Settore Inter blog

Il sito non ufficiale dell'interismo moderno

febbraio 7, 2016
di settore
258 commenti

Il gol di Torti all’esordio in Serie A

Come il Mancio, anch’io oggi avrei segnato un gol a 50 e passa anni. Bastava ottenere un ingaggio a gettone dal Verona ed essere schierato da Delneri. Qui, oggettivamente, sta il difficile. Occhei, sono simpatico e ho discrete doti di fondo, ma non è che uno si può prendere un rischio del genere a cuor leggero (anche se dopo aver visto Ionita e Leroy Gomez penso che avrei potuto giocarmela). Però, metti che ormai sei retrocesso e decidi di giocarti la carta Torti. Togli Lele Moras o Emma Marrone, entra Torti, maglia numero 63.

“Chi casso è?”

“Boh, l’avranno preso a gennaio”

“Sembra più vecchio di Toni”

“Impossibile”

“Ha le maniglie dell’amore”

“Come Maxi Lopez?”

“Più o meno”

Delneri mi prende per un braccio e mi dá gli ultimi consigli:

“sfgdfddgj dtdrshshdgg sgfhfjftddhj dgdgdgckvfff”

“Ok mister”

Entro e vado a metacampo. Incrocio Brozo, Kondo, Rodrigo e vorrei abbracciarli e fare un selfie, ma non ho il telefono e soprattutto sono del Verona. Devo giocarmi la mia chance, prima che scoprano che sono vecchio, che non gioco una partita di pallone da una ventina d’anni e che mi hanno tesserato come giocatore svincolato free agent, ma senza avere avvertito l’ufficio di collocamento di Pavia.

Mi piazzo in mezzo, mentre saggiamente il mio Verona decide di giocare sulle fasce. Vedo in lontananza il Pazzo (credo sia lui, almeno: mi mancano tre diottrie e mezzo) che fluidifica e si infrange contro Murillo, rimpallo, tic, tic, tic, angolo.

Angolo.

Io che faccio? Mi giro verso Delneri:

“Fsfddjfjfu dfdrhdkfgdjch sfffdhhhdvcgd”

Dai gesti, mi sembra che intenda dire: ficcati in mezzo e non cagarmi il cazzo che ho giá i miei problemi.

Mi reco quindi in area.

Juan Jesus fa a Telles: “Marca tu El Gordo”

Telles fa: “No, ci pensa Murillo”

Murillo fa: “Ne devo giá marcare sette, ci pensa Brozo”

Brozo fa: “Non ho voglia, sono stanco. Maurito, tienilo tu il 63”

Icardi fa: “Cosa?”

Jesus: “El Gordo”

Perisic: “El?”

Intanto Rómulo batte l’angolo. Siccome sono del Verona ma com’è noto tifo Inter, tengo un profilo basso e non mi muovo.

Tanto non si muove nessuno.

Il pallone spiove verso il centro dell’area, i gialloblù vanno verso la porta, i bianchi tengono la posizione, Toni la spizza e io in quell’esatto istante penso che il verbo spizzare mi fa cacare, è un segno della corruzione della lingua italiana.

Poi noto che il pallone viene verso di me.

La mia vita mi scorre davanti. Perchè penso che adesso mi spazzeranno via, mi prenderò una gomitata nelle costole, un calcio negli stinchi, una testata sul sopracciglio, e allora chiudo gli occhi e dico addio, che bello morire così, sul campo, l’Inter verrà alle mie esequie, magari Ausilio dirá due parole dal pulpito sul mio destino beffardo, io interista ingaggiato dal Verona che prima di toccare il mio primo pallone in Serie A vengo colpito alla testa da Perisic in mezza rovesciata proteso nel tentativo di un disperato rinvio.

Chiudo gli occhi, colpisco con la fronte, sdeng!, cuoio bagnato e scivoloso, wow!, la palla va verso l’angolo opposto.

Gaaaaaaaaaaaaaaaaaaallll.

Il Bentegodi impazzisce, mi abbracciano dei tizi che non conosco con la mia stessa maglia.

“4-1 per il Verona! 4 gol di testa! Stavolta è stato Torti a battere Handanovic! 4-1!”

“Scusa Pardo, ma chi è questo Torti?”

“Ma che cazzo ne so… Ops, eravamo in onda?”

Io ovviamente non esulto. Spiegherò poi i motivi in sala stampa. Anzi, chiedo il cambio.

“Sfgdhdjfdytdh sfshshdryhjdk sffffhhsgdjhhhj!”

