Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

maggio 23, 2015
di settore
348 commenti

L’uovo di Cracco

han

1 – Palla persa a centrocampo, 2 – Ranocchia e Handanovic che si ostacolano a vicenda, 3 – gol subito. A me questa cosa, il gol del 2-2, è piaciuta un sacco. Cioè, voglio dire, è l’enciclopedia della nostra stagione. E’ come Pavarotti che canta Nessun dorma, è come Keith Richards che fa uno dei suoi riff, è come Benigni che ti recita la Commedia, è come Cracco che viene a casa tua e ti cucina un tuorlo d’uovo marinato con fonduta leggera di parmigiano. E’ la specialità, la nostra specialità. E allora tu vedi perdere un pallone alla cazzo a centrocampo, vedi Ranocchia e Handanovic piombare su quel pallone in netto anticipo ma all’unisono come due bambini dell’asilo di 90 chili spaventandosi a morte l’un con l’altro, vedi la palla dirigersi lemme lemme verso il primo avversario che passa di lì e che ovviamente segna, e tu cosa fai?

Niente, applaudi.

Mi sono alzato in piedi e ho detto: Sublime! Bravi! Bravissimi!

L’arte va capita, e questa è la nostra arte. E’ stato un momento bellissimo. Del resto cosa dite se Paul McCartney vi canta Let it be davanti al naso? O se Carl Lewis vi salta otto metri e mezzo nel lungo nel vostro giardino? O se Totò vi recita la Livella? O se Houdini si libera da settanta catene? O se la Juve fa un bel comunicato stampa? Niente, fate così, applaudite, sublime!, sublime!, perchè è la summa, il meglio. La specialità.

E poi pali, traverse, gol sfiorati, gol annullati, rigori non dati, cagate in difesa, stronzate a centrocampo. E poi l’inculata finale, altra specialità di un campionato trascorso piegati a novanta.

Sublime. Grazie ragazzi per questa partita-bigino, per questa partita-riassunto, per questa partita-dimostrazione, per questa partita-powerpoint. La prossima volta avvertiteci prima, chè ci evitiamo le precedenti trentasei.

share on facebook share on twitter

maggio 16, 2015
di settore
215 commenti

E anche il Bramieri sfuma

image

MILANO (ANSA) – La Juventus, battendo 2-1 l’Inter a San Siro, si è aggiudicata la prima edizione del trofeo “Gino Bramieri”. Il nuovo e prestigioso appuntamento agostano – risposta nerazzurra al trofeo “Luigi Berlusconi” – è stato anticipato a maggio su richiesta della societá bianconera, a causa dei numerosi appuntamenti che attendono gli uomini di Allegri ad agosto: Supercoppa europea, Supercoppa italiana, Trofeo Tim, Trofeo Birra Moretti, rivincita con il Lucento (Supercoppa Alta Savoia), Giochi del Mediterraneo, Universiadi e Us Open. Con la vittoria del “Bramieri” la Juve celebra così il suo pokerete stagionale.

La Juventus si è presentata al Meazza in una pittoresca formazione in cui spiccava Romulo, reduce dalla dichiarazione di morte presunta depositava alcune settimane fa in procura a Torino. Mancini replicava schierando la formazione migliore, cioè un accrocchio senza arte nè parte. Ciononostante, l’Inter si portava in vantaggio con un gol di Icardi, che deviava casualmente in rete un tiro di Brozovic destinato ai tabelloni pubblicitari, e sbagliava sedici-diciassette volte il raddoppio, colpendo anche una traversa con Shaqiri, alla sua prima partita da titolare dopo quattro mesi di panca.

“Raddoppio mancato, sei certo inculato” recita un popolare detto calcistico. E infatti l’Inter passa dal potenziale 4-0 al pareggio. Medel, stufo di predicare nel deserto con i compagni, prova a vedere se servendo a dovere Morata almeno questo va in porta. L’esperimento riesce, Vidic atterra il centravanti juventino colpendolo con sette parti differenti del corpo ed è rigore, che Marchisio – al rientro dopo otto-nove mesi dopo il grave infortunio in Nazionale – trasforma.

