barça, il Real, il PSG, lo United etc etc. Perché non avremo mai quei ricavi, e in regime di FFP non potremo mai permetterci esborsi del livello di quei top team. Siamo l’Inter di Suning, che fin qua ha messo un bel po’ di soldi e credo continuerà a metterne, ma se non investe almeno nei ricavi da stadio di proprietà non vedo come possa aumentare sensibilmente il livello generale del team. Ci hanno preso per il culo? I cinesi? I giornali? Il DS? È stato tutto un enorme equivoco, magari facilitato dalla mancanza generale di informazioni? Dalla cultura media da inserto sportivo e dalla solita, cronica vaghezza della comunicazione in casa Inter? Tutto può essere. Possiamo continuare a piagnucolare che ci avevano convinti fossimo diventati una superputenza e invece al massimo siamo la Roma, oppure possiamo rassegnarci all’idea che si può diventare una buona squadra da CL e da titolo italiano. Con il tempo, con le idee, con calma. Nel frattempo, buon campionato a tutti. Si ricomincia come si era finito, con Juve e Napoli una spanna sopra. Noi, vediamo di non perdere subito contatto.

  82. Ammazza oh, qua c’è da toccarsi, come minimo.

    Se hai un buon allenatore gente come Jovetic Brozovic Candreva (gente comunque richiesta anche all’estero) può diventare importante se ben inserita in un gioco di squadra serio.

    Io aspetterei un attimo prima di fasciarsi la testa.

    E francamente di fare il solito interista campione sotto l’ombrellone non ne ho voglia.
    E se non saremo come il Real, o il PSG (cioè una squadra che non ha mai vinto una cippa in Europa!), pazienza.
    Me ne farò una ragione.

  83. kondo opzione di riscatto a 25 mln
    cancelo a 35

    quello più forte l’abbiamo preso noi? di certo abbiamo uno che non sa giocare il pallone in meno

  84. Gus
    a sentire Spalletti in Cina (a me hanno fatto delle promesse) pare che abbiano preso per il culo anche lui.

    Oh, poi magari la promessa era: tranquillo, non vendiamo nagatomo

  85. Comunque dal lato bilancio, fpf, disponibilita conto corrente, Potenza economica l’esatta dimensione la da l’operazione murillo: venduto al volo nel momento stesso in cui abbiamo capito che con l’operazione ci si guadagnava. Poi chissenefrega se un reparto rimane all’osso.

  86. alla fine non arriverà nemmeno Schick il quale, con ogni probabilità, finirà alla Roma.
    Va be’, è già stato detto tutto e di più sul mercato di quest’anno. Non ci rimane che vivere un altro anno di tra alti (pochi) e bassi (molti) in attesa di tempi migliori. Già, tempi migliori…
    Buona domenica a tutti e forza inter.

  87. Purtroppo la realtà è amara. Possiamo trovare le giustificazioni che vogliamo ma la verità e che tutti ci siamo illusi che Suning fosse quello che non è o che non vuole essere. Per lo meno ci sono stati grandi errori nella comunicazione inutile nasconderlo.
    La conferma anche da semplici sfumature di mercato. Sembra che non si possa prendere Schick per problemi di liquidità e stiamo parlando di 30 milioni e non di cifre astronomiche alla emiro……Le operazioni per i due giovani genoani sembrano saltate e questo fa venir meno anche il discorso sulla progettuale costruzione della squadra a partire dal settore giovanile prendendo i prospetti migliori. Dello stadio si parla, si fanno chiacchiere ma di concreto assolutamente nulla. Questa la realtà dei fatti. E se al 31.08.17 la situazione permarra’ non si potrà negare che qualcuno ci ha preso in giro.
    Poi ripeto il discorso sulla squadra è diverso. Nel campionato italiano il livello è talmente basso (ed intendo più per intensità e ritmo che per pura tecnica e tattica) che anche una squadra di medio livello può ambire al quarto posto pure con Nagatomo e D’Ambrosio…….Questo è un altro discorso ma, per quanto mi riguarda, la delusione è grande.

    • Suning i soldi li ha ma, giustamente, non li vuole buttare.

    • È la stessa cosa per i tifosi..avere soldi ma non spenderne……..poi se il motivo reale è nel blocco del governo cinesi agli investimenti sul calcio può essere anche un discorso giusto in linea generale ……ma per noi tifosi sarebbe davvero tragico tra virgolette…………
      Ad ogni modo va assolutamente fatta chiarezza e la deve fare la stessa Suning. A sto punto sarebbe meglio che il motivo fosse davvero il FPF. Insomma in un modo o nell’ altro va fatta chiarezza, va spiegata per bene la verità ai tifosi che anche oggi saranno in più di 40 mila allo stadio. Altrimenti si consente ai giornalai di dire tutto ed il contrario generando confusione e malcontento. Ci vuole trasparenza.

  88. Una causa precisa ci deve per forza essere e credo che almeno noi tifosi ci meriteremmo di saperla per cui mi auguro che da qui a poco, considerando anche la provocazione di Spalletti che passa la palla a Sabatini, qualcuno dei fenomeni addetti alla COMUNICAZIONE (parola a noi sconosciuta) dell’ Internazionale aprirà bocca.

    Certo è che se il motivo fosse il blocco, anzi la limitazione da parte del governo cinese sugli investimenti riguardanti lo sport, avremmo avuto una sfiga pazzesca.

    Potevano aspettare qualche altro anno così potevamo fare uno squadrone?

    Una volta che abbiamo trovato una super potenza………….

  89. i giornalai mettono in risalto la Var e come questa sia stata applicata non guardando in faccia a nessuno visto che la sua prima vittima è stata la gobba e plaudono al coraggio dell’arbitro che ha saputo riconoscere il suo errore guardando il filmato e fischiare il rigore che prima non aveva visto, assegnando solo un calcio d’angolo al Cagliari.

    fa niente che chi lo ha tirato si sia cagato addosso al cospetto di Buffon e glielo abbia tirato quasi in bocca, sprecando l’occasione di pareggiare momentaneamente l’incontro

    momentaneamente sia per la disparità di forze sia perchè il risultato era già scritto visto che la Var aveva già dato e non sia mai che alla gobba, nella stessa partita, le venisse assegnato contro un rigore solare non visto e annullato un gol da annullare per fallo di braccio che tutti alla tele e che in campo hanno visto, ma che a lamentarsi sono stati solo quelli del Cagliari che già avevano avuto un rigore più che giusto a favore, cosa volevano? anche l’annullamento di un gol più che giustamente da annullare?

    non esageriamo con le cose giuste, cominciamo a farle a metà, poi arriveranno le altre come l’Inter a dargli l’occasione di farle giuste per intero

  90. Pupi, l’ipotesi blocco non tiene.

    Cioè, in Cina è da 2 anni che buttano centinaia di milioni alla ca22o e adesso col blocco non puoi spenderne 30 a rate per Schick?

    E il Bbilan (che pare spenda soldi che non ha) com’è che ne ha spesi solo ieri 25 per Kalinic?

  91. e comunque, se fosse vero, l’aut aut di Spalletti a non cedere quel cesso di eder quale contropartita per Schlick (o per chiunque) è una… (cit. Fantozzi dal comm. Ricciardelli).