Ah giá, ero io il terzo cambio. Vabbè dai, resto, manca poco, magari ne segno un altro. Una vita a farsi seghe mentali, e poi scoprire che segnare un gol in Serie A è una cazzata. Mah.

verona

(seminascosto da Pisano, Torti segna il gol del 4-1)

febbraio 4, 2016
di settore
231 commenti

Terrore, morte e 1-0

In un momento di indicibile difficoltà, il Clan dell’Asado 2.0 decide che è giunto il momento della reunion per sostenere i ragazzi. Appuntamento davanti al cancello 8, dove Er Blogghe arriva in un inconsueto anticipo ma comunque per secondo, trovando già sul posto Er Pagnolada in preda a turbe psichiche pregresse (c’è da capirlo, ha assistito inerme a Inter-Sassuolo, Inter-Carpi e Milan-Inter) e a un principio di assideramento tipo Revenant. Nell’ordine arrivano poi Er Pomata, con un vezzoso cappellino a tenergli insieme la preziosa pettinatura, e infine Er Monnezza con la merce più preziosa: i biglietti. Superiamo agevolmente i varchi ed entriamo nel mondo dorato del primo anello rosso, dove cominciamo a farci selfie tipo belle fighe in spiaggia. Che se ci avesse visto Sarri, chissà cosa ci avrebbe detto.

interchievo1

Dopodichè – non prima di avere incontrato sulla balaustra Antonino Verdi, che è un po’ come incontrare Nadal sulla terra rossa, cioè sul suo terreno naturale –  prendiamo posto e assistiamo fiduciosi alla partita, che consiste sostanzialmente in una sorta di tiro a segno nella porta del Chievo dove un portiere esordiente di circa tredici anni prende anche le scoregge. Ed è qui che, all’unisono, di fronte a quello che appare un segno del destino crollano le nostre poche e povere certezze. Comincia a subentrare il nervosismo e, con esso, un pensiero unico misto di terrore, morte e distruzione. Er Pagnolada inizia a disegnare scenari tetri in cui l’Inter sembra già condannata a giocarsi la salvezza in un drammatico spareggio con il Carpi a fine maggio in località da destinarsi. Er Pomata rivede il film di tutti i gol presi al novantesimo dall’Inter della sua storia, dalla fondazione a oggi. Er Monnezza, ormai nervoso tipo un padre primiparo davanti alla sala parto, sta per mettersi a insultare Nagatomo quando davanti a noi, facendo alzare 35 persone, prendono posto due cotonatissimi giapponesi. E si trattiene.

Anche questo viene interpretato come un segno del destino. L’insulto interruptus  ci riporta alla realtà. E per rispetto del santo uffizio di Er Pagnolada decidiamo di darci una regolata. Niente insulti. Nemmeno a Kondogbia. “Quel ragazzo non caucasico sta disputando una partita di discutibile qualità, ne convieni?” “Sono d’accordo teco, mio caro”, ci diciamo io ed Er Monnezza accasciandoci sulle poltroncine quando il nostro amico, invece di sfondare la rete da favorevole posizione, tira una loffa di sinistro contro il gambone del portierino avversario.

All’intervallo cerchiamo distrazioni. “Oh, non c’è un minimo di figa”, dice Er Pomata a Er Pagnolata che gli impone le mani e dice “Ego te absolvo”. In compenso troviamo Beppe Baresi.

interchievo2

L’incontro ci rinfranca. Andiamo a cercare un posto nell’altra metacampo e dopo tre minuti del secondo tempo Icardi la mette al termine di una limpida azione manovrata. “Gaaaaaaaaaaa”, urliamo abbracciandoci come gente che non vede un gol da dodici anni. Dopodichè riprende il tiro a segno, traverse, parate miracolose, tiri fuori di un soffio. E ci ritroviamo in men che non si dica verso il minuto 85 in piena zona panico, quel suggestivo spicchio di partita in cui l’Inter si caga in mano contro chiunque e comincia a rinculare verso la propria porta, mentre dall’altra parte prendono fiducia e si rendono conto che, senza eccessivi sforzi, ci possono fottere.

Er Blogghe, Er Monnezza, Er Pomata ed Er Pagnolada assistono terrorizzati allo spettacolo, come quattro adolescenti a una rassegna di Dario Argento. Io ed Er Monnezza ci abbracciamo come due sciampiste e lanciamo urlettini tipo Amici di Maria De Filippi ogni volta che il pallone arriva a Pellissier, Er Pagnolada bacia sul display del telefonino la foto di Beppe Baresi recitando alcune preghiere mentre Er Pomata, che non può mettersi le mani nei capelli per non spettinarsi, piomba in uno stato catatonico e farfuglia nomi a caso: Berardi, Lasagna, Schalke 04, Caporetto, Gresko.

Al triplice fischio usciamo dicendo che basta, non è possibile vivere così, addio Inter, è l’ultima volta. Quattro metri più in là, naturalmente, stavamo già compilando la tabella Champions e organizzando la trasferta di Frosinone. Viva l’Inter, viva il calcio, viva lo stress benefico, viva gli 1-0, abbasso la Fiorentina, fanculo Zarate, Juve merda.

Icardi.Inter_.2015.2016.zampata.690x400

febbraio 1, 2016
di settore
354 commenti

De bracarum calamento

image

Chissà, forse sarebbe bastato un centimetro – rigore, Icardi, palo interno, gol – e adesso saremmo qui a dire che vabbe’, meglio un pareggio di niente, giochiamoci il terzo posto con la Fiorentina e amen, non parliamo più del resto, facciamo che va bene così. Anche nel primo tempo forse sarebbe bastato un centimetro a Eder per incornarla meglio e metterla dentro e saremmo andati in vantaggio al sesto minuto e forse adesso saremmo qui a dire che bla bla bla.

