Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

gennaio 27, 2016
di settore
265 commenti

Inferiors

ju

Tre pere dalla Juve sono sempre una brutta cosa. Nello specifico, anche peggio: perchè ti accorgi che oggi loro sono meglio di noi, molto meglio. Ne avevo un sospettuccio dopo che nelle ultime 5 di campionato avevano fatto 10 punti in più. Ora, avendoli visti per 90 minuti di fila, avanza qualche certezza ulteriore: non c’è molto confronto, oggi. Oh, magari tra un mese ce ne sarà di più: visto che dovremo affrontarli due volte in quattro giorni (prima campionato, poi ritorno di coppetta), più che una speranza la chiamerei esigenza: bisognerà essere diversi, metterci una garra diversa, puntare la porta non come fosse una mera eventualità. O switchiamo da questa condizione di mezzi fantasmi a un qualcos’altro, o sono cazzi.

Mi piacerebbe potermi lamentare dell’arbitro (meglio tenere un profilo basso stasera), oppure dire che con un bel 4-0 si passa il turno e via, si va in finale: non è tanto per l’eccessivo ottimismo che non lo dico, quanto perchè per fare quattro gol bisogna tirare bene per almeno quattro volte in porta, e oggi per noi è un’impresa tipo Tre cime di Lavaredo. Chissà se con Eder cambierà la solfa. Adesso ho solo tanta voglia di piangere, vedendo i gobbi festeggiare la vittoria rotonda e anche l’imprevedibile ritorno in vita di Morata, che allunga la lista storica delle resurrezioni che abbiamo agevolato dalla fondazione a oggi. Anche questo è stile. Forse.

share on facebook share on twitter

gennaio 25, 2016
di settore
200 commenti

#epicmerda

lasagna

Spettatrice distratta post hangover con la Lazio, sostanzialmente culattona con l’Empoli, sprecona ma mai superiore con il Sassuolo, inguardabile con l’Atalanta, inqualificabile con il Carpi. Questa è stata l’Inter nell’ultimo mese. Cinque punti in cinque partite, 1 punto nelle ultime tre  in casa (non con Real Barcellona e Bayern ma con Lazio Sassuolo e Carpi). In queste cinque partite 4 gol, di cui un’autorete e uno a porta vuota. Sì, c’è stata anche la vittoria di Napoli, ma – come direbbe il giudice sportivo – era Coppa Italia e ha effetto solo in Coppa Italia. L’effetto in campionato, invece, è quello che facciamo oggi: schifo, purtroppo.

Avevamo lasciato l’Inter a Udine, ebbra di un 4-0, e là è rimasta. Non è evidentemente colpa dei party di Natale. Se fai 5 punti in un ciclo di 5 partite medio-facili (3 in casa e 2 fuori) in cui puoi ragionevolmente pensare di portarne a casa 13 (bilancio -8) prima che il calendario si faccia ben più insidioso, beh, allora più che smaltire i brindisi vuol dire che hai abdicato. Oggi abbiamo preso un gol in casa al 92′ da una squadra in 10. Non ci sono cazzi, questo è abdicare. Non è il fato, non è la sfiga, no. E’ abdicare di testa e di gambe, perchè non ci sono altre spiegazioni. Le ultime tre partite in casa se ne sono andate a puttane così, prendendo un gol nel finale. Tre su tre. Un po’ come per gli 1-0 in serie: se la statistica si fa pesante, non è (più) un caso.

Effettivamente siamo stati in bilico per settimane e settimane su un meraviglioso strapiombo in cui tutto ci andava quasi sempre bene: bastava un golletto e bastava che il nostro portiere parasse anche le scoregge. E’ una situazione molto a rischio, in effetti: perchè se ti va bene ogni volta è una goduria, ma se segni sempre e solo un gol, agli altri basta poco per fotterti. Del tutto o almeno parzialmente tipo oggi, che ti caghi in mano mentre un Lasagna qualsiasi fa la cosa che tu non hai fatto per 90 minuti: catapultarsi con voglia su un pallone invitante.

E anche questo – giocare non al cento per cento, traccheggiare in attesa della doccia, tirare poco come se tirare costasse qualcosa – è abdicare, abdicare a se stessi e ai propri obiettivi. Era bastata una sconfitta (che all’epoca potevamo considerare casuale, quella con la Lazio) per sentir dire dai nostri condottieri che il nostro obiettivo vero era la Champions, non lo scudo. Che sarà anche così, per carità, ma dirlo una settimana dopo aver condotto la classifica con 4 punti di vantaggio – con noi tifosotti belli gasati e la garra delle grandi occasioni – mi è sembrato così frettoloso e superficiale che mi era scappato un mezzo vaffanculo.

Ora, dopo Inter-Carpi, e al culmine di un mini-ciclo di 5 partite di merda, dovremmo dire – per l’evidenza dei fatti, più che altro – che il nostro vero obiettivo è l’Europa League. E, you know, sarebbe un disastro.