  92. Non capisco che spiegazioni vogliate. Se non hanno preso certi giocatori sarà perché quei soldi non li hanno o non li vogliono spendere (che in sostanza cambia poco).
    Se vi dicessero “Non abbiamo comprato Vidal perché il FPF non ce lo permette, o perché il governo cinese non ce lo permette, o perché le nostre casse non ce lo permettono…” in definitiva cosa vi cambia?

  93. Infatti niente.
    Il fatto è che si leggono troppi giornali e si guardano troppe trasmissioni sportive dove tuttologi e giornalai prezzolati fanno una informazione da schifo e giocano spesso a destabilizzare l’Inter che, si sa, a livello di comunicazione fa abbastanza pena, e dunque il gioco per questi diventa facile.
    Il peggio è che noi ci cadiamo spesso.

    Io non ho mai sentito un nostro dirigente dire che dopo il 30 giugno avremmo speso una fortuna e preso 6/7 top player!

    Era ancora giugno quando arrivò la doccia fredda di Ausilio.
    E la conferenza stampa di Sabatini mi pare fosse chiara in merito al mercato Inter.

    Il resto è frutto di giornalai e della nostra fantasia.
    Poi non nego che magari un paio di grossi nomi avrebbero fatto piacere anche a me.
    D’altronde il tifoso sogna, è normale, ma dire che siamo stati presi per i fondelli dai cinesi, fatta la tara tra il possibile e il non possibile, tra la voglia di riportare l’Inter ai suoi livelli e le difficoltà del momento (fpf compreso), mi sembra francamente sbagliato e soprattutto non vero.

    Questo non significa che io sia del tutto contento e che siamo posto così.
    No, mi pare ovvio.

  94. Niangollan, Vidal ma per stare ai nostri lidi Cambiasso, Maicon (ad esempio). Quando arrivarono in Italia vi ricordate di gente che scese in strada con le bandiere perchè era arrivato il “toppleier” ?
    No
    La maggior parte delle persone invece si sono chieste: ” E questo chi cazzo e’ ?”

    Quindi non fasciamoci la testa prima del tempo, magari un paio di toppleir li abbiamo effettivamente presi.
    Magari dobbiamo solo rendercene conto.

  95. il fatto è che l’Inter è di proprietà cinese e deve in qualche modo sottostare alle direttive del governo; il Milan no, e nemmeno si sa a chi deve rendere conto

  96. “Bambole, non c’è una lira!” Temo che qualcosa di simile, magari in cinese, avranno detto i proprietari a chi, in società, proponeva ulteriori acquisti in perdita, senza prima aver venduto la zavorra negli anni accumulata. Come ho sostenuto in un precedente blog, Suning opera secondo la logica del buon mercante, è un azienda che mira al profitto, magari dilazionato nel tempo, ma sicuro. Io ho una mia idea in proposito. Se al posto del buon Spalletti ci fosse stato Conte, un vincente che nell’opinione generale avrebbe riportato nel giro di qualche mese la nostra squadra nell’orbita delle grandi squadre, i cordoni della borsa dei cinesi si sarebbero allargati come per incanto. E, del resto, Conte non sarebbe mai venuto alla guida di una squadra smandruppata come usciva la nostra dal campionato senza precise garanzie dell’acquisto di giocatori che gli avrebbero assicurato un rapido successo. E questo Suning e lo stesso Sabatini lo sapevano benissimo e col loro insistere per averlo dimostravano la loro chiara volontà di spendere. Svanita quella prospettiva, da buoni mercanti che non si fidano più di come andranno le cose, non hanno più intenzione di rischiare e, caso mai , si propongono di farlo in futuro. Prima vogliono rendersi conto di come andranno le cose. Del resto, fare una colpa a Suning, che ha già investito in una società in odore di fallimento oltre trecento milioni, di non impegnarsi in ulteriori acquisti importanti, ritenuti necessari, ma non decisivi, essendo già la squadra , secondo l’opinione pubblica e i successi del precampionato, ritenuta già competitiva almeno per i famosi quattro posti in Champions, mi sembra segno come minimo, anche da parte di noi tifosi, di scarsa riconoscenza. Dispiace dire certe cose, ma noi, dopo gli sciagurati sette anni di finanza allegra e di acquisti sballati, sul mercato del calcio globale non avevamo altro da offrire che le glorie del nostro passato e un’impressionante zavorra di debito pubblico che ci avrebbe condannato, nella migliore delle ipotesi, ad anni di irrilevanza, se non al fallimento. Non ci inganni l’esempio del Milan. È un’altra mia idea fissa che dietro alla sua sbalorditiva campagna d’estate sta la campagna d’inverno dell’ex che tenterà la resistibile ascesa al governo dell’Italia e conosce benessimo, in quanto detentore dei media che sappiamo, quale forza di convinzione assumano i successi sportivi. Ma non voglio procedere oltre, toccando argomenti che mi stanno altrettanto a cuore come e più di quelli della mia squadra, e che mi preoccupano, da cittadino, enormemente.
    E tuttavia, bando al pessimismo! È la prima giornata di campionato che festeggeremo con una sonante vittoria. Buon campionato a tutti noi.

  97. Amici del blog, la partita di stasera si vedrà anche su youtube come le amichevoli?

    • Ovviamente no. Se vuoi vederla in streaming puoi guardare qui:

      -https://goo.gl/GBR8F3
      -https://goo.gl/gMdW49

      Trovi link in hd e che non richiedono software aggiuntivi tipo acestream/sopcast

  98. Non sono pieni di roba strana?

  99. X stasera sarei anche (moderatamente) ottimista, anche perché se non vinciamo con la fiorentina in casa … Però in generale le perplessità dei commenti precedenti sono condivisibili, la rosa attuale non è male ma prima della fine del mercato dobbiamo prendere almeno un difensore (e francamente non so chi potrebbe essere) e magari anche un centrocampista. Su Schick, a parte il discorso economico, comincio a pensare che neanche noi ci fidiamo completamente che stia bene, cmq Ferrero mi sta abbondantemente sulle palle se lo aveva già venduto due mesi fa non può pretendere di fare aste adesso

  100. Io ieri …un pezzo della juve di merda l’ho visto su youtube

  101. Gobbobuono, cambia. E tanto.

    Se hai vincoli del FFP aspetti fiducioso che finiscano.

    Se hai vincoli col governo Cinese aspetti fiducioso che si superino.

    Se non hai i soldi (come sembra sempre più ovvio) non li hai, e non li avrai MAI. Indipendentemente da quanti frigoriferi venderai.

  102. ed eccoci qua

    nagatomo e d’ambrosio in campo

    brozovic?

    un perisic scazzato

    un candreva, mi sembra, sempre + inutile

    i crack del mercato scorso in panchina…

    ah già

    c’è skriniar!

  103. Mia impressione: con la/il VAR gli arbitri si sentono piú liberi di fischiare un rigore…tanto chissene, c’é la/il VAR, non devo rendere conto a Vinovo.

  104. Ussignur.
    Non vorrei rivedere cose già viste.
    Ma mi pare che l’altra volta Ic le avesse messe più avanti.
    Mah.

  105. Ah, il carro di quelli che non va bene?
    Almeno per ora pare vuoto.
    Si vedrà.

  106. Forza ragazziiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!

  107. Borja, Vecino, Skinjar: tre cessi a pedali. La gggente vogliono i campioni!!11!1

  108. Buon primo tempo, e’ mancato solo il 3-0

    Avanti cosi

  109. skriniar, Borca, icardi una verticale ottima

    var punira’ i falletti dei difensori improvvidi, in questo senso giustificato vendere murillo

  110. Anche los clavadores… i tuffatori.

  111. Primo commento all’ esordio dell’ Inter nel campionato.

    L’unico problema che vedo è il terzino sinistro. Se Dalbert si dimostra meglio di Nagatopo siamo a cavallo.