Il problema, alla fine del derby, è che siamo qui con uno 0-6 da incubo, risultato aggregato di due partite in quattro giorni con Juve e Milan, un risultato aggregato spaventoso, peggio ancora del punto in due partite con Sassuolo e Carpi, peggio ancora delle partite di merda messe assieme da Udinese-Inter a oggi. Peggio di tutto perchè è una sentenza bella e buona sulle tue ambizioni, è un sigillo con ceralacca sulla pergamena in cui è descritto il tuo profilo di squadra. Un profilo che un mese e mezzo fa era un altro, mentre lo Standard & Poor’s del calcio nel frattempo ci ha già declassato tre o quattro volte. Eravamo Singapore, ora siamo la Grecia.

Il Milan che ci scherza nel finale – no dico, il Milan! una squadraccia se ce n’è una – è lo spottone conclusivo di questo gennaio da tregenda, in cui non si sa più come classificare la partita di Napoli (a questo punto viene da pensare che il Napoli quella sera là abbia pestato una merda) mentre il resto, tutto il resto, lo abbiamo ben presente. Perdere 3-0 con Juve e Milan, prendere per tre volte gol al novantesimo e oltre, giocare quasi sempre male, non segnare quasi mai. Se quattro indizi non fanno una prova…

Anche prima di Udinese-Inter (eravamo primi con 4 punti di vantaggio, solo un mese e mezzo fa, roba da matti) si parlava degli indizi che facevano una prova. Dei pochi gol che prendevamo, degli 1-0 chirurgici, degli #epicbrozo che sostanziavano un clima positivo in una squadra che vinceva e si divertiva. Certo, sembrava tutto facile e ci divertivamo un sacco e tutti erano bravi belli forti eccetera. Nello sport è una ovvietà. Ma qui non si tratta di scendere dal carro dei vincitori adesso che non vincono più. Si tratta solo di dover dare un nome e un cognome a questo improvviso e inaspettato sfacelo, al panico che ti prende in casa con il Carpi o alle braghe che cali con i tuoi peggiori nemici, uno al massimo dell’euforia (nelle ultime 6 partite ha fatto 13 punti più di te) e l’altro che, invece, hai contribuito a riportare in vita dopo 20 partite da zombie.

E quindi spiace che manchi, clamorosamente, la personalitá che ti dovrebbe sorreggere quando affronti in calo di forma un ciclo facile, o quando affronti le tue avversarie storiche in quelle partite che di default danno un senso alla stagione. Per due volte in quattro giorni ti hanno sotterrato, perchè tu sei andato in pappa alla prima avversità. Nessuno penso pretendesse di vincere largo a Torino o di piallare il Milan sette a zero. Penso che sia invece normale pretendere che non ci si posizioni a novanta, mai, o che ci si caghi in mano a tempo scaduto contro Sassuolo e Carpi manco fossero Real e Barcellona.

Il Mancio ha speso le migliori energie sul tema delle unioni civili. Di calcio, invece, si occupa a spot, tappando buchi per creare voragini, guardando altrove più che a gestire il presente, demotivando mezza rosa, prendendo scelte che vorrebbero essere creative e invece sono sciagurate (la gestione dei terzini e delle punte a gennaio è da pura schizofrenia, per tacer del centrocampo). Forse abbiamo vissuto a lungo sopra le nostre possibilità, ma questo sprofondo non è giustificabile. Lui deve tenere la barra dritta e non divagare. Non mi piacciono le sue risate dalla panchina, non mi piace vederlo mandare affanculo mezzo stadio e poi la giornalista tv: non è stile.

Questo gennaio ha dato una sistemata ai valori generali del campionato. Napoli e Juve sono di un’altra categoria, stop. Ma le altre – Fiorentina, Roma, Milan – sono come o peggio di noi a livello di incongruenze, equivoci, dubbi, perplessità, prospettive. Con queste squadr dobbiamo giocarci il terzo posto, sarebbe un delitto farsi precedere da una qualsiasi di queste mezze barzellette. Ci stiamo impegnando, questo sì.

Auguro a Eder di segnare 20 gol da qui a maggio, ma non era lui la massima urgenza di questa squadra. Non ho voglia, nè mezzi tecnici e cerebrali per disegnare l’Inter ideale con il materiale a disposizione. Serve soprattutto una svolta, nelle testoline vuote dei giocatori e ancor più nel manico. il Mancio – e con lui la società, Stankovic, Zanetti – prendano la squadra per i coglioni e la tirino fuori da questa pena infinita. Di tempo ce n’è, ma basta con queste partite: non esiste, non esiste proprio.

gennaio 27, 2016
di settore
274 commenti

Inferiors

ju

Tre pere dalla Juve sono sempre una brutta cosa. Nello specifico, anche peggio: perchè ti accorgi che oggi loro sono meglio di noi, molto meglio. Ne avevo un sospettuccio dopo che nelle ultime 5 di campionato avevano fatto 10 punti in più. Ora, avendoli visti per 90 minuti di fila, avanza qualche certezza ulteriore: non c’è molto confronto, oggi. Oh, magari tra un mese ce ne sarà di più: visto che dovremo affrontarli due volte in quattro giorni (prima campionato, poi ritorno di coppetta), più che una speranza la chiamerei esigenza: bisognerà essere diversi, metterci una garra diversa, puntare la porta non come fosse una mera eventualità. O switchiamo da questa condizione di mezzi fantasmi a un qualcos’altro, o sono cazzi.

