Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Aprile 29, 2019
di settore
218 commenti

I Gufi tipo (cronaca in leggera differita)

Se martedì sera, con il vostro culo appiattito sul divano e con una Peroni ghiacciata in mano, vedrete in totale relax Tottenham-Ajax e non (devastati dalla tensione) Tottenham-Juve una ragione c’è, e mi pregio di raccontarvela. La ragione è che i Gufi sono vivi e lottano insieme a voi.

Diciamo intanto che la stagione 2018/19 dei Gufi era proceduta a sbalzi paurosi. In contumacia avevamo festeggiato l’eliminazione dei gobbi in Coppa Italia, che ci coglieva di sorpresa nell’intimità delle nostre reciproche case e ci toglieva l’incubo peggiore, la sia pur residuale opzione Triplete. Poi la prima riunione per Atletico-Juve, serata esaltante, e la seconda per Juve-Atletico, un drastico ritorno alla realtà (Cholo, tu quoque). In cerchio davanti alla porta di casa der Pomata, dandoci appuntamento a un’indeterminata prossima volta, guardavamo le nostre facce da funerale: “Adesso vedrai che avranno culo al sorteggio ecc. ecc.”. Sorteggio: Ajax. Poi la vincente di City-Tottenham. Vabbe’, quattro messaggi su Whatsapp ed eravamo già tutti d’accordo per sabato 1 giugno: “Dovete esserci tutti, se le donne vi fanno problemi lasciatele”, “Io porto la birra”, “Io il salame”, ecc. ecc.

Ajax-Juve: facciamo finta di niente, ce la vediamo a casa, rassegnati. Juve-Ajax, Er Pomata ha un sussulto d’orgoglio: “Stasera tutti uniti come un sol uomo a fianco dei Lancieri di Amsterdam”. Vabbe’, non deludiamolo. Mi chiama Er Quadricipite: “Andiamo insieme?”. Ok. Ci troviamo in periferia a Pavia, dove lascio la macchina con la paura di tornare e trovarla appoggiata su quattro file di mattoni. Andiamo con quella der Quadricipite, che a un certo punto, a una rotonda fa:

“Qui la sera di Atletico-Juve avevo sbagliato strada. La risbaglio”. “Ma così la allunghiamo di 30 chilometri”, faccio io allibito. “E chi cazzo se ne frega, vamos!”, ribadisce Er Quadricipite puntando il muso della Golf verso la direzione sbagliata. Quando arriviamo a destinazione, sia pure in ritardo, c’è solo Er Pomata. Er Pagnolada ha appena mandato un messaggio denso di disperazione in cui dà forfeit innalzando al Signore un potente “Juve merda”. “Niente, siamo solo noi, più Er Monnezza e Er Condominio che stanno arrivando”.

Cioè, Er Pomata, Er Monezza, Er Quadricipite, Er Condominio, Er Blogghe: la formazione tipo. Nel corso di questi cinque anni di grandi sofferenze e immani gioie ci siamo schierati in varie formazioni, fino all’apoteosi di Juve-Atletico, così numerosi che c’era anche il secondo anello. Ma quando tutto ebbe origine (Juve-Benfica, semifinale Europa League 2014, gufata per evitare la finale a Torino) eravamo proprio noi cinque, i fondatori, gli uomini del destino.

Ci guardiamo, ma non diciamo niente.

L’atmosfera è molto distesa, siamo preparati al peggio, anzi, lo diamo per scontato. Solito ricco buffet prima della partita. Parliamo del più e del meno (Inter, Juve, figa) senza nemmeno accorgerci che la partita è iniziata. Er Pomata ulula dal salone delle feste: “Venite su, barboni!”.

Il nuovo salone delle feste der Pomata – inaugurato con una doppia cerimonia laica e religiosa in occasione della prima gufata stagionale – è così composto: mobili antichi, preziosi broccati, divani e poltrone d’epoca, arazzi del Seicento inglese, lampadari di cristallo e un mostruoso televisore 180 pollici appeso al muro. Per motivi scaramantici, Er Pomata ha sconvolto l’ordine dei posti. Davanti al televisore adesso c’è un trumò veneziano, mentre poltrone e divani sono in curva. Boh, ci sediamo. Io sono tra Er Condominio e Er Quadricipite, su una sedia curule c’è Er Pomata e lontano, nel settore ospiti, Er Monnezza.

“Scusate amici – fa Er Pomata schiacciando tasti del telecomando a caso – sapete dirmi il significato di questo messaggio che talvolta mi appare in sovrimpressione e che mi scassa il cazzo?”

“Vuoi passare al 4K?”