    La difesa è solida. Il centrocampo è tecnico , l’attacco non era un problema l’anno scorso e probabilmente non lo sarà neanche quest’anno.
    Sono fiducioso.

  112. skryniar il migliore, non è che l’anello debole è Miranda?

    menzione di merito per jm, dacché è entrato quasi perfetto

    la vera novità l’arbitraggio di favore di Tagliavento

  113. Alé.
    Inter: is coming?

  114. Buona partita: ottimi primi 40 minuti. Se devo trovare un difetto il cinismo…Bisogna metterla tutte le volte che possiamo…Secondo tempo così così, ma ci sta un pò di calo…ultimi 15 minuti ancora bene. Domenica con la Roma ci sarà un buon banco di prova.

  115. sembra che si sia ancora tutti vivi.
    e ora vediamo di conquistare Roma e nel frattempo mettere a posto un paio
    di cosucce tipo il jap e brozo.

    Forza Inter Sempre.

  116. I
    car
    di

    Notte

  117. Icardi, Skriniar e Perisic su tutti!

    Joao Mario per Brozo e Dalbert per il Jap sarebbe più sensato…

    Stasera tutto bene, ma la trasferta di Roma dirà qualcosa di più.

  118. Tagliavento una bella sorpresa. Forse ci voleva la var?
    Sono contento che Perisic sia ancora qui. Però occhio, la viola non era tostissima ed è andata subito in affanno.
    Stiamo a vedere….

  119. 3 alla Fiorentina varranno pur qualcosa…o sono più pesanti 3 al Cagliari o 3 al Verona o 3 al Crotone?!

  120. Quanto varrà questa vittoria lo vedremo nelle prossime settimane. Per ora registriamo molte note positive e pochi dubbi.
    Se facciamo il paragone con la prima partita di campionato di una anno fa , mi sembra che sia tutt’altra musica.

  121. Faccio una considerazione. Quest’Inter presenta un centrocampo con caratteristiche molto diverse da quello degli anni passati. nessun incontrista puro (Kondo, Medel) ma solo giocatori di geometria e/o di passo (BV, Vecino, Brozovic, JM, Gagliardini).
    Che si sia finalmente svoltatato , lasciandoci alle spalle la visione Manciniana ( e anche Mazzarriana ) del centrocampista – cazzuto, picchiatore – in favore di un tipo di centrocampo più portato al palleggio e in definitiva più moderno ?

  122. Non è che se uno fa il mediano deve essere negato a giocare e bravo solo ad interdire_ Lele Oriali, assurto a principe della categoria, oltre a correre e menare, sapeva giocare eccome; e segnava pure gol pesanti ! I cugini ne sanno qualcosa..
    Nell’ultima Inter euromondiale il mediano di fatto era Cambiasso, che si fa fatica ad etichettarlo “solo” mediano, attesa la sua grandezza_ Tanto per dire che se uno dei mediani sarà Vecino o Borca o JM o lo stesso Epic in versione connessa,gente che sa anche fare qualche passaggio, il gioco di squadra ne guadagnerà_

    infine un centrocampo storico:
    Matteoli
    A.Bianchi Matthaus Berti

    Dov’era il mediano/falegname? non c’era, ma c’erano solo giocatori che sapevano fare entrambe le fasi_

  123. Sono d’accordo. Sta di fatto che negli anni passati eravamo pieni di incontristi e quest’anno non ne abbiamo nemmeno uno.

  124. Comunque,finalmente si è vista una SQUADRA…Tutti a remare nella stessa direzione, a soffrire assieme quando serve…è già una gran cosa…speriamo non si scolli tutto alle prime difficoltà (che potremmo incontrare già domenica). Siamo partiti talmente forti che non ho capito se la Fiorentina sia una buona squadra o meno…Domenica sera ne sapremo di più.

  125. Infatti, non è obbligatorio giocare con un mediano incontrista che mena…

    La storia dice che salvo rare eccezioni, tra un mediano che pensa e uno che mena, la prima soluzione è sempre quella più proficua…

    Non so a voi l’effetto che ha fatto ma vedere Borja Valero lì in mezzo, mi ha ricordato tantissimo il Cuchu

  126. Bene così. Il vero valore delle squadre si vedrà dalla terza giornata in poi, a mercato chiuso. Però, vivaddio, godiamocela!
    🙂

  127. In effetti anche a me pareva essere tornato in campo Cambiasso, poi mi hanno detto che era Borja Valero.

    Dal secondo verde ho potuto vedere bene le qualità di Joao Mario che veniva giu proprio di fronte. Però troppo facile giocare quando stai sul due a zero.

    Candreva pensionato sembra un parastatale (Ma veramente lo vuole Conte?)

    Nagatomo quasi perfetto. (quindi sul filo della sufficenza)

    Skriniar quasi perfetto. (Ora dirò un eresia…mi ricorda Facchetti…sarà per via dell’altezza).

    Bravi tutti.

  128. Niente post per celebrare il buon inizio?

  129. Il 2° gol di Icardi proprio non lo commenta nessuno?

    Non sia mai che a qualcuno venga l’orticaria…

    La clausola da 110 vacilla

  130. Stacco imperioso

  131. Bicchiere mezzo pieno: l’approccio alla gara; il centrocampo tecnico e finalmente con dei tempi di gioco più che accettabili; Skryniar ottimo al debutto a San Siro in una partita da tre punti; Perisic dentro la squadra e voglioso; Icardi subito a macinare gol.
    Bicchiere mezzo vuoto: la Viola è poca roba, povero Pioli gli han venduto tutti; ad un certo punto nel secondo tempo si è rivista un pò di confusione e ansia: se entra il 2-1 finito sul palo non so…; Brozovic sulla trequarti dopo un’estate a provare lì JM o Borja: potrebbe essere l’assaltatore di Spalletti, invece è sempre lui.

  132. A me Pioli pareva il cantante dei REM.

  133. Che dire della reazione del Milan?
    Pensate se ci fosse un giornalismo serio in Italia!
    La D’Amico ( no, dico, la D’Amico) paladina della libertà di espressione.

  134. Pioli, anche ieri sera, ha dimostrato di essere un “normalizzatore”, uno che rischia sempre pochissimo.

    Nella ripresa, quando eravamo in difficoltà, ha tolto il Cholito per Babacar. Se li avesse lasciati in campo insieme avrebbe potuto farci male…

    Mi chiedo, ma se non rischi qualcosa quando sei sotto 2-0 a 20′ dalla fine, quando mai?

    Quello dell’assaltatore alla Nainggolan resterà un problema di difficile soluzione. Si alterneranno JM e Brozo, nella speranza che con il tempo e le indicazioni di Spalletti possano interpretare meglio il ruolo.

  135. Mancini primo
    Mourinho primo
    e adesso primo pure Spalletti.
    Ma cosa vogliamo di più!?

  136. Buongiorno a tutti.
    Buona la prima.

    Contento per la vittoria e preferisco tenere il profilo basso, sia perché siamo alla prima e lo scorso anno alla quarta giornata dopo Inter Gobbi ci davano candidati al titolo, sia perché alla Viola hanno fatto sei acquisti nell’ultima settimana altrimenti non avrebbe avuto neanche 11 titolari.