Mi piacerebbe potermi lamentare dell’arbitro (meglio tenere un profilo basso stasera), oppure dire che con un bel 4-0 si passa il turno e via, si va in finale: non è tanto per l’eccessivo ottimismo che non lo dico, quanto perchè per fare quattro gol bisogna tirare bene per almeno quattro volte in porta, e oggi per noi è un’impresa tipo Tre cime di Lavaredo. Chissà se con Eder cambierà la solfa. Adesso ho solo tanta voglia di piangere, vedendo i gobbi festeggiare la vittoria rotonda e anche l’imprevedibile ritorno in vita di Morata, che allunga la lista storica delle resurrezioni che abbiamo agevolato dalla fondazione a oggi. Anche questo è stile. Forse.

gennaio 25, 2016
di settore
205 commenti

#epicmerda

lasagna

Spettatrice distratta post hangover con la Lazio, sostanzialmente culattona con l’Empoli, sprecona ma mai superiore con il Sassuolo, inguardabile con l’Atalanta, inqualificabile con il Carpi. Questa è stata l’Inter nell’ultimo mese. Cinque punti in cinque partite, 1 punto nelle ultime tre  in casa (non con Real Barcellona e Bayern ma con Lazio Sassuolo e Carpi). In queste cinque partite 4 gol, di cui un’autorete e uno a porta vuota. Sì, c’è stata anche la vittoria di Napoli, ma – come direbbe il giudice sportivo – era Coppa Italia e ha effetto solo in Coppa Italia. L’effetto in campionato, invece, è quello che facciamo oggi: schifo, purtroppo.

Avevamo lasciato l’Inter a Udine, ebbra di un 4-0, e là è rimasta. Non è evidentemente colpa dei party di Natale. Se fai 5 punti in un ciclo di 5 partite medio-facili (3 in casa e 2 fuori) in cui puoi ragionevolmente pensare di portarne a casa 13 (bilancio -8) prima che il calendario si faccia ben più insidioso, beh, allora più che smaltire i brindisi vuol dire che hai abdicato. Oggi abbiamo preso un gol in casa al 92′ da una squadra in 10. Non ci sono cazzi, questo è abdicare. Non è il fato, non è la sfiga, no. E’ abdicare di testa e di gambe, perchè non ci sono altre spiegazioni. Le ultime tre partite in casa se ne sono andate a puttane così, prendendo un gol nel finale. Tre su tre. Un po’ come per gli 1-0 in serie: se la statistica si fa pesante, non è (più) un caso.

Effettivamente siamo stati in bilico per settimane e settimane su un meraviglioso strapiombo in cui tutto ci andava quasi sempre bene: bastava un golletto e bastava che il nostro portiere parasse anche le scoregge. E’ una situazione molto a rischio, in effetti: perchè se ti va bene ogni volta è una goduria, ma se segni sempre e solo un gol, agli altri basta poco per fotterti. Del tutto o almeno parzialmente tipo oggi, che ti caghi in mano mentre un Lasagna qualsiasi fa la cosa che tu non hai fatto per 90 minuti: catapultarsi con voglia su un pallone invitante.

E anche questo – giocare non al cento per cento, traccheggiare in attesa della doccia, tirare poco come se tirare costasse qualcosa – è abdicare, abdicare a se stessi e ai propri obiettivi. Era bastata una sconfitta (che all’epoca potevamo considerare casuale, quella con la Lazio) per sentir dire dai nostri condottieri che il nostro obiettivo vero era la Champions, non lo scudo. Che sarà anche così, per carità, ma dirlo una settimana dopo aver condotto la classifica con 4 punti di vantaggio – con noi tifosotti belli gasati e la garra delle grandi occasioni – mi è sembrato così frettoloso e superficiale che mi era scappato un mezzo vaffanculo.

Ora, dopo Inter-Carpi, e al culmine di un mini-ciclo di 5 partite di merda, dovremmo dire – per l’evidenza dei fatti, più che altro – che il nostro vero obiettivo è l’Europa League. E, you know, sarebbe un disastro.

