Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

aprile 28, 2015
di settore
112 commenti

Rocchi Balboa e Massimo Poldi

image

Quando Erykah Badu ha cercato di uccidere a mani nude Rocchi Balboa, una tifoseria normale si sarebbe stiracchiata sul divano e avrebbe aggiornato la classifica aggiungendo tre punti, e magari avrebbe iniziato a fare zapping con Ballarò o con un porno per ingannare l’attesa del novantesimo.

Non noi.

Quando hanno inquadrato il Mancio che stava per metter dentro Podolski, mi è sembrato di vedere il Cordobes che sapeva di aver già portato a casa la corrida, solo questione di tempo e di tempismo, il toro era giá morto benchè temporaneamente vivo, e intanti schiero un altro torero, cazzo del toro. E una qualsiasi tifoseria avrebbe potuto rilassarsi in attesa del gol del 2-1, e poi del 3-1, e poi del 4-1, perchè non c’è niente di scritto ma in undici contro nove, santa madonna, in undici contro nove è una mezza formalità.

Non noi.

Se poi in undici contro nove segna pure Massimo Poldi – un preciso segno del destino – solo il fatto che la partita fosse oggettivamente divertente ha fatto sì che nessuno abbia girato su Ballarò o Dimartedì a informarsi sull’Italicum. Solo che poi, dopo diciassette occasioni di fare il 3-1, abortite di fronte alla pertinacia nel voler entrare in porta col pallone, o nel voler servire un compagno meglio piazzato che a sua volta avrebbe servito un compagno meglio piazzato che a sua volta avrebbe servito un campagno meglio piazzato che a sua volta al mercato mio padre comprò,

ecco,

è in quel momento che mi sono alzato in piedi sul divano, e ho guardato i giocatori come il Cordobes avrebbe guardato gli spettatori nell’arena, anzi no, come gli spettatori dell’arena avrebbero guardato il Cordobes che cazzeggiava col toro barcollante, e ho pronunciato la seguente frase, non urlando, anzi, con estremo aplomb, quasi sottovoce:

“Ragazzi, ma perchè non ve ne andate a fare in culo?”

Perchè i ragazzi non lo sanno, ma io sono a dieta – una fottuta dieta – da 37 fottuti giorni, e non solo non posso mangiare Orociok, ma non compro Orociok da sette giornate e non ho Orociok in casa, cioè, sarebbe come se uno smette di fumare ma sotto il divano ha una stecca di Marlboro, nel qual caso negli ultimi dieci minuti di Udinese-Inter avrebbe messo in bocca 20 paglie e le avrebbe accese all’unisono e le avrebbe fumate in quattro respiri, perchè non si possono veder certe cose, cioè, io mi sarei mangiato un pacco famiglia di Orociok inculandomi 37 giorni di dieta. Orociok, Orociok!

Che però non avevo.

Ma non credo che il proibizionismo mi abbia alterato i parametri del giudizio e la capacitá di intendere e volere. Il mezzoseghismo dell’Inter, il mezzogiocatorismo dell’Inter esce lampante se ti caghi in mano in 11 contro 9, se quelli in 9 stradominano gli ultimi 5 minuti di partita, e non ci sono cazzi. Personalitá zero, capacita di fare una O col bicchiere zero.

Comunque abbiamo vinto, e quindi Milan merda.

(è con frasi come questa che mi rendo conto di essere lucido. Affamato, con una clamorosa carenza di cioccolato, ma lucido)

share on facebook share on twitter

aprile 25, 2015
di settore
73 commenti

I capelli del Mancio

image

Quanto cambia le cose un gol. No, voglio dire, Icardi che segna – finalmente –  e ti ribalta la serata e l’umore, quando ormai ero incazzato con l’Inter tutta e con lui tipo Osvaldo a Torino, perchè palle per il 2-0 prima e per il 2-1 poi le aveva giá avute e le aveva sfruttate male, senza passarla quando doveva, o tirando male quando poteva. E sono cose che a un attaccante capitano, ovvio, ma perseverare era diabolico e non vincerla ‘sta partita era un peccato, un peccato grave. Non vincere dopo due mesi e rotti a San Siro. Non vincere contro una grande, dopo boh, mesi, molti mesi, moltissimi (mai quest’anno).

E allora mi montava la rabbia per quel gol preso in maniera così naturale, due passaggi tiro gol, cose che agli altri riescono bene e a noi quasi mai, forse perchè gli altri non hanno la difesa dell’Inter (e certo, l’abbiamo noi). E ogni volta che inquadravano Mancini guardavo quei capelli, stinti, nè carne nè pesce, sale pepe e cappuccino, e mi veniva naturale il parallelo con l’Inter irrisolta, scolorita, indescrivibile come i capelli del Mancio.