Nella ripresa la Juve ci prende gusto, ma è l’Inter ad avere l’occasione migliore: assist di Kovacic, triplo tolup di D’Ambrosio e palla ovviamente fuori di un millimicron. I bianconeri, che manco avevano più voglia di tirare in porta, passano a sette minuti dalla fine: Morata, che si stava rotolando a terra millantando un pestone mai ricevuto, vede passare un pallone e tira alla sperindio, la palla rimbalza quindici volte  a due all’ora e inganna l’incolpevole Handanovic. C’è ancora tempo per mangiarsi i coglioni e gli avambracci: Sturaro allunga su Sturini, Vittorio Storaro manca l’aggancio ma Storari fa due miracoli su Palacio e Icardi. E tutti a casa.

Per l’Inter, nonostante la delusione cocente, rimangono invariate le speranze di approdare in Europa League: se infatti la Lazio fallirá, se la Fiorentina cederá il titolo sportivo per ripartire dalla Lega Pro e se una voragine inghiotterá l’intera cittá di Genova, i nerazzurri approderanno a pieno titolo alla simpatica manifestazione continentale.

Juve raggiante per il successo in questa prima edizione del neonato trofeo estivo. Andrea Agnelli affida a un tweet la sua gioia: “Bellissimo aver vinto due volte il Bramieri”.

share on facebook share on twitter

maggio 10, 2015
di settore
270 commenti

La prova del nove

image

Mentre alla Juve sospendono la squalifica per un pittoresco lancio di una bomba carta ai tifosi avversari con nove feriti, contro l’Inter c’è un tale livore che la squadra avversaria, visto quello che era successo a Udine, si fa espellere due giocatori pur di giocare in nove sapendo di metterci in grande difficoltá.

Gemellaggio di ‘sta cippa, cara Lazietta nostra, questo è il clima infame contro l’Inter e chi tocca l’Inter (ogni tanto, quasi mai, ma a volte succede vivaddio) muore. Anche la Juve si sta organizzando per farsene espellere un paio sabato, perchè nessuno ormai vuole più correre il rischio di giocare in undici contro undici contro di noi. Il Genoa ha chiesto di iniziare la partita giá in nove, presentando all’arbitro una distinta di soli nove giocatori adducendo come scusa una intossicazione alimentare da focaccia al formaggio. All’Empoli non gliene frega un cazzo, ma si sta interessando solo per romperci i coglioni: Tavano si è detto disposto a farsi espellere giá al terzo minuto pur di far giocare la sua squadra almeno in dieci, se proprio non fosse possibile – come è nei piani – giocare in nove.

Tra l’altro stasera il complotto è stato addirittura fastidioso: non solo gliene cacciano fuori due agli altri, ma convalidano un gol irregolare a noi pur di farci pareggiare in modo poi da espellere il secondo in paritá di risultato, provocandoci una forte ansia da prestazione. È una vergogna, cazzo, non si può andare avanti così. Anche il comportamento dell’arbitro, cazzo, dai, non si può… lo sai che non siamo abituati a decisioni a nostro favore, lo sai, e ci metti in difficoltá. No, è uno schifo. Non vedo l’ora che questo campionato finisca, è una roba brutta.