Restiamo al quarto posto, per carità. Ma siamo qui a guardare le terga della Signora dopo averla osservata a lungo arrancare da lontano: solo che loro, i gobbi, nelle ultime 11 partite hanno fatto 13 punti più di noi. Il Mancio parla dopo la partita con qualche sfumatura pesante del tipo: mi sono rotto i coglioni in generale, e due o tre dei miei giocatori me li hanno rotti in particolare. Bel clima, per una squadra che fino a qualche settimana fa andava avanti a sorrisoni,  selfie, champagne e #epicbrozo. Adesso andiamo nel panico se attacca il Carpi, questa è la cruda realtà.

gennaio 20, 2016
di settore
245 commenti

Vedi Napoli e poi frocio

image

Non sapremo mai come sarebbero stati i titoli di domani, i titoli veri, i titoli puri, se si sarebbero soffermati sull’Inter brutta che però vince, o sull’Inter con Jovetic e senza Icardi, o sull’Inter che fa cacare ed è in semifinale di Coppa Italia, o sull’Inter che l’ultima volta a Napoli c’erano Ronaldo e Simoni. Tutto si è spostato sul duello rusticano tra Mancini e Sarri, che in effetti – fatti salvi i due gol, uno meraviglioso e uno molto bello – è stato molto più divertente dell’intera partita.

Mancini ha fatto coming out. No, nel senso che ha rivelato con dovizia di particolari cosa si dicono due allenatori durante una mezza rissa a fine match. Cioè, mai avrei pensato che in un campo di calcio ci si desse del frocio. Io ero rimasto a negro di merda, figlio di puttana, portami tua sorella, ti apro il culo, madonna quanto sei scarso, quelle robe lí. Debbo dire che non pensavo ci si desse del frocio.

Certo che Mancini – un po’ come le ragazze di Colonia – se l’è andata a cercare. È chiaro che se mi metti la sciarpetta da mille euro, il cappottino tre quarti, il pantalone a sigaretta, le scarpe da tre stipendi, il capello sale e pepe, la blefaroplastica e quanto ce n’è, è chiaro che l’uomo in tuta ti dá del frocio. Poteva dirti stronzo, imbecille, skipper di merda, invece è andato dritto al punto e ti ha detto frocio.

Sarri ha dei precedenti specifici sul tema frocio, e la cosa dovrebbe preoccupare più lui di noi, perchè magari ti scappa detto in osteria o dopo un Varese-Empoli, ma poi – come certe scoregge che tu pensi sempre di poter domare – ti scappa anche in mondovisione e la faccenda si fa un po’ più spessa. Peccato che ora si incrini un po’ la bella favoletta dell’allenatore operaio molto di sinistra che magari vince lo scudetto epperò dá del frocio al collega che lo ha appena inculato battuto sul campo, ma vabbe’, passerá. Anzi, diventerá un eroe popolare. Magari non un’icona gay – diciamo che qualche fan se l’è giocato – ma un eroe popolare sí, di quelli attaccati a certi valori, non a queste stronzate dei culattoni che si sposano. Un comunista che piace alla destra.

A chi daranno più giornate, a Sarri o al frocio delatore? Questa è una bella domanda.

Intanto, per la cronaca, siamo in semifinale di Coppa Italia. E siamo tornati –  spero non occasionalmente – quelli di due mesi fa, quelli che vincevano facendo vomitare gli esteti del calcio. Che va stra-bene cosí, sia chiaro, va benissimo. Spero solo che la Saiwa non faccia troppe pressioni: partite cosí, con poche emozioni e scorribande a orologeria, fanno crollare i consumi di Orociok e tutti noi sappiamo su quali cazzo di equilibri si regga il mercato della galletta col cacao appiccicato sopra.

 

 

 

 

gennaio 16, 2016
di settore
162 commenti

Handa e Benji

cigarini

Abbagliato, come sulla via di Damasco, dal sole che mi batteva contro direttamente dalle onde di uno streaming spagnolo, assistevo – virtualmente sdraiato dietro la nostra porta -all’episodio in cui Sigariiinnniiiii (pronuncia streaming di Cigarini) e Handa, in volo tipo Holly e Benji, si giocavano la partita in un duello manga, avventandosi su un pallone vagante nella nostra area, troppo vicino alla nostra porta, entrambi sforbiciando e tendendo il gambone di ritorno verso la sfera di cuoio (li fanno ancora di cuoio? Nescio).

Ora, bisogna onestamente riconoscere che un fulbar del genere, in una posizione del genere, arpionato in una mezza rovesciata del genere, di solito finisce dentro. Di solito vedi la rete che si gonfia, e anche parecchio, per via della forza del pallone, pum!. No dai, diciamolo. Quindi mi viene da commentare la partita così, un po’ alla Suma e un po’ alla Azimov, un po’ alla King e un po’ alla Paolo Brosio, come una non-sconfitta, o come una sconfitta che vale un punto, o come una para-partita, o come una specie di partita Medjugorje, dove sia pur scetticamente cogli qualcosa di vagamente soprannaturale, del tipo che poi non dici “cazzo abbiamo pareggiato porca merda” ma dici “abbiamo pareggiato, no ma va bene, Bergamo è un campo difficile, non è a Bergamo che devi (aggiungi un verbo), viva l’amore”, cose così.

Cioè, ci è andata bene. E quindi, nel contempo, a una più complessiva analisi della situescion, va male male.