Restiamo al quarto posto, per carità. Ma siamo qui a guardare le terga della Signora dopo averla osservata a lungo arrancare da lontano: solo che loro, i gobbi, nelle ultime 11 partite hanno fatto 13 punti più di noi. Il Mancio parla dopo la partita con qualche sfumatura pesante del tipo: mi sono rotto i coglioni in generale, e due o tre dei miei giocatori me li hanno rotti in particolare. Bel clima, per una squadra che fino a qualche settimana fa andava avanti a sorrisoni,  selfie, champagne e #epicbrozo. Adesso andiamo nel panico se attacca il Carpi, questa è la cruda realtà.

share on facebook share on twitter

gennaio 20, 2016
di settore
235 commenti

Vedi Napoli e poi frocio

image

Non sapremo mai come sarebbero stati i titoli di domani, i titoli veri, i titoli puri, se si sarebbero soffermati sull’Inter brutta che però vince, o sull’Inter con Jovetic e senza Icardi, o sull’Inter che fa cacare ed è in semifinale di Coppa Italia, o sull’Inter che l’ultima volta a Napoli c’erano Ronaldo e Simoni. Tutto si è spostato sul duello rusticano tra Mancini e Sarri, che in effetti – fatti salvi i due gol, uno meraviglioso e uno molto bello – è stato molto più divertente dell’intera partita.

Mancini ha fatto coming out. No, nel senso che ha rivelato con dovizia di particolari cosa si dicono due allenatori durante una mezza rissa a fine match. Cioè, mai avrei pensato che in un campo di calcio ci si desse del frocio. Io ero rimasto a negro di merda, figlio di puttana, portami tua sorella, ti apro il culo, madonna quanto sei scarso, quelle robe lí. Debbo dire che non pensavo ci si desse del frocio.

Certo che Mancini – un po’ come le ragazze di Colonia – se l’è andata a cercare. È chiaro che se mi metti la sciarpetta da mille euro, il cappottino tre quarti, il pantalone a sigaretta, le scarpe da tre stipendi, il capello sale e pepe, la blefaroplastica e quanto ce n’è, è chiaro che l’uomo in tuta ti dá del frocio. Poteva dirti stronzo, imbecille, skipper di merda, invece è andato dritto al punto e ti ha detto frocio.

Sarri ha dei precedenti specifici sul tema frocio, e la cosa dovrebbe preoccupare più lui di noi, perchè magari ti scappa detto in osteria o dopo un Varese-Empoli, ma poi – come certe scoregge che tu pensi sempre di poter domare – ti scappa anche in mondovisione e la faccenda si fa un po’ più spessa. Peccato che ora si incrini un po’ la bella favoletta dell’allenatore operaio molto di sinistra che magari vince lo scudetto epperò dá del frocio al collega che lo ha appena inculato battuto sul campo, ma vabbe’, passerá. Anzi, diventerá un eroe popolare. Magari non un’icona gay – diciamo che qualche fan se l’è giocato – ma un eroe popolare sí, di quelli attaccati a certi valori, non a queste stronzate dei culattoni che si sposano. Un comunista che piace alla destra.

A chi daranno più giornate, a Sarri o al frocio delatore? Questa è una bella domanda.

Intanto, per la cronaca, siamo in semifinale di Coppa Italia. E siamo tornati –  spero non occasionalmente – quelli di due mesi fa, quelli che vincevano facendo vomitare gli esteti del calcio. Che va stra-bene cosí, sia chiaro, va benissimo. Spero solo che la Saiwa non faccia troppe pressioni: partite cosí, con poche emozioni e scorribande a orologeria, fanno crollare i consumi di Orociok e tutti noi sappiamo su quali cazzo di equilibri si regga il mercato della galletta col cacao appiccicato sopra.

 

 

 

 

share on facebook share on twitter

gennaio 16, 2016
di settore
156 commenti

Handa e Benji

cigarini

Abbagliato, come sulla via di Damasco, dal sole che mi batteva contro direttamente dalle onde di uno streaming spagnolo, assistevo – virtualmente sdraiato dietro la nostra porta -all’episodio in cui Sigariiinnniiiii (pronuncia streaming di Cigarini) e Handa, in volo tipo Holly e Benji, si giocavano la partita in un duello manga, avventandosi su un pallone vagante nella nostra area, troppo vicino alla nostra porta, entrambi sforbiciando e tendendo il gambone di ritorno verso la sfera di cuoio (li fanno ancora di cuoio? Nescio).