Comunque vaffanculo, abbiamo vinto a Roma con la Lazio, è il settimo risultato utile consecutivo, i punti buttati nel cesso sono un peso insostenibile ma ci tenevo a dire Milan infame e Juve merda, perchè non bisogna dimenticare.

share on facebook share on twitter

maggio 6, 2015
di settore
123 commenti

Tripla mierda

Se ha vinto la prima Champions nel 1985 passeggiando sopra 39 cadaveri e se ha vinto la seconda Champions nel 1996 grazie al culo epocale (Nantes in semifinale e Ajax in finale) e alla chimica per endovena, la  terza Champions della Juve passerà alla storia per la buona sorte (tabellone da operetta fino alla semifinale) e per il cinismo: è bastato finora giocare bene 2 partite su 11, al Bernabeu la sfangheranno e in finale sarà sufficiente un rimpallo, un’autorete, ‘na passeggiata de salute. Faranno il triplete per secondi, perchè saliranno sulla vetta d’Europa e troveranno la nostra bandiera ancora lì, piantata nel 2010. E ci pisceranno sopra, perchè – a parte il culo e il cinismo (che comunque è una dote da grande squadra) -, il marchio di fabbrica di questa squadra e di questa società è il fair play.

juve4

Ecco, nel fare i complimenti agli juventini onesti per il triplete, volevo in questa occasione scusarmi con Ambrosini, perchè il suo “Lo scudetto mettilo nel culo” al confronto di questo tweet è come una palla di profiteroles al confronto di uno stronzo di san bernardo. “Lo scudetto mettilo nel culo” era lo striscione di un tifoso scompostamente felice per avere vinto la Champions e festoso nel prendere per il culo i cuginastri. Certo, esposto sul pullman scoperto da un giocatore della prima squadra assumeva tutt’un altro tono – diciamo così, con un eufemismo, di pessimo gusto -, ma oggi a distanza di 8 anni lo rivaluto se penso che una società di calcio, nota per la sua squisita way of life e per un’arroganza fastiodiosa da generazioni, dal suo profilo Twitter ufficiale festeggia così la vittoria in casa con il Real. Non godendosela tout-court, ma lanciando un pensiero – sempre e comunque – alla loro peggiore ossessione. Cioè noi.

Che poi questo, diciamolo, è in sè una cosa bella. Manco la vittoria in semifinale di Champions si godono, ahahahah. La cosa del 5 maggio ce l’avevano già pronta da giorni, sicuro. E appena la partita è finita in ghiacciaia, è partito il tweet, uh!, invece di ammazzarci di birre prendiamo per il culo l’Inter. Dai, se ci pensiamo è bello. Questi a Berlino durante il giro di campo faranno i tweet sull’Inter. Sì, è bellissimo.

juve2

Così come è bello che Tuttosport, non pago di assecondare il delirio juventino sul numero degli scudetti, adesso non solo li aggiunge alla Juve ma – correttamente, se ci pensiamo bene, relativamente alla loro malattia mentale – ne toglie uno all’Inter, stabilendo così una coerenza numerica in una dimensione tutta loro (credo che abbiano visto Interstellar, che poi è un titolo che inizia con Inter, e questo li ha fatti uscire di cotenna).

juve5

Che poi, sempre a livello di patologia e di responsabilità individuale, uno si può coltivare la aiuole che vuole, e disporre le violette come gli pare. Per dire, se io davanti a casa avessi un prato così, io scriverei I N T E R, oppure disegnerei un grande cazzo per quando passano quelli di Street View, chè magari divento una star mondiale e mi citano in tutte le fotogallery. A loro piace il numero 33. E va bene, scrivete il numero che vi pare.

E’ idealmente attorno a quel prato, piuttosto, che continua ad esserci un problema. E’ la libertà della Juve di contare gli scudetti (e di fare comunicati, di scrivere tweet) che irrita, non il fatto in sè che è folklore o malattia. Se io in un articolo scrivessi che i presidenti della Repubblica italiana sono dieci perchè non riconosco Gronchi e Saragat,  il mio direttore mi prenderebbe per i coglioni e sentirei nel contempo arrivare il 118 (se non altro per lo choc testicolare, ma forse anche per il Tso). Loro no, niente, scrivono su prati, stadi, hashstg, carta intestata, comunicati ecc. ecc. e nessuno dice niente, niente, mai niente.