Quattro punti nelle ultime quattro partite, con tre gol segnati, non è esattamente un cammino-scudetto, e rischia di diventare anche problematico in proiezione Champions, il nostro vero obiettivo (non so se avete notato che Inter-Lazio in poi tutti si correggono, “il nostro obiettivo a dire il vero è la Champions”, quelle frasi al ribasso che mi fanno girare il cazzo, con licenza parlando).

E quindi diciamo – se proprio bisogna star lì a non fare i disfattisti, “che se ci avessero detto di firmare (segue resto della frase) – sì, diciamo che non va bene.

Ora, l’unico settore del campo in cui l’Inter attualmente va alla grande è la porta. La nostra. E questo in sè è indice di qualche problema. La difesa è meno gladiatoria di un mese fa (ne prendiamo pochi, per carità, ma sempre più di quelli che mettiamo) e Murillo va resettato come un pc che ogni tanto si pianta. Il centrocampo è in crisi d’identità (che è un po’ la sua condizione naturale, ma a volte questa cosuccia pesa), l’attacco è in crisi, punto, perchè segniamo poco, pochissimo o nulla. Oggi ha segnato uno dell’Atalanta, e meno male. Domenica scorsa di 20 tiri non ne entra uno. Serve un ritiro a Lourdes o una bella sistemata generale, a partire dai singoli cervelli.

Poi c’è il Mancio. Tipo che, tra le altre cose,  io – a gennaio – non avrei fatto giocare uno che – per il diciassettesimo anno consecutivo – stai cercando di vendere entro la fine di gennaio – stiamo parlando del gennaio medesimo, questo -. Oh, magari poi sono particolari (è noto che non capisco). Per fortuna alla fine ha fatto il culo alla squadra, cioè, giusto per marcare i limiti del territorio (va bene pareggiare, ok, ma rischiare di perdere no, ma fare abbastanza cagare no) (ecco).

E comunque non abbiamo perso, quindi bòn, cerchiamo di sollevarci in fretta da questa mediocritas pre e post natalizia. Se Cigarini non ha segnato, forse è stato un segno. In hoc signo svìges*.

(voce del verbo svegliarsi)

handa

(nella foto: cagarsi addosso da un’altra angolazione)

gennaio 10, 2016
di settore
158 commenti

Piccioni

210156882-f79c5c68-03c3-4920-b51d-1ecc99ac0e46

Provando a ragionare non sulla singola partita ma sul periodo, l’Inter è un po’ meno Inter da ormai quasi un mese (Udinese-Inter 0-4, era il 12 dicembre) e nelle ultime tre giornate di campionato ha fatto tre punti, vincendo col solito 1-0 a Empoli facendo un tiro (sì, va bene il cinismo, ma temo c’entri anche il culo) e perdendone sanguinosamente due in casa non con Bayern e Barcellona ma con la Lazio (all’epoca dei fatti dodicesima in classifica) e il Sassuolo. Diciamo che non è un gran periodo, ecco.

Oggi ero a San Siro sperando di incassare un titolo di inverno che invece non è arrivato. Non mi sono affatto annoiato, ma un pochino rabbuiato sì. E non tanto per la sconfitta (càpita), non tanto per il rigore (càpita) al 95mo minuto (raro, ma càpita) (ti gira il cazzo ma càpita), non tanto per le dieci occasioni da gol che non si materializzano (càpita: a Empoli, del resto, era capitato il contrario), ma per il culo che ci siamo fatti fare dal Sassuolo (non il Barcellona) in quella vasta fetta di campo che andava dalla nostra trequarti fino a qualche metro dietro la loro metacampo. Tutto quanto elencato prima è legato (anche) al caso: all’Inter di oggi francamente non si può rimproverare molto al capitolo “averci provato”, perchè lo ha fatto, lo ha fatto molte volte di più rispetto ad altre partite magari vinte. Farsi fare il culo dal Sassuolo invece no, è qualcosa di sistemico. E’ qualcosa che mi ha fatto pensare più volte durante la partita che forse no, non abbiamo il profilo giusto, o comunque non l’abbiamo completo. Il profilo della grande squadra, dico.

Una grande squadra oggi la partita la vinceva, perchè il titolo d’inverno non conterà una sega ma è un segnale preciso, e perchè ci aspetta un girone di ritorno complicato, con quasi tutti gli scontri diretti in trasferta e c’è da mettere fieno in cascina, brutalmente, cinicamente, come impilare un 1-0 sopra l’altro, la nostra specialità. Abbiamo una difesa solida, un portiere in stra-forma, un attacco pieno di talento e di opzioni. In mezzo e sulle fasce, purtroppo, non siamo a livello delle altre. Basta un Sassuolo per ricordarcelo.

Ecco, ora che ce lo siamo ricordati, direi di tornare l’Inter di un mese fa. Possiamo farcela, basta volerlo. Il buono che abbiamo ci ha tenuti in alto fino ad ora, a volte anche molto più in alto delle altre. Sul buono che ci manca, invece, spero non cessi la voglia di lavorarci. Oggi – non bastassero quei ragazzoni del Sassuolo – mi ha rabbuiato pure il Mancio, che non corregge granchè in corsa e che (io non capisco, non capisco proprio) aspetta gli ultimi minuti per fare due dei tre cambi, espone ai fischi Kondo (che poteva uscire un po’ prima) e fa scaldare Jovetic mezz’ora per poi farlo giocare quindici minuti scarsi.