Ora, bisogna onestamente riconoscere che un fulbar del genere, in una posizione del genere, arpionato in una mezza rovesciata del genere, di solito finisce dentro. Di solito vedi la rete che si gonfia, e anche parecchio, per via della forza del pallone, pum!. No dai, diciamolo. Quindi mi viene da commentare la partita così, un po’ alla Suma e un po’ alla Azimov, un po’ alla King e un po’ alla Paolo Brosio, come una non-sconfitta, o come una sconfitta che vale un punto, o come una para-partita, o come una specie di partita Medjugorje, dove sia pur scetticamente cogli qualcosa di vagamente soprannaturale, del tipo che poi non dici “cazzo abbiamo pareggiato porca merda” ma dici “abbiamo pareggiato, no ma va bene, Bergamo è un campo difficile, non è a Bergamo che devi (aggiungi un verbo), viva l’amore”, cose così.

Cioè, ci è andata bene. E quindi, nel contempo, a una più complessiva analisi della situescion, va male male.

Quattro punti nelle ultime quattro partite, con tre gol segnati, non è esattamente un cammino-scudetto, e rischia di diventare anche problematico in proiezione Champions, il nostro vero obiettivo (non so se avete notato che Inter-Lazio in poi tutti si correggono, “il nostro obiettivo a dire il vero è la Champions”, quelle frasi al ribasso che mi fanno girare il cazzo, con licenza parlando).

E quindi diciamo – se proprio bisogna star lì a non fare i disfattisti, “che se ci avessero detto di firmare (segue resto della frase) – sì, diciamo che non va bene.

Ora, l’unico settore del campo in cui l’Inter attualmente va alla grande è la porta. La nostra. E questo in sè è indice di qualche problema. La difesa è meno gladiatoria di un mese fa (ne prendiamo pochi, per carità, ma sempre più di quelli che mettiamo) e Murillo va resettato come un pc che ogni tanto si pianta. Il centrocampo è in crisi d’identità (che è un po’ la sua condizione naturale, ma a volte questa cosuccia pesa), l’attacco è in crisi, punto, perchè segniamo poco, pochissimo o nulla. Oggi ha segnato uno dell’Atalanta, e meno male. Domenica scorsa di 20 tiri non ne entra uno. Serve un ritiro a Lourdes o una bella sistemata generale, a partire dai singoli cervelli.

Poi c’è il Mancio. Tipo che, tra le altre cose,  io – a gennaio – non avrei fatto giocare uno che – per il diciassettesimo anno consecutivo – stai cercando di vendere entro la fine di gennaio – stiamo parlando del gennaio medesimo, questo -. Oh, magari poi sono particolari (è noto che non capisco). Per fortuna alla fine ha fatto il culo alla squadra, cioè, giusto per marcare i limiti del territorio (va bene pareggiare, ok, ma rischiare di perdere no, ma fare abbastanza cagare no) (ecco).

E comunque non abbiamo perso, quindi bòn, cerchiamo di sollevarci in fretta da questa mediocritas pre e post natalizia. Se Cigarini non ha segnato, forse è stato un segno. In hoc signo svìges*.

(voce del verbo svegliarsi)

handa

(nella foto: cagarsi addosso da un’altra angolazione)

share on facebook share on twitter

gennaio 10, 2016
di settore
154 commenti

Piccioni

210156882-f79c5c68-03c3-4920-b51d-1ecc99ac0e46

Provando a ragionare non sulla singola partita ma sul periodo, l’Inter è un po’ meno Inter da ormai quasi un mese (Udinese-Inter 0-4, era il 12 dicembre) e nelle ultime tre giornate di campionato ha fatto tre punti, vincendo col solito 1-0 a Empoli facendo un tiro (sì, va bene il cinismo, ma temo c’entri anche il culo) e perdendone sanguinosamente due in casa non con Bayern e Barcellona ma con la Lazio (all’epoca dei fatti dodicesima in classifica) e il Sassuolo. Diciamo che non è un gran periodo, ecco.

Oggi ero a San Siro sperando di incassare un titolo di inverno che invece non è arrivato. Non mi sono affatto annoiato, ma un pochino rabbuiato sì. E non tanto per la sconfitta (càpita), non tanto per il rigore (càpita) al 95mo minuto (raro, ma càpita) (ti gira il cazzo ma càpita), non tanto per le dieci occasioni da gol che non si materializzano (càpita: a Empoli, del resto, era capitato il contrario), ma per il culo che ci siamo fatti fare dal Sassuolo (non il Barcellona) in quella vasta fetta di campo che andava dalla nostra trequarti fino a qualche metro dietro la loro metacampo. Tutto quanto elencato prima è legato (anche) al caso: all’Inter di oggi francamente non si può rimproverare molto al capitolo “averci provato”, perchè lo ha fatto, lo ha fatto molte volte di più rispetto ad altre partite magari vinte. Farsi fare il culo dal Sassuolo invece no, è qualcosa di sistemico. E’ qualcosa che mi ha fatto pensare più volte durante la partita che forse no, non abbiamo il profilo giusto, o comunque non l’abbiamo completo. Il profilo della grande squadra, dico.

