Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

Dicembre 27, 2018
di settore
232 commenti

Mi fate schifo

Non volevo scrivere niente di questa robaccia  pre-durante-e-post Inter-Napoli – per enorme e insopportabile frustrazione, più che altro -, ma leggo che il presidente federale dice che, dopo lunghe riflessioni, si è deciso di far giocare regolarmente la serie A (davvero c’era qualcuno che aveva pensato di sospendere il campionato per la morte di un pluri-Daspo vittima della sua stessa violenza? No, davvero??), e leggo che il ministro degli Interni ha twittato che “a inizio anno convocherò al Viminale i responsabili di tifoserie e società di serie A e B, affinché gli stadi e i dintorni tornino a essere un luogo di divertimento e non di violenza. Vedremo di fare quello che non sono riusciti a fare altri”. E dimmi, Matteo, di preciso, che cazzo hai fatto di recente, a parte abbracciare e baciare come fosse tuo fratello uno dei peggiori capi ultrà dell’emisfero boreale, vantandotene come un bambino dell’asilo?

Ogni volta che le cose ti sembrano minimamente cambiate, in questo assurdo minuetto che è il calcio italiano fai un enorme passo indietro dopo averne fatto qualcuno in avanti, impercettibile ma che ti aveva aperto un pochino il cuore. Pensi che cose come quelle accadute ieri prima di Inter-Napoli non possano più accadere, tanto meno a Milano, e invece accadono, a Milano. Dico la prima delle pessime cose che sto per scrivere (e che è solo una selezione delle pessime cose che mi verrebbero realmente da dire): del “tifoso” morto non me ne frega niente. Non doveva essere lì, non doveva fare quello che ha fatto, insieme ad altri che sperino paghino tutto e fino in fondo. Basta con le mezze misure, le mezze parole, basta con questo ipocrita e schifoso meccanismo autoassolutivo che riguarda le cose da stadio. Basta. IO sono un tifoso, non loro. IO e le migliaia di altri come me  che allo stadio vanno a vedere la partita e a prendere cornetti Algida mezzi sciolti o caffè Borghetti a prezzi da strozzo. A me dei neonazisti che vanno in giro con coltelli e mazze ferrate non me ne frega un cazzo. Morite? Beh, diciamo un’altra pessima cosa: ve la siete andata a cercare.

Della delinquenza comune e squadrista fuori dallo stadio non c’è molto altro da dire. Non mi ha fatto impressione la morte, con quella dinamica, in quello scenario: (dico un’altra pessima cosa) cinicamente, sì, ci può stare. Del resto a me non capiterà mai di morire mentre assalto una carovana di tifosi di opposta fazione. Mi ha fatto solo impressione “via Novara”, perchè quando vado a San Siro parcheggio all’ospedale San Carlo e via Novara l’attraverso due volte. Fine dell’impressione, contento di non essere stato lì.

Due giornate a porte chiuse? Un’enorme cazzata, un’immane cazzata concettuale. IO, e con me altre decine di migliaia di tifosi, non ho fatto nulla. NOI non abbiamo fato nulla, e NOI, noi, siamo i veri tifosi. Non quelli che fanno agguati in via Novara, quelli che puncicano, quelli che ululano ai neri e si divertono un casino. NOI, non loro. E NOI dobbiamo stare a casa? L’amico di Blood & Honour fa il fenomeno, qualche centinaio di subumani fa uh-uh-uh e alla fine pagano bambini, pensionati, ragionieri, sciure? IO? Complimenti, bravi, viva il calcio, quello pulito. Si poteva chiudere solo la curva, che sarebbe stato comunque un provvedimento esagerato – la curva è mica solo merda, per carità, ci sono anche zuzzurelloni come me che vanno solo a fare il tifo per l’Inter e io gli sono grato perchè urlano e cantano più di me -. Ma l’avrei accettato di più, da tifosotto. Del resto, per me gli stadi potrebbero essere solo due rettilinei di spalti paralleli: se al posto delle curve ci fossero solo due voragini, non piangerei.

E veniamo agli ululati. Dai, sì, ditemelo ancora: volete essere liberi di insultare, certo, ok, “se Koulibaly è nero non lo posso insultare?” Certo, amico mio, certo, ma provo a spiegartelo con parole povere: se urli “Koulibaly, fai schifo, impara a giocare, tua sorella è una donna facile” è un insulto, se invece fai il verso della scimmia a un giocatore nero, amore mio, questo è razzismo, il più puro, tradizionale, atavico, schifoso, putrescente modello elementare di razzismo. Piantiamola, davvero, con questi distinguo da terza media. Il razzismo è sdoganato, tranquilli, i razzisti sono al governo qui come in buona parte del mondo. Sei razzista? E allora dillo, Cristo, dillo e non mi rompere il cazzo. Sii razzista, dichiaralo, nessuno ti dirà nulla, anzi, in certi consessi farai pure bella figura. Sii razzista senza raccontarmi delle storielle penose – una volta, i razzisti veri avevano le palle -. Il problema è che questo razzismo, come dire, è “normato”, e se c’è da sanzionare si sanziona, se c’è da pagare si paga. Tu fai uh-uh-uh, la tua squadra giocherà due giornate a porte chiuse e tre senza curva e per te, amico razzista – che sai che funziona così -, per te è tutto normale, per te va bene, ti senti contento, ti senti la vera vittima di questo sistema che punisce il razzismo e non quel pezzo di merda che ti ha venduto un biglietto a dieci volte il suo prezzo? Chi è il vero tifoso dell’Inter tra noi due, amico uh-uh? Fate pace con il vostro cervello, state a casa qualche domenica, andate al centro commerciale, tagliate le siepi, guardare la D’Urso, giocate alla playstation, fate una passeggiata con i figli, andate all’Ikea con la moglie. Queste sono le vere pene che dovrete patire, nazistelli dell’Illinois.