Che poi ti tocca uscire da San Siro con negli occhi le peggiori immagini di una giornata che poteva essere diversa. Cioè dopo aver visto nei minuti di recupero Nagatomo farsi fischiare un fuorigioco su azione di calcio d’angolo (roba da Seconda categoria) e dopo aver visto perdere al 95′ una partita da polli. O da piccioni, fate vobis.

I piccioni.

Piccioni : San Siro = Nutrie : Pavia.

Era più forte di me, spesso guardavo i piccioni invece dell’azione. A volte poi azioni e piccioni coincidevano. E quindi sloggiavano. Bene, mi dicevo, si fottano. Li guardavo uscire dallo stadio. E poi rientrare. I piccioni. Manco al campetto. Una squadra che vuole vincere lo scudetto e uno stadio che tra quattro mesi ospita la finale di Champions non riescono a sconfiggere la piaga di nove piccioni che ti cagano il cazzo per tutta la partita. Questa è la cruda realtà. Poi vince il Sassuolo, è chiaro.

gennaio 6, 2016
di settore
187 commenti

Il format preferito

icardi

Ancora scottato dalla minchiata immane con la Lazio, ero pronto a chiedere al Vaticano di scomunicare l’Inter, o all’Inter di aderire a un’altra religione: a noi il Natale ogni tanto fa male, diciamocelo, dovremmo evitarlo, e poi ero atterrito dopo la visione delle partite del pomeriggio, con una teoria di squadre tornare in campo senza avere smaltito il cotechino, il panettone o entrambe le cose.

Io non compro Orociok da tempo immemore, ma mi hanno regalato una boccia di Lindt Lindor, una delle cose più buone in natura, e questo periodo senza Inter è trascorso così, tipo Poldo Sbaffini, un Lindor dopo l’altro. Il campionato è fermo e giù Lindor. Poi ricomincia il campionato e giù Lindor. Poi le altre fanno schifo, facciamoci un Lindor. Poi entra in campo l’Inter, ci vuole un Lindor. Poi ero nervoso, ecco, perché l’accoppiata Lindor (prima) e caffè (amaro, dopo) è una roba da sballo, e passi per il Lindor, che si deposita nel girovita e vabbè, ma il caffè rende nervosi. Voi non avete idea di quanti Lindor ci sono in una boccia di Lindor. E’ bellissimo.

Detto questo, rieccoci con il nostro format: 1-0 e a casa. Abbiamo incontrato una delle squadre attualmente più pericolose e toste del campionato: a casa lo stesso, 1-0, raus. Tra l’altro erano già a casa, quindi la cosa è a stretto giro. Il format prevede vittoria per 1-0 e partita così così: perfetto. A me questa replica minuziosa del format provoca una certa eccitazione, anche più forte di trovare una boccia di Lindor sotto l’albero. Infatti vedo già in giro le solite cosucce di contorno: giudizi severi sulla partita, allenatore avversario che dice che non è giusto, brusio nemico, Mancio sarcastico.

Ogni tanto, qualcuno ricorda che (incredibilmente) la capolista è ancora l’Inter.

Abbiamo fatto più punti in trasferta che in casa. Non abbiamo preso gol per l’ennesima volta. Ci manteniamo in debito di culo. Io non me ne vergogno. Anzi, sapete cosa vi dico? Che spero nel condono e zac!, tutti inculati.

dicembre 22, 2015
di settore
158 commenti

Crisi Inter: le ragioni per cui moriremo tutti

Quello che è accaduto domenica all’Inter è incredibile. Ragazzi, è finita. Sì, vabbe’, qualche punto lo faremo ancora qua e là, e in fondo  non manca tantissimo ai 40 punti della salvezza e quindi ok, è probabile che l’Inter l’anno prossimo esisterà ancora e – salvo la questione dei 700 triliardi di debiti e del presidente filippino o quel che l’è – magari si iscriverà sub judice al campionato di Serie A Tim. Per il resto, è evidente che la favola nerazzurra del tardo 2015 è già arrivata all’epilogo e, anzi, è già durata fin troppo. Sì, ok, i soliti buonisti del cazzo tra di voi ora mi diranno “Ma no, ma cosa dici, siamo ancora primi!”, sì sì, e io vi risponderò che siete come il pianista del Titanic, siete come il giapponese nella foresta, siete come (non mi viene una terza metafora, ma ci siamo capiti). Banca Etruria, al confronto, è ‘na passeggiata de salute.

Cioè, non so se vi rendete conto di quello che è successo domenica, secondo quanto riportato dalle più grandi testate nazionali su carta, tv e web e che qui per comodità riporto: Mancini ha cazziato la squadra (a più riprese, e già durante il riscaldamento), Jovetic ha mandato affanculo Mancini, Ljajic non ha gradito l’esclusione, Icardi (in quanto capitano) ha mandato affanculo Melo, Melo ha mandato affanculo Icardi (in quanto giovane rompicazzo argentino), la squadra fa troppie selfie, la squadra fa troppi party, la squadra l’ha presa in culo in casa con la Lazio, la squadra è sì prima ma non più con 4 punti di vantaggio ma solo 1 (uno).