Poi segna Maurito su assist di Podolski, una roba che se esistesse l’accoppiata nel calcio l’avrebbero data a 100. E allora sono contento, il Milan ha fatto ridere Udine e noi abbiamo colto – la sera del 25 aprile, cioè dopo 8 mesi di campionato – la prima vittoria alto di gamma della stagione. E mi sento su di giri e confuso, come il coiffeur di Mancini di fronte a una vittoria insperata e a un’impetuosa ricrescita.

share on facebook share on twitter

aprile 22, 2015
di settore
70 commenti

Il club dell’asado 2.0

“Allora signori, pizza carne o pesce?”

“Carne!”

Per colpa del lavoro ho perso il derby, ma non è colpa del lavoro se non me ne fregava una cippa, nè prima (zero) nè durante (poco) nè dopo (molto poco). La tristezza di un derby per il nono posto è indicibile, e al confronto un film di Bergman è il grande Lebowsky. Sono riuscito a vedere gli ultimi dieci minuti, ho acceso la tv proprio mentre usciva Glu, Gru, Blu, Tru

(ecco, non mi era mai capitato che un nome di un giocatore dell’Inter non mi entrasse in testa per giorni e giorni)

Dru, Lu, Pru… Gourcuff

(ecco, non mi era mai capitato che mi venisse in mentre un nome contronatura invece di quello giusto)

vabbe’, ci siamo capiti, ho acceso la tv in quel momento e solo dopo, di highlights in highlights, ho ricostruito la storia di questo derby sfigato, perfettamente in linea con la stagione, una mancanza di culo piuttosto frustrante, ma se sei decimo hai poco da arrabbiarti, e anche da frustrarti. Se sei decimo hai poco, punto.

Quindi, vaffanculo, l’unica cosa da fare era andarsene a cena. Lunedì, appuntamento a Cremona. Si ritrovano Er Blogghe, Er Pomata, Er Monnezza ed Er Pagnolada. Quando scegliamo all’unisono la carne, battezzo immediatamente la serata:

“Siamo il nuovo Club dell’Asado”.

“Il Club dell’Asado 2.0”, precisa Er Monnezza.

“Ecco, proprio”.

Il maitre si lancia in una ordinazione che sembra uno di quegli indovinelli della Settimana Enigmistica.

“Dunque, signor Zanetti…”

(il tavolo era stato prenotato a nome Zanetti. Voglio dire, non è reato. Abbiamo prenotato, ci siamo presentati, abbiamo pagato: dov’è il reato?)

“…vi consiglierei una taglio del peso di circa 450 grammi che è ideale per tre”.

“Ma noi siamo in quattro, gringo”, faccio io con aria perplessa.

“Ah, giusto. Quindi potremmo fare così: potreste prenderne uno in quattro, ma mangiate poco. Oppure potreste prenderne uno a testa, ma forse è troppo. Oppure potreste prenderne due a testa, mangiandone uno qui e portandone uno a casa. Oppure potreste prenderne cinque e sorteggiarne uno. Oppure potreste prenderne tre e fare la classifica avulsa. Oppure potreste prendere un intero manzo che mando a macellare entro mezz’ora, e intanto qui fuori preparo un falò e un compound dove vi potrete accomodare in attesa che il macellaio ci consegni…”

“Senti, Zichichi, ci hai rotto il cazzo. Portane due e ce li dividiamo in quattro, ci voleva tanto?” fa Er Monnezza, mentre Er Pomata ed Er Pagnolada scelgono il vino dopo una consultazione di tre quarti d’ora. Il maitre ci porta la bottiglia e per aprirla sega il collo con un colpo di scimitarra.

“Ooooolllllè”

“Olè!”, facciamo tutti in coro, mentre una tardona ci guarda con ammirazione da un tavolo vicino, umiliando il commensale.

Mangiata la carne, ci avviamo così al rito centrale della serata. Er Pomata estrae da una tasca un gagliardetto del Monaco e lo stende sul tavolo. Er Pagnolada impone le mani. Io ed Er Monnezza ci guardiamo. E’ un momento di intenso raccoglimento, interrotto dal cameriere.

“Dolce?”

“Senti, Boy George, non vedi che siamo impegnati? Ma come ti permetti? Torna tra un quarto d’ora”, sibila Er Monnezza, mentre Er Pomata – nonostante l’estrema intensità del momento – fissa il gagliardetto senza che gli si scomponga un capello. Er Pagnolada ci riporta alla realtà: “Può funzionare solo se ci impegniamo moralmente. Dobbiamo fare un fioretto”. “Non diciamo parolacce per 24 ore”, propone Er Monnezza. Er Pomata dice “E sia!”, e nel dirlo appoggia la mano sulla piastra della carne, 370 gradi Fahrenheit, e si tappa la bocca dicendo “Escremento!”. Er Pagnolada è molto fiero di noi e impartisce una benedizione urbi et orbi a tutto il ristorante, compreso il cuoco che viene in sala a partecipare alla breve cerimonia. Ciononostante ci fanno pagare il conto, cosa che trovo di pessimo gusto.

