Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

novembre 19, 2014
di settore
122 commenti

Le scuse che non ti ho detto

Le cose sono precipitate e Mazzarri non ha avuto più tempo: una telefonata e puff!, finito. Stava meditando una svolta, soprattutto dal punto di vista della comunicazione, ma non ha avuto l’opportunità di dimostrarlo. Tra le tante cose che ha pagato, la famosa frase “Poi è anche iniziato a piovere” è sicuramente tra le top five, o forse tra le top three, o forse è la top delle top, più ancora della difesa a tre o della punta unica con lo Stjarnan. Per questo aveva deciso di dimostrare che stava cambiando, che non era l’uomo basico che tutti conoscevamo, che le sue scuse avevano una profondità inapprezzabile a un primo esame e che forse non erano nemmeno scuse, ma briciole di umanità. Prima di tuffarci nell’era Mancio, ecco in un documento esclusivo le scuse che Mazzarri – aiutato da un ghost writer di cui non posso rivelare l’identità – era pronto a sfoderare in conferenza stampa. Chissà, avremmo imparato ad amarlo e un rinnovato clima di fiducia ci avrebbe portato verso traguardi inattesi. Non lo sapremo mai.

– Stavamo giocando bene, poi siamo stati condizionati dalle voci sulle dimissioni di Napolitano.

– Come puoi essere tranquillo quando ci sono degli occidentali che si arruolano nell’Isis?

– Stiamo pagando molto le gang-bang del giovedì.

– Con i ragazzi ci confrontiamo su tutto, anche sui problemi allo stabilizzatore ottico di iPhone 6 plus

– Il mercato dura tutto l’anno, guardate Stefano Folli che è passato a Repubblica.

– Con tanti infortunati è difficile esprimere il nostro potenziale artistico e architettonico.

– Nel primo tempo ho visto del gran calcio, poi ci siamo destrutturati come un piatto di Ferran Adrià.

– L’anno scorso avevamo nove giocatori in rinnovo, con la legge Fornero la situazione si è complicata

– Kovacic ha l’XFactor, ma non voglio soffermarmi sui singoli.

– Vedo i ragazzi disorientati, questa cosa della doppia spunta azzurra di Whatsapp non ci voleva.

– La difesa a tre è un buco nero, ne ho parlato con i ragazzi dopo aver visto Interstellar

– Poi è anche iniziato a piovere e il problema dell’eccessivo consumo di suolo si è visto tutto.

– L’Indonesia ha 238 milioni di abitanti e ne parlo spesso con il presidente.

– L’anno prossimo? Un bel trench-coat e sei a posto, sopra l’abito come sul denim.

– E’ innegabile, c’è preoccupazione per il patto del Nazareno.

mazzarri-2

share on facebook share on twitter