E’ la fine. Addio Inter. Siamo realisti. E’ triste, lo so: ma è così.

Tutto quello che è successo rappresenta un clamoroso precedente per la storia del calcio e dello sport in generale. Vediamo punto per punto.

L’allenatore rimprovera la squadra. Non era mai successo. L’allenatore di qualsiasi sport pensa alla tattica, alla tecnica e alla preparazione fisica, ma non a rimproverare la squadra. Mancini ha decisamente esagerato, andando al di là del suo ruolo in maniera inaccettabile. Un allenatore che rimprovera la squadra, ma diobono! Ma dove è mai successo? E’ una vergogna. L’allenatore di calcio è come il capitano giocatore della Coppa Davis: sta lì, guarda la partita, passa l’asciugamano, porta da bere, “oh, magari insisti un po’ sul rovescio”, “come va la caviglia?”, ecco, ‘ste cose qui. Mancini, vattene! Presuntoso!

Un giocatore litiga con l’allenatore. Non era mai successo. Ma come si permette un giocatore – un giocatore! ma santiddio, gente in mutande che non sa manco l’italiano! – di litigare con l’allenatore? Ho cercato su Google, su Wikipedia, niente: non è mai successo nella storia dell’uomo che un giocatore abbia litigato con l’allenatore. Poi ci credo che retrocediamo, figa. L’unico caso che vagamente assomiglia a ciò di cui parlano giornali e tv risale alla storia romana, in particolare alla vicenda Cesare-Bruto che, mi pare, finì male. E da lì, ora mi spiego perchè, nessuno in generico rapporto di subordine ha mai più litigato.

Un giocatore è scontento dell’esclusione. Non era mai successo. Dove mai arriveremo? Questa è superbia bella e buona. Anzi, è scemenza pura. I giocatori, da che mondo è mondo, sono contenti dell’esclusione perchè si riposano e, comunque, vengono pagati. Non è bellissimo? Celeberrimo a tal proposito l’episodio del calciatore brasiliano Ze’ Rinaldo che, avvertito dell’esclusione, ringraziò il mister, offrì da bere a tutti i compagni e si masturbò nella sala pesi del Maracanà durante il primo tempo.

Un capitano rimprovera il compagno che ha sbagliato. Non era mai successo. Di solito il capitano si strafrega il cazzo dei compagni, dell’allenatore, dello spogliatoio, della famiglia, del mondo, della vita e dell’eventuale aldilà. Sennò, voglio dire, perchè ti fanno capitano? Sei il capitano e, quindi, decidi tu cosa fare. Cioè: una beata cippa di niente. Perchè mai – dice un capitano – dovrei mettermi a litigare con un pirla che in cinque minuti ci ha fatto perdere la partita e cercato di uccidere un avversario? No, dai, è inaccettabile. Non era mai successo. Ma che cazzo gli è saltato in mente a Icardi?

Un giocatore litiga con il capitano. Non era mai successo. Con il capitano non è concesso litigare, anche perchè sarebbe inutile. Il capitano fa ciò che vuole e ti lascia fare ciò che vuole. E’ il principio della Casa delle Libertà proiettato su uno spogliatoio medio. Il capitano è un’espressione mediatica. Il capitano è un’ipotesi organizzativa. Il capitano non esiste. Prendiamo Totti, per esempio. Totti si lascia spegnere le sigarette sulle braccia pur non avere ulteriori rotture di coglioni. O Buffon. Buffon dopo l’allenamente indossa una tuta in latex e si fa camminare sopra con i tacchetti. Questi sono capitani. Non Icardi, che ti tocca pure litigarci. Massima solidarietà a Melo, che sicuramente è stato provocato.

La squadra fa troppi selfie. Non era mai successo. Tra l’altro è evidente il sottinteso dell’ormai famosa posa #epicbrozo che in realtà vuole dire: “Ma questi imbecilli strapagati e pure scarsi da dio per quanto tempo continueranno a imitarmi?”. Fare un selfie in amicizia è inaccettabile. Il selfie è odio. Se Bruto avesse avuto uno smartphone, ora avremmo l’ultima foto di Cesare vivo.

La squadra fa troppi party. Non era mai successo. Le squadre di calcio, com’è noto in tutto il mondo, osservano uno stile di vita parco, ritirato, modesto, quasi monastico. Mentre quei coglioni dell’Inter pasteggiavano a ostriche e champagne a Milano tre giorni prima di Inter-Lazio, il Real – tanto per fare un esempio – faceva servizio volontario al dormitorio pubblico El Barbòn di Madrid. Infatti poi la domenica ha vinto 10-2 col Rayo.

L’Inter fa tutte queste cazzate, lo prende in culo dalla Lazio e  resta prima in classifica. Non era mai successo. ‘spetta che controllo. No, no era mai successo.

giudizio_universale_primo_anello

(nella foto, il Giudizio Universale)