    Molto bene l’approccio alla gara e molto bene i nuovi Borja e Skrinjar che hanno confermato il buono del pre campionato rivelandosi i migliori in campo.

    Molto bello il gol di Icardi, che conferma doti realizzative fuori dal comune, d’altronde , nonostante io non sia un suo estimatore , non ho mai negato questo suo pregio.

    Molto positivo lo spezzone di gara di Joao M. che ha dimostrato di essere tra “gli adattati” al ruolo di trequartista forse il migliore.

    Se invece vogliamo trovare delle cose su cui migliorare, certamente la solita mezzora di amnesia che fa si che si possano riaprire le partite apparentemente a senso unico, reparti spezzati zero pressing e difesa bassa.

    Spalletti nel precampionato era preoccupato per questo aspetto infatti disse che da una squadra ci si può aspettare un calo durante una partita ma non che smetta di giocare proprio, e se mezz’ora la regaliamo ad una squadra forte invece che alla Viola di ieri allora son cazzi……….

    Quindi Spalletti dovrà lavorare molto su questo aspetto.

    I soliti noti sono i primi ad andare in confusione, Naga e il ciondolante croato su tutti.

    Speriamo che nell’immediato futuro i due nuovi acquisti Dalbert e Cancelo si integrino in modo da poter diventare titolari al posto di Naga e Dambro e poi mi aspetto da qui al 31 due difensori centrali e un trequartista o esterno offensivo con dribbling e cambio di passo.

    Speriamo bene

    Amala!!!!!

  137. Per chi pensa che Icardi sia un problema, e anzi IL problema…

  138. a parte il solito, dannoso, Icardi un buon debutto.
    xò troppi momenti in cui la palla ce l’avevano sempre gli altri, e la sensazione di recenti fantasmi che ancora aleggiano sul campo
    sabato sera se ne saprà di più

  139. Flavio. Candreva è quello che ha corso di più, 11,4 km, e se d Ambrosio regge lo so deve anche a lui. Come pensionato non c è male!!!

    • Si sa che con l’età (e Settore ne è testimone) si tende ad aumentare la distanza : dal mezzofondo si passa al fondo, dal fondo alla maratona.
      Il parastatalismo sta nel non tentare mai l’uomo contro uomo, ma il rassicurante passaggio indietro a D’Ambrosio, poi , ci mancherebbe che non tenga la fascia; ma se aspettiamo lui temo tanti 0-0.

      p.s. mi scuso ma come riferimento ho negli occhi Berardi, problema mio.

  140. qual’è la motivazione per cui durante l’attesa della decisione VAR non fanno vedere replay in TV e ma per tutto il tempo la faccia dell’arbitro??

  141. Su Berardi concordo anzi io ci spero ancora!!!

  142. I cali sono dovuti alla squadra nel suo complesso e segnatamente ai centrocampisti.
    I reparti si allungano e il centrocampo non riesce a fare le due fasi.
    La difesa va in affanno.
    È in mezzo che serve corsa e fosforo.
    Ma anche gli attaccanti devono partecipare, accorciare.
    È un problema tattico ma anche di testa.

    È su questo che bisogna lavorare sia come società che come allenatore.

    Ieri bastava che invece del palo la palla andasse in rete ed ecco che tutto, anche il buono che hai fatto n 1° tempo, si rimette pericolosamente in discussione.
    Se succede con questa Fiorentina la sfanghi, se invece c’è la juve o il Napoli sono problemi grossi.

    Vedremo con la Roma, già test importante.

  143. Anch’io!
    Berardi sarebbe un upgrade, ma se i tempi delle trattative sono questi …

  144. Ok capisco che gli episodi possono cambiare la partita, ma anche per noi.
    Voglio dire se Perisic non impazzisce e tira o la passa bene a Icardi, se Maurito controlla bene sull’ errore della difesa viola che lo ha messo davanti al portiere , se Brozovic invece di tirare dal limite la passa a Perisic che ha lo specchio della porta aperto… il primo tempo finisce 5-0 per noi e poi la viola può prendere tutti i pali che vuole.

  145. @Orabasta

    Si tu hai ragione se guardiamo e sommiamo gli episodi. Poteva finire 7-2

    Rimane però il fatto che sei andato all’intervallo sul risultato di solo 2-0 per cui ne eri consapevole e non puoi ripresentarti in campo così molle e lasciar iniziativa così agli avversari seppur scarsi perché poi ci vuole poco a rovinare tutto.

    E su questo siamo molto perseveranti.

    Se proprio non ce la fai con le gambe a fare pressing come nei primi 25 allora prova a controllare la partita ma difendendo tutti e 11 belli compatti, invece i viola arrivavano sulla tre quarti saltando il ns centrocampo con facilità estrema.

  146. Partita di ieri ben giocata, a tratti davvero divertente.
    Spalletti, finora, sta facendo un lavorone, anche considerando la base di partenza e la velocità con cui è riuscito a dare un sistema di gioco.

    Ha ragione chi dice che se loro hanno preso un palo, noi abbiamo avuto 3 o 4 occasioni (Vecino, Joao Mario, Brozovic, Perisic) che erano più gol che no.

    Ottimi i nuovi: Borja Valero finché non ha finito la benzina è stato il cardine del nostro gioco; Vecino è ovunque, si vede poco ma si sente un casino; Skriniar, se è questo qui, abbiamo fatto 13

    (ci vado coi piedi di piombo, per evitare un secondo caso Murillo)

    Però, purtroppo, i momenti di difficoltà di cui giustamente fate menzione, sono figli di una squadra che continua ad essere incompleta.
    Pupi72, per dire, ha notato che la Fiorentina saltava il centrocampo con troppa facilità ed è vero, concordo. Perché, appunto, manca un mediano puro.

    Spalletti ha cercato di rimediare con Gagliardini, ma serviva qualcuno un po’ più “tosto”. Insomma, serve un interdittore da inserire quando si tratti di blindare il risultato.
    I terzini sono sempre quelli e ci manca quella punta supplementare che ci avrebbe permesso di chiudere prima la partita e di non farci venire i sudori freddi quando abbiamo visto Icardi zoppicare in campo

    (e infatti quando Mauro s’è fatto male siamo stati meno incisivi avanti).

    Ora vediamo sto Cancelo, pregando Iddio che Dalbert non sia quello contro il Betis, anche se pare che entrambi non spicchino per attitudini difensive.

    Felice per la vittoria, ma non riesco a non farmele girare perché quest’anno sarebbe bastato davvero poco…

    Ultima cosa: noi un rigore a favore e uno inventato non dato a sfavore
    (e l’arbitro era Tagliavento)

    I gobbi un rigore a sfavore dopo solo una giornata.

    Fantascienza fino a due mesi fa.

    Non venitemi a dire che la Var non funziona.
    Le polemiche ci saranno lo stesso, per carità, ma stavolta, sui casi eclatanti, gli arbitri non potranno girarsi dall’altra parte.

  147. Se stai vincendo 2-0 non puoi rientrare per il 2° tempo con l’aria sbarazzina e molle di ieri, perché se ti fanno gol si riapre tutto e l’inerzia psicologica della partita, a quei punto, passa pericolosamente in mano ai tuoi avversari!