share on facebook share on twitter

Dicembre 19, 2018
di settore
238 commenti

Godfellas, Steve Jobs e il ragazzo dei cocktail

La cena di Natale nei nostri beniamini è un rito che da sempre il popolo interista segue con un brivido: resta una partita da giocare prima della Notte Santa e questi si strafogano di panettone. Vabbe’, facciamo finta che tutto sia a posto e procediamo con il pagellone.

Icardi (famiglia): 8. Qualsiasi cosa facciano (una vacanza, una Bentley per il compleanno, un rinnovo che dura mesi, un cucchiaio dopo una partita drammatica), sono su un’altra dimensione e noi umani non siamo in grado di giudicarli.

Skhriniar e Brozovic: 5. La posa “epic” in casa Inter è un must, diventato però un pochino scontato, come posare con i gladiatori fuori dal Colosseo o con Salvini a (segue elenco con 727 situazioni diverse). Nel caso specifico, i nostri due beniamini la usano come pretesto per fare a gara a chi ce l’ha più grosso. L’orologio, dico. Una sfida che poi è proseguita con una scazzottata di mezz’ora nel bagno degli uomini e poi con 96 birre al bar di Maicon.

Moratti (famiglia): 7. Come non volergli bene?

De Vrij (famiglia): 7. Il buon Stefan è visibilmente il più contento di tutti alla festa, per due ragioni. La prima si può desumere dalla foto. La seconda è che alla Lazio era abituato in un altro modo: rapida bicchierata con Igli Tare davanti al distributore del caffè, cui seguivano una veloce seduta di schiaffo del soldato con Parolo e Caicedo e la distribuzioni dei pandori rubati nell’intervallo di Chievo-Lazio.

Naiggolan (famiglia): s.v. Non ci sono parole.

Miranda e Joao Mario: 7,5. Eleganti e simpatici, sembrano la versione 2.0 degli Imagination. Secondo un sondaggio Doxa, il 34% degli interisti davanti a questa foto non ha saputo distinguere chi dei due fosse Miranda e chi Joao Mario. Potrebbe essere un escamotage interessante per la lista Uefa.

Marotta, Spalletti, Zhang, Antonello: 6. Superato il primo momento di sconcerto (“Ehi, ma chi cazzo hanno invitato? Ah no, scusa”), va osservato come i nostri fantastici quattro si mettano con naturalezza in posa plastica tipo Monumento nazionale del Monte Rushmore, nel South Dakota, con un certo qual risultato scenico.

Candreva: 5. Non si capisce perchè si presenti al party di Natale vestito come una comparsa di Guerra e Pace. La verità viene a galla durante la serata: la colpa è di Brozovic, che gli aveva detto che prima della cena bisognava passare al rosario di un suo vecchio zio croato.

Lautaro Martinez: 6. Si veste come Michael Madsen nelle Iene, dello sguardo assassino già sapevamo. Non si è fidanzato male.

Keita (famiglia): 7. L’insieme è notevole, pare di essere al cenone del Billionaire. Preso singolarmente, Keita va premiato per il tocco di genio stilistico: il cappottino cammello portato a spalla. Senza, poteva assomigliare al vincitore del premio Tony Binarelli al teatro Lirico di Dakar.

Gagliardini: 5,5. Il look a metà tra Marcello Mastroianni e Steve Jobs non conferisce in automatico a Gagliardini l’autorevolezza che Spalletti chiede in campo. Ma è un primo passo verso l’autonomia di pensiero: dopo aver visto Politano in smoking, è corso a casa a cambiarsi.

Politano: 5. E’ chiaramente fuori ruolo. Se ne accorge quando Marotta, che non lo riconosce, gli dà 10 euro di mancia e gli chiede di portargli il cappotto.

Berni, Ranocchia, D’Ambrosio: 8. Sembra una foto del backstage di Godfellas: Scorsese ha appena finito di girare nel ristorante con Ray Liotta e Joe Pesci e la crew posa davanti al fotografo. L’effetto suscià della coppola di Berni, vestito come il campione rionale del torneo di freccette di Bristol, restituisce all’insieme un alone di struggente tenerezza, quel tocco alla Ken Loach che fa tanto figo in un’accolita di miliardari. Ranocchia faccia d’angelo, D’Ambrosio più volte scambiato per il ragazzo dei cocktail.