Una grande squadra oggi la partita la vinceva, perchè il titolo d’inverno non conterà una sega ma è un segnale preciso, e perchè ci aspetta un girone di ritorno complicato, con quasi tutti gli scontri diretti in trasferta e c’è da mettere fieno in cascina, brutalmente, cinicamente, come impilare un 1-0 sopra l’altro, la nostra specialità. Abbiamo una difesa solida, un portiere in stra-forma, un attacco pieno di talento e di opzioni. In mezzo e sulle fasce, purtroppo, non siamo a livello delle altre. Basta un Sassuolo per ricordarcelo.

Ecco, ora che ce lo siamo ricordati, direi di tornare l’Inter di un mese fa. Possiamo farcela, basta volerlo. Il buono che abbiamo ci ha tenuti in alto fino ad ora, a volte anche molto più in alto delle altre. Sul buono che ci manca, invece, spero non cessi la voglia di lavorarci. Oggi – non bastassero quei ragazzoni del Sassuolo – mi ha rabbuiato pure il Mancio, che non corregge granchè in corsa e che (io non capisco, non capisco proprio) aspetta gli ultimi minuti per fare due dei tre cambi, espone ai fischi Kondo (che poteva uscire un po’ prima) e fa scaldare Jovetic mezz’ora per poi farlo giocare quindici minuti scarsi.

Che poi ti tocca uscire da San Siro con negli occhi le peggiori immagini di una giornata che poteva essere diversa. Cioè dopo aver visto nei minuti di recupero Nagatomo farsi fischiare un fuorigioco su azione di calcio d’angolo (roba da Seconda categoria) e dopo aver visto perdere al 95′ una partita da polli. O da piccioni, fate vobis.

I piccioni.

Piccioni : San Siro = Nutrie : Pavia.

Era più forte di me, spesso guardavo i piccioni invece dell’azione. A volte poi azioni e piccioni coincidevano. E quindi sloggiavano. Bene, mi dicevo, si fottano. Li guardavo uscire dallo stadio. E poi rientrare. I piccioni. Manco al campetto. Una squadra che vuole vincere lo scudetto e uno stadio che tra quattro mesi ospita la finale di Champions non riescono a sconfiggere la piaga di nove piccioni che ti cagano il cazzo per tutta la partita. Questa è la cruda realtà. Poi vince il Sassuolo, è chiaro.

share on facebook share on twitter

gennaio 6, 2016
di settore
179 commenti

Il format preferito

icardi

Ancora scottato dalla minchiata immane con la Lazio, ero pronto a chiedere al Vaticano di scomunicare l’Inter, o all’Inter di aderire a un’altra religione: a noi il Natale ogni tanto fa male, diciamocelo, dovremmo evitarlo, e poi ero atterrito dopo la visione delle partite del pomeriggio, con una teoria di squadre tornare in campo senza avere smaltito il cotechino, il panettone o entrambe le cose.

Io non compro Orociok da tempo immemore, ma mi hanno regalato una boccia di Lindt Lindor, una delle cose più buone in natura, e questo periodo senza Inter è trascorso così, tipo Poldo Sbaffini, un Lindor dopo l’altro. Il campionato è fermo e giù Lindor. Poi ricomincia il campionato e giù Lindor. Poi le altre fanno schifo, facciamoci un Lindor. Poi entra in campo l’Inter, ci vuole un Lindor. Poi ero nervoso, ecco, perché l’accoppiata Lindor (prima) e caffè (amaro, dopo) è una roba da sballo, e passi per il Lindor, che si deposita nel girovita e vabbè, ma il caffè rende nervosi. Voi non avete idea di quanti Lindor ci sono in una boccia di Lindor. E’ bellissimo.

Detto questo, rieccoci con il nostro format: 1-0 e a casa. Abbiamo incontrato una delle squadre attualmente più pericolose e toste del campionato: a casa lo stesso, 1-0, raus. Tra l’altro erano già a casa, quindi la cosa è a stretto giro. Il format prevede vittoria per 1-0 e partita così così: perfetto. A me questa replica minuziosa del format provoca una certa eccitazione, anche più forte di trovare una boccia di Lindor sotto l’albero. Infatti vedo già in giro le solite cosucce di contorno: giudizi severi sulla partita, allenatore avversario che dice che non è giusto, brusio nemico, Mancio sarcastico.

Ogni tanto, qualcuno ricorda che (incredibilmente) la capolista è ancora l’Inter.

Abbiamo fatto più punti in trasferta che in casa. Non abbiamo preso gol per l’ennesima volta. Ci manteniamo in debito di culo. Io non me ne vergogno. Anzi, sapete cosa vi dico? Che spero nel condono e zac!, tutti inculati.

share on facebook share on twitter