    Insomma devi chiuderla subito! E stare sul pezzo.
    Ora questo è quello che fa una squadra forte.
    Naturalmente non voglio fare le pulci a questa prima partita, ma voglio solo dire qual è il giusto atteggiamento che deve avere una squadra che punta ai primi posti.
    E questo infatti è quello di cui si lamentava ieri Spalletti.
    Non a caso.

    E ricordo che i blackout, nelle passate stagioni, sono stati una costante decisiva per le nostre sventure sportive.
    Quante partite abbiamo pareggiato o perso proprio per disattenzioni dovute proprio a cali di concentrazione e di intensità?!
    A blackout improvvisi e inspiegabili?

    Se non miglioriamo su questo poi tutto il resto è difficile.

  148. Si ma anche gli anni scorsi (non solo ieri sera) saltavano il nostro centrocampo, eppure avevamo un sacco di incontristi e di mediani tosti.
    Com’è?

    • Perché Medel veniva spesso arretrato in difesa e Kondogbia andava tra alti e bassi, a volte non veniva schierato oppure recuperava il pallone ma lo perdeva subito.

      Più in generale, quando c’è il casino tattico e atletico a cui abbiamo assistito lo scorso anno, i primi a risentirlo sono quelli del centrocampo.

  149. Mmmah!…
    (Per la prima parte)

    Quest’anno non ci dovrebbe essere il casino tattico e atletico, o no?
    (Per la seconda parte)

  150. Capire Spalletti.

    Ho ascoltato l’intervista nel dopopartita Mediaset e folgorato sulla via di Damasco ho sbobinato la risposta di Spalletti a Giovanni Galli.
    Il nostro mister dopo l’ovvia tiritera dell’inviato e della conduttrice, sollecitato sul piano tecnico dal’ex portiere della Fiorentina e della Nazionale cambia passo e sciorina il suo verbo:

    “Emmmh..Noi chiamandoci così (siamo l’Inter,ndr) , abbiamo l’obbligo di costruire, abbiamo l’obbligo di tentare di iniziare l’azione.
    E’ chiaro che ci saranno dei momenti , come sono avvenuti stasera, dove la Fiorentina non t’ha dato la possibilità e devi per forza alzare e andare a giocare addosso alle punte, andare a caccia del rimbalzo…però…spesso hanno forzato l’uomo-contro-uomo sui due centrali con i suoi centrocampisti; bisogna per forza riuscire a liberare uno dietro ai loro due mediani, per forza, o di…o di… rinterzo indiretto o direttamente bisogna andare a trovare il giocatore che poi riesce a girarsi e andare a puntare la linea difensiva.
    Perchè noi dobbiamo essere contenti se vengono ad attaccarci, cioè la Fiorentina ha dimostrato subito di essere una squadra che ha la mentalità nonostante i giocatori gli siano arrivati all’ultimo momento, perchè la Fiorentina ha fatto vedere di avere una organizzazione per venirci a pressare…loro ci possono venire a pressare ma quando vengono a forzare l’uomo-contro-uomo e Icardi mantiene lunghi i due centrali, nel settore centrale del campo sei in uno in più, quello dobbiamo riuscire a renderlo pratico quel vantaggio numerico e invece ..molto..ehmm..abbiamo avuto difficoltà nella mezz’ora centrale, a palleggiare , a venire incontro, quando loro poi forzavano il due-contro-due sui centrali e riuscire a fare possesso palla, ecco.
    E’ chiaro, poi, ci sono , come ho detto prima, dei momenti che bisogna buttarla e dei momenti dove bisogna tentare di andare subito dietro la linea difensiva, perchè loro stannno corti, non essendoci spazi tra le linee.
    Allora si va subito a giocare sulla profondità e sullo spazio dietro, come è avvenuto grossomodo sul primo gol, sul rigore di Icardi, che è stata alzata la palla e giocata dietro la linea difensiva, lui è stato bravissimo con quella rotazione a controllare la palla e a proteggerla dall’avversario da grande campione e ha procurato il calcio di rigore.”

    Il “rinterzo indiretto” è sublime!

    Un grande!

  151. Ho seguito i mondiali di atletica e tutte le volte che ho visto correre, saltare o lanciare un italiano mi sono fatto una domanda: ma a questo chi ha insegnato? Siamo indietro cento anni rispetto ad altre paesi, ma dove si vuole andare?

  152. internaz

    Se Spalletti, come penso, ha fatto le cose per bene nella preparazione atletica il disastro dell’anno scorso non dovrebbe verificarsi.
    In tal senso, il calo del secondo tempo di ieri è un buon segnale, significa che entreremo in condizione con calma, come fanno le grandi squadre.

    Però c’è da dire che diversi acquisti la preparazione non l’hanno fatta con la squadra, e questo potrebbe generare dei problemi

    (ma ripeto, dovremmo essere distanti dai casini dello scorso anno).
    Non a caso Spalletti, ma non solo lui, vale per tutti i tecnici, gli acquisti li chiedono il prima possibile.

    Magari ricordiamocelo alla prima stecca, che il problema parte sempre dai casinari con la cravatta.

  153. Mah. Io vedo un sacco di squadre senza incontristi che fanno la loro porca figura e subiscono poco o nulla. Se la squadra è corta e compatta può tranquillamente fare a meno dei kondo, dei Medel, dei Felipe Melo e via scarseggiando.

  154. Concordo.
    Però devi avere gente che da del “tu” al pallone e che corre.
    Per il resto per me va bene.
    Basta coi fabbri ferrai nel calcio (oh, mio padre era un fabbro, ma non giocava a pallone :-))

  155. Spalletti alla “supercazzola” gli fa ‘na sega!
    Grande!

  156. È morto Guido Rossi….

  157. Gobbobuono

    che tu non capisca una sega

    noi lo avevamo capito

    nomen omen

  158. Parlando ancora di VAR
    Avete avuto modo di approfondire il problema Dybala?

  159. Ciao Guidone, hai fatto più tu in un mese che la storia del calcio italiano in 100 anni_ Grazie_

  160. Guido Rossi, illustre giurista che provo’ ultrasettantenne a mettersi al servizio della FIGC: ” …il mondo del calcio non è riformabile…” disse poco prima di dimettersi. Ora chiaramente il web è intasato di idioti gobbi che festeggiano la sua morte insultandolo. Sono proprio gli italiani a non essere riformabili.

  161. Cosa puoi aspettarti da chi ha insultato Facchetti per 10 anni, da chi innaggia a Superga e da chi augura cancri ai bambini??!!
    Sono bestie e come tali bisogna trattarle.

  162. ..e a 19 anni picchia padre di famiglia per uno striscione…

  163. Lungi dal giustificare, c’è però da dire che si dovrebbe sapere che se prendi un biglietto in curva (in tutte le curve d’Italia) :

    a) scordati di rivendicare il posto assegnato dal tuo biglietto.
    b) vedi tutta la partita in piedi
    c) ti accontenti di vedere dei frame di partita tra lo sventolio delle bandiere.

    E’ giusto così?

    Il tifo esuberante della curva è necessario?

    Il calcio come spettacolo è più assimilabile al teatro o al concerto rock?

    Per contro allo stesso prezzo è quasi sempre possibile, visto lo spopolamento degli stadi, trovare posto in analoga posizione (nel caso di San Siro un bel secondo Blu).