Il revisionismo – o il dimentichismo, che non è meno grave visto che parliamo di ricordi freschissimi – contagia tutti. Prendete questa simpatica schermata del Televideo Rai

juve3

dove nel giro di qualche semplice riga si rievoca il Grande Torino di quasi 70 anni fa come ultimo precedente di quattro scudetti consecutivi, quando c’è una squadra/ossessione che ne ha vinti cinque il decennio scorso (l’ultimo 5 anni fa).

juve1

E che dire di questo magico titolo di Repubblica, dell’anno scorso, 2014, alla vigilia della semifinale di Europa League, in cui si magnifica il miglior risultato di una squadra italiana in Europa in sei anni? (ahahahahah, santa madonna, ci sarebbe da ammazzarsi dalle risate se tutto ciò non fosse triste).

E così, tra l’indicibile arroganza della Juve e il paraculismo che c’è attorno, il calcio italiano migliora il suo coefficiente Uefa ma si conferma per quello che è, un baraccone pieno di fenomeni, bravi in ginnastica, pessimi in matematica e ridicoli in storia. Quelli che lasci al rinfresco dopo gli esami e li ritrovi qualche annetto dopo in cronaca nera, e dici “oh, ve l’avevo detto”. Ecco, qui invece non dice un cazzo nessuno.

share on facebook share on twitter

maggio 3, 2015
di settore
132 commenti

Difficoltà

Diciamo che abbiamo una certa difficoltà con le squadre che si chiudono molto e non ti fanno giocare, e anche con le squadre che si chiudono molto e poi cercano sporadicamente di incularti in contropiede, perchè – ammettiamolo – abbiamo una certa difficoltà nell’attaccare squadre che si chiudono a riccio e poi ripartono e abbiamo comunque una certa difficoltà nel gestire mentalmente un’iniziativa di novanta minuti contro una squadra che si chiude e poi riparte, anche perchè abbiamo – è evidente, diobono – una certa difficoltà a dare la giusta continuità al gioco del centrocampo in raccordo con l’attacco proprio in virtù delle peculiari difficoltà insite in una partita in cui la squadra avversaria pensa soprattutto a difendersi

(e nel frattempo ti distrai e pensi alle difficoltà che hai con le squadre che ti aggrediscono, e anche con squadre che un po’ ti aggrediscono e un po’ si difendono, e questo ti crea dei dubbi esistenziali, sportivi, tecnici, tattici, morali, etici, psicologici, psichiatrici, luddisti e fist fucking)

ma non disegna di attaccare una volta mediamene ogni quarto d’ora, cosa che ti mette in difficoltà soprattutto a livello di attenzione e concentrazione, e se poi va davvero vicino all’inchiappettarti ti mette in difficoltà a livello di autostima, perchè tu sei lì che attacchi un po’ così per novanta minuti – e hai una certa difficoltà, questo va detto – e quelli ne approfittano e ripartono e tirano e prendono pali, mica sempre, vabbe’, una volta ogni quarto d’ora, anche venti minuti, e ora io sfido chiunque a non avere una certa difficoltà a gestire questa situazione psicologicamente ingenerosa rispetto ai tuoi sforzi,

oddio, sforzi,

ecco, ho una certa difficoltà – io, non la squadra – a definirli sforzi, diciamo tentativi, diciamo tensione – ma tensione in quel senso, di tendere, non di tensione nel senso del sistema nervoso – ecco, perchè poi subentra la tensione – quella vera, lo so, questo passaggio è difficile – e manca l’ultimo passaggio – sto avanzando nel ragionamento prendendo l’ultima parola della frase precedente, non so se si nota – e quindi vaffanculo. Adesso subentra anche una certa difficoltà (mia) a valutare con serenità la classifica (nostra), no, per dire, bastava vincere col Chievo e (non lo voglio dire) (e non voglio vedere, non voglio sentire, svegliatemi il primo giugno, no, niente, non voglio sentire, lalalalalalalalalalalalalala).

Diciamo che abbiamo una certa difficoltà. Con le squadre. In generale. E bòn.

share on facebook share on twitter