“Certo che vuoi passare al 4K, dammi ‘sto cazzo di telecomando. Ma dove vivi, a Vinovo?”, fa un già nervosissimo Er Monnezza. A parte questo, regna una certa serenità. Addirittura, quando CR7 segna l’1-0 mi scappa una frase oggettivamente precisa e soggettivamente densa di significati: “Beh, non cambia niente, no?”

Ci guardiamo, ma non diciamo niente.

Al gol di Van de Beek invece diciamo alcune cose, non tutte riferibili, zompando tutti e cinque abbracciati e provocando sull’antico palazzo der Pomata l’effetto di un terremoto del 4,5 in Pakistan. “Tranquilli, c’è una piccola lesione al muro maestro, ma domani chiamo qualche moldavo a controllare”.

Fine primo tempo. Er Pomata impartisce le solite istruzioni dell’intervallo: “Chi deve bere, mangiare, pisciare, cacare, telefonare, eseguire esercizi ginnici, sistemare pratiche, scrivere articoli, sedare disordini, fare acquisti on line, prenotare vacanze, assoldare prostitute, insomma, lo faccia entro l’inizio del secondo tempo”. Er Condominio: “Posso dormire?” “Sì, ma solo 15 minuti”.

Al fischio dell’arbitro siamo di nuovo tutti assiepati. E il giovane Ajax comincia a) a fare un culo pazzesco alla Juve e b) a sbagliare molti gol, le quali cose fanno salire la pressione a tutti. Alla terza occasione fallita da Ziyech, Er Monnezza si libra in tuffo sotto il televisore macchiandosi di razzismo territoriale e cacciando un urlo bestiale: la mitica forbicina portafortuna, che da Juve-Benfica porta sempre in tasca, lo ha infilzato in zona parainguinale. “Scusa, Pomata, credo di essermi trafitto l’arteria femorale, se chiamassimo il 118 con tempestività potrei evitare il dissanguamento”. “Non rompere il cazzo proprio adesso, ti do uno straccio per tamponare la ferita, non hai mai visto Rambo?”.

Il tempo di sedersi e De Ligt inzucca il gol del 2-1. Scoppia un delirio che dura un paio di minuti, al termine del quale ci accorgiamo che Er Quadricipite ha un’espressione seria e spaventata. “Che c’è, avevi scommesso la casa sulla combo Juve qualificata-no goal?” “No, credo di avere ingoiato lo stecchino”. Cioè il moncherino di stuzzicadenti che tiene in bocca dalla sera di Juve-Benfica. “Ah vabbe’, cazzate”. “Scusa Pomata, posso recarmi un attimo al più vicino ospedale per sottopormi a una lavanda gastrica? Magari torno in tempo per le interviste del dopopartita, oltre a evitare una peritonite”. “Ma sei fuori? Ti do un Gaviscon”.

Al 79′ l’Ajax segna il 3-1. In piena trance agonistica, mi alzo, apro la finestra e lancio un urlo tipo Tarzan. Er Pomata fa di corsa tutta la stanza tipo Tardelli ai Mondiali ’82 e prende in pieno il bicchiere che Er Condominio aveva appoggiato per terra. Il bicchiere schizza contro il termofisone in ghisa prussiana e niente, non si scheggia nemmeno.

“In hoc signo vinces”, dice Er Condominio abbracciando Er Pomata. Si mettono a piangere.

Io sto ancora urlando frasi sconnesse alla finestra. Mentre sento qualcuno dire “porca troia, annullato” perdo l’equilibrio e cado dal primo piano direttamente sul tetto della macchina der Pomata. “Annullato, cazzo”, dice lui affacciandosi e guardando verso di me. “Scusa, hai la Kasko vero?”, gli faccio contrito. “Ci guardo dopo, vieni su che manca ancora un casino”. “Credo di avere riportato una leggera commozione cerebrale e di essermi rotto alcune costole e almeno un femore. Se chiamassimo il 118? Facciamo ricucire l’arteria al Monnezza e mi faccio dare un’occhiata”. “Torna su subito, cazzo, ho l’acqua ossigenata ma la prendo dopo”.

La partita finisce con sollievo generale, compreso quello della Juve presa piacevolmente a pallonate per un numero indefinito di minuti. Al piano terra partono i baccanali. La quinta stagione di successi va in archivio con una spaghettata celebrativa e un gelato che er Pomata ritrova in fondo al frigo: c’era ancora attaccato il prezzo, in lire. Ma nessuno dice niente per non turbare l’atmosfera di festa. La Juve non ci ha tradito nemmeno questa volta. Se non fosse che la odiamo, quasi la ameremmo.

share on facebook share on twitter