  164. I gobbi dimostrano con la loro acredine la propria malafede
    Come nelle ‘ali della libertà ‘ : sono tutti innocenti, li ha fregati l’avvocato!
    Oppure dicono che se ci fossero stati gli Agnelli non sarebbero stati condannati. Un po’ come se toto riina dicesse che se Andreotti fosse stato ancora al governo nonsarebbe nemmeno stato arrestato
    Confermano solo di essere volontariamente e consapevolmente Ladri.
    Cosa nota in tutto il globo terracqueo

  165. Tre considerazioni sulla partita di domenica sera.
    Prima di tutto mi ha stupito la partecipazione straordinaria di pubblico per una partita dal risultato abbastanza scontato e dopo i disastri della passata stagione. Per me, che ho sempre diffidato della nuova proprietà, di cui non ho ancora compreso bene il motivo dell’acquisto e quali siano le strategie, è un motivo di fiducia sulle capacità di resistenza della tribù interista anche agli eventi peggiori, una specie di garanzia di sopravvivenza , nonostante tutte le avversità e le scelte dei nuovi padroni, del nostro glorioso club.
    In secondo luogo l’utilizzo della moviola in campo, verso il quale continuo a mantenere notevoli riserve, perché se ne riconosco l’utilità in talune circostanze, in altre , di più difficile e controversa interpretazione, ritengo che , se il suo uso non verrà rigidamente disciplinato con criteri certi e uguali per tutti, finirà per far perdere tempo e accrescere , anziché spegnere sul nascere, sospetti e polemiche. Nel caso , per es. , del rigore non concesso, le varie testimonianze filmate non mi sembra abbiano dissipato in alcun modo il dubbio a favore dell’una o dell’altra tesi.
    Infine il giudizio sulla partita, che ha accresciuto i miei dubbi sulla reale consistenza della squadra anziché dissiparli, dopo le prove a mio parere più promettenti del precampionato. Pur riconoscendo che la squadra, almeno rispetto alla passata stagione, è meglio messa in campo, molto corta e compatta, più disciplinata e sicura a centrocampo, tuttavia mi sembra che conservi intatti alcuni difetti del passato, come la discontinuità di gioco , caratterizzato da lunghe pause nelle quali lascia che l’avversario, tutt’altro che irresistibile e quasi domato, prenda le redini del gioco e faccia ballare a lungo e pericolosamente la nostra difesa. Infine, le polveri bagnate dei nostri attaccanti, con l’eccezione di un Icardi in grande spolvero. Ma non possiamo affidare ad un solo uomo , e per di più poco e male servito, tutta la responsabilità del gol, come è accaduto spesso nella passata stagione. Non sarei invece troppo severo nei confronti dei due terzini. Temo che i due futuri sostituti ce li faranno rimpiangere, come, e mi rendo conto che vado contro l’opinione di tutti, rischiamo di dover rimpiangere anche il famigerato Kondo, che, almeno quand’era in condizione, era un autentico frangiflutti davanti alla difesa, come non sanno esserlo né Vecino né Gagliardini. Ma tant’è, solo le future partite ci permetteranno di valutare più precisamente pregi e difetti della creatura di Spalletti. Siamo solo agli inizi dell’avventura.

  166. @scettico Il Var è all’anno zero. Per poter giudicarne l’impatto ed apportare accorgimenti bisognerà mettere insieme una casistica. Ad oggi, si osservano meno scene isteriche in campo tra i giocatori, cosa che non mi spiace. Sul nostro centrocampo: uno come Borja mancava dai tempi del cuchu, peccato che del cuchu abbia quasi gli stessi anni (esagero) e non garantisca i 90 minuti. Cala lui, sono d’accordo con te, si rivedono ansie di gestione e rinculo. Sull’interditore puro si è espresso anche il mister: genere in via di estinzione. Servono centrocampisti che facciano bene le 2 fasi, non Kondo. Vecino e Gaglio sono bravini, non campioni almeno per ora. Vero, per puntare alla CL sevono altri gol oltre alla ventina di Maurito e dozzina di Perisic (volendoli dare per scontati). La squadra appare migliorata (Dalbert non mi sembra un crack e Cancelo ad oggi mi risulta di difficile collocazione) ma non in modo tale da aver colmato il gap con la Roma (non parlo di Juve o Napoli) e ahimè con il Milan.

  167. Ottimo esordio, si vede che la squadra ha un sistema e prova a giocare la palla a ritmi finalmente da professionisti e non da scapoli contro ammogliati. Estirpato il cancro Medel, forse il più scarso degli ultimi 30 anni, a me il centrocampo piace così com’è. Per essere completi mancherebbe un acquisto per reparto, vediamo che succede prima del 31…

  168. Mah. Sono ovviamente contento del risultato e di quanto visto nella prima mezz’ora. Se ripenso alla partenza dello scorso anno sarei anche fiducioso. Ma se penso alla seconda parte del 1 tempo e alla prima del 2 confermo quanto scritto tempo fa e cioè che non vedo queste grandi differenze rispetto a quanto visto un anno fa. La Fiorentina poi mi è sembrata una squadra Primavera. Aspettiamo sabato contro un altra squadra che è un cantiere aperto guidato da un mister nettamente inferiore al nostro. Si può vincere.

  169. Ma se Cancelo è un’ala più che un terzino,non ci avanza un Candreva?Se un centrale o una seconda punta sono una necessità e non c’è una lira per prenderli,e dal mercato in uscita non si fa un euro,rinunciare a Candreva non potrebbe essere la soluzione?

  170. Pare sia impossibile completare la rosa anche perché il mercato in uscita è bloccato dai solito noti…

    Non si riescono a piazzare (nemmeno in prestito), i soliti Jovetic, Ranocchia, Santon, Gabigol, ecc…

    Li vogliono gratis e con l’ingaggio in parte pagato dall’Inter…

    Evaffancubo!

    • e d’altra parte tu Santon,Ranocchia,Nagatomo li prenderesti se non aggratis?

    • Forse neanche gratis

    • Solo il Milan piazza 3 dei suoi al Genoa di cui uno lapadula gli scuce persino 11 mil…..
      Dico 11 mil spesi dal Genoa e tra altro verso una squadra che ha bisogno come nessuno di vendere .. e non d itemimche fasson e Mirabelli sojo bravissimi

  171. Il Var ha dimostrato anche un’altra cosa interessante: che contro l’Inter i calciatori avversari cascano in area perché sanno che avranno rigore.

    Stavolta, purtroppo, non se la sono sentiti di dare un rigore farlocco dopo averlo visto 10 volte.

    I fiorentini possono annaspare quanto gli pare, ma quello non ci andava manco vicino ad essere un rigore.

  172. L’unica cosa che mi ha interessato dei mondiali di atletica è quella gnoccolona di Dafne Schippers.

  173. A me ha impressionato il livello della finale di salto con l’asta femminile.

  174. http://www.fcinter1908.it/copertina/musmarra-interiscoming-avallato-da-suning-blocco-governativo-e-reale-il-caso-colidio-spiega/
    http://www.fcinter1908.it/primo-piano/ex-consulente-di-emre-mor-richieste-assurde-da-parte-dellinter-vi-spiego-tutto/
    Ora: sono solo rilanci di testate ricolme di pennivendoli; il FFP non è un’invenzione e l’abbiamo detto e ridetto; ciascuno la racconta portando l’acqua al suo mulino. Ma leggere queste piche righe rende l’idea, secondo me, dello stato dell’arte in cui si muovono i nostri vituperati DS. E del perché i bersagli grossi sono sfumati tutti (Schick probabilmente sarà l’ultimo).