D’Ambrosio (famiglia): 5,5. Per portare la moglie vestita a quel modo (all’esterno la temperatura percepita era 18 sotto zero), D’Ambrosio ha dovuto noleggiare un motorhome climatizzato che gli è costato come i premi partita di mezzo girone d’andata.

share on facebook share on twitter

Dicembre 12, 2018
di settore
274 commenti

Oltre

Nella mia personalissima tabella-qualificazione, avevo sfrondato tutte le possibilità secondarie e mi ero prefigurato due soli scenari per la sesta e ultima giornata del gironcino di Champions: 1) vinciamo, il Tottenham non vince a Barcellona, e quindi passiamo il turno; 2) vinciamo, ma vince anche il Tottenham e quindi pazienza, bravi, abbiamo fatto il nostro, usciamo alla pari con la seconda per una fottuta questione di gol facendo 10 punti in un girone del genere, sono triste, devastato ma orgoglioso e perciò lo accetto. Non mi ero nemmeno posto il problema che con il Psv si potesse non vincere – il Psv matematicamente quarto, eliminato e senza alcun obiettivo che non fosse quello di fare la sua dignitosa figura. Non me l’ero nemmeno posto dopo un quarto d’ora – palo per noi, gol loro, che sfiga, ma adesso li riprendiamo, che ci vorrà mai?, e poi il Tottenham sta pure perdendo, forza. Dopo mezz’ora invece ero disperato sul divano, perchè era evidente che stavamo facendo una partita di pessimo profilo, in preda all’agitazione, un’agitazione che era anche quella di dar via veloce la palla a un compagno a caso sperando che ce l’avesse lui, un’idea (ma nessuno ne aveva una), e con alcuni uomini che non giustificavano la loro presenza in campo e forse nemmeno nell’Inter in senso lato. Ho stancamente ripreso a smadonnare a secondo tempo inoltrato (quando almeno avevamo ricominciato a tirare, un barlume di lucidità, tirando può anche essere che si segni), sono imploso al gol del Capitano e poi mi sono afflosciato quando, poco dopo, ho visto la squadra fare melina a centrocampo invece di cercare il gol-sicurezza, un tiki-taka funebre che ha coinciso col pareggio del Tottenham – il minimo che potesse capitare – e allora giù, all’assalto, sperando nella garra charrua, nel caso, nel culo. Non va sempre bene. Sipario.

E noi, noi tifosotti?

Punto primo: non ci si può negare il diritto di esseremolto delusi e incazzati, perchè l’Inter ieri sera ha fatto una partita molto deludente che ci ha fatto, appunto, molto incazzare. E’ una situazione oggettiva, non è pianginismo, severgninismo, bertolismo, disfattismo, non è niente di tutto questo. E’ che butti nel cesso un sogno (magari a breve termine, ma chi se ne frega) insieme a un’opportunità servita su un piatto d’argento, quella di vincere una partita (non contro Barcellona, Real, City, no, in casa contro il Psv già eliminato) e di dare un significato a tutta una stagione. Adesso sei fuori dalla Champions e quel che è peggio fai sbiadire i ricordi epici di Lazio-Inter e Inter-Tottenham, che davano a tutti noi l’immagine nitida di una squadra imperfetta ma pazza e con i controcoglioni. Erano due ricordi Champions. E invece guarda che sfacelo concettuale, che merda.

Punto secondo: adesso però facciamo tutti un bello sforzo – noi e la società, la squadra, l’universo Inter – e guardiamo oltre. Abbiamo trascorso una nottata a twittare su quanto è perdente Spalletti, su quanto fa schifo Perisic, su quanto è finito Nainggolan eccetera eccetera. Ecco, va bene tutto, ci siamo sfogati?, prendiamo atto e mettiamoci un punto. Un punto e virgola, almeno. Non è accettabile – dall’ultimo dei tifosotti in su – dire che “come ogni anno la nostra stagione finisce a dicembre”. Non è vero. La nostra stagione – la seconda parte, almeno – inizia tra tre giorni, ore 18, stadio Meazza, Inter-Udinese. Non è finito un cazzo a dicembre, se non la nostra Champions suicida. C’è da arrivare almeno quarti in campionato (e se ce l’abbiamo fatta l’anno scorso, sant’iddio…), c’è da andare avanti il più possibile nei giovedì di Europa League (o preferite Masterchef?), c’è da vincere (da vincere, punto) la Coppa Italia. C’è un sacco di roba da fare, se lo vogliamo almeno un po’. Se ci verrà il magone a sentire la musichetta suonare per gli altri, è solo per colpa nostra. Ma non continuiamo la nostra stagione a piagnucolare come sciampiste davanti a Beautiful. Il famigerato “percorso di crescita” non è solo questione di musichetta. E’ anche dimostrare la dignità, l’orgoglio, la forza di andare oltre ogni inciampo. Sennò cambiamo nome, e confondiamoci nel gruppo.

share on facebook share on twitter