Ci salutiamo nel parcheggio, baci, abbracci, strette di mano, pacche sulle spalle, “Juve escremento!”. Io, Er Pomata e il gagliardetto del Monaco puntiamo la macchina in direzione Pavia. E via, nelle brume della Padania, allenandosi a dire escremento, meretrice, vagina, deretano e pene per passare indenni le successive 24 ore. Cosa non si fa, cosa non si fa.

asado

 

share on facebook share on twitter

aprile 11, 2015
di settore
270 commenti

Sessantaquattresimi di finale

Soccer: Serie A; Hellas Verona-Inter

Abbiamo vinto a Verona. Uh, bene. A una trentina di punti dal primo posto, a una quindicina dal terzo, a sette-otto punti dalla posizione che ci garantirebbe un ingresso in Europa League al costo di piacevoli preliminari in Siberia a metà luglio, ecco, fatico a concentrarmi e a trovare un perché. Tra la Juve che perde a Parma (ultima, fallita, derelitta e dignitosa) e l’Inter che gioca a Verona oggi (giuro, fino all’ora di pranzo pensavo giocasse domani, poi mi è scappato l’occhio su un tg), più che la trentesima giornata mi sembrava la trentottesima, quando su dieci partite sono sì e no tre o quattro ad avere un minimo perché e le altre sono tutte un po’ fuzzy, divertenti per chi ha il cuore leggero, indolori per gli altri. E invece no, dopo questa ce ne sono altre otto che non ci servono a nulla di materiale. Di immateriale sì, certo: a ricostruirsi una credibilità, a sistemare un po’ di cose, a scegliere chi resta e chi parte, a lucidare i pezzi migliori. Da qui alla fine per noi sono tutti sessantaquattresimi di finale.

share on facebook share on twitter

aprile 4, 2015
di settore
169 commenti

Il castigo dei bimbominkia

Cominciamo col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile @inter #interparma

Quando venerdì ho letto il tweet di Andrea Ranocchia, ho 1) mandato affanculo il medesimo, e 2) ho immaginato – per quanto fosse impegnativo farlo – che non avremmo vinto, perchè 3) questo tweet è di per sè un indizio preciso su quanto siamo inguaiati.

Nell’ordine, il nostro capitano è un bimbominkia che copincolla una frase a effetto alla vigilia di Inter-Parma, cioè la modestissima partita della sua squadra contro l’ultima in classifica giá retrocessa, giá avviata al fallimento, vittima di una situazione penosa e senza uno straccio di certezza sul futuro. La frase è di San Francesco di Assisi e con Inter-Parma non c’entra un emerito cazzo. Sarebbe bello pensare che Ranocchia non stesse pensando a Inter-Parma quando ha fatto il copincolla, ma l’hashtag non lascia spazio a dubbi. Quindi ha usato una frase clamorosamente sovradimensionata per introdurre una delle più insignificanti partite del campionato.

Cominciamo col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile… Cioè, è una bella citazione se stai per affrontare il Bayern o il Barcellona, è una frase suggestiva se giochi il ritorno di coppa e devi rimontare (ecco, sarebbe stata una bella frase prima del Wolfsburg), ma se presenti la partita col Parma con un aforisma del genere, i casi sono due:

o non capisci una sega delle citazioni, del web e della vita, oppure hai talmente l’acqua alla gola che ti tocca tirare fuori una frase del genere prima di una partita con una squadra di morti viventi, ancorchè più dignitosi di te e dei tuoi compagni.

Le parole sono importanti (anche questo è un aforisma, caro Andrea, e non di un santo), e quindi questo tweet segna un altro capitolo della deludente storia di quest’anno, quella di una squadra che si cerca ma non si trova, del suo ambizioso ma quasi impotente allenatore e del suo capitano bimbominkia che copia male e incolla peggio, come la gran parte dei suoi compagni, che una ne fanno e cento (anzi, nessuna) ne pensano. Un tweet da poverini, una partita da poverini, una squadra di poverini.

Dal punto di vista pratico, vincere o pareggiare (o anche perdere, figuriamoci) con il Parma non cambia niente alla tua sbalestrata stagione. Dal punto di vista morale (uh, parola grossa) un po’ sì, cambia, è una questione di amor proprio, di professionalitá, di interismo. Niente, non pervenuto. Il capitano che incita l’ambiente e i propri compagni a sorprendersi a fare l’impossibile (cioè battere il Parma: questo è essere preveggenti) mette il sigillo a tutta questa cacca fumante.

Caro Andrea, ti rispondo così:

Fai attenzione a come pensi e a come parli, perché può trasformarsi nella profezia della tua vita.

Sai di chi è questa frase? È di San Francesco. Era quella dopo la tua, la prossima volta guarda bene prima di far copincolla: magari risparmi l’inculata concettuale a noi e il castigo di Pasqua a voi. Che a spaccar le pietre dovrebbero mandarvi, altro che a giocare a palla: un allenamento alla Pinetina il giorno di Pasqua è una carezza, la carezza di San Francesco sulle vostre povere testoline.

image

share on facebook share on twitter