  175. Le testate online sono ricolme di rilanci di pennivendoli, ok; il FFP non è un’invenzione e l’abbiamo (l’ho) detto e ridetto; ciascuno ricostruisce le vicende portando l’acqua al suo mulino, va bene. Ma l’idea che mi sto facendo è che i nostri vituperati DS (compreso il docente universitario) si siano ritrovati ad operare con margini di manovra e linea “proprietaria” cambiati in corso d’opera. Fallendo tutti i bersagli grossi (e Schick sembra destinato ad essere l’ultimo della lista) non (esclusivamente) per colpe proprie.

  176. Sinceramente, pur con tutta la comprensione possibile e tutte le giustificazioni del caso, tenendo conto pure che il mercato non è ancora chiuso: è una totale delusione.
    Sembra di essere tornati all’era Fraizzoli; da tifoso mi sento preso in giro tenendo conto solo delle varie dichiarazioni societarie di questi mesi ed aggiungo senza considerare le minchiate quotidiane dei vari pennivendoli.
    Non che mi aspettassi DiMaria o giocatori di primissima fascia, ma non riuscire neanche a prendere uno Schick qualunque, rimanendo con una rosa buona, ma incompleta … dai, siamo l’ Inter, sembriamo una squadretta qualunque …
    poi Spalletti è bravo, ok, la squadra ci sorprenderà, ma resta la sensazione del vorrei, ma non posso …

  177. @Gus
    Mi piace conversare con te, ma, al solito, il piacere deve essere reciproco e soprattutto, se di polemizzare si tratta, che non sia fine a se stesso, ma serva a capire meglio quello di cui si discute. Se però la cosa ti disturba o ti annoia, sai come fare.
    Sono fondamente d’accordo con te sull’uso della moviola in campo: diamo tempo al tempo, nella speranza che i lati positivi, che indubbiamente ci sono, mettano in ombra quelli negativi, che, almeno in teoria, ci sono anch’essi , non si spiegherebbe altrimenti il fatto che le regine attuali del calcio, Spagna e Inghilterra, siano tanto riluttanti ad adottarlo. Io per natura sono diffidente di tutti i ritrovati tecnologici che tendano a modificare radicalmente dall’interno qualsiasi genere di spettacolo, nato con determinati requisiti, cambiando i quali, finisce per cambiare radicalmente quel tipo di spettacolo in uno diverso, migliore o peggiore non importa, ma altro da quello originale. Sono, per es. appassionato di cinema e prediligo il cinema in bianco e nero rispetto a quello a colori, anzi sono convinto che l’uso del colore non abbia affatto migliorato la qualità artistica del prodotto cinematografico secondo le intenzioni per cui gli artisti lo avevano confezionato. Dirai: è questione di gusti. Mica tanto. Se tu scorri le filmografie dei maggiori registi del secolo passato, ti accorgerai che i loro più riusciti capolavori sono in bianco e nero, come se il successivo uso del colore ne avesse frenato la vena creativa. Intendiamoci , la tecnologia cambia il mondo e ci cambia e in un’epoca in cui si legge un film nello schermo di un minuscolo telefonino nessuno certo si sogna di tornare al bianco e nero. Però si tratta di un altro genere di spettacolo. Ora, per tornare calcio, questo genere di spettacolo, nato assecontando tutte le virtù e le debolezze di noi esseri umani, man mano che la tecnologia lo cambierà dall’interno, rischia di perdere proprio quei connotati umani che nel bene e nel male lo caratterizzano e lo rendono così affascinante. E questo mi preoccupa.
    Non condivido invece la tua osservazione sulla sparizione del mediano di interdizione e di recupero ( non esiste, né mai è esistito , un interditore puro, per la necessità, una volta recuperata la palla, di servire un compagno in maniera costruttiva) , un tempo si diceva, più correttamente, di contenimento, che era , ed è, un ruolo difficilmente eliminabile al centro della difesa, sia che si scelga la marcatura a zona o quella sull’uomo. Si credette, con il calcio totale, di poterne fare a meno, secondo l’illusione del tutti attaccanti e tutti i difensori, ma in realtà in tutte le squadre è presente sopra la difesa, accanto al metronomo che detta i tempi del gioco, il combattente addetto al recupero dei palloni, faticando in un lavoro poco appariscente ma necessario , per sbrogliare in maniera energica e decisiva i nodi che si vengono a creare in quella zona nevralgica del campo, a sollievo dell’estrema difesa. Ora, ognuno vede e giudica la partita secondo un suo personale punto di vista, ma nessuno può ritenere che Kondo non possedesse i mezzi tecnici e atletici per assolvere al meglio quel ruolo accanto allo spagnolo, e questo lo pensava e lo aveva dichiarato esplicitamente lo stesso Spalletti, che però non gli ha dato piena fiducia nelle partite precampionato , facendolo giocare con continuità in quel ruolo, ma alternandolo con altri e quindi dando la sensazione al giocatore, che aveva bisogno di una spinta psicologica, che il suo posto non fosse sicuro. Poi il malaugurato lancio al portiere e il gesto irresponsabile di rinuncia che sappiamo hanno reso impossibie la sua permanenza. A me rimane la sensazione di una grave perdita per la squadra, non solo perché non abbiamo attualmente un giocatore valido in quel ruolo, ma anche perché sono sicuro che se l’allenatore del Valencia, che è un ottimo allenatore, saprà prenderlo per il verso giusto, ne ricaverà un giocatore di assoluto valore in un ruolo che è tutt’altro che in estinzione ( vedi l’importanza di Koulibalj nel Napoli e l’acquisto recente di Matuidi da parte della Juve, per dare più consistenza al proprio centrocampo).

  178. Lo vogliamo chiamare , come un tempo, il mediano di spinta?

  179. Io l’era Fraizzoli non l’ho vissuta, ma 4 anni senza mai prendere una prima punta credo che sia uno scandalo per una squadra che si chiami Inter (e non solo, diciamocela tutta).

    Non c’è sanzione della Uefa che possa parificare i danni, sportivi ed economici, che stiamo subendo.
    Con una simile prospettiva, anche quei pochi giocatori di spessore che abbiamo alla lunga se ne andranno, il caso Perisic è sintomatico in questo senso.

    Per forza che poi siamo costretti a svendere.

  180. @scettico La polemica fine a sé stessa proprio non è il mio registro, mi spiace averti dato quest’impressione. Rispetto alla figura dell’interditore puro in via di estinzione, riportavo l’espressione di Spalletti. Certo fossero vere le voci su Duncan…
    @tutti sorry per i due commenti sopra praticamente identici, ma quello con i link era finito in moderazione e non volevo lasciarvi senza il mio imprescindibile parere sul nostro mercato…

    • Mi scuso a mia volta della cattiva impressione che non ho avuto affatto e la pianto con le scuse per non sembrare di conversare in un salotto di cicisbei. Prevedendo un post eccessivamente lungo (come al solito! Invidio te ed altri del blog che riuscite ad essere sintetici) giustificavo anche la possibilità dell’ assenza di una tua ulteriore risposta. Apprezzo che tu sia riuscito a giungere sano e salvo alla fine del papiro. Tutto qui.

  181. Certo che se è vero che la Roma ha fatto alla Samp un’offerta migliore della nostra,che Ferrero spinge in quella direzione e senza però che l’affare sia ancora concluso,potrebbe davvero essere che il ragazzo vuole solo l’Inter(che bella questa frase).Quest anno saprei che maglia comprare.

  182. #sectoriscoming

  183. ma quali sono questi nomi di spicco che avreste voluto comperare?
    è da due mesi che ripetete le stesse cose…
    io trovo che la squadra sia competitiva: 3 gol in apertura e contro la fiorentina, che comunque non è nè il crotone nè il verona, non mi sembra un avvio deludente.
    preferisco un squadra con le balle dure e ben organizzata piuttosto che la solita ciurma incasinata con un pezzo da 90 in mezzo che non serve a un cacchio.

  184. In effetti tolta quella decina di top player (che tutti se li tengono o se li vendono sono fuori portata) non vedo gente in grado di ribaltare da sola una squadra.
    Già stiamo scontando gli errori di vecchie campagne fatte per raccattare (a prezzi alti) qualche nome che oggi fatichiamo a sbolognare.
    Rimetiamoci in carreggiata poi vediamo, magari, già a gennaio con le idee un pò più chiare, conoscendo meglio ciò che manca veramente e dove intervenire per migliorare.

  185. juve imbolsita, milan di dilettanti allo sbaraglio: riportiamo a casa lo scudo noi così come siamo,
    che napoli e roma come al solito fanno tanto cinema ma dopo…
    Poi per la cenpions i nomi grossi si vedranno.

  186. Peccherò di eccessivo ottimismo, ma secondo me la squadra è gia buona cosi com’è.
    Per me sulla carta è da terzo posto, se poi il Napoli e la Rube dovessero fare una stagione ammerda….

    ehhh allora si potrebbe anche sognare.

  187. https://ilneroelazzurro.com
    Se vogliamo portarci avanti…

  188. Per me mancano: l’alternativa ad Icardi; il centrocampista con i gol nelle gambe; il giocatore che “strappa” e crea imprevedibilità; il giocatore che può rompere il match entrando dalla panchina; i gol su punizione; un esterno valido per far rifiatare Candreva/Perisic (Cancelo è stato preso per fare il terzino); un centrale difensivo affidabile. Va inoltre vinta la scommessa Joao Mario; Gaglio e Vecino devono dimostrare di essere da Inter. Troppi punti interrogativi per pensare alla CL o addirittura sognare altro. Tutta pressione su Spalletti, ma chi lo sa, magari trova il suo habitat.

  189. Inter, Suning cambia strategia: “Si compra solo se prima si incassa”
    A inizio agosto cambio di strategie improvviso di Suning dopo le direttive del governo cinese. Un cambio di rotta che ha di fatto costretto Sabatini e Ausilio a mollare affari praticamente chiusi (fra questi, Pellegri Salcedo ed Emre Mor) e che ora mette seriamente a rischio l’operazione Schick. E l’eventuale addio alla punta ceca sarebbe un autogol clamoroso per tutto il mondo interista, proprietà in testa.
    Tutto questo sulla “cazzetta” di oggi.

    Bah, magari non sarà vero quanto scritto su questo articolo ma, se analizziamo il rallentamento repentino sulle operazioni di entrata che c’è stato in questo mese di agosto, la cosa comincia a preoccuparmi e non poco.

  190. io invece continuo a domandarmi dov’e’ la maglia dell’Inter; quando la (ri)troverò la comprerò certamente, anche se di un Giapponese e non di uno Schick

  191. non è bello che settore scriva prima x il nero & l’azzurro (blog x altro pregevole, anche se non ci conversa nessuno…) piuttosto che qui…..

  192. Sono sempre più perplesso su Schick ora pare che il giocatore “voglia solo l’Inter” (vabbè) e che stiamo offrendo qualcosa come 37 milioni in 3 anni, ma a condizione che giochi un tot di partite (cioè che non rispuntino problemi fisici) visto che è stato rispedito al mittente dai gobbi, mi pare anche normale che un acquirente voglia cautelarsi un minimo, allora Ferrero che cavolo vuole? Oppure la nostra offerta deve essere ancora approvata da Suning? Boh …

  193. @Dawide
    Capisco il tuo ragionamento sul poter essere competitivi senza per forza dover andar a prendere grandi nomi, purché siano funzionali e concordati col mister e che abbiano caratteristiche che completino la rosa.

    La descrizione degli elementi mancanti in questa rosa che ha elencato sopra @Gus e che ormai si sono ripetuti all’infinito in questo blog un po da tutti, è incontestabile.

    Una squadra per arrivare in fondo ed ottenere un obiettivo deve per forza avere diverse opportunità per vincere una partita perché non se ne può vincere 38 facendo gol col cross dalla linea del fallo.

    Si può fare anche battendo un calcio piazzato, oppure inserendo nel secondo tempo un giocatore che divide in due le difese avversarie e crea così spazi in più anche per Icardi ecc ecc.

    Per farti un esempio, magari con le squadre come la Fiorentina riesci a vincerle con questo tipo di giocatori, mettiamo invece che stiamo perdendo o pareggiando a Roma, squadra concorrente per lo stesso obiettivo, siamo a metà secondo tempo, vorresti provare a vincerla, chi inserisci?

    Eder?
    Brozo?
    Gabi?
    Gaglia?

    È chiaro che un bel trequartista col dribbling e gol nelle corde ci vorrebbe, oppure un attaccante esterno da alternare al crossatore seriale……….

    Ecco che uno Schick o un Keita farebbero comodo da morire.

    È ormai evidente che la strategia della Società sia cambiata in corso d’opera per cause esterne, e man mano che passano i giorni sembra che la risposta sia proprio la limitazione degli investimenti del governo cinese, ma perché qualcuno dei tanti stipendiati della nostra Società non ha fatto un comunicato? Era chiedere troppo?

    Altrimenti non credo ci saremmo trovati ad una settimana dalla fine del mercato con soli due difensori centrali e cercando di acquistare giocatori last minute stile Galliani elemosinando prestiti a destra e sinistra che rischiano di farci saltare trattative che stavamo per chiudere a causa del cambio di formula, vedi quella di Schick.

    Spalletti ha cmq portato aria nuova e positiva, e questo ci rende un po più tranquilli e meno incazzati rispetto al cambio di rotta sul mercato.

    Aspettiamo comunque questo benedetto 31 agosto e vediamo.

  194. Sono daccordo. Ma non mi sembra che le altre abbiano portato a casa ‘sti gran fenomeni. Il milan ha preso bonucci… il resto è dello stesso livello dei nostri. Il napuli non ha preso nessuno. La roma i suoi li ha venduti…la juve è l’unica che ne ha presi un paio buoni.
    Ha comperato sicuramente di più il Mancio allo Zenit!!

  195. I grossi calibri girano ad altre latitudini.
    Keita vuole solo la juve…
    Scihck è un’incognita…
    Proviamo altre strade.

  196. Se Suning dichiara che non puo´ spendere la vendita degli abbonamenti si riduce drasticamente, meglio stare zitti e aspettare la fine del mercato…

  197. Cioè, l’idea è che stiamo zitti?
    Così, per sapere.
    O siamo sconvolti dal VAR?
    Sempre per sapere.